UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012"

Transcript

1 UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI Verbale n. 04 Sig. Presidente, Sigg. Consiglieri, RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 Il Revisore ha esaminato nel giorno 02 aprile 2013, con la collaborazione del dott. Stefano Chini, responsabile del servizio finanziario, il rendiconto relativo all esercizio finanziario 2012, predisposto ed approvato dalla Giunta dell Unione, il giorno 28/03/ delibera n. 35, composto dei seguenti documenti: - conto del bilancio; - conto economico; - conto del patrimonio; e corredato da: - relazione illustrativa della Giunta; - elenco dei residui attivi e passivi distinto per anno di provenienza; - conto del tesoriere; - conto degli agenti contabili interni; - deliberazione di ricognizione dei programmi e dei progetti e di verifica della salvaguardia degli equilibri di bilancio ex art. 193 del Tuel, approvato con il D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267; - inventario generale dei beni; - tabella dei parametri di riscontro della situazione deficitaria strutturale; considerato che - avvalendosi della facoltà di cui all art. 232, del Tuel, nell anno 2012, l Unione ha adottato il sistema di contabilità finanziaria con rilevazioni extra contabili del conto del patrimonio; - la dimensione economica dei fattori produttivi di gestione è stata rilevata partendo dagli accertamenti ed impegni del bilancio finanziario, rettificati ai sensi del 4 e 6 comma dell art. 229 del Tuel, tramite la compilazione del prospetto di conciliazione ; verificato e controllato 1) la corrispondenza dei risultati di ciascuna risorsa di entrata ed intervento della spesa con quelli risultanti dalle scritture (previsioni iniziali, previsioni definitive, incassi e pagamenti, determinazione dei residui attivi e passivi); 2) la corrispondenza del conto del tesoriere con gli incassi e pagamenti risultanti dal conto del bilancio; 3) la regolarità delle procedure di entrata e di spesa; 4) il rispetto del principio della competenza finanziaria nella rilevazione degli accertamenti e degli impegni; 5) il rispetto durante l anno dei limiti imposti dalla Tesoreria unica; 6) l inserimento nel rendiconto finanziario dei residui attivi e passivi anno 2012 e precedenti, risultanti dal riaccertamento effettuato ai sensi del 3 comma dell art. 228 del Tuel; 7) la sussistenza e l esigibilità dei residui attivi; 1

2 8) l utilizzo dei fondi a destinazione specifica e vincolata, conformemente alle disposizioni di legge; 9) la corretta rappresentazione dei riepiloghi e dei risultati di cassa e di competenza; 10) la regolare tenuta degli inventari e la corretta rappresentazione delle attività e passività nel conto del patrimonio, nonché la rilevazione delle variazioni che le stesse hanno subito per effetto della gestione; 11) la corretta e completa esposizione dei risultati amministrativi nella relazione illustrativa, conformemente alle norme statutarie ed ai regolamenti dell Ente; Note: Per le verifiche di cui ai punti il Revisore si è avvalso del controllo a campione casuale partendo dall analisi di n. 20 mandati (sul totale di mandati dell anno 2012) e di n. 15 reversali (sul totale di reversali dell anno 2012). Sono stati esaminati i mandati nr.: 214, 943, 1038, 2756, 2914, 3501, 3754, 3817, 3832, 3885, 3942, 4109, 4170, 4259, 4523, 4661, 4725, 4755, 5070, 5326 e le reversali nr. 180, 719, 877, 1156, 1262, 1851, 2131, 2175, 2270, 2323, 2549, 2897, 2977, 3031, In tali documenti non è stata rilevata alcuna difformità rispetto ai giustificativi allegati. Ulteriori verifiche ed approfondimenti sono trattati nelle sezioni successive della presente relazione. ATTESTA A) PER IL CONTO DEL BILANCIO: 1) l esatta corrispondenza del conto consuntivo e delle risultanze della gestione alle scritture contabili ed al conto del tesoriere; 2) che le risultanze del conto del Tesoriere si riassumono come segue: Fondo cassa al 01/01/ ,04 Riscossioni , ,84 Pagamenti , ,81 Differenza ,03 Pagamenti per azioni esecutive non regolarizzate - Fondo cassa al 31/12/ ,03 3) che le risultanze della gestione finanziaria si riassumono come segue: Fondo iniziale di cassa ,04 Riscossioni ,80 Pagamenti ,81 Fondo di cassa al 31/12/ ,03 Residui attivi ,95 Residui passivi ,64 Differenza ,69 Avanzo al 31/12/ ,34 4) che il fondo di cassa al 31/12/2012, corrisponde al saldo del conto presso il Tesoriere; 2

3 5) che il risultato della gestione finanziaria come determinato al punto 3), trova corrispondenza nei seguenti metodi di calcolo: risultanze dei singoli settori di bilancio A) Parte Residui Saldo maggiori e minori accertamenti residui attivi ,43 Economie sui residui passivi ,29 Totale Gestione Residui ,14 B) Parte Competenza Corrente Entrate correnti ,94 Spese correnti ,03 Spese rimborso prestiti , ,95 Differenza ,99 Avanzo 2011 applicato per spese correnti - Entrate correnti destinate al tit. II. Spesa - Entrate da alienazioni per rimborso mutui - Totale Gestione Competenza ,99 C) Parte competenza Straordinaria Entrate tit. IV e V destinate ad investimenti ,62 Avanzo 2011 applicato per investimenti ,00 Entrate correnti destinate al tit. II Spesa ,62 Spese titolo II ,62 Estinzione anticipata mutui Cassa DD.PP. - Totale Gestione Straordinaria - Avanzo 2011 non applicato ,49 Differenza servizi conto terzi - Totale Avanzo di Amministrazione ,34 6) che ai sensi dell art. 187 del Tuel, l avanzo d amministrazione risulta così distinto: Fondi non vincolati ,34 Fondi ammortamento - Fondi vincolati per il finanziamento delle spese in conto capitale - Fondo svalutazione crediti ,00 Totale Avanzo di Amministrazione ,34 I fondi vincolati derivanti dal 2012 sono corrispondenti all accantonamento prudenziale di ulteriori ,00 a fronte di crediti di dubbia esigibilità mantenuti nel conto del bilancio (lʹaccantonamento complessivo risulta quindi essere di euro ,00). 3

4 7) che le risorse e la loro destinazione nella parte corrente hanno subito la seguente evoluzione (valori in euro): Entrate 2010 % 2011 % 2012 % Tributarie ,00% 104 0,00% - 0,00% Per trasferimenti ,44% ,66% ,82% Extratributarie ,31% ,34% ,18% Avanzo utilizzato ,25% - 0,00% - 0,00% Totale ,00% ,00% ,00% 8) che le spese di investimento di ,62 sono state finanziate come segue: a) Mezzi Propri Accertamenti Avanzo 2011 destinato ad investimenti ,00 Entrate correnti per investimenti - Alienazioni patrimoniali - Totale a) ,00 a) Mezzi di terzi Trasferimenti da altri enti ,12 Traferimento dai comuni ,50 Indebitamento - Totale b) ,62 Totale a) + b) ,62 Spese Per investimenti impegnate al titolo II ,62 Avanzo da gestione c/capitale - B) PER IL CONTO ECONOMICO - che il conto economico è stato costruito partendo dai dati della contabilità finanziaria (accertamenti ed impegni), rettificati ai sensi del 4 e 6 comma dell art. 229 del Tuel, avvalendosi della compilazione del prospetto di conciliazione previsto dal Mod. 18 del D.P.R. 194/96; - che i valori economici dei fattori produttivi riferiti alla gestione 2012, come rilevati nel conto economico, di cui al Mod. 17 del D.P.R. 194/96 si possono così riassumere : a) proventi della gestione , , ,33 b) costi della gestione , , ,53 Risultato della gestione ( a-b) , , ,80 c) proventi ed oneri da aziende speciali e partecipate , , ,92 Risultato della gestione operativa ( a-b +/- c) , , ,72 d) proventi e oneri finanziari , , ,61 e) proventi e oneri straordinari , , ,49 Risultato economico , , ,62 4

5 C) PER IL CONTO DEL PATRIMONIO 1) che nel conto del patrimonio sono rilevati i risultati della gestione patrimoniale e sono riportate le variazioni: - che la gestione finanziaria ha causato agli elementi dell attivo e del passivo; - che gli elementi patrimoniali hanno subito per effetto della gestione, di altri atti amministrativi e della rilevazione delle quote annuali di ammortamento. 2) che nel conto del patrimonio sono rilevati i beni ed i rapporti giuridici attivi e passivi di pertinenze suscettibili di valutazione, che in sintesi confrontati con quelli relativi al 2008, sono così rappresentati: ATTIVITA Immobilizzazioni immateriali , , , , ,22 Immobilizzazioni materiali , , , , ,94 Immobilizzazioni finanziarie , , , , ,23 Crediti di dubbia esigibilità , , ,64 Dep. Cauzionali 2.576, , , , ,32 Crediti , , , , ,63 Cassa , , , , ,03 Ratei e Risconti attivi Totale attivo , , , , , PASSIVITA Conferimenti , , , , ,49 Debiti per finanziamenti , , , , ,62 Debiti di funzionamento , , , , ,30 Debiti per somme ant. da terzi , , , , ,70 Ratei e risconti passivi Totale passività , , , , ,11 Patrimonio netto , , , , ,90 TOTALE A PAREGGIO , , , , ,01 Conti d ordine: Impegni per opere da realizzare , , , , ,64 3) che il conto del patrimonio rileva il valore dei beni risultante dai singoli inventari del patrimonio permanente; 4) che il riepilogo generale degli inventari o i singoli inventari comprendono tutti i beni ed i diritti di cui l Ente è titolare; 5) che i beni sono valutati secondo i criteri di cui all art. 230 del Tuel, e del regolamento di contabilità; 6) che nel conto del patrimonio sono riportate le attività e le passività finanziarie risultanti dal conto del bilancio; 7) che negli inventari non sono stati rilevati i beni mobili classificati come non inventariabili dal regolamento di contabilità; 8) che l importo degli impegni per opere da realizzare, rilevato nei conti d ordine corrisponde ai residui passivi del Titolo II, risultanti nel conto del bilancio; 5

6 D) PER LA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLA GIUNTA: 1) che è stata formulata conformemente al 7 comma, dell art. 231 del Tuel, allo Statuto ed al regolamento di contabilità dell Ente ed in particolare: - esprime valutazioni di efficacia dell azione condotta sulla base dei risultati conseguiti in rapporto ai programmi ed ai costi sostenuti; - analizza i principali scostamenti rispetto alle previsioni, motivandone sinteticamente le cause; 2) che i risultati espressi nella relazione trovano riferimento nella contabilità finanziaria; E) PER I SERVIZI PUBBLICI A DOMANDA INDIVIDUALE ED ALTRI SERVIZI: I servizi a domanda individuale gestiti dall Unione sono i seguenti: 1) Asilo nido 2) Mensa scolastica 3) Trasporto scolastico 4) Pre-post e servizi integrativi Dalle risultanze finanziarie emergono i seguenti dati: Servizio Entrata Spesa copertura Asilo nido , ,78 36,73% Mensa Scolastica , ,89 73,85% Trasporto scolastico , ,83 15,59% Pre post e servizi integrativi , ,38 68,85% Totale , ,88 48,55% Il trend dal 2007 ad oggi della percentuale complessiva di copertura risulta dalla seguente tabella: ,22% 48,09% 47,70% 46,40% 48,49% 48,55% F) PARAMETRI DI ACCERTAMENTO DELLA CONDIZIONE STRUTTURALE: Che rispetto ai parametri di definizione degli Enti in condizioni di deficitarietà strutturale, di cui al Regolamento adottato con decreto del Ministero dell Interno del 24 settembre 2009, l Ente non risulta in condizione strutturalmente deficitaria, come si può rilevare dalla apposita tabella allegata al consuntivo. G) PATTO DI STABILITA INTERNO L Unione non è stata soggetta, nel 2012 alle norme inerenti il patto di stabilità interno. 6

7 H) RESA DEL CONTO DEGLI AGENTI CONTABILI E DEI RISCUOTITORI SPECIALI Che in attuazione degli artt. 226 e 233 del Tuel, il Tesoriere Banca Popolare Emilia Romagna, l Economo dell Unione e i riscuotitori speciali hanno reso il conto della loro gestione, entro il 31 gennaio 2013, allegando i documenti di cui al secondo comma del citato art. 233, e sono depositati, dopo le necessarie verifiche, presso il Servizio finanziario; Si ricorda che il conto del tesoriere e il conto dell Economo presentati dall agente contabile con la modulistica prevista dal D.P.R. 194/96 devono essere trasmessi (senza l allegata documentazione che resta agli atti dell Ente) entro 60 giorni dalla esecutività della deliberazione di approvazione del conto consuntivo, alla Sezione Regionale della Corte dei Conti, in attuazione del 1 comma dei già citati artt. 226 e 233 del Tuel. CONSIDERAZIONI, RILIEVI E PROPOSTE GESTIONE FINANZIARIA ED ATTENDIBILITA DELLE RISULTANZE Dalle verifiche effettuate durante l esercizio ed in sede di esame del rendiconto, l organo di revisione ha rilevato, relativamente all acquisizione dell entrata, effettuazione delle spese e rispetto delle regole della gestione finanziaria, quanto segue: 1) impegni decaduti L ente ha correttamente provveduto, nei primi giorni dell esercizio 2013, a far decadere le prenotazioni di impegno, per le quali al termine dell esercizio 2012 non era stata assunta l obbligazione di spesa verso terzi o comunque non bandita la procedura di gara. 2) riaccertamento residui L ente ha provveduto, prima dell inserimento nel conto del bilancio, a riaccertamento dei residui attivi e passivi formatisi nelle gestioni 2011 e precedenti. L esito di tale riaccertamento risulta dalla determinazione del responsabile del servizio finanziario n. 6 del 30/03/2012, nella quale, a seguito di comunicazioni formali dei responsabili dei servizi operativi, risulta: a) che per i residui attivi sono soddisfatte le condizioni di cui agli artt. 179 e 189 e per i residui passivi quelle degli artt. 182 e 190 del Tuel; L esito di tale riaccertamento si riassume come segue: Residui attivi somme rimaste da riscuotere al 01/01/ ,21 somme riaccertate ,78 Differenza ,43 Residui passivi somme rimaste da pagare al 01/01/ ,76 somme riaccertate ,47 Differenza ,29 Risultato finanziario derivante dal riaccertamento ,14 7

8 3) residui formati dalla gestione 2012 Il Revisore ha verificato il rispetto dei principi e dei criteri di determinazione dei residui attivi e passivi disposti dagli artt. 179, 182, 189 e 190 del Tuel. 4) residui attivi ed esigibilità i residui di anni precedenti riportati nel 2012, risultano così incassati: anno di derivazione importo al 1/1/12 importo al 31/12/12 % smaltim e precedenti , ,04 71,02% l entità complessiva dei residui attivi passa da ,21 al 31/12/2011 a ,95 al 31/12/2012. Dalla verifica effettuata con riferimento al riaccertamento dei residui attivi, il Revisore ha rilevato la sussistenza della ragione del credito. Il credito vantato nei confronti dei Comuni è stato accuratamente verificato con gli stessi Comuni e nei loro bilanci vi sono le risorse accertate dall Unione. 5) residui passivi I residui di anni precedenti riportati nel 2012, risultano così smaltiti: anno di derivazione importo al 1/1/12 importo al 31/12/12 % smaltim e precedenti , ,78 72,99% l entità complessiva dei residui passivi passa da ,76 al 31/12/2011 a ,64 al 31/12/ ) avanzo di cassa e andamento L avanzo di cassa al termine degli ultimi esercizi è risultato: , , , , , , , , ,03 7) utilizzo anticipazione di Tesoreria L Ente non ha fatto ricorso, durante l esercizio 2012, ad anticipazioni di Tesoreria. 8) gestione dei tributi L Unione non gestisce direttamente tributi ma effettua, per conto di 3 Comuni, la riscossione della TARSU. 9) debiti fuori bilancio Il Revisore prende atto delle attestazioni di insussistenza al 31 dicembre 2012 di debiti fuori bilancio. 8

9 10) scostamento tra previsione iniziale e consuntivo Dalla comparazione tra previsione iniziale e conto consuntivo risultano i seguenti scostamenti (in migliaia di ): Previsione Iniziale consuntivo entrate correnti (tit. I, II, III) spese correnti (tit. I, III) C) UTILIZZO DELL AVANZO DI AMMINISTRAZIONE Per l utilizzo dell avanzo di amministrazione risultante al 31/12/2012, il Revisore Unico richiama quanto stabilito dall art.187 del TUEL. In ordine all eventuale utilizzo nel corso del 2013 dell avanzo non vincolato è opportuno sia utilizzato secondo le seguenti priorità: 1. per accantonamenti per passività potenziali ( crediti inesigibili: costituzione del fondo svalutazione crediti); 2. per finanziamento, eventuali, debiti fuori bilancio ; 3. per riequilibrio della gestione corrente; 4. al finanziamento di maggiori spese del titolo II e/o estinzione anticipata di prestiti. D) INTERESSI PASSIVI E ONERI FINANZIARI DIVERSI Le spese per interessi passivi sui prestiti in ammortamento nel 2012 ammonta ad ,00 e rispetto al residuo debito al 01/01/2012 determina un tasso medio di indebitamento del 1,88%. In rapporto alle entrate accertate nei primi tre titoli l incidenza degli interessi passivi è del 0,43%. E) SPESA DEL PERSONALE L Organo di revisione attesta che per quanto riguarda le spese di personale, la spesa dellʹunione viene ripartita sui singoli comuni e contribuisce alla costituzione dellʹaggregato complessivo di area vasta (Comuni, Unione, Asp). Il rapporto, in sede di previsione 2012,della spesa di personale di tale aggregato complessivo sulle spese correnti risulta essere del 32,71%. Una volta raccolti i dati di consuntivo di tutti i comuni e dellʹasp si procederà a calcolare il dato in relazione al consuntivo Si ricorda in proposito che, ai sensi dell art. 76, comma 7, del Dl. n. 112/08, gli Enti nei quali lʹincidenza delle spese di personale eʹ pari o superiore al 50% delle spese correnti non possono procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo e con qualsivoglia tipologia contrattuale; mentre i restanti enti possono procedere ad assunzioni di personale a tempo indeterminato nel limite del 40% della spesa corrispondente alle cessazioni dellʹanno precedente. F) ECONOMIE DI SPESA E RIDUZIONE DEI COSTI DEGLI APPARATI AMMINISTRATIVI L Organo di revisione, tenuto conto di quanto disposto dagli artt. 5 e 6, del Dl. n. 78/10, convertito con Legge n. 122/10, relativamente alle economie di spese, rispetto al dato di competenza 2009, a valere per gli apparati politici ed alla riduzione dei costi degli apparati amministrativi, attesta che 9

10 l Ente Locale ho rispettato tali norme, con riferimento a quelle entrate in vigore, e specificatamente: al limite dei gettoni di presenza e all esclusività degli stessi per i titolare di cariche elettive per lo svolgimento di qualsiasi incarico conferito e per la partecipazione ad Organi collegiali (art. 5, comma 5); al divieto di percezione dell indennità di funzione per i Parlamentari con cariche elettive nell Ente Locale [art. 5, comma 8, lett. a)]; all abrogazione delle indennità di missione per gli Amministratori in trasferta per partecipare ad Organi e Commissioni nell esercizio delle proprie funzioni [art. 5, comma 8, lett. b)]; all abrogazione dei rimborsi forfettari per spese di viaggio spettanti agli Amministratori locali, che, in ragione del loro mandato, si recano fuori dal capoluogo del Comune (art. 5, comma 9); al divieto di percepire, da parte degli eletti in Organi appartenenti a diversi livelli di governo, più di un indennità di funzione (art. 5, comma 11); al divieto di percepire qualunque tipo di compenso, salvo il rimborso spese se previsto dalla normativa vigente o gettoni di presenza non superiori a Euro 30 a seduta qualora già previsti nella precedente normativa, per la partecipazione agli organi collegiali di cui all art. 68, comma 1, del Dl. n. 112/08 (art. 6, comma 1); alla possibilità di percepire soltanto il rimborso spese o il gettone di presenza, limitato a massimo Euro 30, per la partecipazione agli Organi collegiali degli Enti che ricevono contributi pubblici (art. 6, comma 2); L Organo di revisione, tenuto ulteriormente conto di quanto disposto dall art. 5, comma 7, e dall art.82, comma 2, del Tuel, relativamente ai limiti di spesa a valere per gli apparati politici, attesta che l Ente Locale ha rispettato tali norme, con riferimento a quelle entrate in vigore, e specificatamente: al limite dei gettoni di presenza corrisposti ai consiglieri i per la partecipazione a consigli o commissioni (art. 5, comma 7, e art. 82, comma 2, Dlgs. n. 267/00 come modificato dallʹart. 2, comma 9-quater, del Dl. n. 225/10 convertito con Legge n. 10/11). G) SPESE DI RAPPRESENTANZA Con riferimento alle spese di rappresentanza sostenute nel 2012, lʹorgano di revisione attesta che rispettano il limite di spesa previsto dall art. 6, comma 8, del Dl. n. 78/10 e che l Ente ha predisposto l elenco delle spese secondo lo schema tipo predisposto dal Ministero dell Interno da allegare al rendiconto e da trasmettere alla sezione regionale della Corte dei conti. H) FONDO SVALUTAZIONE CREDITI L'Organo di revisione ha verificato che il Fondo svalutazione crediti è superiore al 25% della somma dei residui attivi di cui al Titolo I e al Titolo III, formati precedentemente all anno 2007, così come stabilito dall art. 6, comma 17, del Dl. n. 95/12 ( Spending Review ). 10

11 TUTTO CIO PREMESSO Il Revisore certifica la corrispondenza del rendiconto alle risultanze della gestione 2012 e la conformità dei dati del rendiconto con quelli delle scritture contabili dell ente ed in via generale la regolarità contabile e finanziaria della gestione; esprime PARERE FAVOREVOLE, sotto l aspetto tecnico-contabile, per l approvazione del Rendiconto dell esercizio finanziario 2012; ringrazia il personale del servizio Finanziario ed in particolare il Responsabile per la preziosa collaborazione ed invita l Amministrazione comunale al deposito del conto per l approvazione consiliare, unitamente alla presente relazione ed alla documentazione accompagnatoria. Vignola, 02 aprile 2013 IL REVISORE F.to Dott.ssa Mara Bruzzi 11

COMUNE DI FORMIGNANA. (Provincia di Ferrara)

COMUNE DI FORMIGNANA. (Provincia di Ferrara) COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) VERBALE N. 4 DEL 3 APRILE 2014 Il giorno tre del mese di aprile dell anno duemilaquattordici, alle ore 15,00 il Revisore dei Conti: Dott.ssa Angela Caselli,

Dettagli

COMUNE DI REGGIOLO. Provincia di REGGIO EMILIA

COMUNE DI REGGIOLO. Provincia di REGGIO EMILIA COMUNE DI REGGIOLO Provincia di REGGIO EMILIA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLO SCHEMA DI RENDICONTO PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2010 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE Dott. Valerio Fantini Comune di

Dettagli

RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012. Il Revisore unico di ATERSIR

RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012. Il Revisore unico di ATERSIR RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 Il Revisore unico di ATERSIR Preso in esame lo schema di rendiconto per l esercizio 2012 proposto dal Direttore dell AGENZIA composto e corredato dai seguenti

Dettagli

VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO

VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Verbale n. 2/2014 VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Il giorno 18 del mese di aprile dell anno 2014 alle ore 10,15 il sottoscritto Dott. Damiano

Dettagli

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese)

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2010 L ORGANO DI REVISIONE Pasquale rag. Pizzi L ORGANO DI REVISIONE nella Sede Comunale, nel giorno 09/03/2011 ESAMINATI

Dettagli

Relazione dell organo di revisione

Relazione dell organo di revisione COMUNE DI COSTA MASNAGA Provincia di LECCO Relazione dell organo di revisione - sulla proposta di deliberazione consiliare del rendiconto della gestione 2011 - sullo schema di rendiconto per l esercizio

Dettagli

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese)

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 L ORGANO DI REVISIONE Pasquale rag. Pizzi L ORGANO DI REVISIONE nella Sede Comunale, nel giorno 9 aprile 2013 ESAMINATI

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE IL RENDICONTO DELLA GESTIONE Dott. Paolo Longoni Commissione Enti Pubblici del Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Commissione Enti Locali ed Utilities dell Ordine dei Dottori

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE DEL RENDICONTO DI GESTIONE 2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE DEL RENDICONTO DI GESTIONE 2013 COMUNE DI MORDANO Provincia di Bologna Cap. 40027, Via Bacchilega n. 6 Tel. 0542/56911 Fax 56900 E-Mail: urp@mordano.provincia.bologna.it Sito Internet: www.comunemordano.it DELIBERAZIONE N. 15 DEL 29/04/2014

Dettagli

XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO

XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO ANNO 2014 RELAZIONE DELL ORGANO ESECUTIVO AL RENDICONTO DI GESTIONE 2014 Articolo 231

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI _MOLINO DEI TORTI Provincia di _Alessandria PARERE DEL REVISORE DEI CONTI SULLA PROPOSTA DI: riapprovazione BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI Espresso il _07/07/2014 Richiesta

Dettagli

L anno duemilaquattordici, il giorno otto del mese di aprile nella sede comunale, IL RESPONSABILE DEL II SETTORE RISORSE STRATEGICHE

L anno duemilaquattordici, il giorno otto del mese di aprile nella sede comunale, IL RESPONSABILE DEL II SETTORE RISORSE STRATEGICHE Albo Pretorio online n. 621 Registro Pubblicazione Pubblicato il 09/04/2014 SETTORE II RISORSE STRATEGICHE Servizio Economico Finanziario UFFICIO SEGRETERIA GENERALE DETERMINAZIONE n. 20 DEL 08/04/2014

Dettagli

Agenzia Speciale APOF- IL

Agenzia Speciale APOF- IL Agenzia Speciale APOF- IL Provincia di Potenza Relazione dell organo di revisione sulle proposte di bilancio di previsione 2012 e di bilancio pluriennale 2012_2014 con i relativi documenti allegati L organo

Dettagli

Articolo 227 Rendiconto della gestione

Articolo 227 Rendiconto della gestione TITOLO VI DLGS 267/200 RILEVAZIONE E DIMOSTRAZIONE DEI RISULTATI DI GESTIONE Articolo 227 Rendiconto della gestione 1. La dimostrazione dei risultati di gestione avviene mediante il rendiconto, il quale

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNITA MONTANA ESINO-FRASASSI Provincia di Ancona PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Rag.Floriano Flori Parere dell

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA (Testo aggiornato al 13/07/2015)

REGOLAMENTO DI CONTABILITA (Testo aggiornato al 13/07/2015) REGOLAMENTO DI CONTABILITA (Testo aggiornato al 13/07/2015) A CURA DI: PAOLO GROS, ROCCO FESTA, MARCO SIGAUDO REGOLAMENTO DI CONTABILITA Sommario CAPO I ASPETTI GENERALI... 6 TITOLO I FINALITA E CONTENUTO...

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO Albo Pretorio online n. Registro Pubblicazione pubblicato il C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE O G G E T T O ORIGINALE N. Approvazione

Dettagli

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8.1 IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il prospetto di conciliazione dimostra l avvenuta trasposizione delle rilevazioni di sintesi della contabilità finanziaria

Dettagli

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE ( 174 20/11/2012) Oggetto: VARIAZIONE AL BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 - ASSESTAMENTO GENERALE DI BILANCIO Premesso: IL - che con iberazione Consiglio Comunale n. 56 26/07/2012

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE

RENDICONTO DELLA GESTIONE Allegato A) alla delibera consiliare n. 18 del 28.4.2014 COMUNE DI BOMPORTO (Modena) RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2013 Approvata dalla Giunta Comunale con

Dettagli

Provincia di Cosenza

Provincia di Cosenza Provincia di Cosenza SCHEMA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE DI INIZIO MANDATO ANNO 2014 (articolo 4-bis del d.lgs. del 6 settembre 2011, n. 149) Premessa La presente relazione viene redatta ai sensi dell

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione del Tribunale di Locri Relazione del Tesoriere CONSUNTIVO ANNO 2009 ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione

Dettagli

Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche. Indice

Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche. Indice INSEGNAMENTO DI ECONOMIA DELLE AZIENDE E DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE LEZIONE VI I RISULTATI DELLA GESTIONE: IL RENDICONTO PROF. GAVINO NUZZO Indice 1 I risultati della gestione: il rendiconto -----------------------------------------------------------------

Dettagli

Comune di Guspini Organo di revisione Verbale n. 4 del 18 aprile 2013

Comune di Guspini Organo di revisione Verbale n. 4 del 18 aprile 2013 Comune di Guspini Organo di revisione Verbale n. 4 del 18 aprile 2013 RELAZIONE SUL RENDICONTO 2012 L 'organo di revisione ha esaminato lo schema di rendiconto dell esercizio finanziario 2012, unitamente

Dettagli

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi).

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). 1 Il bilancio consuntivo per l esercizio 2012 è stato approvato con Delibera del Cda

Dettagli

COMUNE DI ORROLI PROVINCIA DI CAGLIARI. RELAZIONE DI INIZIO MANDATO (articolo 4-bis del decreto legislativo 6 settembre 2011, n.

COMUNE DI ORROLI PROVINCIA DI CAGLIARI. RELAZIONE DI INIZIO MANDATO (articolo 4-bis del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. COMUNE DI ORROLI PROVINCIA DI CAGLIARI RELAZIONE DI INIZIO MANDATO (articolo 4-bis del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 149) Premessa La presente relazione viene redatta congiuntamente dal segretario

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI 1 ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA 71121 Via Romolo Caggese, 2 Collegio dei Revisori Oggetto: Relazione sul Conto Consuntivo dell esercizio 2010. L anno duemilaundici, nel

Dettagli

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 a cura del Dipartimento Finanza Locale Il disegno di legge di stabilità 2016 contiene le seguenti principali disposizioni concernenti gli enti locali: 1) Soppressione

Dettagli

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8.1 IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il prospetto di conciliazione dimostra l avvenuta trasposizione delle rilevazioni di sintesi della contabilità finanziaria

Dettagli

Comune di San Casciano in Val di Pesa Provincia di Firenze. Relazione dell Organo di revisione al Rendiconto della gestione per l'esercizio 2012

Comune di San Casciano in Val di Pesa Provincia di Firenze. Relazione dell Organo di revisione al Rendiconto della gestione per l'esercizio 2012 Comune di San Casciano in Val di Pesa Provincia di Firenze Relazione dell Organo di revisione al Rendiconto della gestione per l'esercizio 2012 Allegato al verbale n. 8 del 18 e 19 Aprile 2013 dell Organo

Dettagli

Relazione dell organo di revisione

Relazione dell organo di revisione COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Relazione dell organo di revisione - sulla proposta di deliberazione consiliare del rendiconto della gestione 2011 - sullo schema di rendiconto per l esercizio

Dettagli

COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI DELL AUTORITA DI BACINO DELLA BASILICATA

COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI DELL AUTORITA DI BACINO DELLA BASILICATA VERBALE N.6 COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI DELL AUTORITA DI BACINO DELLA BASILICATA L anno 2015 il giorno 13 del mese di gennaio alle ore 09,00 nella sede della Autorità di Bacino della Basilicata, Corso

Dettagli

QUESTIONARIO PER I COMUNI CON POPOLAZIONE SUPERIORE A 5.000 ABITANTI

QUESTIONARIO PER I COMUNI CON POPOLAZIONE SUPERIORE A 5.000 ABITANTI QUESTIONARIO PER I COMUNI CON POPOLAZIONE SUPERIORE A 5.000 ABITANTI Relazione alla Sezione regionale di controllo della Corte dei conti (art. 1, commi 166 e ss. L.F. 2006) dell organo di revisione contabile

Dettagli

IL NUOVO REGOLAMENTO DI CONTABILITA

IL NUOVO REGOLAMENTO DI CONTABILITA IL NUOVO REGOLAMENTO DI CONTABILITA Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 41 del 15.05.2008 ed in vigore dal 03.06.2008 Il nuovo Regolamento di Contabilità del Comune di Montecatini Terme,

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (PROVINCIA DI FERMO) Alleg.B Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 5, in data 28.01.2016

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI MONTE RINALDO COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE NUMERO 9 DEL 23-04-13 OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE RENDICONTO DI GESTIONE ANNO 2012 L'anno duemilatredici il giorno

Dettagli

COMUNE DI VILLA SAN SECONDO ASTI

COMUNE DI VILLA SAN SECONDO ASTI COMUNE DI VILLA SAN SECONDO ASTI Deliberazione n. 5/2015 OGGETTO. ESAME E APPROVAZIONE RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO ANNO 2014 L anno duemilaquindici il giorno undici del mese di maggio

Dettagli

RELAZIONE DI INIZIO MANDATO ANNI

RELAZIONE DI INIZIO MANDATO ANNI COMUNE DI BIONE Provincia di Brescia RELAZIONE DI INIZIO MANDATO ANNI -2019 (art. 4 Bis D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 149, e smi) 1 Premessa la presente relazione viene redatta ai sensi dell art. 4 bis del

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2015

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2015 RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2015 Signori Consiglieri, il presente bilancio preventivo 2015 è redatto ai sensi dell art. 16 del Decreto legislativo del 31 maggio 2011, n.

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL RENDICONTO GENERALE PER L ESERCIZIO 2013. I sottoscritti revisori segnalano che hanno eseguito a campione

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL RENDICONTO GENERALE PER L ESERCIZIO 2013. I sottoscritti revisori segnalano che hanno eseguito a campione RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL RENDICONTO GENERALE PER L ESERCIZIO 2013 I sottoscritti revisori segnalano che hanno eseguito a campione verifiche sia sulle poste rilevate nel Rendiconto Generale

Dettagli

VERIFICA DEGLI EQUILIBRI

VERIFICA DEGLI EQUILIBRI VERIFICA DEGLI EQUILIBRI A. BILANCIO DI PREVISIONE 2005 1.Verifica pareggio finanziario ed equivalenza dei servizi per c/terzi Il bilancio rispetta, come risulta dal seguente quadro generale riassuntivo

Dettagli

PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI

PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI 1 PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA PER L'ESERCIZIO 2013 E RELATIVI ALLEGATI IL COLLEGIO DEI

Dettagli

Comune di CINISI Collegio dei Revisori

Comune di CINISI Collegio dei Revisori Comune di CINISI Collegio dei Revisori Verbale n 18 del 13122013 PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 Il Collegio dei Revisori Premesso che l'organo di revisione nelle riunioni in data 11-12-13 del mese

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI 1 ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA 71121 Via Romolo Caggese, 2 Collegio dei Revisori Oggetto: Relazione sul Conto Consuntivo dell esercizio 2012. L anno duemilatredici,

Dettagli

CITTÀ DI CASTIGLIONE DELLE STIVIERE Provincia di Mantova

CITTÀ DI CASTIGLIONE DELLE STIVIERE Provincia di Mantova Oggetto: ESAME ED APPROVAZIONE RENDICONTO DI GESTIONE RELATIVO ALL ESERCIZIO FINANZIARIO 2008 IL CONSIGLIO COMUNALE -UDITO l Assessore al Bilancio, avv. Marco Galli, e la discussione che ne è seguita,

Dettagli

Relazione dell organo di revisione

Relazione dell organo di revisione COMUNE DI BORGOMANERO Provincia di Novara Relazione dell organo di revisione - sulla proposta di deliberazione consiliare del rendiconto della gestione 2010 - sullo schema di rendiconto per l esercizio

Dettagli

IL CONTROLLO SUGLI EQUILIBRI FINANZIARI IN RELAZIONE ALL ANDAMENTO ECONOMICO-FINANZIARIO DEGLI ORGANISMI GESTIONALI ESTERNI

IL CONTROLLO SUGLI EQUILIBRI FINANZIARI IN RELAZIONE ALL ANDAMENTO ECONOMICO-FINANZIARIO DEGLI ORGANISMI GESTIONALI ESTERNI IL CONTROLLO SUGLI EQUILIBRI FINANZIARI IN RELAZIONE ALL ANDAMENTO ECONOMICO-FINANZIARIO DEGLI ORGANISMI GESTIONALI ESTERNI (P. Fiumara) 1 QUADRO DI RIFERIMENTO DEGLI EQUILIBRI FINANZIARI 1. Equilibrio

Dettagli

COMUNE DI RAMACCA (Provincia di Catania)

COMUNE DI RAMACCA (Provincia di Catania) COMUNE DI RAMACCA (Provincia di Catania) Allegato alla delibera della Giunta Municipale n. 41 del 20.05.2015 OGGETTO: Relazione illustrativa dei dati consuntivi dell esercizio finanziario 2014 Atteso che

Dettagli

Corte dei Conti Sezione regionale di controllo per il Veneto

Corte dei Conti Sezione regionale di controllo per il Veneto Venezia, li Corte dei Conti Sezione regionale di controllo per il Veneto 0004374-12/05/2014-SC_VEN-T97-P Al Sig. Sindaco del Comune di ROVIGO Al Presidente dell organo di revisione contabile del Comune

Dettagli

LA GESTIONE DEL BILANCIO

LA GESTIONE DEL BILANCIO LA GESTIONE DEL BILANCIO L equilibrio finanziario La gestione finanziaria Le fasi dell entrata Le fasi della spesa La Tesoreria (cenni) I residui I debiti fuori bilancio dott. Paolo Longoni L EQUILIBRIO

Dettagli

Comune della Spezia Ufficio dei Revisori dei Conti Verbale n. 48/2010

Comune della Spezia Ufficio dei Revisori dei Conti Verbale n. 48/2010 Comune della Spezia Ufficio dei Revisori dei Conti Verbale n. 48/2010 La Spezia 17 novembre 2010 Si è riunito in data odierna il Collegio dei Revisori del Comune della Spezia. Il Collegio è formato da:

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. del Reg. data OGGETTO:SCHEMA DI RENDICONTO DELLA GESTIONE FINANZIARIA 2013. RELAZIONE DELLA GIUNTACOMUNALE, AI SENSI DEGLI ARTT.151, COMMA 6, E 21 DEL

Dettagli

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003 NOTA METODOLOGICA I dati elaborati per la presente pubblicazione sono quelli riportati nell allegato D ed F al rendiconto finanziario, rilevati dall Istat non più con un suo proprio modello ma a partire

Dettagli

COMUNE DI BORGOSATOLLO Provincia di Brescia Il Ragioniere comunale

COMUNE DI BORGOSATOLLO Provincia di Brescia Il Ragioniere comunale 1- Risultato di esercizio. COMUNE DI BORGOSATOLLO Provincia di Brescia Il Ragioniere comunale Relazione al Rendiconto di gestione Esercizio 2012 La gestione economico-finanziaria dell anno 2012 si è conclusa

Dettagli

IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI

IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI CINZIA SIMEONE 1 STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE: 1) DEFINIZIONE 2) IL FONDO PLURIENNALE NEL BILANCIO 3) IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE 4)

Dettagli

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO ARMONIZZATO Il Comune di Sesto San Giovanni ha aderito, con deliberazione di Giunta n. 291 del 24 settembre 2013, ai sensi dell art.36 del D.Lgs.n.118/2011, come modificato

Dettagli

VERBALE del 18/11/2013

VERBALE del 18/11/2013 VERBALE del 18/11/2013 PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE 2014-2016 E SUOI ALLEGATI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Il COLLEGIO DEI REVISORI Premesso che l organo di revisione ha esaminato la proposta di bilancio

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 UNIONE RENO GALLIERA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE 1 VERIFICHE PRELIMINARI Il giorno 09 del mese di dicembre

Dettagli

COMUNE DI MODOLO Provincia di Oristano

COMUNE DI MODOLO Provincia di Oristano COMUNE DI MODOLO Provincia di Oristano RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ANNO Relazione Al Rendiconto Comune Di Modolo 1 Premessa La relazione al rendiconto della gestione costituisce il documento

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2006

BILANCIO DI PREVISIONE 2006 COMUNE DI MONTE SANT ANGELO Provincia di Foggia PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2006 E DOCUMENTI ALLEGATI L organo di revisione Dott. Matteo Frattaruolo Dott. Rosario

Dettagli

Relazione dell organo di revisione

Relazione dell organo di revisione COMUNE DI SELVAZZANO DENTRO Provincia di PADOVA Relazione dell organo di revisione sulla proposta di deliberazione consiliare del rendiconto della gestione 2009 e sullo schema di rendiconto per l esercizio

Dettagli

LEGENDA ESITI RENDICONTO 2006

LEGENDA ESITI RENDICONTO 2006 LEGENDA ESITI RENDICONTO 2006 PROFILO ESITI CODICE ESITI SINTESI DEL CONTENUTO DEI PROFILI Comuni capoluogo e con popolazione superiore a 5000 abitanti Province Comuni con popolazione inferiore a 5000

Dettagli

BILANCIO 2012 - RENDICONTO

BILANCIO 2012 - RENDICONTO BILANCIO 2012 - RENDICONTO Il controllo di gestione finanziario effettuato sul rendiconto in esame focalizza l analisi sui risultati della gestione finanziaria (risultati di amministrazione, della gestione

Dettagli

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE ( 199 19/11/2013) OGGETTO: ESTINZIONE ANTICIPATA DI MUTUI CONTRATTI CON LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI SPA E VARIAZIONE DI BILANCIO AI SENSI DELL ART. 175, COMMA 2 E 3 DEL D.LGS. 267/2000. PREMESSO che:

Dettagli

COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FUSIGNANO RENDICONTO ESERCIZIO 2013. Conto economico Stato patrimoniale Prospetto di concilazione

COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FUSIGNANO RENDICONTO ESERCIZIO 2013. Conto economico Stato patrimoniale Prospetto di concilazione COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FUSIGNANO RENDICONTO ESERCIZIO 2013 Conto economico Stato patrimoniale Prospetto di concilazione CONTO ECONOMICO STATO PATRIMONIALE TIT. I - ENTRATE TRIBUTARIE

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017 (PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO art. 9.3 lettera m) La nota integrativa è un documento allegato al Bilancio di Previsione

Dettagli

Relazione allegata al Bilancio di previsione

Relazione allegata al Bilancio di previsione PATTO DI STABILITÀ 2015 Relazione allegata al Bilancio di previsione Aspetti introduttivi La legge di stabilità 2015 (L. n. 190/2014) torna a modificare le disposizioni riguardanti il patto di stabilità

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale RELAZIONE ILLUSTRATIVA SULLA GESTIONE DELL'ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 Il rendiconto

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2011

BILANCIO DI PREVISIONE 2011 COMUNE DI Lanciano Provincia di Chieti PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2011 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Dott.ssa Francesca AIMOLA Dott. Luigi Alfredo

Dettagli

COMUNE DI PARABIAGO. Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013

COMUNE DI PARABIAGO. Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013 COMUNE DI PARABIAGO Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013 Relazione al Rendiconto della Gestione - anno 2013 Pagina 137 di 195 Relazione Tecnica al Conto del Bilancio -

Dettagli

Comune di Rodengo Saiano

Comune di Rodengo Saiano Comune di Rodengo Saiano RELAZIONE DELLA GIUNTA AL 2013 Prospetti di confronto e considerazioni sul Rendiconto dell esercizio 2013 Analisi dei dati di rendiconto Risultato economico e Stato patrimoniale

Dettagli

Analisi Risultati Differenziali: Accertamenti / Impegni 2011-2014 Gestione Corrente

Analisi Risultati Differenziali: Accertamenti / Impegni 2011-2014 Gestione Corrente Analisi Risultati Differenziali: Accertamenti / Impegni 2011-2014 Gestione Corrente (RATING ENTE) Descrizione 2011 2012 2013 2014 2014/2013 2014/(Media 2011-2012-2013) Entrate Entrate Correnti 3.038.317,25

Dettagli

Il bilancio degli enti locali

Il bilancio degli enti locali Il bilancio degli enti locali - Introduzione - I principi - La struttura del bilancio - Armonizzazione dei bilanci degli enti locali attenzione :fase di traduzione nel bilancio delle scelte politiche Tipologie

Dettagli

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino * * * * * * REGOLAMENTO DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI (Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 3 del 6/03/2013) pag 1 Regolamento sui controlli interni

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E PLURIENNALE 2014-2016

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E PLURIENNALE 2014-2016 BILANCIO DI PREVIONE 2014 E PLURIENNALE 2014-2016 Elementi obbligatori che costituiscono il contenuto minimo del parere redatto dall organo di revisione economico-finanziaria ai sensi dell articolo 43

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI SURBO Provincia di Lecce PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Comune di Surbo Collegio dei Revisori Verbale

Dettagli

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Consiglio Comunale, 13 agosto 2015 VERSO UNO SCHEMA DI BILANCIO ARMONIZZATO.. L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI IL QUADRO NORMATIVO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015

RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Introduzione In base all art. 162 comma 7 del T.U.E.L. 167/2000: Gli enti assicurano ai cittadini ed agli organismi di partecipazione, di cui all'art. 8,

Dettagli

Relazione dell organo di revisione

Relazione dell organo di revisione COMUNE DI BRANDICO Provincia di Brescia Relazione dell organo di revisione - sulla proposta di deliberazione consiliare del rendiconto della gestione 2012 - sullo schema di rendiconto per l esercizio finanziario

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Catania RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Catania RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI RELAZIONE del COLLEGIO DEI REVISORI al rendiconto consuntivo ed alla situazione patrimoniale dell esercizio chiuso al 31/12/2011 dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

ENTRATE E SPESE CORRENTI 2010

ENTRATE E SPESE CORRENTI 2010 RENDICONTO ESERCIZIO FINANZIARIO 2010 ENTRATE E SPESE CORRENTI 2010 ENTRATE CORRENTI ACCERTAMENTI SPESE CORRENTI IMPEGNI Tit.1' Entrate tributarie 3.767.366,36 Tit.2' Entrate da trasferimenti 2.852.298,09

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PROVINCIALE PER L'ENERGIA Prot. n. 11-09-D332 PROVVEDIMENTO DEL DIRETTORE N. 11 DI DATA 29 Maggio 2009 O G G E T T O: Riadozione del conto consuntivo e della relazione

Dettagli

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 a cura DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Stefano

Dettagli

28/07/2014. In collaborazione con. www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo delle Stelline

28/07/2014. In collaborazione con. www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo delle Stelline il BILANCIO dell Ente Locale e i vincoli del PATTO di STABILITA interno In collaborazione con 26 luglio 2014 / MILANO MILANO, Palazzo delle Stelline www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo

Dettagli

La nuova Circolare CDP n. 1280 del 27 giugno 2013. Roadshow settembre-novembre 2013

La nuova Circolare CDP n. 1280 del 27 giugno 2013. Roadshow settembre-novembre 2013 La nuova Circolare CDP n. 1280 del 27 giugno 2013 Roadshow settembre-novembre 2013 1 Indice Pag. Scenario di riferimento Enti Locali 3 La nuova Circolare CDP n. 1280 4 Le nuove schede istruttorie 6 Cassa

Dettagli

C.O.VE.VA.R. PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE. Dr. Tino Candeli

C.O.VE.VA.R. PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE. Dr. Tino Candeli C.O.VE.VA.R. Consorzio Obbligatorio Comuni del Vercellese e della Valsesia per la gestione dei rifiuti urbani della Provincia di Vercelli PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015

Dettagli

Consuntivo 2010. Documenti allegati

Consuntivo 2010. Documenti allegati Consuntivo 2010 Consuntivo 2010 Documenti allegati Relazione dei revisori dei conti Elenco dei residui attivi e passivi distinti per anno di provenienza Conto del Bilancio Conto economico Conto Patrimoniale

Dettagli

RENDICONTO ESERCIZIO 2012 Relazione Comune della Spezia

RENDICONTO ESERCIZIO 2012 Relazione Comune della Spezia Turino Vanni (fine del XIV secolo) Santi Lorenzo, Gamaliele e Stefano Museo Civico "Amedeo Lia RENDICONTO ESERCIZIO 2012 Relazione Comune della Spezia 1 INDICE Il quadro legislativo Pag. 3 Il risultato

Dettagli

COMUNE DI ASSEMINI RELAZIONE D INIZIO MANDATO

COMUNE DI ASSEMINI RELAZIONE D INIZIO MANDATO COMUNE DI ASSEMINI (Provincia di Cagliari) RELAZIONE D INIZIO MANDATO Sindaco Mario Puddu Proclamazione 11 giugno 2013 (Art. 4-bis, D. Lgs. 06/09/2011 n. 149 e s.m.) Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

Fondo di cassa al 1 gennaio 2014 1.011.260,72 RISCOSSIONI 1.683.690,95 6.906.050,22 8.589.741,17 PAGAMENTI 1.460.826,64 6.853.212,88 8.314.

Fondo di cassa al 1 gennaio 2014 1.011.260,72 RISCOSSIONI 1.683.690,95 6.906.050,22 8.589.741,17 PAGAMENTI 1.460.826,64 6.853.212,88 8.314. RENDICONTO ANNO 2014 DATI RIEPILOGATIVI: RESIDUI In conto COMPETENZA Fondo di cassa al 1 gennaio 2014 1.011.260,72 RISCOSSIONI 1.683.690,95 6.906.050,22 8.589.741,17 PAGAMENTI 1.460.826,64 6.853.212,88

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE. Vista la deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 23/01/2008 Assegnazione aree PIP ;

CONSIGLIO COMUNALE. Vista la deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 23/01/2008 Assegnazione aree PIP ; C.C. n. 50 del 26.11.2014 Oggetto: Assunzione mutuo per Debito fuori bilancio derivante da sentenza esecutiva n. 100/2014 emessa dalla Corte d Appello di Brescia, Sezione Prima Civile, ai sensi dell art.

Dettagli

Rendiconto per l esercizio finanziario 2013

Rendiconto per l esercizio finanziario 2013 COMUNE DI AGNOSINE Provincia di Brescia Relazione dell organo di revisione sulla proposta di deliberazione consiliare del rendiconto della gestione e sullo schema di Rendiconto per l esercizio finanziario

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012

Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012 Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012 1 Il quadro finanziario dei Comuni si inserisce in un contesto di finanza pubblica particolarmente indebolito dalla crisi economica che ha

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

C O M U N E DI V I L L A B A T E Provincia di Palermo

C O M U N E DI V I L L A B A T E Provincia di Palermo ESECUZIONE IMMEDIATA ORIGINALE C O M U N E DI V I L L A B A T E Provincia di Palermo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N.103 del 05/10/2012 OGGETTO: Approvazione schemi del rendiconto di

Dettagli

RELAZIONE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE CONSILIARE DEL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2013 E SULLO SCHEMA DI RENDICONTO PER L

RELAZIONE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE CONSILIARE DEL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2013 E SULLO SCHEMA DI RENDICONTO PER L RELAZIONE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE CONSILIARE DEL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2013 E SULLO SCHEMA DI RENDICONTO PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 PROVINCIA DI CREMONA COLLEGIO

Dettagli

1. Valutazione dei requisiti patrimoniali nei procedimenti di riconoscimento della personalità giuridica privata.

1. Valutazione dei requisiti patrimoniali nei procedimenti di riconoscimento della personalità giuridica privata. ALLEGATO 1 Direttiva per la valutazione dei requisiti patrimoniali nei procedimenti di riconoscimento della personalità giuridica privata e per lo svolgimento delle funzioni inerenti il controllo e la

Dettagli

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I Allegato alla deliberazione del C.P. n del P R O V I N C I A D I C A G L I A R I PROVINCIA DE CASTEDDU PROPOSTA DI DELIBERAZIONE (N.0091110130047) IL CONSIGLIO PROVINCIALE Proponente: ASSESSORATO FINANZE

Dettagli