NUCLEO DI VALUTAZIONE INDAGINE SUI LAUREATI IN ARCHITETTURA, DISEGNO INDUSTRIALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE NELL ANNO 2000

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUCLEO DI VALUTAZIONE INDAGINE SUI LAUREATI IN ARCHITETTURA, DISEGNO INDUSTRIALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE NELL ANNO 2000"

Transcript

1 P O L I T E C N I C O D I M I L A N O NUCLEO DI VALUTAZIONE INDAGINE SUI LAUREATI IN ARCHITETTURA, DISEGNO INDUSTRIALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE NELL ANNO 2000 Febbraio 2007

2 2

3 INDICE 1. INTRODUZIONE NOTE METODOLOGICHE I LAUREATI IN ARCHITETTURA Le caratteristiche socio-anagrafiche e il percorso formativo La situazione attuale I laureati non occupati I laureati occupati Approfondimenti tematici sugli occupati L occupazione coerente La soddisfazione per il lavoro svolto L iscrizione all Ordine professionale: focus sui non iscritti Le opinioni sul proprio percorso universitario e sul mercato del lavoro La percezione dell utilità dell università L occupazione ideale I LAUREATI IN DISEGNO INDUSTRIALE Le caratteristiche socio-anagrafiche e il percorso formativo La situazione attuale I laureati non occupati I laureati occupati Approfondimenti tematici sugli occupati L occupazione coerente La soddisfazione per il lavoro svolto Le opinioni sul proprio percorso universitario e sul mercato del lavoro La percezione dell utilità dell università L occupazione ideale I LAUREATI IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Le caratteristiche socio-anagrafiche e il percorso formativo

4 5.2 La situazione attuale I laureati occupati Approfondimenti tematici sugli occupati L occupazione coerente La soddisfazione per il lavoro svolto Le opinioni sul proprio percorso universitario e sul mercato del lavoro La percezione dell utilità dell università L occupazione ideale IN SINTESI

5 1. INTRODUZIONE L indagine sui giovani usciti dai Corsi di Laurea in Architettura, Pianificazione Territoriale e in Disegno industriale del Politecnico di Milano nell anno 2000 non rappresenta soltanto un indagine sugli sbocchi occupazionali dei laureati, ma si pone alcuni specifici obiettivi di conoscenza che, a partire dall analisi del destino occupazionale, sono finalizzati a meglio comprendere: a. i processi di transizione dall università al mondo del lavoro (con particolare attenzione all esistenza o meno di processi riconducibili alla cosiddetta carriera esterna ); b. l influenza di alcune variabili nel determinare le caratteristiche e la tipologia di sbocco lavorativo (in particolare, il genere, le esperienze lavorative pregresse, lo status sociale e familiare); c. le caratteristiche dell attuale occupazione (in particolare, stabilità della posizione lavorativa, tipologia contrattuale, settore di attività, comune in cui è ubicato il luogo di lavoro, retribuzioni, qualità e stili di lavoro dell occupazione reperita); d. l utilizzo delle competenze acquisite nel corso degli studi universitari. In particolare, si vuole indagare quali sono (al di là della classificazione in termini di figura/profilo professionale proposta all intervistato per rappresentare la sua attuale occupazione) le aree di competenze che effettivamente vengono utilizzate e in che misura tali aree di competenze richiedono, per loro natura, l iscrizione all Ordine professionale. Al fine di esporre i principali risultati di indagine, il presente rapporto di ricerca è dunque articolato in tre capitoli distinti relativi ai tre diversi Corsi di Laurea, per ciascuno dei quali sono affrontate tematiche specifiche relative a: 1. Le caratteristiche socio-anagrafiche e l iter formativo dei laureati; 2. La situazione occupazionale attuale, con analisi di dettaglio rispetto ai laureati non occupati e al gruppo (numericamente più consistente) degli occupati; 3. Specifici approfondimenti tematici relativi ai laureati occupati al momento della rilevazione, finalizzati ad indagare aspetti di natura percettiva (la soddisfazione verso il lavoro svolto) e a comprendere le caratteristiche specifiche dell occupazione coerente per i tre Corsi di Laurea, nonché l influenza di alcune variabili chiave su tale dimensione; 5

6 4. Le opinioni dei laureati rispetto al Corso di Laurea frequentato e all occupazione ideale. In un capitolo conclusivo saranno, infine, esposti in chiave comparativa alcuni dei risultati d indagine più interessanti, allo scopo di mettere in evidenza le specificità di ciascun profilo professionale. 6

7 2. NOTE METODOLOGICHE La rilevazione ha coinvolto l intero universo dei giovani usciti dai Corsi di Laurea in Architettura, Pianificazione Territoriale e in Disegno Industriale del Politecnico di Milano nell anno Si tratta, dunque, di una indagine di natura censuaria, condotta a distanza di circa sei anni dall acquisizione della laurea (vecchio ordinamento). Sebbene l esperienza empirica su questi temi abbia identificato in tre/quattro anni il percorso di stabilizzazione dei diplomati e dei laureati, 2 si è scelto, per questa indagine, un arco temporale di sei anni. Tale decisione è conseguente agli obiettivi specifici di conoscenza che si intendono raggiungere, che non riguardano soltanto il destino occupazionale dei laureati, quanto piuttosto il tipo di lavoro che viene effettivamente svolto in termini di figura professionale, posizione lavorativa, stile di lavoro e aree di competenze utilizzate. La rilevazione è stata realizzata nei mesi di novembre e dicembre 2006 mediante la metodologia CATI (Computer Assisted Telephone Interview) 3 a partire da un database di nominativi di laureati da intervistare forniti dal Politecnico di Milano, seguendo i principi di tutela della privacy, nonché adeguati protocolli di comunicazione concordati con lo stesso Committente. Al termine della rilevazione è stato raggiunto un grado di copertura piuttosto elevato, soprattutto se si tiene conto dell intervallo temporale, particolarmente lungo, intercorso tra la fine del percorso di studi oggetto di indagine e il momento dell intervista. 4 Il livello di copertura è pari al 70% per i laureati in Architettura, al 71,7% per i giovani usciti dal Corso di Laurea in Pianificazione Territoriale e al 1 E stato preso in esame l anno solare anziché tutte le sessioni dell anno accademico, in quanto più rilevante ai fini di un inserimento nel mercato del lavoro. 2 La letteratura e l esperienza empirica sul tema definiscono come tempo medio di attesa adeguato per verificare l entrata nel mondo del lavoro un anno di intervallo tra l ottenimento del titolo di studio e la rilevazione di efficacia. Tale arco temporale non consente, tuttavia, di approfondire la questione della carriera esterna, ovvero di quel periodo di tempo che permette alla persona, nei casi favorevoli, di fare una serie di esperienze e di stabilizzare la propria condizione professionale. Diverse esperienze, sia in campo nazionale che regionale, definiscono in almeno tre/quattro anni dall ottenimento del titolo di studio tale intervallo. 3 Le interviste sono state realizzate dalla società Delos ricerche di Bologna, specializzata in rilevazioni telefoniche sugli sbocchi occupazionali di diplomati e laureati. 4 Al crescere di tale intervallo temporale aumenta la quota di soggetti divenuti irreperibili a causa di cambiamenti di residenza, nuovi recapiti telefonici, ecc. Si tratta di un fenomeno particolarmente evidente, anche in ragione dello specifico target di indagine, focalizzato su persone giovani destinate, con buona probabilità, a creare nuove unioni familiari o a rendersi, comunque, autonome una volta terminati gli studi e trovata un occupazione. 7

8 71,3% per coloro che hanno frequentato Disegno Industriale. 5 Si tratta di percentuali alte, che garantiscono la rappresentatività dei risultati, soprattutto se si tiene conto del fatto che tale copertura si distribuisce in maniera equilibrata fra i tre sottogruppi di laureati. Tabella 2.1 Copertura dell indagine per Corso di Laurea (Valori assoluti e %. N=2.144) Interviste Corso di Laurea completate Rifiuti Irreperibili V.A. % V.A. % V.A. % V.A. % Architettura ,0 93 5, , ,0 Disegno industriale ,3 6 2, , ,0 Pianificazione territoriale 43 71,7 2 3, , , , , , ,0 Al fine di valutare gli sbocchi occupazionali dei laureati in questione, focalizzando l attenzione sulla percezione di continuità e coerenza tra percorsi formativi intrapresi e tipo di lavoro reperito, sulle caratteristiche peculiari dell occupazione, sulla soddisfazione relativa alle mansioni svolte e al compenso percepito, nonché sulle aree di competenze utilizzate nello svolgimento del proprio lavoro, è stato utilizzato un questionario strutturato, articolato nelle sezioni sotto elencate: - dati identificativi del questionario; - informazioni di base sull intervistato (titolo di studio attuale, percorso lavorativo, collocazione attuale rispetto al mercato del lavoro); - sezioni specifiche a seconda della condizione occupazionale al momento dell intervista per: o Laureati occupati; o Laureati in cerca di lavoro; o Laureati ancora studenti. - opinioni sulla collocazione nel mercato del lavoro (per occupati, in cerca di lavoro, studenti). - informazioni socio-anagrafiche sulla famiglia di origine dell intervistato. La sezione specificamente dedicata ai laureati attualmente occupati approfondisce, in particolare, il tipo di lavoro, le mansioni prevalenti, le competenze e le famiglie di insegnamento utilizzate, le modalità di ricerca dell occupazione e il percorso 5 Se si prende in esame l universo totale dei laureati nell anno 2000 al Politecnico nei tre Corsi di Laurea considerati il grado di copertura complessivo è pari al 70,2%. 8

9 professionale, la coerenza dell impiego con gli studi svolti e il livello di soddisfazione per le diverse dimensioni costitutive del lavoro. Per semplificare la lettura dei risultati d indagine, il rapporto di ricerca è articolato in sezioni diverse per i laureati di ciascuno dei tre Corsi di Laurea, con elaborazioni autonome per ciascun sottogruppo. Allo scopo di individuare le caratteristiche peculiari e le specificità dei differenti profili professionali in un ottica comparativa si è cercato, comunque, di effettuare analisi ed elaborazioni comuni per i 3 Corsi di Laurea, facendo sempre riferimento a variabili chiave quali il genere, 6 la durata del percorso di studi universitario, eventuali esperienze di lavoro pregresse, la relazione con il territorio, l ambito di lavoro (pubblico vs privato, autonomo o di gruppo, ecc.), l eventuale iscrizione all Ordine e/o il conseguimento dell abilitazione all esercizio dell attività professionale, ecc. Per una maggiore possibilità di comparazione con altre indagini condotte sui laureati, inoltre, si è sempre fatto riferimento alle classificazioni Istat o a definizioni e classificazioni relative al lavoro e ai percorsi di studio largamente condivise. Infine, per una maggiore semplicità di lettura i principali risultati d indagine sono presentati attraverso grafici e tabelle, in cui sono sempre segnalati i totali (in valore assoluto) rispetto ai quali è stato effettuato il calcolo delle percentuali, 7 nell ottica della massima trasparenza possibile. 6 La scelta di analizzare tutti i principali risultati d indagine in un ottica di genere risponde a quanto previsto in sede europea, stante il fatto che l Unione Europea ha posto il tema del mainstreaming di genere come fondante ogni analisi che viene fatta sui destinatari delle politiche. Nel caso specifico, inoltre, appare di particolare interesse evidenziare se esistono eventuali differenze di genere anche in contesti evoluti sul piano socio-culturale e del mercato del lavoro quali quelli oggetto della presente indagine. 7 Per alcune delle tabelle presentate il totale non è pari ai laureati in Architettura, ai 184 laureati in Disegno Industriale o ai 43 in Pianificazione Territoriale, in ragione dei filtri utilizzati nel questionario, tali che i rispondenti dovessero essere, ad esempio, talvolta solo gli occupati (sezione 2 del questionario), talaltra solo le persone in cerca di lavoro (sezione 3), ecc. Per tale motivo si è utilizzata l accortezza di segnalare sempre il totale N. Per quanto concerne i valori percentuali all interno delle tabelle, in rari casi il totale (di riga o di colonna) potrebbe non essere pari precisamente al 100,0% (ma piuttosto al 99,9% o al 100,1%) a causa dell approssimazione dei valori percentuali alla prima cifra decimale. 9

10 3. I LAUREATI IN ARCHITETTURA 3.1 Le caratteristiche socio-anagrafiche e il percorso formativo I laureati in Architettura coinvolti nell indagine sono complessivamente 1.279, con una leggera prevalenza della componente femminile rispetto a quella maschile (51,5% vs 48,5%). Si tratta per la quasi totalità (99,5%) di cittadini italiani, in maggioranza provenienti da istituti tecnici (30,7%), licei scientifici (30,4%) o che hanno conseguito la maturità artistica (21,3%), a fronte di quote più ridotte di ex studenti del liceo classico (7%), dell istituto magistrale (2,8%), di istituti professionali (2,5%) o di altri tipi di scuola. L età al momento della laurea è sovente piuttosto elevata (cfr. Tabella 3.2), principalmente in ragione di una durata degli studi in media ben superiore al numero di anni di corso standard. 8 Soltanto il 2,8% degli studenti esce, infatti, dall università dopo i 5 anni previsti dal piano di studi, a fronte del 13,2% che impiega un anno in più, del 19% che resta all università per 7 anni e di un altro 23,4% che lo fa per 8 anni; per il 14,5% dei laureati la permanenza all università si è prolungata per 9 anni, mentre per il 27,1% il traguardo della laurea è stato raggiunto solo dopo 10 anni o più di studio. Tabella 3.1 Durata degli studi (Valori %. N=1.279) Durata studi M F 5 anni 1,9% 3,6% 2,8% 6 anni 10,8% 15,5% 13,2% 7 anni 19,8% 18,2% 19,0% 8 anni 22,7% 24,0% 23,4% 9 anni 14,5% 14,6% 14,5% 10 anni o più 30,2% 24,1% 27,1% 100,0% 100,0% 100,0% N Per l 8,1% dei laureati coinvolti nell indagine l ingresso al Politecnico non coincide, inoltre, con l anno di prima immatricolazione nel sistema universitario italiano. 10

11 Tabella 3.2 Età al momento della laurea (Valori %. N=1.279) Età M F fino a 25 anni 6,6% 16,8% 11,9% anni 31,9% 35,7% 33,9% anni 28,9% 28,4% 28,6% anni 27,3% 16,8% 21,9% 35 e più 5,3% 2,3% 3,8% 100,0% 100,0% 100,0% N L 80,7% dei giovani usciti dal Corso di Laurea in Architettura ha frequentato la sede di Milano Leonardo, a fronte del 19,3% che ha svolto gli studi presso la sede distaccata di Milano Bovisa. Per quanto concerne il voto di laurea, il 38,9% ha conseguito la laurea con una votazione inferiore o al massimo pari a 90/100, il 32% ha ottenuto un punteggio compreso fra 91 e 95 e il 29,2% ha raggiunto performance superiori. Accanto a tendenze ormai piuttosto consolidate come il fatto che la componente femminile raggiunge mediamente votazioni più elevate 9, è anche il caso di sottolineare l esistenza di una certa correlazione fra voto di laurea e durata degli studi. Le votazioni migliori si registrano, infatti, fra chi si laurea in corso mentre, in maniera speculare, la quota più consistente di votazioni fino a 90 centesimi si riscontra tra chi impiega un tempo particolarmente lungo per concludere il proprio percorso universitario. Tabella 3.3 Voto di laurea per durata degli studi universitari (Valori %. N=1.279) Tempo impiegato per conseguire la laurea Voto di laurea Laureati in Fino a 7 anni 8 anni e oltre corso Fino a 90 5,6% 26,0% 46,7% 38,9% Da 91 a 95 22,2% 35,2% 30,8% 32,0% Da 96 a ,2% 38,8% 22,5% 29,2% 100,0% 100,0% 100,0% 100,0% N Durante il Corso di Laurea i due terzi circa dei futuri architetti hanno svolto attività lavorative: il 22% lo ha fatto in maniera continuativa, mentre per il 44,3% si è trattato di impieghi occasionali o stagionali. La propensione a lavorare durante gli 9 Nel dettaglio: esce da Architettura con un voto al massimo pari a 90/100 il 31,1% delle donne, a fronte del 47,1% dei maschi, raggiunge una votazione compresa tra 91 e 95 il 33,7% (vs 30,2% dei colleghi maschi), mentre ad ottenere una votazione elevata (da 96 a 100 centesimi) è il 35,2% delle laureate donne contro il 22,7% dei laureati dell altro sesso. 11

12 studi sembrerebbe, peraltro, maggiore tra gli studenti maschi, come messo in luce dalla tabella seguente. Tabella 3.4 Svolgimento di attività lavorative durante il Corso di Laurea per sesso (Valori %. N=1.279) Durante il corso ha lavorato? M F Non ho mai lavorato 30,5% 36,7% 33,7% Lavori occasionali o stagionali 43,2% 45,2% 44,3% Lavori continuativi 26,3% 18,1% 22,0% 100,0% 100,0% 100,0% N La percentuale di studenti puri, che non hanno mai lavorato, diminuisce, come facilmente prevedibile, al crescere del tempo impiegato per conseguire la laurea, con un aumento per chi permane più a lungo all università non solo delle occupazioni di natura più occasionale, ma anche degli impieghi caratterizzati da una certa regolarità. Tabella 3.5 Svolgimento di attività lavorative durante il Corso di Laurea per durata degli studi (Valori %. N=1.279) Tempo impiegato per conseguire la laurea non ho mai lavorato Durante il corso ha lavorato? lavori occasionali o stagionali lavori continuativi Laureati in corso 52,8% 38,9% 8,3% 100,0% 36 Fino a 7 anni 44,9% 42,0% 13,1% 100,0% anni e oltre 27,3% 45,6% 27,1% 100,0% ,7% 44,3% 22,0% 100,0% 1279 N E anche il caso di notare, come tra gli studenti che hanno svolto attività lavorative mentre frequentavano l università, una larga maggioranza sia stata occupata in impieghi del tutto (49,6%) o in parte (21,6%) coerenti con il Corso di Laurea frequentato, con un livello di congruenza rispetto agli studi spesso più elevato per la componente maschile. Tabella 3.6 Coerenza delle attività lavorative svolte durante gli studi con il Corso di Laurea frequentato per sesso (Valori %. N=848) Lavoro (durante il corso) coerente con il corso? M F Si 54,3% 44,8% 49,6% Si in parte 20,0% 23,3% 21,6% No 25,8% 31,9% 28,8% 100,0% 100,0% 100,0% N

13 Per circa un terzo degli studenti di Architettura la formazione non termina una volta conseguita la laurea: dopo aver raggiunto questo traguardo, il 33,8% ha frequentato, infatti, altre attività formative, 10 che nella maggioranza assoluta dei casi risultano orientate ad approfondire conoscenze e competenze già apprese durante gli studi universitari. 11 Soltanto il 6% dei laureati in Architettura intraprende, infatti, percorsi di studio o formazione post laurea del tutto incoerenti rispetto al Corso di Laurea seguito, a fronte di un 78,5% che continua con attività formative del tutto coerenti e di un 15,5% che ravvisa negli studi successivi alla laurea una congruenza parziale rispetto ai contenuti appresi fino a quel momento. Tabella 3.7 Coerenza delle attività formative post laurea con il Corso di Laurea frequentato per sesso (Valori %. N=432) Attività di studio/formazione coerente con la laurea? M F Sì 79,4% 77,7% 78,5% Sì, in parte 12,6% 18,0% 15,5% No 8,0% 4,3% 6,0% 100,0% 100,0% 100,0% N La motivazione principale che spinge i (pochi) laureati in Architettura a continuare il proprio iter formativo è il desiderio di accrescere la propria professionalità (68,1%), seguito, a distanza, dalla volontà di aumentare le possibilità di trovare un lavoro (16,2%), mentre quote inferiori di giovani proseguono il proprio percorso di apprendimento nell ottica della massimizzazione delle probabilità di fare carriera (6,5%), per interesse personale (4,2%), per insoddisfazione nei confronti degli sbocchi professionali offerti dalla laurea in Architettura (2,8%) o per cambiare lavoro o mansioni (2,3%), senza significative differenze di genere. 10 In un ottica di genere, a scegliere di frequentare altre attività formative dopo il conseguimento della laurea è stato il 35,4% delle laureate donne, a fronte del 32,1% dei laureati maschi. 11 Si tratta comunque, in generale, di una partecipazione ad attività formative post laurea piuttosto limitata, soprattutto se confrontata con quella che emerge da altre indagini sui laureati: dall ultima indagine condotta dal Consorzio AlmaLaurea sui laureati pre-riforma della facoltà di Architettura emerge, infatti, che a distanza di 5 anni dalla laurea il 75,8% dei laureati del 2000 ha partecipato ad almeno una attività di formazione. Similmente, dall indagine Istat 2004 condotta sui laureati del 2001 emerge che nei tre anni successivi alla laurea il 79% dei laureati ha iniziato almeno un attività di formazione. Per maggior approfondimenti si rimanda a Istat, I laureati e lo studio Inserimento professionale dei laureati. Indagine 2004, Statistiche in breve, 28 aprile 2006 e a AlmaLaurea, Condizione occupazionale dei laureati pre e post riforma. VIII Indagine 2005, marzo

14 Tabella 3.8 Motivo principale per cui si è deciso di proseguire il proprio percorso formativo dopo la laurea per sesso (Valori %. N=432) Perché ha proseguito percorso formativo M F Era insoddisfatto degli sbocchi professionali offerti dalla laurea 2,0% 3,4% 2,8% Per avere più possibilità di fare carriera 6,5% 6,4% 6,5% Per accrescere la sua professionalità 68,3% 67,8% 68,1% Per cambiare lavoro o mansioni 2,0% 2,6% 2,3% Per avere più possibilità di trovare un lavoro 17,1% 15,5% 16,2% Per interesse personale 4,0% 4,3% 4,2% 100,0% 100,0% 100,0% N Per quanto concerne le scelte formative effettuate, il 29,2% dei laureati si è orientato verso una specializzazione post laurea o un master 12, il 6,7% ha scelto un dottorato di ricerca 13 e il 3% si è iscritto ad un altro Corso di Laurea (Ingegneria, Tecniche per l architettura del paesaggio, Economia, ma anche facoltà di stampo umanistico quali Lettere e lingue). Ancora più consistente la percentuale di giovani che hanno deciso di approfondire i propri studi attraverso canali formativi diversi da quello universitario: il 63,2% del totale dei frequentanti attività di formazione successive alla laurea, in molti casi con la frequenza di più di una attività. Nella maggioranza dei casi si è trattato di percorsi relativi alla sicurezza (in particolare sulla sicurezza nei cantieri ai sensi del D.Lgs. n. 494/96, finalizzati alla formazione della figura del coordinatore per la sicurezza), ma sono molto numerosi anche i percorsi di acquisizione di competenze e/o aggiornamento rispetto all utilizzo di nuove tecnologie (corsi di informatica, in particolare per Autocad e 3d Studio Max), seguiti da percorsi di approfondimento e aggiornamento in termini di contenuti tematici (bioarchitettura, restauro, progettazione d interni e arredamento, progettazione giardini, grafica). Fra le laureate in Architettura si riscontra, in generale, una propensione a proseguire il proprio iter di formazione e perfezionamento all interno dell Università maggiore rispetto a quella dei colleghi uomini, più attratti da altri canali formativi. 12 Tra i percorsi scelti più di frequente figurano master e specializzazioni in materie afferenti il design, in Architettura del paesaggio e progettazione del verde, nel restauro e in altri ambiti dell Architettura (bioarchitettuta, progettazione dei sistemi urbani, riqualificazione di strutture ospedaliere, ecc.). Altri percorsi scelti riguardano poi i temi della sicurezza, ma anche il marketing, l abilitazione per l insegnamento, la conoscenza di software ad hoc e la comunicazione. 13 I dottorati scelti vertono principalmente su: Architettura, Urbanistica, Conservazione dei luoghi dell'abitare e del paesaggio; Progettazione Architettonica e Urbana; Architettura degli Interni e Allestimento; Composizione Architettonica; Tecnologia e Progetto per la Qualità Ambientale a Scala Edilizia e Urbana; Disegno Industriale e Comunicazione Multimediale; Pianificazione Urbana Territoriale e Ambientale; Programmazione, Manutenzione, Riqualificazione dei Sistemi Edilizi ed Urbani. 14

15 Tabella 3.9 Tipologia di attività formative post laurea frequentate per sesso (Valori %. N=432)* Attività formative M F Dottorato di ricerca 5,5% 7,7% 6,7% Specializzazione post laurea o master 23,6% 33,9% 29,2% Altro Corso di Laurea 3,5% 2,6% 3,0% Altra formazione 68,8% 58,4% 63,2% * In tabella sono presentati soltanto i Sì per ciascuna possibile attività di formazione post laurea. Il 72,9% dei giovani usciti dal Corso di Laurea in Architettura ha superato gli esami di stato per l abilitazione all esercizio dell attività professionale (cfr Tabella 3.10), in larga maggioranza nell anno seguente al conseguimento del titolo o al massimo nell arco dei due anni successivi. Tabella 3.10 Superamento dell esame di stato per sesso (Valori %. N=1.279) Ha superato esami di stato per abilitazione professionale M F Sì 75,5% 70,4% 72,9% No 24,5% 29,6% 27,1% 100,0% 100,0% 100,0% N Tabella 3.11 Anno di superamento dell esame di stato per sesso (Valori %. N=932) Quando ha superato esame di stato M F ,5% 69,4% 70,0% ,6% 15,9% 15,8% ,4% 7,1% 6,8% ,7% 3,0% 2,4% ,4% 1,1% 1,7% 2006,9% 1,5% 1,2% Non ricordo 2,6% 1,9% 2,3% 100,0% 100,0% 100,0% N Ad iscriversi all Ordine professionale è una quota leggermente inferiore degli architetti laureatisi nel 2000: il 65,5% del totale, con una tendenza più spiccata ad iscriversi tra i laureati maschi (cfr. Tabella seguente). Si iscrive, inoltre, all Ordine soprattutto chi proviene da un contesto familiare caratterizzato da genitori liberi professionisti 14 e chi si laurea nei tempi standard. Dichiara di essersi iscritto, infatti, il 91,7% dei laureati in corso, il 76,5% di chi si laurea entro i 7 anni e il 59% di chi impiega un tempo superiore. 14 Per chi ha il padre lavoratore autonomo la percentuale di iscritti all Ordine è pari al 74,5% dei casi, a fronte del 65,5% medio. 15

16 Tabella 3.12 Iscrizione all Ordine per sesso (Valori %. N=1.279) Si è iscritto all ordine professionale M F Sì 69,0% 62,2% 65,5% No 31,0% 37,8% 34,5% 100,0% 100,0% 100,0% N Come accade anche in relazione agli esami di stato per l abilitazione all esercizio dell attività professionale, l iscrizione avviene soprattutto nei due anni seguenti al conseguimento della laurea: quasi la metà (47,7%) si iscrive l anno successivo, il 27,2% dopo due anni, con percentuali via via decrescenti all aumentare della distanza rispetto alla data di laurea. Tabella 3.13 Anno di iscrizione all Ordine per sesso (Valori %. N=838) In quale anno si è iscritto all ordine professionale M F ,0% 45,4% 47,7% ,6% 27,8% 27,2% ,1% 11,2% 11,7% ,1% 7,1% 6,1% ,6% 3,2% 2,9% ,9% 3,2% 2,5% Non ricordo 1,6% 2,2% 1,9% 100,0% 100,0% 100,0% N La situazione attuale A distanza di circa 6 anni dal conseguimento della laurea, chi ha frequentato la facoltà di Architettura sembra beneficiare di una condizione di sostanziale piena occupazione. Il 93,2% dei laureati ha, infatti, un lavoro, a fronte di un 3,4% di soggetti in cerca di impiego, di un 3,3% in condizione volontaria di inattività 15 e di un residuale 0,3% (in tutto 4 persone) ancora impegnato in un percorso di studio o formazione. Ad esclusione di una quota estremamente limitata di persone (0,3%) che cercano impiego per la prima volta, chi è in cerca di occupazione ha già conosciuto un precedente inserimento nel mondo del lavoro. Si tratta, dunque, di 15 Di questi, la quasi totalità non studia, non lavora e non cerca lavoro per motivi personali (salute, matrimonio, assistenza a familiari, ecc. ), una persona è in attesa di concorso e una dichiara di non trovare lavori interessanti. 16

17 percentuali fisiologiche di mancata occupazione, legate a naturali passaggi da un percorso lavorativo all altro nell ottica della carriera esterna. 16 In una prospettiva di genere è, comunque, il caso di sottolineare come fra la componente femminile non sia maggiormente diffusa soltanto la condizione di inattività volontaria (6,2% vs 0,2%), ma anche la ricerca di nuovo impiego (3,8% vs 1,9%), con buona probabilità interpretabile nell ottica di maggiori difficoltà incontrate dalle laureate donne nella stabilizzazione dei propri percorsi di lavoro. 17 Tabella 3.14 Attuale condizione occupazionale per sesso (Valori %. N=1.279) Situazione occupazionale attuale M F Occupato 97,4% 89,2% 93,2% Disoccupato in cerca di nuova occupazione 1,9% 3,8% 2,9% In cerca di prima occupazione 0,2% 0,5% 0,3% Studente 0,3% 0,3% 0,3% Non studia e non cerca lavoro 0,2% 6,2% 3,3% 100,0% 100,0% 100,0% N In ragione di una così ridotta presenza di persone in condizione non lavorativa si è scelto di presentare nel paragrafo successivo, in forma aggregata, tutti i dati relativi ai soggetti in cerca di occupazione ed agli studenti al momento dell intervista, dedicando invece maggiori approfondimenti nei paragrafi successivi ai laureati oggi occupati, che costituiscono il principale focus di indagine I laureati non occupati La componente più numerosa fra i laureati in Architettura non occupati al momento dell intervista è rappresentata dai soggetti in cerca di occupazione. 16 La condizione occupazionale dei laureati in Architettura del Politecnico di Milano risulta abbastanza coerente con quella emerse da altre indagine condotte sui laureati a livello nazionale. I dati Istat relativi all inserimento professionale dei laureati in Architettura del 2001 a tre anni dal conseguimento del titolo di studio universitario mettono in luce una percentuale di occupati pari all 85,3% del totale, a fronte di un 9,5% in cerca di lavoro e un 5,1% che non lavora e non cerca lavoro (inclusi studenti). L ultima indagine condotta dal Consorzio Universitario Almalaurea indica, invece, una condizione occupazionale a cinque anni per i laureati del 2000 del gruppo Architettura (secondo la classificazione Istat, Corso di Laurea in Architettura e altri Corsi di Laurea quali Pianificazione, Disegno Industriale, ecc.) contraddistinta dal 94,2% di occupati (a fronte dell 86,3% per il totale dei laureati nel loro complesso). Per maggior approfondimenti si rimanda a Istat, I laureati e il mercato del lavoro Inserimento professionale dei laureati. Indagine 2004, Collana Informazioni, n e a AlmaLaurea, Condizione occupazionale dei laureati pre e post riforma. VIII Indagine 2005, marzo Analoghe differenze di genere si riscontrano nella già citata indagine Almalaurea: a cinque anni dalla laurea, nel gruppo Architettura lavora il 97,4% degli uomini contro il 91% delle donne, similmente a quanto avviene per i laureati nel loro complesso (ove gli occupati sono il 90,7% nella componente maschile e l 82,8% in quella femminile). 17

18 La durata della ricerca di lavoro non risulta, in media, eccessivamente prolungata, a mettere in luce, ancora una volta, un mercato del lavoro che non sembra presentare ostacoli eccessivi all inserimento dei laureati in Architettura. Oltre la metà dei giovani usciti da questo Corso di Laurea non supera, infatti, i sei mesi di ricerca di impiego: il 29,3% non cerca da più di 3 mesi e il 24,4% è impegnato in questa attività per un intervallo di tempo che va da 4 a 6 mesi. A questi si aggiunge un 12,2% di laureati per i quali la durata della ricerca è compresa fra i 7 ed i 12 mesi, ed un altro 12,2% per cui l arco temporale va da 1 a 2 anni, a fronte di una quota di persone interessate da una vera e propria disoccupazione di lunga durata oltre 24 mesi - pari al 22%. Tabella 3.15 Mesi di ricerca di lavoro per sesso (Valori %. N=41) Mesi di ricerca di lavoro M F Fino a 3 15,4% 35,7% 29,3% Da 4 a 6 23,1% 25,0% 24,4% Da 7 a 12 15,4% 10,7% 12,2% Da 13 a 24 7,7% 14,3% 12,2% Oltre 24 38,5% 14,3% 22,0% 100,0% 100,0% 100,0% N Si tratta inoltre, come spesso accade per persone che abbiano maturato durante gli studi un bagaglio di conoscenze e competenze di livello elevato, di una disoccupazione che tende a prolungarsi, piuttosto frequentemente, fino all inserimento in un lavoro reputato adeguato al proprio sistema di valori e priorità. Soltanto il 26,8% dei laureati in Architettura oggi disoccupati sarebbe, infatti, disponibile a lavorare immediatamente a qualsiasi condizione, a fronte di un 70% circa che lo farebbe soltanto qualora ci fossero garanzie di varia natura, in primis una remunerazione adeguata (26,8%) o la corrispondenza con i propri interessi e competenze (26,8%), ma anche altri elementi quali la prossimità spaziale al luogo di residenza (7,3%), le possibilità di carriera o la coerenza con il percorso di studi universitario (entrambi 4,9%). 18

19 Tabella 3.16 Sarebbe disponibile a lavorare immediatamente a quali condizioni? per sesso (Valori %. N=41) Disponibilità a lavorare M F Sì a qualunque condizione 38,5% 21,4% 26,8% Sì a condizione di una remunerazione adeguata 15,4% 32,1% 26,8% Sì a condizione che non fosse lontano da casa 15,4% 3,6% 7,3% Sì a condizione che mi consentisse possibilità di carriera 7,7% 3,6% 4,9% Sì a condizione che corrisponda ai mie interessi e competenze 23,1% 28,6% 26,8% Sì a condizione che il lavoro sia coerente con la mia laurea 7,1% 4,9% No, per ragioni personali e familiari 3,6% 2,4% 100,0% 100,0% 100,0% N Anche il tema della mobilità spaziale mette in luce una certa rigidità, che aumenta al crescere della distanza dal luogo di residenza: in media, il 70,7% dei laureati si dichiara disposto a trasferirsi per trovare lavoro in un altro comune della propria provincia, il 63,4% non avrebbe riserve purché entro i confini regionali, mentre solo il 46,3% sarebbe propenso a spostarsi in un altra regione e poco più di un terzo potrebbe accettare di lavorare all estero. La propensione alla mobilità risulta, peraltro, inferiore se si prende in esame la componente femminile, probabilmente in ragione del maggior peso delle problematiche di conciliazione, acuito dall età media dei laureati al momento dell intervista, a distanza di ben sei anni dalla conclusione del proprio percorso universitario. Tabella 3.17 Disponibilità a trasferirsi per trovare lavoro per sesso (N=41)* Disponibilità al trasferimento M F Disponibilità a trasferirsi in altro comune 92,3% 60,7% 70,7% Disponibilità a trasferirsi in altra provincia 76,9% 57,1% 63,4% Disponibilità a trasferirsi in altra regione 69,2% 35,7% 46,3% Disponibilità a trasferirsi all estero 53,8% 28,6% 36,6% * In tabella sono presentati soltanto i Sì per ciascuna possibile destinazione del trasferimento. E opportuno leggere i dati precededenti anche alla luce delle esperienze professionali pregresse maturate dai laureati in Architettura oggi in cerca di occupazione. In molti casi si tratta, infatti, non soltanto di persone che hanno già lavorato, ma di soggetti che hanno svolto in precedenza incarichi del tutto o in parte coerenti con il Corso di Laurea frequentato, soprattutto per quanto riguarda la componente femminile. Quest ultimo dato sembra spiegare anche la minore propensione femminile ad accettare impieghi a qualunque condizione e, in maniera complementare, le maggiori aspettative espresse in termini di remunerazione, corrispondenza ai propri interessi e competenze, nonché coerenza con il proprio iter di studio universitario. 19

20 Tabella 3.18 Attività lavorative svolte negli anni successivi alla laurea per sesso (Valori %. N=41) Coerenza del lavoro Anno 2001 M F Coerente con la laurea 38,5% 60,7% 53,7% Parzialmente coerente con la laurea 30,8% 21,4% 24,4% Non coerente con la laurea 23,1% 3,6% 9,8% Non lavoravo 7,7% 14,3% 12,2% 100,0% 100,0% 100,0% N Coerenza del lavoro Anno 2002 M F Coerente con la laurea 46,2% 57,1% 53,7% Parzialmente coerente con la laurea 15,4% 21,4% 19,5% Non coerente con la laurea 15,4% 3,6% 7,3% Non lavoravo 23,1% 17,9% 19,5% 100,0% 100,0% 100,0% N Coerenza del lavoro Anno 2003 M F Coerente con la laurea 38,5% 67,9% 58,5% Parzialmente coerente con la laurea 15,4% 21,4% 19,5% Non coerente con la laurea 15,4% 3,6% 7,3% Non lavoravo 30,8% 7,1% 14,6% 100,0% 100,0% 100,0% N Coerenza del lavoro Anno 2004 M F Coerente con la laurea 38,5% 53,6% 48,8% Parzialmente coerente con la laurea 15,4% 17,9% 17,1% Non coerente con la laurea 7,7% 10,7% 9,8% Non lavoravo 38,5% 17,9% 24,4% 100,0% 100,0% 100,0% N Coerenza del lavoro Anno 2005 M F Coerente con la laurea 30,8% 53,6% 46,3% Parzialmente coerente con la laurea 15,4% 17,9% 17,1% Non coerente con la laurea 15,4% 14,3% 14,6% Non lavoravo 38,5% 14,3% 22,0% 100,0% 100,0% 100,0% N

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

FORMULARIO. Allegato 2) REGIONE TOSCANA. P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012

FORMULARIO. Allegato 2) REGIONE TOSCANA. P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012 Allegato 2) REGIONE TOSCANA P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012 Direzione Generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze FORMULARIO Area Istruzione e educazione

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Il programma è articolato in due parti.

Il programma è articolato in due parti. 1 Il programma è articolato in due parti. La prima parte: illustra il sistema per la gestione dell anagrafica delle persone fisiche, con particolare riferimento all inserimento a sistema di una persona

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università COS'È TORNO SUBITO Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università finanziata con fondi POR FSE Lazio 2007-2013 Asse II Occupabilità; Asse V Transnazionalità

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Comunicazioni obbligatorie e altri archivi amministrativi: dati e indicatori sul buon lavoro Luigi Fabbris

Comunicazioni obbligatorie e altri archivi amministrativi: dati e indicatori sul buon lavoro Luigi Fabbris Comunicazioni obbligatorie e altri archivi amministrativi: dati e indicatori sul buon lavoro Luigi Fabbris Università di Padova Comstat Schema della presentazione 1. Il progetto PLUG_IN 2. Il buon lavoro

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16 BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16 Prot. N 41920 N. Repertorio 3115/2015 Titolo V Classe 5 Fascicolo Milano, 30 giugno 2015 VISTI gli

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8 Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazionee e valutazione del superiore gerarchico g Sintesii dei risultati dell indagine 2013 svolta sul s personale ASI ai sensi

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ,

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, TERRITORIO E MONDO DEL LAVORO IN ITALIA: Un riepilogo delle principali trasformazioni degli ultimi venti anni di Cristiana Rita Alfonsi e Patrizia

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

La nuova definizione di PMI Guida dell utente e modello di dichiarazione

La nuova definizione di PMI Guida dell utente e modello di dichiarazione PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE GENERALE PER LE IMPRESE E L'INDUSTRIA La presente guida contiene: La nuova definizione di PMI Guida dell utente e modello di dichiarazione particolari e spiegazioni sulla

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna Gualtiero Gandini Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie Università di Bologna membro del tavolo tecnico ANVUR

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli