La relazione n. 22 sugli interventi attuati per la lotta

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La relazione n. 22 sugli interventi attuati per la lotta"

Transcript

1 Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali La relazione n. 22 sugli interventi attuati per la lotta al randagismo e la tutela degli animali d affezione al randagismo e la tutela degli animali d affezione Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione seduta del 29 novembre 2011 seduta del 29 novembre 2011

2 Perché sono necessarie politiche di contrasto al randagismo e per la tutela degli animali d affezione? Evitare la diffusione di malattie, pericolo sulle strade e danni all agricoltura agricoltura Dare risposta alle mutate condizioni di convivenza fra uomo e animale, specieneicontestiurbani contesti Scoraggiare i comportamenti dannosi per gli animali (maltrattamenti, abbandoni, acquisti iirresponsabili ecc..) Rispettare la maggior sensibilità nei confronti degli animali e il riconoscimento della loro dignità, maturati nella società moderna 2

3 La l.r. n. 16/2006 Lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione Ha aggiornato la normativa regionale in materia, ormai risalente al 1987, ed è poi confluita nel T.U. in materia di sanità (l.r. 33/2009). I propositi dell intervento normativo sono sintetizzabili in due finalità generali: contrastare il fenomeno del randagismo canino e delle colonie feline contrastare i comportamenti umani dannosi per gli animali d affezione 3

4 Gli interventi proposti 1. regolare il risanamento dei canili e la costruzione di nuovi rifugi 2. incrementare la conoscenza sul fenomeno (mappature, censimenti, anagrafe digitale) 3. attività di natura sanitaria (profilassi e sterilizzazioni, ricoveri sanitari) 4. iniziative dipromozione, informazione, sensibilizzazione e formazione 5. attività di controllo e sanzione 4

5 Quali risultati ci siattende da questa politica? rintracciare più velocemente i cani dispersi ridurre i tempi di permanenza ain canile ridurre i costi di mantenimento ridurre gli abbandoni e i comportamenti violenti aumentare il livello di qualità delle strutture sanitarie e di ricovero accrescere il numero di affidi e adozioni ida canile 5

6 I soggetti attuatori Province Asl Regione Privati Comuni Associazioni 6

7 Cosaè accadutonel frattempo? nel maggio 2008 è stato tt emanato il Regolamento regionale di attuazione della legge in luglio 2008 sono iniziati i lavori della Consulta regionale prevista dalla legge (TU sanità art.117, comma 6), che al luglio 2011 aveva indetto 30 riunioni dicembre 2010 approvato il Piano Triennale degli interventi (TU sanitàart.117, art.117, comma 1), conil quale sono state attribuite le risorse di derivazione statale (oltre 6 milioni) giugno 2011 emanato un bando con il quale sono stati erogati contributi per il risanamento dei canili pubblici esistenti o la costruzione di nuove strutture per il ricovero 7

8 La relazione n. 22 Nel luglio 2011 la Giunta ha trasmesso la REL. 22 in risposta alla clausola valutativa (art. 123), che prevede unarelazione triennale al Consiglio. E la prima relazione trasmessa a distanza di 5 anni dall approvazione della legge e la sua redazione è stata affidata da Regione Lombardia ad IReR, oggi Eupolis, che si è avvalso della collaborazione di Ancitel Lombardia. 8

9 Ilcontenutodella relazione Il documento (121 pagine) è diviso in 2 parti: La prima è un analisi dei dati dell Anagrafe canina informatizzata di Regione Lombardia La seconda parte della relazione consiste nell analisi dei dati di un indagine campionaria mediante questionario strutturato online, per tutti i Comuni della Lombardia (ha riposto il 63%), al fine di comprendere come hanno svolto le funzioni assegnate dalla legge 9

10 Fenomeno del randagismo In Lombardia il randagismo, inteso come presenza stabile di popolazione canina vagante sul territorio, è inesistente, tuttavia è abbastanza diffuso lo smarrimento o l abbandono deicani cani, pertali motiviinfattiogniannovengono infatti ogni anno vengono catturati circa cani (dati riferiti al 2006, Ministero della Salute) 10

11 Anagrafe CaninaRegionale (ACR), dati 2010 sono i cani iscritti in ACR, circa 1 cane ogni 10 abitanti non sempre i dati sono completi, 1% dei cani risulta registrato senza proprietario il 2,1 % è sterilizzato nel 2008 c è stato un incremento del + 9,6 % e nel 2009 del + 1,07 % dei cani registrati 11

12 Strutture pubbliche di ricovero e cura, anno 2009 ASL Canili sanitari Canili rifugio Bergamo 1 7 Brescia 1 8 Como 1 6 Cremona 2 3 Lecco 1 2 Lodi 1 5 Mantova 4 4 Milano (3 ASL) 6 14 Monza e Brianza 2 4 Pavia 4 11 Sondrio 1 1 Varese 3 13 Vallecamonica Sebino 0 1 Tot

13 Confronto triennio aumento delle presenze, nei canili rifugio nel 2007, nel 2008 (+29,3%), a nel 2009 (+11,9%) picco di ingressi nei mesi estivi (luglio e agosto) il numero di cani restituiti ai legittimi proprietari è stabile diminuzione delle adozioni nei canili rifugio ( 382) tra 2008 e 2009 aumento dei cani smarriti segnalati in ACR e identificati con il microchip (725 nel 2007, nel 2008 e nel 2009) 13

14 Cosa é cambiato? La relazione presenta alcuni esiti degli interventi attuati: aumento degli animali registrati in anagrafe (+ 9,6% nel 2008 e + 1,07% nel 2009) e costante miglioramento ili della dll qualità delle informazioni maggioreattenzionee attenzione e coinvolgimento degli operatori nell inserire i dati in ACR e maggior facilità nell utilizzo del programma aumento dei microchip applicati dai veterinari libero professionisti riduzione i dei ditempi per la restituzione i di dei cani smarriti 14

15 Considerazioniricavate ricavate dalle esperienze La relazione suggerisce alcune strategie t per incentivare l'iscrizione e l'identificazione dei cani: attività di informazione e divulgazione, applicando tariffe particolari per l applicazione dei microchip, con orari e luoghi il più favorevoli possibili alla cittadinanza collaborazione con i comuni attraverso la pubblicazioni di volantini e utilizzo di spazi comunali dove svolgere attività informative attività di vigilanza e accertamento delle infrazioni collaborando con la polizia locale e con le guardie zoofile incentivare l'aggiornamento dei liberi professionisti attraverso incontri e congressi 15

16 Dove intensificare glisforzi? La relazione segnala inoltre alcune priorità: sensibilizzazione e informazione sulle possibilità per il controllo della riproduzione degli animali interventi legislativi per nuovi strumenti per disincentivare la riproduzione dei cani (un ipotesi presentata è la reintroduzione della tassa di possesso e l esonero dal pagamento in caso di sterilizzazione) rispetto all attività sanzionatoria, dovrebbero essere aumentati i controlli sui proprietari sensibilizzazione sulle adozioni e contro l abbandono 16

17 Le risposte ai quesiti della CV Nella seconda parte della relazione, vengono riportate le informazioni ricavate dall indagine effettuata sull attività dei Comuni (63%)dove i quesiti della dll Cv sono affrontati in modo diretto 17

18 A che punto sono le attività per l attuazione della legge? il 36% dei icomuni si sono dotati tidi un accesso all ACR hanno dato incarico prevalentemente alla Polizia Locale (e in alcuni casi ad associazionidi volontariato) per le attivitàdi controllo solo il 3% dichiara di aver istituito un Ufficio di tutela degli animali il 12,8% dice di aver effettuato un censimento delle colonie fli feline 18

19 Come sonostate state adeguate le strutture diricovero e cura? Tra quelle direttamente di proprietà dei Comuni: i canili sanitari esistevano già prima del 2006 e solo in due casi sono stati acquisiti dal comune in una data successiva. Due Comuni dichiarano modifiche alle strutture successive al 2006, fondi ASL e bilancio comunale sono state le modalitàscelte per finanziare gli adeguamenti Solo un comune ha acquistato recentemente una struttura (nel 2007) e modifiche sono state apportate in 5 canili rifugio dopo il 2006, in 2 casi si è trattato di ristrutturazioni e in un caso anche di ampliamento. In tutti i casi i costi sono stati sostenuti attraverso fondi da bilancio comunale. 6 Comuni dichiarano di aver programmato spese in conto capitale per il triennio

20 Quali attività di informazione e sensibilizzazionepromosse? Con la partecipazione di quali soggetti? Il 31% dei Comuni ha messo in atto azioni di sensibilizzazione per l adozione dei cani. Tali iniziative sono state meno frequenti nei Comuni di piccole dimensioni (sotto i ab.) e nelle province di Como e Sondrio. I Comuni si sono mossi prevalentemente in modo autonomo, alcune collaborazioni sono state chieste (soprattutto a Milano e Varese) in particolare ad associazioni di volontariato e meno frequentemente alle ASL. 20

21 Quali attività sanzionatorie sonostate state intraprese? Il 74,2 % dei Comuni che hanno risposto al questionario dichiara di svolgere attività di vigilanza, prevenzione e accertamento delle infrazioni, il 38% in collaborazione con ASL e Associazioni. i i Tuttavia sono pochi i Comuni che erogano sanzioni per mancataiscrizione all anagrafe anagrafe canina, forse perchésono pochi (15%) i Comuni che possiedono un lettore di microchip e che quindi sono direttamente in grado di farlo Numero di sanzioni erogate dalle ASL: 803 (2007), (2008), (2009), (2010) Attività sanzionatoria di altri Enti (Comuni, NAS, CFS, guardie zoofile): 21 (2008), 102 (2009), 274 (2010). 21

22 Attraverso quali modalità i vari soggetti pubblicie privati hanno realizzato attività di coordinamento? i Comuni sembrano relazionarsi prevalentemente con le ASL (80% dei casi) oppure con associazioni di volontariato (52%). Vi è stata interazione tra i diversi soggetti per: la gestione dei canili sanitari e dei canili rifugio oltre il 70% dei canili cui si rivolgono i Comuni non proprietari di strutture sono gestiti da privati o associazioni (soprattutto a Bergamo e Milano) il 17% di tali Comuni utilizza invece una gestione associata delle strutture (in particolare a Lecco e Sondrio) che nel 40% dei casi ha come ente capofila una Comunità montana 22

23 Costi del servizio per i Comuni I Comuni non proprietari di canili rifugio che ricorrono a servizi erogati da terzi dichiarano prevalentemente (61%) di versare una diaria per ciascun animale ospitato. Quando le strutture sono gestite da privati o associazioni (79%) la cifra media è di 2,4 euro al giorno. di norma il valore della diaria aumenta al crescere della popolazione dei Comuni i Comuni delle province di Pavia e Lodi versano principalmente una diaria inferiore a 2 euro i Comuni delle province di Milano e Varese mostrano i valori di diaria più elevati. Nelle province di Brescia e Cremona prevale la scelta di versare una cifra annuale forfettaria. 1/3 23

24 Costi del servizio per i Comuni Diversamente, perle gestioniassociatenonrisultaunanetta non una netta preferenza per il criterio di attribuzione dei costi. I Comuni scelgono maggiormente di versare una cifra annuale forfettaria (40%). Per quanti dichiarano di versare una diaria (23%) il valore è di 2,8 euro. Sono numerosi (34%) gli enti locali che adottano altri criteri di attribuzione dei costi, fra di essi sono molto numerosiquelliche versano alla gestione associata una cifra annuale in base al numero degli abitanti del Comune. Altri Comuni affermano che tali costi sono sostenuti dall'unione di Comuni o dalla Comunità Montana di riferimento. 2/3 24

25 Costi del servizio per i Comuni 3/3 Elaborando i dati, nella relazione si stima quanto verrebbe speso annualmente dai 611 comuni che dichiarano di usufruire dei servizi di canile rifugio: quasi euro, circa 800 euro annui per ciascun comune. Tali stime sono da considerare con accortezza, si tratta infatti di cifre elaborate sulla base di valori medi rispetto a dati caratterizzati da un elevatavariabilità variabilità. 25

26 Osservazioni 1/2 la relazione con contiene ancora informazioni sufficienti per trarre conclusioni rispetto alle attività volte al controllo demografico e adeguamento delle strutture per il ricovero e la cura pubbliche e private, in particolare non vengono presentati dati sulle strutture private 26

27 Osservazioni 2/2 Prima dell adozione del regolamento d attuazione della nuova legge, Regione Lombardia non ha potuto impegnare le risorse del fondo statale di riferimento. Nel 2008 infatti erano accantonati più di 5,2 milioni di euro in attesa che il quadro normativo regionale fosse completo. Nella relazione non vengono riportate informazioni sulle attività intraprese attraverso l utilizzo del fondo statale e sulle modalità d impiego delle risorse stanziate da Regione Lombardia. La prossima relazione potrebbe dare conto dell esito del bando di recente emanazione (giugno 2011) 27

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia:

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: Nota Informativa sull attuazione delle politiche regionali N. 10/2008 Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: una prima analisi dell attuazione della legge regionale 20 luglio

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione ESAME DELLA RELAZIONE n. 34 del 2015 sullo stato di attuazione delle norme relative alla tutela degli animali d affezione e prevenzione del randagismo (TU

Dettagli

Legge Regionale 33/2009: lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione in Lombardia

Legge Regionale 33/2009: lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione in Lombardia Legge Regionale 33/2009: lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione in Lombardia 25/11/2010 Dott.ssa Daniela Zucca Per contrastare il fenomeno del randagismo e promuovere il rispetto degli

Dettagli

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 29.12.2015 1 INDICE

Dettagli

C O M U N E D I I T R I

C O M U N E D I I T R I C O M U N E D I I T R I Provincia di Latina Deliberazione Copia della Giunta Comunale N. 104 del 24.09.2013 OGGETTO: ADOTTA UN CANE -APPROVAZIONE LINEE GUIDA L'anno duemilatredici il giorno ventiquattro

Dettagli

PERSONALE AMMINISTRATIVO, area A ed area C, delle varie sedi.

PERSONALE AMMINISTRATIVO, area A ed area C, delle varie sedi. La D.G.R. n. 4-9730 del 06.1032008 Riorganizzazione nell ambito delle Aziende Sanitarie Locali degli interventi di sanità pubblica veterinaria per gli animali di affezione prevede l istituzione degli sportelli

Dettagli

Comune di Bagnolo San Vito Via Roma, 29 46031 Bagnolo San Vito

Comune di Bagnolo San Vito Via Roma, 29 46031 Bagnolo San Vito Comune di Bagnolo San Vito Via Roma, 29 46031 Bagnolo San Vito REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI CATTURATI SUL TERRITORIO COMUNALE DI BAGNOLO SAN VITO Art. 1 La

Dettagli

LEGGE 14 agosto 1991, n. 281. Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo

LEGGE 14 agosto 1991, n. 281. Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo LEGGE 14 agosto 1991, n. 281 Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 203 del 30 agosto 1991 1. Princìpi generali 1. Lo Stato

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DI STUDIO E CONSULTAZIONE

COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DI STUDIO E CONSULTAZIONE COMUNE DI ALCAMO Provincia di Trapani QUARTA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DI STUDIO E CONSULTAZIONE ATTIVITÀ PRODUTTIVE AMBIENTE SICUREZZA MOBILITÀ URBANA POLITICHE AGRICOLE POLITICHE ENERGETICHE

Dettagli

1. LE COMPETENZE IN MATERIA DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DELLE AZIENDE USL

1. LE COMPETENZE IN MATERIA DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DELLE AZIENDE USL 1. LE COMPETENZE IN MATERIA DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DELLE AZIENDE USL L elevata presenza sul territorio nazionale di animali da compagnia (secondo l'istat

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO BELBO Provincia di Cuneo

COMUNE DI SANTO STEFANO BELBO Provincia di Cuneo COPIA COMUNE DI SANTO STEFANO BELBO Provincia di Cuneo DETERMINAZIONE DEL SERVIZIO VIGILANZA N. 5 del 18/04/2011 Il Responsabile del Servizio: Francesco GALLUCCIO OGGETTO : ASSEGNAZIONE DI UN CONTRIBUTO

Dettagli

Regione Molise Legge regionale n. 7 del 4-03-2005

Regione Molise Legge regionale n. 7 del 4-03-2005 Regione Molise Legge regionale n. 7 del 4-03-2005 Nuove norme per la protezione dei cani e per l istituzione dell anagrafe canina (B.U.R. Molise n. 6 del 16 marzo 2005) IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Lavori Pubblici Mobilità Urbana e Ambiente DIRETTORE PAGLIARINI ing. MARCO Numero di registro Data dell'atto 1579 21/10/2015 Oggetto : Approvazione per l'anno

Dettagli

Procedure operative animali d affezione

Procedure operative animali d affezione Procedure operative animali d affezione Marta Anello CELVA Convenzione relativa alle modalità di controllo del randagismo e protezione degli animali da affezione Durata: periodo compreso tra il 1 ottobre

Dettagli

4 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 27 maggio 2015

4 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 27 maggio 2015 4 Bollettino Ufficiale D.g.r. 21 maggio 2015 - n. X/3611 Approvazione del «Piano regionale triennale degli interventi in materia di educazione sanitaria e zoofila, di controllo demografico della popolazione

Dettagli

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Dott.ssa Annalisa Lombardini AUSL Modena L EGGE 14 agosto 1991 n. 281 Legge quadro in materia di affezione e prevenzione del randagismo 1

Dettagli

GLI ANIMALI DI AFFEZIONE E RANDAGISMO

GLI ANIMALI DI AFFEZIONE E RANDAGISMO GLI ANIMALI DI AFFEZIONE E RANDAGISMO La legge quadro sul randagismo n 281 del 1991 La 281 è la Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo. Tra le enunciazioni principali

Dettagli

L. 14-8-1991 n. 281 Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo. Pubblicata nella Gazz. Uff. 30 agosto 1991, n. 203.

L. 14-8-1991 n. 281 Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo. Pubblicata nella Gazz. Uff. 30 agosto 1991, n. 203. L. 14-8-1991 n. 281 Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo. Pubblicata nella Gazz. Uff. 30 agosto 1991, n. 203. Epigrafe 1. Princìpi generali. 2. Trattamento dei cani

Dettagli

Progetto Performance PA QUESTIONARIO SULLA GESTIONE DEL RANDAGISMO

Progetto Performance PA QUESTIONARIO SULLA GESTIONE DEL RANDAGISMO Progetto Performance PA QUESTIONARIO SULLA GESTIONE DEL RANDAGISMO Dicembre 2014 1. DATI IDENTIFICATIVI (nel Comune è presente un Ufficio/Servizio dedicato alla tutela degli animali e/o alla lotta al randagismo?

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3106 Seduta del 30/01/2015

DELIBERAZIONE N X / 3106 Seduta del 30/01/2015 DELIBERAZIONE N X / 3106 Seduta del 30/01/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

COMUNE DI SCICLI. (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

COMUNE DI SCICLI. (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO COMUNE DI SCICLI (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO PER IL FUNZIONAMENTO E PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SBROLLINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SBROLLINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5106 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SBROLLINI Istituzione del Servizio sanitario veterinario convenzionato e norme per favorire

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 15742 DEL 29.12.2008 ANAGRAFE CANINA REGIONALE: MODALITA' D'ACCESSO E AGGIORNAMENTO.-

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 15742 DEL 29.12.2008 ANAGRAFE CANINA REGIONALE: MODALITA' D'ACCESSO E AGGIORNAMENTO.- DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 15742 DEL 29.12.2008 Identificativo Atto n. 1345 Oggetto: ANAGRAFE CANINA REGIONALE: MODALITA' D'ACCESSO E AGGIORNAMENTO.- IL DIRIGENTE UNITA ORGANIZZATIVA VETERINARIA

Dettagli

*** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export

*** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export 1 di 5 28/07/2015 12:14 LEGGE 14 agosto 1991, n. 281 Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo. Vigente al: 28-7-2015 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

COMUNE DI APICE Provincia di Benevento

COMUNE DI APICE Provincia di Benevento COMUNE DI APICE Provincia di Benevento Piazza della Ricostruzione,1 82021 Apice (BN) Tel.: 0824 92 17 11 Fax: 0824 92 17 42 Sito web: www.comune.apice.bn.it E-mail: info@comune.apice.bn.it originale DELIBERAZIONE

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 35 del 05.06.2013

Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 35 del 05.06.2013 COMUNE DI PALO DEL COLLE Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI RICOVERATI NEL CANILE RIFUGIO CONVENZIONATO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 35 del 05.06.2013

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CORRESPONSIONE DI INCENTIVI AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO I CANI RANDAGI.

DISCIPLINARE PER LA CORRESPONSIONE DI INCENTIVI AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO I CANI RANDAGI. DISCIPLINARE PER LA CORRESPONSIONE DI INCENTIVI AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO I CANI RANDAGI. Approvato con Delibera di G.C. n. 148 del 7 agosto 2014 INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Domanda per l affidamento

Dettagli

REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL

REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL 25-01-1993 Norme sulla prevenzione e sul controllo del randagismo.istituzione anagrafica canina e protezione degli animali di affezione BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO INTERREGIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO ABRUZZO E MOLISE

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO INTERREGIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO ABRUZZO E MOLISE GLI ISCRITTI F.A.B.I. DELLE B.C.C. REGIONE MOLISE LEGGE REGIONALE 4 marzo 2005, n.7 NUOVE NORME PER LA PROTEZIONE DEI CANI E PER L'ISTITUZIONE DELL'ANAGRAFE CANINA. (Pubblicata nel Bollettino ufficiale

Dettagli

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 55 DEL 30.12.2005 MODIFICATO CON DELIBERA C.C. N. 31 DEL 03.06.2008 REGOLAMENTO CANILE COMUNALE INDICE Art. 1 - Titolarità... 3 Art. 2

Dettagli

REGOLAMENTO E LINEE GUIDA ALL'INCENTIVAZIONE AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI RICOVERATI PRESSO I CANILI CONVENZIONATI

REGOLAMENTO E LINEE GUIDA ALL'INCENTIVAZIONE AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI RICOVERATI PRESSO I CANILI CONVENZIONATI REGOLAMENTO E LINEE GUIDA ALL'INCENTIVAZIONE AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI RICOVERATI PRESSO I CANILI CONVENZIONATI ART.1-FINALITA'... ART.2-REQUISITI E DOMANDA PER L'AFFIDAMENTO DEGLI

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3611 Seduta del 21/05/2015

DELIBERAZIONE N X / 3611 Seduta del 21/05/2015 DELIBERAZIONE N X / 3611 Seduta del 21/05/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

Randagismo: un problema regionale

Randagismo: un problema regionale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO ALLA SANITÁ Dipartimento Attività Sanitarie ed Osservatorio Epidemiologico Randagismo: un problema regionale Agrigento, 9 marzo 2012 SERVIZIO 9 SANITÁ

Dettagli

Comune di Giano dell Umbria

Comune di Giano dell Umbria Comune di Giano dell Umbria Provincia di Perugia REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI (Approvato con deliberazione consiliare n. 13 del 15.03.2011) (Modificato con deliberazione consiliare

Dettagli

Le Istituzioni in Italia

Le Istituzioni in Italia Le Istituzioni in Italia L Italia in Europa L Europa nel mondo Lo Stato italiano Lo Stato italiano garantisce i servizi pubblici fondamentali: la Pubblica Sicurezza i Trasporti la Sanità l Istruzione la

Dettagli

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze.

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. È quindi fondamentale portare le persone che posseggono animali, o vorrebbero

Dettagli

Città di Manfredonia Deliberazione di G.C. n. 415 del 03/10/2008 DIRIGENTE DEL 4 SETTORE POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA

Città di Manfredonia Deliberazione di G.C. n. 415 del 03/10/2008 DIRIGENTE DEL 4 SETTORE POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA Città di Manfredonia Deliberazione di G.C. n. 415 del 03/10/2008 DIRIGENTE DEL 4 SETTORE POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA Il Dirigente sottoscritto, in qualità di Dirigente del 4 Settore Polizia Locale

Dettagli

Art.1 - Finalità. Art.2 - Adozioni

Art.1 - Finalità. Art.2 - Adozioni Regolamento Comunale per l adozione ed il sostegno di cani ritrovati sul territorio comunale ricoverati nelle strutture convenzionate con il Comune di Piaggine Adottato con deliberazione Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI BARADILI

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI BARADILI REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI BARADILI ART. 1 Finalità La finalità del presente regolamento è l incentivazione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE n. 34 DEL 26-07-1993 Tutela e controllo degli animali da affezione

REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE n. 34 DEL 26-07-1993 Tutela e controllo degli animali da affezione REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE n. 34 DEL 26-07-1993 Tutela e controllo degli animali da affezione Art. 1. (Finalità della legge) 1. La legge tutela le condizioni di vita degli animali di affezione e

Dettagli

C O M U N E D I S A L T A R A REGOLAMENTO

C O M U N E D I S A L T A R A REGOLAMENTO C O M U N E D I S A L T A R A PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI Approvato con delibera C.C. n. 9/2010 INDICE Art. 1 - Finalità

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA N. 1069 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori AMATI, BIANCONI, ALLEGRINI, BOLDI, BASSOLI, BUGNANO, CARRARA, CASOLI, CASSON, CHIAROMONTE, COLLI, D'ALIA, DELLA

Dettagli

LEGGE REGIONALE TOSCANA N.

LEGGE REGIONALE TOSCANA N. LEGGE REGIONALE TOSCANA N. 43 dell 8 aprile 1995 Norme per la gestione dell' anagrafe del cane, la tutela degli animali d' affezione e la prevenzione del randagismo Modificata ed integrata da LEGGE REGIONALE

Dettagli

A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale. Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011

A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale. Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011 A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011 Premessa Le attività nelle quali risulta impegnato il Servizio Veterinario dell

Dettagli

Legislatura 16º - Disegno di legge N. 255

Legislatura 16º - Disegno di legge N. 255 Legislatura 16º - Disegno di legge N. 255 d iniziativa dei senatori AMATI, BASSOLI, CASSON, DELLA SETA, DONAGGIO, GRANAIOLA, MAGISTRELLI, PASSONI, PEGORER, Anna Maria SERAFINI e ZAVOLI COMUNICATO ALLA

Dettagli

REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL

REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 19-07-1994 Norme per la tutela degli animali di affezione e per la prevenzione ed il controllo del fenomeno del randagismo. BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA

Dettagli

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 14 APRILE 2015, N. 193 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N.

Dettagli

Task Force. Tutela degli animali d affezione, lotta al randagismo e ai canili lager

Task Force. Tutela degli animali d affezione, lotta al randagismo e ai canili lager Task Force Tutela degli animali d affezione, lotta al randagismo e ai canili lager Convivenza con gli animali Cambiamento della società: approccio più etico nella relazione con gli animali d affezione

Dettagli

Città di Troia Provincia di Foggia

Città di Troia Provincia di Foggia Città di Troia Provincia di Foggia REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE ART. 1 (OGGETTO E FINALITÀ) Il presente regolamento disciplina l'adozione da parte di privati

Dettagli

Fondo Sostegno Affitti in Lombardia e nuovi interventi per edilizia residenziale pubblica verso il tracollo?!

Fondo Sostegno Affitti in Lombardia e nuovi interventi per edilizia residenziale pubblica verso il tracollo?! Unione Inquilini Conferenza Stampa Fondo Sostegno Affitti in Lombardia e nuovi interventi per edilizia residenziale pubblica verso il tracollo?! Scheda 1: Andamento della spesa destinata al fondo affitti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI COMUNE DI TORINO DI SANGRO C.A.P. 66020 PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI (Approvato con deliberazione consiliare n. 35 del 12.11.2013) Art. 1 OGGETTO DEL

Dettagli

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto.

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. &2081(',0('( 3URYLQFLDGL3DYLD!#"%$ &!' ' $$ 5(*2/$0(172 &$1,/(&2081$/( $577LWRODULWj Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. $57*HVWLRQH Il canile è gestito di norma dal

Dettagli

BANDO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BONNANARO CONCESSIONE CONTRIBUTI AI SENSI DELLA L.R.

BANDO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BONNANARO CONCESSIONE CONTRIBUTI AI SENSI DELLA L.R. BANDO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BONNANARO CONCESSIONE CONTRIBUTI AI SENSI DELLA L.R. 21/94 E DELLA D.G.R. 17/39 DEL 27/04/2010. Art. 1 (Finalità) Il presente

Dettagli

RESOCONTO FINALE DEL PROGETTO CONTROLLO DEL RANDAGISMO NEL COMUNE DI ROCCA D EVANDRO IN PROVINCIA DI CASERTA APRILE 2011

RESOCONTO FINALE DEL PROGETTO CONTROLLO DEL RANDAGISMO NEL COMUNE DI ROCCA D EVANDRO IN PROVINCIA DI CASERTA APRILE 2011 RESOCONTO FINALE DEL PROGETTO CONTROLLO DEL RANDAGISMO NEL COMUNE DI ROCCA D EVANDRO IN PROVINCIA DI CASERTA APRILE 2011 Rocca D Evandro è un comune di circa 3500 abitanti e fa parte della Provincia di

Dettagli

ProvinciaRegionalediPalermo. VerbalediDeliberazionedelConsiglioComunale

ProvinciaRegionalediPalermo. VerbalediDeliberazionedelConsiglioComunale COMUNEDICACCAMO ProvinciaRegionalediPalermo VerbalediDeliberazionedelConsiglioComunale COPIA N.95 del 25-09-2013 OGGETTO: Regolamento"Afidocanirandagi".RINVIO. L'anno duemilatredici,ilgiorno venticinquedelmesedisetembrealeore20:30eseguenti,incaccamo

Dettagli

Le strutture per il controllo e la tutela dei cani

Le strutture per il controllo e la tutela dei cani Le strutture per il controllo e la tutela dei cani piacenza, 25 gennaio 2012 1988 CATTURA ABBATTIME NTO dopo 3 gg L.R. nr. 5 del 25 febbraio 1988 CATTUR A RICOVE RO IN CANILE LEGGE 14 agosto 1991, nr.

Dettagli

Normativa sulla protezione dei gatti, le colonie feline, i compiti dell ASL.

Normativa sulla protezione dei gatti, le colonie feline, i compiti dell ASL. Normativa sulla protezione dei gatti, le colonie feline, i compiti dell ASL. Dr.ssa Carla De Giacomi Dr. Paolo Castelli Veterinari Ufficiali ASL della Provincia di Bergamo Seriate,, 29 ottobre 2013 I gatti

Dettagli

Art. 1 Finalità della legge.

Art. 1 Finalità della legge. Page 1 of 11 Leggi Regionali d'italia Piemonte L.R. 26-7-1993 n. 34 Tutela e controllo degli animali da affezione. Pubblicata nel B.U. Piemonte 4 agosto 1993, n. 31. L.R. 26 luglio 1993, n. 34 (1). Tutela

Dettagli

COMUNE DI MOGORO PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI MOGORO PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI MOGORO PROVINCIA DI ORISTANO CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO REGALA UNA CASA A UN AMICO A 4 ZAMPE Approvato con deliberazione della G.C. n. 32 del 05.04.2016 1/5 Art.1 - Finalità La

Dettagli

COMUNE DI USSANA. Provincia di Cagliari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 43 del 10/09/2013

COMUNE DI USSANA. Provincia di Cagliari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 43 del 10/09/2013 COMUNE DI USSANA rovincia di Cagliari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 43 del 10/09/2013 COIA Oggetto: rogetto sperimentale di sensibilizzazione all'adozione dei cani ospitati presso il canile

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO TITOLO II CATTURA CANI VAGANTI

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO TITOLO II CATTURA CANI VAGANTI REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO Art. 1 - Finalità. Art. 2 - Oggetto del Regolamento. Art. 3 - Definizioni e principi generali.

Dettagli

COMUNE DI MOSCUFO. Provincia di Pescara DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO POLIZIA LOCALE

COMUNE DI MOSCUFO. Provincia di Pescara DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO POLIZIA LOCALE COMUNE DI MOSCUFO Provincia di Pescara ORIGINALE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO POLIZIA LOCALE ATTO N. 7 del 30/10/2015 Reg. Gen 455 Oggetto: Ospitalità cani randagi. Provvedimenti. REGISTRO

Dettagli

PREMESSA IL PRESENTE OPUSCOLO

PREMESSA IL PRESENTE OPUSCOLO NORME NAZIONALI SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E LOTTA AL RANDAGISMO COMPETENZE E RESPONSABILITÀ NORME NAZIONALI SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E LOTTA AL RANDAGISMO PREMESSA IL PRESENTE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2708 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DAMIANO, BELLANOVA, BOCCUZZI, BOFFA, BRAGA, DE BIASI, DE PASQUALE, FADDA, GIANNI FARINA,

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 60 DEL 27/03/2014.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 60 DEL 27/03/2014. C O P I A DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 60 DEL 27/03/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE DELLA CONVENZIONE AI SENSI DELLA LR N 27/2000 FRA IL COMUNE DI NOCETO E L'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO RESCUE DOG

Dettagli

Determina Ambiente e protezione civile/0000066 del 11/12/2013

Determina Ambiente e protezione civile/0000066 del 11/12/2013 Comune di Novara Determina Ambiente e protezione civile/0000066 del 11/12/2013 Area / Servizio Servizio Ambiente e Mobilità (10.UdO) Proposta Istruttoria Unità Servizio Ambiente e Mobilità (10.UdO) Proponente

Dettagli

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Ministero della Salute Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari NORME NAZIONALI sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Competenze e responsabilità NORME NAZIONALI

Dettagli

Grazie al contributo della. micro chip. anagrafe canina informatizzata edizione 2007

Grazie al contributo della. micro chip. anagrafe canina informatizzata edizione 2007 Grazie al contributo della micro chip anagrafe canina informatizzata edizione 2007 Hanno realizzato questo opuscolo: micro chip Annalisa Lombardini Azienda USL Modena Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio

Dettagli

Unione di Comuni Città - Territorio Val Vibrata 64015 Nereto (TE)

Unione di Comuni Città - Territorio Val Vibrata 64015 Nereto (TE) Unione di Comuni Città - Territorio Val Vibrata 64015 Nereto (TE) N.11 Data 11-02-2010 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMPLESSIVA C O P I A Oggetto: APPROVAZIONE PROGETTO PRELIMINARE CANILE. L'anno duemiladieci

Dettagli

COMUNE ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS DISCIPLINARE PER L ADOZIONE DEI CANI

COMUNE ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS DISCIPLINARE PER L ADOZIONE DEI CANI COMUNE ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS DISCIPLINARE PER L ADOZIONE DEI CANI Approvato con Deliberazione G.C. n. 34 del 25.03.2015 INDICE - PREMESSA ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - MODALITA DI ADESIONE ART. 3 -

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 1 DEL 7 GENNAIO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 1 DEL 7 GENNAIO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 7 dicembre 2007 - Deliberazione N. 2131 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria - Priorità, modalità e termini per la concessione

Dettagli

L educazione alla legalità La relazione n. 40/2015

L educazione alla legalità La relazione n. 40/2015 Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Seduta del 23 aprile 2015 L educazione alla legalità La relazione n. 40/2015 Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Presentazione di Marina Gigli Sommario

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI TRAPANI COMUNE DI ALCAMO LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI TRAPANI BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FONDO PERDUTO PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI OSPITATI PRESSO IL CANILE RIFUGIO MISTER DOG S.R.L.

Dettagli

Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 18 del 23.06.2015. Web: www.comune.contrada.av.it PEC: protocollo.contrada@asmepec.

Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 18 del 23.06.2015. Web: www.comune.contrada.av.it PEC: protocollo.contrada@asmepec. Web: www.comune.contrada.av.it PEC: protocollo.contrada@asmepec.it Via Luigi Bruno n.79-83020 0825.674081 0825/660977 Regolamento per l'adozione ed il sostegno di cani ritrovati sul territorio comunale

Dettagli

L anno 2015 (duemilaquindici), il giorno ( ) del mese di dicembre in Lecco presso la Residenza Municipale. fra

L anno 2015 (duemilaquindici), il giorno ( ) del mese di dicembre in Lecco presso la Residenza Municipale. fra CONVENZIONE FRA COMUNE DI LECCO ED ENTE NAZIONALE PROTEZIONE ANIMALI (E.N.P.A.) ASSOCIAZIONE ZAMPAMICA 2010 ONLUS ASSOCIAZIONE NATURALISTICA LOMBARDA, PER L ATTUAZIONE DI UN PROGRAMMA IN MATERIA DI SANITÀ

Dettagli

Bollettino Ufficiale 3753. Serie Ordinaria N. 51-20 dicembre 2010

Bollettino Ufficiale 3753. Serie Ordinaria N. 51-20 dicembre 2010 Bollettino Ufficiale 3753 2000-2009 e rinunciati dalle Comunità Montane stesse e dai Comuni montani capoluogo di provincia; alla contabilizzazione delle economie accertate relative a progetti conclusi;

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE SERVIZIO PUBBLICO DI RICOVERO, CUSTODIA E MANTENIMENTO DEI CANI PRESSO IL RIFUGIO DI VALLATA

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE SERVIZIO PUBBLICO DI RICOVERO, CUSTODIA E MANTENIMENTO DEI CANI PRESSO IL RIFUGIO DI VALLATA COMUNITA MONTANA ALTA VALMARECCHIA AMBITO TERRITORIALE ZONA A SEDE DI NOVAFELTRIA (PU) REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE SERVIZIO PUBBLICO DI RICOVERO, CUSTODIA E MANTENIMENTO DEI CANI PRESSO IL RIFUGIO

Dettagli

CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI D IGIENE URBANA. L'anno ( ), il giorno. - Il Comune di Campi Bisenzio, con sede il Piazza Dante,

CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI D IGIENE URBANA. L'anno ( ), il giorno. - Il Comune di Campi Bisenzio, con sede il Piazza Dante, CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI D IGIENE URBANA VETERINARIA E ATTIVITA CONGIUNTE ALLA TUTELA DEGLI ANIMALI TRA IL COMUNE DI CAMPI BISENZIO E L AZIENDA SANITARIA ASL 10 DI FIRENZE L'anno ( ),

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1751 del 14 agosto 2012 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 1751 del 14 agosto 2012 pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1751 del 14 agosto 2012 pag. 1/5 LINEE GUIDA PER L IDENTIFICAZIONE DEI CANI MEDIANTE MICROCHIP (ANAGRAFE CANINA) Principi generali Il microchip è un

Dettagli

AVVISA. - il Comune di Bitritto ha approvato il Progetto SterilizziAMOli e che tale progetto si propone il raggiungimento dei seguenti obiettivi:

AVVISA. - il Comune di Bitritto ha approvato il Progetto SterilizziAMOli e che tale progetto si propone il raggiungimento dei seguenti obiettivi: COMUNE DI BITRITTO (Provincia di Bari) Assessorato alla Polizia Municipale e alle Politiche per l Ambiente Servizio Polizia Municipale - Settore Randagismo AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 4357 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori IULIANO e BESSO CORDERO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 24 NOVEMBRE 1999

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 24-03-1994 REGIONE LIGURIA

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 24-03-1994 REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 24-03-1994 REGIONE LIGURIA Nuove norme in materia di randagismo Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 9 del 13 aprile 1994 Il Consiglio Regionale ha approvato.

Dettagli

CITTÀ DI AGROPOLI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. copia n 213 del 05.06.2015 CANILE : ATTO DI INDIRIZZO.

CITTÀ DI AGROPOLI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. copia n 213 del 05.06.2015 CANILE : ATTO DI INDIRIZZO. CITTÀ DI AGROPOLI (Provincia di Salerno) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE copia n 213 del 05.06.2015 OGGETTO : CANILE : ATTO DI INDIRIZZO. L anno duemilaquindici il giorno CINQUE del mese di GIUGNO

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (VET/07/86072) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Richiamate: la legge 20 luglio 2004, n. 189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali,nonché di impiego degli stessi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE INDICE Titolo I. - Adozione...2 Art. 1 Finalità...2 Art. 2 Requisiti per l affidamento dell animale...2 Art. 3 Modalità

Dettagli

Prevenzione veterinaria

Prevenzione veterinaria Prevenzione veterinaria Animali da compagnia Sportello unico di front office per la gestione delle pratiche amministrative relative all Anagrafe degli Animali d Affezione (iscrizioni, passaggi di proprietà,

Dettagli

LINEE GUIDA FINALIZZATE ALL ADOZIONE DI CANI RANDAGI NEL COMUNE DI CANICATTINI BAGNI (SR) PROGETTO ADOTTA UN CITTADINO A 4 ZAMPE!.

LINEE GUIDA FINALIZZATE ALL ADOZIONE DI CANI RANDAGI NEL COMUNE DI CANICATTINI BAGNI (SR) PROGETTO ADOTTA UN CITTADINO A 4 ZAMPE!. Allegato A alla delibera di Giunta n. 179_ del_26/09/2011 LINEE GUIDA FINALIZZATE ALL ADOZIONE DI CANI RANDAGI NEL COMUNE DI CANICATTINI BAGNI (SR) PROGETTO ADOTTA UN CITTADINO A 4 ZAMPE!. Art. 1 FINALITÀ

Dettagli

Legge Regionale 20 luglio 2006 n. 16 come modificata dalle leggi regionali 31 marzo 2008 n. 5 e 23 dicembre 2008 n. 33

Legge Regionale 20 luglio 2006 n. 16 come modificata dalle leggi regionali 31 marzo 2008 n. 5 e 23 dicembre 2008 n. 33 Legge Regionale 20 luglio 2006 n. 16 come modificata dalle leggi regionali 31 marzo 2008 n. 5 e 23 dicembre 2008 n. 33 LOTTA AL RANDAGISMO E TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE. (BURL n. 30, 1 suppl. ord.

Dettagli

Comune di Gissi Provincia di Chieti

Comune di Gissi Provincia di Chieti Comune di Gissi Provincia di Chieti AVVISO PUBBLICO CAMPAGNA PER L ADOZIONE DEI CANI ABBANDONATI ANNO 2014 ADOTTA UN AMICO A QUATTRO ZAMPE! Premesso: che presso il canile Abruzzo Servizi S.r.l. servizio

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Mercoledì 27 maggio 2015 C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Mercoledì 27 maggio 2015 C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI Anno XLV N. 134 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia, 1

Dettagli

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA Le funzioni di questo servizio sono le seguenti: Anagrafe per animali d affezione della Regione Lazio informatizzata (iscrizione, cancellazione,

Dettagli

REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 12 DEL

REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 12 DEL REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 3-04-1995 Interventi per la tutela degli animali d'affezione e prevenzione del randagismo BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA N. 39 del 18 aprile 1995 ARTICOLO

Dettagli

COMUNE DI TORINO DI SANGRO PROVINCIA DI CHIETI

COMUNE DI TORINO DI SANGRO PROVINCIA DI CHIETI COMUNE DI TORINO DI SANGRO PROVINCIA DI CHIETI Tel. 0873.913121-913106 Fax 0873.913175 P.I. 00243570694 Piazza Donato Iezzi, 15 66020 Torino di Sangro PEC protocollo@comunetorinodisangro.legalmail.it www.comune.torinodisangro.ch.it

Dettagli

CANI E GATTI 15-01-09 16-01-2009 7:49 Pagina 1

CANI E GATTI 15-01-09 16-01-2009 7:49 Pagina 1 CANI E GATTI 15-01-09 16-01-2009 7:49 Pagina 1 CANI E GATTI 15-01-09 16-01-2009 7:49 Pagina 2 CANI E GATTI 15-01-09 16-01-2009 7:49 Pagina 3 I CANI, I GATTI E... NOI Manuale per un corretto rapporto INDICE

Dettagli

proposta di legge n. 482

proposta di legge n. 482 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 482 a iniziativa dei Consiglieri Busilacchi, Comi, D Anna, Badiali, Camela, Eusebi, Natali, Pieroni, Bugaro, Foschi, Perazzoli presentata in

Dettagli

Via Stephenson, 94, 20157 Milano (Italy), Tel. +39 02 3568661, Fax +39 02 38203163, mail@icps.it, www.icps.it. Milano,14 giugno 2011

Via Stephenson, 94, 20157 Milano (Italy), Tel. +39 02 3568661, Fax +39 02 38203163, mail@icps.it, www.icps.it. Milano,14 giugno 2011 Centro Internazionale per gli Antiparassitari e la Prevenzione Sanitaria International Centre for Pesticides and Health Risk Prevention (ICPS) Via Stephenson, 94, 20157 Milano (Italy), Tel. +39 02 3568661,

Dettagli

Premesso: Comune di Casalecchio di Reno. Servizi al Cittadino Il Dirigente. tel. 051 598 394 fax 051 598 200 escoccati@comune.casalecchio.bo.

Premesso: Comune di Casalecchio di Reno. Servizi al Cittadino Il Dirigente. tel. 051 598 394 fax 051 598 200 escoccati@comune.casalecchio.bo. Comune di Casalecchio di Reno Via dei Mille, 9 40033 Casalecchio di Reno (BO) Servizi al Cittadino Il Dirigente L'anno 2010, il giorno del mese di, in Casalecchio di Reno, nella Residenza Municipale, con

Dettagli

Città di Maratea REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE

Città di Maratea REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE Città di Maratea REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 68 del 23.10.2015 1 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art.

Dettagli

MILANO - MARTEDÌ, 25 LUGLIO 2006. Sommario. [3.2.0] Lotta al randagismo e tutela degli animali di affezione... 6

MILANO - MARTEDÌ, 25 LUGLIO 2006. Sommario. [3.2.0] Lotta al randagismo e tutela degli animali di affezione... 6 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - MARTEDÌ, 25 LUGLIO 2006 1º SUPPLEMENTO ORDINARIO Sommario Anno XXXVI - N. 148 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO 10405 10/11/2014 Identificativo Atto n. 552 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DETERMINAZIONI RELATIVE ALL ATTUAZIONE DELLA DGR 2513 DEL 17/10/2014 PRIMA ATTUA- ZIONE DELLA

Dettagli