UN ALTRA VOLTA NATALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN ALTRA VOLTA NATALE"

Transcript

1 BUON NATALE! Quando le giornate si accorciano sensibilmente e il cielo si fa grigio e triste, si incomincia a pensare alla festività del Natale. Questa festa, la più gioiosa dell anno cade il 25 Dicembre, pochi giorni prima della fine dell anno. È stata una festa religiosa per molti secoli, anche se oggi qualcuno giustamente sostiene che sia diventata una festività pagana e soprattutto consumistica. Per tutto il mondo oggi, ufficialmente è la celebrazione della nascita di Gesù Cristo. Evento che cambiò la storia e che si verificò a Betlemme in Giudea, più di duemila anni fa. Tuttavia bisogna riconoscere che la fine di dicembre era già stata una festa importante molto tempo prima e per tantissimi popoli. Infatti, pochi giorni prima del 25 Dicembre, si festeggiava il solstizio d inverno: il giorno più corto dell anno (21/22 dicembre). Presso molti culti, specie di matrice celtica, l altare della religione era orientato verso occidente, in modo da cogliere quello che era considerato l ultimo raggio di sole dell anno. Presso i romani, la fine di dicembre coincideva con i saturnali, un periodo di feste e di allegria. In quell occasione i romani erano soliti scambiarsi dei doni. Non sappiamo perché il Natale di Cristo sia stato stabilito da tempo immemorabile nella data attuale, proprio perché non conosciamo in quale periodo dell anno si sia verificato. Sappiamo che per un certo tempo il Sol invictus era stato considerato una divinità e probabilmente si pensò di far coincidere la festa cristiana con il periodo più festoso del calendario romano. È curioso che pochi giorni prima si festeggiasse anche San Nicola di Bari, vescovo di Mira in Anatolia, che secondo la tradizione, aveva salvato delle fanciulle calando dal tetto nella loro casa dei doni preziosi. Questo Santo divenne molto popolare nel Nord Europa, e soprattutto in Olanda dove da Nicolaus divenne Niklaus e poi storpiato in Santa Klaus. Con quel nome la sua figura fu esportata in America dai primi coloni olandesi. Successivamente al santo famoso fu sostituito un marinaio grasso e con la pipa in bocca. Da quello diventò l obeso vecchio, che a cavallo delle renne gira il mondo elargendo regali ai bambini. Nel novecento la sua immagine diventò uno dei loghi di una marca americana di bibite gassate. A questo si deve la sua popolarità. Per cui oggi i bambini che scrivono una lettera a Babbo Natale, si rivolgono a una bevanda gassata. La decadenza di una preghiera a Dio fatto uomo? Francesco Cordero di Pamparato VIVO Mensile di Informazione Cultura e Benessere Dicembre 2019 Anno 1 - N Auguri UN ALTRA VOLTA NATALE Un altra volta Natale. Nell attesa di questo giorno ci si aspetta sicuramente ancora qualche giorno prima, caos e corse per fare qualche regalo all ultimo momento, feste di circostanza e aggressioni buoniste per strapparci una donazione. Una festa che sempre più spesso è fonte di mal di testa e mal di pancia. Molte persone poi, si sono addirittura disaffezionate al Natale e persino i più tenaci, quelli che lo aspettano - perché le sue luci e decorazioni creano un bel clima - quando passa si ritrovano un po delusi perché l aspettativa è finita e la festa è stata solo un lampo fugace. Ma tutti noi ci stiamo chiedendo: Ma quale festa? La festa della bontà? Dell armonia? Dello stare in famiglia? Della pace? Tutte cose belle, ma persi fra Babbi Natale, renne dal naso rosso, luci e decorazioni non ricordiamo più perché dovremmo festeggiare questa festa. Tempo fa una giovane donna mediorientale non ha trovato un posto decente dove dare alla luce suo figlio e il bambino nacque in un ricovero per animali. Chi pensa che sia poco umano non aver offerto un letto a quella giovane donna? Chi pensa che sia strano che arrivino ospiti illustri a offrire doni a quel bambino per poi andarsene senza preoccuparsi del suo futuro? Chi pensa che quel bambino, ormai uomo, ha parlato e fatto tanto bene ricevendo in cambio tanto male? Chi pensa a lui? Nonostante ci sia chi voglia farci credere il contrario, quel bambino è nato, ha vissuto, ha sofferto ed è anche morto, lasciando al mondo un messaggio che - lo si voglia o no - ha rivoluzionato l intera società umana. Se nascesse di nuovo qui, un altro Gesu, faremmo come le persone del suo tempo che dopo aver sentito le sue parole e osservato i suoi prodigi l hanno lasciato solo a soffrire? La risposta la sappiamo già: tutti noi, tutti i giorni, lo stiamo facendo di nuovo. Lo facciamo a tutti quei bambini, donne e uomini che lasciamo morire in mare, in guerra o sotto le torture di qualsiasi regime. Ogni singola volta si rinnovano le torture che quel bambino ha subito, quella morte che quel bambino ha avuto. Non facciamoci ingannare allora dalla spiegazione che così doveva andare. Se qualcuno avesse detto allora prendi me al posto suo, che cosa sarebbe successo? E così, oggi, il giorno del suo compleanno per noi è festa grande, ma non è la sua festa. A lui ben poco abbiamo saputo dare, ma di sicuro da lui abbiamo preso tutto: persino la festa in ricordo della sua nascita. S. Coscia

2 2 VIVO ARTE VI 150 ANNI DI HENRY MATISSE Il gran maestro della sintesi visiva e del nudo femminile Henry Matisse nato a Le Cateau-Cambrésis nel dipartimento Nord della Francia, il 31 dicembre 1869, compirebbe 150 anni. Le sue opere vive, vitali e vivaci, trasmettono serenità, gioia e felicità e sono collezionate, esposte e conservate nei più importanti musei del mondo. Per esempio all Hemitage di San Pietroburgo si possono ammirare La Danza e La Musica (1909/10), due celebri dipinti di grandi dimensioni dove Matisse con estrema sintesi e tre colori il blu del cielo, il rosa dei corpi, il verde della collina ha rappresentato il fluire universale dell esistenza umana. Osservare da vicino, la semplice tomba nel verde della collina che domina la Baie des Anges (Baia degli Angeli) nel Cimetière du Monastère a Cimiez, ci fa capire la grandezza del suo talento. Lo storico dell arte Jean Laymarie disse di lui che : Una simile vocazione alla felicità in un epoca in cui tutto porta all angoscia è un esempio eroico di coraggio e fede. Matisse, fin dal periodo fauves, s ispira all Evoluzione creatrice del filosofo Henri Bergson, sostenendo che: Vedere è già creativo mentre lo sforzo che ci vuole per liberarsi dalle abitudini acquisite - dove cinema, pubblicità e riviste ci impongono ogni giorno un cumulo di immagini già predisposte esige una sorta di coraggio; e questo coraggio non può mancare all artista, che deve vedere ogni cosa come fosse la prima volta. Henry Matisse, negli anni della sua formazione non pensava di diventare un artista come invece, il suo amico competitore Pablo Picasso che fin da piccolo dipingeva e studiava disegno. Iscritto all Università di giurisprudenza a Parigi, nel 1890, Matisse a causa di una malattia intestinale che lo costrinse a letto un anno intero, per distrarsi incominciò a dipingere. Abbandonati gli studi di diritto nel 1892 entrò nel atelier di Moreau dove conobbe Rouault e Camion. Strinse amicizia con Marquet. Nel 1896 inizio a esporre. Compro dipinti di Cèzanne, Gauguin e un gesso di Rodin. Nel 1905, data significative per le avanguardie europee, al Salon d Autumne di Parigi Matiise espone una decina di opere insieme a quelle di Manguin, Derain, Vlaminck, Marquet, Camoin, Puy, Flandrin, Van Dongen, che non passeranno inosservate, tanto che il critico Vauxelles le definirà fauves (selvagge) per l eccessiva forza dell immagine e la violenza dei colori, usati spesso in modo arbitrario e non naturalistico. Pur attraversando due drammatiche Guerre Mondiali vivendo anche la deportazione della moglie nel 1944, Matisse non appesantisce la sua pittura che diventerà sempre più libera e sintetica nel secondo dopo guerra. Il colore puro si fa forma, come nel Nudo Blu IV (1952) conservato al Musée Matisse di Nizza, un apoteosi della sinuosità del nudo femminile. Da Lusso, calma e voluttà (Parigi Collezione Signac) del 1904, il cui titolo deriva da un verso di Charles Baudlaire, alla Gioia di vivere, (Barnes Foundation Merion U.S.A. Pennsylvania), dalla bellezza primigenia delle figure della Danza alla serenità delle Odalische, il nudo è l esaltazione della femminilità in tutte le sue forme. Non ha valenze erotiche, provocanti, voyeristiche. I suoi nudi sono liberamente sensuali, carichi di bellezza primordiale, in assoluta armonia con la natura e con il cosmo. Le bagnanti in riva al mare di Lusso, calma e voluttà sono la rappresentazione di un sogno sensuale dove paesaggio e corpi emergono da una stessa vibrazione luminosa. La gioia di vivere trasmette il piacere di una mitica età dell oro. È un paradiso dei sensi.i colori, la danza, la musica, gli abbracci amorosi, le linee sinuose, il pastore che accompagna le pecore al suono di un flauto sono un inno alla vita. E stato un grande maestro della sintesi visiva. Basti pensare alle sue gouaches o papiers découpès, i collages di carte da lui stesso colorate e ritagliate che dominano l ultimo fiorente periodo dell artista. Nel 1947 dedica un libro alla musica Jazz, con venti tavole realizzate in decoupages. La più nota e riprodotta è forse Icaro in cui il Lux calme et volupte Henry Matisse giovane volteggia leggero in un cielo stellato abbracciando il blu dell ignoto. Con uno slancio verso l infinito tenta di toccare le stelle con la punta delle dita. Nel 1938 si stabilisce prima a Nizza in Costa Azzurra e successivamente l attrazione per le atmosfere mediterranee lo portano a viaggiare in Marocco dove prova empatia per la civiltà araba e il suo decorativismo iconografico. Il riflesso del gusto orientalista si riflette nella bella serie di sensuali, modernissime Odalische. Ama il sud della Francia, lavora per la Cappella domenicana di Vance, ma non dimentica la sua cittadina natale tanto che due anni prima di morire, nel 1952, fonda un importante Museo a Le Cateau Cambrésis che ora celebra il suo anniversario con una mostra intitolata Devenir Matisse. Elisabetta Tolosano CARTONI GAUDENZIANI Il nuovo allestimento alla Pinacoteca Albertina Giovedì 5 dicembre presso la Pinacoteca dell Accademia Albertina di Belle Arti, si è svolta la conferenza stampa per il Nuovo Allestimento della Sala dei Cartoni gaudenziani, promosso e sostenuto dalla Consulta per la Valorizzazione dei Beni Artistici e Culturali di Torino con il contributo di Reale Mutua. Sono intervenuti all evento: Paola Gribaudo, Presidente dell Accademia Albertina, Luigi Lana, Presidente di Reale Mutua e Adriana Actis, Presidente della Consulta di Torino. Il nuovo allestimento della sala dei Cartoni gaudenziani, presenta una grande innovazione nell approccio al visitatore con monitor e contenuti multimediali. La disposizione della collezione è su pannelli scorrevoli con una selezione di opere sulle pareti che consentono - attraverso l evoluzione tecnologica e le nuove produzioni di corpi illuminanti di offrire al pubblico un esperienza innovativa di grande suggestione. G.Boc

3 VO 3 DISEGNA ANCORA IL MIO VISO Le nuove stanze della felicità di Viviana Ferrero Si è svolta venerdì 6 dicembre, nella splendida cornice di Palazzo Barolo a Torino la presentazione della prima opera letteraria di Viviana Ferrero, Vice presidente del consiglio comunale di Torino. La sua opera, dal titolo: Disegna ancora il mio viso Ed. Paola Gribaudo, è una raccolta in tre quaderni pieni di poesie, corredate di illustrazioni a cura di Luisa Piglione. L Autrice soprannominata Vivi la rossa ha allietato la serata con un spazio dedicato alla felicità, alla fantasia ed ai sogni, forse proprio il motivo per cui nasce quest opera, come dall autrice stessa sostenuto: per darsi nuove stanze per essere felice. Viviana da molta importanza alla condivisione perché le cose non sono di chi le possiede ma di chi le ama, ci dice. La serata è stata resa ancor più emozionante anche grazie alla travolgente e appassionata interpretazione di bravissimi attori come Daniela Stanga e Roberto Accornero che hanno letto alcune poesie e alla partecipazione del Prof. Guido Montanari, architetto prestato alla poesia. Maria Grazia Toma LA FESTA DELLE LUCI A LIONE dal 1852 un evento meraviglioso Da oltre 30 anni, ogni anno a Lione, nella notte antecedente la festa dell Immacolata Concezione, ovvero il 7 dicembre, si accende un esplosione di colori e di luci realizzate da artisti, disegner e video maker che con le loro installazioni artistiche ricordano il voto fatto dalla città nel milleseicentoquarantatre. Una ricorrenza importante per i francesi che da il via alla magia del Natale che rappresenta un momento di coesione tra la tradizione e la modernità. La storia racconta che Lione aveva fatto voto perche fosse costruita una statua della Vergine Maria affinché la città venisse risparmiata e protetta dalla piaga della peste, promettendo che se gli abitanti fossero sopravvissuti, ogni anno sarebbero saliti sulla collina di Fourvière per renderle omaggio. Duecento anni dopo un forte temporale interruppe l inaugurazione del campanile sul quale si stava poggiando una statua dedicata alla Vergine. Improvvisamente il temporale cessò, il cielo divenne chiaro e i lionesi illuminarono con lampioncini le facciate delle proprie case scendendo nelle piazze e festeggiando nelle strade la Vergine Maria fino a tarda notte. Con quattro giorni di feste notturne di luci ancorate alla tradizione religiosa e profan dell antica Capitale della Gallia, dal milleottocentocinquantadue, al calar del giorno, gli abitanti della città decorano le finestre delle loro case con vetrate variopinte e candele. Oggi, la festa avviene tra lo stupore dei passanti davanti alle facciate illuminate, la collina di Fourvière - dove si prega - diventa un tutt uno con la vicina Croce Rossa dove si lavora, una scia di luci cala sulla città, sotto il benevolo auspicio della Vergine, che si staglia con fierezza sulla cima della basilica di Fourvière. Lione si trasforma in un teatro a cielo aperto, dove i monumenti diventano dipinti luminosi e opere d arte evanescenti, le sculture danzano, i muri prendono vita e una decina di animazioni entusiasmano il pubblico per quattro sere consecutive. Un appuntamento molto importante anche per l Agenzia di viaggi Triangolo d Oro di Torino, che ogni anno, organizza per i torinesi e non solo in dicembre, il viaggio a Lione per scoprire le bellezze di questo evento unico nel suo genere. Maria Grazia Toma

4 4 VENARIA REALE VI OSTERIA PASSAMI IL SALE - LA STORIA DI UNA FAMIGLIA Da... principianti pieni di ansia a professionisti pieni di ansia - 7 giorni su 7 Battute di vitello fassone, vitello tonnato, agnolottini del Plin, agnolotti di magro e un super brasato, verdure di stagione, una volta con le patate e quando la stagione lo permette con dei super porcini. Gaspacho di gamberoni, parmigianina espressa, e cibi su richiesta. Spaghetti al nero di seppia con ratatuille di pesce, risotto con bottarga e provola, risotti per tutti i gusti, salsiccia e barbera, noci e pere, e tutto quanto la fantasia può suggerire. E poi il classico filetto di vitello al carrè di agnello, al filetto di salmone, ma quello pescato, non di allevamento. E per finire il tradizionale Bonet, classico budino con il cioccolato gianduia e amaretti che noi arricchiamo per renderlo più goloso con panna fresca. E attenzione qui si trovano anche la zeppola di San Giuseppe e il cannolo siciliano. È con queste parole che Maria Lo Piccolo, ci accoglie. La luce nei suoi occhi e l entusiasmo dentro di lei è alle stelle quando ricorda i faticosi inizi e le difficoltà per realizzare il suo sogno. Oggi sono tanti i clienti che sono diventati di casa in un luogo che non è solo per chi vuole mangiare in modo diverso, ma anche per chi desidera stare bene ed essere accolto da persone meravigliose. Maria Lo Piccolo e il figlio Edoardo La storia Maria Lo Piccolo, il marito Pino, e il primo figlio Edoardo, sanno cosa vuol dire fare i ristoratori. A due passi dall ingresso della Reggia di Venaria Reale, gestiscono questo piccolo ma caratteristico ristorante da oltre 12 anni. L idea nasce di Maria che dopo venticinque anni di lavoro in Direzione di una media impresa metalmeccanica, decide che è arrivato il tempo di mettersi in gioco e trovando il coraggio prova a fare quella che è sempre stata la sua passione da sempre. Se fai il lavoro che ti appassiona, non lavorerai più per tutta la vita continuava a ripetersi. E così nel 2005 si materializza l immobile per realizzare il suo sogno. Il Comune di Venaria indice un bando per il rilascio di licenze tematiche in un momento in cui si vivono anni convulsi, entusiasmanti, paure, slanci, investimenti da fare e tutto quello che serve per essere pronti all inaugurazione che puntuale avviene il 4 dicembre del Una grande avventura che negli anni ci ha trasformato, da principianti pieni di ansia, a professionisti sempre pieni di ansia! L ansia di fare sempre meglio, di offrire il massimo, di far felici i nostri clienti. L Osteria è aperta tutto l anno 7 giorni su 7 ad esclusione della domenica sera. E la cucina tipica piemontese quella che si propone. Essendo ubicata a undici metri esatti dalla biglietteria del Polo Museale riconosciuto dall Unesco come Patrimonio dell Umanità, tutti gli anni, migliaia di turisti si trovano a transitare davanti al nostro ristorante e come la maggior parte di tutti quanti noi quando ci troviamo in un altra città, gradiamo gustare la cucina del luogo, quella locale per entrare meglio con le nostre emozioni nel tessuto della città che ci ospita. I vini Per chi vuole è possibile fare incetta di prodotti dolci e salati da portare a casa. Abbiamo infatti creato un piccolo spazio dove si possono acquistare dai gianduiotti ai cuneesi, alle acciughe al tartufo, bottiglie di vino pregiate, infatti sia mio marito Pino che Edoardo sono innamorati del vino e negli anni ne sono diventati dei grandi esperti. Da noi si possono trovare i vini delle migliori cantine del Piemonte e non mancano bottiglie provenienti dal sud e qualche bottiglia dalla Francia.

5 VO 5 XXV EDIZIONE DI VIENNA SUL LAGO Il Gran Ballo della Venaria Reale contro le violenze di genere di Livorno dal titolo: I percorsi del design. Nel 1999 gli viene conferita la nomina a Car Designer del Secolo assegnatagli a Las Vegas da una giuria composta da 120 giornalisti ed esperti internazionali. Per la categoria dello sport in questa edizione il Premio è stato assegnato a Jessica Rossi, vincitrice della medaglia d oro ai Giochi olimpici di Londra 2012 nel trap femminile, occasione in cui ha conquistato anche il record del mondo con 99 piattelli colpiti su 100, tre volte campionessa del mondo, oro ai campionati mondiali juniores, cinque volte campionessa europea, oro ai Giochi del Mediterraneo. Un premio a sorpresa, nella categoria Giornalisti è stato assegnato alla giornalista del TG1 Patrizia Angelini, come riconoscimento speciale per l impegno assiduo a favore del mondo sociale ed etico. Ideatrice e Presidente dell Associazione Internazionale Donne Italiane nel Mondo, ha promosso la nascita dell Osservatorio Nazionale Anti Molestie. Da sempre impegnata nella comunicazione etica e nella valorizzazione delle eccellenze italiane nel mondo con il Festival Italia in the world. Ventisette debuttanti con i loro cavalieri, gli Allievi Ufficiali dell Accademia Navale, hanno varcato la soglia la grande porta della Galleria Grande della Venaria Reale sulle note dell Orchestra Giovanile del Liceo Artistico, Musicale e Coreutico Felice Casorati di Novara diretta dal Maestro Dino Scalabrin e sotto l attenta regia della storica coreografa Ida Pezzotti, tra l emozione dei presenti. Beneficiario della raccolta fondi della serata è il Corpo Italiano di Soccorso dell Ordine di Malta, da anni impegnato in prima linea nelle grandi e drammatiche emergenze naturali del nostro Paese ma anche nella quotidianità con il suo servizio di soccorso sanitario ed assistenza agli strati disagiati della popolazione. Alla serata, presentata dal giornalista Fulvio Giuliani capo redattore di Radio RTL e dalla giornalista del TG2 Marzia Roncacci, hanno partecipato Carlotta Stramare, Miss Italia 2019 e Gessica Notaro, quest ultima testimone con la sua personale storia di un messaggio di forza, coraggio e speranza rispetto alle violenze di genere. G. Boc Si è svolta sabato 16 novembre la serata finale della XXV Edizione di Vienna Sul Lago con il Gran Ballo nella Reggia Sabauda della Venaria Reale protagonista ormai dal La manifestazione nata nel 1955, unisce da sempre: formazione, cultura e solidarietà. Un edizione speciale, che ha visto la partecipazione di numerosi personaggi del mondo della cultura, delle istituzioni e dello spettacolo. Il Nastro d Argento della manifestazione reso unico e significativo per via della sua consolidata partenza dalla Nave Scuola della Marina Militare, che da oltre 20 anni partecipa come partner dell evento con gli allievi dell Accademia Navale di Livorno impegnati in un percorso che ha come fine quello di conoscere e valorizzare le diverse eccellenze storiche, culturali, scientifiche e militari del nostro Paese. Un iniziativa che, proprio grazie ai suoi obiettivi ed ai progetti sociali ha ottenuto numerosi e prestigiosi riconoscimenti da parte della Presidenza della Repubblica italiana e della Presidenza della Repubblica austriaca e che negli anni ha goduto dei patrocini della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero della Difesa, del Ministero degli Affari Esteri, del Ministero dei Beni Culturali, della Regione Piemonte, delle Ambasciate d Austria presso il Quirinale e presso la Santa Sede e della Città di Vienna. Vienna sul Lago da sempre mette al centro della sua attenzione la figura femminile e quindi anche per questa XXV edizione ha puntato l attenzione, per il secondo anno consecutivo, sulla campagna di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne. Da qui l adesione al progetto scarpette rosse, attraverso una profonda partecipazione simbolica da parte delle giovani Deb, donne di domani, che per la serata di charity hanno indossato, sotto gli abiti realizzati dallo stilista internazionale Carlo Pignatelli, delle scarpette rosse affinché possa essere rilanciato e tenuto vivo il messaggio del progetto Zapatos Rojos realizzato per la prima volta nel 2009 a Ciudad Juárez, la città di frontiera nel nord del Messico dove è nato il termine femminicidio. Un altro importante appuntamento, lanciato lo scorso anno dal Comitato, che ha voluto rendere omaggio al Gen. Delio Costanzo, uno dei suoi fondatori, è quello del Premio Costanzo, un prestigioso riconoscimento che renda onore a Donne, Uomini e Istituzioni che, attraverso il loro operato nei singoli campi professionali, hanno reso un importante servizio al Paese. Tra i premiati di questa edizione il Cav. Giorgetto Giugiaro definito il genio del design, il quale, presso il Museo dell Automobile di Torino, ha tenuto una conferenza per gli Allievi Ufficiali dell Accademia Navale Patrizia Angelini - giornalista RAI- Tg1

6 6 VI

7 VO VIVO VALLE DI SUSA 7 YUKI ABRAGAMS Tra la natura dei boschi e nel vento ritrovo la vera essenza della vita Yuki Abragams, padre lettone e madre giapponese/italiana, nasce a Torino dove vive e lavora. Ricercatrice, terapista meditativa, compositrice, musicista, è la fondatrice della scuola artistadivita con la quale da una possibilità a molte persone di essere accompagnate a scoprire e vivere il proprio potenziale umano. Una vita passata a conoscere se stessa e a scoprire le meraviglie del potenziale umano, hanno portato Yuki a diventare un importante punto di riferimento per molte persone che vogliono ritrovarsi. Viviamo sempre più lontani da noi stessi. E come se fossimo dei frammenti che spesso facciamo fatica a mettere insieme. Ritrovarsi è riconnettersi con tutte le nostre parti fisiche, emotive, spirituali, e quindi fare ordine dentro di noi, un po come mettere in ordine un armadio con tanti cassetti, e lasciare andare i condizionamenti che non ci permettono di vivere in pienezza, riuscire a trovare il modo di lasciare andare le nostre paure e i sensi di colpa collegati con le esperienze del passato ma che sono ancora presenti dentro di noi, oggi. Quindi ritrovare l armonia, ovvero la capacità di vivere in sintonia con la nostra natura più profonda e vivere in consapevolezza aiuta a vivere meglio sostiene. Yuki accompagna le persone attraverso un lavoro di gruppo ad incontri settimanali, dove le persone lavorano individualmente. Il gruppo è fondamentale - ci dice - perché solo attraverso un lavoro di questo tipo si puo creare la palestra di vita nella quale vengono approfonditi e sviluppati tutti gli aspetti che possono coinvolgere la persona nel proprio quotidiano. Il lavoro individuale è diverso. Si avvicinano a me persone di tutte le età dai 18 ai 70 anni, con problematiche diverse, Alcuni di loro devono risovere situazioni di lavoro, relazioni non perfettamente soffisfacenti, spaesamento, stress, panico, sessualità, contatto o semplicemente si avvicinano a me per curiosità e poi si appassionano e rimangono per scoprire parti di sé che neanche immaginavano. Ad esempio una persona molto introversa puo scoprire di avere una grande capacità di entrare in empatia con le persone e riuscire a comunicare senza sforzo. Oppure una persona che ha avuto grossi problemi di contatto e oggi è un ottimo massaggiatore. Uso moltissime tecniche che ho acquisito negli anni, attraverso la mia formazione professionale e personale, ma per me le tecniche srimangono un mezzo e non il fine. L importante è la persona che ho di fronte e attingo alle varie tecniche la dove serve in quel momento. Per me è fondamentale il rispetto per l altro. Non dico mai cosa fare ma metto a loro disposizione delle tecniche in modo che loro arrivino da soli a comprendere. E come se diventassi un tramite per aiutarli a trovare il maestro che è dentro di loro di loro. Ma per poterlo fare ci vuole prima una grossa pulizia di ciò che non ci appartiene e poi da parte mia una costante attenzione a mettermi in gioco, e portare nuovi strumenti e tecniche per far si che loro si sentano accompagnati a migliorare la loro vita. Il lavoro sul corpo, sulle emozioni, sulla mente, sull essere, sul potenziale, sull aspetto creativo, è in sostanza un modo per riportare il mio interlocutore a casa, e tutto questo non potrebbe accadere senza l amore. L amore e la gratitudine per lei è tornare a casa, e questo crea armonia nella propria esistenza. E tra la natura, nei boschi e nel vento che trova la vera essenza della sua vita. BRUZOLO (TO): Si svolgerà il 14 dicembre presso la sala polivalente di San Didero (To) struttura coperta in Piazza Europa, lo spettacolo di teatro-danza: BIANCO. lo spazio dell anima sul quale posso scrivere la mia vita. Una performance raccontata attraverso il movimento che parte dal caos in cui viviamo tutti giorni, passando poi dal giudizio e dal senso di colpa, e il cambiamento. Il bianco entra in scena e si trasforma ogni volta diventando speranza, amore, comprensione e ancora altro... Intanto i protagonisti vivono l incontro tra le donne, la conquista, la coppia, gli incontri con la forza maschile fino ad arrivare a comprendere che tutto quello che loro stavano cercando era già dentro di loro e allora comprendono che il mondo interiore è importante tanto il mondo esteriore. Si prende consapevolezza che creando un ponte tra l uno e l altro si diventa più integri. Il finale dello spettacolo è a sorpresa. Sul palco: Rita Memoli, Teo Rossi, Letizia Durandetto, Catia Bertè, Laura Ravetto, Salvatore Convento, Beatrice Di Stolfo. I costumi sono a cura di: Elena Gaudio, disegno luci. suono e Regia a cura di: Yuki Abragams. L evento è organizzato con il patrocinio del Comune di San Didero, in collaborazione con la Proloco di San Didero e la Proloco di Bruzolo. Info: Laura Catia

8 VALLE D AOSTA 8 VI ARTIGIANATO VALDOSTANO Valle D Aosta Liguria: Un connubio vincente Racines-Radici.Alpi dell Arte è la rassegna dell artigianato valdostano di tradizione che fino al 7 gennaio 2020 sarà ospitata a Sanremo. L evento Alpi dell Arte nasce da un accordo tra la Regione autonoma Valle d Aosta, la Camera valdostana delle imprese e delle professioni e il Comune di Sanremo, con il patrocinio del Comune di Aosta e in collaborazione con il Savt (Sindacato autonomo valdostano travailleurs). Tre sedi d eccezione e altrettante esposizioni personali di artisti. Il Forte di Santa Tecla ospita Uomini di legno di Dorino Ouvrier, artigiano che scolpisce emozioni. Nelle sue sculture, ricavate dal legno di noce, il movimento spesso si impone sulla cura del dettaglio: i suoi personaggi, ispirati al mondo agricolo valdostano, ne ricevono una forza singolare. Il Casinò di Sanremo è la cornice di Joà de Noutra tera. Jeux traditionnels en Vallée d Aoste di Giovanni Thoux, uno dei più originali scultori valdostani. Noto per l utilizzo del colore nei suoi pannelli intagliati, si ispira per la scelta dei soggetti, che rende con una notevole carica espressiva, alla cultura valdostana, esplorandone tradizioni, costumi, religione e leggende. La Confraternita di Santa Brigida accoglie Presepi: Spiritualità e tradizione di Guido Diemoz, uno dei più significativi interpreti del mondo rurale valdostano, che racconta spesso attraverso imponenti gruppi scultorei. Il fascino della vita alpina dei tempi passati emerge con ricchezza poetica in tutte le sue opere, illustrino esse lo svolgimento di un rito religioso o la fatica dei lavori agricoli. Alpi dell Arte e la materia prese forma mostra collettiva. Diciotto scultori professionisti e maestri artigiani espongono nel Museo Civico di Palazzo Nota a Sanremo: Allione Simone, Arnodo Stefano, Baravex Manuel, Barmasse Giangiuseppe, Berlier Dario, Binel Giuseppe, Broccard Emo Giuliano, Chiurato Roberto, Coquillard Dario, Crestani Matteo, Cretaz Ornella, Massetto Enrico, Pinet Franco, Pison Ernesto, Regazzoni Luciano, Trojer Peter, Viérin Siro, Yon Sebastiano. Scopri la Pigna È la mostra-mercato dell artigianato che si svolge nei Locali della Pigna di Piazza Cassini a Sanremo coinvolgendo oltre venti artigiani che nei fine settimana propongono i loro manufatti realizzati in legno, vimini, ceramica, cuoio e pelle. Altre eccellenze artigianali della Valle d Aosta vengono proposte nella Boutique al Forte di Santa Tecla. Un Epifania Golosa chiuderà la vetrina valdostana a Sanremo. Il 6 gennaio 2020, al Casinò di Sanremo si susseguiranno un mercatino di prodotti agroalimentari della Valle d Aosta, con finger food, piatti di eccellenza, e cena a base di piatti valdostani e liguri. PUBBLICITÀ SU VIVO Tel. +39 (0)

9 VO VALLE D AOSTA 9

10 10 VIVO DONNA VI 10 ANNI DEL CODICE ROSA IL PROCESSO CULTURALE CHE HA RIVOLUZIONATO LA PRESA IN CURA DELLE PERSONE CHE SUBISCONO ATTI DI VIOLENZA - IL MODELLO DI INTERVENTO INTEGRATO IN SANITÀ A SUPPORTO DELLE VITTIME DI VIOLENZA. genere del Senato. Si è concluso con la posa della panchina rossa, simbolo contro la violenza di genere, donata dal Soroptimist di Grosseto. Il pomeriggio è stato dedicato alla formazione con il workshop #avantinsieme contro il revenge porn, con approfondimenti di Marino di Nardo del Ministero Pari Opportunità e Famiglia, Ilaria Bonuccelli, giornalista e la giudice Paola De Nicola. Un percorso nato dieci anni fa, quando nasceva il Codice Rosa: il primo percorso inter istituzionale in Italia, dedicato alle vittime di violenza. Da quel giorno la sfida della squadra dedicata al progetto, composta dai professionisti della Asl di Grosseto, coordinati dalla dottoressa Vittoria Doretti, è stata vinta e importanti traguardi nel contrasto alla violenza sono stati raggiunti. Con la collaborazione delle Istituzioni, Procura della Repubblica, Forze dell ordine e centri antiviolenza, il Codice Rosa si è strutturato fino a divenire nel 2016 una vera e propria Rete in tutta la Toscana. Questo approccio al contrasto del fenomeno violenza, è stato ripreso e adottato in tutto il territorio nazionale ed ha visto anche esperienze a livello internazionale. G.Boc Vittoria Doretti Mercoledi 11 dicembre a partire dalle 9.30 all ospedale Misericordia di Grosseto, si è celebrato il decennale del Codice Rosa con un intera giornata dedicata a questo evento e la partecipazione di tutti i protagonisti che ne hanno fatto la storia. La mattina, nell Auditorium, si è aperto con i saluti della direzione Asl e dell assessore regionale al Diritto alla salute Stefania Saccardi e ha proseguito con gli interventi di Vittoria Doretti, direttora Rete regionale Codice Rosa e ideatrice del progetto. Sono intervenuti il Console del Brasile Afonso Carbonar, Linda Laura Sabbadini di ISTAT e la senatrice Valeria Valente, presidente della Commissione di inchiesta sul femminicidio e violenza di TRASPARENZE DI DONNE Il nuovo, emozionante libro di Flavia Curti Ho sempre ammirato l Universo Donna. Bisognerebbe imparare ad entrare in punta di piedi ed a voce bassa dentro di loro, leggendo dentro le loro anime e le trasparenze di ognuna di loro, in quella forma di pudore che si chiama rispetto per la Vita (Flavia Curti, pres. Citta delle Donne) Flavia Curti Trasparenze di Donne Sillabe di Sale Editore Flavia Curti, è nata a Torino e risiede a Piossasco. Un impegno editoriale rilevante, anche se nel cassetto sto sviluppando da tempo un altro libro rivolto a contenuti più personali e familiari ci dice. Sempre proiettata nel futuro e soprattutto dentro l universo Donna, Flavia con questa sua prima opera, vuole trasmettere un messaggio molto semplice, ma di forte valenza, come di quanto sia stato determinante, nello scorrere dei tempi e della civiltà, l apporto delle donne di culture, età, tradizioni diverse, attraverso le loro personali lotte, professioni e passioni. Occorre che qualcuno inizi a pensare a delle leggi che trasformino in realtà molte proposte che ad oggi non trovano ancora soluzioni adeguate per una società che ha sempre più bisogno di Donne per gestire e superare le criticità di una comunità che invecchia, nella quale fare figli, entrare nel mondo del lavoro, curare gli anziani, diventa sempre più difficile. Servono più servizi, ad esempio a partire dai nidi. E occorre inoltre modificare un sistema che dia parità di responsabilità a madri e padri nella cura dei figli, ma soprattutto il nodo si chiama: conciliazione lavoro-famiglia. Il libro dal titolo: Trasparenze di Donne Edizioni Sillabe di Sale, prende per mano, dal millequattrocento a oggi, oltre trenta profili femminili in una carrellata di emozioni e vicende che, nel tempo, ci hanno regalato figure di Donne che, dalla politica allo spettacolo, dallo Sport alla Scienza, dall Arte alla letteratura hanno cambiato e rivoluzionato la nostra civiltà. Un libro dove affiora, in una sorta di visione in trasparenza l io più profondo di ognuna di loro, la forza e la determinazione nel combattere per i propri sogni. Tante stupende Donne tutte unite. Il ricavato della vendita del libro, aiuterà molte donne attualmente in difficoltà attraverso l associazione La Città delle Donne. G.Boc

11 VO VIVO BENE 11 MARIANGELA MENSO Da Dirigente d azienda a consulente di Consumatori Consapevoli Promuovere la naturalezza e la qualità dei prodotti per la persona, abbinati ad uno stile di vita sano, con tutte le persone che incontro, era quello che volevo fare. Mariangela Menso. sessant anni, residente a Torino, non ha dubbi nel sostenere che nella vita ad un certo momento bisogna cambiare, semplicemente perche ci si è evoluti. Dirigente d azienda per numerosi anni, lavoro duro, e molte responsabilita, l hanno aiutata a conoscer e le persone, a sapere come aiutarle a superare se stesse, a consigliarle, ad essere un punto di riferimento per indicare loro una strada diversa per vivere al meglio. L azienda con cui ha scelto di lavorare oggi, è leader nel settore. Oggi Mariangela si occupa di consumatori consapevoli, di stili di vita, di responsabilita dell essere. Negli anni i consumatori hanno sviluppato sempre più interesse e consapevolezza nella cura della propria alimentazione, ma nonostante le ormai innumerevoli diete e i prodotti di qualità, non sempre questo porta il giusto mix di ingredienti di cui il nostro corpo ha necessità. Oggi si parla di integratori naturali che vanno a compensare queste carenze, c è sempre ancora molta confusione. Certo che il suo percorso da dirigente d azienda, appassionata da sempre di bellezza a diventare consulente di Benessere è stato molto impegnativo. Lo sviluppo della consapevolezza della vita è un qualcosa di molto importante, ci dice. Non avevo il tempo di occuparmi di me come desideravo quando lavoravo tante ore al giorno per un grande Gruppo piemontese nel settore dello sviluppo del personale, nel campo dell organizzazione di eventi. Ma la sua voglia di mantenere uno stile di vita sano a trecentosessanta gradi: dallo sport settimanale ai prodotti che metteva in tavola per la sua famiglia, all integrazione, alla cosmesi, l hanno avvicinata ad una azienda svizzera con cui ha subito riconosciuto la sua serietà e l efficacia. Decide cosi di realizzare il sogno della sua vita e diventare protagonista all interno dell azienda stessa, portando la sua esperienza e il suo enorme know-how. Ho voluto conoscere da vicino l azienda, ho creduto in essa, ed il passo da semplice consumatrice a consulente è stato naturale. Quando conosco persone nuove che vogliono avvicinarsi ad un lavoro che non hanno mai fatto, dico sempre che devono conoscere la loro azienda. Devono sapere tutto, perchè solo cosi renderanno al meglio. Un lavoro diverso quindi, ma il promuovere la naturalezza e la qualità dei prodotti, abbinati ad uno stile di vita sano, a tutte le persone che incontro, era quello che volevo fare. Mariangela è stata comunque molto attratta soprattutto dalla cosmesi e dall igiene personale a cui sempre ci ha tenuto molto nella sua vita scoprendo prodotti nuovi e innovativi aiutando la prevenzione della persona. E si sa per una donna, è importante sentirsi bella e in forma. Mariangela Menso, Capo Gruppo di Swisscare, azienda leader nella ricerca e produzione di integratori e cosmetici più sicuri, innovativi e affidabili, ti offre la possibilità di scoprire di più sul tuo Benessere, per aiutarti ad essere un vero Consumatore Consapevole.

12 12 VIVO CULTURA VI 28 EDIZIONE RASSEGNA MUSICALE POLINCONTRI CLASSICA Nicolò Pallanch, Federico Bisio e Carlo Romano Si è svolto lunedì 2 dicembre - in occasione della 28 edizione della Rassegna musicale Polincontri Classica, organizzata dallo staff del Politecnico di Torino - presso l aula Aula Magna del Politecnico di Torino il concerto K 361 per la Gran Partita di Wolfang Amadeus Mozart con L orchestra Polledro diretta dal M Federico Bisio. Lo scroscio di applausi al termine della performance ha caratterizzato e dato lustro alla bravura riconfermata del primo Oboe Carlo Romano e del giovane talentuoso primo Fagotto, Nicolò Pallanch, che insieme al proseguo dell ensemble di fiati Francesca Gelfi, Alessandro Lamperti, Bruno Schiavello, Irene Marracini, Federico Fantozzi, Sara Pozzi, Gregorio Demaria, Gionata Chiaberto, Pietro Savonitto, Lorenzo Mastropaolo e Tonino Chiodo al Contrabbasso, ha ottenuto un gran risultato d insieme, vincendo la Partita composta dal popolare Wolfang Amadeus Mozart. Un corpo unico, fluido e ben amalgamato, nell interpretazione più che convincente delle sette parti che compongono la Serenata scritta dall amatissimo genio salisburghese. Il concerto eseguito nella grande Sala Agnelli è stata conquistata sin dall inizio, quando il M Bisio ha introdotto la serata con una breve introduzione a voce. Oltre quattrocento persone hanno silenziosamente partecipato allo spettacolo, indetto dalla compagine prettamente under 40, richiedendo e ottenendo un energizzante bis finale. Il prossimo appuntamento con l Orchestra Polledro, sarà per marzo 2020, presso il Salone del Conservatorio di Torino, in occasione del loro terzo attesissimo concerto di Stagione A complemento del Genio. Celiant Tolmami Unione Industriale di Torino LE DANNATE - con Massimo Giletti Lunedì 25 novembre presso la Sala Agnelli del Centro Congressi Unione Industriale di Torino, l Associazione La Città delle Donne ha incontrato il giornalista Massimo Giletti per la presentazione del suo ultimo libro: Le Dannate (Ed. Mondadori), storia delle sorelle Napoli. L evento organizzato dalla Citta delle Donne, ha visto la partecipazione di numerose persone accorse. Durante la serata è stato anche presentato il progetto del Comune di Castagnole P.te che prevede per il 2020 una serie di incontri a partire dal mese di gennaio che si concluderanno il 26 aprile con una importante manifestazione nella Piazza centrale del Comune di Castagnole P.te, aventi come argomenti numerose tematiche legate al mondo della Donna. Gli appuntamenti sono stati organizzati in collaborazione con l Associazione La Città delle Donne. Giorgio Boccaccio Flavia Curti, Ismaela Ruggiero, Massimo Giletti, Angela Paolantonio

13 VO VIVO CINEMA IL DOPPIO AL FEMMINILE DI GØRILD MAUSETH L innovazione della Donna in multilingua 13 KARENINA & I, un film di Tommaso Mottola, con Gørild Mauseth e la voce narrante di Liam Neeson. Dopo alcune anteprime italiane (Napoli, Roma, Milano, Torino, Mantova) nel 2019, tornerà nelle sale cinematografiche italiane nella primavera 2020, ma ancora con calendario da stabilire. Il progetto è stato realizzato grazie al contributo di Crowdfunding, North Norwegian Film Center, Film Fund Nord, Norwegian, Film Institute, Grieg Foundation, Regione Lazio. Per capire la storia cinematografica, si deve perlomeno partire dalla memoria dal romanzo Anna Karenina (1877) di Lev Tolstoj che a scuola ci hanno fatto pedissequamente studiare come fulgido esempio di letteratura russa - unitamente a Guerra e Pace - ed è sostanzialmente la storia di una anti-eroina che per amore, o meglio, per libertà di amare arriva sino all estremo di se stessa. Oggi, ispirandosi a questa emblematica figura e liberandosi da ogni sorta di sudditanza psicologica dall originale opera letteraria, esce con coraggio e creatività nelle sale cinematografiche italiane un inno rivoluzionario alle donne. Grazie al flusso di coscienza interiore della protagonista un interrogarsi e rispondersi ricco di suggestioni (alla James Joyce per intenderci) Anna si avventura in un viaggio iniziatico con tanto di marito e figlio piccolo, alla volta di varie sfide umane e professionali. Ed è proprio l io narrante di questa donna-attrice, poliedrica e multiforme, che per l intero plot itinerante (la storia si svolge attraverso un viaggio per via ferrata, lungo un paesaggio mutevole che parte dalla solare Venezia, percorre la Russia e raggiunge le luci teatrali di Vladivostok), tiene lo spettatore attaccato alla sedia, seducendolo, coi suoi vari ruoli di madre, amica, collega e amante. L Io ( I in inglese significa Io e nel titolo rappresenta l essenza interiore di ogni singola persona) gioca costantemente con il suo Doppio al femminile, in un avvicendarsi di specchi con l eroina di Tolstoj, dando alla luce un interpretazione davvero straordinaria della Mauseth. La protagonista è incarnazione archetipale positiva della contemporanea Valchiria, figura ancestrale della mitologia norrena, in stretta GØRILD MAUSETH connessione tra la Madre Terra e l universo. Lo storytelling apparentemente documentario del viaggio sia fisico che interiore, riporta inaspettatamente la platea a interrogarsi sulle sue radici e suoi propri dolori più profondi, grazie al racconto delicatamente spiato dello sguardo fidente del regista Tommaso Mottola, che ha girato la sua produzione con vari mezzi (telecamera, telefonino, Gopro) in una risultanza temporale ciclica, lineare e perfetta. La freschezza delle riprese della sceneggiatura in divenire, si amalgama alchemicamente con le musiche di Philip Glass, Michael Nyman e Arvo Pärt, creando bozzetti scenici degni dei cahiers de voyages alla Bruce Chatwin, che superando la trama ispiratrice di Tolstoj a cui il film offre tributo, sa fa esplorare ulteriormente l inconscio, rigenerando miti della tradizione e mappe del territorio. Il Cast è costituito principalmente da donne (Sonia, Fekla, Kitty, Dasha) che quasi evocano leggendarie Norne nordiche ovvero Filatrici del fato capaci di esaltare il principio di causa ed effetto del cambiamento evolutivo insito nel sottotraccia della pellicola. Il bagno notturno nel lago russo, fa echo a riti di passaggio, ed è compiuto de tre donne nude che paiono rimandare alle Botticelliane Tre Grazie coronando nel suo freddo e fluido abbraccio il completamento dell Amore nella sua Radice e Origine trina tra Eros, Philos e Agape, fino e raggiunge il suo culmine di offertorio lungo le coste artiche e la tundra norvegese. Celian Tolmami VIVO Direttore responsabile GIORGIO BOCCACCIO Sede Via A. Pairolero, Venaria Reale (TO) Tel. +39 (0) Redazione e Amministrazione Pubblicità Libera Sorgente Srl a Unico Socio Tel. +39 (0) Stampa: I.T.S. S.r.l. Via Abate Bertone, CAVAGLIÀ (BI) Tel. +39 (0) Stampato il 12/12/2019 Reg. Trib. di Torino N. 53 del

14 14 VIVO CON GUSTO VI BRUNO GAMBAROTTA Una carriera che non finisce mai Quando avevo già 51 anni Repubblica ha aperto la redazione torinese e io sono stato invitato a collaborare grazie al fatto che facendo la spalla ad Adriano Celentano nel Fantastico 87 avevo acquisito una certa notorietà. Il direttore di Torino - Salvatore Tropea - mi faceva delle proposte e io eseguivo. Nel tempo i miei interventi si sono rarefatti ed erano sempre dei brevi corsivi sulla vita quotidiana a Torino. A quel punto Rocco Moliterni, responsabile del supplemento della Stampa Torino Sette mi ha proposto una collaborazione fissa, una rubrica dal titolo: Storie di città, che va avanti da più di venti anni e che ha generato tre libretti su richiesta di editori locali. Qualche rara volta mi sono stati richiesti interventi sulle altre pagine del quotidiano soprattutto in cronaca e saltuariamente recensioni su Tuttolibri che faccio tuttora. Tutto qui, senza mai iscrizioni all albo o cose del genere. Da bambino voleva scrivere, condurre, interessarsi alle persone? Da bambino sostavo più che potevo nella tipografia dove mio padre lavorava come dipendente nelle mansioni di compositore a mano. Mi inebriava e tuttora mi inebria l odore dell inchiostro da stampa. Da grande avrei voluto fare l editore ma non ne ho mai avuto il coraggio. Non ho mai pensato di condurre alcunché né mi sono mai interessato alle persone. Quando ha scoperto di avere una vena umoristica dentro di lei? Detesto i conflitti e ho sempre cercato di smontare i conflitti intorno a me sforzandomi di far ridere. L umorismo è una forma di viltà. Lei si è occupato per un po di tempo di cibo, in modo curioso. Quale è l aspetto del mondo culinario che la incuriosisce di più? Del mondo culinario mi interessa la prosopopea, la pretesa di essere al centro dell universo, la parodia di un culto religioso. Lei si definisce uno scrittore artigiano o astigiano? Un giorno La Stampa, dando la notizia in tre righe di una mia presentazione di un libro mi definì scrittore artigiano mentre voleva dire astigiano. Nipote e figlio di artigiani e io stesso artigiano fino ai venticinque anni nel ruolo di fotolitografo, avendo come modello Carlo Fruttero e Franco Lucentini che si sono sempre definiti scrittori artigiani, sono fiero di questa attribuzione, ma sono anche orgogliosamente astigiano. Lo consiglia il gianduiotto a Natale? Il gianduiotto lo consiglio tutti i giorni dell anno, nessuno escluso, perciò anche a Natale, anche se io personalmente mangio il castagnaccio. G. Boc

15 VO VIVO INSIEME 15 IL PECCATO ORIGINALE L albero del Paradiso o l albero di Natale? In epoca mediovale, In Renania, era diffusa l usanza di rappresentare nelle piazze il Paradiso terrestre, proprio il 24 dicembre, addobbando un albero con mele e altra frutta chiamato: l albero del Paradiso, insomma un Albero di Natale! L opinione del prof. Marco Gambarino, insegnante di religione, è che parti tutto milleseicento anni fa quando un vescovo nordafricano di nome Agostino poneva le basi della riflessione cristiana sul peccato originale. Il tutto si legava al pensiero delle origini cristiane che metteva a confronto Gesù con Adamo, il primo uomo, di cui parla il primo libro della Bibbia, la Genesi. Se Gesù era stato il modello dell ubbidienza a Dio, Adamo era stato il primo disubbidiente. La lettera di san Paolo ai Romani, considerata il testo della maturità dell autore, si dilunga sulle somiglianze e differenze tra il progenitore dell umanità e il salvatore di questa. In definitiva, per Paolo, Gesù è il nuovo Adamo, che viene a correggere gli errori commessi da quello antico. Agostino seguirà il ragionamento di Paolo e ne ricaverà la dottrina classica del peccato originale. Il peccato di Adamo ha portato il peccato nel mondo e in qualche modo ha fatto sì che tutti siamo condannati a morire. Insomma, è un po come se Adamo avesse passato ai suoi discendenti un eredità scomoda, da cui nessuno è escluso (tralasciamo per comodità il dogma dell Immacolata Concezione). Cosa serve allora per uscire da questa maledizione? La risposta fu subito abbastanza chiara: il battesimo. Una conseguenza tragica invece ne fu la comparsa di un luogo destinato dopo la morte ai non battezzati: il limbo! Il peccato originale era sufficiente ad escludere, almeno temporaneamente, dal Paradiso. Possiamo capire che Adamo ed Eva non godessero della massima stima, soprattutto Eva. Ci sono alcuni punti critici che sono intervenuti ad agitare le acque e quindi ne vale la pena spiegare. Il limbo non viene citato da nessuno degli Scritti Sacri e dunque alcuni anni or sono è stato escluso dal panorama teologico, in quanto ipotesi non sufficientemente motivata. L analisi degli scritti di Agostino ha messo in luce che una parte della sua argomentazione trae la propria forza dalla traduzione latina della Bibbia e non dal testo originale greco. Il vescovo calabrese Giuliano di Eclano lo aveva già fatto notare all epoca. E infine, l origine dell umanità viene descritta in un altro modo dalla scienza moderna. L evoluzione ha fatto emergere l uomo in un modo non ancora del tutto chiarito. Sembra che siano emersi contemporaneamente diversi ceppi umani, dunque escludendo un unico Adamo ed un unica Eva. Lo sapeva già Pierre Teilhard de Chardin, un prete gesuita facente parte della stessa spedizione che poi scoprirà il Sinanthropus pechinensis (un ominide preistorico). Il religioso fu al tempo censurato, come Galileo, e in seguito riabilitato. Per concludere il peccato originale oggi rimane come dogma, per la Chiesa cattolica, ma la sua esposizione avrebbe bisogno di essere adattata a ciò che le scienze naturali intanto vanno scoprendo. Vale forse la pena di riportare la formula, più esistenziale, data dal Catechismo della Chiesa cattolica: «La dottrina del peccato originale è, per così dire, il rovescio della Buona Novella che Gesù è il Salvatore di tutti gli uomini, che tutti hanno bisogno della salvezza e che la salvezza è offerta a tutti grazie a Cristo» (nr. 389). Indubbiamente una espressione più comprensibile e forse, più cristiana. Da questo deriva che non si possono dividere nella riflessione il peccato originale e la nascita di Gesù: un evento cosmico quale l incarnazione di un salvatore divino corrisponde naturalmente ad un evento della stessa portata che è l errore dei primi esseri umani. Il Natale è l evento che viene a raddrizzare una situazione nata storta con Adamo e i suoi discendenti. Curiosamente antichi calendari riportano proprio al 24 dicembre la festa dei progenitori, Adamo ed Eva. Il peccato originale ha avuto origine dal mancato rispetto dei comandamenti dati dal nostro creatore ai nostri antenati Adamo ed Eva, sostiene Luigi Ventura, Presidente dell associazione Versus. Una illecita relazione tra Eva e Lucifero e tra Adamo ed Eva e un crimine tra Caino e Abele. Questo è il karma che l umanità dovrebbe comprendere e restaurare per liberarsi dal male. Perché questo è il peccato originale che ci hanno trasmesso i nostri antenati. Il senso di colpa non può essere spiegato velocemente. Deve nascere una nuova cultura interculturale, che possa creare, come alcuni avevano gia detto una sorta di Stati uniti del mondo. Dalla sua ricerca interiore, si trova d accordo con i testi sacri, che il male ha come significato l andare contro natura. Secondo Luigi Ventura, il processo del peccato originale nella Bibbia (Genesi 3), dice che Lucifero seduce Eva, Eva seduce Adamo e tutti e tre si ritrovano fuori dal Paradiso e dalle grazie di Dio. Nella tradizione ebraica la mela rappresenta l organo genitale, il che significherebbe a livello spirituale, che Adamo è stato tradito da Eva con Lucifero. Ma Eva accorgendosi che non poteva procreare la vita con Lucifero che è un Angelo, torna da Adamo capendo che baveva commesso un grande errore riconquistandolo come Lucifero aveva fatto con lei. Questo significa che conoscendo i principi della creazione, la vita, facente parte del progetto del nuovo Universo concepito da Luigi Ventura, puo diventare una grande tradizione culturale d amore per chiunque. Luigi, essendo uomo di pace, da alcuni anni, attraverso i suoi incontri interculturali vuole fare chiarezza e saperne di piu su queste riflessioni. Per realizzare la famiglia ideale nel Mondo, Luigi Ventura con la sua associazione, costruisce ogni anno cinque incontri che hanno l obiettivo secondo lui di fare chiarezza su queste riflessioni e aiuatre le persone a eliminare i conflitti dell uomo e della donna per realizzare la famiglia ideale nel Mondo. Insomma, argomenti senza dubbio complessi che meriterebbero molti approfondimenti e non privi di domande che forse vale la pena, studiare. L Associazione Culturale Versus affronta queste riflessioni attraverso numerosi incontri monotematici. Per approfondimenti: Associazione Versus Giorgio Boccaccio

16 16 Il sapore delle Feste

CURRICOLO DI RELIGIONE CLASSI TRIENNIO. Obiettivi di apprendimento Conoscenze Abilità. Fare non è creare.

CURRICOLO DI RELIGIONE CLASSI TRIENNIO. Obiettivi di apprendimento Conoscenze Abilità. Fare non è creare. CURRICOLO DI RELIGIONE CLASSI TRIENNIO Traguardi di competenze Obiettivi di apprendimento Conoscenze Abilità Riflette su Dio Creatore e Padre Riconoscere che per la religione cristiana Dio è creatore e

Dettagli

importanti della Settimana Santa e scoprire la risurrezione come vita nuova. -Conoscere il significato di alcuni simboli pasquali.

importanti della Settimana Santa e scoprire la risurrezione come vita nuova. -Conoscere il significato di alcuni simboli pasquali. CLASSI PRIME Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Scoprire nell ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre -Conoscere e farsi conoscere per

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2016/2017 Programmazione delle attività educativo didattiche Scuola PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA - Riflette sul significato dell amicizia -

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2017/2018 Programmazione delle attività educativo didattiche Scuola PRIMARIA RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: Riflette sul significato dell amicizia Riflette

Dettagli

Casatenovo: l'auditorium gremito alla prima di ''Forza Venite Gente'', con i ragazzi della pastorale giovanile della comunità

Casatenovo: l'auditorium gremito alla prima di ''Forza Venite Gente'', con i ragazzi della pastorale giovanile della comunità Casatenovo: l'auditorium gremito alla prima di ''Forza Venite Gente'', con i ragazzi della pastorale giovanile della comunità casateonline.it/articolo.php Dal lavoro quotidiano di un gruppo unito di ragazzi

Dettagli

FRATELLO SOLE SORELLA CHIARA FRATE FRANCESCO E LA PERFETTA LETIZIA

FRATELLO SOLE SORELLA CHIARA FRATE FRANCESCO E LA PERFETTA LETIZIA FRATELLO SOLE Io sono Francesco, Francesco d Assisi e questa è la mia storia. Una storia vissuta con tanti fratelli, con tante sorelle. Vissuta con loro e per loro. Una storia vissuta con il mio grande

Dettagli

Progetto di educazione religiosa anno 2017/2018 Custodi dell alleanza

Progetto di educazione religiosa anno 2017/2018 Custodi dell alleanza Progetto di educazione religiosa anno 2017/2018 Custodi dell alleanza Premessa Il progetto vuole far leva sulla capacità dei bambini di essere dei potenziali CUSTODI di ciò che li circonda. La motivazione

Dettagli

La maschera del cuore

La maschera del cuore La maschera del cuore Francesco De Filippi LA MASCHERA DEL CUORE romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Francesco De Filippi Tutti i diritti riservati Al mio prof Renato Lo Schiavo che ha permesso

Dettagli

L arte, non solo nel piatto

L arte, non solo nel piatto Il ristorante gourmet 1 stella Michelin di Andrea Ribaldone, I due buoi ad Alessandria Fonte: Uf cio stampa Una cena in un ristorante gourmet è, prima di tutto, un esperienza mentale: nel piatto ci sono

Dettagli

R E L I G I O N E C A T T O L I C A C L A S S E 1 ^

R E L I G I O N E C A T T O L I C A C L A S S E 1 ^ R E L I G I O N E C A T T O L I C A C L A S S E 1 ^ OBIETTIVI FORMATIVI Osservare e scoprire nel mondo i segni di una presenza divina. Riconoscere l importanza delle ricorrenze religiose nella vita degli

Dettagli

L ANNUNCIO DI PASQUA Luca 24, 1-10

L ANNUNCIO DI PASQUA Luca 24, 1-10 L ANNUNCIO DI PASQUA Luca 24, 1-10 Arcabas - Chiesa della Risurrezione - Comunità Nazareth - Torre de Roveri (Bg) Buio e luce Di buon mattino.... Sul fondo della valle la notte lotta contro il giorno.

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA INFANZIA

RELIGIONE SCUOLA INFANZIA SCUOLA INFANZIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE NUCLEO FONDANTE ANNI TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE DIO E L UOMO LA BIBBIA E LE

Dettagli

CAMMINANDO SUL FILO. Elementi di acrobatica quotidiana per signore

CAMMINANDO SUL FILO. Elementi di acrobatica quotidiana per signore CAMMINANDO SUL FILO Elementi di acrobatica quotidiana per signore Azione di teatro-formazione di e con: Laura CURINO Chiara DI NOIA, Andrea GALLI, Federica GRANDIS Donne dai poteri straordinari, esperte

Dettagli

LA NOTTE VESTE VILLA D AGRI SECONDA EDIZIONE

LA NOTTE VESTE VILLA D AGRI SECONDA EDIZIONE LA NOTTE VESTE VILLA D AGRI SECONDA EDIZIONE 28 LUGLIO 2018 ORE 20,30 - PIAZZA ZECCHETTIN STORIA L idea di questa manifestazione nasce da lontano, la prima edizione si è svolta infatti a Roma nel 2010

Dettagli

Programmazione didattico-educativa d Istituto SCUOLA PRIMARIA. FILONE n 12: COMPETENZA RELIGIOSA

Programmazione didattico-educativa d Istituto SCUOLA PRIMARIA. FILONE n 12: COMPETENZA RELIGIOSA Programmazione didattico-educativa d Istituto SCUOLA PRIMARIA INDICATORE: DIO E L UOMO Sviluppa il concetto d identità personale e sa interagire con i compagni e gli adulti in modo sereno e collaborativo.

Dettagli

Progetto di educazione religiosa anno 2018/2019 La bellezza dell abbraccio

Progetto di educazione religiosa anno 2018/2019 La bellezza dell abbraccio Progetto di educazione religiosa anno 2018/2019 La bellezza dell abbraccio Premessa Il progetto vuole offrire al bambino opportunità di crescita, di dialogo e di scoperta. In particolare si pone i seguenti

Dettagli

Al via un ricco calendario d incontri dedicato quest anno Leonardo Da Vinci

Al via un ricco calendario d incontri dedicato quest anno Leonardo Da Vinci Cultura. Lecco e Como più vicine con la rassegna Le Primavere 1 Al via un ricco calendario d incontri dedicato quest anno Leonardo Da Vinci Tra gli ospiti Padre Enzo Bianchi e l alpinista Simone Moro,

Dettagli

Scuola Primaria Longhena Bologna

Scuola Primaria Longhena Bologna Scuola Primaria Longhena Bologna PROGRAMMAZIONE ANNUALE IRC A.S.2013/2014 1 CLASSE PRIMA Unità di Apprendimento Obiettivi Formativi Obiettivi Specifici Di Apprendimento Indicatori di Competenza LA CREAZIONE

Dettagli

DISCIPLINA: Religione Cattolica

DISCIPLINA: Religione Cattolica CLASSE PRIMA DISCIPLINA: Religione Cattolica SCUOLA PRIMARIA COMPETENZE INDICAZIONI SINTETICA DI TEMI (CONTENUTI) O ARGOMENTI TRATTATI 1. Individuare ed esplicitare le domande di senso comuni agli uomini.

Dettagli

Curricolo per Competenze: RELIGIONE

Curricolo per Competenze: RELIGIONE Scuola dell Infanzia COMPETENZE/CAMPO DI ESPERIENZA ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO CHE PREPARANO ALLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI QUESTO SIGNIFICA CHE IL BAMBINO IMPARA A.. 1. Identificare manifestazioni

Dettagli

Disciplina: Religione Cattolica Scuola dell infanzia

Disciplina: Religione Cattolica Scuola dell infanzia Disciplina: Religione Cattolica Scuola dell infanzia Traguardo: Scopre nei racconti del Vangelo la persona e l insegnamento di Gesù, da cui apprende che Dio è Padre di tutti e che la Chiesa è la comunità

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO

CURRICOLO D ISTITUTO Istituto Comprensivo di Teglio Via Valgella, 75/A 23030 Tresenda di Teglio (SO) CURRICOLO D ISTITUTO Disciplina: RELIGIONE CATTOLICA Anno Scolastico: 2016/2017 PUNTO 1 I traguardi per lo sviluppo delle

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO CLIC SUL MONDO

PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO CLIC SUL MONDO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO CLIC SUL MONDO Anno scolastico 2013-2014 Perché questo progetto? Per il semplice motivo che l amicizia rimane uno dei valori più nobili dell essere umano. L uomo è per sua

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola dell'infanzia

Programmazione Didattica Scuola dell'infanzia Programmazione Didattica Scuola dell'infanzia Istitituti Comprensivi 15 e 17 di Bologna a.s. 2015-2016 Ins. Cice Maria Rosa Le attività in ordine all insegnamento della Religione Cattolica, per coloro

Dettagli

l Arte, in qualsiasi forma essa si declini, ha la straordinaria capacità di arricchire in maniera incommensurabile le vite, le anime e le menti.

l Arte, in qualsiasi forma essa si declini, ha la straordinaria capacità di arricchire in maniera incommensurabile le vite, le anime e le menti. Sin dal 1980 l Artestudio Morandi ha svolto un ruolo di punta nel mondo della sperimentazione artistica, inserendosi di diritto nei movimenti interdisciplinari e multimediali. Spazio d arte indipendente,

Dettagli

PERCHE NEL PRESEPIO C E SEMPRE UN OCA?

PERCHE NEL PRESEPIO C E SEMPRE UN OCA? PERCHE NEL PRESEPIO C E SEMPRE UN OCA? SECONDO PERCORSO DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA «SAN GIOVANNI BOSCO» ANNO SCOLASTICO 2015/2016 MOTIVAZIONE I momenti di festa si susseguono durante tutto

Dettagli

A SCUOLA CON LE RELIGIONI L insegnamento della religione in prospettiva interculturale alla Scuola Primaria

A SCUOLA CON LE RELIGIONI L insegnamento della religione in prospettiva interculturale alla Scuola Primaria A SCUOLA CON LE RELIGIONI L insegnamento della religione in prospettiva interculturale alla Scuola Primaria LE FONTI Le Indicazioni Nazionali per il curricolo Il protocollo Bradford LE FONTI Dalle Indicazioni

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI DI COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno: a. Riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA (Via Cisa n. 5-1^ traversa Sarzana) Domenica 18 settembre 2011 LITURGIA. del.

CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA (Via Cisa n. 5-1^ traversa Sarzana) Domenica 18 settembre 2011 LITURGIA. del. CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA (Via Cisa n. 5-1^ traversa Sarzana) Domenica 18 settembre 2011 LITURGIA del culto battesimale Benedizione finale e AMEN cantato Attività della chiesa a martedì alterni

Dettagli

Il mio Albero di Natale

Il mio Albero di Natale Carlo Ancelotti a cura di Giorgio Ciaschini Il mio Albero di Natale Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-017143-7 Prima edizione: novembre 2013 L Editore

Dettagli

Presentazione realizzata dalla docente Rosaria Squillaci

Presentazione realizzata dalla docente Rosaria Squillaci Presentazione realizzata dalla docente Rosaria Squillaci Presentazione dei canti a cura dei bambini di classe prima. Canti per coro e solisti eseguiti dagli alunni di seconda,

Dettagli

Il signor Rigoni DAL MEDICO

Il signor Rigoni DAL MEDICO 5 DAL MEDICO Per i giornali, Aristide Rigoni è l uomo più strano degli ultimi cinquant anni, dal giorno della sua nascita. È un uomo alto, forte, con due gambe lunghe e con una grossa bocca. Un uomo strano,

Dettagli

sacralità del Palcoscenico il miracolo di Sanremo. Ed ecco che così,via via sono stati conosciuti dal grande pubblico e hanno iniziato le loro straord

sacralità del Palcoscenico il miracolo di Sanremo. Ed ecco che così,via via sono stati conosciuti dal grande pubblico e hanno iniziato le loro straord Ariston sixty years Ariston Sixty Years Tuffarsi nei 60 anni del Festival è un gioco inebriante che ti porta alla riscoperta di immagini, emozioni dimenticate che aspettano solo di tornare a vivere per

Dettagli

PROGETTO ERASMUS Febbraio 2019

PROGETTO ERASMUS Febbraio 2019 PROGETTO ERASMUS 17-23 Febbraio 2019 Il mio viaggio in Grecia PAOLETTI MICHELE 17 Febbraio 2019 Domenica 17 Febbraio, mi sono alzato alle 04 di mattina, pieno di tanta energia e agitazione. Sinceramente

Dettagli

Programmazione di Circolo RELIGIONE CATTOLICA. Anno Scolastico

Programmazione di Circolo RELIGIONE CATTOLICA. Anno Scolastico Programmazione di Circolo Anno Scolastico 2014 2015 PREMESSA La Religione Cattolica è parte costitutiva del patrimonio culturale, storico e umano della società italiana, pertanto offre una prima conoscenza

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE: COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA, COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE, CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE

RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE: COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA, COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE, CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE: COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA, COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE, CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno: sa che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BRIGATA SASSARI SCUOLA PRIMARIA PROGETTAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2017/2018 CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO BRIGATA SASSARI SCUOLA PRIMARIA PROGETTAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2017/2018 CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2017/2018 CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE: L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sui dati fondamentali della vita di Gesù e del suo insegnamento.

Dettagli

CONTENUTI. (Conoscenze)

CONTENUTI. (Conoscenze) - Comprendere che il mondo, la natura e la vita sono doni di Dio: prendere coscienza di sé nella relazione con gli altri e con l'ambiente che lo circonda; scoprire le tracce di Dio nella bellezza della

Dettagli

*Qui ci impegniamo a creare un futuro migliore ogni giorno. Vogliamo aiutare le persone a sentirsi bene e a capire come ottenere il meglio dalla vita

*Qui ci impegniamo a creare un futuro migliore ogni giorno. Vogliamo aiutare le persone a sentirsi bene e a capire come ottenere il meglio dalla vita Qui ci impegniamo a creare un futuro migliore ogni giorno. Vogliamo aiutare le persone a sentirsi bene e a capire come ottenere il meglio dalla vita con servizi che fanno bene sia a sé stessi sia agli

Dettagli

Mettersi in proprio, perché?

Mettersi in proprio, perché? Mettersi in proprio, perché? Intervista a Katia, animatrice Il lavoro autonomo tra sogni e realtà. Perché lavorare per costruire i propri sogni e realizzare quelli degli altri Intervista a Katia De Cesare,

Dettagli

Abbracci di Natale IPRESSGASTONE. Scritto da Administrator Martedì 30 Novembre :53

Abbracci di Natale IPRESSGASTONE. Scritto da Administrator Martedì 30 Novembre :53 Nella Magia del chiostro del Comune di Montefalcione, oggi sede del Municipio, tra le vie del suo storico borgo, una luce di preghiera riscalderà il paese nei giorni 8-11-12-13-18-19-24-26-28 Dicembre

Dettagli

"L EREDITÀ DI GIUSEPPE MALPELI" Colori della nostra storia per continuare a scriverla

L EREDITÀ DI GIUSEPPE MALPELI Colori della nostra storia per continuare a scriverla Federazione provinciale Scuole materne Trento PROGETTO PICCOLE GUIDE PER GRANDI SCOPERTE "L EREDITÀ DI GIUSEPPE MALPELI" Colori della nostra storia per continuare a scriverla WORKSHOP Piccole guide per

Dettagli

I sette doni dello Spirito Santo La nostra vita può essere paragonata ad una barca priva di motore e spinta a fatica a remi dai rematori, ma se si

I sette doni dello Spirito Santo La nostra vita può essere paragonata ad una barca priva di motore e spinta a fatica a remi dai rematori, ma se si I sette doni dello Spirito Santo La nostra vita può essere paragonata ad una barca priva di motore e spinta a fatica a remi dai rematori, ma se si aggiungono delle vele gonfiate dal vento, tutto diventa

Dettagli

Classe Prima. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della classe prima

Classe Prima. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della classe prima Curricolo di Religione Cattolica Scuola Primaria L I.R.C. si inserisce nel progetto educativo-didattico della scuola come disciplina cha valorizza l aspetto storico-culturale della religione cattolica

Dettagli

40 SARONNESI A CHALLANS PER IL DECENNALE DEL GEMELLAGGIO.

40 SARONNESI A CHALLANS PER IL DECENNALE DEL GEMELLAGGIO. 40 SARONNESI A CHALLANS PER IL DECENNALE DEL GEMELLAGGIO. E rientrata martedì pomeriggio la delegazione saronnese che ha partecipato alla celebrazione dei 10 anni di Gemellaggio tra Saronno e Challans.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE IRC. SEZIONE GRANCHIETTI

PROGRAMMAZIONE IRC. SEZIONE GRANCHIETTI PROGRAMMAZIONE IRC. SEZIONE GRANCHIETTI L insegnamento della Religione Cattolica è disciplinato dal Documento d Intesa fra il Ministro dell Istruzione e la C.E.I. L ora di Religione Cattolica è un ora

Dettagli

I.C. don Milani- Vimercate

I.C. don Milani- Vimercate MATERIA RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA/E TRATTA/E DAL PROFILO DEL MODELLO PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Utilizza gli strumenti di conoscenza per comprendere se stesso e gli altri, per riconoscere

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE

CURRICOLO DI RELIGIONE CURRICOLO DI RELIGIONE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'allieva/allievo: Riconosce le manifestazioni del linguaggio religioso come modi per comprendere la vita

Dettagli

Il Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica VISTO Il Presidente della Repubblica l articolo 87 della Costituzione; la legge 25 marzo 1985, n. 121, recante ratifica ed esecuzione dell Accordo, con Protocollo addizionale, firmato a Roma il 18 febbraio

Dettagli

SCUOLA MATERNA SAN PIETRO ALL OLMO A.S. 2018/2019 PROGETTO IRC

SCUOLA MATERNA SAN PIETRO ALL OLMO A.S. 2018/2019 PROGETTO IRC PROGETTO IRC RELIGIONE UGUALE CULTURA La religione cattolica e in modo particolare il cristianesimo, è parte integrante del patrimonio artistico, culturale, storico e letterario del nostro paese. Per questo

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE

CURRICOLO DI RELIGIONE ISTITUTO COMPRENSIVO Lorenzo Lotto CURRICOLO DI RELIGIONE elaborato dai docenti di scuola primaria F. Conti e Mestica a.s. 2013/14 coordinatore Ins. Campana Anna Maria CLASSE PRIMA DIO E L UOMO Dio creatore

Dettagli

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE SPECIFICHE Sapere riflettere su Dio Creatore e Padre e collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle cui si vive. Riconoscere il significato cristiano del Natale e della Pasqua. Riconoscere che la Bibbia

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Comprendere che la vita, la natura, sono dono di Dio. Conoscere l ambiente in cui è vissuto Gesù. Riconoscere la Chiesa come famiglia di Dio. Ascoltare alcune pagine bibliche dell Antico testamento

Dettagli

III CIRCOLO DIDATTICO DI COLLEGNO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI CIRCOLO - IRC - ANNO SCOLASTICO

III CIRCOLO DIDATTICO DI COLLEGNO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI CIRCOLO - IRC - ANNO SCOLASTICO III CIRCOLO DIDATTICO DI COLLEGNO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI CIRCOLO - IRC - ANNO SCOLASTICO 2016/17 CLASSI PRIME Percepire la dimensione del sé, dell altro e della condivisione nello stare insieme Scoprire

Dettagli

10 Scegli la felicità con Ho oponopono

10 Scegli la felicità con Ho oponopono Introduzione N el giugno 2009, dopo che tenni i miei primi corsi in Israele, Yael, il mio editore in quel Paese, venne da me e disse: «Mabel, il tuo libro Scopri Ho oponopono. La via più semplice è fantastico,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA competenze al termine della classe I Coglie i segni religiosi nel mondo e nell esperienza della festa e del vivere insieme come comunità cristiana. Riflette sugli elementi fondamentali della

Dettagli

RELIGIONE - CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

RELIGIONE - CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ISTITUTO MARIA CONSOLATRICE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO VERTICALE DI IRC a.s 2014-2015 RELIGIONE - CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA L'alunno riflette su Dio Creatore e Padre,sui dati fondamentali della vita

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2018/2019 Programmazione delle attività educativo didattiche Scuola PRIMARIA RELIGIONE CLASSE: PRIMA DISCIPLINA: RELIGIONE L'alunno: Riflette sul significato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 4^ - sez. A. Scuola Primaria Classe 4^ - sez.

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 4^ - sez. A. Scuola Primaria Classe 4^ - sez. PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 4^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

RELIGIONE - CLASSI PRIME - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

RELIGIONE - CLASSI PRIME - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO RELIGIONE - CLASSI PRIME - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO è aperto alla sincera ricerca della verità e sa interrogarsi sul trascendente e porsi domande di senso; Sa riconoscere i segni della presenza

Dettagli

RHO DANZA, 3a edizione

RHO DANZA, 3a edizione 27 e 28 aprile 2013 Teatro Auditorium - Rho, Milano www.rhodanza.it Evento ufficiale dedicato alla Giornata Internazionale della Danza Evento ideato ed organizzato da Irene Romano per l'associazione Culturale

Dettagli

C o m e F a r f a l l e

C o m e F a r f a l l e 1 C o m e F a r f a l l e Dipinto: Sogno di una notte di mezz'estate di Arthur Rackham, 1908 Dedico questa storia a mia madre che ha frequentato il Caffè Alzheimer della Cooperativa Progetto Sociale di

Dettagli

Programmazione didattico-educativa di classe SCUOLA PRIMARIA classe 1^A a.s FILONE n 12: COMPETENZA RELIGIOSA

Programmazione didattico-educativa di classe SCUOLA PRIMARIA classe 1^A a.s FILONE n 12: COMPETENZA RELIGIOSA Programmazione didattico-educativa di classe SCUOLA PRIMARIA classe 1^A a.s. 2018-2019 INDICATORE: DIO E L UOMO Sviluppa il concetto d identità personale e sa interagire con i compagni e gli adulti in

Dettagli

GUSTO di Giusy Ferraina FABIO CAMPOLI, ARTE E PASSIONE AI FORNELLI. èarea I 2011 gusto

GUSTO di Giusy Ferraina FABIO CAMPOLI, ARTE E PASSIONE AI FORNELLI. èarea I 2011 gusto GUSTO di Giusy Ferraina FABIO CAMPOLI, ARTE E PASSIONE AI FORNELLI 74 75 I Il grande pubblico lo conosce come lo chef di Rai Uno. Da dieci anni è, infatti, consulente e chef di trasmissioni televisive.

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CONOSCENZE (I SAPERI) ABILITA' (SAPER FARE) DIO E L'UOMO DI COMPETENZA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CONOSCENZE (I SAPERI) ABILITA' (SAPER FARE) DIO E L'UOMO DI COMPETENZA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Rflette su Dio Creatore e Padre. Conosce Gesù di Nazaret, L'Emmanuele "Dio con noi". Coglie l'importanza della propria crescita e del vivere insieme nell'accoglienza e

Dettagli

Le immagini a cura dell autrice.

Le immagini a cura dell autrice. Se non avessi te! Le immagini a cura dell autrice. Giusy Trovato SE NON AVESSI TE! romanzo autobiografico www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Giusy Trovato Tutti i diritti riservati Dedico questo

Dettagli

RELIGIONE: TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

RELIGIONE: TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE RELIGIONE: TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Riconoscere che il rapporto con Dio è esperienza fondamentale nella vita di molte persone, individuare

Dettagli

L 8 marzo cosa rappresenta e a cosa mi fa pensare?

L 8 marzo cosa rappresenta e a cosa mi fa pensare? L 8 marzo cosa rappresenta e a cosa mi fa pensare? L'8 marzo non è solo la data che indica la Festa della donna ma deve essere un momento di riflessione sulle vicende quotidiane e sullo sviluppo personale

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO PROGRAMMAZIONE PER CLASSI

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO PROGRAMMAZIONE PER CLASSI TEMATICA PORTANTE: IO VIVO CON GLI ALTRI (Saper riconoscere il valore dell amicizia) Sapersi riconoscere in quanto individui unici. Saper riconoscere l unicità dell altro. Scoprire l importanza delle relazioni

Dettagli

Soroptimist Club Milano alla Scala incontra Intesa-Sanpaolo

Soroptimist Club Milano alla Scala incontra Intesa-Sanpaolo Soroptimist Club Milano alla Scala incontra Intesa-Sanpaolo Donne ed economia Importante iniziativa del Sodalizio presieduto da Paola Peila Paola Peila, Presidente del Soroptimist Club Milano alla Scala.

Dettagli

Parole ed immagini in Libertà

Parole ed immagini in Libertà Parole ed immagini in Libertà Thomas Russo PAROLE ED IMMAGINI IN LIBERTÀ www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Thomas Russo Tutti i diritti riservati A Stefania che mi accompagna da oltre 10 anni. Ai

Dettagli

Investi in. note. u n a c u l t u r a d a s o s t e n e r e

Investi in. note. u n a c u l t u r a d a s o s t e n e r e Associazione I l p r o g e t t o... Cosa aspetta l Italia a investire nella musica e nel teatro, cominciando dall insegnamento scolastico di queste materie, per finire con una politica attiva di sostegno

Dettagli

METTI IN MOSTRA I TUOI VINI

METTI IN MOSTRA I TUOI VINI METTI IN MOSTRA I TUOI VINI TRE GRANDI EVENTI DUE LOCATION D ECCEZIONE PIU DI 1500 OSPITI UNA GRANDE OCCASIONE DI METTERE IN MOSTRA L ECCELLENZA PUGLIESE I NOSTRI OBIETTIVI Puglia in Rosé, lavorando in

Dettagli

STORIA SCIENZE BENESSERE E SALUTE LETTERATURA

STORIA SCIENZE BENESSERE E SALUTE LETTERATURA LEZIONI SPETTACOLO Lezione Spettacolo è una nuova modalità di comunicazione, per parlare ai bambini in maniera diretta, divertente, ma anche formativa. Sfrutta, infatti, la forza espressiva del teatro

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE Livello essenziale Livello standard Livello essenziale Livello standard

COMPETENZE SPECIFICHE Livello essenziale Livello standard Livello essenziale Livello standard CLASSE 1 a Riflettere su Dio Creatore e Padre Riflettere sui dati fondamentali della vita di Identificare nella Chiesa la comunità di coloro che credono in Intuire che Dio è Creatore della vita. Cogliere

Dettagli

Competenze disciplinari

Competenze disciplinari classe 1 Primaria I segni della presenza dell esperienza cristiana nell ambiente e il loro significato Osservazione della realtà circostante: le cose costruite dagli uomini e quelle create da Dio La comunità

Dettagli

SCIENZA E FEDE un dialogo possibile

SCIENZA E FEDE un dialogo possibile Le difficoltà del passato: La fede vedeva nella scienza la volontà dell uomo e della sua ragione di fare a meno Di Dio... SCIENZA E FEDE un dialogo possibile La scienza vedeva nella fede qualcosa di primitivo

Dettagli

Una storia che entra nell anima e vi rimarrà per sempre

Una storia che entra nell anima e vi rimarrà per sempre Una storia che entra nell anima e vi rimarrà per sempre BIANCOENEROLOSPETTACOLO WWW.BIANCOENEROLOSPETTACOLO.COM GUARDA IL VIDEO REGIA: Andrea Lucattelli MUSICA: Beppe Dettori FOTO: Luigi Corda GENERE:

Dettagli

L arte della misericordia. Viaggio di un prete nel mondo degli artisti

L arte della misericordia. Viaggio di un prete nel mondo degli artisti L arte della misericordia Viaggio di un prete nel mondo degli artisti Don Luigi Trapelli L ARTE DELLA MISERICORDIA Viaggio di un prete nel mondo degli artisti Religione e Spiritualità www.booksprintedizioni.it

Dettagli

Unità didattica di. Educazione all Immagine

Unità didattica di. Educazione all Immagine Unità didattica di Educazione all Immagine L unità didattica ha come finalità l acquisizione da parte degli alunni di competenze di lettura e comprensione delle opere d arte, allo scopo di capire l evoluzione

Dettagli

Riti di introduzione. Il Signore ci invita alla sua mensa. Esercizi Spirituali - anno della Fede - Parrocchia SAN LORENZO -Lunedì.

Riti di introduzione. Il Signore ci invita alla sua mensa. Esercizi Spirituali - anno della Fede - Parrocchia SAN LORENZO -Lunedì. Riti di introduzione Esercizi Spirituali - anno della Fede - Parrocchia SAN LORENZO -Lunedì Il Signore ci invita alla sua mensa E' il giorno del Signore: le campane ci invitano alla festa; Dio, nostro

Dettagli

Scritto da Isabella Pugliese Lunedì 06 Ottobre :55 - Ultimo aggiornamento Giovedì 20 Novembre :18

Scritto da Isabella Pugliese Lunedì 06 Ottobre :55 - Ultimo aggiornamento Giovedì 20 Novembre :18 MUSICA e MEMORIA Il musicista argentino Ignacio Guido Montoya Carlotto, il "nipote 114" recuperato dall Associazione Civile Nonne di Plaza de Mayo, ha dato il suo primo concerto cantautorale dopo aver

Dettagli

Il Teatro di paesaggio di Lorenza Zambon. Spettacoli ed esperienze realizzati.

Il Teatro di paesaggio di Lorenza Zambon. Spettacoli ed esperienze realizzati. Il Teatro di paesaggio di Lorenza Zambon. Spettacoli ed esperienze realizzati. Dal 1999 Lorenza Zambon porta avanti una personale linea di ricerca, centrata sulla relazione fra la specie umana e il suo

Dettagli

GESÙ SPIEGATO A TUTTI

GESÙ SPIEGATO A TUTTI JOSEPH DORÉ GESÙ SPIEGATO A TUTTI Queriniana Ouverture Questa opera si propone, né più né meno, non solo di spiegare Gesù, ma di spiegarlo a tutti! Per permettere a chi lo desidera di mettersi in cammino

Dettagli

Curricolo Verticale Scuola dell Infanzia - Istituto Comprensivo Statale Via Libertà San Donato Milanese (MI) TRE ANNI

Curricolo Verticale Scuola dell Infanzia - Istituto Comprensivo Statale Via Libertà San Donato Milanese (MI) TRE ANNI B IL CORPO E IL MOVIMENTO A IL SÉ E L ALTRO TRE ANNI TRAGUARDI per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI IL BAMBINO SCOPRE NEL VANGELO LA PERSONA E L INSEGNAMENTO DI GESÙ, DA

Dettagli

Rinnovarsi nella libertà Anno II

Rinnovarsi nella libertà Anno II Centro Diocesano di Spiritualità Crema (Georges Braque, Oiseau bleu et gris) Proposte 2013 2014 Rinnovarsi nella libertà Anno II Presentazione del programma 2013-2014 Rinnovarsi nella libertà Ogni uomo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1. Piano di Studio di Istituto RELIGIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1. Piano di Studio di Istituto RELIGIONE ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 Piano di Studio di Istituto RELIGIONE CURRICOLO DI BASE di Religione Cattolica per il primo biennio del Primo Ciclo di istruzione Competenza Abilità Conoscenze Individuare l

Dettagli

Casatenovo, Auditorium: ''tutto esaurito'' per ascoltare la testimonianza di Simona Atzori

Casatenovo, Auditorium: ''tutto esaurito'' per ascoltare la testimonianza di Simona Atzori Il primo giornale online della provincia di Lecco Casateonline > Cronaca > dal territorio Scritto Domenica 18 novembre 2018 alle 17:15 Casatenovo, Auditorium: ''tutto esaurito'' per ascoltare la testimonianza

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO PER LE CLASSI I II III IV - V

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO PER LE CLASSI I II III IV - V ISTITUTO COMPRENSIVO 4 - CORPORENO CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO PER LE CLASSI I II III IV - V Anno scolastico 2015 2016 CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSE 1^ Anno

Dettagli

Sognare altri mondi cambiare questo

Sognare altri mondi cambiare questo Sognare altri mondi cambiare questo Si è conclusa il 10 luglio a Lago Laceno, (località a 1050 metri in provincia di Avellino) la Mariapoli che ha registrato la presenza di ca 800 partecipanti provenienti

Dettagli

FRANCESCA GIULIANI SERA

FRANCESCA GIULIANI SERA Il personaggio Il principe azzurro suona il pianoforte A 32 anni David Fray è già una star della classica Bello, biondo e sorridente si è innamorato dell Italia e di un italiana, Chiara Muti E a giorni

Dettagli

I.C. CIRIE' 1 - SCUOLA PRIMARIA - CURRICOLI IRC

I.C. CIRIE' 1 - SCUOLA PRIMARIA - CURRICOLI IRC CLASSE PRIMA 1. Scoprire l'ambiente, in particolare quello scolastico, come luogo ed opportunità di crescita. 2. Scoprire che per i Cristiani il mondo e la vita sono doni di Dio, Creatore e Padre di tutti

Dettagli

Villa e Collezione Panza

Villa e Collezione Panza Villa e Collezione Panza Guida Bene FAI per tutti. Guida di lettura facilitata per le persone con disabilità intellettiva. IDEATO E REALIZZATO DA: CON LA: CON IL SOSTEGNO DI: Questa guida ti aiuterà a

Dettagli

GENERE: DIVULGAZIONE

GENERE: DIVULGAZIONE IL CAPITALE di Philippe Daverio è un programma televisivo settimanale condotto da Philippe Davvero in onda la domenica su RAI 3 nel gennaio 2012 e in replica il martedì in seconda serata su RAI 5. Ogni

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduce con solennità l ingresso della processione. )

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduce con solennità l ingresso della processione. ) (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduce con solennità l ingresso della processione. ) Celebriamo la Messa vigiliare della seconda domenica dopo l Epifania. La Messa del

Dettagli

PANETTONI 1-2 DICEMBRE a EDIZIONE INGRESSO GRATUITO

PANETTONI 1-2 DICEMBRE a EDIZIONE INGRESSO GRATUITO CON IL PATROCINIO DI CON LA PARTECIPAZIONE DI SPONSOR TECNICO PARTNER TECNICO UNA MOLE DI PANETTONI 1-2 DICEMBRE 2018 7 a EDIZIONE INGRESSO GRATUITO Doubletree by Hilton Turin Lingotto Via Nizza, 230-10126

Dettagli

REL. 1. A 1 Riflettere su Dio Padre e Creatore, intuendo il creato e la vita come doni di Dio

REL. 1. A 1 Riflettere su Dio Padre e Creatore, intuendo il creato e la vita come doni di Dio RELIGIONE: CLASSE PRIMA TRAGUARDI IN USCITA L alunno: - scopre Dio Creatore e Padre; - individua la Bibbia quale libro sacro dei cristiani; - riconosce il significato cristiano del Natale e della Pasqua,

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO IRC. Prof.ssa Piga Simonetta. Comprendente: UDA GRIGLIA DI VALUTAZIONE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO IRC. Prof.ssa Piga Simonetta. Comprendente: UDA GRIGLIA DI VALUTAZIONE UNITÀ DI APPRENDIMENTO IRC Prof.ssa Piga Simonetta Comprendente: UDA GRIGLIA DI VALUTAZIONE Classe 1^ Pagina 1 di 8 Docente Denominazione Prodotti Competenze mirate Comuni/cittadinanza professionali Abilità

Dettagli