NOTIZIARIO FENDIT Fendit - Federazione Nazionale Dirigenti Trasporti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTIZIARIO FENDIT Fendit - Federazione Nazionale Dirigenti Trasporti"

Transcript

1 NOTIZIARIO FENDIT Fendit - Federazione Nazionale Dirigenti Trasporti Le nostre attese dopo il 13 maggio Anno I n. 0 Giugno 2001 SOMMARIO Le nostre attese dopo il 13 maggio L obiettivo mancato dalle FS I rapporti di lavoro nel gruppo FS Notizie e commenti in breve Nella legislatura appena terminata, il Ministero dei Trasporti ha sempre avuto una guida DS, con il titolare del dicastero e con un Sottosegretario con la delega alle ferrovie. Il voto del 13 maggio ha cambiato la maggioranza parlamentare, ha semplificato il panorama delle formazioni politiche e ha dato la stura a numerosi propositi, alcuni anche in palese contraddizione fra loro. In ferrovia ci sono problemi antichi, con attese ormai stanche di sperare in una soluzione soddisfacente. Con la nuova legislatura scomparirà il Ministero dei Trasporti nella struttura e nei compiti che avevamo conosciuto, sostituito dal Ministero delle infrastrutture (il vecchio sogno di L. Necci). E il tentativo di avere un livello istituzionale che esprima un elevato contenuto di coordinamento delle politiche rivolte alle varie modalità che si occupano di trasporti e, contemporaneamente, si cerca di ottenere un uso meno dispersivo delle risorse, di frequente favorito in passato, anche dalla segmentazione delle competenze ministeriali. A maggior ragione è pertinente l interrogativo circa la effettiva possibilità di ridurre i pretesti che, nella poliarchia delle responsabilità, hanno sempre frenato la costruzione delle infrastrutture ferroviarie. Il gap ferroviario, nei confronti della strada, deriva proprio dalla inferiorità fisica della rete dei binari. Il tema è importante. Il Piano Generale dei Trasporti, nella sua durata decennale, predisposto dal precedente Governo e approvato dalle Camere, prevede molti investimenti per le opere ferroviarie e stradali. Le risorse dirette ai binari hanno sempre incontrato numerosi ostacoli che ne hanno penalizzato l utilizzo. Perciò, c è da augurarsi che le cose cambino. La seconda attesa di rilievo è di tipo politico e riguarda il rapporto strada-rotaia. Ci si chiede, in sostanza, se il nuovo Governo e il nuovo Parlamento cambieranno o almeno tenteranno di farlo, lo squilibrato rapporto che esiste fra strada e rotaia e fra trasporto individuale e collettivo. Questo, secondo noi, nei trasporti, è il problema centrale del paese. La sua soluzione non incontra particolari difficoltà tecniche, ma la fiera opposizione degli interessi che hanno potuto prosperare grazie alla situazione esistente. Infine, ci sono le molte attese individuali della cui importanza siamo piuttosto dubbiosi. Ci riferiamo alla particolare attitudine a voltare gabbana o solo ad adeguarsi, che abbiamo sempre osservato ad ogni cambio di governo o all arrivo di nuovi responsabili di vertice. Sante Bianchini 1

2 L Obiettivo mancato dalle FS Il cambiamento delle ferrovie è iniziato nel 1986 con l applicazione della legge di riforma n. 210/1985. Avevamo allora un azienda autonoma dello Stato con a capo il Ministro dei Trasporti assistito da un consiglio di amministrazione con pochissimi poteri deliberanti. L ordinamento giuridico era quello tipico della pubblica amministrazione. Oggi è immutata la proprietà, ma ci si muove nell ordinamento civilistico delle società per azioni e dei rapporti privati. Nell azienda di Stato, al di sotto del Ministro, agiva un vertice tecnico-amministrativo composto da un Direttore generale e da due Vice Direttori che coordinavano e dirigevano i responsabili di undici Servizi: Movimento (circolazione treni), Commerciale, (tariffe e vendita), Trazione (locomotive, carri e carrozze), Lavori (opere edili e binari), Impianti Elettrici (apparati e linee elettriche), Personale (assunzioni, pensionamenti, promozioni, trasferimenti), Ragioneria (contabilità e bilanci), Affari Generali (statistiche, documentazioni, legale), Approvvigionamenti (acquisti e logistica materiali), Sanitario (medicina del lavoro ed idoneità fisica), Istituto Sperimentale (ricerca e sperimentazione). Sul territorio si avevano quindici Compartimenti che riproducevano lo schema centrale nella giurisdizione regionale, con alcune eccezioni pluriregionali. Il personale oscillava fra le 200 e le u- nità. Gl introiti dei servizi venduti, tenendo conto degli incrementi di tariffa e dei tassi d inflazione, erano praticamente identici agli attuali. Anche le quote di traffico svolte in rapporto a- gli altri modi di trasporto, oscillavano, come oggi, fra il 10 e l 11% del totale della mobilità nazionale. La capacità di spesa dell azienda autonoma dello Stato, cioè la capacità di allocare investimenti, era di cinquemila MLD/anno; tenendo conto dell inflazione, un po superiore all attuale. Per le pensioni, l azienda provvedeva direttamente e per le liquidazioni tramite un apposito i- stituto (l OPAFS) proprietario anche delle colonie e funzionante quale erogatore di prestiti e sussidi individuali. L azienda autonoma era, inoltre, proprietaria di un notevole patrimonio di alloggi per il personale e, insieme ai ferrovieri, possedeva una banca e u- na assicurazione. Questo complesso di cose e la relativa organizzazione, testimonia più di tanti discorsi quanto e cosa abbiano rappresentato nel tempo le ferrovie. E anche possibile comprendere perché molte cessioni e alienazioni possano essere ritenute non utili se non pensando alle esigenze di cassa. Che ciò, poi, lo si sia fatto a favore dell azienda, dello Stato o degli acquirenti, è un aspetto non pertinente in questa sede. Questa tipologia di azienda, non solo ferroviaria, presente in Italia e diffusa in Europa, nei trasporti è stata messa in crisi, in specie da noi, dalla concorrenza del trasporto stradale in virtù della maggior flessibilità di quest ultimo, del suo servizio porta a porta, della incompleta imputazione dei costi all operatore stradale e, infine, per la libertà di prezzo concessa all autotrasporto. La richiesta della riforma delle ferrovie parte, nel nostro caso, dai ferrovieri, personale e dirigenti, convinti che l azienda di Stato con il suo ordinamento rigido, i suoi adempimenti burocratici, i suoi vincoli, non fosse adatta ad agire in un mercato concorrenziale. Lo scopo della richiesta, come successivamente le ragioni che portarono alle decisioni del Governo e del Parlamento e alle direttive della Comunità Europea, non risiede dunque nell obiettivo di risparmiare e di ridurre l uso della ferrovia. Al contrario, congiunte alle economie di scala, si ricercavano le condizioni per aumentare la presenza del trasporto su rotaia considerato più economico, meno inquinante, più sicuro e con minori servitù collaterali. Anche l enfasi che alcuni osservatori riservano all urgenza di abbattere il monopolio ferroviario, ritenuto troppo potente, trascura il dato incontrovertibile che il monopolio, nell uso dei binari, è impotente nei confronti della concorrenza modale. Se osserviamo quanto si è fatto dal 1986 ad oggi nelle FS, cioè in quindici anni, rileviamo che l organizzazione aziendale è stata cambiata più e più volte. Si è finalmente arrivati alla contabilità industriale, più funzionale per una impresa, della contabilità di Stato. Si è separata la infrastruttura dalle altre attività. Si è formata una Holding controllante sette società. Sono state ripetutamente adeguate le tariffe. La formazione della squadra di comando è stata cambiata in numerose occasioni. Ma, soprattutto, si è agito nella riduzione di alcuni costi (non nelle forniture), costi del personale in particolare, e con le dismissioni patrimoniali. Purtroppo, il vero obiettivo: l aumento della presenza delle ferrovie nella mobilità nazionale è stato eluso. Tutta l attenzione è stata riservata al gioco interno, ai sub obiettivi, che dovevano costruire le condizioni per affrontare l obiettivo principale che, per una azienda marginale, è sempre rappresentato dalla espansione delle sue attività. 2

3 I sub obiettivi, sono tutti quei problemi che si hanno per decidere: chi comanda, come ci si organizza, con quante e quali persone si lavora, come e chi tiene la contabilità, chi affida le commesse, quale patrimonio si vende e quale, invece, si acquista. Tutte questioni importanti, naturalmente, ma lo sono in relazione alla crescita dell impresa e al suo sviluppo. Se crescita e sviluppo mancano, l attenzione al gioco interno è molto importante per le persone coinvolte ed è, purtroppo, irrilevante per le convenienze del nostro sistema economico. Per questo ci sembra urgente che l impegno delle ferrovie sia ricondotto all obiettivo principale della loro espansione, dando un taglio netto alle troppe dispersioni di attenzione provocate dalla ginnastica interna che, fra l altro, si tiene in una palestra di proprietà pubblica e a carico dei contribuenti. S.B. I rapporti di lavoro nel gruppo FS Osservando i comportamenti dei soggetti sociali, ma anche ascoltando i colleghi, ci sembra sia sottovalutata l importanza dei problemi relativi al rapporto di lavoro da applicare ai dirigenti e al personale del Gruppo FS. Preliminarmente è opportuno chiarire il significato dei termini che usiamo. Per Gruppo, noi intendiamo la Holding e le sette Società da essa controllate, cioè allorquando la Holding possiede il 50,1% del pacchetto azionario. Non comprendiamo quindi nel Gruppo le Società solo partecipate anche se le FS, fossero nel patto di sindacato che assicura la gestione di tali società. Per far comprendere meglio il problema di cui parliamo, esasperiamo il concetto. Immaginiamo, allora, che dirigenti e personale della Holding abbiano il contratto e il rapporto di lavoro di una qualsiasi finanziaria, mentre alla Rete si applichi il contratto delle autostrade, a Trenitalia quello dell autotrasporto, a Metropolis il contratto degli edili, a Italfer quello dei metalmeccanici, alla TAV di nuovo gli edili e a Grandi Stazioni il contratto del commercio. Avremmo all incirca le seguenti conseguenze: - cadrebbe fra il personale, lo spirito di appartenenza alle FS e verrebbe meno la visione strategica della missione di Gruppo. Le persone si sentirebbero sempre più omogenee ai metalmeccanici, al commercio e a quant altro. Il loro orizzonte sarebbe circoscritto alla sola Società con cui intrattengono il rapporto di lavoro; - la mobilità delle risorse umane, all interno del Gruppo FS, risulterebbe bloccata nel volgere di poco tempo; - la stessa rappresentanza del personale sarebbe frantumata e sospinta lontano, verso altri soggetti di rappresentanza. Lo scenario che, esasperando l esempio, abbiamo tratteggiato è irrealistico, ma molto meno di quanto si creda. Dobbiamo, infatti, considerare come stia prevalendo, attorno a noi, un modo di pensare contrario al rapporto di lavoro duraturo e favorevole alla precarietà e ad una accentuata flessibilità. E questo il 3 germe che diffonde, anche all interno del lavoro dipendente, la rivalità e la competizione individuale, a scapito dell interesse comune dei lavoratori e della loro rappresentanza generale. Contemporaneamente, le aziende sono indotte ad accentuare tutte le ragioni di concorrenza fra i lavoratori (giovani-anziani; qualificati-generici; residenti-immigrati; maschi-femmine; occupati-disoccupati), in ciò favorite dalla sovrabbondanza di persone che cercano lavoro. La disoccupazione, oltre agli altri guai ben noti, è anche un robusto incentivo alla frantumazione del lavoro. Sono idee e modi di agire, quelli ricordati, che sono spiegati con le ragioni della concorrenza e della dura competizione, anche se, in verità, proprio il mercato e la competizione avrebbero bisogno delle regole entro cui svolgersi; almeno se non vogliamo ritornare al capitalismo selvaggio che, nella storia, non ha mai fornito buone prove. Se guardiamo nelle FS, rileviamo come la diversificazione dei rapporti di lavoro abbia già costruito, sia per il personale sia per i dirigenti, qualche precedente ingiustificato. Non ci sembra il caso di sottovalutarli! Altri pericoli possono cogliersi nelle norme adottate per il passaggio del personale da una controllata all altra. Lo si può fare, certo! ma la persona deve dimettersi dalla Società per cui lavora ed essere assunta dall altra. Non è difficile, volendolo, chiudere questo passaggio di confine! A noi sembra sia un aspetto da definire meglio in occasione del nuovo contratto di lavoro dei ferrovieri, in modo da mantenere libero il passaggio del personale da una Società all altra, fatte salve le sole esigenze di idoneità professionale e di disponibilità dei due interlocutori societari: il cedente e l acquirente. Naturalmente, ci stiamo sempre riferendo al personale appartenente al Gruppo FS come lo abbiamo precedentemente definito. Questo aspetto della mobilità, tramite dimissione e riassunzione, è il pertugio da cui potrebbe passare la diversificazione dei rapporti di lavoro. Con tanti saluti e ossequi al contratto dei servizi ferroviari e agli integrativi, pur diversi fra loro, del Gruppo FS.

4 Notizie e commenti in breve E MORTO MARIO SCHIMBERNI, era arrivato in ferrovia all indomani dello scioglimento del Cons. di Amm.ne presieduto dall On.Ligato. La maggioranza di governo ruotava attorno all accordo: Andreotti - Craxi - Forlani. Se ne è andato dalle FS dopo appena diciotto mesi trascorsi da commissario con pieni poteri, sostenendo di aver portato a termine il mandato ricevuto. Successivamente, si è sempre rifiutato di ritornare sull argomento e sulle ragioni che lo avevano indotto alle dimissioni. In ferrovia ha lasciato il ricordo di un manager vero, capace di decidere, di assumersi le responsabilità in prima persona e di comprendere, in brevissimo tempo, i processi fondamentali dell azienda. Con i sindacati, dopo un avvio burrascoso ha costruito un rapporto trasparente di serietà. Sono ancora ricordate e favoleggiate le sue battaglie per ridurre tutti i prezzi delle forniture, nonostante i contratti in essere. Fecero scalpore le perplessità che manifestò sull alta velocità: preferiva un processo generale di ammodernamento della rete. Sosteneva che non si passa dalla guida della 500 alla Ferrari, meglio un passaggio intermedio sulla croma. Nonostante fosse una persona rigorosa e severa, i ferrovieri lo hanno accettato riconoscendo che, in questo caso, l appellativo di manager era appropriato. TRENITALIA IN BORSA, è questa la voce che circola con sempre maggiore insistenza ai piani alti delle ferrovie. Perché ciò avvenga è prima necessario raggiungere il pareggio di bilancio, ma l obiettivo sembra a portata di mano se si continuano a ridurre i costi del personale e ad adeguare le tariffe. La quotazione in borsa porta prestigio alla Società e rappresenta un ulteriore vincolo per la gestione. Ma l obiettivo più ambizioso dell operazione è la partecipazione dei privati al pacchetto azionario della Società, con il loro successivo ingresso nella gestione. La difficoltà in questo caso è duplice: trovare investitori che non siano anche concorrenti delle attività di Trenitalia, assicurare ai privati che l altro azionista, lo Stato, attraverso la Holding, non sarà troppo ingombrante. ASSOLUZIONE A PIACENZA, per il disastro ferroviario avvenuto a Piacenza nel 1997, con l uscita dai binari del treno Eurostar Milano-Roma, furono rinviati a giudizio numerosi colleghi dirigenti. Nel successivo processo sono stati tutti assolti. Il fatto è importante, oltre che per i colleghi a cura della redazione coinvolti, per i sospetti che una condanna avrebbe fatto ricadere sulla affidabilità dell esercizio ferroviario e sulla preparazione professionale della dirigenza. L errore umano, anche in presenza di mezzi tecnici sofisticati è purtroppo possibile; nel nostro lavoro bisogna fare di tutto per evitarlo, ma, come sappiamo, è sempre in agguato. BUSSOLO SI e NO, fra le molte voci che circolano per i corridoi di Montecitorio, ma anche per quelli di Villa Patrizi, una dà per certa la partenza dell attuale responsabile del trasporto merci ferroviario che, stando a quei si dice, sarebbe inviso alla nuova maggioranza di governo. A noi, per la verità, sembra più una speranza dei chiacchieranti che una notizia fondata. E certo che il trasporto merci FS non va bene, quantomeno perché cresce molto più lentamente di quanto sarebbe necessario e anche possibile, stando alla osservazione del mercato e agli spazi esistenti per la vocazione ferroviaria. Quando è arrivato, l amico di Burlando, ci aveva colpito per l entusiasmo e anche, diciamolo, per il piglio innovativo che aveva introdotto nel settore. Successivamente ci ha deluso. Le informazioni di chi lavora nel settore pongono l accento sulla falcidia di risorse umane, compresi gli stessi uomini di vertice che aveva portato proprio Bussolo. Raccontano delle discriminazioni pesanti non attribuibili alla competenza. Ricordano le statistiche ottimistiche del trasporto merci, presentate per i primi semestri di ciascun anno e smentite dalle chiusure di fine anno. Siamo curiosi di vedere come andrà a finire! CUMOLO VIETATO, ANCHE OLTRE IL BUON SENSO, ci riferiamo alle norme che vietano di cumulare un reddito da pensione con altri redditi da lavoro, se non si sono versati 40 anni di contributi previdenziali. Tale divieto, come noto, si traduce in una pesante decurtazione della pensione percepita, se non si ha la condizione sopra richiamata. L intento che viene dichiarato, per motivare la norma, è di lasciare il lavoro a chi non ce l ha. Ma si sa, da noi, ogni buon proposito non può sfuggire alla mania persecutoria che ci affligge non appena assumiamo incarichi di rappresentanza generale. Cosa centrano, ad esempio, con l intento dichiarato, il reddito derivante dai diritti d autore, anch esso non cumulabile con la pensione o il compenso percepito quale attore in compagnie filodrammatiche o i redditi derivanti da attività similari, legati cioè alle caratteristiche della persona! 4

5 Per arrivare al paradosso dei ferrovieri il cui massimo contributivo è previsto per legge in 36 anni 6 mesi 1 giorno o di altre categorie che hanno limiti inferiori ai 40 anni in parola. Siamo proprio alla legislazione trasandata e spocchiosa! Un paio di mesi fa il Ministero del lavoro ci aveva assicurato una disposizione a sanatoria della incongruenza legislativa che colpisce i ferrovieri. Ritorneremo alla carica con il nuovo governo. Ma ci chiediamo, perché non si muove anche l azienda ferroviaria che pure è il datore di lavoro che si trova ad agire all interno di questa incoerenza legislativa? FAMIGLIA CRISTIANA, PRIMA E DOPO, la rivista, una bella rivista, aveva pubblicato un servizio che esprimeva notevoli dubbi circa la congruità del prezzo al quale le ferrovie vendono il loro patrimonio immobiliare. Poi si sono mosse le ferrovie minacciando querele e chiedendo miliardi di danni. La partita è terminata, con un nuovo servizio di Famiglia Cristiana nel quale campeggia u- na intervista al nostro Amministratore Delegato, presentato, al solito, come l eroe del risanamento, il duro che ha messo in riga il sindacato e, addirittura, come l uomo che da giovane scalò l Himalaya (non c entra nulla con il lavoro ferroviario, ma è una bella nota di colore). La vicenda ci fa ricordare che la legge attribuisce, ai due Ministeri dei Trasporti e del Tesoro, importanti poteri allorquando si tratta di vigilanza sulla gestione FS e di alienazioni patrimoniali. Insomma, se le cose funzionassero a dovere, non ci sarebbe bisogno dell inchiesta giornalistica per sollevare i veli. Ciò detto, sia ben chiaro: difendiamo la libera stampa, auspichiamo un giornalismo d inchiesta, molto più utile del megafono ripetitivo delle notizie televisive o del commento agli aggettivi che la palude politica non cessa di sfornare. UN PO DI PULIZIA, forse avverrà davvero che assisteremo ad un po di pulizia nelle molte inutili vessazioni che ci affliggono. In questi giorni, l On. Marzano, l economista che dovrebbe svolgere un ruolo importante nel governo Berlusconi, ha dichiarato che eliminerà quell altra tassa applicata sul reddito virtuale formato dall apprezzamento delle azioni, anche se il possessore non le vende. Tale apprezzamento, anche se non incassato, è stato tassato dal Ministro Visco, forte della sua inconsapevole cultura cattolica, per la quale, come si sa, per peccare, in qualche caso, è più che sufficiente il pensiero. L altro reddito virtuale era dato dalla prima casa, tassata con l IRPEF, fino a quando il buon Del Turco, con il solo buon senso, litigando con Visco, è riuscito a stabilire che una mancata spesa non costituisce reddito. E già, perché alle Finanze si teorizzava che la prima casa abitata dal proprietario, anche se non produce reddito evita comunque una spesa! Diavolo di un Fouché! Dove sei? Perché non ritorni in vita? Saresti un moderato! BANCA S.PAOLO, nell ambito dei consigli utili ai nostri lettori, facciamo osservare che l Istituto S. Paolo di Torino, acquirente della B.N.C, pratica sui conti correnti, nella quasi generalità dei casi, tassi attivi (gl interessi che vi dà) inferiori al 2% lordo (meno del tasso d inflazione), sottratto al quale il 27% di ritenute fiscali, fa si che siate voi a pagare la banca perché vi tenga i soldi. Probabilmente questa politica la si deve allo scarso interesse della banca per i conti correnti dei ferrovieri. L altra osservazione riguarda l ubicazione degli uffici e delle agenzie di tale banca all interno degli impianti ferroviari, dov è subentrata alla BNC. Sennonché la BNC era di proprietà delle ferrovie e dei ferrovieri, la sua ubicazione era, perciò, abbastanza giustificata. Ben diversa è la situazione dell Istituto S. Paolo che non ha più nulla a che fare con le ferrovie e la cui ubicazione negli impianti ferroviari, pressoché in esclusiva rispetto ad altri concorrenti, non ha quindi giustificazioni. FUNZIONI DIRIGENZIALI, già nel precedente numero del nostro notiziario avevamo sollevato la questione, sarebbe meglio dire la vessazione, che viene operata verso quei colleghi che svolgono da tempo le funzioni dirigenziali - in alcuni casi da tre anni - senza che venga loro riconosciuta la qualifica e il trattamento di dirigenti. A noi sembra di aver dimostrato con le argomentazione come, anche rispetto al contratto esistente, il comportamento dell azienda FS sia privo di motivazioni e si configuri come un atto arbitrario. Auspicavamo anche un intervento dei colleghi di Assidifer a sostegno di una posizione che ci sembra corretta, in modo da far cessare un comportamento che danneggia non pochi colleghi. Ci viene invece segnalato che la situazione si protrae e che la Direzione Generale del personale non intende, tuttora, risolverla. Non possiamo disinteressarcene perché ci sembra ricorrano tutti gli estremi per definire la questione, di cui stiamo parlando, un problema di giustizia. Se ci sbagliamo, l azienda può risponderci con le sue argomentazioni e, da parte nostra, non mancheremo di esaminarle con attenzione e d informare i colleghi. Ci sembra scorretto non solo il comportamento, anche l indifferenza alle obiezioni che avanziamo. Essere sordi e muti, per di più arroganti, come in questo caso, di solito non porta fortuna. Proprio in questi giorni, il nuovo Presidente del 5

6 Senato nel saluto di ringraziamento ai Senatori, ha posto in rilievo l importanza del confronto delle idee, delle argomentazioni, della presentazione dei diversi punti di vista. Non sono solo i numeri del potere a determinare la sostanza del nostro modo d essere. NON C E POSTO PER LEI, ci riferiamo alle continue assunzioni di dirigenti provenienti dall esterno: dalla vendita di automobili, dai settori del personale di altre aziende, da posizioni politiche presso amministrazioni locali. Sono persone che hanno passato i quarant anni e in alcuni casi, la maggioranza, i cinquanta. Persone valide, non c è dubbio, nella loro esperienza specifica di lavoro, ma lontane della esperienza di un azienda di servizi di trasporto e, soprattutto, dalla dimensione particolare che hanno le ferrovie. Di frequente sono persone per le quali, questo ambiente e questo lavoro, rappresentano un pianeta del tutto nuovo, di cui non conoscono le orbite, i luoghi d interlocuzione, le facce e i compiti dei collaboratori, fino alla stessa nomenclatura della organizzazione. Contemporaneamente, gli stessi artefici di queste assunzioni sospingono fuori dall azienda, con l uscita consensuale e con il licenziamento, le risorse dirigenziali interne senza distinzioni fra le competenze, fra le utilizzazioni; senza riguardo ai servizi prestati, ai contributi previdenziali effettivamente versati, alla stessa maturazione del diritto a pensione. In tutti questi casi si sostiene: non c è posto per lei! Ma è falso, altrimenti non sarebbero possibili tutte quelle assunzioni generiche. Sempre, si sussurra: dobbiamo svecchiare perciò vanno disincentivati nelle collocazioni e nelle retribuzioni tutti i colleghi che si avvicinano ai cinquant anni o li superano. Non importa se svolgono un lavoro importante, se il capo li chiama in ogni momento per farsi spiegare questo e quest altro, se non possono allontanarsi per le ferie, perché: senza di lei come facciamo! L anagrafe è l alibi per comportamenti di mobbing, ormai diffusi su larga scala. Ma anche queste affermazioni sono false; non si giustificherebbero, se fossero vere, le assunzioni dei pari età e per di più inesperti del lavoro che andranno a fare. Tutto ciò avviene in ferrovia con la scusa della ricerca di efficienza nella gestione che, diciamolo chiaro, non c entra un tubo con questi comportamenti. Anzi, è proprio ciò che non si deve fare se si vuole una gestione efficiente di un azienda. Quando la dirigenza deve passare la metà del suo tempo a coprirsi le spalle, a difendersi dall ignoto di responsabili del personale i cui comportamenti concreti smentiscono le affermazioni che pronunciano ogni giorno, ne va a scapito proprio l impegno nella gestione e ne soffrono le decisioni che il dirigente dovrebbe assumere. Perché è chiaro, ogni decisione terrà meno conto del problema da risolvere e sarà più attenta a quanto ci si espone, a non prestare, cioè, il fianco ai nemici che lavorano con te o che sono i tuoi superiori. Verrà un giorno che qualcuno dovrà spiegarci quale politica del personale e dei dirigenti si segue in ferrovia, e senza poter ricorrere ai luoghi comuni della lealtà (a chi?), della efficienza (quale?, dove?) delle riduzioni di costo (quali?). Le teste di legno sono di frequente più costose della materia grigia, non foss altro per i danni che provocano senza neppure accorgersene! SI ROMPE UN TABU, è finalmente uscito un provvedimento che consente a tutti lavoratori di chiedere di rimanere in servizio per altri due anni (in alcuni casi due più due) oltre il limite dell età pensionabile. E uno degli ultimi atti varati dal Governo Amato. Il provvedimento si preoccupa di rendere conveniente la permanenza in servizio, distribuendo al lavoratore e all azienda il risparmio dei contributi previdenziali, non più dovuti qualora siano stati completati i relativi versamenti. Ne segnaliamo la positività non facendo tanto riferimento ai vantaggi economici, che pur ci sono, ma per l inversione di tendenza che il provvedimento può generare nei modi di pensare, così come sono venuti deformandosi in questi ultimi lustri. Provate a pensare: non s incentiva l uscita, ma la permanenza. Lo stesso innalzamento del limite dell età pensionabile, può avvenire su base volontaria. Il costo del lavoro, riferito al lavoratore che abbia completato i versamenti dei contributi previdenziali, per le aziende si abbassa sensibilmente. Psicologicamente si tratta di una piccola rivoluzione. Sarà interessante osservare quanti lavoratori usufruiranno di questa possibilità. E poi, viva la faccia, è l esatto contrario delle idee che professano i nostri capi del personale, la cui cultura è davvero vecchia e aliena al cambiamento! Notiziario della Federazione Nazionale Dirigenti - FENDIT - Redazione P.zza Croce Rossa Roma Telecom FS Direttore Responsabile: F. Guzzardi - chiuso in Redazione il Anno I n. 0 In attesa di registrazione presso il Tribunale di Roma - Stampa Tipocartotecnica Rinascimento - Roma 6

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli dicembre 2010 Percorso formativo sperimentale di educazione economico-finanziaria Educare i giovani alla finanza e alle scelte di risparmio consapevoli La fiducia 2 La fiducia Durata: 1 ora. Obiettivo

Dettagli

Modelli di gestione. Confederazione Generale Italiana del Lavoro. 3 Sessione. Comunicazione di: Daniela Cappelli. Segreteria regionale Cgil Toscana

Modelli di gestione. Confederazione Generale Italiana del Lavoro. 3 Sessione. Comunicazione di: Daniela Cappelli. Segreteria regionale Cgil Toscana 3 Sessione Modelli di gestione Comunicazione di: Daniela Cappelli Segreteria regionale Cgil Toscana Anche la CGIL Regionale Toscana, in collegamento con la piattaforma della CGIL Nazionale Per il diritto

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 1

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 1 XVI LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 1 N.B. I resoconti stenografici delle sedute di ciascuna indagine conoscitiva seguono una numerazione indipendente. 11ª COMMISSIONE PERMANENTE

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla disciplina delle forme pensionistiche complementari

Indagine conoscitiva sulla disciplina delle forme pensionistiche complementari SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE LAVORO, PREVIDENZA SOCIALE Indagine conoscitiva sulla disciplina delle forme pensionistiche complementari 2/04/2009 Audizione del Direttore Centrale Area Corporate dell

Dettagli

L ACQUISTO DI MACCHINE SICURE

L ACQUISTO DI MACCHINE SICURE L ACQUISTO DI MACCHINE SICURE E di difficile interpretazione la complessa normativa nazionale ed internazionale che dovrebbe regolamentare il tema della sicurezza delle macchine e degli impianti destinati

Dettagli

IL BLUFF DE L ESPRESSO. Critica 1 l analisi si limita agli enti che ci tengono a farsi belli della propria virtuosità (mentre gli asini se la battono)

IL BLUFF DE L ESPRESSO. Critica 1 l analisi si limita agli enti che ci tengono a farsi belli della propria virtuosità (mentre gli asini se la battono) IL BLUFF DE L ESPRESSO Critica 1 l analisi si limita agli enti che ci tengono a farsi belli della propria virtuosità (mentre gli asini se la battono) Si tratterebbe del fenomeno che in termini tecnici

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli

I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra?

I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra? I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra? Il problema Nel particolare momento di elezioni, tutti gli animi si scaldano: i politici promettono tutto a tutti pur di guadagnare qualche punto

Dettagli

LA PENSIONE DEI DOCENTI UNIVERSITARI DOPO LA RIFORMA MONTI-FORNERO

LA PENSIONE DEI DOCENTI UNIVERSITARI DOPO LA RIFORMA MONTI-FORNERO LA PENSIONE DEI DOCENTI UNIVERSITARI DOPO LA RIFORMA MONTI-FORNERO Paolo Gianni (Comm. Sindacale CNU) Premessa Data la complessità delle norme che regolano l erogazione della pensione ed i requisiti per

Dettagli

Camera dei Deputati 17 Audizione 8

Camera dei Deputati 17 Audizione 8 Camera dei Deputati 17 Audizione 8 XVI LEGISLATURA COMMISSIONI RIUNITE V-XIV SEDUTA DEL 27 SETTEMBRE 2011 a partire dal 2018 andrà avanti il nuovo sistema di finanziamento al bilancio comunitario, con

Dettagli

RINNOVO CCNL EDILIZIA PRIMA DELLA CRISI, UNA LUNGA FASE DI CRESCITA

RINNOVO CCNL EDILIZIA PRIMA DELLA CRISI, UNA LUNGA FASE DI CRESCITA 13 novembre 2009 CONFERENZA STAMPA SALARIO, DIRITTI, SICUREZZA IL CONTRATTO NAZIONALE PER MIGLIORARE LE CONDIZIONI DI LAVORO E UNIRE I LAVORATORI PRIMA DELLA CRISI, UNA LUNGA FASE DI CRESCITA Il settore

Dettagli

ALLA LIBERTA DI LICENZIAMENTO

ALLA LIBERTA DI LICENZIAMENTO Notiziario interno della Fisac/Cgil per gli esattoriali di Roma e del Lazio supplemento ad Informazioni-Fisac MAGGIO 2000 non sanno immaginare altro... il potere è questo... fare l unica cosa che si crede

Dettagli

Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani. Incontro sindacale per il. Roma, 18 gennaio 2010

Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani. Incontro sindacale per il. Roma, 18 gennaio 2010 Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani Incontro sindacale per il rinnovo del CCNL Gas Acqua Roma, 18 gennaio 2010 Pagina 1 di 11 Buongiorno a tutti, siamo qui per dare l avvio alla trattativa per il

Dettagli

LO SAPEVATE CHE...? DDL "CONCORRENZA": MEGLIO PREPARARSI

LO SAPEVATE CHE...? DDL CONCORRENZA: MEGLIO PREPARARSI LO SAPEVATE CHE...? DDL "CONCORRENZA": MEGLIO PREPARARSI Dopo una pausa nella pubblicazione del nostro mensile, dovuta alle modifiche legislative che hanno assorbito tutto il personale del Fondo, torniamo

Dettagli

La Ricongiunzione impossibile, medicina amara di un Sistema in agonia (Ettore Vita)

La Ricongiunzione impossibile, medicina amara di un Sistema in agonia (Ettore Vita) La Ricongiunzione impossibile, medicina amara di un Sistema in agonia (Ettore Vita) Altalex.it L INPS ha incorporato l INPDAP che a sua volta aveva assorbito la CIPDEL, ma gli archivi restano divisi e

Dettagli

cose da sapere sulla previdenza complementare gli elementi di base per capire il sistema

cose da sapere sulla previdenza complementare gli elementi di base per capire il sistema 10 cose da sapere sulla previdenza complementare gli elementi di base per capire il sistema /1 2 previbooks/1 3 Previboooks Previbooks è una collana di ebook creata dall Associazione Previnforma per aggiungere

Dettagli

Sintetica descrizione del disegno di legge delega sulla riforma previdenziale. M. Madìa, F. Pammolli e N. C. Salerno

Sintetica descrizione del disegno di legge delega sulla riforma previdenziale. M. Madìa, F. Pammolli e N. C. Salerno Sintetica descrizione del disegno di legge delega sulla riforma previdenziale M. Madìa, F. Pammolli e N. C. Salerno 7/04 Maggio 2004 Gennaio 2004 7/04 SINTETICA DESCRIZIONE DEL DISEGNO DI LEGGE DELEGA

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Nelle banche di credito cooperativo le esigenze di rafforzamento patrimoniale possono trovare ostacolo nella loro speciale forma giuridica.

Nelle banche di credito cooperativo le esigenze di rafforzamento patrimoniale possono trovare ostacolo nella loro speciale forma giuridica. Quale Credito cooperativo? Il Governatore di Banca d Italia, nel corso del suo recente intervento al Congresso annuale Assiom Forex del 7 febbraio c.te, ha dedicato una puntuale riflessione al sistema

Dettagli

Marzo 2015. Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper

Marzo 2015. Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper Marzo 2015 DDL Concorrenza e novità in tema di fondi pensione Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper Il cosiddetto Disegno Di

Dettagli

Pensionamento flessibile e (Ri)equilibrio tra generazioni

Pensionamento flessibile e (Ri)equilibrio tra generazioni Pensionamento flessibile e (Ri)equilibrio tra generazioni Brevi considerazioni con qualche numero di Maggio 2013 Si riaperto il cantiere delle pensioni. L obiettivo è irrobustire i risultati raggiunti

Dettagli

Liberalizzazione del trasporto ferroviario in Italia

Liberalizzazione del trasporto ferroviario in Italia Contributo personale Ing. Patrizio Grillo - Rappresentanza Commissione Europea - D.G. Move (Deputy of Head Unit) Liberalizzazione del trasporto ferroviario in Italia Osservazioni preliminari Nel corso

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI Gli ultimi eventi ai quali si sta assistendo, soprattutto a seguito della crisi economica e finanziaria

Dettagli

AUTORITA GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. Proposte a Governo e Parlamento alcune misure per la crescita del paese

AUTORITA GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. Proposte a Governo e Parlamento alcune misure per la crescita del paese AUTORITA GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Proposte a Governo e Parlamento alcune misure per la crescita del paese COMUNICATO STAMPA ANTITRUST PROPONE A GOVERNO E PARLAMENTO ALCUNE MISURE POSSIBILI

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Art. 1 - Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DI SERVIZIO 1. Per missione si intende la prestazione di una attività nell interesse istituzionale dell Ateneo, fuori dall abituale

Dettagli

PROMUOVERE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

PROMUOVERE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE PROMUOVERE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE COME STRUMENTO EFFICACE PER UNA LONGEVITÀ SERENA Sintesi dei principali risultati La numerazione delle tabelle riproduce quella del Rapporto Finale Roma, 23 gennaio

Dettagli

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità.

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità. Anzitutto volevo ringraziare per l opportunità che mi è stata data di presentare qui oggi la mia azienda. Noi imprenditori di solito siamo orgogliosi delle nostre creature, e quindi siamo contenti quando

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Le mani del Governo sulle pensioni

Le mani del Governo sulle pensioni Le mani del Governo sulle L Istat, come ogni anno, ha diffuso i dati sui trattamenti stici al 31 dicembre 2008 e sui relativi beneficiari. Il quadro che emerge non è nuovo e mette in evidenza le difficili

Dettagli

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA)

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) DOSSIER A CURA DEL CENTRO NUOVO MODELLO DI SVILUPPO CON LA COLLABORAZIONE DI LUCA FERRINI (NOVEMBRE 2012) Prologo Ci vantiamo di vivere in un paese

Dettagli

AUTORIPARAZIONE Associazione Nazionale Carrozzieri Autoriparazione < Pacchetto norme settore assicurativo >

AUTORIPARAZIONE Associazione Nazionale Carrozzieri Autoriparazione < Pacchetto norme settore assicurativo > AUTORIPARAZIONE Associazione Nazionale Carrozzieri Autoriparazione < Pacchetto norme settore assicurativo > Documento unitario delle Associazioni nazionali di categoria: Osservazioni e proposte 1 Nel corso

Dettagli

Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa

Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa Secondo le stime più attendibili, di 350 mila lavoratori che si trovano a dover

Dettagli

Approvato in Consiglio di Amministrazione del 14 novembre 2008

Approvato in Consiglio di Amministrazione del 14 novembre 2008 Approvato in Consiglio di Amministrazione del 14 novembre 2008 Copia n Prot. In consegna a (Nome e Cognome) Funzione / Società SEZ 1 Pagina 2/2 INDICE INDICE DEI CONTENUTI 1 INTRODUZIONE...1 2 AMBITO DI

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Diritto privato e del lavoro italiano e comparato

Università degli Studi di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Diritto privato e del lavoro italiano e comparato Università degli Studi di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Diritto privato e del lavoro italiano e comparato W.P. Libertà, lavoro e sicurezza sociale 9/11 ISSN 2239-5083 Università degli

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica Dott. Gian Paolo Oneto Direttore Centrale della contabilità nazionale

Audizione dell Istituto nazionale di statistica Dott. Gian Paolo Oneto Direttore Centrale della contabilità nazionale Proposta di legge C. 1899 in materia di riconoscimento della detrazione delle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici mediante attribuzione

Dettagli

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software.

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. PREFAZIONE Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. Ho costituito, oltre 29 aziende in Italia e all estero, ed ormai ho una certa

Dettagli

Perché no al progetto Meloni sulle pensioni d oro

Perché no al progetto Meloni sulle pensioni d oro Perché no al progetto Meloni sulle pensioni d oro Giampaolo Galli Il progetto di legge proposto dall On. Giorgia Meloni che la Camera si accinge a discutere prevede che al di sopra di una certa soglia,

Dettagli

In Italia salari reali aumentati più della produttività e al lavoro una percentuale record del PIL

In Italia salari reali aumentati più della produttività e al lavoro una percentuale record del PIL 3-10-2015 Numero 15-13 NOTA DAL CSC In Italia salari reali aumentati più della produttività e al lavoro una percentuale record del PIL Negli ultimi tre anni le retribuzioni reali sono cresciute del 4,6%

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A 8 a COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) 4 o R e s o c o n t o s t e n o g r a f i c o SEDUTA DI MARTEDÌ 5 NOVEMBRE

Dettagli

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l Ing. Mauro Moretti Partecipare ai convegni è sempre un occasione importante di apprendimento. In realtà bisognerebbe sempre fondare le proposte sugli studi, perché le decisioni dovrebbero essere prese

Dettagli

DIRETTIVA SPIN OFF (ALLEGATO ALLA DETERMINAZIONE DG N 87/09 DEL 18.5.2009

DIRETTIVA SPIN OFF (ALLEGATO ALLA DETERMINAZIONE DG N 87/09 DEL 18.5.2009 DIRETTIVA SPIN OFF (ALLEGATO ALLA DETERMINAZIONE DG N 87/09 DEL 18.5.2009 A) DIRETTIVA SUGLI SPIN-OFF...2 B) LO SPIN-OFF...2 ARTICOLO 1... 4 Spin-off di AGRIS e spin-off con il sostegno di AGRIS... 4 ARTICOLO

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA Doc. XXII n. 21 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa dei senatori PONTONE e FLORINO COMUNICATA ALLA PRESIDENZA IL 17 OTTOBRE 2003 Istituzione di una Commissione

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

Economia dell Informazione. Cap. 12

Economia dell Informazione. Cap. 12 Economia dell Informazione Cap. 12 Informazione completa Significa che non esistono gap informativi rispetto a nessuna delle situazioni connesse agli scambi: sui beni disponibili, sui loro prezzi, sulla

Dettagli

ECCELLENTISSIMA CORTE DEI CONTI DI ROMA PROCURA GENERALE ESPOSTO

ECCELLENTISSIMA CORTE DEI CONTI DI ROMA PROCURA GENERALE ESPOSTO ECCELLENTISSIMA CORTE DEI CONTI DI ROMA PROCURA GENERALE ESPOSTO Io sottoscritto Lucio Malan, nato a Luserna San Giovanni il giorno 30 luglio 1960, ivi residente in strada vecchia di Bricherasio 8, Senatore

Dettagli

OSSERVAZIONI DELLA CIDA ALLA LEGGE 92 DEL 28 GIUGNO 2012 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MERCATO DEL LAVORO IN UNA PROSPETTIVA DI CRESCITA

OSSERVAZIONI DELLA CIDA ALLA LEGGE 92 DEL 28 GIUGNO 2012 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MERCATO DEL LAVORO IN UNA PROSPETTIVA DI CRESCITA OSSERVAZIONI DELLA CIDA ALLA LEGGE 92 DEL 28 GIUGNO 2012 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MERCATO DEL LAVORO IN UNA PROSPETTIVA DI CRESCITA giugno 2013 Premessa Il testo della legge n. 92/2012 in materia

Dettagli

Viaggiare, fotografare, guadagnare

Viaggiare, fotografare, guadagnare Paolo Gallo Viaggiare, fotografare, guadagnare Crea il tuo secondo stipendio con il Microstock Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con alcun

Dettagli

La cedibilità dei crediti retributivi e le «tariffe salariali minime» nel distacco comunitario

La cedibilità dei crediti retributivi e le «tariffe salariali minime» nel distacco comunitario @bollettinoadapt, 23 febbraio 2015 La cedibilità dei crediti retributivi e le «tariffe salariali minime» nel distacco comunitario di Giovanna Carosielli Tag: #distaccocomunitario #tariffeminimesalariali

Dettagli

Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! PENSIONI blog. Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile!

Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! PENSIONI blog. Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! Pagina 1 di 6 Search PENSIONI blog Europa Informazioni Notizie Ultimo aggiornamento: 29 marzo 2014-08:24 RSS In Notizie Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! 29 marzo 2014-08:24

Dettagli

I CONTRIBUTI VOLONTARI

I CONTRIBUTI VOLONTARI PREVIDENZA I CONTRIBUTI VOLONTARI COME QUANDO PERCHÉ Su questo tema perplessità e dubbi sono numerosi e ricorrenti. Per questo motivo il nostro giornale ha ritenuto di dedicare alla prosecuzione volontaria

Dettagli

L APPRENDISTATO COME PERCORSO FORMATIVO

L APPRENDISTATO COME PERCORSO FORMATIVO Primi risultati di una indagine ISFOL L APPRENDISTATO COME PERCORSO FORMATIVO - di Lucia Micheletto - pubblicato su Scuola Snals n. 81 del 12.04.02 DI RECENTE si è tenuto a Milano uno dei primi seminari

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

Atti Parlamentari 43 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 43 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 43 Camera dei Deputati (Problematiche relative alla disciplina riguardante il registro dei revisori legali n. 2-00222) PRESIDENTE. Passiamo all interpellanza Zanetti n. 2-00222, concernente

Dettagli

Consulente, mentor, coach, counselor, tutor

Consulente, mentor, coach, counselor, tutor Marzo 2014, anno VIII N. 3 Consulente, mentor, coach, counselor, tutor oppure di Vito B. Del Volgo 1 Succede, a volte, che per le ragioni più diverse esperti manager con brillanti carriere alle spalle

Dettagli

05 TASSAZIONE DEI LAVORATORI ITALIANI ALL ESTERO

05 TASSAZIONE DEI LAVORATORI ITALIANI ALL ESTERO 05 TASSAZIONE DEI LAVORATORI ITALIANI ALL ESTERO 5.1 CONCETTO DI RESIDENZA Prima di iniziare l esame della tassazione dei lavoratori italiani all estero conviene chiarire il concetto dello status di residente

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Poste Italiane SpA Si paga quattro volte, ci sono gli utili Ma chi gestisce crea disoccupazione?

Poste Italiane SpA Si paga quattro volte, ci sono gli utili Ma chi gestisce crea disoccupazione? 102 Poste Italiane SpA Si paga quattro volte, ci sono gli utili Ma chi gestisce crea disoccupazione? DIRITTO DOVERE DEI CITTADINI DI CHIEDERE AI PARLAMENTARI E AL GOVERNO D INTERVENIRE PER: - verificare

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche A.N.A.AM. Scuola Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche A.N.A.AM. Scuola Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi Ai colleghi Assistenti Amministrativi Loro sedi Richieste per le figure professionali Ata nelle Scuole Statali AREA C per tutti gli assistenti amministrativi Graduatoria dei 36 mesi dei DSGA La FLP-A.N.A.A.M

Dettagli

Audizione X Commissione Senato sulla Strategia Energetica Nazionale. Roma, 10 ottobre 2012.

Audizione X Commissione Senato sulla Strategia Energetica Nazionale. Roma, 10 ottobre 2012. Audizione X Commissione Senato sulla Strategia Energetica Nazionale. Roma, 10 ottobre 2012. Intervento di Bruno Lescoeur, Amministratore Delegato, Edison Nella prima occasione in cui ho parlato a questa

Dettagli

Caratterizzazione acustica di alcune tipologie di dossi

Caratterizzazione acustica di alcune tipologie di dossi Caratterizzazione acustica di alcune tipologie di dossi P. Cicoira a, P. Miori b, P. Simonetti c a Libero professionista - Trento b Comune di Trento c Provincia autonoma di Trento Fra gli interventi di

Dettagli

Essere liberale nell Italia di oggi

Essere liberale nell Italia di oggi Essere liberale nell Italia di oggi Sempre più spesso sentiamo parlare, anche impropriamente, di programmi e di idee di ispirazione liberale, un temine inflazionato ma che oggi è fondamentale recuperare

Dettagli

L E G I S L A T U R A. (Difesa) SEDUTA DI MERCOLEDÌ 28 MAGGIO 1997. Presidenza del presidente GUALTIERI INDICE

L E G I S L A T U R A. (Difesa) SEDUTA DI MERCOLEDÌ 28 MAGGIO 1997. Presidenza del presidente GUALTIERI INDICE S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A 4 a COMMISSIONE PERMANENTE (Difesa) 17 o R e s o c o n t o s t e n o g r a f i c o SEDUTA DI MERCOLEDÌ 28 MAGGIO 1997 Presidenza del

Dettagli

STATUTO UILDM GENOVA ONLUS Associazione di Volontariato L. 266/1991

STATUTO UILDM GENOVA ONLUS Associazione di Volontariato L. 266/1991 STATUTO UILDM GENOVA ONLUS Associazione di Volontariato L. 266/1991 ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE. L organizzazione di volontariato, denominata: Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare Genova -

Dettagli

Trento, 9 novembre 2006. DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327. BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor

Trento, 9 novembre 2006. DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327. BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor Trento, 9 novembre 2006 DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327 BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor Presidente. Io sono stato più parco nei consumi di tempo e quindi mi ritrovo

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE B ECONOMIA SIC. E SINDACALE Cooperativa Cesame. Berretta (Pd): Rinascita Cesame motivo di soddisfazione per tutta la città. Sapere che il marchio Cesame tornerà sul mercato e pensare che questa battaglia

Dettagli

Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane. di Nicola C. Salerno 1

Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane. di Nicola C. Salerno 1 Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane di Nicola C. Salerno 1 1 3. Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane Le sfide attese dall invecchiamento

Dettagli

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag.

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1 Il Gruppo e le sue attività pag. 2 L organizzazione del network pag. 5 Le partnership commerciali pag.

Dettagli

LA PROPOSTA: IPOTESI DI LAVORO PENSIONI E REATI

LA PROPOSTA: IPOTESI DI LAVORO PENSIONI E REATI LA PROPOSTA: IPOTESI DI LAVORO PENSIONI E REATI Il saccheggio dei fondi pensioni, iniziato nel lontano 1992 ad opera di Amato e soci, ha visto, nel tempo, consolidarsi una serie di reati perpetrati dalla

Dettagli

LA VARIABILE CHE NON TI ASPETTI: LA DINAMICA DEI FLUSSI

LA VARIABILE CHE NON TI ASPETTI: LA DINAMICA DEI FLUSSI LA VARIABILE CHE NON TI ASPETTI: LA DINAMICA DEI FLUSSI In questa seconda parte affronteremo il vero problema che attanaglia tutti quei professionisti che fanno della raccolta e della relazione il loro

Dettagli

Una CARTA per una strategia per Trieste

Una CARTA per una strategia per Trieste Una CARTA per una strategia per Trieste Anzitutto un ringraziamento all Ing. Gregori ed al Tavolo delle Professioni di Trieste per l invito a partecipare a questo convegno. L oggetto del convegno è certamente

Dettagli

Una delle domande ricorrenti di chi vuole acquistare casa è se conviene comprare oggi oppure aspettare ancora.

Una delle domande ricorrenti di chi vuole acquistare casa è se conviene comprare oggi oppure aspettare ancora. ACQUISTARE CASA OGGI Un rischio o l'occasione di una vita? Una delle domande ricorrenti di chi vuole acquistare casa è se conviene comprare oggi oppure aspettare ancora. In caso di acquisto oggi il mercato

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

I. Gestione della contabilità nello studio

I. Gestione della contabilità nello studio I. Gestione della contabilità nello studio Premessa - La contabilità - Registrazione e piano dei conti - I regimi contabili. PREMESSA Lo scopo principale della contabilità all interno di uno studio medico

Dettagli

Infrastrutture portuali. Infrastrutture di collegamento e trasporti del porto con il retroterra. Le infrastrutture a condotta.

Infrastrutture portuali. Infrastrutture di collegamento e trasporti del porto con il retroterra. Le infrastrutture a condotta. Il porto è il futuro di Trieste Il ritorno della cultura marinara per i traffici di Nordest ed Europa centrale. Intervento introduttivo di Mario Goliani Innanzitutto rivolgo un ringraziamento agli Ordini

Dettagli

Elementi di Corporate Governance

Elementi di Corporate Governance Elementi di Corporate Governance Direzione d impresa Ing. Marco Greco 9 ottobre 2009 Definizione Il sistema di strutture, processi e meccanismi che regolano il governo dell impresa, ossia la direzione

Dettagli

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ PENSIONI LE NOVITA Non è una novità, ma l obiettivo del governo è incassare più soldi con tutti i mezzi possibili.

Dettagli

AVVOCATI COMUNITARI IN ITALIA, IL GIUDIZIO DELLA CORTE EUROPEA

AVVOCATI COMUNITARI IN ITALIA, IL GIUDIZIO DELLA CORTE EUROPEA (esercitazioni della giovane avvocatura) AVVOCATI COMUNITARI IN ITALIA, IL GIUDIZIO DELLA CORTE EUROPEA La Corte di Giustizia europea ha recentemente affrontato il tema che riguarda la possibilità della

Dettagli

Il coraggio di testimoniare la necessità di una risposta

Il coraggio di testimoniare la necessità di una risposta CONVEGNO / DIBATTITO ORGANIZZATO DALLA FONDAZIONE WANDA VECCHI Il coraggio di testimoniare la necessità di una risposta Latina, 14 maggio 2012 Ringrazio per l invito e saluto tutti a nome di Padre Massimo

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BERTUZZI, FIORONI, VITALI e GHEDINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 MAGGIO 2008 Misure per favorire

Dettagli

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE www.covip.it Guida introduttiva alla previdenza complementare Perché questa Guida... 3 Perché la previdenza

Dettagli

DIMEZZAMENTO IRES. Nota esplicativa. Il dettaglio della nostra proposta

DIMEZZAMENTO IRES. Nota esplicativa. Il dettaglio della nostra proposta Un Italia che intenda uscire dal tunnel della crisi e porre fine all emergenza occupazionale ha bisogno di una cura shock che riduca drasticamente il peso del fisco, divenuto ormai insostenibile per imprese

Dettagli

MEMORIALE. Le stime più aggiornate parlano di 250.000 operatori, e quindi famiglie, in attività, organizzati al 90% in forma di impresa individuale.

MEMORIALE. Le stime più aggiornate parlano di 250.000 operatori, e quindi famiglie, in attività, organizzati al 90% in forma di impresa individuale. MEMORIALE Prima di affrontare nel merito le tematiche del nostro memoriale, ritengo utile sottoporre un breve preambolo, atto a fornire un quadro aggiornato della nostra categoria e del sindacato di cui

Dettagli

IL NUOVO ARTICOLO 18 VA RESPINTO!

IL NUOVO ARTICOLO 18 VA RESPINTO! IL NUOVO ARTICOLO 18 VA RESPINTO! ECCO IN SINTESI COSA CAMBIA E QUALI SONO I GRAVI RISCHI OCCUPAZIONALI CHE SI PROSPETTANO SE PASSASSE LA NUOVA LEGGE Organi di stampa, finanziati dai poteri forti, ci raccontano

Dettagli

La previdenza per le donne. Donne in pensione Donne pensionande Donne giovani. Problemi comuni. Cristina Bolzani dipartimento previdenza SPI-CGIL

La previdenza per le donne. Donne in pensione Donne pensionande Donne giovani. Problemi comuni. Cristina Bolzani dipartimento previdenza SPI-CGIL La previdenza per le donne Donne in pensione Donne pensionande Donne giovani Problemi comuni Cristina Bolzani dipartimento previdenza SPI-CGIL 1 Un po di numeri PER RIFLETTEERE 2 Le donne in pensione 3

Dettagli

POST MANAGER di Lorenzo Castelli, Bernardo Pandimiglio, Savino Paolella, Laura Tramezzani

POST MANAGER di Lorenzo Castelli, Bernardo Pandimiglio, Savino Paolella, Laura Tramezzani Indice Prefazione, di Michelangelo Patron e Gian Piero Scilio Premessa A chi è rivolto questo libro Chi ha scritto questo libro e perché 1. Appena uscito dall azienda: cosa fare 1.1. Elabora il lutto 1.2.

Dettagli

IL FUTURO DEGLI ENTI PREVIDENZIALI. Il tema dell accorpamento degli enti previdenziali è stato inserito all ottavo posto tra i dodici punti

IL FUTURO DEGLI ENTI PREVIDENZIALI. Il tema dell accorpamento degli enti previdenziali è stato inserito all ottavo posto tra i dodici punti IL FUTURO DEGLI ENTI PREVIDENZIALI Il tema dell accorpamento degli enti previdenziali è stato inserito all ottavo posto tra i dodici punti prioritari indicati dal Governo per rilanciare l azione programmatica.

Dettagli

L esordio del terrorismo politico in Friuli: 1) L attentato alla linea elettrica della ferrovia a Valbruna del 27 maggio 1961

L esordio del terrorismo politico in Friuli: 1) L attentato alla linea elettrica della ferrovia a Valbruna del 27 maggio 1961 di Enrico Petris L esordio del terrorismo politico in Friuli: 1) L attentato alla linea elettrica della ferrovia a Valbruna del 27 maggio 1961 Il più antico fenomeno di terrorismo politico sorto in Italia

Dettagli

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 PIANIFICAZIONE INVERNALE PER LA GESTIONE DELLA VIABILITA E REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI PESANTI IN AUTOSTRADA IN CASO DI PRECIPITAZIONI NEVOSE

Dettagli

COSA CAMBIA PER I NEO-COMUNITARI?!

COSA CAMBIA PER I NEO-COMUNITARI?! COSA CAMBIA PER I NEO-COMUNITARI?! RUMENI E BULGARI Dal 1 gennaio del 2007, secondo le direttive europee, i cittadini bulgari e rumeni sono diventati a tutti gli effetti cittadini comunitari.la legge Bossi-Fini

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

Grazie presidente Cerchiai. Presidente Giannini, assicuratori, signore e signori,

Grazie presidente Cerchiai. Presidente Giannini, assicuratori, signore e signori, ASSEMBLEA ANNUALE DI ANIA (Roma, 2 luglio 2009) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA Grazie presidente Cerchiai. Presidente Giannini, assicuratori, signore e signori, l

Dettagli

ASSOFONDIPENSIONE CONSIDERAZIONI IN MERITO AI SEGUENTI ARTICOLI DELLA LEGGE DI STABILITA 2015

ASSOFONDIPENSIONE CONSIDERAZIONI IN MERITO AI SEGUENTI ARTICOLI DELLA LEGGE DI STABILITA 2015 ASSOFONDIPENSIONE CONSIDERAZIONI IN MERITO AI SEGUENTI ARTICOLI DELLA LEGGE DI STABILITA 2015 Art. 6 - T.F.R. in busta paga. Prevede, per i periodi di paga tra il 1 marzo 2015 e il 30 giugno 2018, che

Dettagli

Rapporto esplicativo sulla revisione parziale dell ordinanza concernente l Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni

Rapporto esplicativo sulla revisione parziale dell ordinanza concernente l Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni Rapporto esplicativo sulla revisione parziale dell ordinanza concernente l Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni 11 settembre 2013 - 2 - Inhalt 1 Contesto 2 Valutare le esigenze in

Dettagli