CAMPAGNA DI MISURA DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAMPAGNA DI MISURA DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO"

Transcript

1 DIPARTIMETO PROVICIALE DI VEROA CAMPAGA DI MISURA DELL IQUIAMETO ATMOSFERICO Comune di Viale Roma 22 luglio - 8 agosto e 28 settembre - 11 ottobre 9 novembre 1 dicembre Comune di Mezzane Via ovembre giugno 8 luglio 18 dicembre 1 febbraio 11 a cura del Dipartimento Provinciale ARPAV di Relazione: Dr.ssa Francesca Predicatori Dr. Paolo Frontero Dr. Mario Furlan Gestione Laboratorio Mobile: Direttore del Dipartimento: Andrea Salomoni Ing. Giancarlo Cunego

2 Indice della relazione tecnica. 1 Introduzione... 2 Inquadramento orografico e localizzazione dei siti di misura... Caratteristiche dei principali inquinanti... Campagna di misura estiva....1 Condizioni meteorologiche durante le campagne di misura Mezzane di Sotto Analisi dei dati rilevati - PM Pm PM - Mezzane di Sotto PM - Confronto Mezzane di Sotto Analisi dei dati rilevati - PM PM PM2. - Mezzane di Sotto PM2. Confronto Mezzane di Sotto...1. Analisi dei dati rilevati - O O O2 - Mezzane di Sotto O2 Confronto Mezzane di Sotto... Campagna di misura invernale....1 Condizioni meteorologiche durante le campagne di misura Campagna di misure dal 9 novembre al 1 dicembre Mezzane di Sotto - Campagna di misure dal 18 dicembre al 1 febbraio Analisi dei dati rilevati - PM PM PM - Mezzane di Sotto Confronto Mezzane di Sotto PM...2. Analisi dei dati rilevati - PM PM PM2. - Mezzane di Sotto Confronto Mezzane di Sotto PM2, Analisi dei dati rilevati - O O O2 - Mezzane di Sotto..... Confronto Mezzane di Sotto O2...1 Distribuzione spaziale del biossido di azoto a...2 Andamento degli inquinanti a minore criticità....1 Biossido di zolfo (SO2) SO SO2 - Mezzane di Sotto Confronto Mezzane di Sotto SO Monossido di carbonio (CO) CO Mezzane di Sotto Confronto Mezzane di Sotto CO...9. Ozono (O) O Mezzane di Sotto..... Confronto Mezzane di Sotto O.... Benzene (CH)... 8 Conclusioni... 9 ormativa di riferimento e indicatori di sintesi...9 2

3 1 Introduzione ell ambito del progetto Indagine epidemiologica sullo stato di salute respiratoria della popolazione residente in due comuni della fascia pedemontana veronese: e Mezzane di Sotto condotto dall Università degli Studi di Sezione di Epidemiologia e Statistica Medica - Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica, il dipartimento ARPAV di ha effettuato il monitoraggio della qualità dell aria nel centro abitato del comune di (VR) e a Mezzane di Sotto, simile al comune di per caratteristiche geografiche e socio-economiche ma privo d importanti fonti d inquinamento industriale. ARPAV, dipartimento di, ha quindi condotto nel corso dell anno due campagne di misura nel comune di, una estiva ( suddivisa in due periodi dal 22 luglio all 8 agosto e dal 29 settembre al ottobre ) ed una invernale (dal 9 novembre al 1 dicembre ), due campagne di misura nel comune di Mezzane di Sotto, una nel periodo estivo (dal giugno al 8 luglio ) ed una nel periodo invernale (dal 18 dicembre al 1 febbraio 11), finalizzate alla valutazione della qualità dell aria. In questo rapporto vengono analizzati in modo dettagliato i risultati delle indagini condotte nei diversi periodi di misura e viene eseguito un confronto tra i due comuni tramite alcuni parametri statistici ritenuti significativi. el comune di è attiva una stazione fissa di misura dell inquinamento atmosferico sita in via Brugnoli, nella zona nord-est del centro abitato dove sono misurate in continuo le concentrazioni di polveri sottili (PM), ossidi di azoto e zolfo ed alcuni parametri meteorologici quali direzione e velocità del vento. Il comune di Mezzane di Sotto, non presentando alcun punto di pressione ambientale particolare, è privo di un monitoraggio continuativo della qualità dell aria. Le indagini effettuate con il laboratorio mobile sono state progettate in modo da valutare la distribuzione degli inquinanti nei due territori comunali. Inoltre, a sono state integrate le misure effettuate presso la stazione fissa con misure di concentrazione di PM2.. Il laboratorio mobile è dotato di analizzatori per il campionamento e la misura degli inquinanti chimici individuati dalla normativa inerente l'inquinamento atmosferico: monossido di carbonio (CO), anidride solforosa (SO2), ossidi di azoto (Ox, O, O2), ozono (O) e polveri sottili (PM). Per poter meglio interpretare le variazioni delle concentrazioni degli inquinanti sono stati misurati in continuo alcuni parametri meteorologici, quali: temperatura, umidità relativa, pressione atmosferica, velocità del vento prevalente, direzione del vento prevalente, radiazione solare globale. Sono state inoltre effettuate delle misure ambientali, tramite campionatori passivi, delle concentrazioni di: benzene, toluene, xilene, (BTX). La principale fonte di pressione industriale presente nel comune di è rappresentata dall industria Cementi Rossi ubicata pochi chilometri a nord dal centro abitato lungo la valle dei Progni. Essendo gli ossidi di azoto tra gli inquinanti più significativi emessi dal cementificio, si è deciso di studiare la distribuzione nel territorio comunale delle concentrazioni di O2, progettando due campagne di misura tramite campionatori passivi. I dati di concentrazione degli inquinanti rilevati a ed a Mezzane di Sotto sono stati confrontati con quelli rilevati negli stessi periodi dalla stazione fissa di, da quella di Bosco Chiesanuova e dalle due di, una sita in località Cason ed una a Borgo Milano. La stazione fissa di Bosco Chiesanuova è una stazione di fondo remoto, si trova infatti in un contesto montano (8 m slm) praticamente privo di fonti di pressione ambientale. La stazione fissa di in località Cason è una stazione di fondo suburbano situata lontano da fonti emissive dirette, quali strade, industrie, impianti di riscaldamento, ecc., ed è quindi un punto di campionamento rappresentativo dei livelli d inquinamento risultanti dal trasporto degli inquinanti anche dall esterno dell area urbana e dalle emissioni dell area urbana stessa. La stazione fissa di situata a Borgo Milano è una centralina di traffico urbano, collocata presso una strada ad alta intensità di traffico ed è pertanto rappresentativa di situazioni urbane caratterizzate prevalentemente da emissioni legate al traffico veicolare ed agli impianti di riscaldamento.

4 2 Inquadramento orografico e localizzazione dei siti di misura La valle di è la più occidentale delle valli lessiniche, orientata lungo l asse E-SSW è, inoltre, la valle più profonda delle tre che compongono la Valpolicella. Il centro abitato di si trova all uscita di un altra valletta che lo collega alle frazioni di Mazzurega e Cavalo e ha orientazione E-SW. Entrambe le valli rivestono un ruolo importante sulla direzione prevalente dei venti e quindi sulla distribuzione degli inquinanti. Lo stabilimento dell industria Cementi Rossi si trova a ord dell abitato: la concentrazione degli inquinanti è fortemente influenzata dalla posizione della principale fonte di pressione industriale e dal regime anemologico tipico della valle. ello studio condotto da ARPAV nell anno /8, pubblicato nel Rapporto Stato dell ambiente di è stata analizzata in dettaglio l influenza dell orografia e dei principali parametri meteoclimatici sulla concentrazione di inquinanti in aria: l effetto di canalizzazione operato dalle valli che si aprono a ord e a ord Ovest dell abitato di fa sì che i venti provengano da due settori principali, il primo compreso tra E e ed il secondo tra SSE e S. È scarsa la presenza di calme di vento (velocità inferiori a. m/s) ed è significativa la presenza di venti con intensità superiori a 1. m/s provenienti con leggera prevalenza dai settori settentrionali. Tale regime anemologico differenzia nettamente il territorio della valle di da quello della pianura caratterizzato da numerose calme di vento (fino al %) e da venti provenienti in prevalenza dai settori orientali e occidentali. La stazione fissa di misura della qualità dell aria si trova a ord Est del paese, il sito di misura con laboratorio mobile è situato al centro del paese, in via Roma nei pressi del municipio (Figura 1), a ovest rispetto al centro della valle. La valle di Mezzane è una delle vallate dell area dei Lessini nella parte nord orientale della provincia di e presenta un orientamento che declina da nord verso sud. Il centro abitato di Mezzane di Sotto (122m s.l.m.) è situato nella parte terminale della valle, dove quest ultima presenta una conformazione ampia con un fondovalle particolarmente favorevole alle attività antropiche. Attività che risultano essere prevalentemente agricole con una particolare specializzazione nella viticoltura e nell olivicoltura. Il territorio comunale è privo di particolari punti di pressione ambientali. Anche in questo caso il regime anemologico risente prevalentemente delle brezze di valle, con venti che soffiano da sud verso nord nelle ore più calde della giornata e nella direzione opposta nelle ore più fredde. Il sito di misura con laboratorio mobile è stato posizionato al centro del paese, in via ovembre nei pressi del municipio (Figura 2). Figura 1: foto aerea dei siti di monitoraggio a. Posizione mezzo mobile durante la campagna di misura a Stazione fissa

5 Figura 2: foto aerea del sito di monitoraggio a Mezzane di Sotto. Posizione mezzo mobile durante la campagna di misura a Mezzane di Sotto Informazioni sulle località sottoposte a controllo Comune Posizione Viale Roma Tipologia del sito Zona residenziale Coordinate Gauss Boaga X: 19 Y: Comune Posizione Tipologia del sito Coordinate Gauss Boaga Mezzane di Sotto Via ovembre Zona residenziale X: 121 Y: 82 Caratteristiche dei principali inquinanti Inquinante Caratteristiche chimico-fisiche PM Particelle con diametro aerodinamico inferiore a µm O2 CO SO2 Ozono Inquinante secondario, si forma principalmente per ossidazione dell O. In atmosfera si trasforma in acido nitrico (HO) Inquinante primario.gas inodore ed incolore leggermente più leggero dell aria. Gas incolore di odore pungente. In atmosfera reagisce con l umidità trasformandosi in acido solforico Inquinante secondario. Gas di Principali sorgenti La componente primaria è originata direttamente da sorgenti di quali traffico stradale ed industrie, dalla risospensione del particolato presente al suolo. La frazione secondaria del PM è dovuta a reazioni fotochimiche che avvengono in atmosfera fra i precursori, principalmente da SO2, ammoniaca e Ox. Impianti di riscaldamento, traffico veicolare, centrali di potenza, attività industriali Combustione incompleta dei combustibili fossili. Traffico, impianti di riscaldamento e processi industriali quali produzione di acciaio e ghisa. Combustione di combustibili fossili contenenti zolfo: impianti di riscaldamento, centrali di potenza. Si forma in seguito all ossidazione dei composti organici

6 Benzene colore azzurro e odore pungente. Reagisce con tutti i composti ed i materiali che possono essere ossidati. Idrocarburo liquido molto stabile chimicamente, volatile, incolore di odore caratteristico volatili (COV) e monossido di carbonio (CO) in presenza di ossidi di azoto (Ox) (che fungono da catalizzatori) e radiazione solare. processi di combustione incompleta: veicoli a motore, emissioni industriali, incendi. Campagna di misura estiva el periodo estivo il laboratorio mobile è stato posizionato a in via Roma nei pressi del municipio, sulla destra orografica della valle dei Progni. A Mezzane il laboratorio mobile si trovava in centro al paese, sempre nei pressi del municipio. Condizioni meteorologiche durante le campagne di misura Campagna di misure dal 22 luglio al 8 agosto e dal 28 settembre al 11 ottobre Il primo periodo della campagna di misura è stato caratterizzato da condizioni prevalentemente stabili tranne l ultima decade di luglio che ha visto una marcata fase temporalesca che ha prodotto complessivamente 9.8 mm di pioggia ed un ammontare di giorni con precipitazioni. Analizzando i dati orari di velocità e direzione prevalente del vento, rilevati dai sensori installati sulla stazione fissa di monitoraggio posizionata a via Brugnoli dal 22 luglio all 8 agosto è emerso che: Le direzioni prevalenti sono state: S (1.% dei rilevamenti orari), E (1.% dei rilevamenti orari) e (1% dei rilevamenti orari). È stato registrato solo uno.% di calme di vento (venti inferiori a. m/s), mentre nel 8.2% dei casi la velocità del vento era compresa tra. ed 2.1 m/s, nel 12.% dei casi erano compresi nell intervallo fra 2.1 e. m/s, nel 2.1% dei casi erano compresi nell intervallo fra. e. m/s e nel.% dei casi erano compresi nell intervallo fra. e 8.8 m/s. elle figure seguenti vengono rappresentate la rosa dei venti e la distribuzione per classe di frequenza della velocità del vento (Figura e Figura ) durante il primo periodo della campagna di monitoraggio estiva. Sono messi a confronto i rilevamenti effettuati presso la stazione fissa e dal mezzo mobile in via Roma, per evidenziare le differenze nel regime anemologico nelle due zone della valle. Figura : rosa dei venti e percentuale di incidenza rilevata a nel periodo 22 luglio 8 agosto presso la stazione automatica fissa in via Pio Brugnoli a sinistra e dall unità mobile in via Roma a destra.

7 Figura distribuzione in frequenza dei valori di intensità del vento misurato a nel periodo 22 luglio 8 agosto presso la stazione fissa di via Pio Brugnoli a sinistra- e dall unità mobile in via Roma- a destra. Il secondo periodo della campagna di misura è stato caratterizzato da condizioni prevalentemente stabili tranne nei giorni e ottobre quando il transito di un sistema perturbato atlantico ha prodotto precipitazione per un ammontare complessivo di 1.8 mm. Analizzando i dati orari di velocità e direzione prevalente del vento, rilevati dai sensori installati presso la stazione fissa di monitoraggio di via Pio Brugnoli è emerso che le direzioni prevalenti di provenienza del vento sono state E, E e SE (Figura ). I valori orari di intensità del vento sono stati nel 89, % dei casi superiori a. m/s e nel 9. % dei casi si è avuta calma di vento (Figura ). I dati rilevati dalla stazione mobile posta in via Roma negli stessi periodi individuano una situazione anemologica leggermente diversa che, come verrà analizzato nel seguito, influenza anche le concentrazioni di inquinanti rilevate. In particolare nel primo periodo di monitoraggio, si è avuta una maggiore incidenza delle calme di vento ed una minor presenza di venti con velocità superiori ai. m/s. In entrambe i periodi le principali direzioni di provenienza del vento sono risultate essere E e SSW (Figura e Figura ). Figura : rosa dei venti e percentuale di incidenza rilevata a nel periodo 29 settembre ottobre presso la stazione automatica fissa di via Pio Brugnoli a sinistra e dall unità mobile in via Roma a destra. ella figura seguente (Figura ) viene riportato il grafico della distribuzione in frequenza della velocità del vento durante il secondo periodo della campagna di monitoraggio estiva, rilevata presso la stazione fissa e presso la stazione mobile: è evidente una maggiore presenza di calme di vento nella zona ovest del paese.

8 Figura : distribuzione in frequenza dei valori di intensità del vento misurato a nel periodo 29 settembre ottobre presso la stazione fissa di via Pio Brugnoli a sinistra- e dall unità mobile in via Roma- a destra Mezzane di Sotto Campagna di misure dal giugno al 8 luglio Durante il periodo della campagna di misura si è avuta una intensa fase perturbata: dal 1 al giugno intense precipitazioni hanno interessato il territorio in esame per un ammontare complessivo di.2 mm di pioggia, ciò ha determinato un accentuato effetto wash-out nei confronti degli inquinanti con abbassamento delle concentrazioni specie del PM. Una seconda fase meno importante della precedente si è realizzata nei giorni - luglio. Il campo medio di pressione è risultato pertanto leggermente depressionario (Figura ) con circolazione sinottica prevalentemente nord-orientale. Sono stati analizzati i dati orari di velocità e direzione prevalente del vento, rilevati dai sensori installati nella stazione meteorologica di Illasi gestita dal Centro Meteorologico di Teolo, dal giugno al 8 luglio settembre ed è emerso che: Le direzioni prevalenti sono state: (1% dei rilevamenti orari), E(1.1% dei rilevamenti orari), SW (8.% dei rilevamenti orari) I valori orari di intensità del vento erano, nel. % dei casi inferiori a. m/s (calma di vento), nel 12.2% dei casi compresi tra. ed 1. m/s, nel 22. % dei casi erano compresi nell intervallo fra 1. e 1. m/s; nel.% dei casi nell intervallo fra 1. e 2. m/s, nel % dei casi nell intervallo fra 2. e. m/s e nel.% dei casi per velocità maggiori di. m/s. La velocità media dell intero periodo è risultata di 1.8 m/s con il % di dati validi. elle figure seguenti vengono rappresentate la rosa dei venti (Figura 8) e la distribuzione per classe di frequenza della velocità del vento nel periodo della campagna di monitoraggio (Figura ) Figura : Campo di pressione medio in superficie durante la campagna di misura 8

9 Figura 8 : rosa dei venti e percentuale di incidenza nel periodo di monitoraggio, distribuzione in frequenza dei valori di intensità del vento misurato presso il sito di monitoraggio meteorologico di Illasi nel periodo giugno 8 luglio..2 Analisi dei dati rilevati - PM Con il termine polveri sottili o PM si indica la componente con diametro aerodinamico inferiore a µm del particolato aereodisperso. Si tratta di un insieme alquanto eterogeneo di composti che in parte derivano dall emissione diretta causata dalle attività antropiche quali traffico, industria, riscaldamento. In parte (si stima per più dell 8%) è prodotto da reazioni chimico-fisiche che avvengono in atmosfera e coinvolgono i composti organici volatili, ammoniaca, gli ossidi di azoto e gli ossidi di zolfo. Inoltre, grazie alle ridotte dimensioni, le particelle di PM possono rimanere in atmosfera per periodi di tempo anche relativamente lunghi prima di subire il processo di dilavamento o sedimentazione. on è quindi possibile legare la concentrazione di PM misurata localmente con una o più precise fonti emissive poiché essa è il risultato di un complesso insieme di fenomeni che implicano l emissione di sostanze inquinanti, il loro ricombinarsi e coagularsi in atmosfera, il trasporto dovuto alle dinamiche dei bassi strati dell atmosfera. Questo spiega la diffusione pressoché omogenea del PM sul nostro territorio..2.1 PM - el seguito vengono confrontati gli andamenti della concentrazione giornaliera di PM misurati dalla stazione mobile collocata in Viale Roma a dal 22 luglio al 8 agosto e dal 29 settembre al ottobre con quelli misurati negli stessi periodi presso le stazioni fisse di: - Via Brugnoli, - Borgo Milano, Località Cason e Bosco Chiesanuova (Figura 9). ei grafici sono stati inseriti anche gli andamenti del vento e della pioggia, in quanto essi influenzano in maniera più o meno diretta la concentrazione delle polveri sottili in atmosfera: il vento ne determina la dispersione mentre la pioggia il dilavamento. Sono stati inoltre calcolati per ogni periodo di misura: il valore medio di concentrazione del PM, il numero di giorni in cui è stato superato il valore limite di µg/m e altri parametri statistici significativi (Tabella 1 e Tabella 2). La concentrazione di PM misurato durante le campagne estive di - viale Roma si è mantenuta al di sotto del valore limite per la protezione della salute umana, che la legge stabilisce pari a µg/m, grazie a numerosi giorni di tempo perturbato con precipitazioni e vento con intensità media superiore a 1 m/s. Una situazione di minor dispersione degli inquinanti si è realizzata tra fine settembre e primi giorni di ottobre in presenza di valori di intensità di vento inferiori ad 1m/s e minori precipitazioni. 9

10 Figura 9: Campagna di misura estiva. concentrazione di PM rilevata a ed a -Cason ed andamento dei principali parametri meteorologici (precipitazione) misurati presso la stazione meteorologica ARPAV di San Pietro Incariano. pioggia V.le Roma centralina 8// // // // // // 2// 1// /9/ 29/9/ 8/8/ /8/ /8/ /8/ /8/ /8/ 2/8/ 1/8/ 1// // 29// 28// 2// 2// 2// 2// 2// 22// PM (µg/m) II PERIODO pioggia (mm) I PERIODO Cason-VR Tabella 1: Primo periodo della campagna di misura estiva. Confronto tra i risultati ottenuti per il PM con la stazione mobile a in viale Roma e le centraline fisse di riferimento nel periodo dal 22 luglio al 8 agosto. 22 luglio - 8 agosto Media periodo (µg/m) Bosco V.le Roma Via Brugnoli B.go Milano Loc. Cason Chiesanuova superamenti (>µg/m) Mediana Deviazione standard percentile Tabella 2: Secondo periodo della campagna di misura estiva. Confronto tra i risultati ottenuti per il PM con la stazione mobile a in viale Roma e le centraline fisse di riferimento nel periodo dal 29 settembre al ottobre. 29 settembre ottobre Media periodo (µg/m) Bosco V.le Roma Via Brugnoli B.go Milano Loc. Cason Chiesanuova superamenti (>µg/m) 1 Mediana Deviazione standard percentile 22 9 I valori rilevati in viale Roma differiscono in maniera significativa da quelli rilevati presso la stazione fissa di controllo della qualità dell aria di via P. Brugnoli: questo conferma il ruolo determinante delle condizioni anemologiche nel determinare la dispersione degli inquinanti nelle diverse zone della vallata di. Gli andamenti delle concentrazioni medie giornaliere sono gli stessi presso i due siti di, ma differiscono dall andamento delle concentrazioni rilevate a Cason confermando così la peculiarità legata sia alle caratteristiche anemologiche del sito, sia alla presenza di fonti di pressione puntuali.

11 .2.2 PM - Mezzane di Sotto La campagna di misura estiva presso il comune di Mezzane di Sotto si è svolta dal 1 giugno al luglio con la stazione mobile collocata in via ovembre. Gli andamenti della concentrazione giornaliera di PM misurati sono stati quindi confrontati con quelli misurati nello stesso periodo presso le stazioni fisse di: - Via Brugnoli, - Borgo Milano e Località Cason (Figura ). ei grafici sono stati inseriti anche gli andamenti del vento e della pioggia misurati dalla stazione meteorologica ARPAV di Illasi, che risulta essere la centralina più vicina al comune di Mezzane di Sotto. Sono stati inoltre calcolati per l intero periodo di misura: il valore medio di concentrazione del PM, il numero di giorni in cui è stato superato il valore limite di µg/m e altri parametri statistici significativi (Tabella 1). La concentrazione di PM misurata durante la campagna estiva di Mezzane di Sotto si è mantenuta nettamente al di sotto del valore limite per la protezione della salute umana, che la legge stabilisce pari a µg/m. Tale condizione favorevole si è creata grazie al susseguirsi di giornate particolarmente ventilate, che hanno determinato per il periodo un intensità media del vento di 1,2 m/s nella vallata di Mezzane, di 1, m/s a e di quasi 2 m/s a Cason ed a Illasi. Concentrazioni significativamente basse si sono registrate tra il 1 ed il 2 giugno in conseguenza di una perturbazione che ha portato sulla vallata e sull intera provincia di intense precipitazioni e venti sostenuti. In Tabella sono riportati i principali parametri statistici delle misure di concentrazione di PM effettuate a Mezzane: risulta evidente l uniformità nella distribuzione delle polveri sottili durante il periodo della campagna di misura estiva a Mezzane di Sotto. Figura : Campagna di misura estiva. Concentrazione medie giornaliere di PM rilevata dal 1 giugno al luglio a Mezzane DI Sotto, - via Brugnoli e - Cason e andamento dei principali parametri meteorologici, quali la precipitazione ed il vento misurati presso la stazione meteorologica di Illasi Velocità vento (m/s). PM (µ g/m ), Pioggia (mm). PIOGGIA CASO (VR) MEZZAE FUMAE // // 2// // 28// 2// 2// 22// // 18// 1// 1// 12//. // VETO Tabella : Campagna di misura estiva. Confronto tra i risultati ottenuti per il PM con la stazione mobile a Mezzane di Sotto in via ovembre e le centraline fisse di riferimento nel periodo dal giugno al luglio. giugno - luglio Media periodo (µg/m) Mezzane di Sotto Via Brugnoli B.go Milano Loc. Cason superamenti (>µg/m) Mediana Deviazione standard percentile

12 .2. PM - Confronto Mezzane di Sotto In Tabella vengono confrontati i valori di concentrazione di PM calcolati per la campagna di misura estiva condotta a Mezzane di Sotto e quelli relativi ai due periodi della campagna di misura estiva di. Tabella : Campagne di misura estive. Confronto tra i risultati ottenuti per il PM con la stazione mobile a in viale Roma e la stazione fissa di via Brugnoli nei periodi dal 22 luglio al 8 agosto e dal 29 settembre al ottobre e con la stazione mobile a Mezzane di Sotto nel periodo dal giugno al 8 luglio. 22/ 8/8 PM Media periodo (µg/m) 29/9 / / 8/ Mezzane V.le Roma Via Brugnoli V.le Roma Via Brugnoli di Sotto Via Brugnoli superamenti (>µg/m) 1 Mediana Deviazione standard percentile Le concentrazioni di polveri sottili rilevate nelle campagne effettuate con il mezzo mobile sia a in via Roma sia a Mezzane sono inferiori a quelle misurate presso la stazione fissa di via Brugnoli. I valori rilevati in giugno/luglio a Mezzane di Sotto sono coerenti con l assenza di fonti di pressione sul territorio e una atmosfera particolarmente dinamica nel periodo di monitoraggio che ha favorito il rimescolamento degli inquinanti nei bassi strati.. Analisi dei dati rilevati - PM2. Il particolato PM2. è costituito dalla frazione delle polveri di diametro aerodinamico inferiore a 2.µm. La determinazione di questo parametro assume una notevole importanza nella valutazione della qualità dell aria, soprattutto in relazione agli aspetti sanitari legati a questa frazione di aerosol, in grado di giungere fino al tratto inferiore dell apparato respiratorio (trachea e polmoni). Con l emanazione del D.Lgs.1/ il PM2. si inserisce tra gli inquinanti per i quali è previsto un valore limite (2 µg/m), calcolato come media annua da raggiungere entro il 1 gennaio 1. Tale valore limite di 2 µg/m viene anche inserito come valore obiettivo da raggiungere al 1 gennaio...1 PM2. - Durante la campagna estiva a è stata misurata la concentrazione di PM2. contestualmente a quella di PM e tali misure sono state confrontate con la concentrazione di PM misurata presso la stazione fissa in via P. Brugnoli a (Figura 11). Per entrambe le tipologie di polveri sottili, unendo i dati dei due periodi di misura, sono stati inoltre calcolati: il valore medio di concentrazione, la mediana, la deviazione standard ed il 98 percentile (Tabella ). Si fa notare che per la determinazione del PM e del PM2. in viale Roma si è utilizzato il metodo gravimetrico, mentre la misura di PM presso la stazione fissa di via P. Brugnoli avviene con campionatore automatico. Il dipartimento ARPAV di controlla periodicamente il corretto funzionamento del campionatore automatico per confronto con la metodica di riferimento gravimetrica. Per questo motivo si è ritenuto di poter eseguire il confronto fra i dati rilevati nonostante siano stati ottenuti con metodiche di misura diverse. Tabella : Campagna di misura estiva. Confronto tra i risultati ottenuti per il PM2. e per il PM con la stazione mobile a in viale Roma nei periodi dal 29 luglio al 8 agosto e dal 29 settembre al ottobre. 29 luglio - 8 agosto 29 settembre - ottobre Media periodo (µg/m) Mediana Deviazione standard 98 percentile PM PM

13 Figura 11: Campagna di misura estiva, primo e secondo periodo. Confronto fra le concentrazioni di PM e PM2. rilevate a via Roma e la concentrazione di PM rilevata in via Brugnoli nei periodi dal 29 luglio al 8 agosto e dal 29 settembre al ottobre. I PERIODO II PERIODO PM2./PM (µg/m) 2 1 PM2. via Roma PM via Roma 8// // // // // 2// 1/12 /9/11 29/9/ 9/8/11 8/8/ /8/ /8/ /8/ /8/ /8/ 2/8/ 1/8/ 1// 29// // PM via Brugnoli ei due periodi estivi della campagna di via Roma la concentrazione media di PM 2. rilevata è risultata pari a µg/m, questo comporta che la parte più fine, con diametro aerodinamico inferiore a 2. µm costituisce circa il % del PM misurato. Il dato è in linea con quanto misurato mediamente a Cason. Il valore medio del PM2. rilevato a luglio presso la stazione fissa di via P. Brugnoli è risultato pari a µg/m. Figura 12: Campagna di misura estiva. Confronto fra le concentrazioni di PM e PM2. rilevate a in via Brugnoli nel periodo - 2 luglio. µg/m 2 1 PM via P. Brugnoli 2// 2// 22// 21// // // 18// 1// 1// 1// 1// 1// 12// 11// // PM 2. via P.Brugnoli Tabella : Campagna di misura estiva. Confronto tra i risultati ottenuti per il PM2. e per il PM presso la stazione fissa di via Brugnoli nel periodo - 2 luglio. -2 luglio PM PM2. Media periodo (µg/m) 2 Mediana 21 Deviazione standard 98 percentile 2 1

14 ..2 PM2. - Mezzane di Sotto A Mezzane di Sotto è stata misurata la concentrazione di PM2. contestualmente a quella di PM e tali misure sono state confrontate con la concentrazione di PM misurata presso la stazione fissa in via P. Brugnoli a (Figura 1). Per entrambe le tipologie di polveri sottili sono stati inoltre calcolati: il valore medio di concentrazione, la mediana, la deviazione standard ed il 98 percentile (Tabella 8).I procedimenti per la misurazione delle polveri sottili sono gli stessi utilizzati durante la campagna di e pertanto rimangono valide le considerazioni riguardanti le due diverse metodologie applicate per la misurazione del PM e del PM2.: gravimetrica (mezzo mobile) e automatica (centralina fissa di ). Figura 1: Campagna di misura estiva. Confronto fra le concentrazioni di PM e PM2. rilevate nel periodo dal giugno al luglio a Mezzane di Sotto in via ovembre e la concentrazione di PM rilevata a in via Brugnoli. PM, PM2. (µg/m) 2 1 PM Mezzane PM2. Mezzane // // 2// // 28// 2// 2// 22// // 18// 1// 1// 12// // PM Tabella : Campagna di misura estiva. Confronto tra i risultati ottenuti per il PM2. e per il PM con la stazione mobile a Mezzane di Sotto in via ovembre nel periodo dal giugno al luglio. giugno luglio PM PM Deviazione standard (µg/m ) 98 percentile (µg/m ) 1 Media periodo (µg/m) Mediana (µg/m ) el periodo dal giugno al luglio la concentrazione media di PM2. rilevata presso la stazione mobile collocata in via ovembre a Mezzane di Sotto è risultata pari a 1 µg/m, che costituisce circa il % del PM misurato (Tabella ). Durante la campagna sono state registrate in alcuni giorni concentrazioni di PM inferiori a quelle del PM2., tali incongruenze si verificano solitamente in presenza di concentrazioni particolarmente basse e sono comunque all interno dell incertezza del metodo di misura. 1

15 .. PM2. Confronto Mezzane di Sotto In Tabella 8 vengono confrontati i valori di concentrazione di PM e di PM2. calcolati per la campagna di misura estiva condotta a Mezzane di Sotto e quelli relativi alla campagna di misura estiva di. Tabella 8: Campagne di misura estive. Confronto tra i risultati ottenuti per il PM ed il PM2. con la stazione mobile a Mezzane di Sotto in via ovembre e con la stazione mobile a in viale Roma nei periodi indicati in tabella. Mezzane di Sotto v.le Roma giugno luglio 29 luglio - 8 agosto 29 settembre - ottobre via Brugnoli - 2 luglio PM PM2. PM PM2. PM PM Deviazione standard (µg/m ) 98 percentile (µg/m ) Media periodo (µg/m ) Mediana (µg/m ) Rapporto PM2./PM...1 Il rapporto fra PM2. e PM non varia significativamente nei siti considerati. La percentuale di frazione più fine nel particolato nei siti considerati è compresa fra il e il % con una percentuale più elevata a Mezzane, dove la presenza di PM è legata soprattutto al trasporto da zone esterne al comune, una percentuale inferiore a via Brugnoli in cui è più significativa la presenza delle emissioni del cementificio.. Analisi dei dati rilevati - O2 Con il termine ossidi di azoto si indica una famiglia di composti i più caratteristici dei quali sono il monossido (O) ed il biossido di azoto (O2). Il monossido di azoto (O) è un gas incolore e inodore che si forma in tutti i processi di combustione, indipendentemente dalla composizione chimica del combustibile, poiché l azoto e l ossigeno che lo costituiscono sono naturalmente presenti nell atmosfera e si combinano in tutti i processi in cui si raggiungono temperature sufficientemente elevate (>12 ). Tali valori sono normalmente raggiunti nei motori a combustione interna. ei processi di combustione si forma anche una piccola quantità di biossido (circa il %). Quest ultimo è considerato un inquinante secondario perché deriva principalmente dall ossidazione dell ossido di azoto (O), favorita dalla presenza di ossidanti quali l ozono. Gli ossidi di azoto permangono in atmosfera per pochi giorni (-) e sono rimossi in seguito a reazioni chimiche che portano alla formazione di acidi e di sostanze organiche. Gli effetti negativi sull ambiente dovuti ad alte concentrazioni di O2 sono legati alla formazione di smog fotochimico in presenza di irraggiamento solare, alla acidificazione delle piogge ed alla riduzione dell ozono stratosferico...1 O2 - I dati di concentrazione oraria di O2 misurate durante i due periodi della campagna estiva dalla stazione mobile in viale Roma a e dalle stazioni fisse di riferimento sono stati elaborati per ottenere i valori medi, massimi e minimi delle concentrazioni orarie (Tabella 9, Tabella ) e gli andamenti delle concentrazioni medie giornaliere (, Figura 1). Per i soli valori registrati a (viale Roma e via Brugnoli) sono stati inoltre calcolati i giorni tipo del biossido di azoto e del vento prevalente (Figura 1). Il giorno tipo delle concentrazioni di O2 è stato costruito calcolando la media delle concentrazioni rilevate alla stessa ora del giorno, mentre il giorno tipo del vento è stato ottenuto calcolando la velocità media e la moda della direzione di provenienza del vento per ogni ora della giornata. I valori di biossido di azoto misurati a in via Roma nel periodo estivo sono confrontabili con quelli rilevati a -Cason nello stesso periodo (Figura 1,Figura 1). La stazione fissa di rileva sempre valori significativamente più alti, raffrontabili con quelli rilevati a -Borgo Milano. I picchi orari di concentrazione (valori pari o superiori a µg/m ) si rilevano più frequentemente nelle ore serali (dalle alle 2) o notturne (dalle 2 alle di mattina) in corrispondenza di venti provenienti da ord e di inversione termica. 1

16 Tabella 9: Primo periodo della campagna di misura estiva. Concentrazioni orarie medie, minime e massime di O2 relative alla stazione mobile in viale Roma a ed alle centraline fisse di riferimento nel periodo dal 22 luglio al 8 agosto. 22 luglio 8 agosto Conc. O2 (µg/m) Media Bosco Viale Roma Via Brugnoli B.go Milano Loc. Cason Chiesanuova Conc. O2 (µg/m) Minima Conc. O2 (µg/m ) Massima Mediana O2 (µg/m ) Dev. standard O2 (µg/m ) 98 percentile O2 (µg/m ) Figura 1: Primo periodo della campagna di misura estiva. Andamento delle medie giornaliere delle concentrazioni di O2 in viale Roma a e presso le stazioni fisse di (via Brugnoli), Località Cason, Borgo Milano e Bosco Chiesanuova nel periodo dal 22 luglio al 8 agosto. O2 (µ g/m ) 22 / 2 / / 2 / / 2 / / 2 / / 2 / / 28 / / 29 / / / / 1 / / 1 / / 8 2 / / 8 / / 8 / / 8 / / 8 / / 8 / / 8 8 / / 8/ V.le Roma centralina B.go Milano Boscochiesanuova Cason Tabella : Secondo periodo della campagna di misura estiva. Concentrazioni orarie medie, minime e massime di O2 relative alla stazione mobile in viale Roma a ed alle centraline fisse di riferimento nel periodo dal 29 settembre al ottobre. 29 settembre ottobre Conc. O2 (µg/m) Media Bosco Viale Roma Via Brugnoli B.go Milano Loc. Cason Chiesanuova Conc. O2 (µg/m) Minima Conc. O2 (µg/m ) Massima Mediana O2 (µg/m ) Dev. standard O2 (µg/m ) 98 percentile O2 (µg/m ) 1

17 Presso la postazione di viale Roma non sono stati rilevati valori superiori a µg/m, concentrazioni orarie relativamente elevate (superiori o pari a µg/m) si rilevano in prevalenza nelle prime ore del mattino o in quelle serali. Osservando i giorni tipo calcolati con i dati di entrambe i periodi di misura (Figura 1), si nota come i valori più elevati si misurano presso la stazione fissa di via P. Brugnoli nelle ore serali e notturne, in corrispondenza di venti prevalentemente provenienti da ord. Presso il sito di monitoraggio di via Roma l andamento del giorno tipo è diverso con un picco nelle prime ore del mattino, non appare un legame diretto con le brezze di monte e valle che caratterizzano la zona centrale della vallata. Figura 1: Secondo periodo della campagna di misura estiva. Andamento delle medie giornaliere delle concentrazioni di O2 in viale Roma a e presso le stazioni fisse di (via Brugnoli), Località Cason, Borgo Milano e Bosco Chiesanuova nel periodo dal 29 settembre al ottobre. O2 (µ g/m ) / 9/ / 9/ 1 /1 / 2 /1 / /1 / /1 / /1 / /1 / /1 / 8 /1 / 9 /1 / /1 / V.le Roma centralina B.go Milano Boscochiesanuova Cason Figura 1: Giorni tipo estivi relativi alle concentrazioni medie orarie di O2 misurate dalla stazione mobile in viale Roma e dalla centralina fissa in via Brugnoli a e giorno tipo del vento calcolato con i dati della centralina fissa di nei periodi dal 22/ al 8/8/ e dal 29/9 al //. 1 O 2 ( µ g/m ) E E EE S S S S S S S S SSO 2 Velocità vento (m/s) 1 2 Vel/Dir vento V.le Roma centralina 1

18 ..2 O2 - Mezzane di Sotto Le concentrazioni orarie del biossido di azoto misurate durante la campagna estiva a Mezzane di Sotto sono state confrontate con quelle delle altre stazioni fisse di riferimento calcolando i valori orari medi, massimi e minimi (Tabella 11) e le concentrazioni medie giornaliere di O2 () nel periodo dal giugno al 8 luglio. Per verificare la presenza a Mezzane di Sotto di una brezza di valle e l eventuale influenza di questa sulle concentrazioni di O2, con i dati della stazione mobile è stato inoltre costruito il giorno tipo del biossido di azoto e del vento prevalente (Figura 18), come fatto in precedenza con i dati delle campagne di monitoraggio condotte a. Tabella 11: Campagna di misura estiva. Concentrazioni orarie medie, minime e massime di O2 relative alla stazione mobile in via ovembre a Mezzane di Sotto ed alle centraline fisse di riferimento nel periodo dal giugno al 8 luglio. giugno 8 luglio Mezzane di Sotto Bosco Via Brugnoli B.go Milano Loc. Cason Chiesanuova 2 1 Conc. O2 (µg/m) Media 9 Conc. O2 (µg/m ) Minima Conc. O2 (µg/m ) Massima Mediana O2 (µg/m ) Dev. standard O2 (µg/m ) percentile O2 (µg/m ) 21 1 Figura 1: Campagna di misura estiva. Andamento delle medie giornaliere delle concentrazioni di O2 in via ovembre a Mezzane e nello stesso periodo presso le stazioni fisse di (via Brugnoli), Località Cason, Borgo Milano e Bosco Chiesanuova. 8 O2 (µ g/m ) - B.go Milano - Cas on Fum ane Bos co Chies anuova 8// // // 2// // 28// 2// 2// 22// // 18// 1// 1// 12// // Mezzane Le concentrazioni misurate rilevati a Mezzane nel periodo estivo sono caratteristiche di zone in cui non vi è presenza di fonti significative di ossidi di azoto, i valori sono infatti molto simili a quelli rilevati dalla stazione di fondo remoto di Boscochiesanuova, sia per quanto riguarda le concentrazioni orarie che per l andamento delle concentrazioni medie giornaliere. La stazione fissa di via Brugnoli ha misurato livelli di O2 nettamente superiori a quelli delle altre stazioni con valori giornalieri superiori a µg/m. Dal grafico dei giorni tipo (Figura 18) si può notare come la direzione della brezza di valle a Mezzane non influenza l andamento giornaliero della concentrazione del biossido di azoto. 18

19 Figura 18: Giorni tipo estivi relativi alle concentrazioni medie orarie di O2 ed alle velocità e direzione del vento misurate dalla stazione mobile in via ovembre a Mezzane di Sotto nel periodo dal giugno al 8 luglio. O2 (µ g/m ) E E E E S SO S S S SO O Velocità vento.. SO S SO SO Velocità Vento (m/s) O2 Mezzane O2 Confronto Mezzane di Sotto In Tabella 12 i valori di concentrazione di O2 medi, minimi e massimi relativi alle campagne di misura condotte a via Roma e a Mezzane sono confrontati con i valori di concentrazione rilevati negli stessi periodi presso la stazione fissa di via Brugnoli. In Figura viene eseguito il raffronto tra i giorni tipo ricavati dalle due campagne estive, il giorno tipo relativo ai dati rilevati dalla stazione fissa è stato calcolato nei due periodi coincidenti con la campagna di via Roma e di Mezzane. Tabella 12: Campagne di misura estive. Confronto tra i risultati ottenuti per il biossido di azoto con la stazione mobile a in viale Roma e la stazione fissa di via Brugnoli nei periodi dal 22 luglio al 8 agosto e dal 29 settembre al ottobre e con la stazione mobile a Mezzane di Sotto nel periodo dal giugno al 8 luglio. 22/ 8/8 O2 Conc. O2 (µg/m) Media 29/9 - / / 8/ Mezzane V.le Roma Via Brugnoli V.le Roma Via Brugnoli di Sotto Via Brugnoli Conc. O2 (µg/m) Minima Conc. O2 (µg/m) Massima Mediana O2 (µg/m) Dev. standard O2 (µg/m ) percentile O2 (µg/m ) Le concentrazioni di O2 rilevate a Mezzane di Sotto risultano essere sempre inferiori a quelle rilevate a. Le concentrazioni rilevate a viale Roma sono comprese fra quelle rilevate negli stessi periodi a via Brugnoli e a Mezzane. Osservando i giorni tipo (Figura ) si vede come in entrambe le campagne tale differenza è dovuta alle elevate concentrazioni registrate dalla centralina di via Brugnoli durante la notte e le prime ore del mattino, in corrispondenza di venti provenienti prevalentemente da ord.

20 Figura : Giorni tipo estivi relativi alle concentrazioni medie orarie di O2 misurate dalla stazione mobile in viale Roma e dalla centralina fissa di nei periodi dal 22/ al 8/8/ e dal 29/9 al // (Campagna ) e misurate dalla stazione mobile a Mezzane di Sotto e dalla centralina fissa di nel periodo dal / al 8// (Campagna Mezzane). 9 8 O2 (µ g/m ) V.le Roma Mezzane di Sotto centralina - Campagna centralina - Campagna Mezzane 22 2 Campagna di misura invernale Condizioni meteorologiche durante le campagne di misura - Campagna di misure dal 9 novembre al 1 dicembre Il periodo della campagna di misura invernale è stato caratterizzato da condizioni prevalentemente perturbate dovute ad un accentuato e persistente flusso atlantico; circa il % dei giorni di misura è stato caratterizzato da precipitazioni. Particolarmente piovosi sono risultati i giorni 8 novembre con 18. mm e dicembre con 21.2 mm di pioggia. Analizzando i dati orari di velocità e direzione prevalente del vento rilevati dai sensori installati presso la stazione fissa di è emerso che le direzioni prevalenti di provenienza del vento sono state E e SE. I valori orari di intensità del vento sono stati nel.% dei casi compresi tra. e 2.1 m/s, nel.% dei casi compresi tra 2.1 e. m/s, nel.% dei casi superiori a. m/s mentre nel 28.% dei casi si è avuta calma di vento. In questo periodo di monitoraggio i dati rilevati dalla stazione mobile posta in via Roma individuano una situazione anemologica simile a quella della centralina fissa per quel che riguarda la distribuzione delle velocità in classi frequenza: si è avuta calma di vento nel 2. % dei casi e velocità comprese tra. e 2.1 m/s nel.%. La direzione di provenienza del vento è risultata invece leggermente diversa: (1.% dei rilevamenti orari), W (1.% dei rilevamenti orari), E (% dei rilevamenti orari). elle figure seguenti vengono rappresentate la rosa dei venti (Figura ) e la distribuzione per classe di frequenza della velocità del vento (Figura 21) durante la campagna di monitoraggio invernale, rilevate sia presso la stazione fissa che presso l unità mobile. Si noti come, a differenza del periodo estivo, il regime anemologico sia pressoché lo stesso al centro della valle (via Brugnoli) e sulla destra orografica (via Roma), con una maggiore presenza delle calme di vento e dei venti deboli (< 1 m/s) in ambedue le zone.

21 Figura : rosa dei venti e percentuale di incidenza rilevata a nel periodo 9 novembre 1 dicembre presso la stazione fissa di via Pio Brugnoli a sinistra e l unità mobile in via Roma a destra Figura 21 : distribuzione in frequenza dei valori di intensità del vento misurato a nel periodo 9 novembre 1 dicembre presso la stazione fissa di via Pio Brugnoli a sinistra- e dall unità mobile in via Roma- a destra..1.2 Mezzane di Sotto - Campagna di misure dal 18 dicembre al 1 febbraio 11 La dispersione degli inquinanti durante la campagna di misura è stata fortemente caratterizzata dalla situazione meteorologica, si possono distinguere due fasi: la prima caratterizzata dalla presenza di sistemi depressionali sul Mediterraneo occidentale (Figura 22 a). Frequenti ed intense sono risultate le precipitazione specie nella terza decade di dicembre, ciò ha favorito medie-basse concentrazioni del PM. La seconda fase di tipo anticiclonico ha preso il sopravvento dagli inizi di febbraio (Figura 22 b) interessando la rimanente parte della campagna di misura; la presenza del campo di alte pressioni ha determinato scarsa ventilazione e frequenti inversioni termiche; tutto ciò ha prodotto la prima intensa fase acuta di accumulo da PM dell inverno con valori massimi oltre 1 µg/m. ella giornata del 1 febbraio una intensa precipitazione ( mm) ha abbattuto i valori di concentrazione portandoli al di sotto dei µg/m. Analizzando i dati orari di velocità e direzione prevalente del vento, rilevati dai sensori installati nella stazione meteorologica di Illasi gestita dal Centro Meteorologico di Teolo dal 18 dicembre al 1 febbraio 11 è emerso che: Le direzioni prevalenti sono state: (28% dei rilevamenti orari), E(12.% dei rilevamenti orari), S (.9% dei rilevamenti orari) I valori orari di intensità del vento erano, nel 2. % dei casi inferiori a. m/s (calma di vento), nel 22.2% dei casi compresi tra. ed 1. m/s, nel 1. % dei casi erano compresi nell intervallo fra 1. e 1. m/s; nel 2.% dei casi nell intervallo fra 1. e 2. m/s, nel % dei casi nell intervallo fra 2. e. m/s e nel.% dei casi per velocità maggiori di. m/s. La velocità media dell intero periodo è risultata di 1.1 m/s con il 9. % di dati validi. 21

22 Figura 22 Campo di pressione medio in superficie durante la campagna di misura diviso in due periodi il primo (a), prevalentemente perturbato, dal 18 dicembre fino al 1 gennaio 11, il secondo(b) di tipo anticiclonico dai primi giorni di febbraio fino al termine della campagna (a) (b) elle figure seguenti vengono rappresentate la rosa dei venti (Figura 2) e la distribuzione per classe di frequenza della velocità del vento nel periodo della campagna di monitoraggio. Figura 2 : rosa dei venti e percentuale di incidenza nel periodo di monitoraggio, distribuzione in frequenza dei valori di intensità del vento misurato presso il sito di monitoraggio meteorologico di Illasi nel periodo 18 dicembre 1 febbraio 11 22

23 Analisi dei dati rilevati - PM PM - el seguito vengono confrontati gli andamenti della concentrazione giornaliera di PM misurati dalla stazione mobile collocata in viale Roma a dal 9 novembre al 1 dicembre con quelli misurati negli stessi periodi presso le stazioni fisse di: - Via Brugnoli, - Borgo Milano, Località Cason e Bosco Chiesanuova. el grafico con le medie giornaliere di PM sono stati inseriti anche gli andamenti del vento e della pioggia misurati presso la stazione meteorologica ARPAV di San Pietro Incariano (Figura 2). Sono stati inoltre calcolati: il valore medio di concentrazione del PM, il numero di giorni in cui è stato superato il valore limite di µg/m e altri parametri statistici significativi (Tabella 1). Figura 2: Campagna di misura invernale. concentrazione medie giornaliere di PM rilevata a e a Cason e andamento dei principali parametri meteorologici (precipitazione e vento) misurati presso la stazione meteorologica di San Pietro Incariano nel periodo dal 9 novembre al 1 dicembre Vento (m/s) PM (µg/m) / Pioggia (mm) 8. Pioggia PM V.le Roma PM Via Brugnoli Intensità Vento 1/12/ 1/12/ 1/12/ 11/12/ 9/12/ /12/ /12/ /12/ 1/12/ 29/11/ 2/11/ 2/11/ 2/11/ 21/11/ /11/ 1/11/ 1/11/ 1/11/ 11/11/. 9/11/ PM Cason Tabella 1: Campagna di misura invernale. Confronto tra i risultati ottenuti per il PM con la stazione mobile a in viale Roma e le centraline fisse di riferimento nel periodo dal 9 novembre al 1 dicembre. 9 novembre 1 dicembre Media periodo (µg/m) superamenti (>µg/m) Bosco V.le Roma Via Brugnoli B.go Milano Loc. Cason Chiesanuova Mediana (µg/m) Deviazione standard (µg/m) percentile (µg/m) I numerosi giorni di precipitazione che hanno caratterizzato la campagna di misura invernale a risultano il fattore determinante per il mantenimento delle concentrazione medie giornaliere quasi sempre sotto i µg/m, eccetto nei due periodi senza precipitazioni e con scarsa ventilazione centrati nelle giornate del 1 novembre e del 1 dicembre. La prevalenza di venti deboli provenienti da ord, fa sì che le concentrazioni di PM siano distribuite in maniera più uniforme, rispetto al periodo estivo, nelle diverse zone della vallata di. 2

24 .2.2 PM - Mezzane di Sotto La campagna di misura invernale del PM presso il comune di Mezzane di Sotto si è svolta dal 18 dicembre al 1 gennaio 11, con la stazione mobile collocata in via ovembre. Gli andamenti della concentrazione giornaliera di PM misurati sono stati confrontati con quelli misurati nello stesso periodo presso le stazioni fisse di: - Via Brugnoli, - Borgo Milano, Località Cason e Bosco Chiesanuova. In Figura 2 assieme agli andamenti del PM sono stati inseriti anche quelli del vento e della pioggia misurati dalla stazione metrologica ARPAV di Illasi, che risulta essere la centralina più vicina al comune di Mezzane di Sotto. Sono stati inoltre calcolati per l intero periodo di misura: il valore medio di concentrazione del PM, il numero di giorni in cui è stato superato il valore limite di µg/m e altri parametri statistici significativi (Tabella 1) PIOGGIA CASO (VR) MEZZAE FUMAE 1/1/11 1/1/11 1/1/11 11/1/11 9/1/11 /1/11 /1/11 /1/11 1/1/11 /12/ 28/12/ 2/12/ 2/12/. 22/12/ /12/. 18/12/ Velocità vento (m/s) 1 PM (µg/m ), Pioggia (mm) Figura 2: Campagna di misura invernale. Concentrazione di PM rilevata dal 18 dicembre al 1 gennaio 11 a Mezzane di Sotto, e -Cason e andamento dei principali parametri meteorologici, quali la precipitazione ed il vento misurati presso la stazione meteorologica di Illasi. VETO Tabella 1: Campagna di misura invernale. Confronto tra i risultati ottenuti per il PM con la stazione mobile a Mezzane di Sotto in via ovembre e le centraline fisse di riferimento nel periodo dal 18 dicembre al 1 gennaio Via Brugnoli 8 B.go Milano 9 Loc. Cason 8 Mediana (µg/m ) Dev. standard (µg/m) dicembre 1 gennaio 11 Mezzane di Sotto Media periodo (µg/m) superamenti (>µg/m ) 98 percentile (µg/m ) Bosco Chiesanuova 1 Durante al campagna di misura invernale a Mezzane di Sotto si sono verificati due periodi piovosi: il primo, di maggiore intensità, tra il 21 ed il 2 dicembre ed il secondo tra il e l 11 gennaio. L evento di dicembre è stato caratterizzato da venti sostenuti ed ha determinato quindi un abbassamento repentino e più evidente delle concentrazioni di PM, mentre l evento di gennaio si è verificato in assenza di vento causando pertanto un decremento meno significativo e meno immediato delle polveri. I valori più elevati di PM, con diversi superamenti del valore limite previsto per legge ( µg/m), sono stati registrati nei periodi con scarsa ventilazione. I valori medi registrati a Mezzane di Sotto risultano confrontabili con quelli rilevati a ed a -Cason, anche se hanno determinato un maggior numero di superamenti. 2

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Verona Via Massalongo Periodo di attuazione: 06/09/2010 20/09/2010 RELAZIONE TECNICA 1 Realizzato a cura di: A.R.P.A.V. Dipartimento Provinciale

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG )

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG ) Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Sito di monitoraggio: Lucera ( FG ) Periodo di osservazione: 5/2/21-11/3/21

Dettagli

CAMPAGNA DI MISURA DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO

CAMPAGNA DI MISURA DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO Dipartimento Provinciale di Verona CAMPAGNA DI MISURA DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO Comune di Verona Ca di David P.zza Roma 18 luglio-6 settembre 2013 a cura del Dipartimento Provinciale ARPAV di Verona

Dettagli

Monitoraggio della qualità dell aria nei Comuni di Vedelago e Riese Pio X, in relazione alla ditta Mepol srl di Riese Pio X RELAZIONE TECNICA

Monitoraggio della qualità dell aria nei Comuni di Vedelago e Riese Pio X, in relazione alla ditta Mepol srl di Riese Pio X RELAZIONE TECNICA Treviso 27/03/2015 Monitoraggio della qualità dell aria nei, in relazione alla ditta Mepol srl di Riese Pio X Gli inquinanti ricercati RELAZIONE TECNICA La problematica relativa agli odori, purtroppo sempre

Dettagli

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile 10.07.2015-10.11.2015 ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari Corso Trieste 27 Bari 1. Contenuto del

Dettagli

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria Rete di monitoraggio della qualità dell'aria di Reggio Emilia Campagna di rilevamento della qualità dell'aria Castelnovo nè Monti A cura del Servizio Sistemi Ambientali Unità Monitoraggio e Valutazione

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Dipartimento Provinciale ARPAV di Via Lissa, 6 3171 Mestre - Italy Tel. +39 41 5445511 Fax +39 41 54455 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Servizio Sistemi Ambientali Responsabile del Procedimento: Dr.ssa Luisa

Dettagli

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Cormons, 27 marzo 2015 La normativa sulla qualità dell ambiente Decreto legislativo. n.

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Castelnuovo Piazza degli Alpini Periodo di attuazione: 15/8/214 3/11/214 (periodo estivo) 29/1/214 13/3/214 (periodo invernale) RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Dipartimento Provinciale ARPAV di Venezia Via Lissa, 6 30171 Venezia Mestre Italy Tel. +39 041 5445511 Fax +39 041 5445500 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Servizio Sistemi Ambientali Responsabile del Procedimento:

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di San Martino Buon Albergo Via Serena Periodo di attuazione: 7/8 / (semestre estivo) 6 8/4 (semestre invernale) RELAZIONE TECNICA Realizzato a cura

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Bari Palese Aeroporti di Puglia

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Bari Palese Aeroporti di Puglia Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Sito di monitoraggio: Bari Palese Aeroporti di Puglia Periodo di

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA (Con la collaborazione di ARPA - SIMC)

PROVINCIA DI RAVENNA (Con la collaborazione di ARPA - SIMC) laborazione dati della qualità dell aria Provincia di Ravenna - Rapporto 213 3 - L ONIZIONI MTOROLOGIH NL TRRITORIO LL PROVINI I RVNN (on la collaborazione di RP - SIM) 3.1 - Gli indicatori meteorologici

Dettagli

Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: sezbo@arpa.emr.

Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: sezbo@arpa.emr. Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: sezbo@arpa.emr.it Servizio Sistemi Ambientali Bologna Area Monitoraggio

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Dipartimento Provinciale ARPAV di Venezia Via Lissa, 6 3171 Venezia Mestre - Italy Tel. +39 41 5445511 Fax +39 41 54455 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Servizio Stato dell Ambiente Responsabile del Procedimento:

Dettagli

1 RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO

1 RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO Foto 1 RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO 2001 Arpa Lombardia Regione Lombardia Indice 1 - Caratterizzazione del contesto Pag.1 territoriale 1.1 Caratterizzazione del Pag.1 contesto

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Via S.Marco (cimitero comunale) Periodo di attuazione: 12 aprile 17 maggio 2013 (semestre estivo) 18 settembre 29 ottobre 2013 (semestre invernale) RELAZIONE

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Noale Via S. Andrea e via Cerva Periodo di attuazione: 11 gennaio 11 febbraio 2014 13 febbraio 16 marzo 2014 RELAZIONE TECNICA INDICE 1. Introduzione

Dettagli

4.3. Il monitoraggio dell inquinamento atmosferico

4.3. Il monitoraggio dell inquinamento atmosferico 300 250 200 media min max 150 100 50 0 Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre (mm) Dicembre Fig. 4.9. Episodi di nebbia nel Porto di Venezia (anni 1985-1991).

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Camponogara Piazzale della Ferrovia - Calcroci Periodo di attuazione: 7 maggio 19 giugno 213 (semestre estivo) 4 ottobre 17 novembre 213 (semestre

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Bressanvido Via XXV Aprile Periodo di attuazione: 26/02/2014 14/04/2014 (semestre invernale) 27/08/2014 13/10/2014 (semestre estivo) RELAZIONE

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO DI QUALITA DELL ARIA ZONA INDUSTRIALE DI ASTI CORSO ALESSANDRIA/QUARTO D ASTI

CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO DI QUALITA DELL ARIA ZONA INDUSTRIALE DI ASTI CORSO ALESSANDRIA/QUARTO D ASTI STRUTTURA COMPLESSA - Dipartimento di Asti STRUTTURA SEMPLICE - Produzione RELAZIONE PRELIMINARE n. 07_12_B5.16 CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO DI QUALITA DELL ARIA ZONA INDUSTRIALE DI ASTI CORSO ALESSANDRIA/QUARTO

Dettagli

Sede legale ARPA PUGLIA

Sede legale ARPA PUGLIA Direzione Generale Arpa Puglia Direzione Scientifica Arpa Puglia Servizio INFO Dipartimento Arpa Puglia di Taranto Oggetto: Nota tecnica ARPA in riscontro alle segnalazioni pervenuta al Servizio INFO inerente

Dettagli

Analisi delle serie storiche. Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene

Analisi delle serie storiche. Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene Analisi delle serie storiche Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene Al fine di rendersi conto dell evoluzione delle concentrazioni di alcuni

Dettagli

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria Rete di monitoraggio della qualità dell'aria di Reggio Emilia Campagna di rilevamento della qualità dell'aria Chiozza A cura del Servizio Sistemi Ambientali Unità Monitoraggio e Valutazione Qualità dell'aria

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Marcon Viale Don Sturzo, San Liberale Periodo di attuazione: 1 gennaio 31 dicembre 2014 RELAZIONE TECNICA ARPAV Dipartimento Provinciale di Venezia

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE 14/ Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile Sito di monitoraggio: comune di VILLA CASTELLI (BR) Periodo di

Dettagli

Giugno 2015. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali

Giugno 2015. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali Il Clima in Piemonte Giugno 2015 In Piemonte il mese di Giugno 2015 è risultato al di sopra della media climatologica degli anni 1971-2000 dal punto di vista termometrico; leggermente superiore alla norma

Dettagli

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Aprile Maggio 2015 1 Pag / indice 03 / Scopo della campagna di monitoraggio 03 / Scelta del sito di monitoraggio 05 / Misure effettuate

Dettagli

Relazione sulla Qualità dell'aria Anno 2014. Provincia di Verona

Relazione sulla Qualità dell'aria Anno 2014. Provincia di Verona Relazione sulla Qualità dell'aria Anno 14 Provincia di Verona Realizzato a cura di: A.R.P.A.V. Dipartimento Provinciale di Verona Direttore Primo Munari Servizio Controlli Ambientali Dottoressa Francesca

Dettagli

DI COSA ABBIAMO PARLATO:

DI COSA ABBIAMO PARLATO: Giovedì 27 novembre 2014 (1 C) siamo andati alla centralina dell A.R.P.A. in via Giovanni XXIII, Borgo S.Dalmazzo, (che verrà chiusa a fine dicembre) accompagnati dalle prof Bagnus (matematica e scienze)

Dettagli

Provincia di Lecco. Relazione sullo Stato dell Ambiente. Provincia di Lecco, pubblicazione sull inquinamento luminoso

Provincia di Lecco. Relazione sullo Stato dell Ambiente. Provincia di Lecco, pubblicazione sull inquinamento luminoso 144, pubblicazione sull inquinamento luminoso 4.4 Aria ed Energia 145 4.4 Aria ed energia Tabella 4.4a 4.4 Aria ed Energia Nel macrotema saranno trattati gli aspetti relativi alla qualità dell aria ed

Dettagli

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico Ing. Luigi Di Matteo - AUTOMOBILE CLUB D'ITALIA Il PM10, materiale particolato di diametro aerodinamico 1 inferiore

Dettagli

DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI TORINO Struttura Semplice Attività di Produzione OGGETTO:

DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI TORINO Struttura Semplice Attività di Produzione OGGETTO: DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI TORINO Struttura Semplice Attività di Produzione OGGETTO: CAMPAGNA DI RILEVAMENTO DELLA QUALITÀ DELL'ARIA CON UTILIZZO DEL LABORATORIO MOBILE NEL COMUNE DI PIOSSASCO, via susa

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Venezia Via Trieste Marghera Periodo di attuazione: 10 gennaio 4 marzo 2014 RELAZIONE TECNICA ARPAV Dipartimento Provinciale di Venezia Loris

Dettagli

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011 Qualità dell aria La rilevanza del fenomeno dell accumulo di biossido di azoto nella Pianura Padana rilevato da misure satellitari Concentrazione di biossido di azoto sull Europa tra Gennaio 2003 e Giugno

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

ARPAV DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI VERONA

ARPAV DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI VERONA ARPAV DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI VERONA La qualliità dellll ariia iin proviinciia e nell comune dii Verona Siintesii - anno 2011 Dipartimento Provinciale ARPAV di Verona 1 A cura di: Francesca Predicatori

Dettagli

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000 pag. 217 6. Risultati Di seguito si riportano i risultati relativi alle diverse simulazioni di diffusione atmosferica degli inquinanti effettuate. In particolare sono riportati i risultati sotto forma

Dettagli

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO FONDAZIONE PER IL CLIMA E LA SOSTENIBILITA 1 Ver. 1.1 ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO Gaetano Zipoli Firenze, Luglio

Dettagli

Considerazioni tecniche in merito alla formazione e alla presenza degli inquinanti atmosferici nel centro storico di Bologna

Considerazioni tecniche in merito alla formazione e alla presenza degli inquinanti atmosferici nel centro storico di Bologna Considerazioni tecniche in merito alla formazione e alla presenza degli inquinanti atmosferici nel centro storico di Bologna Il traffico veicolare è responsabile di circa il 50% del PM10 totale (primario

Dettagli

Relazione previsionale di impatto atmosferico Committente: Solenergia Srl

Relazione previsionale di impatto atmosferico Committente: Solenergia Srl SOMMARIO 1 Premessa...3 2 Inquadramento dell area ed elaborazione dei dati orografici...5 3 Caratterizzazione meteorologica dell area ed elabo-razione dei dati meteo...8 4 Situazione di progetto... 12

Dettagli

TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA. 12 gennaio 2016

TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA. 12 gennaio 2016 TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA 12 gennaio 2016 LA QUALITA DELL ARIA CONFRONTI TREND PM10 (dati ARPA) 2 LA QUALITA DELL ARIA CONFRONTI TREND PM10 (dati ARPA) 3 LA QUALITA DELL ARIA CONFRONTI TREND PM10 (dati

Dettagli

Importanza fisiologica dell aria

Importanza fisiologica dell aria Importanza fisiologica dell aria L aria rappresenta una materia prima indispensabile per la vita degli organismi: è infatti la fonte dell ossigeno necessario ai processi di produzione dell energia che

Dettagli

RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO 2002 (Aggiornamento al 31/03/2003)

RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO 2002 (Aggiornamento al 31/03/2003) RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO 2002 (Aggiornamento al 31/03/2003) 1 Autore dei testi ed elaborazioni Anna De Martini Dipartimento di Lecco ARPA Lombardia Tecnico della rete

Dettagli

Oggetto: Campagna di rilevamento di inquinanti atmosferici mediante analizzatore LAVOISIER TM presso il casello di Beinasco (Torino).

Oggetto: Campagna di rilevamento di inquinanti atmosferici mediante analizzatore LAVOISIER TM presso il casello di Beinasco (Torino). Oggetto: Campagna di rilevamento di inquinanti atmosferici mediante analizzatore LAVOISIER TM presso il casello di Beinasco (Torino). La campagna di monitoraggio si è svolta presso il casello autostradale

Dettagli

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA Manuela Zublena, Giordano Pession Italia Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Valle d Aosta Sezione

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Spinea Viale Sanremo Periodo di attuazione: 1 dicembre 2013 30 novembre 2014 RELAZIONE TECNICA ARPAV Dipartimento Provinciale di Venezia Loris

Dettagli

La qualità dell'aria nella Provincia di Lucca. e le sue criticità

La qualità dell'aria nella Provincia di Lucca. e le sue criticità La qualità dell'aria nella Provincia di Lucca come monitorata dalle stazioni della rete provinciale e dalle campagne dei mezzi mobili e le sue criticità Le caratteristiche del territorio della Provincia

Dettagli

Aria e clima. RSA Provincia di Milano. Aria e clima

Aria e clima. RSA Provincia di Milano. Aria e clima RSA Provincia di Milano Aria e clima Fig. 1: fonti di emissione di PM10 Molte attività antropiche generano l emissione di sostanze inquinanti in atmosfera, che causano diversi fenomeni sia a livello locale,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Giornate di Orientamento Unica Open Day 009 Test di accesso/verifica della preparazione iniziale Facoltà di ECONOMIA L Era Moderna che viviamo attualmente da un centinaio

Dettagli

Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza

Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza Dipartimento Provinciale di Vicenza Servizio Stato dell Ambiente dr chim. Ugo Pretto, p.i. Francesca Mello Il sito produttivo Acciaierie

Dettagli

[ ] [ ] 5.2. Statistiche descrittive

[ ] [ ] 5.2. Statistiche descrittive traffico nei tratti stradali limitrofi (deficienza non trascurabile data la fitta tessitura che caratterizza la rete stradale mestrina). I dati ottenuti, però, possono fornire una stima del fenomeno ed

Dettagli

INDAGINE SUI FLUSSI DI TRAFFICO. Risultati dell indagine del traffico relativa al progetto Franciacorta Sostenibile

INDAGINE SUI FLUSSI DI TRAFFICO. Risultati dell indagine del traffico relativa al progetto Franciacorta Sostenibile INDAGINE SUI FLUSSI DI TRAFFICO Risultati dell indagine del traffico relativa al progetto Franciacorta Sostenibile Campagna di monitoraggio invernale Comune di Paratico Dal 16 al 18 febbraio 2011 Sommario

Dettagli

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05 NEWSLETTER n. 41 a cura dell Ufficio del Portavoce Ufficio Stampa di ARPA Lombardia Giovanni Galgano Tel. 02.69666.362 Grafica ProgettoWEB ARPA Lombardia Sommario CHE ARIA TIRA A VARESE 2 IL CENTRO DI

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA

POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, AMBIENTALE, INFRASTRUTTURE VIARIE, RILEVAMENTO Sezione Ambientale ZIGNAGO POWER S.r.l. CARATTERIZZAZIONE DELLE PRESENZE ATMOSFERICHE DI PARTICOLATO

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA SC11 DIPARTIMENTO DI NOVARA STRUTTURA SEMPLICE SS 11.02

STRUTTURA COMPLESSA SC11 DIPARTIMENTO DI NOVARA STRUTTURA SEMPLICE SS 11.02 STRUTTURA COMPLESSA SC11 DIPARTIMENTO DI NOVARA STRUTTURA SEMPLICE SS 11.2 CAMPAGNE DI MONITORAGGIO QUALITÀ DELL ARIA CON MEZZO MOBILE IN COMUNE DI DOMODOSSOLA 8 GIUGNO 1 LUGLIO 29 RELAZIONE FINALE Redazione

Dettagli

I risultati del processo di ottimizzazione della rete di monitoraggio e il controllo qualità dei dati aria

I risultati del processo di ottimizzazione della rete di monitoraggio e il controllo qualità dei dati aria I risultati del processo di ottimizzazione della rete di monitoraggio e il controllo qualità dei dati aria Dr. Alessio De Bortoli, Dr. ssa Giovanna Marson onvegno finale Progetto DOUP 1 novembre 007 La

Dettagli

Impatto sulla qualità dell'aria della centrale elettrica a biomasse di Bazzano: valutazione modellistica e suggerimenti per un sito di monitoraggio

Impatto sulla qualità dell'aria della centrale elettrica a biomasse di Bazzano: valutazione modellistica e suggerimenti per un sito di monitoraggio Impatto sulla qualità dell'aria della centrale elettrica a biomasse di Bazzano: valutazione modellistica e suggerimenti per un sito di monitoraggio Gabriele Curci 1, Paolo Tuccella 1, Giovanni Cinque 2,

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Portogruaro Periodo di attuazione: 1 gennaio 2014 31 dicembre 2014 RELAZIONE TECNICA ARPAV Dipartimento Provinciale di Venezia Loris Tomiato Progetto

Dettagli

Andamento della qualità dell aria ambiente rilevata nel territorio acerrano Anno 2014

Andamento della qualità dell aria ambiente rilevata nel territorio acerrano Anno 2014 Andamento della qualità dell aria ambiente rilevata nel territorio acerrano Anno 214 Descrizione del territorio monitorato Il monitoraggio della qualità dell aria ambiente nella zona acerrana, è stato

Dettagli

La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive

La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive Responsabile U.O. Qualità dell Aria Settore Monitoraggi Ambientali g.lanzani@arpalombardia.it Brescia 2 novembre 204 Confronto con la normativa

Dettagli

Arpae Emilia Romagna. Il monitoraggio della qualità dell aria a Ferrara

Arpae Emilia Romagna. Il monitoraggio della qualità dell aria a Ferrara Arpae Emilia Romagna Il monitoraggio della qualità dell aria a Ferrara Dott.ssa Bellodi Sabina Dott.ssa Leuci Paola Servizio Sistemi Ambientali ARPAE, sez. Ferrara Che cos'è l'aria? Che forma ha? TROPOSFERA:

Dettagli

Campagna di Misura Inquinamento Atmosferico

Campagna di Misura Inquinamento Atmosferico Laboratorio Mobile Campagna di Misura Inquinamento Atmosferico Comune di Desio Piazza Giovanni Paolo II - c/o Municipio 06/02/2008 03/03/2008 Campagna di controllo della qualità dell aria Comune di Desio

Dettagli

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde Menz & Gasser Spa Tri-generazione, energia verde Relazione del: 04/12/2015 1 1974-2015: 41 anni a Novaledo 2004 2016: 85 milioni di Euro di investimenti 2 Relazione del: 04/12/2015 Collaboratori & Fatturato

Dettagli

Ecocity: Impianto di cogenerazione nel Comune di Casalecchio di Reno

Ecocity: Impianto di cogenerazione nel Comune di Casalecchio di Reno Ecocity: Impianto di cogenerazione nel Comune di Casalecchio di Reno Servizio Sistemi Ambientali marzo 2005 Sezione Provinciale di Bologna Relazione Definitiva Il presente rapporto è stato redatto a cura

Dettagli

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO Comune di Spresiano Periodi di indagine: 23 Luglio 4 Novembre

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino In questa ricerca puramente statistica abbiamo pensato di mettere a confronto tutti gli inverni del passato concomitanti alla presenza

Dettagli

Laboratorio Mobile Campagna di Misura della Qualità dell Aria

Laboratorio Mobile Campagna di Misura della Qualità dell Aria Laboratorio Mobile Campagna di Misura della Qualità dell Aria COMUNE DI ALBINO (BG) PRIMA PARTE Dal 17 giugno al 13 luglio 213 Campagna di Misura della Qualità dell Aria COMUNE DI ALBINO (BG) Prima parte

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Qualità dell aria a Palermo

Qualità dell aria a Palermo Comitato di redazione del Bollettino dell Ordine degli Ingegneri della provincia di Palermo Qualità dell aria a Palermo A cura di: ing.a.bertuglia, ing.m. Sciortino,dott.ssa R.Barbiera Ambiente ed inquinamento

Dettagli

Disponibilità dati *** 2007 / 2010 C

Disponibilità dati *** 2007 / 2010 C EMISSIONI IN ATMOSFERA 2010 Emissioni in atmosfera Inventario Regionale delle Emissioni in Atmosfera (INEMAR Puglia 2010) Nome indicatore DPSIR Fonte dati Inventario Regionale delle Emissioni in Atmosfera

Dettagli

Analisi dei dati di polveri rilevati nella campagna di misura effettuata nella zona di Fossamastra (La Spezia)

Analisi dei dati di polveri rilevati nella campagna di misura effettuata nella zona di Fossamastra (La Spezia) Analisi dei dati di polveri rilevati nella campagna di misura effettuata nella zona di Fossamastra (La Spezia) C.F. e P.IVA 01305930107 pag. 1 di 49 CERTIFIED OHSAS 18001 Indice 1 PREMESSA... 3 2 PIANO

Dettagli

Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony

Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony attività - studi & ricerche ssc Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony Stazione Sperimentale per i Combustibili Viale A. De Gasperi 3, 20097 S. Donato Milanese (MI) tel +39 02 516041; fax

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA Produzione energetica da biomasse: aspetti tecnici, elementi gestionali, sostenibilità ambientale Cooperazione Trentina PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI

Dettagli

7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA

7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 7.1 LA RETE REGIONALE ESISTENTE La Regione Emilia Romagna ha iniziato le attività di rilevamento sistematico della qualità dell aria nella prima metà degli

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004 Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24 Comune di Piacenza Quadro evolutivo PTS NO 2 CO O 3 Giordani, Giordani, Stazioni considerate Passeggio, Medaglie d Oro, Medaglie d Oro, Roma

Dettagli

Preg.mi. p.c. ENEL Produzione Centrale E.Montale Via Valdilocchi, 32 19136 La Spezia (SP) c.a. Sig. Cecchi

Preg.mi. p.c. ENEL Produzione Centrale E.Montale Via Valdilocchi, 32 19136 La Spezia (SP) c.a. Sig. Cecchi Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure Preg.mi Provincia della Spezia Settore Gestione Ambiente e Tutela Ambientale Via Vittorio Veneto, 2 19124 La Spezia c.a. Ing. R. Serafini p.c. ENEL

Dettagli

Ottobre 2014. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali

Ottobre 2014. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali Il Clima in Piemonte Ottobre 2014 In Piemonte il mese di Ottobre 2014 è stato caratterizzato da temperature superiori alla norma e precipitazioni inferiori alla climatologia del periodo 1971-2000. E risultato

Dettagli

Analisi Anemometrica Rose dei venti

Analisi Anemometrica Rose dei venti Doc. Provincia di Bologna ervizio Pianificazione Ambientale Comune di an Pietro in Casale Analisi Anemometrica Rose dei venti a integrazione della documentazione già allegata alla Domanda di Autorizzazione

Dettagli

DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI CUNEO

DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI CUNEO DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI CUNEO MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA ANNO 212 TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CUNEO Cuneo, 27 maggio 213 Prot. 48148 / SC1 MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA SUL TERRITORIO

Dettagli

Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 2008)

Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 2008) STRUTTURA COMPLESSA 11 DIPARTIMENTO DI NOVARA Struttura Semplice SS 11.2 Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 28) Redazione

Dettagli

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO DEL PARTICOLATO PM10 IN PROSSIMITA DELL AREA DI CANTIERE DELLA STAZIONE ALTA VELOCITA DI VIA DE CARRACCI BOLOGNA

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO DEL PARTICOLATO PM10 IN PROSSIMITA DELL AREA DI CANTIERE DELLA STAZIONE ALTA VELOCITA DI VIA DE CARRACCI BOLOGNA Sezione Provinciale di Bologna Via F.Roccchi, 19 40138 Bologna Tel. 051/396211 Fax 051/342642 E-mail: sez@bo.arpa.emr.it Servizio Sistemi Ambientali Area S.O. Monitoraggio e Valutazione Aria CAMPAGNA DI

Dettagli

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO IL PARTICOLATO ATMOSFERICO Il particolato atmosferico Definito anche aerosol o genericamente polveri Costituito da particelle solide o liquide in sospensione che provengono: da processi naturali e da processi

Dettagli

ALLEGATO D ANALISI STATISTICA DEI DATI METEOROLOGICI

ALLEGATO D ANALISI STATISTICA DEI DATI METEOROLOGICI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PROVINCIALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE U.O. Tutela dell aria ed agenti fisici PIANO PROVINCIALE DI TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA ALLEGATO D ANALISI STATISTICA

Dettagli

Cinzia Perrino. Composizione chimica del particolato atmosferico in aree industriali

Cinzia Perrino. Composizione chimica del particolato atmosferico in aree industriali Cinzia Perrino Composizione chimica del particolato atmosferico in aree industriali CONSIGLIO NAZIONALE delle RICERCHE ISTITUTO sull INQUINAMENTO ATMOSFERICO Area della Ricerca RM1 Montelibretti (Roma)

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Dipartimento Provinciale ARPAV di Venezia Via Lissa, 6 30171 Venezia Mestre Italy Tel. +39 041 5445511 Fax +39 041 5445500 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Servizio Sistemi Ambientali Responsabile del Procedimento:

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria

Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria Dott. Stefano Marzani Dott. Francesco Lisena Dott.ssa Michela Barni Aula Angelo Celli

Dettagli

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc)

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) Inquinanti atmosferici Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) ZOLFO I composti dello zolfo di interesse ai fini dell inquinamento atmosferico

Dettagli

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Capitolo 6 Risultati pag. 301 6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Come già detto nel paragrafo 5.8, i risultati riportati in questo paragrafo fanno riferimento alle concentrazione

Dettagli

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

Emissioni di composti volatili non metanici dalle discariche dell area vasta di Giugliano: il progetto BioQuAr RISULTATI PRELIMINARI

Emissioni di composti volatili non metanici dalle discariche dell area vasta di Giugliano: il progetto BioQuAr RISULTATI PRELIMINARI Emissioni di composti volatili non metanici dalle discariche dell area vasta di Giugliano: il progetto BioQuAr RISULTATI PRELIMINARI Premessa I composti organici non metanici (COV), pur rappresentando

Dettagli

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio L Atmosfera Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio Protegge la superficie terrestre da temperature

Dettagli

Concentrazione delle polveri sottili nel 2016 in provincia di Verona

Concentrazione delle polveri sottili nel 2016 in provincia di Verona Concentrazione delle polveri sottili nel 2016 in provincia di Verona Analisi sintetica dei dati misurati nel periodo compreso tra il 1 gennaio e il 20 dicembre 2016, presso le centraline di misura della

Dettagli

Provincia di Piacenza. La qualitàdell. dell aria nella provincia di Piacenza

Provincia di Piacenza. La qualitàdell. dell aria nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza La qualitàdell dell aria nella provincia di Piacenza Rapporto 211 INDICE pagina Descrizione della rete di monitoraggio 1 Normativa di riferimento 5 Indicatori meteorologici 7 Raccolta

Dettagli