Sotheby's. Treasures Aristocratic Heirlooms London 06 Jul 2010, 05:30 PM L10307 CIRCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sotheby's. Treasures Aristocratic Heirlooms London 06 Jul 2010, 05:30 PM L10307 CIRCA 1596-7"

Transcript

1 Sotheby's Treasures Aristocratic Heirlooms London 06 Jul 2010, 05:30 PM L10307 LOT 4 AN ITALIAN ENGRAVED IVORY INLAID ROSEWOOD (GRANADILLO) CENTRE TABLE ATTRIBUTED TO MASTRO GIORGIO TEDESCO AND GIULIO LUPI, FOR THE DUKE OF URBINO FRANCESCO MARIA II DELLA ROVERE ( ) CIRCA the top of rectangular form inlaid with four oak boughs with oak leaves and acorns, each corner inlaid with the arms of the della Rovere family and the insignia of the Order of the

2 Golden Fleece within a similarly inlaid border on squared trestle supports joined by later steel spirally-twist stretchers 83cm high. 133cm wide, 83cm deep; 2ft.8in., 4ft.4in., 2ft.8in. ESTIMATE Lot Sold: 937,250 GBP 500,000-1,000,000 GBP PROVENANCE Commissioned by the Duke of Urbino, Francesco Maria II della Rovere ( ) and recorded in the inventory compiled after his death in 1631 at Casteldurante Thence by descent to his granddaughter Vittoria della Rovere ( ), Grand Duchess of Tuscany Recorded in 1687 in the Medici Guardaroba of Pitti Palace, Florence, in the room of the then dowager Grand Duchess Recorded in April 1694 in the Medici Guardaroba of Pitti Palace, Florence as being given to Cardinal Francesco Maria de'medici ( ), the second son of Vittoria della Rovere and Ferdinand II, Grand Duke of Tuscany. Sold by the descendants of Charles Butler ( ). Christie's, London, 23rd November 1989, lot 161 CATALOGUE NOTE EBANO E AVORIO: UN TAVOLO PER IL DUCA DI URBINO TEXT BY ALVAR GONZÁLEZ-PALACIOS Per trattare di ebano e avorio occorrerebbe innanzitutto parlare di altri materiali: di osso e di legni comuni. Il contrasto fra le essenze scure vegetali e il chiarore delle materie animali è adoperato fin dall'antichità con fini estetici ma per avvicinarci all'argomento di cui ci occuperemo si dovrebbe risalire almeno al medioevo nei paesi dell'islam. Attraverso gli arabi del sud della Spagna quei moduli ornamentali si addentrarono in Europa e l'appellativo certosino, ad essi dato da più di un secolo, fa pensare al successo avuto in Italia. E' comunque ormai accettata dalla maggior parte degli studiosi la discendenza orientale di queste tarsie, perlopiù a motivi floreali stilizzati abbinati a forme geometriche 1. Stabilire la loro esatta origine resta comunque arduo. L'ebano proviene dall'africa e dall'asia meridionale, da climi caldi dunque; ma in Europa venne utilizzato soprattutto nelle varietà importate dall'america, specialmente dal Brasile e dalle Antille ovviamente passato il secolo della scoperta e della conquista di quelle terre. E' materiale estremamente costoso, durissimo e dunque di difficile lavorazione, che viene perlopiù impiallacciato in lastre sottili e quasi mai impiegato a massello. E' spesso di colore nero ma puo' presentare venature che puntano al violetto, al verdastro e al giallo. Eccezion fatta di qualche fugace presenza di ebano e avorio in rare scacchiere o in altri oggetti di piccole dimensioni è bene attendere fino al tardo Cinquecento per parlare con certezza di mobili costruiti con questi due materiali -almeno stando a quanto sappiamo oggi. Ebanisti nordici a Napoli Fu a Napoli, allora una delle due capitali artistiche del mondo ispanico e sede vicereale, che si fecero fra i primi mobili di lusso in cui l'ebano è usato per la parte strutturale mentre l'avorio è destinato agli abbellimenti (regoli, filettature, cornici e placche graffite con carte geografiche, soggetti biblici, allegorici, mitologici o storici). Proprio alla fine del Cinquecento, al 1597 per l'esattezza, risale una di quelle opere che fanno di per sé storia: si tratta di una pietra miliare della mobilia europea, uno stipo impiallacciato di ebano e di avorio graffito con una impostazione decisamente architettonica oggi custodito nel Museo di Amburgo. Questo

3 capolavoro risulta firmato da due artigiani napoletani, Gennaro Picicato e Giovanni Battista De Curtis 2. Del primo non si hanno notizie. De Curtis è invece noto attraverso altre opere sicure 3 e alcuni documenti d'archivio. Una di queste carte 4, del luglio 1596, asserisce che De Curtis, definito intagliatore e napoletano, si impegnava con uno scritturista, Iacobo Fiamengo, a incidere due scrittoi (o studioli) con favole d'ovidio. In un'altra carta, qualche mese prima, De Curtis (detto questa volta intagliatore d'avorio) e Iacobo Fiamengo scritturista stipulavano un contratto per uno stipo con storie del Vecchio Testamento. Su Iacobo Fiamengo si sa, inoltre, che nel 1594 e nel 1595 aveva stipulato accordi per eseguire altri due stipi e che nel 1596 e nel 1602 aveva preso due apprendisti in bottega 5. Risulta quindi chiaro che colui che faceva lo scritturista, vale a dire lo stipettaio o ebanista (come oggi usa dire per ovvia derivazione) non è lo stesso artigiano che incide gli avori con una tecnica che ricorda la grafica. Purtroppo il cognome di Iacobo Fiamengo non è un vero cognome ma piuttosto un appellativo di provenienza: e di fiamminghi e di tedeschi ce ne furono molti in Italia fra Cinque e Seicento. Le carte spesso non fanno che aumentare la confusione: in una di quelle menzionate, risalente al 1594, ad esempio, si scriveva Iacobo Fiamengo alemano mentre nel 1595 si nomina Iacobo Fiamengo de Neapoli. Vediamo ancora un altro fatto che si presta a qualche dubbio: chi è un Giacomo fiammingo intagliatore d'avorio che risulta attivo a Roma con bottega a Montecavallo nel 1595? 6. A mio modo di vedere non è la stessa persona di cui abbiamo finora parlato: il nostro Iacobo era uno scritturista di Napoli mentre il Giacomo di Roma era un intagliatore d'avorio. Non credo infine che si possa qui parlare di omonimia ma soltanto di una simile origine nazionale. Ricordiamo l'osservazione di uno dei più acuti conoscitori della vita artistica del primo Seicento: non dice Giulio Mancini, uno dei primi biografi di Caravaggio, in quell'epoca, anni più anni meno, di "molti franzesi e fiamminghi che vanno e vengono, non li si può dar regola"? Il mobile di Amburgo non è la sola opera importante fatta a Napoli nella tecnica di cui parliamo che utilizza, lo si ripete, placche di avorio intagliato con scene di vario genere disposte su un fondo d'ebano in una bicromia di bianco e di nero che rispetta le forme dell'architettura classica. Non staremo qui a riassumere il vasto corpus di questi arredi via via arricchitosi negli ultimi anni. Le opere più significative si conservano nel Victoria and Albert Museum di Londra, a Napoli nel Museo di San Martino, a Milano nel Museo Poldi Pezzoli, nel Philadelphia Museum of Art e presso alcuni privati spagnoli 7 (fig. 2.). Nelle corti europee Il Re di Spagna Filippo II (che era anche Re di Napoli) ebbe, a quanto apprendiamo dagli inventari redatti dopo la sua morte caduta nel 1598, diversi mobili del genere. Nelle sue stanze si elencavano tre scrittoi in ebano e avorio. Il primo, diviso da pilastri con capitelli ionici, aveva in mezzo uno sportello, era ricoperto con soggetti venatori e presentava rifiniture e maniglie in argento; il secondo si ornava di una scena mitologica con un vascello e l'ultimo, più semplice, aveva sei tiretti con placchette di avorio 8. Più di un secolo dopo nella Testamentaría dell'ultimo degli Asburgo di Spagna, Carlo II, compaiono altri mobili in ebano e avorio che si direbbero più antichi, del tipo napoletano menzionato. Non si tratta però di stipi bensì di bufetes, ossia tavolini. La decorazione del primo di essi includeva ovali con teste di imperatori e vedute di città; un altro aveva scene non specificate e ornati floreali; infine se ne elencano altri quattro non bene descritti 9. Chi conosca il repertorio dei mobili eseguiti a Napoli di cui si è detto sopra troverà una pacifica concordanza tra le opere ancora oggi esistenti e quanto riportano, seppur sommariamente, gli inventari spagnoli testé citati. Andrà però ricordato che altri regnanti e alcuni dei grandi signori europei possedevano mobili di questo genere. Anzi, siamo più precisi, quei personaggi avevano mobili in ebano e avorio ma perlopiù descritti nelle carte in modo così approssimativo da impedire una precisa identificazione. Faccio qualche esempio. Nell'inventario della Regina di Francia Caterina de' Medici, in quelli di Carlo I d'inghilterra, in quello dell'onnipossente Duca di Lerma ai tempi di Filippo III, si menzionano mobili che potrebbero essere stati eseguiti in altri paesi come la Germania dove si approntarono arredi in ebano e avorio ma con un carattere meno marcato 10. Non accade così nell'elenco dei beni del Cardinal Mazarino, compilato alla sua morte nel 1661 con estrema precisione: in esso compare una coppia di stipi con tredici scene delle Metamorfosi su

4 avorio, poggianti ciascuno su un tavolo d'ebano, che sembrano appartenere alla tipologia che via via è stata identificata come napoletana 11. Il carattere che contraddistingue tutti questi mobili è essenzialmente architettonico mentre l'intaglio delle placche d'avorio sembra ubbidire, come si accennava, ad un'impostazione più grafica che pittorica. Ambedue queste qualità si mantengono a Napoli lungo il primo quarto del XVII secolo. Un'edicola che potei studiare a Parigi è un buon esempio di queste caratteristiche ed inoltre aiuta a stabilire la cronologia di quel particolare aspetto delle arti decorative europee: l'avorio è infatti firmato nel 1607 da quel Giovan Battista De Curtis che abbiamo già incontrato 12 (fig. 1.). Le stesse regole, lo si vedrà in seguito, non vengono seguite dal tavolo che è il principale soggetto di questo scritto. Prima però ci pare opportuno esaminare altri aspetti della mobilia della stessa epoca che presentano qualche attinenza e non poche divergenze con il nostro argomento. Un'ipotesi veneziana Negli anni ho messo insieme un gruppo di mobili, costituito da tre tavoli e da uno stipo, assai peculiari che fanno corpo a sé e sono stati eseguiti sul fare del Seicento. I primi due tavoli, una coppia, sono datati 1604, il terzo 1603 (fig. 3.). Lo stipo non ha data alcuna ma ha un punzone a fuoco con le lettere CCC, presente anche sui tre tavoli. Tutti questi mobili hanno uno stemma formato da un'aquila a scacchi coronata che, nello stipo soltanto, è sormontato da un cappello cardinalizio. Questi dati mi hanno permesso di ritenere possibile che le tre C corrispondano al titolo e al nome del Cardinale Carlo Conti ( ), membro di una illustre famiglia romana (il cui stemma è appunto un'aquila a scacchi coronata) che dopo una brillante carriera ottenne la porpora nel 1604 (forse non è del tutto casuale che sia quella la data apposta su due dei tavoli). A questi mobili (accomunati, lo si ripete, dal marchio con le lettere CCC e dallo stemma dei Conti con l'aquila scaccata) si possono aggiungere, su basi stilistiche, due stipi (uno con un timpano coronato da tre obelischi), un terzo stipo con un supporto a zampe fisse, un tavolo con sostegni a cavalletto e un ulteriore piano di tavolo senza piede 13. Tutti questi arredi presentano una struttura architettonica piuttosto semplice su cui è disposta una complessa decorazione a girali, piccole figure, medaglioni con profili, composta da intarsi di minuti elementi in avorio e madreperla. Alcuni degli stipi hanno risalti laccati di scuro e l'interno dei vani dipinti ad imitazione di stoffe 14. Ho anche notato che gli elementi ornamentali di palese derivazione orientale trovano riscontro in diversi aspetti dell'arte veneziana del pieno Rinascimento: tessuti, metalli, lacche 15. La pletora decorativa, la presenza di molti stilemi che puntano all'islam e persino all'india (in alcuni casi si potrebbe addirittura pensare al Gujarat) 16, la somiglianza con alcuni manufatti metallici in un gusto saraceno molto diffusi (e persino eseguiti) nel Veneto, lasciano dunque supporre che tutti i mobili sopra citati siano di esecuzione veneziana. Non nascondo però che il rapporto fra il Cardinal Conti e Venezia non è scontato: il Cardinale fu Arcivescovo di Ancona, città non aliena da contatti con la Repubblica nella quale, a quanto si scrive, egli si recò più di una volta. Del resto un personaggio come il Cardinale (fra l'altro imparentato col Duca di Urbino e con i Farnese) doveva avere connessioni con vari stati italiani e tedeschi se fu Nunzio, come scrivono alcuni suoi biografi, in Austria. I mobili in ebano e avorio napoletani e quelli appena discussi che io ritengo veneziani o legati in qualche modo a Venezia- non potrebbero essere più antitetici. Pur adoperando materiali simili (ebano o palissandro scuro i primi, legni esotici più chiari i secondi, e ambedue l'avorio) la loro concezione è molto diversa. Nel primo insieme, a Napoli, si rispetta un prontuario architettonico classico; nella seconda categoria troviamo un'impostazione senza richiami al mondo antico se non per qualche profilo d'imperatore o alcune piccole figure, sommersi in un intreccio senza pausa al quale il lucore della madreperla aggiunge un carattere orientale. Come ora si dirà i due soli mobili noti eseguiti sul finire del Cinquecento per il Duca di Urbino esprimono un gusto pittorico, totalmente diverso da quello napoletano. Essi appaiono forse più in sintonia col gruppo veneziano dal quale però si discostano per i soggetti rappresentati e per un senso cromatico più sobrio.

5 Mobili per il Duca di Urbino 1. Una decina di anni fa venne pubblicato in due occasioni diverse uno stipo passato dalla Galleria Altomani di Pesaro alla Galleria Nazionale delle Marche a Urbino, (figs. 4. & 5.). Si tratta di un mobile 17 di ridotte misure ma di grande importanza e lo si può documentare con una certa precisione stabilendo il nome del suo famoso proprietario e probabilmente quello dei suoi autori. E' impiallacciato di ebano e intarsiato di avorio graffito con un ingegnoso intreccio di rami di quercia, o rovere; la sua struttura è semplice e segue modelli ben noti di cui si conoscono alcuni esemplari in diversi paesi europei. Quel che appare eccezionale è la decorazione composta di tralci di quercia in avorio abilmente inciso, sul fondo scuro dell'essenza. Il risultato è di estrema grazia e non ha molto da spartire con le opere degli stipettai napoletani viste sopra che restano dei capolavori di un altro genere, concepite come edifici in miniatura sulle quali sembrano essere appese stampe in avorio. L'originalità ornamentale di questo stipo (e del tavolo di cui poi si dirà) si basa su un effetto decisamente pittorico. Il motivo raffigurato è una chiara allusione al committente, il Duca di Urbino Francesco Maria II della Rovere ( ) come dimostra lo stemma incorniciato dal Toson d'oro 18 : principale figura araldica della famiglia era, appunto, la quercia. Sono già noti alcuni documenti concernenti quasi certamente questo studiolo e che forse meritano un esame approfondito. Li pubblichiamo qui in Appendice (si trovano tutti nel Fondo Urbinate dell'archivio di Stato di Firenze e si riferiscono ad alcune spese del Duca che vanno dal 1596 al 1598). Nel 1596 il documento I, riguardante uno studiolo d'ebano "alla spagniola", specifica che esso era in ebano e avorio. Si menzionano anche sei serrature fatte da Raffaello Guicciardi, i manici, gli anelli e le rosette in argento (di cui non si specifica l'autore), e si riportano i nomi di Maestro Berto Magniano (vale a dire un ferraro) per delle viti e "bertuelle", e di Maestro Antonio Mazzaria per il taffettà dei cassettini. Poi si parla di una sopracassa con serrature e piastre e di Maestro Alessio Lochatelli per il panno servito per foderarla. In questa notula non si specifica chi abbia costruito il mobile 19. Il documento II concerne uno "studiolo fatto da Maestro Giorgio". Questo conto non è datato ma va letto, a mio modo di vedere, insieme al documento III, nel quale invece si specifica la data, "1597 correnti", e poi quella del 17 ottobre E' mia opinione che qui si parli dello stesso arredo perché ambedue le carte si riferiscono ad un'opera di Maestro Giorgio (che nel documento III è detto "todesco") e ambedue ricordano che l'artigiano aveva ricevuto "per sua fattura duchati " e che il costo del tutto ammontava a /2. Il documento II fornisce altre informazioni: il mobile aveva manici, anelli, calamaio e "polverino" d'argento. Si menziona anche un altro artigiano, Giulio Lupi, che viene pagato per l'intaglio. Il mobile non risulta ben descritto ma il documento III asserisce che si tratta di uno studiolo d'ebano fatto a fogliami. Non si parla di avorio ma ciò non impedisce di ipotizzare che questi fogliami fossero d'avorio e che ad averli intagliati e graffiti fosse Giulio Lupi. Maestro Giorgio sarebbe dunque l'ebanista ossia lo stipettaio (lo stesso ruolo svolto a Napoli da Iacobo Fiamengo che si serviva sempre di intagliatori d'avorio). Verrebbe da pensare che i documenti II e III non siano altro che una specificazione del documento I, per quanto in quella prima carta si parli di uno studiolo d'ebano alla spagnola mentre nelle due successive sia questione di uno studiolo d'ebano fatto a fogliami. Due osservazioni: la terminologia dei mobili di quell'epoca non è ben chiara; il primo documento datava, lo si ripete, al dicembre 1596, mentre gli altri due sono del tardo Il documento IV risale al 24 settembre Riguarda uno studiolo di ebano con la credenza il quale era costato /5 senza l'avorio e la fattura. In questa carta non si menziona il nome di Maestro Giorgio ma compaiono altri artigiani: Maestro Gio Alberto magnano, lo spadaro Guidobaldo, tale Rossi che si occupava delle "vacchette" per le sopracasse, un Locatello (che sarà lo stesso Lochatelli del documento I), Maestro Properzio orologiaio che fa serrature e chiavi, e un Mannaia (così leggiamo ma non sarà il Mazzaria del documento I?) per le stoffe, e infine Pico e Bottaino di cui nulla sappiamo. Quel che ha più importanza per

6 noi è la menzione di Giulio Lupi per intagli di cornici e altri non meglio specificati. Anche in questo caso possiamo presumere che egli fosse l'intagliatore dell'avorio. Il Maggiero che qui sovrintendeva al lavoro di Lupi è probabilmente il pittore Cesare Maggieri, morto ad Urbino nel 1629 e allievo del Barocci. Il documento IV è controfirmato da Muzio Oddi ( ) ben noto architetto urbinate che risulta menzionato nel Diario del Duca il 14 giugno 1596: "presi per mio architetto Mutio Oddi da Urbino" 21. Le sole menzioni che abbiamo fino ad oggi sull'intagliatore Giulio Lupi sono quelle fornite dai documenti appena letti. Lo stesso si deve dire di Maestro Giorgio a meno che una lettera di Virgilio Gonzaga del 12 marzo 1611 indirizzata al Cardinale Gonzaga si riferisca proprio al nostro artigiano: "Ho addimandato a M.ro Giorgio Todesco il quadro di V.S.Ill. e R. ma non è ancora incornigiato et dolendomi seco di non haverlo accontio m'ha detto che l'ornamento che ha adesso è tanto serrato con la pietra del paragone che dubita in mettervi il scalpello di giettarlo tutto in pezzi. E però lo darebbe più tosto quando V.S. Ill. R.a restasse così servita che si dasse a quel legno dell'ornamento che lo giudica bellissimo, bello come d'hebbano. Egli non ha vero hebano. Attende la decisione" 22. Antonio Bertolotti rintracciò più di cent'anni fa questa lettera negli archivi di Mantova ma non specificò la sua ubicazione: la trascrisse come qui la riportiamo lasciando adito a qualche dubbio. Il Cardinale Gonzaga a cui la lettera era indirizzata (apparentemente da Mantova stessa) era Ferdinando Gonzaga ( ) che ebbe il cappello cardinalizio nel 1607 e divenne Duca di Mantova alla morte del fratello sul finire del Il Maestro Giorgio Tedesco di cui si parla doveva accomodare o rifare la cornice di un quadro dipinto su pietra di paragone (o forse si trattava di un mosaico in pietre dure su paragone?) ma giudicava il lavoro di difficilissima esecuzione. Il Cardinale Gonzaga era imparentato col nostro Duca di Urbino e più volte passò da Pesaro in quegli anni, fra il 1610 e il Ci consente tutto ciò di pensare che questo Maestro Giorgio, in relazione con i Gonzaga nel 1611, sia lo stesso uomo che lavorava per il Duca di Urbino nel 1597? E' possibile ma non possiamo esserne certi: abbiamo già visto un caso di omonimia quando si parlava di quegli artigiani d'oltralpe "che vanno e vengono, non li si può dar regola". 2. Esiste un tavolo impiallacciato di ebano e intarsiato d'avorio la cui decorazione non solo utilizza gli stessi materiali dello stipo esaminato ma li impiega con un disegno talmente analogo da implicare la stessa provenienza: l'ornato è composto da un intreccio di rami di quercia disegnato in una maniera, se ne converrà, simile a quello dello stipo. Inoltre lo stemma dello stesso Duca Ferdinando Maria II, circondato dal Toson d'oro, che nello stipo era posto sulla sommità, qui compare ai quattro angoli del piano. E' dunque plausibile che ambedue i mobili siano stati disegnati da uno stesso artista così come ad eseguirli siano stati i medesimi artigiani. Stipo e tavolo si avvalgono, ad esempio, di doppie filettature per isolare le composizioni, sia quella centrale sia quelle dei bordi. Dal punto di vista tecnico il tratteggio dell'avorio consegue, in ambedue i mobili, effetti chiaroscurali lievemente tridimensionali. Sul piano del tavolo si espande un viluppo di quattro rami di quercia che pur seguendo un ordine prestabilito che sembra trattenerli a forza si espande con una violenza non esente di una straordinaria eleganza: si direbbe di vedere steso un drappo in cui si omaggia la natura diventata simbolo della famiglia. Si sono discussi nei paragrafi anteriori i pochi documenti d'archivio che consentono di attribuire a due artigiani ignoti, Maestro Giorgio Tedesco e Giulio Lupi, l'esecuzione dello studiolo oggi nella Galleria Nazionale delle Marche. Quelle carte, incomplete e assai criptiche, potrebbero riferirsi a più di uno stipo ciò che sembra possibile da un esame di inventari e di altre carte d'archivio. Purtroppo i documenti sullo stipo (o sugli stipi) non menzionano tavolo alcuno benché negli inventari e in altre carte concernenti i beni provenienti dal Ducato di Urbino si ritrovino inconfutabili riferimenti al nostro tavolo. C'è ancora una possibilità: fra i documenti citati in Appendice: l'ultimo si riferisce ad "uno studiolo d'ebano con la credenza". In italiano credenza indica un mobile dove si ripongono o espongono stoviglie ma nell'epoca che qui ci riguarda poteva significare una stanza più piccola di una dispensa e anche una tavola apparecchiata. Nel tedesco dell'epoca Kredenz era sinonimo di Tisch, tavola.

7 Storia e destino Per intendere la sorte toccata a questi capolavori dell'ebanisteria europea è necessario spendere qualche parola sulle circostanze in cui le ricchezze artistiche di Urbino vennero a trovarsi agli inizi del XVII secolo. A capo di quel minuscolo stato era allora il Duca Francesco Maria II della Rovere (fig. 6.), discendente dei Montefeltro e della famiglia di Sisto IV e di Giulio II. Il Duca era figlio di una Farnese (Vittoria , figlia a sua volta del Duca di Parma Pier Luigi Farnese e dunque nipote di Paolo III). Il padre del nostro protagonista, Guidobaldo, intrinseco dei maggiori casati italiani (sua madre era Eleonora Gonzaga figlia del Duca di Mantova; i fratelli della moglie erano il Duca di Parma Ottavio e il gran Cardinale Farnese, Alessandro) aveva stretti legami, quasi di sudditanza, con Filippo II dal quale ebbe il Toson d'oro nel Queste relazioni diplomatiche fecero sì che il giovane Francesco Maria passasse alcuni anni, fra il 1565 e il 1568, alla corte di Madrid dove divenne familiare del bizzarro Infante Don Carlos. Francesco Maria condusse in Spagna una vita brillante, fin troppo dispendiosa, non indifferente ai piaceri ma anche alla lettura e allo studio. Fu anche uomo di valore e si condusse con distinzione nella battaglia di Lepanto. A quest'epoca risale una lettera di Ottavio Gonzaga di Guastalla al Duca Guidobaldo di Urbino, lettera scritta da Messina il 10 settembre 1571, meno di un mese prima del famoso scontro navale che frenò l'immenso potere dei turchi. Francesco Maria, allora ventiduenne, apparve al Gonzaga grande e ben fatto e assai apprezzato da Don Giovanni d'austria "che gli fa tutte le carece possibili...è benissimo visto et servito e certo lui fa tante gracie a ognuno" 24. Il ritratto di Federico Barocci col giovane trionfante, oggi agli Uffizi, è proprio di questo momento. Nel 1570, dopo il rientro da Madrid il padre lo aveva costretto a sposare Lucrezia d'este, principessa di gran lignaggio, figlia di Renata di Francia e del Duca di Ferrara, più anziana di lui di tre lustri, con la quale non ebbe figli. Ciò venne a creare un vero problema di stato fino alla morte di Lucrezia avvenuta nel Poco dopo, nell'aprile 1599, Francesco Maria sposò la quattordicenne cugina Livia della Rovere e così si è pensato che per quella occasione si sia fabbricato lo stipo di Urbino ovviamente la figura araldica comune ai due sposi era la quercia (ma, come si è visto, solo un documento risale al 1599; fig. 7., la dispensa di Clemente VIII e' del 6 Aprile 1599 ). Questo matrimonio non produsse eredi fino al 1605, quando nacque Federico Ubaldo. Il giovane principe era di natura saturnina, violenta, e i dissapori col padre erano frequenti. Comunque venne fatto sposare presto con una figlia di Ferdinando I di Toscana, Claudia de'medici, e da questa unione nacque nel febbraio 1622 Vittoria della Rovere. Federico Ubaldo morì in circostanze misteriose nel 1623 lasciando Vittoria erede di uno dei più prestigiosi patrimoni artistici della storia mentre l'ormai anziano Duca di Urbino continuò a vivere fino al 1631 nel suo buen retiro di Casteldurante. (figs. 8. & 9. la mappa e la Villa di Monteberticchio dove visse). Il Duca si occupava dei mobili e degli oggetti ornamentali come rammenta nel suo Diario. Alla fine del 1586 annota come il Duca di Baviera gli avesse inviato un quadretto con Adamo ed Eva "intagliati in legno di rilievo" e un "calamaro intarsiato d'avolio con molte figure". Nel 1603 riceve dalle Fiandre "un scrittorio con calamaro e ferri dentro da disegnare". E' conosciuto il suo interesse per gli orologi che aveva ereditato dai suoi antenati: nel Diario, ad esempio, registra la morte di Mastro Pietro Griffi il 23 agosto 1590, orologiaio assai famoso all'epoca sua che, come è già stato notato, creò oggetti così perfetti da suscitare la brama di moltissimi principi 25. Altre antiche carte, ricordano, per così dire dal vivo, la sua partecipazione alla creazione di mobili veri e propri. Un ebanista di cui ignoriamo il nome gli scrive ricordandogli come egli gli avesse comandato "di ritrovare una invenzione di ornare un studiolo...con statuette che havessero qualche significato"; in un'altra occasione un gioielliere, Domenico dalle doi Regine, gli scriveva da Venezia il 4 gennaio 1596 proponendogli una cassetta finita da pochi giorni con "bellissimi adornamenti et fornimenti" insieme ad una croce e due candelieri "il tutto di bellissimo diaspro oriental sanguinetto guarnido il tutto di argento dorado con bellissima fatura" 26.

8 * Nell'inventario di Casteldurante, redatto dopo la morte del Duca, compare "tavolino uno d'ebano intarsiato d'avorio, con fogliami, ghiande e tronconi di cerqua et con l'arme di sua Altezza alli cantoni e ferri lavorati e traforati", descrizione che bene si adegua al tavolo qui esaminato 27. Non altrettanto univoco è il rapporto fra lo stipo della Galleria Nazionale delle Marche e la descrizione di alcuni studioli in ebano e avorio dello stesso documento 28. Negli inventari noti, infatti, compaiono diversi studioli in ebano e avorio e le loro descrizioni non consentono del tutto una identificazione dello stipo oggi ad Urbino; al contrario, la descrizione appena letta è indubbiamente da riferirsi al tavolo qui studiato. Nell'elenco del 1631, è vero, risultano altri tavoli di ebano e avorio che però sembrerebbero corrispondere alla tipologia napoletana poiché erano decorati con storie, figure e teste d'imperatori 29. E' già noto che alcuni dei mobili in ebano e avorio del Duca di Urbino partirono per Firenze 30 nel Con la fine della linea maschile dei Della Rovere il ducato rientrò, non senza angoscia degli urbinati stessi abituati ad essere una capitale seppur piccola, nei possessi della Chiesa. A Firenze già risiedeva l'erede e nipote dell'ultimo Duca, Vittoria della Rovere ( , fig. 12.), che vi era stata portata sin da infante dalla madre Claudia de'medici 31. Era già promessa sposa del Granduca Ferdinando II e il matrimonio venne celebrato nel Non solo mobili di ebano e avorio partirono, ma decine e decine di casse colme di tesori che comprendevano alcuni dei quadri più belli d'europa, come la Venere di Urbino di Tiziano e i ritratti dei Montefeltro di Piero della Francesca, due milioni d'oro in contanti e alcuni gioielli superbi. Una lettera non datata del vecchio Duca indirizzata alla piccola Vittoria non manca di commuovere nella sua malinconia: "io mando a Vostra altezza tutte le gioie che, dopo tante disgrazie sono rimaste in questa casa; e le mando finché son vivo, perché, dopo la mia morte, Dio sa quello che seguirebbe, Vostra altezza le riceva volentieri come dimostrazione dell'affetto mio sviscerato verso di lei, ed a suo tempo se ne adorni il capo; ricordandosi prima di ornarsi l'animo di quelle virtù che debbono essere proprie delle donne sue pari, e possano renderla sempre più cara al suo Serenissimo sposo. E le bacio le mani" 32. Riprendiamo le fila della storia del nostro tavolo. Esso compare almeno in due documenti della Guardaroba Medicea a me noti. Il primo è un Inventario di tutti li mobili esistenti nel Palazzo de Pitti di S.A.S. consegnati a Giuseppe del Nobolo aiuto del Diacinto Maria Marmi...fatto da me Antonio Citerni ministro della Guardaroba generale questo anno 1687: ci si trova nella "seconda camera che segue con finestra sul cortile grande dove dorme il giorno la Serenissima Granduchessa Madre". Qui risulta descritto, il 5 marzo 1687, " un tavolino di granatiglio intarsiato d'avorio a rami di quercia con iande con arme, sulle cantonate, d'urbino; con piedi fermi intarsiati simili con traverse di ferro lavorate, lungo b. 2 1/3, b. 1 0/2" 33. Il secondo documento della Guardaroba Medicea (con la scritta "Questo quaderno coperto di cartapecora intitolato Quaderno de Mobili della Guardaroba del Gran Palazzo de Pitti di Sua Altezza Serenissima, ad uso di Giuseppe del Nobolo") riporta a carta 58 sinistra: "Adì 16 detto [aprile 1694] Al Serenissimo e Reverendissimo Signor Cardinale Francesco Maria, datogli di Comandamento del signor Marchese Riccardi, per essere comp.o di due stipi Un tavolino di Granatiglio intarsiato d'avorio, a rami di quercia con jande con arme su le cantonate d'urbino, con piedi fermi intarsiati simili con traverse di ferro lavorati lungo b 2 1/3 lar b. 1 0/2 Inv. a 96" 34. Nell'anno del primo inventario, 1687, Vittoria della Rovere era in vita e in una delle sue stanze a Palazzo Pitti si conservava quello che è inoppugnabilmente il tavolo esaminato. Sette anni più tardi, il 5 marzo 1694, la Granduchessa Madre morì a Pisa e appena un mese dopo, come risulta dal documento dell'aprile 1694, un grande funzionario della corte, il Marchese Riccardi, fece consegnare al secondo figlio della Granduchessa, il Cardinale Francesco Maria de' Medici ( fig. 13.), il tavolo in questione -di cui viene fornita identica descrizione- per essere compagno (credo che così possa sciogliersi l'abbreviazione comp.o del manoscritto sopra) di due stipi, quasi certamente di Urbino. A questo punto diventa necessario, a rischio di essere tedioso, giustificare questa consegna. Il Cardinale Francesco Maria, assai più giovane di suo fratello, il Granduca Cosimo III, era nato nel 1660 ed ebbe,

9 evidentemente per volere della madre, il nome del vecchio Duca di Urbino. Francesco Maria divenne Governatore di Siena nel 1682 ed ebbe la porpora cardinalizia nel Dovette essere uomo di una certa abilità politica se riuscì a distinguersi nei due conclavi del 1689 e del Ma fu soprattutto noto per la vita debosciata che condusse in una sua villa, Lappeggi, dove si svolgevano continui festini. Un'altra carta della Guardaroba Medicea 35 del 21 aprile 1694, vale a dire poche settimane dopo la morte di Vittoria della Rovere, testimonia come la Granduchessa avesse lasciato tutti i suoi mobili a Cosimo III benché avesse disposto nel suo ultimo testamento "che alcuni quadri i quali si trovavano esistere nella di lei camera detta della Cappella; questi dovessero essere fidecomissi della Serenissima Casa, ma che per adesso si consegnassero al Serenissimo e Reverend.o signor Cardinale Francesco Maria come è seguìto, acciò durante la di lui vita se ne serva". Non sappiamo come siano andate le cose ma abbiamo visto che cinque giorni prima, il 16 aprile per l'esattezza, il Marchese Riccardi aveva consegnato al Cardinale il tavolo qui esaminato che doveva accompagnare due stipi. Non siamo in grado di dire quale sia stato il destino immediatamente successivo di questi oggetti: a quanto so non risultano elencati negli inventari settecenteschi della villa di Lappeggi 36 né sappiamo se rimasero in mano al Cardinale Francesco Maria. Il quale però non morì da cardinale: nel 1709 rinunciò alla porpora ed ebbe facoltà di contrarre un disastroso matrimonio con Eleonora Gonzaga di Guastalla, disastroso perché la giovane non volle queste nozze con un uomo obeso, vecchio e malato (morì nel 1710). L'unione era stata voluta da Cosimo III conscio dell'inevitabile fine della dinastia medicea data la sterilità delle nozze sia del Gran Principe Ferdinando (che si spengerà nel 1713) sia del secondogenito Gian Gastone (che diverrà Granduca nel 1723 e morirà nel 1737 ponendo fine alla sua Casa). Fatti recenti La prima notizia a me nota riguardante il nostro tavolo, dopo quelle inventariali dei tempi del Cardinal Francesco Maria de'medici, è di ieri l'altro. Non proprio di ieri l'altro: ormai sono passati vent'anni da quando comparvero presso Christie's a Londra 37 tre oggetti appartenuti a Charles Butler, Esq., messi all'asta dai suoi discendenti. Il numero 161 riproduce, con una buona fotografia, il mobile di cui ci occupiamo. Quanto se ne scrive era adeguato all'epoca: si stabiliva un paragone con due tavoli in ebano e avorio già da me illustrati di Palazzo Doria Pamphilj e della Galleria Nazionale di Arte Antica di Roma (che ritenevo, e ritengo però, napoletani) e si identificava appropriatamente lo stemma agli angoli del piano del tavolo come quello di Francesco, quinto duca di Urbino, insignito del Toson d'oro nel Unica diversità con l'aspetto odierno è la foggia delle zampe (oggi è stato ricostituito l'aspetto originario con i sostegni incernierati e fissati da ferri). Poco dopo ebbi occasione di studiare questo tavolo di cui avevo molti anni prima, per puro caso, ritrovato il documento del 1687 quando era nelle stanze di Vittoria della Rovere a Palazzo Pitti, documento trascritto sopra. In seguito lo rividi illustrato in un articolo del 2002 su una rivista inglese 38. Non mi era stato difficile, quando lo stipo della Galleria Nazionale delle Marche che non conoscevo prima- venne pubblicato nel 2000, capire che il tavolo fosse della stessa mano e fosse appartenuto alla stessa persona. * Sono poche le notizie che ho su Charles Butler ( ). Non è però un nome ignoto: si tratta di un uomo benestante (abitava a Connaught Place, Hyde Park, Londra), amico di grandi personaggi dell'epoca. Aveva una seconda casa in Inghilterra, Warren Wood, Hertfordshire, dimora dalla quale provenne pochissimo tempo fa un dipinto che gli era appartenuto di Sir Peter Lely andato all'asta a New York il 29 gennaio Butler doveva avere un appetito onnivoro e un gusto vario. Sappiamo ad esempio che ebbe il Tarquinio e Lucrezia di Tiziano, già appartenuto a Carlo I (Fitzwilliam Museum), Lot e la famiglia che fuggono da Sodoma di Rubens (Ringling Museum), una Sacra conversazione di Bonifacio de Pitati (fino a poco tempo fa nel Los Angeles County Museum), un San Gerolamo di Giovanni Bellini (National Gallery of Washington), un Bicci di Lorenzo con San Nicola che resuscita tre giovani e un Bartolomeo Vivarini con la Morte della Vergine (ambedue al

10 Metropolitan Museum di New York) e altri dipinti passati recentemente sul mercato fra cui un importante quadro del Rinascimento toscano, una volta creduto del Maestro del tondo Lathrop che qualche anno fa venne identificato come Pietro Mencherini di Lucca. La sua raccolta unitaria più importante, a quanto pare, ebbe per soggetto la numismatica: è noto il catalogo di una vendita grandiosa che ebbe luogo a Londra, presso Sotheby's, alla sua morte comprendente monete greche in oro e argento, importanti aurei romani e un notevole florilegio inglese di numerari in nobili metalli nonché una scelta di medaglie e placchette italiane del Rinascimento. Forse il personaggio più influente nella vita di Butler fu Charles Fairfaix Murray ( ) uno dei migliori conoscitori e negozianti di opere d'arte della sua epoca, intrinseco di grandi collezionisti come Pierpont Morgan e di storici e direttori di musei come Bode. Murray passò molti anni in Italia e conobbe come pochi le raccolte pubbliche e private della penisola; fu lui, a quanto pare, a consigliare alcuni acquisti di primitivi italiani a Charles Butler. Questi nel 1883, quando era direttore della Royal Insurance Company, seguendo le indicazioni di Murray acquistò sette dipinti della famosa collezione Toscanelli. Il catalogo di questa vendita è un'ottima spia della storia del gusto del tardo Ottocento: curato in francese da J. Sambon è redatto da Gaetano Milanesi, il grande studioso e commentatore di Vasari. La vendita si tenne nel 1883 a Firenze ma i cataloghi erano venduti in molte città italiane, nelle maggiori capitali europee e a New York. Giuseppe Toscanelli, il proprietario, deputato al Parlamento era un collezionista e membro di un'antica famiglia toscana della quale si vendevano non pochi mobili provenienti dal Palazzo Toscanelli di Pisa. L'inclinazione dell'epoca non disdegnava gli antichi arredi. La presenza in quella vendita (cat.299) di un tavolo in ebano incrostato d'avorio con piedi a lira (non fu illustrato ma forse non doveva avere un aspetto troppo diverso da quello di Urbino) può aiutare ad intendere perché Charles Butler potesse mescolare dei quadri di primitivi italiani a mobili che si direbbe di tutt'altro genere. Si è già notato che le sue scelte artistiche, come quelle di molti vittoriani, erano piuttosto varie e non seguivano a quanto pare schemi pedagogici 39. La sua importanza come collezionista non è stata ancora oggetto di studi specifici, basti qui aggiungere che nelle ultime liste di Bernard Berenson il suo nome compare ancora a mezzo secolo dalla sua morte: fra i proprietari di dipinti veneziani (Catena, Crivelli, Palma il Vecchio), fiorentini e dell'italia centrale. Evidentemente era un uomo ricco se poté permettersi di donare al Marchese di Salisbury un mobile importante da lui acquistato all'asta presso Christie's nel 1897, il cosiddetto Millais Cabinet, ancora conservato a Hatfield House 40. Il suo nome continua ancora oggi ad essere menzionato nei cataloghi d'asta attraverso i suoi discendenti: in un'importante vendita di vetri antichi tenutasi presso Christie's a Londra l'11 maggio 1964 numerosi oggetti appartenevano ad un suo erede, C.H.A. Butler, Esq. che abitava a Shortgrove, Newport, Essex 41. Modello e decorazione Il modello del nostro tavolo si riallaccia a fogge molto antiche con piani poggianti su cavalletti in modo da facilitare il trasporto. Perlopiù questi mobili non erano costruiti con legname prezioso bensì con materiali semplici su cui venivano stesi tessuti più o meno ricchi, bordati con passamaneria pesante. A metà del Cinquecento non sono pochi i ritratti aulici in cui si vedono tavoli, con zampe di diversi modelli, così ricoperti; per fare un solo esempio si pensi al dipinto di Tiziano raffigurante il futuro Filippo II del Prado: in questo caso le zampe sono dritte e con piedi ferini. La posizione assunta dal principe in quel ritratto si dice fosse quella in cui poi, regnante, riceveva le ambascerie. Ma torniamo ai tavoli senza rivestimento di tessuto. Quelli veneziani di cui si è detto, così come quelli eseguiti a Napoli in ebano e avorio, presentano sostegni come quelli del tavolo che stiamo qui esaminando: a suo tempo ho pubblicato la coppia che si conserva a Palazzo Doria Pamphilj e gli altri due di Palazzo Barberini a Roma 42. Un altro tavolo del genere, certamente napoletano e della stessa epoca, si trova a El Escorial ed è già stato reso noto 43 : il piano sfoggia una semplice decorazione geometrica divisa da incorniciature d'avorio mentre le zampe sono a cavalletto assicurate da appositi ferri. Anche questo modello su cavalletti e privo di coperture compare in alcuni quadri. Penso ad esempio ad un dipinto su rame raffigurante il Cardinale Gian Carlo de' Medici poco dopo il 1645, anno in cui ricevette la porpora 44. Il Cardinale adotta la posa che abbiamo

11 visto nel ritratto di Filippo II: con la mano regge un libro accanto al quale compare la corona medicea; appoggiata al tavolo è una croce processionale mentre sotto di esso sono deposte le armi essendosi il principe ritirato dalla vita militare. Non uno ma tre tavoli di questo tipo si vedono nel curioso dipinto firmato da Michele Regolia ( ) che illustrai nel catalogo della mostra del Seicento a Napoli 45. Si tratta di una rara veduta di un interno napoletano dove compaiono alcuni tavoli; i piani sono di sagoma rettangolare e poggiano su sostegni a cavalletto con tiranti in ferro. Due reggono altrettanti stipi, uno è posto sotto uno specchio. Anche i documenti scritti confermano l'esistenza di tavoli di questo tipo. Faccio qualche esempio: nel 1654, nella Villa del Poggio Imperiale a Firenze erano alcuni tavolini di ebano profilati di avorio, uno "con pie da ripiegare e ferri" e un altro "con pie tinti di nero e ferri" 46. A Palazzo Farnese, a Roma, esistevano tavoli del genere nel 1644: "tre buffetti d'ebano intarsiati d'avorio con historiette di avorio intagliate, a due de' quali è l'arme del S.r cardinale, con quattro ferri dorati per buffetti et suoi piedi simili...un buffetto d'ebano intarsiato di granatiglia et avorio con ferri e piedi" 47. Per tornare al tavolo di Urbino qui esaminato andrà ora ricordato come nell'inventario redatto a Casteldurante dopo la morte del Duca Francesco Maria della Rovere nel 1631 si dice soltanto che il mobile aveva "ferri lavorati e traforati" e non si descrivono i piedi mentre nell'inventario, assai più preciso, fatto a Palazzo Pitti nel 1687 si scrive esattamente che il tavolo poggiava su "piedi fermi intarsiati simili con traverse di ferro lavorate": sembra di capire che le zampe fossero fisse e non ripiegabili. Resta da chiedersi se ciò fosse frutto di una trasformazione eseguita a Firenze negli ultimi cinquant'anni o se i piedi fossero stati sin dall'inizio fermi. * E' già stato notato come i Della Rovere volessero vivere circondati dalla loro figura araldica, la quercia 48. Il richiamo al proprio casato è costante nella storia delle grandi famiglie europee: i gigli francesi e quelli Farnese si ripetono centinaia di volte su arredi, quadri e ogni genere di opere d'arte appartenute ai membri di quelle famiglie, così come in altri casi celebri. L'idea invece di comporre una decorazione con un intreccio vegetale ha origini illustri in Leonardo, specificamente nella Sala delle Asse del Castello Sforzesco di Milano ( fig. 14.). Esiste anche una serie di disegni, trascritti o piuttosto trasformati con geniali variazioni da Dürer, che recano l'iscrizione Academia Leonardi Vinci: essi consistono in un intreccio di nodi bianchi su fondo nero il cui aspetto labirintico può richiamare non solo la bicromia ma anche il carattere intricato della decorazione del nostro tavolo (fig. 15.). D'altra parte dobbiamo segnalare che anche nel mondo della maiolica, per cui il Ducato di Urbino andava famoso, ci fu deferenza per questo tipo di ornato (fig. 16.). Ciò viene ricordato da Cipriano Piccolpasso (Li tre libri dell'arte del vasajo,1548) e addirittura in alcune opere eseguite nelle botteghe del luogo: cito due esempi, il bacile sfornato a Casteldurante verso il del Museo di Cluny a Parigi la cui tesa è allietata da rami di quercia intrecciati, una decorazione che allora veniva chiamata "a cerquate", 49 e l'esemplare forse di fattura urbinate del British Museum (fig. 17.). Questo tipo di ornamento arrivava ad assumere, a quanto scrive Piccolpasso, un carattere patriottico : "queste sono molto in uso a noi per la venerazione et obligo che tenemo alla rovere, all'ombra della quale vivremo lietamente; a tal che si può dir che gli è pittura a l'urbinata". Non potremo qui fare un elenco completo dei precedenti del disegno del tavolo di Urbino. Si veda, per finire, una delle incisioni con le iniziali di Enea Vico databile alla metà del Cinquecento dove sono raffigurati dei tralci tagliati 50 o gli arazzi del cardinale di Mantova, di Giulio Romano, con giochi di putti sotto pergolati per i quali esistono diversi disegni 51. Dovremo notare che in questo tavolo si mescolano le varie tendenze decorative che qui abbiamo cercato di definire, sia quelle di tipo naturalistico che vanno a congiungersi con le querce dei Della Rovere sia la bicromia e il gusto geometrico che, a dire il vero, nel nostro tavolo non fa da protagonista pur mantenendosi una separazione netta fra la parte centrale e il bordo del piano. Andrà anche notato che queste decorazioni di tipo pittorico sono affatto dinamiche e non sono da confondere coi girali di epoca augustea copiati infinite volte e rievocati in molteplici dipinti e stampe del Rinascimento.

12 Per il momento non è stato possibile scoprire a chi spetti il disegno incomparabile dello stipo e soprattutto del tavolo in ebano e avorio qui esaminato dove, avendo a disposizione una superficie più ampia, il disegnatore (probabilmente lo stesso) riesce a sviluppare i rami di quercia più convincentemente. L'intreccio di quattro anziché di due rami è più capriccioso ma nello stesso tempo più solido. Anche l'incorniciatura diventa veramente tale come la bordura di un tappeto mentre nello stipo, obbligata dallo spazio, essa riveste una proporzione forse eccessiva. L'autore deve essere stato un artista di prim'ordine a cui non difetta senso dell'osservazione ed eleganza nel rendere i motivi essenziali della natura. Queste caratteristiche forse consentono di escludere la possibilità che esso fosse il Maestro Giorgio tedesco che risulta essere il costruttore dello stipo: Maestro Giorgio è un artigiano abilissimo ma non necessariamente un disegnatore, sono rarissimi infatti gli ebanisti che come André-Charles Boulle furono autori della concezione ornamentale dei loro mobili. Un mobile d'arte nasce con l'intervento di diversi artigiani e artisti, ognuno dei quali attende, secondo i casi, al proprio lavoro specifico e abbiamo già visto che se Maestro Giorgio doveva essere un provetto ebanista non spettava a lui approntare le rifiniture in avorio che rivestivano i suoi mobili. Nel nostro caso esse si dovevano a Giulio Lupi: a Napoli, lo si è detto, gli intagliatori d'avorio erano Giovanni Battista De Curtis e altri artigiani di cui ci restano poche tracce. Ma infine, per i mobili di Urbino, come attestano i documenti, occorsero altri individui per fornire le rifiniture in argento, le fodere di stoffa, le serrature. Non è questa un'eccezione, la costruzione di un mobile, ci ripetiamo, è un lungo processo guidato quasi sempre da un architetto perlopiù responsabile del disegno dell'insieme. I Duchi di Urbino ebbero mobili importanti fin dai giorni di Federico da Montefeltro e ai tempi di Francesco Maria II non si lesinava attenzione a questo tipo di lavori, come il principe ricorda nel suo Diario più volte citato. All'epoca della madre del nostro Duca, Vittoria Farnese, si affidò ad un singolare personaggio, Alberto Alberti, (architetto, ingegnere militare, pittore, scultore, intagliatore in legno e capostipite di una famiglia di artisti ben noti) l'esecuzione nel 1556 di "una letiera di noce intagliata a rilievo con giande con collonne dorate, con sei tavole per il fonde, con le staggie di ferre e palle dorate" 52. Affinità stilistiche Ci siamo soffermati sinora su mobili napoletani e veneziani che hanno pochi rapporti con l'ornato degli arredi in ebano e avorio di Urbino i quali, lo si è detto, si presentano come un unicum della storia della mobilia europea. E' forse bene segnalare alcuni rari esempi di oggetti eseguiti in altri paesi nei quali si utilizza lo stesso contrasto di colori e di materie. Il primo di questi pezzi, uno scrittoio intarsiato di avorio su un'essenza scura, probabilmente ebano, è stato pubblicato dal grande storico della mobilia tedesca, Heinrich Kreisel. Da lui viene attribuito, con qualche dubbio, alla scuola di Norimberga e datato al terzo quarto del XVI secolo. Le ragioni per questa attribuzione non sono del tutto pacifiche: la fattura viene riferita alla città tedesca anche per il fatto che una delle placche di avorio è tratta da un'incisione di Dürer. Sta di fatto che questo curioso oggetto, dove si alternano alcune placche di avorio graffite in modo piuttosto semplice a incorniciature in cui l'avorio viene intarsiato direttamente sul legno scuro a motivi zoomorfi e vegetali, non può in modo alcuno considerarsi né napoletano né urbinate. I fregi decorativi invece possono richiamare gli esemplari veneti di cui abbiamo parlato: ma è un richiamo, non una certezza. Un motivo decorativo simile si ritrova in una scacchiera ornata con l'emblema di Enrico IV utilizzato dal sovrano dopo essere salito al trono nel 1594 (e ovviamente prima della sua morte violenta nel 1610). Qui l'intricato bordo a motivi floreali e con qualche figura classica delle tarsie d'avorio su legno scuro presenta alcune concordanze con lo scrittoio tedesco e ancora altre con i lavori veneziani di cui abbiamo parlato. L'unica cosa certa su questa scacchiera è il riferimento cronologico a Enrico IV, datazione che peraltro bene si adegua a tutte le opere fin qui esaminate fine del Cinquecento, primi del Seicento 53. Il conto del dare e dell'avere fra tutte questi lavori resta da fare. Non meno intricata è la storia della mobilia spagnola del tardo Rinascimento: conosciamo alcuni oggetti che possono essere paragonati ai nostri in modo indiretto. Mi riferisco ad esempio ad uno stipo o studiolo

13 dell'instituto Valencia de Don Juan di Madrid, intarsiato di osso su un legno più chiaro dell'ebano, forse noce. L'intricata decorazione di questo arredo può richiamare il mondo orientale e ancora certi ornati alla certosina; alcuni fregi che rivestono i tiretti all'interno sembrano vicini ai modelli veneziani, qui e là si vede qualche profilo all'antica come nei mobili napoletani ma il carattere resta comunque diverso. Poco si sa della sua provenienza esatta per quanto sia stata avanzata l'ipotesi che esso faccia parte di un gruppo di arredi appartenuti alla corona di Aragona 54. Ancor più inafferrabile risulta il rapporto, se di tale si può parlare, fra tutto questo mondo e alcuni mobili eseguiti in India dopo il 1625, legati alle inclinazioni della corte di Shah Jahan ( ). Il gusto floreale che si ritrova su certi arredi e su molti tappeti indiani dell'epoca può forse avere legami con prototipi occidentali. Incorniciature a fiori e intrecci vegetali si ritrovano anche in molte miniature moghul ed è ormai certo come stampe e disegni di fregi naturalistici europei circolassero in India molto più ampiamente di quanto sin ora si sapesse. E' anche noto come alcuni pannelli in pietre dure fiorentini giunsero in India nella prima metà del Seicento (se ne vedono ancora incastrati nel trono del Forte Rosso di Delhi) 55. E' bizzarro ma non sorprendente constatare come un certo Oriente si insinui nell'europa mentre nello stesso tempo (e ancor prima in certi casi) alcuni elementi ornamentali dell'occidente si innestano nella cultura indopersiana 56. Come non ricordare ad Ahmadabad, nella moschea di Sidi Said (fig. 18.), i grandiosi pannelli traforati in pietra con alberi i cui rami si intrecciano su se stessi con grazia infinita? Non ho trovato in Europa un'immagine più vicina di questa al piano del tavolo di Urbino. Se si leggono le parole di James Fergusson 57 su quel magnifico monumento del Gujarat si avrà il commento perfetto anche per il lavoro che abbiamo qui illustrato: "La scansione regolare del motivo lo rende autonomo da ogni categoria di imitazione diretta della natura e lo porta persino ad essere strutturale per la sua funzione; ma forse il merito maggiore risiede nella maniera ottimale con cui il disegno di base è diffuso sull'intera superficie". DOCUMENTI ASF, Ducato d'urbino, cl.iii, div. B, filza XXIII I. carta 269 r e carta 272 v [1596] "Spesa del studiolo d'ebbano alla spagniola Manichi et anelletti e rosette d'argento di peso libbre doi con doi ott.e 1 1/2 libbre il callo a maestro Raffaello Guicciardi per fattura di sei serrature per il medesimo studiolo 5 paoli 2 a maestro Alessi Lochatelli per panno per foderare la sopra cassa del detto studiolo 1 11 La sopra cassa con la serratura e piastre 1 paoli 2 a maestro Berto Magniano per diverse bertuelle, e vite per il detto studiolo - p 7 a maestro Antonio Mazaria per bracci otto di tafetà doppio per foderare li cassettini 5 paoli 11 3: paoli 5" "del studiolo alla Spagniola oltra l'ebana, avorio e fattura di dicembre nel 1596" II. carta 270 r [non datato] "Studiolo fatto da maestro Giorgio Manichi, aneletti, et calamari d'argento col callo pesano libbre doi et on. 3 che costano di moneta con... 27,12.15 fattura di manichi paoli fattura degl'aneletti a gros. 3 l'uno 3.54 calamari fattura calamaro polverino da cera 3

14 serrature n. 3 a paoli XII l'uno 4 ferramenti della cassa bertonelle del studiolo et argentatura 2.1 legno per la cassa d'abero e fattura 1.45 segatt[i]one d'ebano 40 taffetà braccia 7 1/2 a gr. 17 il br /2 fodera di panno b boletta di maestro Giorgio 1.40 Giulio Lupi per l'intaglio pagati a maestro Giorgio per spese fatte da lui 1.40 a maestro Giorgio per sua fattura duchati fanno di moneta /2" carta 270 v "Studiolo d'ebano et calamaro di noce fatto da maestro Giorgio Tedesco" III. carta 732 r [1597] "1597 correnti Per un studiolo d'hebano fatto a fogliami fatto da maestro Giorgio Todesco, per sua fattura Per l'intaglio Argento et sua fattura Serrature 4.5 per il restanti 2.34 a 17 d'ottobre in tutto importa ½ Per un calamaio di noce fatto dal medesimo con i suoi finimenti il di sopradetto /2" IV. c. 271 r [1599] "1599 Studiolo d'ebano con la credenza scudi /5 senza l'ebano, avorio e fattura" "Spesa dello studiolo d'ebano" carta 271 v "Adì 24 di settembre 1599 Studiolo d'ebano con la credenza I manichi d'argento, con gl'aneletti, et calamari, importano; importano [sic] tra l'argento et fattura scudi ottantuno, et paoli sei et mezo, a paoli XII per scudo, come appare per un conto separato di essi /2 L'intaglio, a Giulio Lupi, scudi trentasette et mezo, di moneta corrente d'accordo col Maggiero; et scudi doi et mezo, per l'intaglio delle cornici, fatte dopo l'accordo, come per una sua poliza che d'oro fanno scudi vintinove et paoli quattro Tafetà negro tolto dal Manaia braccia 9 1/2 per foderare i cassettini, scudi sette et paoli nove, come per sua poliza Serrature, et chiave, con la testa d'argento, a maestro Propertio orloggiero scudi quattro et paoli cinque scudi Ferramenti tanto del studiolo, et credenza, quanto anco delle sopracasse, a maestro Gio Alberto magnano scudi cinque, et paolo uno et tre quinti scudi /5 Argientatura delle bertonelle, a Guidobaldo spadaro paoli cinque et un quarto /4 Fattura delle sopracasse di legno scudo uno et paoli sei Vachette numero quattro tolte dal Rossi per coprire le sopracasse scudi sette, et paolo uno, come appare per sua poliza Panno turchino braccia 15 2/3 tolto dal Locatello, per foderare le sopracasse scudi quattro, et paoli sette,

15 come per sua poliza Al sellaro per far tingere le vacchette di negro scudi doi di moneta et per sua fattura d'haver coperto le sopracasse, /4 Al Pico, et al Bottaino per brocch paoli tre - 3 di paoli XII scudi /5 Mutio Oddi" Alvar González-Palacios NOTE [1] O.Raggio, A.M. Wilmering, Lo studiolo di Federico da Montefeltro, Milano, 2007, vol II, pp.61 sgg e passim dove si riassumono le notizie note. Esiste anche una versione inglese. [2] La scoperta dei mobili napoletani di questo genere inizia con l'articolo di A. González-Palacios "Giovanni Battista De Curtis, Jacobo Fiamengo e lo stipo manierista napoletano", in Antologia di Belle Arti, II, 1978, n.6, pp La prima menzione dello stipo di Amburgo risale ad una mia comunicazione in Bolaffi-Arte, novembre, 1975, n. 54, p. 13, quando questo mobile venne esposto alla Biennale dell'antiquariato di Firenze; prima di passare al Museo di Amburgo transitò presso un antiquario a Parigi. Poco dopo il mio articolo su Antologia apparve lo scritto di D. Alfter, "Ein neapolitanischer Kabinettschrank des Giacomo fiammingo (?) und Giovanni Battista de Curtis", in Pantheon, II, XXXVII, April-Juni 1979, pp [3] M.P. Aguiló Alonso "Una nueva obra de Giovanni Battista De Curtis", in Archivo Español de Arte, 1995, n. 272, pp [4] I soli documenti finora conosciuti su De Curtis e Iacobo Fiamengo, ripubblicati da me nell'articolo citato a nota 2, erano stati resi noti da R. Filangieri, Documenti per la storia, le arti e le industrie delle provincie napoletane, Napoli, 1891, V, p.156 [5] Vedi Filangieri cit alla nota 4 [6] A. Bertolotti, Artisti belgi ed olandesi a Roma nei secoli XVI e XVII, Firenze-Roma, , p [7] Si veda in merito A. González-Palacios, Il Tempio del Gusto, Milano, 1984, pp dove ripubblico ampliandolo il saggio del 1978 cit. a nota 2. M.P. Aguiló Alonso, "La exaltación de un reino. Nápoles y el mobiliario de lujo", in Archivo Español de Arte, 1992, n. 258, pp , con la bibliografia precedente dell'autrice. Per altri artefici del Seicento attivi a Napoli: R. Ruotolo, in Civiltà del Seicento a Napoli, catalogo della mostra, Napoli, 1984, II, pp [8] F.J. Sánchez Cantón, Inventarios reales. Bienes muebles que pertenecieron a Felipe II, Madrid, , II, pp Questi elenchi furono completati nel 1603, qualche anno dopo la morte del sovrano: 4525 Un escritorio de ébano y historias de marfil; en la delantera, que divide los cajones, cuatro pilastras con sus capiteles jónicos; tiene una portezuela en medio, que en ella hay dos óbalos con sus historias de caza de monteria... a los lados dos aldavones de plata con sus mascarones y sus cantoneras de plata Otro escritorio de ébano y marfil, que tiene en la delantera una historia con un navio, colgada una muger dél que esta sentada en el agua; y tiene unos cuadritos a modo de ajedrez Otro escritorio de ébano y marfil con seis cajones y en cada cajon labrada una targeta de marfil... Esistono diverse redazioni di questi inventari che, come tutti gli inventari reali spagnoli, sono divisi per genere, ognuno dei quali affidato a periti della materia: si veda R. Beer, "Inventare aus dem Archivo de Palacio zu Madrid in Jahrbuch der kunsthistorischen Sammlungen des allerhöcsten Kaiserhauses, 14, 1893, pp. I-LXX; 19, 1898, pp. CXVII-ClXXVII: nn. 1720, 1772, 1773 [9] G. Fernández Baytón, Inventarios reales. Testamentaría del Rey Carlos II, Madrid, I, 1975, p. 220, nn ; II, 1981, p. 257, n.312. Questi inventari risalgono al 1700 e al I primi mobili si trovavano nel Guardajoyas del Rey nel Palacio Real: Dos bufettes de ebano y marfil con diferentes labores y en medio un circulo...en uno obalos rostros de Emperadores y unas ciudades en otros quadros Otro bufette de ebano y marfil...guarnecido de historias en marfil y en el medio tres grandes con diferentes flores embutidas y los pies de lo mismo. I secondi erano nel Buen Retiro. A questo tipo di tavolo assomiglia molto quello

16 illustrato da M.P. Aguiló Alonso in "Los temas de la antigüedad clásica aplicados al mobiliario" in Actas del X congreso del CEHA. Los clasicismos en el Arte Español, Madrid, 1994, pp [10] S.Jervis, R. Baarsen, «An ebony and ivory cabinet» in The Victoria & Albert Museum Bulletin, 4, 1985, pp ; S. Jervis, in The late King's Goods, a cura di A. Macgregor, Londra e Oxford, 1989, pp ; L. Cervera Vera, Bienes muebles en el Palacio Ducal de Lerma, Valencia, 1967, pp [11] Inventaire dressé après le décès en 1661 du Cardinal Mazarin, a cura di T. Yoshida-Takeda, C. Lebrun- Jouve, Parigi, 2001, p. 151, nn Un petit cabinet d'ebène composé de treize tiroirs sur les quelz sont treize petits tableaux d'ivoire gravez des Fables des Metamorphoses et au millieu une porte sur laquelle est aussy rapporté un tableau d'ivoire gravé de figures...posé sur une table d'ebène sur laquelle sont rapportés des ornemens d' ébène de mesme qu'aud. cabinet aveq son tiroir... [12] Reca la firma Io Bap de Curtis 1607 ; le dimensioni sono cm 83 x 52 (alla fine degli anni Novanta si trovava presso la Galleria di Antony Embden sul quai Voltaire a Parigi) [13] A. González, Palacios, Il Tempio del Gusto, Milano, 1986, pp , figg ; A. González-Palacios, Il Gusto dei Principi, Milano, 1993, pp , figg , con la bibliografia anteriore. In questi anni sono comparsi altri esemplari di questo tipo di mobili: ricordo qui un piano (su un sostegno non originale) comparso nell'asta Sotheby's, Londra, 19 maggio 1995, n. 55. [14] Ho scritto sempre come questi mobili fossero intarsiati su un fondo di noce. In effetti le immagini che allora riprodussi non sono così eloquenti sulla materia del fondo e mi domando oggi se non si tratti di vari tipi di legni esotici della famiglia del jacarandà o, a meglio dire, di palissandro che come si sa ha diverse gradazioni cromatiche alcune delle quali possono essere chiare. [15] H. Huth, Lacquer of the West, Chicago e Londra, 1971, passim. In tempi più recenti si veda il catalogo della mostra Venise et l'orient, , Parigi, Institut du Monde Arabe (e New York Metropolitan Museum) [16] Exotica, catalogo della mostra, Lisbona, Museo Gulbenkian, 2001, passim e soprattutto catt ; Oriente en Palacio, catalogo della mostra, Madrid, Palacio Real, 2003, passim e cat. VII.1, VII.5, VII.8 [17] Lo studiolo, o stipo, misura cm 67 x 73 x 45. D. Di Castro, "Storia e mitologia negli arredi d'arte" in I piaceri della vita in campagna nell'arte dal XVI al XVIII secolo, catalogo della mostra a cura di F. Moro, Milano, 2000, p.36; B. Montevecchi, in Gli ultimi Della Rovere. Il crepuscolo del Ducato di Urbino, catalogo della mostra a cura di P. Dal Poggetto e B. Montevecchi, Urbino, 2000, pp ; B. Montevecchi si è soffermata ancora sullo stipo negli atti del convegno L'arte del legno tra Umbria e Marche, a cura di C. Galassi, Perugia, 2001, pp ; e ancora in "Arti rare alla corte di Francesco Maria II", in Pesaro nell'età dei Della Rovere, Pesaro, 2001, vol.iii.2, pp Si veda ancora G. Semenza in T. Biganti, L'eredità dei Della Rovere. Inventario dei beni in Casteldurante (1631), Urbino, 2005, pp , tav. XIV [18] Il Duca venne creato Cavaliere dell'ordine da Filippo II, come egli stesso ricorda nel proprio Diario, il 6 maggio 1585 (vedi la nota 21) [19] Non abbiamo preso qui in considerazione un piccolo pagamento del settembre 1595: "Scritt.o [scrittoio?] lungo con la sopracassa, 18" (a carta 733r dello stesso fascio di cui fanno parte gli altri documenti). Non sappiamo se possa riferirsi a uno dei mobili di cui si sta parlando, come appare probabile per quanto non si menzionino i materiali di cui questo scrittoio era fatto [20] Come alla nota precedente riportiamo qui due brevissimi pagamenti che potrebbero riferirsi allo stesso mobile: il primo è dell'agosto 1597: "Scrittorio longo di Ebano, Todesco, 20" (c. 737r); il secondo è addirittura del gennaio 1598: "Al M[aest]ro d'hebano Todesco a buon conto, 20" (c.739r.). In tutte queste piccole note, lo si noterà, si parla di "scrittoi" e non di "studioli": stando al Grande Dizionario della lingua italiana, di S. Battaglia, il termine scrittoio si riferisce a un "mobile provvisto di un piano, talora ribaltabile, che permette di scrivere e, spesso, anche di cassetti per la conservazione dei documenti"; mentre studiolo è un "mobiletto di legno (spesso con intarsi di avorio o di altri materiali pregiati) provvisto di cassetti disposti intorno a una parte centrale chiusa da antine; usato in particolare nel tardo Rinascimento"

17 [21] Diario di Fancesco Maria II della Rovere, a cura di F. Sangiorgi, Urbino, 1989, p.85 [22] A. Bertolotti, Le arti minori alla corte di Mantova, Milano, 1989, p. 182 [23] Diario di Francesco Maria...op. cit. a nota 21, pp. 175, 184: l'11 novembre 1610 il Cardinal Gonzaga desina a Pesaro andando verso Roma, ciò che accade di nuovo il 9 giugno Il 14 aprile 1613 è il Duca di Urbino ad inviare i suoi omaggi a Mantova al "nuovo Duca Cardinale" (deporrà la porpora poco tempo dopo per reggere Mantova) [24] G. Bertini, Ottavio Gonzaga di Guastalla. La carriera di un cadetto al servizio della monarchia spagnola, , Guastalla, 2007, p. 92 [25] Diario, cit a nota 21, pp. 16, 129, 191, 47 rispettivamente; per gli orologiai urbinati si veda E. Morpurgo, Dizionario degli orologiai italiani, Milano, 1974, ad vocem Giovanni Maria e Simone Barocci, Pietro Griffi. Vedi anche R. Panicali, Orologi e orologiai del Rinascimento italiano. La scuola urbinate, Urbino, 1988 [26] G. Gronau, Documenti artistici urbinati, Firenze, 1936, pp. 266, 272: si cita anche una lettera del segretario del Duca datata a Venezia il 25 gennaio 1596 dove questi scrive di aver visto in un'altra bottega "altri cassettini e studioli" con ornamenti eccellenti [27] T. Biganti, L'eredità dei Della Rovere cit. a nota 17, p.420, n In una scheda inedita, riguardante il tavolo qui illustrato, Giulia Semenza riportava la voce inventariale del 1631 preceduta da quella del 1624 (inventario inedito che non abbiamo esaminato direttamente) quando il tavolo si trovava nel Palazzo Ducale di Pesaro, descrizione pressoché identica a quella del 1631 [28] Biganti op. cit. alla nota precedente p. 213, n. 804; p.421, n.3251 e 3254; p.424, n.3271; si veda il commento di G. Semenza alle pp dello stesso volume. A mio avviso lo stipo oggi ad Urbino potrebbe corrispondere alla descrizione di quello al n Semenza segue il percorso di questi mobili dalle Marche a Firenze quando passano in eredità a Vittoria della Rovere [29] Biganti, op. cit. alle note precedenti pp , nn. 3245, 3248, Il secondo di essi era ad esempio un "tavolino d'ebano intarsiato d'avorio con diverse historie, figure e teste d'imperatori". Nell'inventario del Palazzo Ducale di Urbino, del 1609, sono elencati "studioli doi uno sopra laltro con li suoi cassettini e chiave, intarsiati de osso bianch", descrizione così sommaria da non consentire alcuna identificazione (F. Sangiorgi, Documenti urbinati. Inventari del Palazzo Ducale, Urbino, 1976, p. 149, n. 238) [30] D. Di Castro, op. cit. a nota 17, p. 36; B. Montevecchi, Gli ultimi Della Rovere cit. a nota 17, p. 25, G. Semenza in Biganti, cit. a nota 17, p.127: il solo mobile urbinate finora identificato dell'eredità di Vittoria della Rovere è lo studiolo della Galleria Nazionale delle Marche [31] Figlia di Ferdinando I, nata nel 1604, morta nel 1644; aveva sposato nel 1621 Federico Ubaldo della Rovere; tornò a Firenze il 6 agosto 1623 con la figlia Vittoria dopo la morte del marito. Nel 1626 Claudia sposò l'arciduca Leopoldo V del Tirolo [32] F. Ugolini, Storia dei conti e duchi d'urbino, Firenze, 1859, II, p Il Duca lasciò Vittoria della Rovere "erede universale delle sue facoltà" a parte alcuni lasciti che includevano, ad esempio, un grande quadro del Barocci per il Re di Spagna, tuttora al Prado (E. Calzini, "Notizia del testamento dell'ultimo Duca di Urbino" in Rassegna Bibliografica dell'arte Italiana, nov. dic. 1915, XVIII, nn 11-12, p. 157) [33] Archivio di Stato di Firenze, Guardaroba Medicea, 932, cc. 95r, 95v, 96r. Ferdinando II era morto nel 1670 a sessant'anni; era divenuto Granduca nel Nei due documenti fiorentini si scrive "granatiglio" anziché ebano: il granatiglio, o granadillo (in spagnolo) delle Antille, non è altro che un tipo di ebano detto anche green ebony, jamaican ebony o granadillo de Cuba (vedi Legni da ebanisteria, a cura di G. Borghini, M. G.Massafra, Roma, 2002, p. 181) [34] Archivio di Stato di Firenze, Guardaroba Medicea, 977 [35] Archivio di Stato di Firenze, Guardaroba Medicea, 957, cc [36] Archivio di Stato di Firenze, Guardaroba Medicea, 1393 (inventario del 1732); Guardaroba Medicea, Appendice 51 (inventario del 1762). Si terrà presente che questi inventari sono stati eseguiti diversi anni dopo la morte del Cardinale Francesco Maria

18 [37] Christies's, Londra, 23 novembre 1989, il mobile si dice impiallacciato di legno di palissandro ed intarsiato di osso anziché di avorio e si riportano le misure di cm 133 x 78 x 82 [38] "Hobhouse's Choice" in The World of Interiors, novembre 2002, p [39] Le poche notizie qui raccolte su Charles Butler si trovano in alcuni cataloghi di vendita come in quello Sotheby's New York, 29 gennaio 2009, n. 61, ritratto di Alice Woodforde di Sir Peter Lely, appartenuto prima a Charles Butler e poi a Charles H. A. Butler e ai suoi discendenti. Si veda ancora The Burlington Magazine, 84, n.491, febbraio 1944, p.48; il catalogo della vendita numismatica a cui ci riferiamo si intitola The Charles Butler Collection. Catalogue of the Collections of Coins and Medals formed by the late Charles Butler, Esq (of Warren Wood, Hatfield and Connaught Place W.) Londra, Sotheby, Wilkinson & Hodge, 3 luglio Esiste anche una serie di cataloghi che non ho potuto consultare personalmente, riguardanti le varie collezioni di Butler: presso Christie's a Londra le seguenti aste: maggio 1911 (oggetti d'arte, ceramiche e porcellane); 25 aprile-26 maggio 1911 (dipinti antichi); 6 luglio 1911 (bronzi porcellane etc) ; 29 gennaio 1913 (tessuti, ricami). Presso Sotheby's, Londra : marzo 1911 (disegni e stampe) e cinque ulteriori vendite di libri fra il 1911 e il [40] J. Chapel, J. Hardy, "The Millais Cabinet", in The Burlington Magazine, 122, n. 997, giugno 1980, pp.424 sgg. [41] Sarah Medlam del Victoria & Albert Museum mi comunica che Charles Butler nel 1866 risiedeva già al numero 3 di Connaught Place. Su The Times comparve un necrologio su suo figlio che morì a 32 anni nel 1888 [42] Vedi nota 7 [43] Vedi Aguiló, op. cit, a nota 9 [44] Il quadro fu da me identificato sul mercato d'arte parigino diversi anni or sono e risulta illustrato in A. González-Palacios, "Trionfi barocchi a Firenze" nel catalogo di E. Colle, I mobili di Palazzo Pitti. Il periodo dei Medici , Firenze, 1997, p.41 (in quell'occasione la didascalia è stata sbagliata: le date di nascita e di morte del Cardinale sono , ebbe la porpora nel 1645 e fu amico personale di Giusto Susterman al quale pensavo e penso si può attribuire quest'opera -cm 31,5 x 23,5- di cui ignoro l'attuale ubicazione). [45] Civiltà del Seicento a Napoli, Napoli, 1984, II, pp 259, 384, 385. [46] Colle, op. cit. a nota 44, pp [47] B. Jestaz, L'inventaire du Palais et des propriétés Farnèse à Rome en 1644, Roma, 1994, pp.131, 133, nn e G. Cirillo, G. Godi, Il mobile a Parma fra Barocco e Romanticismo, Parma, 1983, figg a pubblica un tavolo e un piano che possono essere messi in relazione con l'inventario di Palazzo Farnese a Roma ma la decorazione in avorio non sembra seguire la tipologia ornamentale in uso a Napoli [48] S. Eiche, La villa di Monteberticchio di Francesco Maria II della Rovere, Urbania, L'autrice riporta le parole di Niccolò Cerretani che visitò la casa nel novembre 1631: l'interno era "tutto dipinto dentro a fogliame di serqua e verdure diverse"; le porte erano "rabescate a tronchi di quercie"; nel secondo piano si trovavano "nove stanze rabescate a tronchi di quercie come l'altre" (queste ultime descrizioni risultano da un inventario di Monteberticcho del 1653). Il Codice Ms Vat. Urb. Lat della Biblioteca Vaticana contiene alcuni disegni (nessuno firmato) di mobili e oggetti ornamentali decorati con foglie e tronchi di quercia di un'epoca che sembra vicina alla nostra: C. Stornajolo, I ritratti e le gesta dei Duchi di Urbino nelle miniature dei codici vaticano-urbinati, Roma, 1913; B. Montevecchi, "Arti rare..." cit a nota 17 [49] J. Giacomotti, Catalogue des majoliques des Musées nationaux, Parigi, 1974, p. 239, n Non è il solo: nello stesso volume si vedano altre maioliche decorate "a cerquate" [50] J.S. Byrne, Renaissance Ornament Prints and Drawings, The Metropolitan Museum of Art, New York, 1981, p. 33; a p. 53 si vede una tavola di Daniel Hopfer con un intreccio vegetale di gusto più gotico, decisamente più tedesco che incontrò però una certa stima a Venezia dove venne copiata in un libro con modelli per ricami. In merito a Hopfer si veda il catalogo della mostra Daniel Hopfer ein Augsburger Meister der Renaissance a cura di C. Metzger, Monaco di Baviera, 2009, pp. 216, 224, 232, 244, 313, alcune delle quali

19 sono opera del figlio Lambrecht Hopfer [51] Si veda il catalogo della mostra Giulio Romano, Mantova, 1989, pp (N. Forti Grazzini) con la bibliografia anteriore [52] Sangiorgi, Documenti urbinati, cit a nota 29, p. 92: la lettiera risulta inventariata il 16 luglio 1609 nel "salotino della S. ma Sig.ra Madama" del Palazzo di Urbino. Vedi ancora il catalogo della mostra Disegni degli Alberti, a cura di K. Herrmann Fiore, Roma, 1983, pp Alberto Alberti si reca anche a Urbino nel 1659 per un tabernacolo. I documenti sugli Alberti sono in G. Degli Azzi, Gli Archivi della Storia d'italia, serie II, vol. IV, Rocca S. Casciano, 1915, pp [53] H. Kreisel, Die Kunst des deutschen Möbels, Monaco di Baviera, 1968, fig.182: il mobiletto si trova nel Burg Rheinstein sul Reno. Una scacchiera del Victoria & Albert Museum (inv ) presenta qualche rapporto col mobiletto di Kreisel: viene considerata tedesca, di Augsburg, databile al La scacchiera con l'emblema di Enrico IV (cm 31 x 55) è nel Musée National du Château de Pau ed è stata esposta nella mostra Marie de Médicis un gouvernement par les arts, Parigi, 2003, cat 40 (T. Crépin-Leblond) [54] Catalogo della mostra Mueble español. Estrado y dormitorio, Madrid, 1990, cat. 19, pp (C. Castellanos Ruiz) [55] E. Koch, Shah Jahan and Orpheus, Graz, 1988; Lo specchio del principe. Mecenatismi paralleli: Medici e Moghul, a cura di Dalu Jones, Roma, 1991; González-Palacios, Il Gusto dei Principi, cit. a nota 13, pp [56] Per questo problema si veda D. Walker, Flowers underfoot. Indian Carpets of the Mughal Era, Londra, New York, 1997 passim; A. Jaffer, Luxury Goods from India: The Art of the Indian Cabinet Maker, Londra, Per un mobile di questo tipo si veda Fundação Ricardo do Espiríto Silva, Lisbona, 1992, pp e il recente catalogo Simon Ray Indian and Islamic Works of Art, Londra 2009: il n. 12 riguarda uno stipo in palissandro e avorio, con fregi a motivi floreali del tipo qui discusso, ritenuto da A. Jaffer opera indiana attorno al [57] James Fergusson ( ) uno dei maggiori storici dell'architettura indiana, parla specificamente di questo edificio nella sua famosa History of Indian and Eastern Architecture (varie edizioni). G. Michell, S. Shah, J. Burton-Page, Ahmadabad, Bombay, 1988, pp spiegano come la moschea di Sidi Said fosse stata costruita nel 1572 alla fine del sultanato del Gujarat e mettono in risalto gli straordinari pannelli traforati a cui ci riferiamo, che trovano qualche eco solo a Fatehpur Sikri e contano fra le più alte espressioni dell'arte islamica in India Ringraziamenti Durante questa ricerca sono stato aiutato da Benedetta Montevecchi, Giulia Semenza, Patrizia Urbani (che ha controllato i documenti urbinati conservati a Firenze qui utilizzati) e Sarah Medlam del Victoria & Albert Museum. Mario Tavella, della Sotheby's, Charles Cator e Amelia Elborne, della Christie's, hanno messo a mia disposizione i dati sui cataloghi delle vendite dei beni di Charles Butler. Dalu Jones, Filippo Salviati e Vicky Ducrot mi hanno fornito qualche indicazione su Ahmedabad. Emma-Louise Bassett ha accuratamente tradotto il testo in inglese. Roberto Valeriani ha letto il testo e fornito non poche osservazioni e suggerimenti. EBONY AND IVORY: A TABLE FOR THE DUKE OF URBINO TEXT BY ALVAR GONZÁLEZ-PALACIOS TRANSLATED BY EMMA-LOUISE BASSETT 1. The Cabinet About ten years ago a cabinet that had been acquired by the Galleria Nazionale delle Marche in Urbino was

20 published on two separate occasions within the space of a few months (see figs. 4. & 5.). It is a small but very important piece of furniture 1 and its history can be documented with some certainty by identifying its illustrious original owner and quite possibly its makers as well. Veneered with ebony and inlaid with engraved ivory it has an intricate pattern of intertwined boughs of oak, the botanical name for which in Italian is rovere or quercia; it is of simple construction and follows well known models of which examples can be found in several European countries. What makes it exceptional though is the fineness of its decoration which shows skilfully engraved oak branches of ivory inlay on a dark background. The originality of the decoration of this cabinet (and of the table which is discussed later) lies in its distinctive pictorial quality. The motif which it features is a clear allusion and play on the family name of the person who commissioned the piece, the Duke of Urbino, Francesco Maria II della Rovere ( ), as the coat of arms framed by the insignia of the Order of the Golden Fleece 2 proves: the della Rovere's principal heraldic emblem was in fact the oak tree, or rovere. The documents which almost certainly relate to this cabinet warrant further examination. They relate to certain expenses incurred by the Duke between 1596 and 1598 and are published here in the Appendix on page 21. (the documents themselves are in the Fondo Urbinate dell'archivio di Stato di Firenze). Document I dating from 1596, relates to an ebony cabinet "alla spagniola" (in the Spanish style) specifying that it was made of ebony and ivory although it does not say who actually made the piece of furniture 3. Document II relates to a "studiolo fatto da Maestro Giorgio" ("cabinet made by Maestro Giorgio"). This bill is undated but in my view should be read alongside document III which refers to the date "1597 correnti" and then to 17 October It is my opinion that these entries relate to the same piece of furniture because both documents refer to a work by Maestro Giorgio (who in document III is called "todesco" or "German") and both also record that the craftsman had received "per sua fattura duchati " ( "as per his invoice ducats", and that the total cost amounted to ½ ducats). Document II provides further details: the piece of furniture had silver handles, rings, an inkwell and a "polverino" or blotting powder container. It mentions another craftsman too, Giulio Lupi, who is paid ducats for the carving work. The piece is not described in detail but document III asserts that it was an ebony cabinet made or decorated with leaves. It does not mention ivory but this does not preclude the hypothesis that these inlays were of ivory and that it was Giulio Lupi who carved and engraved them. Maestro Giorgio would therefore have been the cabinet maker. It is probable that documents II and III are simply more specific restatements of document I, in the sense that the first talks of an ebony cabinet in the Spanish style whilst the following two refer to an ebony cabinet made with inlays showing foliage. There are two points to bear in mind: furniture terminology from that time is unclear; the first document is dated December 1596 as has been stated, whilst the other two are dated late Document IV is dated 24 September It relates to an ebony cabinet with a credenza which cost /5 ducats, an amount which does not include the cost of the ivory or the craftsman's work. In this document Maestro Giorgio's name does not appear amongst the names of the other craftsmen. What is important for us is the mention of Giulio Lupi's name in relation to the work of making the frame and other carving for the cabinet. Again in this instance we can presume that he was the carver of the ivory. Maggiero, who is mentioned as supervising Lupi's work, is probably the artist Cesare Maggieri, who was a pupil of Barrocci and died in Urbino in Document IV is countersigned by Muzio Oddi ( ) the well known architect from Urbino who is mentioned in the Duke's Diary in 14 June 1596: "I took for my architect Mutio

Sotheby's. Treasures Aristocratic Heirlooms Londra 06 lug 2010, 05:30 PM L10307 CIRCA 1596-7

Sotheby's. Treasures Aristocratic Heirlooms Londra 06 lug 2010, 05:30 PM L10307 CIRCA 1596-7 Sotheby's Treasures Aristocratic Heirlooms Londra 06 lug 2010, 05:30 PM L10307 LOTTO 4 AN ITALIAN ENGRAVED IVORY INLAID ROSEWOOD (GRANADILLO) CENTRE TABLE ATTRIBUTED TO MASTRO GIORGIO TEDESCO AND GIULIO

Dettagli

L arte in una stanza viaggio intorno al mondo di Toschi

L arte in una stanza viaggio intorno al mondo di Toschi Istituto Comprensivo «G.B.Toschi» Baiso Concorso di idee io amo i beni culturali 2012-2013 L arte in una stanza viaggio intorno al mondo di Toschi Una stanza per l arte Lo Studiolo Lo studiolo è un ambiente

Dettagli

Lo stemma della Real Casa di Borbone delle Due Sicilie è composto da uno scudo centrale ovale, diviso in 19 parti (17 armi e 2 scudetti) cimato dalla Corona Reale, circondato dai collari di sei ordini

Dettagli

121 DALLA DIMORA ROMANA DI GOFFREDO ED ENRICA MANFREDI

121 DALLA DIMORA ROMANA DI GOFFREDO ED ENRICA MANFREDI Asta 121 DALLA DIMORA ROMANA DI GOFFREDO ED ENRICA MANFREDI 14 maggio 2013 ore 15.00 21.00 15 maggio 2013 ore 11.00 Genova, Palazzo del Melograno Piazza Campetto, 2 La collezione dei Conti Goffredo ed

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

MEDICI MECENATI. da banchieri a signori

MEDICI MECENATI. da banchieri a signori MEDICI MECENATI da banchieri a signori iovanni di Bicci 1360-1429 1429! Agli inizi del 400 inaugura il successo politico ed economico della famiglia! Il figlio Cosimo detto il Vecchio inizia il ramo principale!

Dettagli

Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca. Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine

Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca. Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine La vita e le opere Per capire bene alcuni aspetti dell arte del primo Rinascimento, proviamo ad analizzare

Dettagli

Le dimore dei marchesi Arconati nell'ottocento

Le dimore dei marchesi Arconati nell'ottocento Le dimore dei marchesi Arconati nell'ottocento a cura di Patrizia Ferrario In occasione della giornata di studi Lettere di liberta'.costanza Arconati Trotti Bentivoglio (biblioteca A. Manzoni, Trezzo sull'adda

Dettagli

Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal punto di vista artistico sia dal punto di vista politico.

Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal punto di vista artistico sia dal punto di vista politico. Di Valeria Scarciafratte Il Palazzo del Quirinale è la residenza ufficiale del presidente della Repubblica Italiana. Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

Antonio Franchi, Ritratto di Anna Maria Luisa de Medici (1687) Firenze, Galleria degli Uffizi

Antonio Franchi, Ritratto di Anna Maria Luisa de Medici (1687) Firenze, Galleria degli Uffizi Antonio Franchi, Ritratto di Anna Maria Luisa de Medici (1687) Firenze, Galleria degli Uffizi Francobollo commemorativo emesso il 18 febbraio 2013 in occasione del 270 anniversario della morte di Anna

Dettagli

Ritratto di bella Principessa Opera realizzata a penna e inchiostro con colori a tempera su pergamena..da un mancino

Ritratto di bella Principessa Opera realizzata a penna e inchiostro con colori a tempera su pergamena..da un mancino Ritratto di bella Principessa Opera realizzata a penna e inchiostro con colori a tempera su pergamena..da un mancino -E BIANCA MARIA? -E BIANCA SFORZA? -E UN ALTRA PERSONA? -E OPERA DI LEONARDO? -E OPERA

Dettagli

VISITA DEL ROTARY CLUB PADOVA ALLA BANCA POPOLARE DI VICENZA VICENZA, MERCOLEDI 27 GENNAIO 2010

VISITA DEL ROTARY CLUB PADOVA ALLA BANCA POPOLARE DI VICENZA VICENZA, MERCOLEDI 27 GENNAIO 2010 VISITA DEL ROTARY CLUB PADOVA ALLA BANCA POPOLARE DI VICENZA VICENZA, MERCOLEDI 27 GENNAIO 2010 Mercoledì 27 Gennaio 2010 il Rotary Club Padova, guidato dal suo Presidente Pier Luigi Cereda, ha avuto il

Dettagli

1. Siamo a Firenze nel secolo. Adesso leggi l'inizio della storia della famiglia dei Medici e rispondi alle domande

1. Siamo a Firenze nel secolo. Adesso leggi l'inizio della storia della famiglia dei Medici e rispondi alle domande La Firenze dei medici: la famiglia e il Rinascimento Il luogo è Firenze, ma di quale secolo parliamo? Guarda queste tre immagini legate al titolo e decidi a quale secolo si riferiscono: a) XIX sec. d.

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE

RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE RICCARDO I D'INGHILTERRA, noto anche con il nome di Riccardo Cuor di Leone nacque in Inghilterra l 8 settembre 1157, quarto figlio del re d Inghilterra ENRICO

Dettagli

La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole

La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole dimensioni su un supporto rigido fino alla sua completa

Dettagli

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI. Museo dell Opificio delle Pietre Dure di Firenze. Carta della qualità dei servizi

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI. Museo dell Opificio delle Pietre Dure di Firenze. Carta della qualità dei servizi MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Museo dell Opificio delle Pietre Dure di Firenze Carta della qualità dei servizi Il Museo dell Opificio delle Pietre Dure 2012 Il Museo dell Opificio delle

Dettagli

Il Cinquecento a Napoli

Il Cinquecento a Napoli SEZIONE IV Il Cinquecento a Napoli 14 15 16 VETRINE 14 Napoli tra Francia e Spagna 15 L età di Carlo V 16 L età di Filippo II Sala B 95 VETRINA 14 Napoli tra Francia e Spagna Zecche presenti in vetrina

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it La dolce

Dettagli

Capodimonte. Fonte Wikipedia

Capodimonte. Fonte Wikipedia Capodimonte Fonte Wikipedia Il Museo nazionale di Capodimonte è un museo di Napoli, fu progettato dagli architetti Giovanni Antonio Medrano e Antonio Canevari ubicato all'interno della reggia omonima,

Dettagli

http://expo.khi.fi.it

http://expo.khi.fi.it COMUNICATO STAMPA 22 aprile 2013 http://expo.khi.fi.it FOTOGRAFIE DI UN ANTIQUARIO: LA RACCOLTA DI ELIA VOLPI. Una mostra online della Kunsthistorisches A partire dal 22 aprile 2013 la in Florenz Max-

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

La Venaria Reale 2015. I quadri del Re. Il nuovo allestimento nell Appartamento della principessa Ludovica. Dal 28 maggio 2015

La Venaria Reale 2015. I quadri del Re. Il nuovo allestimento nell Appartamento della principessa Ludovica. Dal 28 maggio 2015 La Venaria Reale 2015 I quadri del Re. La Galleria Sabauda alla Reggia di Venaria Il nuovo allestimento nell Appartamento della principessa Ludovica Dal 28 maggio 2015 I quadri del Re. La Galleria Sabauda

Dettagli

SIMBOLISMO Paul Gauguin (1848-1903)

SIMBOLISMO Paul Gauguin (1848-1903) Scuola Secondaria di I grado Pio X Artigianelli Firenze Arte e Immagine Prof. Fortunato Rao La pittura deve suggerire più che descrivere, come invero fa la musica. (Paul Gauguin) SIMBOLISMO Paul Gauguin

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

I materiali estratti e lavorati da Toscana Pietra sono pietre arenarie, calcaree e altre tipiche della

I materiali estratti e lavorati da Toscana Pietra sono pietre arenarie, calcaree e altre tipiche della profilo aziendale i la storia La storia di Toscana Pietra inizia nel 1969 quando dopo anni di esperienza nell estrazione di pietra arenaria e calcarea, il signor Urbano Sercecchi fondò un azienda in grado

Dettagli

Il Grosso Veneziano Una trattazione semi-definitiva su tipologie e rappresentazioni

Il Grosso Veneziano Una trattazione semi-definitiva su tipologie e rappresentazioni Il Grosso Veneziano Una trattazione semi-definitiva su tipologie e rappresentazioni A cura di Massimiliano Carrara www.maxcarrara.it numismatica@maxcarrara.it Indice Breve Storia...2 Iconografia e tipologie...3

Dettagli

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro Prof.Giuseppe Torchia Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro IL RINASCIMENTO IL CONTESTO STORICO LUCE

Dettagli

Museo Statale d Arte Medievale e Moderna

Museo Statale d Arte Medievale e Moderna Arezzo I Della Robbia 21 febbraio 2009 7 giugno 2009 Museo Statale d Arte Medievale e Moderna La robbia è una pianta comune nelle zone incolte della Toscana. Dalle sue radici, per macerazione in acido

Dettagli

CARTE MAZZONI. Anni 1450-1811. Buste 2

CARTE MAZZONI. Anni 1450-1811. Buste 2 CARTE MAZZONI Anni 1450-1811 Buste 2 71 Nota introduttiva Durante il periodo della direzione di Alessandro Luzio, il periodo immediatamente precedente e quello successivo, pervennero in dono all Archivio

Dettagli

PER IL VERONESE È UN GRANDE RITORNO

PER IL VERONESE È UN GRANDE RITORNO PER IL VERONESE È UN GRANDE RITORNO di Ilaria Turri L illusione della realtà è il titolo della mostra dedicata a Paolo Calieri che si aprirà il prossimo 5 luglio alla Gran Guardia. È un eccezionale evento

Dettagli

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO Martedì, 1 marzo siamo andati a Palazzo Cisterna di Torino. Questo palazzo, tanti anni fa, era di proprietà di Amedeo I di Savoia, duca d Aosta, re di Spagna e sua moglie

Dettagli

16 0 RMT Finale maggio 2008 ARMT.2008 1

16 0 RMT Finale maggio 2008 ARMT.2008 1 16 0 RMT Finale maggio 2008 ARMT.2008 1 1. PERLE ROSSE (Cat. 3) ARMT.2008-16 - finale Martina e Carlotta hanno trovato delle perle gialle, blu e rosse. Decidono di farsi una collana ciascuna e infilano

Dettagli

RAFFAELLO SANZIO E LA CHIESA

RAFFAELLO SANZIO E LA CHIESA RAFFAELLO SANZIO E LA CHIESA Madonna del Granduca, 1506, Galleria Palatina, Palazzo Pitti, Firenze Il dipinto è così denominato perché fu acquistato dal granduca di Toscana Ferdinando III nel 1799, per

Dettagli

ELENCO MOBILI IN VENDITA

ELENCO MOBILI IN VENDITA Condizioni di vendita Per richieste telefonare al 347 2918907 oppure al 329-008081 o inviare mail a: gallogiancarlo@gmail.com oppure a: alexgallo_1953@libero.it Condizioni di vendita: La vendita viene

Dettagli

IL RADICCHIO DI TREVISO ALLE NOZZE DI CANA. Tiziano Tempesta Dipartimento TESAF Università di Padova

IL RADICCHIO DI TREVISO ALLE NOZZE DI CANA. Tiziano Tempesta Dipartimento TESAF Università di Padova IL RADICCHIO DI TREVISO ALLE NOZZE DI CANA Tiziano Tempesta Dipartimento TESAF Università di Padova Le origini del radicchio rosso di Treviso non sono del tutto note. Benché esistano testimonianze della

Dettagli

Prima sala PAOLO RUBBOLI (1838-1890) - Sala della foggiatura

Prima sala PAOLO RUBBOLI (1838-1890) - Sala della foggiatura IL MUSEO RUBBOLI A GUALDO TADINO Lo scorso 15 gennaio è stato inaugurato a Gualdo Tadino il Museo Rubboli. Allestito negli antichi locali ottocenteschi dell opificio, ospita un importante collezione di

Dettagli

VIAGGI ROMA FIRENZE VENEZIA. ad ARTE AUTUNNO-INVERNO 2012/2013. itinerari culturali in Italia TOUR OPERATOR

VIAGGI ROMA FIRENZE VENEZIA. ad ARTE AUTUNNO-INVERNO 2012/2013. itinerari culturali in Italia TOUR OPERATOR ROMA ad ARTE VIAGGI itinerari culturali in Italia FIRENZE VENEZIA AUTUNNO-INVERNO 2012/2013 TOUR OPERATOR v I TOUR di Italy Travels TOUR DI GRUPPO APERTURE STRAORDINARIE TOUR BY NIGHT GUIDE IN LINGUA E

Dettagli

PROGRAMMA ACCOMPAGNATORI

PROGRAMMA ACCOMPAGNATORI PROGRAMMA ACCOMPAGNATORI COOKING CLASS Accademia di Alta Cucina Pepe Verde Domenica, 8 Novembre 2015 (durata 6 ore) Meeting Point: ore 9.30 - Ergife Palace Hotel Ingresso principale L Accademia di Alta

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Filippino Lippi L Annunciazione di San Gimignano 13 giugno 2 novembre 2015 Pinacoteca, Piazza Duomo 2, San Gimignano

COMUNICATO STAMPA. Filippino Lippi L Annunciazione di San Gimignano 13 giugno 2 novembre 2015 Pinacoteca, Piazza Duomo 2, San Gimignano COMUNICATO STAMPA Filippino Lippi L Annunciazione di San Gimignano 13 giugno 2 novembre 2015 Pinacoteca, Piazza Duomo 2, San Gimignano Dal prossimo 13 giugno la Pinacoteca di San Gimignano ospita una mostra

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012-2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012-2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: BOPS080005@ISTRUZIONE.IT PROGRAMMA SVOLTO a.s.

Dettagli

I sogni dipinti del duca

I sogni dipinti del duca I sogni dipinti del duca sii depinta tutta a zigli nel campo celestro, mettendo de le stelle tra l uno ziglio e l altro Lo stesso Duca Galeazzo Maria indicava i motivi delle decorazioni delle sale della

Dettagli

In origine si trattava di una loggia aperta, che ha subito modifiche

In origine si trattava di una loggia aperta, che ha subito modifiche La Veranda La sala interna della Veranda dispone solitamente di 13 tavoli che possono ospitare da due a dodici persone con possibili diverse sistemazioni a Vostra scelta. Potete scegliere il tavolo a voi

Dettagli

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga La Sede espositiva è divisa in diverse sezioni: la prima ripercorre, attraverso sculture e dipinti 2000 anni di storia

Dettagli

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE COSA LA PITTURA 7 IL RINASCIMENTO DOVE A MILANO, ROMA E VENEZIA QUANDO DAL 1495 AL 1540 CIRCA PERCHÉ PER CAPIRE LA GRANDE PITTURA DEL RINASCIMENTO AGLI INIZI

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 9 1600-1700 A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni Milano pag. 1 L Europa dal

Dettagli

Opere in mostra SEZIONE CIOCCOLATA

Opere in mostra SEZIONE CIOCCOLATA Opere in mostra SEZIONE CIOCCOLATA Bottega dell Europa settentrionale, ultimo quarto del XVII secolo Coppa, 1676 legno, inciso America Centro meridionale, XVII secolo Coppia di bicchieri a due manici noce

Dettagli

I cavalli Lipizzani del CRA all 83 CSIO di Roma

I cavalli Lipizzani del CRA all 83 CSIO di Roma I cavalli Lipizzani del CRA all 83 CSIO di Roma PIAZZA DI SIENA, I CAVALLI LIPIZZANI AMBASCIATORI DELLA STORIA Mentre il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha deposto una corona di fiori sull'altare

Dettagli

L Inghilterra Tudor ha visto due dei sovrani più forti che mai si siano seduti sul trono inglese: Enrico VIII e sua figlia Elisabetta I.

L Inghilterra Tudor ha visto due dei sovrani più forti che mai si siano seduti sul trono inglese: Enrico VIII e sua figlia Elisabetta I. Che cosa simboleggia la rosa dei Tudor? La rosa dei Tudor simboleggia l unione tra le famiglie inglesi dei Lancaster e degli York. Il simbolo della rosa Tudor fu il risultato del matrimonio tra Enrico

Dettagli

Sguardi sull invisibile

Sguardi sull invisibile CATERINA PICCINI DA PONTE Sguardi sull invisibile Icone e incisioni presentazione del Patriarca Emerito card. Marco Cè meditazioni sulle icone di Giorgio Maschio fotografie di Francesco Barasciutti Marcianum

Dettagli

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi.

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi. Il 15 marzo prossimo si inaugura a Milano (Palazzo Reale) 110ro. Il mistero dei Sarmati e degli Scitil1, una mostra di eccezionale interesse dedicata a un fenomeno particolare dell'arte antica, il cosiddetto

Dettagli

Capodimonte: primo museo di Napoli

Capodimonte: primo museo di Napoli Capodimonte: primo museo di Napoli Un breve viaggio nel tempo a riscoprire ed a conoscere le origini del primo Museo di Napoli, centro di ricerche per la storia dell arte in città e nel Mezzogiorno, tra

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO Osserva Piazza della Signoria e imprimi nella memoria i suoi particolari Scrivi un breve testo che ti permetta di raccontare le tue impressioni e i tuoi ricordi del centro di Firenze e immortala con una

Dettagli

Palazzo Stanga Trecco

Palazzo Stanga Trecco Palazzo Stanga Trecco Venerdì 21 novembre 2014, in occasione della Festa del Torrone, il piano nobile di palazzo Stanga, in via Palestro, è stato eccezionalmente aperto al pubblico. Le nostre classi, la

Dettagli

La Galleria Sabauda A CURA DEL SETTORE RICERCHE TRADIZIONI ETNICHE, STORICHE E AGROALIMENTARI DELL ASSOCIAZIONE THULE ITALIA-SEZ.

La Galleria Sabauda A CURA DEL SETTORE RICERCHE TRADIZIONI ETNICHE, STORICHE E AGROALIMENTARI DELL ASSOCIAZIONE THULE ITALIA-SEZ. La Galleria Sabauda A CURA DEL SETTORE RICERCHE TRADIZIONI ETNICHE, STORICHE E AGROALIMENTARI DELL ASSOCIAZIONE THULE ITALIA-SEZ. PIEMONTE La galleria sabauda è situata presso il palazzo dell Accademia

Dettagli

Guida breve. Italiano. 2 piano

Guida breve. Italiano. 2 piano Guida breve Italiano 2 piano La civiltà dell abitare a Vienna durante lo stile impero e il Biedermeier Nella prima metà dell Ottocento la civiltà dell abitare a Vienna fu caratterizzata dai due stili neoclassici

Dettagli

LA MOSTRA DI LEONARDO ALLA NATIONAL GALLERY DI LONDRA: emozionante, ricca ma non convincente.

LA MOSTRA DI LEONARDO ALLA NATIONAL GALLERY DI LONDRA: emozionante, ricca ma non convincente. LA MOSTRA DI LEONARDO ALLA NATIONAL GALLERY DI LONDRA: emozionante, ricca ma non convincente. La mostra è indubbiamente bella, emozionante e suggestiva nonché ricca; si tratta, però, di una ricchezza dovuta

Dettagli

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Viaggio tra musei di Milano Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Chiesa di Santa Maria delle Grazie L'edificio rappresenta una tra le più importanti realizzazioni del Rinascimento ed

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

Alla scoperta delle ricchezze di Firenze

Alla scoperta delle ricchezze di Firenze Alla scoperta delle ricchezze di Firenze Prosegue il ciclo di visite guidate ai principali musei di Firenze per scoprire e riscoprire le bellezze di questa città che la Fabi Firenze ha il piacere di continuare

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

Paolo Veronese Le quattro Allegorie ritrovate

Paolo Veronese Le quattro Allegorie ritrovate La Venaria Reale Ogni volta, lo stupore della bellezza Paolo Veronese Le quattro Allegorie ritrovate Dall 11 ottobre 2014 all 8 febbraio 2015 Mostra compresa nel percorso di visita Teatro di Storia e Magnificenza

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

Vincolo n. 207. Palazzo e giardino Gavazzeni in via Porta Dipinta, 5. Estratto foto prospettica

Vincolo n. 207. Palazzo e giardino Gavazzeni in via Porta Dipinta, 5. Estratto foto prospettica Vincolo n. 207 CULTURALE Estratto foto prospettica Fonte: Pictometry - Compagnia Generale Ripreseaeree CULTURALE Vincolo n. 207 Estratto di decreto di vincolo Elementi identificativi riferiti al decreto

Dettagli

LA PRIMA TESTIMONIANZA

LA PRIMA TESTIMONIANZA LA PRIMA TESTIMONIANZA Nonostante che le frequenti emigrazioni ci abbiano impedito di collegare e unire in maniera omogenea i vari nuclei familiari, si può affermare che i Papei vissuti fra la fine del

Dettagli

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana Pittura del 1200 e del 1300 Prof.ssa Ida La Rana Per molti secoli in Italia latradizione della pittura bizantina mantiene una profonda influenza sulla figurazione. Dalla metà del XIII secolo iniziano però

Dettagli

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA ASTER Via Cadamosto 7 20122 Milano Tel 02 20404175 Fax 02 20421469 info@spazioaster.it www.spazioaster.it Tutte le attività didattiche

Dettagli

SEMPLIFICARE. (tratto da: Bruno Munari Da cosa nasce cosa ) ESEMPIO DI SEMPLIFICAZIONE:

SEMPLIFICARE. (tratto da: Bruno Munari Da cosa nasce cosa ) ESEMPIO DI SEMPLIFICAZIONE: SEMPLIFICARE (tratto da: Bruno Munari Da cosa nasce cosa ) Semplificare vuol dire cercare di risolvere il problema eliminando tutto ciò che non serve alla realizzazione. Semplificare vuol dire - ridurre

Dettagli

1595: Firenze Carte speciali da Venezia

1595: Firenze Carte speciali da Venezia 1 1595: Firenze Carte speciali da Venezia Introduzione e premessa Di solito, viene raccomandato per qualsiasi scritto di limitare quanto più possibile l intervento in prima persona; in questa nota, le

Dettagli

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti La Tour Eiffel La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti 1889, Edmond de Goncourt, scrittore e critico letterario orrendo mostro

Dettagli

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Il Museo Civico di Pizzighettone è uno fra i più antichi della provincia di Cremona: inaugurato nel 1907 in seguito a donazioni private, dopo il 25

Dettagli

MADE IN ITALY LA CASA HA UNA NUOVA PERSONALITÀ

MADE IN ITALY LA CASA HA UNA NUOVA PERSONALITÀ HAPPY DAY MADE IN ITALY LA CASA HA UNA NUOVA PERSONALITÀ Primula, azienda leader nel settore dei complementi d arredo e dei mobili per arredo bagno, presenta i nuovi programmi destinati a creare tendenza;

Dettagli

palazzo Ducale 1 Ritratto di una nobile e ricca collezione di mobili italiani

palazzo Ducale 1 Ritratto di una nobile e ricca collezione di mobili italiani palazzo Ducale 1 Ritratto di una nobile e ricca collezione di mobili italiani 2 Analogia di nome e di stilemi si scorgono tra il Palazzo Ducale di Venezia e la Collezione di mobili costruiti della ditta

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Biografia del Maestro Luigi Diligenti. Enrico Sangalli

Biografia del Maestro Luigi Diligenti. Enrico Sangalli Biografia del Maestro Luigi Diligenti Enrico Sangalli 19 20 Luigi Diligenti si è sempre definito Pittore-Scultore monzese. Monza gli dà i natali il giorno 16 marzo 1931, in via Cesare Beccaria. In questo

Dettagli

Marcantonio Raimondi, Apollo, Kupferstichkabinett, inv. 47 3 -l. incisione, mm 222 x 180. Berlino, Staatliche Museen, NUMERO ELENCO:

Marcantonio Raimondi, Apollo, Kupferstichkabinett, inv. 47 3 -l. incisione, mm 222 x 180. Berlino, Staatliche Museen, NUMERO ELENCO: Marcantonio Raimondi, Apollo, Kupferstichkabinett, inv. 47 3 -l incisione, mm 222 x 180. Berlino, Staatliche Museen, Moderno, Apollo, 1511-1513, biancone, 10,2 x 4,7 (senza cornice), cm _14,8 x 9,2 x 3,1

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

UNA COLLEZIONE ROMANA Da Sotheby s a Milano il 18 Ottobre Tutti gli Arredi di una casa romana:

UNA COLLEZIONE ROMANA Da Sotheby s a Milano il 18 Ottobre Tutti gli Arredi di una casa romana: PALAZZO BROGGI VIA BROGGI 19 MILANO 20129 +39 02 295 001 WWW.SOTHEBYS.COM PRESS RELEASE UNA COLLEZIONE ROMANA Da Sotheby s a Milano il 18 Ottobre Tutti gli Arredi di una casa romana: Dipinti Antichi, Mobili,

Dettagli

Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo

Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo Guerre e rivolte del XVII secolo italiano 1613-1617 / Prima guerra del Monferrato: Savoia e Venezia contro Gonzaga e Spagna; Monferrato

Dettagli

Caterina de Medici in un libro d arte

Caterina de Medici in un libro d arte Caterina de Medici in un libro d arte BIOGRAFIA Caterina Maria Romula di Lorenzo de' Medici, meglio nota come Caterina de' Medici, nacque a Firenze il 13 aprile 1519 e morì in Francia, nel Castello di

Dettagli

Straordinaria vendita a prezzo di realizzo di beni di antiquariato raccolti nel corso degli anni da antiquario abruzzese

Straordinaria vendita a prezzo di realizzo di beni di antiquariato raccolti nel corso degli anni da antiquario abruzzese Straordinaria vendita a prezzo di realizzo di beni di antiquariato raccolti nel corso degli anni da antiquario abruzzese 5000 lotti di cui oltre 1000 a libera offerta. Importanti arredi seicenteschi, mobili,

Dettagli

di Barbieri Paolo e C. S.n.c.

di Barbieri Paolo e C. S.n.c. www.barbieriartigrafiche.com info@barbieriartigrafiche.com www.barbieriedizionidarte.it info@barbieriedizionidarte.it www.paolobarbieritipografo.it info@paolobarbieritipografo.it di Barbieri Paolo e C.

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

Rinascita culturale ed impegno civile Donati al comune di Potenza Picena documenti, foto ed oggetti appartenuti alla famiglia Brunacci

Rinascita culturale ed impegno civile Donati al comune di Potenza Picena documenti, foto ed oggetti appartenuti alla famiglia Brunacci I Santesi Weblog Rinascita culturale ed impegno civile Donati al comune di Potenza Picena documenti, foto ed oggetti appartenuti alla famiglia Brunacci 9 ottobre 2012 di Onofri Paolo Cesare Brunacci Il

Dettagli

I.S.I.S. FOSSOMBRONI - GROSSETO STORIA DELL ARTE DEL TERRITORIO CLASSE TERZA TURISMO PROGRAMMA CON CONTENUTI MINIMI

I.S.I.S. FOSSOMBRONI - GROSSETO STORIA DELL ARTE DEL TERRITORIO CLASSE TERZA TURISMO PROGRAMMA CON CONTENUTI MINIMI CLASSE TERZA TURISMO Libro di testo: Itinerario nell arte vol. 1, a cura di Cricco e Di Teodoro. 1) Il problema della creazione artistica. La definizione di arte. 2) Il mondo primitivo e le prime manifestazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 1 del

Dettagli

La villa Arca del Santo di Anguillara

La villa Arca del Santo di Anguillara La villa Arca del Santo di Anguillara Veneta è stata per oltre tre secoli la sede locale della Ven. Arca del Santo di Padova, l Istituzione padovana creata per gestire il patrimonio della Basilica di S.

Dettagli

AGENZIA UFFICIALE PRENOTAZIONI

AGENZIA UFFICIALE PRENOTAZIONI AGENZIA UFFICIALE PRENOTAZIONI / OFFICIAL RESERVATIONS AGENCY: APAHOTELS SRL : Mrs Antonella Altomani Mrs Paolini Daniela Tel.: +39_(0)721_67959 Fax +39_(0)721_65135 - E-mail: info@apahotel.it web-site:

Dettagli

Trova il percorso giusto per raggiungere la Madre folle, opera di Arturo Martini.

Trova il percorso giusto per raggiungere la Madre folle, opera di Arturo Martini. 6 dicembre 2007 8 marzo 2008 ARTURO MARTINI GRANDI SCULTURE DA VADO LIGURE Vado Ligure, Museo di Villa Groppallo Orario: tutti i giorni 15.00-19.00 Chiuso il lunedì www.arturomartini.it Tel. 019883914

Dettagli

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore Fra le mostruosità dell arte d avanguardia spiccava, come un miracolo, un quadro d eccezione, una marina; la firma era di Raffaello Celommi un abruzzese noto agli

Dettagli

Pubblicazioni e Ricostruzioni Storiche Federico Marangoni

Pubblicazioni e Ricostruzioni Storiche Federico Marangoni Le ricostruzioni di giochi dell Antichità e del Medioevo sono un modo nuovo e appassionante di rivivere il passato e di divertirsi in compagnia di amici e parenti. Tutti tavoli sono riproduzioni artigianali

Dettagli

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO I LABORATORI Visita guidata al Museo della durata complessiva di circa 45 minuti con un momento di approfondimento di fronte ad alcune opere, selezionate sulla

Dettagli

Turisti a Milano con AVIS

Turisti a Milano con AVIS Turisti a Milano con AVIS Programma visite guidate febbraio-maggio 2014 Continua l iniziativa AVIS di scoperta e valorizzazione del patrimonio artistico e culturale della città di Milano con le visite

Dettagli

MUSICA DIPINTA: alla ricerca del suono e delle radici della tradizione dell artigianato d arte in alcune opere cremonesi del 500

MUSICA DIPINTA: alla ricerca del suono e delle radici della tradizione dell artigianato d arte in alcune opere cremonesi del 500 MUSICA DIPINTA: alla ricerca del suono e delle radici della tradizione dell artigianato d arte in alcune opere cremonesi del 500 BANDO ARDESIS IDENTITA CULTURALE Protocollo LOM.16.13 IIS TORRIANI LICEO

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli