STUDIO LEGALE FERRARO GIOVE E ASSOCATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDIO LEGALE FERRARO GIOVE E ASSOCATI"

Transcript

1 La variabilità del canone, in misura crescente, nei contratti di locazione ad uso non abitativo La sentenza della Suprema Corte del 23/02/2007 (tra l altro non sempre ben massimata), richiamata da quella del 22 aprile 2010 n , consente di fare il punto sulla problematica enunciata. Sulla scorta di principi in vigore da oltre trentatré anni (art. 32 e 79 L. 392/78) si aveva la tendenza a considerare sempre potenzialmente nulle le previsioni di aumento del canone per le locazioni ad uso diverso; a meno che risultassero o giustificate da elementi oggettivi ed esterni, ovvero realizzate attraverso il sistema dello sconto per un periodo iniziale, e purché non tese a superare il limite dell adeguamento. Insieme al caso statisticamente meno rilevante dell ampliamento dell oggetto della locazione, ancorare la variazione (es. classico) all apertura di una fermata della Metropolitana in costruzione al momento della stipula del contratto, rispettava certamente il criterio della massima tutela del conduttore. La parte debole del rapporto sinallagmatico vedeva infatti collegati gli aumenti alla effettiva maggiore potenzialità di un negozio, un ufficio, ecc. Analogo discorso veniva fatto ogniqualvolta (anche senza l enunciazione del principio dello sconto) il canone iniziale più contenuto poteva ancorarsi ad interventi sul bene, posti pattiziamente a carico dell inquilino; o, più semplicemente, alla necessità-opportunità di consentire l avviamento di una attività commerciale. Prescindendo ora dalla, ovvia, constatazione secondo cui è difficile (tranne eccezioni, v. infra) ricostruire da una pronuncia di legittimità la precisa clausola utilizzata dai contraenti in quel caso concreto, è utile qui verificare i passaggi attraverso i quali si è giunti alla attuale lettura data al combinato disposto degli articoli citati. Con la precisazione, ulteriore, che l excursus si basa proprio sulla motivazione della decisione del 2007 con delle necessarie puntualizzazioni. 1) Una delle prime, forse più significative, pronunce rese dalla Suprema Corte in materia di canone e sua variabilità risale al 1987, sentenza n

2 In breve, è il caso di un cinema il cui canone era composto da una quota fissa (minimo annuale, ) e da una percentuale fissata al 13% degli incassi del cinematografo al netto delle ritenute erariali; con possibilità di variare (in aumento) la entità dell importo garantito proporzionatamente all'aumento del costo del biglietto di ingresso alla sala. Di fronte alle resistenze manifestate dal conduttore alla corresponsione del citato importo crescente, parte locatrice conveniva il predetto davanti al Pretore del luogo per sentir determinare il canone alla stregua di quanto previsto dal contratto. Nonostante le eccezioni proposte dal conduttore, che si basavano proprio sulla presunta illiceità delle clausola ex art. 32 e 79 della l. 392/78, sia il pretore, sia il Tribunale in funzione di Giudice di gravame, osservavano che, trattandosi di immobile non destinato ad uso di abitazione, rientrava nella libera disponibilità delle parti contraenti la determinazione del canone secondo misure (eventualmente) differenti in relazione ai diversi periodi del rapporto locatizio. I giudici del merito escludevano che le clausole contrattuali in esame fossero invalide, in quanto il limite posto dall'art. 32 della legge n. 392 del 1978 atteneva esclusivamente al divieto di aggiornamento del canone connesso alle variazioni del costo della vita. Le diverse misure che, di anno in anno, il canone avrebbe potuto raggiungere pattiziamente prescindevano da ogni collegamento con quella variabile, e risultavano determinate in ragione del volume di affari del cinematografo (numero maggiore o minore di biglietti venduti, prezzo unitario per biglietto di ingresso). Inoltre, nessun intento fraudolento poteva essere ravvisato nel contratto in esame, essendo consentito alle parti di commisurare gli importi annui del canone alla redditività dell'immobile tratta dal conduttore attraverso il suo sfruttamento commerciale ed imprenditoriale, secondo la destinazione pattizia. La Cassazione confermava la sentenza di merito ed enunciava il seguente principio, destinato a costituire poi pietra miliare di tutte le successive pronunce: Alla stregua del principio generale della libera determinazione convenzionale del canone locativo per gli immobili destinati ad uso non abitativo, deve ritenersi legittima la clausola in cui venga pattuita la determinazione del canone in misura differenziata e crescente per frazioni successive di tempo nell'arco del rapporto, ancorandola ad elementi predeterminati ed idonei ad influire sull'equilibrio economico del sinallagma contrattuale, del tutto indipendenti dalle variazioni annue del potere di acquisto della lira (nella specie, con riguardo alla locazione di un immobile ad uso di

3 sala cinematografica, al costo unitario del biglietto d'ingresso ed al numero dei biglietti venduti annualmente), salvo che risulti - a seguito di un accertamento di fatto devoluto esclusivamente al giudice del merito ed insindacabile in sede di legittimità ove congruamente motivato - che le parti abbiano in realtà perseguito surrettiziamente lo scopo di neutralizzare soltanto gli effetti della svalutazione monetaria, eludendo i limiti quantitativi posti dall'art. 32 della legge n. 392 del 1978 (nella formulazione originaria ed in quella novellata dall'art. 1, comma 9-sexies, della legge n. 118 del 1985) e incorrendo così nella sanzione di nullità prevista dal successivo art. 79, comma 1, della stessa legge. Nasceva dunque un nuovo orientamento in contrasto anche con la quasi coeva pronuncia Cass. n. 6896/87. Per completezza, di seguito si riporta anche una decisione di pochi anni dopo, relativa ad una fattispecie più comune e meno particolare di quella del cinematografo. 2) La sentenza n. 4474/93 riguardava un contratto in cui le parti avevano determinato il canone in misura di lire per il primo anno, per il secondo ed per il terzo, quale contributo iniziale della proprietaria per gli interventi di prima sistemazione nei locali. Parte conduttrice conveniva il resistente locatore innanzi al Tribunale del luogo, deducendo fra l altro - la nullità ex art. 79 l. 392/78 di quella clausola e la decisione in tal senso poi resa da tale organo veniva anche confermata dalla Corte d'appello. Invero, il Giudice del merito individuò l'esistenza di un artificio elusivo di norme cogenti nella prevista diminuzione del canone per i primi due anni, che dissimulerebbe invece un illegittimo aumento del canone iniziale. Sostenevano i magistrati che, in realtà, nessun contributo per le spese di ordinaria e straordinaria manutenzione doveva gravare sulla locatrice: quel contributo fittizio di cui alla clausola dissimulava in modo evidente un vietato aumento del canone di locazione, che di conseguenza doveva essere fissato nella minore somma di lire Le accertate circostanze relative all'economia del contratto avrebbero invece dimostrato, ad avviso della proprietaria - infine ricorrente in Cassazione - la perfetta legittimità della pattuizione relativa alla fissazione del canone nella misura di lire per il primo anno, in misura crescente per i due successivi.

4 La Suprema Corte, rifacendosi anche al già ricordato precedente del 1987, riconosceva infine il diritto della proprietà alla remunerazione pattuita, ribadendo che alla stregua del principio della libera determinazione convenzionale del canone locativo per gli immobili destinati ad uso diverso dall'abitazione, deve ritenersi legittima la clausola in cui venga pattuita la determinazione del canone in misura differenziata e crescente per successive frazioni di tempo nell'arco del rapporto, ancorandola ad elementi predeterminati ed idonei ad influire sull'equilibrio economico del sinallagma contrattuale, del tutto indipendenti dalle variazioni annue del potere di acquisto della lira, salvo che le parti abbiano surrettiziamente perseguito lo scopo di neutralizzare soltanto gli effetti della svalutazione monetaria, eludendo i limiti imposti dall'art. 32 L (cass. Sez. 3 n ). A maggior ragione, quindi, appariva legittima la fissazione di un canone con riduzione per un limitato periodo iniziale, soprattutto qualora di tale riduzione fosse stata fornita plausibile e logica giustificazione. 3) Importante, ai nostri fini, anche la contraria sentenza n del 1997 per l assoluta assorbenza dell accertato intento surrettizio del locatore nello stabilito scaglionamento dei canoni. Nella fattispecie, il sistema di determinazione del canone era piuttosto peculiare. Il conduttore di un negozio di alimentari sottoscriveva (con specifica e separata approvazione delle clausole relative al canone) un contratto che prevedeva il canone mensile frazionato in aumento di per il primo anno, per il secondo, per il terzo e L per i tre anni successivi, con l'aggiornamento ISTAT a partire dal quarto anno sul canone di L (questo il tenore letterale della decisione; resta il dubbio di un imperfetta trascrizione, che non coinvolge direttamente il principio). La stessa artificiosità della previsione contrattuale, nonché la specifica approvazione scritta da parte del conduttore, quale clausola onerosa, della suddetta pattuizione hanno indotto il Giudice di merito ad evidenziare che non si trattava di un canone complessivamente determinato per tutta la durata del rapporto ed anticipatamente "scontato" e che il sistema era, piuttosto, diretto a realizzare un progressivo e graduale aumento del canone, scaglionato nel tempo ed indipendente dalla prevedibile svalutazione monetaria. In particolare la cadenza degli aumenti annuali, la mancanza di ogni collegamento con l'evoluzione dell'azienda e, in genere, l'assenza di qualsivoglia elemento obbiettivo di ordine economico, desumibile dal contratto, cui ricollegare lo scaglionamento, convinsero il Collegio che l'intento

5 surrettizio era quello di vanificare le conseguenze della svalutazione, eludendo i limiti imposti dall'art. 32 cit. nella formulazione originaria (vigente al momento della stipula)...". In altri termini detto Giudice ha (implicitamente) rilevato che la particolare cadenza degli aumenti annuali non trovava nel contesto del contratto alcuna oggettiva spiegazione e giustificazione in quanto non venivano in esso indicati elementi obbiettivi di natura economica, ricollegabili all'evoluzione dell'azienda o ad altro, cui riconnettere detto scaglionamento. Sulla base di ciò ha concluso per la sussistenza dell'intento fraudolento, in quanto unica spiegazione residuale plausibile, una volta escluse quelle sopra indicate. Ulteriore e logico-deduttivo principio reso dalla Corte: una volta assodato in sede di merito l'intento elusivo, deve conseguentemente ritenersi altresì accertata la nullità della clausola che prevede il canone in misura differenziata; motivazione incontestabilmente idonea di per sé a giustificare la decisione. Pertanto, a determinate e -quasi - tassative condizioni, nasceva l orientamento (ad oggi ancora prevalente e da ultimo perfezionato) che ritiene legittimo prevedere canoni scalettati in aumento. Possiamo tentare ora di rispondere anche ad un altro problema: è legittimo anche (e al limite) l applicazione di un canone scalettato per tutti i 12 anni? Con i limiti già segnalati di ricavabilità delle concrete clausole utilizzate di volta in volta, prendiamo a riferimento un ulteriore pronuncia della Suprema Corte: 4) La sentenza n. 1070/2000, resa in esito ad un procedimento incardinato da una società conduttrice di locale commerciale per l'esatto accertamento dell'ammontare del canone dovuto, e per la conseguente pretesa dichiarazione di nullità della clausola contrattuale che prevedeva un meccanismo di maggiorazione a partire dal secondo anno della locazione (dal 1 aprile 1984), pari a lire 50 mila al mese. Il Pretore accoglieva la domanda attrice ed accertava che il canone dovuto era per lire mensili (dal 1 aprile 1984), con gli aumenti istat come per legge per gli anni successivi, e riteneva nulla e vessatoria la clausola di aumento.

6 Tuttavia, detta clausola, aggiunta a mano su un contratto prestampato, non poteva in alcun modo essere riconducibile al regime di cui all art c.c., come sancito dal Tribunale di Bologna, quale giudice di appello che, in riforma della prima decisione, dichiarava valida la clausola con la decorrenza e le modalità ivi previste. La motivazione del Giudice di merito è piuttosto chiara: la clausola, costituendo una pattuizione specificatamente prevista nel contratto (come clausola aggiunta ad un testo prestampato), non poteva essere considerata vessatoria ai sensi dell'art c.c.; inoltre, per quanto concerneva la questione della validità la risposta doveva essere positiva, posto che "è normalmente possibile anche una determinazione del canone con aumenti collegati al procedere del tempo, senza che tale metodo assuma significato di una pattuizione contra legem, compensativa in via anticipata della svalutazione monetaria." Contro la decisione ricorreva dunque la società locataria, e la Corte di Cassazione ha colto ancora una volta l occasione per ribadire la legittimità della clausola di determinazione del canone per gli immobili destinati ad uso non abitativo, in misura differenziata e crescente per frazioni successive di tempo nell'arco del rapporto in riferimento al disposto normativo degli artt. 32 e 79 della legge 392 del E ciò, sempre a condizione che il canone sia ancorato ad elementi predeterminati ed idonei ad influire sull'equilibrio economico del sinallagma contrattuale, del tutto indipendenti dalle variazioni annue del potere di acquisto della lira, ovvero con giustificata riduzione del canone per un limitato periodo iniziale, salvo che le parti abbiano surrettiziamente perseguito lo scopo di neutralizzare soltanto gli effetti della svalutazione monetaria, eludendo i limiti imposti dall'art. 32 (Cass. 15 aprile 1993, n. 4474,; Cass. 22 novembre 1994). Fermo restando che, come statuito dalla Suprema Corte, l'interpretazione di tale clausola deve pertanto tener conto dell'intero contesto delle clausole contrattuali ed anche del comportamento contrattuale ed extracontrattuale delle parti contraenti. Le puntualizzazioni al riguardo che si rendono necessarie - da questo quadro deriverebbe il principio pacifico solo da meglio esplicitare riguardano proprio la necessità di dare concretezza agli elementi predeterminati. Esaminiamo, soprattutto con riferimento alla definizione di quegli elementi precisi cui occorre ancorare la variazione del canone, la più recente

7 5) Sentenza n /2006, che ammette la previsione di un canone superiore a quello iniziale che tenga conto del probabile incremento dell'avviamento commerciale, anche con riferimento al progressivo sviluppo commerciale della zona. Tale è la situazione evidenziata dalla locazione de qua: "l'attività commerciale intrapresa, abbigliamento, si presentava infatti nuova rispetto a quella preesistente, borse e accessori in pelle, e la zona, all'epoca della stipula, presentava potenzialità di sviluppo". Ancora una volta, pur non potendosi in sede di legittimità entrare nel merito e decidere se dall analisi del contratto si potesse o meno evincere la liceità di quella clausola, la Suprema Corte fa presente che i giudici del merito, al fine di risolvere la controversia, hanno fatto applicazione del principio interpretativo assolutamente costante nella giurisprudenza di questa Corte regolatrice in forza del quale, in particolare, in tema di locazione di immobili non adibiti a uso di abitazione, è valida la clausola che prevede il canone in misura frazionata e crescente, nell'arco del rapporto, allorchè l'importo del canone stesso, ancorchè del tutto indipendente dalle variazioni del potere di acquisto della moneta, sia stato ancorato a predeterminati elementi incidenti sull'equilibrio economico del sinallagma contrattuale o sia stato legato a una giustificata riduzione del canone per un limitato periodo iniziale (in termini, ad esempio, Cass. 2 marzo 2006, n. 5113, specie in motivazione, nonché, ancora, tra le tantissime, Cass. 1 febbraio 2000, n. 1070; Cass. 25 agosto 1997, n. 7973; Cass. 24 giugno 1997, n. 5632). *** Indubbiamente emblematiche sono diverse pronunce che, per ragioni di sintesi, non è dato esaminare nel dettaglio ma che, nella statuizione di altri casi analoghi, seguono comunque il medesimo leitmotiv: è il caso di decisioni giudiziali che legittimano una clausola di variabilità del canone dalla presenza di elementi predeterminati, desumibili dal contratto e tali da essere idonei ad influire sull equilibrio economico del rapporto nonché dall effettiva assenza di intenti fraudolenti del locatore circa la svalutazione della moneta. Ci è dato trarre le prime, ormai intuibili, brevi conclusioni di questa analisi. Ciò che pare non lasciare soluzioni alternative ai contraenti è il vincolo di ancorare la variabilità del canone di locazione ad elementi predeterminati, per renderla legittima. Ed è proprio la stessa condizione che, tuttavia, viene per la prima volta meno nella sentenza in esame n. 4210/07.

8 Nel caso oggetto della citata pronuncia, parte conduttrice proponeva ricorso in cassazione, certa dei principi già ampiamente discussi - fino a diventare indiscussi - appellandosi alla mancata sussistenza, nella fattispecie, di quegli elementi (esterni) predeterminati a giustificare la variabilità del canone, come stabilita contrattualmente. Invero, il conduttore si affidava proprio alla costante giurisprudenza di legittimità, che consentiva siffatte pattuizioni quando vi fosse una predeterminazione a monte della misura finale del canone cui giungere mediante successivi aumenti frazionati per un determinato lasso temporale; e sussistesse la specifica indicazione dei motivi giustificativi di tale opzione (e, dunque, la necessità di compiere opere di manutenzione e/o di ristrutturazione, il cui onere sia posto a carico del conduttore). Orbene, nel caso di specie, la clausola n. 3 del contratto di locazione non conteneva alcuna di tali predeterminazioni giustificative dell incremento fissato, per oltre di lire all'anno per i primi tre anni del rapporto. Ebbene, nel rigettare il ricorso presentato dal conduttore condannato al pagamento del canone stabilito nel contratto per cui fu causa, la Suprema Corte, precisando il principio nato in seno alla giurisprudenza degli ultimi vent anni, ha ritenuto forse - di voler riconoscere ancora più libertà all autonomia contrattuale delle parti, ponendo quale unico limite l intento fraudolento del locatore circa la svalutazione monetaria ( e confermando la sentenza del giudice di merito che, evidentemente, non lo aveva ravvisato nella determinazione di quel canone differenziato). È chiaro ed apprezzabile - che la giurisprudenza ponga dei limiti e continui a porli, ma è emblematico il principio introdotto da questa decisione: In relazione al principio della libera determinazione convenzionale del canone locativo per gli immobili destinati ad uso non abitativo, la clausola convenzionale che prevede la determinazione del canone in misura differenziata e crescente per frazioni successive di tempo nell'arco del rapporto, ovvero prevede variazioni in aumento in relazione ad eventi oggettivi predeterminati nel contratto (e del tutto diversi ed indipendenti rispetto alle variazioni annue del potere di acquisto della moneta) deve ritenersi in linea generale legittima (ex artt. 32 e 79 della legge sull'equo canone); solo nell'ipotesi in cui costituisca un espediente diretto neutralizzare gli effetti della svalutazione monetaria è invece illegittima e quindi nulla La motivazione alla base della descritta clausola non può quindi essere la variazione annua del potere di acquisto e ciò perché il conduttore non può pagare il prezzo di un evento esterno che in

9 altre forme - anche lui si trova a fronteggiare, inoltre a sua tutela vi è già l adeguamento istat (che solo da poco può anche superare il 75% dell indice, se la durata è superiore a quella minima). Superfluo evidenziare come con la conferma successiva non sia ora più sostenibile che gli elementi predeterminati debbano essere, in qualche modo, oggettivi ed esterni (tali dunque da ampliare il godimento). La contropartita all aumento non deve più nemmeno risiedere in un ampliamento della prestazione sinallagmatica del conduttore. Ebbene è proprio la decisione del 2007 ripetuta appunto nel 2010 ad introdurre un ovvero prima mai inserito. E ciò dimostra che la attuale linea è per la generale legittimità della clausola, salvo determinate ipotesi. In passato l opinione era opposta: tendenziale insofferenza per la variabilità del canone, salvo varie ipotesi e condizioni elaborate e determinate dalla giurisprudenza. Alla luce di quanto precede, possiamo ora rispondere ai quesiti da cui si è partiti: è in generale possibile frazionare il canone in misura crescente di anno in anno? E lo è per tutta la durata della locazione commerciale? Potremmo anche chiederci: è possibile anche in mancanza dell identificazione di quell evento predeterminato (esogeno o meno al rapporto locativo)? La risposta non può che essere ora sempre positiva almeno in linea generale e sempreché dall analisi del contenuto dell accordo non sia dai giudici di merito accertato un illegittimo addebito al conduttore del costo della svalutazione superiore a quello consentito. Da ultimo va segnalato che può considerarsi risolta anche la problematica collegata del come inserire le variazioni ISTAT in un canone scalettato. Il dubbio sorgeva dagli evidenti rischi della sua mancata previsione: infatti sarebbe stato facile sostenere che gli aumenti (perché) senza rivalutazione volessero superare il tetto invalicabile del 75%. Al contrario, sono proprio le decisioni in rassegna a trarre conferma, dalla accettazione (necessaria ex art. 32 l. 392/78) della relativa clausola, del fatto che la scalettatura sia da considerare cosa del tutto diversa rispetto alla rivalutazione. ***

10 Alla luce anche dell ultima ricordata pronuncia della Suprema Corte presa in esame. n. 4210/07, si può constatare che è quasi del tutto scardinata la rigidità del sistema accolto con la legge n. 392/1978, quanto alla matematica determinazione del canone. È verosimile che tale progressiva inversione di tendenza tragga la propria origine proprio nella novella legislativa di cui alla legge n. 431/1998, che già mediante l abrogazione dell art. 24 della l. 392 ha di fatto aperto la strada all automatico adeguamento del canone alla rivalutazione in base ad indice Istat, abrogando la disposizione che voleva l esplicita e vincolante comunicazione del locatore via raccomandata contenente la richiesta della maggiorazione in tal senso. Anche il meccanismo di aggiornamento, superato dalla riforma del 1998, risente del primato dell autonomia privata; il vuoto normativo creato dalla soppressione delle norme della l. 392/78 ha innegabilmente aperto il varco ad interpretazioni estensive su limiti e portata della legge. La giurisprudenza ha quindi voluto riconoscere, tornando al settore non abitativo, la debita rilevanza all autonomia delle parti nella redazione delle condizioni contrattuali tese a regolare il loro (ora più personale ) rapporto giuridico, con la previsione di alcuni limiti che via via sono stati meglio definiti fino ad arrivare alla decisione del Si è assistito al riconoscimento dell autonomia delle parti innanzitutto nella determinazione di condotte modali e temporali nella gestione e corresponsione del canone stesso: ammesso dunque il frazionamento, la rateizzazione, ammessa (di nuovo) l anticipata corresponsione da parte del conduttore. Quale corollario si ha proprio la riconosciuta libertà di determinare quantitativamente ed anche in misura crescente il canone e la sua variabilità, anno per anno, con il minor condizionamento possibile alla creatività delle parti. Eppure, sembrerebbe pacifico che ex lege debba esserci un corrispettivo tendenzialmente invariabile proprio quale derivazione (quasi automatica) di una durata imposta. Il nostro ordinamento ha dunque riconosciuto la libertà delle parti nel dare forma all aspetto che regola il proprio affare e ciò, forse, anche come adesione alle teorie sul fallimento del contratto originariamente elaborate in dottrina Law & Economics, che non ammettono l esistenza di un accordo perfetto, destinato a confermarsi completo, id est idoneo a disciplinare - ex ante ed in maniera immutabile - ogni circostanza, ogni aspetto contrattuale. ***

11 A conclusione della analisi, un ultimo quesito degno di interesse: quid iuris per locazioni abitative? Nulla osta, si direbbe, a ritenere in linea di principio possibile l applicazione delle linee già viste alla disciplina ex legge n. 431/98 che regola le locazioni degli immobili adibiti ad uso abitativo, settore sempre più restituito all autonomia privata. Scarna è, però, la giurisprudenza in materia. Tuttavia, senza ripercorrere tutto l excursus della disciplina locatizia in materia di abitazioni, sarà sufficiente ricordare che per il tramite della L. 359/92 proprio in questo settore si è avuta la più ampia riconduzione alla autonomia privata in tema di corrispettivo. Le norme sulle locazioni venivano prima intese come norme imperative di ordine pubblico economico di protezione; che presidiano alla funzione reale della legge: la tutela del contraente più debole, ovvero il conduttore, dalla maggiore forza contrattuale della proprietà. Proprio per raggiungere detto obiettivo si è fatto ricorso al rimedio dell automatica sostituzione delle clausole nulle con quelle legittime e ciò al fine di rendere sostanziale la parità fra le parti, con debita conservazione del rapporto giuridico. Alla legge sull equo canone si sostituì, per le locazioni abitative, quella c.d. sui patti in deroga con (iniziale) controllo sociale delle Associazioni di Categoria. È pacifico che la legge n (vista la totale, per il canone, libertà per le nuove) non abrogò il canone di legge, ma concesse la possibilità di derogarvi (per le residenze preesistenti) seguendo una determinata procedura. L assistenza, alla stipula, delle associazioni di proprietari e inquilini "maggiormente rappresentative" era requisito di validità del patto (in origine e prima dell intervento della Corte Costituzionale), che in difetto sarebbe risultato nullo con conseguente applicazione della normativa cogente. L'equo canone e i patti in deroga sono stati definitivamente superati dalla nuova legge n. 431/98, che in ampia misura ha proceduto ad abrogazioni delle precedenti normative in tutte le parti ritenute incompatibili con il nuovo ordinario regime che si è inteso introdurre. Si è aperta così la strada alla libera determinazione del corrispettivo. Con la vigente 431/98 sul fronte del canone ma ferma la durata vincolata - la liberalizzazione ha raggiunto un adeguato livello di compiutezza, almeno per i contratti di durata quadriennale rinnovabili, anche se il D. L.vo n. 23/2011 sembra smentire l assunto nonostante l agevolato

12 regime fiscale che fissa al 19% o 21% l'aliquota del prelievo sui canoni in sostituzione della tassazione progressiva irpef. Peraltro se fossero da ritenere automaticamente trasferibili anche a questo settore le regole prima esaminate dovremmo concludere (ma resta sullo sfondo la delicata tematica di una effettiva tutela del diritto alla abitazione e dunque della parte contraente meno forte) nel senso di una totale libertà sul fronte dei corrispettivi (sempre per i contratti non agevolati). A ben vedere lo si è anticipato, ma come riflesso di altre, più drastiche, scelte (sul fronte fiscale) - pare che il legislatore si stia muovendo nel settore abitativo anche in senso opposto: con la cedolare secca scompare qualunque ipotesi di scalettatura del canone, che rimane fisso e non soggetto a variabilità, nemmeno per le variazioni annuali ISTAT, durante tutta la durata della locazione. Avv. Stefano Giove Avv. Valeria Gregori

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti Corte di Cassazione Sez. lavoro Sentenza 28 ottobre 2009 n. 22823 (Pres.

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

Il diritto alle ferie annuali alla luce della nuova disciplina legale e dei recenti orientamenti giurisprudenziali.

Il diritto alle ferie annuali alla luce della nuova disciplina legale e dei recenti orientamenti giurisprudenziali. Il diritto alle ferie annuali alla luce della nuova disciplina legale e dei recenti orientamenti giurisprudenziali. Il diritto alle ferie annuali, costituzionalmente sancito, è ispirato da ragioni di ordine

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale.

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. di Ernesto Aceto Il settore della finanza locale è nell ambito del diritto tributario,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08)

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Diritto ad un processo equo In ordine alla retroattività delle leggi

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

I mezzi di impugnazione

I mezzi di impugnazione 4 I mezzi di impugnazione SOMMARIO 1. L appello previsto dall art. 310 c.p.p. 2. Il ricorso per Cassazione previsto dall art. 311 c.p.p. 2.1. La impossibilità di scelta per la difesa del c.d. ricorso per

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO R.G.N, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bari -dr. ssa Maria Giovanna Deceglie- nelle controversie individuali di lavoro riunite sub nn. R.G. 22661/07,

Dettagli

I RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ED I RIMEDI OFFERTI PATRIZIO LEOZAPPA 1. PREMESSA.

I RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ED I RIMEDI OFFERTI PATRIZIO LEOZAPPA 1. PREMESSA. I RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ED I RIMEDI OFFERTI DALL ORDINAMENTO GIURIDICO NAZIONALE PATRIZIO LEOZAPPA 1. PREMESSA. Il ritardo con cui la Pubblica Amministrazione provvede al pagamento

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente CONTRATTO / INADEMPIMENTO La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente Le azioni poste a tutela della parte adempiente nel caso di inadempimento della

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA

I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA Elementi di studio e riflessione sulle forme contrattuali, derivate dalla applicazione della disciplina del c.c., legislativa, normativa

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Recesso ad nutum, buona fede e abuso del diritto

Recesso ad nutum, buona fede e abuso del diritto Abuso del diritto Recesso ad nutum, buona fede e abuso del diritto Giurisprudenza Contratti in generale CASSAZIONE CIVILE, Sez. III, 18 settembre 2009, n. 20106 - Pres. Varrone - Rel. Urban - P. M. Destro

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Procedimento di controllo Commissione Contratti

Procedimento di controllo Commissione Contratti Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, la Commissione Contratti di

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli