Le imprese di assicurazione e i fondi pensione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le imprese di assicurazione e i fondi pensione"

Transcript

1 Le imprese di assicurazione e i fondi pensione 3 giugno 2009

2 I rischi puri rischio puro eventualità negativa che può arrecare esclusivamente uno svantaggio al soggetto interessato Modalità per fronteggiare bisogni economici conseguenti al manifestarsi di un evento dannoso RISPARMIO INDIVIDUALE può essere insufficiente rispetto all entità del danno l evento negativo può verificarsi prima che l individuo abbia accantonato la somma necessaria ASSICURAZIONE l avversione al rischio rende preferibile pagare un equivalente certo (premio) piuttosto che rimanere soggetti all evento dannoso attraverso il premio, il rischio è trasferito alla compagnia 2

3 Il principio mutualistico Il principio mutualistico consiste nel ripartire il costo degli eventi dannosi che colpiscono alcuni individui su tutti i componenti della collettività di cui fanno parte ( rinunciare a poco per non perdere molto ). Può essere attuato: direttamente da una collettività di soggetti esposti al medesimo rischio (es. mutue assicuratrici) indirettamente tramite l interposizione di un intermediario che previa raccolta ex ante dei contributi, si impegna a risarcire i clienti delle conseguenze economiche dell evento assicurato, assumendosi il rischio che siano maggiori del previsto (es. assicurazioni organizzate in forma di spa e con scopo di lucro) IMPRESA di ASSICURAZIONE: assume, mediante contratti di carattere omogeneo, e gestisce istituzionalmente e sistematicamente i rischi ad essa trasferiti dagli assicurati 3

4 Le imprese di assicurazione ASSICURAZIONI DANNI Per rischi puri riguardanti: Beni (furto, incendio) Patrimonio (responsabilità civile) Soggetti (malattia, infortuni) ASSICURAZIONI VITA Per rischi riguardanti la vita umana (c.d. rischi demografici) di morte di sopravvivenza inversione del ciclo produttivo : l incasso dei premi (ricavi) avviene prima del pagamento degli indennizzi (costi) i premi vengono investiti soprattutto in attività finanziarie 4

5 Il processo assicurativo (1) Le compagnie di assicurazione trasformano i rischi puri in capo ai propri clienti in rischi speculativi, secondo una logica di collettivizzazione del rischio RISK POOLING gestire in un unico portafoglio numerosi rischi individuali omogenei e indipendenti, per i quali è possibile applicare la legge dei grandi numeri si può prevedere con buona approssimazione l ammontare complessivo dei sinistri che subirà la collettività degli assicurati (l errore di previsione di un evento aleatorio si riduce proporzionalmente al crescere del numero delle unità in portafoglio) 5

6 Il processo assicurativo (2) L attività assicurativa si fonda sull assunzione di una serie di ipotesi, le BASI TECNICHE, fondamentali per definire l ammontare del premio da richiedere agli assicurati: 1.IPOTESI STATISTICHE O DEMOGRAFICHE: nel caso dei rischi puri occorre stimare il costo medio di ciascun sinistro e la frequenza di accadimento (in questo modo è possibile calcolare l onere totale del risarcimento danni da ripartire sulla pluralità di assicurati); nel caso dei rischi demografici, invece, si tratta di prevedere la probabilità di sopravvivenza o di morte degli individui ad una certa data 2.IPOTESI FINANZIARIA riguardante il rendimento delle attività in cui saranno investiti i premi incassati anticipatamente, rendimento che dovrà essere riconosciuto agli assicurati 6

7 Il processo assicurativo (3) 1) definizione ipotesi statistica 2) definizione ipotesi finanziaria 3) definizione premio AREA TECNICO- ASSICURATIVA 4) vendita coerente con le ipotesi statistiche 5) investimento premio coerente con ip. fin. AREA PATRIMONIALE- FINANZIARIA 6) pagamento risarcimenti 7

8 Esempio: calcolo del premio puro Una pluralità di individui desidera coprirsi dal rischio di furti all interno della propria abitazione. Per la determinazione del premio si rendono necessarie le seguenti ipotesi statistiche: costo medio del sinistro: l assicurazione stima che il danno da risarcire sarà mediamente pari a frequenza dei sinistri: l assicurazione stima che solo l 1,2% degli individui sarà colpito dall evento sfavorevole, cioè 12 persone su Il costo totale dei sinistri sarà quindi pari a: = Tale costo dovrà essere ripartito su tutti gli assicurati; il premio puro risulta quindi pari a = 600 8

9 Esempio: calcolo del premio puro Per tenere conto anche del fattore finanziario sarà necessaria un ulteriore ipotesi statistica, relativa al tempo di manifestazione degli eventi dannosi, ed un ipotesi finanziaria, relativa al rendimento degli investimenti. Nel caso in cui i sinistri si distribuiscano in modo uniforme durante il periodo di copertura, uguale ad un anno, i fondi saranno a disposizione della compagnia, mediamente, per 6 mesi. Ipotizzando che gli investimenti rendano il 3% su base annua, il premio puro sarà dato da: 0, , ( ) Nel ramo vita, invece, occorre stimare la probabilità che si verifichi l evento legato alla vita umana, tramite le tavole demografiche (es. 9

10 10 Le tavole demografiche d x l x x d x l x x d x l x X d x l x x d x l x x Numero di persone viventi all età x Numero di persone che raggiungono l età x, ma non x+1

11 Premio di tariffa Logica di redditività i prezzi delle polizze saranno superiori ai premi stimati in base al processo assicurativo premio di tariffa > premio puro Ricarico in base a: costi di distribuzione e operativi (caricamento per costi) margine di sicurezza per scostamenti sfavorevoli tra hp adottate e sinistrosità (caricamento per sicurezza) margine di utile Nel fissare l entità dei caricamenti, l impresa deve gestire il trade-off tra certezza di raggiungere l equilibrio economico e pericolo di fissare premi di tariffa non competitivi rispetto ai propri concorrenti 11

12 I prodotti assicurativi: il ramo vita Le assicurazioni vita consentono di proteggere assicurati e beneficiari dai rischi legati ad eventi attinenti alla vita umana. I prodotti sono classificati in 6 rami all art. 2 del nuovo Codice delle assicurazioni private (D.Lgs. 209/2005): Ramo I assicurazioni sulla durata della vita umana Ramo II assicurazioni di nuzialità e di natalità Ramo III assicurazioni, di cui ai rami I e II, le cui prestazioni principali sono direttamente collegate al valore di quote di organismi di investimento collettivo del risparmio o di fondi interni ovvero a indici o ad altri valori di riferimento Ramo IV assicurazione malattia e assicurazione contro il rischio di non autosufficienza che siano garantite mediante contratti di lunga durata, non rescindibili, per il rischio di invalidità grave dovuta a malattia o a infortunio o a longevità Ramo V operazioni di capitalizzazione Ramo VI operazioni di gestione di fondi collettivi costituiti per l'erogazione di prestazioni in caso di morte, in caso di vita o in caso di cessazione o riduzione dell'attività lavorativa 12

13 I prodotti assicurativi: i rischi coperti (1) La classificazione offerta dalla normativa risulta poco chiara ed immediata. Utilizziamo due semplici criteri: la natura del rischio assicurato (dimensione attuariale) le modalità con cui la compagnia riconosce al cliente il rendimento ottenuto dall investimento dei premi (dimensione finanziaria) In base alla dimensione attuariale, si distinguono: 1. assicurazioni per il caso morte: la compagnia si impegna a versare un capitale in caso di morte dell assicurato, secondo due modalità: temporanea caso morte (TCM): l assicurazione paga il beneficiario se l assicurato muore entro un data prestabilita; in caso contrario nulla è dovuto e la compagnia trattiene i premi versati. In questo caso il compito dell ipotesi statistica è stabilire se e quando si dovrà corrispondere la prestazione vita intera: l assicuratore ripaga il beneficiario a qualunque epoca avvenga il decesso. La prestazione avverrà sicuramente, ma è incerto quando sarà dovuta 13

14 I prodotti assicurativi: i rischi coperti (2) 2. assicurazioni per il caso vita: la compagnia si impegna ad effettuare una prestazione in caso di sopravvivenza dell assicurato, secondo due modalità: Coperture con capitale differito: la compagnia è tenuta ad erogare un unica prestazione all assicurato ancora in vita in un determinato momento stabilito nel contratto; in tale forma di assicurazione (speculare alla TCM), il compito dell ipotesi statistica è stabilire se e quando si dovrà corrispondere la prestazione Rendite: la compagnia è tenuta ad erogare una serie periodica di prestazioni all assicurato in vita durante il periodo contrattualmente definito. In tal caso l incertezza riguarda il periodo per cui l assicurato rimarrà in vita 3. assicurazioni miste: la compagnia prevede l erogazione di una prestazione sia in caso di vita che in caso di morte dell assicurato. Sono il prodotto più diffuso sul mercato 14

15 I prodotti assicurativi: la dimensione finanziaria (1) E possibile dividere i prodotti assicurativi vita in base al fatto che il rendimento sia più o meno indicizzato a parametri il cui valore non è noto al momento della sottoscrizione del contratto. Tali prodotti, quindi, non si distinguono per la natura del rischio coperto, ma per le modalità di determinazione della prestazione dovuta PRODOTTI RAMO I Prodotti di puro rischio Prodotti rivalutabili PRODOTTI RAMO III Prodotti unit linked Prodotti index linked 15

16 I prodotti di Ramo I prodotti di puro rischio: l ammontare della prestazione dovuta è stabilito all inizio del contratto e non cambia prodotti rivalutabili (più diffusi): la compagnia si impegna a riconoscere al cliente parte del rendimento effettivamente realizzato tramite l investimento dei premi, che confluiscono in un fondo speciale interno alla compagnia, ma separato dalle altre attività. Al termine di ciascun periodo la compagnia riconosce al cliente il tasso più alto tra il minimo garantito e il rendimento del fondo separato, moltiplicato per la cosiddetta aliquota di retrocessione. Il rendimento acquisito al termine di ciascun periodo viene consolidato, cioè definitivamente acquisito dall assicurato 16

17 Esempio di polizza rivalutabile* Esempio di polizza quinquennale con rendimento minimo garantito del 5% ed aliquota di retrocessione del 90% T1 T2 T3 T4 T5 Rendimento fondo 7% 9% 5% 3% -1% Rendimento per assicurati 6,3% 8,1% 5% 5% 5% Rendimento per compagnia 0,7% 0,9% 0% -2% -6% *Tratto da Munari (2006) Strumenti e servizi finanziari 17

18 I prodotti di Ramo III: Unit linked (1) Le prestazioni sono espresse in quote del fondo di investimento in cui sono impiegati i premi: la compagnia si impegna a liquidare un prefissato numero di quote al verificarsi di eventi attinenti alla vita umana. Il rendimento, quindi, è legato all andamento del fondo comune d investimento che può essere interno alla compagnia (gestito dalla stessa o da un intermediario incaricato) o esterno alla compagnia Componente attuariale numero di quote spettanti nel caso si verifichi l evento dannoso Componente finanziaria valore delle quote al momento in cui viene liquidata la prestazione 18

19 I prodotti di Ramo III: Unit linked (2) Di solito le polizze unit linked, al contrario delle polizze rivalutabili, non garantiscono un rendimento minimo; tuttavia la compagnia può decidere di assumersi o meno parte del rischio finanziario legato all andamento del fondo. Si distinguono: polizze pure in cui il rischio è totalmente a carico dell assicurato che non solo non ha un rendimento garantito, ma può anche perdere progressivamente il capitale versato polizze parzialmente garantite: la compagnia garantisce una prestazione minima (ad esempio, il rimborso di almeno l 80% del capitale) polizze totalmente garantite: la compagnia garantisce la restituzione dell intero capitale versato (o persino il pagamento di un rendimento minimo) Un altra importante differenza è che il rendimento periodico non viene consolidato ed il contratto in genere stabilisce una commissione di gestione fissa a favore della compagnia 19

20 Esempio di polizza unit linked pura* Esempio di polizza quinquennale con commissione di gestione dello 0,5% T1 T2 T3 T4 T5 Rendimento fondo 7% 9% 5% 3% -1% Rendimento per assicurati 6,5% 8,5% 4,5% 2,5% -1,5% Rendimento per compagnia 0,5% 0,5% 0,5% 0,5% 0,5% *Tratto da Munari (2006) Strumenti e servizi finanziari 20

21 I prodotti di Ramo III: Index linked Il funzionamento delle polizze index linked è del tutto simile a quello delle unit linked, sia per quanto riguarda la separazione tra componente attuariale e finanziaria che per quanto concerne la determinazione delle prestazioni. L unica differenza è che non si fa riferimento a quote di un fondo comune d investimento, ma ad unità di conto relative a parametri di mercato, pubblicamente rilevabili (es. indici di Borsa, prezzo di singoli titoli o di un paniere di attività finanziarie) In generale i prodotti linked hanno una componente finanziaria molto forte rispetto alla finalità previdenziale. Tali polizze, insieme a quelle di capitalizzazione, sono state inserite nella nozione di prodotto finanziario ai sensi del TUF, con tutte le conseguenze del caso in materia di offerta al pubblico e fuori sede 21

22 I prodotti assicurativi: gli altri rami Altri prodotti vita (meno diffusi in Italia): RAMO II: ass.ni di nuzialità e natalità RAMO IV: 1. Permanent Health Insurance: la compagnia si impegna a corrispondere una rendita di rata prestabilita per i periodi in cui l assicurato sia incapace di percepire un reddito da lavoro 2. Long Term Care: coperture contro il rischio di non autosufficienza per gli atti della vita quotidiana RAMO V: operazioni di capitalizzazione l impresa si impegna a pagare somme a una data scadenza, capitalizzate in base ad un certo tasso d interesse, senza assunzione di rischio demografico RAMO VI: gestione di fondi collettivi costituiti per l erogazione di prestazioni in caso di morte, in caso di vita o in caso di cessazione o riduzione dell attività lavorativa (ass.ne è un semplice gestore) 22

23 I prodotti assicurativi: il ramo danni I Rami auto rappresentano oltre la metà dei premi totali e comprendono: il ramo Responsabilità civile auto (RCA) per i danni causati a terzi con il proprio autoveicolo. Si tratta di una forma di assicurazione obbligatoria nella maggior parte dei Paesi sviluppati; il ramo Corpi veicoli terrestri (CVT) comprende le coperture per i danni a veicoli terrestri (tra cui le auto) causati da incendio, furto, grandine, etc. I Rami non auto possono essere così classificati: assicurazioni finalizzate a fronteggiare le conseguenze di eventi dannosi che colpiscono i beni di proprietà dell assicurato. Può trattarsi di veicoli (rami Corpi veicoli ferroviari, Corpi veicoli aerei, Corpi veicoli marittimi, lacustri e fluviali), di merci e bagagli oggetto di trasporto (ramo Merci trasportate), di danni provocati da incendi o altri eventi naturali equiparati (ramo Incendio ed elementi naturali); assicurazioni contro i danni alle persone che garantiscono il pagamento delle prestazioni sanitarie ed assistenziali, nonché indennità sostitutive della capacità di generare reddito, a coloro che siano colpiti da infortuni o malattie (rami Malattia e Infortuni); assicurazioni di responsabilità civile (RC), che prevedono il subentro dell assicuratore nell indennizzo dei danni causati a terzi dall assicurato, derivanti dalla circolazione del proprio veicolo (rami RC aeromobili e RC veicoli marittimi, lacustri e fluviali), o da cause diverse (ramo RC generale); 23

24 I prodotti assicurativi: il ramo danni assicurazioni contro i danni al patrimonio dell assicurato derivanti da rischio di credito o altre cause. I prodotti del ramo Credito proteggono l assicurato dai danni derivanti dall insolvenza del debitore. La polizza deve essere stipulata direttamente dal creditore, e non dal debitore nel suo interesse (si noti la differenza con i prodotti CPI). Le assicurazioni del ramo Cauzioni garantiscono l adempimento di un obbligazione futura e vengono stipulate dal soggetto obbligato per godere di maggiore credibilità. Infine, i prodotti del ramo Perdite pecuniarie possono essere considerati una categoria residuale, poiché comprendono le coperture contro la riduzione di flussi in entrata futuri attesi (es. perdita di utili) o l insorgere di flussi in uscita imprevisti (es. spese di annullamento viaggio nei pacchetti turistici); il ramo Assistenza riguarda l assunzione degli oneri riconducibili alla prima assistenza di un soggetto che si trovi in situazione di difficoltà: vanno esclusi i contratti di manutenzione e riparazione, nonché l assistenza prestata da soggetti professionali ad essa preposti. Ad esempio, il trasporto del veicolo alla più vicina officina non è un contratto assicurativo se realizzato da un impresa automobilistica, mentre rientra in tale ramo se realizzato da una compagnia assicurativa. 24

25 Profili gestionali (1) MARGINE ASSICURATIVO è il risultato della trasformazione di rischi puri dei soggetti assicurati in rischi speculativi assunti dall assicurazione Gestione tecnico assicurativa Gestione patrimoniale finanziaria GESTIONE TECNICO-ASSICURATIVA: assunzione dei rischi puri costituzione e gestione del portafoglio rischi cessione dei rischi ad altre compagnie (riassicurazione passiva) ispezione dei sinistri valutazione e liquidazione dei risarcimenti CORE BUSINESS da cui derivano scelte di specializzazione: tecnica commerciale geografica istituzionale 25

26 Profili gestionali (2) GESTIONE PATRIMONIALE- FINANZIARIA: attività di tesoreria pagamento dei risarcimenti gestione dei flussi in entrata e in uscita generati dalla gestione aziendale attività di investimento delle riserve tecniche OBIETTIVI: equilibrio finanziario adeguate combinazioni di portafoglio (in termini di rischio-rendimento e liquidità) 26

27 Bilancio delle assicurazioni: lo S.P. STATO PATRIMONIALE Solidità Redditività Liquidità INVESTIMENTI a COPERTURA delle RISERVE RISERVE TECNICHE Ris. Premi Ris. Sinistri (danni) Ris. Matematica (vita) ALTRE ATTIVITÀ (Patrimonio libero) MEZZI PROPRI La riserva premi è un risconto passivo (rettifica un ricavo non interamente di competenza, premi già incassati, ma relativi ad esercizi futuri). La riserva sinistri (ass.ni danni) e la riserva matematica (ass.ni vita) costituiscono invece un debito verso gli assicurati 27

28 Bilancio delle assicurazioni: il C.E. + Premi - Costi distribuzione - Costi per sinistri Margine lordo della gestione tecnico assicurativa (1) + Proventi dell attività di investimento - Costi dell attività di investimento Margine lordo della gestione patrimoniale-finanziaria (2) MARGINE OPERATIVO LORDO (1+2) - costi operativi -altro Risultato lordo -imposte Risultato netto 28

29 Vigilanza sulle assicurazioni L organismo di controllo sul mercato assicurativo italiano e sulle compagnie è l Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo (ISVAP) I poteri conferiti all ISVAP sono molteplici: Autorizzazione all attività assicurativa Controllo sulla gestione delle compagnie di assicurazione (gestione tecnica, finanziaria, patrimoniale e contabile) Emanazione di regole di comportamento Garantire il rispetto delle regole di correttezza e di trasparenza Poteri sanzionatori Come per le banche, anche per le assicurazioni sono previste delle norme di vigilanza prudenziale, che impongono il mantenimento di un margine di solvibilità; 29

30 Vigilanza sulle assicurazioni Il margine di solvibilità può considerarsi come una riserva aggiuntiva rispetto alle riserve tecniche, in quanto individua un cuscinetto di sicurezza, finanziato da capitale proprio, da utilizzarsi in caso di insufficienza delle attività a copertura rispetto agli impegni nei confronti degli assicurati; La disciplina prudenziale sarà rivista in applicazione della direttiva Solvency 2 (che, come Basilea 2 prevede 3 pilastri) I pilastro - Requisito patrimoniale di solvibilità - Principi di valutazione delle riserve - Principi di composizione delle attività di copertura Solvency II II pilastro - Controllo interno all impresa assicurativa - Controllo dell Autorità di vigilanza III pilastro - Trasparenza - Disciplina di mercato 30

31 Assicurazioni (dalla relazione Banca d Italia 2008) Nel 2008 la raccolta lorda delle compagnie di assicurazione è diminuita del 7,2 per cento, come nell anno precedente. I premi si sono ridotti dell 11,2 per cento nel comparto vita e dello 0,6 nel danni. Tra i prodotti del ramo vita sono rimaste elevate le richieste di riscatto anticipato da parte degli assicurati: al netto di oneri per sinistri e rimborsi, la raccolta è risultata negativa per 10,5 miliardi (-12,8 nel 2007). A seguito dell andamento negativo dei mercati azionari, la riduzione dei premi vita si è concentrata tra i prodotti per i quali i sottoscrittori sopportano un maggiore rischio di investimento, quali le polizze unit e index-linked. Hanno invece ripreso a crescere i premi dei prodotti tradizionali, che offrono più estese garanzie di rendimento.il peso di questi ultimi sul totale dei premi del ramo vita è aumentato notevolmente, dal 44 al 57 per cento (pag. 233) 31

32 Assicurazioni (dalla relazione Banca d Italia 2008) Tra l inizio del 2008 e la fine dello scorso aprile i titoli azionari delle compagnie di assicurazione italiane si sono deprezzati del 48 per cento, contro il 54 del complesso delle compagnie dell area dell euro. I maggiori cali si sono registrati nella parte finale dello scorso anno, in concomitanza con l acuirsi della crisi finanziaria, e nei primi tre mesi del Le perdite di valore dei titoli assicurativi sono in parte ascrivibili alla minore redditività della gestione tecnica, dovuta essenzialmente al calo della raccolta. Per il ramo vita, dove è maggiore l incidenza dei proventi finanziari, le quotazioni hanno risentito anche delle minusvalenze derivanti dall investimento nei mercati azionari e del credito.. (pag. 194) 32

33 I 3 pilastri della previdenza previdenza pubblica di base previdenza complementare collettiva previdenza complementare individuale ente gestore pubblico privato privato principio di funzionamento ripartizione capitalizzazione capitalizzazione adesione obbligatoria volontaria volontaria rischio solvibilità dello Stato rendimento del capitale investito rendimento del capitale investito trasferimento del risparmio nello spazio nel tempo nel tempo base costitutiva collettiva collettiva individuale 33

34 I 3 pilastri della previdenza I. Previdenza pubblica di base obiettivo: garantire il minimo vitale pensione pubblica Enti: INPS, INPDAP, Casse di previdenza II. III. Previdenza complementare collettiva obiettivo: consentire un tenore di vita simile a quello del periodo lavorativo Fondi pensione chiusi e fondi pensione aperti con adesione collettiva Previdenza complementare individuale obiettivo: soddisfare in modo personalizzato le esigenze dell individuo Fondi pensione aperti con adesione individuale e PIP/FIP (piani o forme pensionistiche individuali) 34

35 Lo sviluppo della previdenza complementare Crisi del sistema pensionistico pubblico: requisiti di accesso generosi sistema retributivo diminuzione del rapporto tra numero di lavoratori attivi e pensionati Interventi di riforma requisiti di accesso più restrittivi (età/anni di contribuzione) passaggio al sistema contributivo coefficienti di trasformazione per considerare l aspettativa di vita Possibili conseguenze: la pensione di anzianità potrebbe non essere sufficiente a garantire un adeguato tenore di vita 35

36 I fondi pensione Sono istituzioni autonome che, per mezzo di un contratto stipulato su base collettiva, accumulano i contributi dei lavoratori ed eventualmente dei datori di lavoro di una o più imprese, al fine di erogarne il montante in forma di rendite vitalizie o di capitale nel periodo post-lavorativo a CONTRIBUZIONE DEFINITA: prevedono versamenti periodici del lavoratore dipendente (e del suo datore di lavoro) il cui importo è prestabilito (di solito una percentuale dello stipendio). Le risorse raccolte sono investite e, una volta raggiunta l'età della pensione, il capitale maturato viene erogato sotto forma di rendita periodica vitalizia, la cui entità dipende dai risultati degli investimenti a PRESTAZIONE DEFINITA: viene stabilita l entità della prestazione pensionistica (rendita predeterminata) 36

37 Divieto di autogestione I fondi pensione non possono amministrare direttamente le risorse raccolte: la gestione può essere affidata ad investitori istituzionali specializzati incaricati: banche, SIM, SGR e compagnie di assicurazione principio di netta separazione tra fondo e gestore I fondi pensione sono di fatto i gestori del rapporto tra lavoratori e investitori istituzionali a cui danno mandato Gli investitori istituzionali sono i soggetti che effettuano gli investimenti mettono in relazione unità in surplus e in deficit 37

38 Fondi pensione chiusi e aperti Fondi chiusi (fondi negoziali o contrattuali) Sono istituiti grazie alla contrattazione collettiva promossa da imprenditori, lavoratori, sindacati e associazioni di categoria Comportano alti costi di avviamento in genere vengono istituiti quando è garantita un alta adesione Es. cometa (metalmeccanici) telemaco (telefonia) Fondi aperti Sono istituiti da soggetti abilitati alla gestione delle risorse raccolte Possono essere scelti da un azienda qualora non sia conveniente la costituzione di un fondo chiuso (adesione su base collettiva) o possono accedervi lavoratori subordinati, autonomi e liberi professionisti che non possono o non vogliono iscriversi ad un fondo chiuso di categoria (adesione su base individuale) 38

39 Vigilanza sui fondi pensione La vigilanza sui Fondi Pensione è affidata alla COVIP (Commissione di vigilanza sui Fondi Pensione) La vigilanza è finalizzata al perseguimento di una corretta e trasparente amministrazione e gestione dei fondi pensione per la funzionalità del sistema di previdenza complementare 39

40 Riforma della previdenza complementare D. Lgs. 252/2005 principale novità: conferimento del TFR alla previdenza complementare Dipendenti Scelta esplicita Silenzio Fondo pensione TFR in azienda FPN o FPA collettivi Il TFR rimane effettivamente in azienda (<50 dip.) il TFR va all INPS (>50 dip.) Il fondo con il maggior numero di lavoratori dell azienda Fondo INPS 40

41 Fondi pensione (dalla relazione Banca d Italia 2008) Nel 2008 le risorse gestite dai fondi pensione sono cresciute del 3,8 per cento, a 41 miliardi, grazie a un incremento del 18 per cento del patrimonio amministrato dai fondi istituiti dopo la riforma del Le attività dei fondi pensione rappresentano in Italia circa il 3 per cento del PIL. Nel confronto internazionale lo sviluppo della previdenza complementare italiana rimane limitato Nel corso del 2008 la quota degli iscritti ai piani pensionistici individuali sul totale degli aderenti alla previdenza complementare è salita dal 25 al 27 per cento, a svantaggio di quelle relative ai fondi pensione negoziali e ai fondi istituiti prima del 1993, scese di circa un punto percentuale, rispettivamente al 43 e al 14 per cento; è rimasta pressoché invariata la quota degli iscritti ai fondi pensione aperti (16 per cento) Nel 2008 i risultati finanziari dei fondi pensione sono stati in media negativi, risentendo dell andamento delle quotazioni sui principali mercati azionari. Secondo i dati forniti dalla Covip, il rendimento medio dei fondi pensione (al netto degli oneri di gestione e di quelli fiscali) è stato pari a -6,3 per cento per i fondi negoziali (2,1 nel 2007) e a -14,0 per quelli aperti (-0,4 nel 2007). I risultati inferiori conseguiti dai fondi aperti rispetto a quelli negoziali sono ascrivibili in larga parte alla maggiore incidenza di azioni nel portafoglio. (pag ) 41

LE ASSICURAZIONI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio Università di Genova Dicembre 2009

LE ASSICURAZIONI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio Università di Genova Dicembre 2009 LE ASSICURAZIONI Lucidi a cura di Marco Di Antonio Università di Genova Dicembre 2009 I RISCHI SPECULATIVI o FINANZIARI; variabilità dei risultati attesi, in senso favorevole o sfavorevole per chi vi è

Dettagli

Glossario della previdenza complementare. Adesione collettiva

Glossario della previdenza complementare. Adesione collettiva Glossario della previdenza complementare. Adesione collettiva Modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari definita sulla base di accordi collettivi a qualunque livello, anche aziendali,

Dettagli

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza Bisogn0 di gestione dei rischi puri Assicurazione previdenza Bisogni e prodotti BISOGNI PRODOTTI Assicurazione (unità in surplus) Previdenza (unità in surplus) Assicurazione (unità in deficit) Polizze

Dettagli

Riforma pensionistica e fondi pensione: un nuovo sistema di welfare. Università degli Studi di Milano Bicocca 14/05/2013

Riforma pensionistica e fondi pensione: un nuovo sistema di welfare. Università degli Studi di Milano Bicocca 14/05/2013 Riforma pensionistica e fondi pensione: un nuovo sistema di welfare Università degli Studi di Milano Bicocca 14/05/2013 Il sistema previdenziale italiano SISTEMA PREVIDENZIALE I PILASTRO II PILASTRO III

Dettagli

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 4 Cara lavoratrice, caro lavoratore come certamente saprai, dal primo gennaio è

Dettagli

Nella capitalizzazione previdenziale bisogna trovare un investimento che oltre a dare la rendita difenda il capitale dalla svalutazione

Nella capitalizzazione previdenziale bisogna trovare un investimento che oltre a dare la rendita difenda il capitale dalla svalutazione LE PENSIONI COMPLEMENTARI a cura di Marco Perelli Ercolini Nella capitalizzazione previdenziale bisogna trovare un investimento che oltre a dare la rendita difenda il capitale dalla svalutazione La riforma

Dettagli

REGOLAMENTO N. 29 DEL 16 MARZO 2009. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 29 DEL 16 MARZO 2009. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 29 DEL 16 MARZO 2009 REGOLAMENTO CONCERNENTE LE ISTRUZIONI APPLICATIVE SULLA CLASSIFICAZIONE DEI RISCHI ALL INTERNO DEI RAMI DI ASSICURAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 2 DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP)

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) sono forme pensionistiche complementari esclusivamente individuali rivolte a tutti

Dettagli

Settore Assicurativo

Settore Assicurativo 28 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2011 Relazione sulla gestione Settore Assicurativo Premi e prodotti di investimento La raccolta complessiva (premi diretti e indiretti e prodotti di investimento)

Dettagli

Il fondo pensione delle cooperative

Il fondo pensione delle cooperative E COOPERLAVORO È PROMOSSO DA: MO il ION e n ES e i nt I AD o c D O L DU (1) Da rete fissa il costo è di 0,024 euro al minuto e di 0,06 euro alla risposta. Da rete mobile dipende dal proprio gestore di

Dettagli

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) sono forme pensionistiche complementari esclusivamente individuali rivolte a tutti

Dettagli

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza Bisogn0 di gestione dei rischi puri Assicurazione previdenza Bisogni e prodotti BISOGNI PRODOTTI Assicurazione (unità in surplus) Previdenza (unità in surplus) Assicurazione (unità in deficit) Polizze

Dettagli

Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari

Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una prestazione pensionistica integrativa,

Dettagli

(fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero del lavoro e della previdenza sociale e dalla Commissione di vigilanza sui fondi pensione)

(fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero del lavoro e della previdenza sociale e dalla Commissione di vigilanza sui fondi pensione) INFORMATIVA SULLA DESTINAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO RESA AI SENSI DELL ARTICOLO 8, COMMA 8, DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252 (fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero

Dettagli

UDB Il ramo vita. che cos è una polizza vita e quali sono le sue caratteristiche principali. Definizioni

UDB Il ramo vita. che cos è una polizza vita e quali sono le sue caratteristiche principali. Definizioni UDB UDB Il ramo vita Definizioni che cos è una polizza vita e quali sono le sue caratteristiche principali. La legge 47/2000 la riforma del regime fiscale per le polizze vita: detrazione d imposta dei

Dettagli

La Previdenza Complementare

La Previdenza Complementare La Previdenza Complementare Il sistema previdenziale italiano pagina 1 Indice Il sistema previdenziale italiano La previdenza complementare L adesione a previdenza complementare Le prestazioni della previdenza

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese 23 domande 23 risposte Oggi un progetto per il futuro Avvertenza: Il presente opuscolo ha carattere divulgativo e non

Dettagli

Alcuni dati di mercato. Agenda. Alcuni dati di mercato. Definizione. Alcuni dati di mercato I CONTRATTI DI ASSICURAZIONE VITA

Alcuni dati di mercato. Agenda. Alcuni dati di mercato. Definizione. Alcuni dati di mercato I CONTRATTI DI ASSICURAZIONE VITA Corso di GESTIONE DEI RISCHI E DELLE ASSICURAZIONI Si nota un trend complessivo di crescita dei prodotti Vita con un rallentamento nel 2011. I prodotti vita tradizionali rappresentano oltre 80% dei premi

Dettagli

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche 2 modulo Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche Riferimento bibliografico: capitolo 1 A cura di Luca Santamaria 1 I principali riferimenti della lezione I diversi sistemi pensionistici

Dettagli

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE Informazioni generali Lo scopo La costruzione della pensione complementare Il modello di governance La contribuzione Il TFR La quota a carico dell

Dettagli

Per saperne di più su alcune parole della previdenza

Per saperne di più su alcune parole della previdenza Adesione individuale: Forma di adesione al fondo pensione aperto, che si perfeziona mediante un contratto stipulato direttamente tra il singolo aderente ed il fondo. Adesione Volontaria: Forma di adesione

Dettagli

Premessa: perché la previdenza complementare? 2. La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2. I fondi pensione 4

Premessa: perché la previdenza complementare? 2. La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2. I fondi pensione 4 GUIDA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Premessa: perché la previdenza complementare? 2 La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2 I fondi pensione 4 Il funzionamento dei fondi pensione 5 Come si finanziano

Dettagli

Indice corso Agenti e Broker

Indice corso Agenti e Broker Indice corso Agenti e Broker 1. L evoluzione storica e normativa delle assicurazioni - Premessa - Fonti del diritto di assicurazione: i connotati e i problemi peculiari della disciplina di settore - Il

Dettagli

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO REALE MUTUA

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO REALE MUTUA FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO REALE MUTUA Iscritto all Albo dei Fondi Pensione I Sezione Speciale in data 4 agosto 1999, al n. 1447 Nota Informativa edizione 18 giugno 2015 pag 1 di 32 Nota

Dettagli

Dove va la previdenza complementare

Dove va la previdenza complementare Dove va la previdenza complementare 2006 Presentazione di Angelo Marinelli 1 Le variabili più rilevanti nel lungo periodo 2002 2010 2020 2040 2050 Speranza di vita ITALIA 79.5 media U.E. 73 ITALIA 84.7

Dettagli

MODULO 1: CENNI SULL EVOLUZIONE DEL SETTORE ASSICURATIVO. Prima parte: Evoluzione storica e normativa delle assicurazioni

MODULO 1: CENNI SULL EVOLUZIONE DEL SETTORE ASSICURATIVO. Prima parte: Evoluzione storica e normativa delle assicurazioni MODULO 1: CENNI SULL EVOLUZIONE DEL SETTORE ASSICURATIVO Prima parte: Evoluzione storica e normativa delle assicurazioni Fonti del diritto delle Assicurazioni Il contratto e l impresa nelle fonti di produzione

Dettagli

PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO

PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO CHI È TELEMACO TELEMACO è il Fondo Pensione Complementare del settore delle Telecomunicazioni costituito nel 1998, in forma di associazione riconosciuta senza fine di

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA Il decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005 ha rinviato al 1 gennaio 2007 esclusivamente l obbligo della destinazione del TFR maturando alla previdenza

Dettagli

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993.

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993. Dossier riforma TFR Inizia il conto alla rovescia per la nuova disciplina sul TFR, che dovrebbe contribuire ad alimentare la previdenza complimentare. Con lo schema di decreto legislativo previsto dalla

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il terzo trimestre 2014 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

Previdenza Complementare:

Previdenza Complementare: Previdenza Complementare: Tra necessità e opportunità PROBLEMATICHE SISTEMA PREVIDENZIALE A REGIME RETRIBUTIVO: AUMENTO ASPETTATIVA DI VITA DIMINUZIONE DEL NUMERO DEGLI OCCUPATI RISPETTO AI PENSIONATI

Dettagli

Fondo Pensione Complementare per i lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini

Fondo Pensione Complementare per i lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Fondo Pensione Complementare per i lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Prevedi: lo stato dell arte Adesioni al 31/01/2005: 15.000 Valore quota 01/01/2004: 10,00 Valore quota

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Premi lordi contabilizzati al 1 trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle imprese

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il quarto trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

Premessa. by Gestione Processi Formativi 2

Premessa. by Gestione Processi Formativi 2 Premessa Una presentazione in cui si affronta il tema della fiscalità delle polizze vita e delle forme di previdenza complementare. Viene ripreso il vecchio regime fiscale (valido per tutte le polizze

Dettagli

I Fondi pensione preesistenti

I Fondi pensione preesistenti I Fondi pensione preesistenti I scheda Fondi pensione preesistenti sono forme pensionistiche complementari che, come suggerisce il termine preesistenti, operavano antecedentemente all emanazione della

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

Venezia Venerdì 20 Novembre

Venezia Venerdì 20 Novembre Venezia Venerdì 20 Novembre LA PREVIDENZA PER IL MEDICO E L ODONTOIATRA: MIRAGGIO O REALTA Sala convegni dell OMCeO Venezia, Via Mestrina 86 - Mestre . Compito dell ordine professionale E anche stimolare

Dettagli

Ogni dipendente pubblico decide volontariamente la propria adesione al fondo..

Ogni dipendente pubblico decide volontariamente la propria adesione al fondo.. Il fondo Espero ESPERO è il Fondo nazionale pensione complementare per i lavoratori della scuola. Il Fondo Pensione è nato a seguito dell accordo istitutivo del 14/03/2001 fra le Organizzazioni Sindacali

Dettagli

Fondi pensione La vigilanza. Paolo Pellegrini, Mefop pellegrini@mefop.it Roma 2 ottobre 2015

Fondi pensione La vigilanza. Paolo Pellegrini, Mefop pellegrini@mefop.it Roma 2 ottobre 2015 Fondi pensione La vigilanza Paolo Pellegrini, Mefop pellegrini@mefop.it Roma 2 ottobre 2015 CHI È MEFOP Chi è Mefop Società per lo sviluppo del mercato dei fondi pensione costituita dal Ministero dell

Dettagli

La pensione complementare

La pensione complementare La pensione complementare La pensione complementare Perché una pensione complementare A causa della diminuita copertura della pensione pubblica dopo la riforma del 1995 rispetto agli anni precedenti diventa

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

Fondo pensione Sirio

Fondo pensione Sirio Fondo pensione Sirio 2 È necessario un secondo pilastro Pensionistico? Come funziona la previdenza Tipologia di lavoratori e Enti di previdenza INPS 3 Gli anni turbolenti della previdenza in Italia A partire

Dettagli

COMETA. Fondo nazionale pensione complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori affini

COMETA. Fondo nazionale pensione complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori affini COMETA Fondo nazionale pensione complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori affini IL FONDO COMETA Lo scopo Fondo Nazionale Pensione Complementare

Dettagli

Fondo nazionale pensione complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori affini

Fondo nazionale pensione complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori affini Fondo nazionale pensione complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori affini Come funziona il sistema Il nostro è sistema previdenziale A

Dettagli

PICCOLO GLOSSARIO DELLA PREVIDENZA

PICCOLO GLOSSARIO DELLA PREVIDENZA PICCOLO GLOSSARIO DELLA PREVIDENZA ADESIONE: volontà manifestata dal lavoratore di partecipare ad un fondo pensione. Si materializza attraverso la compilazione della apposita scheda di adesione e la sottoscrizione

Dettagli

L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative e proposte di soluzione: aspetti attuariali

L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative e proposte di soluzione: aspetti attuariali Associazione Italiana per la Previdenza e Assistenza Complementare LA SOLVIBILITÀ DEI FONDI PENSIONE: NORMATIVA ITALIANA E SITUAZIONE IN AMBITO UE L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative

Dettagli

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo SERVIZIO STATISTICA 20 giugno 2003 317543 CIRCOLARE N. 508/S 4 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE www.covip.it Guida introduttiva alla previdenza complementare Perché questa Guida... 3 Perché la previdenza

Dettagli

Martedì 2 dicembre. Assicurazioni ed altri strumenti Roberto Castella

Martedì 2 dicembre. Assicurazioni ed altri strumenti Roberto Castella Martedì 2 dicembre Assicurazioni ed altri strumenti Roberto Castella Cosa sono e perché esistono le assicurazioni? Le assicurazioni consentono all assicurato di «cedere un rischio» poco probabile, ma potenzialmente

Dettagli

Previgest Fund Mediolanum

Previgest Fund Mediolanum Fondo Pensione aperto Previgest Fund Mediolanum Regolamento Società di Gestione Collocatore Unico Retro di copertina 2 INDICE PARTE I IDENTIFICAZIONE E SCOPO DEL FONDO...................................

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

ABC DELLA PREVIDENZA CO C MPLE L M E EN E TA T R A E R

ABC DELLA PREVIDENZA CO C MPLE L M E EN E TA T R A E R ABC DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Art 1. Ambito di applicazione e definizioni LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI EROGANO TRATTAMENTI PENSIONISTICI AGGIUNTIVI DEL SISTEMA OBBLIGATORIO PUBBLICO ALLO

Dettagli

Prospetto dimostrativo del margine di solvibilità e allegati - Rami Vita 7 Prospetto dimostrativo del margine di solvibilità e allegati - Rami Danni

Prospetto dimostrativo del margine di solvibilità e allegati - Rami Vita 7 Prospetto dimostrativo del margine di solvibilità e allegati - Rami Danni SOCIETÀ PER AZIONI SEDE VIA IGNAZIO GARDELLA, 2-2149 MILANO - ITALIA CAPITALE SOCIALE EURO 67.378.924 INTERAMENTE VERSATO CODICE FISCALE E NUMERO D'ISCRIZIONE DEL REGISTRO IMPRESE DI MILANO 132951158 -

Dettagli

Scritto da Alessandro Quattrone Lunedì 16 Settembre 2013 13:33 - Ultimo aggiornamento Lunedì 16 Settembre 2013 15:37

Scritto da Alessandro Quattrone Lunedì 16 Settembre 2013 13:33 - Ultimo aggiornamento Lunedì 16 Settembre 2013 15:37 Le polizze vita sono dei contratti stipulati tra privati cittadini e compagnie assicurative che obbligano queste ultime a liquidare un beneficiario con una somma oppure sotto forma di una rendita qualora

Dettagli

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una prestazione pensionistica integrativa, autorizzate e

Dettagli

I Fondi pensione aperti

I Fondi pensione aperti 50 I Fondi pensione aperti sono forme pensionistiche complementari alle quali, come suggerisce il termine aperti, possono iscriversi tutti coloro che, indipendentemente dalla situazione lavorativa (lavoratore

Dettagli

I Fondi pensione aperti

I Fondi pensione aperti I Fondi pensione aperti I scheda Fondi pensione aperti sono forme pensionistiche complementari alle quali, come suggerisce il termine aperti, possono iscriversi tutti coloro che, indipendentemente dalla

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

Fondo Pensione ESPERO. La pensione pubblica. Il secondo pilastro e la pensione pubblica. Fondo Pensione: schema di funzionamento CCNL INPDAP

Fondo Pensione ESPERO. La pensione pubblica. Il secondo pilastro e la pensione pubblica. Fondo Pensione: schema di funzionamento CCNL INPDAP Fondo Pensione ESPERO La pensione pubblica 1 - Perché i Fondi Pensione 2 - Come funzionano i Fondi Pensione 3 - Il Fondo Pensione ESPERO 4 - I destinatari 5 - Gli organi 6 - Adesione ad Espero ed effetti

Dettagli

36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI. e, p.c.

36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI. e, p.c. SERVIZIO STUDI SEZIONE STUDI UFFICIO STATISTICA Roma 7 dicembre 2011 Prot. n. All.ti n. 4 36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI Alle Rappresentanze per l Italia delle imprese

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Istruzione Programmata dell Insurance Advisor di UNICABROKER

Istruzione Programmata dell Insurance Advisor di UNICABROKER UNICABROKER INSURANCE SOLUTION Istruzione Programmata dell Insurance Advisor di UNICABROKER OutLine UNICABROKER 12/09/2012 Istruzione Programmata Outline Prima giornata. - Come è organizzata l istruzione

Dettagli

Misure urgenti in materia di previdenza complementare

Misure urgenti in materia di previdenza complementare Misure urgenti in materia di previdenza complementare Il Consiglio dei Ministri di venerdì 10 novembre 2006 ha approvato il decreto legge in materia di previdenza complementare in coerenza con l anticipo

Dettagli

PREVIDENZA INTEGRATIVA O COMPLEMENTARE Cap. IV-5

PREVIDENZA INTEGRATIVA O COMPLEMENTARE Cap. IV-5 International Association of Lions and Leo Clubs Distretto 108-Ia1 IL LAVORO E L IMPRESA PREVIDENZA INTEGRATIVA O COMPLEMENTARE Cap. IV-5 illustrazione di Gianni Chiostri Comitato Assise Italo Francesi

Dettagli

Il nuovo sistema integrato di informazione giuridica

Il nuovo sistema integrato di informazione giuridica Il nuovo sistema integrato di informazione giuridica Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Regolamento del 16 marzo 2009, n. 29 Regolamento concernente le istruzioni

Dettagli

PRESENTAZIONE PER I PATRONATI DEL CEPA. Acli, Inas-Cisl, Inca-Cgil, Ital-Uil. Torino, 8 luglio 2014

PRESENTAZIONE PER I PATRONATI DEL CEPA. Acli, Inas-Cisl, Inca-Cgil, Ital-Uil. Torino, 8 luglio 2014 PRESENTAZIONE PER I PATRONATI DEL CEPA Acli, Inas-Cisl, Inca-Cgil, Ital-Uil Torino, 8 luglio 2014 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. I numeri della previdenza complementare; la pensione pubblica INPS 2. Caratteristiche

Dettagli

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE?

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? QUESITI E SOLUZIONI SULLA PREVIDENZA INTEGRATIVA. SPECIALE LAVORATORI DIPENDENTI LA PREVIDENZA? È CAMBIATA Le modifiche introdotte dalla Riforma Dini

Dettagli

PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO

PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO CHI È TELEMACO TELEMACO è il Fondo Pensione Complementare del settore delle Telecomunicazioni costituito nel 1998, in forma di associazione riconosciuta senza fine di

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Il 1 gennaio 2007 è entrato in vigore il d. lgs. 252/05 e i lavoratori, compresi i soci delle cooperative di lavoro, avranno 6 mesi

Dettagli

Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare

Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare Agenda La funzione della previdenza complementare Caratteristiche e modalità di funzionamento Tipologia di forme pensionistiche complementari

Dettagli

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione 1 L ADESIONE L adesione alle forme pensionistiche complementari è libera e volontaria 2 L ADESIONE SI PUO ADERIRE A FONTEMP: IN MANIERA

Dettagli

Le forme di previdenza complementare

Le forme di previdenza complementare Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Le forme di previdenza complementare Università Bicocca Milano, 17 ottobre 2014 Susanna Pellegrino - Responsabile Ufficio Fondi pensione negoziali e-mail - pellegrino@covip.it

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

Puro Rischio TCM. Di regola non esiste RISCATTO e RIDUZIONE.

Puro Rischio TCM. Di regola non esiste RISCATTO e RIDUZIONE. Il Ramo Vita 1 Puro rischio TCM 2 Puro Rischio TCM Garantiscono al Beneficiario un capitale in caso di decesso dell Assicurato entro un dato periodo di tempo. Il premio è calcolato in base: al sesso dell

Dettagli

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE Via di S. Croce in Gerusalemme, 63 00185 Roma Tel. +039 06 77205055 Fax 06 77591946 www.artifond.it FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE a) GENERALITÀ SUL FONDO CHE COS È UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE?

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

DOCUMENTO RELATIVO ALLE RENDITE

DOCUMENTO RELATIVO ALLE RENDITE DOCUMENTO RELATIVO ALLE RENDITE (ALLEGATO ALLA NOTA INFORMATIVA) Il presente documento disciplina, nei confronti dell aderente, l erogazione delle prestazioni pensionistiche in forma di rendita del Fondo

Dettagli

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi.

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi. COMUNICATO STAMPA COVIP: la crisi dei mercati finanziari ha sottoposto i fondi pensione a una prova severa, ma il sistema della previdenza complementare ha tenuto. A marzo 2009 sono 4,9 milioni gli iscritti

Dettagli

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa Fondo Pensione per i lavoratori dipendenti dalle imprese della distribuzione cooperativa Iscritto all Albo dei Fondi Pensione con il numero d ordine 102 Previcooper, il fondo pensione della distribuzione

Dettagli

Le assicurazioni vita e danni

Le assicurazioni vita e danni Le assicurazioni vita e danni Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Roberto Manzato Direttore Centrale Vita, Danni e Servizi Le assicurazioni vita Capacità di risparmio

Dettagli

I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L

I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L INDICE Premessa PARTE I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L assicurazione vita e l assicurazione danni - 1.1. Le Polizze Vita: impignorabilità, insequestrabilità e trattamento successorio - 1.1.1 I contrasti

Dettagli

FONDO INTEGRATIVO DI PREVIDENZA DIRIGENTI AZIENDE FIAT FIPDAF FONDO PENSIONE

FONDO INTEGRATIVO DI PREVIDENZA DIRIGENTI AZIENDE FIAT FIPDAF FONDO PENSIONE FONDO INTEGRATIVO DI PREVIDENZA DIRIGENTI AZIENDE FIAT FIPDAF FONDO PENSIONE CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE A. INFORMAZIONI GENERALI A.1 Lo scopo Scopo del Fondo è garantire agli

Dettagli

Fondo di Previdenza Complementare Mario Negri Modifiche regolamentari introdotte dal 1 gennaio 2007 e facoltà di destinazione del TFR

Fondo di Previdenza Complementare Mario Negri Modifiche regolamentari introdotte dal 1 gennaio 2007 e facoltà di destinazione del TFR Fondo di Previdenza Complementare Mario Negri Modifiche regolamentari introdotte dal 1 gennaio 2007 e facoltà di destinazione del TFR Slide n.1 La pensione in rapporto all ultima retribuzione Ipotesi:

Dettagli

La riforma della previdenza complementare. Edoardo Guffanti Commissione banche, intermediari finanziari ed assicurazioni

La riforma della previdenza complementare. Edoardo Guffanti Commissione banche, intermediari finanziari ed assicurazioni La riforma della previdenza complementare Edoardo Guffanti Commissione banche, intermediari finanziari ed assicurazioni 1 Introduzione Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un processo di riforma del

Dettagli

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria LIBERA Confederazione Sindacale Li.Co.S. Sede nazionale Via Garibaldi, 45-20092 Cinisello Balsamo (MI) Tel.: 02 / 39.43.76.31. Fax: 02 / 39.43.75.26. e-mail: sindacatolicos@libero.it IL NUOVO TFR, GUIDA

Dettagli

CONFEDERAZIONE GENERALE UNITARIA CGU - CISAL. Segreteria Regionale Friuli Venezia Giulia. Oggetto: Fondo Perseo. Prime indicazioni.

CONFEDERAZIONE GENERALE UNITARIA CGU - CISAL. Segreteria Regionale Friuli Venezia Giulia. Oggetto: Fondo Perseo. Prime indicazioni. Oggetto: Fondo Perseo. Prime indicazioni. Premessa Perseo è il Fondo Nazionale pensione complementare destinato a tutti i lavoratori delle Regioni, delle Autonomie Locali e della Sanità. Nasce con l obiettivo

Dettagli

Le forme di previdenza complementare

Le forme di previdenza complementare Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Le forme di previdenza complementare Università Bicocca Milano, 24 ottobre 2012 Susanna Pellegrino - Responsabile Ufficio Fondi pensione negoziali 1 I tre pilastri

Dettagli

Fondi Complementari FondoSanità

Fondi Complementari FondoSanità Salviamo la pensione ENPAM: istruzioni per l'uso Fondi Complementari FondoSanità Dott. Ugo Tamborini Segretario Provinciale SNAMI-Milano La previdenza in Italia Il sistema previdenziale italiano si basa

Dettagli

Corso di Educazione Finanziaria. Lezione 6 Previdenza (2 a parte)

Corso di Educazione Finanziaria. Lezione 6 Previdenza (2 a parte) Corso di Educazione Finanziaria Lezione 6 Previdenza (2 a parte) Indice (1/2) Argomenti trattati in queste lezioni sulla previdenza: 1 a parte (Lezione 5) Introduzione al sistema pensionistico Classificazione

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

Formazione Laborfonds

Formazione Laborfonds Formazione Laborfonds Giorgio Valzolgher Direttore Generale 11.03.2010 1 + + + + Temi + Il sistema previdenziale + Laborfonds + Contribuzione + Gestione finanziaria + Rendimenti + Prestazioni + Comunicazione

Dettagli

DOCUMENTO SULLE RENDITE

DOCUMENTO SULLE RENDITE DOCUMENTO SULLE RENDITE Redatto in conformità allo schema di Nota Informativa deliberato dalla Covip in data 31.10.06 Avvertenza: questo documento ha lo scopo di fornire elementi idonei a facilitare l

Dettagli

OBIETTIVO PENSIONE REGOLAMENTO. Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - fondo pensione

OBIETTIVO PENSIONE REGOLAMENTO. Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - fondo pensione OBIETTIVO PENSIONE Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - fondo pensione Iscritto all Albo dei fondi pensione tenuto dalla COVIP con il n 5035 REGOLAMENTO 1 INDICE Parte I) Identificazione

Dettagli