Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?"

Transcript

1 TERRITORI 09, COP15: Il clima che verrà 4 Dicembre 2009, RidottoRemondini Contenuti! Cambiamento Climatico: basi scientifiche Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?! Iniziative Internazionali: Kyoto ed il mercato volontario Lucio Brotto Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali Agripolis - Università di Padova Cos è il carbonio Componente strutturale presente, in quantità differenti, negli oggetti ed esseri viventi che ci circondano. Il ciclo del carbonio Un ciclo naturale, alterato dalle attività antropiche 85% 18% 50% 1

2 Un aumento della CO2 atmosferica Concentrazione di anidride carbonica nell atmosfera negli ultimi anni CO2? Temperatura media Livello del mare Copertura nevosa emisfero nord!"##$%&''()$!"##$%&''()$ Anni Ci sono effetti positivi......ed effetti decisamente negativi!"#"$%&' "(#(!!)' 2

3 Proiezione delle temperature medie terrestri in 3 scenari quindi!è il livello del mare che sale o è il ghiaccio che si scioglie? Emissioni globali per settori economici Perdiamo 7.5 M ettari/anno di foreste AGRICOLTURA 14% TRASPORTI 13% FORESTALE 17% INDUSTRIA 19% ENERGIA 26% RIFIUTI EDIFICI 3% 8% Diminuzione > 0.5% Aumento > 0.5% Foreste stabili!"##$%&''()$ Ma non tutte le foreste spariscono! %*+,-$&''.)$ 3

4 E in Italia?? ogni anno grazie alla naturale ricolonizzazione dei pascoli montani c è un aumento dell 1.1% della superficie forestale pari a ha Diversi gradi di responsabilità #/ $ :2$0::;0/2$<2$#, & $$ %2:$='''$6)$ >$$<?//?$?921127:2$ 6760/2 = &=E.$> & 560F$;:2F.A(.&A&GD &'E&$> B H;1120 C!:<20 =A.='AB.=.EB$>. I20JJ7:? I?K90:20 G'.A'D' &EG$> ( &E'$> G =ED$> D #7K?0$<?/$5;< C(.A&CG =E($> =' $!60/20 C(CA=CG =E($> La CO2 non è solo Made in China Contenuti!é l emissione per capita che conta!!! Cambiamento Climatico: basi scientifiche! Iniziative Internazionali: Kyoto ed il mercato volontario 4

5 Un pò di storia 1987: The Brundtland Report = Sostenibilità 1988: nasce l IPCC per volere del WMO e dell UNEP UNFCCC 154 Nazioni firmano la Convenzione Quadro delle Nazione Unite sui Cambiamenti Climatici 1979: 1 st Climate Conference 1992: Rio Earth Summit UNFCCC obiettivo non vincolante per ridurre le concentrazioni atmosferiche dei gas serra per prevenire interferenze antropogeniche pericolose con il sistema climatico terrestre; Paesi dell Allegato 1 della UNFCCC per stabilizzare emissioni dei paesi industrializzati entro il 2000 ai livelli del 1990; responsabilità comuni ma differenziate; paesi Allegato 1 = sviluppati Vs Paesi non Allegato 1; COP = Conferenza delle Parti, l autorità più elevata della convenzione; 5

6 Un pò di storia 1997: C O P 3 = Protocollo di Kyoto 1987: The Brundtland Report = Sostenibilità 1988: nasce l IPCC per volere del WMO e dell UNEP Protocollo di Kyoto (PK) responsabilità comuni ma differenziate impegnava i paesi industrializzati e quelli ad economia in transizione (CIT) ad una riduzione delle emissioni dei principali gas ad effetto serra rispetto ai valori del : 1 st Climate Conference 1992: Rio Earth Summit vincolante una volta ratificato da un numero di paesi le cui emissioni totali, al 1990, rappresentassero almeno il 55% delle emissioni di gas serra di tutti i paesi con vincoli. Italia ratifica il PK (Pettenella e Zanchi, 2006) Un pò di storia 1987: The Brundtland Report = Sostenibilità 1979: 1 st Climate Conference 1988: nasce l IPCC per volere del WMO e dell UNEP 1992: Rio Earth Summit 1997: C O P 3 = Protocollo di Kyoto : U S A comunicano l intenzione di NON retificare 2004/2005: Russia ratifica => entrata in vigore del PK Come funziona il PK (1/3) Paesi Allegato 1 + CIT devono ridurre emissioni del 5.2% rispetto ai valori del 1990, nel periodo ; Riduzioni differenti per paesi (e.g. Italia = -6.5%, Islanda = +10%, Europa = 8% ); Post-2012 nuovi negoziati con > numero di paesi; Italia ambiziosa: dal 1990 le emissioni sono aumentate => 20% (95 milioni di CO2eq) (Pettenella e Zanchi, 2006) 6

7 Come funziona il PK (2/3) Politiche e misure in suolo nazionale Contabilizzazione Nazionale Meccanismi flessibili International Emission Trading CDM JI Come funziona il PK (3/3)! International Emissions Trading consiste nella possibilità che uno stato, ed eventualmente un azienda, possa comperare o vendere ad altri stati o aziende permessi di emissione in modo da allineare le proprie emissioni con la quota assegnata;!clean Developement Mechanism (CDM) - è un meccanismo di collaborazione attraverso il quale le aziende o gli stati che realizzano progetti a tecnologia pulita nei PVS ricevono crediti di emissione pari alla riduzione ottenuta rispetto ai livelli che si sarebbero avuti senza il progetto;!joint Implementation (JI) (articolo 6) è un meccanismo di collaborazione tra paesi industrializzati e quelli ad economia in transizione. Funziona come CDM. (Pettenella e Zanchi, 2006) Un esempio tutto latino di CDM Riforestazione nel bacino del fiume Pearl nella regione del Guangxi (Cina)!!!$ Crediti di CO2 EU-ETS L International Emissions Trading è stato implementato nell Unione Europea (UE) con la creazione dell Emission Trading System (ETS), un mercato nel quale tutte le imprese dell UE che operano in alcuni settori economici energy intensive devono rispettare degli obblighi di emissione annualmente definiti; (Pettenella e Zanchi, 2006). L ETS è attualmente il più grande mercato mondiale di scambio di quote di carbonio. (Pettenella e Zanchi, 2006, Capoor e Ambrosi, 2007)) 7

8 Mercato volontario Mercato Volontario!Carbon offset;!spinta USA;!Dimensioni ridotte, ma ottimo per sperimentazioni;! Green-marketing;! Investimenti filantropici;!a partire dal 2007 vengono pubblicati standard. Il mercato internazionale del carbonio Messico ETS! Volume delle transazioni del mercato del carbonio California Assembly Bill! CDM! RGGI! Western Climate Initiative! Carbon Pollution Reduction Scheme! EU ETS! Nuova Zelanda - NZ ETS! New South Wales NSW ETS! JV ETS Schema Volontario giapponese! ETS Canadese! (FEEM, 2009) 8

9 Crescita delle emissioni Risultati??? CO 2 emissions (PgC y -1 ) Growth rate: 1.0% per year Growth rate: 3.4% per year 2008: Emissions: 8.7 PgC Growth rate: 2.0% 1990 levels: +41% Growth rate: 3.4% %+/F:L?KA$&''D)$ Emissioni di CO 2 da combustibili fossili CO 2 emissions (PgC y -1 ) Annex B (Kyoto Protocol) Developed Nation Developing Nations Non-Annex B 55% 45% Carbonio incorporato nei prodotti commerciati, 2004 MtC %+/F:L?KA$&''D)$ 9

10 Copenhagen? Copenhagen? - un obiettivo globale sulle emissioni per il 2050; La conferenza di Copenhagen di dicembre sarà fondamentale per il futuro della lotta ai cambiamenti climatici. Detto con una battuta, il risultato sarà troppo poco, troppo costoso. - l'installazione rapida di un sistema satellitare capace di misurare le emissioni a livello di singolo paese - un sistema di tipo cap-and-trade, mondiale??? - REDD - regole di partecipazione che diano incentivi a sottoscrivere e rispettare Grazie per l attenzione?? Domande?? Lucio Brotto Cell: Mail: Skype: luciobrotto 10

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali

Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali Area Previsione e Monitoraggio Ambientale Torino 21-9-2006 2006 Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali Corso-Laboratorio Educazione Ambientale Modulo Il Cambiamento Climatico

Dettagli

Cosa è il protocollo di Kyoto?

Cosa è il protocollo di Kyoto? Cosa è il protocollo di Kyoto? (in vigore dal 16 febbraio 2005) Paolo Baggio OBIETTIVO del protocollo Lottare contro i cambiamenti climatici con un'azione internazionale mirante a ridurre le emissioni

Dettagli

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Percorso di eccellenza in Energy Management Emission Trading: dal Protocollo di Kyoto verso Copenhagen Fabio Di Benedetto Castellanza,

Dettagli

Emission Trading: i costi del Protocollo. Giovanni Straffelini

Emission Trading: i costi del Protocollo. Giovanni Straffelini Emission Trading: i costi del Protocollo Giovanni Straffelini Dicembre 2004: la Russia ha ratificato il Protocollo di Kyoto Il 18 febbraio il Protocollo di Kyoto è entrato in vigore ed è vincolante per

Dettagli

CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE

CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE Gli impatti previsti varieranno in maniera significativa tra le varie regioni del globo. Particolarmente gravi saranno le conseguenze per i Paesi in via di sviluppo, i più

Dettagli

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2013-14 CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Conferenze Mondiali sul clima

Dettagli

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale Tematica Argomento Docente Parte prima: Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale Avv. Alessandra inquadramento generale Emissioni in atmosfera: quadro normativo

Dettagli

Ing. Francesco Bazzoffi

Ing. Francesco Bazzoffi IL MERCATO DELLE EMISSIONI DI CO 2 IN ITALIA E LE POSSIBILITÀ OFFERTE DAI MECCANISMI FLESSIBILI DEL PROTOCOLLO DI KYOTO Ing. Francesco Bazzoffi Firenze, 27 ottobre 2009 1 Il Progetto SETatWork (Sustainable

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive

Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive In collaborazione con Laura Palomba I CAMBIAMENTI CLIMATICI ED IL PROTOCOLLO DI KYOTO L effetto serra è un fenomeno

Dettagli

CONTATTI: LEZIONE 2 LEZIONE 2 costanti@uniroma3.it

CONTATTI: LEZIONE 2 LEZIONE 2 costanti@uniroma3.it CRESCITA ECONOMICA, COMMERCIO INTERNAZIONALE E AMBIENTE NATURALE: DINAMICHE E INTERAZIONI Valeria Costantini CONTATTI: LEZIONE 2 LEZIONE 2 costanti@uniroma3.it 1 CAMBIAMENTO CLIMATICO E PROTOCOLLO DI KYOTO

Dettagli

PIANO FORESTALE TERRITORIALE DI INDIRIZZO AMBITO ALTA VALLE ARROSCIA SINTESI RELAZIONE DI PIANO

PIANO FORESTALE TERRITORIALE DI INDIRIZZO AMBITO ALTA VALLE ARROSCIA SINTESI RELAZIONE DI PIANO PIANO FORESTALE TERRITORIALE DI INDIRIZZO AMBITO ALTA VALLE ARROSCIA SINTESI RELAZIONE DI PIANO APPENDICE 12 IL MERCATO DEL CARBONIO FORESTALE IL CONTESTO INTERNAZIONALE E NAZIONALE L United Nations Framework

Dettagli

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair Edoardo Croci IEFE - Università Bocconi FUTURO SOSTENIBILE: AZIONI E STRUMENTI Conferenza programmatica DG Qualità dell ambiente

Dettagli

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento Patto dei Sindaci e politiche per il clima: aggiornamenti e prospettive Mauro Bigi, Federico D Addato Indica srl Indice Inquadramento e aggiornamento

Dettagli

Emissions trading: funzionamento, aspetti normativi e contrattuali 22/04/2010

Emissions trading: funzionamento, aspetti normativi e contrattuali 22/04/2010 Emissions trading: funzionamento, aspetti normativi e contrattuali 22/04/2010 1 Quadro normativo di riferimento (i) Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici adottata a New York

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

REVISIONE DELLE LINEE GUIDA PER LE POLITICHE E MISURE NAZIONALI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DEI GAS SERRA (Legge 120/2002) IL CIPE

REVISIONE DELLE LINEE GUIDA PER LE POLITICHE E MISURE NAZIONALI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DEI GAS SERRA (Legge 120/2002) IL CIPE REVISIONE DELLE LINEE GUIDA PER LE POLITICHE E MISURE NAZIONALI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DEI GAS SERRA (Legge 120/2002) IL CIPE VISTA la decisione 93/389/CEE del Consiglio dell Unione Europea, modificata

Dettagli

PARCHI PER PERCHÈ IL PIANETA RESPIRI.

PARCHI PER PERCHÈ IL PIANETA RESPIRI. PARCHI PER PERCHÈ IL PIANETA RESPIRI. INSIEME PER UN GRANDE PROGETTO Giampiero Sammuri, Presidente Federparchi Europarc Italia Con il progetto Parchi per Kyoto abbiamo voluto dare vita ad un iniziativa

Dettagli

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni 2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni Nel quadro delle disposizioni stabilite dalla Conferenza di Kyoto, riconoscendo la coerenza e la validità degli orientamenti programmatici comunitari

Dettagli

REVISIONE DELLE LINEE GUIDA PER LE POLITICHE E MISURE NAZIONALI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DEI GAS SERRA (Legge 120/2002) IL CIPE

REVISIONE DELLE LINEE GUIDA PER LE POLITICHE E MISURE NAZIONALI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DEI GAS SERRA (Legge 120/2002) IL CIPE REVISIONE DELLE LINEE GUIDA PER LE POLITICHE E MISURE NAZIONALI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DEI GAS SERRA (Legge 120/2002) IL CIPE VISTA la decisione 93/389/CEE del Consiglio dell Unione europea, modificata

Dettagli

Le decisioni di Kyoto

Le decisioni di Kyoto Il protocollo di Kyoto Pagina 1 di 10 Le decisioni di Kyoto Vincenzo Ferrara (ENEA, Dipartimento Ambiente) 1. Introduzione La Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici, (la cui sigla

Dettagli

ANALISI DELL APPLICAZIONE DEL CLEAN DEVELOPMENT MECHANISM ED APPROFONDIMENTO SU PROGETTI DESTINATI A PAESI AFRICANI CON CASO STUDIO

ANALISI DELL APPLICAZIONE DEL CLEAN DEVELOPMENT MECHANISM ED APPROFONDIMENTO SU PROGETTI DESTINATI A PAESI AFRICANI CON CASO STUDIO ANALISI DELL APPLICAZIONE DEL CLEAN DEVELOPMENT MECHANISM ED APPROFONDIMENTO SU PROGETTI DESTINATI A PAESI AFRICANI CON CASO STUDIO Giovanni Maiocchi UNIVERSITÀ DI PAVIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 2008-4- 2

Dettagli

Effetto serra: da Kyoto a Copenhagen. Carlo Brusadelli Uniter, 6 marzo 2010

Effetto serra: da Kyoto a Copenhagen. Carlo Brusadelli Uniter, 6 marzo 2010 Effetto serra: da Kyoto a Copenhagen Carlo Brusadelli Uniter, 6 marzo 2010 1 Alcune premesse Doveva essere una conferenza a due Non sono un esperto, ma solo un curioso Su questo argomento manca concordia

Dettagli

Kyoto. Un accordo tormentato

Kyoto. Un accordo tormentato Kyoto Un accordo tormentato Il protocollo di Kyoto Data: 11 dicembre 1997 Contenuti: riduzione gas serra dell 8% rispetto al 1990 (ogni Stato ha una propria quota: ITALIA 6,5%) A partire da: 2008 Fino

Dettagli

L inventario nazionale delle emissioni e i collegamenti alla scala locale. Riccardo De Lauretis ISPRA

L inventario nazionale delle emissioni e i collegamenti alla scala locale. Riccardo De Lauretis ISPRA L inventario nazionale delle emissioni e i collegamenti alla scala locale Riccardo De Lauretis ISPRA Inventario delle emissioni in atmosfera (1 di 2) Raccolta ed elaborazione dati di attività: le istituzioni

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Facoltà di Agraria. MASTER di II Livello

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Facoltà di Agraria. MASTER di II Livello UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Facoltà di Agraria MASTER di II Livello NUOVE PROFESSIONI: L AMBIENTE COME OPPORTUNITÀ Direttore: Prof. Riccardo Valentini, DISAFRI, Facoltà di Agraria Coordinatore:

Dettagli

Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING. che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità

Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING. che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità Il Protocollo di Kyoto: obiettivi per l Europa e per l Italia

Dettagli

Emission Trading Scheme (ETS) a livello locale

Emission Trading Scheme (ETS) a livello locale Emission Trading Scheme (ETS) a livello locale Tokyo Cap and Trade Program (TCTP) Progetto LAIKA Mid-term Conference Bologna, 3 Maggio 2012 Andrea Accorigi Dottorato IAPR andrea.accorigi@gmail.com 1 Indice

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto. volontari

Il Protocollo di Kyoto. volontari Il Protocollo di Kyoto I Meccanismi obbligatori e volontari Il Protocollo di Kyoto Firmato nel 1997 Ratificato da 153 paesi Entrato in vigore il 16 febbraio 2005 A livello globale 5,2% rispetto al 90 Il

Dettagli

UNIDO ITPO ITALY. Programma Energia e Ambiente

UNIDO ITPO ITALY. Programma Energia e Ambiente UNIDO ITPO ITALY Programma Energia e Ambiente Promozione degli Investimenti Privati per uno Sviluppo Sostenibile Fiera del Levante Bari, 16 Settembre 2009 1 United Nations Industrial Development Organization

Dettagli

Nel 2050, secondo l Ipcc (1999), il

Nel 2050, secondo l Ipcc (1999), il Effetto serra ad alta quota di Leonardo Massai* altri inquinanti dei trasporti aerei nazionali e internazionali. Inoltre, secondo quanto deciso dal comitato esecutivo per il Clean Development Mechanism

Dettagli

Cambiamenti climatici: Cause, effetti, rimedi (?) Maria Letizia Filippi. Il geologo e i cambiamenti climatici 29 marzo 2010

Cambiamenti climatici: Cause, effetti, rimedi (?) Maria Letizia Filippi. Il geologo e i cambiamenti climatici 29 marzo 2010 Cambiamenti climatici:, effetti, rimedi (?) Maria Letizia Filippi Il geologo e i cambiamenti climatici 29 marzo 2010 Organizzato da In collaborazione con Schema presentazione 1. Il clima 2. Il clima cambia:

Dettagli

L UNIONE EUROPEA ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO

L UNIONE EUROPEA ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO L UNIONE EUROPEA ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO Siena, 10 maggio 2011 Le fasi della lotta al global warming 2 La definizione degli strumenti per l applicazione del protocollo di Kyoto Il varo del sistema

Dettagli

AGRICOLTURA E CLIMA Bruxelles 30 settembre 2009

AGRICOLTURA E CLIMA Bruxelles 30 settembre 2009 AGRICOLTURA E CLIMA Bruxelles 30 settembre 2009 PREMESSA I cambiamenti climatici in corso impongono un inderogabile impegno ad intraprendere tutti gli interventi possibili per ripristinare condizioni di

Dettagli

KYOTO, l Europa, l Italia e il PRINCIPIO di EQUITA

KYOTO, l Europa, l Italia e il PRINCIPIO di EQUITA KYOTO, l Europa, l Italia e il PRINCIPIO di EQUITA SLIDES di sintesi dei principali risultati di uno studio promosso dai settori contribuenti svolto dalla Stazione sperimentale per i Combustibili nel 2005-2006

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni SOMMARIO ESECUTIVO Negli ultimi cinque anni, l economia dell energia pulita è emersa in tutto il mondo come una nuova, grande opportunità per gli

Dettagli

Le parole di Kyoto. Glossario

Le parole di Kyoto. Glossario Le parole di Kyoto. Glossario di Enzo Di Giulio In meno di dieci anni, a partire dalla Conferenza di Rio de Janeiro del 1992, la lotta al cambiamento climatico ha evidenziato progressi significativi. Cinque

Dettagli

CarboMark as an opportunity for exploitation of forests and wood products to offset CO2 emissions

CarboMark as an opportunity for exploitation of forests and wood products to offset CO2 emissions Carbomark LIFE07 ENV/IT/000388 CarboMark as an opportunity for exploitation of forests and wood products to offset CO2 emissions Alessandro Peressotti Centro Congressi Torino Incontra 15/16 Novembre 2011

Dettagli

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni .4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 4Affrontare il Cambiamento climatico Spesso sentiamo

Dettagli

Carbon Neutrality Federchimica Workshop 2015

Carbon Neutrality Federchimica Workshop 2015 Carbon Neutrality Federchimica Workshop 2015 Andrea Ronchi Business Development Manager Milano, 6 Maggio 2015 www.ecoway.it Member of: EcoWay S.p.a. L Azienda Anno di costituzione: 2003 Prima società italiana

Dettagli

2 ARGOMENTI INTRODUTTIVI... 3 3 EMISSION TRADING EUROPEO... 6 4 IL REGISTRO NAZIONALE DELLE QUOTE E DELLE EMISSIONI...10

2 ARGOMENTI INTRODUTTIVI... 3 3 EMISSION TRADING EUROPEO... 6 4 IL REGISTRO NAZIONALE DELLE QUOTE E DELLE EMISSIONI...10 2 ARGOMENTI INTRODUTTIVI... 3 2.1 IL PROTOCOLLO DI KYOTO... 3 2.2 LE UNITÀ DI KYOTO... 4 3 EMISSION TRADING EUROPEO... 6 3.1 LA DIRETTIVA EMISSION TRADING (ET)... 6 3.2 I SETTORI INDUSTRIALI REGOLATI DALLA

Dettagli

POLITICHE E STRATEGIE DELL EU NELL AMBITO DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO E DELLE ENERGIE RINNOVABILI

POLITICHE E STRATEGIE DELL EU NELL AMBITO DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO E DELLE ENERGIE RINNOVABILI POLITICHE E STRATEGIE DELL EU NELL AMBITO DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO E DELLE ENERGIE RINNOVABILI Stefano Puppin Commissione Europea 1 Energia, Ambiente & Cambiamento Climatico CAMBIAMENTO CLIMATICO Lotta

Dettagli

Aziende italiane: emissioni di CO 2 in forte calo nel 2013

Aziende italiane: emissioni di CO 2 in forte calo nel 2013 AZIENDE ED EMISSIONI DI C0 2 EcoWay - primo operatore italiano attivo nella gestione e nel trading dei certificati di CO 2 - presenta il Report emissioni 2013 1 di gas serra delle aziende italiane sottoposte

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013 - Conferenza stampa

Roma, 15 febbraio 2013 - Conferenza stampa Roma, 15 febbraio 2013 - Conferenza stampa v Secondo la stima della Fondazione, le emissioni dirette di gas serra in Italia nel 2012 sono pari a 465/470 MtCO2eq, 20 MtCO2eq in meno rispetto al 2011. v

Dettagli

Responsabilità Sociale d Impresa - Sostenibilità

Responsabilità Sociale d Impresa - Sostenibilità Responsabilità Sociale d Impresa - Sostenibilità Glossario dei termini Train4CSR RSI-Sostenibilità Glossario dei termini pagina 2 Glossario dei termini Accountability Per un organizzazione rappresenta

Dettagli

INDICE. Parte I TRADABLE POLLUTION RIGHTS: NOZIONE, ORIGINI E CARATTERISTICHE

INDICE. Parte I TRADABLE POLLUTION RIGHTS: NOZIONE, ORIGINI E CARATTERISTICHE VII Introduzione... XIII Parte I TRADABLE POLLUTION RIGHTS: NOZIONE, ORIGINI E CARATTERISTICHE CAPITOLO 1 STRUMENTI ECONOMICI A TUTELA DELL AMBIENTE E TRADABLE POLLUTION RIGHTS 1. Introduzione... 3 2.

Dettagli

Alberto Majocchi CENTRO STUDI SUL FEDERALISMO. Carbon-energy tax e permessi di inquinamento negoziabili nell Unione europea

Alberto Majocchi CENTRO STUDI SUL FEDERALISMO. Carbon-energy tax e permessi di inquinamento negoziabili nell Unione europea Alberto Majocchi Carbon-energy tax e permessi di inquinamento negoziabili nell Unione europea Ottobre discussion 2011 paper 03 Abstract Nell Unione europea sembra prevalere l idea che il problema del riscaldamento

Dettagli

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO L 140/136 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 5.6.2009 DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO DECISIONE N. 406/2009/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI F.Cotana, F.Asdrubali, L.Frezzini Dipartimento di Ingegneria Industriale, Università

Dettagli

www.italiancarbonfund.org

www.italiancarbonfund.org C F CONTENUTI ii l Dal Ministro italiano dell Ambiente e della Tutela del Territorio iii l Dalla Banca Mondiale 1 l Introduzione 7 l Capitolo 1: Le opportunita dell ICF 11 l Capitolo 2: Il carbon market

Dettagli

MECCANISMI FLESSIBILI. di Silvia Fazi Valentina Garruto Marina Muratore

MECCANISMI FLESSIBILI. di Silvia Fazi Valentina Garruto Marina Muratore MECCANISMI FLESSIBILI di Silvia Fazi Valentina Garruto Marina Muratore AGENDA Introduzione Meccanismi Flessibili Requisiti essenziali Progetti CDM e JI Baseline Vantaggi e Svantaggi Caso Italiano CDM:

Dettagli

SCHEMA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE/REGISTRAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE PER L EMISSION TRADING. Rev. 03 Data 2009-01-09 Pagina 1 di 5

SCHEMA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE/REGISTRAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE PER L EMISSION TRADING. Rev. 03 Data 2009-01-09 Pagina 1 di 5 Rev. 03 Data 2009-01-09 Pagina 1 di 5 Organizzazione Individua un Responsabile didattico il quale coordina, definisce la struttura dei Corsi ed è l'interfaccia con l'organismo di Certificazione Prevede:

Dettagli

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 91 4.4 Energia Negli ultimi 10 anni le politiche energetiche italiane ed europee si sono indirizzate verso scenari legati alle diffusioni

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo PROSPETTIVE ENERGETICHE E GREEN ECONOMY NEL CONTESTO ITALIANO Antonio Perdichizzi 1 Motivi della grande attualità del problema dell ENERGIA Impatto ECONOMICO - prezzo

Dettagli

Iniziative e progetti pilota per la promozione dei Sistemi di Gestione Ambientale in Lombardia

Iniziative e progetti pilota per la promozione dei Sistemi di Gestione Ambientale in Lombardia Iniziative e progetti pilota per la promozione dei Sistemi di Gestione Ambientale in Lombardia Regione Lombardia U.O. Riduzione Emissioni in atmosfera e Sostenibilità Ambientale Arch. Anelisa Ricci 1 La

Dettagli

2 a Conferenza Nazionale su Chimica e Energia

2 a Conferenza Nazionale su Chimica e Energia 2 a Conferenza Nazionale su Chimica e Energia EU-ETS: Le esperienze nelle transazioni come incentivo finanziario per l industria chimica 11 Ottobre 2011, Federchimica Guido Busato, Managing Director P.

Dettagli

Musica e CO2 STUDIO PRELIMINARE

Musica e CO2 STUDIO PRELIMINARE Musica e CO2 STUDIO PRELIMINARE a. Finalità e ambito dell intervento Questo primo studio è volto alla ricerca e all analisi di dati sulle emissioni di CO2 relative agli eventi musicali nel loro complesso

Dettagli

EMISSIONS TRADING E MECCANISMI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA Applicazione all impianto di incenerimento di Modena

EMISSIONS TRADING E MECCANISMI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA Applicazione all impianto di incenerimento di Modena Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria- Sede di Modena Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Per la Sostenibilità dell Ambiente EMISSIONS TRADING E MECCANISMI DI RIDUZIONE

Dettagli

Torino, 15 novembre 2011

Torino, 15 novembre 2011 Prime esperienze a Livello Internazionale di Certificazione e definizione di Registri di Contabilizzazione delle Emissioni applicate ad Ambiti e Politiche Territoriali Prof. Ing. Domenico Andreis Torino,

Dettagli

Possibilità e limiti degli accordi volontari per la compensazione della CO 2

Possibilità e limiti degli accordi volontari per la compensazione della CO 2 Possibilità e limiti degli accordi volontari per la compensazione della CO 2 1 Raoul Romano-2011 Insieme all'impegno assunto dalle istituzioni nazionali e internazionali per il contenimento dell'effetto

Dettagli

Register ID: 83425058760-88 CONSIDERAZIONI GENERALI

Register ID: 83425058760-88 CONSIDERAZIONI GENERALI Risposta di Federacciai alla consultazione pubblica sulle misure strutturali per rafforzare il sistema ETS contenute nel Report della Commissione The state of the European carbon market in 2012 Register

Dettagli

Clima e il Protocollo di Kyoto Approfondimenti

Clima e il Protocollo di Kyoto Approfondimenti Clima e il Protocollo di Kyoto Approfondimenti BIOSOST BIOSOST di Roberta Di Monte 12/10/2013 C'è un piacere nei boschi senza sentieri, c'è un'estasi sulla spiaggia desolata, c'è vita, laddove nessuno

Dettagli

GLI ACCORDI VOLONTARI PER LA COMPENSAZIONE DELLA CO 2 INDAGINE CONOSCITIVA PER IL SETTORE FORESTALE IN ITALIA

GLI ACCORDI VOLONTARI PER LA COMPENSAZIONE DELLA CO 2 INDAGINE CONOSCITIVA PER IL SETTORE FORESTALE IN ITALIA GLI ACCORDI VOLONTARI PER LA COMPENSAZIONE DELLA CO 2 INDAGINE CONOSCITIVA PER IL SETTORE FORESTALE IN ITALIA QUADERNO 2 ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA GLI ACCORDI VOLONTARI PER LA COMPENSAZIONE

Dettagli

OBIETTIVI DELLA GUIDA SUL RISPARMIO DI CARBURANTE E SULLE EMISSIONI DI CO2

OBIETTIVI DELLA GUIDA SUL RISPARMIO DI CARBURANTE E SULLE EMISSIONI DI CO2 OBIETTIVI DELLA GUIDA SUL RISPARMIO DI CARBURANTE E SULLE EMISSIONI DI CO2 a cura del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e del Ministero

Dettagli

carbon balance drafting and new resources management tools according to kyoto protocol

carbon balance drafting and new resources management tools according to kyoto protocol info@carbonpro.org www.carbonpro.org carbon balance drafting and new resources management tools according to kyoto protocol bilancio del carbonio e nuovi strumenti per la gestione delle risorse in accordo

Dettagli

Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013

Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013 Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013 Relazione fra ambiente e sistema economico Principali cause dell insostenibilità

Dettagli

Il Patto dei sindaci contro i cambiamenti climatici:

Il Patto dei sindaci contro i cambiamenti climatici: Il Patto dei sindaci contro i cambiamenti climatici: Uscire dalla crisi investendo sul territorio Il Patto dei Sindaci e l e-book della Rete A21L della Toscana Aldo Nepi Regione Toscana DG Governo del

Dettagli

Le Politiche Nazionali ed Internazionali di Contrasto dei Cambiamenti Climatici. Il Punto di Vista del Gruppo Enel

Le Politiche Nazionali ed Internazionali di Contrasto dei Cambiamenti Climatici. Il Punto di Vista del Gruppo Enel Le Politiche Nazionali ed Internazionali di Contrasto dei Cambiamenti Climatici Il Punto di Vista del Gruppo Enel Giugno 2015 Contesto L attuale trend di emissioni di gas effetto serra, dovuto principalmente

Dettagli

Lo scenario energetico italiano e le politiche di abbattimento dei gas serra

Lo scenario energetico italiano e le politiche di abbattimento dei gas serra Lo scenario energetico italiano e le politiche di abbattimento dei gas serra Enzo Di Giulio Eni Corporate University - Scuola Mattei enzo.digiulio@enicorporateuniversity.eni.it Abstract: The Kyoto Protocol

Dettagli

Consumi energetici, produzione di energia e lotta ai cambiamenti climatici nel Comune di Brescia

Consumi energetici, produzione di energia e lotta ai cambiamenti climatici nel Comune di Brescia Consumi energetici, produzione di energia e lotta ai cambiamenti climatici nel Comune di Brescia Estratto tratto dal documento RAPPORTO SULLO STATO DELL AMBIENTE NEL COMUNE DI BRESCIA- Aggiornamento della

Dettagli

2010, 2012 e oltre: le nuove sfide dello sviluppo

2010, 2012 e oltre: le nuove sfide dello sviluppo IN QUESTO NUMERO Speciale Copenhagen 2010, 2012 e oltre: le nuove sfide dello sviluppo Sei punti per la competitività del settore siderurgico Assegnazione del 100% di quote gratuite ai settori carbon leakage

Dettagli

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna COVENANT CAPACITY Capacity building of local governments to advance Local Climate and Energy Action from planning to action to monitoring COSTRUZIONE DI UN INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI Con il patrocinio

Dettagli

Relazione Introduttiva. FABRIZIO TOLLARI Osservatorio Green Economy Emilia-Romagna

Relazione Introduttiva. FABRIZIO TOLLARI Osservatorio Green Economy Emilia-Romagna Relazione Introduttiva FABRIZIO TOLLARI Osservatorio Green Economy Emilia-Romagna LOW CARBON ECONOMY EU ROADMAP 2050 Comunicazione 2011/112 Una tabella di marcia verso un economia competitiva a basse emissioni

Dettagli

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO)

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) Calcolo Carbon Footprint personale A.S. 2014-2015 Allievo: Stefano Tarizzo 1 INDICE Cap. 1 Definizione di Carbon Footprint pag. 3 Tab. 1 pag. 3 Cap.

Dettagli

I negoziati sul Clima

I negoziati sul Clima I negoziati sul Clima Una guida per capire e comprendere lo stato di avanzamento dei negoziati sul clima Italian Climate Network Sommario Introduzione all UNFCCC... 3 Le Origini... 3 UNFCCC in pillole...

Dettagli

SOMMARIO. INTRODUZIONE pag. PARTE PRIMA CAPITOLO I CAMBIAMENTI CLIMATICI E PROTOCOLLO DI KYOTO

SOMMARIO. INTRODUZIONE pag. PARTE PRIMA CAPITOLO I CAMBIAMENTI CLIMATICI E PROTOCOLLO DI KYOTO SOMMARIO INTRODUZIONE pag. PARTE PRIMA CAPITOLO I CAMBIAMENTI CLIMATICI E PROTOCOLLO DI KYOTO Introduzione 1. La Co2, gas serra ed effetto serra..pag. 2. Il Protocollo di Kyoto pag. 2.1 Breve storia del

Dettagli

Dal 26 agosto al 4 WORLD SUMMIT 2002 FORUM E LA RUSSIA CONFERMA CHE RATIFICHERÀ KYOTO

Dal 26 agosto al 4 WORLD SUMMIT 2002 FORUM E LA RUSSIA CONFERMA CHE RATIFICHERÀ KYOTO FORUM J O H A N N E S B U R G WORLD SUMMIT 2002 E LA RUSA CONFERMA CHE RATIFICHERÀ KYOTO Dal 26 agosto al 4 settembre i delegati di quasi 200 Paesi si sono incontrati a Johannesburg in occasione per l

Dettagli

Azione per il clima. Costruire un mondo come piace a noi con il clima che piace a noi LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA

Azione per il clima. Costruire un mondo come piace a noi con il clima che piace a noi LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Azione per il clima Costruire un mondo come piace a noi con il clima che piace a noi Un economia a basse emissioni di carbonio promuove la crescita economica e crea posti

Dettagli

Analisi dei prezzi spotfutures nella seconda e terza fase del mercato EU-ETS

Analisi dei prezzi spotfutures nella seconda e terza fase del mercato EU-ETS Corso di Laurea magistrale in Finanza Previdenza e Assicurazioni Tesi di Laurea Analisi dei prezzi spotfutures nella seconda e terza fase del mercato EUETS Relatore Prof. Marco Corazza Laureando Federico

Dettagli

Benefici sui cambiamenti climatici, l efficienza energetica e le emissioni

Benefici sui cambiamenti climatici, l efficienza energetica e le emissioni Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Conto termico e titoli di efficienza energetica per le biomasse Benefici sui cambiamenti climatici, l efficienza energetica e le emissioni

Dettagli

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Torgnon si trova nel nord-est della Valle d Aosta a 2070 metri

Dettagli

L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni

L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni Michela Gallo Bologna, 26 novembre 2007 1 Primati del RINA Il RINA, da sempre promotore di schemi

Dettagli

Indagine su "Piano nazionale per la riduzione delle emissioni dei gas responsabili dell'effetto serra."

Indagine su Piano nazionale per la riduzione delle emissioni dei gas responsabili dell'effetto serra. Corte dei conti Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato Indagine su "Piano nazionale per la riduzione delle emissioni dei gas responsabili dell'effetto serra." Relatore

Dettagli

POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE

POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE Corso di PRODUZIONE DI MERCI E INNOVAZIONE a.a. 2012-2013 POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE Valeria Spada Università degli Studi di Foggia v.spada@unifg.it ! " #$ %%&'! Se nei tempi % passati

Dettagli

Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo

Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo Sebastiano Serra Ministero dell Ambiente della tutela del

Dettagli

I cambiamenti climatici e il Friuli Venezia Giulia

I cambiamenti climatici e il Friuli Venezia Giulia I cambiamenti climatici e il Friuli Venezia Giulia Stefano Micheletti - Andrea Cicogna Come èil clima in Friuli Venezia Giulia? Pioggia Pioggia media annua Pioggia 1961-2000 Numero di Giorni di Pioggia

Dettagli

Parigi 2015: mobilitiamoci per il clima

Parigi 2015: mobilitiamoci per il clima Parigi 2015: mobilitiamoci per il clima La Coalizione Italiana per il Clima chiede che dalla COP21 di Parigi scaturisca un accordo equo, legalmente vincolante, che consenta di limitare il riscaldamento

Dettagli

Pure Solutions, Sustainable Energy

Pure Solutions, Sustainable Energy Pure Solutions, Sustainable Energy Puraction supporta le aziende e le amministrazioni pubbliche che, per obbligo normativo o per libera scelta, vogliono ridurre l impatto ambientale delle loro attività,

Dettagli

Mercato delle Emissioni ad effetto Serra

Mercato delle Emissioni ad effetto Serra Mercato delle Emissioni ad effetto Serra Paolo Fabbri * Abstract Nessuno si sognerebbe mai di utilizzare una spiaggia per fini commerciali senza chiedere la relativa concessione d uso alla pubblica amministrazione.

Dettagli

ISPRA - L Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.it

ISPRA - L Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.it 2 L Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), le Agenzie Regionali per la Protezione dell'ambiente (ARPA), le Agenzie Provinciali per la Protezione dell'ambiente (APPA) e le

Dettagli

COMUNE DI TRANI PIANO DI AZIONE PER LE ENERGIE SOSTENIBILI (PAES):

COMUNE DI TRANI PIANO DI AZIONE PER LE ENERGIE SOSTENIBILI (PAES): COMUNE DI TRANI PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI PIANO DI AZIONE PER LE ENERGIE SOSTENIBILI (PAES): Febbraio 2013 Progetto a cura di: via Monti, 1 42100 Reggio Emilia Progetto elaborato da: ing. Luigi

Dettagli

RAPPORTO ENERGIA E AMBIENTE 2008 ANALISI E SCENARI

RAPPORTO ENERGIA E AMBIENTE 2008 ANALISI E SCENARI RAPPORTO ENERGIA E AMBIENTE 2008 ANALISI E SCENARI Settembre 2009 RAPPORTO ENERGIA E AMBIENTE ANALISI E SCENARI 2008 2009 ENEA Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente Lungotevere Thaon di

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Luiss. Autore Massimo Bello* Coordinamento Mirta Musolino. giugno 2005. *Consulente Bain & Company Italy e collaboratore Ceradi

Luiss. Autore Massimo Bello* Coordinamento Mirta Musolino. giugno 2005. *Consulente Bain & Company Italy e collaboratore Ceradi Luiss Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli CERADI Centro di ricerca per il diritto d impresa Le imprese italiane e gli obiettivi di sviluppo eco-sostenibile promossi dall adozione

Dettagli

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE The New Climate Economy Report EXECUTIVE SUMMARY La Commissione Mondiale per l Economia ed il Clima fu istituita per esaminare se sia possible ottenere una crescita economica

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES) Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC Documento elaborato da: Roberto Vaccaro Adriano Bisello Daniele Vettorato Wolfram Sparber Collaboratori:

Dettagli

INDICE. Verso Copenhagen: linee guida per la contabilizzazione delle riduzioni di CO2 degli enti locali

INDICE. Verso Copenhagen: linee guida per la contabilizzazione delle riduzioni di CO2 degli enti locali Verso Copenhagen: linee guida per la contabilizzazione delle riduzioni di CO2 degli enti locali 3 INDICE Premessa...3 Il ruolo degli enti locali al raggiungimento dei target di Kyoto...5 Il Gruppo Agende

Dettagli

I cambiamenti climatici sulla regione Alpina: Osservazioni e proiezioni future

I cambiamenti climatici sulla regione Alpina: Osservazioni e proiezioni future I cambiamenti climatici sulla regione Alpina: Osservazioni e proiezioni future Filippo Giorgi Abdus Salam ICTP, Trieste Trento,, 2 Febbraio 2007 Il clima cambia su una vasta gamma di scale spaziali che

Dettagli