Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. M. De Bonis, Dichiarazione dei redditi precompilata, n. 45/2014, pag. 19

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. M. De Bonis, Dichiarazione dei redditi precompilata, n. 45/2014, pag. 19"

Transcript

1 M. De Bonis, Dichiarazione dei redditi precompilata, n. 45/2014, pag. 19 Dalla Certificazione Unica alla dichiarazione precompilata di Giuseppe Marianetti e Marco Strafile L introduzione, ad opera del decreto semplificazioni fiscali (D.Lgs. n. 175/2014), della cd. dichiarazione dei redditi precompilata attua un radicale cambio di prospettiva rispetto al passato. La strada della semplificazione, però, transita per un aggravio degli obblighi facenti capo ai datori di lavoro e ad altri soggetti; in particolare, la Certificazione Unica dei redditi erogati e delle ritenute effettuate dovrà, a partire dal 2015, essere trasmessa telematicamente all Agenzia delle entrate al fine di fornire i dati per la precompilazione della dichiarazione dei redditi. Tale adempimento potrebbe generare notevoli difficoltà per le aziende soprattutto considerando i tempi ristretti per adeguare le procedure interne. L anno 2015 sarà foriero di novità per i lavoratori dipendenti e assimilati e per i datori di lavoro che dovranno confrontarsi con nuovi adempimenti e procedure. Ci si riferisce alla Certificazione Unica (che sostituirà il CUD) e alla dichiarazione dei redditi precompilata che rappresenterà una svolta epocale rispetto alla precedente modalità di determinazione e versamento delle imposte. I due adempimenti sono strettamente collegati (1) posto che i dati che i sostituti d imposta dovranno comunicare all Agenzia delle entrate saranno poi utilizzati per la precompilazione del modello 730. Si diceva dell importanza delle novità e della forte cesura rispetto al passato; prova di ciò è l attenzione che la stessa Amministrazione ha prestato nei confronti di tali adempimenti. La prima bozza della Certificazione Unica, difatti, è stata rilasciata il 26 settembre e il 21 novembre è stata pubblicata una nuova versione del modello corredato dalle istruzioni. Del pari, bozza del modello 730/2015 e delle istruzioni sono stati resi disponibili in data 1 dicembre. D altra parte le scadenze non sono poi così lontane; la Certificazione Unica dovrà essere trasmessa entro il 9 marzo 2015 ed il modello 730/2015 precompilato sarà accessibile dai contribuenti a partire da 15 aprile I sostituti d imposta, dunque, devono sin da subito adeguare i propri sistemi informatici e le proprie procedure al fine di rispettare la scadenza di marzo visto che non dovrebbero sussistere spazi per una proroga del termine di invio (proprio in funzione del successivo adempimento dichiarativo). I prossimi mesi saranno decisamente caldi per le aziende anche considerando che alcune criticità della nuova Certificazione potrebbero emergere solo alla prova dei fatti. Certificazione Unica La Certificazione Unica deve essere inquadrata nel medesimo contesto normativo del CUD; i due modelli, difatti, sono emanati ai sensi del D.P.R. n. 22 luglio 1998, n. 322 e, non a caso, l art. 2 del D.Lgs. 21 novembre 2014, n. 175 (2), nell introdurre l obbligo di invio telematico della dichiarazione dei sostituti d imposta, emenda proprio il D.P.R. n. 322/1998. Come accennato in premessa, il termine per l invio telematico della Certificazione Unica è il 7 marzo dell anno successivo a quello in cui le somme ed i valori sono stati corrisposti (per il 2015 il termine sarà il 9 marzo, considerando che il 7 cadrà di sabato). Resta naturalmente an- Giuseppe Marianetti Avvocato Studio Tributario e Societario Network Deloitte Marco Strafile Dottore Commercialista - Studio Tributario e Societario Network Deloitte Note: (1) Sono entrambi previsti e disciplinati, difatti, nel D.Lgs. 21 novembre 2014, n (2) Attuativo della legge delega 11 marzo 2014, n. 23. Corriere Tributario 1/

2 cora vigente il termine del 28 febbraio per l effettuazione delle operazioni di conguaglio di fine anno e per la consegna della Certificazione Unica al lavoratore. Contenuti del nuovo modello Rispetto al modello CUD la Certificazione Unica si presenta, senza dubbio, più complessa. Pur non potendo entrare nel merito di ogni singola modifica, è importante innanzi tutto rilevare l introduzione di un apposito prospetto relativo ai familiari a carico del tutto analogo a quello previsto per il modello 730. Per quanto attiene all indicazione dei compensi, la Certificazione Unica contiene un maggior dettaglio in quanto si richiede al sostituto d imposta di fornire separata evidenza dei redditi di lavoro dipendente e assimilati per i quali spettano le detrazioni, di quelli per i quali dette detrazioni non competono e dei redditi da pensione. Decisamente più articolata è l evidenziazione degli oneri detraibili, che devono essere distinti a seconda della tipologia (ricorrendo a specifici codici) in linea con quanto viene fatto nella dichiarazione dei redditi. Viene poi ampliata la parte afferente ai redditi corrisposti da altri soggetti oggetto di conguaglio con la specifica del codice fiscale del terzo erogante, dei singoli redditi conguagliati, delle ritenute IRPEF, delle addizionali e delle somme legate alla produttività. Credito per le imposte pagate all estero Un cenno particolare merita l indicazione nella Certificazione Unica del credito per le imposte pagate all estero riconosciuto dal sostituto d imposta ai sensi dell art. 23, terzo comma, del D.P.R. n. 600/1973. Ai fini della determinazione del credito spettante sono necessarie alcune informazioni che, nel modello CUD, erano indicate nelle annotazioni (3). La Certificazione Unica LA NOVITA NORMATIVA Indicazione dei compensi nella Certificazione Unica Per quanto attiene all indicazione dei compensi, la Certificazione Unica contiene un maggior dettaglio rispetto al modello CUD in quanto si richiede al sostituto d imposta di fornire separata evidenza dei redditi di lavoro dipendente e assimilati per i quali spettano le detrazioni, di quelli per i quali dette detrazioni non competono e dei redditi da pensione. Decisamente più articolata è l evidenziazione degli oneri detraibili, che devono essere distinti a seconda della tipologia (ricorrendo a specifici codici) in linea con quanto viene fatto nella dichiarazione dei redditi. contiene ora specifici punti (da 115 a 119) in cui riportare: - il codice dello Stato estero; - l anno di percezione del reddito estero; - il reddito prodotto all estero; - l imposta estera definitiva. In realtà, nelle annotazioni al CUD erano contenuti ulteriori dati (fondamentali per il corretto calcolo del credito d imposta) aventi ad oggetto: - il reddito complessivo; - l imposta lorda italiana; - l imposta netta italiana. In fase di commento alla prima bozza di Certificazione Unica (4) (alla quale non erano accluse le istruzioni) era stato rilevato come le informazioni contenute fossero carenti e si auspicava una integrazione delle stesse; la scelta dell Amministrazione si è però orientata nel senso di includere i dati sopra indicati nelle annotazioni. Redditi di lavoro autonomo, diversi e provvigioni A partire dal 2015, inoltre, anche la certificazio- Note: (3) Ai fini della determinazione dell effettivo credito d imposta, difatti, è necessario individuare, ai sensi dell art. 165 del T.U.I.R., la quota di imposta lorda italiana corrispondente al rapporto tra reddito estero e reddito complessivo e l imposta netta dell anno di produzione del reddito estero. L ulteriore limite fissato dall art. 165, comma 10, del T.U.I.R. (ossia la riproporzione dell imposta estera nel caso in cui il reddito estero concorra parzialmente alla formazione del reddito complessivo), non trova evidenziazione nella certificazione in quanto è frutto di un calcolo, per così dire, extracontabile da parte del sostituto o del contribuente. (4) Si veda M. Strafile, Il nuovo Cud censisce i crediti esteri, in Il Sole 24 Ore del 30 settembre 2014, pag. 44. Ad avviso di chi scrive probabilmente nella prima bozza della Certificazione Unica non si è tenuto conto del fatto che il credito d imposta potesse essere afferente anche ad anni precedenti quello oggetto di certificazione e, pertanto, si riteneva che gli importi del reddito complessivo, dell imposta lorda e dell imposta netta fossero desumibili direttamente dal modello 730 precompilato ovvero dal modello UNICO. 24 Corriere Tributario 1/2015

3 ne dei compensi corrisposti ai titolari di redditi di lavoro autonomo e di alcuni redditi diversi, nonché dei compensi per rapporti di cui all art. 25-bis del D.P.R. n. 600/1973 (agenzia, mediazione, ecc.) dovrà transitare per la Certificazione Unica. Per tali tipologie di contribuenti in passato la certificazione era, per così dire, a forma libera. Questa novità, sin dalla pubblicazione della prima bozza di modello, ha preoccupato gli operatori del settore posto che normalmente le funzioni aziendali che gestiscono detti corrispettivi sono differenti da quelle che si occupano dei lavoratori dipendenti e assimilati. Il problema maggiore era l eventuale necessità di procedere ad un unico invio della Certificazione Unica con la conseguente difficoltà di armonizzare due flussi di dati che viaggiano in maniera separata nei software aziendali. La questione sembra essere risolta dalle istruzioni ministeriali che, almeno nella bozza attualmente disponibile, consentono un invio separato delle due certificazioni. Restano dubbi sull utilità della trasmissione di tali informazioni e, quantomeno, di quelle relative ai contribuenti che non possono avvalersi della dichiarazione precompilata (lavoratori autonomi, agenti ecc.). In tal caso, ad avviso di chi scrive, l adempimento non fa altro che duplicare quanto già richiesto in fase di presentazione del modello 770. LA NOVITA NORMATIVA Certificazione Unica omessa, tardiva o errata Il D.Lgs. n. 175/2014 introduce la sanzione di 100 euro per ogni dichiarazione omessa, tardiva o errata. Nei casi di errata trasmissione della Certificazione la predetta sanzione non è applicata se la trasmissione della corretta certificazione è effettuata entro i cinque giorni successivi alla scadenza prevista dalla norma. Alla sanzione de qua non si rendono applicabili, per espressa previsione, gli istituti del concorso e della continuazione; non sono pertanto possibili riduzioni in caso di commissione di più violazioni. Regime sanzionatorio Il D.Lgs. n. 175/2014 introduce la sanzione di 100 euro per ogni dichiarazione omessa, tardiva o errata. Nei casi di errata trasmissione della Certificazione la predetta sanzione non è applicata se la trasmissione della corretta certificazione è effettuata entro i cinque giorni successivi alla scadenza prevista dalla norma. E importante sottolineare che alla sanzione de qua non si rendono applicabili, per espressa previsione, gli istituti del concorso e della continuazione; non sono pertanto possibili riduzioni in caso di commissione di più violazioni. Si deve infine ritenere che la predetta sanzione sia applicabile per ogni tipo di errore di compilazione della Certificazione Unica e, quindi, anche per quelli che non influenzano la misura delle ritenute; ad esempio dovrebbe essere passibile di sanzione l inesatta o l incompleta compilazione delle annotazioni. Dichiarazione precompilata La dichiarazione dei redditi precompilata è prevista e disciplinata da varie disposizioni contenute nel D.Lgs. n. 175/2014. La completa migrazione a tale procedura automatizzata verrà perseguita con gradualità; ad esempio la trasmissione dei dati relativi alle spese sanitarie dovrebbe essere operativa solo a decorrere dal prossimo periodo d imposta, così come viene rimandata ad un successivo decreto del Ministero la disciplina dell invio di altre informazioni rilevanti, ai fini della deduzione e della detrazione, da parte di soggetti terzi (ad esempio spese di istruzione, erogazioni liberali, ecc.). In buona sostanza, per l anno 2014 i dati che confluiranno automaticamente nel 730 saranno i redditi di lavoro dipendente e assimilati corrisposti da sostituti d imposta (ma anche i compensi per lavoro autonomo occasionale) e le relative ritenute, i dati relativi alle detrazioni per familiari, le informazioni afferenti i redditi fondiari e alcuni oneri (ad esempio interessi per mutui, assicurazioni sulla vita, contributi previdenziali ed assistenziali). Come accennato, l Amministrazione ha già provveduto a rilasciare una prima bozza di modello 730/2015 e delle relative istruzioni nell ambito delle quali ampio spazio viene dedicato alla dichiarazione precompilata. In particolare, quest ultima verrà resa disponibile ai lavoratori Corriere Tributario 1/

4 dipendenti (e ai titolari di alcuni redditi assimilati) (5) e ai pensionati che hanno presentato il modello 730/2014 e ricevuto la Certificazione Unica La dichiarazione precompilata sarà inoltre accessibile anche per i contribuenti che, pur avendo i requisiti per presentare il modello 730, hanno utilizzato il modello UNICO Persone Fisiche 2014 ovvero che hanno presentato, oltre al modello 730, anche i quadri RM, RT e RW del modello UNICO. Il modello 730/2015 sarà disponibile a partire dal 15 aprile 2015; la data ultima per l invio è fissata al 7 luglio 2015 sia che il contribuente provveda allo stesso direttamente, sia che si avvalga del sostituto d imposta ovvero di un CAF o di un professionista. Naturalmente, il contribuente potrà anche decidere di non avvalersi della possibilità in commento e, pertanto, potrà procedere, entro la scadenza innanzi indicata, all invio del modello 730/2015 seguendo le ordinarie procedure. Accettazione con o senza modifiche Il contribuente potrà visionare il proprio modello 730 accedendo ad un apposita sezione del sito internet dell Agenzia delle entrate e decidere se accettare la dichiarazione ovvero apportare delle modifiche nel caso in cui le informazioni fossero inesatte o incomplete (ad esempio ove il contribuente intenda aggiungere oneri deducibili o detraibili). Nel sito internet, oltre al modello 730, sarà possibile visualizzare anche l esito delle liquidazione, il modello e un prospetto con l indicazione sintetica dei redditi e delle spese presenti nella dichiarazione e delle fonti da cui sono stati estratti tali dati. Poteri di controllo L adesione alla dichiarazione precompilata (con LA NOVITA NORMATIVA Poteri di controllo L adesione alla dichiarazione precompilata (con o senza modifiche) da parte del contribuente comporta una limitazione ai poteri di controllo dell Amministrazione finanziaria. Nel caso di presentazione della dichiarazione precompilata, direttamente o tramite il sostituto d imposta che presta l assistenza fiscale, senza modifiche non si effettua il controllo formale sui dati relativi agli oneri indicati nella dichiarazione precompilata forniti dai soggetti terzi. Resta però fermo il controllo della sussistenza delle condizioni soggettive che danno diritto alle detrazioni, alle deduzioni e alle agevolazioni. o senza modifiche) da parte del contribuente comporta una limitazione ai poteri di controllo dell Amministrazione finanziaria. Secondo l art. 5 del D.Lgs. n. 175/2014, difatti, nel caso di presentazione della dichiarazione precompilata, direttamente ovvero tramite il sostituto d imposta che presta l assistenza fiscale, senza modifiche non si effettua il controllo formale sui dati relativi agli oneri indicati nella dichiarazione precompilata forniti dai soggetti terzi (resta però fermo il controllo della sussistenza delle condizioni soggettive che danno diritto alle detrazioni, alle deduzioni e alle agevolazioni). Tale esclusione viene meno nel caso di presentazione, direttamente ovvero tramite il sostituto d imposta che presta l assistenza fiscale, della dichiarazione precompilata con modifiche che incidono sulla determinazione del reddito o dell imposta. Inoltre, non vengono effettuati i controlli recentemente introdotti dalla legge n. 147/2013 relativi alla spettanza delle detrazioni per carichi di famiglia in caso di rimborso complessivamente superiore a euro, anche determinato da eccedenze d imposta derivanti da precedenti dichiarazioni. Da ultimo, il comma 3 dell articolo in esame specifica che, nel caso di presentazione della dichiarazione precompilata, anche con modifiche, effettuata mediante CAF o professionista, il con- Nota: (5) Più nel dettaglio la dichiarazione precompilata è utilizzabile dai seguenti contribuenti titolari di redditi assimilati al lavoro dipendente: (i) lavoratori soci delle cooperative, (ii) titolari di borsa di studio o di assegno, premio o sussidio per fini di studio o di addestramento professionale, (iii) collaboratori coordinati e continuativi, (iv) sacerdoti, (v) percettori di indennità per cariche elettive con esclusione di quelle del Parlamento europeo, (vi) percettori di assegni periodici alla cui produzione non concorrono ne capitale ne lavoro e (vii) lavoratori socialmente utili. 26 Corriere Tributario 1/2015

5 trollo formale è effettuato nei confronti del CAF o del professionista, anche con riferimento ai dati relativi agli oneri, forniti da soggetti terzi, indicati nella dichiarazione precompilata. Resta fermo il controllo nei confronti del contribuente della sussistenza delle condizioni soggettive che danno diritto alle detrazioni, alle deduzioni e alle agevolazioni. Considerazioni conclusive L introduzione della dichiarazione precompilata attua un radicale cambio di prospettiva nei rapporti tra Amministrazione e contribuenti e, almeno da un punto di vista teorico, la valutazione non può che essere positiva. Residuano, però, alcuni dubbi sulla reale efficacia dello strumento, quantomeno nel breve periodo, legati essenzialmente alle difficoltà di ordine pratico che potrebbero compromettere la fruibilità della procedura. I contribuenti, difatti, avranno poco tempo per assimilare la novità; gli stessi, inoltre, dovranno dotarsi di un PIN di accesso alla piattaforma internet. Nella recente esperienza dell invio del CUD in formato elettronico ai pensionati, ad esempio, le complessità gestionali sono state notevoli e si può ritenere che, quantomeno per tale categoria di contribuenti, tali difficoltà si moltiplicheranno per il modello 730 precompilato. Molto probabilmente, la riforma sarà graduale e, ad avviso di chi scrive, il diretto coinvolgimento dei CAF e dei professionisti sarà di importanza fondamentale per la buona riuscita della stessa. Sarà altresì interessante verificare quali saranno i comportamenti che adotterà l Agenzia delle entrate nei casi in cui dalla dichiarazione precompilata emerga un debito e il contribuente, erroneamente, non presenti il modello 730 (ad esempio in caso di doppio rapporto di lavoro nel corso dell anno senza conguaglio). Ci si chiede se sarà inviata una comunicazione automatica di IL PROBLEMA APERTO Difficoltà di gestione della forza lavoro L errata predisposizione della Certificazione Unica potrebbe comportare, a prescindere dagli aspetti sanzionatori, anche difficoltà di gestione della forza lavoro. Con la dichiarazione dei redditi precompilata, difatti, i lavoratori dipendenti che non hanno altri redditi potrebbero anche non presentare il modello 730; orbene, se le ritenute fossero calcolate in modo errato, l automatica inclusione delle stesse nel modello precompilato genererebbe un debito d imposta di cui il lavoratore potrebbe essere del tutto ignaro, con la conseguente esposizione dello stesso a possibili sanzioni. irregolarità, eventualmente ai sensi dell art. 36-bis del D.P.R. n. 600/1973. Un profilo di sicura criticità è, inoltre, rappresentato dal nuovo regime di responsabilità per i CAF ed i professionisti i quali, in caso di apposizione di un visto di conformità infedele alla dichiarazione presentata con le modalità di cui al D.M. 31 maggio 1999, n. 164, saranno chiamati a rispondere con una sanzione di importo pari alle imposte, alle sanzioni ed agli interessi che sarebbero richiesti al contribuente ex art. 36-ter del D.P.R. n. 600/1973 (6). Anche per quanto attiene agli obblighi dei sostituti d imposta l inversione di tendenza è evidente; la Certificazione Unica diventa, difatti, un adempimento centrale nell ambito del progetto di semplificazione degli obblighi dichiarativi relativi a determinati contribuenti. In buona sostanza, i sostituti d imposta vengono investiti sempre più di una funzione pubblica ed agli stessi è demandata la corretta gestione dei rapporti tributari tra i lavoratori dipendenti (e assimilati) e l Amministrazione. Una sicura semplificazione per i contribuenti, dunque, ma al contempo una maggiore responsabilizzazione dei datori di lavoro che dovranno tenere in debita considerazione l importanza del nuovo adempimento (7). Basti pensare al solo aspetto sanzionatorio; se infatti un errore nella Note: (6) Salvo il caso di presentazione della dichiarazione rettificativa. Per maggiori dettagli su tali profili sanzionatori si rinvia all art. 6 del D.Lgs. n. 175/2014. (7) E bene precisare che la Certificazione Unica non sostituisce il modello 770; pertanto, i sostituti d imposta dovranno altresì inviare la propria dichiarazione entro la fine di luglio. Al riguardo, si sottolinea come i dati trasmessi nell ambito del modello 770 dovrebbero essere identici a quelli contenuti nella Certificazione Unica; in caso contrario, l eventuale incongruenza potrebbe comportare l applicazione delle relative sanzioni. Anche in tale ottica, dunque, la Certificazione Unica assume un ruolo centrale all interno degli adempimenti facenti capo ai sostituti d imposta. Corriere Tributario 1/

6 compilazione della Certificazione dovesse derivare da una carenza dei software utilizzati per l elaborazione della stessa, allora lo stesso potrebbe essere replicabile per un alto numero di lavoratori e ciò potrebbe generare notevoli sanzioni. Sempre nella medesima ottica, deve rilevarsi la maggiore facilità nell individuazione dei predetti errori, posto che la Certificazione Unica è trasmessa all Agenzia delle entrate, che potrebbe, quindi, immediatamente rilevare una incongruenza; se la stessa fosse relativa alle ritenute alla fonte (ad esempio l errato calcolo delle addizionali IRPEF), allora potrebbero rendersi applicabili anche le ordinarie sanzioni per l inesatto adempimento degli obblighi di sostituzione d imposta. Inoltre, l errata predisposizione della Certificazione Unica potrebbe comportare, a prescindere dagli aspetti sanzionatori, anche difficoltà di gestione della forza lavoro. Con la dichiarazione dei redditi precompilata, difatti, i lavoratori dipendenti che non hanno altri redditi potrebbero anche non presentare il modello 730; orbene, se le ritenute fossero calcolate in modo errato, l automatica inclusione delle stesse nel modello precompilato genererebbe un debito d imposta di cui il lavoratore potrebbe essere del tutto ignaro con la conseguente esposizione dello stesso a possibili sanzioni. Le società, pertanto, dovranno attivarsi per tempo non solo al fine di rispettare la scadenza del 9 marzo (che, come detto, ad oggi non sembra prorogabile posto che la stessa è direttamente collegata alla dichiarazione precompilata), ma, soprattutto, per definire delle procedure interne che consentano di predisporre la Certificazione Unica in modo corretto. Ma a ben vedere anche altri soggetti vedranno, nel prossimo futuro, moltiplicati i propri adempimenti; entro il 28 febbraio 2015, difatti, le banche, gli enti previdenziali ed altri soggetti saranno tenuti a comunicare all Amministrazione i dati relativi ad alcune spese sostenute dai contribuenti e, a decorrere dal 2016, tale obbligo investirà anche le spese mediche ricadendo, dunque, su medici, farmacie, ospedali, ecc. 28 Corriere Tributario 1/2015

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE LEGALE COMO 12.12.2014 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 www.studiogorini.it FAX 031.27.33.84 E-mail: segreteria@studiogorini.it INFORMATIVA

Dettagli

Dottore Commercialista

Dottore Commercialista DECRETO SEMPLIFICAZIONI: DAL 2015 NUOVO MODELLO 730 PRECOMPILATO a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) Il D.Lgs. 21.11.2014, n. 175 pubblicato sulla G.U. del 28 novembre 2014 ed entrato in vigore

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 2.2015 Gennaio Sommario 1. PREMESSA... 2 2. PRECOMPILAZIONE DEI MODELLI 730 DA PARTE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE...

Dettagli

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE Circolare 28 del 12 dicembre 2014 Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa... 3 2 Precompilazione dei modelli 730 da parte dell Agenzia

Dettagli

Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014

Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014 Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014 DLgs. 21.11.2014 n. 175 di semplificazioni fiscali - Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa...

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 1 1 PREMESSA In attuazione della delega per la riforma del sistema fiscale

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

730/2015: la dichiarazione precompilata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

730/2015: la dichiarazione precompilata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. MODELLO 730/2015 730/2015: la dichiarazione precompilata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " FISCO Da quest anno

Dettagli

Inserti di Gruppo. Il 730/2015 Precompilato. A chi interessa. Quali informazioni contiene. DIRCREDITO Gruppo Banca Popolare di Vicenza

Inserti di Gruppo. Il 730/2015 Precompilato. A chi interessa. Quali informazioni contiene. DIRCREDITO Gruppo Banca Popolare di Vicenza Associazione Sindacale dell Area Direttiva e delle Alte Professionalità del Credito ed Enti assimilati delle Società Assicurative e delle Agenzie Esattoriali Inserti di Gruppo Il 730/2015 Precompilato

Dettagli

www.ecnews.it Agenzia: ancora chiarimenti sulla precompilata DICHIARAZIONI a cura del Comitato di redazione

www.ecnews.it Agenzia: ancora chiarimenti sulla precompilata DICHIARAZIONI a cura del Comitato di redazione DICHIARAZIONI Agenzia: ancora chiarimenti sulla precompilata a cura del Comitato di redazione L Agenzia delle entrate si adopera per fornire ogni precisazione possibile sull imminente adempimento della

Dettagli

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI: NOVITÀ PER AZIENDE, PROFESSIONISTI E LAVORATORI

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI: NOVITÀ PER AZIENDE, PROFESSIONISTI E LAVORATORI Modena, 03 dicembre 2014 DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI: NOVITÀ PER AZIENDE, PROFESSIONISTI E LAVORATORI D.Lgs n. 175 del 21 novembre 2014 È stato pubblicato sulla G.U. n. 277 del 28 novembre 2014 il

Dettagli

La dichiarazione precompilata

La dichiarazione precompilata L INNOVAZIONE DEL MODELLO FISCALE La dichiarazione precompilata Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 18 dicembre 2014 1 Cambia radicalmente il paradigma DAL MODELLO: «Mi dica, poi io verifico

Dettagli

MODELLI 730/2015 - LE NOVITA

MODELLI 730/2015 - LE NOVITA MODELLI 730/2015 - LE NOVITA 1) DELEGHE a. E obbligatorio procedere con le deleghe? b. Perché NOI consigliamo di richiedere autorizzazione a prelevare il precompilato? c. Come si gestiscono le deleghe?

Dettagli

Il Modello 730. 16 aprile 2015 Relatore: Dott.ssa Stefania Signetti. CAF Do.C. Spa. CAF nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili

Il Modello 730. 16 aprile 2015 Relatore: Dott.ssa Stefania Signetti. CAF Do.C. Spa. CAF nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Il Modello 730 16 aprile 2015 Relatore: Dott.ssa Stefania Signetti Servizio: Nome servizio Pag. 1 Programma Il modello 730 precompilato: aspetti normativi e operativi Novità in tema di versamenti con Modello

Dettagli

QUESITI FORUM LAVORO 2015 L AGENZIA DELLE ENTRATE RISPONDE

QUESITI FORUM LAVORO 2015 L AGENZIA DELLE ENTRATE RISPONDE QUESITI FORUM LAVORO 2015 * * * L AGENZIA DELLE ENTRATE RISPONDE 1. Stampa progressivo certificazione Ai fini della compilazione della dichiarazione precompilata, il numero di progressivo della certificazione

Dettagli

La dichiarazione precompilata

La dichiarazione precompilata La dichiarazione precompilata Paolo Savini Direttore Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 23 novembre 2015 La dichiarazione precompilata Cambia radicalmente il paradigma PRIMA: «Mi dica, poi io verifico

Dettagli

Studio Tarcisio Bologna

Studio Tarcisio Bologna NUOVI TERMINI PER L ASSISTENZA FISCALE In attesa della pubblicazione definitiva del modello 730/2015 con le relative istruzioni, la presente Informativa ripercorre le principali scadenze, nonché i vari

Dettagli

Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*)

Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*) Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*) L AGENZIA DELLE ENTRATE CON IL PROVVEDIMENTO DIRETTORIALE DEL 23 FEBBRAIO 2015 HA DEFINITO LE MODALITA TECNICHE PER VISUALIZZARE

Dettagli

IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI DIVENTA LEGGE : ANALISI DEI PUNTI PRINCIPALI

IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI DIVENTA LEGGE : ANALISI DEI PUNTI PRINCIPALI IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI DIVENTA LEGGE : ANALISI DEI PUNTI PRINCIPALI a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Il Consiglio dei ministri ha approvato in data 30 ottobre 2014 il Decreto delegato

Dettagli

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI lì, 20 dicembre 2014 Articolo 1 - Dichiarazione dei redditi precompilata Dal 2015, entro il 15 aprile di ciascun anno, l Agenzia delle Entrate renderà disponibile telematicamente

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 L Agenzia delle entrate, con provvedimento del 15 gennaio 2016, ha reso disponibile la versione definitiva della Certificazione Unica 2016, meglio nota come CU, da utilizzare

Dettagli

Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro

Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro A cura della Redazione Directio Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro Quesito n. 1 - CU e Ravvedimento operoso Rispetto all

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

Al fine di dare attuazione alle disposizioni del D.L.vo 175/2014 in tema di semplificazioni fiscali, è stato predisposto un nuovo schema di

Al fine di dare attuazione alle disposizioni del D.L.vo 175/2014 in tema di semplificazioni fiscali, è stato predisposto un nuovo schema di Il modello di Certificazione Unica dei redditi 2015 AUDITORIUM GAM - Torino, 16 dicembre 2014 LUISELLA FASSINO CONSIGLIERE ORDINE CDL DI TORINO Al fine di dare attuazione alle disposizioni del D.L.vo 175/2014

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

Ufficio Tributario Paolo Stoppa. N. 8 del 23.03.2015 LE NOVITA DEL NUOVO MODELLO 730/2015

Ufficio Tributario Paolo Stoppa. N. 8 del 23.03.2015 LE NOVITA DEL NUOVO MODELLO 730/2015 Informativa per la clientela di studio N. 8 del 23.03.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi LE NOVITA DEL NUOVO MODELLO 730/2015 Anche quest anno siamo pronti per le prossime scadenza fiscale. Sarà un anno

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Il Decreto Semplificazioni

Il Decreto Semplificazioni Paola Costa Il Decreto legislativo n. 175/2014, in attuazione della delega in materia di semplificazioni fiscali, introduce il Modello 730 precompilato per lavoratori dipendenti e pensionati e numerose

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 28 aprile 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI LA (Comunicazione CU) Il Decreto Legislativo Semplificazioni fiscali (art. 2, comma 1 del D.Lgs. n. 175/2014), introduce una novità assoluta in ambito fiscale: il Modello 730 pre-compilato a valere già

Dettagli

Milano 22 dicembre 2014 NEWS FISCALI

Milano 22 dicembre 2014 NEWS FISCALI Milano 22 dicembre 2014 NEWS FISCALI Con l entrata in vigore del Decreto Legislativo n. 175, c.d. Decreto semplificazioni fiscali, dal prossimo 13 dicembre andranno a regime molte modifiche alla fiscalità,

Dettagli

Circolare 7. del 13 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE

Circolare 7. del 13 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE Circolare 7 del 13 febbraio 2015 Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 3 2 Ambito applicativo della certificazione unica... 3 2.1 Redditi

Dettagli

CIRCOLARE n. 09/2015 Nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate

CIRCOLARE n. 09/2015 Nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate CIRCOLARE n. 09/2015 Nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate 1 PREMESSA Il DLgs. 21.11.2014 n. 175 ha previsto la precompilazione dei modelli 730 da parte

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE VI COMMISSIONE FINANZE E TESORO. Roma, 24 Luglio 2014

SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE VI COMMISSIONE FINANZE E TESORO. Roma, 24 Luglio 2014 SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE VI COMMISSIONE FINANZE E TESORO Roma, 24 Luglio 2014 INDAGINE CONOSCITIVA SUGLI ORGANISMI DELLA FISCALITA E SUL RAPPORTO TRA CONTRIBUENTI E FISCO A.G. n.99 Schema di decreto

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. N. 7786/2016 Approvazione della Certificazione Unica CU 2016, relativa all anno 2015, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

Nuova Certificazione Unica CU 2015: redditidilavorodipendente Cristina Piseroni e Marco Mangili - Dottori commercialisti in Bergamo

Nuova Certificazione Unica CU 2015: redditidilavorodipendente Cristina Piseroni e Marco Mangili - Dottori commercialisti in Bergamo Nuova Certificazione Unica CU 2015: redditidilavorodipendente Cristina Piseroni e Marco Mangili - Dottori commercialisti in Bergamo ADEMPIMENTO " NOVITÀ " LAVORO I sostituti d imposta, a seguito delle

Dettagli

Direzione Generale Ufficio Programmazione Finanziaria e Controllo Il Direttore f.f. n. Reg. U.P.F.C. 88/2015 Roma, 23 gennaio 2015

Direzione Generale Ufficio Programmazione Finanziaria e Controllo Il Direttore f.f. n. Reg. U.P.F.C. 88/2015 Roma, 23 gennaio 2015 Allegato alla Circolare n. /2015 Direzione Generale Ufficio Programmazione Finanziaria e Controllo Il Direttore f.f. n. Reg. U.P.F.C. 88/2015 Roma, 23 gennaio 2015 Oggetto: Assistenza fiscale per l anno

Dettagli

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 108. I destinatari della Dichiarazione precompilata

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 108. I destinatari della Dichiarazione precompilata SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 108 26 marzo 2015 36/FS/om Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti - Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 11 del 23 marzo 2015 Sintesi Primi importanti chiarimenti

Dettagli

MODELLO 730 PRECOMPILATO Decreto Semplificazioni, apporvato definitivamente dal Consiglio dei Ministri in data 31.10.2014

MODELLO 730 PRECOMPILATO Decreto Semplificazioni, apporvato definitivamente dal Consiglio dei Ministri in data 31.10.2014 IMPOSTE E TASSE IMPOSTE DIRETTE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI APPROFONDIMENTI MODELLO 730 PRECOMPILATO Decreto Semplificazioni, apporvato definitivamente dal Consiglio dei Ministri in data 31.10.2014 Una

Dettagli

La presentazione del modello 730/2016

La presentazione del modello 730/2016 Periodico informativo n. 30/2016 La presentazione del modello 730/2016 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento intendiamo informarla che a partire dal 15 Aprile 2016, il modello 730 precompilato

Dettagli

Rimborso credito da dichiarazione più veloce per i contribuenti privi del sostituto d imposta

Rimborso credito da dichiarazione più veloce per i contribuenti privi del sostituto d imposta CIRCOLARE A.F. N. 131 del 4 Settembre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Rimborso credito da dichiarazione più veloce per i contribuenti privi del sostituto d imposta Gentile cliente con la presente intendiamo

Dettagli

Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti

Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti Roma lì 04/05/2014 Prot. 202/2014 A tutti i Centri e Sportelli Circolare n. 52 Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti L art. 51 bis del DL 69/2013 (Decreto del fare) ha previsto

Dettagli

Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi. Milano, lì 19/01/2015. Circolare n. 02/2015

Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi. Milano, lì 19/01/2015. Circolare n. 02/2015 20121 Milano via San Primo 4, Italia t. +39 02 76.07.671 f. +39 02 76.00.64.74 Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi Milano, lì 19/01/2015 Circolare n. 02/2015 Giuseppe Chiaravalli RAGIONIERE COMMERCIALISTA

Dettagli

DICHIARAZIONE PRE-COMPILATA E NUOVO REGIME FORFETTARIO PER IMPRESE MINORI

DICHIARAZIONE PRE-COMPILATA E NUOVO REGIME FORFETTARIO PER IMPRESE MINORI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NOVITÀ DI FINE ANNO DICHIARAZIONE PRE-COMPILATA E NUOVO REGIME FORFETTARIO PER IMPRESE MINORI GIANCARLO MODOLO Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC

Dettagli

Il Bonus Renzi diventa operativo e scade il 31 dicembre 2014 Leggere attentamente le avvertenze prima dell uso!

Il Bonus Renzi diventa operativo e scade il 31 dicembre 2014 Leggere attentamente le avvertenze prima dell uso! @bollettinoadapt, 5 maggio 2014 Il Bonus Renzi diventa operativo e scade il 31 dicembre 2014 Leggere attentamente le avvertenze prima dell uso! di Nicola Porelli Tag: #bonus #credito #Renzi #80euroalmese

Dettagli

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Modello 730/2012. Il 30 Aprile è la scadenza per chi ha scelto di presentare la dichiarazione al proprio sostituto di imposta Modello 730/2012: il 30 aprile 2012 è la

Dettagli

Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze

Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze di Roberta Aiolfi e Valerio Artina (*) L ADEMPIMENTO Sono stati approvati i modelli di dichiarazione dei redditi Mod. 730/2011 inerenti l assistenza fiscale

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Circolare N. 29 del 25 Febbraio 2015

Circolare N. 29 del 25 Febbraio 2015 Circolare N. 29 del 25 Febbraio 2015 Il nuovo modello CU (Provvedimento n. 4790/E del 15.01.2015, circolare ASSONIME n. 4 del 19.02.2015) Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ASSONIME,

Dettagli

Mod. 730: le ultime risposte dell Agenzia alla stampa specializzata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730: le ultime risposte dell Agenzia alla stampa specializzata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730: le ultime risposte dell Agenzia alla stampa specializzata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista L Agenzia delle Entrate ha emanato in data 7 luglio 2015 la circolare n. 26/E

Dettagli

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E IL MODELLO 770 IL MODELLO F24 E CODICI TRIBUTO MAGGIORMENTE

Dettagli

DICHIARAZIONE PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE PRECOMPILATA Vito Dulcamare DICHIARAZIONE PRECOMPILATA ART. 1 D.LGS. 21/11/2014 N. 175 Nova Siri 12 maggio 2015 1 MODULISTICA FISCALE PER IL 2014 MODULISTICA PER 2013 MODULISTICA PER 2014 MODELLO 730 MODELLO 730 MODELLO

Dettagli

LE NOVITÀ DEL MODELLO 770/2015 SEMPLIFICATO 2 A PARTE

LE NOVITÀ DEL MODELLO 770/2015 SEMPLIFICATO 2 A PARTE INFORMATIVA N. 198 22 MAGGIO 2015 Fiscale LE NOVITÀ DEL MODELLO 770/2015 SEMPLIFICATO 2 A PARTE Agenzia delle Entrate, Provvedimento n. 4793 del 15 gennaio 2015 Agenzia delle Entrate, Provvedimento prot.

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale È stato approvato con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2014 Prot.5131-2014

Dettagli

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa Fiscal Flash La notizia in breve N. 41 20.02.2014 Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: CUD La certificazione unica dei redditi di lavoro

Dettagli

Modello 730/2015 novità

Modello 730/2015 novità Modello 730/2015 novità Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 24/03/2015 1 Principali riferimenti normativi Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle

Dettagli

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità Premessa Il bonus Irpef, contenuto nell art. 1 del D.L. n. 66/2014 (entrato in vigore il 24 aprile 2014), vale esclusivamente per il 2014, anche se il Governo ha fatto sapere

Dettagli

I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata

I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata DICHIARAZIONI I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata di Alessandro Bonuzzi Con la circolare n.26/e di ieri l Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti su questioni interpretative riguardanti la

Dettagli

Modelli 730/2013 - Presentazione in assenza di un sostituto d imposta - Termini e modalità applicative

Modelli 730/2013 - Presentazione in assenza di un sostituto d imposta - Termini e modalità applicative Informativa - ONB Modelli 730/2013 - Presentazione in assenza di un sostituto d imposta - Termini e modalità applicative INDICE 1 Premessa... 2 2 Decorrenza della nuova disciplina... 2 3 Soggetti che possono

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Oggetto: LA CERTIFICAZIONE UNICA

Oggetto: LA CERTIFICAZIONE UNICA Legnano, 10 Febbraio 2015 Alle imprese assistite Oggetto: LA CERTIFICAZIONE UNICA Il Decreto Semplificazioni a seguito dell introduzione del mod. 730 precompilato è stato previsto l obbligo in capo ai

Dettagli

MODELLO 730/2015 E VISTO DI CONFORMITA

MODELLO 730/2015 E VISTO DI CONFORMITA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO MODELLO 730/2015 E VISTO DI CONFORMITA Renzo Radicioni Milano, 23 marzo 2015 Sala Convegni Corso Europa 11 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 54 11.07.2014 La correzione della dichiarazione Le modalità di presentazione della dichiarazione correttiva e della dichiarazione integrativa

Dettagli

Certificazione Unica (c.d. CU2015)

Certificazione Unica (c.d. CU2015) (c.d. CU2015) Indice degli argomenti Introduzione 1. Disposizioni normative 2. Prerequisiti tecnici 3. Impostazioni necessarie per operare in Gestionale 1 4. Stampa Certificazioni Unica Assis tenza tecni

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: 1. Approvazione del modello 770/2015 Semplificato.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: 1. Approvazione del modello 770/2015 Semplificato. Prot.2015/4793 Approvazione del modello 770/2015 Semplificato, relativo all anno 2014, con le istruzioni per la compilazione, concernente le comunicazioni da parte dei sostituti d imposta dei dati delle

Dettagli

A numero già chiuso è uscito il Comunicato stampa dell'agenzia delle Entrate - il cui testo è in

A numero già chiuso è uscito il Comunicato stampa dell'agenzia delle Entrate - il cui testo è in NEWS DAL MONDO SPORTIVO :: ULTIMA ORA GIOVEDÌ 12 FEBBRAIO 2015 CERTIFICAZIONE UNICA - NOVITA' DELL'ULTIMA ORA Con un Comunicato Stampa del 12 febbraio, l'agenzia delle Entrate sembra esentare dall'adempimento

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 49 16.12.2013 Unico: ravvedimento entro il 30.12 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti A cura di Devis

Dettagli

Certificazione Unica

Certificazione Unica Nota Salvatempo Contabilità 13.0 15 GENNAIO 2014 Certificazione Unica Premessa normativa Il decreto legislativo n. 175/2014 pubblicato in G.U. il 29 novembre 2014, recante disposizioni in materia di semplificazioni

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI

NEWSLETTER LAVORO FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI NEWSLETTER N. 2/2014 NEWSLETTER LAVORO FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI ULTIME NOVITA FISCALI GESTIONE SEPARATA INPS: ALIQUOTE VE 2014 CIRCOLARE INPS N. 18 DEL FEBRRAIO 2014 DIFFERIMENTO AUTOLIQUIDAZIONE

Dettagli

VideoLavoro 19 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica 2015

VideoLavoro 19 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica 2015 VideoLavoro 19 febbraio 2015 Nuova Certificazione Unica 2015 rubrica: novità e piccoli focus di periodo A cura di Alberto Bortoletto e Laurenzia Binda 1 Certificazione Unica 2015 2 DICHIARAZIONE PRECOMPILATA

Dettagli

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 2 2014 dell Ufficio

Dettagli

Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale

Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale CIRCOLARE N. 34 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 22/10/2015 OGGETTO: Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale 2 INDICE 1. PREMESSA 3 2. SANZIONE

Dettagli

Circolare n. 2/E. Roma, 15 gennaio 2003

Circolare n. 2/E. Roma, 15 gennaio 2003 Circolare n. 2/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Settore Fiscalità Generale e Contenzioso Ufficio Persone Fisiche Roma, 15 gennaio 2003 OGGETTO: Legge 27 dicembre 2002. n. 289 (legge finanziaria

Dettagli

Mod. 730: tutte le novita` e le scadenze del 2012

Mod. 730: tutte le novita` e le scadenze del 2012 Mod. 730: tutte le novita` e le scadenze del di Saverio Cinieri (*) L ADEMPIMENTO L Agenzia delle Entrate ha approvato il Mod. 730/ che permette ad alcune categorie di contribuenti (per lo piu` lavoratori

Dettagli

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2012 dell Ufficio

Dettagli

ACCONTO PER L ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF

ACCONTO PER L ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF ACCONTO PER L ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF La Finanziaria 2007, con il comma 142 dell articolo 1, ha introdotto il versamento in acconto dell addizionale comunale all imposta sul reddito delle persone fisiche.

Dettagli

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 Il Modello UNICO Persone Fisiche 2016 comprende la dichiarazione dei redditi e la dichiarazione annuale IVA. Il Modello Unico per

Dettagli

LE NOVITA DI INIZIO ANNO INTRODOTTE DAL DECRETO SEMPLIFICAZIONI E DALLA LEGGE DI STABILITA

LE NOVITA DI INIZIO ANNO INTRODOTTE DAL DECRETO SEMPLIFICAZIONI E DALLA LEGGE DI STABILITA Circolare n. 1/2015 Del 21.01.2015 LE NOVITA DI INIZIO ANNO INTRODOTTE DAL DECRETO SEMPLIFICAZIONI E DALLA LEGGE DI STABILITA Il Decreto Semplificazioni e la Legge di stabilità hanno introdotto alcune

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti:

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: CIRCOLARE N. 16 DEL 24/09/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: DEFINITE LE MODALITA DI INVIO DELLE SPESE SANITARIE PER IL MOD.730 PRECOMPILATO: NUOVI OBBLIGHI E CONSEGUENTI

Dettagli

Certificazione Unica 2016 - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate

Certificazione Unica 2016 - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate Circolare 3 del 12 febbraio 2016 Certificazione Unica 2016 - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 3 2 Ambito applicativo della certificazione unica 2016... 3

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA In presenza di un credito IVA risultante dalla dichiarazione annuale al contribuente è concesso di scegliere tra: il riporto all anno successivo con utilizzo

Dettagli

CIRCOLARE N.28/E. Roma, 22 agosto 2013

CIRCOLARE N.28/E. Roma, 22 agosto 2013 CIRCOLARE N.28/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 22 agosto 2013 OGGETTO: Assistenza fiscale prestata dai Centri di assistenza fiscale per lavoratori dipendenti e dai professionisti abilitati

Dettagli

10.2015 Marzo. 730 Precompilato. Circolare Informativa per i Clienti. Sommario

10.2015 Marzo. 730 Precompilato. Circolare Informativa per i Clienti. Sommario 10.2015 Marzo 730 Precompilato Sommario 1. PREMESSA... 2 2. DOMANDE E RISPOSTE... 3 2.1 Chi può utilizzare il 730 2015 precompilato? Entro quando va presentato?... 3 2.2 Un contribuente che ha presentato

Dettagli

La fiscalità della sanità integrativa

La fiscalità della sanità integrativa La fiscalità della sanità integrativa 1 Il trattamento tributario dei contributi Fonti normative Art. 10, comma 1, lettera e-ter del tuir 917/86(oneri deducibili) Art. 51, comma 2, lettera a) del tuir

Dettagli

ERRORI E DIMENTICANZE

ERRORI E DIMENTICANZE ERRORI E DIMENTICANZE CORREZIONI DI ERRORI E DIMENTICANZE Introduzione Nella predisposizione della dichiarazione 730 è possibile che il contribuente abbia commesso errori o abbia dimenticato ad esempio

Dettagli

DECRETO SVILUPPO 2011

DECRETO SVILUPPO 2011 CIRCOLARE INFORMATIVA N. 3 AGOSTO 2011 DECRETO SVILUPPO 2011 E stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale 12.07.2011, n. 160, la Legge 12.07.2011 n. 106 di conversione del D.L. 70/2011 c.d. Decreto Sviluppo.

Dettagli

FAQ - DELEGHE 730/2015 PRECOMPILATO

FAQ - DELEGHE 730/2015 PRECOMPILATO FAQ - DELEGHE 730/2015 PRECOMPILATO 1) CHI SONO I DESTINATARI DEL 730 PRECOMPILATO? Per questo primo anno di avvio sperimentale, sono destinatari della dichiarazione 730 precompilata i contribuenti in

Dettagli

COMUNICAZIONE TELEMATICA DELLE SPESE SANITARIE PER MODELLO 730 PRECOMPILATO

COMUNICAZIONE TELEMATICA DELLE SPESE SANITARIE PER MODELLO 730 PRECOMPILATO COMUNICAZIONE TELEMATICA DELLE SPESE SANITARIE PER MODELLO 730 PRECOMPILATO Questo incontro intende fornire agli iscritti SNAMI alcuni approfondimenti dal punto di vista fiscale e operativo, in considerazione

Dettagli

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 Circolare informativa per la clientela n. 6/2013 del 21 febbraio 2013 SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 In questa Circolare 1. Calcolo dell'iva dovuta 2. Modalità e termini di versamento

Dettagli

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Piergiorgio Mondini 17-18-19 febbraio 2015 Addizionali

Dettagli

Circolare 21. del 29 luglio 2015. Modelli 770/2015 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso INDICE

Circolare 21. del 29 luglio 2015. Modelli 770/2015 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso INDICE Circolare 21 del 29 luglio 2015 Modelli 770/2015 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso INDICE 1 Premessa... 2 2 Obbligo di presentazione in via telematica...

Dettagli

Allargamento del 730 ai soggetti privi di Sostituto d imposta D.L. 69/2013 convertito in Legge 98/2013

Allargamento del 730 ai soggetti privi di Sostituto d imposta D.L. 69/2013 convertito in Legge 98/2013 Allargamento del 730 ai soggetti privi di Sostituto d imposta D.L. 69/2013 convertito in Legge 98/2013 Con la Legge n. 98 del 9.08.2013, pubblicata nella G.U. del 20.08.2013, è stato convertito, con modificazioni

Dettagli

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc E TEMPO DI DICHIARAZIONE DEI REDDITI ANCHE PER GLI ENTI NON COMMERCIALI (Enc) Unico Enti non commerciali ed equiparati (Unico Enc) è un modello unificato che permette di presentare la dichiarazione dei

Dettagli

Articolo 1 Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

Articolo 1 Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco, Previdenza e Riforme Istituzionali Decreto legge 24 aprile 2014, n 66 - Misure urgenti per la competitività

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

Dichiarazione 730 per i dipendenti senza sostituto Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Dichiarazione 730 per i dipendenti senza sostituto Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Dichiarazione 730 per i dipendenti senza sostituto Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " FISCO Il Mod. 730/2014 può essere utilizzato anche se non si ha un sostituto d imposta

Dettagli

A tutti i Fondi Pensioni. Loro sedi. Milano, 11 gennaio 2015

A tutti i Fondi Pensioni. Loro sedi. Milano, 11 gennaio 2015 A tutti i Fondi Pensioni Loro sedi Milano, 11 gennaio 2015 Oggetto: nuova comunicazione all Anagrafe Tributaria dei dati relativi ai contributi previdenziali. Prime osservazioni Come noto, con provvedimento

Dettagli