Consiglio comunale Bormio 20 maggio 2015 Approvazione rendiconto gestione 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consiglio comunale Bormio 20 maggio 2015 Approvazione rendiconto gestione 2014"

Transcript

1 Consiglio comunale Bormio 20 maggio 2015 Approvazione rendiconto gestione 2014 Con deliberazione n.20 del 2/4/15 la giunta comunale ha approvato la relazione al conto consuntivo dell esercizio 2014; lo schema di rendiconto dell esercizio finanziario 2014, predisposto dal Servizio Economico-Finanziario è stato esaminato senza rilievi dal revisore del conto del Comune di Bormio, dott.ssa Cinzia Ferrari. Il consiglio comunale, in data odierna (20 maggio 2015), è chiamato ad approvare il rendiconto di gestione dell esercizio finanziario Il conto consuntivo dell esercizio comprende il conto di bilancio, il conto economico e il conto di patrimonio. Il conto di bilancio, che dimostra i risultati finali della gestione autorizzatoria contenuta nel bilancio comunale rispetto alle previsioni, trova il proprio fondamento nel bilancio di previsione che, per l esercizio 2014, è stato approvato con delibera del Consiglio Comunale n.28 del 29/09/2014. Il bilancio di previsione approvato prevedeva stanziamenti complessivi per un importo di Euro Successivamente, nel corso del 2014, il consiglio comunale ha approvato n.1 variazione di bilancio (30/11) per un importo totale di Euro ed ha autorizzato n.2 prelevamenti dal fondo di riserva (16/10-18/11) per un importo complessivo di Euro Tenuto conto delle suddette operazioni e dell applicazione dell avanzo di amministrazione dell esercizio 2013 (avanzo applicato per Euro ), in sede di assestamento di bilancio, le previsioni iniziali sono state aggiornate e da Euro sono passate ad Euro , come risulta dai seguenti prospetti: ENTRATE PREVISIONI INIZIALI RENDICONTO 2014 Scost. % TITOLO I - ENTRATE TRIBUTARIE , ,00-1,01% TITOLO II - ENTRATE DA TRASFERIMENTI CORRENTI , ,00 8,91% TITOLO III - ENTRATE EXTRATRIBUTARIE , ,00 3,34% TITOLO IV - ENTRATE ALIENAZ.BENI E CONTR.C/CAPITALE , ,00 11,05% TITOLO V - ENTRATE DA ACCENSIONE DI PRESTITI , ,00 0,00% TITOLO VI - ENTRATE DA SERVIZI PER CONTO DI TERZI , ,00 0,00% AVANZO DI AMMINISTRAZIONE APPLICATO , ,00 8,64% TOTALE GENERALE DELLE ENTRATE , ,00 2,02%

2 SPESE PREVISIONI INIZIALI RENDICONTO 2014 Scost. % TITOLO I - SPESE CORRENTI , ,00 1,29% TITOLO II - SPESE IN CONTO CAPITALE , ,00 7,15% TITOLO III - SPESE PER RIMBOSO PRESTITI , ,00 0,00% TITOLO IV - SPESE PER SERVIZI PER CONTO DI TERZI , ,00 0,00% TOTALE GENERALE DELLE SPESE , ,00 2,02% Le risorse finanziarie, umane e strumentali del bilancio di previsione 2014 sono state attribuite ai vari responsabili di servizio per far fronte alle esigenze gestionali e per il raggiungimento degli obiettivi fissati dall organo esecutivo. Spettano al Responsabile del servizio le assunzioni degli impegni di spesa (con proprie determinazioni) e le liquidazioni di spesa (con procedura abbreviata previa apposizione del visto di conformità sui documenti giustificativi della spesa), nonché le eventuali prenotazioni di impegno nel caso di istruttoria per bandi di gara. Il risultato della gestione si ottiene attraverso la complessa gestione di competenza che comprende anche l accertamento dei residui attivi e passivi Il risultato di amministrazione dell esercizio 2014, presenta un avanzo di Euro ,86 come risulta dai seguenti elementi : RESIDUI in conto COMPETENZA Totale Fondo cassa al 1 gennaio ,50 RISCOSSIONI , , ,09 PAGAMENTI , , ,63 Fondo cassa al 31 dicembre ,96 PAGAMENTI per azioni esecutive non regolarizzate al 31 dicembre 0,00 Differenza ,96 RESIDUI ATTIVI , , ,44 RESIDUI PASSIVI , , ,54 Differenza ,10 Avanzo (+) o Disavanzo di Amministrazione(-) al 31 dicembre ,86

3 La conciliazione tra il risultato della gestione di competenza ed il risultato di amministrazione scaturisce dai seguenti elementi : Gestione di competenza Totale accertamenti di competenza ,55 Totale impegni di competenza ,37 SALDO GESTIONE DI COMPETENZA ,18 Gestione dei residui Maggiori residui attivi riaccertati + 511,92 Minori residui attivi riaccertati ,91 Minori residui passivi riaccertati ,91 SALDO GESTIONE RESIDUI ,92 Riepilogo SALDO GESTIONE COMPETENZA ,18 SALDO GESTIONE RESIDUI ,92 AVANZO ESERCIZI PRECEDENTI APPLICATO ,00 AVANZO ESERCIZI PRECEDENTI NON APPLICATO ,76 AVANZO (DISAVANZO) DI AMMINISTRAZIONE AL ,86

4 Passiamo ora all analisi del conto del bilancio ed al confronto tra previsioni iniziali e rendiconto 2014 ENTRATE PREVISIONI INIZIALI RENDICONTO 2014 Differenza Scost. % TITOLO I - ENTRATE TRIBUTARIE , , ,00-1,01% TITOLO II - ENTRATE DA TRASFERIMENTI CORRENTI , , ,00 8,91% TITOLO III - ENTRATE EXTRATRIBUTARIE , , ,00 3,34% TITOLO IV - ENTRATE ALIENAZ.BENI E CONTR.C/CAPITALE , , ,00 11,05% TITOLO V - ENTRATE DA ACCENSIONE DI PRESTITI , ,00 0,00 0,00% TITOLO VI - ENTRATE DA SERVIZI PER CONTO DI TERZI , ,00 0,00 0,00% AVANZO DI AMMINISTRAZIONE APPLICATO , , ,00 8,64% TOTALE GENERALE DELLE ENTRATE , , ,00 2,02% SPESE PREVISIONI INIZIALI RENDICONTO 2014 Differenza Scost. % TITOLO I - SPESE CORRENTI , , ,00 1,29% TITOLO II - SPESE IN CONTO CAPITALE , , ,00 7,15% TITOLO III - SPESE PER RIMBOSO PRESTITI , ,00 0,00 0,00% TITOLO IV - SPESE PER SERVIZI PER CONTO DI TERZI , ,00 0,00 0,00% TOTALE GENERALE DELLE SPESE , , ,00 2,02% Dall analisi degli scostamenti tra le entrate e le spese inizialmente previste e quelle accertate ed impegnate si rileva : Entrate Le entrate tributarie presentano una variazione negativa di pari al 1,01% rispetto alla previsione iniziale Si rileva un incremento delle entrate relative ai trasferimenti pari ad Le entrate extra tributarie rilevano un incremento di pari al 3,34% rispetto alla previsione iniziale Le entrate da trasferimenti in c/capitale registrano un incremento del 11,05% rispetto alla previsione iniziale. Le entrate da prestiti includono la anticipazione di tesoreria per che non è stata utilizzata; si rileva inoltre che nell esercizio non sono stati accesi nuovi prestiti.

5 Spese Le spese correnti registrano un incremento del 1,29% rispetto alla previsione iniziale Le spese in conto capitale registrano un aumento del 7,15% rispetto alla previsione iniziale, per effetto di interventi deliberati e finanziati in corso d anno Trend storico della gestione di competenza ENTRATE TITOLO I - ENTRATE TRIBUTARIE , , ,30 TITOLO II - ENTRATE DA TRASFERIMENTI CORRENTI , , ,82 TITOLO III - ENTRATE EXTRATRIBUTARIE , , ,59 TITOLO IV - ENTRATE ALIENAZ.BENI E CONTR.C/CAPITALE , , ,62 TITOLO V - ENTRATE DA ACCENSIONE DI PRESTITI 0,00 0,00 0,00 TITOLO VI - ENTRATE DA SERVIZI PER CONTO DI TERZI , , ,22 TOTALE GENERALE DELLE ENTRATE , , ,55 SPESE TITOLO I - SPESE CORRENTI , , ,60 TITOLO II - SPESE IN CONTO CAPITALE , , ,05 TITOLO III - SPESE PER RIMBOSO PRESTITI , , ,50 TITOLO IV - SPESE PER SERVIZI PER CONTO DI TERZI , , ,22 TOTALE GENERALE DELLE SPESE , , ,37 Avanzo (Disavanzo) di competenza (A) , , ,18 Avanzo di amministrazione applicato (B) , , ,00 Saldo (A) + / - (B) , , ,18

6 ANALISI DELLE PRINCIPALI POSTE ENTRATE TRIBUTARIE ENTRATE Categoria I - Imposte IMU , , ,24 IMU recupero evsione I.C.I. recupero evasione , , ,57 TASI ,87 Addizionale IRPEF , , ,00 Imposta comunale sulla pubblicità , , ,10 Imposta di soggiorno , ,10 5 per mille 834,54 732,78 830,58 Altre imposte 26, ,47 0,00 TOTALE CATEGORIA I , , ,46 Categoria II - Tasse Tassa rifiuti solidi urbani , ,13 TOSAP , , ,97 TARI ,58 Altre tasse , ,73 TOTALE CATEGORIA II , , ,55 Categoria III - Tributi speciali Diritti sulle pubbliche affissioni , , ,94 Fondo sperimentale di riequilibrio , ,36 Altri tributi propri 3.253, ,17 341,35 TOTALE CATEGORIA III , , ,29 TOTALE ENTRATE TRIBUTARIE , , ,30

7 ENTRATE EXTRATRIBUTARIE ENTRATE rendiconto 2012 rendiconto 2013 rendiconto 2014 Servizi pubblici , , ,54 Proventi dei beni dell'ente , , ,96 Interessi su anticipazioni e crediti , , ,38 Utili netti delle aziende 1.745, , ,96 Proventi diversi , , ,75 TOTALE ENTRATE EXTRATRIBUTARIE , , ,59 Per quanto riguarda i servizi indispensabili (acquedotto fognatura e depurazione nettezza urbana) l ente raggiunge la copertura del 100%. CLASSIFICAZIONE DELLE SPESE CORRENTI Personale , , ,84 2 Acquisto beni di consumo e/o materie prime , , ,11 3 Prestazioni di servizi , , ,01 4 Utilizzo di beni di terzi , , ,42 5 Trasferimenti , , ,99 6 Interessi passivi e oneri finanziari diversi , , ,74 7 Imposte e tasse , , ,42 8 Oneri straordinari della gestione corrente , , ,07 TOTALE SPESE CORRENTI , , ,60 Spese per il personale Sono stati rispettati tutti i vincoli imposti dalle normative improntati al rispetto del principio di riduzione complessiva della spesa, previsto dall art.39 della legge 449/97.

8 La spesa di personale sostenuta nell anno 2014 per i singoli dipendenti, ivi compreso il trattamento economico accessorio, non supera il trattamento economico spettante per l anno 2010, come disposto dall art.9, comma 1 del D.L. 78/2010. A decorrere dall anno 2014 gli enti assicurano, nell ambito della programmazione triennale dei fabbisogni di personale, il contenimento delle spese di personale con riferimento al valore medio del triennio precedente alla data di entrata in vigore della presente disposizione anno importo , , ,13 valore medio triennio 2011/ , ,10 La Corte dei Conti sezione autonomie con deliberazione n.25/2014 ha affermato che con l introduzione del comma 557 quater all art.1 della legge 296/2006 operata dal comma 6bis dell art.3 del D.L. 90/2014 il legislatore introduce, anche per gli enti soggetti al patto di stabilità interno, un parametro temporale fisso e immutabile, individuandolo nel valore medio della spesa del triennio antecedente alla data di entrate in vigore dell art.3, comma 5 bis, del D.L. N.90/2014, ossia del triennio 2011/2013, caratterizzato da un regime vincolistico assunzionale e di spesa più restrittivo. Spese per incarichi di collaborazione autonoma L ente ha rispettato il limite massimo per incarichi di collaborazione autonoma non avendo superato le seguenti percentuali della spesa di personale risultante dal conto annuale del % con spesa di personale pari o inferiore a 5 milioni di euro - 1,1% con spesa di personale superiore a 5 milioni di euro Spese per acquisto beni, prestazione di servizi e utilizzo beni di terzi La somma impegnata per acquisto beni, prestazioni di servizi e utilizzo beni di terzi nell anno 2014 è stata ridotta rispetto alla somma impegnata nel 2013 Tipologia di spesa Rendiconto 2009 Riduzione disposta Limite Impegni 2014 Sforamento Studi e consulenza ,04 84,00% 1.888, ,65 0,00 Relazioni pubbliche, convegni, mostre, pubblicità e rappresentanza 3.095,17 80,00% 619,03 120,00 0,00 Sponsorizzazioni 0,00 100,00% 0,00 0,00 0,00 Missioni 1.602,09 50,00% 801,05 438,85 0,00 Formazione 2.737,50 50,00% 1.368,75 709,00 0,00

9 Interessi passivi e oneri finanziari diverse Le spese per interessi passivi sui prestiti, in ammortamento nell anno 2014, ammonta ad ,74 e rispetto al residuo debito al 1/1/2014 determina un tasso medio del 3,30% In rapporto alle entrate accertate nei primi tre titoli l incidenza degli interessi passivi è del 2,13%. Spese in conto capitale Le spese in conto capitale di competenza si rileva quanto segue : previsioni definitive ,00 somme impegnate ,05 Scostamento tra previsioni definitive e somme impegnate ,95 Scostamento tra previsioni definitive e somme impegnate - 9,88% Verifica del patto di stabilità interno Sono stati rispettati gli obiettivi del patto di stabilità per l anno 2014 come risultante dalla certificazione inviata in data n prot. MEF Le risultanze finali certificate, in migliaia di euro, sono le seguenti SALDO FINANZIARIO 2014 ENTRATE FINALI NETTE SPESE FINALI NETTE SALDO FINANZIARIO 572 SALDO OBIETTIVO DIFFERENZA TRA SALDO FINANZIARIO E OBIETTIVO FINALE 367

10 Gestione dei residui I residui attivi e passivi esistenti al primo gennaio 2014 sono stati correttamente ripresi dal rendiconto dell esercizio 2013; si è provveduto al riaccertamento dei residui attivi e passivi al I risultati di tale verifica sono i seguenti : RESIDUI ATTIVI Gestione Residui iniziali Residui riscossi Residui stornati Residui da riportare Percentuale di riporto Residui di competenza Totale residui accertati Titolo I , , , ,11 5,45% , ,93 Titolo II , , ,36 0,00 0,00% , ,74 Titolo III , , , ,86 23,28% , ,85 Gestione corrente , , , ,97 10,16% , ,52 Titolo IV , , , ,00 79,97% , ,00 Titolo V 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00% 0,00 0,00 Gestione capitale , , , ,00 79,97% , ,00 Servizi c/terzi Tit. VI , , ,10 797,92 1,70% 605, ,92 Totale , , , ,89 41,66% , ,44 RESIDUI PASSIVI Gestione Residui iniziali Residui riscossi Residui stornati Residui da riportare Percentuale di riporto Residui di competenza Totale residui accertati Titolo I - gest.corrente , , , ,29 11,98% , ,12 Titolo II - gest.c/capitale , , , ,16 69,54% , ,14 Titolo III - rimb.prestiti 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00% 0,00 0,00 Titolo IV - servizi c/terzi , , , ,02 22,78% , ,28 Totale , , , ,47 53,84% , ,54 In sede di riaccertamento dei residui sono stati eliminati i residui attivi e passivi insussistenti ovvero inesigibili o prescritti. La Corte dei conti Sezione delle autonomie con delibera n.4/2015, depositata il 27/2/2015, ha indicato che il rendiconto degli enti territoriali deve riacquistare la propria forza rappresentativa sul versante delle risorse di entrata rilevando esclusivamente crediti veritieri, anche se di dubbia e difficile esigibilità, opportunamente bilanciati dall apposito Fondo, al fine di un adeguata informazione sui risultati di gestione e di amministrazione degli enti, nonché sull impego dell avanzo di amministrazione per il finanziamento di spese pubbliche.

11 Requisiti indispensabili dell accertamento contabile dei residui attivi sono : - La ragione del credito - Il titolo giuridico - Il soggetto debitore - L entità del credito e la sua scadenza. La determinazione delle entrate di dubbia e difficile esazione e la conseguente svalutazione deve pertanto avere effetti sulla programmazione degli impieghi delle medesime, in termini di spesa pubblica, akl fine di tutelare l ente dal rischio di utilizzare entrate non effettive, finanziando obbligazioni passive scadute ed esigibili con entrate non disponibili e quindi finanziando il bilancio e la gestione in sostanziale situazione di disavanzo. INDEBITAMENTO L ente ha rispettato il limite di indebitamento disposto dall art.204 del T.U.E.L. (percentuale d incidenza degli interessi passivi sulle entrate correnti 2,13%) L indebitamento dell ente ha avuto la seguente evoluzione : ANNO Residuo debito , , ,17 Nuovi prestiti 0,00 0,00 0,00 Prestiti rimborsati , , ,50 Estinzioni anticipate 0,00 0,00 0,00 Altre variazioni +/- (da specificare) 0,00 0,00 0,00 TOTALE FINE ANNO , , ,67 numero abitanti al 31/ Estinzioni anticipate 1.442, , ,87 Gli oneri finanziari per ammortamento prestiti ed il rimborso degli stessi in conto capitale registra la seguente evoluzione : ANNO Oneri finanziari , , ,74 Quota capitale , , ,50 TOTALE FINE ANNO , , ,24

12 CONTO ECONOMICO Il conto economico evidenzia i componenti positivi e negativi dell attività dell ente secondo i criteri di competenza economica; il risultato economico dell esercizio si ottiene considerando la differenza tra i proventi ed i costi della gestione, i proventi e gli oneri derivanti da aziende speciali e partecipate, i proventi e gli oneri di natura finanziaria e straordinaria A Proventi della gestione , , ,44 B Costi della gestione , , ,10 Risultato della gestione , , ,34 C Proventi ed oneri da aziende speciali partecipate , , ,16 Risultato della gestione operativa , , ,18 D Proventi (+) ed oneri (-) finanziari , , ,36 E Proventi (+) ed oneri (-) straordinari , , ,16 TOTALE SPESE CORRENTI , , ,98 Il risultato economico depurato della parte finanziaria e straordinaria (area D e E) presenta un saldo di ,34 con un risultato della gestione ampiamente positivo.

13 CONTO DEL PATRIMONIO Nel conto del patrimonio sono rilevati gli elementi dell attivo e del passivo nonché le variazioni che gli elementi patrimoniali hanno subito per effetto della gestione. I valori patrimoniali al 31/12/2014 e le variazioni rispetto all anno precedente sono così riassunti : ATTIVO 31/12/2013 Variazioni da conto finanziario Variazioni da altre cause 31/12/2014 Immobilizzazioni immateriali , , ,20 Immobilizzazioni materiali , , , ,78 Immobilizzazioni finanziarie , , ,97 Totale immobilizzazioni , , , ,95 Rimanenze , ,00 Crediti , , , ,19 Altre attività finanziarie 0,00 Disponibilità liquide , , ,96 Totale attivo circolante , , , ,15 Ratei e risconti , , ,16 Totale dell'attivo , , , ,26 Conti d'ordine , , , ,14 PASSIVO 31/12/2013 Variazioni da conto finanziario Variazioni da altre cause 31/12/2014 Patrimonio netto , , ,18 Conferimenti , , , ,20 Debiti di finanziamento , , ,67 Debiti di funzionamento , , , ,12 Debiti per anticipazione di cassa 0,00 Altri debiti , , , ,28 Totale debiti , , , ,07 Ratei e risconti , , ,81 Totale del passivo , , , ,26 Conti d'ordine , , , ,14

14 OPERE PUBBLICHE FINANZIATE IN ANNI PRECEDENTI IN CORSO DI ATTUAZIONE Oltre ai lavori sopra citato sono in corso di esecuzione i seguenti lavori : - riqualificazione del parco comunale in Piazza V Alpini - manutenzione alpeggi comunali sulla base delle prescrizioni impartite dall ASL DESCRIZIONE (oggetto dell'opera) anno impegno dei fondi IMPORTO COMPLESSIVO OPERA LIQUIDATI AL 31/12/2014 FONTE DI FINANZIAMENTO LAVORI DI RECUPERO VANI ACCESSORI LATTERIA , ,00 contributo CMAV fondi propri SISTEMAZIONE VIA MONTE CRISTALLO CON DEMOLIZIONE FABBRICATO IN FREGIO AL PONTE DI COMBO , ,34 fondi propri RIFACIMENTO SOTTOSERVIZI VIA INDUSTRIE , ,00 fondi propri RIFACIMENTO SOTTOSERVIZI VIA MARNI ,00 0,00 fondi propri LAVORI DI RESTAURO CONSERVATIVO DEI LOCALI DI LAVORAZIONE DEL LATTE DELLA MALGA "ALPE STELVIO" , ,02 fondi propri REALIZZAZIONE IMPIANTO DI CONTROLLO A DISTANZA FINALIZZATO ALLA RAZIONALIZZAZIONE DEI FLUSSI DI TRAFFICO DEL PARCAMENTO DEI VEICOLI E DEL RELATIVO CONTROLLO , ,08 fondi propri e contributo statale ADEGUAMENTO RETE FOGNARIA VIA LEGHE GRIGIE , ,31 fondi propri COMPLETAMENTO COLLETTORIO FOGNARIO IN VIA SERRAVALLE , ,84 fondi propri RIFACIMENTO TRATTO ADDUTTRICE CINGLACCIA , ,12 contributi LAVORI AUTORIMESSA VIA PECCEDI , ,56 fondi propri ADEGUAMENTO ALLE NORME PER L'ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NELLA PALESTRA DELLA SCUOLA MEDIA ,00 520,00 contributo regionale - fondi propri TOTALE , ,27

15 PROVENIENZA / DESTINAZIONE AVANZO AMMINISTRAZIONE DESCRIZIONE IMPORTI IMPORTI AVANZO ,86 AVANZO DERIVANTE DA ONERI DI URBANIZZAZIONE ,01 AVANZO DERIVANTE DA ONERI DI URBANIZZAZIONE - ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE (art.15 L.R. 6/89) ,50 AVANZO DERIVANTE DA ENTRATE CONTRIBUTI MONETIZZAZIONE POSTI AUTO E AREE DI CESSIONE 3.408,65 AVANZO DERIVANTE DA CANONI DI DEPURAZIONE E FOGNATURA ,72 AVANZO DERIVANTE DA PROVENTI PARCOMETRI 5.992,50 AVANZO VINCOLATO CODICE DELLA STRADA 5.000,00 AVANZO VINCOLATO GEST.ASS.BENI PROPRIETA' COMUNI DI BORMIO - VALDISOTTO - VALFURVA - VALDIDENTRO ,18 AVANZO DA FONDO SVALUTAZIONE CREDITI (ART.6 COMMA 17 DL 95/2012) ,00 AVANZO DA ENTRATE STRAORDINARIE TITOLO ,42 AVANZO DERIVANTE DA IMPOSTA DI SOGGIORNO ,10 AVANZO CONTRIBUTO PER SUPERAMENTO ED ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN EDIFICI PRIVATI - L. 13/ ,07 TOTALE AVANZO VINCOLATO ,15 AVANZO LIBERO ,71 TOTALI , ,86

16 ADDIZIONALE COMUNALE ALL IRPEF Un operazione necessaria per poter predisporre il bilancio preventivo 2015 è quella di esaminare ed approvare la manovra tariffaria, vale a dire decidere la misura delle aliquote delle varie imposte e tasse comunali il cui gettito confluisce nel bilancio di previsione. Solo dopo aver definito le varie aliquote è possibile fare una stima delle entrate relative a queste imposte da iscrivere nel bilancio. La prima aliquota da fissare è quella dell addizionale comunale all IRPEF; la proposta della giunta è quella di confermare l aliquota applicata lo scorso anno, vale a dire lo 0,5%. Il gettito stimato in base a tale aliquota è pari ad ,00 IMU L art.1 della Legge 27/12/2013 n.147 (legge di stabilità 2014) ha previsto, al comma 639, l istituzione, a decorrere dal 1/1/2014, dell imposta comunale unica che si compone di tre distinte imposte : - IMU (già in vigore dal 2012) - TASI - TARI Nella definizione delle aliquote delle suddette imposte il margine di manovra concesso agli amministratori è praticamente nullo in conseguenza del fatto che sul gettito complessivo lo Stato allunga pesantemente la sua mano e si appropria di una grossa fetta. Il finanziamento del fondo di solidarietà comunale determina per il Comune una forte contrazione delle risorse disponibili. Come ampiamente e dettagliatamente riportato nella delibera del consiglio comunale n.19 del 8/9/14 lo stato ha recuperato, per il tramite dell Agenzia delle Entrate, nell anno 2014 l importo complessivo di ,92 per finanziare il fondo di solidarietà comunale. Per l esercizio 2015 si è aggiunta una complessa ed ulteriore riduzione di risorse disponibili; come riportato nella tabella pubblicata sul sito del ministero dell interno l importo che sarà recuperato per il tramite dell agenzia delle entrate a valere sugli incassi di competenza del Comune di Bormio per l anno 2015 è pario ad ,28. Rispetto all anno 2014 si deve pertanto registrare un ulteriore contrazione di risorse disponibili di ,36 (da ,92 ad ,28) Ci si augura che il governo non si rivolga ancora agli enti locali per coprire la voragine creatasi in seguito alla recente sentenza della corte di cassazione sulle pensioni Ciò premesso si provvede alla fissazione delle aliquote IMU e TASI Per quanto concerne il regolamento IMU la Giunta propone di confermare quello attualmente in vigore approvato con delibera del consiglio comunale n.38 del 31/10/2012 La Giunta Comunale ha già approvato lo schema di bilancio di previsione 2015 e la relazione previsionale e programmatica del bilancio pluriennale 2015/2017; i suddetti documenti sono ora all esame ed al vaglio del revisore prima di essere sottoposti all approvazione del consiglio comunale. Nello schema di bilancio sopra citato è stata iscritta la somma di ,00 a titolo di IMU. Pur consapevoli che l attuale e conclamata situazione di congiuntura economica negativa comporta grosse difficoltà per tutte le categorie economiche e per tutte le famiglie e comunque indispensabile addivenire ad una situazione di equilibrio che garantisca il mantenimento dei servizi erogati dal Comune. La proposta della Giunta è quella di confermare per l anno 2015, le aliquote IMU applicate nell anno Allegati : descrizione presupposti IMU Aliquote IMU 2015

17 TASI Per quanto concerne il regolamento TASI la Giunta propone di confermare quello attualmente in vigore approvato con delibera del consiglio comunale n.20 del 8/9/2014 Per servizi indivisibili si intendono i servizi, le prestazioni, le attività ed opere fornite dal Comune a favore della collettività non coperte da alcun tributo o tariffa la cui utilità ricade omogeneamente sull intera collettività senza possibilità di quantificare specifica ricaduta e beneficio a favore di particolari soggetti. La Legge prevede che il Consiglio Comunale deve approvare le aliquote della TASI in conformità con i servizi indivisibili individuati con l indicazione analitica, per ciascuno di tali servizi, dei relativi costi alla cui copertura è diretta la TASI. Nello schema di bilancio di previsione 2015, approvato dalla Giunta, al finanziamento della spesa corrente (maggiorata della quota di restituzione della parte capitale sui prestiti), la cui somma è stata stimata in ,00 concorrono le seguenti entrate : ,00 (+) entrate correnti (compreso IMU) ,00 (-) risorse correnti per finanziamento investimenti ,00 (+) applicazione quota parte dell avanzo di amministrazione relativo al fondo svalutazione crediti per un totale di ,00 di risorse disponibili. Sulla base di questi dati il bilancio di parte corrente presenterebbe uno squilibrio di ,00 che la Giunta Comunale propone di finanziare con il gettito TASI da destinare a parziale finanziamento dei seguenti servizi indivisibili: DESCRIZIONE SERVIZI IMPORTO Gestione dei servizi relativi all'anagrafe della popolazione, stato civile, elettorale, leva e statistica ,00 Gestione del servizio relativo alle funzioni di Polizia locale ,00 Gestione del servizio relativo all'illuminazione pubblica ,00 Gestione del servizio relativo alla viabilità, circolazione e servizi connessi, sgombero neve Gestione del servizio relativo ai parchi e servizi per la tutela ambientale del verde, altri servizi territoriali e ambientali - cura del verde pubblico , ,00 IMPORTO COMPLESSIVO ,00 Allegati : descrizione presupposti TASI Aliquote TASI 2015

Fondo di cassa al 1 gennaio 2014 1.011.260,72 RISCOSSIONI 1.683.690,95 6.906.050,22 8.589.741,17 PAGAMENTI 1.460.826,64 6.853.212,88 8.314.

Fondo di cassa al 1 gennaio 2014 1.011.260,72 RISCOSSIONI 1.683.690,95 6.906.050,22 8.589.741,17 PAGAMENTI 1.460.826,64 6.853.212,88 8.314. RENDICONTO ANNO 2014 DATI RIEPILOGATIVI: RESIDUI In conto COMPETENZA Fondo di cassa al 1 gennaio 2014 1.011.260,72 RISCOSSIONI 1.683.690,95 6.906.050,22 8.589.741,17 PAGAMENTI 1.460.826,64 6.853.212,88

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

Comune di Cermenate. Relazione al Rendiconto esercizio 2013

Comune di Cermenate. Relazione al Rendiconto esercizio 2013 Comune di Cermenate Relazione al Rendiconto esercizio 2013 1 Gestione finanziaria RESIDUI In conto COMPETENZA Totale Fondo di cassa al 1 gennaio 2013 651.836,65 Riscossioni 1.988.202,33 6.567.464,69 8.555.667,02

Dettagli

COMUNE DI REGGIOLO. Provincia di REGGIO EMILIA

COMUNE DI REGGIOLO. Provincia di REGGIO EMILIA COMUNE DI REGGIOLO Provincia di REGGIO EMILIA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLO SCHEMA DI RENDICONTO PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2010 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE Dott. Valerio Fantini Comune di

Dettagli

COMUNE DI ZANICA PROT 7817 DEL 26/06/2015 COMUNE DI ZANICA Provincia di Bergamo PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 20152017 E DOCUMENTI ALLEGATI CNDCEC ANCREL 2015

Dettagli

UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012

UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI Verbale n. 04 Sig. Presidente, Sigg. Consiglieri, RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 Il Revisore ha esaminato nel giorno 02 aprile 2013,

Dettagli

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE ( 174 20/11/2012) Oggetto: VARIAZIONE AL BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 - ASSESTAMENTO GENERALE DI BILANCIO Premesso: IL - che con iberazione Consiglio Comunale n. 56 26/07/2012

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI MESERO Provincia di Milano PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2012 del

Dettagli

VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO

VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Verbale n. 2/2014 VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Il giorno 18 del mese di aprile dell anno 2014 alle ore 10,15 il sottoscritto Dott. Damiano

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNITA MONTANA ESINO-FRASASSI Provincia di Ancona PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Rag.Floriano Flori Parere dell

Dettagli

Agenzia Speciale APOF- IL

Agenzia Speciale APOF- IL Agenzia Speciale APOF- IL Provincia di Potenza Relazione dell organo di revisione sulle proposte di bilancio di previsione 2012 e di bilancio pluriennale 2012_2014 con i relativi documenti allegati L organo

Dettagli

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO ARMONIZZATO Il Comune di Sesto San Giovanni ha aderito, con deliberazione di Giunta n. 291 del 24 settembre 2013, ai sensi dell art.36 del D.Lgs.n.118/2011, come modificato

Dettagli

Comune di Rodengo Saiano

Comune di Rodengo Saiano Comune di Rodengo Saiano RELAZIONE DELLA GIUNTA AL 2013 Prospetti di confronto e considerazioni sul Rendiconto dell esercizio 2013 Analisi dei dati di rendiconto Risultato economico e Stato patrimoniale

Dettagli

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO Albo Pretorio online n. Registro Pubblicazione pubblicato il C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE O G G E T T O ORIGINALE N. Approvazione

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 COMUNE DI MARSICOVETERE Provincia di Potenza PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE F.to DOTT. MARIO BRANCALE Comune di

Dettagli

RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012. Il Revisore unico di ATERSIR

RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012. Il Revisore unico di ATERSIR RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 Il Revisore unico di ATERSIR Preso in esame lo schema di rendiconto per l esercizio 2012 proposto dal Direttore dell AGENZIA composto e corredato dai seguenti

Dettagli

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Consiglio Comunale, 13 agosto 2015 VERSO UNO SCHEMA DI BILANCIO ARMONIZZATO.. L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI IL QUADRO NORMATIVO

Dettagli

Comune di CINISI Collegio dei Revisori

Comune di CINISI Collegio dei Revisori Comune di CINISI Collegio dei Revisori Verbale n 18 del 13122013 PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 Il Collegio dei Revisori Premesso che l'organo di revisione nelle riunioni in data 11-12-13 del mese

Dettagli

28/07/2014. In collaborazione con. www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo delle Stelline

28/07/2014. In collaborazione con. www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo delle Stelline il BILANCIO dell Ente Locale e i vincoli del PATTO di STABILITA interno In collaborazione con 26 luglio 2014 / MILANO MILANO, Palazzo delle Stelline www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo

Dettagli

RELAZIONE DI INIZIO MANDATO

RELAZIONE DI INIZIO MANDATO C o m u n e d i C i v i d a l e d e l F r i u l i RELAZIONE DI INIZIO MANDATO Sindaco Stefano Balloch Proclamazione 01/06/2015 L art. 4 bis del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 149, prevede l obbligo

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI _MOLINO DEI TORTI Provincia di _Alessandria PARERE DEL REVISORE DEI CONTI SULLA PROPOSTA DI: riapprovazione BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI Espresso il _07/07/2014 Richiesta

Dettagli

COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari. Il Servizio Finanziario

COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari. Il Servizio Finanziario COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari Il Servizio Finanziario ESERCIZIO 2011 Relazione tecnica predisposta dal Responsabile del Servizio Finanziario. Ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi

Dettagli

LA RELAZIONE CONTABILE

LA RELAZIONE CONTABILE LA RELAZIONE CONTABILE Struttura del Bilancio di Previsione Il bilancio di previsione comunale è il documento di indirizzo politicofinanziario con il quale il Consiglio Comunale, su proposta della Giunta,

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FUSIGNANO RENDICONTO ESERCIZIO 2013. Conto economico Stato patrimoniale Prospetto di concilazione

COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FUSIGNANO RENDICONTO ESERCIZIO 2013. Conto economico Stato patrimoniale Prospetto di concilazione COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FUSIGNANO RENDICONTO ESERCIZIO 2013 Conto economico Stato patrimoniale Prospetto di concilazione CONTO ECONOMICO STATO PATRIMONIALE TIT. I - ENTRATE TRIBUTARIE

Dettagli

COMUNE DI PARABIAGO. Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013

COMUNE DI PARABIAGO. Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013 COMUNE DI PARABIAGO Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013 Relazione al Rendiconto della Gestione - anno 2013 Pagina 137 di 195 Relazione Tecnica al Conto del Bilancio -

Dettagli

COMUNE DI RAMACCA (Provincia di Catania)

COMUNE DI RAMACCA (Provincia di Catania) COMUNE DI RAMACCA (Provincia di Catania) Allegato alla delibera della Giunta Municipale n. 41 del 20.05.2015 OGGETTO: Relazione illustrativa dei dati consuntivi dell esercizio finanziario 2014 Atteso che

Dettagli

IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI

IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI CINZIA SIMEONE 1 STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE: 1) DEFINIZIONE 2) IL FONDO PLURIENNALE NEL BILANCIO 3) IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE 4)

Dettagli

COMUNE DI FORMIGNANA. (Provincia di Ferrara)

COMUNE DI FORMIGNANA. (Provincia di Ferrara) COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) VERBALE N. 4 DEL 3 APRILE 2014 Il giorno tre del mese di aprile dell anno duemilaquattordici, alle ore 15,00 il Revisore dei Conti: Dott.ssa Angela Caselli,

Dettagli

Relazione al bilancio di previsione Comune di Spilamberto (MO)

Relazione al bilancio di previsione Comune di Spilamberto (MO) febbraio 9 Relazione al bilancio di previsione 2015 Comune di Spilamberto (MO) 1. Il bilancio Il Bilancio di Previsione è il documento di programmazione e controllo dell'ente; deve assolvere contemporaneamente

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 COMUNE DI CARBONERA Provincia di Treviso PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE MICHIELON dott. Guido Comune di Carbonera

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Allegato PR PROVINCIA DI SAVONA BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Dott.ssa Patrizia Gozzi A cura del Servizio Bilancio e Programmazione Finanziaria Il Dirigente

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI CAMPI SALENTINA Provincia di Lecce PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Dott. Giovanni La Verde Comune di Campi

Dettagli

Bilancio di Previsione esercizio finanziario 2014

Bilancio di Previsione esercizio finanziario 2014 Bilancio di Previsione esercizio finanziario 2014 La scadenza ordinaria per l approvazione del bilancio di previsione è stabilita al 31 dicembre di ogni anno (art. 151 del D. Lgs. n. 267/2000). Entro tale

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 4 L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA POTENZIATA (ottobre 2014) PRESENTAZIONE:

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 COMUNE DI NOVARA Provincia di NOVARA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI IL COLLEGIO DEI REVISORI Mariella Comazzi (Presidente) Alessandra

Dettagli

Sommario. 1. Verifica pareggio finanziario ed equivalenza dei servizi per c/terzi

Sommario. 1. Verifica pareggio finanziario ed equivalenza dei servizi per c/terzi Sommario Comune di Casagiove VERIFICHE PRELIMINARI VERIFICHE DEGLI EQUILIBRI EQUILIBRI GESTIONE DELL ESERCIZIO 2014 AVVIO DELLA ARMONIZZAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2015 1. Verifica pareggio finanziario

Dettagli

Sommario. Verifiche preliminari. Verifica degli equilibri - Gestione 2009 - A. Bilancio di previsione 2010 - B. Bilancio pluriennale

Sommario. Verifiche preliminari. Verifica degli equilibri - Gestione 2009 - A. Bilancio di previsione 2010 - B. Bilancio pluriennale Sommario Verifiche preliminari Verifica degli equilibri - Gestione 2009 - A. Bilancio di previsione 2010 - B. Bilancio pluriennale Verifica coerenza delle previsioni - Coerenza interna - Coerenza esterna

Dettagli

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese)

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2010 L ORGANO DI REVISIONE Pasquale rag. Pizzi L ORGANO DI REVISIONE nella Sede Comunale, nel giorno 09/03/2011 ESAMINATI

Dettagli

Provincia di Vercelli PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI

Provincia di Vercelli PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI COMUNE di VILLATA Provincia di Vercelli PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Rag. Daniele Curri 1 Comune di VILLATA Verbale

Dettagli

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2011 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2011 2013. * * * * * * * * * *

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE UNICO BONINI DR. DANIELE Parere dell Organo

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2011

BILANCIO DI PREVISIONE 2011 COMUNE DI Lanciano Provincia di Chieti PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2011 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Dott.ssa Francesca AIMOLA Dott. Luigi Alfredo

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 COMUNE DI SAN POLO D ENZA Provincia di Reggio Emilia PARERE DEL REVISORE UNICO SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE UNICO Marina Chiaravalli Sommario VERIFICHE

Dettagli

Comune di Maddaloni Provincia di Caserta Piazza Matteotti, 9 C.A.P. 81024 cod Fisc: 80004330611 Partita IVA 00136920618

Comune di Maddaloni Provincia di Caserta Piazza Matteotti, 9 C.A.P. 81024 cod Fisc: 80004330611 Partita IVA 00136920618 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE/2013 Delibera n. 36 del 25/07/2013 Oggetto: Approvazione dell ipotesi di Bilancio stabilmente riequilibrato 2012 della Relazione e Programmatica e del Bilancio Pluriennale

Dettagli

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8.1 IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il prospetto di conciliazione dimostra l avvenuta trasposizione delle rilevazioni di sintesi della contabilità finanziaria

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E PLURIENNALE 2014-2016

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E PLURIENNALE 2014-2016 BILANCIO DI PREVIONE 2014 E PLURIENNALE 2014-2016 Elementi obbligatori che costituiscono il contenuto minimo del parere redatto dall organo di revisione economico-finanziaria ai sensi dell articolo 43

Dettagli

Le condizioni per lindebitamento delle Regioni

Le condizioni per lindebitamento delle Regioni Le condizioni per lindebitamento delle Regioni A cura di Onelio Pignatti Firenze, 26 febbraio 2016 1 Lindebitamento nella Costituzione Art. 97 Costituzione Le pubbliche amministrazioni, in coerenza con

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI SURBO Provincia di Lecce PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Comune di Surbo Collegio dei Revisori Verbale

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE UNICO Nadia Monari Parere dell Organo di Revisione

Dettagli

Comune di Almenno San Salvatore

Comune di Almenno San Salvatore Comune di Almenno San Salvatore Provincia di Bergamo 035/6320211 - FAX 035/643041 Piazza San Salvatore, 11 C. F. 00533860169 PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2014

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 COMUNE DI FRANCAVILLA FONTANA Provincia di Brindisi PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI CNDCEC -ANCREL 2015 L ORGANO DI REVISIONE Presidente

Dettagli

Relazione dell organo di revisione

Relazione dell organo di revisione COMUNE DI COSTA MASNAGA Provincia di LECCO Relazione dell organo di revisione - sulla proposta di deliberazione consiliare del rendiconto della gestione 2011 - sullo schema di rendiconto per l esercizio

Dettagli

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Bilancio di Previsione 2009 e Pluriennale Triennio 2009 2011 (B. U. Regione Basilicata N. 60 del 29 dicembre 2008) Articolo 1 Stato di Previsione dell Entrata 1.

Dettagli

Dopo l approvazione del bilancio sono state apportate allo stesso variazioni con i seguenti atti deliberativi:

Dopo l approvazione del bilancio sono state apportate allo stesso variazioni con i seguenti atti deliberativi: COMUNE DI CAVAGNOLO PROVINCIA DI TORINO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2 0 1 2 La presentazione del conto consuntivo è uno dei momenti più importanti della vita amministrativa di un Comune; è l atto di

Dettagli

Fare i conti per il patto e con il patto. Porto Sant Elpidio, Villa Baruchello, li 13/04/2012 Dott. Roberto Petrucci Dott.ssa Claudia Petrelli

Fare i conti per il patto e con il patto. Porto Sant Elpidio, Villa Baruchello, li 13/04/2012 Dott. Roberto Petrucci Dott.ssa Claudia Petrelli Fare i conti per il patto e con il patto Porto Sant Elpidio, Villa Baruchello, li 13/04/2012 Dott. Roberto Petrucci Dott.ssa Claudia Petrelli Il calcolo dell obiettivo La media triennale Le percentuali

Dettagli

Indice. il contesto. i tagli. le tasse comunali. le linee guida. il bilancio

Indice. il contesto. i tagli. le tasse comunali. le linee guida. il bilancio Indice il contesto i tagli le tasse comunali le linee guida il bilancio 02 La crisi: meno risorse, meno investimenti, più domanda di servizi 03 La finanza dei comuni dal 2008 ad oggi: meno risorse, meno

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 COMUNE DI UMBERTIDE Provincia di Perugia PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Dott. Baldoni Stefano Dott. Pici Paolo

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2006

BILANCIO DI PREVISIONE 2006 COMUNE DI MONTE SANT ANGELO Provincia di Foggia PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2006 E DOCUMENTI ALLEGATI L organo di revisione Dott. Matteo Frattaruolo Dott. Rosario

Dettagli

VERIFICHE PRELIMINARI

VERIFICHE PRELIMINARI COMUNE DI TAGGIA PROVINCIA DI IMPERIA **** PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E DOCUMENTI ALLEGATI **** REVISORE UNICO Marco Rossi Commercialista Revisore Contabile Pubblicista

Dettagli

* * * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * * * CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale: Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2009 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2009 2011. * * * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato

Dettagli

COMUNE DI FRANCAVILLA IN SINNI CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1

COMUNE DI FRANCAVILLA IN SINNI CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1 Residui conservati N. di Conto del tesoriere Determinazione dei Maggiori o e stanziamenti riferimento residui minori CODICE DESCRIZIONE definitivi allo Riscossioni

Dettagli

Comune di Villa Guardia. Bilancio preventivo 2004

Comune di Villa Guardia. Bilancio preventivo 2004 Comune di Villa Guardia Bilancio preventivo Entrate Quadro generale riassuntivo Spese Titolo I: Entrate tributarie 2.345.977,46 Titolo I: Spese correnti 3.626.368,07 Titolo II: Entrate da contributi e

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 5 Il riaccertamento straordinario e il fondo pluriennale vincolato (ottobre 2014) STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE:

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di Lecce PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI 1 Comune di Salice Salentino Il Revisore unico Verbale n.38 del 07/08/2015

Dettagli

Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2009 del Comune di Corinaldo 1

Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2009 del Comune di Corinaldo 1 Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2009 del Comune di Corinaldo 1 ! "!#!!$!%"!&!"'()*)! " # $%!&# '()( * " ( +,-.# '(((+"(/#! 01 %2!& # 0 2 ' #! '! 2 3! 2" % 2!( ) Parere dell Organo

Dettagli

Provincia di Cosenza

Provincia di Cosenza Provincia di Cosenza SCHEMA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE DI INIZIO MANDATO ANNO 2014 (articolo 4-bis del d.lgs. del 6 settembre 2011, n. 149) Premessa La presente relazione viene redatta ai sensi dell

Dettagli

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8.1 IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il prospetto di conciliazione dimostra l avvenuta trasposizione delle rilevazioni di sintesi della contabilità finanziaria

Dettagli

COMUNE DI GATTATICO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI GATTATICO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI GATTATICO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 (punto 9.3 del principio della programmazione, allegato al DPCM 23/12/2011) CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI

Dettagli

Consuntivo 2010. Documenti allegati

Consuntivo 2010. Documenti allegati Consuntivo 2010 Consuntivo 2010 Documenti allegati Relazione dei revisori dei conti Elenco dei residui attivi e passivi distinti per anno di provenienza Conto del Bilancio Conto economico Conto Patrimoniale

Dettagli

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Linee generali Il bilancio di previsione 2012 si caratterizza proprio per un forte elemento «previsionale», legato ai recenti interventi legislativi

Dettagli

2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI 2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La tabella sottostante riporta l indebitamento globale del Comune, suddiviso per soggetto finanziatore e tipologia di contratto, con

Dettagli

Comune di BOSCOTRECASE BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2015 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1

Comune di BOSCOTRECASE BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2015 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI DI COMPETENZA AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 61.562,42 61.562,42 61.562,42 di cui: VINCOLATO 61.562,42 NON VINCOLATO 61.562,42

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI NUORO Provincia di Nuoro PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Vincenzo Carta Piero Giorgio Pira Giorgio Iocca

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 COMUNE DI CASTIONE della PRESOLANA Provincia di Bergamo RELAZIONE DEL REVISORE DEI CONTI SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI Dott.ssa Asmara Ziboni Il Revisore dei conti

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI -2017 1 PREMESSE Per gli enti che adottano la contabilità finanziaria potenziata, ai sensi del D. Lgs. n. 118/2011, la nota integrativa al bilancio di previsione costituisce

Dettagli

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 SOMMARIO

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 SOMMARIO Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 Preambolo SOMMARIO Art. 1 Art. 2 - Bilancio annuale - Bilancio pluriennale Art. 3 - Allegati ex art.

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 COMUNE DI CASTELGUGLIELMO Provincia di Rovigo PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE L 'organo di revisione, Comune di

Dettagli

Comune della Spezia Ufficio dei Revisori dei Conti Verbale n. 48/2010

Comune della Spezia Ufficio dei Revisori dei Conti Verbale n. 48/2010 Comune della Spezia Ufficio dei Revisori dei Conti Verbale n. 48/2010 La Spezia 17 novembre 2010 Si è riunito in data odierna il Collegio dei Revisori del Comune della Spezia. Il Collegio è formato da:

Dettagli

Articolo 227 Rendiconto della gestione

Articolo 227 Rendiconto della gestione TITOLO VI DLGS 267/200 RILEVAZIONE E DIMOSTRAZIONE DEI RISULTATI DI GESTIONE Articolo 227 Rendiconto della gestione 1. La dimostrazione dei risultati di gestione avviene mediante il rendiconto, il quale

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE ALLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2011 E DOCUMENTI ALLEGATI L organo di revisione Prof.ssa Anna Paris Dott. Marco Fossi Dott.

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 UNIONE RENO GALLIERA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE 1 VERIFICHE PRELIMINARI Il giorno 09 del mese di dicembre

Dettagli

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio 3^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Relatore: Dr. PiersanteFabio Guida operativa D.Lgs. 118/2011 per l anno 2015 Enti NON Sperimentatori Riaccertamento dei residui e Gestione esigibilità

Dettagli

L anno duemilaquattordici, il giorno otto del mese di aprile nella sede comunale, IL RESPONSABILE DEL II SETTORE RISORSE STRATEGICHE

L anno duemilaquattordici, il giorno otto del mese di aprile nella sede comunale, IL RESPONSABILE DEL II SETTORE RISORSE STRATEGICHE Albo Pretorio online n. 621 Registro Pubblicazione Pubblicato il 09/04/2014 SETTORE II RISORSE STRATEGICHE Servizio Economico Finanziario UFFICIO SEGRETERIA GENERALE DETERMINAZIONE n. 20 DEL 08/04/2014

Dettagli

Assessorato al Bilancio RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2015. Consuntivo 2015 Pag. 1

Assessorato al Bilancio RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2015. Consuntivo 2015 Pag. 1 Assessorato al Bilancio RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2015 Consuntivo 2015 Pag. 1 Relazione illustrativa della Giunta al Rendiconto Esercizio 2015 Premessa L esercizio 2015 si conclude

Dettagli

PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI

PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI 1 PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA PER L'ESERCIZIO 2013 E RELATIVI ALLEGATI IL COLLEGIO DEI

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI di concerto con la

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione Presentazione Rendiconto della Gestione 2007 1 IL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2007 Come sono stati spesi i soldi dei cittadini di Rovigo nel 2007 1. La popolazione* nell ultimo triennio Abitanti al 31.12.2005

Dettagli

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile Capitolo 3: La programmazione 111 soggiace ai limiti degli stanziamenti indicati nell ultimo bilancio approvato, ove esistano. L ultimo comma dell art. 163 disciplina l ipotesi in cui la scadenza del termine

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 COMUNE DI MOZZANICA Provincia di Bergamo PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Dott. Francesco Bonfanti Comune di Mozzanica

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA Premessa Il principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio (allegato 4/1 del d.lgs. 118/2011) prevede, per gli enti che adottano

Dettagli

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 Comune di Livorno D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 1 Il nuovo Ciclo di Programmazione Programma di governo (locale) Finalità Politiche Programmi/Progetti Obiettivi di gestione Indirizzi di finanza

Dettagli

COMUNE DI MONTIANO. Relazione di Giunta al Rendiconto 2013

COMUNE DI MONTIANO. Relazione di Giunta al Rendiconto 2013 COMUNE DI MONTIANO Relazione di Giunta al Rendiconto 2013 PARTE 1 Aprile 2014 - Introduzione 2 - Quadro previsioni definitive B. P. 2013.....6 - Quadro confronto entrate correnti 2012-2013..7 - Quadro

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017 (PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO art. 9.3 lettera m) La nota integrativa è un documento allegato al Bilancio di Previsione

Dettagli

COMUNE DI MAGIONE Provincia di Perugia NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017

COMUNE DI MAGIONE Provincia di Perugia NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 COMUNE DI MAGIONE Provincia di Perugia NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 PREMESSA La presente nota integrativa viene redatta ai sensi di quanto previsto dall allegato n. 4/1 Principio

Dettagli

ENTRATE CORRENTI Di seguito si riportano le risorse e gli andamenti relativi alle Entrate correnti dell ultimo triennio.

ENTRATE CORRENTI Di seguito si riportano le risorse e gli andamenti relativi alle Entrate correnti dell ultimo triennio. 1 LE RISORSE ECONOMICO FINANZIARIE Obiettivi Riduzione indebitamento Ente. Mantenimento parametri Patto Stabilità. Miglioramento tempi di pagamento alle imprese e attivazione procedure di cui al D.L. 35/2013.

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2013

BILANCIO DI PREVISIONE 2013 COMUNE DI EMPOLI Provincia di Firenze PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E DOCUMENTI ALLEGATI Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2013

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 COMUNE DI AMALFI Provincia di Salerno PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI Prot.n.77/rag del 23/07/2015 L ORGANO DI REVISIONE Dott. Antonio

Dettagli

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010 COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (TRAPANI) Relazione sullo stato di realizzazione dell attività programmata nell anno 2010 1 - LA LETTURA DEI RISULTATI DELLA GESTIONE 1.1 - Il risultato della gestione di competenza

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI BICINICCO Provincia di Udine PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Dott. Mauro Vidrigh Parere dell Organo di

Dettagli