AVVISO PUBBLICO PRESTITO D ONORE. (approvato con determina dirigenziale n del 20/05/2010)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AVVISO PUBBLICO PRESTITO D ONORE. (approvato con determina dirigenziale n. 1734 del 20/05/2010)"

Transcript

1 AVVISO PUBBLICO PRESTITO D ONORE (approvato con determina dirigenziale n del 20/05/2010) La Provincia di Parma ha avviato una iniziativa nell ambito del progetto Interventi Anti-Crisi ai sensi di quanto disposto dalle deliberazioni di Giunta Provinciale n. 217 del 19/03/2009 e n. 192 del 1/04/2010, in collaborazione con Fondazione Cariparma e Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza S.p.A. A tal fine è costituito in via sperimentale un Fondo unico finalizzato a concessioni di credito a favore di lavoratori colpiti dall attuale situazione di crisi economica, sia in forma di anticipazione delle indennità di integrazione al reddito, sia in forma di prestiti d onore. Esso è formato dal contributo della Fondazione Cariparma, che mette a disposizione la somma massima di Euro ,00. SI RENDE PERTANTO NOTO che è indetto un avviso pubblico per la concessione di prestiti d onore a favore di lavoratori e lavoratrici che, a partire dal 1 gennaio 2009, siano residenti in provincia di Parma, entrati in stato di disoccupazione, privi di un rapporto di lavoro e che intendano impegnarsi in misure attive per il reimpiego; sospesi in CIGS e CIGO sia a zero che non a zero ore, destinatari di Contratti di Solidarietà, sia avendo diritto ad ammortizzatori sociali (come CIGS, CIGO, indennità di mobilità, indennità di disoccupazione a requisiti pieni) sia che ne siano privi. 1

2 1. Soggetti beneficiari I soggetti che si trovino nelle seguenti condizioni: a) Lavoratori che, a causa delle forme contrattuali del precedente impiego, delle modalità di interruzione del contratto o di altri elementi relativi alla precedente occupazione, certificano di non poter accedere a schemi (di derivazione pubblica o bilaterale) di integrazione al reddito di lavoro personale, quali CIGS, CIGO, indennità di mobilità, indennità di disoccupazione a requisiti pieni. b) Lavoratori che sono in attesa di accedere (o che hanno già accesso) a indennità derivanti da cassa integrazione guadagni straordinaria a zero ore o indennità di mobilità, erogate dall Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (anche in forza di ammortizzatori in deroga, come regolati dalla recente normativa), solo a seguito di formali accordi per licenziamenti collettivi in osservanza alla l. 223/1991, anche non sottoposte a procedure concorsuali, e che non prevedano, a favore dei lavoratori sospesi o licenziati, emolumenti aggiuntivi alle somme legate al fine rapporto, come ad esempio incentivi all esodo o anticipazioni già erogate (da parte dell azienda oppure anche da soggetti esterni, quali ad esempio Casse Previdenziali di natura bilaterale già esistenti). c) Lavoratori che sono in attesa di accedere (o che hanno già accesso) a indennità derivanti da cassa integrazione guadagni ordinaria a zero ore. d) Lavoratori che sono in attesa di accedere (o che hanno già accesso) a indennità derivanti da cassa integrazione guadagni ordinaria, cassa integrazione guadagni straordinaria, non a zero ore, o contratto di solidarietà difensivo. e) Lavoratori che sono in attesa di accedere (o che hanno già accesso) a indennità di disoccupazione a requisiti pieni erogate dall Istituto Nazionale di Previdenza Sociale; f) Lavoratori che sono in attesa di accedere (o che hanno già accesso) a forme di indennità di disoccupazione a requisiti pieni erogate attraverso l Istituto Nazionale Previdenza Sociale mediante integrazioni da Enti bilaterali, già esistenti, o direttamente da questi ultimi, in forza di contratti collettivi di settore. 2

3 2. Ulteriori condizioni di accesso a) Per tutti i lavoratori indicati all articolo 1, è richiesto il possesso della residenza in provincia di Parma in data antecedente al 1 gennaio b.1) Per tutti i lavoratori indicati all articolo 1, che hanno perso il posto di lavoro, sono richieste le seguenti condizioni ulteriori: - aver effettuato l iscrizione allo stato di disoccupazione presso i Centri per l Impiego della Provincia di Parma (o ai centri per l impiego del territorio in cui essi sono domiciliati) e aver rilasciato la dichiarazione di immediata disponibilità alla ricerca di lavoro (valida al momento della presentazione delle domande) presso tali strutture, a partire dal 1 gennaio 2009; - essere privi, al momento della presentazione della domanda, di un lavoro dipendente 1 o autonomo; - aver firmato apposito impegno a partecipare a misure attive di reimpiego organizzate dall Amministrazione Provinciale, prendendo atto della possibile sospensione o interruzione dell anticipo richiesto, nel caso di non partecipazione senza giustificazione, alle attività suddette. b.2) Per i lavoratori che non hanno perso il posto di lavoro è richiesta una delle seguenti condizioni: - essere stati sospesi e ammessi ad indennità di CIGS o CIGO non prima del 1 gennaio 2009; - essere destinatari di Contratti di Solidarietà successivamente al 1 gennaio Si considera titolare di rapporto di lavoro dipendente la persona con un contratto di lavoro subordinato o parasubordinato di durata superiore a tre mesi che consenta di percepire un reddito mensile netto pari o superiore a 1000,00. Qualora la retribuzione netta mensile sia inferiore, il p.o. potrà essere ammesso o sarà ridotto in modo che il cumulo non superi 1000,00. L onere della prova relativa alla retribuzione percepita è in capo al beneficiario che dovrà presentare l ultima busta paga a pena di non ammissione o revoca del beneficio. 3

4 c) Inoltre, per tutti i lavoratori indicati all articolo 1, che hanno perso il posto di lavoro e che non sono stati posti in mobilità, sono richieste le seguenti condizioni ulteriori: - avere avuto nel biennio precedente alla data di iscrizione allo stato di disoccupazione, contratti di lavoro con vincolo di subordinazione o parasubordinazione, a tempo determinato o a tempo indeterminato, per una durata minima, anche cumulata,di 6 mesi Il prestito - Caratteristiche durata e restituzione I prestiti verranno concessi, sino ad esaurimento del Fondo Anti-Crisi, sotto forma di apertura di credito in conto corrente regolata dagli artt e segg. del c.c., 126 del d.lgs n.385/1993 e da apposito contratto con disponibilità mensili, per un massimo di cinque, ognuna pari all importo mensile massimo di 500 euro per una somma totale massima di euro. Limitatamente alle categorie di lavoratori che sono in attesa di accedere (o che già accedono) ad indennità di integrazione al reddito (di cui alle lettere b), c), d), e), f) del precedente art. 1), l eventuale cumulo fra somma a valere del prestito d onore e somma derivante da indennità mensili di ammortizzazione sociale (erogate in forma di anticipazione sociale a valere di altro apposito Avviso Pubblico dell Amministrazione Provinciale o già direttamente da Istituti Previdenziali) non può superare la somma mensile di euro. Esempio 1: un soggetto ammesso ad indennità di disoccupazione mensile netta di 400 euro complessivi, potrà chiedere una somma mensile massima a valere del prestito d onore di 500 euro, ottenendo un cumulo totale di 900 euro. Esempio 2: un soggetto ammesso ad indennità di mobilità mensile netta di 700 euro complessivi, potrà chiedere una somma mensile massima a valere del prestito d onore di 300 euro, ottenendo un cumulo complessivo di euro, pari alla soglia massima mensile di cumulo prima indicata. Lo stesso criterio si applica qualora il soggetto richiedente sia titolare di un rapporto di lavoro di durata superiore ai tre mesi che consenta di percepire un reddito mensile netto inferiore a 1000,00. In questo caso il prestito d onore sarà ammissibile nel 2 A tal fine viene considerato non il periodo effettivamente lavorato nell ambito del biennio considerato, ma la durata del contratto di lavoro in essere nel periodo di riferimento. Es. il titolare di un contratto a tempo indeterminato cessato un mese dopo l inizio del biennio di riferimento è comunque in possesso del requisito richiesto. 4

5 caso in cui il cumulo non superi 1000,00. L onere della prova relativa alla retribuzione percepita è in capo al beneficiario che dovrà presentare l ultima busta paga a pena di non ammissione o revoca del beneficio. L apertura di credito sarà resa disponibile previa istruttoria a titolo gratuito effettuata da Cariparma, con l apertura di conto corrente, presso le filiali di Cariparma, intestato al lavoratore a condizioni agevolate, senza presentazione di garanzia di alcun titolo, senza spese di tenuta conto, senza pagamento di alcun interesse e senza pagamento di spese di bollo. La linea di credito scadrà decorsi cinque mesi dalla data della sua concessione. Il richiedente deve impegnarsi a restituire le disponibilità finanziarie poste a suo nome entro un periodo massimo di 4 anni da conteggiare a partire dall avvio di un nuovo lavoro 3 dipendente o autonomo oppure dalla fine del periodo di cassa integrazione o del contratto di solidarietà, (anche prima della scadenza dei cinque mesi). In mancanza di una delle precedenti condizioni, la restituzione potrà iniziare trascorsi ulteriori 7 mesi e quindi dopo 12 mesi dall avvio della linea di credito. 4. Revoca e annullamento della linea di credito La linea di credito viene revocata, entro i cinque mesi sopraddetti: 1) per i lavoratori che hanno perso il posto di lavoro, nei casi in cui il beneficiario: - avvii un lavoro dipendente 4 o autonomo, - risulti non partecipare, senza giustificato motivo, ad una qualsiasi delle misure attive organizzate dall Amministrazione Provinciale per il reimpiego/reinserimento nel mercato del lavoro, ove previsto come condizione di accesso; 2) per i lavoratori posti in CIGS o CIGO o destinatari di Contratti di Solidarietà, nei casi in cui il periodo di sospensione o il Contratto di Solidarietà ha termine. Nel caso in cui il beneficiario risulti essere, a seguito di accertamenti svolti da parte dell Amministrazione Provinciale, in condizioni amministrative diverse da quelle formalmente dichiarate nella domanda di accesso al credito, la linea di credito verrà 3 Vedi nota 1 5

6 annullata per l intera somma concessa, compresa quella già percepita, decadendo contestualmente tutte le agevolazioni previste. 5. Esame delle richieste e controlli Le richieste vengono esaminate, secondo l ordine di arrivo, da un apposita Commissione di Istruttoria istituita presso la Provincia di Parma, che decreta l ammissibilità o meno delle richieste. Una volta completato l esame della domanda, la Commissione invia comunicazione attestante l ammissibilità al credito a favore del richiedente e provvede ad inviarne copia a Cariparma. Qualora il richiedente ammesso al prestito non benefici della prima erogazione entro 3 mesi dalla data di ammissione, decadrà automaticamente dal beneficio richiesto e, qualora interessato, dovrà presentare una nuova domanda. La Provincia di Parma, ai sensi dell art. 71 comma 1 del DPR 445/2000, effettuerà i controlli su quanto dichiarato in sede di autocertificazione e nel corso dell apertura della linea di credito, relativamente al mantenimento da parte del richiedente dei requisiti previsti dal presente bando. Nei casi accertati di falsa dichiarazione provvederà alla denuncia all Autorità Giudiziaria e al contestuale annullamento della linea di credito. Costituiscono motivo d esclusione: - le domande redatte su modulo diverso da quello previsto e quelle compilate parzialmente o in modo illeggibile; - le domande presentate da richiedenti non rientranti nelle categorie previste dal bando; - le domande presentate da persone già ammesse al prestito d onore che abbiano percepito l importo massimo previsto ( 2.500,00) e che non abbiano ancora proceduto alla restituzione dell intera somma ricevuta. 4 Vedi nota 1 6

7 La Provincia di Parma svolgerà apposito monitoraggio su richieste che possano pervenire da parte di utenze in condizioni amministrative e occupazionali non previste dal presente avviso, per valutare la possibilità di estendere i servizi previsti, mediante ulteriori avvisi pubblici, ad altre categorie di lavoratori colpiti dall attuale crisi economica. 6. Modalità e termini di presentazione delle domande Il richiedente deve presentare, a pena di esclusione, la domanda di partecipazione e la dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà, le quali devono essere debitamente compilate e firmate sugli appositi moduli, disponibili presso i Centri per l Impiego della Provincia di Parma, l Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Parma, i Patronati delle Organizzazioni Sindacali nelle sedi sotto elencate o scaricabili dal sito Alla domanda e alla dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà, devono essere allegati: - fotocopia del documento di identità in corso di validità del richiedente; - per cittadini extracomunitari, fotocopia del permesso di soggiorno o equivalente; - copia delle ultime tre buste paga del lavoratore o giustificativo dei compensi ricevuti; - ad esclusione dei lavoratori posti in Cassa Integrazione o con contratto di solidarietà e dei lavoratori all art.1 lettera a, copia della richiesta presentata ad INPS o ad altro Istituto Previdenziale per l accesso individuale alle indennità di integrazione al reddito; - eventuale copia dell accordo congiunto per l attivazione delle sospensioni collettive in Cassa Integrazione o del Contratto di Solidarietà o licenziamenti collettivi in mobilità, firmato da azienda di appartenenza e OO.SS: a valere della legge n. 223/91 e della Legge n. 863/84. Il presente bando resta vigente sino ad esaurimento delle risorse disponibili o all eventuale emanazione di un nuovo avviso pubblico. 7. Come inviare la documentazione I patronati sotto elencati avranno cura di assistere i lavoratori nella compilazione della domanda e nella raccolta degli allegati richiesti. 7

8 I lavoratori potranno inviare con RAR o consegnare a mano tutta la documentazione richiesta, in busta chiusa, alla Provincia di Parma Ufficio Protocollo Viale Martiri della Libertà, 15/a Parma. Sulla busta, oltre al mittente e al destinatario, dovrà essere riportata la seguente dicitura: Domanda per accesso a prestito d onore. I lavoratori in alternativa potranno trasmettere la domanda, personalmente o attraverso i Patronati, via fax al n , oppure attraverso invio telematico all indirizzo di Posta Elettronica Certificata: 8. Privacy I dati forniti sono coperti da segreto d ufficio e garantiti dal D. Lgs. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali). Sono pertanto utilizzati esclusivamente per la concessione del credito. Ai sensi del D. Lgs. n. 196/2003, i richiedenti prenderanno atto che la Provincia di Parma potrà richiedere agli Uffici competenti ogni eventuale atto, certificazione, informazione ritenuti utili ai fini della valutazione della domanda e del permanere dei requisiti previsti dal presente bando nel corso dell apertura della linea di credito. 9. Responsabile del procedimento Ai sensi della L. 241/90 il Responsabile del procedimento è il Dott. Gabriele Marzano Responsabile del Servizio Formazione Professionale e Politiche Attive del Lavoro 10. Per assistenza alla compilazione della domanda Per la compilazione e la consegna delle domande si segnalano i seguenti riferimenti presso i patronati: - INCA- CGIL Sede di Parma 8

9 Via Casati Confalonieri Parma Tel. 0521/ / Fax. 0521/ Sede di Fidenza Piazza Repubblica Fidenza (PR) Tel. 0524/ Fax. 0524/ Sede di Fornovo di Taro Piazza Pizzi, Fornovo di Taro Parma Tel Fax Sede di Salsomaggiore Terme Via Torino, Salsomaggiore Terme (PR) Tel. 0524/ Fax. 0524/ Sede di Fontanellato Via Brambilla, Fontanellato (PR) Tel. 0521/ Fax. 0521/ Sede di San Secondo Via C. Battisti, San Secondo Parmense (PR) Tel. 0521/ Sede di Busseto Via Roma, Busseto (PR) Tel. 0524/97477 Fax. 0524/ Sede di Noceto Via Roma, Noceto (PR) 9

10 Tel. 0521/ Fax. 0521/ Sede di Medesano Via G. Verdi, Medesano (PR) Tel. e Fax. 0525/ Sede di Borgo Val di Taro Via Bottego, Borgo Val di Taro (PR) Tel. 0525/96382 Fax. 0525/ Sede di Bedonia Piazza IV Novembre, Bedonia Tel. 0525/ Sede di Langhirano Via XX Settembre, Langhirano (PR) Tel. 0521/ Fax. 0521/ Sede di Monticelli Terme Via Verdi, Monticelli Terme (PR) Tel. e Fax. 0521/ Sede di Traversetolo Largo C. Battisti, Traversetolo (PR) Tel. e Fax. 0521/ Sede di Collecchio Via Grandi, Collecchio (PR) Tel. 0521/ Fax. 0521/

11 Sede di Sala Baganza Piazza XXV Aprile, Sala Baganza (PR) Tel. e Fax. 0521/ Sede di Felino Via Carducci, 8/b Felino (PR) Tel. e Fax. 0521/ Sede di Sorbolo Vicolo Picelli, Sorbolo (PR) Tel. 0521/ Fax. 0521/ Sede di San Polo Via Don Minzoni, 1 - San Polo di Torrile Torrile (PR) Tel. e Fax. 0521/ Sede di Colorno Piazza Caduti del Lavoro, Colorno (PR) Tel. 0521/ Fax. 0521/ Sede di Sissa Piazza Scaramuzza, 3/a Sissa (PR) Tel. 0521/ Sede di Trecasali Piazza Fontana, 2 Trecasali Tel. 0521/ CISL Sede di Parma Via Lanfranco, 21/a Parma tel

12 Sede di Fidenza Via Mazzini, 26 Fidenza PR tel Sede di Noceto Via XXV Aprile, 4 Noceto PR tel Sede di Borgo Val di Taro V. le Bottego, 12 Borgo Val di Taro PR tel Sede di Langhirano Via Mazzini,3 Langhirano PR Tel Sede di Collecchio P.za Repubblica, 2 Collecchio PR Tel Sede di Fornovo di Taro Via Rugarli, 14 Fornovo di Taro PR Tel UIL Sede di Parma Referente: Alinovi Lorella Via Bernini 5/a Parma tel Sede di Salsomaggiore Terme Referente: Irene Argenteri Via Pascoli, 3 Salsomaggiore Terme PR 12

13 tel Sede di Fidenza Referente: Rivara Marina V.lo del Tribunale, 1 Fidenza PR tel Per informazioni - Patronati (vedi al punto 10) - Centri per l Impiego : Sede di Parma Referente: Giovanna Ghirarduzzi Via Galvani, 4/a Parma Tel. 0521/ centralino:0521/ dal Lunedì al Venerdì ore Lunedì ore Giovedì orario continuato Sede di Fidenza Referente :Franca Favalesi Piazza Repubblica 20, Fidenza PR Tel centralino: dal Lunedì al Venerdì ore Lunedì e Giovedì ore Sede di Langhirano Referente: Rabaglia Stefano Via Fanti d Italia 58/6-7 Tel 0521/ dal Lunedì al Venerdì ore Lunedì e Giovedì ore Sede di Borgo Val di Taro Referente: Stefanini Maria Giovanna Via Zanrè, 2/A Borgo Val di Taro PR Tel dal Lunedì al Venerdì ore Lunedì e Giovedì ore

14 Agenzia per il Lavoro Fornovo Taro Referente: Spaggiari Mariangela P.zza Liberta, 2/B Fornovo Taro PR Tel dal Lunedì al Venerdì ore Lunedì e Giovedì ore sezione Per la tua famiglia - URP (ufficio relazioni con il pubblico) Provincia di Parma Piazzale della Pace, Parma Tel fax aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 13, il lunedì e il giovedì dalle 15 alle 17. Il Responsabile del Procedimento Dott. Gabriele Marzano 14

AVVISO PUBBLICO. PER L ACCESSO AL MICROCREDITO (approvato con determina dirigenziale n. 1956 es. l 08/07/2011)

AVVISO PUBBLICO. PER L ACCESSO AL MICROCREDITO (approvato con determina dirigenziale n. 1956 es. l 08/07/2011) Prot. n. 47845 del 11/07/2011 AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL MICROCREDITO (approvato con determina dirigenziale n. 1956 es. l 08/07/2011) Con delibera di Giunta n. 293 del 9/06/2011 la Provincia di Parma

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULLA RATEIZZAZIONE DEI PAGAMENTI UTENZE PER FAMIGLIE A RISCHIO LAVORO TRA

PROTOCOLLO D'INTESA SULLA RATEIZZAZIONE DEI PAGAMENTI UTENZE PER FAMIGLIE A RISCHIO LAVORO TRA PROTOCOLLO D'INTESA SULLA RATEIZZAZIONE DEI PAGAMENTI UTENZE PER FAMIGLIE A RISCHIO LAVORO TRA LA PROVINCIA DI PARMA, rappresentata dal Presidente della Provincia, I COMUNI di: Berceto, Bore, Borgo Val

Dettagli

Provincia di Ravenna

Provincia di Ravenna Provincia di Ravenna Bando per l assegnazione ai datori di lavoro pubblici e privati di contributi all assunzione di persone in situazione di disagio sociale e di donne prive di lavoro e per l assegnazione

Dettagli

Avviso pubblico per il sostegno al reddito delle famiglie di lavoratori in crisi a seguito emergenza economica

Avviso pubblico per il sostegno al reddito delle famiglie di lavoratori in crisi a seguito emergenza economica Avviso pubblico per il sostegno al reddito delle famiglie di lavoratori in crisi a seguito emergenza economica (Modificato con D.G.P. n. 201/60763 del 3 giugno 2009) ISTRUZIONI OPERATIVE PER LA PRESENTAZIONE

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ANTICIPAZIONE CIGS

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ANTICIPAZIONE CIGS e SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ANTICIPAZIONE CIGS Tra Comune di Mede p.zza Repubblica n. 37, Codice Fiscale e Partita Iva 00453550188, rappresentato dal.. e Cassa di Risparmio

Dettagli

FONDO DI SOLIDARIETA

FONDO DI SOLIDARIETA COMUNE DI CASTELPLANIO Provincia di Ancona Prot.n. 6369 Ufficio Servizi Sociali FONDO DI SOLIDARIETA 2009/2010 Interventi a favore delle famiglie per fronteggiare l attuale crisi economica ed occupazionale

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P. F. LAVORO E FORMAZIONE N. 243/SIM DEL 13/06/2014

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P. F. LAVORO E FORMAZIONE N. 243/SIM DEL 13/06/2014 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P. F. LAVORO E FORMAZIONE N. 243/SIM DEL 13/06/2014 Oggetto: AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO 2012-2014: APPROVAZIONE AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI

Dettagli

BANDO PER LE IMPRESE

BANDO PER LE IMPRESE BANDO PER LE IMPRESE - Interventi a sostegno dell occupazione erogazione di bonus assunzionali - lavoratori/lavoratrici in Cigs della A. Merloni in A.S. 1. FINALITA Con il presente bando, in attuazione

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunale - ORIGINALE. COMUNE DI VARANO DE MELEGARI Medaglia di Bronzo al V.M. PROVINCIA DI PARMA

Deliberazione della Giunta Comunale - ORIGINALE. COMUNE DI VARANO DE MELEGARI Medaglia di Bronzo al V.M. PROVINCIA DI PARMA Deliberazione della Giunta Comunale - ORIGINALE Delibera N. 1 in data 4.01.2013 OGGETTO: PROTOCOLLO D INTESA SULLA RATEIZZAZIONE DEI PAGAMENTI DELLE UTENZE PER LE FAMIGLIE A RISCHIO LAVORO: PROROGA AL

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale

REGIONE PUGLIA. Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale REGIONE PUGLIA Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale Codice CIFRA: LAV / DEL / 2010/ OGGETTO: Accesso al contributo regionale per il sostegno ai contratti di solidarietà difensivi. Proroga deliberazione

Dettagli

COMUNE DI SAVIGNANO SUL RUBICONE Provincia di Forlì-Cesena Il Sindaco

COMUNE DI SAVIGNANO SUL RUBICONE Provincia di Forlì-Cesena Il Sindaco MISURE STRAORDINARIE DI CONTRASTO ALLA CRISI ECONOMICA E DI SOSTEGNO AL REDDITO DEI LAVORATORI TIPOLOGIA DEGLI INTERVENTI Le misure di sostegno al reddito prendono spunto da quelle previste al vigente

Dettagli

ANTICIPAZIONE SOCIALE

ANTICIPAZIONE SOCIALE CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ANTICIPAZIONE SOCIALE PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E IN DEROGA, A ZERO ORE E A ROTAZIONE Tra Cassa di Risparmio del Veneto

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2009/2010 BANDO PROVINCIALE

ANNO SCOLASTICO 2009/2010 BANDO PROVINCIALE ANNO SCOLASTICO 2009/2010 BANDO PROVINCIALE PER L ASSEGNAZIONE DEI BUONI PER IL RIMBORSO TOTALE O PARZIALE PER L ACQUISTO DEI LIBRI DI TESTO IN USO PRESSO LE SCUOLE MEDIE INFERIORI E SUPERIORI DI ISTRUZIONE

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA RAGUSA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA RAGUSA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA RAGUSA PROGETTO MISE/UNIONCAMERE N.105/2011 REALIZZAZIONE DI SERVIZI INTEGRATI PER FAVORIRE LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI E PER IL SOSTEGNO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA CONTRO LA CRISI

REGOLAMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA CONTRO LA CRISI REGOLAMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA CONTRO LA CRISI ARTICOLO 1 OGGETTO E FINALITA Il presente Regolamento definisce i criteri e disciplina le modalità di erogazione del Fondo di Solidarietà contro la

Dettagli

Avviso pubblico per il sostegno al reddito delle famiglie di lavoratori in crisi a seguito emergenza economica

Avviso pubblico per il sostegno al reddito delle famiglie di lavoratori in crisi a seguito emergenza economica Avviso pubblico per il sostegno al reddito delle famiglie di lavoratori in crisi a seguito emergenza economica Allegato B ISTRUZIONI OPERATIVE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE Le domande vanno inviate

Dettagli

AVVISO 411/C INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DI DONNE OVER 45

AVVISO 411/C INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DI DONNE OVER 45 AVVISO 411/C Allegato A) INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DI DONNE OVER 45 1. Obiettivi e principi dell intervento In un più ampio contesto di contrasto alla crisi e al fenomeno

Dettagli

Art. 1 - FINALITA E OGGETTO Il presente bando disciplina le modalità per l'assegnazione di titoli sociali articolate su due tipologie di interventi:

Art. 1 - FINALITA E OGGETTO Il presente bando disciplina le modalità per l'assegnazione di titoli sociali articolate su due tipologie di interventi: BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEG AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN TUAZIONE DI CRI PER LA PERDITA DEL LAVORO E FONDO A SOSTEG DI PROGETTI DI VITA IN COMUNE. PREMESSA La deliberazione di Giunta n. 142/2012

Dettagli

LINEE GUIDA DOMANDE DI CIG IN DEROGA

LINEE GUIDA DOMANDE DI CIG IN DEROGA Allegato A LINEE GUIDA DOMANDE DI CIG IN DEROGA La disciplina degli ammortizzatori sociali in deroga ha la funzione di estendere gli strumenti esistenti (Cassa integrazione guadagni, mobilità e disoccupazione)

Dettagli

LINEE GUIDA DOMANDE DI CIG IN DEROGA

LINEE GUIDA DOMANDE DI CIG IN DEROGA Allegato A LINEE GUIDA DOMANDE DI CIG IN DEROGA La disciplina degli ammortizzatori sociali in deroga ha la funzione di estendere gli strumenti esistenti (Cassa integrazione guadagni, mobilità e disoccupazione)

Dettagli

Tutto ciò premesso: Convengono che:

Tutto ciò premesso: Convengono che: Premessa. Protocollo d intesa in tema di anticipazione sociale dell indennità di Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria e in Deroga per il sostegno ai lavoratori e alle imprese. La Provincia, la Camera

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO PROVINCIA DI PISTOIA

PROVINCIA DI PRATO PROVINCIA DI PISTOIA PROVINCIA DI PRATO PROVINCIA DI PISTOIA Progetto per la realizzazione di misure aggiuntive di stabilizzazione e di politica attiva del lavoro e per il sostegno delle situazioni di maggiore difficoltà in

Dettagli

AVVISO 411/E. L incentivo di cui sopra è concesso nel rispetto della regola comunitaria in regime di de minimis.

AVVISO 411/E. L incentivo di cui sopra è concesso nel rispetto della regola comunitaria in regime di de minimis. AVVISO 411/E Allegato A) INCENTIVI ALLE IMPRESE PER L ASSUNZIONE DEGLI EX DETENUTI E DEI DETENUTI CON PERMESSO AI SENSI DELL ART. 21 LEGGE N.354/75 E DEL DECRETO-LEGGE N. 78/2013 1. Obiettivi e principi

Dettagli

BANDO 2015 DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011-2013. Intervento

BANDO 2015 DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011-2013. Intervento Allegato parte integrante BANDO 2015 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO BANDO 2015 DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011-2013 V) SOSTEGNI AL REDDITO 24 ter - REDDITO DI QUALIFICAZIONE Intervento

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Provincia di Bergamo AVVISO PUBBLICO RIVOLTO ALLE IMPRESE (Invito a manifestare interesse) Domanda di accesso ai contributi

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

Protocollo per l anticipazione sociale dell indennità di Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria

Protocollo per l anticipazione sociale dell indennità di Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria Protocollo per l anticipazione sociale dell indennità di Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria Tra Provincia di Torino, con sede legale in Torino Via Maria Vittoria n. 12, codice fiscale 01907990012,

Dettagli

La Responsabile dell Area

La Responsabile dell Area BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI STRAORDINARI A SOSTEGNO DELL AFFITTO IN FAVORE DI NUCLEI FAMILIARI CON LAVORATORI COLPITI DALLA CRISI ECONOMICA La Responsabile dell Area In applicazione

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PREVISTI DAL REGOLAMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA CONTRO LA CRISI ANNO 2010

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PREVISTI DAL REGOLAMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA CONTRO LA CRISI ANNO 2010 BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PREVISTI DAL REGOLAMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA CONTRO LA CRISI ANNO 2010 Il presente bando di concorso - approvato con determinazione del sottoscritto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI AMMISSIONE AL BANDO DI EROGAZIONE DI FONDI DI BENEFICENZA

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI AMMISSIONE AL BANDO DI EROGAZIONE DI FONDI DI BENEFICENZA AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI AMMISSIONE AL BANDO DI EROGAZIONE DI FONDI DI BENEFICENZA Oggetto Il presente bando disciplina le modalità di erogazione di fondi di beneficenza finalizzati

Dettagli

BANDO N. 1/2013 DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011-2013. 24 ter - REDDITO DI QUALIFICAZIONE. Intervento

BANDO N. 1/2013 DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011-2013. 24 ter - REDDITO DI QUALIFICAZIONE. Intervento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO BANDO N. 1/2013 DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011-2013 V) SOSTEGNI AL REDDITO 24 ter - REDDITO DI QUALIFICAZIONE Intervento Erogazione di un indennità

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 05/11/2014 Circolare n. 137 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Nota informativa marzo 2014 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Provincia di Milano, Unione Confcommercio Milano, Associazioni imprenditoriali

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. per la concessione di contributi a favore delle imprese che attivano rapporti di lavoro occasionale di tipo accessorio.

AVVISO PUBBLICO. per la concessione di contributi a favore delle imprese che attivano rapporti di lavoro occasionale di tipo accessorio. COMUNE DI CESENA SETTORE PROGETTI INTEGRATI - PARTECIPAZIONE LAVORO SVILUPPO GIOVANI - UNIVERSITÀ PGN: 100669/368 Piazza del Popolo 10-47521 Cesena Tel: 0547.356592-323 Fax 0547.356519 E-mail: ravaioli_v@comune.cesena.fc.it

Dettagli

CITTA DI QUARRATA. Premessa

CITTA DI QUARRATA. Premessa Bando per l'erogazione di contributi a sostegno di progetti individuali per persone fisiche volti allo sviluppo di attività lavorativa Anno 2013 Premessa Il Comune di Quarrata assume la presente iniziativa

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA DIPARTIMENTO LAVORO E POLITICHE SOCIALI SERVIZIO LAVORO FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 P.O.R. OB. 2 Competitività Regionale E Occupazione Asse III Inclusione Sociale BANDO A SPORTELLO

Dettagli

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI PER IL TRASPORTO SCOLASTICO PER L ANNO SCOLASTICO 2013-2014

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI PER IL TRASPORTO SCOLASTICO PER L ANNO SCOLASTICO 2013-2014 Assessorato alla Scuola, Formazione Professionale, Università e Ricerca, Lavoro BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI PER IL TRASPORTO SCOLASTICO PER L ANNO SCOLASTICO 2013-2014 La Provincia di Reggio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 2013 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit Banca (di seguito

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA

AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA MOBILITÀ COLLETTIVA E' un ammortizzatore sociale per l'accompagnamento dei lavoratori licenziati per: riduzione di attività o lavoro trasformazione di attività cessazione

Dettagli

COMUNICAZIONE AI LAVORATORI DI AVVIO DELL INIZIATIVA ANTICIPAZIONE SOCIALE

COMUNICAZIONE AI LAVORATORI DI AVVIO DELL INIZIATIVA ANTICIPAZIONE SOCIALE COMUNICAZIONE AI LAVORATORI DI AVVIO DELL INIZIATIVA ANTICIPAZIONE SOCIALE 1. Descrizione e finalità dell Iniziativa. Con deliberazione n. X/1018 del 5 dicembre 2013, la Giunta della Regione Lombardia

Dettagli

AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO

AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO PROVINCIA DI PORDENONE AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO Percorsi di politica attiva del lavoro per soggetti over 50 espulsi dal sistema produttivo locale, privi di qualsiasi

Dettagli

1. INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE PERCORSI DI ECCELLENZA

1. INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE PERCORSI DI ECCELLENZA 1. INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE PERCORSI DI ECCELLENZA 3.a) Alta formazione Soggetto competente: Opera Universitaria 1. FINALITA DELL INTERVENTO L intervento ha l obiettivo di incentivare la partecipazione

Dettagli

INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA PER L ANNO 2012

INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA PER L ANNO 2012 INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA PER L ANNO 2012 Si riportano le modifiche della nuova delibera della Regione. Come anticipato nelle Newsletter 08/2012 e 10/2012, la Regione Emilia

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 23 dicembre 2009 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. PER L AMMISSIONE AL BENEFICIO DEL BANCO ALIMENTARE anno 2015 SI RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO. PER L AMMISSIONE AL BENEFICIO DEL BANCO ALIMENTARE anno 2015 SI RENDE NOTO AVVISO PUBBLICO PER L AMMISSIONE AL BENEFICIO DEL BANCO ALIMENTARE anno 015 SI RENDE NOTO Il Comune di Palma Campania, per l anno 015, continua l adesione al Progetto Condividere i bisogni per condividere

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PIANO STRAORDINARIO IN FAVORE DEI PERCETTORI DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA E PERCETTORI DI SOSTEGNO AL REDDITO

AVVISO PUBBLICO PIANO STRAORDINARIO IN FAVORE DEI PERCETTORI DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA E PERCETTORI DI SOSTEGNO AL REDDITO ALLEGATO A AVVISO PUBBLICO PIANO STRAORDINARIO IN FAVORE DEI PERCETTORI DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA E PERCETTORI DI SOSTEGNO AL REDDITO DGR n. 249 del 19/02/2013, pubblicata sul B.U.R.P. n. 41

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014 Bando aperto dal 18/02/2014 Stanziamento: 144.000,00 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL CONTRIBUTO

Dettagli

2. INSERIMENTO IN ATTIVITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA PENSIONE AVVISO INTERPROVINCIALE

2. INSERIMENTO IN ATTIVITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA PENSIONE AVVISO INTERPROVINCIALE PROVINCIA DI PRATO PROVINCIA DI PISTOIA Progetto per la realizzazione di misure aggiuntive di stabilizzazione e di politica attiva del lavoro e per il sostegno delle situazioni di maggiore difficoltà in

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

INTERVENTI MONETARI DI SOSTEGNO AL REDDITO 2009/bis

INTERVENTI MONETARI DI SOSTEGNO AL REDDITO 2009/bis SSSSSSSSSSSSSSSSSSS SSSS INTERVENTI MONETARI Destinatari: lavoratori in C.I.G. ordinaria o straordinaria o in deroga, che nel periodo dall 01/01/2009 al 31/12/2009 abbiano maturato almeno 1.032 ore o 129

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL DIRIGENTE DEL III SETTORE AFFARI SOCIALI E TURISTICO - CULTURALI RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO IL DIRIGENTE DEL III SETTORE AFFARI SOCIALI E TURISTICO - CULTURALI RENDE NOTO Allegato 1) AVVISO PUBBLICO PROGETTO CONDIVIDERE I BISOGNI PER CONDIVIDERE IL SENSO DELLA VITA PACCO ALIMENTARE FORMAZIONE DI UN ELENCO DI PERSONE BISOGNOSE RESIDENTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI POMPEI

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. 12/IFD DEL 20/02/2014

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. 12/IFD DEL 20/02/2014 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. 12/IFD DEL 20/02/2014 Oggetto: DGR n. 161/2014- Bando concessione contributo una

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale

PROVINCIA DI LECCE Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale Regione Puglia Provincia di Lecce Assessorato al Lavoro PROVINCIA DI LECCE Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale AVVISO PROVINCIALE PROGRAMMA P.A.R.I 2007 Programma d Azione per il Re-Impiego

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. 29/IFD DEL 21/03/2013

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. 29/IFD DEL 21/03/2013 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. 29/IFD DEL 21/03/2013 Oggetto: DGR 388/13- Bando per concessione contributo una

Dettagli

Sostegno alla formazione dei giovani artisti. Soggetto competente: Servizio attività culturali.

Sostegno alla formazione dei giovani artisti. Soggetto competente: Servizio attività culturali. 4.d) Sostegno alla formazione dei giovani artisti. Soggetto competente: Servizio attività culturali. 1. FINALITÀ DELL INTERVENTO L intervento ha lo scopo di sostenere la formazione dei giovani, nell ambito

Dettagli

Accordo Quadro Regionale Ammortizzatori sociali in deroga 2011

Accordo Quadro Regionale Ammortizzatori sociali in deroga 2011 DIPARTIMENTO FORMAZIONE, LAVORO, CULTURA E SPORT UFFICIO LAVORO E TERRITORIO Via Vincenzo Verrastro, 8 85100 Potenza Tel. +39 0971 666105/ Fax +39 0971 666146 Accordo Quadro Regionale Ammortizzatori sociali

Dettagli

L anno 2009, il giorno 9 del mese di Aprile, in Arezzo, presso la Sede della Provincia di Arezzo, sono presenti:

L anno 2009, il giorno 9 del mese di Aprile, in Arezzo, presso la Sede della Provincia di Arezzo, sono presenti: PROTOCOLLO D INTESA PER IL SOSTEGNO AI LAVORATORI DELLA PROVINCIA DI AREZZO CHE HANNO MATURATO IL DIRITTO ALLA CORRESPONSIONE DA PARTE DELL INPS DEL TRATTAMENTO DI MOBILITA O DI CASSA INTEGRAZIONE ORDINARIA

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI AFFITTO PER L ANNO 2015. LEGGE 431/98 ART. 11.

BANDO DI CONCORSO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI AFFITTO PER L ANNO 2015. LEGGE 431/98 ART. 11. C O M U N E D I S E N I G A L L I A BANDO DI CONCORSO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI AFFITTO PER L ANNO 2015. LEGGE 431/98 ART. 11. I L D I R I G E N T E Visti: - l art. 11 della Legge n. 431 del 9 dicembre

Dettagli

COMUNE DI PIACENZA DIREZIONE OPERATIVA SERVIZI ALLA PERSONA E AL CITTADINO SERVIZIO FAMIGLIA E TUTELA MINORI BANDO PUBBLICO

COMUNE DI PIACENZA DIREZIONE OPERATIVA SERVIZI ALLA PERSONA E AL CITTADINO SERVIZIO FAMIGLIA E TUTELA MINORI BANDO PUBBLICO COMUNE DI PIACENZA DIREZIONE OPERATIVA SERVIZI ALLA PERSONA E AL CITTADINO SERVIZIO FAMIGLIA E TUTELA MINORI BANDO PUBBLICO Per la selezione dei soggetti interessati ad accedere all'intervento di credito

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE Medaglia d oro al V.M. www.provincia.pordenone.it Largo San Giorgio, 12 33170 PORDENONE

PROVINCIA DI PORDENONE Medaglia d oro al V.M. www.provincia.pordenone.it Largo San Giorgio, 12 33170 PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE Medaglia d oro al V.M. www.provincia.pordenone.it Largo San Giorgio, 12 33170 PORDENONE Modalità e termini del procedimento per la realizzazione del progetto Microcredito rivolto

Dettagli

DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2014/15 ai sensi dell art. 4 L.R. 8-8-2001 n. 26

DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2014/15 ai sensi dell art. 4 L.R. 8-8-2001 n. 26 Assessorato Scuola, Formazione Professionale, Università e Ricerca, Lavoro SCUOLA/ENTE : prot. n. del Servizio Programmazione Rete Scolastica DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2014/15 ai sensi dell art.

Dettagli

Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati

Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Interventi di sostegno al reddito e di formazione per disoccupati privi di ammortizzatori sociali

Dettagli

CITTA DI CHIOGGIA Provincia di Venezia SETTORE SERVIZI SOCIALI

CITTA DI CHIOGGIA Provincia di Venezia SETTORE SERVIZI SOCIALI Prot. n. 19528/2009 CITTA DI CHIOGGIA Provincia di Venezia SETTORE SERVIZI SOCIALI BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AL CONTRIBUTO COMUNALE BUONO-PENDOLARI ANNO 2008 (Deliberazione C.C. n. 175/08 Deliberazione

Dettagli

Vademecum su lavoro e mobilità

Vademecum su lavoro e mobilità Fondazione Distretto HT Milano Brianza Vademecum su lavoro e mobilità Vimercate, 11 settembre 2009 Il Distretto HT per una gestione attiva della mobilità occupazionale Nelle schede allegate vengono riassunte

Dettagli

CITTÀ DI BARI Assessorato al Lavoro. Avviso pubblico

CITTÀ DI BARI Assessorato al Lavoro. Avviso pubblico CITTÀ DI BARI Assessorato al Lavoro Avviso pubblico BORSA LAVORO per tirocini formativi finalizzati allo sviluppo dell occupazione nelle imprese della provincia di Bari e riservato a giovani disoccupati

Dettagli

1. INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE L INSERIMENTO E LA PRESENZA NEL MONDO DEL LAVORO DI ALTE PROFESSIONALITA

1. INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE L INSERIMENTO E LA PRESENZA NEL MONDO DEL LAVORO DI ALTE PROFESSIONALITA 1. INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE L INSERIMENTO E LA PRESENZA NEL MONDO DEL LAVORO DI ALTE PROFESSIONALITA 2.a) Inserimento di giovani laureati e dottori di ricerca nel mercato del lavoro trentino e non,

Dettagli

Progetto VOUCHER FRIENDLY

Progetto VOUCHER FRIENDLY Progetto VOUCHER FRIENDLY AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE E L EROGAZIONE DI VOUCHER DI SERVIZIO PER LA CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E DI LAVORO. 1. OBIETTIVI E FINALITÀ L obiettivo prioritario dell

Dettagli

Quadro di sintesi normativa

Quadro di sintesi normativa Allegato n.1 Quadro di sintesi normativa Articolo 19 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 Articolo 7 ter del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO

PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Avviso pubblico relativo all inserimento lavorativo di persone disabili all interno di cooperative sociali di tipo B e loro Consorzi ed interventi di accompagnamento

Dettagli

MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI

MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI PREMESSA:...2 1 LAVORATORI IN MOBILITA, DISOCCUPATI BENEFICIARI DEL SOSTEGNO AL REDDITO, LAVORATORI SOSPESI DICHIARATI IN ESUBERO...3 2. LAVORATORI

Dettagli

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE, LAVORO, CULTURA E SPORT PROGRAMMA OPERATIVO FSE BASILICATA 2007-2013

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE, LAVORO, CULTURA E SPORT PROGRAMMA OPERATIVO FSE BASILICATA 2007-2013 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE, LAVORO, CULTURA E SPORT PROGRAMMA OPERATIVO FSE BASILICATA 2007-2013 LINEE OPERATIVE PER LA GESTIONE DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA 2011 2 LINEE OPERATIVE

Dettagli

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari BANDO DI SELEZIONE CRITERI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ANNUALITA 2013.

Dettagli

CIRCOLARE n. 32 / 2013. Regione Lombardia Provincia di Milano POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO

CIRCOLARE n. 32 / 2013. Regione Lombardia Provincia di Milano POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI COMUNALI A DATORI DI LAVORO PRIVATI A FINI DI ASSUNZIONE DI LAVORATORI Anno 2015

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI COMUNALI A DATORI DI LAVORO PRIVATI A FINI DI ASSUNZIONE DI LAVORATORI Anno 2015 D I R E Z I O N E A M B I E N T E T E R R I T O R I O E L L. P P. S E Z I O N E S P O R T E L L O U N I C O P E R L E A T T I V I T A P R O D U T T I V E Il Comune di Segrate promuove il seguente BANDO

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA

PROVINCIA DI RAVENNA AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE PER L ACCESSO INDIVIDUALE ALLA FORMAZIONE CONTINUA E PERMANENTE FINANZIATA CON LE LEGGI 36/93 E 53/00 ANNO 005 VISTI: PROVINCIA DI RAVENNA - la Legge 36/1993,

Dettagli

I benefici del presente intervento sono concessi nel limite delle risorse assegnate annualmente con deliberazione della Giunta provinciale.

I benefici del presente intervento sono concessi nel limite delle risorse assegnate annualmente con deliberazione della Giunta provinciale. 3.b) Alta formazione all estero Soggetto competente: Opera Universitaria 1. FINALITA DELL INTERVENTO L intervento ha l obiettivo di sostenere la formazione universitaria di eccellenza all estero, mettendo

Dettagli

Giovani Opportunità per Attività Lavorative

Giovani Opportunità per Attività Lavorative Fondazione per la Promozione della Cultura Professionale e dello Sviluppo Economico REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali Giovani Opportunità

Dettagli

SETTORE LAVORO. In esecuzione della determinazione dirigenziale n. 40 del 09/03/2015, si emana il seguente Avviso.

SETTORE LAVORO. In esecuzione della determinazione dirigenziale n. 40 del 09/03/2015, si emana il seguente Avviso. SETTORE LAVORO AVVISO PUBBLICO RIVOLTO A DATORI DI LAVORO PUBBLICI E PRIVATI PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI A VALERE SUL FONDO REGIONALE PER I DIVERSAMENTE ABILI FINALIZZATI ALL ATTIVAZIONE, QUALI SOGGETTI

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE Medaglia d oro al V.M. www.provincia.pordenone.it Largo San Giorgio, 12 33170 PORDENONE

PROVINCIA DI PORDENONE Medaglia d oro al V.M. www.provincia.pordenone.it Largo San Giorgio, 12 33170 PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE Medaglia d oro al V.M. www.provincia.pordenone.it Largo San Giorgio, 12 33170 PORDENONE Modalità e termini del procedimento per la realizzazione del progetto Microcredito rivolto

Dettagli

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014 Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico

Dettagli

Spett.le Provincia di Pordenone Settore Politiche Sociali Largo San Giorgio, 12 33170 PORDENONE

Spett.le Provincia di Pordenone Settore Politiche Sociali Largo San Giorgio, 12 33170 PORDENONE Spett.le Provincia di Pordenone Settore Politiche Sociali Largo San Giorgio, 12 33170 PORDENONE DOMANDA DI AMMISSIONE AL PROGETTO MICROCREDITO Il/la sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a (Prov. ), il

Dettagli

Alle riunioni è invitato a partecipare un rappresentante dell Università degli studi di Trento.

Alle riunioni è invitato a partecipare un rappresentante dell Università degli studi di Trento. 2. PROCEDIMENTO 2.1 Aspetti generali. Il coordinamento generale delle strutture competenti, nonché la verifica ed il monitoraggio degli interventi, sono espletati tramite riunioni periodiche cui partecipano:

Dettagli

AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA'

AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA' 6551 Allegato n. 1 R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA' SERVIZIO POLITICHE DI BENESSERE SOCIALE E PARI OPPORTUNITA UFFICIO POLITICHE

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N 5

AMBITO TERRITORIALE N 5 COMUNE DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto CITTA' DI CRISPIANO Provincia di Taranto AMBITO TERRITORIALE N 5 AVVISO PUBBLICO PROGRAMMA LOCALE FAMIGLIE NUMEROSE Assegnazione di bonus in favore delle famiglie

Dettagli

COMUNE DI LANCIANO Città Medaglia D Oro al V.M. Provincia di Chieti Servizio Politiche della Casa Tel. 0872/707635 fax 0872/43461

COMUNE DI LANCIANO Città Medaglia D Oro al V.M. Provincia di Chieti Servizio Politiche della Casa Tel. 0872/707635 fax 0872/43461 COMUNE DI LANCIANO Città Medaglia D Oro al V.M. Provincia di Chieti Servizio Politiche della Casa Tel. 0872/707635 fax 0872/43461 BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI COMUNALI - ANNO 2011 IL

Dettagli

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE, NASPI, DIS-COLL O MOBILITA, CHE HANNO TROVATO UN NUOVO IMPIEGO

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE, NASPI, DIS-COLL O MOBILITA, CHE HANNO TROVATO UN NUOVO IMPIEGO GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE, NASPI, DIS-COLL O MOBILITA, CHE HANNO TROVATO UN NUOVO IMPIEGO Una crisi aziendale può comportare diverse variazioni delle forme di lavoro, talvolta orientate

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA

AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA COMUNE DI SENIGALLIA AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA Deliberazione della Giunta Regionale n. 6 del 09/01/2012

Dettagli

PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO DEL LITORALE NORD

PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO DEL LITORALE NORD PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO DEL LITORALE NORD AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN REGIME DE MINIMIS ALLE IMPRESE ATTIVE NELL AREA LITORALE NORD PER LA VALORIZZAZIONE DEL FATTORE PRODUTTIVO

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE AL FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE PER CONTRASTARE LA CRISI ECONOMICA

DOMANDA DI AMMISSIONE AL FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE PER CONTRASTARE LA CRISI ECONOMICA DOMANDA DI AMMISSIONE AL FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE PER CONTRASTARE LA CRISI ECONOMICA Al SINDACO del Comune di VEDUGGIO CON COLZANO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI

Dettagli

CITTA DI QUARRATA. Premessa

CITTA DI QUARRATA. Premessa Bando per l'erogazione di contributi a sostegno di progetti individuali per persone fisiche volti allo sviluppo di attività lavorativa Anno 2014 Premessa Il Comune di Quarrata assume la presente iniziativa

Dettagli

LAV04 SOGGETTO RICHIEDENTE: REGOLAMENTO D ATTUAZIONE DEGLI ARTICOLI 29, 30, 31, 32, 33 e 48 DELLA LEGGE REGIONALE 18/2005

LAV04 SOGGETTO RICHIEDENTE: REGOLAMENTO D ATTUAZIONE DEGLI ARTICOLI 29, 30, 31, 32, 33 e 48 DELLA LEGGE REGIONALE 18/2005 AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI UDINE Piazza Patriarcato, 3 33100 UDINE AREA FUNZIONALE LAVORO, WELFARE E SVILUPPO SOCIO-ECONOMICO SERVIZIO LAVORO, COLLOCAMENTO E FORMAZIONE REGOLAMENTO D ATTUAZIONE DEGLI

Dettagli

Con Hera Comm e BPER Banca luce e gas sono speciali

Con Hera Comm e BPER Banca luce e gas sono speciali Con Hera Comm e BPER Banca luce e gas sono speciali La presente iniziativa promozionale è esente dalla comunicazione al Ministero Sviluppo Economico e della fideiussione a garanzia dei premi ai sensi del

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI

AMMORTIZZATORI SOCIALI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ammortizzatori Sociali Cosa Sono? Ammortizzatori Sociali Art. 38 I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Dettagli

COMUNE DI ROCCARAINOLA

COMUNE DI ROCCARAINOLA COMUNE DI ROCCARAINOLA BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI INTEGRATIVI PER IL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA 2014 ART. 11 LEGGE 431/1998 Questa Amministrazione, in esecuzione della

Dettagli

CONVENZIONE TRA PREMESSO

CONVENZIONE TRA PREMESSO CONVENZIONE TRA ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE (di seguito denominato INPS), nella persona di Gabriella Di Michele nata a L Aquila il 27 Febbraio 1959 e domiciliata per la carica presso INPS

Dettagli