Castello d Annone demolizione tetto pericolante

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Castello d Annone demolizione tetto pericolante"

Transcript

1 Piano di sicurezza nell intervento VVF Castello d Annone demolizione tetto pericolante Riferimenti storico-architettonici Progetto del corso di formazione Progetto delle opere Organizzazione dell intervento: Piano di sicurezza e coordinamento a) identificazione e descrizione dell'opera; b) individuazione dei soggetti con compiti di sicurezza; c) individuazione, analisi e valutazione dei rischi; d) scelte progettuali ed organizzative, procedure; e) prescrizioni operative e misure di protezione collettiva; f) misure preventive e protettive e dispositivi di protezione individuale, g) modalità organizzative e del coordinamento, h) organizzazione per il pronto soccorso e antincendio; i) durata prevista delle lavorazioni, delle fasi di lavoro e cronoprogramma dei lavori; Schede tecniche 1) materiali 2) attrezzature 3) mezzi 4) dpi e sicurezza 5) strutture Norme sulla sicurezza e salute durante il lavoro e Linee guida Realizzazione, Verifiche e collaudo addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 1

2 Riferimenti storico-architettonici Il comune di Castello d Annone, nome medioevale: Non, è un paese dell alto Monferrato situato a 122 metri di altezza sul livello del mare, in provincia di Asti, si estende su di una superficie di 2300 ettari ed ha una popolazione di circa 1700 abitanti. L abitato si sviluppa seguendo la sponda sinistra del Fiume Tanaro e sovente ne subisce le alluvioni; si trova in una strettoia della Valtanaro, quindi in una posizione strategica, a meno di 10 km da Asti, verso Alessandria. Ricco di storia, a cominciare dal Neolitico Medio (4.500 circa a.c.) fino all'epoca romana e oltre, risulta documentata una continuità ininterrotta d'insediamento umano davvero straordinaria. Sotto l'attuale abitato, a profondità di circa tre metri sotto i sedimenti medioevali, esiste un "letto" di embrici e di laterizi, segno tangibile d'insediamento romano di una qualche consistenza. La storia locale è intimamente legata alle sorti del castello. Certo, di gente ce n'era ed aveva i suoi usi e costumi regolati da Statuti fin dai tempi della contessa Adelaide, attorno al Non sappiamo quando il castello fu edificato. Sappiamo che, essendo marchese Berengario II in quel d'ivrea (933), suo fratello Anscario era il feudatario di Annone e forse vi risiedeva stabilmente. Col 1644 gli Spagnoli distrussero il castello e le sue torri. Nel 1707 Annone, con Alessandria, passò alla Casa Savoia ed ebbe relativa protezione fino alla Rivoluzione francese dalla quale in poi eserciti stranieri lo angariarono ancora. Ebbe fine il marchesato. Annone nel 1600 aveva un migliaio di abitanti, salì a 1510 nel 1774 e 2474 nel 1848, per raggiungere circa i 3000, in principio dal '900, prima che avvenisse una cospicua emigrazione; (informazioni tratte da note di Francesco Viarengo) Il centro storico, gravemente danneggiato dall alluvione del 1996, è costituito prevalentemente da edifici di uno o due piani fuori terra, in muratura di mattoni e copertura con tetti con travi in legno e coppi. L edificio oggetto dell intervento è situato nel centro storico, raggiungibile attraverso una viabilità stretta, circondato da edifici di abitazione civile e risulta non utilizzato da molti anni; come la maggior parte è in muratura, databile intorno alla fine del 1800, ad un piano fuori terra. A causa di abbandono e assenza di manutenzione il tetto costituito da una struttura lignea realizzata alla Piemontese con capriate che appoggiano sulle pareti, travi secondarie, listelli di sostegno e copertura in coppi, è degradato al punto da evidenziare marciume sulle testate di alcune travi con cedimento negli appoggi e parziali crolli della struttura lignea; la proprietà per apatia e forse anche per carenza di mezzi economici si disinteressa dello stato della costruzione e non risponde ai solleciti del Comune. Il Sindaco informato del pericolo di crollo ha chiesto l intervento dei VVF per ridurre il rischio per la pubblica incolumità (senza gravare sulle casse comunali). Il Comando VVF può approfittare dell occasione per svolgere sull area dell edificio un corso di formazione professionale sull impiego di autoscala, autogrù, snorkel e sulle tecniche di lavoro in quota con le metodologie SAF a vari livelli. Progetto del corso di formazione addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 2

3 Il corso di formazione sull impiego di tecniche SAF per i lavori in quota e con l utilizzo dei mezzi di sollevamento di dotazione si potrà svolgere impegnando i discenti per una settimana comprendendo nella prima fase lo studio delle norme di sicurezza, delle tecniche secondo le procedure operative standard, della organizzazione dell intervento in sicurezza. Successivamente si provvederà alla preparazione dei materiali e attrezzature occorrenti e alla verifica del caricamento dei mezzi di soccorso operativi. Dopo le fasi informative e formative preparatorie potrà iniziare l attività sul cantiere di lavoro. Ad opere ultimate si conclude il corso formativo con la verifica dei risultati dell attività addestrativa e di apprendimento e la revisione critica delle procedure operative. addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 3

4 Progetto delle opere Il cantiere di lavoro disponibile è costituito dall edificio di Castello d Annone in via Mazzini, con il tetto, già parzialmente crollato e con la rimanente copertura in equilibrio precario che minaccia di cadere coinvolgendo i fabbricati vicini; buona parte dei coppi gravano ancora appesantendo la struttura in legno che non essendo più protetta dalle intemperie marcisce sempre di più. Appare pericoloso, oltre che economicamente svantaggioso, favorire il crollo dell intero tetto con il pericolo di generare spinte orizzontali tali da danneggiare gli edifici circostanti e il lancio disordinato di coppi negli spazi e sui tetti limitrofi. Il recupero e l abbassamento dei coppi potrebbe alleggerire il peso sulla struttura e ridurre il rischio di crollo sotto carico; lo stesso alleggerimento dovrà comunque essere realizzato per gradi per evitare lo scompenso di aree diversamente sollecitate e non provocare ribaltamenti. Considerando anche il valore economico dei coppi se ne prevede il recupero e l abbassamento a piè d opera fin quando è possibile lavorare in condizioni di sicurezza operando sul cestello dello snorkel e dell autoscala manovrati dal basso da un secondo operatore. Per sperimentare tecniche di lavoro in quota è previsto anche il lavoro con l operatore appeso sulle funi con ancoraggio alla scala e sospeso al braccio della gru. Eliminato il peso che grava sul tetto si provvederà all ancoraggio dei travi in legno instabili sul braccio della gru e la loro taglio con uso della motosega impiegando sia lo snorkel che l autoscala per sorreggere l operatore. Le parti del tetto non deteriorate ed ancora riutilizzabili saranno lasciate sul posto con le necessarie verifiche e rinforzo delle connessioni tra le aste per garantirne la stabilità. addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 4

5 Organizzazione dell intervento: Piano di sicurezza e coordinamento a) identificazione e descrizione dell'opera: 1) Committente: il Sindaco di Castello d Annone che si sostituisce al proprietario per motivi di sicurezza pubblica; 2) indirizzo del cantiere; Castello d Annone, via Mazzini 3) descrizione del contesto in cui è collocata l'area di cantiere; concentrico cittadino, centro storico, area pianeggiante, soggetta a rischio alluvionale, vedi estratto di mappa, catastale 171 4) descrizione sintetica dell'opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; a) smontaggio e abbassamento al suolo della copertura dissestata, 1) scarico dei pesi dalla copertura e abbassamento dei coppi utilizzando canali di scivolamento in legno o in tubo plastico, 2) sezionamento delle campate del tetto, taglio e abbassamento delle travi in legno, ricomposizione di sporgenze del tetto a lato dell abitazione, 3) verifica della stabilità delle murature e interventi di miglioramento delle condizioni statiche; b) ripristino delle condizioni di sicurezza delle aree pubbliche e private circostanti 5) rilevo: addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 5

6 addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 6

7 b) individuazione dei soggetti con compiti di sicurezza: - i coordinatori per la sicurezza in fase di progettazione, nel caso specifico di studio sono gli estensori del presente piano che costituisce per i casi analoghi una linea guida; - il responsabile dei lavori sarà il ROS (capo squadra permanente) del Comando VVF - il coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione sarà il vigile permanente con maggior livello di qualificazione SAF presente sull intervento, ovvero se ritenuto opportuno il ROS potrà avocare a se stesso l incarico; - il personale impegnato potrà essere permanente o volontario VVF, comunque con qualifica SAF almeno 1A, o di superiore livello di specializzazione; - non è prevista la partecipazione ai lavori di personale estraneo al servizio VVF; - non è ammessa la presenza di personale estraneo nel cantiere di intervento durante i lavori. Partecipa all attività con compiti di formazione e di supervisione un istruttore professionale, per la parte riferita alle tecniche di lavori in quota e Tecniche di Primo Soccorso Sanitario con l ausilio di un capo autorimessa per la manovra dei mezzi utilizzati per sostenere i lavori in quota (autoscala, snorkel, autogrù). addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 7

8 c) individuazione, analisi e valutazione dei rischi, in riferimento all'area ed all'organizzazione dei cantiere, alle lavorazioni ed alle loro interferenze; d) scelte progettuali ed organizzative, procedure: in riferimento all'area: 1) caratteristiche dell area di cantiere: viabilità: - a localizzazione nel centro storico cittadino costituisce criticità per la ristrettezza delle strade e difficoltà di manovra; degrado: - l locale abbandonato aperto è diventato un deposito di immondizia; strutture e impianti: - sono da individuare le criticità della sede stradale per fognature o condotti interrati che riducono la capacità di sopportare i carichi pesanti degli automezzi, - sono da rilevare le presenze dei cavi elettrici e telefonici in linee aeree, lampade dell illuminazione pubblica e balconi; - accertare l assenza o la disattivazione degli impianti elettrici sulla struttura; - da verificare l impatto sulle pareti comuni, la sussistenza di carichi e la capacità strutturale a - a cura della Amministrazione comunale dovrà essere assicurata l informazione alla popolazione residente sulle caratteristiche dei lavori e disagi che possono derivarne, - il sindaco dovrà provvedere a disporre l ordinanza per la chiusura temporanea di strade e passaggi, - il servizio tecnico comunale dovrà assicurare il supporto per la individuazione della proprietà, la limitazione dei diritti di transito e le valutazioni di danni per la polvere; - la vigilanza dell area esterna sarà assicurata oltre che dai VV.UU. anche da parte di un VVF con radio portatile collegato costantemente con il ROS; - prima dell inizio dei lavori sul tetto a cura della Amministrazione comunale dovrà essere eliminato il deposito di immondizie provvedendo al trasporto in discarica; il personale che interviene dovrà operare prevalentemente dall esterno e comunque con dpi idonei - con il supporto del servizio tecnico comunale prima di effettuare i lavori sarà predisposta la mappatura delle criticità della sede stradale, delle fognature o condotti interrati che riducono la capacità di sopportare i carichi pesanti degli automezzi, le presenze dei cavi elettrici e telefonici in linee aeree e balconi evidenziandole con paletti e segnaletica apposita - eventualmente con il supporto dell Enel si provvederà all accertamento dell assenza o la disattivazione degli impianti elettrici sulla struttura; addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 8

9 contrapporsi alla spinte orizzontali esistenti; conseguenze delle lavorazioni: - sussiste il pericolo di caduta di elementi instabili; - da determinare la variazione di rigidezza delle murature e pilastri portanti dopo l abbassamento delle travi del tetto; - con il supporto del servizio tecnico comunale sarà effettuato il rilievo delle pareti comuni, dei vincoli e servitù esistenti, la sussistenza di carichi sulla muratura comune; - non sussiste una stato di pericolo imminente per le persone che giustifichi qualsiasi operazione azzardata, non dovranno essere condotte operazioni non valutate a priori e pianificate per operare costantemente in condizioni di rispetto delle norme di sicurezza, - non deve essere ammessa al cantiere qualsiasi persona estranea; - la movimentazione dei materiali dovrà avvenire solo quando nessun operatore è presente all interno del fabbricato; - con il contributo dei docenti del Politecnico di Torino saranno verificate ne necessità di realizzazione di nuove strutture per contrapporsi alle spinte orizzontali 2) fattori esterni che comportano rischi per il cantiere: - traffico automobilistico limitato per la - sarà realizzata la recinzione del cantiere e movimentazione e il posizionamento di assicurata la vigilanza sugli accessi; autoscala, autogrù e snorkel, possibile presenza - il Comune dovrà garantire il supporto di polizia di curiosi anche per il temporaneo blocco al urbana (e carabinieri in caso di necessità) per la traffico pedonale del tratto di via Mazzini regolazione del traffico e il controllo dei curiosi; durante l esecuzione di operazioni a maggior - si dovrà provvedere alla eliminazione delle rischio; eventuali linee elettriche e telefoniche ancorate sul - presenza di cavi elettrici e telefonici in linee fabbricato se in posizione critica, aeree, illuminazione pubblica con lampioni - deve essere evidenziata la limitazione sull uso installati sulla struttura sotto il tetto da del giardino da parte della famiglia che abita nel demolire; vicolo Gioberti; - posizionamento di mezzi di cantiere nel giardino di vicolo Gioberti; 3) rischi che le lavorazioni di cantiere possono comportare per l'area circostante: - l intralcio al transito veicolare e pedonale, - il blocco parziale della viabilità su via Mazzini e il temporaneo blocco anche al traffico pedonale della stessa via e del cortile privato possono essere causa di disagio, - limitazioni al transito degli abitanti della zona ed a eventuali necessità di persone anziane o bisognevoli di cure; - le operazioni possono causare polveri; - sussiste il pericolo di caduta di elementi instabili e il rischio di scivolamento del materiale in uso; - interruzioni dei lavori in caso di segnalata necessità di transito in prossimità del cantiere; - abbassamento dei materiali evitando il più possibile la caduta accidentale; - rispetto dei materiali da abbassare evitando per quanto possibile il danneggiamento di quanto può essere riutilizzato (coppi, travi, ecc.); - avviso all esterno e verifica di fattibilità prima delle operazioni che possono comportare maggiori polveri o vibrazioni durante la caduta; - rispetto per le esigenze degli abitanti della zona e interruzione delle lavorazioni ogni volta che si renda necessario; - organizzazione di spazi di deposito del materiale abbassato e dei rifiuti da affidare all ufficio tecnico comunale per il recupero o lo smaltimento; addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 9

10 in riferimento alle lavorazioni - impiego di automezzi sviluppati in altezza, posizionamento, rotazione, capacità di sopportare i carichi, - utilizzo di sistemi di abbassamento dei materiali in particolare dei coppi, - lavoro in quota con l impiego di funi, lavoro in quota su autoscala e snorkel, movimentazione dei materiali e delle attrezzature, - logistica: le operazioni possono durare diverse ore, anche l intera giornata; necessita predisporre per la sosta e il riposo del personale, il ristoro, le esigenze fisiologiche; - tutte le attività devono essere svolte nell ambito del corso di formazione e addestramento ricercando il più corretto utilizzo delle attrezzature e delle condizioni di lavoro, sicure, ergonomiche, efficaci; - i materiali da movimentare in quota dovranno essere suddivisi in carichi di massa limitata predisposti per il facile trasporto; in riferimento alle loro interferenze - controllo della stabilità delle strutture durante le operazioni di demolizione, - controllo della viabilità, - attività su tre fronti (strada, fabbricato e cortile) non direttamente visibili contemporaneamente, interruzione giornaliera con cantiere e viabilità esterna in sicurezza; - il ROS curerà anche attraverso aiutanti competenti il mantenimento delle condizioni di sicurezza sui tre fronti (strada, fabbricato e cortile), il non venir meno della stabilità delle strutture per effetto dei lavori, il corretto utilizzo degli automezzi e attrezzature; - non dovranno essere svolti lavori e non potranno essere presenti persone nell edificio durante le operazioni di taglio o di abbassamento di materiale dal tetto; - prima dell interruzione dell attività lavorativa giornaliera saranno verificate le condizioni di sicurezza del cantiere accertando che non esistano rischi per la viabilità esterna; addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 10

11 e) prescrizioni operative e misure di protezione collettiva - prima dell inizio dell intervento il personale si riunisce presso il Comando VVF e viene informato sulle caratteristiche delle operazioni che si andranno a svolgere; il ROS, responsabile dei lavori, illustra il piano di lavoro predisposto dal coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione e definisce gli incarichi al personale operativo; il coordinatore per la sicurezza la in fase di esecuzione illustra gli apprestamenti, le attrezzature, le infrastrutture, i mezzi e servizi di protezione collettiva previsti, i livelli SAF necessari e i DPI necessari da impiegare; - il personale VVF deve avere qualificazione SAF 1 A o superiore ed operare soltanto nell ambito delle specializzazioni proprie e riconosciute, utilizzando tutti i dispositivi di protezione collettiva predisposti ed i DPI di dotazione personale; - l impiego degli automezzi e delle attrezzature deve essere condotto nello stretto rispetto delle condizioni d impiego descritte nelle POS da personale già in possesso di abilitazione alla guida con patente di grado idoneo al tipo di automezzo impiegato; - i mezzi e le attrezzature utilizzate saranno esclusivamente quelle di dotazione per le quali sono applicate le procedure di manutenzione e collaudo standard VVF o comunque rispondenti alle disposizioni vigenti e impiegate secondo le indicazioni del fabbricante; - il responsabile dei lavori (ROS) dirige l intervento utilizzando la professionalità del coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione (SAF di livello più elevato) per la corretta gestione dell intervento condotto nell ambito dell applicazione delle misure di sicurezza vigenti; - tutto il personale operativo dovrà costantemente utilizzare i sistemi di protezione collettivi ed i DPI personali; - l intervento dovrà essere condotto dando preferenza all impiego di dispositivi di protezione collettiva rispetto ai DPI personali. - Le prescrizioni operative e misure di protezione collettiva da utilizzare sono quelli previsti nelle POS VVF, richiamate nelle schede allegate. addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 11

12 f) misure preventive e protettive e dispositivi di protezione individuale; non è necessario e non devono essere effettuate operazioni in contemporanea che possano interferire tra di loro, durante i lavori di movimentazione di materiali e attrezzature tutto il personale dovrà essere impegnato nella sorveglianza ed impedire a chiunque di porsi in posizioni pericolose, durate i lavori in quota non dovranno essere effettuate altre attività se non a servizio dei lavori in quota; tutto il personale operativo se sale in quota dovrà costantemente utilizzare i sistemi di protezione collettivi ed i DPI personali; non devono essere utilizzate scale se non dopo il completamento della loro assicurazione per evitare scivolamenti laterali; le misure preventive e protettive e dispositivi di protezione individuale da utilizzare sono quelli previsti nelle POS VVF, richiamate nelle schede allegate. Non sono previste attività che possono sviluppare rumori molesti salvo il rumore prodotto dalle motoseghe; tendo conto dei tempi di esposizione brevi l operatore dovrà integrare la protezione del casco con tamponi auricolari. addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 12

13 g) modalità organizzative e del coordinamento; - per la mensa del personale dovranno essere interrotte le operazioni e predisposto uno spazio al coperto per consumare il pranzo al sacco in paese; - per altre esigenze occorrerà fare riferimento agli spazi messi a disposizione dal Comune; - assicurare la presenza nella squadra di un operatore con qualifica TPSS; - provvedere la scorta di acqua minerale; h) organizzazione per il pronto soccorso e antincendio; Tutto il personale impegnato è qualificato con gli specifici corsi di formazione previsti per i VVF, è soggetto alla prevista la sorveglianza sanitaria, deve essere impiegato in funzione delle capacità professionali maturate; eventuali emergenze saranno affrontate in conformità alle POS ricorrenti utilizzando materiali e attrezzature tipiche del servizio VVF e richiedendo il concorso di enti e organismi qualificati ove occorra; addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 13

14 i) durata prevista delle lavorazioni, delle fasi di lavoro e cronoprogramma dei lavori; L intervento si sviluppa nel corso dell attività di addestramento della durata di una settimana nella quale sono previste 5 giornate lavorative con l impiego di due gruppi di vigili del fuoco specialisti in lavori in quota e specialisti nell impiego di automezzi speciali di supporto al lavoro in quota. Il cronoprogramma dei lavori prevede: lunedì: - norme, regole tecniche di riferimento, sicurezza, progetto, certificazione, qualità normativa sicurezza; organizzazione, pianificazione, predisposizione delle opere martedì: - impianto del cantiere di intervento e limitazione delle aree con nastro segnaletico; - delimitazione dello spazio di deposito dei mezzi operativi e scarico delle attrezzature e materiali; - presa in consegna dei materiali da utilizzare nell opera; - predisposizione dei posto di lavoro e organizzazione degli spazi per AS, ACT man e Snorkel; - predisposizione e organizzazione degli spazi di deposito; - a cura degli esperti SAF predisposizione delle vie di accesso sul tetto con le sicurezze collettive e predisposizioni degli ancoraggi per l impiego di DPI individuali; - accesso al tetto di solo personale SAF con idonei DPI indossati e sicurezze applicate; - trasporto e ancoraggio del sistema di scivolamento dei coppi; - predisposizione di rete di trattenimento per limitare il rischio di caduta di materiali - sollevamento dei materiali e attrezzature di lavoro; - posa sistemi di rilevamento, dinamometri, inclinometri, estensimetri, registratore in continuo; martedì, mercoledì, giovedì, venerdì: - esecuzione dei lavori sistemazione delle catene e di abbassamento dei coppi - esecuzione dei lavori di taglio e abbassamento dei travi, puntellamenti, - esecuzione dei lavori di risistemazione delle catene e delle porzioni di tetto venerdì; - abbassamento dei materiali di risulta e delle attrezzature; - discesa del personale e smontaggio dei sistemi di sicurezza; - verifica e collaudo dell opera. Le attività preparatorie sono svolte prima dell inizio dell intervento sul posto e per le stesse il responsabile dei lavori e il coordinatore per la sicurezza accertano l idoneità e la funzionalità degli apprestamenti. L'entità presunta del cantiere è di 360 uomini-giorno (comprese le attività formative) Per l opera sono necessarie una AS, uno snorkel, una gru montata su autocarri MAN, un mezzo di supporto ACT Polisoccorso, un mezzo attrezzato SAF; addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 14

15 Fasi di lavoro: abbassamento coppi lo scarico dei coppi dal tetto dovrà essere effettuato operando su entrambe la falde, lato strada con snorkel, lato cortile con autoscala, contemporaneamente per evitare disuniformità di carico, abbassando i coppi mediante lo scorrimento su due tavole in legno inchiodate a V con alla base paglia in sacchi per attutire l atterraggio; obbligo tassativo di uso di guanti pesanti e mascherine antipolvere; i coppi saranno accatastati su bancali di legno in stati successivi per una altezza non superiore a 80 cm addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 15

16 Fasi di lavoro: abbassamento coppi e distacco listelli L operatore impegnato sulla scala o nel cestino dello snorkel dovrà operare utilizzando il cinturone di posizionamento, senza accedere al tetto o ad altre zone con fattore di caduta superiore a 0 addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 16

17 Fasi di lavoro: distacco listelli con tecniche SAF moschettone K con ghiera autobloccante stante il modesto peso e dimensione i listelli saranno staccati impiegando martello da carpentiere e palanchino, e lasciati cadere al piano sottostante fune dinamica di sicurezza Gli operatori lavoreranno con tecniche SAF 1A e 1B, a seconda della specializzazione, con ancoraggio sulla volata della autoscala o alla base del cestello dello snorkel utilizzando gli appositi punti di attacco; con il personale in sicurezza sulle funi nessun altro operatore potrà usare la scala o lo snorkel; fune statica di movimentazione addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 17

18 Scheda di lavoro: taglio e abbassamento travi in legno DPI obbligatori aggiuntivi: pantaloni antitaglio; si suggerisce l impiego di tamponi auricolari antirumore durate il lavoro con la motosega; l ultimo tratto di fune deve essere sostituito da una catena metallica; La corda di sicura deve correre sotto la volata in modo da non impigliarsi su eventuali ostacoli; non devono essere assicurati sullo stesso mezzo personale operativo e materiale da movimentare; ordinariamente il personale sarà assicurato alla autoscala e il materiale alla gru; prima di movimentare la scala il personale deve essere appoggiato in luogo sicuro e svincolato oppure vincolato a due spezzoni fissi sull autoscala, svincolando a valle della alzata la fune portante e la sicurezza; tutti gli attrezzi utilizzati devono essere assicurati su spezzoni di cordino più lunghi della corda utilizzata dall operatore, soprattutto la motosega; in caso di caduta deve fermarsi più a valle dei piedi dell operatore; addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 18

19 Schede tecniche 1) materiali barre filettate per ancoraggi e accessori di bloccaggio parapetti, tavole da ponte, braghe di sollevamento, 2) attrezzature tiranti, carrelli per trasporto, motosega 3) mezzi autoscala snorkel autogru man, 4) dpi e sicurezza imbraco 1A e 1B, cinturone, pantaloni antitaglio, vestizione completa VVF., tecniche SAF 1A, tecniche SAF 1B, SAF 1A su fune con autoscala, sicurezza motosega 5) strutture capriate in legno, glossario, esempi di calcolo, tecnologia del legno addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 19

20 Studio condotto dal Politecnico di Torino Con il concorso del Politecnico di Torino facoltà di ingegneria, attraverso l opera di assistenti e laureandi del prof. De Stefano, è stata realizzata la modellazione della struttura utilizzando un programma Sap 2000 per l analisi strutturale statica e dinamica, lineare e non lineare ad elementi finiti. E anche un ottimo strumento per la progettazione di elementi strutturali secondo i codici AASHTO,ACI, AISC e Eurocodice. L interfaccia grafica permette di modellare, analizzare e visualizzare la geometria della struttura, le proprietà e l analisi dei risultati. in allegato sono riportati in modo sintetico i risultati delle analisi condotte anche attraverso le misurazioni delle deformazioni impiegando inclinometri, trasduttori lineari e dinamometri opportunamente posizionati prima dell inizio dei lavori. addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 20

21 Norme sulla sicurezza e salute durante il lavoro DPR 27 aprile 1955 n 547 DPR 7 gennaio 1956 n 164 DPR 24 luglio 1966 n 459 DM 22 maggio 1992 n 466 Ministero del Lavoro e Previdenza Sociale D.leg. 4 dicembre 1992 n 475 D.leg. 19 settembre 1994 n 626 D.leg. 14 agosto 1996 n 493 D.leg. 14 agosto 1996 n 494 D.leg. 2 gennaio 1997 n 10 DM 2 maggio 2001 Direttiva 27 giugno /45/CE DM 13 febbraio 2003 Ministero attività produttive DPR 3 luglio 2003 n 222 D.leg. 8 luglio 2003 n 235 Decreto 6 agosto 2004 ministero del lavoro e delle politiche sociali Decreto 14 settembre 2005 ministero delle infrastrutture e dei trasporti Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni Regolamento per l'attuazione delle direttive89/392/cee, 91/368/CEE, 93/44/CEE e 93/68/CEE concernenti il riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle macchine. Regolamento recante il riconoscimento di efficacia di un sistema individuale per gli addetti al montaggio ed allo smontaggio dei ponteggi metallici. Attuazione della direttiva 89/686/CE, in materia di riavvicinamento della legislazione degli stati membri relativa ai dispositivi di protezione individuale (questo decreto riporta i requisiti essenziali di sicurezza dei dispositivi di protezione individuale (DPI) e le procedure per l'apposizione del marchio di conformità CE). Attuazione delle direttive 89/391/CEE, 89/654/CEE, 89/655/CEE, 89/656/CEE, 90/269/CEE, 90/270/CEE, 90/394/CEE, 90/679/CEE, 93/88/CEE, 95/63/CE, 97/42/CE, 98/24/CE, 99/38/CE, 2001/45/CE e 99/92/CE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro Attuazione della direttiva 92/58/CEE concernente le prescrizioni minime per la segnaletica di sicurezza e/o di salute sul luogo di lavoro Attuazione della direttiva 92/57/CEE concernente le prescrizio ni minime di sicurezza e di salute da attuare nei cantieri temporanei e mobili Attuazione delle direttive 93/68/CEE, 93/95/CEE e 96/58/CE relative ai dispositivi di protezione individuale Criteri per l'individuazione e l'uso dei dispositivi di protezione individuale (DPI) che modifica la direttiva 89/655/CEE del Consiglio relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l'uso delle attrezzature di lavoro da parte dei lavoratori durante il lavoro (seconda direttiva particolare ai sensi dell'articolo 16, paragrafo 1, della direttiva 89/391/CEE). Terzo elenco riepilogativo di norme armonizzate concernente l'attuazione della direttiva n. 89/686/CEE relativa ai dispositivi di protezione individuale. Regolamento sui contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili, in attuazione dell'articolo 31, comma 1, della legge 11 febbraio 1994, n Attuazione della direttiva 2001/45/CE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l uso delle attrezzature di lavoro da parte dei lavoratori. Riconoscimento di conformita' alle vigenti norme di mezzi e sistemi di sicurezza, relativi alla costruzione ed all'impiego di puntelli telescopici regolabili in acciaio Norme tecniche per le costruzioni. addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 21

22 Linee guida VVF Piemonte Novembre 2005 VVF Piemonte Settembre 2004 M. Lavoro ISPESL settembre 2003 ISPESL settembre 2004 ISPESL ISPESL Conferenza Regioni SUVA ottobre 2000 SUVA linee guida configurate a seguito della esperienza di lavoro del puntellamento, ripristino e demolizione della ex Chiesa della Confraternita dei Battuti a Castel Boglione, anche con l esecuzione di lavori temporanei in quota e impiego di esplosivi linee guida configurate a seguito della esperienza di lavoro del puntellamento della chiesa di San Sebastiano a Castel Boglione, anche con l esecuzione di lavori temporanei in quota per l esecuzione di lavori temporanei in quota con l impiego di sistemi di accesso e posizionamento mediante funi per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall alto movimentazione dei carichi nel settore edile l uso in sicurezza delle motoseghe portatili per potatura piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili, Lista di controllo Lavoro con la motosega Sicurezza motosega SCHEDE BIBLIOGRAFICHE DI RIFERIMENTO del Comitato paritetico di Torino COPERTURE INTAVOLATI PARAPETTI PONTI SU CAVALLETTI PONTEGGI IN LEGNO PROTEZIONI APERTURE VERSO IL VUOTO PROTEZIONI APERTURE NEI SOLAI AUTOGRU 9. MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 22

23 Fasi lavorative, criticità rilevate dal responsabile della sicurezza partecipazione di assistenti e studenti del Politecnico di Torino, facoltà di ingegneria preparazione dell'ancoraggio SAF sulla scala aerea scala aerea Predisposizione di abbassamento dei coppi su canalina in legno per il loro recupero Accesso al locale al primo piano; carenza di DPI Impiego contemporaneo di AS e autogrù dal cortile addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 23

24 Fasi lavorative, criticità rilevate dal responsabile della sicurezza scala aerea e trasporto materiali con autogru scala aerea e trasporto materiali con autogru snorkel snorkel snorkel scala aerea addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 24

25 Fasi lavorative, criticità rilevate dal responsabile della sicurezza scala aerea e trasporto materiali con autogru scala aerea e trasporto materiali con autogru snorkel e abbassamento coppi con canalina in legno scala aerea e trasporto materiali con autogru scala aerea e trasporto materiali con autogru scala aerea e trasporto materiali con autogru addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 25

26 Fasi lavorative, criticità rilevate dal responsabile della sicurezza snorkel snorkel snorkel Consenso manuale al sensore di posizionamento per spostamento snorkel a braccio alzato Verifica delle posizioni dei sensori di movimento Posizionamento dei sensori di movimento sulla pilastratura addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 26

27 Fasi lavorative, criticità rilevate dal responsabile della sicurezza posizionamento del sensore di movimento verticale preparazione dei cavi di collegamento delle sistemi di misura delle deformazioni al registratore Posizionamento di pc, calcolatore registratore scala aerea e trasporto materiali con autogru scala aerea e trasporto materiali con autogru scala aerea e trasporto materiali con autogru addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 27

28 Fasi lavorative, criticità rilevate dal responsabile della sicurezza Tirante nei locali al 1 piano con applicato il dinamometro pilastro di supporto inferiore alla soletta Tiranti laterali a contrasto delle pareri libere Puntelli dal primo piano alle travi di colmo del tetto Lavoro ultimato e pulito addestramento operativo a Castello d Annone, demolizione tetto, 6-11 novembre 2006, pag 28

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE DEFINIZIONE Demolizione: Operazione di abbattimento parziale o totale di un opera edificata, attraverso una sequenza programmata di interventi da effettuare sull opera

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - -

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - - Collegio Geometri della Provincia di Brescia Commissione 494 Sicurezza dei Cantieri P.S.C. P.S.C. (o Piano di Sicurezza e di Coordinamento): specificato per ogni singolo cantiere temporaneo o mobile e

Dettagli

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO COSA PREVEDE LA NORMATIVA SUI D.P.R. 164/1956 Art. 16 Ponteggi e opere provvisionali Nei lavori che sono eseguiti ad un altezza

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall'alto nei lavori di manutenzione ordinaria

Dettagli

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul

Dettagli

Progettare la demolizione

Progettare la demolizione Progettare la demolizione Bologna 24 Ottobre 2014 Docente: Michela Arezzini Consulente sicurezza nei luoghi di lavoro Perché progettare le demolizioni SICUREZZA AMBIENTE COSTI La pianificazione della sicurezza

Dettagli

Rifacimento totale degli impianti elettrici dell edificio scolastico Ungaretti sito in Via Volvera 14 nel Comune di Piossasco (TO)

Rifacimento totale degli impianti elettrici dell edificio scolastico Ungaretti sito in Via Volvera 14 nel Comune di Piossasco (TO) PROGETTO ESECUTIVO Oggetto: FASCICOLO DELL OPERA Rifacimento totale degli impianti elettrici dell edificio scolastico Ungaretti sito in Via Volvera 14 nel Comune di Piossasco (TO) Committente: COMUNE DI

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili L'ing. M. Grandi - funzionario della Direzione provinciale del Lavoro di Verbania ha curato la realizzazione una check list dedicata

Dettagli

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs.

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. 235/2003 A) PARTE GENERALE (Anagrafica) Premesso che il PIMUS deve essere specifico

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA L identificazione e la descrizione dell opera è esplicitata con: a) l indirizzo del cantiere; b) la descrizione del contesto in cui

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra RISCHIO CADUTA DALL ALTO Ing. Caterina Lapietra il rischio insito nel ponteggio, la sua percezione e gli accessori che producono sicurezza passiva La percezione del rischio è un fattore soggettivo, legato

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI INTERVENTI DI: ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA RISCHI CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI DI COSTRUZIONE, MANUTENZIONE, MODIFICA STRUTTURE TRADIZIONALI

Dettagli

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per:

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per: Allegato 1) Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota nei cantieri edili e di ingegneria civile ai sensi dell art. 6 della legge regionale 2 marzo

Dettagli

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA I CONTENUTI DELLA VIGILANZA NEI CANTIERE A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA B) DOCUMENTAZIONE DEL CANTIERE C) CONTROLLO ADOZIONE MISURE DI SICUREZZA PER LE LAVORAZIONI CORSO D) LA GESTIONE DEL CANTIERE

Dettagli

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi D.Lgs.81/08 - TITOLO IV - SEZIONE V - PONTEGGI FISSI Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi Art. 136 (ex art. 36 quater D.Lgs 626/94) in vigore dal 19/07/2005 "Il datore di lavoro provvede a

Dettagli

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO 7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO L ascensore da cantiere, proprio per la sua caratteristica di uso temporaneo presenta, a differenza di altre apparecchiature installate permanentemente in

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEI CANTIERI ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 I riferimenti normativi (norme prescrittive) D.P.R. 27.04.1955 n. 547 Norme di prevenzione degli infortuni

Dettagli

Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute

Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota della Regione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE LAVORI IN ALTEZZA - NORME DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 e s.m.i. In particolare Titolo IV Cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota

Dettagli

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi L'armatura deve comunque possedere le seguenti caratteristiche: essere realizzata in modo da evitare il rischio di seppellimento: in un terreno incoerente, la procedura deve consentire di disporre armature

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO OBBIETTIVI PRINCIPALI Sviluppare nei progettisti la cultura della sicurezza Formarli alla previsione progettuale di attrezzature di

Dettagli

Comune di Avigliana RISCHI CHE SI POSSONO VERIFICARE IN UN CANTIERE RISCHI CHE SI POSSONO VERIFICARE IN UN CANTIERE

Comune di Avigliana RISCHI CHE SI POSSONO VERIFICARE IN UN CANTIERE RISCHI CHE SI POSSONO VERIFICARE IN UN CANTIERE Comune di Avigliana La centralità della valutazione dei rischi nella prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali La valutazione dei rischi in edilizia: pianificazione e piano

Dettagli

!!!!!!! "# "#$ % # $$%!!!!!!

!!!!!!! # #$ % # $$%!!!!!! ! "#!!!!!! "#$% #$$%!!!!!! $#!!''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''( & )!*) )+!,$#!!!)#!''''''''''''''''''''- ( $!.! */* *!#!*) #!11 +/)! * *)!#!! 2!)/*!!!!!#2!*1!'''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''3

Dettagli

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi Dipartimento di Sanità Pubblica Ente Scuola Edile di Piacenza Comitato Paritetico Territoriale SICUREZZA IN EDILIZIA - Il lavoro in quota 3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE EDILIZIA Processo Costruzione di edifici e di opere di ingegneria civile/industriale Sequenza

Dettagli

Titolo: Verbale di sopralluogo preliminare congiunto sul luogo delle lavorazioni/servizi appaltati. Committente...

Titolo: Verbale di sopralluogo preliminare congiunto sul luogo delle lavorazioni/servizi appaltati. Committente... Pagina: 1 Verbale di sopralluogo preliminare congiunto sul luogo delle lavorazioni/servizi appaltati Committente... Area interessata dai lavori/servizi:... Oggetto del /servizio:... Il giorno..., sul luogo

Dettagli

Le Macchine di cantiere

Le Macchine di cantiere Cosa fare, cosa evitare Le Macchine di cantiere A.S.L.E ChièA A.S.L.E L A.S.L.E., Associazione per la Sicurezza dei Lavoratori in Edilizia, nasce da un accordo fra organizzazioni sindacali ed associazioni

Dettagli

CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO

CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO DURATA IL CORSO SPECIFICO PER L UTILIZZO DI POMPE PER CALCESTRUZZO HA UNA DURATA COMPLESSIVA DI 16 ORE ORGANIZZATE IN TRE MODULI: MODULO DI BASE (4 ORE) E MODULO TECNICO

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA -

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - Identificazione dell edificio e dei soggetti coinvolti nella realizzazione dell opera: Edificio sito in: Via O. Bravin 151/B 30023 Comune

Dettagli

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio Argomenti verbale di consegna I CRITERI DI GESTIONE DEL PONTEGGIO Lodi, 28 Ottobre 2014 ing. Marco Antonio Fusco Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie Uso dei sistemi anticaduta durante

Dettagli

Dispositivi iti NON rmanenti PROVVISORI

Dispositivi iti NON rmanenti PROVVISORI Dispositivi NON permanenti PROVVISORI PIATTAFORME AEREE: dispositivo per il lavoro in quota efficace e di immediato impiego, non richiede attività preparatoria a terra o sulla facciata (a parte la delimitazione

Dettagli

LA SICUREZZA in COPERTURA

LA SICUREZZA in COPERTURA INCONTRI TECNICI Progettazione, tecniche e materiali 08 giugno 2011 LA SICUREZZA in COPERTURA INQUADRAMENTO NORMATIVO Relatori: Ing. Cosimo Chines Ing. Stefano Camoni In collaborazione con Studio Tecnico

Dettagli

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni SPISAL Asl 20 Asl 21 Asl 22 Direzione Provinciale del Lavoro Comitato Paritetico Territoriale Polizia Municipale Campagna Cantieri Sicuri 2007 Elementi di giudizio Cantieri sotto il Minimo Etico Cadute

Dettagli

Consolidamento e manutenzione dei solai in laterocemento zona bagni al piano terra e primo, mediante inserimento di nuovi profilati metallici

Consolidamento e manutenzione dei solai in laterocemento zona bagni al piano terra e primo, mediante inserimento di nuovi profilati metallici CAPITOLO I 1.1 - DESCRIZIONE SINTETICA DELL OPERA Il progetto riguarda i lavori di adeguamento/miglioramento sismico controllato della scuola primaria Colombo nell'ambito del piano per la messa in sicurezza

Dettagli

LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta

LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta Lucca 1-06 - 2010 Stefano Cesari Amorini Srl - Perugia Lavoro in quota: le variabili per individuare il metodo di accesso

Dettagli

Sekure Srl Via Thomas Edison, n 4 35012 Camposampiero (PD) P. IVA 04632690287 R.E.A. PD- 405763 Iscrizione CCIAA n T99593501

Sekure Srl Via Thomas Edison, n 4 35012 Camposampiero (PD) P. IVA 04632690287 R.E.A. PD- 405763 Iscrizione CCIAA n T99593501 CS001 Corso: lavori in quota DPI anticaduta III cat. - 8 ore EURO 300 Il corso di formazione è rivolto al personale con esposizione a rischio di caduta dall alto, già in possesso di formazione di base

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (D.U.V.R.I.) COMUNITA ALTO GARDA e LEDRO. Attività di gestione dei CRM/CRZ

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (D.U.V.R.I.) COMUNITA ALTO GARDA e LEDRO. Attività di gestione dei CRM/CRZ DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (D.U.V.R.I.) COMUNITA ALTO GARDA e LEDRO Attività di gestione dei CRM/CRZ Via A. Rosmini, 5/b -38066 Riva del Garda Redazione: febbraio 2012 DECRETO

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Introduzione Nelle varie fasi lavorative, si è visto come ricorra spesso l utilizzo di ausili per la movimentazione meccanica dei carichi,

Dettagli

I piani di sicurezza e la stima dei costi

I piani di sicurezza e la stima dei costi I piani di sicurezza e la stima dei costi Corso sulla sicurezza nei cantieri temporanei o mobili di cui al D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PIANI Di SICUREZZA/1 Riferimenti normativi Art. 131 del D.Lgs. n. 163/2006

Dettagli

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI N 3 CAPI - N 73 articoli (da art. 88 a art. 160)

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI N 3 CAPI - N 73 articoli (da art. 88 a art. 160) TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI N 3 CAPI - N 73 articoli (da art. 88 a art. 160) CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA N 8 SEZIONI -

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO

PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO conforme ai contenuti minimi previsti dall allegato XV del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. COORDINATORE in fase di: O PROGETTAZIONE O ESECUZIONE INDIRIZZO CANTIERE NATURA DELL

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015. CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015. CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015 CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro Modulo n. 1 SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI Collocazione

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio

Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio Introduzione Principio Di norma, quando si sceglie l ubicazione di una gru a torre bisogna fare in modo che la movimentazione dei carichi sul cantiere

Dettagli

COMUNE DI BRISIGHELLA

COMUNE DI BRISIGHELLA S e r e n a L i v e r a n i S i l v i a M a g g i A r c h i t e t t i COMUNE DI BRISIGHELLA REDAZIONE DEL PROGETTO DEFINITIVO DEI LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DI UNA NUOVA STRUTTURA SCOLASTICA A MARZENO

Dettagli

Vista la legge 1 marzo 2002, n. 39, ed in particolare l'articolo 1, commi 1, 3 e 5;

Vista la legge 1 marzo 2002, n. 39, ed in particolare l'articolo 1, commi 1, 3 e 5; Attuazione della direttiva 2001/45/CE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l'uso delle attrezzature di lavoro da parte dei lavoratori IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli

Dettagli

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO Gemona del Friuli, 23 maggio 2012 Dott.ssa Francesca Piva Tecnico della Prevenzione A.S.S. n. 3 Alto Friuli CLASSIFICAZIONE COPERTURE CLASSIFICAZIONE COPERTURE TIPOLOGIA Fortemente

Dettagli

lavori in fune - edilizia acrobatica - monumenti - grandi opere - tralicci - fotografia industriale

lavori in fune - edilizia acrobatica - monumenti - grandi opere - tralicci - fotografia industriale Lavori in fune significa operare appesi a corde E un servizio utilizzabile in edilizia, nel restauro, per la fotografia industriale e non, per la manutenzione di tralicci, antenne, ripetitori, per intervenire

Dettagli

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012)

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012) ISTRUZIONI TECNICHE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA (DGRV 2774/09 così

Dettagli

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S)

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S) Corso di aggiornamento RSPP aziende edili Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S) In questa unità didattica descriveremo le caratteristiche del Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S.). Nello

Dettagli

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I 1. A N A G R A F I C A D E L L O P E R A S O G G E T T I C O I N V O L T I G E S T I O N E D E L P S C 1.1 CARATTERISTICHE DELL OPERA 1. Le caratteristiche dell opera da eseguire sono state trattate nel

Dettagli

Committente Provincia Regionale di Catania

Committente Provincia Regionale di Catania cantiere sito nel comune di Grammichele e Ramacca Rev. 00 Committente Provincia Regionale di Catania DOCUMENTO ELABORATO AI SENSI DELL ART. 100 DEL D. LGS. 81/2008 COORDINATO CON IL D. LGS. 3 AGOSTO 2009,

Dettagli

tel 041.3642511 - fax 041.640481 - sinergospa.com - info@sinergospa.com

tel 041.3642511 - fax 041.640481 - sinergospa.com - info@sinergospa.com Sinergo Spa - via Ca Bembo 152-30030 - Maerne di Martellago - Venezia - Italy tel 041.3642511 - fax 041.640481 - sinergospa.com - info@sinergospa.com oggetto PROGETTO ESECUTIVO AMMODERNAMENTO IMPIANTO

Dettagli

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione A.1. Valutazione dei rischi 1 Documento di valutazione dei rischi ( DLgs. 81/08 art. 28 c.2 ) 2 Autocertificazione

Dettagli

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO art. 7, D. Lgs. 626/94 Legge delega n 123/2007 art. 26 Testo Unico 1 art.7 D.Lgs. 626/94 Il datore di lavoro, in caso di AFFIDAMENTO DEI LAVORI ALL INTERNO

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE

ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE D.Lgs 494/96 e s.m.i. DPR 222/03 Contenuti minimi Piani di Sicurezza - L organizzazione del cantiere è di pertinenza del Coordinatore per la Sicurezza in Fase di Progettazione

Dettagli

ALLEGATO XXI. Accordo Stato, regioni e province autonome sui corsi di formazione per lavoratori addetti a lavori in quota

ALLEGATO XXI. Accordo Stato, regioni e province autonome sui corsi di formazione per lavoratori addetti a lavori in quota ALLEGATO XXI Accordo Stato, regioni e province autonome sui corsi di formazione per lavoratori addetti a lavori in quota Soggetti formatori, durata, indirizzi e requisiti minimi di validità dei corsi per

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DELLA SICUREZZA...

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DELLA SICUREZZA... INDICE 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DELLA SICUREZZA... 2 1.1 PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONE PER LA STESURA DEL PSC... 2 1.2 I CONTENUTI MINIMI DEL PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO... 2 1.3 IL

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

A Relazione Tecnica. 1 Caratteristica dell Opera

A Relazione Tecnica. 1 Caratteristica dell Opera A Relazione Tecnica 1 Caratteristica dell Opera Descrizione: Interventi per incrementare la qualità delle infrastrutture scolastiche. Ubicazione: Liceo Scientifico e Istituto Tecnico Commerciale Leonardo

Dettagli

Comune di Fauglia Provincia di Pisa

Comune di Fauglia Provincia di Pisa Comune di Fauglia Provincia di Pisa ============= Oggetto: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 23.11.2005, n. 62/R (misure preventive e protettive per

Dettagli

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA?

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Presenta SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Con il patrocinio di: Città di GROSSETO Grosseto 4 marzo 2011 1 perché oggi parliamo di linee vita : Le cadute dall alto sono

Dettagli

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Sicurezza realizzabile Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Gli interventi di manutenzione sui veicoli ferroviari vengono svolti in condizioni di sicurezza? La manutenzione dei

Dettagli

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22 Lavori in quota 1/22 D.Lgs 81/08 e s.m.i., art. 111 1. Il datore di lavoro, nei casi in cui i lavori temporanei in quota non possono essere eseguiti in condizioni di sicurezza e in condizioni ergonomiche

Dettagli

DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE

DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE CENNI RIGUARDANTI IL D.LGS N.81 DEL 09/04/2008 E S.M.I. Articolo 150 RAFFORZAMENTO DELLE STRUTTURE Articolo 151 ORDINE DELLE DEMOLIZIONI Articolo 152 MISURE DI SICUREZZA

Dettagli

Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno

Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno Sicurezza realizzabile Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno Imbracatura, stoccaggio e trasporto Nella vostra azienda si lavora in condizioni di sicurezza con gli elementi prefabbricati in

Dettagli

La valutazione dei rischi nei cantieri di potatura alberi: verifica della sicurezza e procedure di emergenza.

La valutazione dei rischi nei cantieri di potatura alberi: verifica della sicurezza e procedure di emergenza. La valutazione dei rischi nei cantieri di potatura alberi: verifica della sicurezza e procedure di emergenza. La verifica della sicurezza nei cantieri di treeclimbing: procedure e osservazioni Monza, 18

Dettagli

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili.

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili. Come utilizzare le scale a mano o portatili. SCALE A MANO NORME GENERALI Bisogna innanzitutto avere presente il concetto che le scale a mano devono servire esclusivamente per lavori assolutamente particolari

Dettagli

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE Prime indicazioni per la stesura del piano della sicurezza Descrizione sommaria delle fasi

Dettagli

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI)

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI) Comune di TORINO Provincia di TO FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI) OGGETTO: AREA OVEST COMMITTENTE:

Dettagli

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI INCONTRI CON LE IMPRESE Lodi, 21 Luglio 2015 LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI ing. Marco Antonio Fusco CPT Milano, Lodi, Monza Brianza Principali fasi di lavorazione nella prefabbricazione 1.

Dettagli

1. Premessa 3. 2. Riferimenti normativi 3. 3. Contenuti del Piano di Sicurezza e Coordinamento 4. 4. Allegati del PSC 7

1. Premessa 3. 2. Riferimenti normativi 3. 3. Contenuti del Piano di Sicurezza e Coordinamento 4. 4. Allegati del PSC 7 INDICE 1. Premessa 3 2. Riferimenti normativi 3 3. Contenuti del Piano di Sicurezza e Coordinamento 4 4. Allegati del PSC 7 pagina 2 di 7 1. Premessa Il Piano di Sicurezza e Coordinamento è redatto per

Dettagli

GUIDA APPLICATIVA BS OHSAS 18001:2007

GUIDA APPLICATIVA BS OHSAS 18001:2007 5 Febbraio 2009 Sicurezza e Salute sul Lavoro nel mondo delle costruzioni. Le responsabilità derivanti dal nuovo Testo Unico e i vantaggi di un sistema di gestione certificato secondo la norma OHSAS 18001:2007

Dettagli

Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili

Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili Sicurezza realizzabile Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili Nella vostra azienda le piattaforme di lavoro elevabili vengono usate in condizioni di sicurezza? Le piattaforme di lavoro elevabili

Dettagli

LAVORO SULLE COPERTURE

LAVORO SULLE COPERTURE 1 LAVORO SULLE COPERTURE UNI EN 8088 2 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati (definizioni) [UNI 8088] Tipi di coperture [UNI 8088] MANTO DI COPERTURA Per manto di copertura si intende l insieme degli

Dettagli

Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici

Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici Tractel Italiana www.tractel.edilio.it SICUREZZA Sistemi anticaduta per lavori in quota Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici non protette, la cui altezza dal suolo è maggiore di

Dettagli

CARPENTIERI / FERRAIOLI

CARPENTIERI / FERRAIOLI POSA DEL FERRO: MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Per quanto possibile, si dovrà ridurre la movimentazione manuale dei carichi ricorrendo all utilizzo di apparecchi di sollevamento. Le norme vigenti danno specifiche

Dettagli

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI RIF. D. LGS. 81/08 s.m.i. Articolo 26 - Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione Titolo IV Cantieri

Dettagli

INTRODUZIONE. Si riporta di seguito una proposta di regolamento sui corsi di formazione per lavoratori/preposti addetti a lavori in quota.

INTRODUZIONE. Si riporta di seguito una proposta di regolamento sui corsi di formazione per lavoratori/preposti addetti a lavori in quota. REGOLAMENTO SUI CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI A LAVORI IN QUOTA. Schema di Regolamento su soggetti formatori, durata, indirizzi e requisiti minimi di validità dei corsi per lavoratori e preposti

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti Le problematiche di sicurezza per l allestimento del

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

COMUNE DI PIANCASTAGNAIO

COMUNE DI PIANCASTAGNAIO COMUNE DI PIANCASTAGNAIO MANUTENZIONE STRAORDIANRIA DELL EDIFICIO DENOMINATO RIPARAZIONE LOCOMOTORI/SILOS ALL INTERNO DELLA EX. MINIERA DI MERCURIO DEL SIELE COMUNE DI PIANCASTAGNAIO COMMITTENTE COMUNE

Dettagli

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa Direzione Provinciale del Lavoro Lucca Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa CADUTE dall alto La causa principale dei

Dettagli

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello) PERCORSI VERTICALI Scheda: P005 Rev: 06/06/2009 10.48.00 Pagina 1/5 PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

Dettagli

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO La scheda di rilevazione dei rischi di caduta dall alto è stata pensata come strumento di analisi sia per gli addetti del settore che per i funzionari

Dettagli

La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno. Arch. Ferdinando Izzo

La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno. Arch. Ferdinando Izzo La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno Arch. Ferdinando Izzo Caratteristiche delle costruzioni prefabbricate in legno In merito

Dettagli

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO Federico Genovesi Pierfrancesco Miniati I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale,

Dettagli

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Allegato alla Delibera n. 850 del 17.12.2004 Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Articolo 3.2.11: Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall alto Le seguenti disposizioni

Dettagli

La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture

La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture ATTI Seminario La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture Venerdì 24 giugno In partnership con Seminario La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole

SEMINARIO. Le nuove regole SEMINARIO Le nuove regole I lavori non elettrici alla luce della IV edizione della norma CEI 11-27 Ing. Fausto Di Tosto INAIL Coordinatore del GdL INAIL per i Lavori sotto tensione ROMA, 11 MARZO 2014

Dettagli