Anno XXXVI - n Dicembre 2008 Rivista

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno XXXVI - n. 39 - Dicembre 2008 Rivista"

Transcript

1 Anno XXXVI - n Dicembre 2008 Rivista

2

3 i nostri auguri Amicizia e tradizione L amicizia è un sentimento immenso, che comporta non solo affetto e stima ma anche dedizione, disponibilità. In altre parole una grande capacità di voler bene. E a Natale un messaggio di bene, condiviso, attivo, universale, è il più grande augurio che si possa fare. Ai Veronesi nel Mondo invio un grande messaggio d amicizia, ai migranti rimasti nei Paesi che li hanno accolti, agli ex migranti, che sono tornati in patria, ai discendenti dei migranti e ai giovani che sono depositari del futuro e del nostro impegno. A tutti vada un auspicio di trovare l amicizia in qualsiasi luogo si trovino, soprattutto in questi tempi non facili, con una crisi economica ormai mondiale che rischia di minare molte certezze di indebolire i progetti per il futuro. L amicizia è una fonte di forza, di coraggio: avere degli amici che sanno essere presenti anche nei momenti difficili o saper sostenere un amico in un momento di difficoltà, sono valori che non conoscono crisi. Cari Veronesi nel Mondo, a voi tutti un grande abbraccio e un augurio di cuore che sentiate sempre l affetto di chi condivide gli scopi e la volontà di far funzionare la nostra associazione. Che non è solo un insieme di nomi e di indirizzi, ma un corpo vivo, fatto di molte menti, tanti progetti, iniziative, idee, tutte da condividere e da confrontare. Per il 2009 l auspicio è che ciò che di migliore riusciamo a fare diventi il nostro grande patrimonio associativo. Un bene da condividere fra tutti e da lasciare in eredità ai nostri giovani. Un felice 2009 a tutti. Giuseppe Riccardo Ceni Un anno entusiasmante Cari Veronesi nel Mondo, un anno è passato e uno nuovo già avanza. E stato un anno intenso, che si è concluso con l entusiasmante esperienza del raduno dei rappresentanti dei circoli del Sudamerica a Buenos Aires, in occasione dell anniversario dei 35 anni di vita del circolo L Arena, a cui ha partecipato una nutrita delegazione del Consiglio d amministrazione dell associazione, capeggiata dal presidente Riccardo Ceni. Ne parliamo diffusamente nelle pagine della rivista, raccontando le tappe salienti di questa breve ma intensa visita argentina. Se trovarsi è stato piacevole, in alcuni momenti anche commovente, soprattutto è stato importante per rinsaldare la condivisione d intenti dell associazione, che non è solo quella di creare un ponte tra chi è rimasto a Verona e chi è emigrato e si è rifatto un altra vita lontano dalla propria terra, ma è la volontà di realizzare progetti comuni, con l apporto dei giovani che, in particolare in questa circostanza, hanno dimostrato di avere le idee chiare e una precisa volontà di agire con progetti mirati e ragionati. Direi che è questo il migliore asuspicio per il 2009: lavorare insieme per far crescere l associazione e moltiplicarne le iniziative, a Verona e in tutti i luoghi dove si trovano i veronesi e i loro discendenti, forti di una cultura comune, di un comune senso d appartenza ma anche capaci di essere innovativi, di far sviluppare nuove idee, comunque di essere concreti nell attualità e consapevoli della propria storia. Nel 2008 sono state tante le iniziative promosse e vissute dall associazione nelle sue diverse componenti, e in particolare quelle fatte con i giovani, che hanno confermato la volontà comune di rendere quest associazione non un semplice sodalizio di nomi e di indirizzi culminanti in qualche bollettino o in alcune feste, ma un corpo vivente di iniziative, proposte, vicende da raccontare, piani di solidarietà, realizzazioni. Un buon trampolino di lancio per tuffarsi in un 2009 ancora più brillante e attivo. Auguri di cuore a tutti. Elena Cardinali Anno XXXVI - n Dicembre 2008 Rivista ORGANO DELL ASSOCIAZIONE VERONESI NEL MONDO Autorizzazione del Trib. di Verona del 6/6/74 n 312 Presidente On. Giuseppe Riccardo Ceni Direttore responsabile Elena Cardinali Segretario Ottavio Messetti Grafica e impaginazione: Consolini Matteo Delmiglio sas - Stampa: Centro Graphis Press s.n.c Bussolengo - VR - Italy Direzione, redazione, amministrazione: Corso Porta Nuova, Verona - ITALY Tel. 045/ fax. 045/ sito: 3

4 Attività dell Associazione ARGENTINA INCONTRO IN ARGENTINA Convegno Sud America 2008 IL PRESIDENTE APRE IL CONVEGNO Un incontro che ha riunito i vecchi e i nuovi emigranti, che ha dato nuove prospettive ai giovani e ha predisposto strategie di sviluppo per il futuro. Sono stati giorni pieni d impegno e di idee quelli che hanno caratterizzato l anniversario dei 35 anni di vita del circolo dei Veronesi nel Mondo di Buenos Aires che ha visto insieme nella capitale argentina una cospicua rappresentanza del Consiglio d amministrazione dell associazione e diversi rappresentanti dei circoli LA DELEGAZIONE ITALIANA del Sudamerica. Per l associazione erano presenti il presidente Riccardo Ceni, il vicepresidente Maurizio Filippi (che rappresentava anche il Comune di Verona), il consigliere Giuseppe Bertani ( che rappresentava anche la Provincia di Verona), il segretario Ottavio Messetti accompagnato dalla moglie Nadia Castagna, Luigino Confente presidente del circolo Valdalpone, Benito Scamperle presidente del cicolo ex migranti della Valpolicella, Marcellino Pernigotto, responsabile dell area giovani, monsignor Bruno Fasani e la giornalista Elena Cardinali. Per i circoli erano presenti il presidente del circolo L Arena di Buenos Aires Luciano Stizzoli, i rappresentanti dei circoli argentini di Santa Fè, Villa Regina e Mar della Plata, Graziella De Bortoli responsabile 4 del circolo argentino di Rio Negro, nella Patagonia del nord, Marcello Piccolboni presidente del circolo di Montevideo, in Uruguay, Vanda Andreoli presidente del circolo brasiliano di Vittoria nello Stato di Espirito Santo, Giorgio Guardalben vicepresidente del circolo brasiliano di San Paolo, Francesco Milanez e Daniela Pasetto con fratel Gilnei Bampi responsabili del circolo brasiliano di Porto Alegre, Walter Fabris presidente del circolo brasiliano di Criciuma, Fernando Roveda, responsabile del circolo di Antonio Prado nel Rio Grande do Sul in Brasile, Michele Grigoletti presidente del nuovo circolo dei giovani veronesi nel mondo di Sidney, in Australia e responsabile della gestione del Sito Internet. Con loro, oltre ad alcuni familiari dei componenti del direttivo, erano presenti anche i rappresentanti dei giovani dei diversi circoli sudamericani, a cui è dedicato un altro servizio in questa rivista. L incontro istituzionale tra la delegazione dei Veronesi nel Mondo e i rappresentanti dei circoli sudamericani si è svolto sabato 8 novembre nella sede del Collegio degli Ingegneri di Buenos Aires. Il presidente Riccardo Ceni ha aperto l incontro ricordando di avere un profondo legame con l Argentina poiché la mamma era nata in questo Paese, a Rio Quarto, sottolineando poi che l anniversario dei 35 anni del cir-

5 Attività dell Associazione UN MOMENTO DELL INCONTRO colo L Arena di Buenos Aires hanno coinciso con il rinnovo del Consiglio d amministrazione dell associazione stessa. I soci sentono fortemente il legame con la loro terra d origine, ha detto il presidente Ceni, e hanno il desiderio di tornare a vedere le loro origini, realtà che anche la Regione Veneto ha recepito favorendo le visite in Veneto degli oriundi. Oggi non c è più la nostalgia di un tempo, quella del migrante che lasciava la propria patria, ma c è più necessità di scambi culturali e anche di apertura di nuovi orizzonti. L associazione ha come ruolo fondamentale quello di mantenere viva quest attività e di favorire il passaggio alle nuove generazioni. Per noi i giovani sono estremamente importanti, perché rappresentano il futuro e perché hanno un grande entusiasmo. Ma quello lo possiamo condividere tutti e dev essere la molla che ci spronerà ad essere sempre concreti nelle nostre iniziative. Il presidente ceni ha quindi annunciato che il prossimo raduno dei circoli del Sudamerica, nel 2009, si terrà in Brasile. Luciano Stizzoli, ringraziando la delegazione veronese che ha portato a Buenos Aires il direttivo dell associazione con il suo presidente, gesto che noi tutti apprezziamo moltissimo, ha ribadito che per noi è importante lavorare qui in Sudamerica ma sentendo forte il legame con l associazione madre a Verona. Per questo sarebbe molto importante favorire al massimo l avvio di corsi di lingua italiana là dove ci sono circoli di veronesi ma anche corsi di specializzazione in economia e in ecologia. Vanda Andreoli, originaria di Forette di Vigasio, in Brasile dal 1991, si occupa di corsi d italiano per discendenti di italiani in Brasile, mantenendo rapporti con il Consolato e l Ambasciata. Dove vivo, nello Stato dell Espirito Santo, ha detto, il 70 per cento della popolazione è formato da discendenti di italiani. Solo i veronesi sono Grazie ai fondi del Governo italiano è stato possibile avviare numerosi corsi di italiano per i bambini oriundi italiani ma, purtroppo, ora, l attuale Governo ha tagliato questi fondi e forse sarà molto difficile poter garantire tutti i corsi oggi esistenti. Giorgio Guardalben, originario di Legnago, in Brasile dal 1961, oggi è un imprenditore nel settore della plastica. Sposato, ha quattro figli ed è stato anche presidente del circolo San Zeno di San Paolo. Oggi la presidente è Carla Flangini. Marcello Pic- ALVARO ZANOTO, UNO DEI NOSTRI GIOVANI PROTAGONISTI colboni, originario come Vanda Andreoli di Forette di Vigasio, ha detto che stiamo lavorando anche con i giovani di altre associazioni pur cercando di realizzare delle iniziative solo nostre. Con lui collabora Silvana Antonelli, originaria di Tregnago: Il discorso dell italianità comincia in casa. Io, ad esempio, ho imparato l italiano a sei anni ma poi ho ripreso a parlarlo nel 2003, avvicinandomi al circolo. Fernando Roveda ha ricordato che il circolo di Antonio Prado esiste ormai da una quindicina d anni e ha avuto il merito di valorizzare il grande patrimonio culturale dei Cimbri che hanno dato vita a quella comunità, anche con la recente realizzazione del film documentario dedicato ai Cimbri del Brasile presentato al Filmfestival di quest anno a Boscochiesanuova. 5

6 Attività dell Associazione ARGENTINA VISITE ISTITUZIONALI Incontro con l ambasciatore La delegazione italiana ricevuta da S.E. Stefano Ronca LA DELEGAZIONE ITALIANA CON L AMBASCIATORE Un altro importante momento istituzionale per la delegazione dei Veronesi nel Mondo è stato l incontro con l ambasciatore d Italia a Buenos Aires, sua eccellenza Stefano Ronca, nella splendida sede dell Ambasciata d Italia, un elegante palazzina circondata da un grande giardino nel centro della capitale. Ad accogliere la delegazione il colonnello della Guardia di Finanza Fabio Contini, in passato già comandante a Verona delle Fiamme Gialle e oggi ufficiale aggregato all ambasciata per l economia e la prevenzione dei reati internazionali in campo economico. Il presidente Riccardo Ceni ha fatto presente all ambasciatore che l impegno dei Veronesi nel Mondo è stato di fare nelle nostre città quello che i veronesi fanno all estero, nel senso dell impegno e della volontà di emergere dimostrati dai vecchi migranti ma anche da quelli nuovi, da quei migranti del terzo millennio che oggi portano lo stile della veronesità nel mondo, fatta di professionalità, tenacia, inventiva, creatività ad alti livelli. Aggiungendo che il nostro intento è quello di continuare a costruire qualcosa di positivo per chi verrà dopo di noi. L ambasciatore Ronca ha a sua volta ricordato di essere particolarmente legato al Veneto dove ha studiato per tre anni. All Argentina, ha quindi aggiunto, i veneti hanno dato un contributo straordinario, che a sua volta ha contribuito allo sviluppo del Veneto. Oggi, come ha sottolineato il presidente Ceni, l emigrazione ha assunto un aspetto completamente nuovo rispetto al passato ma è fondamentale mantenere un buon rapporto con la terra d origine. E inoltre è importante il rapporto con i giovani. Presto si terrà a Roma un grande convegno con giovani da tutto il mondo. 56 saranno quelli selezionati dall Argentina. E anche importante creare una saldatura tra i ragazzi italiani e i loro coetanei che hanno le stesse origini ma vivono all estero. Nel corso della conversazione, monsignor Bruno Fasani ha ricordato all ambasciatore che Verona ha prodotto nell 800 il maggior numero di congregazioni religiose mentre il presidente Ceni ha sottolineato che Verona può sì essere considerata la città di Giulietta, perché questa è la tradizione che ci ha lasciato Shakespeare, ma che Verona è soprattutto la città della solidarietà e che è questo valore che deve distinguere in particolare il veronese nel mondo. L ambasciatore Ronca ha detto di conoscere Verona perché vi è stato un paio di volte ed è stato ben lieto di ricevere dalle mani del presidente Ceni una formella bronzea, riproducente un immagine del portale di San Zeno come segno di ricordo e di cordiale amicizia con i Veronesi nel Mondo. 6

7 Attività dell Associazione ARGENTINA VISITE ISTITUZIONALI Incontro con il console La delegazione italiana ricevuta dalla Dott.ssa Elena Clemente LA DELEGAZIONE ITALIANA CON IL CONSOLE La prima visita della delegazione dei Veronesi nel Mondo è stata al Consolato italiano a Buenos Aires dove, a fare gli onori di casa è stata la dottoressa Elena Clemente, giovane console di 33 anni, originaria di Pordenone, che si trova nella capitale argentina da metà aprile di quest anno. In precedenza, al Ministero per gli Affari Esteri, si occupava di cooperazione per lo sviluppo. Questo è il Consolato più grande che l Italia ha all estero, ha spiegato la dottoressa Clemente alla delegazione, elencando le numerose attività che l ente svolge a favore della comunità italiana. Abbiamo anche favorito l insegnamento dell italiano nelle scuole pubbliche della capitale argentina, e l iniziativa ha avuto un tale successo che quest anno, nel secondo ciclo scolastico, si sta allargando il numero di iscritti. Il Consolato si impegna anche a fare corsi di formazione per i futuri docenti di lingua italiana. Se possibile allargheremo quest iniziativa anche alle scuole fuori della provincia di Buenos Aires. Cordiali e distesi i toni dell incontro tra la dottoressa Clemente, dotata di una notevole carica di simpatia, e la delegazione dei Veronesi nel Mondo. Da buoni italiani, la conversazione è scivolata sul tema del vino, durante la quale si è scoperto che il giovane e avvenente console italiano ha una spiccata predilezione per i prodotti veronesi, e in particolare per l Amarone. Spunto colto al volto dal presidente Riccardo Ceni per invitare la dottoressa Clemente a Verona per il prossimo Vinitaly. Il vicepresidente dell associazione, Maurizio Filippi, in qualità di rappresentante del Comune di Verona, ha appoggiato la proposta del presidente avallando ufficialmente l invito. Si è inoltre parlato delle tipicità dei prodotti veronesi e del patrimonio culturale portato dagli emigranti veronesi in Argentina, dalla passione per la terra e la cura per le coltivazioni agricole alla passione per la musica e il bel canto. A questo proposito il console Clemente ha ricordato che il Consolato italiano di Buenos Aires è l unico ad essere proprietario di un teatro, il Coliseum, costruito grazie al lascito di un italiano, ricordato come il conte Lora. Un patrimonio che si pensa ora di sfruttare meglio con l allestimento di importanti eventi culturali con le amministrazioni locali. Un progetto a cui tiene particolarmente il console generale Giancarlo Maria Curcio. 7

8 Attività dell Associazione ARGENTINA 35 ANNI DI STORIA I festeggiamenti del 35 Anniversario del Circolo di Buenos Aires Domenica 9 novembre è stata la giornata dedicata alla festa dei circoli nella sede dell Istituto Don Carlo Steeb della Suore della Misericordia di Buenos Aires. Nel grande salone del teatro dell istituto religioso, che accoglie oggi circa 1400 alunni dalla materna fino alle superiori, la madre regionale delle Sorelle della Misericordia suor Ancilla Seno ha dato il benvenuto ad un gran numero di ospiti, veronesi ma anche di altre comunità venete riuniti per dar vita a una riunione conviviale a base di piatti tipicamente argentini, come l assado, la carne alla griglia servita con grande abbondanza. Nella circostanza si sono esibiti come cantanti alcuni giovani della scuola mentre un artista locale ha dato vita a un momento di spettacolo con brani di musiche argentine e italiane. La festa è stata anche l occasione per consegnare libri e riconoscimenti ai rappresentanti delle associazioni di emigranti veneti e di enti che rappresentano i veneti nel mondo, come a Fernando Caretti, presidente dell Associazione nazionale Alpini dell Argentina, che coordina una trentina di gruppi in Sudamerica e che vive qui da 58 anni. Un premio anche a Luisa Fusaro, della Consulta Veneta, rappresentante delle province di Vicenza, Padova e Belluno e a Luciano Stizzoli, presidente storico del circolo L Arena di Buenos MOMENTO CONVIVIALE DURANTE I FESTEGGIAMENTI Aires dei Veronesi nel Mondo. Ma quello che ha commosso il pubblico è stato il riconoscimento offerto a suor Giancarla Dal Bosco, suora della Compagnia di Maria del Antonio Provolo, originaria di Giazza, e perciò a pieno titolo cimbra, che da 52 anni vive in Argentina per fare da maestra ai bambini sordi. A suor Ancilla il presidente Riccardo ceni ha consegnato una formellina bronzea copia di una delle formelle del portale di San Zeno, dono ricevuto con un grande sorriso e una piccola lacrima di commozione. Alla festa era presente anche suor Maria Grazia Morin, la madre generale delle suore della Compagnia di Maria del Don Provolo che si trovava a Buenos Aires per un breve periodo prima di ripartire per la visita ad altri istituti del Don provolo in America Latina. SUOR ANCILLA CONSEGNA UNA TARGA IN MEMORIA AL PRESIDENTE CENI LA MESSA CELEBRATA DA MONSIGNOR BRUNO FASANI 8

9 Attività dell Associazione ARGENTINA ISTITUTO PROVOLO L appello di Suor Maria Grazia Morin Educare per crescere Una scuola che sembra un piccolo miracolo. E quella dell Istituto Antonio Provolo a Buenos Aires, dove otto suore della Compagnia di Maria coadiuvate da un gruppo di maestre e di assistenti fanno tutti i giorni lezione a 120 bambini sordomuti. Una visita emozionante, commovente e indimenticabile quella che la delegazione dei Veronesi nel Mondo ha fatto nella scuola delle suore della Compagnia di Maria, insieme alla madre generale, suor Maria Grazia Morin, che nello stesso periodo si trovava in Sudamerica per visitare i vari istituti che la Congregazione ha negli Stati dell America Latina: due si trovano a Buenos Aires e a La Plata, uno in Bolivia e quattro sono in Paraguay. In tutto 1600 bambini sordomuti che nelle scuole del Provolo non trovano solo persone che insegnano loro a comunicare ma dove spesso trovano ospitalità e cure che a casa non potrebbero ricevere. Imparano a leggere le parole sulle labbra delle persone che hanno davanti, spiega suor Maria Grazia, e in questo modo possono comunicare a loro volta, sia con le parole che con i gesti. Così riescono ad essere sempre più indipendenti e adattabili alle situazioni in cui si trovano. In Argentina ci sono altre (poche) scuole per i sordomuti ma la maggior parte dei bambini che presenta questo problema, e sono moltissimi, vengono mandati nelle scuole del Provolo che, grazie a questo servizio specialistico, possono ricevere un contributo pubblico. La decana delle suore del Provolo di Buenos Aires è suor Giancarla Dal Bosco, originaria di Giazza, che da 52 anni si trova in Argentina. Il suo sorriso sereno e accattivante accompagna il gruppo dei veronesi in giro per la scuola, tra le aule dove si sta facendo lezione e nelle stanze dedicate al gioco e al riposo. Perchè al Provolo ci sono anche bambini che, arrivando da paesi lontani dalla capitale, passano qui anche la notte. Gli ospiti distribuiscono dolci ai bambini e ai ragazzi e subito s instaura un atmosfera di grande simpatia. Ora l Istituto Don Antonio Provolo di Buenos Aires vorrebbe rinnovarsi e ampliarsi. Ma il passo non è facile. C è già un progetto, che è stato illustrato dall architetto Horacio Perazzo, e che richiederà notevoli risorse finanziarie, ma soprattutto c è un grosso problema da risolvere. C è un area adiacente all edificio delle suore che dovrebbe essere acquistata per le attività dell istituto. Ma proprio su quel pezzo di terreno si è concentrata l attenzione di alcuni costruttori locali che vorrebbero edificarvi un altissimo condominio, cone altri già sorti di recente nei dintorni della scuola. Per noi vorrebbe dire restare soffocati in mezzo ai palazzi, fa presente suor Maria Grazia, e forse anche dover rinunciare alla realizzazione della nuova casa delle SUOR MARIA GRAZIA MORIN suore, che sarebbe ormai urgente, nell area di fronte, di nostra proprietà. Questo penalizerebbe anche l insieme delle attività didattiche della scuola che ha bisogno ormai di nuovi spazi. La soluzione sarebbe poter acquistare l area che ora fa gola ai costruttori e scongiurare così il rischio di venir fagocitati dai palazzi circostanti. Ma i nostri mezzi sono limitati. Avremmo bisogno di un aiuto da parte di persone buona volontà che credono nell opera che portiamo avanti con i bambini sordomuti. A farsi carico di diffondere l appello di suor Maria Grazia per ora sono i Veronesi nel Mondo che cercheranno di trovare una strada della Provvidenza che conduca aiuti dritto all Istituto Provolo di Buenos Aires. I RAGAZZI A SCUOLA UN OMAGGIO DEL PRESIDENTE CENI A SUOR GIANCARLA DAL BOSCO 9

10 Spazio ai Giovani ARGENTINA LA PRIMA VOLTA Buenos Aires 2008 Primo convegno dei giovani FOTO DI GRUPPO DEL CONVEGNO La riunione dei giovani è iniziata alle con la presentazione da parte del segretario Ottavio Messetti dell iniziativa del Presidente Ceni e del Cda dell associazione di creare un apposito spazio per i giovani veronesi in modo di poter essere vicini alle loro esigenze, coinvolgendoli nelle attività associative così da creare una naturale continuità dei circoli nel futuro. Marcello Pernigotto sottolinea come, nonostante la crisi economica che colpisce anche l Italia, il Veneto ed in particolare Verona siano attive nell associativismo e nel volontariato in modo presente e reale, ribadendo il concetto del Presidente Ceni secondo il quale l associazione Veronesi nel Mondo ad un impegno preso ha sempre fatto seguito la conseguente realizzazione. A tal proposito la presenza al nostro incontro dei rappresentanti della Curia, Provincia e Comune di Verona sono a testimonianza di tale impegno. Marcello Pernigotto chiede che i giovani parlino e portino dei progetti concreti di come vogliano sviluppare la loro attività nell abito del proprio circolo Inoltre si comunica ai responsabili dei circoli che potranno parlare alla fine dell incontro dando prima spazio esclusivamente ai Giovani GIOVANI: Lia (circolo Buenos Aires): presenta un progetto scritto riguardo l insegnamento dell arte Veronese ed Italiana ai bambini (età asilo-elementari) in modo da sfruttare MOMENTO DI CONVIVIALITà DURANTE IL CONVEGNO le capacità dei piccoli nell apprendimento delle lingue con teatro, burattini, letture fiabe, disegno - allega progetto Laura (circolo Buenos Aires): presenta un progetto scritto per l insegnamento della lingua legato allo sport per bambini, in particolare il nuoto. In tal senso, sfruttando la componente ludica del nuoto e il fatto 10

11 Spazio ai Giovani I GIOVANI DEL MEETING dello stare insieme dei bambini, si potrebbe insegnare loro parlando in italiano- allega progetto A questo punto Marcello spiega concretamente sui due corsi esposti quali sono le fasi progettuali per obiettivi, risorse, materiale, eventuale richiesta di contributo, realizzazione e rendicontazione finale. Si esemplifica in maniera concreta l iter per la compilazione del progetto arte con i seguenti punti: obiettivo del corso: insegnamento della lingua ai bambini attraverso l arte veronese ai bambini scelta del posto: teatro de las Hermanas de La misericordia scelta docenti: tra i giovani del circolo L Arena materiali: libri, colori, varie Carla (Santa Fe): nel suo circolo, vista la disponibilità di tue teatri all aperto, propone dei progetti musicali e di teatro viste anche le esperienze precedenti con la Gioventù Veneta e mostra in tal senso l opuscolo con la realizzazione del Balcon de Julieta. A tal proposito Ottavio chiede che gli sia inviato del materiale fotografico per valorizzare l iniziativa sul sito e sulla rivista e che per le prossime iniziative sia sempre messa al corrente l Associazione. Daniela (Porto Alegre): spiega la situazione del suo circolo rinato di recente e che sta iniziando a consolidarsi anche nei giovani. Diogo (Antonio Prado): spiega della difficoltà di reperire libri, video, arte, in lingua italiana. Accenna l idea di una biblioteca di storia di Verona. Alvaro (San Paolo) parla della sua esperienza a Verona e di come ha recuperato del materiale in Italia e se si potesse tramite l associazione averne ulteriormente. Sottolinea la difficoltà di reperire e conoscere materiale italiano per i giovani all estero. Santiago (circolo Buenos Aires) porta l iniziativa di proiettare dei film in Italiano presso il Salone de Las Hermanas. Il progetto, semestrale, potrebbe avvalersi di uno psicologo o sociologo che coinvolga lo spettatore nell analisi del film. Michele (Sidney) oltre a sottolineare che si possono integrare e migliorare le potenzialità del sito dell associazione da lui curato, anche seconda delle esigenze dei vari giovani, propone di integrare tutte le nuove e mail dei giovani e di espandere anche tra le nostre conoscenze personali la realtà della Veronesi nel mondo, iniziando con delle newsletter periodiche. Invita gli altri giovani veronesi ad utilizzare nuove forme di aggregazione e di incontro quali facebook, che sta diventando il social network più gettonato del web. Roveda (Antonio Prado): parla della sua esperienza con i film sulle comunità Cimbre in Brasile. Spiega della realizzazione dell etno-documentario L eco delle Montagne di cui e il produttore, premiato al Film Festival Lessinia lo scorso agosto. Elenca gli enti italiani e brasiliani coinvolti come partner nel progetto e il costo di realizzazione. Vanda (Espiritu Santo) parla del suo nuovo circolo e della sua esperienza con il ministero degli esteri. Propone una biblioteca e videoteca Tipo. Il pacchetto tipo dovrebbe essere fornito ad ogni circolo veronese all estero come proposta di base. Propone inoltre d utilizzare, se possibile, borse di studio per la pubblicazione di tesi di laurea inerenti all emigrazione veronese all estero. Il segretario prima del termine lavori propone ai presidenti dei circoli che vogliano parlare di intervenire. PRESIDENTI: Fabris (Criciuma) sottolinea che la Veronesi nel mondo dovrebbe attivarsi per: portare l età di giovani dai 35 ai 40 anni avvisare per tempo i corsi che propone la regione fare in Brasile un corso insegnanti di italiano fare in Brasile un corso di italinano per i soci del circolo fare programma interscambio giovani proporre un incontro sullo spirito imprenditoriale dei giovani Marcello spiega che i punti saranno presi in considerazione ma che per quanto attiene disposizioni quali l età anagrafica dei giovani dipende dalla legge regionale del Veneto e pertanto non di nostra competenza. Per i corsi della Regione stessa basta considerare che il sito internet della Regione è direttamente consultabile da qualsiasi circolo. I lavori sono stati chiusi dal segretario Messetti Ottavio. AAAA MICHELE GRIGOLETTI (CIRCOLO GIOVANI VERONESI NEL MONDO DI SIDNEY), OTTAVIO MESSETTI (SEGRETARIO) MARCELLINO PERNIGOTTO (RESP. AREA GIOVANI) 11

12 Attività delle Associazioni ARGENTINA Un omaggio all arte della lirica che accomuna Verona a Buenos Aires. E stato questo lo spirito della visita allo storico teatro Colon, il più importante di Buenos Aires e dell Argentina, da parte della delegazione dei Veronesi del Mondo. Il Teatro Colon oggi è interessato da un restauro globale che lo restituirà alla sua antica bellezza solo nel giro di un paio d anni. I lavori dovrebbero essere finiti nel 2010 precisa il direttore Orazio Sanguinetti, in occasione del bicentenario della nostra indipendenza. È una scadenza VISITE ISTITUZIONALI Il presidente al teatro Colon IL PRESIDENTE CENI CONSEGNA UN LIBRO DI VERONA AL DIRETTORE DEL TEATRO COLON molto importante per la nazione e questo teatro vorrebbe fare la sua parte con un grande concerto. Il dottor Sanguintetti ha detto di avere un affetto particolare per Verona e per l Arena. Nella nostra città il direttore del teatro Colon è stato nel ontano 1966 e auspica di potervi tornare una volta o l altra. Il presidente Ceni ha colto l occasione per chiedergli se ritiene possibile, in futuro, l avvio di una collaborazione tra il Teatro Colon e la Fondazione Arena per l allestimento di spettacoli di musica lirica. Spero che questo sia possibile, ha risposto sanguinetti, ricordando che la musica non ha confini e che gli argentini sono un popolo di grande appassionati di musica classica, oltre che di tango. Abbiamo grandi artisti che possono affrontare i più grandi palcoscenici del mondo, ha ripreso Sanguinetti, e una collaborazione con l Arena di Verona penso sarebbe entusiasmante per gli argentini. brasile 2009 Non è un mistero, ma è intenzione dell Associazione di Verona di ripetere l incontro con i giovani e i Presidenti dei Circoli Sudamericani l anno prossimo a San Paolo. Per tale evenienza, il Segretario Ottavio Messetti è andato, su incarico del Presidente, quale esploratore in avanscoperta. Ne riportiamo la descrizione più specifica. Non dimentichiamo i disabili Dare un futuro indipendente ai ragazzi con disabilità. Un progetto ambizioso, nello stile di San Giovanni Calabria, il sacerdote per il quale nulla era impossibile se ci si affidava alla divina Provvidenza. La lezione del fondatore dei Calabriani è stata accolta in pieno a Porto Alegre, in Brasile dove il Centro di educazione professionale intitolato a San Giovanni Calabria segue ormai 550 giovani dai sette ai 14 anni, il cinque per cento dei quali con disabilità fisiche o psichiche. Qui è nata una stretta collaborazione tra il Centro professionale e l Associazione Veronesi nel Mondo che ha promosso un progetto dedicato ai ragazzi con disabilità, intitolato «A modo loro», che ha ottenuto, grazie all interessamento dell associazione, un consistente contributo della Banca Popolare di Verona. Spiega il direttore del Centro, fratel Gilnei Bampi, ISTITUTO DON CALAbRIA - PORTO ALEGRE R.S. GILNEI BAMPI incontrato a Buenos Aires nel corso del convegno per i 35 anni del circolo L Arena dei Veronesi nel Mondo a Bueno Aires:«Il nostro obiettivo è di raddoppiare il numero di giovani con disabilità da seguire nella nostra struttura. Vorremmo arrivare almeno al dieci per cento, in modo da allargare il più possibile per i giovani disabili di Porto Alegre le opportunità di formazione e quindi di inserimento nel mondo del lavoro. Ma per fare tutto questo servono educatori, spazi e, ovviamente, risorse». Il progetto A modo loro è diviso in tre tappe. La prima è stata di preparazione, con la selezione dei vari gradi di disabilità e l individuazione delle attitudini di ciascun allievo. Precisa fratel Gilnei:«Ogni percorso formativo va individualizzato per consentire a ogni ragazzo di esprimere le proprie migliori capacità in vista di poter poi 12 operare in piena autonomia. Una tecnica che ha già dato i suoi frutti: quattro dei giovani con disabilità formati qui oggi lavorano già come tirocinanti in uffici pubblici». La seconda tappa del progetto, a cui sarà dedicato il 2009, sarà impostata sulla specializzazione degli educatori, formazione che richiederà l ausilio di partner ad hoc, per approfondire questo tipo di insegnamento e sistemare a norma di legge le attrezzature e le stesse strutture, cioè i laboratori, del centro. «La terza tappa», precisa fratel Gilnei, «sarà la continuazione di tutto questo lavoro, mirato a realizzare un progetto globale di formazione per le persone con disabilità in modo di fornire loro le capacità di affrontare, a seconda del loro grado e tipo di disabilità, un percorso lavorativo indipendente». Il progetto del «San Giovanni Calabria» di Porto Alegre, dove è di recente rinato il locale circolo dei Veronesi nel Mondo, punta a creare una mentalità nuova nella società brasiliana, «che superi il semplice concetto di assistenzialismo», conclude fratel Gilnei, «e maturi, invece, quello della vita indipendente per le persone con disabilità, persone oggi tra le più emarginate nella società brasiliana».

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Edizione N 8 Mese GIUGNO/LUGLIO 2011. Giorni da ricordare nei mesi di APRILE e MAGGIO. 28/05/2011 Qui affianco la nostra Elide che compie 100 anni!!!

Edizione N 8 Mese GIUGNO/LUGLIO 2011. Giorni da ricordare nei mesi di APRILE e MAGGIO. 28/05/2011 Qui affianco la nostra Elide che compie 100 anni!!! 09/05/2011 e 16/05/2011 Fazzoletto Bandiera con i ragazzi del catechismo!! 12/05/2011 Uscita al mercato Paesano.. 18/04/2011 CINOTERAPIA!! 08/05/2011 FESTA DELLA MAMMA 03/04/2011 Canti e Balli con Rinaldo

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015

PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015 Poschiavo, 14 febbraio 2014 PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015 L assemblea generale ordinaria del 2015 si è svolta presso il ristorante La Tana del Grillo a Pedemonte, in data 31 gennaio

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO Lanzada - Campo Moro, 09 maggio 2015 Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO I pedü sono costituiti da una spessa suola di stoffa sulla quale è cucita

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te.

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Nel Sud del mondo in una situazione di povertá e di emarginazione a molti bambini sono negati i diritti fondamentali alla vita, alla

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli