L età dell Imperialismo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L età dell Imperialismo"

Transcript

1 Tesina di storia L età dell Imperialismo Che cos è l Imperialismo Fin dall antichità gruppi di persone si spostavano per conquistare nuovi territori: le colonie. Le colonie possono essere: di popolamento

2 o di sfruttamento. Quelle di popolamento venivano usate per essere abitate e quelle di sfruttamento venivano usate per sfruttare gli abitanti del territorio conquistato facendolo lavorare nelle piantagioni e nelle miniere. Fra il 1870 e il 1914 però colonizzare divenne una vera mania. Ogni nazione cercava di espandersi il più possibile creando un impero. Questo periodo venne chiamato imperialismo. L imperialismo viene definito come la tendenza di uno Stato a praticare una politica di potenza per imporre i propri interessi economici e il proprio prestigio nei paesi più deboli. In più fra gli Stati nacque una vera e propria gara di espansione. Fin dall inizio contribuirono alla formazione degli imperi coloniali anche portatori di una civiltà superiore. La più grande potenza imperialista d Europa fu l Inghilterra. Oltre l Europa grandi potenze imperialiste furono il Giappone e gli Stati Uniti. Le principali cause della nascita dell imperialismo sono tre: economiche, politiche e culturali. Economiche perché dopo la rivoluzione industriale crebbe l importanza delle materie prime: petrolio, ferro, rame I Paesi europei però erano poveri di materie prime mentre quelli asiatici e africani ne erano ricchi. Inoltre divenne importante per gli europei controllare il commercio di quanti più Paesi possibili, imponendo a essi i prodotti della propria industria. Politiche perché l imperialismo rappresentò una forma esasperata di nazionalismo. L amore per la propria nazione spinto all eccesso portò a negare la libertà a tutte le altre. Le conquiste coloniali divennero perciò il simbolo di una nazione forte e prestigiosa. Culturali perché era diffusa l opinione che l uomo bianco dovesse dominare tutte le altre razze. Gli uomini dell Imperialismo

3 Durante l Imperialismo però non tutti gli europei erano spinti dal desiderio di sottomettere gli altri popoli, specie se primitivi. In questo periodo nacque una specie di moda fra gli europei: quella delle esplorazioni geografiche. Chi partiva non erano solo i colonizzatori ma anche geografi, medici, missionari o semplicemente persone che partirono in cerca di fortuna. Fra i geografi ricordiamo il leggendario David Livingstone, colui che vide per primo le cascate Vittoria. Brazza l italiano che aprì la via del Congo. Il giornalista Stanley partito coraggiosamente sulle tracce di Livingstone. Fra i missionari invece fu famoso il cardinale Guglielmo Massaia che esplorò l Abissinia. In qualche circostanza i diversi ruoli si ritrovarono nella stessa persona:alcuni furono contemporaneamente geografi, medici e missionari. Le cause della nascita dell Imperialismo L Imperialismo è nato per diverse cause. Tre principalmente: cause economiche, cause politiche e cause culturali. Economiche perché lo straordinario sviluppo economico determinato dalla rivoluzione industriale fece crescere l importanza delle materie prime come il petrolio, il ferro, il rame I paesi europei però erano privi delle materie prime, mentre i paesi africani e asiatici ne erano ricchi. Per questo divenne importante per gi europei controllare il commercio di quanti più paesi possibili, imponendo a essi i prodotti della propria industria. Politiche perché l Imperialismo rappresentò una forma esasperata di nazionalismo. L amore per la propria nazione portò a negare la libertà a tutte le altre. Le conquiste coloniali divennero perciò il simbolo di una nazione forte, potente e prestigiosa. Culturali perché si era diffusa l idea che l uomo bianco dovesse dominare tutte le altre razze. Nei confronti poi di quei popoli che erano rimasti selvaggi il compito degli uomini bianchi era quello di portare loro la civiltà.

4 Le conseguenze dell Imperialismo L Imperialismo portò molti vantaggi e ricchezze ai colonizzatori ma mise in crisi i paesi colonizzati. Nel corso delle conquiste coloniali gli europei ricorsero in modo sistematico all uso della violenza, con effetti aggravanti della superiorità tecnologica. Contro le nuove terribili armi in acciaio dei bianchi (fucili di precisione veloci da caricare, mitragliatrici, potenti cannoni), gli africani e gli asiatici potevano opporre solamente le loro vecchie armi in ferro, poco potenti, lente e imprecise. Alle frequenti, disperate ribellioni delle popolazioni indigene, i conquistatori rispondevano con orribili massacri. Conclusa l occupazione, il territorio veniva presidiato da un numero limitato di coloni, che vi risiedevano temporaneamente per garantire il controllo politico ed economico. Soltanto in alcune colonie alle popolazioni locali si sovrappose una quantità consistente e permanente di bianchi. In ogni caso i paesi colonizzati vennero sottoposti a uno sfruttamento brutale, che non solo ebbe conseguenze immediate sugli abitanti che subivano maltrattamenti, ma distrusse anche sistemi economici instaurati da secoli, che rispecchiavano le esigenze locali. Non si avviò nemmeno un nuovo processo di sviluppo, in quanto i cambiamenti introdotti dai colonizzatori miravano soltanto a ottenere prodotti agricoli o materie prime destinate all esportazione. In molte regioni venne imposto il sistema della monocultura che consiste nella coltivazione sullo stesso terreno di un solo tipo di pianta. La monocultura e spesso svantaggiosa perché impoverisce il terreno e, quando è assoluta, crea dipendenza da altri paesi per il rifornimento di tutti i beni alimentari. Accadeva così che alcune colonie, pur praticando un economia prevalentemente agricola, dovessero importare dall estero i generi alimentari necessari; inoltre bastava che il prezzo della monocultura calasse perché la loro economia subisse un grave danno. I lavoratori locali erano pagati con salari minimi o costretti al lavoro forzato; d altra parte i colonizzatori non introdussero nuove tecnologie se non a proprio

5 vantaggio. La divisione tra paesi sviluppati e paesi deboli si accentuò sino a costituire uno dei più gravi problemi del XX secolo. Altrettanto grave fu l annientamento delle culture locali operato della colonizzazione: soprattutto nei territori le cui strutture politico-religiose erano poco organizzate, lo scontro con gli europei fu devastante, perché gli stili di vita tradizionali non ressero all invasione di lingue, abitudini, costumi diversi. La spartizione dell Africa L Africa parve più vicina quando fu aperto il canale di Suez (1869), che metteva in comunicazione il Mediterraneo con il Mar Rosso: la sua gestione finì rapidamente nelle mani dell Inghilterra, che poté così accrescere l influenza che già esercitava sull Egitto, dove aveva introdotto la coltivazione del cotone. Quando poi i francesi occuparono la Tunisia, gli inglesi risposero trasformando l Egitto in un loro protettorato. Il protettorato è il rapporto tra due stati nel quale l uno (il protettore) assume l impegno verso l altro di difenderne gli interessi, anche rappresentandolo a livello internazionale. In realtà lo stato protettore assume sullo stato protetto un controllo politico. Sulla carta geografica dell Africa i rappresentanti delle diverse nazioni tracciarono linee ch stabilivano le rispettive aree di influenza: in sostanza questa decisione accelerò la conquista del continente, che in un decennio fu completamente sottomesso. La spartizione venne operata senza tenere in alcun conto le esigenze delle popolazioni locali: anzi, tribù rivali furono costrette dai nuovi confini a difficili convivenze, mentre gruppi omogenei venivano separati. Le regioni più ricche furono prese dall Inghilterra e dalla Francia. La Germania e l Italia, ultime arrivate, dovettero accontentarsi delle terre rimaste. Tra le potenze europee intente ad occupare colonie scoppiavano spesso violente tensioni, quasi sempre risolte per vie diplomatiche. Un conflitto armato vide invece fronteggiarsi in Sudafrica inglesi e boeri. La guerra ( ) fu vinta dagli inglesi che, inglobati i territori boeri in un unica colonia, l Unione Sudafricana, presero a

6 sfruttarne sistematicamente le immense ricchezze minerarie e a praticare una politica di segregazione razziale nei confronti dei neri. L India Britannica Già da tempo alcun potenze europee possedevano nel continente asiatico basi commerciali, ma nel corso dell Ottocento esse intensificarono la oro presenza allo scopo di acquisire nuovi territori: l Olanda consolidò il suo dominio in Indonesia come, come la Francia in Indocina, mentre la Russia conquistava la Siberia. Diversa la storia dell Inghilterra. Nel seicento la Compagnia inglese delle Indie Orientali aveva fissato in India alcuni scali, su cui esercitava anche un potere militare e amministrativo. Nella seconda metà del Settecento la Compagnia diede inizio alla graduale conquista dell intera penisola indiana, che fu completata nel 1858, nonostante la resistenza delle popolazioni locali. L India passò poi alla diretta dipendenza della corona inglese e la regina Vittoria fu proclamata imperatrice. Per proteggere quella che venne definita la perla dell Impero gli inglesi occuparono anche la Malesia e la Birmania, e crearono a Nord uno stato protettivo, l Afghanistan. I dominatori trasformarono radicalmente l economia indiana con effetti negativi per la maggior parte della popolazione. Gli indiani erano contadini e artigiani: i primi furono costretti a estirpare le piante alimentari per coltivare prodotti da esportazione come: il cotone, il tè, la juta e l oppio. La juta è una pianta tessile usata soprattutto per i sacchi. L oppio è una sostanza che si ottiene dai semi di uno speciale tipo di papavero: viene usato come medicinale e, in quantità elevate come droga. Gli artigiani invece dovettero abbandonare la loro attività perché i manufatti locali non reggevano la concorrenza con quelli a basso costo importati dagli inglesi. La dominazione inglese però ebbe anche effetti positivi: furono per esempio vietate pratiche particolarmente crudeli come l obbligo per le vedove di farsi bruciare su rogo del marito defunto e la soppressione delle femmine neonate. Inoltre gli inglesi introdussero un amministrazione efficiente cui gradualmente vennero ammessi gli indiani; crearono un moderno sistema di comunicazioni (ferrovie,

7 strade, poste); impiantarono sistemi di irrigazione per estendere le aree coltivabili. Soprattutto fondarono scuole e università sul modello europeo, che formarono una nuova classe di tecnici e professionisti molto preparati: proprio fra loro sorsero le prime aspirazioni alla liberazione del dominio inglese. La fine del Celeste Impero L immensa Cina per le sue stesse dimensioni non poteva essere oggetto di una conquista territoriale: fu invece vittima di una conquista commerciale. Da secoli il Celeste Impero viveva chiuso nel suo isolamento, legato a tradizioni antichissime, quasi inaccessibile agli Occidentali. Dominato dalla dinastia Manciù, che aveva delegato alla mastodontica burocrazia dei mandarini, dovuta alle continue ribellioni dei contadini, sottoposti ad una tassazione sempre più pesante. I mandarini erano potenti funzionari, provenienti per lo più dalla nobiltà terriera, custodi delle tradizioni: si possono paragonare ai signori feudali dell Occidente medievale. Alla sovrappopolazione si aggiungeva la scarsità di cibo, causata dal fatto che le tecniche agricole erano arretrate e le terre coltivabili insufficienti. Della fragilità della Cina approfittarono per primi gli inglesi, che nel porto di Canton (l unico aperto agli occidentali) acquistavano tè, porcellane e seta, ma non riuscivano a vendere i loro prodotti, cui i cinesi non erano interessati. Già da tempo gli inglesi introducevano in Cina clandestinamente l oppio che producevano in India: intensificandone la diffusione a basso prezzo, essi danneggiarono in modo molto grave la salute dei cinesi e provocarono la reazione del governo. Nacque così la guerra dell oppio ( ), che rivelò tutta la debolezza militare della Cina, pesantemente sconfitta. Essa dovette cedere all Inghilterra la città di Hong Kong e aprire al commercio inglese (compreso quello dell oppio) altri quattro porti. Anche Stati Uniti e Francia pretesero le stesse condizioni favorevoli, mentre la Russia estendeva i suoi possedimenti. Poiché il potere imperiale si dimostrava sempre più debole, le rivolte interne si estesero sino a

8 degenerare in guerra civile, con milioni di morti e terribili devastazioni. Ne approfitto il Giappone che dichiarò guerra: anche questo conflitto si concluse con la disfatta della Cina, che perse la Corea e l isola di Formosa. Russia, Germania, Francia e Inghilterra, pur riconoscendo formalmente la sopravvivenza della Cina, la spartirono in zone di influenza, mentre gli Stati Uniti ottennero l accesso a tutti i porti. All interno del paese cresceva l odio verso gli stranieri, che si concretò nella rivolta dei Boxers, una setta segreta, stroncata dell intervento militare degli europei ( ). Il contatto con la cultura occidentale aveva però determinato la nascita di un movimento che chiedeva la modernizzazione della Cina. Questo movimento trovò la sua guida in un medico che aveva studiato a Parigi, Sun Yat-sen, fondatore del Kuomintang (Partito nazionale popolare) con tre obiettivi: indipendenza, democrazia e giustizia sociale. In seguito a sommosse popolari, il governo imperiale cadde il 1 gennaio 1912 venne proclamata la Repubblica. Ben presto però le forze reazionarie si imposero nuovamente, consegnando il potere ai signori della guerra, governatori militari delle province, e facendo precipitare la Cina nell anarchia e nella guerra civile. La modernizzazione del Giappone Le potenze imperialistiche tentarono di aggredire anche il Giappone, ma la reazione di quel paese fu del tutto diversa da quella della Cina e ne determinò la salvezza. Neppure l impenetrabile Giappone aveva contatti con la civiltà occidentale: organizzato secondo schemi feudali, era un impero cappeggiato dal mikado, adorato come un dio, anche se il potere politico era esercitato dallo shogun, un dittatore militare la cui carica era ereditaria. A metà del XIX secolo la rigidezza di questo secolo incominciava a vacillare per la protesta dei gruppi sociali più avanzati e per le numerose rivolte dei contadini. La crisi fu accelerata dallo scontro con l espansionismo delle grandi potenze industriali. Gli Americani,

9 alla ricerca di nuovi mercati per i loro prodotti, con due navi forzarono un porto giapponese (1853). Il governo fu costretto a cedere, aprendo i porti anche alle altre potenze occidentali e dimostrando la propria debolezza. Il risentimento contro la penetrazione straniera, che si sommava all odio tra classi sociali, provocò una lunga guerra civile, conclusa nel 1867 con la fine del potere feudale dello shogun e il recupero dell autorità imperiale. Per evitare la sorte della Cina, il giovane imperatore Mitsuhito diede inizio all era Meiji (illuminata) con una serie di riforme che si tradussero nella veloce modernizzazione del paese: abolizione della divisione feudale della società in classi; centralizzazioni delle strutture statali; introduzione di un nuovo sistema fiscale, non più basato su tributi in natura; creazione di un esercito moderno sulla base del servizio militare obbligatorio; obbligatorietà della scuola elementare e potenziamento di quella superiore; costruzione di linee ferroviarie, cantieri navali, stabilimenti siderurgici; finanziamenti all iniziativa privata. La modernizzazione agì soprattutto sul piano politico ed economico: per quanto riguarda la vita materiale, i Giapponesi rimasero fortemente legati alle loro tradizioni, che il secolare isolamento aveva rafforzato. In pochi anni il Giappone fu in grado non solo di difendersi dalle mire delle grandi potenze imperialistiche, ma di competere con esse: vinta la guerra contro la Cina, dieci anni dopo attaccò la Russia per il possesso della Manciuria. Il conflitto russo-giapponese ( ) si concluse con la schiacciante vittoria del Giappone, che si assicurò il dominio della Manciuria e il protettorato sulla Corea, provocando da parte russa l accesa volontà di rivalersi. Per la prima volta un grande paese europeo veniva sconfitto da una nazione extraeuropea: una nuova potenza entrava sulla scena politica mondiale.

10 Gli Stati Uniti a fine Ottocento Alla fine dell Ottocento negli Stati Uniti si verificò un salissero in vetta alla classifica dei paesi più industrializzati del mondo. Il fortunato intreccio tra lo sfruttamento dei giacimenti e l uso dei minerali nell industria, tra lo sviluppo della scienza e le sue applicazioni tecnologiche, determinò un eccezionale concentrazione di ricchezza. A ciò contribuì anche l enorme successo di produzione agricola, dovuto all introduzione sia di efficaci innovazioni tecniche, sia di moderni macchinari. I contadini però non si arricchirono: anzi, ai milionari che incominciavano a costituire una delle leggende americane, si contrapponevano le masse di contadini e operai poveri, le cui associazioni sindacali, nonostante le lotte, non riuscivano a incidere sulla politica sociale del governo. Lo slancio economico produsse una conseguenza inevitabile: l espansione degli USA all estero sul piano territoriale e su quello economico. I grandi gruppi industriali e finanziari incominciarono a premere sul governo perché il paese uscisse dal suo tradizionale isolamento ala ricerca di nuovi, grandi mercati. La politica aggressiva degli USA La politica espansionistica degli USA aveva due direttrici: il Pacifico e l America centro-meridionale. Già con il Giappone, gli americani avevano avviato una strategia di controllo sul Pacifico che consolidarono imponendo i loro protettorato sulle isole Hawaii. Quindi conquistarono le Filippine, strappandole alla Spagna con una breve guerra vittoriosa, che permise loro di ottenere anche il protettorato su Cuba, altra colonia spagnola. Nell America latina fu messo in pratica un principio enunciato dal presidente degli Stati Uniti Monroe durante la lotta per l indipendenza delle colonie spagnole: L America agli americani, con cui intendeva affermare che gli USA non avrebbero tollerato nessun

11 intervento di potenze europee nel continente americano. Mezzo secolo dopo, la formula fu volutamente fraintesa dal presidente Roosevelt, che sosteneva il diritto degli USA a intervenire in qualunque parte del continente. Su questa base, approfittando dell instabilità politica, dell arretratezza economica e della debolezza militare degli stati centro-americani, il governo statunitense non stentò a imporre la propria egemonia, attraverso forti investimenti e pesanti interventi politici e militari. La repubblica di Panama, per esempio, cedette agli USA il controllo della zona del Canale in cambio dell aiuto per rendersi indipendente dalla Colombia. Gli Stati Uniti miravano soprattutto al Messico, dove erano stati scoperti giacimenti di petrolio: qui faticarono a soppiantare il predominio economico dell Inghilterra, e quando scoppiò la rivoluzione contro Diaz (1910) sostennero di volta in volta i ribelli o il governo, a secondo della propria convenienza. Alla fine dell Ottocento, gli americani conclusero definitivamente la conquista dell Ovest, che era stata rallentata dalle cosiddette guerre indiane. La prima ( ) fu scatenata dal governo statunitense subito dopo la guerra di Secessione con il falso pretesto che i Pellerossa avevano appoggiato i Sudisti. Le successive furono scandita dai massacri operati dai bianchi, che solo così riuscirono ad annientare le tribù indiane: l ultima ad arrendersi fu quella degli Apache, guidati dal leggendario eroe Geronimo. Chiusi nelle riserve o incarcerati, non furono pochi i Pellirosse che reagirono con il suicidio alla perdita delle libertà.

CAP 5 IL DECLINO INGLESE E L EMERGERE DI TEMIBILI COMPETITORI FUORI DELL EUROPA: STATI UNITI E GIAPPONE

CAP 5 IL DECLINO INGLESE E L EMERGERE DI TEMIBILI COMPETITORI FUORI DELL EUROPA: STATI UNITI E GIAPPONE CAP 5 IL DECLINO INGLESE E L EMERGERE DI TEMIBILI COMPETITORI FUORI DELL EUROPA: STATI UNITI E GIAPPONE Il declino della Gran Bretagna Anche il first mover pur avendo grandi vantaggi non li riesce a mantenere

Dettagli

La Russia e il modello standard «modificato» 1/2. La Russia e il modello standard «modificato» 2/2

La Russia e il modello standard «modificato» 1/2. La Russia e il modello standard «modificato» 2/2 La Russia e il modello standard «modificato» 1/2 La Russia era una delle regioni più arretrate d Europa ancora a metà del Ottocento Lo Zar Alessandro II per modernizzare il paese e stimolare la crescita

Dettagli

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina Imperialismo A partire dagli ultimi decenni dell'ottocento e fino alla Prima guerra mondiale, l'europa vive un periodo storico caratterizzato dal desiderio da parte di alcuni Stati del Vecchio continente

Dettagli

La conquista dell America. Lezioni d'autore

La conquista dell America. Lezioni d'autore La conquista dell America Lezioni d'autore Dal sito www.cittacapitali.it Lo sterminio totale delle popolazioni autoctone americane, avvenuto dopo la scoperta di Colombo, fu la sconfitta dell etica universalistica

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

L età delle scoperte geografiche

L età delle scoperte geografiche L età delle scoperte geografiche L Europa medievale si concentrava nell area del mar Mediterraneo. Per gli antichi l Oceano Atlantico era il simbolo della fine del mondo, l estremo limite oltre il quale

Dettagli

Nazionalismo Colonialismo Imperialismo. L età dell imperialismo La spartizione dell Africa La penetrazione in Asia Gli interessi in Medio Oriente

Nazionalismo Colonialismo Imperialismo. L età dell imperialismo La spartizione dell Africa La penetrazione in Asia Gli interessi in Medio Oriente Nazionalismo Colonialismo Imperialismo L età dell imperialismo La spartizione dell Africa La penetrazione in Asia Gli interessi in Medio Oriente L età dell imperialismo fase aggressiva della conquista

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese Dal 500 fino alla pace di Westfalia che mette fine alla guerra dei Trent anni (1618-48), Francia e Impero si sono scontrati, in Italia e nell area tedesca, per la supremazia in Europa. Impedendo agli Asburgo

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia.

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. La Francia e l Inghilterra a loro volta intervennero a sua difesa. Cosi Hitler

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE

PRIMA GUERRA MONDIALE Capitolo 4L A PRIMA GUERRA MONDIALE Il mondo durante la Prima Guerra Mondiale Alle origini del conflitto Nel 1914 l Europa era percorsa da molteplici tensioni e da rivalità profonde tra gli Stati, che

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE III D Professoressa Cocchi Monica Programma svolto di storia Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 Istituzioni,

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India.

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India. 01 Scoperte e conquiste territoriali (di nuove terre) Gli storici pensano che la scoperta dell America nel 1492 è una data importante nella storia: infatti in questo anno finisce il periodo storico che

Dettagli

IL CARDINALE RICHELIEU

IL CARDINALE RICHELIEU In Francia la monarchia fu rafforzata dall opera di due abili ministri IL CARDINALE RICHELIEU Tra i propositi di Richelieu alla guida dello stato, c'erano il rafforzamento del potere del re di Francia e

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

Le parole per dirlo. Emigranti -Migranti. Immigrati. Rifugiato. Clandestino-irregolare. Aree di accoglienza. Flussi migratori

Le parole per dirlo. Emigranti -Migranti. Immigrati. Rifugiato. Clandestino-irregolare. Aree di accoglienza. Flussi migratori In viaggio Le parole per dirlo Emigranti -Migranti Immigrati Rifugiato Clandestino-irregolare Aree di accoglienza Flussi migratori Carta dei flussi migratori Condizioni di vita insostenibili Le cause economia

Dettagli

GIAPPONE. ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte

GIAPPONE. ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte GIAPPONE ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte 1913/1920 grande sviluppo industriale e urbano: occupazione mercato asiatico Con la pace: crisi economica, revanchismo.

Dettagli

LA NASCITA DEL CAPITALISMO MODERNO

LA NASCITA DEL CAPITALISMO MODERNO DUE STRADE PER L EUROPA E LE ORIGINI DEL CAPITALISMO STAGNAZIONE E SVILUPPO Primi del 600: in crisi GERMANIA, ITALIA, SPAGNA. In crescita INGHILTERRA, OLANDA e in parte la FRANCIA.. Esiti politici diversi

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 9 1600-1700 A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni Milano pag. 1 L Europa dal

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETA. La presenza di un certo tipo di risorse e non di altre influenza la vita e le attività dell uomo.

ECONOMIA E SOCIETA. La presenza di un certo tipo di risorse e non di altre influenza la vita e le attività dell uomo. ECONOMIA E SOCIETA Le materie prime o risorse naturali pag. 84-85 Le materie prime sono tutti quei beni che la natura offre all uomo spontaneamente: sono tutti quei beni che cioè sono presenti in natura,

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI MODULO 1 DALL ANTICO REGIME ALL ILLUMINISMO Unità 1 La Francia di Luigi XIV 1.1 Dal governo di Mazzarino al regno di Luigi XIV Mazzarino

Dettagli

ARTICOLO 4 di Veronica Longhini

ARTICOLO 4 di Veronica Longhini ARTICOLO 4 di Veronica Longhini NESSUN INDIVIDUO POTRA ESSERE TENUTO IN STATO DI SCHIAVITU O DI SERVITU ; LA SCHIAVITU E LA TRATTA DEGLI SCHIAVI SARANNO PROIBITE SOTTO QUALSIASI FORMA Il fenomeno della

Dettagli

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Ines Cavelli 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Alla mia piccola, preziosa famiglia. INDICE La situazione economica della Francia...10 La situazione

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

Importanti elementi per definire una qualsiasi dominazione di un popolo su un altro colonialismo sono: l estraneità e il diverso grado di sviluppo.

Importanti elementi per definire una qualsiasi dominazione di un popolo su un altro colonialismo sono: l estraneità e il diverso grado di sviluppo. Il colonialismo europeo Una definizione Colonialismo: dominio esercitato da una popolazione su un popolo estraneo mediante lo sfruttamento, economico, politico, ideologico, del diverso grado di sviluppo

Dettagli

Emigrare per sopravvivere

Emigrare per sopravvivere VOLUME 3 PER LA PROVA INVALSI Unità 16 La mondialità Emigrare per sopravvivere Cognome Nome Classe Data CHI L HA SCRITTO? Nedo Rossi, docente universitario, ed Enzo Tiezzi (1938), insegnante di Chimica

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione: Liceo T.L.Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA CLASSE IV BSO Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale Valutare le differenti forme di ingresso sui mercati esteri, individuando le diverse motivazioni dietro ciascuna di esse Capitolo

Dettagli

La rivoluzione francese

La rivoluzione francese La rivoluzione francese Comunque la si giudichi, qualunque interpretazione se ne dia, non si può negare che la rivoluzione francese rappresenti una svolta nella storia: il mondo dopo di essa sarà diverso.

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

La nascita della società industriale

La nascita della società industriale La nascita della società industriale L industrializzazione era nata nel 1700 in Inghilterra con la Prima rivoluzione industriale e si era poi diffusa in altre aree europee: L economia era ora dominata

Dettagli

Gli Stati Uniti: dalla conquista del West alla conquista del mondo

Gli Stati Uniti: dalla conquista del West alla conquista del mondo Gli Stati Uniti: dalla conquista del West alla conquista del mondo Nel corso del XIX secolo, gli USA raggiungono confini definitivi che costituiscono la nazione americana. Si consolida una struttura statale

Dettagli

Imperialismo 1875-1914

Imperialismo 1875-1914 Imperialismo 1875-1914 "Ma paradossalmente l'età che va dal 1875 al 1914 può essere detta Età imperiale non solo perché essa diede vita a un imperialismo di nuovo tipo, bensì anche per una ragione di

Dettagli

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora !1 Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E Storia L Italia dopo l unificazione Prof.ssa Fulvia Spatafora I problemi del Regno d Italia I grandi

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 3 I centri dell economia mondiale: una prospettiva storica La Globalizzazione: una prospettiva storica Benefici e canali di trasmissione della Globalizzazione

Dettagli

STORIe mondi VERSIONE MISTA. Il Novecento e l Età attuale. Vittoria Calvani. Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

STORIe mondi VERSIONE MISTA. Il Novecento e l Età attuale. Vittoria Calvani. Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Vittoria Calvani 3 STORIe mondi Il Novecento e l Età attuale STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Mappe illustrate schede facilitate laboratori di lettura con audio dei testi e attività autocorrettive

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

Scuola Media Piancavallo Classe III a.s. 2004/2005 www.scuolapiancavallo.it Pagina 1 di 7

Scuola Media Piancavallo Classe III a.s. 2004/2005 www.scuolapiancavallo.it Pagina 1 di 7 !" # $ " % & # '$ ((( ) % & " # *+,- " ' " $ (. / (0 1 0 #" ( ' (" ' 2" ' " '# 3!" ( 4" " & ' & "5 6 - &- 4" -- 4" ( % # $7# "! " # $!% #% % %&' www.scuolapiancavallo.it Pagina 1 di 7 "8 99+:90;

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Politiche - per l'insegnamento di Geografia Economica. Milano, aprile

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

L ETÀ DELL IMPERIALISMO

L ETÀ DELL IMPERIALISMO 1 L ETÀ DELL IMPERIALISMO L età dell imperialismo va dal 1870 al 1914. Questa epoca viene chiamata dell imperialismo perché, ironicamente, fu il periodo col maggior numero di Stati che venivano chiamati

Dettagli

La Rivoluzione inglese

La Rivoluzione inglese La Rivoluzione inglese I conflitti tra monarchia inglese e parlamento PREMESSA 1215 il re inglese Giovanni senza terra è costretto a concedere la Magna Charta Libertatum Il re non poteva chiedere nuove

Dettagli

IL COLONIALISMO INDICAZIONI

IL COLONIALISMO INDICAZIONI IL COLONIALISMO DESTINATARI Il percorso proposto si rivolge ad alunni stranieri di almeno nove anni e può essere adattato anche per gli studenti dei corsi per adulti. PREREQUISITI Sapersi orientare con

Dettagli

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo.

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo. La Rivoluzione francese fu un periodo di grandi sconvolgimenti sociali, politici e culturali avvenuto tra il 1789 e il 1799, che segna il limite tra l'età moderna e l'età contemporanea nella storia francese.

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

Prova cantonale di storia anno scolastico 2005-06

Prova cantonale di storia anno scolastico 2005-06 Prova cantonale di storia anno scolastico 2005-06 Allievo: Punti: La popolazione europea dal 1700 al 1900 1700 1750 1800 1850 1900 Milioni di abitanti 125 145 195 290 420 450 425 400 375 350 325 300 275

Dettagli

Unità 5 L età di Calvino e Filippo II

Unità 5 L età di Calvino e Filippo II Unità 5 L età di Calvino e Filippo II L UNITà IN BREVE Unità 5 L età di Calvino e Filippo II 1. Il Cinquecento, un secolo di crescita demografica Il xvi secolo fu un periodo di ripresa in campo demografico.

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

I porti dell Albania alla base delle guerre balcaniche

I porti dell Albania alla base delle guerre balcaniche I porti dell Albania alla base delle guerre balcaniche Autore: Daniela Vathi Categoria : Storia dell Albania Data : 6 settembre 2013 L ambasciatore americano Williams svela il retroscena della diplomazia

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 7 Breve storia delle politiche commerciali Krugman-Obstfeld, cap 9 (seconda parte), integrato

Dettagli

La Spagna musulmana e la reconquista (VIII-XIII sec.)

La Spagna musulmana e la reconquista (VIII-XIII sec.) Lezione n. 2 La Spagna musulmana e la reconquista (VIII-XIII sec.) Fabrizio Alias L invasione araba della penisola iberica (al-andalus) 711. Invasione degli arabi nella penisola iberica 713. Conquista

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati PANORAMA DEL SETTORE In questi ultimi anni, possiamo parlare di più di un decennio ormai, in Europa è prevalsa la politica del libero mercato e della globalizzazione. Politica attuata, però, senza che

Dettagli

STORIA 10. Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 10 L ILLUMINISMO E LE GRANDI RIVOLUZIONI

STORIA 10. Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 10 L ILLUMINISMO E LE GRANDI RIVOLUZIONI Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 10 L ILLUMINISMO E LE GRANDI RIVOLUZIONI A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni

Dettagli

SUL CONCETTO DI IMPERIALISMO MATERIALE DIDATTICO A CURA DI PAOLO CARMIGNANI

SUL CONCETTO DI IMPERIALISMO MATERIALE DIDATTICO A CURA DI PAOLO CARMIGNANI SUL CONCETTO DI IMPERIALISMO MATERIALE DIDATTICO A CURA DI PAOLO CARMIGNANI IMPERIALISMO: definizione 1 (in senso più ampio) Espansione territoriale di uno stato a spese di altri stati o nazioni sui quali

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA

PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA TESTO ADOTTATO: Il mosaico e gli specchi Vol.3 Dal Feudalesimo alla Guerra dei Trenta anni Casa Editrice: Laterza- Autori: A. Giardina, G. Sabbatucci, V. Vidotto PROGRAMMA ANALITICO

Dettagli

LE GUERRE DEL SETTECENTO

LE GUERRE DEL SETTECENTO Guerra di successione spagnola LE GUERRE DEL SETTECENTO Causa della guerra fu la morte senza eredi diretti del re di Spagna Carlo II, il 1 novembre 1700. La Spagna, benché in profonda crisi, era detentrice

Dettagli

I grandi imperi a est dell Europa

I grandi imperi a est dell Europa I grandi imperi asiatici Il dibattito più recente ha evidenziato che: Il motivo per cui la rivoluzione industriale è avvenuta in Europa e non in Asia non è riconducibile a differenze istituzionali o culturali,

Dettagli

Barbara Biggio. storia 3. Corso di storia semplificato e facilitato per la scuola secondaria di primo grado. La Nuova Italia

Barbara Biggio. storia 3. Corso di storia semplificato e facilitato per la scuola secondaria di primo grado. La Nuova Italia Barbara Biggio storia 3 Corso di storia semplificato e facilitato per la scuola secondaria di primo grado per tutti La Nuova Italia Indice Traduzione in nove lingue delle parole della storia più ricorrenti

Dettagli

Napoleone, la Francia, l l Europa

Napoleone, la Francia, l l Europa L Età napoleonica Napoleone, la Francia, l l Europa Nel 1796 Napoleone intraprese la campagna d d Italia. Tra il 1796 e il 1799 l l Italia passò sotto il dominio francese. Nacquero alcune repubbliche(cisalpina,

Dettagli

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI Sede legale e amministrativa: Palazzo Besso - Largo di Torre Argentina, 11-00186 Roma Sede secondaria: Largo Luigi Antonelli, 4-00145 Roma Web: www.ifiadvisory.com; Mail: info@ifiadvisory.com Umberto Profazio

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

Le guerre del V secolo

Le guerre del V secolo Le guerre del V secolo I Guerra Persiana (490) II Guerra Persiana (480-479) Guerra del Peloponneso (431-404) La prima guerra persiana Fonti importanti: Erodoto Studialo nelle note Eschilo (tragediografo),

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA 1 INDICE 3) Che cosa è la rivoluzione industriale? 4) La fabbrica: cambia la qualità del lavoro 5) I dati

Dettagli

MORTALITA INFANTILE E SOTTOSVILUPPO Due dei problemi più gravi nel mondo Cerchiamo insieme una soluzione!

MORTALITA INFANTILE E SOTTOSVILUPPO Due dei problemi più gravi nel mondo Cerchiamo insieme una soluzione! MORTALITA INFANTILE E SOTTOSVILUPPO Due dei problemi più gravi nel mondo Cerchiamo insieme una soluzione! Il concetto di sottosviluppo è stato introdotto, al termine della seconda guerra mondiale, da H.S.Truman

Dettagli

Cosa sarebbe successo se Federico II il grande di Prussia avesse perso la guerra per la Slesia?

Cosa sarebbe successo se Federico II il grande di Prussia avesse perso la guerra per la Slesia? Cosa sarebbe successo se Federico II il grande di Prussia avesse perso la guerra per la Slesia? 1740 sale al trono il giovane Federico di Prussia alla morte del padre fervido militarista. 1740-1742 guerra

Dettagli

Il commercio mondiale di Tessile Abbigliamento: uno scenario al 2020

Il commercio mondiale di Tessile Abbigliamento: uno scenario al 2020 Il commercio mondiale di Tessile Abbigliamento: uno scenario al 2020 Assemblea ACIMIT 2014 1 / 11 Perimetro, Obiettivi e Strumenti dello studio Perimetro Prodotti tessili della filiera Sistema Persona

Dettagli

Il decollo industriale dell Italia

Il decollo industriale dell Italia Il decollo industriale dell Italia Nel XVIII secolo il primato dell Italia era ormai un ricordo. La penisola appariva prevalentemente agricola, arretrata e con tutti i segnali del sottosviluppo. Dal XVI

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA Modulo n 1 : Il seicento tra rivolte, rivoluzioni e depressione

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Storia di Alessandria

Storia di Alessandria Storia di Alessandria Alessandria è nata con la lega lombarda nel 1168, nel periodo storico che va sotto il nome di Medioevo. Da tanto tempo, attorno al borgo di Rovereto, ed alla sua chiesa di Santa Maria

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

La civiltà greca. scaricato da www.risorsedidattiche.net

La civiltà greca. scaricato da www.risorsedidattiche.net La civiltà greca I CRETESI Tra il 2.500 a.c. e il 1.500 a.c. nell'isola di Creta fiorì la civiltà cretese. Essa si basava sull'artigianato, e sul commercio. I Cretesi vivevano in città costituite da un

Dettagli

Il Sudan e la tragedia del Darfur

Il Sudan e la tragedia del Darfur Oppresso da una siccità impietosa, poverissimo ma ricco di risorse, dilaniato da guerre civili e conflitti etnici, il Sudan è lo stato più a est della cosiddetta Fascia del Sahel che si estende dall Oceano

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea?

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea? L Europa in sintesi Cos è l Unione europea? È europea È un unione = si trova in Europa. = unisce paesi e persone. Guardiamola più da vicino: cosa hanno in comune gli europei? Come si è sviluppata l Unione

Dettagli

Medio Oriente e mondo islamico

Medio Oriente e mondo islamico Unità 13 Medio Oriente e mondo islamico L UNITà IN BREVE Unità 13 Medio Oriente e mondo islamico 1. Guerre mondiali, sionismo e risveglio musulmano Nel 1914, l impero ottomano aveva perso tutti i suoi

Dettagli

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Lugano, 1.02.2011 Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Sandro Guzzi-Heeb, Università di Losanna Il passato non è morto e sepolto; in realtà non è nemmeno passato. William Faulkner 1.

Dettagli

Ripiegati da tempo sulla Grande Crisi che

Ripiegati da tempo sulla Grande Crisi che economia e lavoro di Diego Motta Cina, Russia, India, ma anche Brasile, Turchia. Qui sta succedendo quello che l Occidente ha vissuto tra l inizio degli anni Novanta e la metà del primo decennio del Duemila:

Dettagli

La Rivoluzione Inglese

La Rivoluzione Inglese Programma di storia A.S. 2014/2015 Classe IV F In corsivo letture, approfondimenti o fotocopie La Rivoluzione Inglese 1. L Inghilterra prima della Rivoluzione - Lo sviluppo di Londra e del commercio -

Dettagli

M4. LE GRANDI POTENZE EUROPEE TRA OTTOCENTO E NOVECENTO (L età dell imperialismo)

M4. LE GRANDI POTENZE EUROPEE TRA OTTOCENTO E NOVECENTO (L età dell imperialismo) M4. LE GRANDI POTENZE EUROPEE TRA OTTOCENTO E NOVECENTO (L età dell imperialismo) 1. Seconda rivoluzione industriale e crisi economica di fine secolo. Nascita della società di massa. 1.1 Seconda rivoluzione

Dettagli

Preliminari di guerra

Preliminari di guerra Preliminari di guerra Le vittorie diplomatiche di Hitler Marzo 1938. L Austria viene annessa al Reich (ANSCHLUSS) Questione dei Sudeti. Accordi di Monaco (29-30 settembre 1938) Entro il marzo 1939 tutta

Dettagli

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO.

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. ANFAO NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. STATI UNITI, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, INGHILTERRA, PAESI EMERGENTI: QUESTI

Dettagli

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI Primo esportatore mondiale di beni e servizi e principale fonte globale di investimenti esteri diretti, l'ue occupa una posizione dominante nel mercato globale.

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CONTENUTI

PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CONTENUTI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE CHIOGGIA (VE) DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: FRANCESCA FUIANO CLASSE: II D Scienze Applicate PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CONTENUTI STORIA Introduzione:

Dettagli

La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI

La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI alto clero basso clero nobiltà di spada nobiltà di toga alta borghesia borghesia masse popolari CLERO NOBILTÀ TERZO STATO * esenzione fiscale

Dettagli