TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI (Ta.R.S.U.)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI (Ta.R.S.U.)"

Transcript

1 TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI (Ta.R.S.U.) D.Lgs. n. 507/93 (da art. n. 58 ad art. n. 80) entrato in vigore l ; Regolamento comunale adottato con deliberazione commissariale n. 123 del successivamente modificato con deliberazioni del Consiglio Comunale n. 234 e n. 58 rispettivamente del e del ; Presupposto e Soggetto passivo Il presupposto impositivo della tassa rifiuti solidi urbani non è determinato dalla effettiva produzione di rifiuti, ma dalla presunzione di produzione di rifiuti in locali ed aree. Quindi la Tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani conosciuta anche come Ta.R.S.U. deve essere pagata da chiunque occupi o detenga locali o aree aventi determinate caratteristiche che sono situati nel territorio comunale in cui il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti è istituito ed attivato. In genere l obbligato al pagamento è il proprietario ma, poiché la tassa grava su chi realmente occupa o detenga il locale o area, anche l affittuario è obbligato al pagamento nonché alla presentazione di denuncia originaria e di variazione. Nel caso però, di inquilini occasionali, (studenti, villeggianti, ecc.) sarà sempre il proprietario a dover assolvere agli obblighi relativi. Sono solidalmente coobbligati al pagamento i componenti del nucleo familiare o coloro che comunque usano in comune i locali o aree. Superficie tassabile (Tariffe anno 2007 giusta deliberazione della Giunta Comunale n. 74 del ) La superficie tassabile è desunta dalla planimetria dell immobile e deve essere indicata nella denuncia di inizio occupazione o di variazione. Per le civili abitazioni, compreso i garage, le cantine e le soffitte, la tariffa annua è pari ad Euro 1,28. Per le utenze commerciali e/o industriali sono state stabilite apposite tariffe che vanno, a seconda della tipologia della superficie tassabile, da Euro 1,68 per i Laboratori artigianali e Forni a Euro 7,05 per i Ristoranti, Pizzerie e Bar. (*Vedi tariffe 2007 a piè di pagina)) L importo della tassa è determinato moltiplicando la superficie tassabile totale, per la tariffa di riferimento. Tale importo, dovrà essere aumentato delle addizionali provinciali ed erariali pari complessivamente al 15%.

2 Esempio di calcolo del tributo TARIFFE PER L ANNO 2007 IMMOBILE ADIBITO A CIVILE ABITAZIONE Tot Superficie Tassabile MQ 100 Tariffa 1,28 Imposta netta = 100 x 1,28 = 128 Add.li Erariali e Provinciale: 15% 128x15%=19.20 Importo complessivo TARSU: ,20 = 147,20 Obblighi del contribuente Entro il 20 gennaio successivo all inizio dell occupazione o detenzione, deve essere presentata denuncia, su appositi modelli predisposti dal Servizio Ta.R.S.U.(Mod. Base, Mod. A e Mod. B). Tale denuncia vale anche per gli anni successivi. Nel caso di variazioni che incidono sull ammontare della tassa deve essere presentata una nuova denuncia nei modi di cui sopra. La violazione degli obblighi relativi alla presentazione delle denuncie, è soggetta a sanzione. La tempestività della comunicazione comporta il relativo aggiornamento della posizione tributaria, ed il discarico/rimborso dei bimestri non dovuti: es. c) cessata occupazione intervenuta il , la tassa è dovuta, per l anno 2007, per n. 1 bimestre e non sarà dovuta per gli ulteriori n. 5 bimestri; es. d) variazione di superficie da mq.100, (dal al ), a mq.60, (dal al ), la tassa è dovuta per n. 1 bimestre su mq. 100 e per n. 5 bimestri su mq 60. Tutte le denuncie di cui sopra e le richieste di agevolazione ovvero esclusione, possono essere presentate, utilizzando i modelli predisposti dall Ufficio Tributi, presso gli uffici di Via Venezia n.8, - I piano -, oppure a mezzo raccomand ata con ricevuta di ricevimento, indirizzata a: Comune Di Pescara - Settore Tributi Piazza Italia, Pescara. Esclusioni, riduzioni ed agevolazioni Il Regolamento Comunale, come stabilito nello stesso D.Lgs. 507/93 che ha istituito la tassa, ha previsto delle particolari fattispecie nelle quali la determinazione del tributo subisce delle moderazioni:

3 ESCLUSIONI. Sono esclusi dalla tassa i locali e le aree che, per loro natura o per l uso particolare cui sono stabilmente destinati, non possono produrre rifiuti. A titolo esplicativo non esaustivo riportiamo i seguenti esempi: 1. centrali termiche e locali riservati ad impianti tecnologici quali cabine elettriche, vani ascensori, celle frigorifere, locali di essiccazione e stagionatura (senza lavorazione), silos e simili, (Planimetrie) 2. soffitte, ripostigli, stenditoi, lavanderie, legnaie e simili, limitatamente alla parte del locale con altezza inferiore o uguale a m. 1,50 nel quale non sia possibile la permanenza; (Planimetrie) 3. superfici destinate ed attrezzate esclusivamente per attività competitive o ginniche e riservate di norma ai soli praticanti, siano esse ubicate in aree scoperte, che in locali; (Planimetrie) 4. unità immobiliari prive di mobili e suppellettili e/o non allacciati ai servizi di rete; 5. superfici di cui si dimostri il permanente stato di non utilizzo, es. fabbricati danneggiati o non agibili, o in ristrutturazione, purché tali circostanze siano confermate da idonea documentazione (Dichiarazione Vigili del Fuoco o Ufficio tecnico del Comune) (Denuncia Inizio Attività di straordinaria manutenzione: DIA ); 6. aree dove si formano rifiuti speciali, tossici o nocivi. (Planimetrie, contratti con ditte specializzate) RIDUZIONI. L importo complessivo della tassa può essere ridotto di un terzo nel caso di: Abitazione con unico occupante, come da stato di famiglia anagrafico, sempre che la stessa abbia una superficie superiore a mq. 40 (con decorrenza anno successivo a quello di richiesta; mentre nel caso del venir meno della condizione di riduzione obbliga il contribuente a darne comunicazione agli uffici entro il 20/01 successivo alla variazione); Abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale (con decorrenza anno successivo a quello di richiesta; mentre nel caso del venir meno della condizione di riduzione obbliga il contribuente a darne comunicazione agli uffici entro il 20/01 successivo alla variazione); Locali diversi dalle abitazioni, ed aree scoperte adibiti a uso stagionale o comunque non continuativo, ma ricorrente; Aree scoperte operative (riduzione pari al 50%); tale riduzione, benchè prevista dal Regolamento comunale n. 123 del 16/09/1994, è disapplicata d Ufficio in forza delle disposizioni normative di cui all art. 6, comma 1, del D.L. n. 328 del 29/09/1997, conv. con modificazioni in Legge n. 410 del 29/11/1997, ed all art. 1, comma 3, del D.L. n. 8 del 26/01/1999, conv. con modificazione dall art. 1, Legge n. 75 del 25/03/1999, in base alle quali le superfici destinate ad aree scoperte operative sono tassate per intero. Sedi di ONLUS iscritte c/o l Anagrafe unica delle ONLUS istituita a norma dell art. 11 del D. Lgs n. 460 del 4 dicembre 1997 presso il Ministero delle Finanze ( con decorrenza anno successivo a quello di richiesta; mentre nel caso del venir meno della condizione di riduzione obbliga il contribuente a darne comunicazione agli uffici entro il 20/01 successivo alla variazione); Abitazioni, con nucleo familiare di non più di n 2 persone, oltre eventuali componenti il nucleo familiare con invalidità civile al 100%. La domanda per tale riduzione, deve essere presentata annualmente dal contribuente con modello

4 di autocertificazione, reperibile presso i nostri uffici, attestante i seguenti requisiti che entrambi i componenti devono possedere: 1. titolare/i di pensione nati entro il (per l anno 2007) oppure, indipendentemente dall età, un nucleo familiare comprendente un disabile con invalidità civile al 100%; 2. l abitazione, oggetto di tassa, deve avere una superficie superiore a mq 40 e deve essere l unica di proprietà del nucleo familiare in tutto il territorio nazionale (se si è affittuario di un immobile, già gravato di Ta.R.S.U. e nel contempo si è proprietario, anche in quota parte, di un appartamento non si ha diritto alla riduzione; 3. il reddito complessivo dei componenti del nucleo familiare non deve essere superiore ad Euro ,05. Tale reddito ai fini IRe (Imposta sul Reddito), al lordo degli oneri deducibili, deve fare riferimento all anno precedente a quello di presentazione della domanda di riduzione. N.B. : Le riduzioni tariffarie in quanto cumulabili tra di loro, non possono comunque superare il limite del 60%. AGEVOLAZIONI. Sono esentati dal pagamento del tributo: 1. Edifici o loro parti adibite a qualsiasi culto, nonché i locali connessi alle attività di culto e/o pastorali; 2. Gli stabili adibiti ad uffici e servizi comunali nonché agli edifici adibiti a scuole statali materne, elementari e medie inferiori; 3. I centri di accoglienza e le mense per i senzatetto. 4. I conventi, seminari e simili per la parte adibita all uso istituzionale, 5. Edifici adibiti a scuole dell obbligo non statali. Le circostanze che individuano una delle fattispecie di cui sopra, devono essere indicate espressamente e debitamente documentate all atto della denuncia originaria o di variazione. Pagamento del tributo Il tributo, le addizionali e gli accessori, liquidate sulla base dei ruoli dell anno precedente, delle denunce presentate e degli accertamenti notificati sono iscritti a cura del funzionario responsabile nei ruoli da consegnare all Agente della riscossione a pena di decadenza entro l anno successivo a quello nel corso del quale è prodotta la denuncia, ovvero l avviso di accertamento è notificato. Il pagamento avviene a seguito di Avviso di pagamento inviato dalla Soget SpA tramite bollettini di c/c o direttamente allo sportello della Soget stessa in Via Chieti, 18- Pescara.

5 SETTORE TRIBUTI COMUNE DI PESCARA SERVIZIO TARSU Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani L IMPORTO DELL'AVVISO DI PAGAMENTO E DETERMINATO DALLA TARIFFA, IN FUNZIONE DELLE CATEGORIE DI APPARTENENZA, MOLTIPLICATA PER I METRI QUADRATI OCCUPATI E TALE TARIFFA E MAGGIORATA DALL ADDIZIONALE EX ECA 5% + 5%, NONCHE DAL TRIBUTO PROVINCIALE 5% COME DA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 20 DEL (ART.19 D.L gs. 504/92) TARIFFE 2009 CLASSE CATEGORIA 1991/ /2003 DELIBERA DI GIUNTA n.1320 del N /02/91 N /12/01 aumento del 30% I Abitazioni private 0,69 0,89 1,66 II Uffici e Banche 2,68 3,48 6,53 III Associazioni 1,44 1,88 IV Esercizi commerciali banchi di vendita e distributori di carburante 2,53 3,29 3,52 6,16 V Alberghi e Autorimesse 2,49 3,24 6,08 VI Ristoranti, Pizzerie e Bar 3,76 4,89 9,17 VII Scuole e Collegi 1,17 1,53 2,87 VIII Ospedali e Istituti di cura 1,48 1,93 3,63 IX Sale da gioco e da ballo 2,55 3,32 6,24 X Officine ed Autocarrozzerie 1,34 1,75 XI Laboratori Artigianali e Forni 0,89 1,16 XII Stabilimenti Industriali, Caserme e Mense 2,35 3,05 3,29 2,18 5,72 XIII XIV Teatri e Cinema 1,65 2,15 Stabilimenti balneari ed aree annesse, porto turistico 0,27 0,35 4,04 0,66

COMUNE DI SANGIANO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

COMUNE DI SANGIANO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI SANGIANO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Art. 1 ISTITUZIONE DELLA TASSA 1. Per il servizio relativo allo smaltimento dei rifiuti solidi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI BARASSO Provincia di Varese REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI ENTRATA IN VIGORE: 27 OTTOBRE 1995 AGGIORNAMENTI: DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 35 DEL 27.09.1999

Dettagli

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Provincia di Grosseto. Regolamento per. l applicazione della. tassa per lo smaltimento. dei rifiuti solidi urbani.

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Provincia di Grosseto. Regolamento per. l applicazione della. tassa per lo smaltimento. dei rifiuti solidi urbani. Regolamento per l applicazione della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni INDICE Art. 1 Istituzione della tassa pag. 1 Art. 2 Servizio di nettezza urbana pag. 1 Art. 3 Contenuto del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Art.1 ISTITUZIONE DELLA TASSA 1. Per il servizio relativo allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni

Dettagli

COMUNE DI BIBIANA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

COMUNE DI BIBIANA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Allegato alla Deliberazione di Consiglio Comunale n. 2 del 08.03.2010 COMUNE DI BIBIANA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI ART. 1:

Dettagli

I STEP: La superficie di riferimento

I STEP: La superficie di riferimento Tarsu/Tia Tia I STEP: La superficie di riferimento La bolletta La visura Bolletta e visura: quale superficie ai fini Tarsu? Spesso vi è coincidenza tra superficie catastale e superficie dichiarata ai fini

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI COMUNE DI VILLA COLLEMANDINA Provincia di LUCCA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI INDICE SISTEMATICO ART 1- Istituzione della tassa ART. 2-

Dettagli

TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI. La Tassa sui rifiuti solidi urbani (TARSU) è dovuta dal contribuente a fronte del servizio

TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI. La Tassa sui rifiuti solidi urbani (TARSU) è dovuta dal contribuente a fronte del servizio COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo ***** CAP 90024 Via Salita Municipio, 2 tel. 0921644076 fax 0921644447 P. Iva 00475910824 - www.comune.gangi.pa.it TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Approvato con delibera di c.c. n. 188 del 29/12/1995,

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Approvato con delibera di c.c. n. 188 del 29/12/1995, REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Approvato con delibera di c.c. n. 188 del 29/12/1995, modificato con deliberazioni di c.c. n. 6/2005, n.

Dettagli

Adottato con deliberazioni consiliari nn. 124/1995-125/1995-15-1998-150/2000-102/2001-17/2002-148/2010-19/2011-6/2012 DISPOSIZIONI GENERALI

Adottato con deliberazioni consiliari nn. 124/1995-125/1995-15-1998-150/2000-102/2001-17/2002-148/2010-19/2011-6/2012 DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TA.R.S.U. Adottato con deliberazioni consiliari nn. 124/1995-125/1995-15-1998-150/2000-102/2001-17/2002-148/2010-19/2011-6/2012 DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI INDICE Art. 1 Istituzione della tassa Art. 2 Servizio di nettezza urbana Art. 3 Contenuto del regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Comune di Cassano All Ionio Provincia di Cosenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Il presente Regolamento è stato recepito: dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 27

Dettagli

COMUNE DI ZOCCA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 46 in data 29 maggio 2012

COMUNE DI ZOCCA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 46 in data 29 maggio 2012 COMUNE DI ZOCCA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 46 in data 29 maggio 2012 OGGETTO: TASSA PER LA RACCOLTA E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI DETERMINAZIONE TARIFFE ANNO 2012. LA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

I.U.C. ( Imposta unica municipale )

I.U.C. ( Imposta unica municipale ) I.U.C. ( Imposta unica municipale ) La Legge 27/12/2013, n 147, ha istituito, con decorrenza 1 gennaio 2014, la IUC, Imposta comunale sugli immobili, composta da tre distinti tributi: IMU, TASI, TARI.

Dettagli

COMUNE DI RACALE. (Provincia di Lecce)

COMUNE DI RACALE. (Provincia di Lecce) COMUNE DI RACALE (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON ATTO N. 20 DEL 22.5.2014. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto Del Regolamento 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 21 DEL 25/3/2003 E MODIFICATO CON DELIBERAZIONI CONSILIARI: N.

Dettagli

COMUNE DI QUINTO VICENTINO PROVINCIA DI VICENZA. e modificato dalla deliberazione del Consiglio Comunale n. 78 del 28.11.2000.

COMUNE DI QUINTO VICENTINO PROVINCIA DI VICENZA. e modificato dalla deliberazione del Consiglio Comunale n. 78 del 28.11.2000. COMUNE DI QUINTO VICENTINO PROVINCIA DI VICENZA Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n.17 del 22.02.2000 e modificato dalla deliberazione del Consiglio Comunale n. 78 del 28.11.2000. REGOLAMENTO

Dettagli

PREMESSA L ISTITUZIONE DELLA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE)

PREMESSA L ISTITUZIONE DELLA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE) TARI COMUNE DI BUTTRIO Tassa sui Rifiuti Urbani componente tributaria IUC 2014 GUIDA INFORMATIVA PREMESSA L ISTITUZIONE DELLA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE) Con i commi dal 639 al 705 dell articolo 1 della

Dettagli

FAQ TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI

FAQ TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI FAQ TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI 1 A Milano, per lo smaltimento dei rifiuti si paga in base a tariffa o tassa? 2 Cosa devo fare se ho acquistato un unità immobiliare e inizio subito a occuparla? 3 Cosa devo

Dettagli

CITTA DI PESCARA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

CITTA DI PESCARA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI CITTA DI PESCARA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI (Delibera Commissariale n. 123 del 16/9/1994 modificato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI AGLI URBANI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI AGLI URBANI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI AGLI URBANI ( - D. Lgs 22/97 art. 49 e successive modifiche ed integrazioni e - DPR 158/99 e successive modifiche

Dettagli

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania Cod. Fisc. 80006270872 - Part. IVA 01813440870 REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Deliberazione di C.C.

Dettagli

COMUNE DI CAMPOLONGO MAGGIORE (VE)

COMUNE DI CAMPOLONGO MAGGIORE (VE) COMUNE DI CAMPOLONGO MAGGIORE (VE) Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi Art.14 del Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201 (convertito con Legge 22 dicembre 2011, n. 214) ANNO 2013 1 PREMESSA Dal 1

Dettagli

TARSU. Richiesta definizione agevolata. COMUNE DI FUTANI Provincia di Salerno Corso Umberto I Tel. 0974953012 Fax.: 0974953411

TARSU. Richiesta definizione agevolata. COMUNE DI FUTANI Provincia di Salerno Corso Umberto I Tel. 0974953012 Fax.: 0974953411 Riservato all'ufficio Prot. N. Del / / 009 «Regolamento per il Condono dei Tributi Locali» (approvato con Delibera del C. C. n. 33 del 31.07.009) Art. 1 1. Il presente regolamento, in forza delle disposizioni

Dettagli

Appendice 2 Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES)

Appendice 2 Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES) Appendice 2 Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES) 1. Caratteristiche generali del tributo L art. 14, comma 1, del D. L. n. 201 del 2011 ha istituito, a partire dal 1 gennaio 2013, il tributo

Dettagli

Comune di Montopoli in Val D'Arno (Provincia di Pisa). Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno - ( 0571/44.98.

Comune di Montopoli in Val D'Arno (Provincia di Pisa). Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno - ( 0571/44.98. UFFICIO TRIBUTI OGGETTO: DENUNCIA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Locali ad uso diverso da abitazione (da restituire compilata all Ufficio Tributi) MOTIVO DELLA DENUNCIA (barrare l ipotesi che ricorre) INIZIO

Dettagli

In vigore dal 1995 a seguito della applicazione del D.L. n 507/93

In vigore dal 1995 a seguito della applicazione del D.L. n 507/93 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI In vigore dal 1995 a seguito della applicazione del D.L. n 507/93 INDICE Art. 1 Istituzione della

Dettagli

COMUNE DI CASALE CREMASCO VIDOLASCO. Ufficio tributi

COMUNE DI CASALE CREMASCO VIDOLASCO. Ufficio tributi COMUNE DI CASALE CREMASCO VIDOLASCO Ufficio tributi Tassa smaltimento rifiuti solidi urbani Guida per il contribuente Anno 2011 U F F I C I O T R I B U T I Tassa per lo smaltimento rifiuti solidi urbani-

Dettagli

VILLA SANT ANGELO PROVINCIA DI L AQUILA

VILLA SANT ANGELO PROVINCIA DI L AQUILA VILLA SANT ANGELO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INDICE TITOLO I Istituzione ed elementi della tassa Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI CORIGLIANO CALABRO

COMUNE DI CORIGLIANO CALABRO Capo I COMUNE DI CORIGLIANO CALABRO NORME GENERALI ART. 1 ISTITUZIONE DELLA TASSA ANNUALE Per il servizio relativo allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni e di quelli assimilati, ai sensi dell

Dettagli

COMUNE DI CICCIANO. Provincia di Napoli

COMUNE DI CICCIANO. Provincia di Napoli COMUNE DI CICCIANO Provincia di Napoli Con la Legge 27/12/2013 n 147 è stata istituita l Imposta Unica Comunale (IUC), nelle sue componenti Tari (Tassa rifiuti ex Tares/Tarsu), Tasi (nuovo tributo sui

Dettagli

COMUNE DI BELFIORE. Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

COMUNE DI BELFIORE. Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI BELFIORE Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato con delibera Consiglio Comunale n 35 del 30/10/1995 Modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI.

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI. COMUNE DI ZACCANOPOLI (Provincia di Vibo Valentia) Rione Nuovo- 89867 Zaccanopoli http://www.zaccanopolicomune.it REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI.

Dettagli

COMUNE DI CORI REGOLAMENTO DELLA TASSA SUI RIFIUTI SOLIDI URBANI TA.R.S.U.

COMUNE DI CORI REGOLAMENTO DELLA TASSA SUI RIFIUTI SOLIDI URBANI TA.R.S.U. COMUNE DI CORI REGOLAMENTO DELLA TASSA SUI RIFIUTI SOLIDI URBANI TA.R.S.U. Approvato con deliberazione di C.C. 13/03/1995, n. 30 Modificato con deliberazione di C.C. 04/04/1997, n. 30 Modificato con deliberazione

Dettagli

Provincia di Lecco TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI SCHEDA DI DENUNCIA DEI LOCALI ED AREE TASSABILI 1) DATI RELATIVI AL DENUNCIANTE

Provincia di Lecco TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI SCHEDA DI DENUNCIA DEI LOCALI ED AREE TASSABILI 1) DATI RELATIVI AL DENUNCIANTE Si rilascia Ricevuta n. Tesserino Piattaforma Ecologica anno Secchiello per la raccolta Umido Comune di Missaglia Provincia di Lecco TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI SCHEDA DI DENUNCIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Approvato con del. C.C. n. 22 del 26.03.2007 Modificazione del. C.C. N. 23 del 12.05.2008 Modificazione del

Dettagli

COMUNE DI GUAGNANO. Provincia di Lecce

COMUNE DI GUAGNANO. Provincia di Lecce COMUNE DI GUAGNANO Provincia di Lecce Regolamento di applicazione del condono tributario ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. n. 17 del 22.06.2010 Art. 1 Oggetto e finalità Il presente regolamento, recante i

Dettagli

COMUNE DI SAN GERMANO CHISONE PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI SAN GERMANO CHISONE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI SAN GERMANO CHISONE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SULLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014

INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014 INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014 1) IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) La Legge di Stabilità 2014 n. 147 del 27 dicembre 2013 (articolo 1 commi da 639 a 731) ha istituito, a partire dal 1/01/2014, l Imposta

Dettagli

INFORMATIVA TARES 2013 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROV. DI AREZZO

INFORMATIVA TARES 2013 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROV. DI AREZZO INFORMATIVA TARES 2013 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROV. DI AREZZO Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi (testo aggiornato al Decreto Legge n.35/2013) N.B. ESCLUSIVAMENTE PER L ANNO 2013 la TARES viene

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI SOLIDI URBANI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI SOLIDI URBANI Allegato alla delibera CC n. 21 del 16/02/2011 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI SOLIDI URBANI Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina l applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI COMUNE DI RIPOSTO PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Approvato con deliberazione C.C. n 256 del 14/12/1995, coordinato

Dettagli

C O M U N E D I C E N T O. Provincia di Ferrara REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

C O M U N E D I C E N T O. Provincia di Ferrara REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI C O M U N E D I C E N T O Provincia di Ferrara REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Approvato con delibera consiliare n. 117 del 29.09.95 Reso

Dettagli

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI approvato con delib.c.c. n.86 del 3.11.94 e modificato con delib.c.c. n.18 del 27.2.96 TITOLO

Dettagli

COMUNE DI CAPO DI PONTE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI CAPO DI PONTE PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI CAPO DI PONTE PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) E DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI (T.A.R.S.U.). Approvato

Dettagli

Articolo 1 - Oggetto - Articolo 2 - Zone di applicazione -

Articolo 1 - Oggetto - Articolo 2 - Zone di applicazione - Articolo 1 - Oggetto - E istituita nel Comune di Cison di Valmarino la tassa per i servizi relativi allo smaltimento RSU interni di cui all articolo 2, terzo comma, del D.P.R. 10 settembre 1982, n. 915,

Dettagli

REGOLAMENTO IUC-TARI

REGOLAMENTO IUC-TARI REGOLAMENTO IUC-TARI Art.1 Disciplina del tributo e oggetto del regolamento Il presente Regolamento, adottato nell ambito della potestà prevista dall art. n.52 del D.Lgs. del 15 dicembre 1997, n.446, disciplina

Dettagli

Regolamento Imposta Unica Comunale (IUC) Sezione per l applicazione del tributo per i servizi indivisibili (TASI)

Regolamento Imposta Unica Comunale (IUC) Sezione per l applicazione del tributo per i servizi indivisibili (TASI) COMUNE DI SOSPIROLO Provincia di Belluno ALLEGATO A) ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DEL 20.05.2014 Regolamento Imposta Unica Comunale (IUC) Approvazione sezione per l applicazione del tributo

Dettagli

Imposta unica comunale (IUC) Anno 2016

Imposta unica comunale (IUC) Anno 2016 COMUNE DI SONDALO PROVINCIA DI SONDRIO Servizio Finanziario Tributi Imposta unica comunale (IUC) Anno 2016 Informativa 10 maggio 2016 Con i commi dal 639 al 705 dell articolo 1 della Legge n. 147 del 27.12.2013

Dettagli

PARTE TERZA Regolamento per l istituzione e l applicazione della TASI INDICE TITOLO I. Disposizioni generali TITOLO II. Presupposto e soggetti passivi

PARTE TERZA Regolamento per l istituzione e l applicazione della TASI INDICE TITOLO I. Disposizioni generali TITOLO II. Presupposto e soggetti passivi Art. 1. Oggetto del Regolamento Art. 2. Soggetto attivo PARTE TERZA Regolamento per l istituzione e l applicazione della TASI INDICE Art. 3 Indicazione analitica dei servizi indivisibili TITOLO I Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 19 luglio 2010 Emendato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

COMUNE DI CAIVANO PROVINCIA DI NAPOLI --------<*>-------- Regolamento Comunale

COMUNE DI CAIVANO PROVINCIA DI NAPOLI --------<*>-------- Regolamento Comunale COMUNE DI CAIVANO PROVINCIA DI NAPOLI ---------------- Regolamento Comunale per l applicazione della Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani interni Approvato con delibera di C.P. n. 49 del 30/06/1994

Dettagli

ARTICOLI FACOLTATIVI AD INTEGRAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARI)

ARTICOLI FACOLTATIVI AD INTEGRAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARI) ARTICOLI FACOLTATIVI AD INTEGRAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARI) Criteri redazionali: - note esplicative: carattere Arial corsivo - parti integrative: carattere Arial

Dettagli

Regolamento per il condono dei Tributi Locali

Regolamento per il condono dei Tributi Locali Regolamento per il condono dei Tributi Locali TARSU ICI TOSAP ( Approvato con delibera consiliare n. 57 del 21/11/2003) Sezione TARSU Articolo 1 Ambito di applicazione ed esclusioni Il presente regolamento,

Dettagli

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 16 DEL 18.05.2011

Dettagli

Comune di Refrontolo Provincia di Treviso

Comune di Refrontolo Provincia di Treviso ------ IMPOSTE COMUNALI AN 2015 COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO Aggiornato al 12 maggio 2015 Con Legge n. 147/2013 è stata istituita, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l'imposta Unica Comunale - IUC - che comprende

Dettagli

DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI CITTÀ DI ISCHIA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 24 del 30 maggio 2008

Dettagli

ENTRATE DI BILANCIO DEL COMUNE DI GALEATA CONTO CONSUNTIVO ANNO 1999

ENTRATE DI BILANCIO DEL COMUNE DI GALEATA CONTO CONSUNTIVO ANNO 1999 ENTRATE DEL COMUNE DI GALEATA - CONTO CONSUNTIVO - ANNO 1999 Tipo di entrata Importo Imposte: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF 0,00 ICIAP 380,11 I.C.I. 351.460,00 ADDIZIONALE COMUNALE ENERGIA ELETTRICA 21.646,26

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI COMUNE DI MENFI Provincia di Agrigento REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 7 DEL 29/03/99 - MODIFICATO CON DELIBERA

Dettagli

COMUNE DI LUSEVERA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI

COMUNE DI LUSEVERA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI LUSEVERA Associazione intercomunale servizi associati Comuni di Nimis Lusevera - Taipana Provincia di Udine Sede presso Comune di Nimis P.zza XXIX Settembre Tel. nr. 0432/790045 33045 Nimis (Ud)

Dettagli

Regolamento per l applicazione della Tassa per lo Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani Interni

Regolamento per l applicazione della Tassa per lo Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani Interni Settore Entrate Ufficio TARSU Regolamento per l applicazione della Tassa per lo Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani Interni Approvato con deliberazione C.C. 19 del 21/04/201002/2002 Coordinato con le modificazioni

Dettagli

C O M U NE DI I M B E R S A G O. Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

C O M U NE DI I M B E R S A G O. Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI C O M U NE DI I M B E R S A G O Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI 1 INDICE SISTEMATICO Art. 1 Istituzione della tassa 3

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Approvato con delibera di C.C. n. 188 del 29/12/1995, modificato con deliberazioni di C.C. n. 6/2005, n.

Dettagli

Oggetto: TASSA SUI RIFIUTI - TARI - ANNO 2014

Oggetto: TASSA SUI RIFIUTI - TARI - ANNO 2014 COMUNE DI MONTESE - SERVIZIO TRIBUTI Provincia di Modena - Via Panoramica, 60-41055 Montese Avviso di pagamento TARI n. 2.876 del 09/09/2014 Cod Utente: 360 Cod Fiscale: DNAFNC67L56F257W Spett.le / LOCALITA'

Dettagli

AMBITO DI APPLICAZIONE

AMBITO DI APPLICAZIONE COMUNE DI BRENTA Provincia di VARESE REGOLAMENTO PER IL CONDONO DEI TRIBUTI LOCALI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 22 del 06/09/2011 Modificato con delibera consiliare n. del 06/03/2011

Dettagli

COMUNE DI SIANO (Provincia di Salerno)

COMUNE DI SIANO (Provincia di Salerno) COMUNE DI SIANO (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI (D.Lgs 507/93) - 1 - INDICE Capo Primo PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto del

Dettagli

COMUNE DI MERATE IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) 2015

COMUNE DI MERATE IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) 2015 COMUNE DI MERATE IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) 2015 Dal 1 gennaio 2014 la Legge n. 147 del 27.12.2013 (Legge di Stabilità 2014) ha istituito l Imposta Unica Comunale, di seguito denominata IUC, basata

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA 20 SETTORE SERVIZI FINANZIARI U.O. GESTIONE ENTRATE

COMUNE DI PERUGIA 20 SETTORE SERVIZI FINANZIARI U.O. GESTIONE ENTRATE COMUNE DI PERUGIA 20 SETTORE SERVIZI FINANZIARI U.O. GESTIONE ENTRATE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMPONENTI IMU E TASI - Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Tassa sui Rifiuti (TARI)

Tassa sui Rifiuti (TARI) COMUNE DI SAN FELICE CIRCEO Regolamento per l applicazione della Tassa sui Rifiuti (TARI) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 18/08/2014 Modificato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO. TARSU e ICI

REGOLAMENTO. TARSU e ICI COMUNE DI TORELLA DEI LOMBARDI PROVINCIA DI AVELLINO REGOLAMENTO per la definizione agevolata dei tributi locali TARSU e ICI 1 REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE ENTRATE LOCALI Articolo 1 Oggetto

Dettagli

CHIARIMENTI SULLA TASI

CHIARIMENTI SULLA TASI INFORMATIVA IUC CHIARIMENTI SULLA TASI COMUNE DI SONA (VR) ASSESSORATO AI TRIBUTI UFFICIO TRIBUTI - Orari di apertura al pubblico: lun 10.00-12.30 mart - giov 10.00-12.30 e 16.00-18.00 Tel. 045/6091 206-214-251

Dettagli

GUIDA TASI Comune di San Possidonio

GUIDA TASI Comune di San Possidonio GUIDA TASI Comune di San Possidonio Cos è la TASI (Aggiornata al 15 maggio 2015) La TASI è il nuovo tributo per i servizi indivisibili istituito dalla legge n. 147 del 2013. È in vigore dal 1 gennaio 2014.

Dettagli

La IUC 2015 in pillole (aggiornamento del 16.10.2015)

La IUC 2015 in pillole (aggiornamento del 16.10.2015) La IUC 2015 in pillole (aggiornamento del 16.10.2015) LA DENOMINAZIONE L imposta unica comunale, comunemente conosciuta come IUC, si basa su due presupposti impositivi: il primo costituito dal possesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA D IGIENE AMBIENTALE (TARIFFA RIFIUTI)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA D IGIENE AMBIENTALE (TARIFFA RIFIUTI) COMUNE DI CERRO AL LAMBRO (Provincia di Milano) UFFICIO DELLA RAGIONERIA E DELLE ENTRATE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA D IGIENE AMBIENTALE (TARIFFA RIFIUTI) Approvato con delibera di C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI SORA (PROVINCIA DI FROSINONE) UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ARTICOLO 1 - ISTITUZIONE DELLA TASSA CAPO I - NORME GENERALI

Dettagli

PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE

PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Oggetto del Regolamento Art. 2. Soggetto attivo Art. 3. Indicazione analitica dei

Dettagli

Regolamento per l applicazione del. tributo comunale sui rifiuti e servizi (TARES)

Regolamento per l applicazione del. tributo comunale sui rifiuti e servizi (TARES) COMUNE DI VERDELLO Regolamento per l applicazione del tributo comunale sui rifiuti e servizi (TARES) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del / / Indice Art. 1 Oggetto...3 Art. 2 Istituzione

Dettagli

AVVERTENZE IMPORTANTI Compilare in stampatello e allegare copia del documento di riconoscimento

AVVERTENZE IMPORTANTI Compilare in stampatello e allegare copia del documento di riconoscimento COMUNE DI VILLACIDRO - Provincia del Medio Campidano Servizio Economico-Finanziario Piazza Municipio, 1 - http://www.comune.villacidro.vs.it - Tel. 070/93442242 fax 070/93442246 TASSA PER LO SMALTIMENTO

Dettagli

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, in forza delle disposizioni contenute nell art. 13 L. 27 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI Approvato con delibera del Commissario Prefettizio n. del INDICE ART. 1 - ISTITUZIONE

Dettagli

INFORMATIVA IUC 2014

INFORMATIVA IUC 2014 INFORMATIVA IUC 2014 Dal 1 gennaio 2014, secondo quanto previsto dall art. 1, commi 639 e seguenti, della Legge 27/12/2013, n. 147 è entrata in vigore la IUC, Imposta Unica Comunale. La IUC si suddivide

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Con la legge di Stabilità 2014 Legge 27.12.2013 n.147 è stata istituita dal 1 gennaio 2014 l imposta unica comunale (IUC) basata su due presupposti impositivi: il primo costituito

Dettagli

MODELLO UNICO DI DENUNCIA TASSA RIFIUTI SOLIDI RAVVEDIMENTO OPEROSO

MODELLO UNICO DI DENUNCIA TASSA RIFIUTI SOLIDI RAVVEDIMENTO OPEROSO MODELLO UNICO DI DENUNCIA TASSA RIFIUTI SOLIDI RAVVEDIMENTO OPEROSO Prot del Al Responsabile Ufficio Tributi Comune di Roccella Jonica Via C.Colombo 89047 Roccella Ionica Oggetto :Denuncia Tassa Rifiuti

Dettagli

CITTA DI PINETO Provincia di Teramo Area Ragioneria e Finanza REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U.

CITTA DI PINETO Provincia di Teramo Area Ragioneria e Finanza REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. CITTA DI PINETO Provincia di Teramo Area Ragioneria e Finanza REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. (Approvato con Deliberazione Consiliare n 15 del 14/05/2013 e successive

Dettagli

Istruzioni per i contribuenti per il pagamento dell acconto Tasi 2014

Istruzioni per i contribuenti per il pagamento dell acconto Tasi 2014 1. Premessa normativa...1 2. D.L. 16/2014 Versamento I rata d acconto TASI...3 3. Aliquote Tasi...4 4. Codici Tributo Tasi...4 5. Esempi...5 1. Premessa normativa I commi dal 639 al 704 dell articolo 1

Dettagli

La tassazione sui rifiuti delle utenze industriali: la TARI

La tassazione sui rifiuti delle utenze industriali: la TARI La tassazione sui rifiuti delle utenze industriali: la TARI La TARI: La tassa sui rifiuti è destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti ed è posta a carico dell utilizzatore.

Dettagli

COMUNE DI PORTO TORRES

COMUNE DI PORTO TORRES COMUNE DI PORTO TORRES PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Approvazione deliberazione Consiglio Comunale N. 64 del 30.06.1994,

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE 2014

IMPOSTA UNICA COMUNALE 2014 IMPOSTA UNICA COMUNALE 2014 Dall anno 2014 entra in vigore l imposta unica comunale, comunemente conosciuta come IUC, costituita da: - IMU si basa sul presupposto del possesso degli immobili; - TARI, la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ICI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ICI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ICI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 2 del 02/03/2009 Art. 1 Oggetto del regolamento 1) Il presente regolamento adottato

Dettagli

Comune di Asso Provincia di Como

Comune di Asso Provincia di Como Comune di Asso Provincia di Como AVVISO : IUC Imposta Unica Comunale 2015 L art. 1 comma 639 della Legge 27 dicembre 2013 n. 147 (Legge di stabilità 2014) ha istituito dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARCIANO PROVINCIA DI ANCONA I.U.C. IMPOSTA UNICA COMUNALE

COMUNE DI MONTEMARCIANO PROVINCIA DI ANCONA I.U.C. IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C. IMPOSTA UNICA COMUNALE La Legge n. 147 del 27 dicembre 2013 (legge di stabilità) ha istituito la I.U.C., Imposta Unica Comunale, che è formata da tre componenti: IMU (Imposta Municipale Propria),

Dettagli

CITTA DI OMEGNA Provincia del Verbano-Cusio-Ossola

CITTA DI OMEGNA Provincia del Verbano-Cusio-Ossola CITTA DI OMEGNA Provincia del Verbano-Cusio-Ossola REGOLAMENTO PER L AGEVOLAZIONE DELLE NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI E DI LAVORO AUTONOMO (Aggiornato alla Deliberazione di CC nr. 45 del 29/04/2010) INDICE

Dettagli

IMU INSERTO STACCABILE

IMU INSERTO STACCABILE IMU SCHEDE INFORMATIVE PER LA GUIDA AL CALCOLO DELL ACCONTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU ANNO 2012 valevole per il contribuente residente e dimorante nel Comune di Piazzola sul Brenta per il solo

Dettagli

SCHEMA REGOLAMENTO DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

SCHEMA REGOLAMENTO DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI COMUNE DI CAMMARATA Provincia di AGRIGENTO SCHEMA REGOLAMENTO DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI CON MODIFICHE APPORTATE AL D.LGS. 507/93 PER EFFETTO DELLE LEGGI N 549 DEL

Dettagli

TARI - TASSA SUI RIFIUTI - UTENZE NON DOMESTICHE MODELLO DI DICHIARAZIONE (ai sensi del regolamento comunale IUC componente TARI)

TARI - TASSA SUI RIFIUTI - UTENZE NON DOMESTICHE MODELLO DI DICHIARAZIONE (ai sensi del regolamento comunale IUC componente TARI) 1 SOCIETA ECOLOGICA AREA BIELLESE COMUNE DI BIELLA Via Tripoli 48-13900 Biella Tel. 015/3507286/408 Fax 015/3507486 email tia@comune.biella.it Orario sportello: lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle

Dettagli

CAPO I Oggetto del regolamento e norme generali sul servizio. Art.1 Oggetto del regolamento

CAPO I Oggetto del regolamento e norme generali sul servizio. Art.1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO DEL COMUNE DI SIRACUSA PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI APPROVATO NELLA SEDUTA DEL 14 MARZO 2003 CON DELIBERA N. 45 CAPO I Oggetto del regolamento

Dettagli

COMUNE DI CASTELNUOVO DI GARFAGNANA Prov. di Lucca REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

COMUNE DI CASTELNUOVO DI GARFAGNANA Prov. di Lucca REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI CASTELNUOVO DI GARFAGNANA Prov. di Lucca REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI 1 INDICE Art. 1 Istituzione della tassa 3 Art. 2 Servizio di nettezza

Dettagli

COMUNE DI PAGNACCO PROVINCIA DI UDINE. DICHIARAZIONE PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SERVIZI - TARES (Art.14 del D.L. 6/12/2011, n.

COMUNE DI PAGNACCO PROVINCIA DI UDINE. DICHIARAZIONE PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SERVIZI - TARES (Art.14 del D.L. 6/12/2011, n. COMUNE DI PAGNACCO PROVINCIA DI UDINE DICHIARAZIONE PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SERVIZI - TARES (Art.14 del D.L. 6/12/2011, n. 201) UTENZA NON DOMESTICA (Da compilarsi in stampatello Vedere

Dettagli

Regolamento per la disciplina della TASSA per lo smaltimento dei rifiuti solidi interni (T.A.R.S.U.)

Regolamento per la disciplina della TASSA per lo smaltimento dei rifiuti solidi interni (T.A.R.S.U.) Comune di ****************** Regolamento per la disciplina della TASSA per lo smaltimento dei rifiuti solidi interni (T.A.R.S.U.) Approvato con deliberazione di C.C. n.41 del 29.9.1995 CO.RE.CO. Prot.n.7292

Dettagli

COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI SETTORE FINANZE E TRIBUTI IMPOSTA UNICA COMUNALE ( I.U.C. )

COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI SETTORE FINANZE E TRIBUTI IMPOSTA UNICA COMUNALE ( I.U.C. ) COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI SETTORE FINANZE E TRIBUTI IMPOSTA UNICA COMUNALE ( I.U.C. ) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) (art. 1, comma 682,

Dettagli