Dott.ssa Alessandra Palmieri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dott.ssa Alessandra Palmieri"

Transcript

1 Università degli Studi di Sassari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dott.ssa Alessandra Palmieri Istituto di Igiene e Medicina Preventiva

2 PROFILASSI Tutte quelle attività che hanno l obiettivo di impedire l insorgenza delle malattie e cercare di eradicare le stesse INDIRETTA Ecologica Della persona DIRETTA Specifica Generica Interventi atti a neutralizzare le fonti di infezione (DENUNCIA, ISOLAMENTO, CONTUMACIA, INCHIESTA EPIDEMIOLOGICA, ACCERTAMENTO DIAGNOSTICO) e l ambiente inteso come mezzo di trasmissione di agenti (STERILIZZAZIONE, DISINFEZIONE, etc.)

3 STERILIZZAZIONE Misura di profilassi diretta generica delle malattie infettive intesa a distruggere tutti i microrganismi, in forma vegetativa o in stato di spore, presenti su un substrato condizione in cui la sopravvivenza di un microrganismo è altamente improbabile

4 STERILIZZAZIONE Disinfezione: Procedimento che comporta l uccisione di microrganismi patogeni su un substrato non vivente e nell ambiente, ad eccezione delle forme di resistenza Asepsi: Procedimento atto ad evitare l apporto di germi su un substrato Antisepsi: Procedimento atto a distruggere o ad inibire microrganismi che risiedono sui tessuti

5 STERILIZZAZIONE Norma U.N.I. EN 556 Sterilizzazione dei dispositivi medici il livello di assicurazione di sterilità (SAL: Sterility Assurance Level) deve corrispondere alla probabilità teorica inferiore o uguale a 1 su 1 milione (SAL 10-6 ) di trovare un microrganismo sopravvivente all'interno di un lotto di sterilizzazione

6 STERILIZZAZIONE Quando è necessario attuare una procedura di STERILIZZAZIONE? Dr Earl Spaulding (1968) I materiali utilizzati nella pratica sanitaria possono essere suddivisi in categorie a diverso rischio infettivo

7 STERILIZZAZIONE 1) Articoli CRITICI Oggetti il cui uso, se contaminati, comporta un elevato rischio di contrarre infezione. Si tratta di oggetti o strumenti che penetrano nei tessuti sterili (es.: strumenti chirurgici, protesi valvolari, aghi, cateteri vascolari)

8 STERILIZZAZIONE 2) Articoli SEMI-CRITICI Oggetti che vengono in contatto con mucose integre o cute non integra ma che non invadono i tessuti od il sistema vascolare (es.: endoscopi, cateteri urinari, etc.). Il rischio di infezione connesso con il loro uso è sempre alto

9 STERILIZZAZIONE 3) Articoli NON CRITICI Oggetti che non vengono a contatto diretto con il paziente o vengono a contatto solo con la cute integra, (es.: stetoscopi, manicotti per la misurazione della pressione, maschere facciali, biancheria, stoviglie, etc.)

10 STERILIZZAZIONE MEZZI FISICI MEZZI CHIMICI

11 STERILIZZAZIONE MEZZI FISICI Calore (secco od umido) Radiazioni γ Raggi U.V. Filtrazione

12 STERILIZZAZIONE MEZZI CHIMICI Ossido di etilene Gas plasma Glutaraldeide Acido peracetico

13 MEZZI FISICI CALORE SECCO 1) aria calda generata in stufe o forni di Pasteur Si tratta di armadi di metallo a doppia parete coibentata, all interno dei quali, mediante resistenze elettriche, l aria entra e viene mantenuta alla temperatura adatta a sterilizzare.

14 PRINCIPIO: aumento della temperatura degli oggetti che determina processi di OSSIDAZIONE FATTORI DETERMINANTI: Temperatura e durata. Norme U.N.I.: 170 C/2h dal raggiungimento della Temperatura (180 /30-60 ; 170 /60 ; 160 /120 ; 150 /150 ; 140 /180 ).

15 MEZZI FISICI CALORE SECCO 1) aria calda generata in stufe o forni di Pasteur MATERIALI: oggetti in vetro, metallo, sostanze oleose e polveri. Non indicato per soluzioni acquose, materiale tessile o termosensibile PRO: pratica, economica CONTRO: scarsa affidabilità dei controlli ed eccessiva durata del ciclo di sterilizzazione

16 MEZZI FISICI CALORE SECCO 2) Fiamma viva. PRINCIPIO: FLAMBAGGIO di superfici ed oggetti oppure INCENERIMENTO di materiale a fondo perso e rifiuti solidi

17 MEZZI FISICI CALORE UMIDO PRINCIPIO: il vapore d acqua saturo sotto pressione generato in autoclavi a vapore determina la COAGULAZIONE delle proteine FATTORI DETERMINANTI Pressione: necessaria per aumentare il punto di ebollizione dell acqua; Temperatura: valori sufficienti per garantire la distruzione dei MO; Tempo: inversamente proporzionale alla temperatura; Umidità: il vapore deve essere saturo (100% di umidità relativa)

18 Il vapore è prodotto in apposite apparecchiature, autoclavi a vapore, il cui elemento strutturale fondamentale è costituito da un contenitore in acciaio a chiusura ermetica, corredato di valvola di sicurezza e da un rubinetto per collegare l ambiente interno con l esterno, un manometro e un termometro. Il vapore si forma dall acqua immessa dentro l autoclave e riscaldata. Se riscaldiamo l acqua a livello del mare, alla T di 100 C, l acqua bolle: le bolle salgono in superficie e si disperdono nell aria. Se diamo ancora calore, le bolle aumentano, ma non aumenta la T. Se invece riscaldiamo l acqua in un recipiente chiuso (vapore sotto pressione), la P del recipiente aumenta creando un aumento del punto di ebollizione dell acqua.

19 MEZZI FISICI CALORE UMIDO STERILIZZAZIONE LENTA: 121 C per min e 1 atm MATERIALI: strumenti in metallo, vetro, materiale tessile di medicazione e per campo sterile, materiale di gomma non termolabile. Non indicato per attrezzatura di endoscopia (eccetto le camicie degli endoscopi in acciaio), le sostanze non idrosolubili (sostanze oleose e polveri) e materiali termolabili

20 MEZZI FISICI STERILIZZAZIONE RAPIDA: 134 PER 4-7 MIN. A 2 ATMOSFERE. PRO: RAPIDITA CONTRO: SOLO PER STERILIZZARE IN EMERGENZA MATERIALI PULITI E NON CONFEZIONATI: LA RAPIDITA DEL PROCESSO RIDUCE I MARGINI DI SICUREZZA ED AUMENTA LA POSSIBILITA DI FORMAZIONE DI BOLLE D ARIA.

21 MEZZI FISICI RAGGI γ PRINCIPIO: radiazioni ionizzanti prodotte da radioisotopi ( 60 Co; 137 Cs). Provocano la DENATURAZIONE di proteine ed acidi nucleici FATTORI DETERMINANTI: l effetto sterilizzante è dose-dipendente: si raggiunge a dosi di 25 KGy

22 MEZZI FISICI RAGGI γ MATERIALI: prodotti monouso aghi, fili di sutura, lame, alcuni tipi di plastiche, etc. PRO: non inducono radioattività sui substrati trattati CONTRO: disponibilità di impianti adeguati i cui costi sono elevatissimi: impiego limitato a livello industriale

23 MEZZI FISICI RAGGI U.V. PRINCIPIO: radiazioni non ionizzanti prodotte da lampade a vapori di mercurio eccitati da una corrente elettrica. Svolgono la massima azione battericida a 254 nm provocando ALTERAZIONE degli acidi nucleici LIMITI: scarsa capacità di penetrazione. Azione lesiva sulla cute e sulle mucose (eritemi, congiuntiviti) USO: sterilizzazione di aria, acqua e piani di appoggio in ambienti protetti

24 MEZZI FISICI FILTRAZIONE PRINCIPIO: con tale metodo è possibile ottenere aria e liquidi sterili o, meglio, altamente decontaminati. Si adoperano filtri con maglie di dimensioni inferiori rispetto a quelle dei microrganismi LIMITI: i virus non vengono trattenuti

25 MEZZI CHIMICI OSSIDO DI ETILENE (EtO) PRINCIPIO: per molti anni la scelta predominante per la cosiddetta sterilizzazione a freddo ; agisce per ALCHILAZIONE dei gruppi sulfidrilici, amminici, carbossilici, fenolici ed idrossilici delle proteine strutturali ed enzimatiche

26 MEZZI CHIMICI OSSIDO DI ETILENE (EtO) FATTORI DETERMINANTI: concentrazione: mg/l (< 400 mg/l sterilità non garantita ) umidità relativa (H2O sotto forma di vapore): 40-60% temperatura: 30 C (ciclo a freddo) o 60 C (ciclo a caldo); tempo di contatto: 1,5-12 h (di solito 4-5 h) pressione: variabile in base alla percentuale di EtO (difficilmente usato puro, più spesso miscelato con 90% di freon o 91,4% di CO2)

27 MEZZI CHIMICI OSSIDO DI ETILENE (EtO) PRO: grande capacità di penetrazione che ne consente l utilizzo a basse temperature CONTRO: gas inodore, infiammabile, esplosivo e tossico. Utilizzo, rigorosamente disciplinato dal R.D. 147/27 e dalle Circ. M. S. 47/81 e 56/83, in Centrali di Sterilizzazione. Gli oggetti sterilizzati con EtO (fanno eccezione vetro e metallo) devono essere sottoposti a DEGASIFICAZIONE e non utilizzati per almeno 48 h

28 MEZZI CHIMICI OSSIDO DI ETILENE (EtO) MATERIALI: endoscopi, materiali di plastica, gomma, PVC, protesi vascolari, fibre ottiche, libri. Non indicato per tutto ciò che possa essere sterilizzato a vapore o che sia stato precedentemente trattato con i raggi γ,in quanto si origina epicloridina

29 MEZZI CHIMICI GAS PLASMA DI H 2 O 2 PRINCIPIO: attualmente la tecnologia più innovativa nel campo della sterilizzazione a freddo. Scoperto nel stato della materia. Introdotta in Europa nel 1992: eccitamento del gas allo stato di plasma all interno di un apposita autoclave mediante la creazione di un campo elettromagnetico. I RADICALI LIBERI generati agiscono sugli acidi nucleici e sulle membrane

30 MEZZI CHIMICI GAS PLASMA DI H 2 O 2 FATTORI DETERMINANTI: nell autoclave il gas plasma viene mantenuto attivo alla temperatura di 50 C, per un periodo di 72 min (ciclo esteso) o di 54 min (ciclo breve), al termine del quale tutti gli ioni si ricombinano per dare composti stabili e non tossici (acqua e ossigeno)

31 MEZZI CHIMICI GAS PLASMA DI H 2 O 2 PRO: rispetto all EtO si hanno meno problemi di sicurezza ambientale e per il personale addetto. I materiali trattati sono privi di residui pericolosi, non devono essere degasificati e possono essere utilizzati prontamente MATERIALI: strumenti sensibili al calore ed all umidità. Non indicato per teleria, derivati della cellulosa, polveri e liquidi

32 MEZZI CHIMICI GLUTARALDEIDE PRINCIPIO: fa parte dei composti registrati dall EPA (Environmental Protection Agency) come sterilizzanti/disinfettanti. Viene utilizzata al 2% in soluzione acquosa sia acida che alcalina. Agisce mediante ALCHILAZIONE dei gruppi amminici, sulfidrilici, idrossilici, carbonilici delle proteine denaturandole

33 MEZZI CHIMICI GLUTARALDEIDE FATTORI DETERMINANTI: tempo di contatto di 30 min per una disinfezione di alto livello oppure superiore alle 3 h per esplicare un azione sterilizzante MATERIALI: trova applicazione per dispositivi termolabili (endoscopi, apparecchi per la respirazione controllata e per anestesia, dializzatori, tubi per spirometria) CONTRO: dopo il trattamento gli strumenti devono essere accuratamente lavati con acqua sterile. Impossibilità di confezionamento

34 MEZZI CHIMICI ACIDO PERACETICO PRINCIPIO: fa parte dei composti registrati dall EPA (Environmental Protection Agency). Presenta notevole attività germicida, anche contro le spore, già a basse concentrazioni (0,001-0,2%). Agisce mediante OSSIDAZIONE e DENATURAZIONE delle proteine, influendo sulla permeabilità cellulare

35 MEZZI CHIMICI ACIDO PERACETICO FATTORI DETERMINANTI: per la sterilizzazione viene utilizzata un apparecchiatura automatica all interno della quale circola il composto chimico alla concentrazione dello 0,2% e ph di 6,4. La temperatura è compresa tra C ed il tempo richiesto è di 12 min. MATERIALI: tutti i dispositivi termolabili, a patto che siano completamente immersi nel composto, cosa che determina una impossibilità di confezionamento

36 FASI DEL PROCESSO Un corretto processo di sterilizzazione, oltre alla pratica vera e propria, comprende diverse operazioni: 1) Pulizia del materiale da sterilizzare 2) Confezionamento 3) Caricamento 4) Sterilizzazione 5) Conservazione

37 FASI DEL PROCESSO 1) Pulizia del materiale da sterilizzare Si esegue per ridurre la carica microbica ed allontanare lo sporco. La fase di pulizia prevede una prima decontaminazione in soluzione disinfettante, cui fanno seguito un lavaggio con detergente non abrasivo, il risciacquo e l asciugatura: quest ultima deve essere molto accurata per il materiale destinato alla sterilizzazione a secco o con EtO (glicole etilenico)

38 FASI DEL PROCESSO 2) Confezionamento Ha lo scopo di preservare la sterilità fino al momento dell uso. I materiali adoperati variano a seconda del mezzo di sterilizzazione. Le confezioni devono essere più piccole possibile, visto che una volta aperta deve essere o completamente utilizzata od indirizzata ad una nuova pratica di sterilizzazione

39 FASI DEL PROCESSO 3) Caricamento Deve essere effettuato in modo che l agente sterilizzante possa circolare liberamente e penetrare in ogni pacco 4) Sterilizzazione Si esegue con la metodica prescelta 5) Conservazione In armadi chiusi, ambienti asciutti, indispensabile per mantenere la sterilità per lungo tempo

40 CONTROLLI Per valutare l efficacia del processo di sterilizzazione vengono effettuati tre tipi di controlli: 1) Fisici 2) Chimici 3) Biologici

41 CONTROLLI 1) Fisici Vengono effettuati con strumenti fissi installati nelle apparecchiature di sterilizzazione. Possono essere avvisatori elettrici (suonerie o spie luminose), termometri, registratori su un diaframma

42 CONTROLLI 2) Chimici Si basano sull uso di indicatori chimici (inchiostri o cere) applicati su un supporto, generalmente di carta, capaci di reagire agli stimoli fisici o chimici cambiando di colore o consistenza. Si distinguono indicatori di processo ed indicatori di sterilizzazione: i primi sono esterni al pacco e non sensibili a tutti i parametri necessari per la sterilizzazione, i secondi sono interni e completamente sensibili

43 CONTROLLI 3) Biologici Spore di microrganismi altamente resistenti poste su un supporto inerte (quale una striscia di carta) o contenute in provetta. Per il controllo della sterilizzazione a vapore si utilizzano spore di Bacillus stearothermophilus, per la stufa a secco e l EtO si usano spore del Bacillus subtilis varietà niger

DISINFEZIONE STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE STERILIZZAZIONE PREVENZIONE complesso delle misure di profilassi volte ad evitare l insorgenza di una malattia in una popolazione. PROFILASSI complesso delle misure utili a prevenire la comparsa

Dettagli

LA DISINFEZIONE LA SCELTA DISINFEZIONE NON È SINONIMO DI STERILIZZAZIONE

LA DISINFEZIONE LA SCELTA DISINFEZIONE NON È SINONIMO DI STERILIZZAZIONE LA DISINFEZIONE La lotta alle malattie infettive passa necessariamente dalle procedure di disinfezione Fulvio MARSILIO Facoltà di Medicina Veterinaria Università degli Studi di Teramo LA SCELTA Sul mercato

Dettagli

Pulizia, disinfezione e sterilizzazione degli strumenti

Pulizia, disinfezione e sterilizzazione degli strumenti Corso di formazione TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI IGIENE E SICUREZZA Pulizia, disinfezione e sterilizzazione degli strumenti Dott. Cagarelli Roberto Dipartimento sanità pubblica di Modena Modena, 22

Dettagli

Modalità e mezzi per la sterilizzazione e la disinfezione

Modalità e mezzi per la sterilizzazione e la disinfezione Modalità e mezzi per la sterilizzazione e la disinfezione Dott.ssa Pamela Di Giovanni Definizioni Sterilizzazione Distruzione di tutte le forme microbiche presenti (batteri, virus e spore), che può essere

Dettagli

Controllo della crescita microbica

Controllo della crescita microbica Controllo della crescita microbica I microrganismi sono praticamente ubiquitari. In un laboratorio possono contaminare: - aria - superfici e strumenti - operatori Sia che si lavori con colture pure, sia

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE MATERIALE NON CRITICO Strumenti che vengono in contatto con la cute intatta ed hanno basso rischio di trasmissione delle infezioni. Garze Letterecci Stetoscopi Stoviglie,

Dettagli

STERILIZZAZIONE DECONTAMINAZIONE TERMICA E/O CHIMICA

STERILIZZAZIONE DECONTAMINAZIONE TERMICA E/O CHIMICA STERILIZZAZIONE La necessità di operare in un ambiente ambulatoriale protetto che garantisca la corretta sterilizzazione degli strumenti è un problema attuale e urgente. L odontoiatria è una branca operativa

Dettagli

STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008

STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008 STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008 CALORE COME MEZZO STERILIZZANTE IL CALORE E IL MEZZO PIU USATO PER LA STERILIZZAZIONE, LIMITATAMENTE

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE Dott. Mauro Verna Direttore Servizio Igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione A.S.U.R. Zona Territoriale 7 Ancona Dott.

Dettagli

Procedure di disinfezione e sterilizzazione

Procedure di disinfezione e sterilizzazione PROCEDURA Procedure di disinfezione e sterilizzazione Paola Tomao Metodica di lavoro riguardante l insieme delle azioni da organizzare in uno spazio temporale definito e in cui si riconoscono le responsabilità,

Dettagli

STERILIZZAZIONE Un materiale è considerato sterile quando la probabilità di trovarvi un microrganismo è inferiore ad uno su un milione

STERILIZZAZIONE Un materiale è considerato sterile quando la probabilità di trovarvi un microrganismo è inferiore ad uno su un milione STERILIZZAZIONE La sterilizzazione consiste in qualsiasi processo chimico o fisico che porti all'eliminazione di ogni forma microbica vivente, sia patogena che non, comprese le spore e i funghi. Un materiale

Dettagli

Gentile paziente, Il personale dello studio è a tua disposizione per ulteriori delucidazioni in merito all argomento.

Gentile paziente, Il personale dello studio è a tua disposizione per ulteriori delucidazioni in merito all argomento. Gentile paziente, Desideriamo informarti circa i rigorosi protocolli di disinfezione e sterilizzazione che vengono routinariamente adottati nel nostro studio, nell interesse tuo e di tutto il personale,

Dettagli

Tecniche di sterilizzazione e disinfezione

Tecniche di sterilizzazione e disinfezione Tecniche di sterilizzazione e disinfezione Sistemi di controllo microbici Agenti fisici :calore e radiazioni Agenti chimici Metodi di rimozione meccanica sterilizzazione completa eliminazione di tutti

Dettagli

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO 1 Criteri generali Per quanto sia stato ampiamente dimostrato che le superfici ambientali sono, di per sé, difficilmente responsabili della trasmissione

Dettagli

Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere

Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere Perché l esigenza delle linee guida: dati statistici In Italia su circa 9.500.000 pazienti ricoverati

Dettagli

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

STERILIZZAZIONE Procedimento in grado di uccidere tutti i microrganismi, patogeni e non, di inattivare tutti i virus, presenti in un oggetto o in un

STERILIZZAZIONE Procedimento in grado di uccidere tutti i microrganismi, patogeni e non, di inattivare tutti i virus, presenti in un oggetto o in un STERILIZZAZIONE Procedimento in grado di uccidere tutti i microrganismi, patogeni e non, di inattivare tutti i virus, presenti in un oggetto o in un ambiente,comprese le spore. Sterilizzazione Si può ottenere

Dettagli

IL PERICOLO INFEZIONI IN ODONTOIATRIA

IL PERICOLO INFEZIONI IN ODONTOIATRIA PREMESSA Sulla sterilizzazione della strumentazione utilizzata sui pazienti e sulla trasmissione di infezioni, provocate proprio da una non corretta sterilizzazione degli strumenti, si è ampiamente discusso

Dettagli

Profilassi delle malattie infettive

Profilassi delle malattie infettive Profilassi delle malattie infettive SPECIFICA DIRETTA INDIRETTA Soggetto suscettibile IMMUNOPROFILASSI Sorgente/serbatoio di infezione Veicoli, Vettori NOTIFICA, INCHIESTA EPIDEMIOLOGICA ISOLAMENTO DISINFEZIONE

Dettagli

Procedure di disinfezione e sterilizzazione

Procedure di disinfezione e sterilizzazione Procedure di disinfezione e sterilizzazione Opuscolo informativo per il paziente Gentili pazienti, lo scopo di questo opuscolo è quello di informarvi sulle rigorose procedure di disinfezione e sterilizzazione

Dettagli

L IGIENE IN CAMPO ESTETICO E TRICOLOGICO

L IGIENE IN CAMPO ESTETICO E TRICOLOGICO L IGIENE IN CAMPO ESTETICO E TRICOLOGICO MOROCUTTI GIOVANNI s.r.l. Direzione Marketing MOROCUTTI GIOVANNI s.r.l. via Cassala, 64-25126 Brescia - Italy Tel.: +39 030 3750257 - Fax: +39 030 296804 www.morocutti.it

Dettagli

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE MISURE di ISOLAMENTO 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio 1 PROFILASSI MALATTIE INFETTIVE La Profilassi mira ad impedire l insorgenza e la diffusione delle malattie infettive

Dettagli

Alcool etilico alcool isopropilico

Alcool etilico alcool isopropilico DISINFETTANTI DISINFETTANTI Detergenti: modifica tensione superficiale e rimozione dello sporco Decontaminazione: I presidi riutilizzabili devono, dopo l uso, essere immediatamente immersi in un disinfettante

Dettagli

ihp la TECNOLOGIA INNOVATIVA" per la STERILIZZAZIONE AMBIENTALE Relatori: L. Monaco, D. Lazzari

ihp la TECNOLOGIA INNOVATIVA per la STERILIZZAZIONE AMBIENTALE Relatori: L. Monaco, D. Lazzari ihp la TECNOLOGIA INNOVATIVA" per la STERILIZZAZIONE AMBIENTALE Relatori: L. Monaco, D. Lazzari SANITIZZAZIONE La cleaning di un ambiente a contaminazione controllata prevede tre step principali: Fase

Dettagli

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI Casa di Cura Villa delle Querce LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI PREMESSA Le pulizie e la sanificazione degli ambienti sanitari rivestono un ruolo importante non solo per il significato

Dettagli

L evoluzione della sterilizzazione chimica liquida

L evoluzione della sterilizzazione chimica liquida System 1 Express Sistema di sterilizzazione L evoluzione della sterilizzazione chimica liquida Per una rapida rotazione Eccellenza ed efficienza: SYSTEM 1 EXPRESS rispetta la tradizione SYSTEM 1 Efficienza

Dettagli

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI (Ministero della Salute - http://www.salute.gov.it) INTRODUZIONE Le mani sono un ricettacolo di germi; circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni,

Dettagli

& ECOLAB F&B Agri. Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando. Dott. D. Borella. Application Manager F&B Italy

& ECOLAB F&B Agri. Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando. Dott. D. Borella. Application Manager F&B Italy & ECOLAB F&B Agri Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando Dott. D. Borella Application Manager F&B Italy Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando La mastite in sala mungitura Agenti

Dettagli

Lista norme tecniche armonizzate nel campo della sterilizzazione pubblicate in supporto alla direttiva 93/42/CEE Dispositivi medici

Lista norme tecniche armonizzate nel campo della sterilizzazione pubblicate in supporto alla direttiva 93/42/CEE Dispositivi medici Lista norme tecniche armonizzate nel campo della sterilizzazione pubblicate in supporto alla direttiva 93/42/CEE Dispositivi medici Sterilizzatrici per uso medico - Sterilizzazione UNI EN 285 Sterilizzazione

Dettagli

REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE

REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE ALLEGATO B REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE INDICE Requisiti organizzativi, strutturali e tecnologici

Dettagli

Disinfezione con UV. Uccisione dei microrganismi. Luce ultravioletta

Disinfezione con UV. Uccisione dei microrganismi. Luce ultravioletta Il sistema a raggi ultravioletti UV Healt della gamma CTX è considerato uno dei migliori metodi per l igienizzazione dell acqua, complementare al cloro o ad altri prodotti residuali, grazie al suo potere

Dettagli

La sterilizzazione dei dispositivi medici : cosa c è di nuovo

La sterilizzazione dei dispositivi medici : cosa c è di nuovo II Congresso Internazionale per Infermieri di Camera Operatoria Nursing Peri Operatorio, Tecniche Chirurgiche e Management Infermieristico 28-29 settembre 2012 Centro Congressi Hotel Palace Repubblica

Dettagli

STERILIZZAZIONE: STATO DELL ARTE

STERILIZZAZIONE: STATO DELL ARTE STERILIZZAZIONE: STATO DELL ARTE Roberto Bruschi SAN MARINO 23-24 SETTEMBRE 2011 La situazione normativa esistente riguardante il settore della sterilizzazione ha subito una piccola rivoluzione. Numerose

Dettagli

Il Manuale della STERILIZZAZIONE

Il Manuale della STERILIZZAZIONE Il Manuale della STERILIZZAZIONE A Cura: Direzione Sanitaria Servizi Infermieristici: Oltrepò - Lomellina Specialistica Ambulatoriale Dipartimento di Salute Mentale Revisione Dicembre 2003-1 - IL MANUALE

Dettagli

Le seguenti indicazioni rispondono complessivamente alle voci previste nel capitolo Requisiti generali, in particolare i punti:

Le seguenti indicazioni rispondono complessivamente alle voci previste nel capitolo Requisiti generali, in particolare i punti: Requisiti richiesti agli studi odontoiatrici, per ottemperare a quanto previsto dalla Delibera della Giunta Regionale dell Emilia-Romagna n. 327 del 23/02/04 Le seguenti indicazioni rispondono complessivamente

Dettagli

PROCEDURE PER GLI ADDETTI INTERNI ALLE PULIZIE PARTE PRIMA ELENCO DELLE SOSTANZE

PROCEDURE PER GLI ADDETTI INTERNI ALLE PULIZIE PARTE PRIMA ELENCO DELLE SOSTANZE PROCEDURE PER GLI ADDETTI INTERNI ALLE PULIZIE PARTE PRIMA ELENCO DELLE SOSTANZE Il D.S.G.A. dovrà produrre l Elenco delle Sostanze Utilizzate (prodotti per la pulizia, l igiene, ecc.). L originale del

Dettagli

RISCHIO INFETTIVO IGIENE E DISINFEZIONE

RISCHIO INFETTIVO IGIENE E DISINFEZIONE SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI RISCHIO INFETTIVO IGIENE E DISINFEZIONE 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico corso teorico

Dettagli

LA MISURA DELLA FUNZIONE RESPIRATORIA

LA MISURA DELLA FUNZIONE RESPIRATORIA LA MISURA DELLA FUNZIONE RESPIRATORIA Corso teorico pratico Modulo I LA SPIROMETRIA Torino, 9-10 novembre 2012 Gli spirometri: calibrazione, manutenzione e controllo delle contaminazioni Vincenza Glave

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

NUOVE NORME EMESSE (inserite in elenco) e RITIRATE (inserite in elenco)

NUOVE NORME EMESSE (inserite in elenco) e RITIRATE (inserite in elenco) NOTE RISPETTO ALLA REVISIONE PRECEDENTE NUOVE NORME EMESSE (inserite in elenco) e RITIRATE (inserite in elenco) UNI EN ISO 11607-1:2014 09.10.2014 UNI EN ISO 11607-2:2014 09.10.2014 EN ISO 11140-1:2014

Dettagli

L ANELLO DEBOLE DEL CICLO DI STERILIZZAZIONE

L ANELLO DEBOLE DEL CICLO DI STERILIZZAZIONE IGIENE E SICUREZZA DEI CIRCUITI IDRICI DEI RIUNITI L ANELLO DEBOLE DEL CICLO DI STERILIZZAZIONE TRATTAMENTO E DISINFEZIONE ACQUE PERCHE TRATTARE E DISINFETTARE L ACQUA IN AMBITO ODONTOIATRICO? INFEZIONE

Dettagli

INCUBAZIONE ACUTA CONVALESC GUARIGIONE. HBsAg. Anti HBs. HBeAg HBV DNA. Infezione ALT. Anti Hbe. Infezione. Anti HBc IgM. Da Virus.

INCUBAZIONE ACUTA CONVALESC GUARIGIONE. HBsAg. Anti HBs. HBeAg HBV DNA. Infezione ALT. Anti Hbe. Infezione. Anti HBc IgM. Da Virus. PERIODO DI FASE INCUBAZIONE ACUTA CONVALESC GUARIGIONE HBsAg contemp poranea B + Virus Delta Infezione Da Virus solo da Virus B Infezione Anti HBs HBeAg HBV DNA Anti Hbe Anti HBc IgM Anti HBc IgG ALT Anti

Dettagli

Norme di sicurezza Attività di trasporto infermi (parte II) Ver 0.1

Norme di sicurezza Attività di trasporto infermi (parte II) Ver 0.1 Norme di sicurezza Attività di trasporto infermi (parte II) Ver 0.1 Obiettivi Evitare che vi facciate del male, o peggio, durante la vostra futura attività di Croce Rossa. Per oggi ci limiteremo a: Illustrare

Dettagli

marcatura Il S.G.Q. aziendale DE LAMA è certificato: ISO 9001: 2000 - Cert. n 0351 ISO - UNI CEI EN 13485 - Cert. n 1275

marcatura Il S.G.Q. aziendale DE LAMA è certificato: ISO 9001: 2000 - Cert. n 0351 ISO - UNI CEI EN 13485 - Cert. n 1275 marcatura Il S.G.Q. aziendale DE LAMA è certificato: ISO 9001: 2000 - Cert. n 0351 ISO - UNI CEI EN 13485 - Cert. n 1275 Autoclavi di sterilizzazione a vapore saturo DE LAMA DLOH Le autoclavi di sterilizzazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA CORRETTA PROCEDURA DI STERILIZZAZIONE A VAPORE

LINEE GUIDA PER UNA CORRETTA PROCEDURA DI STERILIZZAZIONE A VAPORE LINEE GUIDA PER UNA CORRETTA PROCEDURA DI STERILIZZAZIONE A VAPORE Principali norme di riferimento: Norma Italiana Guida alla progettazione, allo sviluppo e al controllo del processo di ricondizionamento

Dettagli

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali C O M U N E di AMALFI U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À R E L A Z I O N E T E C N I C A P E R I L S E R V I Z I O D I P U

Dettagli

IL PROCESSO DI STERILIZZAZIONE

IL PROCESSO DI STERILIZZAZIONE IL PROCESSO DI STERILIZZAZIONE L adozione di una corretta procedura di sterilizzazione non solo rende sicuro l uso degli strumenti ma garantisce l intera operatività dello Studio, prevenendo rischi di

Dettagli

INDICE 7.1 7.2 8.1 8.1.1 8.1.2 8.2 8.2.1 8.2.2 8.3 8.3.1 8.3.1 a 8.3.1 b 8.3.2 8.3.2 a 8.3.2 b 8.4 8.4.1 8.4.1 a 8.4.1 b

INDICE 7.1 7.2 8.1 8.1.1 8.1.2 8.2 8.2.1 8.2.2 8.3 8.3.1 8.3.1 a 8.3.1 b 8.3.2 8.3.2 a 8.3.2 b 8.4 8.4.1 8.4.1 a 8.4.1 b INDICE 1. PREMESSA pag. 4 2. OBIETTIVI.. pag. 4 3. DEFINIZIONI. pag. 5 4. CAMPO DI APPLICAZIONE. pag. 6 5. RISORSE UMANE E RESPONSABILITÀ.. pag. 6 6. STRUMENTI PER ENDOSCOPIA pag. 7 7. AREE STRUTTURALI.

Dettagli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli Protocollo di pulizia per l'asilo Nido II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli standard che dovranno essere rispettati al fine di assicurare l'adeguata pulizia dell'asilo

Dettagli

Disinfezione Fornitura Lavaggio. Versione 1.0i / aprile 2010. QM-Ident: RN202_00_001d_AL / V01 / wma / wdm / 01.05.10 1 / 37

Disinfezione Fornitura Lavaggio. Versione 1.0i / aprile 2010. QM-Ident: RN202_00_001d_AL / V01 / wma / wdm / 01.05.10 1 / 37 Buona prassi di approntamento di dispositivi medici per gli studi medici e odontoiatrici nonché altri utilizzatori di piccole sterilizzatrici a vapore saturo Disinfezione Fornitura Lavaggio Utilizzo Manutenzione/

Dettagli

La catalasi: un enzima in azione

La catalasi: un enzima in azione Percorso di Didattica laboratoriale La catalasi: un enzima in azione Scuola Secondaria di Secondo Grado IISS - IPSIA E. Majorana Bari Classe IV B Docente: Miralma Serio Organizzatore cognitivo: Le trasformazioni

Dettagli

I termini e i concetti fondamentali

I termini e i concetti fondamentali unità La prevenzione delle contaminazioni I termini e i concetti fondamentali 1 l igiene degli ambienti Gli esercizi di lavorazione e somministrazione di cibi e bevande, soggetti ad accertamenti dei requisiti

Dettagli

INDICE. INTRODUZIONE Pag. 4. ITER PER L APERTURA ATTIVITA Pag. 5. - Documentazione necessaria ai fini igienico-sanitari Pag. 5

INDICE. INTRODUZIONE Pag. 4. ITER PER L APERTURA ATTIVITA Pag. 5. - Documentazione necessaria ai fini igienico-sanitari Pag. 5 MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE DIPARTIMENTO di PREVENZIONE ASL 5 Spezzino Dott. FRANCESCO MADDALO Direttore S.C. Igiene e Sanità Pubblica Dr.ssa PINUCCIA BRANCA

Dettagli

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA Introduzione La qualità dell acciaio utilizzato nella costruzione delle attrezzature per le cucine professionali è

Dettagli

3 EFFE STERIL S.r.l.

3 EFFE STERIL S.r.l. 3 EFFE STERIL S.r.l. Via della Consortia n. 17 37127 Verona (VR) Telefono: 045. 2072619 Fax: 045. 8340500 Cellulare: 329 0173284 E-mail: info@3effesteril.it www.3effesteril.it All.. 04 POS 03 Rev. 0 Edizione

Dettagli

La disinfezione in ambito odontoiatrico

La disinfezione in ambito odontoiatrico La disinfezione in ambito odontoiatrico In questo capitolo tratteremo: Procedure di disinfezione e sterilizzazione Decontaminazione Detersione Risciacquo Asciugatura Sterilizzazione in autoclave Sterilizzazione

Dettagli

TITOLO SISTEMI DI BIODECONTAMINAZIONE. difendiamo la qualità

TITOLO SISTEMI DI BIODECONTAMINAZIONE. difendiamo la qualità TITOLO SISTEMI DI BIODECONTAMINAZIONE difendiamo la qualità BIODECONTAMINAZIONE AM INSTRUMENTS AM Instruments, azienda di riferimento nel settore della contaminazione controllata, presenta una gamma completa

Dettagli

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA Pagina 1 di 9 SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA NITRATO POTASSICO / MULTIGREEN NK 13.0.46 1. Identificazione del prodotto e dell azienda 1.1. Identificazione della sostanza / preparato: - Denominazione NITRATO

Dettagli

SALE OPERATORIE. Roberto Bruschi

SALE OPERATORIE. Roberto Bruschi SALE OPERATORIE Roberto Bruschi UNI EN 13795-1 GIUGNO 2004 Teli chirurgici, camici e tute per blocchi operatori, utilizzati come dispositivi medici, per pazienti, personale clinico e attrezzature Requisiti

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

SIMBOLOGIA FACCIALI FILTRANTI

SIMBOLOGIA FACCIALI FILTRANTI SIMBOLOGIA FACCIALI FILTRANTI FACCIALI FILTRANTI CLASSE DI APPARTENENZA ESEMPIO SIMBOLOGIA FFP 1 D AV RESISTENZA ALL'INTASAMENTO PROTEZIONE AGGIUNTIVE SIMBOLOGIA : TIPOLOGIA DEL PRODOTTO: FFP (Facciali

Dettagli

DECONTAMINAZIONE CON ANTISETTICI E DISINFETTANTI

DECONTAMINAZIONE CON ANTISETTICI E DISINFETTANTI DECONTAMINAZIONE CON ANTISETTICI E DISINFETTANTI 1 INTRODUZIONE Le infezioni contratte in ambito professionale costituiscono un problema rilevante in termini sanitari, sociali ed economici. In relazione

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

VAPORE: IGIENE PROFONDA CON

VAPORE: IGIENE PROFONDA CON VAPORE: IGIENE PROFONDA CON IL VAPORE: LA SOLUZIONE PER OGNI AMBIENTE Dalla lunga esperienza Hoover negli apparecchi per la pulizia della casa nasce una nuova generazione di pulitori a vapore versatili

Dettagli

Gli adempimenti e i punti critici per le aziende agricole zootecniche

Gli adempimenti e i punti critici per le aziende agricole zootecniche Incontro aggiornamento professionale ODAF di Caserta Torcino-Ciorlano/Presenzano 20-XII-2014 Laboratorio Analisi Zootecniche srl Via Volturno snc 81012 Alvignano - Caserta tel/fax: 0823865131-3383238263

Dettagli

La nuova generazione di antimicrobici brevettata in tutto il mondo

La nuova generazione di antimicrobici brevettata in tutto il mondo La nuova generazione di antimicrobici brevettata in tutto il mondo DISINFETTANTE PER SUPERFICI Il principio attivo di PURE è l argento diidrato citrato (SDC), ovvero ioni d argento stabilizzati in acido

Dettagli

Schweizerische Gesellschaft für Sterilgutversorgung Société de Stérilisation Hospitalière Società Svizzera di Sterilizzazione Ospedaliera

Schweizerische Gesellschaft für Sterilgutversorgung Société de Stérilisation Hospitalière Società Svizzera di Sterilizzazione Ospedaliera ASSOCIAZIONE ITALIANA OPERATORI SANITARI ADDETTI ALLA STERILIZZAZIONE Schweizerische Gesellschaft für Sterilgutversorgung Société de Stérilisation Hospitalière Società Svizzera di Sterilizzazione Ospedaliera

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SIGNIFICATO: Inizialmente il rischio Biologico era inteso come la possibilità di contrarre un infezione

Dettagli

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI REQUISITI GENERALI

CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI REQUISITI GENERALI CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI Denominazione struttura Indirizzo Gestita da Direttore sanitario Autorizzazione rilasciata dal Comune di in data atto n. REQUISITI GENERALI REQUISITI STRUTTURALI SICUREZZA

Dettagli

REQUISITI MINIMI NECESSARI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING

REQUISITI MINIMI NECESSARI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI MINIMI NECESSARI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI MINIMI DEI LOCALI I locali nei quali sono eseguite le attività di tatuaggio e di piercing devono essere in possesso

Dettagli

CONTROLLO DELLA CONTAMINAZIONE? NELLE STRUTTURE SANITARIE PERCHÉ CONTROLLARE LA L

CONTROLLO DELLA CONTAMINAZIONE? NELLE STRUTTURE SANITARIE PERCHÉ CONTROLLARE LA L CONTROLLO DELLA CONTAMINAZIONE NELLE STRUTTURE SANITARIE PERCHÉ CONTROLLARE LA L CONTAMINAZIONE? Il controllo della contaminazione finalizzato alla prevenzione delle infezioni nosocomiali è un argomento

Dettagli

ATTIVITÀ DI ESTETISTA E ACCONCIATORE. Norme igienico sanitarie

ATTIVITÀ DI ESTETISTA E ACCONCIATORE. Norme igienico sanitarie Allegato A ATTIVITÀ DI ESTETISTA E ACCONCIATORE Norme igienico sanitarie Articolo 1 Accertamenti igienico sanitari 1. L'accertamento dei requisiti igienico - sanitari dei locali, delle suppellettili, delle

Dettagli

Elenco delle merci pericolose per gli ospedali

Elenco delle merci pericolose per gli ospedali Rifiuti urbani Rifiuti sanitari non problematici cerotti, ingessature, pannolini per l'incontinenza, siringhe senza cannule, ecc., contenitori monouso contenuto massimo fino a 100 ml Per definizione non

Dettagli

Pulizia, manutenzione e cura di rivestimenti ceramici, vetrosi e piastrelle d asfalto

Pulizia, manutenzione e cura di rivestimenti ceramici, vetrosi e piastrelle d asfalto Pulizia, manutenzione e cura di rivestimenti ceramici, vetrosi e piastrelle d asfalto Memoriale I nostri Partner Unsere Partner Nos partenaires Pulizia e mantenimento 2 Gli autori di questo memoriale sono

Dettagli

IL PLIMMER NEL TRATTAMENTO DELLE ACQUE CALDE E FREDDE SANITARIE

IL PLIMMER NEL TRATTAMENTO DELLE ACQUE CALDE E FREDDE SANITARIE IL PLIMMER NEL TRATTAMENTO DELLE ACQUE CALDE E FREDDE SANITARIE Negli ospedali, come pure nelle comunità, nelle case di riposo e nei grandi alberghi, gli impianti di riscaldamento e produzione di acqua

Dettagli

Il vapore. che disinfetta. LA PREVENZIONE

Il vapore. che disinfetta. LA PREVENZIONE CARATTERISTICHE TECNICHE: - Sistema elettronico di gestione e controllo delle funzioni. - 4 programmi di sanificazione preimpostati. - Sistema di riconoscimento utente tramite card RFID - Stampante termica

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Pagina 1 di 1 Emissione: 10.11.2000 PROCEDURA N. 69 Aggiornamento: 27.9.2001 CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Destinatari

Dettagli

Riduzione Odori e Grassi UV SMELL RK

Riduzione Odori e Grassi UV SMELL RK UV SMELL RK UV SMELL RK Apparecchio a Raggi UV-C + Ozono + TiOX per l abbattimento dei cattivi odori e dei grassi nelle cappe e soffitti aspiranti di grandi cucine. UV-SMELL-RK è un modulo emettitore UV-

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO GUANTI IN LATTICE DOC CHIRURGICI POWDER FREE STERILI AD ALTA PROTEZIONE CE0434

SCHEDA PRODOTTO GUANTI IN LATTICE DOC CHIRURGICI POWDER FREE STERILI AD ALTA PROTEZIONE CE0434 SCHEDA PRODOTTO GUANTI IN LATTICE DOC CHIRURGICI POWDER FREE STERILI AD ALTA PROTEZIONE CE0434 Guanto chirurgico in puro lattice di gomma naturale. La superficie microruvida assicura presa ottimale, la

Dettagli

LINEE GUIDA DI STERILIZZAZIONE NELLO STUDIO ODONTOIATRICO. Studio Odontoiatrico Dr. Cornelio Blus

LINEE GUIDA DI STERILIZZAZIONE NELLO STUDIO ODONTOIATRICO. Studio Odontoiatrico Dr. Cornelio Blus 03 2014 Studio Odontoiatrico Dr. Cornelio Blus 03 2014 Cornelio Blus, copyright 2014 Questa presentazione NON INTENDE sostituirsi ai protocolli ufficiali emanati dalla Commissione Europea e dal Ministero

Dettagli

Raccomandazioni per la prevenzione delle infezioni in Odontoiatria

Raccomandazioni per la prevenzione delle infezioni in Odontoiatria REGIONE MARCHE SERVIZIO SANITÀ ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Raccomandazioni per la prevenzione delle infezioni in Odontoiatria Ancona - giugno 2001 Servizio Sanità Regione Marche Via Gentile da Fabriano

Dettagli

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Il presente documento descrive le procedure per la pulizia e sanificazione ambientale dell Azienda Ospedaliera. Le imprese concorrenti potranno

Dettagli

SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE DELL UNITA PAZIENTE NELLE AREE AD ALTO RISCHIO AORN AORN OSPEDALE DEI COLLI MONALDI COTUGNO C.T.O.

SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE DELL UNITA PAZIENTE NELLE AREE AD ALTO RISCHIO AORN AORN OSPEDALE DEI COLLI MONALDI COTUGNO C.T.O. SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE DELL UNITA PAZIENTE NELLE AREE AD ALTO RISCHIO AORN 3 maggio 2012 AORN OSPEDALE DEI COLLI MONALDI COTUGNO C.T.O. NAPOLI 2012 N. 1 SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE AMBIENTALE NELLE

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

Misure di emergenza. Paola Tomao STRUMENTI ..STRUMENTI

Misure di emergenza. Paola Tomao STRUMENTI ..STRUMENTI D.Lgs 81/08 Titolo I Misure di emergenza Paola Tomao Sezione I MISURE DI TUTELA E OBBLIGHI Art. 18 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente t) adottare le misure necessarie ai fini della prevenzione

Dettagli

L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE

L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE Regione Piemonte - Direzione Sanità Pubblica L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE 1 E fondamentale imparare a gestire correttamente le diverse temperature Tenere sempre conto della pezzatura dell alimento Evitare

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA PAG. 1 DI 6 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA INDICE 1 RISCHI LEGATI ALL AMBIENTE DI LAVORO

Dettagli

Linea Guida REV.2 Pag. 1/7

Linea Guida REV.2 Pag. 1/7 Linea Guida REV.2 Pag. 1/7 Rev Data Causale Verifica Approvazione Destinatari 0 20/10/2007 Prima emissione Comitato Infezioni Ospedaliere 1 06/09/2010 Aggiornamento Comitato Infezioni Ospedaliere 2 20/09/2012

Dettagli

Scheda informativa per l attività di acconciatore

Scheda informativa per l attività di acconciatore Scheda informativa per l attività di acconciatore CAP.1 - CARATTERISTICHE DEI LOCALI Requisiti dell'unità immobiliare Attività di acconciatore esercitata in unità immobiliari di dimensioni minime corrispondenti

Dettagli

Istruzioni d uso MACH M2

Istruzioni d uso MACH M2 Istruzioni d uso MACH M2 Mach M2 lampada a soffitto, parete e su stativo Mach M2 F lampada a soffitto, parete e su stativo GmbH u. Co., Floßmannstrasse 28, D-85560 Ebersberg Tel.: +4 (0)802 203 0, Fax

Dettagli

Linee Guida per l'igiene di Parrucchieri e Barbieri. 16/05/05 Luca Ricci - Az. USL 2 Lucca U.O. Igiene e Sanità Pubblica

Linee Guida per l'igiene di Parrucchieri e Barbieri. 16/05/05 Luca Ricci - Az. USL 2 Lucca U.O. Igiene e Sanità Pubblica Linee Guida per l'igiene di Parrucchieri e Barbieri 1 Introduzione Le infezioni possono trasmettersi: per contatto diretto operatore/cliente (e viceversa) per contatto indiretto con gli strumenti, le attrezzature

Dettagli

OZONO ECOTECNOLOGIE APPLICATE NEL TRATTAMENTO DI: ARIA, ACQUA E TUTTE LE SUPERFICI

OZONO ECOTECNOLOGIE APPLICATE NEL TRATTAMENTO DI: ARIA, ACQUA E TUTTE LE SUPERFICI OZONO ECOTECNOLOGIE APPLICATE NEL TRATTAMENTO DI: ARIA, ACQUA E TUTTE LE SUPERFICI CHE COS E L OZONO? L ozono è una modificazione triatomica dell ossigeno, il relativo simbolo chimico è: A causa del suo

Dettagli

Test di stabilità: applicazione della norma R. BRUSCHI M.C. ZANNI S. SAVINI A. DE NITTIS

Test di stabilità: applicazione della norma R. BRUSCHI M.C. ZANNI S. SAVINI A. DE NITTIS Test di stabilità: applicazione della norma UNI EN ISO 11607 R. BRUSCHI M.C. ZANNI S. SAVINI A. DE NITTIS LO STOCCAGGIO DEI DISPOSITIVI MEDICI IN UN BLOCCO OPERATORIO!!! PROBLEMA SPESSO DIMENTICATO DAI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA ATTIVITA DI ESTETISTA E PARRUCCHIERE MISTO

LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA ATTIVITA DI ESTETISTA E PARRUCCHIERE MISTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Dipartimento di Prevenzione Via Chiusaforte, 2-33100 UDINE Linee guida adottate da Azienda Servizi Sanitari n. 3 -

Dettagli

Scopri i prodotti LG che ti offrono: PIÙ IGIENE E PIÙ SALUTE PER LA FAMIGLIA

Scopri i prodotti LG che ti offrono: PIÙ IGIENE E PIÙ SALUTE PER LA FAMIGLIA Scopri i prodotti LG che ti offrono: PIÙ IGIENE E PIÙ SALUTE PER LA FAMIGLIA LG: PIÙ IGIENE E PIÙ SALUTE PER LA TUA FAMIGLIA ASPIRAPOLVERE KOMPRESSOR LAVABIANCHERIA DIRECT DRIVE A VAPORE Da sempre LG è

Dettagli

Studio Odontoiatrico Dott.Guido Gandini Via Zuretti,47/ B 20125 Milano Tel. 02 6686436 Milano,01/09/2010

Studio Odontoiatrico Dott.Guido Gandini Via Zuretti,47/ B 20125 Milano Tel. 02 6686436 Milano,01/09/2010 Studio Odontoiatrico Dott.Guido Gandini Via Zuretti,47/ B 20125 Milano Tel. 02 6686436 Milano,01/09/2010 OGGETTO: REQUISITI ORGANIZZATIVI GENERALI : OGPRO07/d MODALITA DI PULIZIA, LAVAGGIO, DISINFEZIONE

Dettagli