Il Software Libero nella ricerca universitaria: l esperienza del gruppo di ricerca COMICS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Software Libero nella ricerca universitaria: l esperienza del gruppo di ricerca COMICS"

Transcript

1 Il Software Libero nella ricerca universitaria: l esperienza del gruppo di ricerca COMICS /LQX['D\ Napoli, 25 Ottobre 2008 Antonio Pescapè, Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Napoli Federico II

2 Agend a ¾ Ringraziamenti ¾ Cosa significa fare ricerca ¾ Un settore a me caro: le reti ¾ La ricerca del gruppo COMICS ¾ Progetti OS di COMICS ¾ Conclusioni

3 La Ricerca ed il Metodo Scientifico (1/ 3) ¾ Il PHWRGRVFLHQWLILFR è la modalità tipica con cui la scienza procede per raggiungere una conoscenza della realtà RJJHWWLYD, DIILGDELOH, YHULILFDELOH e FRQGLYLVLELOH. ¾ Esso consiste, da una parte, nella raccolta di evidenza empirica e misurabile attraverso l'osservazione e l'esperimento; dall'altra, nella formulazione di ipotesi e teorie da sottoporre nuovamente al vaglio dell'esperimento. Source: wikipedia

4 La Ricerca ed il Metodo Scientifico (2/ 3) ¾ Quale ricerca: di base, applicata, industriale. ¾ Condivisione della conoscenza e dei risultati. ¾ Il sistema di referaggio e validazione:» 3HHU 5HYLHZ» &URVV&KHFNLQJ

5 La Ricerca e Internet

6 Da Inform atica Centralizzata a Inform atica Distribu ita ¾,QIRUPDWLFD &HQWUDOL]]DWD» Un elaboratore centrale, con molti terminali non intelligenti (terminali e stampanti)» *HVWLRQH FHQWUDOL]]DWD dell IT ( CED )» Un solo computer ( mainframe ), molti utenti» Grandi capacità di calcolo» Architetture multiprocesso e 6LVWHPL 3URSULHWDUL (IBM/360) :$1 0$1 /$1 /$1 0$1 /$1 /$1 /$1,QIRUPDWLFD 'LVWULEXLWD Il Personal Computer (Avvento del PC e dei Minicomputer) Nascita e boom delle reti (locali, geografiche, miste) (YROX]LRQHYHUVRVLVWHPLDSHUWL *HVWLRQH GHFHQWUDOL]]DWD Periferia eterogenea ed intelligente 1DVFLWDGHJOLVWDQGDUGper: Cablaggi strutturati Protocolli di Comunicazione

7 Sistem i Distribu iti: vantaggi e problem atiche &RQGLYLVLRQHGHOO,QIRUPD]LRQH &RQGLYLVLRQHGHOOH5LVRUVH $FFHVVRD5LVRUVH5HPRWH $OWD$IILGDELOLWj &UHVFLWD*UDGXDOH &RQYHQLHQ]D(FRQRPLFD PDLQIUDPH /DFRPXQLFD]LRQHWUDFRPSXWHUULFKLHGHVROX]LRQLWHFQLFKH FRPSOHVVHULJXDUGDQWLXQDVHULHGLSUREOHPL 5LFH]LRQHH7UDVPLVVLRQHILVLFD &RQWUROORGHJOLHUURUL &RQWUROORGLIOXVVR &RQYHUVLRQHGHLGDWL &ULWWRJUDILDHVLFXUH]]D 6LQFURQL]]D]LRQH 8QDSSURFFLRORJLFRqTXHOORGLDQDOL]]DUHWDOLSUREOHPDWLFKH VLQJRODUPHQWH ³'LYLGHHW,PSHUD

8 Modelli a strati (o a livelli) ¾ ¾ ¾ ¾ ¾ La suddivisione delle funzionalità secondo un modello a strati agevola la gestione della complessità Ciascuno VWUDWR (o OLYHOOR):» è responsabile di un sottoinsieme definito e limitato di compiti» funziona in maniera lascamente accoppiata con gli altri» interagisce solo con gli strati immediatamente superiore ed inferiore» fa affidamento sui servizi forniti dallo strato immediatamente inferiore» fornisce servizi allo strato immediatamente superiore Alcuni strati sono realizzati in software altri in hardware Vantaggi:» l indipendenza tra gli strati consente la sostituzione di uno strato con un altro di pari livello che offra i medesimi servizi allo strato superiore» limitare le funzionalità di uno strato ne semplifica la realizzazione Svantaggi:» L eccessivo numero di strati può portare ad inefficienze 9 6WUDWRQ 6WUDWRQ 6WUDWRQ 6WUDWRQ

9 Modelli di rete a strati a confronto User Netw. Appl. Session End to End Routing Data Link Physical Application Presentation Session Transport Network Data Link Physical Application Service Internetwork Network Transaction Service Presentation Service Data Flow Mana. Trans. Servi. Control Virtual Route Explicit Route Transm. Group Data Link Physical 26, '(&1(7 7&3,3 61$

10 Gli standard ¾Standard de iure» Ad es. ISO/OSI ¾Standard de facto» Ad es. TCP/IP

11 4XDQGRVWDQGDUGL]]DUH"

12 (Very) Brief History of the Internet ¾ 1961: Kleinrock - queueing theory shows effectiveness of packetswitching ¾ 1964: Baran - packet-switching in military nets ¾ DARPA (Defense Advanced Research Projects Agency) contracts with BBN (Bolt, Beranek & Newman) to create ARPAnet ¾ First five nodes: UCLA, Stanford, UC Santa Barbara, U of Utah, BBN ¾ 1974 TCP/IP specification by Vint Cerf (part of Berkeley UNIX) ¾ 1984 On January 1, the Internet with its 1000 hosts converts masses to using TCP/IP for its messaging (deployment of TCP/IP) ¾ Early 1990 s: ARPAnet decommissioned ¾ 1991: NSF lifts restrictions on commercial use of NSFnet (decommissioned, 1995)

13 Statistics from the IITF Rep ort, The Em erging Digital Econom y * ¾ To get a market of 50 Million People Participating: Radio took 38 years TV took 13 years Once it was open to the General Public, The Internet made to the 50 million person audience mark in just 4 years!!! ¾ Released on April 15, 1998 'HOLYHUHGWRWKH3UHVLGHQWDQGWKH863XEOLFRQ$SULOE\%LOO'DOH\ 6HFUHWDU\RI&RPPHUFHDQG&KDLUPDQRIWKH,QIRUPDWLRQ,QIUDVWUXFWXUH7DVN)RUFH

14 Internet ¾ Da infrastruttura militare ad infrastruttura di ricerca, ed infine ad infrastruttura commerciale (ma non solo ) ¾ Basata su TCP/IP» Standard de facto» Aperto ¾ Libera e Senza regole?

15 IETF, What is it? ¾ IETF, Internet Engineering Task Force ¾ An International Open, Non-Membership Organization ¾ It is Constituted under the ISOC (Internet Society) Legal Umbrella ¾ An IETF member is anybody who subscribe to one of the IETF mailing lists and take part in the discussion ¾ No subscription/acceptance procedures ¾ Many IETF members never went to an IETF meeting, nevertheless they make very useful contributions to the IETF work

16 IETF, What is its Scope? ¾ International Body to define,qwhuqhw6wdqgdugv, Informational and Procedural Documents ¾ IETF collaborates with the other International Standard Bodies (ITU, W3C, IEEE, ISO, ETSI...) to avoid overlaps and duplications ¾ IETF does NOT prepare Policy Regulations!» a domain name is what is defined in RFC 1035 ¾ IETF requires products interworking, but does not make nor endorse ANY product

17 IETF, The IETF Motto ³:HUHMHFWNLQJVSUHVLGHQWVDQG YRWLQJ:HEHOLHYHLQURXJK FRQVHQVXVDQGUXQQLQJFRGH

18 IETF, Working Grou ps ¾ Working groups, each with a specific charter and a specific scope and limited life:» produce technical specification on a specific topic» revise the technical specifications» control the actual implementations status and interworking» progress (or abandon) specifications to Standard» dissolve when work is finished

19 IETF, The RFCs ¾ RFC, Request for Comments ¾ NOT all RFCs are STANDARDS! ¾ Informational RFCs (for example BCPs) ¾ Experimental Status Specifications ¾ The Standard Track:» Proposed Standard» Draft Standard» Standard (Internet Standard no. xxx) ¾ Where to get them?» ftp://ftp.ietf.org/rfc/» ftp://ftp.nic.it/rfc/

20 ¾ Today around 30 people in the group ¾ Work spans 2 laboratories:» University of Napoli» CINI/ITEM a research lab of the Italian University Consortium in Computer Science & Engineering ¾ Funding mainly from EU, Industry, with some money from national and local government.

21 COMICS Lab: COMputers for Interaction and CommunicationS ¾ Research areas:» Traffic Measurement and Analysis» Network Monitoring» QoS in heterogeneous networks» Traffic Engineering» Wireless Mesh Networks» Management and control of network infrastructures SLA, SLS, Policy based management» Security, Reliability and Resiliency» Multimedia services engineering»

22 Progetti DIS/ Com ics ¾ Modello cooperativo tra docenti, dottorandi, studenti, collaboratori, aziende ¾ Creare competenze sulle tecnologie ¾ Creare valore aggiunto grazie alle competenze acquisite (non vendendo software!!! ) ¾ Piattaforme sviluppate sono su sourceforge oppure liberamente scaricabili dai nostri siti.

23 D-ITG, Distribu ted Internet Traffic Generator Traffic Generation and Measurement measure main QoS parameters (GHOD\MLWWHUSDFNHWORVVWKURXJKWSXW, ) in the presence of realistic traffic emulate network applications behavior test real implementations of novel protocols (,3Y6&73'&&3«) easily emulate very complex scenarios Distributed platform with multiple senders/receivers and remote logging Capable to emulate traffic statistics of real-world applications VoIP, DNS, Telnet, Network Games, Running on different architectures X86, ARM, XSCALE (Intel IXP) Windows, Linux, Montavista Linux,.. Currently used by several research projects all over the world VirginiaTech, Rutgers-Columbia-Princeton, Lucent Bell Labs, IBM Research, D-ITG,

24 D-ITG: some success stories ¾ A large number of Google Hits!!! ¾ Slax-tlc ¾ OSiAN Solution (an open source based network solution for African National Research a nd Education Networks. ¾ Orbit ¾ The Network Toolkit of CACETechnologies ¾ Traffic Generator of CISCO certifications learning systems ¾ D-ITG as a traffic generator for the NASA Crew Exploration Vehicle (CEV) Space communication Link sizing.

25 Hynetd: Hybrid Network Topology Discovery Topology Discovery: Fields of applicability: Fault isolation, performance analysis, network planning, node and service positioning, topology aware algorithms, network communications optimization, simulation studies ¾IP level» Routers, links, subnets ¾Hybrid approach (both active and passive) ¾High accuracy, short discovery time, low intrusiveness ¾Ongoing Work:» Porting onto embedded platforms (e.g., Intel IXP)» Distributed Discovery Planetlab ¾Hynetd,

26 Plab Measurement and Analysis of Network Traffic Extracting traffic properties at several levels By hosts, conversations, connections, flows,.. At SDFNHWOHYHO: inter-packet times and payload size Header inspection Payload inspection Traffic characterization and modeling, user/application profiling, anomaly detection,.. A flexible architecture: running on Linux, FreeBSD, MacOS-X capable to rapidly analyze traces of hundreds of millions packets enriched with several filtering capabilities (WFSGXPS-style, by payload, by time, ) ¾ Plab,

27 TIE: Traffic Id entification Engine ¾ A platform working as a multiple classifier system ¾ Purpose: to allow the community to work with VKDUHG WRROVDQGGDWD to investigate several aspects of traffic classification» Offline, Online, historical web reports» Easy to add: classification techniques, classification features, combination strategies» Programming API and documentation. Users mailing list.» Anonymized Traces with GT data» Code to the data

28 TIE: Traffic Id entification Engine ¾ TIE is a FRPPXQLW\RULHQWHGproject for traffic classification» Project started in Collaborations too! KWWSWLHFRPLFVXQLQDLW

29 IMS based services: CON FIAN CE & DCON ¾ ¾ CONFIANCE: CONFerencing IMS-enabled Architecture for Next-generation Communication Experience» Open source implementation of the IETF XCON Framework, compliant with the IMS specification Extends RFC 4353 Protocol-agnostic (not only SIP) Data Sharing (not only audio/video) Suite of Protocols: Conference Control (CCMP), Floor Control (BFCP), Call Signaling (SIP/H.323/IAX/etc.), Notification (Event Package)» DCON: Distributed Conferencing» An extension of CONFIANCE aimed at providing scalability through distribution of components/functionality» Based on XMPP-based spreading of information» Draft proposal from UoN at the IETF (waiting for time to become ripe )»

30 Med ia Control (IETF m ed iactrl WG) ¾ A framework for controlling a Media Server from an Application server» Similar to MRFC (Media Resource Function Controller) & MRFP (Media Resource Function Processor) approach in the IMS» Exploiting SIP (with so-called COMEDIA negotiation) to establish an ad-hoc mediactrl Control Channel» Making use of so-called control packages designed for specific applications (conferencing, IVR, etc.)» Currently under definition in the IETF: UoN among the most active contributors: z Provided an advanced open source prototype of the overall framework z See demo slides at the latest IETF meeting in Vancouver:» z Sourceforge web site:»

31 Conclu sioni ¾ La ricerca è aperta per definizione. ¾ Noi proponiamo non solo la condivisione di tool (aperti) ma anche quella dei dati. ¾ I paradossi.

32 Looking at the future: Hackers, Unite!!!

33 Reference e Fonti (u fficiali) ¾ Internet History and Growth, William F. Slater, III Chicago Chapter of the Internet Society September 2002 ¾ IETF In Italy History and Future View, Claudio Allocchio GARR

34 Domande?

FONDAMENTI DI RETI E TELECOMUNICAZIONE

FONDAMENTI DI RETI E TELECOMUNICAZIONE Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BERGAMO A.A. 2014/15 - II Semestre FONDAMENTI DI RETI E TELECOMUNICAZIONE Lucidi delle Lezioni - Capitolo IX Struttura

Dettagli

Cyber Security Energia Una Piattaforma di Ricerca e Innovazione. Giovanna Dondossola

Cyber Security Energia Una Piattaforma di Ricerca e Innovazione. Giovanna Dondossola Cyber Security Energia Una Piattaforma di Ricerca e Innovazione Giovanna Dondossola Agenda Cyber Security in RSE Evoluzione dello scenario energe7co Pia9aforma RSE di Ricerca e Innovazione Funzioni e Capacità

Dettagli

Alessandro Huber Chief Technology Officer, Microsoft Italia Claudia Angelelli Service Line Manager, Microsoft Italia

Alessandro Huber Chief Technology Officer, Microsoft Italia Claudia Angelelli Service Line Manager, Microsoft Italia Alessandro Huber Chief Technology Officer, Microsoft Italia Claudia Angelelli Service Line Manager, Microsoft Italia Contenimento dei costi di gestione Acquisizioni/ merge Rafforzare la relazione con

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Corso di Reti di Applicazioni Telematiche a.a. 2010-2011 Introduzione al corso

Dettagli

Storia di Internet. sulla Luna, Missione. Fu il solo evento importante? Nascita di Internet

Storia di Internet. sulla Luna, Missione. Fu il solo evento importante? Nascita di Internet Storia di Internet Se si studiassero le cose svolgersi dall origine, anche qui come altrove se ne avrebbe una visione quanto mai chiara Aristotele, Politica I, 2, 1255a Dott.ssa Teresa Mallardo Cosa accadde

Dettagli

IP TV and Internet TV

IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 1 IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 2 IP TV and Internet TV IPTV (Internet Protocol Television) is the service provided by a system for the distribution of digital

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Copyright Quest opera è protetta dalla licenza Creative Commons

Dettagli

Introduzione ai Calcolatori Elettronici

Introduzione ai Calcolatori Elettronici Introduzione ai Calcolatori Elettronici Introduzione al Web Internet A.A. 2013/2014 Domenica Sileo Università degli Studi della Basilicata Introduzione al Web : Internet >> Sommario Sommario n Internet

Dettagli

LAN MAN WAN. Una internet è l'insieme di più reti reti distinte collegate tramite gateway/router

LAN MAN WAN. Una internet è l'insieme di più reti reti distinte collegate tramite gateway/router Rete di reti (interrete, internet) 2 Prof. Roberto De Prisco TEORIA - Lezione 8 Rete di reti e Internet Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Una rete di comunicazione è un

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet AA 2004-2005 Reti e Sistemi Telematici 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host può essere client e/o server a livello applicazione Router:

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE A INTERNET - 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host

Dettagli

Definizione e sintesi di modelli del traffico di rete per la rilevazione in tempo reale delle intrusioni in reti di calcolatori

Definizione e sintesi di modelli del traffico di rete per la rilevazione in tempo reale delle intrusioni in reti di calcolatori Definizione e sintesi di modelli del traffico di rete per la rilevazione in tempo reale delle intrusioni in reti di calcolatori Francesco Oliviero folivier@unina.it Napoli, 22 Febbraio 2005 ipartimento

Dettagli

Internet: Come siamo arriva/ fin qui e come possiamo andare oltre. Antonio Capone. Antonio Capone: Internet del futuro

Internet: Come siamo arriva/ fin qui e come possiamo andare oltre. Antonio Capone. Antonio Capone: Internet del futuro Internet: Come siamo arriva/ fin qui e come possiamo andare oltre Antonio Capone Come tutto è cominciato 2 La nascita di Internet: anni 60 o 1961: Kleinrock dimostra l efficacia della commutazione di pacchetto

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di Calcolatori 1. Introduzione Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di calcolatori : Un certo numero di elaboratori

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Tipologie di sensori e di estrazione automatica di dati

Tipologie di sensori e di estrazione automatica di dati Tipologie di sensori e di estrazione automatica di dati Prof. Gianluigi Ferrari Wireless Ad-hoc and Sensor Networks Laboratory http://wasnlab.tlc.unipr.it gianluigi.ferrari@unipr.it Dig.it 2014 - Giornalismo

Dettagli

Milano, 20 Ottobre 2006

Milano, 20 Ottobre 2006 Milano, 20 Ottobre 2006 Un nuovo modello di collaborazione Messaggio / Documento Persona Reti private Connessioni discontinue Sistemi e tecnologie proprietarie Web globale "Always on" Sistemi Open Le opzioni

Dettagli

RETI E PROBLEMATICHE DI RETE. Introduzione. Rete di calcolatori. V. Moriggia 1. Le reti di calcolatori

RETI E PROBLEMATICHE DI RETE. Introduzione. Rete di calcolatori. V. Moriggia 1. Le reti di calcolatori RETI E PROBLEMATICHE DI RETE 1 1.2 Introduzione E virtualmente impossibile per la persona media trascorrere 24 ore senza usare direttamente o indirettamente una qualche forma di rete di computer Sistemi

Dettagli

Servizi differenziati su Internet

Servizi differenziati su Internet Servizi differenziati su Internet L architettura Differentiated Services Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi DiffServ - 1 DiffServ - 2 Nota di

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente PICCHI GIORGIO Matricola: 004199

Testi del Syllabus. Docente PICCHI GIORGIO Matricola: 004199 Testi del Syllabus Docente PICCHI GIORGIO Matricola: 004199 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1004699 - TELEMATICA Corso di studio: 3050 - INGEGNERIA INFORMATICA, ELETTRONICA E DELLE TELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo Sistemi Distribuiti Rocco Aversa Tel. 0815010268 rocco.aversa@unina2.it it Ricevimento: Martedì 14:16 Giovedì 14:16 1 Libri di Testo Testo Principale A.S. Tanenbaum, M. van Steen, Distributed Systems (2

Dettagli

MS SQL SERVER 2005 - UPGRADING TO MICROSOFT SQL SERVER 2005

MS SQL SERVER 2005 - UPGRADING TO MICROSOFT SQL SERVER 2005 MS SQL SERVER 2005 - UPGRADING TO MICROSOFT SQL SERVER 2005 UN BUON MOTIVO PER [cod. E316] Lo scopo di questo corso non MOC è fornire ai database professionals che lavorano in realtà di tipo enterprise

Dettagli

IP multimedia services in the NGN

IP multimedia services in the NGN 4. Servizi NGN Pag. 1 IP multimedia services in the NGN In the ETSI the working group TISPAN (Telecommunications and Internet converged Services and Protocols for Advanced Networking) has already defined

Dettagli

Cisco Networking Academy Program. Nuovi Curricula CCNA ITIS E. MAJORANA CESANO MADERNO

Cisco Networking Academy Program. Nuovi Curricula CCNA ITIS E. MAJORANA CESANO MADERNO Cisco Networking Academy Program Nuovi Curricula CCNA ITIS E. MAJORANA CESANO MADERNO 1 Networking Academy Program 2.0 Portfolio 18 Corsi complessivi CAREERS Enterprise Networking CCNP Advanced Routing

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche Lezione n.1 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Obiettivi del corso Supporti didattici Modalità d esame Panoramica

Dettagli

Reti: cenni storici. Who s who

Reti: cenni storici. Who s who 1967: DoD ARPAnet 1970: ALOHAnet Reti: cenni storici 1975: TCP/IP model per internetwork 1976: Ethernet 198: TCP/UDP/IP standard per ARPAnet 1987: la rete cresce DNS 1989-1991: web guiding principles:

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 18 maggio

Reti di calcolatori. Lezione del 18 maggio Reti di calcolatori Lezione del 18 maggio Riepilogo concetti Il software di rete La gestione della rete non può essere lasciata alle applicazioni-utente Necessità di un software specifico dedicato a gestire

Dettagli

Mainframe Network. Giada Rauti I semestre 2008-2009

Mainframe Network. Giada Rauti I semestre 2008-2009 Mainframe Network Giada Rauti I semestre 2008-2009 Docente: Giada Rauti Laureata in Fisica nel I985 presso l Universita La Sapienza di Roma. Inizia la sua attivita lavorativa presso l istituto di astrifisica

Dettagli

Cyber Security Sistemi Energia - Progetti e Sperimentazioni. Giovanna Dondossola Roberta Terruggia

Cyber Security Sistemi Energia - Progetti e Sperimentazioni. Giovanna Dondossola Roberta Terruggia Cyber Security Sistemi Energia - Progetti e Sperimentazioni Giovanna Dondossola Roberta Terruggia Cyber security in RSE Avviata nel 2000 Obiettivo Valutazione della cyber security dei sistemi di controllo

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

L'oro dei nostri giorni. I dati aziendali, i furti, la loro protezione in un ambiente oltre i confini

L'oro dei nostri giorni. I dati aziendali, i furti, la loro protezione in un ambiente oltre i confini L'oro dei nostri giorni. I dati aziendali, i furti, la loro protezione in un ambiente oltre i confini Alessio L.R. Pennasilico - apennasilico@clusit.it Gastone Nencini - gastone_nencini@trendmicro.it Security

Dettagli

Java. Traditional portability (ideal)

Java. Traditional portability (ideal) 1 Java JAVA: una introduzione 2 Traditional portability (ideal) C-code (Linux) (Pentium) Executable (Linux) Executable (Win32) Linux Windows 32 (Mac) Executable (Mac) Mac 1 1 3 Portability of Java programs

Dettagli

Assyrus Srl. Virtualizzazione. Azienda di servizi e prodotti. Attività principali. Diversi partner/fornitori. Definizione (fonte: Wikipedia)

Assyrus Srl. Virtualizzazione. Azienda di servizi e prodotti. Attività principali. Diversi partner/fornitori. Definizione (fonte: Wikipedia) VISTA SULL ORGANIZZAZIONE, IL GOVERNO, LA GESTIONE E LA SICUREZZA DELLA RETE 7 Novembre 2006 Assyrus Srl Azienda di servizi e prodotti Ambito ICT Attività principali Progettazione System integrator / system

Dettagli

Page 1. Elementi Base del Modello OSI. Il modello di riferimento ISO/OSI OSI: Open Systems Interconnection. Struttura a Livelli.

Page 1. Elementi Base del Modello OSI. Il modello di riferimento ISO/OSI OSI: Open Systems Interconnection. Struttura a Livelli. Università degli Studi di Parma Elementi Base del Modello OSI Sistema A Sistema B Sistema C Sistema D Modello OSI mezzi fisici Connessioni Struttura a Livelli Per ridurre la complessità progettuale, tutte

Dettagli

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di Calcolatori 1. Introduzione 2. Storia 3. Topologia delle reti 4. Livelli della rete protocolli e servizi 5. Progetto dei livelli 6. Modello ISO OSI 7. Internet Protocol suite / / Modello TCP IP

Dettagli

Presentazione del Corso di Progettazione di Sistemi Embedded

Presentazione del Corso di Progettazione di Sistemi Embedded Presentazione del Corso di Progettazione di Sistemi Embedded Franco Fummi University of Verona Department of Computer Science Italy Laurea Magistrale in Ingegneria e Scienze Informatiche Embedded Systems

Dettagli

Scienze della comunicazione L 20 LABORATORIO INFORMATICA APPLICATA. 1 Governo di Internet

Scienze della comunicazione L 20 LABORATORIO INFORMATICA APPLICATA. 1 Governo di Internet Scienze della comunicazione L 20 LABORATORIO INFORMATICA APPLICATA Laerte Sorini 1 Governo di Internet Chi governa Internet? Come funziona in Italia? Jon P ostel,, I nternet P ioneer August 6, 1943 October

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori II Introduzione al corso Simon Pietro Romano spromano@unina.it Materiale didattico Libro di testo: J. Kurose, K. Ross

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

La regolamentazione del VoIP: strada percorsa, prossimi passi

La regolamentazione del VoIP: strada percorsa, prossimi passi La regolamentazione del VoIP: strada percorsa, prossimi passi Giovanni Santella g.santella@agcom.it AGCOM Direzione reti e servizi di comunicazione elettronica VOIP DAY 19 giugno 2008, Roma Le definizioni

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

Introduzione Kerberos. Orazio Battaglia

Introduzione Kerberos. Orazio Battaglia Orazio Battaglia Il protocollo Kerberos è stato sviluppato dal MIT (Massachusetts Institute of Tecnology) Iniziato a sviluppare negli anni 80 è stato rilasciato come Open Source nel 1987 ed è diventato

Dettagli

ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA

ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA (COMPUTER ANALYSIS POSTURE BED AND SITTING) FT. Costante Emaldi FT. Rita Raccagni Will you care for me in my old age? SISTEMA a rilevazione di pressione

Dettagli

User Centricity in AGCOM

User Centricity in AGCOM User Centricity in AGCOM Marana Avvisati Market Analysis, Competition and Studies Department NeutralAccess13 La centralità dell utente nelle reti mobili del futuro Urbino, 2 ottobre 2013 Outline 1. Introduction:

Dettagli

Gestione delle Reti di Telecomunicazioni

Gestione delle Reti di Telecomunicazioni Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Gestione delle Reti di Telecomunicazioni Modello TCP/IP Ing. Tommaso Pecorella Ing. Giada Mennuti {pecos,giada}@lenst.det.unifi.it 1 Sommario Modello TCP/IP

Dettagli

Reti di Calcolatori II

Reti di Calcolatori II Reti di Calcolatori II Network Management Principi Generali Giorgio Ventre COMICS LAB Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Napoli Federico II Nota di Copyright Quest insieme di trasparenze

Dettagli

IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel Cloud Computing: la visione di IBM

IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel Cloud Computing: la visione di IBM Raffaella D Alessandro IBM GTS Security and Compliance Consultant CISA, CRISC, LA ISO 27001, LA BS 25999, ISMS Senior Manager, ITIL v3 Roma, 16 maggio 2012 IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA PEC E PROSPETTIVE IN AMBITO INTERNAZIONALE

EVOLUZIONE DELLA PEC E PROSPETTIVE IN AMBITO INTERNAZIONALE EVOLUZIONE DELLA PEC E PROSPETTIVE IN AMBITO INTERNAZIONALE Francesco Gennai Francesco.gennai@isti.cnr.it ISTI - CNR 1 CENTRO TECNOLOGICO SERVIZI INTERNET (ISTC) Centro Tecnologico Servizi Internet (ISTC)

Dettagli

Tutto il VoIP in 45 minuti!! Giuseppe Tetti. Ambiente Demo. VoIP IP PBX SIP

Tutto il VoIP in 45 minuti!! Giuseppe Tetti. Ambiente Demo. VoIP IP PBX SIP Tutto il in 45 minuti!! Giuseppe Tetti Ambiente Demo 1 Ambiente Demo Ambiente Demo 2 Ambiente Demo ATA Ambiente Demo Internet ATA 3 Ambiente Demo Internet ATA Rete Telefonica pubblica Ambiente Demo Internet

Dettagli

La nascita di Internet

La nascita di Internet La nascita di Nel 1969 la DARPA (Defence Advanced Research Project Agency) studia e realizza la prima rete per la comunicazione tra computer (ARPAnet) fra 3 università americane ed 1 istituto di ricerca.

Dettagli

Qlik Services. Roma 10 Giugno, 2015

Qlik Services. Roma 10 Giugno, 2015 Qlik Services Roma 10 Giugno, 2015 By 2015, the shifting tide of BI platform requirements, moving from reporting-centric to analysis-centric, will mean the majority of BI vendors will make governed data

Dettagli

Internet. Evoluzione della rete Come configurare una connessione. Internet: Storia e leggenda

Internet. Evoluzione della rete Come configurare una connessione. Internet: Storia e leggenda Internet Evoluzione della rete Come configurare una connessione Internet: Storia e leggenda La leggenda Un progetto finanziato dal Ministero della Difesa USA con lo scopo di realizzare una rete in grado

Dettagli

Reti informatiche 08/03/2005

Reti informatiche 08/03/2005 Reti informatiche LAN, WAN Le reti per la trasmissione dei dati RETI LOCALI LAN - LOCAL AREA NETWORK RETI GEOGRAFICHE WAN - WIDE AREA NETWORK MAN (Metropolitan Area Network) Le reti per la trasmissione

Dettagli

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò Padova Smart City Internet of Things Alberto Corò Padova 16 ottobre 2013 Smart City Le smart cities ("città intelligenti") possono essere classificate lungo 6 aree di interesse: Economia Mobilità Ambiente

Dettagli

Internet WWW - HTML. Tecnologie informatiche e della comunicazione

Internet WWW - HTML. Tecnologie informatiche e della comunicazione Internet WWW - HTML Cristina Gena cgena@di.unito.it http://www.di.unito.it/ cgena/ cristina gena - [internet web html] 1 Tecnologie informatiche e della comunicazione Cosa intendiamo? Tecnologia dei computer

Dettagli

Collaborazione e Service Management

Collaborazione e Service Management Collaborazione e Service Management L opportunità del web 2.0 per Clienti e Fornitori dei servizi IT Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

Politecnico de Milano Dipartamento di Architettura e Pianificazione Laboratorio di Qualità Urbana e Sicurezza Laboratorio Qualità urbana e sicurezza Prof. CLARA CARDIA URBAN SAFETY AND QUALITY LABORATORY

Dettagli

Griglie computazionali

Griglie computazionali Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno IL MIDDLEWARE Richiami sulla caratterizzazione dei sistemi GRID Il Concetto di Virtual

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16 Titolo/Title Elenco norme e documenti di riferimento per l'accreditamento degli Organismi di Verifica delle emissioni di gas ad effetto serra List of reference standards and documents for the accreditation

Dettagli

Cloud Computing - Il progetto RESERVOIR - una infrastruttura Service Oriented 'on demand' per i servizi IT

Cloud Computing - Il progetto RESERVOIR - una infrastruttura Service Oriented 'on demand' per i servizi IT Cloud Computing - Il progetto RESERVOIR - una infrastruttura Service Oriented 'on demand' per i servizi IT L'innovazione tecnologica per la homeland security: opportunità e rischi del Cloud Computing TechFOr

Dettagli

Introduzione all ambiente di sviluppo

Introduzione all ambiente di sviluppo Laboratorio II Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio II. A.A. 2006-07 CdL Operatore Informatico Giuridico. Introduzione all ambiente di sviluppo Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio

Dettagli

MS WINDOWS SERVER 2008 - DESIGNING A WINDOWS SERVER 2008 NETWORK INFRASTRUCTURE

MS WINDOWS SERVER 2008 - DESIGNING A WINDOWS SERVER 2008 NETWORK INFRASTRUCTURE MS WINDOWS SERVER 2008 - DESIGNING A WINDOWS SERVER 2008 NETWORK INFRASTRUCTURE UN BUON MOTIVO PER [cod. E112] L obiettivo del Corso è fornire ai partecipanti la preparazione e le competenze necessarie

Dettagli

Telefonia Aziendale. FaxServer

Telefonia Aziendale. FaxServer Telefonia Aziendale FaxServer ActFax Fax Server Aziendale Il FaxServer ActFax è una soluzione per la trasmissione e la ricezione di messaggi fax attraverso la rete dei computer. L architettura client/server

Dettagli

Work package 1.4. Task. Documento. Versione 1.2. Data 04/12/2009. Autore/i

Work package 1.4. Task. Documento. Versione 1.2. Data 04/12/2009. Autore/i Next Generation Network: standard ITU-T ed ETSI ed aspetti di interconnessione e convergenza dei servizi (executive summary e raccomandazioni per future attività) Work package 1.4 Task Documento All Executive

Dettagli

MS SHAREPOINT 2003 - ADMINISTRATING SHAREPOINT SERVICES AND SHAREPOINT PORTAL SERVER 2003

MS SHAREPOINT 2003 - ADMINISTRATING SHAREPOINT SERVICES AND SHAREPOINT PORTAL SERVER 2003 MS SHAREPOINT 2003 - ADMINISTRATING SHAREPOINT SERVICES AND SHAREPOINT PORTAL SERVER 2003 [cod. E722] UN BUON MOTIVO PER L obiettivo del corso è fornire agli studenti le conoscenze e gli skill necessari

Dettagli

GARR Integrated Networking Suite

GARR Integrated Networking Suite GARR Integrated Networking Suite GARR_WS7 17/11/2006 giovanni.cesaroni@garr.it Cosa e' GINS? GINS e' una suite software il cui scopo e' l'integrazione di servizi di monitoring servizi di acquisizione statistiche

Dettagli

Infrastrutture critiche e cloud: una convergenza possibile

Infrastrutture critiche e cloud: una convergenza possibile Infrastrutture critiche e cloud: una convergenza possibile I possibili ruoli della Banca d Italia nel cloud Stefano Fabrizi Banca d Italia Unità di Supporto dell Area Risorse Informatiche e Rilevazioni

Dettagli

Progetto di servizi di presenza in scenari mobili di terza generazione

Progetto di servizi di presenza in scenari mobili di terza generazione Tesi di Laurea Progetto di servizi di presenza in scenari mobili di terza generazione Candidato: Renato Contestabile Relatore: Chiar.mo Prof. Salvatore Tucci Correlatore: Dott.ssa Giovanna De Zen Sommario

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 1

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 1 Reti di Calcolatori Sommario Un pò di storia Arpanet Da Arpanet al WWW Internet Aspetti generali di Internet Hardware di rete Software di rete Sezione 1 Un pò di storia ARPANET 1958 1969 il Dipartimento

Dettagli

Protocolli di comunicazione per HMI: dalle reti proprietarie agli standard Ethernet

Protocolli di comunicazione per HMI: dalle reti proprietarie agli standard Ethernet Insert Photo Here Protocolli di comunicazione per HMI: dalle reti proprietarie agli standard Ethernet Roberto Motta, Local Business Leader IA Davide Travaglia, Commercial Engineer View 1 L evoluzione delle

Dettagli

tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Presentazione stage per studenti triennali Università di Torino Mar 6, 2013

tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Presentazione stage per studenti triennali Università di Torino Mar 6, 2013 tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Università di Torino Mar 6, 2013 il centro di calcolo INFN Università di Torino Mar 6, 2013-2/417 Cosa facciamo a torino Ricerca tecnologica Core

Dettagli

L esperienza Enel sulla Unified Comunication & Collaboration Luigi Borrelli

L esperienza Enel sulla Unified Comunication & Collaboration Luigi Borrelli L esperienza Enel sulla Unified Comunication & Collaboration Luigi Borrelli Gennaio 2012 La presenza Enel nel Mondo Enel è presente in circa 40 paesi, 4 continenti e conta circa 80.000 dipendenti con una

Dettagli

Protocolli stratificati (Intro III Parte)

Protocolli stratificati (Intro III Parte) Protocolli stratificati (Intro III Parte) Le reti sono complesse! olte parti : host router Link su mezzi diversi protocol hardware, software Domanda: Che speranza abbiamo di organizzare la struttura della

Dettagli

Internet. Evoluzione della rete Come configurare una connessione. Internet: Storia e leggenda

Internet. Evoluzione della rete Come configurare una connessione. Internet: Storia e leggenda Internet Evoluzione della rete Come configurare una connessione Internet: Storia e leggenda La leggenda Un progetto finanziato dal Ministero della Difesa USA con lo scopo di realizzare una rete in grado

Dettagli

Open Source System Management come asset strategico per migliorare l'efficienza IT nelle aziende. Andrea di Lernia, Department Manager Würth Phoenix

Open Source System Management come asset strategico per migliorare l'efficienza IT nelle aziende. Andrea di Lernia, Department Manager Würth Phoenix Open Source System come asset strategico per migliorare l'efficienza IT nelle aziende Andrea di Lernia, Department Manager Würth Phoenix Open Source o software proprietario? il dilemma Soluzioni proprietarie?

Dettagli

THETIS Water Management System for Settignano acqueduct (Firenze, Italy) Water Management System for Settignano aqueduct (Firenze, Italy)

THETIS Water Management System for Settignano acqueduct (Firenze, Italy) Water Management System for Settignano aqueduct (Firenze, Italy) THETIS for Settignano aqueduct (Firenze, Italy) YEAR: 2003 CUSTOMERS: S.E.I.C. Srl developed the Water Monitoring System for the distribution network of Settignano Municipality Aqueduct. THE PROJECT Il

Dettagli

Microsoft Dynamics CRM Live

Microsoft Dynamics CRM Live Microsoft Dynamics CRM Live Introduction Dott. Fulvio Giaccari Product Manager EMEA Today s Discussion Product overview Product demonstration Product editions Features LiveGRID Discussion Product overview

Dettagli

I primi passi di Internet in Italia

I primi passi di Internet in Italia I primi passi di Internet in Italia Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Informatica e Telematica Via Giuseppe Moruzzi 1 - Pisa marco.sommani@iit.cnr.it Gli anni 70: l era dei teorici Abbondano

Dettagli

Capire le priorità tramite la Real User Experience

Capire le priorità tramite la Real User Experience Capire le priorità tramite la Real User Experience Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service Management secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di offrire

Dettagli

Metodologie di progettazione

Metodologie di progettazione Metodologie di progettazione 1 Metodologie di progettazione Una procedura per progettare un sistema Il flusso di progettazione può essere parzialmente o totalmente automatizzato. Un insieme di tool possono

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Reti e Internet: introduzione

Reti e Internet: introduzione Facoltà di Medicina UNIFG Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo Reti e Internet: introduzione c.gallo@unifg.it Reti e Internet: argomenti Tipologie di reti Rete INTERNET: Cenni storici e architettura

Dettagli

Fieldbus. Introduzione terminologia. Industrial network systems. A short introduction to fieldbus for industrial applications. Systems interconnection

Fieldbus. Introduzione terminologia. Industrial network systems. A short introduction to fieldbus for industrial applications. Systems interconnection Fieldbus Industrial network systems A short introduction to fieldbus for industrial applications Introduzione terminologia Systems interconnection Es. The OSI model (not mandatory) LAYER FUNCTION EXAMPLES

Dettagli

Decode NGS data: search for genetic features

Decode NGS data: search for genetic features Decode NGS data: search for genetic features Valeria Michelacci NGS course, June 2015 Blast searches What we are used to: online querying NCBI database for the presence of a sequence of interest ONE SEQUENCE

Dettagli

SC D2 Information Technology and Telecommunication. General session e SC meeting 2012

SC D2 Information Technology and Telecommunication. General session e SC meeting 2012 Information Technology and CIGRE Comitato Nazionale Italiano Riunione del 29 Ottobre 2012 General session e SC meeting 2012 Chairman Carlos Samitier(ES) Segretario Maurizio Monti(FR) Membership 24 membri

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO. Un università internazionale per il territorio

POLITECNICO DI TORINO. Un università internazionale per il territorio POLITECNICO DI TORINO Un università internazionale per il territorio I valori Leader nella cultura politecnica Nazionale ed Internazionale Reputazione Eccellenza nell istruzione superiore e la formazione

Dettagli

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org 1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org Prefazione. Da Hello World a Hello World Wide Web. Hello World è la prima frase stampata a video dal primo programma di esempio scritto

Dettagli

Venco Computer Virtual Exp. Fabrizio Moglia Presidente Venco Computer S.p.A

Venco Computer Virtual Exp. Fabrizio Moglia Presidente Venco Computer S.p.A Venco Computer Virtual Exp Fabrizio Moglia Presidente Venco Computer S.p.A Virtual OK, ma Exp??? Experience? Expert? Experiment? Expo? Exploit? Expansion? Explorer? Explosion?... Fabrizio Moglia Presidente

Dettagli

ICT e SmartGrid. Massimiliano Chiandone mchiandone@units.it

ICT e SmartGrid. Massimiliano Chiandone mchiandone@units.it ICT e SmartGrid Massimiliano Chiandone mchiandone@units.it Sommario Introduzione Nuove Architetture dei Sistemi Elettrici Motivazioni, requisiti, caratteristiche Comunicazioni Dispositivi Un esempio Applicazioni

Dettagli

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II SOA e Web Service Figure tratte dal testo di riferimento, Copyright

Dettagli

Nuovo Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica AA14-15. http://www.dis.uniroma1.it/~ccl_ii/site/

Nuovo Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica AA14-15. http://www.dis.uniroma1.it/~ccl_ii/site/ Nuovo Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica AA14-15 http://www.dis.uniroma1.it/~ccl_ii/site/ Laurea Magistrale L obiettivo della laurea magistrale in Ingegneria informatica (Master of Science

Dettagli

La rete e il World Wide Web

La rete e il World Wide Web World Wide Web: la ragnatela globale La rete e il World Wide Web Master Catagolazione AA 2009/10 Maria A. Alberti WWW (detto web, ragnatela) è la rete costituita dai server che forniscono accesso alle

Dettagli

MS WINDOWS SERVER 2008 - UPDATING YOUR NETWORK INFRASTRUCTURE AND ACTIVE DIRECTORY TECHNOLOGY SKILLS TO WINDOWS SERVER 2008

MS WINDOWS SERVER 2008 - UPDATING YOUR NETWORK INFRASTRUCTURE AND ACTIVE DIRECTORY TECHNOLOGY SKILLS TO WINDOWS SERVER 2008 MS WINDOWS SERVER 2008 - UPDATING YOUR NETWORK INFRASTRUCTURE AND ACTIVE DIRECTORY TECHNOLOGY SKILLS TO WINDOWS SERVER 2008 UN BUON MOTIVO PER [cod. E101] L obiettivo del Corso è fornire ai partecipanti

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

Domenico Costanzo Hacklab CS

Domenico Costanzo Hacklab CS Domenico Costanzo Hacklab CS Contenu( Introduzione al TCP/IP Indirizzamento Introduzione al Subnetwork IP Assignment Address resolution Modello TCP/IP Il dipartimento della difesa (DoD) creò il modello

Dettagli