CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE"

Transcript

1 CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE Gli impatti previsti varieranno in maniera significativa tra le varie regioni del globo. Particolarmente gravi saranno le conseguenze per i Paesi in via di sviluppo, i più vulnerabili anche per effetto delle loro ridotte capacità di adattamento. Nel settore agricolo, ad esempio, i PVS rischiano di andare incontro a crescenti incertezze per quanto riguarda la disponibilità di cibo e ad un aumento della frequenza e della durata delle carestie. La ridotta disponibilità di cibo potrebbe far aumentare la migrazione di popolazioni alla ricerca di territori più idonei allo sviluppo di condizioni normali di vita e scatenare conflitti per il controllo delle risorse. Per i Paesi industrializzati gli impatti più significativi riguarderanno l intensità e la frequenza degli eventi estremi, il ciclo idrologico e la disponibilità di acqua. L esperienza di alcuni eventi estremi recenti suggerisce che, per le aree urbane, i processi di adattamento potrebbero risultare costosi e comportare elevati costi sociali. 1

2 CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE È possibile operare una distinzione tra gli impatti fisici e gli impatti economici dei cambiamenti climatici. Gli impatti fisici dei cambiamenti climatici previsti nel rapporto dell IPCC possono essere distinti a seconda dei sistemi e dei settori interessati: acqua; cibo; salute; industria, insediamenti e società; ecosistemi; aree costiere e oceani. Per gli impatti che i cambiamenti climatici producono da un punto di vista economico è opportuno distinguere: i costi legati agli effetti fisici (costo dei danni dovuti a catastrofi naturali e condizioni climatiche avverse); i costi che si devono sostenere per ridurre o stabilizzare su livelli accettabili i fenomeni che causano i cambiamenti climatici e per prendere misure adattive. I costi di adattamento saranno sostenuti anche nel caso in cui tutte le emissioni climalteranti fossero azzerate in un lasso di tempo brevissimo; questo a causa dell inerzia che caratterizza i fenomeni di mutazione del clima. 2

3 CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE A livello mondiale il testo di riferimento per gli impatti economici dei cambiamenti climatici è lo Stern Review, rapporto elaborato nel 2006 dall economista britannico Nicholas Stern per il governo del Regno Unito. Sebbene sia stato criticato da più parti nel mondo accademico per le metodologie utilizzate, si tratta del lavoro più vasto, conosciuto e discusso in materia. Riassumendo le conclusioni del rapporto: Per alcuni Paesi sviluppati, e nel caso di modesti incrementi delle temperature medie, i cambiamenti climatici produrranno alcuni effetti positivi ma questi diventeranno molto negativi per temperature più elevate previste per la seconda metà del XXI secolo. I costi di eventi meteorologici estremi, come tempeste, inondazioni, siccità e ondate di calore, potrebbero controbilanciare gli effetti inizialmente positivi dei cambiamenti climatici. I soli costi di eventi catastrofici potrebbero raggiungere lo 0,5-1% del PIL mondiale e continueranno ad aumentare con il progressivo riscaldamento del pianeta. Per evitare gli effetti peggiori dei cambiamenti climatici sarebbe necessario investire adeguatamente fino al 2% del PIL globale. 3

4 CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE 4% 2% Mendelsohn aumenti della temperatura media in C 0% -2% -4% -6% -8% -10% Nordhaus (rischio catastrofico) Nordhaus (senza rischio catastrofico) Tol Stern (scenario climatico catastrofico; impatti economici e non economici) Impatto di diversi livelli di riscaldamento sul PIL mondiale Fonte: Fondo Monetario Internazionale, Data and Statistics,

5 POLITICA AMBIENTALE NEL MONDO ED IN EUROPA CONFERENZE MONDIALI SULL AMBIENTE - STOCCOLMA RIO DE JANEIRO KYOTO JOHANNESBURG RIO

6 GLI ANNI SETTANTA Progressiva internazionalizzazione del dibattito intorno al tema delle relazioni tra ambiente e sviluppo. Aumenta la percezione della questione ambientale: attenzione alle grandi fonti di inquinamento concentrato (impianti industriali, centrali termiche, inquinamento urbano atmosferico ed acustico, ecc.). Aumentano le conoscenze scientifiche in materia ambientale. 6

7 Rapporto I limiti dello sviluppo (1972) Pubblicato per il Club di Roma dal MIT (Massachussets Institute of Technology) INQUINAMENTO DEPAUPERAMENTO RISORSE LIMITI ALLA CRESCITA 7

8 Limiti alla crescita come affrontare il problema? Gestione delle risorse Gestione del rischio ambientale Nuove tecnologie per incrementare la conservazione delle risorse. Viene contabilizzato il capitale naturale. Efficienza energetica. INTERNALIZZAZIONE DEI COSTI AMBIENTALI 8

9 Crescita vs Sviluppo CRESCITA SVILUPPO Concetto quantitativo- -economico (reddito pro-capite) Trasformazioni di tipo qualitativo (in termini multidimensionali) Integrità dell ecosistema Efficienza economica Equità sociale 9

10 I PRINCIPI DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE 1. Progressiva ricerca dell integrazione fra le dimensioni economiche, sociali e ambientali 2. Progressiva ricerca dell equità intergenerazionale e dell equità redistributiva 3. Progressivo spostamento dell attenzione dalla dimensione locale alla dimensione globale 4. Progressiva ricerca del soddisfacimento delle aspettative della collettività nel suo complesso

11 LA PRODUZIONE DI BENI E SERVIZI FUNZIONE DI: FATTORI FISICI CAPITALE / MACCHINE FATTORI UMANI FORZA LAVORO FATTORI AMBIENTALI Le proporzioni possono variare in maniera significativa, e diventa fondamentale il concetto della sostituibilità tra fattori di produzione. 11

12 LA SOSTENIBILITA In relazione al tema della sostituibilità possono essere individuate quattro diverse posizioni rispetto alla sostenibilità: MOLTO DEBOLE DEBOLE FORTE MOLTO FORTE con possibilità di sostituzione tra i fattori decrescenti passando dalla prima all ultima. 12

13 LA SOSTENIBILITA Altri due concetti fondamentali sono quelli di: CAPITALE NATURALE CRITICO Livello minimo necessario alla riproducibilità biologica dell ecosistema e CAPACITA DI CARICO Quantità di inquinamento e rifiuti che il pianeta è in grado di tollerare 13

14 LA SOSTENIBILITA EQUITA INFRAGENERAZIONALE EQUITA INTERGENERAZIONALE INCERTEZZA / IRREVERSIBILITA Conseguenze sulle politiche da intraprendere 14

15 LO SVILUPPO SOSTENIBILE: I PROBLEMI ECONOMICI 1) DISPARITA DISTRIBUTIVA: il 20% della popolazione mondiale dispone dell 87% del reddito Il rapporto tra il reddito del 20% della popolazione più ricco e quello più povero è passato da 1:30 negli anni 60 a circa 1:60 Squilibri interni ai paesi (es. tasso di povertà Svezia 7% USA 16%) 2) INFLUENZA SUI PROCESSI MIGRATORI 15

16 LO SVILUPPO SOSTENIBILE: I PROCESSI MIGRATORI La spinta principale è costituita dai differenziali salariali Fino agli anni 60 avveniva soprattutto fra paesi industrializzati, successivamente dai PVS L immigrazione tende ad essere sempre più qualificata, specialmente nei paesi in grado di mettere in atto opportune politiche formative I paesi di provenienza hanno il vantaggio delle rimesse, ma perdono personale qualificato in patria, con il rischio di non trovare lavori adeguati alla preparazione 16

17 LO SVILUPPO SOSTENIBILE: LE ESTERNALITA Ottimo sociale diverso da ottimo privato Diritti di proprietà e tasse Problemi specifici: Scala internazionale Legami con sviluppo economico Incertezza dei dati 17

18 LO SVILUPPO SOSTENIBILE: RISORSE NATURALI E AMBIENTE 1) CONCETTO DI ESTERNALITA : Es. valutazione dei costi esterni sociali dell attività d impresa 2) INQUINAMENTO : Locale Trans-frontaliero Globale Situazioni diverse richiedono risposte differenti 18

19 DAL CLUB DI ROMA A OSLO Nel 1972, in un famoso rapporto intitolato I limiti dello sviluppo, il Club di Roma lanciò l allarme sulle pericolose conseguenze ambientali del processo di crescita. Il rapporto rilevava che il salto in avanti nella crescita dei beni materiali non teneva conto di due problemi: l esaurimento delle risorse e il degrado ambientale. Nel giro di alcuni anni, le preoccupazioni in merito alla salvaguardia del patrimonio naturale si sono rapidamente trasformate in una riflessione più globale sulle condizioni che lo sviluppo economico deve rispettare perché le generazioni future non si trovino penalizzate dalle scelte di oggi. Tale riflessione poggia sul nuovo concetto di sviluppo sostenibile, illustrato dalla commissione Bruntland (1987): Per sviluppo sostenibile si intende uno sviluppo in grado di soddisfare i bisogni della generazione attuale senza compromettere la capacità di quelle future di soddisfare i propri.

20 CONFERENZA DI STOCCOLMA (1972) I vertice ONU su ambiente e sviluppo primo esempio di ragionamento diplomatico e politico globale sui temi dello sviluppo umano Conferenza delle Nazioni Unite su ambiente umano Riferimento ai problemi di inquinamento (fenomeno delle piogge acide, inquinamento dei mari, livello di pesticidi e metalli pesanti in pesci e uccelli, ecc.) Scarsa attenzione ai problemi ambientali e di sviluppo dei Paesi del Terzo Mondo Creazione di reti globali e regionali per il monitoraggio dell ambiente per procedere alla programmazione delle iniziative Viene istituito l UNEP (United Nations Environment Programme) 20

21 CONFERENZA DI TORONTO Il primo vero passo in direzione di accordi globali e vincolanti è stato fatto con la Conferenza di Toronto, la prima, a detta di molti esperti, a spostarsi dagli spazi della scienza a quelli della politica. Vengono presi impegni per la riduzione delle emissioni di biossido di carbonio e il miglioramento dell efficienza energetica. Nasce l IPCC per il monitoraggio del clima, dell impatto economico, sociale e ambientale dei cambiamenti climatici, e per la definizione di possibili strategie. Il primo rapporto dell IPCC conferma una modificazione del sistema climatico scientificamente accertata. La conferenza è ricordata per la particolare incisività delle dichiarazioni finali e per gli impegni politici che sono stati presi. 21

22 Conferenza di Rio de Janeiro (1992) Obiettivi Stabilire l entità degli aiuti (finanziari, operativi, di trasferimento tecnologie) ai Paesi poveri. Definire un percorso di sviluppo sostenibile nel mondo. RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI NORD-SUD DEL MONDO 22

23 Conferenza di Rio de Janeiro (1992) Earth Summit, II vertice ONU su ambiente e sviluppo (UNCED, United Nations Conference on Environment and Development) Presenti le delegazioni di 183 paesi. Confronto tra i Paesi industrializzati (che hanno esaurito le capacità di carico dei propri ecosistemi) e i Paesi del Sud del mondo, sottosviluppati o in via di sviluppo (contrari ad assumersi responsabilità verso l ambiente, se non previo misure compensative, come i programmi di assistenza economica). I principali risultati della conferenza sono riassunti in una serie di documenti: l Agenda 21; la Dichiarazione di Rio su ambiente e sviluppo; la Dichiarazione dei principi per la gestione sostenibile delle foreste; la Convenzione sulla biodiversità; la Convenzione quadro sui cambiamenti climatici (UNFCCC, United Nations Framework Convention on Climate Change). 23

24 CONFERENZA DI RIO (1992) Risultati: Convenzione sul clima emissioni CO2; Convenzione sulla biodiversità conservazione patrimonio genetico di specie animali e vegetali; Dichiarazione sulle foreste non è diventata una vera e propria convenzione per l opposizione dei paesi detentori della maggior parte delle foreste tropicali; Dichiarazione di Rio 27 principi sull integrazione ambiente-sviluppo; Local Agenda 21 programma d azione planetario che identifica i caratteri dello sviluppo sostenibile e i mezzi per realizzarlo. 24

25 Local Agenda 21 Raccolta di intenzioni per avviare politiche di sviluppo sostenibile attraverso il consenso dell intera società civile (popolazione, istituzioni, imprese, ecc.) su scala nazionale, regionale e subregionale. CAP. 28 Gli attori locali devono divenire dei partner attivi nei processi decisionali inerenti il proprio territorio PROCESSO DI GOVERNANCE (scelte volontarie condivise dal basso verso l alto) e di PARTNERSHIP (scelte partecipate e attuate da parte di tutti i soggetti presenti sul territorio). Programma d azione multisettoriale (4 sezioni - economico-sociale, conservazione e gestione delle risorse per lo sviluppo, rafforzamento del ruolo delle forze sociali, strumenti di attuazione - e 40 capitoli) e partecipativo per i governi nel XXI secolo. 25

26 LA DICHIARAZIONE DI RIO La Dichiarazione di Rio su ambiente e sviluppo supporta l Agenda 21 definendo i diritti e le responsabilità degli Stati relativamente agli argomenti trattati. Nella dichiarazione sono stati sanciti alcuni principi fondamentali: la centralità dell essere umano all interno della questione dello sviluppo sostenibile; l improrogabilità di interventi per impedire il degrado ambientale laddove esistano minacce di danni gravi o irreversibili, anche in presenza di incertezza scientifica; la sovranità dei Paesi nello sfruttamento delle proprie risorse senza però danneggiare l ambiente di altri Stati; l indispensabile necessità dello sradicamento della povertà e della riduzione delle diseguaglianze negli standard di vita; l essenzialità della partecipazione delle donne per ottenere uno sviluppo sostenibile; il riconoscimento, da parte dei Paesi sviluppati, della responsabilità che hanno nel perseguire lo sviluppo sostenibile a causa della pressione che esercitano sull ambiente e delle 26 tecnologie e dei mezzi finanziari di cui dispongono.

27 LA CONVENZIONE QUADRO SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI Il primo rapporto dell IPCC, che ha evidenziato la correlazione tra le emissioni dei gas serra antropici e un probabile cambiamento climatico, ha costituito la base scientifica per i negoziati della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici. Nel 1992, i delegati di 150 Paesi hanno infatti approvato la Convenzione, adottata a New York il 9 maggio e presentata ai governi per la firma nel corso del Vertice della Terra svoltosi a Rio de Janeiro nel mese di giugno. La Convenzione, sottoscritta a Rio da 154 Paesi, più l Unione europea, è entrata in vigore il 21 marzo 1994, 90 giorni dopo la cinquantesima ratifica. Essa definisce un obiettivo di stabilizzazione delle concentrazioni di gas serra per la protezione del sistema climatico e promuove interventi a livello nazionale e internazionale per il raggiungimento di questo obiettivo, ma non prevede impegni vincolanti per la riduzione delle emissioni di gas serra, bensì solo un impegno di massima per i Paesi industrializzati a riportare entro il 2000 le proprie emissioni di gas serra ai livelli del Le riunioni della Conferenza delle Parti (COP, Conference of Parties), che si svolgono con cadenza annuale, valutano le azioni intraprese e gli impegni da assumere anche alla luce delle conclusioni dei rapporti dell IPCC. Secondo la prassi delle Nazioni Unite, tutte le decisioni della Conferenza delle Parti richiedono, per essere adottate, il consenso di tutti i Paesi firmatari. 27

28 PROTOCOLLO DI KYOTO (1997) RIDUZIONE COMPLESSIVA DEL 5% (RISPETTO AL 1990) DELLE EMISSIONI DI GAS CHE ALTERANO L EFFETTO SERRA DA REALIZZARE ENTRO IL IN PARTICOLARE: U.E. 8%, U.S.A. 7%, GIAPPONE 6% RUSSIA 0 AUSTRALIA + 8% NESSUN LIMITE PER I PVS 28

29 IL PROTOCOLLO DI KYOTO Una svolta per la politica dei cambiamenti climatici si è avuta alla COP 3 a Kyoto, nel 1997, con l adozione del Protocollo di Kyoto. Il protocollo prevede che i Paesi industrializzati riducano, entro il periodo , le emissioni dei gas serra del 5% a livello mondiale rispetto all anno base Per conseguire i propri specifici obiettivi di riduzione, il protocollo permette ai Paesi industrializzati di fare uso degli assorbimenti di biossido di carbonio da foreste e terreni agricoli (cosiddetti carbon sink) e dei meccanismi di cooperazione internazionale per ridurre le emissioni. I dettagli operativi relativi all uso di questi strumenti sono stati però definiti solo dalla COP 7, svoltasi a Marrakech nel novembre Il protocollo poteva entrare in vigore solo dopo la ratifica da parte di almeno 55 Paesi firmatari della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici, responsabili per almeno il 55% delle emissioni di CO 2 del Gli impegni del protocollo, a differenza di quelli della convenzione, sono vincolanti per i Paesi firmatari: la sua ratifica è avvenuta nel novembre del 2004, con l adesione della Russia. Nel 2005 la Conferenza delle Parti ha avuto luogo a Montreal, in Canada: è stato approvato un piano d azione che prevedere tagli più consistenti alle 29 emissioni di gas serra e l estensione del Protocollo di Kyoto oltre il 2012.

30 IL PROTOCOLLO DI KYOTO - 2 L anno di riferimento per la riduzione delle emissioni di biossido di carbonio, metano e protossido di azoto è il 1990, mentre per HFC, PFC e SF 6 è possibile scegliere tra il 1990 e il La riduzione complessiva del 5% viene ripartita in maniera diversa: per i Paesi dell Unione europea nel loro insieme la riduzione deve essere dell 8%, per gli Stati Uniti la riduzione deve essere del 7% e per il Giappone del 6%. Nessuna riduzione, ma solo stabilizzazione è prevista per la Federazione Russa, la Nuova Zelanda e l Ucraina. Possono, invece, aumentare le loro emissioni fino all 1% la Norvegia, fino all 8% l Australia e fino al 10% l Islanda. Nessun tipo di limitazione alle emissioni di gas serra viene previsto per i PVS. Per l Unione europea Kyoto ha fissato, a conclusione di un impegnativa negoziazione, una riduzione dell 8%, tradotta poi dal Consiglio dei Ministri dell Ambiente dell UE del 17 giugno 1998 negli obiettivi di riduzione delle emissioni dei singoli Stati membri. Per l Italia è stato stabilito che entro il si riducano le emissioni nella misura del 6,5% rispetto ai livelli del

31 IL PROTOCOLLO DI KYOTO - 3 Per il conseguimento dei propri obiettivi, i Paesi industrializzati e ad economia in transizione possono contabilizzare come riduzione delle emissioni il carbonio assorbito dalle nuove piantagioni forestali e dalle attività agroforestali (carbon sink) e utilizzare in maniera sostanziale i meccanismi flessibili, previsti dal Protocollo di Kyoto: il Clean Development Mechanism (CDM) la Joint Implementation (JI) l Emissions Trading (ET) Il Clean Development Mechanism consente ai Paesi industrializzati e ad economia in transizione di realizzare nei PVS progetti che producano benefici ambientali in termini di riduzione delle emissioni di gas serra e di sviluppo economico e sociale dei Paesi ospiti e nello stesso tempo generino crediti di emissione per i Paesi che promuovono gli interventi. La Joint Implementation consente ai Paesi industrializzati e ad economia in transizione di realizzare progetti per la riduzione delle emissioni di gas serra in un altro Paese dello stesso gruppo e di utilizzare i crediti derivanti, congiuntamente con il Paese ospite. L Emissions Trading, infine, consente lo scambio di crediti di emissione tra Paesi industrializzati e ad economia in transizione. Un Paese che abbia conseguito una diminuzione delle proprie emissioni di gas serra superiore al proprio obiettivo può così cedere tali crediti ad un Paese che non sia stato 31 in grado di rispettare i propri impegni di riduzione delle emissioni di gas serra.

32 DICHIARAZIONE DI JOHANNESBURG (2002) RICONOSCIAMO CHE L ELIMINAZIONE DELLA POVERTA, IL CAMBIAMENTO DEGLI STILI DI PRODUZIONE E CONSUMO E LA PROTEZIONE E LA GESTIONE DELLE RISORSE NATURALI SONO GLI OBIETTIVI ED I PRESUPPOSTI ESSENZIALI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE 32

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide Laura Scichilone Dottore di ricerca in Storia del federalismo e dell unità europea CRIE-Centro di eccellenza Jean

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen? TERRITORI 09, COP15: Il clima che verrà 4 Dicembre 2009, RidottoRemondini Contenuti! Cambiamento Climatico: basi scientifiche Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?! Iniziative Internazionali:

Dettagli

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Perché riforestazione? Il Protocollo di kyoto Accordo internazionale firmato a Rio de Janeiro nel 1992 durante lo storico Summit sulla Terra. Entato

Dettagli

La terra è un sistema a risorse finite

La terra è un sistema a risorse finite Energia: istruzioni per l uso Trento 13 dicembre 2005 Romano GIGLIOLI Professore ordinario di Sistemi Elettrici per l Energia UNIVERSITA DI PISA La terra è un sistema a risorse finite Per raggiungere l

Dettagli

CAMBIARE STRADA. è POSSIBILE?

CAMBIARE STRADA. è POSSIBILE? CAMBIARE STRADA è POSSIBILE? CAMBIARE STRADA sembra ragionevole? che il modello di sviluppo attuale dei paesi industrializzati basato sul consumo sempre crescente di risorse energetiche possa mantenersi

Dettagli

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Il dibattito scientifico sui mutamenti del clima è stato caratterizzato, soprattutto a partire dagli Anni Settanta del secolo scorso,

Dettagli

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2013-14 CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Conferenze Mondiali sul clima

Dettagli

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2012-13 CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Conferenze Mondiali sul clima

Dettagli

Il Sistema Internazionale delle Emissioni e gli Strumenti di Flessibilità

Il Sistema Internazionale delle Emissioni e gli Strumenti di Flessibilità Il Sistema Internazionale delle Emissioni e gli Strumenti di Flessibilità Modelli integrati territoriali per l utilizzo dei biocarburanti Università di Teramo spapa@unite.it Riscaldamento terrestre Secondo

Dettagli

Emissions Trading Manager, Buzzi Unicem. Casale, 11 marzo 2008

Emissions Trading Manager, Buzzi Unicem. Casale, 11 marzo 2008 Effetto serra e cambiamenti climatici Il ruolo dell industria d i italiana Paolo Zelano, Emissions Trading Manager, Buzzi Unicem Casale, 11 marzo 2008 Effetto serra il meccanismo I gas responsabili dell'effetto

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

Il protocollo di Kyoto

Il protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Il protocollo di Kyoto E' il primo tentativo globale di coordinamento delle politiche economiche di singoli stati sovrani. Il protocollo di Kyoto è lo storico accordo internazionale

Dettagli

L Accordo di Parigi. Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti

L Accordo di Parigi. Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti L Accordo di Parigi Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti L Accordo di Parigi 195 Paesi, Stati Parte della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali

Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali Area Previsione e Monitoraggio Ambientale Torino 21-9-2006 2006 Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali Corso-Laboratorio Educazione Ambientale Modulo Il Cambiamento Climatico

Dettagli

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Schema dell intervento 1 dati sul contributo dell agricoltura alle emissioni di gas serra;

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Bioclimatologia (CIBIC) dell Università di Firenze. in collaborazione con l Agenzia Fiorentina per l Energia

Centro Interdipartimentale di Bioclimatologia (CIBIC) dell Università di Firenze. in collaborazione con l Agenzia Fiorentina per l Energia Centro Interdipartimentale di Bioclimatologia (CIBIC) dell Università di Firenze in collaborazione con l Agenzia Fiorentina per l Energia e con il contributo della Regione Toscana (Programma Regionale

Dettagli

Kyoto. Un accordo tormentato

Kyoto. Un accordo tormentato Kyoto Un accordo tormentato Il protocollo di Kyoto Data: 11 dicembre 1997 Contenuti: riduzione gas serra dell 8% rispetto al 1990 (ogni Stato ha una propria quota: ITALIA 6,5%) A partire da: 2008 Fino

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013

Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013 Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013 Relazione fra ambiente e sistema economico Principali cause dell insostenibilità

Dettagli

La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici

La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici La quindicesima conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici si è svolta nel Bella Center di Copenhagen, in Danimarca,

Dettagli

Emission Trading: i costi del Protocollo. Giovanni Straffelini

Emission Trading: i costi del Protocollo. Giovanni Straffelini Emission Trading: i costi del Protocollo Giovanni Straffelini Dicembre 2004: la Russia ha ratificato il Protocollo di Kyoto Il 18 febbraio il Protocollo di Kyoto è entrato in vigore ed è vincolante per

Dettagli

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair Edoardo Croci IEFE - Università Bocconi FUTURO SOSTENIBILE: AZIONI E STRUMENTI Conferenza programmatica DG Qualità dell ambiente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Facoltà di Agraria. MASTER di II Livello

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Facoltà di Agraria. MASTER di II Livello UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Facoltà di Agraria MASTER di II Livello NUOVE PROFESSIONI: L AMBIENTE COME OPPORTUNITÀ Direttore: Prof. Riccardo Valentini, DISAFRI, Facoltà di Agraria Coordinatore:

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive

Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive In collaborazione con Laura Palomba I CAMBIAMENTI CLIMATICI ED IL PROTOCOLLO DI KYOTO L effetto serra è un fenomeno

Dettagli

Proteggere il clima conviene L AZIONE. Vincenzo Ferrara ENEA

Proteggere il clima conviene L AZIONE. Vincenzo Ferrara ENEA Proteggere il clima conviene L AZIONE Vincenzo Ferrara ENEA COSA FARE L obiettivo della azioni L obiettivo è la stabilizzazione delle concentrazioni atmosferiche dei gas serra ad un livello tale da prevenire

Dettagli

il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il Comune di Bastia Umbra

il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il Comune di Bastia Umbra ACCORDO VOLONTARIO tra il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e il Comune di Bastia Umbra (di seguito denominate Parti Firmatarie ) in materia di Promozione di progetti comuni

Dettagli

CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TEMA DELLA SOSTENIBILITÀ Strumenti normativi e formativi al servizio della sostenibilità

CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TEMA DELLA SOSTENIBILITÀ Strumenti normativi e formativi al servizio della sostenibilità CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TEMA DELLA SOSTENIBILITÀ Strumenti normativi e formativi al servizio della sostenibilità LA GESTIONE SOSTENIBILE DELL ENERGIA ENERGIA Prof.Luigi Bruzzi Università di Bologna

Dettagli

Milano Roma Cagliari Duisburg. www.landsrl.com

Milano Roma Cagliari Duisburg. www.landsrl.com Perchè lo facciamo? Progettare singoli parchi non è più sufficiente. Bisogna dare vita ad un continuum ambientale. Il nostro interesse è dimostrare un approccio di tutela ambientale attraverso la progettualità.

Dettagli

EFFETTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SULLA BIODIVERSITÀ E SULL AGROECOSISTEMA BOSCHI-BRIANTI-MELEGA CONSEGUENZE DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SULLA BIODIVERSITA Molti studi affermano che i cambiamenti climatici

Dettagli

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO)

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) Calcolo Carbon Footprint personale A.S. 2014-2015 Allievo: Stefano Tarizzo 1 INDICE Cap. 1 Definizione di Carbon Footprint pag. 3 Tab. 1 pag. 3 Cap.

Dettagli

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale Tematica Argomento Docente Parte prima: Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale Avv. Alessandra inquadramento generale Emissioni in atmosfera: quadro normativo

Dettagli

Cosa è il protocollo di Kyoto?

Cosa è il protocollo di Kyoto? Cosa è il protocollo di Kyoto? (in vigore dal 16 febbraio 2005) Paolo Baggio OBIETTIVO del protocollo Lottare contro i cambiamenti climatici con un'azione internazionale mirante a ridurre le emissioni

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Coniugare sostenibilità e biodiversità: un approccio agronomico

Coniugare sostenibilità e biodiversità: un approccio agronomico Coniugare sostenibilità e biodiversità: un approccio agronomico Giuseppe Garcea Ufficio Controllo e Certificazione di Prodotto CCPB srl E mail: ggarcea@ccpb.it Fiera SANA 2013 Etimologia dei termini Sostenibilità:

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto: origini, stato dell arte e prospettive

Il Protocollo di Kyoto: origini, stato dell arte e prospettive Il Protocollo di Kyoto: origini, stato dell arte e prospettive Castellavazzo 06/07/2010 Elena Dalla Valle Tommaso Anfodillo INQUADRAMENTO GENERALE I Conferenza mondiale sul Clima Ginevra Protocollo di

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Il problema CAMBIAMENTI CLIMATICI E PROTOCOLLO DI KYOTO: UNA SFIDA CHE INTERESSA TUTTI ORGANIZZAZIONE DELLA LEZIONE IL CAMBIAMENTO CLIMATICO

Il problema CAMBIAMENTI CLIMATICI E PROTOCOLLO DI KYOTO: UNA SFIDA CHE INTERESSA TUTTI ORGANIZZAZIONE DELLA LEZIONE IL CAMBIAMENTO CLIMATICO ORGANIZZAZIONE DELLA LEZIONE CAMBIAMENTI CLIMATICI E PROTOCOLLO DI KYOTO: UNA SFIDA CHE INTERESSA TUTTI Il problema; La Convenzione Quadro per i Cambiamenti Climatici e il Protocollo di Kyoto; Cosa si

Dettagli

Industria del recupero e packaging chain

Industria del recupero e packaging chain Gestione rifiuti, riciclo materiali, recupero energetico: il possibile contributo alla sfida di Kyoto Ecomondo, 3 novembre 2004 Giancarlo Longhi Direttore Generale 1 Le positive conseguenze dell industria

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Dal 26 agosto al 4 WORLD SUMMIT 2002 FORUM E LA RUSSIA CONFERMA CHE RATIFICHERÀ KYOTO

Dal 26 agosto al 4 WORLD SUMMIT 2002 FORUM E LA RUSSIA CONFERMA CHE RATIFICHERÀ KYOTO FORUM J O H A N N E S B U R G WORLD SUMMIT 2002 E LA RUSA CONFERMA CHE RATIFICHERÀ KYOTO Dal 26 agosto al 4 settembre i delegati di quasi 200 Paesi si sono incontrati a Johannesburg in occasione per l

Dettagli

CAPITOLO XII. La migrazione

CAPITOLO XII. La migrazione CAPITOLO XII La migrazione Analizzare il problema della migrazione da una prospettiva economica La decisione se migrare o meno viene analizzata con lo schema domanda / offerta, sia per la migrazione qualificata

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

Sistemi filtro ed arborei di pianura per l immobilizzazione della CO2

Sistemi filtro ed arborei di pianura per l immobilizzazione della CO2 Sistemi filtro ed arborei di pianura per l immobilizzazione della CO2 Dott.ssa Elisa Scanzi ERSAF Prof. Maurizio Borin UNIPD - Patto di collaborazione Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni

Dettagli

Climate Change 2014 Impatti, Adattamento e Vulnerabilità. I contenuti principali della

Climate Change 2014 Impatti, Adattamento e Vulnerabilità. I contenuti principali della IPCC AR5 Quinto Rapporto di Valutazione sui Cambiamenti Climatici Working Group II Climate Change 2014 Impatti, Adattamento e Vulnerabilità I contenuti principali della Sintesi per i Decisori Politici

Dettagli

Cristiana Viti. CENTRO NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI di Legambiente

Cristiana Viti. CENTRO NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI di Legambiente Cristiana Viti CENTRO NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI di Legambiente ENERGIA ED AMBIENTE PROBLEMA ENERGETICO è STRETTAMENTE CORRELATO ALLA TUTELA DELL AMBIENTE perché per produrre energia consumiamo

Dettagli

Ing. Francesco Bazzoffi

Ing. Francesco Bazzoffi IL MERCATO DELLE EMISSIONI DI CO 2 IN ITALIA E LE POSSIBILITÀ OFFERTE DAI MECCANISMI FLESSIBILI DEL PROTOCOLLO DI KYOTO Ing. Francesco Bazzoffi Firenze, 27 ottobre 2009 1 Il Progetto SETatWork (Sustainable

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

Tutte le bugie del governo sul clima

Tutte le bugie del governo sul clima Tutte le bugie del governo sul clima Roma, 17 ottobre 2008 Il Consiglio europeo del 16 ottobre ha confermato tempi ed obiettivi del Pacchetto Clima e Energia, ma l Italia continua a chiedere più flessibilità

Dettagli

PIANO FORESTALE TERRITORIALE DI INDIRIZZO AMBITO ALTA VALLE ARROSCIA SINTESI RELAZIONE DI PIANO

PIANO FORESTALE TERRITORIALE DI INDIRIZZO AMBITO ALTA VALLE ARROSCIA SINTESI RELAZIONE DI PIANO PIANO FORESTALE TERRITORIALE DI INDIRIZZO AMBITO ALTA VALLE ARROSCIA SINTESI RELAZIONE DI PIANO APPENDICE 12 IL MERCATO DEL CARBONIO FORESTALE IL CONTESTO INTERNAZIONALE E NAZIONALE L United Nations Framework

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

Le decisioni di Kyoto

Le decisioni di Kyoto Il protocollo di Kyoto Pagina 1 di 10 Le decisioni di Kyoto Vincenzo Ferrara (ENEA, Dipartimento Ambiente) 1. Introduzione La Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici, (la cui sigla

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA Il Gruppo tematico Politiche ambientali e educazione chiede a tutte le realtà del Terzo Settore di impegnarsi per un futuro sostenibile e propone:

Dettagli

Quale cibo per il futuro?

Quale cibo per il futuro? Quale cibo per il futuro? C. Forni Laboratorio di Botanica e Fitotecnologie Università degli Studi di Roma Tor Vergata forni@uniroma2.it Frascati Scienza 22 9 14 1 Le piante sono costituite da tante molecole

Dettagli

Cambiamenti climatici: Cause, effetti, rimedi (?) Maria Letizia Filippi. Il geologo e i cambiamenti climatici 29 marzo 2010

Cambiamenti climatici: Cause, effetti, rimedi (?) Maria Letizia Filippi. Il geologo e i cambiamenti climatici 29 marzo 2010 Cambiamenti climatici:, effetti, rimedi (?) Maria Letizia Filippi Il geologo e i cambiamenti climatici 29 marzo 2010 Organizzato da In collaborazione con Schema presentazione 1. Il clima 2. Il clima cambia:

Dettagli

ALCUNE TAPPE IMPORTANTI DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE NEL MONDO ED IN EUROPA

ALCUNE TAPPE IMPORTANTI DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE NEL MONDO ED IN EUROPA Una lunga serie di conferenze, pubblicazioni, programmi internazionali ed europei, tra cui i seguenti a carattere più generale (molte altre iniziative riguardano specifici settori) caratterizzano il percorso

Dettagli

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Conferenze internazionali 1971 Stoccolma, convegno «Study of Man s Impact on Climate» 1972 Conferenza ONU

Dettagli

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Percorso di eccellenza in Energy Management Emission Trading: dal Protocollo di Kyoto verso Copenhagen Fabio Di Benedetto Castellanza,

Dettagli

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI 3 / PER UN FUTURO A BASSA EMISSIONE DI CARBONIO L Europa si è impegnata a limitare l aumento della temperatura globale a 2 C. Sotto questo livello si calcola che gli impatti

Dettagli

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo CAPITOLO XXI Crescita e sviluppo L obiettivo è di integrare alcuni aspetti della nuova teoria della crescita con quelli del paradigma dello sviluppo umano Considereremo le relazioni tra il capitale umano,

Dettagli

Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME

Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME PIANO 20 20 20 Si tratta dell insieme delle MISURE pensate dalla UE per il periodo successivo al termine del Protocollo

Dettagli

Ing. Andrea Ursini Casalena - MyGreenBuildings.org

Ing. Andrea Ursini Casalena - MyGreenBuildings.org Ing. Andrea Ursini Casalena http://www.mygreenbuildings.org/info / http://www.facebook.com/andreaursinicasalena http://twitter.com/mygreenbuilding La Sostenibilità Ambientale e il Processo Ecologico La

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni 2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni Nel quadro delle disposizioni stabilite dalla Conferenza di Kyoto, riconoscendo la coerenza e la validità degli orientamenti programmatici comunitari

Dettagli

Individuare le priorità di Going for Growth 2013. Priorità sostenute dagli indicatori

Individuare le priorità di Going for Growth 2013. Priorità sostenute dagli indicatori ITALIA Il PIL pro capite ha continuato a contrarsi, collocandosi ben al di sotto della media superiore dell OCSE. Nonostante un aumento dell intensità di capitale, la crescita della produttività del lavoro

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009)

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) Cari colleghi, autorità, gentili ospiti, voglio darvi

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Università degli Studi di Firenze Facoltà di Architettura Dipartimento di Tecnologia e Design Pierluigi Spadolini Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Programma

Dettagli

Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo

Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo Il Piano Energetico Comunale del 1999 (PEC, o.d.g. n 112/99) si sviluppava a partire dai seguenti riferimenti normativi: - L.

Dettagli

Nella partita contro la deforestazione

Nella partita contro la deforestazione Nella partita contro la deforestazione facciamo il tifo per GLI ALBERI. Coop lancia il progetto Boschi e Foreste: una serie di iniziative concrete per contrastare la deforestazione e favorire l aumento

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale * Il cambiamento climatico: il problema a scala globale *Antonio Ballarin Denti è Ordinario di Fisica ambientale all Università Cattolica di

Dettagli

Lo schema del C.D.M e l interazione positiva con l industria chimica.

Lo schema del C.D.M e l interazione positiva con l industria chimica. Lo schema del C.D.M e l interazione positiva con l industria chimica. Giuseppe Astarita FEDERCHIMICA Milano, 19 aprile 2012 CDM Inquadramento nelle politiche climatiche La risposta internazionale al problema

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA VILLA PAOLINA ASTI 8 settembre 2015 La popolazione mondiale è cresciuta di 250 milioni di persone in 1600 anni 9 miliardi mentre ora cresce drasticamente. dal 1950

Dettagli

POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA

POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA Il Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA IL QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO Le politiche e misure per la crescita e lo

Dettagli

Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo

Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo Luca Marmo Commissione europea Direzione generale dell'ambiente Unità ENV.B.1 Agricoltura, foreste e suoli BU-5, 5/178 1049

Dettagli

TASSE SULLE EMISSIONI / SUSSIDI

TASSE SULLE EMISSIONI / SUSSIDI TASSE SULLE EMISSIONI / SUSSIDI Gli strumenti fiscali agiscono attraverso gli incentivi generati da modificazioni dei prezzi relativi: Tasse sull utilizzo di determinati input Tasse sui livelli di emissione

Dettagli

Ministro per l Innovazione e le Tecnologie

Ministro per l Innovazione e le Tecnologie Ministro per l Innovazione e le Tecnologie Tavolo di consultazione con la Società civile per la preparazione della seconda fase del VERTICE MONDIALE SULLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Tunisi 2005 Roma, martedì

Dettagli

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento Patto dei Sindaci e politiche per il clima: aggiornamenti e prospettive Mauro Bigi, Federico D Addato Indica srl Indice Inquadramento e aggiornamento

Dettagli

UN PIANO B PER L ITALIA

UN PIANO B PER L ITALIA UN PIANO B PER L ITALIA Toni Federico Bomarzo 25 Aprile 2009 www.fondazionesvilupposostenibile.org LIVELLI DI POVERTA PROIEZIONE DEI LIVELLI DI POVERTA AL 2015 POPOLAZIONE MONDIALE AI DIVERSI LIVELLI DI

Dettagli

Sintesi attività: secondo semestre 2014

Sintesi attività: secondo semestre 2014 Ufficio del Consigliere Diplomatico Sintesi attività: secondo semestre 2014 R O M A, 1 6 G E N N A I O 2 0 1 5 Indice dei contenuti Il semestre di Presidenza UE Il contesto delle Nazioni Unite Altre attività

Dettagli

Parigi 2015: mobilitiamoci per il clima

Parigi 2015: mobilitiamoci per il clima Parigi 2015: mobilitiamoci per il clima La Coalizione Italiana per il Clima chiede che dalla COP21 di Parigi scaturisca un accordo equo, legalmente vincolante, che consenta di limitare il riscaldamento

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Eni S.p.A. Enel S.p.A. VISTA la legge 15 gennaio 1994, n. 65, di ratifica della Convenzione Quadro delle Nazioni

Dettagli

1. Cambiamenti climatici e sovranità alimentare..p. 2 2. L impronta carbonica degli alimenti. p. 4. Stefano Caserini. Politecnico di Milano

1. Cambiamenti climatici e sovranità alimentare..p. 2 2. L impronta carbonica degli alimenti. p. 4. Stefano Caserini. Politecnico di Milano 1. Cambiamenti climatici e sovranità alimentare..p. 2 2. L impronta carbonica degli alimenti. p. 4 Stefano Caserini Politecnico di Milano 1 Cambiamenti climatici e sovranità alimentare Prof. Stefano Caserini,

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

Cambiamenti climatici: le informazioni base

Cambiamenti climatici: le informazioni base Cambiamenti climatici: le informazioni base In questa pagina: I CAMBIAMENTI CLIMATICI SONO FRA NOI... 1 GLI UMANI SONO I PRINCIPALI COLPEVOLI DEI RECENTI CAMBIAMENTI DEL CLIMA... 3 I CAMBIAMENTI CLIMATICI

Dettagli

Associazione Umanitaria Terra del Terzo Mondo ONLUS RIFORESTAZIONE A GASSA CHARE ETIOPIA

Associazione Umanitaria Terra del Terzo Mondo ONLUS RIFORESTAZIONE A GASSA CHARE ETIOPIA Associazione Umanitaria Terra del Terzo Mondo ONLUS RIFORESTAZIONE A GASSA CHARE ETIOPIA LA POVERTÀ CONDUCE DIRETTAMENTE AL DEGRADO AMBIENTALE, PERCHÉ I POVERI NON PENSANO AL FUTURO E TAGLIERANNO ANCHE

Dettagli

Azione per il clima. Costruire un mondo come piace a noi con il clima che piace a noi LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA

Azione per il clima. Costruire un mondo come piace a noi con il clima che piace a noi LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Azione per il clima Costruire un mondo come piace a noi con il clima che piace a noi Un economia a basse emissioni di carbonio promuove la crescita economica e crea posti

Dettagli

Analisi e riflessioni sulle tendenze e la regolamentazione del mercato energeticoambientale

Analisi e riflessioni sulle tendenze e la regolamentazione del mercato energeticoambientale Analisi e riflessioni sulle tendenze e la regolamentazione del mercato energeticoambientale in Italia Francesco Gullì Alba, 27 gennaio 2011 Tre angoli di visuale Dinamica del prezzo del petrolio (accresciuta

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori,

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori, Roma, 18 giugno 2008 INTERVENTO VIDEO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA ALL ASSEMBLEA ANNUALE DELL UNIONE PETROLIFERA Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

Il commercio dei permessi ambientali

Il commercio dei permessi ambientali Il commercio dei permessi ambientali (Emission Trading) Daniele Verdesca Dipartimento di economia politica Università di Siena Strumenti di mercato I permessi per i quali è autorizzato lo scambio od il

Dettagli