~~_i~.ij. id! \.J\C I..'., l... l.."'" j "'--', ",~, n'--"~ <"...--",

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "~~_i~.ij. id! \.J\C I..'., l... l.."'" j "'--', ",~, n'--"~ <"...--","

Transcript

1 Sull'individuazione della qualità di «consumatore", si prospettano le medesime perplessità ricorrenti nella normativa di cui agli artt hlv e 5S c.c. (ora trasfusi artt. 33 e ss. Codice del consumo), cioè se occorra aver riguardo alla nozione di consumatore in senso soggettivo (intenzioni del consumatorç), ovvero in senso oggctti~ vo (t.ipo di atto posto in essere). 1 ~~~IP'io di conf~,~~~] Importanza fondamentale, anzitutto, ha la configurazione nel nostro ordinamento del principio di conformità al contratto, che, consentendo la riconduzione di tutte le possibili difformità alla categoria normativa unitaria del difetto di conformità, determina il superamento della tradizionale distinzione tra vizi e mancanza di qualità. Infatti l'art ter, comma 1<) c.c., ora art. 129 codice del consumo, espressamente impone al venditore l'obbligo di consegnare al consumatore beni conformi alle paltuizioni contrattuali. Si ritiene che tale disposizione, introducendo espressamente tra le obbligazioni del venditore quella di consegnare cose esenti da vizi, comporti l'inapplicabilità dell'art. 1477, comma l, c.c. che impone al venditore di consegnare la cosa nello stato in cui si trova al momento del Ia consegna. Su tale obbligo, infatti, nella vendita dì beni di consumo prevale sicuramente quello di consegnare al consumatore un bene che al momento della con~ segna è conforme alle pattuizioni contrattuali. Il comma 1 del successivo art. 130 codice del c()osumo sancisce la responsabilità del venditore nei confronti del consumatore per qualsiasi difetto di conformità esistente al momento della consegna del bene. In attuazione della direttiva comunitaria n. 44/199 n. 2472lJù;'hàiiìiiò,lotto una innovativa disciplina in tema di vendita e: ranzie dci beni di consumo, inserendo nel codice civile, subito dopo le dispos~~d" generali dedicate alla vendita, il nuovo l~bis (artl 1519 bl"'-nonies c.c.). Succ'ess vamcnte è stato prollluigato il decreto legislativo , n. 206 (Codice del COii per effetto del quale le norme del codice civile sono state abrogate'c«tr sfcritc,'l> nel nuovo codice. C:ome di consuet.o (si ricordi quanto si è detto a proposito delle clausole ve torie: v. cap. 21, par. 6), le novità riguardano soltanto i contratti conclusi dal c' sumato((~. inteso echnc persona fisica che agisce per scopi estranei all'attività'i o professionale eventualmente svolta: dunque, per i contratticonè: sappiamo che in quest.a categoria debbono inquadrarsi i che gli imprenditori) o tra non-professionisti, continua a valere la disciplinage l'aie dettata dagli artl 1490 e ss. C.c [--Difett~.~-:,~-~f~-~~-itàJ Nella nozione dì «dljetto di conjòrmitù» del bene, si comprende ogni fattispecie di difetto del bene venduto, cioè, sia la presenza di vizi che la mancanza di qualità essenziali o promesse, sia la c.d. vendita di aliud pro alio, potendo, altresì, il difetto di conformità consistere nella deficienza o eccedenza quantitativa del bene, così come pure nei vizi di confezione o d'imballaggio del bene, qualora tale modalità sia stata convenuta o si tratti di beni usualmente venduti confezionati. Invero, la dottrina maggioritaria ritiene che non si possano far rientrare anche i vizi giuridici della cosa, quati ad esempio, l'altruità del bene, atteso che la normativa fa riferimento a rimedi che ùguardano soltanto le c<'lfatteristiche materiali del bene (quale la sostituzione o la riparazione) mentre vi possono ricadere le I11ere irregolarità giuridiche (quali, ad esempio, l'assenza di una autorizzazione o di una certificazione pertinente al bene). Ciò premesso, meritano di essere segnalati i seguenti profili di disciplina. ~i~~~~'~;'~j Per bene di consumo si intende qualsiasi bene mobile anche da assemblare, tranne: 1) i beni oggetto di vendita forzata o comunque venduti dalle autorità giudiziarie anche mediante delega ai notai; 2) l'acqua e il gas, quando non siano confezionati per la vendita in un volume delimitato o in quantità determinata; 3) l'energia elettrica. Si ritiene che nel bene mobile di consumo rientri qualsiasi specie di bene, fun~. gibile o infungibile, consumabile o inconsumabile, esistente o non esistent.e al momento della conclusione del contratto. Può anche trattarsi di un bene mobile iscritto nei pubblici registri o di una universalità di mobili, come pure di prodotti naturali e di animali vivi. Non vi rientrano, invece, i beni immateriali c, secondo

2 -' id! \.J\C I..'., l... l.."'" j "'--', ",~, n'--"~ <"...--", parte della dc)t!rina, nemmeno le alienazioni di sofhi/ares. In relazione ai beni da assemblare, si ritiene che occorra avcr riguardo non al complesso dci beni costi~ tucntiil bene- assemblate> ma ai singoli componenti dello stesso di guisa che, per csempi(), il rimedio della riparazione o sostituzione potrà concernere solo il singo~ lo «)mponente difett()so, L.'art. 129,2" comma, codice dci consumo, fonda una presunzione (semplice).di conformità al contratto sulla compresenza di una serie di indici, tra i quali assume. un particolare rilievo l'inedita previsione della sussistenza «della qualità e delle prestazioni abituali di un bene del/o stes,\"o tipo, che il consrunatore può ragionevol~ mentc aspe[[arsi, tenuto conro della tultura del belle e, se del caso, delle dichiarazi()~' ni pubblici\(' sulle caratteristiche specifiche dei beni fatte al n'guardo dal venditore,' dal produfrore, dal suo agente o dal suo rappresentante, in particolare nella pubblim cirà o,lul!'erù:hcttatw'o" (Jett. c: il venditore non è però vincolato ove riesca a prom varc una delle circostanze liberatorie previste dal comma 4<'\ art. 129 codice del consumo), Cìli altri segnali della c(hlformità sono: l'idoneità all'uso al quale serv()~, no abitualmente beni dello stesso tipo, la conformità alla descrizione del bene faf la dal venditore o al modello o campione presentato al consumatore e,. l'idoneità all'uso particolare volut() dal consumatore, conosciuto cd accettato che perfàcra coru':lw.ù'>ntia dal venditore. Secondo l'orientamento dolninante in dottrina, affiché possa operare la sunzione cii conformità occorre. che le circostanze indicate nell'art comma del codice del consumo debbano, in linea di principio, essere tutte presenti. Tutt via., si ammette, altresì, che in relazione alle caratteristiche del bene venduto,u,. o più delle circostanze indicate possa non essere considerata, e ciò, anche seguenza di una espressa pattuizione delle parti in tal senso. La rilcvanza del difetto di conformità è esclusa se, al momento della conclu~j( ne del contratto, il consumatore ne era a conoscenza o avrebbe dovuto usando l'ordinaria diligenza, oppure se il difetto è conseguenza di istruzioni o tcrialì forniti dallo stesso e()hsumatore. 1_..,~~X0~~~:--1 L'art. 130 del codice del consumo, incide profondamente sul quadro 4, rimedi a disposizione dci consumatore: questi, se il difetto di conformità sussi~ al rnomcnto della (:onsegna del bene (momento che, si noti, può non coindd, con quello del trasferimento della proprietà, dovendosi intendere il momento q l'effettivo ingresso del bene nella disponibilità materiale del consumatore), po in alternativa e senza spese a suo carico, chiederne al venditore: la riparazi (vale il dire, "il ripristino del bene per render/o conforme al contratto di oppure la sostituzione. In entrambe le ipotesi, si tratta di rimedi esperibili dal consumatore a dere dalla circostanza che il difetto di conformità sia dovuto a caso fortuitoo'v< ro ad una condotta dolosa o negligente del venditore, del produttore o di un Z(l. Analogamente, nel caso di difetti derivanti dall'imperfetta installazìone ne. Tuttavia, il diritto di scelta viene rneno nel caso in cui il rimedio prescelt oggettivamente impossibile. o, in rapporto all'altro, eccessi\'amente oneroso; t to conto dci naramctri indicati alle lett. a), b) e c) della medesima disposizi (commi 3 e 4 ). Se dunque la riparazione è impossibile o è da ritenersi eccessivam mente onerosa, il consumatore sarà costretto a,<ripiegare>). sulla sostituzione e vim ceversa. Ben può darsi che tanto la riparazione quanto la sostituzione siano entrambe impossibili o in se stesse ecct~ssivamenteonerose, oppure, che il venditore non abbia soddisfatto in un congruo tempo la richiesta fattagli; ancora, è possibile che, a seguito della riparazione o della sostituzione già eseguita, il consumatore abbia subito notevoli inconvenienti. In queste specifiche ipotesi, alla scelta tra riparazio~ ne e sostituzione, subentra quella tra congrua riduzione del prezzo e risoluzione del contratto (comma 7"). Si ritiene che il diritto alla risoluzione o alla riduzione del prezzo, costituiscano diritti potestativi esercitabili dal consumatore sia attraverso la proposizione di una domanda giudiziale sia mediante apposita dichiarazione stragiudizialc, senza che sussista alcun rapporto di tipo gerarchico sulla scelta tra i due rimedi. L.!:!.~~ozlabi'll'tà] 11 legislatore consente alla concorde volontà delle parti di negoziare la sofuzione che preferiscono. Infatti, dopo che il consumatore abbia denunziato il difetto di conformità, il venditorc è libero dì proporre qualsiasi rimedio disponibile (al riguardo si noti che l'art. 134, del codice del Consumo commina la nullità che può essere fatta valere solo dal consumatore e rilevata d'ufficio dal giudice ~_ di qua+ lunque patto anteriore alla denunzia, volto ad escludere o limitare, anche in modo indiretto, i diritti del consumatore). Se il consumatore ha già richiesto uno specifico rimedio secondo le regole descritte, la sua adesione alla proposta avrà l'effetto di sollevare il venditore dall'obbligo di attuarlo. Se invece il consumatore si è limitato alla denuncia e non ha ancora manifestato alcuna delle opzioni che la legge gli con~ sente, dovrà accettare la proposta oppure respingerla scegliendo un altro rimedio, ai sensi dell'art. 130, comma 9", del codice del consumo). Come abbiamo detto, la normativa in esame accoglie un concetto unitario di difformità del bene: il consumatore può reagire, secondo le regole descritte, quali che siano il tipo c la gravitù del difetto di conformità. Tuttavia, in coerenza con il principio generale dell'art c.c., neppure al consumatore è riconosciuto il diritto alla risoluzione quando tale difl~tto sia di lieve entità e non è stato possibile o eccessivamente oneroso ottenere la riparazione o la sostituzione del bene; in tam ipotesi, pertanto, il consumatore si dovrà accontentare della riduzione del prezzo (art. 130, comma 9, del Codice del consumo). ~~_i~.ij Il difetto di conformità del bene determina la responsabilità del vendim,tore soltanto se si manifesta entro due anni dalla consegna (oril, art. 132 del Codie del consumo). Il termine biennale può essere ridotto su accordo delle parti nel aso di beni usati, ma in ogni caso per un periodo di tempo non inferiore all'anno art. 134, comma 2, del Codice del consumo). Inoltre, il consumatore decade dala tutela se non denunzia il vizio entro due m(~si dalla scoperta; tuttavia, la denunm :ia non è necessaria e, dunque, la decadenza non opera se il venditore ha riconom iuto l'esistenza del difetto o lo ha occultato (art. 132, commi 2 e 3, del Codice el consumo; v. anche l'art. 1495, comma 2, c.c.). L'azione si prescrive nel termine di ventisci mesi dalla consegna del bene; tutil consumatore che sia convenuto per l'esecuzione del contratto può sempre

3 722 CAP_ 25_ I CONTRATTI DI AL.IENAZIONE far valere i diritti di cui all'art. 130 codice del consumo, purché abbia tempestiva..:: mente denunciato i difetti (entro due mesi dalla scoperta) e prima del decorso del termine di nhh,(ti/inrw ~! ~.~~,I,i,~~:i~~_~_J Infine, si deve ricordare che l'intera disciplina che si è de; applicabile il qualsiasi tipo dì vendita, ad efficacia reale, obbligatoria, ad efficacia reale differita, con patto di riscatto o di riservato dominio; inoltre, tale disciplina è estesa anche ai contratti di permuta e di somministrazione, nonché 'a quelli di appalto (e,cccttuati quei contratti di appalto diretti alla mera prestazione di di opera ed a «tutti gli altri contratti colnunque finalizzati alla forni/urli di beni di consumo da fàbbricare o produrr!>) (l'art. 128 del codice del consumo). In relazione alla distinzione tra beni di consumo da fabbricare o da produrre, autorevc)]mentc sostenuto che nei primi ricadono quei beni futuri realizzati la atti-vitù dell'uonlo, mentre i secondi. sono quei beni che derivano dalla spc-tte) ai quali l'attività dell'uomo è solo strumentale al loro conseguimento. In trina si discute circa l'applicabilità di tale disciplina alleasing finanziario ed al dì godimento, Diritti cd obblighi particolari sono disposti per per altri contratti) nel contesto dei contratti Ilcg fuori dai )otali tommerciali (d. 19s. 15 gennaio 1992, n. 50 ora trasfuso nel corll del consumo, art1. 45 ss.) come la vendita per corrispondenza e la venditaport 4 porta: si ricordi il diritto di 1"('('eS80 del compratore e il dovere di informazione, venditore (sopra, cap. 22. par. 1, fine). Occorre, infine avvertire che per i contratti di vendi tra. soggeltl che abbiano sede d'affari in Stati diversi, vige un diritto, urf,i~!ne stabilito attraverso convenzioni internazionali (ora la Convenzione di Vi'è' dell'li aprile ratificata con l. n. 765 del 1985 ed entrata in vigore il lo," naio J988), La Convenzione disciplina tutti gli aspetti della vendita internazi(): dalla formazione del contratto alle obbligazioni delle parti, dai rimedi pcr',;~ al passaggio del rischio: si tratta dunque di un vero e proprio '" parallelo, che sotto diversi aspetti si discosta delle regole proprie al diritto ìll1iano (cfc per la giurisdizione Casso s.u., , n. 2983). Una clausola particolare del contratto di compi", diritto di riscatto da parte del venditore (vendit: patto di riscatto: artt ss. c.c.): il venditore, cioè, si riserva il potere di stare la proprietà della cosa, mediante a) una dichiarazione unilaterale (recetrizia) comunicata al compratore un termine fissato (art c.c.), che non può essere maggiore di due ann:o vendita di mobili e di cinque anni nella vendita di immobili (art c.c.). parti stabiliscono un tennine maggiore, esso si riduce a quello legale. IL-te stabilito dalla legge è perentorio c non si può prorogare, mentre si ritiene termine cclilvenzionale si possa prorogare ma sempre entro il termine L LA VENDITA gale. Nella vendita di immobili, la dichiarazione di riscatto, richiede la forma scritta a pena di nullità. b) la restituzione de! prezzo pagato, oltre ai rimborsi per spese e riparazioni necessarie () utili (artt. 1500, 1502 c.c.); ogni patto che preveda la restituzione di una somma superiore è nullo per la parte eccedente. Se, tuttavia, il compratore ri~ fiuta di ricevere il pagamento di tali rimborsi, il venditore decade dal diritto di ri~ scatto, qualora non ne faccia offerta reale entro otto giorni dalla scadenza del termine (art. 1503,2 comma c,c.). Il patto di riscatto deve essere stipulato contempcjr<lneamente alla vendita, pur potendo essere contenuto in un atto separato (Cass., n ), e deve rivestire la stessa forma prescritta per la vendita. t soggetto a trascrizione ai fini dell'apponibilità ai terzi nell'ipotesi di vendita di immobili o beni mobili registrati. [Natur~,,":"~.~ffettì ] Controversa è la natura giuridica della vendita con patto di riscatto. La giurisprudenza prevalente e parte della dottrina ritengono che si tratti di una vendita sottoposta a condizione risolutiva potestativa con applicabilità degli afll C.c. (Cass., n. 1611/1989; Cass., IL ). Secondo questa impostazione, quindi, la dichiarazione di riscatto rileva come un mero fatto del venditore che risolve il contratto con effetto retroattivo anche verso i terzi aventi causa dal compratore. Diversamente, secondo un altro orientamento, l'esercizio del riscatto si qualifica come diriuo pote.ytativo di reces.)'() rispetto al quale il compra~ tore è in posizione di mcra soggezione. In tale prospettiva, la dichiarazione di re~ cesso si configura quale negozio unilaterale recettizio cui si applica la disciplina generale relativa ai requisiti di capacità e legittimazione (Cass.. n. 812/1992). Qua~ le diritto di natura personale, si ritiene che il riscatto non sia esercitabile in via surrogatoria dai creditori dell'alienante; inoltre non può essere ceduto a terzi senza il consenso del compratore. L'efficacia reale del riscatto si desume dalla disposizione di cui all'art c.c.: il venditore che ha legittimamente esercitato il diritto di riscatto nei confronti del compratore può ottenere il rilasci() delja cosa anche dai successivi acquirenti, purché il patto sia ad essi opponibile. Nel caso di immobili o mobili registrati l'opponibijità del riscatto ai subacquirenti si ottiene tramite la trascrizione del patto e della dichiarazione di riscatto. Nel caso di beni mobili, invece, l'opponibilità ai terzi incontra il limite dell'acquisto del diritto ex art c.c. Il venditore che ha esercitato il riscatto riprende la cosa esente dai pesi e dalle Jpoteche da cui sia stata gravata ma è tenuto a mantenere le locazioni fatte senza ~ode se hanno data certa e sono state convenute per un tempo non superiore ai tre anni. Autorevole dottrina, ritiene, che anche le locazioni convenute senza frope ma per un tempo superiore ai tre anni rimangono opponibili al venditore nel limite del triennio. L!!iscatt~-di'p~:!:..~ndl~ìsa] Il codice civile prevede poi la disciplina del riscatto nel ca "'so di vendita di cosa indivisa. Se oggetto della vendita è la parte indivisa di una cosa, il comproprietario che chiede ;Ua divisione deve proporre la domanda anche nei confronti del venditore affinché costui possa esercitare il riscatto e divenire titolare della quota in sede di divisione. Se 723 ~ j

4 724 (:Al', 25. l CONTRATI] DI ALiENAZIONF la cosa non è divisibile, si fa luogo alla vendita all'incanto c il venditore che non ha esercitato il riscatto prima dell'aggiudicazione decade da tale diritto anche se aggiudicatario sia lo stesso compratore (art c.c.). Se, più persone hanno venduto congiuntamente mediante un solo contratto una cosa indivisa, o se il venditore ha lasciato più eredi, ciascuno può esercitare il riscatto relativamente illla propria quota. In tali casi, tuttavia, il compratore può esigere che tutti i venditori o tutti gli credi esercitino congiuntamente il riscatto dell'intera cosa" In mancanza di accordo, ìl riscatto può essere esercitato soltanto da parte di coluio coloro che offrono dì riscattare la cosa per intero (art c.c.). Il potere del compratore di esigere il riscatto congiuntivo è escluso nel caso incu~ ciascun com!'lroprìetario abbia alìenato la sua quota separatam ente (art c.c,). Per 1'inotcsi del riscatto contro gli eredi del compratore, cfr. l'art c.c. Il meccanismo descritto, distingue la vendita con patto scatto retrovendita, che è in sostanza il patto con cui compratore':~ venditore (o uno solo dei due) assumono l'obbligo di contrarre una nuova che faccia riacquistare al venditore la proprietà della cosa venduta; Ouest'ultimo patto va rieondotto alla figura del contratto preliminare rale con efficacia solo obbligatoria, per cui non è apponibile ai terzi acquirenti.' caso di inadempimento, quindi, il venditore potrà agire solo per il risarcimç, del danno nei confhlilti dell'acquirente. Perché la proprietà torni a chi l'ha ali*1' w, occorre dunque la stipulazione di un nuovo contratto, che può essere sostit anche da una sentenza costitutiva a norma dell'art c,c. r;attispecie analoga al patto di retrovendita, è il patto diric, pea, con si obbliga a riacquistare il bene nel caso in cui il c' pratore decid,:l di acquistare un altro bene dal medesimo venditore o da r"'p; ;!i~,,~~~~!.{i~~tj~~] ra I}enitenzial(~, Si distingue, invece. il paclutn displicentiae o,"'endita 'c; nella quale ciascun contraente si riserva il diritto di receder, contrano perdendo la caparra prestata o restituendo il doppio di quella dci Tale ipotesi, vc-,rificabile solo prima del prodursi degli effetti traslativi, concr, un diritto di recesso rc,golato dall'art c.c. La vendita con patto di riscatto è talvolta usata'a po di garanzw al UllC Ul luh::lare il creditore in presenza di un contratto di,m Può accadere, Ìnfatti, chc contestualmente alla conclusione di un contratto tuo. il Illutuatario venda al mutuante un proprio bene con patto di riscatto corrispettivo che rappresenta!'importo del mutuo erogato (con gli intere spese). In tale ipotesi, il l1lutualario se, nel termine fissato per la restituzioi} somma mutuata, sarù in grado di restituirla, eserciterà il riscatto, altrimclltii'; rimarrà in proprietà del mutuante. Questo uso del patto di riscatto può tuttavia L r c'::u ::n::::c:"~':ls::' ( ) é~:::;,.:.: ;:: : ;~:: ;:..1 in quanto sia diretto a eludere il divieto coj1l1ni5sorio: cioè di (luci patto tra un creditore e un debitore con il quale lisce che un!)ene passi in propriet~l del creditore nel caso in cui il debito 1. LA V[:.ND1T'A ga pagato (art c.c,). Sul punto la giurisprudenza è concorde nell'nffennare la nullità per illiceità della causa della vendita con patto di riscatto (anche del preliminare di vendita, cfr. Cass., n /1999), stipulata fra il debitore ed il creditore, la quale risponde all'intento delle parti di costituire una garanzia con l'attribuzione irrevocabile del bene al creditore solo in caso di inadempienza del debitore (Cass., /1996; Cass., ; Cass., (11994). [Vend~ta ~~~~~r~~~~~~p~!~] Un discorso a parte merita la vendita a rate con riserva di proprietà, regolata agli arti e ss. c.c., i cui caratteri essenziali si possono puntuaiizzare nel modo seguente: a) concluso il contratto, la proprietà non passa immediatamente al compratore, ma rimane al venditore fino al pagamento dell'ultùna rata di prezzo: si tratta di una eccezione al principio consensuaiistico, secondo cui la proprietà passa con il consenso; b) la cosa viene però consegnata al compratore, ii quale ne acquista immediatamente il godimento; c) il rischio per il perimento fortuito della cosa, anziché essere a carico del proprietario, secondo la regola generale, è collegato con la detenzione: il compratore lo sopporta fin dal momento della conse.gna benché la cosa non sia ancora sua. Quindi, se io per esempio compero a rate un televisore, che viene distrutto senza mia colpa, dovrò continuare a pagare il prezzo fino llll'ultima rata. ) Natur~ Discussa è la natura del contratto. Secondo un certo orientamento SI tratta di un contratto sottoposto alj.a condizione sospensiva del pagamento deil'ul* lima rata del prezzo (Ca,s., n ; Cass.. IL J ; Cass., / 1999); per altri, invece, di una vendita obbligatoria, ovvero, come sembra prcferibile, di un negozio collegato ad uno scopo di garanz.ia, in ragione del quale il ven* ditore conserva sul bene un diritto reale tipico di garanzia (c.d. «riservato dominio»), mentre la proprietà passa in capo all'acquirente già al momento deila conclusione del contratto (BIANCA). In ogni ('(lso, la legislazione fiscale considera tale fattispecie come se la titolarità del diritto sul bene si trasferisce immediatamente in capo al compratore con tutte le conseguenze in ordine ai poteri e facoltà non ~hé agli adempimenti di natura fiscale (Cass., n. 5075/1998). Si ritiene che oggetto pel contratto possano essere anche beni immol'jili (Cass., n. 3415/1999) e mobili Iegistrati, nonché, per la giurisprudenza, l'azienda. Incerta appare, invece, l'appli~ cabilità della disciplina nell'ipotesi di cose consumabili. opp~nibili;àl La cosa, si è detto, non è di proprietà dci compratore, e quindi non -_._,~ vrebbe essere pignorabi1e dai suoi creditori; ma c'è un problema di opponibili- : la legge lo risolve disponendo che la riserva della proprietà sia opponibile ai editori solo se stipulata con atto avente data certa (v. sopra, cap. 7, par. 6) anteore al pignoramento (art c.c.). Attenta dottrina ha chiarito come l'atto :ritto richiesto dalla citata norma ai fini dell'opponibilitù della riserva di proprieai creditori del compratore possa consistere sia nella scrittura contenente le diiarazioni negoziali originarie sia in un documento, successivo alla vendita, in 'ado di accertare l'avvenuta stipulazione delia riserva, contestualmente alla venla (Cas,.. IL )

5 726 (>\1'. 25.! CONl'RA11'1 DI ALIENAZIONE L'inadempimente) del compratore, che non paga le rate, determina dc! conrraucl. A tutela del compratore, la legge st<lbilisce che il man~ cato pagamento di WUI sola rata, che non superi l'ottava parte del prezzo. non è causa di risoluzione (art c.c.): la norma si riferisce all'inadempimento di una sola rata. con la consegucnza che essa non si applica nel caso di mancato pagamente) di più rate che non superino l'ottava parte del prezzo. La giurisprudenza reputa che tale norma non sia estensibile per analogia ad altre ipotesi contrattuali n. 9:356/2000: ('ass., Il. 2347/1995: Cass.. n. 3925/1988). In ogni caso, si ritiene che verifi(:atosi l'inadempimento di una sola rata superiore airottava parte del prezzo, la risoluzione del contratto (così come la decadenza dal beneficio del ter~ non segua automaticamente, ma sia subordinata alla verifica del1'importan~ ZiI dcilinadempimcnto ex art c.c, Si ricorda che è nullo il patto contrario. La risoluzione determina l'obbligo del venditore di restituire le rate, salvo il di~ ritt() a un equo compenso per l'uso deua cosa, oltre al risarcimento del danno. Ptù) accadere che nel contra.tro sia stabilito che il venditore trattenga, a tltolo etl indennità. le rate riscosse (c.d. patto di confisca): il ridurre, anche d'ufficio, l'indennità convenuta (art. 1526, l e 2 infine, l'ultimo comma dell'art c.c. preved~ slessa. applichi al caso in cui il contratto sia COIlfìguratoco~ mc locazione (c.d. vendita in jònna di {m'azione), e sia convenuto che al termin~ di esso, la proprietà della cosa sia acquisita al conduttore per effetto del pagamen; h) dei canoni na.ttuiti. Vendita in forma di locazione Non futte le vendite a rate sonocon va eh pnlpncla: questa mo(lama ueud vendita non è implicita nella rateazione prcll.o, ma deve essere espressamente stipulata. Se, per csempi<), io mi accordo con un negoziante per comperare un viando il pagalnento di una parte del prezzo a due scadenze successive, se non la riserva di prc)prietù, io acquisto immediatamente la proprietà del televiso e viene differita sello l'csigibilitù di una parte del prezzo tramite due termini a favore, Se io lhhì pago. valgono le normali re2:oje sulla risoluzione del contratto. Questo tipo di vendita, a efficacia reale immediata e con pagamento rateizza' si applica spesso agli inunobili e ai mobili registrati. in cui il venditore si sce per il pa.gamcnto delle rate tramite una ipoteca. 2. La somministrazione. per un() parte si Distinto dalla vendita, e in particolare dalla vendita obbliga, assomiglia, è il contratto di sonuninistrazione, con il qli; verso corrispettivo di un prezzo, a eseguire, a favore deli tra, prestazioni periodiche o continuative di cose (art c.c.). Un esempio è il contratto di fornitura periodica dci gasolio per il riscaldamento; o la fornitura pe~ riodica di gas o energia elettrica. Si ritiene chc l'oggetto della prestazione dci somministrante debba consistere in una certa quantità di cose generiche, di regola mobili, poiché solo in tal caso è possibile la dazione reitcrata c continua delle stesse. Segnatamente, trova applicazione la disciplina propria del trasferimento, in proprietà o in godimento, di cose determinate solo nel genere (artt, 1178 e 1378 c.c.). ~~~,;~~~~~~~~:-] L,a somministrazione è un contratto consensuale ad effetti obbligatori e a forma libera (Cass., n. 393(11998). La dottrina prevalente è solita distinguere la somministrazione di consumo dalla sonuninistrazione d'uso. Nella ma. il somministrato acquista la proprietà della cosa oggetto dci contratto; nella seconda, invece, il somministrato acquista s()lo un diritto personale di godimento sulla cosa, dovendo restituire la stessa al termine del suo impiego. Nella vita di ogni giorno il termine,<somministrazionc>)- vicne spesso sostituito con altri, come appunto d()rnitunv>, «abbonamento» o anche, ultimamente,<.cateringl>. Quest'ultimo termine in particolare indica s()stanzìalmcnte un cihltratto di somministrazione, che ha per oggetto la fornitura di pasti preconfezionati e di alimenti in genere. ~i~~ Scopo del contratto di somministrazione è di soddisfare un fabbisogno periodico o continuato nel tempo. Perciò, la determinazione dell'oggetto segue regole particolari: il primo comma dell'art c.c. prevede che qualora non sia determinata l'entità della somministrazione, s'intcnde pattuita quella corrispondente al normale fabbisogno della parte che vi ha diritto. In giurisprudenza, si ritiene che tale norma trovi applicazione solo ave il fabbisogno sia obiettivamente accertabile, dovendo, diversamente, considerarsi nullo il contratto per indeterminabilità dell'oggetto. [SOm~~~i~t;~~.~on~~::~:~_I~'~;~~] In ogni caso il somministrato non può richiedere una fornitura inferiore, né superiore, a quella corrisp(hldente al suo reale fabbisogno, di guisa che costituisce ipotesi particolare c distinta di'il 1(} comma, la c.d. somministrazione a piacere, nella quale il somministrante è obbligato su richiesta discrezionale del somministrato alla prestazione dedotta. Se, poi, le parti hanno stabilito solo il limite massimo e quello minimo, spetta all'avente diritto nei limiti indicati, stabilire il quantitativo dovuto (art. 1560,2 cornma c.c.). [!~~~o] Il prezzo, nella somministrazione acarattere periodico, è corrisposto all'atto delle singole prestazioni e in proporzione di ciascuna di esse, mentre nel contratto a carattere continuativo, è pagato secondo le scadenze d'uso (art c.c.). La nonna, tuttavia, ha carattere dispositivo, per cui le parti possono stabilire che il pagamento del prezzo avvenga in un momento diverso (anticipato o posticida quello della consegna effettiva della cosa.

6 nn C:Al'. 25. l CONTRAITI DI ALIENAZIONE Risoluzione Regole particolari disciplinano l'ipotesi di risoluzione del contratto di rlyrì;;iìù,ùàziorlc: l'art c.c. consente a ciascuna delle parti di avvalersi del rimedio dc quo solo nel caso in cui l'inadempimento relativo a singole prestazioni abbia una notevole importanza (dr..!a "non scarsa importanza>:. di cui all'art c.c,) e sia tale da 111(.',oomare la fiducia nell'esattezza dei successivi adempimenti. Sospensione dell'esecuzione Nel caso in cui l'avente diritto alla somministrazione e sia di lieve entità, il somministrante non può chiedere la ris()luzionc del contratto, ma solo sospendere l'esecuzione previo COllgruo preavviso (art c.c.). Si tratta di una particolare applicazione del princidi cui all'art c.c., che qui opera anche in caso di inadempimento di lieve Di particolare interesse è la previsione del c.d. patto di prefercn,:a, con Il quale l'avente diritto alla somministrazione si obbliga a dare la prefe~ renza al somministrante nella stipulazionc dì un successivo contratto per lo stesso oggctt(lf~sso è valido purché la durata non ecceda il termine, ritenuto tassativo, di CiIH,IUC (:tnni (art c.c.). La dollrina c la giurisprudenza maggioritaria ritengono che il patto in esame integri un contratto prc!irninare unilaterale dal quale discende l'obbligo dell'avente diritto alla solllillinislrazione di concludere il contratto con il promittente. In tal senso, la c()]llljnicazione prescritta dal comma secondo dell'articolo menzionato, vale come proposta conlrattuale, che, se accettata, conduce direttamente alla conclusione del contratto di somminislrazionc. Si ritiene che tale patto rientri tra quelli limitativi deua concorrenza per i quali l'art c.c. richiede la forma scritta ad probationem, Distinto dal patto di preferenza, è il patto di esclusiva, previsto c 1568 c.c., rispettivamente a favore del somministrante e dell'cri/ente diritto aua somministrazione. La funzìone di tale accordo è quella di limìtare la (:oncorrenza nei confronti dei terzi contraenti (restrizione c.d. verticale), e di tutelare!'interesse dei contraenti alla continuità della somministrazione. Si ritiene che l'efficacia della clausola di c,sclusiva possa eccedere la durata massima dì anni prevista dall'art C.c., potendo, altresì, risultare indeterminata, qualora il contratto sia a tempo indeterminato (cfr. art c.c.). La giurisprudcnlil tuuavia, ha precisato che, qualora detta clausola assuma, nell'economia del negc)zio, una aulonorna funzione rcgolatrice della concorrenza, diventi applicabile la discinlin:l. dcll'art 2596 c.c. (C:ass., n. 1238/2(00). 2. LA SOMMINISTRAZIONE sto tipo di vendita si applicano le norme che valgono anche per i contratti a esecuzione differita (es. artt c s$. c.c.). [c~~~e,~~~ne di v~,~~~ Viene in genere riportati) al contratto di somministrazione anche la concessione di vendita, contratto atipico e di scambio, con il quale una parte (concessionario) acquista, continuativamente o periodicamente i prodotti (es. automobili) di un impresa (concedente) con l'obbligo di promuoverne la vendita, di regola in regime di esclusiva. La concessione di vendita si sostanzia, in genere, in un contratto nonnativo, dal quale discende l'obbligazione di stipulare i singoli contratti di compravendita alle condi~ zioni indicate nell'accordo iniziale (Cass., Il ), In tal caso, la giurisprudenza ha precisato come la previsione del patto di riservato dominio nel contratto nor~ illativo, comporti l'obbligo per le parti di inserire la clausola di riserva della proprietà in ciascuno dei contratti di vendita da stipularsi in epoca successiva, in quanto tale clausola non può ritenersi implicitamente riprodotta nei contratti per il solo fatto che fa parte dell'impegno programmatico (Cass., n. 7275/2005; Cass., n ). [Ri'~'~~ L'art: c.c, prevede una disposizione di chiusura secondo la quale si applicano alla somministrazione, in quanto compatibili, anche le regole del con~ tratto a cui corrispondono le singole prestazioni. Così alla soil1ministrazione di consumo, si applicano alcune disposizioni in materia di vendita e appalto (per la distinzione con l'appalto, cfr. Cass., n /2(03), mentre alla somministrazione d'uso, alcune relative al contratto di comodato c locazione (sul punto, cfr. Cass.. n ; Cass., Il /2000). Circa la particolare disciplina relativa ai contratti negoziati fuori dei locali com" merciali v. sopra, cap. 22, par ( SOnlmìnistrazione e vendita a conseqne differite i La somministrazione va distinta dalla per esempio, nel mercato librario qwhh!o si vende un 'opera in molti volumi in preparazione (vendita di cosa futura) e si pattuisce che saril consegnato un volume ogni due mesi lungo lin tempo di tre anni. Oui la pcriodicitiì è solo un modo di esecuzione; funzione del contratto è lo scamljio fra!'intera cosa venduta e un prezzo globale, e non la soddisfazione di un abbisogno che sì proietta nel tempo, Perciò, solo alla somministrazìone si appli~ canc) te norme sui contraui di durata (es. art. 1458, l comma c.c.); mentre a que- l' ~uo~., '><c. '''',~ mo "

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Procedimento di controllo Commissione Contratti

Procedimento di controllo Commissione Contratti Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, la Commissione Contratti di

Dettagli

VADEMECUM DELLA GARANZIA

VADEMECUM DELLA GARANZIA VADEMECUM DELLA GARANZIA Il contributo sul tema della garanzia è rappresentato da: - una relazione del nostro consulente Avv. Roberto Spreafico Studio legale Spreafico - un estratto da Il Sole 24 Ore del

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile Dott. ENZO ROVERE NOZIONE caratteristiche ed oggetto La compravendita è il contratto con il quale una parte (detta venditore) trasferisce

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli,

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, 1) OPERE EDILI MAL ESEGUITE Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, dal 1667 al 1673 (vedi di seguito), proprio al problema della "difformità

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente CONTRATTO / INADEMPIMENTO La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente Le azioni poste a tutela della parte adempiente nel caso di inadempimento della

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione.

Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione. DIRITTO CIVILE Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione. Come si definiscono le norme che regolano

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

Commissione Protocolli. Regola n. 17 I mutui bancari e le clausole vessatorie

Commissione Protocolli. Regola n. 17 I mutui bancari e le clausole vessatorie Commissione Protocolli Regola n. 17 I mutui bancari e le clausole vessatorie In caso di contratti di finanziamento tra Istituti di Credito e soggetti qualificabili come "consumatori", il Notaio, pur in

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

La garanzia legale in Italia ed in altri Paesi dell UE

La garanzia legale in Italia ed in altri Paesi dell UE La garanzia legale in Italia ed in altri Paesi dell UE A cura del Centro Europeo Consumatori Italia Ufficio di Bolzano Via Brennero, 3 I-39100 Bolzano Tel. +39-0471-980939 Fax +39-0471-980239 www.euroconsumatori.org

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA III. QUANDO SI ACQUISTA CASA Quando si compra casa le imposte da pagare indicato nell'atto, provvede alla rettifica e sono diverse (registro o Iva) a seconda che il alla liquidazione della maggiore imposta

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture DOCUMENTO BASE Problematiche applicative delle disposizioni in materia di opere a scomputo degli oneri di urbanizzazione

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

L articolo 1292 del codice civile recita testualmente (Nozione della solidarietà)

L articolo 1292 del codice civile recita testualmente (Nozione della solidarietà) L articolo 1292 del codice civile recita testualmente (Nozione della solidarietà) L'obbligazione è in solido quando più debitori sono obbligati tutti per la medesima prestazione, in modo che ciascuno può

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Rent to buy, titolo esecutivo per il rilascio dell immobile ed effettività della tutela giurisdizionale

Rent to buy, titolo esecutivo per il rilascio dell immobile ed effettività della tutela giurisdizionale Studio n. 283-2015/C Rent to buy, titolo esecutivo per il rilascio dell immobile ed effettività della tutela giurisdizionale Approvato dal Consiglio Nazionale del Notariato il 28 maggio 2015 Lo studio

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli