L età dell Imperialismo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L età dell Imperialismo"

Transcript

1 Tesina di storia L età dell Imperialismo Che cos è l Imperialismo Fin dall antichità gruppi di persone si spostavano per conquistare nuovi territori: le colonie. Le colonie possono essere: di popolamento

2 o di sfruttamento. Quelle di popolamento venivano usate per essere abitate e quelle di sfruttamento venivano usate per sfruttare gli abitanti del territorio conquistato facendolo lavorare nelle piantagioni e nelle miniere. Fra il 1870 e il 1914 però colonizzare divenne una vera mania. Ogni nazione cercava di espandersi il più possibile creando un impero. Questo periodo venne chiamato imperialismo. L imperialismo viene definito come la tendenza di uno Stato a praticare una politica di potenza per imporre i propri interessi economici e il proprio prestigio nei paesi più deboli. In più fra gli Stati nacque una vera e propria gara di espansione. Fin dall inizio contribuirono alla formazione degli imperi coloniali anche portatori di una civiltà superiore. La più grande potenza imperialista d Europa fu l Inghilterra. Oltre l Europa grandi potenze imperialiste furono il Giappone e gli Stati Uniti. Le principali cause della nascita dell imperialismo sono tre: economiche, politiche e culturali. Economiche perché dopo la rivoluzione industriale crebbe l importanza delle materie prime: petrolio, ferro, rame I Paesi europei però erano poveri di materie prime mentre quelli asiatici e africani ne erano ricchi. Inoltre divenne importante per gli europei controllare il commercio di quanti più Paesi possibili, imponendo a essi i prodotti della propria industria. Politiche perché l imperialismo rappresentò una forma esasperata di nazionalismo. L amore per la propria nazione spinto all eccesso portò a negare la libertà a tutte le altre. Le conquiste coloniali divennero perciò il simbolo di una nazione forte e prestigiosa. Culturali perché era diffusa l opinione che l uomo bianco dovesse dominare tutte le altre razze. Gli uomini dell Imperialismo

3 Durante l Imperialismo però non tutti gli europei erano spinti dal desiderio di sottomettere gli altri popoli, specie se primitivi. In questo periodo nacque una specie di moda fra gli europei: quella delle esplorazioni geografiche. Chi partiva non erano solo i colonizzatori ma anche geografi, medici, missionari o semplicemente persone che partirono in cerca di fortuna. Fra i geografi ricordiamo il leggendario David Livingstone, colui che vide per primo le cascate Vittoria. Brazza l italiano che aprì la via del Congo. Il giornalista Stanley partito coraggiosamente sulle tracce di Livingstone. Fra i missionari invece fu famoso il cardinale Guglielmo Massaia che esplorò l Abissinia. In qualche circostanza i diversi ruoli si ritrovarono nella stessa persona:alcuni furono contemporaneamente geografi, medici e missionari. Le cause della nascita dell Imperialismo L Imperialismo è nato per diverse cause. Tre principalmente: cause economiche, cause politiche e cause culturali. Economiche perché lo straordinario sviluppo economico determinato dalla rivoluzione industriale fece crescere l importanza delle materie prime come il petrolio, il ferro, il rame I paesi europei però erano privi delle materie prime, mentre i paesi africani e asiatici ne erano ricchi. Per questo divenne importante per gi europei controllare il commercio di quanti più paesi possibili, imponendo a essi i prodotti della propria industria. Politiche perché l Imperialismo rappresentò una forma esasperata di nazionalismo. L amore per la propria nazione portò a negare la libertà a tutte le altre. Le conquiste coloniali divennero perciò il simbolo di una nazione forte, potente e prestigiosa. Culturali perché si era diffusa l idea che l uomo bianco dovesse dominare tutte le altre razze. Nei confronti poi di quei popoli che erano rimasti selvaggi il compito degli uomini bianchi era quello di portare loro la civiltà.

4 Le conseguenze dell Imperialismo L Imperialismo portò molti vantaggi e ricchezze ai colonizzatori ma mise in crisi i paesi colonizzati. Nel corso delle conquiste coloniali gli europei ricorsero in modo sistematico all uso della violenza, con effetti aggravanti della superiorità tecnologica. Contro le nuove terribili armi in acciaio dei bianchi (fucili di precisione veloci da caricare, mitragliatrici, potenti cannoni), gli africani e gli asiatici potevano opporre solamente le loro vecchie armi in ferro, poco potenti, lente e imprecise. Alle frequenti, disperate ribellioni delle popolazioni indigene, i conquistatori rispondevano con orribili massacri. Conclusa l occupazione, il territorio veniva presidiato da un numero limitato di coloni, che vi risiedevano temporaneamente per garantire il controllo politico ed economico. Soltanto in alcune colonie alle popolazioni locali si sovrappose una quantità consistente e permanente di bianchi. In ogni caso i paesi colonizzati vennero sottoposti a uno sfruttamento brutale, che non solo ebbe conseguenze immediate sugli abitanti che subivano maltrattamenti, ma distrusse anche sistemi economici instaurati da secoli, che rispecchiavano le esigenze locali. Non si avviò nemmeno un nuovo processo di sviluppo, in quanto i cambiamenti introdotti dai colonizzatori miravano soltanto a ottenere prodotti agricoli o materie prime destinate all esportazione. In molte regioni venne imposto il sistema della monocultura che consiste nella coltivazione sullo stesso terreno di un solo tipo di pianta. La monocultura e spesso svantaggiosa perché impoverisce il terreno e, quando è assoluta, crea dipendenza da altri paesi per il rifornimento di tutti i beni alimentari. Accadeva così che alcune colonie, pur praticando un economia prevalentemente agricola, dovessero importare dall estero i generi alimentari necessari; inoltre bastava che il prezzo della monocultura calasse perché la loro economia subisse un grave danno. I lavoratori locali erano pagati con salari minimi o costretti al lavoro forzato; d altra parte i colonizzatori non introdussero nuove tecnologie se non a proprio

5 vantaggio. La divisione tra paesi sviluppati e paesi deboli si accentuò sino a costituire uno dei più gravi problemi del XX secolo. Altrettanto grave fu l annientamento delle culture locali operato della colonizzazione: soprattutto nei territori le cui strutture politico-religiose erano poco organizzate, lo scontro con gli europei fu devastante, perché gli stili di vita tradizionali non ressero all invasione di lingue, abitudini, costumi diversi. La spartizione dell Africa L Africa parve più vicina quando fu aperto il canale di Suez (1869), che metteva in comunicazione il Mediterraneo con il Mar Rosso: la sua gestione finì rapidamente nelle mani dell Inghilterra, che poté così accrescere l influenza che già esercitava sull Egitto, dove aveva introdotto la coltivazione del cotone. Quando poi i francesi occuparono la Tunisia, gli inglesi risposero trasformando l Egitto in un loro protettorato. Il protettorato è il rapporto tra due stati nel quale l uno (il protettore) assume l impegno verso l altro di difenderne gli interessi, anche rappresentandolo a livello internazionale. In realtà lo stato protettore assume sullo stato protetto un controllo politico. Sulla carta geografica dell Africa i rappresentanti delle diverse nazioni tracciarono linee ch stabilivano le rispettive aree di influenza: in sostanza questa decisione accelerò la conquista del continente, che in un decennio fu completamente sottomesso. La spartizione venne operata senza tenere in alcun conto le esigenze delle popolazioni locali: anzi, tribù rivali furono costrette dai nuovi confini a difficili convivenze, mentre gruppi omogenei venivano separati. Le regioni più ricche furono prese dall Inghilterra e dalla Francia. La Germania e l Italia, ultime arrivate, dovettero accontentarsi delle terre rimaste. Tra le potenze europee intente ad occupare colonie scoppiavano spesso violente tensioni, quasi sempre risolte per vie diplomatiche. Un conflitto armato vide invece fronteggiarsi in Sudafrica inglesi e boeri. La guerra ( ) fu vinta dagli inglesi che, inglobati i territori boeri in un unica colonia, l Unione Sudafricana, presero a

6 sfruttarne sistematicamente le immense ricchezze minerarie e a praticare una politica di segregazione razziale nei confronti dei neri. L India Britannica Già da tempo alcun potenze europee possedevano nel continente asiatico basi commerciali, ma nel corso dell Ottocento esse intensificarono la oro presenza allo scopo di acquisire nuovi territori: l Olanda consolidò il suo dominio in Indonesia come, come la Francia in Indocina, mentre la Russia conquistava la Siberia. Diversa la storia dell Inghilterra. Nel seicento la Compagnia inglese delle Indie Orientali aveva fissato in India alcuni scali, su cui esercitava anche un potere militare e amministrativo. Nella seconda metà del Settecento la Compagnia diede inizio alla graduale conquista dell intera penisola indiana, che fu completata nel 1858, nonostante la resistenza delle popolazioni locali. L India passò poi alla diretta dipendenza della corona inglese e la regina Vittoria fu proclamata imperatrice. Per proteggere quella che venne definita la perla dell Impero gli inglesi occuparono anche la Malesia e la Birmania, e crearono a Nord uno stato protettivo, l Afghanistan. I dominatori trasformarono radicalmente l economia indiana con effetti negativi per la maggior parte della popolazione. Gli indiani erano contadini e artigiani: i primi furono costretti a estirpare le piante alimentari per coltivare prodotti da esportazione come: il cotone, il tè, la juta e l oppio. La juta è una pianta tessile usata soprattutto per i sacchi. L oppio è una sostanza che si ottiene dai semi di uno speciale tipo di papavero: viene usato come medicinale e, in quantità elevate come droga. Gli artigiani invece dovettero abbandonare la loro attività perché i manufatti locali non reggevano la concorrenza con quelli a basso costo importati dagli inglesi. La dominazione inglese però ebbe anche effetti positivi: furono per esempio vietate pratiche particolarmente crudeli come l obbligo per le vedove di farsi bruciare su rogo del marito defunto e la soppressione delle femmine neonate. Inoltre gli inglesi introdussero un amministrazione efficiente cui gradualmente vennero ammessi gli indiani; crearono un moderno sistema di comunicazioni (ferrovie,

7 strade, poste); impiantarono sistemi di irrigazione per estendere le aree coltivabili. Soprattutto fondarono scuole e università sul modello europeo, che formarono una nuova classe di tecnici e professionisti molto preparati: proprio fra loro sorsero le prime aspirazioni alla liberazione del dominio inglese. La fine del Celeste Impero L immensa Cina per le sue stesse dimensioni non poteva essere oggetto di una conquista territoriale: fu invece vittima di una conquista commerciale. Da secoli il Celeste Impero viveva chiuso nel suo isolamento, legato a tradizioni antichissime, quasi inaccessibile agli Occidentali. Dominato dalla dinastia Manciù, che aveva delegato alla mastodontica burocrazia dei mandarini, dovuta alle continue ribellioni dei contadini, sottoposti ad una tassazione sempre più pesante. I mandarini erano potenti funzionari, provenienti per lo più dalla nobiltà terriera, custodi delle tradizioni: si possono paragonare ai signori feudali dell Occidente medievale. Alla sovrappopolazione si aggiungeva la scarsità di cibo, causata dal fatto che le tecniche agricole erano arretrate e le terre coltivabili insufficienti. Della fragilità della Cina approfittarono per primi gli inglesi, che nel porto di Canton (l unico aperto agli occidentali) acquistavano tè, porcellane e seta, ma non riuscivano a vendere i loro prodotti, cui i cinesi non erano interessati. Già da tempo gli inglesi introducevano in Cina clandestinamente l oppio che producevano in India: intensificandone la diffusione a basso prezzo, essi danneggiarono in modo molto grave la salute dei cinesi e provocarono la reazione del governo. Nacque così la guerra dell oppio ( ), che rivelò tutta la debolezza militare della Cina, pesantemente sconfitta. Essa dovette cedere all Inghilterra la città di Hong Kong e aprire al commercio inglese (compreso quello dell oppio) altri quattro porti. Anche Stati Uniti e Francia pretesero le stesse condizioni favorevoli, mentre la Russia estendeva i suoi possedimenti. Poiché il potere imperiale si dimostrava sempre più debole, le rivolte interne si estesero sino a

8 degenerare in guerra civile, con milioni di morti e terribili devastazioni. Ne approfitto il Giappone che dichiarò guerra: anche questo conflitto si concluse con la disfatta della Cina, che perse la Corea e l isola di Formosa. Russia, Germania, Francia e Inghilterra, pur riconoscendo formalmente la sopravvivenza della Cina, la spartirono in zone di influenza, mentre gli Stati Uniti ottennero l accesso a tutti i porti. All interno del paese cresceva l odio verso gli stranieri, che si concretò nella rivolta dei Boxers, una setta segreta, stroncata dell intervento militare degli europei ( ). Il contatto con la cultura occidentale aveva però determinato la nascita di un movimento che chiedeva la modernizzazione della Cina. Questo movimento trovò la sua guida in un medico che aveva studiato a Parigi, Sun Yat-sen, fondatore del Kuomintang (Partito nazionale popolare) con tre obiettivi: indipendenza, democrazia e giustizia sociale. In seguito a sommosse popolari, il governo imperiale cadde il 1 gennaio 1912 venne proclamata la Repubblica. Ben presto però le forze reazionarie si imposero nuovamente, consegnando il potere ai signori della guerra, governatori militari delle province, e facendo precipitare la Cina nell anarchia e nella guerra civile. La modernizzazione del Giappone Le potenze imperialistiche tentarono di aggredire anche il Giappone, ma la reazione di quel paese fu del tutto diversa da quella della Cina e ne determinò la salvezza. Neppure l impenetrabile Giappone aveva contatti con la civiltà occidentale: organizzato secondo schemi feudali, era un impero cappeggiato dal mikado, adorato come un dio, anche se il potere politico era esercitato dallo shogun, un dittatore militare la cui carica era ereditaria. A metà del XIX secolo la rigidezza di questo secolo incominciava a vacillare per la protesta dei gruppi sociali più avanzati e per le numerose rivolte dei contadini. La crisi fu accelerata dallo scontro con l espansionismo delle grandi potenze industriali. Gli Americani,

9 alla ricerca di nuovi mercati per i loro prodotti, con due navi forzarono un porto giapponese (1853). Il governo fu costretto a cedere, aprendo i porti anche alle altre potenze occidentali e dimostrando la propria debolezza. Il risentimento contro la penetrazione straniera, che si sommava all odio tra classi sociali, provocò una lunga guerra civile, conclusa nel 1867 con la fine del potere feudale dello shogun e il recupero dell autorità imperiale. Per evitare la sorte della Cina, il giovane imperatore Mitsuhito diede inizio all era Meiji (illuminata) con una serie di riforme che si tradussero nella veloce modernizzazione del paese: abolizione della divisione feudale della società in classi; centralizzazioni delle strutture statali; introduzione di un nuovo sistema fiscale, non più basato su tributi in natura; creazione di un esercito moderno sulla base del servizio militare obbligatorio; obbligatorietà della scuola elementare e potenziamento di quella superiore; costruzione di linee ferroviarie, cantieri navali, stabilimenti siderurgici; finanziamenti all iniziativa privata. La modernizzazione agì soprattutto sul piano politico ed economico: per quanto riguarda la vita materiale, i Giapponesi rimasero fortemente legati alle loro tradizioni, che il secolare isolamento aveva rafforzato. In pochi anni il Giappone fu in grado non solo di difendersi dalle mire delle grandi potenze imperialistiche, ma di competere con esse: vinta la guerra contro la Cina, dieci anni dopo attaccò la Russia per il possesso della Manciuria. Il conflitto russo-giapponese ( ) si concluse con la schiacciante vittoria del Giappone, che si assicurò il dominio della Manciuria e il protettorato sulla Corea, provocando da parte russa l accesa volontà di rivalersi. Per la prima volta un grande paese europeo veniva sconfitto da una nazione extraeuropea: una nuova potenza entrava sulla scena politica mondiale.

10 Gli Stati Uniti a fine Ottocento Alla fine dell Ottocento negli Stati Uniti si verificò un salissero in vetta alla classifica dei paesi più industrializzati del mondo. Il fortunato intreccio tra lo sfruttamento dei giacimenti e l uso dei minerali nell industria, tra lo sviluppo della scienza e le sue applicazioni tecnologiche, determinò un eccezionale concentrazione di ricchezza. A ciò contribuì anche l enorme successo di produzione agricola, dovuto all introduzione sia di efficaci innovazioni tecniche, sia di moderni macchinari. I contadini però non si arricchirono: anzi, ai milionari che incominciavano a costituire una delle leggende americane, si contrapponevano le masse di contadini e operai poveri, le cui associazioni sindacali, nonostante le lotte, non riuscivano a incidere sulla politica sociale del governo. Lo slancio economico produsse una conseguenza inevitabile: l espansione degli USA all estero sul piano territoriale e su quello economico. I grandi gruppi industriali e finanziari incominciarono a premere sul governo perché il paese uscisse dal suo tradizionale isolamento ala ricerca di nuovi, grandi mercati. La politica aggressiva degli USA La politica espansionistica degli USA aveva due direttrici: il Pacifico e l America centro-meridionale. Già con il Giappone, gli americani avevano avviato una strategia di controllo sul Pacifico che consolidarono imponendo i loro protettorato sulle isole Hawaii. Quindi conquistarono le Filippine, strappandole alla Spagna con una breve guerra vittoriosa, che permise loro di ottenere anche il protettorato su Cuba, altra colonia spagnola. Nell America latina fu messo in pratica un principio enunciato dal presidente degli Stati Uniti Monroe durante la lotta per l indipendenza delle colonie spagnole: L America agli americani, con cui intendeva affermare che gli USA non avrebbero tollerato nessun

11 intervento di potenze europee nel continente americano. Mezzo secolo dopo, la formula fu volutamente fraintesa dal presidente Roosevelt, che sosteneva il diritto degli USA a intervenire in qualunque parte del continente. Su questa base, approfittando dell instabilità politica, dell arretratezza economica e della debolezza militare degli stati centro-americani, il governo statunitense non stentò a imporre la propria egemonia, attraverso forti investimenti e pesanti interventi politici e militari. La repubblica di Panama, per esempio, cedette agli USA il controllo della zona del Canale in cambio dell aiuto per rendersi indipendente dalla Colombia. Gli Stati Uniti miravano soprattutto al Messico, dove erano stati scoperti giacimenti di petrolio: qui faticarono a soppiantare il predominio economico dell Inghilterra, e quando scoppiò la rivoluzione contro Diaz (1910) sostennero di volta in volta i ribelli o il governo, a secondo della propria convenienza. Alla fine dell Ottocento, gli americani conclusero definitivamente la conquista dell Ovest, che era stata rallentata dalle cosiddette guerre indiane. La prima ( ) fu scatenata dal governo statunitense subito dopo la guerra di Secessione con il falso pretesto che i Pellerossa avevano appoggiato i Sudisti. Le successive furono scandita dai massacri operati dai bianchi, che solo così riuscirono ad annientare le tribù indiane: l ultima ad arrendersi fu quella degli Apache, guidati dal leggendario eroe Geronimo. Chiusi nelle riserve o incarcerati, non furono pochi i Pellirosse che reagirono con il suicidio alla perdita delle libertà.

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia ANNIVERSARI STORICI Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia Di Andrea Tognina Altre lingue: 5 15 MARZO 2015-11:00 Un memoriale di Marignano: l'ossario dei caduti della battaglia conservato a Santa

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa

L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa Europa e Africa Focus Intervista a Giovanni Bersani L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa a cura di Matteo Montanari Europarlamentare per quasi trent anni (1960-1989), lei ha ricoperto anche

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

XII - LO SVILUPPO ECONOMICO COME ARGINE ALLA GUERRA

XII - LO SVILUPPO ECONOMICO COME ARGINE ALLA GUERRA XII - LO SVILUPPO ECONOMICO COME ARGINE ALLA GUERRA 44 - LE GUERRE RESE IMPRODUTTIVE, PER I PAESI INDUSTRIALIZZATI, DALL ACCRESCIUTA PRODUZIONE DI RICCHEZZA In tutta la storia le guerre sono state determinate

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

I problemi dell Inghilterra negli anni Venti

I problemi dell Inghilterra negli anni Venti I problemi dell Inghilterra negli anni Venti IPerteSto La nascita del Partito laburista In Gran Bretagna, dalla metà del xix secolo, si alternavano alla guida del governo il Partito liberale, che rappresentava

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni. Traduzione italiana a cura di Emanuela Borgnino e Giuliano Tescari.

Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni. Traduzione italiana a cura di Emanuela Borgnino e Giuliano Tescari. Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni. Traduzione italiana a cura di Emanuela Borgnino e Giuliano Tescari. maggio 2008 Nazioni Unite Assemblea Generale Sessantunesima sessione

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Timor Est. L Italia con L ONU contro la fame nel mondo 165

Timor Est. L Italia con L ONU contro la fame nel mondo 165 Timor Est Regione: Asia Meridionale orientale Superficie: 14.874 km 2 Capitale: Dili Forma di Governo: Repubblica Valuta: Dollaro USA PNL pro capite: 800 US$ Popolazione: 950.000 Speranza di vita alla

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli Tácticas de Guerra Torneo Imperivm e Sfida Civitas Torneo Imperivm 1. Registrazione 2. Schermata principale 3. Livelli 4. Se lo vuoi, ti guidiamo passo passo Sfida Civitas Torneo Imperivm Questa modalità

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

"Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi"

Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi Convegno "Populismi e democrazia in Europa" Vicenza, 31 gennaio 2014 "Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi" PERCHÉ L'EUROPA IN ORIGINE? E' pensiero comune credere che i padri fondatori dell'unione

Dettagli

Progettare la Città ed il Territorio

Progettare la Città ed il Territorio Quali sono oggi gli strumenti di cui disponiamo per progettare una città ed un territorio adeguati alle esigenze attuali? La cultura urbanistica moderna individua quali strumenti di governo democratico

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI 934 QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI R. Brunetta per Il Giornale 14 giugno 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà -

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

Gli anni 1920 e l industria dell automobile

Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 20 e l industria dell automobile L economia americana fu colpita nel 1921 da una dura depressione, provocata da una brusca diminuzione delle esportazioni,

Dettagli

L agricoltura tradizionale

L agricoltura tradizionale L agricoltura tradizionale Prima dell industria la grande maggioranza della popolazione (60-90%) viveva sulla e della terra Nell Europa occidentale e mediterranea gli uomini erano legati alla terra da

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

UN'EUROPA SICURA IN UN MONDO MIGLIORE STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA

UN'EUROPA SICURA IN UN MONDO MIGLIORE STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA UN'EUROPA SICURA IN UN MONDO MIGLIORE STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA Bruxelles, 12 dicembre 2003 Introduzione Mai l Europa è stata così prospera, sicura e libera. Alla violenza della prima metà

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

QUATTRO TOPI NEL FAR WEST!

QUATTRO TOPI NEL FAR WEST! QUATTRO TOPI NEL FAR WEST! GERONIMO STILTON Testi di Geronimo Stilton. Coordinamento editoriale di Piccolo Tao. Editing di Certosina Kashmir e Topatty Paciccia. Coordinamento artistico di Gògo Gó in collaborazione

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace.

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. 1. È stato pubblicato, di recente, dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace un volume, che reca il

Dettagli

INTEGRAZIONE: CAPIRE COS È LA DIVERSITÀ. Il diverso che provoca il pregiudizio: come evitarlo per facilitare l integrazione

INTEGRAZIONE: CAPIRE COS È LA DIVERSITÀ. Il diverso che provoca il pregiudizio: come evitarlo per facilitare l integrazione Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro di Cittadella Il manifesto degli studenti sul dialogo interculturale: scriviamolo insieme! INTEGRAZIONE: CAPIRE COS È LA DIVERSITÀ Il diverso che provoca il pregiudizio:

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli