L Organizzazione del volontariato nella pulizia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Organizzazione del volontariato nella pulizia"

Transcript

1 L Organizzazione del volontariato nella pulizia della costa: la squadra, le procedure operative, le professionalità, i mezzi e i dispositivi di protezione individuale. Catania, 9, 10, 11 novembre 2007 Rocco Manganaro Legambiente Nazionale

2 INTERVENTO DI VOLONTARI O DI PROTEZIONE O CIVILE SULLA COSTA IN SEGUITO A SVERSAMENTO DI PRODOTTO PETROLIFERO QUALE STRUTTURA DEI RUOLI E DELLE RESPONSABILITA?

3 L AREA DI LAVORO VIENE SUDDIVISA IN MODULI COC/COM/CCS VIENE INDIVIDUATO UN RESPONSABILE PER CIASCUN MODULO RESPONSABILE DI MODULO CLEAN CORE CLEAN CORE CLEAN CORE

4 LA SQUADRA TIPO CLEAN CORE WHITE GLOVES CLEAN MEN TOOLS MAN

5 CLEAN CORE Tiene i rapporti con il responsabile di modulo; organizza il lavoro della squadra; utilizza la radio; non pulisce.

6 WHITE GLOVES Risolve problemi e necessità della squadra all interno dell area inquinata; non pulisce i hi t di viene chiamato dai volontari per alzata di mano prolungata.

7 CLEAN MEN Seguendo le indicazioni del Clean Core rimuovono materialmente l inquinante dalla costa e lo trasferiscono al sito di stoccaggio; allestiscono il modulo.

8 TOOLS MAN È il responsabile dei materiali (distribuzione, efficienza, decontaminazione, tempestivo reperimento); rimuove manualmente il materiale inquinante insieme ai Clean Men.

9 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

10 REQUISITI DPI Possesso della marcatura CE; presenza di istruzioni di utilizzo chiare, in lingua italiana o comunque in lingua comprensibile dal lavoratore; adeguatezza al rischio da prevenire; adeguatezza alle esigenze ergonomiche e di salute del lavoratore

11 DIVISA antistatica ignifugaif antiacida

12 TUTA USA E GETTA Limita il problema della pulizia dei normali indumenti da lavoro; riduce il problema della contaminazione di aree esterne alle zone di lavoro; tyvec, con cappuccio Nastro adesivo su polsi e caviglie

13 STIVALI PVC; fodera in jersey poliammid; puntale a lamina antiperforazione e antischiacciamento; i t rinforzo a protezione di tibia e malleolo.

14 GUANTI Ultranitril (resistenza all abrasione e ai rischi chimici); terza categoria di rischio (D.Lgs 475/1992); manica lunga; interno cotone.

15 GUANTI IN LATTICE Monouso Sottili, aderenti e confortevoli impermeabili Per i volontari con funzioni da Clean Core, White Gloves, Deco Core e Dry Men.

16 OCCHIALI occhiali a mascherina -completa protezione degli occhi; policarbonato (protezione all impatto); antiappannante; 6 valvole di areazione.

17 MASCHERE Semimaschera in gomma; Bifiltro; FILTRI Antigas; protezione marrone (gas e vapori organici); protezione gialla (anidride solforosa).

18 CASCHI E SOTTOGOLA Elmetti di sicurezza, con supporto interno regolabile omologati e conformi alla norma; Sottogola per elmetti in materiale elastico.

19 MATERIALI E MEZZI

20 INTERVENTO SU COSTA ROCCIOSA Idropulitrice; geotessuto; panne assorbenti; elmetti e imbracature; Impermeabili; creme per il viso.

21 INTERVENTO SU COSTA SABBIOSA Pale, rastrelli, tirafango, scope; setacci; secchi, buste.

22 INTERVENTO SU COSTE CIOTTOLOSE Palette, cazzuole, spatole e altri strumenti per raschiare i ciottoli; buste di plastica in cui raccogliere il prodotto inquinante; tanks e big bags in cui svuotare il contenuto delle buste; piedi di porco, pale, carrelli, pallets di legno e macchinari per spostare i ciottoli;

23 betoniera; idropulitrice; telone in plastica e geotessuto. t

24 I punti di forza di una squadra Formazione dei volontari Autosufficienza logistica per l intervento nelle grandi ma anche nelle piccole emergenze!

25 Grazie per l attenzione!!!

Dispositivi di protezione individuale DPI

Dispositivi di protezione individuale DPI Cosa sono Dispositivi di protezione individuale DPI È considerato DPI qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata o portata dal lavoratore per tutelarsi da uno o più rischi per la sicurezza e

Dettagli

Catalogo on-line www.iapir.it

Catalogo on-line www.iapir.it DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DA UTILIZZARE NEI LAVORI IN PRESENZA DI AMIANTO Poiché l esposizione dei lavoratori alle fibre di amianto aerodisperso varia notevolmente a seconda della tipologia

Dettagli

Dispositivi di Protezione Individuale

Dispositivi di Protezione Individuale U.O. Servizio di Prevenzione e Protezione Azienda USL Cesena UNA PANORAMICA SUI PRINIPALI INFESTANTI URBANI DI INTERESSE SANITARIO Dispositivi di Protezione Individuale Addetto SPP T.d.P Paolo Severi 1

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO "Blaise Pascal"

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Blaise Pascal Circolare n. 36-2014 10-10-2014 Ai Collaboratori Scolastici Agli Assistenti Tecnici Ai preposti laboratori di Elettronica e Chimica p.c. Ai Docenti Al Direttore SGA Agli Assistenti Amministrativi Oggetto:

Dettagli

(Piano di Lavoro art. 256 D.Lgs. 81/08)

(Piano di Lavoro art. 256 D.Lgs. 81/08) Allegato 1 Spett. le A.U.S.L. LE/Area Sud Ufficio SPESAL Via Sante Cezza, 14 73024 MAGLIE (LE) RACCOMANDATA A MANO Data: Oggetto: sig. (nome, cognome, indirizzo cantiere) (Piano di Lavoro art. 256 D.Lgs.

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Per Dispositivo di Protezione Individuale (DPI) si intende una qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo

Dettagli

Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE SEGNALETICA DI SICUREZZA In prossimità di zone di rischio deve essere

Dettagli

La corretta applicazione degli agrofarmaci. Massimiliano Mochetti Stewardship Manager

La corretta applicazione degli agrofarmaci. Massimiliano Mochetti Stewardship Manager La corretta applicazione degli agrofarmaci Massimiliano Mochetti Stewardship Manager Iniziative Stewardship Servizi per l impiego sicuro e sostenibile degli agrofarmaci Smartline il nuovo packaging pratico

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE GARANZIA SODDISFACIMENTO REQUISITI DI SALUTE E SICUREZZA Esempi di pittogrammi Rischi d'impatto Rischi meccanici Calore o fuoco Rischi microbiologici Elettricità

Dettagli

Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari

Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari Dal 01/01/15, come previsto dal Piano di Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, diventeranno obbligatorie le norme relative al Deposito

Dettagli

CENSIMENTO AMIANTO IMPRESE ED EDIFICI

CENSIMENTO AMIANTO IMPRESE ED EDIFICI Regione Regione Marche Marche Azienda Azienda Sanitaria Sanitaria U.S.L. U.S.L. n.13 n.13 DIPARTIMENTO DIPARTIMENTO DI DI PREVENZIONE PREVENZIONE Servizio Servizio d Igiene dd Igiene e e Sanità SanitàPubblica

Dettagli

Materiali occorrenti per la manutenzione ordinaria delle OO.PP. di bonifica anno 2014 Dispositivi di protezione individuale

Materiali occorrenti per la manutenzione ordinaria delle OO.PP. di bonifica anno 2014 Dispositivi di protezione individuale LISTA DELLE CATEGORIE FORNITURE PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO DEI LAVORI Materiali occorrenti per la manutenzione ordinaria delle OO.PP. di bonifica anno 2014 Dispositivi di protezione individuale La sottoscritta

Dettagli

D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPITORIE

D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPITORIE OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPITORIE a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

PROTEZIONE VIE RESPIRATORIE

PROTEZIONE VIE RESPIRATORIE PROTEZIONE VIE RESPIRATORIE Presentiamo in abbinamento due gamme di prodotti per le vie respiratorie per una più completa valutazione da parte della nostra clientela. Il marchio Honeywell è affermato a

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPIRATORIE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPIRATORIE SCHEDA TECNICA N 15 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPIRATORIE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0

Dettagli

Relatore: Alessandro De Luca DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

Relatore: Alessandro De Luca DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Con il recepimento, del decreto legislativo 81/08, relativo alla tutela della salute e sicurezza dei lavoratori sul luogo di lavoro, sono stati stabiliti, per ciò

Dettagli

D.Lgs. 81/08. Dispositivi di Protezione Individuale DPI. Tecnico della Prevenzione Dott. Sergio Biagini

D.Lgs. 81/08. Dispositivi di Protezione Individuale DPI. Tecnico della Prevenzione Dott. Sergio Biagini Dispositivi di Protezione Individuale DPI Tecnico della Prevenzione Dott. Sergio Biagini DEFINIZIONE di DPI Per DPI si intende qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE DISPOSITIVI PROTEZIONE INDIVIDUALE DPI Servizio Prevenzione e Protezione

PROCEDURA GESTIONE DISPOSITIVI PROTEZIONE INDIVIDUALE DPI Servizio Prevenzione e Protezione Pag. 1 di 7 Indice 1. Scopo e campo di applicazione 2. Riferimenti normativi 3. Definizioni 4. Documenti interessati 5. Compiti e responsabilità 6. in uso 7. Modalità operative a. Scelta a adozione dei

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE SECONDO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE SECONDO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE SECONDO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE ED ANALISI DEI RISCHI) PREMESSA Il presente opuscolo fornisce alcune indicazioni ritenute utili

Dettagli

Dispositivi di Protezione

Dispositivi di Protezione Dispositivi di Protezione D.lgs.475 Art. 1 2) Si intendono per Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.) i prodotti che hanno la funzione di salvaguardare la persona che li indossi o comunque porti

Dettagli

Corso di formazione: Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) D.Lgs:81/2008 s.m.i (D.Lgs: 106/09) Titolo III - Capo II / D.

Corso di formazione: Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) D.Lgs:81/2008 s.m.i (D.Lgs: 106/09) Titolo III - Capo II / D. Corso di formazione: Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) D.Lgs:81/2008 s.m.i (D.Lgs: 106/09) Titolo III - Capo II / D.lgs 475/92 Programma del corso Definizione di DPI DPI una misura di protezione

Dettagli

ELENCO ED ISTRUZIONI OPERATIVE PER L UTILIZZO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI)

ELENCO ED ISTRUZIONI OPERATIVE PER L UTILIZZO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) Data 01-03-2010 Rev. N. 00 Pagina 1 di 8 ELENCO ED ISTRUZIONI OPERATIVE PER L UTILIZZO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) Documento unico formato da 8 pagine Ddl RSPP RLS MC INDICE ISTITUTO

Dettagli

Elmetto in polietilene bianco regolabile con fascia antisudore peso 133 g. Cuffia donna chiusa colore bianco

Elmetto in polietilene bianco regolabile con fascia antisudore peso 133 g. Cuffia donna chiusa colore bianco 728 131001 197072 Cappellino 6 pannelli da baseball con visiera 415 315 320 Bustina da uomo Elmetto in polietilene bianco regolabile con fascia antisudore peso 133 g 122077 162010 162017 Cuffia antirumore

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSEGNAZIONE DEL VESTIARIO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE AL PERSONALE DELL AGENZIA

DISCIPLINA DELL ASSEGNAZIONE DEL VESTIARIO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE AL PERSONALE DELL AGENZIA DISCIPLINA DELL ASSEGNAZIONE DEL VESTIARIO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE AL PERSONALE DELL AGENZIA Agris Sardegna Agricultural Research Agency of Sardinia (Italy) Sassari, località Bonassai

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Definizioni Art. 74 Qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi (RESIDUI) suscettibili

Dettagli

Segnaletica I.178. Estintori a polvere 14010001... Cassetta per estintore norma CE 14010000 - lastra Safe Crash di ricambio

Segnaletica I.178. Estintori a polvere 14010001... Cassetta per estintore norma CE 14010000 - lastra Safe Crash di ricambio Segnaletica Estintori a polvere Dimensioni kg 14010001 6 14010002 9 14010003 12 14010001... Cassetta per estintore norma CE 14010000 - lastra Safe Crash di ricambio 14010010 Cassetta prontosoccorso 100/P

Dettagli

DOTAZIONE DI SOCCORSO ED EMERGENZA ADR

DOTAZIONE DI SOCCORSO ED EMERGENZA ADR Kit ADR standard Codice Cl ADR Descrizione Conf. Peso 70 058-510 Classe 1 Esplosivi - Marginali 10260 e 1 13,000 11260 70 058-520 Classe 2 Gas - Marginali 10260 e 21260 1 13,500 70 058-530 Classe 3 Materie

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA. Servizio di Prevenzione e Protezione. Elenco dei DPI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA. Servizio di Prevenzione e Protezione. Elenco dei DPI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA Servizio di Prevenzione e Protezione Elenco dei DPI 1 Caratteristiche dei DPI INDICE 1. PREMESSA 3 2. DPI PER LA PROTEZIONE DELLE VIE RESPIRATORIE 5 3. DPI PER LA PROTEZIONE

Dettagli

OPERAZIONI DI NECROFORIA

OPERAZIONI DI NECROFORIA OPERAZIONI DI NECROFORIA http://www.626ferrari.com/index_file/page1207.htm INUMAZIONE 1) predisporre un cordone di sicurezza intorno al perimetro della zona di lavoro del braccio della pala meccanica (tramite

Dettagli

SICUREZZA DEI LAVORATORI VOLONTARI I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

SICUREZZA DEI LAVORATORI VOLONTARI I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE SICUREZZA DEI LAVORATORI VOLONTARI I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Anno 2015, SPSAL Ravenna a cura dei Tecnici della Prevenzione Marocchi A. e Rossetto M.... . Definizioni Pericolo: proprietà o

Dettagli

Dispositivi Di Protezione Individuale (Dpi)

Dispositivi Di Protezione Individuale (Dpi) Dispositivi Di Protezione Individuale (Dpi) I DPI devono essere impiegati quando i rischi non possono essere evitati o sufficientemente ridotti da misure tecniche di prevenzione, da mezzi di protezione

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE. Anna Sicuro

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE. Anna Sicuro DISPOSITIVI DI PROTEZIONE Anna Sicuro Ricoprono un ruolo importante nella prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali Il ruolo di cui sopra è ribadito dall art 6 del DPR 547/55 (il lavoratore

Dettagli

Respiratori antipolvere. Informazioni utili sulla scelta e l uso

Respiratori antipolvere. Informazioni utili sulla scelta e l uso Respiratori antipolvere Informazioni utili sulla scelta e l uso 1 Quando utilizzare i respiratori? Il presente opuscolo vuole essere uno strumento utile per tutti coloro che devono scegliere un respiratore

Dettagli

Procedura negoziata per la fornitura di Dispositivi di Protezione Individuale Scarpe Antifortunistiche. Schede Tecniche

Procedura negoziata per la fornitura di Dispositivi di Protezione Individuale Scarpe Antifortunistiche. Schede Tecniche Procedura negoziata per la fornitura di Dispositivi di Protezione Individuale Scarpe Antifortunistiche Allegato 3 Schede Tecniche Sommario DPI H01 Calzature di sicurezza alte S3 di classe 1 Pag. 02 DPI

Dettagli

ABBIGLIAMENTO MONOUSO

ABBIGLIAMENTO MONOUSO Vetement(IT).qxd:Portfolio 12/02/08 15:58 Page 118 MONOUSO SPERIAN La nostra gamma fornisce delle soluzioni per la protezione delle aree di lavoro e la protezione dei lavoratori stessi: PROTEZIONE DELL

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Azienda ESEMPIO. Sede COMUNE DI SALERNO Indirizzo: Via IRNO. Datore di lavoro Ciciriello Riccardo

PIANO DI LAVORO. Azienda ESEMPIO. Sede COMUNE DI SALERNO Indirizzo: Via IRNO. Datore di lavoro Ciciriello Riccardo PIANO DI LAVORO Azienda ESEMPIO Sede COMUNE DI SALERNO Indirizzo: Via IRNO Datore di lavoro Ciciriello Riccardo Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione Bellini Giuseppe Medico Competente De Santis

Dettagli

Linee Protezione degli occhi

Linee Protezione degli occhi Linee Protezione degli occhi Serie 2700 e 2800 Occhiali di Protezione 3M ha sviluppato una gamma completa di prodotti e servizi per la protezione della testa. Questi sono prodotti di grande valore, studiati

Dettagli

Lavorare in sicurezza con le antivegetative. (Articolo originariamente pubblicato su Yachting Matters, Aprile 2008)

Lavorare in sicurezza con le antivegetative. (Articolo originariamente pubblicato su Yachting Matters, Aprile 2008) Contatti: International Paint Italia SpA Via De Marini, 61/14 16149 Genova Italy yacht.italy@internationalpaint.com Tel +39 010 6595741 Fax +39 010 6595749 Lavorare in sicurezza con le antivegetative (Articolo

Dettagli

LA PERICOLOSITÀ DEI PRODOTTI FITOSANITARI 4.14 I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE 4.14

LA PERICOLOSITÀ DEI PRODOTTI FITOSANITARI 4.14 I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE 4.14 Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Organismo responsabile dell informazione: Veneto Agricoltura Autorità di gestione: Regione del Veneto Dipartimento Agricoltura

Dettagli

PROCEDURE DI LAVORO Permesso di lavoro Isolamento Fonti di energia/adduzioni Ventilazione e Lavaggi Rilevazione ambientale Sorveglianza e comunicazione 84 Valutazione del Rischio e Prevenzione IL PERMESSO

Dettagli

KIT TOGLI AMIANTO COME SI USA?

KIT TOGLI AMIANTO COME SI USA? CANNE FUMARIE CUCCE PER ANIMALI LASTRE E SFRIDI CISTERNETTE KIT TOGLI AMIANTO COME SI USA? Manuale d istruzioni per il trattamento e la rimozione di materiale contenente amianto, da parte del privato cittadino.

Dettagli

Maschera a pieno facciale 3S

Maschera a pieno facciale 3S Migliorata Maschera a pieno facciale 3S [ Ancora migliorata per il vostro confort] La maschera a pieno facciale MSA 3S, con il suo design di grande successo, più di 5 milioni di pezzi venduti in tutto

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE COLLETTIVA. Alessandra Pera ISPESL - DML

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE COLLETTIVA. Alessandra Pera ISPESL - DML DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE COLLETTIVA Alessandra Pera ISPESL - DML Cosa sono Come sceglierli Quali acquistare Quando usarli Come usarli Come tenerli I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE: D.Lgs. 81/2008

Dettagli

MASCHERINA FACCIALE FILTRANTE ECONOMICA MODELLO SUPERONE

MASCHERINA FACCIALE FILTRANTE ECONOMICA MODELLO SUPERONE MASCHERINA FACCIALE FILTRANTE ECONOMICA MODELLO SUPERONE 3203 FFP1 3204 FFP1 + VALVOLA 3205 FFP2 3206 FFP2 + VALVOLA UNI EN 149 : 2003 MASCHERINA FACCIALE FILTRANTE PIEGHEVOLE MODELLO PREMIUM 4 4110 FFP1

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL VESTIARIO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE AI DIPENDENTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL VESTIARIO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE AI DIPENDENTI COMUNALI COMUNE DI FARA GERA D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL VESTIARIO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE AI DIPENDENTI COMUNALI - APPROVATO CON DELIBERA DI G.C. n. 114 DEL

Dettagli

Autofficina meccanica

Autofficina meccanica Provincia di Forlì-Cesena Autofficina meccanica DPI DA UTILIZZARE PER MANSIONE OMOGENEA PC1.3 PC5 PC7 PC7.1 PC8 PC11.1.2 PM2 PM3.1 PM5 PM8 PM8.1 GIACCONE AD ALTA VISIBILITA' IMPERMEABILE CON CORPETTO SFODERABILE

Dettagli

GUANTI per LAVORAZIONE ALIMENTI

GUANTI per LAVORAZIONE ALIMENTI GUANTI per LAVORAZIONE ALIMENTI GUANTO in NITRILE G07B Guanto in nitrile sfoderato di peso leggero, con finiture zigrinate in rilievo per aumentare la presa. Massima sensibilità, grande confort e alta

Dettagli

di Protezione Individuale

di Protezione Individuale FULVIO D ORSI GIACOMO GUERRIERO EVA PIETRANTONIO della sicurezza nell uso dei Dispositivi di Protezione Individuale Informazione dei lavoratori ai sensi degli art. 36, 74 e successivi del D.Lgs. 81/2008

Dettagli

a 59,99 da 5,99 a 26,79 a 0,19 Fi lt r i p e r s ta m pa n t i fa x OCCASIONI VALIDE Ta p p i a u r i c o l a r i m o n o u s o

a 59,99 da 5,99 a 26,79 a 0,19 Fi lt r i p e r s ta m pa n t i fa x OCCASIONI VALIDE Ta p p i a u r i c o l a r i m o n o u s o OCCASIONI VALIDE dal 10 FEBBRAIO al 4 aprile 2014 Guanti in Nitrile Spalmato Guanti in lattice a 59,99 da 5,99 RISCHI MECCANICI RISCHI DA T AGLIO Adatti ad ogni tipo di pulizia! Confezioni da 100 pezzi.

Dettagli

ABBIGLIAMENTO. Introduzione EN 13034. EN ISO 11611 (ex EN470) EN 13982. EN ISO 11612 (ex EN531) EN 14605

ABBIGLIAMENTO. Introduzione EN 13034. EN ISO 11611 (ex EN470) EN 13982. EN ISO 11612 (ex EN531) EN 14605 MASCHERE PER SALDATORI Introduzione Utilizzare capi espressamente studiati per una particolare mansione, assicura la massima protezione per l operatore, permette di svolgere il compito assegnato nella

Dettagli

CORSO I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

CORSO I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.Lgs. CORSO I DI PROTEZIONE INDIVIDUALE PER VOLONTARI DELL ASSOCIAZIONE COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI MOGLIANO VENETO (TV) Revisione 01 DOCENTE: ANDREA PERAZZA 1 DI PROTEZIONE INDIVIDUALE SI INTENDE

Dettagli

OGGETTO PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO. (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Allegato C: Stima dei costi della sicurezza

OGGETTO PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO. (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Allegato C: Stima dei costi della sicurezza OGGETTO PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Allegato C: Stima dei costi della sicurezza pag. 2 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 Recinzione provvisionale

Dettagli

Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)

Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) 1) Se si verificano incidenti che possono provocare la dispersione di un agente biologico appartenente ai gruppi 2, 3 o 4, i lavoratori debbono abbandonare

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella LAVORARE SICURI! Formazione e informazione dei lavoratori per l igiene e la sicurezza sul

Dettagli

MONOUSO TUTA LIFEGUARD MASTER

MONOUSO TUTA LIFEGUARD MASTER MONOUSO TUTA LIFEGUARD MASTER Codice prodotto: AI 006418 L Gruppo di prodotto: 06 Package qty: 0 Prezzo: 12,50 CHF Tuta in TNT laminato con cappuccio e cuciture nastrate Cuciture interamente ricoperte

Dettagli

RISCHI ADDETTO PULIZIE

RISCHI ADDETTO PULIZIE Organismo Paritetico Provinciale RISCHI ADDETTO PULIZIE Speciale Inserti: Rischi Addetto Pulizie Pagina 1 Attività svolta L attività dell addetto prevede la pulizia degli ambienti di lavoro di uffici,

Dettagli

CLASSIFICAZIONE SCARPE ANTINFORTUNISTICHE

CLASSIFICAZIONE SCARPE ANTINFORTUNISTICHE CLASSIFICAZIONE SCARPE ANTINFORTUNISTICHE REQUISITI DI SICUREZZA CLASSIFICAZIONE SB A E WRU P CATEGORIA S1 1 X X X CATEGORIA S2 1 X X X X CATEGORIA S3 1 X X X X X DESCRIZIONE DEI REQUISITI DI SICUREZZA:

Dettagli

06310 EN 347 EN 347 30 STIVALI GINOCCHIO PVC TRONCHETTO PVC EN347 RISCHI MINIMI

06310 EN 347 EN 347 30 STIVALI GINOCCHIO PVC TRONCHETTO PVC EN347 RISCHI MINIMI STIVALI STIVALI 29 06310 EN 347 GINOCCHIO PVC EN347 (colore 020 verde, 060 nero) Stivale a ginocchio in PVC, suola carro armato. Taglie: dal 35 al 47 Colori: verde suola beige, nero suola nera. 06301 TRONCHETTO

Dettagli

SIRA SEGNALETICA E FANALERIA. Pannelli di segnalazione ingombro posteriore. Pannelli per motrici. Kit di 2 pannelli formato mm 140x565

SIRA SEGNALETICA E FANALERIA. Pannelli di segnalazione ingombro posteriore. Pannelli per motrici. Kit di 2 pannelli formato mm 140x565 Pannelli di segnalazione ingombro posteriore Pannelli per motrici G 20442 G 20443 Kit di 2 pannelli formato mm 140x565 Kit di 2 pannelli formato mm 140x565 omologati ECE ONU 70 emend. 01 Pannelli per rimorchi

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO III - CAPO II USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

D.Lgs. 81/08 TITOLO III - CAPO II USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

FASCE RETRORIFLETTENTI ECE ONU 104

FASCE RETRORIFLETTENTI ECE ONU 104 FASCE RETRORIFLETTENTI ECE ONU 104 PER SUPERFICI RIGIDE 3M SA95.BAN0002.00 SA95.BAN0004.00 SA95.BAN0006.00 REFLEXITE SA95.BAN0008.00 SA95.BAN0010.00 SA95.BAN0012.00 BANDA 3M GIALLA BANDA 3M BIANCA BANDA

Dettagli

PANNELLO RETRORIFLETTENTE PER MOTRICI. 26 100 100 Pannello retrorif. kit 2 pz. 565x132 mm PANNELLO RETRORIFLETTENTE PER RIMORCHI

PANNELLO RETRORIFLETTENTE PER MOTRICI. 26 100 100 Pannello retrorif. kit 2 pz. 565x132 mm PANNELLO RETRORIFLETTENTE PER RIMORCHI PANNELLO RETRORIFLETTENTE PER MOTRICI 26 100 100 Pannello retrorif. kit 2 pz. 565x132 mm Pannello in alluminio evidenzia il tipo di veicolo in questo caso motrice, viene fissato generalmente con rivetti

Dettagli

Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Roma. Oggetto: Procedura per il riconoscimento di amianto e bonifica dei DPI e attrezzature utilizzate.

Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Roma. Oggetto: Procedura per il riconoscimento di amianto e bonifica dei DPI e attrezzature utilizzate. Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Roma Oggetto: Procedura per il riconoscimento di amianto e bonifica dei DPI e attrezzature utilizzate. Il responsabile operativo intervenuto provvede alla ricognizione

Dettagli

D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE I GUANTI MONOUSO

D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE I GUANTI MONOUSO OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE I GUANTI MONOUSO a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

ROLE PLAYING: SIMULAZIONE DI SITUAZIONI DI RESPONSABILITA DEL DIRIGENTE IN VARI AMBITI DELLA SICUREZZA SUL LAVORO IN SANITA.

ROLE PLAYING: SIMULAZIONE DI SITUAZIONI DI RESPONSABILITA DEL DIRIGENTE IN VARI AMBITI DELLA SICUREZZA SUL LAVORO IN SANITA. ROLE PLAYING: SIMULAZIONE DI SITUAZIONI DI RESPONSABILITA DEL DIRIGENTE IN VARI AMBITI DELLA SICUREZZA SUL LAVORO IN SANITA. Salute e sicurezza negli ambienti di lavoro in sanità: norme, interpretazione

Dettagli

Schede Tecniche. DPI H05 Calzatura antiacido di classe 1 Pag. 04. DPI H07 Protezione per saldatore per i piedi in pelle crosta di qualità Pag.

Schede Tecniche. DPI H05 Calzatura antiacido di classe 1 Pag. 04. DPI H07 Protezione per saldatore per i piedi in pelle crosta di qualità Pag. PROCEDURA DI COTTIMO FIDUCIARIO PER L AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE PER LA SICUREZZA E LA PROTEZIONE DEI LAVORATORI DELL IGEA SPA IN LIQUIDAZIONE. Allegato 2) al

Dettagli

174 Normativa REQUISITI GENERALI PER GLI INDUMENTI AD ALTA VISIBILITÀ

174 Normativa REQUISITI GENERALI PER GLI INDUMENTI AD ALTA VISIBILITÀ ALTA VISIBILITÀ 174 Normativa X Y EQUISITI GENEALI PE GLI INDUMENTI AD ALTA VISIBILITÀ La normativa specifica i requisiti per gli indumenti ad alta visibilità in grado di segnalare visivamente la presenza

Dettagli

INTERVENTO E BONIFICA A SEGUITO DI SPANDIMENTI ACCIDENTALI DI PRODOTTI O PREPARATI CHIMICI E FARMACI ANTIBLASTICI

INTERVENTO E BONIFICA A SEGUITO DI SPANDIMENTI ACCIDENTALI DI PRODOTTI O PREPARATI CHIMICI E FARMACI ANTIBLASTICI REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO U. O. C. SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE PROCEDURA DI SICUREZZA INTERVENTO E BONIFICA A SEGUITO DI SPANDIMENTI ACCIDENTALI DI PRODOTTI O PREPARATI CHIMICI

Dettagli

Compreso trasporto, montaggio e smontaggio e preparazione della base in cls armata di appoggio.

Compreso trasporto, montaggio e smontaggio e preparazione della base in cls armata di appoggio. ORG: ORGANIZZAZIONE DI CANTIERE ORG.002 DELIMITAZIONI VARIE 1 ORG.001010 Recinzione di cantiere alta cm 200, eseguita ferri tondi infissi in basi cemento, rete metallica elettrosaldata e rete di plastica

Dettagli

POSTAZIONI DI PRONTO INTERVENTO PER IMMEDIATA RIMOZIONE DI INQUINANTI ADATTI PER INDUSTRIE, TRASPORTATORI, OFFICINE, ECC

POSTAZIONI DI PRONTO INTERVENTO PER IMMEDIATA RIMOZIONE DI INQUINANTI ADATTI PER INDUSTRIE, TRASPORTATORI, OFFICINE, ECC assorbenti per oli e prodotti chimici Kit Emergenza POSTAZIONI DI PRONTO INTERVENTO PER IMMEDIATA RIMOZIONE DI INQUINANTI ADATTI PER INDUSTRIE, TRASPORTATORI, OFFICINE, ECC... DIMENSIONI E CONTENUTI COMPONIBILI

Dettagli

Impermeabili CE. Articolo 60200 (giallo) - 60300 (verde) PLUVIO Completo impermeabile giacca e pantaloni in PVC-Poliestere-PVC

Impermeabili CE. Articolo 60200 (giallo) - 60300 (verde) PLUVIO Completo impermeabile giacca e pantaloni in PVC-Poliestere-PVC Impermeabili CE 61 Articolo 60200 (giallo) - 60300 (verde) PLUVIO Completo impermeabile giacca e pantaloni in PVC-Poliestere-PVC Misure: S-M-L-XL-XXL-XXXL Colori: giallo, verde Chiusura con cerniera e

Dettagli

VIA F. NANNETTI 3 Tel. 0331/633303-627530 Fax 0331/678248 21052 BUSTO ARSIZIO (VA) JEANS 50/0181000 CE I CATEGORIA - RISCHI MINIMI

VIA F. NANNETTI 3 Tel. 0331/633303-627530 Fax 0331/678248 21052 BUSTO ARSIZIO (VA) JEANS 50/0181000 CE I CATEGORIA - RISCHI MINIMI JEANS 50/0181000 CE I CATEGORIA - RISCHI MINIMI Pantalone cinque tasche Chiusura con cerniera e bottone Tessuto: 100% Cotone Jeans Colore: Blu Taglie: dalla 42 alla 62 PANTALONE BICOLORE 169/0182000 Tessuto:

Dettagli

ANTINFORTUNISTICA "PROTEZIONE VIE RESPIRATORIE"

ANTINFORTUNISTICA PROTEZIONE VIE RESPIRATORIE ANTINFORTUNISTICA "PROTEZIONE VIE RESPIRATORIE" Mascherina facciale Mascherina facciale, FFP1 Particelle non tossiche; Particelle solide/liquide Nomenclatura EN 149 Codice Modello Tipo filtro Tipo espirazione

Dettagli

cod. MOP5030500-P MOP TNT PROFESSIONAL Mop professional realizzato in tessuto non tessuto ritorto per il lavaggio dei pavimenti.

cod. MOP5030500-P MOP TNT PROFESSIONAL Mop professional realizzato in tessuto non tessuto ritorto per il lavaggio dei pavimenti. 61 cod. MOP5030500-P MOP TNT Mop professional realizzato in tessuto non tessuto ritorto per il lavaggio Lavabile in lavatrice fino a 60 C. cod. MOP6900002 PINZA PER MOP Pinza in plastica per il fissaggio

Dettagli

CALZATURE ANTINFORTUNISTICHE

CALZATURE ANTINFORTUNISTICHE CALZATURE ANTINFORTUNISTICHE STIVALI DUNLOP CIABATTE ANTINFORTUNISTICHE STIVALI NORA SCARPE ANTINFORTUNISTICHE STIVALI COFRA E CALZE 8 CALZATURE ANTINFORTUNISTICHE 69 4 8 CALZATURE ANTINFORTUNISTICHE -

Dettagli

SCHEDA DELLE CARATTERISTICHE TECNICHE DEI D.P.I. UTILIZZATI

SCHEDA DELLE CARATTERISTICHE TECNICHE DEI D.P.I. UTILIZZATI SCHEDA DELLE CARATTERISTICHE TECNICHE DEI D.P.I. UTILIZZATI DPI utilizzato Marca Classe o modello Caratteristiche tecniche Marchiatura CE MODULO DI CONSEGNA D.P.I. - individuale - CONSEGNA DPI ( dispositivi

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. Etica del Volontario. CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Monitore V.d.S. Bellantoni Cristina

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. Etica del Volontario. CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Monitore V.d.S. Bellantoni Cristina CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA Etica del Volontario CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Monitore V.d.S. Bellantoni Cristina Legge 266/91 sul volontariato: Attività di volontariato è quella

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione IL D.LGS. 81/08 (come già previsto dal D.Lgs.. 626/94) INDICA IL PERCORSO DA COMPIERE PER INNALZARE IL LIVELLO DI SICUREZZA E QUALITA

Dettagli

A B B I G L I A M E N T O LINEA WORKWEAR. Legenda simboli. Categorie di sicurezza. Resistenza allo scivolamento EN ISO 13287:2007

A B B I G L I A M E N T O LINEA WORKWEAR. Legenda simboli. Categorie di sicurezza. Resistenza allo scivolamento EN ISO 13287:2007 Calzature Antinfortunistiche Da Lavoro 82 Legenda simboli Puntale di protezione Assorbimento energia nel tallone Suola antiscivolo HRO 300 C Categorie di sicurezza Calzatura antistatica Lamina o soletta

Dettagli

REGOLAMENTO MASSA VESTIARIO

REGOLAMENTO MASSA VESTIARIO COMUNE DI BERTINORO Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO MASSA VESTIARIO Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n 71 del 09.05.2013 Capo I - Disposizioni generali Art. 1: Oggetto del regolamento

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

Colonna Mobile Regionale ARI

Colonna Mobile Regionale ARI Colonna Mobile Regionale ARI Operatività Mezzi Compiti Dotazioni (Work in progress) 1 Requisiti di intervento Intervento programmato postumo a emergenze maggiori : CMR Tre FASI : 1 * Scouting da parte

Dettagli

DuPont Personal Protection. Siete sicuri d indossare la tuta adatta alle vostre esigenze?

DuPont Personal Protection. Siete sicuri d indossare la tuta adatta alle vostre esigenze? DuPont Personal Protection Siete sicuri d indossare la tuta adatta alle vostre esigenze? La scelta dell indumento giusto: una questione vitale DuPont è riconosciuta da tempo per la sua posizione di leader

Dettagli

PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v

PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v Cesena, 12 settembre 2009 Direzione Infermieristica e Tecnica Paola Ceccarelli PRECAUZIONI DA ADOTTARE Popolazione: misure

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

930m 2 con il contenuto di un secchio*

930m 2 con il contenuto di un secchio* Rubbermaid HYgen TM CLEAN WATER SYSTEM Pulisce fino a 930m 2 con il contenuto di un secchio* * Test condotto a cura dell American Institute of Cleaning Science e British Institute of Cleaning Science.

Dettagli

PROTEZIONE DELLA VISTA E DEL CAPO

PROTEZIONE DELLA VISTA E DEL CAPO NORME EUROPEE PER LA PROTEZIONE DELLA VISTA Norme principali Norme per tipologia di filtro (lenti) Saldatura EN116 Requisiti di base EN169 Filtri per saldatura EN175 Dispositivi per la protezione degli

Dettagli

A.S.L. Provincia di Bergamo. A.S.L. Provincia di Cremona. A.S.L. Provincia di Lodi. A.S.L. Provincia di Lecco. A.S.L.

A.S.L. Provincia di Bergamo. A.S.L. Provincia di Cremona. A.S.L. Provincia di Lodi. A.S.L. Provincia di Lecco. A.S.L. AMIANTO? AMIANTO? ENTI A.S.L. Provincia di Bergamo A.S.L. Provincia di Cremona A.S.L. Provincia di Lodi A.S.L. Provincia di Lecco A.S.L. Città di Milano A CURA DI: E. ZITO - E. ARIANO A.S.L. Provincia

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE DELL ERSU DI URBINO N. 54/ERSUURB DEL 12/03/2014

DETERMINA DEL DIRETTORE DELL ERSU DI URBINO N. 54/ERSUURB DEL 12/03/2014 1 DETERMINA DEL DIRETTORE DELL ERSU DI URBINO N. 54/ERSUURB DEL 12/03/2014 Oggetto: fornitura prodotti cartacei e piccole attrezzature Igiene Service via S. Francesco - Mondavio periodo 1 marzo / dicembre

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. I Dispositivi di Protezione Individuale D P I

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. I Dispositivi di Protezione Individuale D P I SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA I Dispositivi di Protezione Individuale D P I DISPOSITIVI di PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) DPI: qualsiasi attrezzatura indossata e tenuta dal lavoratore

Dettagli

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca LA SICUREZZA IN LABORATORIO di F. Luca IN LABORATORIO NORME DI COMPORTAMENTO X. NON correre. NON ingombrare con gli zaini lo spazio intorno ai banconi di lavoro o in prossimità delle uscite X. NON mangiare

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 8 revisione del 20/10/2014 SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Nome commerciale: Granuli di noce. 1.2. Nome del prodotto: Granuli di gusci di noce. 1.3.

Dettagli

(2003/C 87/02) (Testo rilevante ai fini del SEE)

(2003/C 87/02) (Testo rilevante ai fini del SEE) C 87/2 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 10.4.2003 Comunicazione della Commissione nel quadro dell'applicazione della direttiva 89/686/CEE del Consiglio, del 21 dicembre 1989, relativa ai «Dispositivi

Dettagli

CHECKLIST PER SALUTE E SICUREZZA

CHECKLIST PER SALUTE E SICUREZZA CHECKLIST PER SALUTE E SICUREZZA Utilizza questa semplice checklist per verificare se hai tutti i prodotti per la salute e la sicurezza, necessari per garantirti un luogo di lavoro sicuro e sano, oltre

Dettagli

Pulisci l acqua per pulire meglio. Rubbermaid HYGEN CLEAN WATER SYSTEM

Pulisci l acqua per pulire meglio. Rubbermaid HYGEN CLEAN WATER SYSTEM Pulisci l acqua per pulire meglio Rubbermaid HYGEN CLEAN WATER SYSTEM PRESTAZIONI GARANTITE Il massimo in termini di igiene e sicurezza SISTEMA ALL-IN-ONE Per ottimizzare la produttività TRAINING E ASSISTENZA

Dettagli

A.S.L. Provincia di Bergamo. A.S.L. Provincia di Cremona. A.S.L. Provincia di Lodi. A.S.L. Provincia di Lecco. A.S.L.

A.S.L. Provincia di Bergamo. A.S.L. Provincia di Cremona. A.S.L. Provincia di Lodi. A.S.L. Provincia di Lecco. A.S.L. AMIANTO? ENTI A.S.L. Provincia di Bergamo A.S.L. Provincia di Cremona A.S.L. Provincia di Lodi A.S.L. Provincia di Lecco A.S.L. Città di Milano A CURA DI: E. ZITO - E. ARIANO A.S.L. Provincia di LODI R.

Dettagli

ANTINFORTUNISTICA ANTINFORTUNISTICA

ANTINFORTUNISTICA ANTINFORTUNISTICA L introduzione della normativa comunitaria in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, ha dato un forte impulso al settore dell antifortunistica. Guanti, scarpe, abbigliamento da lavoro da semplici accessori

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE 1 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE L informazione e la formazione all uso corretto dei mezzi di protezione individuale (DPI) assumono un ruolo fondamentale nella prevenzione delle patologie e degli

Dettagli

Dispositivi di Protezione Individuale

Dispositivi di Protezione Individuale Dispositivi di Protezione Individuale Introduzione Legislazione Analisi dei rischi Scelta dei DPI DPI per l antincendio boschivo Realizzato da: Dott. Ing. Paolo Ferrari INTRODUZIONE L attività di antincendio

Dettagli