TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE"

Transcript

1 TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano a latenti incertezze. La dinamica di crescita prosegue negli Stati Uniti (2,4% il Pil nel 2014, il livello maggiore da quattro anni spinto dai consumi, saliti del 2,5%, ai massimi dal 2006) ma resta debole in Giappone e rallenta in Cina (7,4% il Pil nel 2014, il tasso più basso da 24 anni) e nelle altre economie emergenti mentre è bloccata in Russia. La flessione delle quotazioni del petrolio (da 112 dollari al barile del giugno 2014 ai 52 attuali) può agevolare l attività economica nei paesi avanzati ma trova il suo contrappeso nell indebolimento della domanda dei paesi produttori. Le condizioni finanziarie sono favorevoli restando alta la volatilità dei mercati. L inflazione, anche al netto della variazione dei prezzi dell energia, si colloca al minimo storico. La riduzione dell inflazione va contrastata per evitare l avvitamento strutturale della domanda. Nell area dell euro l attività produttiva stenta a riprendersi e la disoccupazione resta elevata (11,3% a dicembre 2014). Prodotto interno lordo (2005=100) Fonte: Banca d Italia

2 Il nostro paese fatica più di altri a seguire il percorso della ripresa e di uscita dalla più grave crisi dall Unità del Paese ( -8,9% il PIL, -1,7 milioni le unità di lavoro, -7,6% i consumi, -27,1% gli investimenti dal picco pre-crisi). Il PIL in caduta pressoché continua da oltre tre anni nel quarto trimestre del 2014 ha segnato una variazione congiunturale prossima allo zero risultato della diminuzione del valore aggiunto nell agricoltura e nell industria e di un aumento nei servizi. Il contributo negativo della domanda nazionale è stato compensato dall apporto positivo della componente estera netta. Nel tendenziale riferito alla media dell intero anno il PIL resta in territorio negativo, - 0,4 per cento. Per la prima volta da marzo 2014 l indice composito anticipatore dell economia italiana ha mostrato a novembre una variazione positiva, che anticipa una ripresa dell attività economica a partire dal primo trimestre Il consolidamento della crescita presuppone la ripresa del processo di accumulazione unita al rafforzamento della domanda di consumi. Le nuove misure di politica monetaria adottate dalla BCE sono rivolte a contrastare i rischi di accentuazione delle spinte deflattive e la stagnazione economica favorendo l abbassamento della curva dei tassi di interesse (il costo del denaro per le imprese italiane dovrebbe diminuire di almeno 0,4 punti percentuali) e consolidando il deprezzamento del cambio (da un rapporto dollaro-euro di 1,39 del marzo 2014 ad uno attuale di 1,14, - 18,3 per cento). Stime convergenti portano a ritenere che le misure adottate possano contribuire ad una più elevata crescita del prodotto di più di mezzo punto percentuale quest anno e di oltre un punto per il prossimo rispetto alle previsioni di consenso pari a + 0,5 per cento la stima del Pil per il 2015 e + 1,1 per il La produzione industriale a livello nazionale Dopo la stazionarietà di ottobre 2014 la produzione industriale a livello nazionale ha mostrato di recuperare a novembre (+ 0,3 per cento su ottobre) ed a dicembre (+ 0,4 per cento su novembre). Il quarto trimestre si è chiuso con una variazione di 0,1 per cento rispetto al trimestre precedente. Nella media dell intero 2014 la produzione è scesa dello 0,8 per cento rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. Il Centro Studi Confindustria stima un incremento della produzione industriale in gennaio su dicembre dello 0,2 per cento che porta la crescita acquisita nel primo trimestre al + 0,6 per cento. Le prospettive sono favorevoli ma restano le incertezza legate al quadro politico internazionale, in particolare (Grecia, Russia Ucraina, Libia).

3 La produzione industriale in Italia (2010=100) Fonte: CSC su dati Istat e Indagine Rapida La produzione industriale a livello provinciale Per quanto riguarda la provincia di Udine la prima parte del 2014 è stata caratterizzata dalla prosecuzione della spinta espansiva avviatasi a partire dalla seconda metà del Infatti il primo trimestre 2014 ha segnato il maggior incremento della produzione industriale dell ultima fase di recupero, + 3,7 per cento nella variazione tendenziale, per poi rallentare nel secondo trimestre al + 2,1 per cento. Il recupero si è arrestato il terzo trimestre 2014 che ha segnato un calo della produzione del 4,1 per cento. Il calo ha decelerato nel quarto trimestre assestandosi al 1,4 per cento. Sono in termini relativi migliorati gli ordini anche se restano in territorio negativo (da 6,3 per cento del terzo trimestre a 2,6 del quarto). Peggiorano invece le vendite in Italia (da + 0,6 per cento a 3,3 per cento tra il terzo ed il quarto trimestre), mentre recuperano le vendite all estero, da 4,2 per cento a 0,3. La decelerazione del calo nella variazione tendenziale trova supporto nell andamento congiunturale (quarto trimestre 2014 sul terzo) con il ritorno della produzione ad un trend positivo (da 8,3 per cento del terzo al + 0,1 per cento del quarto) sostenuto dalla ripresa degli ordini (da 3,6 per cento a + 3,7 per cento) e delle vendite all estero (da 8 per cento a + 0,7 per cento) mentre le vendite in Italia mostrano un segno ancora negativo, - 1,9 per cento, a fronte del - 10,1 per cento del trimestre precedente. Sul piano settoriale si assiste ad un generalizzato miglioramento del trend di produzione fatti salvi i comparti dei materiali da costruzione (da + 17 per cento del terzo trimestre a 2,5 per cento del quarto), dell alimentare (da + 0,5 per cento a 0,4) e della chimica (da 0,6 per cento a 4,6).

4 Le tendenze dell industria in Provincia di Udine I 00 III 00 I 01 III 01 I 02 III 02 I 03 III 03 I 04 III 04 I 05 III 05 I 06 III 06 I 07 III 07 I 08 III 08 I 09 III 09 I 10 III 10 I 11 III 11 I 12 III 12 I 13 III 13 I 14 III Produzione Ordini Vendite Elaborazione e Fonte Ufficio Studi Confindustria Udine Significativo il recupero del cartario (da 8,9 per cento del terzo trimestre a + 5 per cento del quarto), della gomma e plastica (da + 1,7 per cento a + 12,3 per cento), del legno e mobile (da 1 per cento a + 0,5). Si rafforza la produzione dell industria siderurgica anche se si mantiene in ambito negativo (da 10,3 per cento del terzo trimestre a 3,5 del quarto). La meccanica presenta un andamento sostanzialmente invariato, da 0,9 per cento del terzo trimestre a 1 per cento del quarto, per effetto del rallentamento della costruzione di prodotti in metallo, da + 2 per cento a + 0,5, mentre incrementano i comparti della costruzione di macchine e impianti, da - 1,9 per cento a 1,3, e la produzione di materiale elettronico, da 1,4 per cento a + 4,8 per cento. Le previsioni scontano il cambiamento delle aspettative tornate all interno di una direttrice positiva. Tra il terzo ed il quarto trimestre 2014 le attese di produzione sono nettamente migliorate (il saldo tra previsioni positive e negative è passato da 2 a + 33) sostenute dalla previsione di rafforzamento della domanda estera (che recupera nel saldo da 31 a 12) mentre la domanda interna è prevista mantenersi debole (da 10 a 26 nel saldo). Il mercato del lavoro Tra il terzo trimestre 2014 e lo stesso periodo del 2013 l occupazione per il totale dei settori economici a livello regionale si è stabilizzata attorno alle 499mila unità risultante della flessione dell industria (da 157mila unità a 152, - 3,6 per cento, con l industria in senso stretto in calo da 131 mila unità a 124, - 4,9 per cento) e dall aumento dei servizi (da 328 mila unità a 332mila, + 1,3 per

5 cento su spinta all interno del terziario delle altre attività di servizio legate in particolare ai servizi alle imprese). Occupati in FVG (in migliaia) , , , ,32 130, ,428 26,355 27,226 Totale Servizi Manifatturiero Costruzioni III 13 III 14 Elaborazione Ufficio Studi Confindustria Udine su dati Istat Le persone in cerca di occupazione risultano diminuite da unità , - 3,2 per cento, e questo, unito alla sostanziale tenuta delle forze di lavoro, da 539 a 538mila unità, ha comportato la riduzione del tasso di disoccupazione regionale dal 7,4 per cento al 7,2. 14,0% Tasso di disoccupazione 12,0% 11,3% 11,8% 10,0% 9,8% 8,0% 6,0% 5,2% 7,6% 7,6% 6,1% 7,4% 7,2% FVG Italia 4,0% 4,1% 2,0% 0,0% III 2010 III 2011 III 2012 III 2013 III 2014 Elaborazione Ufficio Studi Confindustria Udine su dati Istat Se alle persone in cerca di occupazione si sommano i lavoratori in cassa integrazione straordinaria ed in deroga a tempo equivalente, il tasso di disoccupazione implicito sale all 8,1 per cento (a fronte dell 8,2 per cento dello stesso periodo di un anno fa ).

6 I dati sul mercato del lavoro disponibili per la provincia di Udine riferiti al 2014 presentano segnali contrastanti che indicano il permanere di situazioni di criticità legate all incremento della cassa integrazione straordinaria e delle procedure di mobilità accanto ad andamenti positivi delle assunzioni. Complessivamente le assunzioni nella Provincia di Udine nei dodici mesi tra il quarto trimestre 2013 ed il terzo 2014 comparandoli con i dodici mesi precedenti, segnano una contrazione dell 1,8 per cento, da a ma questo risultato è condizionato dalla contrazione delle assunzioni nei servizi, - 5,5 per cento, mentre il settore del agricoltura mostra una espansione del 3,7 per cento, e quello dell industria, comprendendovi le costruzioni, una crescita ancora maggiore, + 9,9 per cento (da a ). Assunzioni e cessazioni nel manifatturiero in Provincia di Udine Assunzioni Cessazioni IV TRIM 2012 I TRIM 2013 II TRIM 2013 III TRIM 2013 IV TRIM 2013 I TRIM 2014 II TRIM 2014 III TRIM 2014 Elaborazione Ufficio Studi Confindustria Udine su dati Centri per impiego L industria in senso stretto mostra il dinamismo più elevato con una crescita delle assunzioni da a , + 12,4 per cento. Le costruzioni mostrano di tenere con assunzioni che passano da a 3.206, + 0,6 per cento. Le cessazioni segnano una variazione del 2,8 per cento, da a Diminuiscono del 7,5 per cento nei servizi mentre salgono nel primario del + 13,9 per cento e nel secondario del + 8,1 per cento. Il rapporto assunzioni/cessazioni passa nell industria in senso stretto da 0,93 a 0,92 marcando l ampliamento della forbice tra assunzioni e cessazioni che sono cresciute di più in valori assoluti (1.601 cessazioni a fronte di assunzioni).

7 Il ricorso alla cassa integrazione tra gennaio e dicembre 2014 è passato da ore a con un incremento del 6,5 per cento. Il ricorso alla cassa integrazione ordinaria è calato da ore a , - 38,3 per cento (con una contrazione che ha interessato i diversi settori con l eccezione della metallurgia, da ore a , + 5,8 per cento, e del settore pelli e cuoio, da ore a , + 1,8 per cento). E cresciuto invece il ricorso alla cassa integrazione straordinaria da ore a , + 12,8 per cento, con incrementi che hanno riguardato in particolare il legno (da ore a , + 107,6 per cento), la metallurgia (da ore a , + 206,8 per cento), la chimica (da ore a , + 93,4 per cento) e l alimentare (da ore a , + 56,8 per cento). La meccanica mantiene la quota di incidenza maggiore sul totale della gestione straordinaria con il 59 per cento delle ore integrate ma le diminuisce, in valori assoluti, da ore a , - 8 per cento. I lavoratori in cassa integrazione straordinaria a tempo pieno equivalente si contano tra gennaio e dicembre 2014 in unità (cui si aggiungono 135 in cassa integrazione in deroga) mentre a nell anno precedente cifravano unità (con 90 lavoratori in più in cassa integrazione in deroga). Cassa integrazione in Provincia di Udine (ore autorizzate) ORDINARIA STRAORDINARIA gen-09 feb-09 mar-09 apr-09 mag-09 giu-09 lug-09 ago-09 set-09 ott-09 nov-09 dic-09 gen-10 feb-10 mar-10 apr-10 mag-10 giu-10 lug-10 ago-10 set-10 ott-10 nov-10 dic-10 gen-11 feb-11 mar-11 apr-11 mag-11 giu-11 lug-11 ago-11 set-11 ott-11 nov-11 dic-11 gen-12 feb-12 mar-12 apr-12 mag-12 giu-12 lug-12 ago-12 set-12 ott-12 nov-12 dic-12 gen-13 feb-13 mar-13 apr-13 mag-13 giu-13 lug-13 ago-13 set-13 ott-13 nov-13 dic-13 gen-14 feb-14 mar-14 apr-14 mag-14 giu-14 lug-14 ago-14 set-14 ott-14 nov-14 dic-14 Elaborazione Ufficio Studi Confindustria Udine su dati Inps

8 Pesano i processi di ristrutturazione e di riorganizzazione aziendale in cui emergono situazioni di eccedenza della base produttiva che si riflette sulle procedure di mobilità. Infatti lo stock di lavoratori in mobilità registra una netta crescita: tra settembre 2013 e lo stesso mese del 2014 lo stock è cresciuto da unità a 3.216, + 18,4 per cento. Nei primi nove mesi del 2014 gli inserimenti in lista di mobilità a seguito di procedure di licenziamento collettivo hanno raggiunto unità a fronte delle 955 del 2013, + 53,2 per cento. Si tratta a partire del 2008 del livello apicale di inserimenti nelle liste di mobilità. I dati rilevano le criticità che il mercato del lavoro evidenzia in ragione dei riflessi che sull occupazione derivano dai processi di ristrutturazione e riorganizzazione aziendale e dal lento riassorbimento della capacità produttiva inutilizzata a fronte del riposizionamento dei punti di equilibrio aziendale su livelli più bassi. Segnali di dinamismo traspaiono da un certo ritorno delle assunzioni (in particolare nel manifatturiero) che segnano la ripresa di dinamiche positive nel mercato del lavoro anche se non tali da recuperare i livelli precrisi. Il commercio estero La produzione è stata sostenuta dalla domanda estera. Quando la sua spinta si è allentata, come è accaduto nel terzo trimestre 2014, la dinamica della produzione ne ha risentito fermandosi. Tra gennaio e settembre 2014 le esportazioni sono cresciute del 3 per cento, da milioni di euro a (+ 1,4 per cento a livello nazionale, + 0,1 per cento a livello regionale su cui influisce il calo del export della provincia di Trieste). Le esportazioni in Provincia di Udine (gen/set) Elaborazione Ufficio Studi Confindustria Udine su dati Istat

9 Il risultato positivo è assicurato dall andamento espansivo dei primi due trimestri del 2014: nel primo le esportazioni sono cresciute del 9,7 per cento, nel secondo del 3,3 per cento con una media trimestrale di crescita superiore al 6 per cento. Il terzo trimestre ha segnato un arretramento del 3,3 per cento. Sul piano della distribuzione geografica si rileva il maggior incremento delle esportazioni verso i mercati extracomunitari (+ 3,2 per cento) rispetto a quelli dell UE a 28 (+ 2,8 per cento). Le esportazioni in Provincia di Udine (gen/set) Africa Asia Orientale Asia Centrale Medio Oriente America Extra Ue UE 28 Europa Elaborazione Ufficio Studi Confindustria Udine su dati Istat Nel terzo trimestre in particolare il dato riflessivo è caratterizzato sul piano della distribuzione geografica soprattutto dalla caduta del mercato dell America settentrionale (da 119,8milioni di euro a 69,5, - 41,9 per cento), accompagnata dall assestamento del mercato dell Asia Orientale (da 98,8 milioni di euro a 84,2, - 14,8 per cento), mentre in ripresa risulta il mercato del Medio Oriente (da 41,6 milioni di euro a 60,8, + 46,3 per cento) e quello dell Africa settentrionale (da 27,7milioni di euro a 43,9, + 58,6 per cento). L Unione Europea a 28 si assesta da 699,9 milioni di euro a 692,9, - 1 per cento. Calano nettamente le esportazioni verso i paesi europei non UE, Russia e Turchia in testa (da 128milioni di euro a 101,4, - 20,8 per cento).

10 Il credito alle imprese Al 1 gennaio 2103 gli impieghi alle attività produttive in provincia di Udine ammontavano a 7.330,9 milioni di euro, al 30 settembre 2014 sono scesi a 7.178,9,4 milioni di euro, - 2 per cento. Provincia di Udine: impieghi in attività industriali (migliaia di euro) /06/10 01/09/10 01/12/10 01/03/11 01/06/11 01/09/11 01/12/11 01/03/12 01/06/12 01/09/12 01/12/12 01/03/13 01/06/13 01/09/13 01/12/13 01/03/14 01/06/14 01/09/14 Elaborazione Ufficio Studi Confindustria Udine su dati Banca d Italia Nel corso del periodo considerato sono scesi al minimo alla fine del 2013 a 6.916,2 milioni di euro con un calo, rispetto al dato del precedente mese di gennaio, del 5,7 per cento; successivamente sono ripresi con un incremento al 30 settembre 2014 del 3,8 per cento. Per quanto riguarda le attività industriali gli impieghi in un anno, tra gennaio 2013 e settembre 2014 sono diminuiti da 2.959,4 milioni di euro a 2.773,4, - 6,2 per cento. La soglia minima di impieghi è stata raggiunta al 31 dicembre 2013 con un ammontare di 2.679,3 milioni di euro. Successivamente gli impieghi sono risaliti del + 3,5 per cento raggiungendo la soglia di 2.773,4 milioni di euro. Il tasso annuo di ingresso in sofferenza dei prestiti bancari per le imprese ha raggiunto nel terzo trimestre 2014 il 3,15 per cento, in diminuzione rispetto al trimestre precedente in cui il tasso di decadimento ha raggiunto il 3,45 per cento. La contrazione del credito alle imprese risulta in attenuazione in corrispondenza al picco negativo di fine Gli impieghi sono stati rivolti in particolare al sostegno del capitale di esercizio e ad

11 operazioni di ristrutturazione e consolidamento dei debiti bancari. Vanno rafforzati per dar forza al riavvio del processo di accumulazione. 4,00 Provincia di Udine: tasso di decadimento delle imprese 3,50 3,00 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 0, Elaborazione Ufficio Studi Confindustria Udine su dati Banca d Italia A fronte dell attenuazione delle restrizioni nell offerta del credito l ingresso in sofferenza comincia a rallentare.

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

ECONOMIA E INDUSTRIA: CONSUNTIVO PREVISIONI

ECONOMIA E INDUSTRIA: CONSUNTIVO PREVISIONI ECONOMIA E INDUSTRIA: CONSUNTIVO E PREVISIONI Palazzo Torriani, 13 gennaio 2015 Economia internazionale L attività economica mondiale presenta un quadro frammentato. Tra i paesi avanzati prevalgono segnali

Dettagli

ECONOMIA E INDUSTRIA: CONSUNTIVO PREVISIONI

ECONOMIA E INDUSTRIA: CONSUNTIVO PREVISIONI ECONOMIA E INDUSTRIA: CONSUNTIVO E PREVISIONI Palazzo Torriani, 9 gennaio 2014 1 ECONOMIA INTERNAZIONALE Nel terzo trimestre 2013 il commercio mondiale ha accelerato dal + 0,3% del secondo al + 1,1% con

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

Presentazione del Rapporto

Presentazione del Rapporto Presentazione del Rapporto Cremona, 5 giugno 5 L economia della Lombardia Paola Rossi Banca d Italia Sede di Milano Divisione Analisi e Ricerca economica territoriale Camera di Commercio di Cremona L economia

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE Sintesi per la stampa Roma, 11 settembre 2014 Sintesi per la Stampa L attività produttiva del settore metalmeccanico, dopo la fase recessiva protrattasi

Dettagli

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil La congiuntura italiana N. 6 LUGLIO 2015 Secondo i dati congiunturali più recenti la lieve ripresa dell attività economica nel primo trimestre sta proseguendo. Tuttavia le indicazioni degli indicatori

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11 Aprile 2013 Prestiti più cari PRESTITI PIÚ CARI Continuano a ridursi i flussi creditizi, ma con velocità meno pronunciata che nei mesi precedenti. Anche le sofferenze registrano

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

Gennaio 2014. Osservatorio Fertilizzanti

Gennaio 2014. Osservatorio Fertilizzanti Gennaio 2014 Osservatorio Fertilizzanti Frisio D. G., Casati D., Ferrazzi G. Osservatorio Economico Colture Vegetali - Dipartimento di Economia Management e Metodi Quantitativi - Università degli Studi

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 Trieste, 19 febbraio 2016 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo 15 giugno 2 Italia Marzo 2 ha convalidato il leggero miglioramento

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 Udine, 20 novembre 2015 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 13 maggio 2015 I primi effetti del QE! I dati di marzo 2015 del sistema bancario italiano 1 mostrano i primi effetti del Quantitative Easing della BCE. L effetto di questa misura

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 10 novembre 2014 Verso quota 0% I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento trend di miglioramento in corso da alcuni mesi: le variazioni annue dello stock

Dettagli

L economia della Lombardia

L economia della Lombardia Presentazione Rapporto Cremona giugno 15 giugno 2015 2015 Sala Maffei - Camera di Commercio, Cremona 15 giugno 2015 La congiuntura la contabilità nazionale Le prime stime indicano (finalmente) segnali

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 gennaio 2015 In attesa della crescita I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento miglioramento in atto nel settore creditizio. La variazione annua degli

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) 1. A settembre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 13 Maggio 2013 Più raccolta, meno prestiti PIÚ RACCOLTA, MENO PRESTITI Continuano a ridursi gli impieghi, con saggi che nel caso delle famiglie raggiungono valori di massimo

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 giugno 2015 Credito in folle I dati di aprile 2015 del sistema bancario italiano 1 confermano la lentezza del settore creditizio nel reagire agli stimoli monetari. Dopo il

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche La congiuntura del credito in Emilia-Romagna Direzione Centrale Studi e Ricerche 1 marzo 2015 Credito in lenta uscita dal ciclo negativo Il minimo del ciclo negativo dei prestiti è chiaramente alle spalle,

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report I DATI DELLA BANCA D ITALIA CONFERMANO LA SITUAZIONE DI CRITICITA PER IL COMPARTO DELLE COSTRUZIONI. ANCE SALERNO: EDILIZIA, CREDITO SEMPRE DIFFICILE Le sofferenze sui crediti totali

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11 Marzo 2013 Rallentano gli impieghi, aumentano le sofferenze RALLENTANO GLI IMPIEGHI, AUMENTANO LE SOFFERENZE Si protrae la fase di contrazione degli impieghi a famiglie e

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013 Alcuni indicatori economici Focus sull artigianato nella provincia di Vicenza Dati a supporto della mobilitazione nazionale Rete Imprese

Dettagli

2008, UN ANNO DIFFICILE: LE PREVISIONI E I RISCHI

2008, UN ANNO DIFFICILE: LE PREVISIONI E I RISCHI Centro Studi 2008, UN ANNO DIFFICILE: LE PREVISIONI E I RISCHI Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria 10 INDICATORE ANTICIPATORE OCSE (Variazioni % su sei mesi annualizzate) 8 6 4 2 0-2 -4-6

Dettagli

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano)

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Scenario internazionale Economia globale sconta ancora l eredità della crisi

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 21 In breve Il quadro del mercato del lavoro lombardo rimane nel complesso debole, sebbene con qualche segnale di miglioramento.

Dettagli

L economia della Liguria

L economia della Liguria L economia della Liguria Genova, 15 novembre 2011 Il contesto: la situazione 2010 VARIAZIONI ANNUALI DEL PIL (valori percentuali) VARIAZIONI ANNUALI DEGLI OCCUPATI (valori percentuali) 4 1 2 1,7 1,3 0,5

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 dicembre 2015 Credito alle imprese in stallo I dati di ottobre 2015 del sistema bancario italiano 1 confermano la ripresa del settore creditizio, con l unica nota stonata

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA ASPETTI MACROECONOMICI CAPITOLO 1

L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA ASPETTI MACROECONOMICI CAPITOLO 1 L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA ASPETTI MACROECONOMICI CAPITOLO 1 1 1. L evoluzione dell economia italiana: aspetti macroeconomici QUADRO D INSIEME Nel 213 la crescita economica internazionale è rimasta

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il valore aggiunto prodotto dall industria cartaria e della stampa rappresenta l 1 per cento del Pil italiano.

Dettagli

Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico

Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico Allegato n. 6 alla Circolare n 67/2015 Quadro macroeconomico 2016-2018 variazioni percentuali 2016 2017 2018 PIL 1,3 1,3 1,1 Inflazione

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA RISULTATI GENERALI L andamento dell Industria di Roma e Provincia nel quarto trimestre del 2002 è risultato sostanzialmente negativo. Con riferimento al Comune, i

Dettagli

Economia italiana e settori industriali

Economia italiana e settori industriali OPEN DAY ATTIVITÀ INTERNAZIONALI ANIE Economia italiana e settori industriali Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 dicembre 2015 Italia: il gap con l Eurozona si sta riducendo Su base

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11giugno 2014 Prime luci in fondo al tunnel I dati del mese di aprile mostrano un estensione dei segnali di miglioramento, con una graduale risalita degli impieghi dai valori

Dettagli

intervento del Direttore Regionale Ing. Adriano Maestri Giovedì 20 settembre ore 09.00 Convento S.Domenico Sala Bolognini - Bologna

intervento del Direttore Regionale Ing. Adriano Maestri Giovedì 20 settembre ore 09.00 Convento S.Domenico Sala Bolognini - Bologna INSIEME PER LA RIPRESA LO STATO DELL ECONOMIA REGIONALE intervento del Direttore Regionale Ing. Adriano Maestri Giovedì 20 settembre ore 09.00 Convento S.Domenico Sala Bolognini - Bologna 1 La congiuntura

Dettagli

Scenari macroeconomici e prospettive di crescita

Scenari macroeconomici e prospettive di crescita Scenari macroeconomici e prospettive di crescita Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria Lo scenario economico globale presenta condizioni favorevoli. Ma l incertezza è il maggior ostacolo a

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) PRINCIPALI GRANDEZZE BANCARIE: CONFRONTO 2013 VS 2007 2007 2013 Prestiti all'economia (mld di euro) 1.673 1.851 Raccolta da clientela (mld di euro)

Dettagli

L attività degli intermediari finanziari

L attività degli intermediari finanziari L economia del Friuli Venezia Giulia L attività degli intermediari finanziari Aula Magna del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Del Linguaggio, dell Interpretazione e della Traduzione Università di Trieste

Dettagli

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria 52 Simposio AFI -1 giugno 2012 La farmaceutica è la prima industria hi-tech per

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 4 OTTOBRE 2015 Il commercio mondiale risente del rallentamento dei paesi emergenti, ma allo stesso tempo evidenzia una sostanziale tenuta delle sue dinamiche di fondo.

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 8 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA: ASPETTI MACROECONOMICI CAPITOLO 1

L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA: ASPETTI MACROECONOMICI CAPITOLO 1 L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA: ASPETTI MACROECONOMICI CAPITOLO 1 1 1. L evoluzione dell economia italiana: aspetti macroeconomici QUADRO D INSIEME La crescita internazionale nel 2014 è stabile.

Dettagli

La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna. Servizio Studi e Ricerche

La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna. Servizio Studi e Ricerche La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche 0 Bologna, 7 ottobre 20 Agenda Andamento del credito a livello nazionale Il credito in Emilia-Romagna 1 Crescita sostenuta

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH APRILE 2014

CONGIUNTURA FLASH APRILE 2014 5 APRILE 2014 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Le economie avanzate accelerano, le emergenti frenano ancora. Per la crescita globale la somma è positiva,

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) 1. A febbraio 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.855 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

Il capitale circolante del settore siderurgico

Il capitale circolante del settore siderurgico Il capitale circolante del settore siderurgico Quale impatto sulla posizione finanziaria nel 21? Analisi elaborata dall Unità di di Centrobanca Pio De Gregorio Stefania Baccalini Gianluca De Sanctis 8

Dettagli

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento 26 marzo 2013 IL SETTORE DELLE COSTRUZIONI in provincia di Trento il contesto economico Nel 2012 l area dell euro è nuovamente in recessione, con una riduzione del Pil pari allo 0,6%; si stima che permanga

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 213 In breve Nel I trimestre 213 permangono le criticità del mercato del lavoro lombardo. Il quadro ancora negativo dell economia

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 31 - Novembre 9 PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 8 Febbraio 2013 Ancora senza credito ANCORA SENZA CREDITO I primi segnali di inversione del ciclo economico non trovano ancora conferma nei dati del credito. Il 2012 si è infatti

Dettagli

Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo. Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 2009

Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo. Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 2009 Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 009 Gli indicatori strutturali Nel I semestre 009 la crisi colpisce soprattutto l occupazione maschile Tasso

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana

Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni riunite V Commissione "Programmazione

Dettagli

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO Incontro Annuale con gli Investitori del Fondo Sator I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO di Stefano Fantacone (direttore del CER) Nell arco di pochi mesi, lo scenario macroeconomico è profondamente

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA.

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. Segnali positivi, ma ancora insufficienti a recuperare i valori pre-crisi. Il Mezzogiorno non può attendere il 2025.

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) 1. A giugno 2013 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.893 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è sempre

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 7 - Febbraio PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli