L04 - SOAP. Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L04 - SOAP. Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 1"

Transcript

1 L04 - SOAP Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 1

2 SOAP SOAP e un Meccanismo per la comunicazione tra processi SOAP consente alle applicazioni di scambiarsi messaggi Codifica il contenuto dei messaggi in XML Impacchetta il contenuto codificato, per il trasferimento Applicazione A Applicazione B XML Content XML Message Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 2

3 Definizione W3C SOAP is a lightweight protocol intended for exchanging structured information in a decentralized, distributed environment SOAP uses XML technologies to define an extensible messaging framework providing a message construct that can be exchanged over a variety of underlying protocols The framework has been designed to be independent of any particular programming model and other implementation specific semantics Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 3

4 Specifica SOAP 1/2 Messagging Framework Un formato di messaggio per la comunicazione one-way che descrive come un messaggio deve essere contenuto in un documento XML una suite di elementi XML per il packaging messaggi XML da scambiare tra sistemi Com è fatto un messaggio (SOAP envelope e header) Protocol bindings Regole per trasmettere messaggi SOAP sopra un dato protocollo di trasporto In genere: HTTP binding Processing model Un set di regole che devono essere seguire quando si elabora un messaggio SOAP e una classificazione di entità coinvolte nell elaborazione di un messaggio SOAP. Specifica inoltre quali parti del messaggio dovrebbero essere lette da chi e come reagire nel caso in cui il contenuto non venga capito Permette a più nodi intermediari di agire sul messaggio Regole per gestire un messaggio SOAP lungo il path tra sender e receiver Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 4

5 Specifica SOAP 2/2 Meccanismo di serializzazione (SOAP encoding rules) Meccanismo di RPC (SOAP RPC representation) oltre a quello EDI (SOAP DOC representation) Standard way for mapping RPC calls onto SOAP messages A set of conventions on how to turn an RPC call into a SOAP message and back as well as how to implement the RPC style of interaction (how the client makes an RPC call, this is translated into a SOAP message, forwarded, turned into an RPC call at the server, the reply of the server converted into a SOAP message, sent to the client, and passed on to the client as the return of the RPC call) Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 5

6 Storia SOAP 1.0 (1997): An XML-based protocol per accedere a oggetti XML-RPC (1998): un sottoinsieme di SOAP 1.0 SOAP 1.1 (2000): Widely supported, de facto standard SOAP 1.2 (2003, june): W3C Recommendation W3C Recommendation (Second Edition) 27 April Obiettivo generale: protocollo interoperabile per accedere a oggetti Attualmente: focus su framework generalizzato per messaggistica XML Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 6

7 Standard W3C SOAP 1.2 is W3C recommendation SOAP 1.2 Part 1 defines SOAP Processing Model SOAP Message Construct SOAP 1.2 Part 2 defines Data model for SOAP Binding to HTTP Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 7

8 Architettura SOAP Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 8

9 Caratteristiche principali 1/3 Indipendente da Protocollo di trasmissione Linguaggio di programmazione Piattaforma e Sistema operativo utilizzati Usabile sopra vari protocolli di trasporto TCP, HTTP, SMTP, etc. Devono essere definiti Standard protocol bindings: i.e., specifiche che definiscono come il messaggio soap viene gestito da ciascun protocollo Stateless Non specifica la semantica dei dati che trasporta Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 9

10 Caratteristiche principali 2/3 Supporto a una varietà di modelli di programmazione RPC-like request-response One-way messaging etc. Estensibilità Permette l aggiunta di feature secondo un approccio stratificato Es. WS-Security, WS-Routing Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 10

11 Caratteristiche principali 3/3 2 stili principali Document-style SOAP per applicazioni EDI (Electronic Data Interchange) RPC-style SOAP per applicazioni RPC (Remote Procedure Call) RPC Chiamata di funzione su oggetto remoto Funzione + parametri di input Ritorno di una funzione EDI Documento XML Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 11

12 SOAP Messagging Framewok Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 12

13 Struttura del messaggio SOAP SOAP è basato sullo scambio di messaggi I messaggi SOAP sono visti come buste in cui le applicazioni includono i dati da inviare Un messaggio ha due parti principali Header: può essere diviso in blocchi body: può essere diviso in blocchi Header è opzionale e il body obbligatorio L uso di header e body è, comunque, implicito. Il body è usato a livello delle applicazioni, l header dall infrastruttura di comunicazione Header Blocks (specificano come processare il messaggio: autenticazione, autorizzazione, routing, etc.) SOAP Envelope SOAP header Header Block SOAP Body Body Block Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 13

14 Struttura del messaggio SOAP SOAP Message with Attachments Primary MIME part (text/xml) Attachment Attachment SOAP Envelope SOAP Header Header Entry Header Entry SOAP Body Body Entry Attachment Body Entry Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 14

15 Struttura del messaggio SOAP (XML) <SOAP-ENV:Envelope xmlns:soap-env= > <SOAP-ENV:Header> <!--optional --> <!--header blocks go here --> </SOAP-ENV:Header> <SOAP-ENV:Body> <!--payload orfault element goes here --> </SOAP-ENV:Body> </SOAP-ENV:Envelope> SOAP 1.1 SOAP 1.2 Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 15

16 Example (no Header) <SOAP-ENV:Envelope xmlns:soap-env="http://schemas.xmlsoap.org/soap/envelope/" SOAP- ENV:encodingStyle="http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/"> <SOAP-ENV:Body> <m:getlasttradeprice xmlns:m="some-uri"> <m:symbol>dis</m:symbol> </m:getlasttradeprice> </SOAP-ENV:Body> </SOAP-ENV:Envelope> XML name space identifier for SOAP serialization XML name space identifier for SOAP envelope From the: Simple Object Access Protocol (SOAP) 1.1. W3C Note 08 May 2000 Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 16

17 SOAP, Header e Body <SOAP-ENV:Envelope xmlns:soap-env="http://schemas.xmlsoap.org/soap/envelope/" SOAP-ENV:encodingStyle="http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/"/> <SOAP-ENV:Header> <t:transaction xmlns:t="some-uri" SOAP-ENV:mustUnderstand="1"> 5 </t:transaction> </SOAP-ENV:Header> <SOAP-ENV:Body> <m:getlasttradeprice xmlns:m="some-uri"> <m:symbol>def</m:symbol> </m:getlasttradeprice> </SOAP-ENV:Body> </SOAP-ENV:Envelope> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 17

18 SOAP Header L header è il contenitore generico per le informazioni che non sono necessariamente dipendenti dalle applicazioni (l applicazione può anche non essere a conoscenza del fatto che l header sia presente nel messaggio) SOAP 1.1 e 1.2 non specificano il contenuto dell header L header è il posto dove vengono inserite le istruzioni per il processore SOAP che riceve il messaggio Mittente e destinatario devono concordare sul contenuto dell header (e sulla semantica) Tipici utilizzi dell header sono: identificativi (es. per transazioni), informazioni per la gestione della sicurezza (es. certificati) Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 18

19 SOAP Header Blocks Elementi figli di SOAP Header Progettati anticipando vari usi di SOAP da part di nodi chiamati SOAP intermediaries Permettono agli intermediari SOAP di offrire servizi a valore aggiunto Possono essere analizzati, inseriti, cancellati o inoltrati da nodi SOAP incontrati lungo il percorso di un messaggio SOAP Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 19

20 SOAP Header - usi Usato per le estensioni Context Authentication Transaction Management Routing information Molte attività di standardizzazioni sui Web services in pratica definiscono header entries standard per un particolare dominio Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 20

21 SOAP Body Contiene le informazioni a carattere applicativo Fatto di Body blocks (Body entries) Sintatticamente equivalenti a header entry con attributi actor= ultimatereceiver e mustunderstand = 1 Trasporta informazione end-to-end Application data (XML document) (document style) RPC method and parameters (rpc style) SOAP fault Per notificare un errore nell elaborazione del messaggio SOAP SOAP specifica i contenuti di alcune body entries: Tradurre RPC in un insieme di SOAP body entries Messaggio di Fault Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 21

22 Esempio 1 - Messaggio SOAP <s:envelope xmlns:s= > <s:header> <m:transaction xmlns:m= soap-transaction s:mustunderstand= true > <transactionid>1234</ <m:transactionid>1234</m:transactionid> </m:transaction> </s:header> <s:body> <s:body> <n:ordineacquisto xmlns:n= urn:orderservice > <n:ordineacquisto <da><persona>luigi xmlns:n= urn:orderservice > Bianchi</persona> <da><persona>luigi <dipartimento>vendite Bianchi</persona> </dipartimento></da> <a><persona>mario <dipartimento>vendite Rossi</persona> </dipartimento></da> <a><persona>mario <dipartimento>acquisti Rossi</persona> </dipartimento></a> <ordine><quantita >12 <dipartimento>acquisti </quantita > </dipartimento></a> <ordine><quantita >12 <articolo>calzini lana</articolo></ordine> </quantita > </n:ordineacquisto> <articolo>libri</articolo></ordine> </s:body> </n:ordineacquisto> </s:body> </s:envelope> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 22

23 Esempio 2 Messaggio SOAP RPC Esempio con Purchase Order XML SOAP-RPC Modello per rappresentare una RPC e la risposta associata usando il message framework di SOAP Body usato per invocare il metodo e passare i parametri di ingresso Header usato per i servizi infrastrutturali (es. gestione della transazione) Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 23

24 Esempio 2 Messaggio SOAP RPC <s:envelope xmlns:s= > <s:header> <m:transaction xmlns:m= soap-transaction s:mustunderstand= true > <transactionid>34</ transactionid> </m:transaction> </s:header> <s:body> <s:body> <n:getquote xmlns:n= urn:quoteservice > <n:getquote <symbol xsi:type= xsd:string > xmlns:n= urn:quoteservice > </symbol> <n:symbol xsi:type= xsd:string > </n:getquote> IBM </n:symbol> </s:body> </n:getquote> </s:body> </s:envelope> IBM Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 24

25 Esempio Risposta SOAP <s:envelope xmlns:s= > <s:body> <n:getquoteresponse xmlns:n= urn:quoteservice > xmlns:n= urn:quoteservice > <value xsi:type= xsd:float > <value xsi:type= xsd:float > </value> </n:getquoteresponse> </value> </s:body> </n:getquoteresponse> </s:body> </s:envelope> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 25

26 SOAP Fault Usato per trasportare informazioni di errore e/o di stato Quattro sotto-elementi Faultcode Tipo di errore; XML Qualified Name Faultstring Descrizione human-readable dell errore Faultactor Sorgente dell errore Detail Dettaglia l errore SOLO SE e legato al contenuto del body, informazione application-dependent sulla natura dell errore Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 26

27 Fault Code Fault Code predefiniti VersionMismatch: Namespace non valido in una SOAP envelope MustUnderstand: Un blocco header con il flag MustUndestand non e stato capito Client: Indica un errore lato client Server: Indica un errore lato server I codici possono essere dettagliati (qualificati) Client.Authentication Un servizio web puo definire i propri Fault code <s:fault xmlns:abc= urn:imieicustomfaults > <faultcode>abc:erroredicalcolo</faultcode> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 27

28 Es. 1 Fault Message <s:envelope xmlns:s= > <s:body> <s:fault> <faultcode>client.authentication</faultcode> <faultstring> Invalid credentials </faultstring> <faultactor>http://acme.com</faultcode> <details> <!-- dettagli specifici dell applicazione --> </details> </s:fault> </s:body> </s:envelope> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 28

29 Es. 2 Causa di SOAP Fault <env:envelope xmlns:env='http://www.w3.org/2001/06/soap-envelope'> <env:header> <abc:extension1 xmlns:abc='http://example.org/2001/06/ext' env:mustunderstand='1' /> <def:extension2 xmlns:def='http://example.com/stuff' env:mustunderstand='1' /> </env:header> <env:body>... </env:body> </env:envelope> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 29

30 Es. 2 Messaggio di SOAP Fault <env:envelope xmlns:env='http://www.w3.org/2001/06/soap-envelope' xmlns:f='http://www.w3.org/2001/06/soap-faults' > <env:header> <f:misunderstood qname='abc:extension1' xmlns:abc='http://example.org/2001/06/ext'/> <f:misunderstood qname='def:extension2' xmlns:def='http://example.com/stuff'/> </env:header> <env:body> <env:fault> <faultcode>mustunderstand</faultcode> <faultstring> One or more mandatory headers not understood </faultstring> </env:fault> </env:body> </env:envelope> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 30

31 SOAP Message Exchange Model Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 31

32 SOAP Exchange Model SOAP è un messaging framework per trasferire informazioni rappresentate nella forma di un XML infoset tra un SOAP sender e un SOAP receiver Gli scenari d uso più interessanti in genere richiedono più scambi di messaggi tra questi due nodi Lo scambio più semplice è il pattern request and response Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 32

33 Request-response pattern Scambio di messaggi Conversational Usato per scambiare documenti XML La semantica del messaggio è trattata a livello di applicazioni lato mittente e destinatario Può essere un pattern di scambio di messaggi multipli RPC (Remote Procedure Call) Usato quando è opportuno modellare un certo comportamento programmatico Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 33

34 Conversational Message Exchange Esempio Scambio di messaggi XML tra applicazioni per la prenotazione di aerei Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 34

35 Es. 1 Reservation Request message 1/2 <?xml version='1.0'?> <env:envelope xmlns:env="http://www.w3.org/2003/05/soap-envelope"> <env:header> <m:reservation xmlns:m="http://travelcompany.example.org/reservation" env:role="http://www.w3.org/2003/05/soap-envelope/role/next" env:mustunderstand="true"> <m:reference>uuid:093a2da1-q r-ba5dpqff98fe8j7d</m:reference> <m:dateandtime> t13:20: :00</m:dateandtime> </m:reservation> <n:passenger xmlns:n="http://mycompany.example.com/employees" env:role="http://www.w3.org/2003/05/soap-envelope/role/next" env:mustunderstand="true"> <n:name>åke Jógvan Øyvind</n:name> </n:passenger> </env:header> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 35

36 Es. 1 Reservation Request message 2/2 <env:body> <p:itinerary xmlns:p="http://travelcompany.example.org/reservation/travel"> <p:departure> <p:departing>new York</p:departing> <p:arriving>los Angeles</p:arriving> <p:departuredate> </p:departuredate> <p:departuretime>late afternoon</p:departuretime> <p:seatpreference>aisle</p:seatpreference> </p:departure> <p:return> <p:departing>los Angeles</p:departing> <p:arriving>new York</p:arriving> <p:departuredate> </p:departuredate> <p:departuretime>mid-morning</p:departuretime> <p:seatpreference/> </p:return> </p:itinerary> <q:lodging xmlns:q="http://travelcompany.example.org/reservation/hotels"> <q:preference>none</q:preference> </q:lodging> </env:body> </env:envelope> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 36

37 Es. 2 SOAP Message Response Travel Reservation 1/2 <?xml version='1.0'?> <env:envelope xmlns:env="http://www.w3.org/2003/05/soap-envelope"> <env:header> <m:reservation xmlns:m="http://travelcompany.example.org/reservation" env:role="http://www.w3.org/2003/05/soap-envelope/role/next" env:mustunderstand="true"> <m:reference>uuid:093a2da1-q r-ba5d-pqff98fe8j7d</m:reference> <m:dateandtime> t13:35: :00</m:dateandtime> </m:reservation> <n:passenger xmlns:n="http://mycompany.example.com/employees" env:role="http://www.w3.org/2003/05/soap-envelope/role/next" env:mustunderstand="true"> <n:name>åke Jógvan Øyvind</n:name> </n:passenger> </env:header> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 37

38 Es. 2 SOAP Message Response Travel Reservation 2/2 <env:body> <p:itineraryclarification xmlns:p="http://travelcompany.example.org/reservation/travel"> <p:departure> <p:departing> <p:airportchoices> JFK LGA EWR </p:airportchoices> </p:departing> </p:departure> <p:return> <p:arriving> <p:airportchoices> JFK LGA EWR </p:airportchoices> </p:arriving> </p:return> </p:itineraryclarification> </env:body> </env:envelope> Application-defined schema Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 38

39 Es. 3 SOAP Message Travel Reservation 1/2 <?xml version='1.0'?> <env:envelope xmlns:env="http://www.w3.org/2003/05/soap-envelope"> <env:header> <m:reservation xmlns:m="http://travelcompany.example.org/reservation" env:role="http://www.w3.org/2003/05/soap-envelope/role/next" env:mustunderstand="true"> <m:reference>uuid:093a2da1-q r-ba5d-pqff98fe8j7d</m:reference> <m:dateandtime> t13:36: :00</m:dateandtime> </m:reservation> <n:passenger xmlns:n="http://mycompany.example.com/employees" env:role="http://www.w3.org/2003/05/soap-envelope/role/next" env:mustunderstand="true"> <n:name>åke Jógvan Øyvind</n:name> </n:passenger> </env:header> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 39

40 Es. 3 SOAP Message Travel Reservation 2/2 <env:body> <p:itinerary xmlns:p="http://travelcompany.example.org/reservation/travel"> <p:departure> <p:departing>lga</p:departing> </p:departure> <p:return> <p:arriving>ewr</p:arriving> </p:return> </p:itinerary> </env:body> </env:envelope> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 40

41 Remote Procedure Call Informazioni richieste 1. Indirizzo del nodo SOAP destinatario 2. Nome del metodo 3. Tipo e valore degli argomenti da passare e dei parametri di uscita 4. Chiara separazione tra gli argomenti usati per identificare la risorsa web e il target dell RPC, rispetto agli argomenti usati per trasportare dati o informazioni di controllo usati per elaborare la chiamata da parte della risorsa target Risorsa Web è specificata in forma di URI Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 41

42 Remote Procedure Call 5. Il pattern di scambio dei messaggi che è usato per trasportare l RPC, e l identificazione del Web-Method da usare 6. Opzionalmente, dati che possono essere trasportati nei SOAP header blocks Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 42

43 SOAP RPC Request 1/2 <?xml version='1.0'?> <env:envelope xmlns:env="http://www.w3.org/2003/05/soap-envelope" > <env:header> <t:transaction xmlns:t="http://thirdparty.example.org/transaction" env:encodingstyle="http://example.com/encoding" env:mustunderstand="true" >5</t:transaction> </env:header> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 43

44 SOAP RPC Request 2/2 <env:body> <m:chargereservation env:encodingstyle="http://www.w3.org/2003/05/soap-encoding" xmlns:m="http://travelcompany.example.org/"> <m:reservation xmlns:m="http://travelcompany.example.org/reservation"> <m:code>ft35zbq</m:code> </m:reservation> <o:creditcard xmlns:o="http://mycompany.example.com/financial"> <n:name xmlns:n="http://mycompany.example.com/employees"> Åke Jógvan Øyvind </n:name> <o:number> </o:number> <o:expiration> </o:expiration> </o:creditcard> </m:chargereservation> </env:body> Method name </env:envelope> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 44

45 RPC response with two output parameters <?xml version='1.0'?> <env:envelope xmlns:env="http://www.w3.org/2003/05/soap-envelope" > <env:header> <t:transaction xmlns:t="http://thirdparty.example.org/transaction" env:encodingstyle="http://example.com/encoding" env:mustunderstand="true">5</t:transaction> </env:header> <env:body> <m:chargereservationresponse env:encodingstyle="http://www.w3.org/2003/05/soap-encoding" xmlns:m="http://travelcompany.example.org/"> <m:code>ft35zbq</m:code> <m:viewat> </m:viewat> </m:chargereservationresponse> </env:body> </env:envelope> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 45

46 RPC response with a "return" value and two "out" parameters <?xml version='1.0'?> <env:envelope xmlns:env="http://www.w3.org/2003/05/soap-envelope" > <env:header> <t:transaction xmlns:t="http://thirdparty.example.org/transaction" env:encodingstyle="http://example.com/encoding" env:mustunderstand="true">5</t:transaction> </env:header> <env:body> <m:chargereservationresponse env:encodingstyle="http://www.w3.org/2003/05/soap-encoding" xmlns:rpc="http://www.w3.org/2003/05/soap-rpc" xmlns:m="http://travelcompany.example.org/"> <rpc:result>m:status</rpc:result> <m:status>confirmed</m:status> <m:code>ft35zbq</m:code> <m:viewat> </m:viewat> </m:chargereservationresponse> </env:body> </env:envelope> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 46

47 SOAP with Attachments 1/2 SOAP is based on XML and relies on XML for representing data types The original idea in SOAP was to make all data exchanged explicit in the form of an XML document much like what happens with IDLs in conventional middleware platforms This approach reflects the implicit assumption that what is being exchanged is similar to input and output parameters of program invocations This approach makes it very difficult to use SOAP for exchanging complex data types that cannot be easily translated to XML (and there is no reason to do so): images, binary files, documents, proprietary representation formats, embedded SOAP messages, etc. Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 47

48 SOAP with Attachments 2/2 There is a SOAP messages with attachments note proposed in that addresses this problem It uses MIME types (like s) and it is based in including the SOAP message into a MIME element that contains both the SOAP message and the attachment (see next page) The solution is simple and it follows the same approach as that taken in messages: include a reference and have the actual attachment at the end of the message The MIME document can be embedded into an HTTP request in the same way as the SOAP message Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 48

49 From SOAP Messages with Attachments. W3C Note 11 December 2000 Attachment in SOAP MIME-Version: 1.0 Content-Type: Multipart/Related; boundary=mime_boundary; type=text/xml; Content-Description: This is the optional message description. --MIME_boundary Content-Type: text/xml; charset=utf-8 Content-Transfer-Encoding: 8bit Content-ID: SOAP MESSAGE <?xml version='1.0'?> <SOAP-ENV:Envelope xmlns:soap- ENV="http://schemas.xmlsoap.org/soap/envelope/"> <SOAP-ENV:Body>.. <thesignedform </SOAP-ENV:Body> </SOAP-ENV:Envelope> --MIME_boundary Content-Type: image/tiff Content-Transfer-Encoding: binary Content-ID: ATTACHMENT...binary TIFF image... --MIME_boundary-- Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 49

50 Discussion Problems with this approach: handling the message implies dragging the attachment along, which can have performance implications for large messages scalability can be seriously affected as the attachment is sent in one go (no streaming) not all SOAP implementations support attachments SOAP engines must be extended to deal with MIME types (not too complex but it adds overhead) Alternative: WS-Attachment Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 50

51 SOAP BINDING Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 51

52 SOAP over HTTP Il binding di SOAP verso un protocollo di trasporto è la descrizione di come un messaggio SOAP debba essere inviato usando quel protocollo di trasporto Il binding più usuale per SOAP è verso HTTP Lo scopo del binding su HTTP è duplice Assicurare che il messaggio SOAP sia trasportato in un modo consistente col il modello dei messaggi HTTP Indicare ai server HTTP che si tratta di un messaggio SOAP Permette ai server di discriminare un messaggio SOAP senza conoscere le specifiche SOAP Il binding in genere è definito per richieste HTTP POST Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 52

53 HTTP Il client identifica il server tramite una URI Si connette usando i protocolli TCP/IP Invia una richiesta HTTP e riceve una risposta HTTP sulla stessa connessione TCP Correlazione possibile (ma non obbligatoria!) SOAP request - HTTP request SOAP response - HTTP response SOAP node - Request-URI Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 53

54 SOAP over HTTP SOAP può usare i metodi HTTP GET o POST. Uso di HTTP POST per inviare messaggi SOAP attraverso messaggi HTTP di richiesta e risposta (SOAP requestresponse message exchange pattern) Uso tipico per la maggior parte dei Web Service e usato per RPC Uso di HTTP GET in una HTTP request per ottenere un messaggio SOAP nel messaggio di HTTP response (SOAP response message exchange pattern). Esclude l uso di header per SOAP 1.2, mentre SOAP1.1 considera principalmente l uso di POST Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 54

55 HTTP Binding rules HTTP Binding Usa il metodo HTTP POST Usa il SOAPAction HTTP header Una SOAP request non richiede una SOAP response Lo scopo dell header SOAPAction è di fornire al destinatario del messaggio HTTP informazioni per consegnare il messaggio, senza dover analizzare la busta SOAP indica lo scopo, non il destinatario richiesto in SOAP 1.1 e opzionale in SOAP 1.2 Sono usati i codici di errore e di stato di HTTP HTTP POST SOAP Envelope SOAP header Transactional context SOAP Body Name of Procedure Input parameter 1 Input parameter 2 Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 55

56 From the: Simple Object Access Protocol (SOAP) 1.1. W3C Note 08 May 2000 HTTP Request POST /StockQuote HTTP/1.1 Host: Content-Type: text/xml; charset="utf-8" Content-Length: nnnn SOAPAction: "Some-URI" <SOAP-ENV:Envelope xmlns:soap-env="http://schemas.xmlsoap.org/soap/envelope/" SOAP-ENV:encodingStyle="http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/"> <SOAP-ENV:Body> <m:getlasttradeprice xmlns:m="some-uri"> <m:symbol>dis</m:symbol> </m:getlasttradeprice> </SOAP-ENV:Body> </SOAP-ENV:Envelope> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 56

57 From the: Simple Object Access Protocol (SOAP) 1.1. W3C Note 08 May 2000 HTTP Response HTTP/ OK Content-Type: text/xml; charset="utf-8" Content-Length: nnnn <SOAP-ENV:Envelope xmlns:soap-env="http://schemas.xmlsoap.org/soap/envelope/" SOAP- ENV:encodingStyle="http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/"/> <SOAP-ENV:Body> <m:getlasttradepriceresponse xmlns:m="some-uri"> <m:price>34.5</m:price> </m:getlasttradepriceresponse> </SOAP-ENV:Body> </SOAP-ENV:Envelope> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 57

58 HTTP-Get Request GET /travelcompany.example.org/reservations?code=ft35zbq HTTP/1.1 Host: travelcompany.example.org Accept: text/html;q=0.5, application/soap+xml Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 58

59 HTTP-Get Response HTTP/ OK Content-Type: application/soap+xml; charset="utf-8" Content-Length: nnnn <?xml version='1.0'?> <env:envelope xmlns:env="http://www.w3.org/2003/05/soap-envelope"> <env:header> <m:reservation xmlns:m="http://travelcompany.example.org/reservation" env:role="http://www.w3.org/2003/05/soap-envelope/role/next" env:mustunderstand="true"> <m:reference>uuid:093a2da1-q r-ba5dpqff98fe8j7d</m:reference> <m:dateandtime> t16:25: :00</m:dateandtime> </m:reservation> </env:header> <env:body> <rdf:rdf xmlns:rdf="http://www.w3.org/1999/02/22-rdf-syntax-ns#" xmlns:x="http://travelcompany.example.org/vocab#" env:encodingstyle="http://www.w3.org/1999/02/22-rdf-syntax-ns#"> <x:reservationrequest rdf:about="http://travelcompany.example.org/reservations?code=ft35zbq"> <x:passenger>åke Jógvan Øyvind</x:passenger> <x:outbound> <x:travelrequest> <x:to>lax</x:to> <x:from>lga</x:from> <x:date> </x:date> </x:travelrequest> </x:outbound> <x:return> <x:travelrequest> <x:to>jfk</x:to> <x:from>lax</x:from> <x:date> </x:date> </x:travelrequest> </x:return> </x:reservationrequest> </rdf:rdf> </env:body> </env:envelope> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 59

60 HTTP POST SOAP Envelope SOAP header Transactional context From the: Gustavo Alonso Web Services: Concepts, Architectures and Applications Ch. 6 SERVICE REQUESTER SOAP Body Name of Procedure Input parameter 1 Input parameter 2 SERVICE PROVIDER RPC call Procedure SOAP engine HTTP engine HTTP Acknowledgement HTTP engine SOAP engine SOAP Envelope SOAP header Transactional context SOAP Body Return parameter Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 60

Ultimo aggiornamento sett13

Ultimo aggiornamento sett13 Ultimo aggiornamento sett13 INDICE 1. Invio singolo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...3 1.1 - Messaggi singoli concatenati...4 2. Invio multiplo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...4 2.1 - Messaggi

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL)

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Corso di Sistemi Distribuiti Stefano

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M I T P E l e t t r o n i c a Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M M. Guerriero*, V. Ferrara**, L. de Santis*** * ITP Elettronica ** Dipartimento di Ingegneria Elettronica Univ. La Sapienza

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Pagina 1 di 48 INDICE 1 MODIFICHE DOCUMENTO...4 2 RIFERIMENTI...4 3 TERMINI E DEFINIZIONI...4

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Profilo di certificato digitale per l autenticazione mediante. Carta Nazionale dei Servizi (CNS)

Profilo di certificato digitale per l autenticazione mediante. Carta Nazionale dei Servizi (CNS) Profilo di certificato digitale per l autenticazione mediante Carta Nazionale dei Servizi (CNS) Per ragioni di chiarezza nell interpretazione del profilo il testo è stato redatto secondo le indicazioni

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE Università degli studi di Catania Facoltà di Ingegneria 26 Gennaio 2009 Sommario 1 Introduzione 2 Middleware Middleware:

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public:

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public: 1 Pila.h versione 6 struct Pila { private: int size; int defaultgrowthsize; int marker; int * contenuto; void cresci(int increment); public: Pila(int initialsize) ; Pila(); ~Pila() ; void copy(pila * to)

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Specifiche API. Gestione utenti multipli

Specifiche API. Gestione utenti multipli Specifiche API Gestione utenti multipli v1.3.73 Last update: Ludovico 28/12/2009 Sommario Descrizione del servizio... 3 Come diventare partner... 3 Modalità di accesso al servizio con gestione utenti multipli...

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi Prof. S.Pizzutilo Elementi

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1 SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013 Versione 1.1 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 1.1 DEFINIZIONI 4 2. MODALITÀ DI EMISSIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE

Dettagli

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE 1.1 CARATTERISTICHE DEL SUPPORTO IMMODIFICABILE E SUO FILE-SYSTEM... 2 1.2 SICUREZZA

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE 3 1.1 Autori 3 1.2 Modifiche Documento 3 1.3 Riferimenti 4 1.4 Acronimi e Definizioni 4 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza.

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza. Relazione tecnica Fibonacci ANDENA GIANMARCO Traccia: Creare un algoritmo che permetta, dato un valore intero e positivo, di stabilire la sequenza utilizzando la regola di fibonacci dei numeri fino al

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013

Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013 i-contact srl via Simonetti 48 32100 Belluno info@i-contact.it tel. 0437 1835 001 fax 0437 1900 125 p.i./c.f. 0101939025 Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013 1. Introduzione Il seguente

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli