PARTE I AMMINISTRAZIONE REGIONALE TITOLO I PRESIDENZA DELLA REGIONE. CAPO I Direzione generale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTE I AMMINISTRAZIONE REGIONALE TITOLO I PRESIDENZA DELLA REGIONE. CAPO I Direzione generale"

Transcript

1 Testo coordinato dell allegato alla DGR del 13 settembre 2013, n (come modificato con DGR n. 1720/2013, n. 1810/2013, n. 2082/2013, n. 2494/2013, n. 402/2014, n. 760/2014, n. 1197/2014, n. 1550/2014, n. 1798/2014, n. 1935/2014, n. 2410/2014, n. 2627/2014) Articolazione e declaratoria delle funzioni delle strutture organizzative della Presidenza della Regione, delle Direzioni centrali e degli Enti regionali PARTE I AMMINISTRAZIONE REGIONALE TITOLO I PRESIDENZA DELLA REGIONE CAPO I Direzione generale Art. 1 1 (Direzione generale) 1. La Direzione generale, equiparata a direzione centrale, opera a supporto dell attività del Direttore generale svolgendo funzioni di impulso della gestione della Regione e garantendo il coordinamento e la continuità dell attività delle direzioni centrali. 2. La Direzione generale in particolare: a) propone alla Giunta regionale atti di indirizzo per il coordinamento delle attività delle direzioni centrali; b) predispone la proposta di relazione politico programmatica in collaborazione con la Direzione centrale finanze, patrimonio, coordinamento e programmazione politiche economiche e comunitarie; c) collabora, a fini di coordinamento e integrazione, con le direzioni centrali nella formazione di piani e programmi di settore; d) assicura il coordinamento per l assunzione di comportamenti omogenei in materia di tutela dei dati personali; e) tratta gli affari generali e quelli non rientranti nella competenza di altre strutture regionali; f) svolge funzioni di internal audit; g) cura le attività di audit, in piena autonomia e senza vincoli gerarchici, sui programmi finanziati dall Unione Europea; h) elabora, in attuazione del programma di governo, le linee di intervento di lungo periodo delle politiche regionali e ne verifica l attuazione attraverso gli strumenti di analisi, valutazione e controllo strategico e di gestione; i) predispone il Piano strategico regionale, tenuto anche conto delle proposte formulate dalle direzioni centrali; j) cura e coordina le attività finalizzate alla promozione di uno sviluppo sostenibile che tenga conto degli aspetti sociali, ambientali ed economici del territorio e delle popolazioni; k) cura gli adempimenti in materia statistica della Regione; l) coordina e verifica l attività connessa alla sicurezza, prevenzione e protezione dai rischi professionali, procedendo agli adempimenti previsti dal decreto legislativo n. 81/2008 con l assunzione degli obblighi e oneri previsti in capo al datore di lavoro dalla legge medesima; m) promuove e coordina le politiche regionali in materia di comparto unico del pubblico impiego regionale e locale; n) promuove e cura progetti e iniziative per l innovazione nelle pubbliche amministrazioni con particolare riferimento a quelle del comparto unico del pubblico impiego regionale e locale; o) cura le attività relative alla contrattazione collettiva e alle relazioni con le parti sindacali; 1 Articolo sostituito con DGR 760 dd. 17 aprile

2 p) cura la formazione del personale regionale nonché, in collaborazione con la Direzione centrale funzione pubblica, autonomie locali e coordinamento delle riforme, quella del comparto unico del pubblico impiego regionale e locale ad eccezione degli aspetti correlati all attuazione del disposto di cui all articolo 4 della legge regionale 26 marzo 2014, n. 3; q) cura e coordina le attività in materia di assetto organizzativo delle strutture dell Amministrazione regionale e degli enti regionali da essa dipendenti nonché delle rispettive dotazioni organiche; r) cura, per quanto di competenza, gli adempimenti relativi allo stato giuridico del personale regionale; s) formula pareri, nelle materie di competenza, in ordine ad atti di altri enti sottoposti al controllo e alla vigilanza della Regione; t) garantisce il supporto tecnico specialistico all Organismo Indipendente di Valutazione di cui all articolo 6 della legge regionale 11 agosto 2010, n. 16 per le attività di competenza dell Organismo medesimo; u) promuove interventi ed iniziative per l analisi e lo sviluppo del benessere organizzativo; v) cura le attività correlate alle competenze poste dalla disciplina statale in capo all ufficio competente per i procedimenti disciplinari ai sensi dell articolo 2, comma 2, secondo periodo, della legge regionale 11 agosto 2010, n. 16; v bis) cura l attività concernente lo sviluppo e la gestione dei sistemi informativi regionali e tratta gli affari relativi all attuazione delle politiche dell e-government in ambito regionale; 2 v ter) cura la pianificazione strategica per lo sviluppo della Società dell Informazione; 3 v quater) promuove, supporta e sovrintende alla razionalizzazione dei termini e delle modalità operative che regolano i rapporti con la società in house Insiel s.p.a., in sinergia con le attività di sviluppo e gestione del sistema informativo regionale Nell esercizio delle funzioni indicate dalla lettera m) alla lettera v) la Direzione Generale si avvale della collaborazione e del supporto della Direzione centrale funzione pubblica, autonomie locali e coordinamento delle riforme in relazione alle materie di competenza di quest ultima direzione. 4. Presso la Direzione generale opera il responsabile della trasparenza e della prevenzione della corruzione, di cui all articolo 43 del Decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33 e all articolo 1, comma 7, della Legge 6 novembre 2012, n Art. 2 5 (Servizi della Direzione generale) 1. Alle dipendenze della Direzione generale operano: a) il Servizio programmazione, pianificazione strategica, controllo di gestione e statistica; b) il Servizio Audit; c) il Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali; c bis) il Servizio sistemi informativi ed e-government. 6 1 bis. I Servizi di cui al comma 1, lettere a) e c bis) sono ricompresi nell ambito dell Area programmazione, controllo, sistemi informativi e sicurezza. 7 Art. 3 (Servizio programmazione, pianificazione strategica, controllo di gestione e statistica) 1. Il Servizio programmazione, pianificazione strategica, controllo di gestione e statistica: a) cura la predisposizione del Piano strategico regionale (P.S.R.); b) collabora con le direzioni centrali nella formazione di piani e programmi per assicurare coerenza, adeguatezza, integrazione e coordinamento degli obiettivi e delle azioni; c) predispone, con la collaborazione delle direzioni centrali, rapporti periodici sullo stato di attuazione di piani, programmi e progetti, sull uso delle risorse e sul grado di raggiungimento degli obiettivi; d) opera quale parte integrante del Sistema statistico nazionale (SISTAN) in adempimento a quanto previsto dall articolo 13 della legge regionale 25 luglio 2012, n. 14 in qualità di interlocutore della Regione con il 2 Lettera introdotta con DGR 2627 dd. 30 dicembre Lettera introdotta con DGR 2627 dd. 30 dicembre Lettera introdotta con DGR 2627 dd. 30 dicembre Articolo sostituito con DGR 760 dd. 17 aprile Lettera introdotta con DGR 2627 dd. 30 dicembre Comma introdotto con DGR 2627 dd. 30 dicembre

3 sistema medesimo indirizza, coordina, elabora e raccoglie le statistiche regionali, anche partecipando, in collaborazione con le direzioni centrali interessate, alla costruzione di banche dati e alla messa a punto dei sistemi informativi di settore; e) cura gli adempimenti statistici a carico della Regione previsti dalla legislazione vigente e dal Programma statistico nazionale; f) elabora studi e ricerche statistiche a supporto degli uffici regionali e cura la pubblicazione e la diffusione dei dati; g) coordina e verifica l'attività connessa alla sicurezza, prevenzione e protezione dai rischi professionali, ai sensi del decreto legislativo n. 81/2008 e successive modificazioni ed integrazioni. Art. 4 (Servizio Audit) 1. Il Servizio Audit, con sede a Gorizia: a) per la programmazione dei Fondi Strutturali opera quale strumento per l effettuazione dei controlli sulla correttezza del sistema di gestione e sull attendibilità delle domande finali di pagamento che l Amministrazione regionale inoltra agli organismi comunitari ai sensi degli articoli 10, 11 e 12 del Regolamento comunitario 2 marzo 2001, n. 438 della Commissione, nonché effettua le dichiarazioni sulle domande di pagamento finali ai sensi dell articolo 15 del Regolamento stesso; b) per la programmazione dei Fondi Comunitari e FAS e è designato quale autorità di Audit, ai sensi dei Regolamenti comunitari in materia; con riferimento ad eventuali ulteriori azioni finanziate dall Unione Europea, cura ogni altra attività di audit richiesta; 8 c) collabora, a fini di coordinamento, con le direzioni centrali per la trasmissione alla Banca dati anagrafica nazionale delle informazioni relative agli aiuti pubblici concessi alle imprese ai fini della verifica del rispetto del divieto di cumulo delle agevolazioni secondo quanto previsto dal Decreto Ministeriale 18 ottobre 2002 e successive modifiche e integrazioni; d) soppressa; 9 e) svolge funzioni di internal audit. Art. 4 bis 10 (Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali) 1. Il Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali: a) svolge attività di impulso e di coordinamento delle politiche regionali in materia di comparto unico del pubblico impiego regionale e locale; b) promuove e cura progetti e iniziative per l innovazione nelle pubbliche amministrazioni, con particolare riferimento a quelle del comparto unico del pubblico impiego regionale e locale, anche mediante l attivazione di progetti mirati, la sperimentazione, lo sviluppo e la diffusione di metodologie e strumenti innovativi; c) promuove e realizza studi e ricerche su tematiche relative alle pubbliche amministrazioni; d) cura le attività relative alla contrattazione collettiva di ente e del comparto unico del pubblico impiego regionale e locale, nonché gli aspetti afferenti le relazioni con le parti sindacali assicurando il supporto alle Delegazioni trattanti di parte pubblica; e) cura la formazione del personale pubblico con particolare riferimento a quello del comparto unico del pubblico impiego regionale e locale; f) svolge attività di documentazione, ricerca e consulenza a favore degli Enti locali in merito agli istituti dei contratti collettivi del comparto unico; g) cura l attività di monitoraggio della contrattazione collettiva integrativa delle Amministrazioni del comparto unico del pubblico impiego regionale e locale nonché, a livello generale, degli aspetti relativi alla spesa della contrattazione collettiva; h) svolge attività di studio, ricerca e analisi in materia di organizzazione finalizzati al miglioramento della funzionalità e alla definizione del fabbisogno di personale nonché all istituzione degli Uffici unici di comparto; 8 Lettera sostituita con DGR 1935 dd. 17 ottobre Lettera soppressa con DGR 1935 dd. 17 ottobre Articolo introdotto con DGR 760 dd. 17 aprile

4 i) provvede alla programmazione dei fabbisogni e agli adempimenti necessari alle assunzioni di personale regionale nonché a quelli relativi alla valutazione, alla progressione di carriera del personale medesimo e alla pesatura di posizione; j) cura gli aspetti generali inerenti l ordinamento del personale regionale per i procedimenti di competenza del servizio; k) cura e predispone gli atti relativi alle strutture organizzative dell Amministrazione regionale e degli enti regionali e al relativo organico; l) cura gli atti relativi agli incarichi, alle assegnazioni, ai trasferimenti e ai comandi; m) cura, nel rispetto della disciplina di settore, l'attività amministrativa nella materia disciplinare concernente il personale regionale; n) coordina l attività afferente il contenzioso del lavoro fornendo la relativa collaborazione all Avvocatura della Regione; o) formula pareri, nelle materie di competenza, in ordine ad atti di altri enti sottoposti al controllo e alla vigilanza della Regione; p) supporta le direzioni nell espletamento dei compiti di pesatura di posizione e di valutazione ai fini dell erogazione delle indennità accessorie di risultato. Art. 4 ter 11 (Servizio sistemi informativi ed e-government) 1. Il Servizio sistemi informativi ed e-government: a) pianifica, sviluppa e gestisce il sistema informativo regionale SIR in relazione alle esigenze delle strutture ed enti regionali; b) coordina e cura lo sviluppo e la gestione dei sistemi informativi delle amministrazioni di cui alle leggi regionali 17 aprile 1972, n.22 e 4 giugno 2010, n.8 e successive modifiche ed integrazioni; c) definisce gli standard, assicura l approvvigionamento e cura la disponibilità delle dotazioni informatiche dell Amministrazione regionale; d) cura lo sviluppo e la realizzazione di servizi sia applicativi che infrastrutturali per l attuazione delle politiche dell e-government, con particolare riguardo all integrazione ed all interoperatività dell azione tra enti e soggetti territoriali e nazionali; e) promuove la diffusione degli strumenti previsti dal D.lgs. n. 82/2005; f) partecipa all elaborazione dei piani regionali di sviluppo informatico al fine di garantire il coordinamento e la coerenza dell azione di e-government territoriale; g) cura i rapporti con la PAC, il DigitPA (ex CNIPA) e con il CISIS Centro Interregionale per i Sistemi Informatici e Statistici in tema di << Società dell Informazione nella P.A. >>; h) promuove la diffusione della Carta Regionale dei Servizi (CRS) e l implementazione di servizi innovativi basati su << strong authentication >>; i) supporta il Servizio pianificazione territoriale per quanto riguarda gli aspetti informatici inerenti lo sviluppo e la gestione del SITER; j) attua i piani di sviluppo e conduzione del sistema informatico del SSR definiti in collaborazione con la Direzione centrale salute, integrazione sociosanitaria, politiche sociali e famiglia; k) gestisce per conto della Direzione centrale salute, integrazione sociosanitaria, politiche sociali e famiglia il sistema informatico sociosanitario regionale e delle Aziende sanitarie integrando gli applicativi aziendali; l) partecipa ai tavoli ministeriali ed ai progetti nazionali ed internazionali; m) cura, per quanto di competenza, l esercizio del controllo analogo sulla società di informatica in house secondo le indicazioni definite dalla Giunta regionale. 11 Articolo introdotto con DGR 2627 dd. 30 dicembre

5 CAPO II Segretariato generale Art. 5 (Segretariato generale) 1. Il Segretariato generale: a) coadiuva il Presidente della Regione nell esercizio delle attribuzioni; b) coordina i rapporti giuridico - amministrativi con gli organi dello Stato; c) tratta gli affari giuridici connessi con l innovazione ordinamentale e con le riforme istituzionali di rilievo nazionale e concorre alla definizione delle problematiche giuridico-istituzionali connesse con la revisione dello Statuto di autonomia e con le norme di attuazione statutaria; d) tratta gli affari istituzionali riguardanti la Giunta, quale organo collegiale esecutivo della Regione nonché gli affari connessi alle attribuzioni amministrative proprie del Presidente della Regione, assicurando il relativo supporto tecnico-burocratico; e) esercita le funzioni relative all impianto e alla tenuta dei libri fondiari; f) cura gli adempimenti amministrativi nel settore degli usi civici; g) assicura il coordinamento dell attività contrattuale; h) cura l attività di vigilanza e controllo sulle Camere di commercio, industria, agricoltura e artigianato; i) cura le attività di supporto degli organi ad esso attribuiti da leggi e regolamenti; j) assicura il coordinamento degli archivi esistenti presso le altre strutture direzionali e gestisce la biblioteca generale della Giunta regionale; k) provvede alla determinazione e al pagamento delle indennità al Presidente della Regione, agli Assessori regionali e ai componenti di nomina regionale della Commissione paritetica per l attuazione dello Statuto e al trasferimento dei fondi necessari al funzionamento del Consiglio regionale; k bis) cura le attività necessarie alla formazione ed approvazione degli strumenti della programmazione negoziata e di specifici programmi d intervento; 12 k ter) fornisce supporto all attività di iniziativa legislativa della Giunta regionale mediante la collaborazione con le strutture competenti di settore nella predisposizione dei disegni di legge, con particolare riguardo a quelli di carattere organico e di riforma, nell analisi tecnico normativa e di impatto della regolazione e nella valutazione di fattibilità, nella revisione e nel coordinamento degli schemi legislativi e regolamentari predisposti dalle predette strutture nonché nella consulenza legislativa, in particolare in ordine ai profili istituzionali dei rapporti Stato - Regione; elabora proposte per la riforma e la semplificazione del sistema normativo regionale e per la qualità dei processi normativi. 13 Art. 6 (Servizi del Segretariato generale) 1. Il Segretariato generale si articola nei seguenti servizi: a) Servizio affari istituzionali e generali, legislazione e semplificazione; 14 b) Servizio affari della Presidenza e della Giunta; c) Servizio Libro fondiario e usi civici. Art (Servizio affari istituzionali e generali, legislazione e semplificazione) 1. Il Servizio affari istituzionali e generali, legislazione e semplificazione: a) coadiuva il Segretario generale nella cura e gestione dei rapporti con lo Stato, fornendo il supporto giuridico - amministrativo; 12 Lettera introdotta con DGR 760 dd. 17 aprile Lettera introdotta con DGR 1550 dd. 7 agosto Lettera modificata con DGR 1550 dd. 7 agosto Articolo sostituito con DGR 1550 dd. 7 agosto

6 b) tratta gli affari giuridici connessi con l innovazione ordinamentale e con le riforme istituzionali di rilievo nazionale e concorre alla definizione delle problematiche giuridico - istituzionali connesse con la revisione dello Statuto di autonomia e con le norme di attuazione statutaria; c) cura gli affari generali e svolge le attività amministrative e contabili di competenza del Segretariato generale e di quelle non attribuite ad altri Servizi; d) cura l attività amministrativa, tecnica, operativa e di segreteria a supporto degli organi attribuiti al Segretariato generale; e) provvede alla determinazione e al pagamento delle indennità al Presidente della Regione, agli Assessori regionali e ai componenti di nomina regionale della Commissione paritetica per l attuazione dello Statuto; f) provvede al trasferimento dei fondi necessari al funzionamento del Consiglio regionale; g) gestisce la biblioteca generale della Giunta regionale e assicura il coordinamento degli archivi esistenti presso le altre strutture direzionali; h) predispone gli atti diretti al riconoscimento della personalità giuridica di associazioni e fondazioni e cura la tenuta del registro delle persone giuridiche ai sensi del D.P.R. n. 361/2000; i) assicura l attività di vigilanza e controllo sulle Camere di commercio, industria, agricoltura e artigianato; j) cura la tenuta del Repertorio degli atti negoziali pubblici regionali; k) svolge gli adempimenti preordinati alla stipulazione degli atti contrattuali pubblici in cui è parte l'amministrazione regionale, coordina ed indirizza l attività degli Ufficiali roganti aggiunti. l) assicura il coordinamento nell applicazione della disciplina vigente in materia di rogazione degli atti negoziali in forma pubblica della Regione; m) cura le attività necessarie alla formazione ed approvazione degli strumenti della programmazione negoziata e di specifici programmi d intervento; 16 n) collabora con le direzioni centrali nella predisposizione di disegni di legge e bozze di regolamenti valutando, in particolare, la loro conformità agli obiettivi della semplificazione legislativa e amministrativa; o) svolge attività di consulenza legislativa, in particolare in ordine ai profili istituzionali dei rapporti Stato- Regione e all interpretazione ed applicazione di leggi e regolamenti; p) cura l attività di programmazione legislativa; q) effettua il coordinamento giuridico per l applicazione regionale del diritto comunitario, curando in particolare i relativi adempimenti normativi; r) elabora proposte per la riforma e la semplificazione del sistema normativo regionale e la qualità dei processi normativi; s) supporta le direzioni centrali nell analisi tecnico normativa dei disegni di legge, nell analisi di impatto della regolazione e nella valutazione di fattibilità delle leggi; t) partecipa ad organismi di livello nazionale e interregionale nelle materie di competenza e partecipa all Osservatorio legislativo interregionale. Art. 8 (Servizio affari della Presidenza e della Giunta) 1. Il Servizio affari della Presidenza e della Giunta: a) cura la trattazione di tutti gli affari che riguardano la Giunta regionale, quale organo collegiale esecutivo della Regione; b) assicura il riscontro, sotto il profilo giuridico formale, degli atti da sottoporre all esame della Giunta regionale svolgendo le preventive attività di coordinamento e acquisendo le valutazioni e i pareri degli uffici interessati; c) cura i rapporti con il Consiglio regionale relativamente ai disegni di legge approvati dalla Giunta regionale; d) cura la trattazione degli affari relativi alle attribuzioni amministrative proprie del Presidente della Regione, quale organo amministrativo della Regione; e) cura gli adempimenti per la promulgazione e pubblicazione delle leggi, dei regolamenti e degli altri atti previsti e provvede alla redazione del Bollettino ufficiale della Regione. Art Lettera introdotta con DGR 760 dd. 17 aprile

7 (Servizio Libro fondiario e usi civici) 1. Il Servizio Libro fondiario e usi civici: a) sovrintende alle funzioni relative all impianto e alla tenuta dei libri fondiari; b) svolge compiti di coordinamento, vigilanza e controllo dei dipendenti Uffici tavolari, al fine del raggiungimento degli obiettivi di efficacia, efficienza ed omogeneità del sistema tavolare regionale; c) predispone provvedimenti legislativi, normativi, atti generali, di indirizzo e coordinamento in materia di tenuta del libro fondiario, curando i rapporti con i competenti organi statali e categorie professionali che operano nel sistema di pubblicità immobiliare; d) cura in accordo con la struttura competente in materia di sistema informativo regionale, la definizione dei programmi di informatizzazione del Servizio libro fondiario nel contesto di una coordinata realizzazione del sistema informativo; e) assicura l attività di accesso alla banca dati del libro fondiario; f) cura gli adempimenti amministrativi nel settore degli usi civici. 1 bis. Il Servizio è articolato nei seguenti uffici tavolari, che conservano i libri fondiari dei comuni catastali ai sensi dell'articolo 4 della legge regionale 11 agosto 2010, n. 15 e successive modifiche ed integrazioni: - Ufficio tavolare di Trieste; - Ufficio tavolare di Monfalcone; - Ufficio tavolare di Gorizia; - Ufficio tavolare di Gradisca d'isonzo; - Ufficio tavolare di Cervignano del Friuli; - Ufficio tavolare di Pontebba. 7

8 CAPO III Uffici della Presidenza della Regione Art. 10 (Ufficio di Gabinetto) 1. L Ufficio di Gabinetto, cui è preposto il Capo di Gabinetto: a) cura, assicurandone il relativo supporto, le relazioni politico-istituzionali del Presidente nei rapporti con il Consiglio regionale, con lo Stato, con le Regioni e le altre istituzioni pubbliche; b) assiste il Vice Presidente nell esercizio delle sue funzioni vicarie; c) svolge le attività necessarie per l esercizio delle funzioni di impulso, di indirizzo, di raccordo e di coordinamento relativamente agli Uffici di diretta collaborazione del Presidente; d) assiste e supporta il Presidente della Regione nelle attività relative alla Conferenza dei Presidenti, alla Conferenza Stato-Regioni e alla Conferenza Unificata; e) tratta la materia delle interrogazioni, delle interpellanze e delle mozioni nonché le risposte agli atti parlamentari di controllo e di indirizzo riguardanti l'amministrazione; f) partecipa, su incarico del Presidente, a comitati ed organismi amministrativi; g) tratta la materia relativa alle nomine e alle designazioni di competenza del Presidente della Regione e della Giunta regionale, ivi compresi gli adempimenti relativi alla tenuta della situazione patrimoniale dei soggetti nominati; h) cura gli affari del cerimoniale e della rappresentanza della Regione, con particolare riferimento agli impegni protocollari e alle relazioni esterne del Presidente; i) svolge l attività istruttoria preliminare alla concessione dei patrocini e dei comitati d'onore; j) cura i servizi di traduzione della Giunta regionale. 2. Alle dipendenze dell Ufficio di Gabinetto, per assistere il Presidente della Regione e gli Assessori nello svolgimento delle loro funzioni nella capitale, è distaccato un Ufficio in Roma. Tale Ufficio, subordinatamente alle esigenze della Giunta regionale, può offrire supporto e assistenza ai consiglieri regionali e ai Parlamentari del Friuli Venezia Giulia con riferimento alle attività istituzionali di questi nella città di Roma. L Ufficio svolge inoltre le attività inerenti la domiciliazione dell Avvocatura della Regione presso l Ufficio di Roma, con particolare riferimento all assistenza e supporto dato nella notificazione e presentazione degli atti presso la Corte Costituzionale, il Consiglio di Stato, la Corte di Cassazione, il TAR del Lazio, la Corte di Appello di Roma e il Tribunale Superiore delle acque pubbliche. 3. Alle dipendenze dell Ufficio di Gabinetto possono essere istituiti nelle città capoluogo di provincia della Regione appositi uffici con finalità di supporto nell attività politico-istituzionale del Presidente della Regione e della Giunta regionale e per lo svolgimento delle attività inerenti la domiciliazione dell Avvocatura della Regione relativamente all assistenza e supporto nella notificazione e presentazione di atti. 8

9 Art. 11 (Ufficio Stampa e comunicazione) 1. L Ufficio Stampa e comunicazione, cui è preposto un direttore di servizio, coordina le attività di informazione, comunicazione e pubbliche relazioni per, promuovere la conoscenza della Regione e delle relative attività, nonché per assicurare la corretta circolazione delle notizia sull operatività dell Amministrazione e degli Enti alla stessa collegati. 2. L Ufficio Stampa e comunicazione, in particolare: a) assicura l attività giornalistica dell Agenzia Regione Cronache, cui è preposto un direttore responsabile, e che è caratterizzata dall autonomia funzionale prevista dall articolo 254, comma 4, della legge regionale 7/1988, si occupa dell attività di informazione, di documentazione e di divulgazione dell operato del Presidente della Regione e della Giunta regionale, provvedendo alla diffusione di notiziari e di pubblicazioni ed alla distribuzione agli organi d informazione di materiale giornalistico da utilizzare per servizi radiofonici, audiovisivi e televisivi; b) cura gli adempimenti del Presidente della Regione per la funzione di editore di testate periodiche; c) cura la realizzazione di documentari, di filmati per uso televisivo nonché di servizi fotografici; d) gestisce la comunicazione istituzionale alla cittadinanza per mezzo di tutti gli strumenti di informazione, definisce e coordina gli indirizzi per la comunicazione sul web, cura inoltre la realizzazione, anche con la progettazione grafica, di iniziative per la diffusione della conoscenza delle attività dell Amministrazione e per la promozione regionale; 17 e) promuove e gestisce gli eventi, i convegni e le manifestazioni relativi alle attività istituzionali della Presidenza e della Giunta regionale, anche per assicurare la migliore conoscenza dell attività della Regione; f) gestisce i contatti con il pubblico attraverso gli sportelli degli uffici relazioni con il pubblico (U.R.P.) per facilitare, migliorare ed estendere l accesso all attività della Regione, con l evidenza delle informazioni di pubblica utilità, dei diritti di partecipazione, dell informazione sugli atti e sullo stato dei procedimenti, anche al fine di raccogliere proposte dirette all Amministrazione; g) gestisce e sovrintende all applicazione del coordinato d immagine; h) cura gli interventi di competenza della Presidenza della Regione per la stampa periodica, per l informazione radiotelevisiva e per la produzione fotocinematografica e televisiva. i) cura l inserimento delle informazioni sull attività istituzionale del Presidente e della Giunta regionale nel sito internet della Regione. 3. L Ufficio svolge le attività amministrative e contabili di competenza per la realizzazione di quanto previsto al comma Lettera modificata con DGR 1720 dd. 19 settembre

10 CAPO IV Strutture della Presidenza della Regione equiparate a direzioni centrali Art (Avvocatura della Regione) 1. L Avvocatura della Regione, struttura equiparata a direzione centrale: a) svolge attività consultiva e di assistenza, anche in fase precontenziosa o stragiudiziale, che si concreta nella formulazione di pareri legali su schemi di contratti e capitolati di contenuto complesso e di ogni altro provvedimento che possa dar luogo a liti, nonché di pareri giuridico-amministrativo-legali, rivolti all interpretazione ed applicazione di leggi e regolamenti; b) in attuazione del DPR 23 gennaio 1965, n. 78 Estensione alla Regione Friuli-Venezia Giulia del patrocinio legale dell Avvocatura dello Stato e dell art. 13 del DPR 15 gennaio 1987, n. 469 Norme integrative di attuazione dello Statuto speciale della Regione Friuli-Venezia Giulia svolge stabilmente attività legale, che si esplica nella trattazione delle controversie nelle quali siano parti processuali la Regione, gli enti menzionati nell articolo 11 dello Statuto nel caso di liti relative a funzioni delegate e gli enti strumentali regionali. Tale funzione si svolge con la rappresentanza diretta degli avvocati della Avvocatura in tutti i giudizi, davanti alla Corte costituzionale, alla Corte di giustizia dell Unione europea e in ogni stato e grado nei giudizi avanti alla Magistratura ordinaria, amministrativa, contabile e tributaria, nei procedimenti davanti a ogni altro organo giurisdizionale e nei procedimenti arbitrali, ovvero con l assistenza dell Avvocatura dello Stato, quando l Ente Regione si avvale del relativo patrocinio, ovvero, infine, per il tramite di difensori del libero foro; c) collabora alla fase pre e post contenziosa per l adeguamento dell ordinamento giuridico regionale alle decisioni della Corte Costituzionale e della Corte di Giustizia; d) cura la formazione e l aggiornamento professionale degli avvocati e di dipendenti della Avvocatura della Regione, promuovendo iniziative anche in favore degli avvocati iscritti agli Albi speciali, in coordinamento con gli Ordini professionali; 2. L Avvocatura della Regione svolge le sue funzioni a favore di tutte le strutture dell Amministrazione regionale e degli enti strumentali, con modalità di collaborazione continuativa e sulla base di criteri di specializzazione corrispondenti ad aree omogenee di competenza amministrativa. In particolare, formula pareri per il Presidente della Regione, per la Giunta regionale ed i suoi componenti e per le articolazioni organizzative dell Amministrazione regionale. 3. L Avvocatura della Regione cura la documentazione giuridica relativa alle diverse aree di intervento regionale e la sua diffusione, anche attraverso la tenuta di un massimario della giurisprudenza relativa a decisioni riguardanti la Regione. Effettua il monitoraggio del contenzioso riguardante le varie strutture dell Amministrazione regionale, con l eventuale formulazione di proposte risolutive sul piano legislativo e amministrativo. 4. Il tirocinio professionale di cui all art. 41 L. 31 dicembre 2012, n. 247 Nuova disciplina dell ordinamento della professione forense può essere svolto presso l Avvocatura della Regione. Con regolamento adottato previa deliberazione della Giunta regionale, sentito l Avvocato della Regione, sono stabiliti il numero massimo di praticanti, i requisiti, i criteri di selezione, la durata e lo svolgimento del tirocinio. 18 Articolo sostituito con DGR 1720 dd. 19 settembre

11 Art. 13 (Protezione civile della Regione) 1. La Protezione civile della Regione, struttura equiparata a direzione centrale con sede in Palmanova, coordina e gestisce in modo unitario le attività di protezione civile previste dalla legislazione regionale, nonché quelle demandate dalla normativa statale di riferimento. Ad essa è preposto il Direttore centrale della Protezione civile. 2. La Protezione civile si articola nei seguenti servizi: a) Servizio tecnico scientifico; b) Servizio giuridico amministrativo e contabile. 3. Il Servizio tecnico scientifico: a) è Centro di Coordinamento dei Soccorsi e Direzione di Comando e Controllo (DI.COMA.C.) ai sensi della legge n. 225/1992, Sala operativa unificata permanente (SOUP) unica regionale ai sensi della legge n. 353/2000, per le emergenze che interessano il territorio regionale e gestisce la Sala operativa regionale, assicurando, anche mediante la predisposizione dei sistemi di accertamento, comando e controllo, il coordinamento dei soccorsi e delle operazioni di emergenza ai sensi dell articolo 28 della legge regionale n. 64/1986, mediante l omogenea percezione e valutazione degli eventi calamitosi ed il coordinamento sinergico degli interventi; b) è Centro Funzionale ai sensi della legge n. 267/1998 ed in tale ambito cura, in sinergia con gli organi statali competenti, le attività tecnico scientifiche di previsione ed allerta idrometeorologica ai fini di protezione civile, nell ambito delle azioni di prevenzione di livello primario ai sensi dell articolo 1, comma 2, della legge regionale n. 64/1986; c) svolge la funzione di Centro di Interconnessione con la rete dei Centri funzionali del sistema nazionale integrato di protezione civile e con le reti ed i sistemi di monitoraggio sismico ed idrometeorologico delle Regioni transfrontaliere e la funzione di centro unico di acquisizione e coordinamento della rete regionale in telemisura per il monitoraggio idrometeorologico e radar meteorologico in tempo reale; d) cura lo sviluppo e la gestione dei sistemi tecnologici, informatici e multimediali e delle reti di telecomunicazione di emergenza analogiche e digitali in fonia e dati per le finalità di protezione civile, ivi comprese quelle di antincendio boschivo, per la previsione, l allerta, il coordinamento dei soccorsi e l informazione alla popolazione, anche coordinandosi con il Sistema informativo regionale; e) cura i collegamenti tecnologici ed operativi con le Prefetture e gli altri Organi istituzionali dello Stato che operano sul territorio regionale ai fini della sicurezza del territorio e di protezione civile, nonché con la competente Direzione marittima - Capitaneria di Porto per la sorveglianza delle aree marittime e costiere regionali a tutela della pubblica incolumità, onde supportare le connessioni in tempo reale tra le predette Autorità ed il Centro Coordinamento Soccorsi - Sala Operativa regionale di Palmanova; f) cura la gestione degli allerta meteorologici mediante il Centro Coordinamento Soccorsi Centro Funzionale - Sala operativa regionale di Protezione civile, ricevendo i dati provenienti dai radar meteorologici e dalle reti di monitoraggio idrometeorologico statali e regionali presenti sul territorio della Regione, in connessione con il Sistema nazionale integrato di Protezione civile; g) costituisce Centro di Coordinamento della logistica, nonché dell utilizzo dei mezzi e delle attrezzature, di proprietà regionale ed assegnati dallo Stato, per la gestione ed il superamento delle emergenze regionali, nazionali ed internazionali; dispone inoltre l impiego sul territorio delle risorse umane e materiali, nonché dei mezzi aerei regionali e statali, per il superamento delle emergenze; h) costituisce il Nucleo operativo di pronto intervento, al fine della prevenzione, del controllo del territorio, nonché della ricostruzione-riabilitazione in caso di eventi calamitosi; i) collabora con gli organi statali competenti alla programmazione e alla gestione delle emergenze; j) costituisce Centro di Coordinamento della Colonna Mobile di Protezione civile delle Regioni ai sensi della legge n. 225/1992; k) cura la predisposizione dei sistemi di connessione operativa con i livelli sovra e sub regionali di protezione civile; l) cura l istruttoria giuridica e amministrativa delle opere di pronto intervento o ricomprese nei piani di emergenza e di ripristino del territorio, realizzate a seguito di calamità; m) svolge compiti di prevenzione attraverso il coordinamento della ricerca finalizzata all individuazione delle fonti di rischio naturale e di vulnerabilità del territorio; 11

12 n) cura, anche in collaborazione con Università, enti ed istituti scientifici, la ricerca, lo sviluppo e l utilizzo delle tecnologie elettroniche, informatiche, di telecomunicazione e di monitoraggio in tempo reale del territorio per le diverse finalità di protezione civile; o) cura le iniziative finalizzate allo sviluppo ed alla promozione delle attività didattiche, formative ed informative in materia di protezione civile; p) cura l organizzazione e lo svolgimento di convegni, manifestazioni e sessioni di studi avanzati in materia di protezione civile, anche in collaborazione con Università, enti ed istituti scientifici; q) cura l elaborazione, il coordinamento e l attuazione dei piani e programmi regionali di prevenzione e di intervento sulle fonti di rischio naturale e di vulnerabilità del territorio; r) indirizza e coordina la pianificazione di emergenza di ambito regionale, provinciale e comunale; s) svolge compiti di controllo sull attuazione ed efficacia dei piani e programmi di intervento regionali e subregionali di protezione civile; t) cura la programmazione dell attività educativa e formativa nel settore della prevenzione ed assicura la formazione, l organizzazione ed il potenziamento del Volontariato di protezione civile appartenente all elenco regionale di cui all articolo 30 della legge regionale n. 64/1986; u) provvede alla gestione delle risorse umane e materiali ed al coordinamento del Volontariato di protezione civile, organizzato su base regionale, per operazioni di prevenzione, di controllo del territorio e di emergenza; v) provvede agli oneri di accoglienza della sala operativa 118 regionale istituita presso il centro operativo di Palmanova; w) soppressa Il Servizio giuridico amministrativo e contabile: a) assicura la trattazione degli affari connessi alla gestione del Fondo regionale per la protezione civile; b) svolge funzioni propositive ai fini dell emanazione di disposizioni attuative urgenti di ordinanze statali a seguito di calamità; c) cura l istruttoria amministrativa delle opere di pronto intervento o ricomprese nei piani, realizzate a seguito di calamità; d) cura l istruttoria amministrativa per la concessione e l erogazione dei benefici contributivi per il ristoro dei danni da eventi calamitosi; e) cura gli adempimenti giuridici, amministrativi e contabili relativi agli interventi di solidarietà nazionale e internazionale a favore delle popolazioni colpite da calamità; f) cura gli adempimenti giuridici, amministrativi e contabili relativi all attuazione di programmi e progetti finanziati dall Unione Europea; g) cura gli adempimenti connessi con gli interventi di partenariato internazionale nell ambito della cooperazione e della solidarietà internazionale, in materia di protezione civile, anche in coordinamento con il Dipartimento nazionale della Protezione civile; h) cura la trattazione degli affari giuridici, amministrativi e contabili in materia di Protezione civile; i) cura l istruttoria giuridica e amministrativa relativa alla stipulazione di contratti e conseguenti adempimenti; j) cura l istruttoria giuridica e amministrativa finalizzata alla stipulazione di accordi, convenzioni e protocolli istituzionali di intesa con Enti, Istituzioni ed Autorità aventi competenza in materia di protezione civile. 19 Lettera soppressa con DGR 1935 dd. 17 ottobre

13 CAPO V Servizi della Presidenza Art. 14 (Servizio relazioni internazionali e infrastrutture strategiche) 1. Il Servizio relazioni internazionali e infrastrutture strategiche si occupa della programmazione strategica e di coordinamento nei seguenti ambiti: a) opera, a supporto della Presidenza della Regione, come interlocutore con le competenti autorità Statali e comunitarie in materia di infrastrutture strategiche e relazioni internazionali assicurando la promozione, il coordinamento e il monitoraggio delle attività della Regione in collaborazione con le Direzioni centrali interessate; b) promuove e coordina le attività riferite alle Euroregioni, alle Strategie macroregionali e ai Gruppi Europei di Cooperazione territoriale, attuando le relative iniziative regionali nei confronti delle autorità comunitarie; c) coadiuva la Presidenza della Regione nei rapporti internazionali e comunitari assicurando il coordinamento con le autorità Statali preposte e le omologhe amministrazioni regionali; d) coadiuva la Presidenza e promuove gli indirizzi strategici in coordinamento con la Direzione centrale competente in merito alla Cooperazione Territoriale Europea (CTE) e relativamente ai programmi transnazionali, transfrontalieri ed interregionali dell Unione Europea; e) sostiene e coordina le iniziative regionali di cooperazione internazionale assicurando il coordinamento con le Organizzazioni internazionali; f) assicura la coerenza degli obiettivi strategici della Regione in materia di cooperazione decentrata, cooperazione allo sviluppo e partenariato internazionale 20 ; g) sovrintende la partecipazione regionale alla Cooperazione Territoriale Europea ai programmi e progetti nazionali, comunitari e internazionali in materia di cooperazione decentrata e di politiche di sviluppo, supervisionando alla presentazione degli stessi alle competenti autorità statali e comunitarie; h) coordina l'attività proiettata sul piano delle relazioni internazionali dell'amministrazione regionale e degli Enti ad essa esterni che operano sul territorio; i) promuove e cura le attività relative allo sviluppo dell'internazionalizzazione della Regione, anche attraverso lo sviluppo di attività di programmazione in tale settore; j) coordina l Ufficio di collegamento di Bruxelles; k) assicura il coordinamento e la supervisione dei piani e progetti di intervento in materia di grandi vie di comunicazione terrestre, marittima ed aeroportuale di interesse regionale con specifico riferimento alle reti trans europee di trasporto e ai nodi strategici della Regione quali Porto di Trieste, il Porto di Monfalcone, il Polo intermodale di Ronchi dei Legionari, con il fine di assicurare coerenza e sinergia con le azioni e gli obiettivi strategici della Regione; l) provvede alla supervisione e monitoraggio sugli sviluppi progettuali e realizzativi della III^ corsia autostradale dell A4 sezione Venezia-Trieste e delle linee trans europee di trasporto, reti Ten-T, con particolare riferimento alla tratta del progetto prioritario n 6 AV/AC Venezia-Trieste e alo sviluppo del corridoio Baltico-adriatico nel territorio regionale, d intesa con la Direzione centrale competente; m) cura l attività della Regione all interno delle Commissioni intergovernative, degli organismi comuni e nelle commissioni internazionali per lo sviluppo delle sezioni transfrontaliere e delle reti trans europee in materia di trasporti; n) monitora gli adempimenti di competenza regionale relativi ai servizi di trasporto pubblico di persone, automobilistici, ferroviari, marittimi ed aerei; o) promuove in accordo con la Direzione competente, gli interventi di sostegno e sviluppo delle Reti Ten, dei servizi di trasporto delle merci e persone, dell intermodalità e della logistica di interesse strategico regionale; p) assicura il coordinamento, in accordo con la Direzione competente, dell elaborazione di programmi in materia di trasporto e della logistica delle merci, la promozione e lo sviluppo dei relativi servizi; q) indirizza e coordina l attuazione degli interventi e dei progetti di cooperazione transfrontaliera, transnazionale e di quelli comunque finanziati con fondi comunitari nel settore dei trasporti; 20 Lettera sostituita con DGR 1197 dd. 26 giugno

14 r) coordina e monitora in accordo con la Direzione competente, la predisposizione e l attuazione di piani e programmi di intervento in materia di portualità regionale; s) coordina e monitora in accordo con la Direzione competente gli interventi finalizzati alla sicurezza della navigazione interna, in particolare nei canali lagunari. Art. 15 (Servizio coordinamento politiche per la montagna) 1. Il Servizio coordinamento politiche per la montagna, con sede in Udine: a) coordina le politiche di sviluppo per la montagna; b) cura gli adempimenti correlati all attuazione della Convenzione delle Alpi; c) provvede, con risorse statali, regionali e comunitarie, all attuazione di specifici interventi, a favore dei territori montani; d) promuove e sostiene la realizzazione di interventi e progetti a favore delle aree montane nell ambito delle programmazioni regionale, statale e comunitaria, ivi comprese le attività residue delle precedenti programmazioni. 14

15 TITOLO II DIREZIONI CENTRALI DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE CAPO I Direzione centrale finanze, patrimonio, coordinamento e programmazione politiche economiche e comunitarie Art. 16 (Direzione centrale finanze, patrimonio, coordinamento e programmazione politiche economiche e comunitarie) 1. La Direzione centrale finanze, patrimonio, coordinamento e programmazione politiche economiche e comunitarie: a) supporta la Giunta regionale nella formulazione delle politiche di bilancio, assicurandone la coerenza con gli equilibri finanziari; b) collabora con la direzione generale alla predisposizione della Relazione politico programmatica regionale, curandone i contenuti di programmazione finanziaria; c) predispone lo schema di bilancio pluriennale ed annuale, la proposta di Programma operativo di Gestione, le proposte di aggiornamento e variazione dello stesso e il rendiconto generale; d) coordina gli adempimenti connessi alla partecipazione della Regione al conseguimento degli obiettivi di finanza pubblica nazionale derivanti dall'appartenenza dell'italia all'unione Europea, con particolare riferimento al patto di stabilità e crescita; e) svolge attività volta alla razionalizzazione e riordino del sistema delle partecipazioni regionali, curando altresì gli adempimenti in materia di partecipazione finanziaria della Regione in società ed altri organismi, mantenendo i rapporti con le stesse; 21 f) assicura il coordinamento e l uniformità dell attività di vigilanza e di controllo sugli enti operanti nelle materie di competenza della direzione, vigila sul servizio di Tesoreria e sulle gestioni fuori bilancio; g) esercita, in piena autonomia e senza vincoli gerarchici, i controlli interno preventivo e successivo di ragioneria sui provvedimenti di spesa e sugli altri provvedimenti soggetti a controllo; h) cura la contabilizzazione della gestione delle entrate e delle spese; i) provvede agli atti previsti dall articolo 40 della legge n. 119/1981 e successive modificazioni ed integrazioni e dai decreti ministeriali 11 aprile 1981 e 30 luglio 1981 e successive modifiche ed integrazioni, agli atti di prelevamento ed ai girofondi; j) esamina i provvedimenti aventi riflesso finanziario ed in particolare cura la predisposizione delle norme finanziarie degli schemi di provvedimenti legislativi; k) provvede alla raccolta degli elementi finanziari e contabili per la valutazione del merito di credito e di affidabilità finanziaria della Regione; l) cura le attività connesse al giudizio di parificazione ed alla dichiarazione di affidabilità del rendiconto; m) svolge le funzioni di competenza regionale in materia di ordinamento degli enti che esercitano il credito in Regione; n) gestisce e coordina l attività regionale in materia di imposte e tributi; o) cura la gestione del patrimonio immobiliare, disponibile ed indisponibile, dell Amministrazione regionale; p) cura gli adempimenti e le attività di competenza regionale concernenti l utilizzo, le concessioni ed il trasferimento delle funzioni amministrative in materia di demanio con l esclusione degli adempimenti relativi alle servitù militari sul territorio regionale; q) soppressa; 22 r) cura e coordina le tematiche e le procedure relative alla concorrenza e agli aiuti di Stato, fatte salve le competenze attribuite ai servizi ricompresi nell Area risorse agricole, forestali e ittiche della Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali; 23 s) cura la programmazione, la gestione, la certificazione e la rendicontazione del programma operativo regionale cofinanziato dal FESR nonché dei programmi di cooperazione territoriale europea; 21 Lettera introdotta con DGR 1798 dd. 3 ottobre Lettera soppressa con DGR 1935 dd. 17 ottobre Lettera modificata con DGR 1935 dd. 17 ottobre

16 t) cura, alle proprie dirette dipendenze, l attività di controllo di primo livello sulla spesa dichiarata dall Autorità di gestione in qualità di beneficiario nonché sulla spesa dichiarata dai beneficiari dei programmi di cooperazione territoriale transfrontaliera; u) cura la definizione delle quote di cofinanziamento regionale dei programmi comunitari; v) provvede alla rendicontazione e certificazione allo Stato e all Unione Europea delle spese sostenute relativamente ai programmi comunitari di competenza; v bis) verifica la compatibilità finanziaria degli strumenti della programmazione negoziata e di specifici programmi di intervento. 24 Art. 17 (Servizi della Direzione centrale finanze, patrimonio, coordinamento e programmazione politiche economiche e comunitarie) 1. La Direzione centrale finanze, patrimonio, coordinamento e programmazione politiche economiche e comunitarie si articola nei seguenti servizi: a) Servizio programmazione; b) Servizio contabile e rendiconto; c) Servizio tributi, adempimenti fiscali e controllo atti del personale e di spesa della programmazione comunitaria; d) Servizio centrale di ragioneria; e) Servizio distaccato di ragioneria; f) Servizio pianificazione e coordinamento della finanza regionale; g) Servizio demanio e consulenza tecnica; h) Servizio risorse finanziarie; 25 h bis) Servizio partecipazioni regionali; 26 i) Servizio gestione patrimonio immobiliare; j) Servizio per la cooperazione territoriale europea, aiuti di Stato e affari generali; k) soppressa I Servizi di cui al comma 1, lettere f), g), h bis), i) e j) sono ricompresi nell ambito dell Area per il coordinamento e la programmazione delle politiche economiche, patrimoniali e comunitarie. 28 Art. 18 (Servizio programmazione) 1. Il Servizio programmazione: a) controlla gli equilibri finanziari significativi del bilancio regionale e analizza i risultati contabili della gestione, attraverso il controllo periodico e l analisi dei dati contabili delle entrate e delle spese; b) collabora con la Direzione generale alla predisposizione della Relazione politico programmatica regionale, curandone i contenuti di programmazione finanziaria; c) cura la predisposizione della relazione di verifica allegata al rendiconto della Regione, nonché redige, a conclusione di legislatura, il rapporto di verifica; d) provvede alla raccolta degli elementi finanziari e contabili per la valutazione del merito di credito e di affidabilità finanziaria della Regione; e) cura e coordina le attività connesse al giudizio di parifica del rendiconto generale della Regione e alla dichiarazione di affidabilità del rendiconto medesimo resi dalla Sezione regionale di controllo della Corte dei Conti ai sensi dell art. 33 del D.P.R. n. 902/1975; f) in attuazione dell articolo 14, commi della legge regionale 11/2009, trasferisce al Fondo di rotazione per la stabilizzazione del sistema economico regionale le risorse destinate dalla Giunta regionale alle politiche anticrisi e fornisce supporto amministrativo e contabile al gestore del Fondo stesso per il perseguimento delle suddette finalità; 24 Lettera introdotta con DGR 760 dd. 17 aprile Lettera modificata con DGR 1798 dd. 3 ottobre Lettera introdotta con DGR 1798 dd. 3 ottobre Lettera soppressa con DGR 1935 dd. 17 ottobre Comma modificato con DGR 1798 dd. 3 ottobre 2014 e sostituito con DGR 1935 dd. 17 ottobre

17 g) cura gli adempimenti in materia di garanzie attive e passive connesse ad interventi regionali; h) provvede alla costruzione del Conto pubblico regionale, per il suo inserimento nel quadro dei Conti pubblici nazionali, rilevando i flussi finanziari del settore pubblico allargato della Regione e cura l'analisi della ripartizione territoriale e per area provinciale dei pagamenti regionali; i) coordina l acquisizione informatica degli atti di entrata e di spesa con particolare riguardo agli atti ed ai titoli di spesa sottoposti a controllo, provvedendo anche alla verifica della base informativa degli atti acquisiti a sistema; sovrintende alle abilitazioni informatiche degli utenti (tutte le Direzioni centrali) ai fini della loro operatività informatica; j) coordina e coadiuva il monitoraggio dei flussi finanziari, effettuato dalle competenti Direzioni centrali, nei confronti di enti, agenzie, aziende sanitarie ed organismi regionali; k) coordina gli adempimenti connessi alla partecipazione della Regione al conseguimento degli obiettivi di finanza pubblica nazionale derivanti dall'appartenenza dell'italia all'unione Europea, con particolare riferimento al patto di stabilità e crescita. Art. 19 (Servizio contabile e rendiconto) 1. Il Servizio contabile e rendiconto: a) predispone il disegno di legge finanziaria, il disegno di legge di bilancio, il disegno di legge di assestamento di bilancio ed il rendiconto generale; b) predispone le norme finanziarie degli schemi dei provvedimenti legislativi, nonché gli atti amministrativi di variazione dell entrata e della spesa, salvo quanto previsto all articolo 22; c) cura la predisposizione del Programma operativo di gestione, nonché delle variazioni di quest ultimo; d) provvede alla registrazione contabile degli accertamenti e delle riscossioni delle entrate vincolate, salvo quanto previsto all articolo 22; e) tiene l evidenza della consistenza dei beni patrimoniali sulla base delle comunicazioni delle strutture competenti per materia. Art (Servizio tributi, adempimenti fiscali e controllo atti del personale e di spesa della programmazione comunitaria) 1. Il Servizio tributi, adempimenti fiscali e controllo atti del personale e di spesa della programmazione comunitaria: a) cura gli adempimenti relativi alla gestione dell imposta regionale sulle attività produttive, dell addizionale regionale all imposta sul reddito delle persone fisiche e delle altre imposte e tributi non espressamente attribuiti alla competenza di Servizi di altre Direzioni centrali; b) collabora con le strutture competenti agli studi in materia di autonomia finanziaria regionale e locale e cura, in particolare, quelli funzionali all istituzione di tributi regionali, anche in relazione all evoluzione del sistema tributario; c) cura i rapporti della Regione con le amministrazioni locali, con l amministrazione finanziaria dello Stato e con il Corpo della Guardia di Finanza e con le altre regioni e province autonome in relazione all accertamento dei tributi e delle imposte; d) esercita, relativamente alle imposte ed ai tributi di competenza regionale, le funzioni che nello Stato sono attribuite, per quanto attiene i tributi, al Ministero dell economia e delle finanze; e) provvede ad esercitare il controllo interno di ragioneria sui provvedimenti relativi al personale in servizio e in quiescenza, nonché sui provvedimenti relativi ai contratti di collaborazione coordinata e continuativa, di lavoro autonomo occasionale, agli incarichi di studio, ricerca o consulenza, salvo quanto previsto dall articolo 22; f) provvede, in materia fiscale, a tutti gli adempimenti cui è tenuta la Regione, in qualità di sostituto d imposta, curando all uopo i rapporti con gli uffici finanziari centrale e periferico dello Stato, nonché i rapporti intercorrenti con gli enti previdenziali relativi ai dipendenti regionali; g) cura gli adempimenti della Regione quale soggetto titolare di partita IVA; 29 Articolo sostituito con DGR 1810 dd. 4 ottobre

18 h) opera quale Autorità di pagamento relativamente ai programmi Operativi Regionali Docup Obiettivo 2, Interreg. IIIA Italia/Slovenia, per il periodo ; i) opera quale Autorità di certificazione relativamente al POR FESR Ob. Competitività Regionale e Occupazione, e al Programma di Cooperazione Territoriale Transfrontaliera Italia/Slovenia e ai programmi transfrontalieri a norma dei Regolamenti Comunitari vigenti nonché provvede agli adempimenti di certificazione ove previsti dai Programmi esterni paralleli adottati dall Amministrazione regionale nell ambito della politica di coesione per il periodo ; j) opera quale autorità di certificazione per il Programma Attuativo Regionale FSC ; k) opera quale autorità di certificazione per il programma operativo regionale finanziato dal FESR e per programmi transfrontalieri secondo quanto indicato nei documenti di programmazione per il periodo ; l) opera quale autorità di certificazione per il Programma Attuativo Regionale FSC >> Art. 21 (Servizio centrale di ragioneria) 1. Il Servizio centrale di ragioneria: a) provvede ad esercitare il controllo interno di ragioneria dei provvedimenti di spesa e degli altri provvedimenti soggetti al controllo salvo quanto previsto all articolo 22; b) esprime pareri e fornisce consulenza in materia finanziaria e contabile; c) provvede alla vigilanza sull amministrazione del demanio e del patrimonio regionale e, in particolare, salvo quanto previsto dall'articolo 22, comma 2, lettera a), sulle gestioni degli agenti contabili e dei consegnatari dei beni della Regione, ivi compresa la verifica delle corrispondenti scritture contabili ed inventariali; d) cura la tenuta e l aggiornamento dell archivio dei beneficiari usuali dei pagamenti regionali e le sue connessioni con gli archivi delle pratiche relative ai procedimenti contributivi. Art. 22 (Servizio distaccato di ragioneria) 1. Il Servizio distaccato di ragioneria, con sede in Udine, con riferimento alle direzioni centrali e ai servizi aventi sede nella provincia di Udine e nella provincia di Pordenone: a) predispone le norme finanziarie degli schemi dei provvedimenti legislativi, nonché gli atti amministrativi di variazione dell entrata e della spesa; b) provvede alla registrazione contabile degli accertamenti e delle riscossioni delle entrate; c) provvede ad esercitare il controllo interno preventivo di ragioneria dei provvedimenti di spesa e degli altri provvedimenti soggetti al controllo; d) provvede ad esercitare il controllo interno preventivo di ragioneria sui provvedimenti relativi ai contratti di collaborazione coordinata e continuativa, di lavoro autonomo occasionale, agli incarichi di studio, ricerca o consulenza; e) esprime pareri e fornisce la consulenza in materia finanziaria e contabile. 2. Il Servizio distaccato di ragioneria provvede altresì: a) ad esercitare il controllo interno successivo a consuntivo sui funzionari delegati dell Amministrazione regionale; b) soppressa; 30 c) alla registrazione contabile degli accertamenti e delle riscossioni delle entrate in relazione ai rientri delle anticipazioni concesse a favore dell'edilizia convenzionata ed agevolata ai sensi dell abrogata legge regionale 75/1982 nonché in relazione ai proventi derivanti da concessioni di grandi derivazioni di acque pubbliche e da licenze di attingimento di acque pubbliche da piccole derivazioni ai sensi delle leggi regionali 16/2002 e 30/2007; d) soppressa; 31 e) alle ispezioni contabili previste dalle leggi regionali, anche nei confronti degli enti dipendenti dalla Regione e comunque sottoposti alla vigilanza della medesima. 30 Lettera soppressa con DGR 1798 dd. 3 ottobre Lettera soppressa con DGR 1798 dd. 3 ottobre

19 Art. 23 (Servizio pianificazione e coordinamento della finanza regionale) 1. Il Servizio pianificazione e coordinamento della finanza regionale: a) soppressa; 32 b) svolge le funzioni di Nucleo di valutazione e verifica, quale definito dalla legge n. 144/1999 e dalle successive deliberazioni del CIPE, con idonei apporti tecnici e metodologici e in collaborazione con il Servizio competente in materia statistica e con le modalità stabilite da apposita deliberazione della Giunta regionale; in tale ruolo: 1. fornisce assistenza e supporto tecnico e metodologico agli Uffici regionali competenti per le fasi di formulazione e valutazione e monitoraggio delle politiche pubbliche regionali e di piani e programmi dell Amministrazione regionale; a tal fine e per l opportuna integrazione, si coordina anche con le strutture preposte alla Valutazione Ambientale Strategica; 2. fornisce assistenza e supporto tecnico e metodologico agli Uffici regionali competenti per le analisi di opportunità e fattibilità tecnica ed economica dei progetti di investimento pubblico di particolare rilevanza economica e sociale per il territorio regionale della Regione ovvero di altri soggetti, anche collaborando alla loro formazione nella determinazione degli elementi tecnici, finanziari, economici e sociali; 3. è responsabile delle attività di monitoraggio e di valutazione unitari della politica regionale di sviluppo e coesione, in coordinamento con le autorità nazionali e regionali preposte alla gestione dei programmi cofinanziati con i relativi fondi; 4. svolge attività di valutatore interno di studi di fattibilità, progetti, piani e programmi, quando richiesto e sempre che sussistano le necessarie condizioni di autonomia ed indipendenza funzionale; c) cura gli adempimenti relativi alla gestione del Fondo per il finanziamento e l'adeguamento di programmi e progetti ammessi o ammissibili a finanziamento comunitario; d) cura la definizione delle quote di cofinanziamento regionale dei programmi comunitari; e) opera quale organismo di programmazione del programma attuativo regionale FSC ; f) opera quale organismo di programmazione del programma attuativo regionale FSC Art. 24 (Servizio demanio e consulenza tecnica) 1. Il Servizio demanio e consulenza tecnica: a) tiene l evidenza dei beni demaniali nella disponibilità della Regione e delle concessioni relative al loro utilizzo, anche provvedendo alla tenuta degli archivi informatici delle relative pratiche; b) provvede all istruttoria tecnico - amministrativa relativa alle istanze di autorizzazione e concessione di beni del demanio regionale e del demanio statale su cui la Regione risulta titolare di funzioni trasferite ed al loro successivo rilascio a favore di soggetti pubblici e privati; c) provvede all accertamento delle entrate derivanti dall utilizzo dei beni del demanio regionale; d) provvede all istruttoria tecnica e all attuazione dei procedimenti amministrativi relativi alle procedure di sdemanializzazione o demanializzazione di beni regionali; e) coordina l attività di decentramento amministrativo relativa ai beni del demanio regionale; f) segue l'istruttoria tecnica relativa all'acquisizione in proprietà di beni demaniali dallo Stato e da altri Enti e soggetti giuridici diversi, in forza di norme ed atti amministrativi, sottoscrivendo i relativi verbali di consegna, e quella relativa al trasferimento e all'adozione di atti di disposizione di beni demaniali; g) provvede all'affidamento in gestione dei beni demaniali ai relativi servizi regionali o ad Enti e altri soggetti individuati; h) provvede all istruttoria tecnica preliminare sui progetti o sulle varianti urbanistiche, comunque sottoposti al parere della direzione centrale finanze, patrimonio e programmazione, riguardanti beni patrimoniali o demaniali regionali; i) provvede alla regolarizzazione catastale o tavolare dei beni immobili dell Amministrazione regionale e alla tenuta dell inventario dei beni demaniali regionali; 32 Lettera soppressa con DGR 760 dd. 17 aprile

20 l) svolge attività di consulenza tecnica a favore delle direzioni centrali e degli enti regionali redigendo perizie di stima e formulando pareri tecnici di congruità su acquisti, alienazioni, affitti, concessioni ed attività similari nei quali la Regione sia comunque interessata; m) determina i canoni di concessione o locazione riguardanti i beni dell Amministrazione regionale e provvede alla redazione o aggiornamento dei tariffari ed esprime i pareri di congruità sugli importi afferenti i provvedimenti di liquidazione degli usi civici. Art. 25 (Servizio risorse finanziarie) Il Servizio risorse finanziarie: 34 a) provvede alla registrazione contabile degli accertamenti e delle riscossioni delle entrate, salvo quanto previsto dagli articoli 19 e 22, nonché alla girata degli assegni da versare in Tesoreria ed al controllo sulla gestione dei servizi di Tesoreria; b) cura gli affari relativi al ricorso al mercato finanziario e alle entrate derivanti dallo Statuto di autonomia; c) cura gli adempimenti di competenza della Regione in materia di ordinamento degli enti che esercitano il credito in Regione; d) cura la gestione fuori bilancio relativa al POR FESR per l Ob. Competitività per il periodo ; e) cura, quale Autorità di Pagamento, gli adempimenti relativi agli strumenti del POR FESR per l Ob. Competitività per il periodo , come previsti dalla normativa regionale; f) tiene l evidenza dei titoli obbligazionari sottoscritti dall Amministrazione regionale, sulla base dei dati forniti dalle strutture regionali che hanno proceduto alla sottoscrizione, curando gli adempimenti relativi al rientro del capitale e all incasso dei relativi interessi; g) soppressa; 35 h) coordina la gestione informatica complessiva dei dati contabili, necessari alla produzione di reportistiche e monitoraggi utilizzati dai Servizi della Direzione. Art. 25 bis 36 (Servizio partecipazioni regionali) 1. Il Servizio partecipazioni regionali: a) supporta, con riferimento alla partecipazione finanziaria della Regione in società od altri organismi, la Giunta regionale nell elaborazione degli indirizzi di governo con riferimento alla mission, alle politiche di bilancio, alle politiche del personale e alle interrelazioni tra partecipate, enti ed organismi regionali; b) assicura il necessario coordinamento per l attuazione, da parte delle Direzioni centrali interessate, degli indirizzi di governo in materia di partecipate, enti ed organismi regionali; c) elabora studi e piani per la razionalizzazione e il riordino del sistema di partecipate, enti ed organismi regionali; d) cura gli adempimenti connessi e conseguenti alla partecipazione finanziaria della Regione in società ed altri organismi, ivi compresa la formulazione dei pareri sui bilanci; e) esprime pareri sui bilanci e loro variazioni e sui rendiconti degli enti dipendenti dalla Regione, nonché su quelli sottoposti alla vigilanza della Regione stessa; f) mantiene i rapporti con le società e gli altri organismi ai quali la Regione partecipa, curando per il tramite delle Direzioni vigilanti, l acquisizione della documentazione sulla loro attività; g) esercita il controllo interno successivo a consuntivo sui conti amministrativi delle gestioni fuori bilancio. Art. 26 (Servizio gestione patrimonio immobiliare) 1. Il Servizio gestione patrimonio immobiliare: 33 Rubrica modificata con DGR 1798 dd. 3 ottobre Comma modificato con DGR 1798 dd. 3 ottobre Lettera soppressa con DGR 1798 dd. 3 ottobre Articolo introdotto con DGR 1798 dd. 3 ottobre

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI A cura della Direzione Generale Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

n. 77 del 16 Dicembre 2011 REGOLAMENTO del 15 dicembre 2011 n. 12 Regolamento Ordinamento Amministrativo della Giunta Regionale della Campania

n. 77 del 16 Dicembre 2011 REGOLAMENTO del 15 dicembre 2011 n. 12 Regolamento Ordinamento Amministrativo della Giunta Regionale della Campania REGOLAMENTO del 15 dicembre 2011 n. 12 Regolamento Ordinamento Amministrativo della Giunta Regionale della Campania LA GIUNTA REGIONALE ha deliberato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Visto l'articolo

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive Parte I N. 19 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 19-6-2012 4849 Contenzioso n. 160 - Tribunale di Potenza - Procedimento penale n. 3608/08 - R.G.N.R. n. 485/09 R.G.GIP - Costituzione in

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI TESTI COORDINATI E AGGIORNATI Testo del decreto-legge 31 dicembre 2014, n. 192 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 302 del 31 dicembre 2014), coordinato con la legge di conversione 27 febbraio

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Conversione in legge, con modificazioni, del DL 98/11 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (GU n. 164 del 16-07-2011) Decreto Legge 6/7/2011

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 Disposizioni in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della Regione e degli enti a ordinamento regionale, nonché modifiche

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori...

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori... INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7 CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto.... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori.... 7 TITOLO II - STRUTTURA ORGANIZZATIVA E FUNZIONI DI

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

ASSETTO ORGANIZZATIVO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. 1. SEGRETERIA ORGANI COLLEGIALI DELL AUTORITÀ - Ufficio Speciale (SOC)

ASSETTO ORGANIZZATIVO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. 1. SEGRETERIA ORGANI COLLEGIALI DELL AUTORITÀ - Ufficio Speciale (SOC) ASSETTO ORGANIZZATIVO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS A. UFFICI DI DIRETTA COLLABORAZIONE 1. SEGRETERIA ORGANI COLLEGIALI DELL AUTORITÀ - Ufficio Speciale (SOC) Gestisce il flusso decisionale,

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1 LEGGE 12 luglio 2012, n. 100 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 15 maggio 2012, n. 59, recante disposizioni urgenti per il riordino della protezione civile. (12G0123) La Camera

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013

L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013 L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013 SOMMARIO Art. 1, comma 1 Modifiche all articolo 13 della legge regionale 14 luglio 2008, n. 10 (Disposizioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali La procedura della contrattazione decentrata integrativa Comparto Regioni e Autonomie locali Marzo 2013 INDICE 1. Introduzione... 2 2. Le fasi della procedura... 3 3. Nomina delegazione di parte pubblica...

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 Comune di Vicenza - a cura del Settore Risorse Umane, Segreteria 1 Generale e Organizzazione

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli