Consiglio comunale Bormio 20 maggio 2015 Approvazione rendiconto gestione 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consiglio comunale Bormio 20 maggio 2015 Approvazione rendiconto gestione 2014"

Transcript

1 Consiglio comunale Bormio 20 maggio 2015 Approvazione rendiconto gestione 2014 Con deliberazione n.20 del 2/4/15 la giunta comunale ha approvato la relazione al conto consuntivo dell esercizio 2014; lo schema di rendiconto dell esercizio finanziario 2014, predisposto dal Servizio Economico-Finanziario è stato esaminato senza rilievi dal revisore del conto del Comune di Bormio, dott.ssa Cinzia Ferrari. Il consiglio comunale, in data odierna (20 maggio 2015), è chiamato ad approvare il rendiconto di gestione dell esercizio finanziario Il conto consuntivo dell esercizio comprende il conto di bilancio, il conto economico e il conto di patrimonio. Il conto di bilancio, che dimostra i risultati finali della gestione autorizzatoria contenuta nel bilancio comunale rispetto alle previsioni, trova il proprio fondamento nel bilancio di previsione che, per l esercizio 2014, è stato approvato con delibera del Consiglio Comunale n.28 del 29/09/2014. Il bilancio di previsione approvato prevedeva stanziamenti complessivi per un importo di Euro Successivamente, nel corso del 2014, il consiglio comunale ha approvato n.1 variazione di bilancio (30/11) per un importo totale di Euro ed ha autorizzato n.2 prelevamenti dal fondo di riserva (16/10-18/11) per un importo complessivo di Euro Tenuto conto delle suddette operazioni e dell applicazione dell avanzo di amministrazione dell esercizio 2013 (avanzo applicato per Euro ), in sede di assestamento di bilancio, le previsioni iniziali sono state aggiornate e da Euro sono passate ad Euro , come risulta dai seguenti prospetti: ENTRATE PREVISIONI INIZIALI RENDICONTO 2014 Scost. % TITOLO I - ENTRATE TRIBUTARIE , ,00-1,01% TITOLO II - ENTRATE DA TRASFERIMENTI CORRENTI , ,00 8,91% TITOLO III - ENTRATE EXTRATRIBUTARIE , ,00 3,34% TITOLO IV - ENTRATE ALIENAZ.BENI E CONTR.C/CAPITALE , ,00 11,05% TITOLO V - ENTRATE DA ACCENSIONE DI PRESTITI , ,00 0,00% TITOLO VI - ENTRATE DA SERVIZI PER CONTO DI TERZI , ,00 0,00% AVANZO DI AMMINISTRAZIONE APPLICATO , ,00 8,64% TOTALE GENERALE DELLE ENTRATE , ,00 2,02%

2 SPESE PREVISIONI INIZIALI RENDICONTO 2014 Scost. % TITOLO I - SPESE CORRENTI , ,00 1,29% TITOLO II - SPESE IN CONTO CAPITALE , ,00 7,15% TITOLO III - SPESE PER RIMBOSO PRESTITI , ,00 0,00% TITOLO IV - SPESE PER SERVIZI PER CONTO DI TERZI , ,00 0,00% TOTALE GENERALE DELLE SPESE , ,00 2,02% Le risorse finanziarie, umane e strumentali del bilancio di previsione 2014 sono state attribuite ai vari responsabili di servizio per far fronte alle esigenze gestionali e per il raggiungimento degli obiettivi fissati dall organo esecutivo. Spettano al Responsabile del servizio le assunzioni degli impegni di spesa (con proprie determinazioni) e le liquidazioni di spesa (con procedura abbreviata previa apposizione del visto di conformità sui documenti giustificativi della spesa), nonché le eventuali prenotazioni di impegno nel caso di istruttoria per bandi di gara. Il risultato della gestione si ottiene attraverso la complessa gestione di competenza che comprende anche l accertamento dei residui attivi e passivi Il risultato di amministrazione dell esercizio 2014, presenta un avanzo di Euro ,86 come risulta dai seguenti elementi : RESIDUI in conto COMPETENZA Totale Fondo cassa al 1 gennaio ,50 RISCOSSIONI , , ,09 PAGAMENTI , , ,63 Fondo cassa al 31 dicembre ,96 PAGAMENTI per azioni esecutive non regolarizzate al 31 dicembre 0,00 Differenza ,96 RESIDUI ATTIVI , , ,44 RESIDUI PASSIVI , , ,54 Differenza ,10 Avanzo (+) o Disavanzo di Amministrazione(-) al 31 dicembre ,86

3 La conciliazione tra il risultato della gestione di competenza ed il risultato di amministrazione scaturisce dai seguenti elementi : Gestione di competenza Totale accertamenti di competenza ,55 Totale impegni di competenza ,37 SALDO GESTIONE DI COMPETENZA ,18 Gestione dei residui Maggiori residui attivi riaccertati + 511,92 Minori residui attivi riaccertati ,91 Minori residui passivi riaccertati ,91 SALDO GESTIONE RESIDUI ,92 Riepilogo SALDO GESTIONE COMPETENZA ,18 SALDO GESTIONE RESIDUI ,92 AVANZO ESERCIZI PRECEDENTI APPLICATO ,00 AVANZO ESERCIZI PRECEDENTI NON APPLICATO ,76 AVANZO (DISAVANZO) DI AMMINISTRAZIONE AL ,86

4 Passiamo ora all analisi del conto del bilancio ed al confronto tra previsioni iniziali e rendiconto 2014 ENTRATE PREVISIONI INIZIALI RENDICONTO 2014 Differenza Scost. % TITOLO I - ENTRATE TRIBUTARIE , , ,00-1,01% TITOLO II - ENTRATE DA TRASFERIMENTI CORRENTI , , ,00 8,91% TITOLO III - ENTRATE EXTRATRIBUTARIE , , ,00 3,34% TITOLO IV - ENTRATE ALIENAZ.BENI E CONTR.C/CAPITALE , , ,00 11,05% TITOLO V - ENTRATE DA ACCENSIONE DI PRESTITI , ,00 0,00 0,00% TITOLO VI - ENTRATE DA SERVIZI PER CONTO DI TERZI , ,00 0,00 0,00% AVANZO DI AMMINISTRAZIONE APPLICATO , , ,00 8,64% TOTALE GENERALE DELLE ENTRATE , , ,00 2,02% SPESE PREVISIONI INIZIALI RENDICONTO 2014 Differenza Scost. % TITOLO I - SPESE CORRENTI , , ,00 1,29% TITOLO II - SPESE IN CONTO CAPITALE , , ,00 7,15% TITOLO III - SPESE PER RIMBOSO PRESTITI , ,00 0,00 0,00% TITOLO IV - SPESE PER SERVIZI PER CONTO DI TERZI , ,00 0,00 0,00% TOTALE GENERALE DELLE SPESE , , ,00 2,02% Dall analisi degli scostamenti tra le entrate e le spese inizialmente previste e quelle accertate ed impegnate si rileva : Entrate Le entrate tributarie presentano una variazione negativa di pari al 1,01% rispetto alla previsione iniziale Si rileva un incremento delle entrate relative ai trasferimenti pari ad Le entrate extra tributarie rilevano un incremento di pari al 3,34% rispetto alla previsione iniziale Le entrate da trasferimenti in c/capitale registrano un incremento del 11,05% rispetto alla previsione iniziale. Le entrate da prestiti includono la anticipazione di tesoreria per che non è stata utilizzata; si rileva inoltre che nell esercizio non sono stati accesi nuovi prestiti.

5 Spese Le spese correnti registrano un incremento del 1,29% rispetto alla previsione iniziale Le spese in conto capitale registrano un aumento del 7,15% rispetto alla previsione iniziale, per effetto di interventi deliberati e finanziati in corso d anno Trend storico della gestione di competenza ENTRATE TITOLO I - ENTRATE TRIBUTARIE , , ,30 TITOLO II - ENTRATE DA TRASFERIMENTI CORRENTI , , ,82 TITOLO III - ENTRATE EXTRATRIBUTARIE , , ,59 TITOLO IV - ENTRATE ALIENAZ.BENI E CONTR.C/CAPITALE , , ,62 TITOLO V - ENTRATE DA ACCENSIONE DI PRESTITI 0,00 0,00 0,00 TITOLO VI - ENTRATE DA SERVIZI PER CONTO DI TERZI , , ,22 TOTALE GENERALE DELLE ENTRATE , , ,55 SPESE TITOLO I - SPESE CORRENTI , , ,60 TITOLO II - SPESE IN CONTO CAPITALE , , ,05 TITOLO III - SPESE PER RIMBOSO PRESTITI , , ,50 TITOLO IV - SPESE PER SERVIZI PER CONTO DI TERZI , , ,22 TOTALE GENERALE DELLE SPESE , , ,37 Avanzo (Disavanzo) di competenza (A) , , ,18 Avanzo di amministrazione applicato (B) , , ,00 Saldo (A) + / - (B) , , ,18

6 ANALISI DELLE PRINCIPALI POSTE ENTRATE TRIBUTARIE ENTRATE Categoria I - Imposte IMU , , ,24 IMU recupero evsione I.C.I. recupero evasione , , ,57 TASI ,87 Addizionale IRPEF , , ,00 Imposta comunale sulla pubblicità , , ,10 Imposta di soggiorno , ,10 5 per mille 834,54 732,78 830,58 Altre imposte 26, ,47 0,00 TOTALE CATEGORIA I , , ,46 Categoria II - Tasse Tassa rifiuti solidi urbani , ,13 TOSAP , , ,97 TARI ,58 Altre tasse , ,73 TOTALE CATEGORIA II , , ,55 Categoria III - Tributi speciali Diritti sulle pubbliche affissioni , , ,94 Fondo sperimentale di riequilibrio , ,36 Altri tributi propri 3.253, ,17 341,35 TOTALE CATEGORIA III , , ,29 TOTALE ENTRATE TRIBUTARIE , , ,30

7 ENTRATE EXTRATRIBUTARIE ENTRATE rendiconto 2012 rendiconto 2013 rendiconto 2014 Servizi pubblici , , ,54 Proventi dei beni dell'ente , , ,96 Interessi su anticipazioni e crediti , , ,38 Utili netti delle aziende 1.745, , ,96 Proventi diversi , , ,75 TOTALE ENTRATE EXTRATRIBUTARIE , , ,59 Per quanto riguarda i servizi indispensabili (acquedotto fognatura e depurazione nettezza urbana) l ente raggiunge la copertura del 100%. CLASSIFICAZIONE DELLE SPESE CORRENTI Personale , , ,84 2 Acquisto beni di consumo e/o materie prime , , ,11 3 Prestazioni di servizi , , ,01 4 Utilizzo di beni di terzi , , ,42 5 Trasferimenti , , ,99 6 Interessi passivi e oneri finanziari diversi , , ,74 7 Imposte e tasse , , ,42 8 Oneri straordinari della gestione corrente , , ,07 TOTALE SPESE CORRENTI , , ,60 Spese per il personale Sono stati rispettati tutti i vincoli imposti dalle normative improntati al rispetto del principio di riduzione complessiva della spesa, previsto dall art.39 della legge 449/97.

8 La spesa di personale sostenuta nell anno 2014 per i singoli dipendenti, ivi compreso il trattamento economico accessorio, non supera il trattamento economico spettante per l anno 2010, come disposto dall art.9, comma 1 del D.L. 78/2010. A decorrere dall anno 2014 gli enti assicurano, nell ambito della programmazione triennale dei fabbisogni di personale, il contenimento delle spese di personale con riferimento al valore medio del triennio precedente alla data di entrata in vigore della presente disposizione anno importo , , ,13 valore medio triennio 2011/ , ,10 La Corte dei Conti sezione autonomie con deliberazione n.25/2014 ha affermato che con l introduzione del comma 557 quater all art.1 della legge 296/2006 operata dal comma 6bis dell art.3 del D.L. 90/2014 il legislatore introduce, anche per gli enti soggetti al patto di stabilità interno, un parametro temporale fisso e immutabile, individuandolo nel valore medio della spesa del triennio antecedente alla data di entrate in vigore dell art.3, comma 5 bis, del D.L. N.90/2014, ossia del triennio 2011/2013, caratterizzato da un regime vincolistico assunzionale e di spesa più restrittivo. Spese per incarichi di collaborazione autonoma L ente ha rispettato il limite massimo per incarichi di collaborazione autonoma non avendo superato le seguenti percentuali della spesa di personale risultante dal conto annuale del % con spesa di personale pari o inferiore a 5 milioni di euro - 1,1% con spesa di personale superiore a 5 milioni di euro Spese per acquisto beni, prestazione di servizi e utilizzo beni di terzi La somma impegnata per acquisto beni, prestazioni di servizi e utilizzo beni di terzi nell anno 2014 è stata ridotta rispetto alla somma impegnata nel 2013 Tipologia di spesa Rendiconto 2009 Riduzione disposta Limite Impegni 2014 Sforamento Studi e consulenza ,04 84,00% 1.888, ,65 0,00 Relazioni pubbliche, convegni, mostre, pubblicità e rappresentanza 3.095,17 80,00% 619,03 120,00 0,00 Sponsorizzazioni 0,00 100,00% 0,00 0,00 0,00 Missioni 1.602,09 50,00% 801,05 438,85 0,00 Formazione 2.737,50 50,00% 1.368,75 709,00 0,00

9 Interessi passivi e oneri finanziari diverse Le spese per interessi passivi sui prestiti, in ammortamento nell anno 2014, ammonta ad ,74 e rispetto al residuo debito al 1/1/2014 determina un tasso medio del 3,30% In rapporto alle entrate accertate nei primi tre titoli l incidenza degli interessi passivi è del 2,13%. Spese in conto capitale Le spese in conto capitale di competenza si rileva quanto segue : previsioni definitive ,00 somme impegnate ,05 Scostamento tra previsioni definitive e somme impegnate ,95 Scostamento tra previsioni definitive e somme impegnate - 9,88% Verifica del patto di stabilità interno Sono stati rispettati gli obiettivi del patto di stabilità per l anno 2014 come risultante dalla certificazione inviata in data n prot. MEF Le risultanze finali certificate, in migliaia di euro, sono le seguenti SALDO FINANZIARIO 2014 ENTRATE FINALI NETTE SPESE FINALI NETTE SALDO FINANZIARIO 572 SALDO OBIETTIVO DIFFERENZA TRA SALDO FINANZIARIO E OBIETTIVO FINALE 367

10 Gestione dei residui I residui attivi e passivi esistenti al primo gennaio 2014 sono stati correttamente ripresi dal rendiconto dell esercizio 2013; si è provveduto al riaccertamento dei residui attivi e passivi al I risultati di tale verifica sono i seguenti : RESIDUI ATTIVI Gestione Residui iniziali Residui riscossi Residui stornati Residui da riportare Percentuale di riporto Residui di competenza Totale residui accertati Titolo I , , , ,11 5,45% , ,93 Titolo II , , ,36 0,00 0,00% , ,74 Titolo III , , , ,86 23,28% , ,85 Gestione corrente , , , ,97 10,16% , ,52 Titolo IV , , , ,00 79,97% , ,00 Titolo V 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00% 0,00 0,00 Gestione capitale , , , ,00 79,97% , ,00 Servizi c/terzi Tit. VI , , ,10 797,92 1,70% 605, ,92 Totale , , , ,89 41,66% , ,44 RESIDUI PASSIVI Gestione Residui iniziali Residui riscossi Residui stornati Residui da riportare Percentuale di riporto Residui di competenza Totale residui accertati Titolo I - gest.corrente , , , ,29 11,98% , ,12 Titolo II - gest.c/capitale , , , ,16 69,54% , ,14 Titolo III - rimb.prestiti 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00% 0,00 0,00 Titolo IV - servizi c/terzi , , , ,02 22,78% , ,28 Totale , , , ,47 53,84% , ,54 In sede di riaccertamento dei residui sono stati eliminati i residui attivi e passivi insussistenti ovvero inesigibili o prescritti. La Corte dei conti Sezione delle autonomie con delibera n.4/2015, depositata il 27/2/2015, ha indicato che il rendiconto degli enti territoriali deve riacquistare la propria forza rappresentativa sul versante delle risorse di entrata rilevando esclusivamente crediti veritieri, anche se di dubbia e difficile esigibilità, opportunamente bilanciati dall apposito Fondo, al fine di un adeguata informazione sui risultati di gestione e di amministrazione degli enti, nonché sull impego dell avanzo di amministrazione per il finanziamento di spese pubbliche.

11 Requisiti indispensabili dell accertamento contabile dei residui attivi sono : - La ragione del credito - Il titolo giuridico - Il soggetto debitore - L entità del credito e la sua scadenza. La determinazione delle entrate di dubbia e difficile esazione e la conseguente svalutazione deve pertanto avere effetti sulla programmazione degli impieghi delle medesime, in termini di spesa pubblica, akl fine di tutelare l ente dal rischio di utilizzare entrate non effettive, finanziando obbligazioni passive scadute ed esigibili con entrate non disponibili e quindi finanziando il bilancio e la gestione in sostanziale situazione di disavanzo. INDEBITAMENTO L ente ha rispettato il limite di indebitamento disposto dall art.204 del T.U.E.L. (percentuale d incidenza degli interessi passivi sulle entrate correnti 2,13%) L indebitamento dell ente ha avuto la seguente evoluzione : ANNO Residuo debito , , ,17 Nuovi prestiti 0,00 0,00 0,00 Prestiti rimborsati , , ,50 Estinzioni anticipate 0,00 0,00 0,00 Altre variazioni +/- (da specificare) 0,00 0,00 0,00 TOTALE FINE ANNO , , ,67 numero abitanti al 31/ Estinzioni anticipate 1.442, , ,87 Gli oneri finanziari per ammortamento prestiti ed il rimborso degli stessi in conto capitale registra la seguente evoluzione : ANNO Oneri finanziari , , ,74 Quota capitale , , ,50 TOTALE FINE ANNO , , ,24

12 CONTO ECONOMICO Il conto economico evidenzia i componenti positivi e negativi dell attività dell ente secondo i criteri di competenza economica; il risultato economico dell esercizio si ottiene considerando la differenza tra i proventi ed i costi della gestione, i proventi e gli oneri derivanti da aziende speciali e partecipate, i proventi e gli oneri di natura finanziaria e straordinaria A Proventi della gestione , , ,44 B Costi della gestione , , ,10 Risultato della gestione , , ,34 C Proventi ed oneri da aziende speciali partecipate , , ,16 Risultato della gestione operativa , , ,18 D Proventi (+) ed oneri (-) finanziari , , ,36 E Proventi (+) ed oneri (-) straordinari , , ,16 TOTALE SPESE CORRENTI , , ,98 Il risultato economico depurato della parte finanziaria e straordinaria (area D e E) presenta un saldo di ,34 con un risultato della gestione ampiamente positivo.

13 CONTO DEL PATRIMONIO Nel conto del patrimonio sono rilevati gli elementi dell attivo e del passivo nonché le variazioni che gli elementi patrimoniali hanno subito per effetto della gestione. I valori patrimoniali al 31/12/2014 e le variazioni rispetto all anno precedente sono così riassunti : ATTIVO 31/12/2013 Variazioni da conto finanziario Variazioni da altre cause 31/12/2014 Immobilizzazioni immateriali , , ,20 Immobilizzazioni materiali , , , ,78 Immobilizzazioni finanziarie , , ,97 Totale immobilizzazioni , , , ,95 Rimanenze , ,00 Crediti , , , ,19 Altre attività finanziarie 0,00 Disponibilità liquide , , ,96 Totale attivo circolante , , , ,15 Ratei e risconti , , ,16 Totale dell'attivo , , , ,26 Conti d'ordine , , , ,14 PASSIVO 31/12/2013 Variazioni da conto finanziario Variazioni da altre cause 31/12/2014 Patrimonio netto , , ,18 Conferimenti , , , ,20 Debiti di finanziamento , , ,67 Debiti di funzionamento , , , ,12 Debiti per anticipazione di cassa 0,00 Altri debiti , , , ,28 Totale debiti , , , ,07 Ratei e risconti , , ,81 Totale del passivo , , , ,26 Conti d'ordine , , , ,14

14 OPERE PUBBLICHE FINANZIATE IN ANNI PRECEDENTI IN CORSO DI ATTUAZIONE Oltre ai lavori sopra citato sono in corso di esecuzione i seguenti lavori : - riqualificazione del parco comunale in Piazza V Alpini - manutenzione alpeggi comunali sulla base delle prescrizioni impartite dall ASL DESCRIZIONE (oggetto dell'opera) anno impegno dei fondi IMPORTO COMPLESSIVO OPERA LIQUIDATI AL 31/12/2014 FONTE DI FINANZIAMENTO LAVORI DI RECUPERO VANI ACCESSORI LATTERIA , ,00 contributo CMAV fondi propri SISTEMAZIONE VIA MONTE CRISTALLO CON DEMOLIZIONE FABBRICATO IN FREGIO AL PONTE DI COMBO , ,34 fondi propri RIFACIMENTO SOTTOSERVIZI VIA INDUSTRIE , ,00 fondi propri RIFACIMENTO SOTTOSERVIZI VIA MARNI ,00 0,00 fondi propri LAVORI DI RESTAURO CONSERVATIVO DEI LOCALI DI LAVORAZIONE DEL LATTE DELLA MALGA "ALPE STELVIO" , ,02 fondi propri REALIZZAZIONE IMPIANTO DI CONTROLLO A DISTANZA FINALIZZATO ALLA RAZIONALIZZAZIONE DEI FLUSSI DI TRAFFICO DEL PARCAMENTO DEI VEICOLI E DEL RELATIVO CONTROLLO , ,08 fondi propri e contributo statale ADEGUAMENTO RETE FOGNARIA VIA LEGHE GRIGIE , ,31 fondi propri COMPLETAMENTO COLLETTORIO FOGNARIO IN VIA SERRAVALLE , ,84 fondi propri RIFACIMENTO TRATTO ADDUTTRICE CINGLACCIA , ,12 contributi LAVORI AUTORIMESSA VIA PECCEDI , ,56 fondi propri ADEGUAMENTO ALLE NORME PER L'ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NELLA PALESTRA DELLA SCUOLA MEDIA ,00 520,00 contributo regionale - fondi propri TOTALE , ,27

15 PROVENIENZA / DESTINAZIONE AVANZO AMMINISTRAZIONE DESCRIZIONE IMPORTI IMPORTI AVANZO ,86 AVANZO DERIVANTE DA ONERI DI URBANIZZAZIONE ,01 AVANZO DERIVANTE DA ONERI DI URBANIZZAZIONE - ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE (art.15 L.R. 6/89) ,50 AVANZO DERIVANTE DA ENTRATE CONTRIBUTI MONETIZZAZIONE POSTI AUTO E AREE DI CESSIONE 3.408,65 AVANZO DERIVANTE DA CANONI DI DEPURAZIONE E FOGNATURA ,72 AVANZO DERIVANTE DA PROVENTI PARCOMETRI 5.992,50 AVANZO VINCOLATO CODICE DELLA STRADA 5.000,00 AVANZO VINCOLATO GEST.ASS.BENI PROPRIETA' COMUNI DI BORMIO - VALDISOTTO - VALFURVA - VALDIDENTRO ,18 AVANZO DA FONDO SVALUTAZIONE CREDITI (ART.6 COMMA 17 DL 95/2012) ,00 AVANZO DA ENTRATE STRAORDINARIE TITOLO ,42 AVANZO DERIVANTE DA IMPOSTA DI SOGGIORNO ,10 AVANZO CONTRIBUTO PER SUPERAMENTO ED ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN EDIFICI PRIVATI - L. 13/ ,07 TOTALE AVANZO VINCOLATO ,15 AVANZO LIBERO ,71 TOTALI , ,86

16 ADDIZIONALE COMUNALE ALL IRPEF Un operazione necessaria per poter predisporre il bilancio preventivo 2015 è quella di esaminare ed approvare la manovra tariffaria, vale a dire decidere la misura delle aliquote delle varie imposte e tasse comunali il cui gettito confluisce nel bilancio di previsione. Solo dopo aver definito le varie aliquote è possibile fare una stima delle entrate relative a queste imposte da iscrivere nel bilancio. La prima aliquota da fissare è quella dell addizionale comunale all IRPEF; la proposta della giunta è quella di confermare l aliquota applicata lo scorso anno, vale a dire lo 0,5%. Il gettito stimato in base a tale aliquota è pari ad ,00 IMU L art.1 della Legge 27/12/2013 n.147 (legge di stabilità 2014) ha previsto, al comma 639, l istituzione, a decorrere dal 1/1/2014, dell imposta comunale unica che si compone di tre distinte imposte : - IMU (già in vigore dal 2012) - TASI - TARI Nella definizione delle aliquote delle suddette imposte il margine di manovra concesso agli amministratori è praticamente nullo in conseguenza del fatto che sul gettito complessivo lo Stato allunga pesantemente la sua mano e si appropria di una grossa fetta. Il finanziamento del fondo di solidarietà comunale determina per il Comune una forte contrazione delle risorse disponibili. Come ampiamente e dettagliatamente riportato nella delibera del consiglio comunale n.19 del 8/9/14 lo stato ha recuperato, per il tramite dell Agenzia delle Entrate, nell anno 2014 l importo complessivo di ,92 per finanziare il fondo di solidarietà comunale. Per l esercizio 2015 si è aggiunta una complessa ed ulteriore riduzione di risorse disponibili; come riportato nella tabella pubblicata sul sito del ministero dell interno l importo che sarà recuperato per il tramite dell agenzia delle entrate a valere sugli incassi di competenza del Comune di Bormio per l anno 2015 è pario ad ,28. Rispetto all anno 2014 si deve pertanto registrare un ulteriore contrazione di risorse disponibili di ,36 (da ,92 ad ,28) Ci si augura che il governo non si rivolga ancora agli enti locali per coprire la voragine creatasi in seguito alla recente sentenza della corte di cassazione sulle pensioni Ciò premesso si provvede alla fissazione delle aliquote IMU e TASI Per quanto concerne il regolamento IMU la Giunta propone di confermare quello attualmente in vigore approvato con delibera del consiglio comunale n.38 del 31/10/2012 La Giunta Comunale ha già approvato lo schema di bilancio di previsione 2015 e la relazione previsionale e programmatica del bilancio pluriennale 2015/2017; i suddetti documenti sono ora all esame ed al vaglio del revisore prima di essere sottoposti all approvazione del consiglio comunale. Nello schema di bilancio sopra citato è stata iscritta la somma di ,00 a titolo di IMU. Pur consapevoli che l attuale e conclamata situazione di congiuntura economica negativa comporta grosse difficoltà per tutte le categorie economiche e per tutte le famiglie e comunque indispensabile addivenire ad una situazione di equilibrio che garantisca il mantenimento dei servizi erogati dal Comune. La proposta della Giunta è quella di confermare per l anno 2015, le aliquote IMU applicate nell anno Allegati : descrizione presupposti IMU Aliquote IMU 2015

17 TASI Per quanto concerne il regolamento TASI la Giunta propone di confermare quello attualmente in vigore approvato con delibera del consiglio comunale n.20 del 8/9/2014 Per servizi indivisibili si intendono i servizi, le prestazioni, le attività ed opere fornite dal Comune a favore della collettività non coperte da alcun tributo o tariffa la cui utilità ricade omogeneamente sull intera collettività senza possibilità di quantificare specifica ricaduta e beneficio a favore di particolari soggetti. La Legge prevede che il Consiglio Comunale deve approvare le aliquote della TASI in conformità con i servizi indivisibili individuati con l indicazione analitica, per ciascuno di tali servizi, dei relativi costi alla cui copertura è diretta la TASI. Nello schema di bilancio di previsione 2015, approvato dalla Giunta, al finanziamento della spesa corrente (maggiorata della quota di restituzione della parte capitale sui prestiti), la cui somma è stata stimata in ,00 concorrono le seguenti entrate : ,00 (+) entrate correnti (compreso IMU) ,00 (-) risorse correnti per finanziamento investimenti ,00 (+) applicazione quota parte dell avanzo di amministrazione relativo al fondo svalutazione crediti per un totale di ,00 di risorse disponibili. Sulla base di questi dati il bilancio di parte corrente presenterebbe uno squilibrio di ,00 che la Giunta Comunale propone di finanziare con il gettito TASI da destinare a parziale finanziamento dei seguenti servizi indivisibili: DESCRIZIONE SERVIZI IMPORTO Gestione dei servizi relativi all'anagrafe della popolazione, stato civile, elettorale, leva e statistica ,00 Gestione del servizio relativo alle funzioni di Polizia locale ,00 Gestione del servizio relativo all'illuminazione pubblica ,00 Gestione del servizio relativo alla viabilità, circolazione e servizi connessi, sgombero neve Gestione del servizio relativo ai parchi e servizi per la tutela ambientale del verde, altri servizi territoriali e ambientali - cura del verde pubblico , ,00 IMPORTO COMPLESSIVO ,00 Allegati : descrizione presupposti TASI Aliquote TASI 2015

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 Comune di Villafranca Padovana Provincia di Padova RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 a cura della Giunta Comunale art. 151, comma 6 e art. 231 D.Lgs.267/2000 Pag. 1 1. IL CONTESTO PREMESSA Il

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE 3 luglio 2014 Sommario Premessa... 5 Sintesi dei risultati e conclusioni... 6 I risultati principali... 7 Conclusioni... 10 Il

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE COMUNE DI GONARS PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE La relazione al rendiconto in sintesi Contenuto e logica espositiva 1 Programmazione, gestione e controllo 2 Il rendiconto finanziario

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Il Bilancio dello Stato: aspetti teorici, principali documenti di contabilità pubblica e procedure di spesa

Il Bilancio dello Stato: aspetti teorici, principali documenti di contabilità pubblica e procedure di spesa Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II Il Bilancio dello Stato: aspetti teorici, principali documenti di contabilità pubblica

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

DELLA REGIONE SICILIANA

DELLA REGIONE SICILIANA Supplemento ordinario n. 1 alla GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA (p. I) n. 20 del 15 maggio 2015 (n. 16) GAZZETTA LEGGE 7 maggio 2015, n. 9. REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE SICILIANA LEGGI

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

DECRETO FINANZA LOCALE

DECRETO FINANZA LOCALE Dossier n. 37 Ufficio Documentazione e Studi 23 aprile 2014 DECRETO FINANZA LOCALE Con questo provvedimento si apportano alcune correzioni alla legge di stabilità 2014 e al TUEL (Testo Unico degli Enti

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli