LA GESTIONE DEL RISCHIO FISCALE: PREZZI DI TRASFERIMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GESTIONE DEL RISCHIO FISCALE: PREZZI DI TRASFERIMENTO"

Transcript

1 Italia Bosnia-Erzegovina Brasile Bulgaria Cina Federazione Russa Polonia Romania Serbia Ucraina Ungheria USA LA GESTIONE DEL RISCHIO FISCALE: PREZZI DI TRASFERIMENTO Relatore Roberto Guerrini Confindustria Vicenza 2 dicembre 2014

2 Agenda Elementi introduttivi Normativa vigente Prassi e sentenze Sguardo al futuro seguendo la roadmap OCSE: BEPS La gestione documentale Applicazione delle linee guida OCSE Esempio di documentazione Gli accordi infragruppo Beni intangibili

3 Legge Delega Fiscale 2014 Legge11 marzo 2014, n. 23 (Art. 9) Rafforzamento dell attività conoscitiva e di controllo ( ) fenomeni di alterazione delle basi imponibili attraverso un uso distorto del transfer pricing( ) (Art. 6) Gestione del rischio fiscale, governance aziendale, tutoraggio, rateizzazione dei debiti tributari e revisione della disciplina degli interpelli (Art. 12) Razionalizzazione della determinazione del reddito di impresa e della produzione netta ( )b) le operazioni transfrontaliere

4 Quadro normativo IRES IRAP Sanzioni Articolo 110 comma 7 Articolo 9 comma 3 (Articolo109) Circolare 22/09/1980 n.32 Circolare 12/12/1981 n.42 Legge di Stabilità 2013 Articolo 2 DL 471/97 Decreto 29/09/2010 Circolare15/12/2010n.58/E Transfer pricing in Italia

5 Dettaglio quadro normativo TUIR, Articolo 9 Determinazione dei redditi e delle perdite Comma 3 Per valore normale, salvo quanto stabilito nel comma 4 per i beni ivi considerati, si intende il prezzo o corrispettivo mediamente praticato per i beni e i servizi della stessa specie o similari, in condizioni di libera concorrenza e al medesimo stadio di commercializzazione, nel tempo e nel luogo in cui i beni o servizi sono stati acquisiti o prestati, e, in mancanza, nel tempo e nel luogo più prossimi. Per la determinazione del valore normale si fa riferimento, in quanto possibile, ai listini o alle tariffe del soggetto che ha fornito i beni o i servizi e, in mancanza, alle mercuriali e ai listini delle camere di commercio e alle tariffe professionali, tenendo conto degli sconti d uso. Per i beni e i servizi soggetti a disciplina dei prezzi si fa riferimento ai provvedimenti in vigore.

6 Corte di Cassazione Sentenza Corte di Cassazione, sentenza n del (c.d. retroattività) In base a quanto stabilito dalla C.T. Provinciale di Reggio Emilia, sentenza n. 510/03/14 del 19 novembre 2014, vanno annullati gli avvisi di accertamento emessi ai fini IRAP per gli anni pregressi al Applicando la sentenza e 2422 in ambito delle disposizioni retroattive si viene a bloccare la legge delega n. 147/2013 che prevedeva la retroattività ai fini IRAP nella determinazione dei prezzi di trasferimento.

7 Corte di Cassazione (Sentenza 17955) Corte di Cassazione, sentenza n del (c.d. Transfer Pricing domestico) «(...) Per la valutazione ai fini fiscali delle manovre sui prezzi di trasferimento interni, Costituenti il c.d. transfer pricing domestico, va applicato il principio, avente principio generale, stabilito dal DPR n.917/86, articolo 9, che non ha soltanto valore contabile e che impone, quale criterio valutativo, il riferimento al normale valore di mercato per corrispettivi e altri proventi, presi in considerazione dal contribuente» Il principio affermato attribuisce all art.9 del Tuir, ossia al principio del valore normale, la funzione di clausola antielusiva di diritto interno avente valore generale imponendo anche nel caso specifico la verifica di transazioni nazionali infragruppo al valore normale

8 Corte di Cassazione (Sentenza 17955) Corte di Cassazione, sentenza n del (c.d. Transfer Pricing domestico) La controversia si riferisce a una cooperativa che nel vendere i prodotti ad una società controllata applica un valore inferiore a quello normalmente applicato ottenendo un vantaggio fiscale a fronte della favorevole tassazione in capo alle cooperative La Corte, conformemente a quanto sostenuto con la sentenza n del 24 luglio 2013, sostiene che: (...) nella valutazione a fini fiscali delle manovre sul trasferimento dei prezzi tra società facenti parte di uno stesso gruppo, ed aventi tutte sede in Italia (transfer pricing c.d. domestico o interno), va applicato il principio, avente valore generale e dunque non circoscritto ai soli rapporti internazionali di controllo, stabilito dal D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, art.9

9 Corte di Cassazione (Sentenza 22010) Corte di Cassazione, sentenza n del (Valore Normale degli Interessi Passivi) La controversia trae origine da un avviso di accertamento emesso dall Agenzia delle Entrate ritenendo il tasso di interesse applicato ad un finanziamento erogato da capogruppo tedesca in favore della controllata italiana superiore a quello medio praticato nel mercato tedesco. ( ) tra i diversi criteri indicati dal modello OCSE del 1995, per la valutazione dei corrispettivi delle transazioni commerciali tra le imprese associate di un gruppo multinazionale, il legislatore italiano ha prescelto quello del Confronto del Prezzo (Comparable Uncontrolled Price method), la cui disciplina si articola nella prima e seconda parte del co. 3 dell art. 9 del DPR 917/86

10 Corte di Cassazione Sentenza Corte di Cassazione, sentenza n del (Valore Normale di Beni, Mercato di Riferimento) La controversia trae origine da un avviso di accertamento sul valore normale dei beni ceduti dalla società italiana alla casa madre belga e ad altre società estere collegate. In particolare: ( ) il valore normale dei corrispettivi, nelle vendite tra imprese appartenenti ad un gruppo multinazionale non può che essere che quello enunciato nella seconda parte del co.3 dell art.9 del DPR 917/86 ( ), in primis, ai listini ed alle tariffe adoperati dal cedente italiano ( ) Solo in via sussidiaria potrà farsi riferimento al criterio enunciato nella prima parte del comma 3 dell art. 9 del DPR 917/86 ( ) Ne discende che la definizione del valore normale contenuta nella prima parte del co. 3 del citato art. 9 [sebbene] non possa essere intesa come una mera declaratoria di principio avendo anch essa un innegabile valore precettivo ( )

11 OECD Guidelines Riferimenti normativi Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 29/09/2010 esplicito rimando alle Linee Guida OCSE in merito ai metodi utilizzabili Documentazione nazionale Nel caso di selezione di un METODO TRANSAZIONALE REDDITUALE [ossia, Capitolo II, parte III Linee guida OCSE], in presenza del potenziale utilizzo di un METODO TRADIZIONALE [ossia, Capitolo II, parte II Linee guida OCSE], occorrerà dare conto delle motivazioni di esclusione di tale ultimo metodo.. La gerarchia dei metodi prevista dalla normativa italiana risulterebbe in contrasto con i più recenti principi OCSE 2010: 2.2 ( ) No one method is suitable in every possible situation, nor is it necessary to prove that a particular method is not suitable under the circumstances

12 OECD update Base Erosion # Azione 13 Riesaminare la disciplina della documentazione sul transfer pricing 8 Potenziare il rispetto del principio di libera concorrenza at arm s lenght, assicurando che le politiche di prezzo intragruppo corrispondano ai valori economici creati e prevenendo lo spostamento arbitrario degli asset intangibili: adottare una definizione condivisa di asset intangibili, monitorare i profitti derivanti dal trasferimento e dall utilizzo degli stessi, aggiornare le linee guida sui cost contribution arrangements 9 Sviluppare regole per verificare il trasferimento dei capitali di rischio infragruppo 10 Applicare normative che contrastino la pianificazione di operazioni che difficilmente sarebbero poste in essere con terze parti indipendenti, prevedere aggiornamenti alla disciplina dei prezzi di trasferimento, in particolare al metodo del profit split, e alla quantificazione di costi come le management fees e le spese di regia

13 OECD ACTION n Gennaio 2014 L OCSE, pubblica il Discussion Draft on Transfer Pricing Documentation and CbC Reporting Evoluzione del White Paper on Transfer Pricing Documentation del 30 Luglio 2013 Revisione del capitolo V che prevede l introduzione del Country by Country report del 16 Settembre 2013 Il Discussion Draft formalizza le revisioni proposte alle Linee Guida OCSE in materia di Transfer Pricing e fornisce un approccio comune ai diversi Paesi rispetto alla predisposizione della documentazione TP si propone un two tier approach, in grado di accrescere il grado di integrazione tra (i) masterfile e (ii) countryfile

14 OECD Update Action 13 Masterfile informazioni raggruppate in 5 categorie a. the MNE group s organisational structure; b. a description of the MNE s business or businesses; c. the MNE s intangibles; d. the MNE s intercompany financial activities; e. the MNE s financial and tax positions. Quest ultima sezione include un «country by country» reporting di certe informazioni riguardanti la localizzazione delle attività economiche ed i movimenti finanziari tra i vari Paesi nei quali l impresa multinazionale opera

15 OECD Update Action 13 Local file informazioni raggruppate in 3 categorie a) local entity; b) controlled transactions; c) financial information. Le informazioni richieste nel local file integrano quelle contenute nel masterfile Il local file è focalizzato sulle informazioni rilevanti ai fini dell analisi del tranfer pricing relativo alle transazioni che intercorrono tra la società locale e le altre consociate appartenenti al medesimo gruppo

16 OECD Update Action 13 Country by country reporting Documento di sintesi

17 OECD Update Action 13 Country by country report

18 Regime premiante L articolo 26 del D.L. 78/2010 ha inserito il nuovo comma 2 ter all articolo 1 del D.Lgs. 471/97 riguardante le sanzioni tributarie in materia di imposte dirette. In base alla nuova norma, è previsto un sistema premiante sul piano sanzionatorio per le imprese che dimostrino trasparenza e volontà di collaborazione con l Amministrazione finanziaria nell ambito della determinazione dei prezzi di trasferimento.

19 Regime premiante Articolo 1 comma 2 ter D.Lgs. 471/1997 In caso di rettifica del valore normale dei prezzi di trasferimento ( ), da cui derivi una maggiore imposta o una differenza del credito, la sanzione di cui al comma 2 non si applica qualora, nel corso dell'accesso, ispezione o verifica o di altra attività istruttoria, il contribuente consegni all'amministrazione finanziaria la documentazione indicata in apposito provvedimento del Direttore dell'agenzia delle entrate idonea a consentire il riscontro della conformità al valore normale dei prezzi di trasferimento praticati. Il contribuente che detiene la documentazione prevista dal provvedimento di cui al periodo precedente, deve darne apposita comunicazione all'amministrazione finanziaria secondo le modalità e i termini ivi indicati. In assenza di detta comunicazione si rende applicabile il comma 2.

20 Sanzioni Nel caso in cui la rettifica dei prezzi da parte dell Amministrazione finanziaria comporti un aumento del reddito imponibile o la determinazione di un minor credito d imposta si applica la sanzione prevista ai sensi dell art. 1 comma 2 D.Lgs. n. 471/1997; Sanzione amministrativa: dal 100% al 200% della maggiore imposta o del minor credito accertato.

21 Sanzioni Sanzioni amministrative Disapplicazione Sanzioni penali Benché l art. 26 del D.L. 78/2010 nulla dica in merito alla possibilità per i contribuenti virtuosi di evitare anche le sanzioni penal tributarie previste (con riferimento alla fattispecie di dichiarazione infedele) dall art. 4 del D.Lgs. 74/2000, la dottrina e l Amministrazione finanziaria concordano nel ritenere che si debba senz altro tener conto del comportamento cooperativo del contribuente che ha predisposto una documentazione idonea a consentire all Amministrazione finanziaria di espletare la propria attività di controllo fiscale e, per tale ragione, non dovrebbe essergli contestato di aver agito con dolo specifico, cioè al fine di evadere le imposte.

22 Repatriation Definizione: sono i meccanismi con i quali un contribuente residente in uno Stato può adeguare il proprio risultato di bilancio al reddito definito a seguito di rettifiche in materia di prezzi di trasferimento (ex art. 110 comma 7 TUIR) senza che tale adeguamento possa essere considerato reddito da assoggettare a tassazione in capo al contribuente medesimo. Esempio: Company A (Serbia) Fattura di vendita Pagamento fattura Company B (ITA) La società B viene accertata dall Ufficio delle Imposte che contesta l adozione di un prezzo troppo alto pagato da B nell acquisto di beni da A. La società B, post notifica avvisi presenta una istanza di accertamento con adesione con accettazione parziale dei rilievi.

23 Corresponding adjustment Per evitare la doppia imposizione la società A chiede all amministrazione del paese, di effettuare una rideterminazione del prezzo generando un minor reddito. proprio Company A (Serbia) Nota di credito Restituzione utili Company B (ITA) Effetti impositivi e sanzionatori: IRES IRAP (vale solo per l anno 2014)

24 Condizioni Il verificarsi delle tre seguenti condizioni fa accedere il contribuente al regime premiale. Condizioni: 1. Documentazione idonea 2. Comunicazione in UNICO 3. Consegna entro 10 giorni ovvero integrazioni entro 7 giorni L assenza dei punti 1 o 2 fanno decadere la possibilità di accedere al regime. L assenza del punto 3 potrebbe permettere l accesso al regime premiale, a discrezione del soggetto verificatore.

25 Scelta La scelta se adempiere o meno a tale onere documentale è oggetto di valutazioni imprenditoriali legate, essenzialmente, al profilo di rischio che il contribuente autonomamente si attribuisce e alla stima di un eventuale recupero d imposta (e connesse sanzioni). Costo aziendale VS 0? Nessun accertamento o accertamento senza contestazioni Accertamento con rideterminazione del reddito imponibile In caso di capogruppo italiana, risulta determinante valutare l adempimento a livello di group tax planning.

26 Documentazione

27 Controllo Articolo 110, comma 7, TUIR: Controllo (da intendersi non nel senso restrittivo previsto dall articolo 2359 del Codice civile, bensì come ogni ipotesi di influenza economica potenziale o attuale desumibile da singole circostanze. Cfr. C.M. 22/9/1980 n.32/9/2267). Pertanto possiamo parlare di controllo se sussistono condizioni tipo: vendita con vincoli di esclusiva; dipendenza finanziaria, commerciale, tecnologica o di marketing; diritto di nomina dei membri del CDA; comunanza di consiglieri e/o di soci; relazioni di famiglia tra i membri degli organi di governo dell impresa; contratti molto vincolanti..

28 Soggetti Documentazione Il legislatore ha previsto la predisposizione di documenti diversi a seconda della tipologia del soggetto che li deve redigere. Esistono tre tipologie di soggetti: holding; subholding; controllate. Ad esse il legislatore ha ricondotto la predisposizione di due diverse categorie di documenti: Master file; Documentazione Nazionale. Riepiloghiamo nella tabella seguente le fattispecie possibili: Holding Sub holding Controllata Master file X X - Documento Nazionale X X X

29 Controllo esempio A controllo* B controllo* Società fiscalmente residente in Italia; controllata da altro soggetto dotato di personalità giuridica ed esercente attività commerciale ovunque residente; che controlla a sua volta almeno una società non residente. Documentazione idonea: Master file (informazioni solo sul sotto gruppo) Documentazione Nazionale C

30 Funzioni aziendali PRODUTTIVE DISTRIBUTIVE Mercato ITA EST Analisi di comparabilità

31 Catena del valore R&D Approvvigionamento Processo Logistica Vendita Post - Vendita Holding Produttiva 1,2,3,4 Elementi di incertezza 4? Caso A) Controllata Distributiva 5,6 Elementi di incertezza 6? Holding Distributiva 1,4,5,6 Elementi di incertezza 4? Caso B) Controllata Produttiva 2,3 Elementi di incertezza 2?

32 Mappatura dei rischi A. Rischio di mercato Rischio che una società sia soggetta alle avverse condizioni di vendita per cause imputabili a: livello di concorrenza, cambiamenti nelle scelte di spesa del cliente, spostamento delle preferenze verso altri prodotti, congiuntura economica locale, vincoli legali o regolamentari B. Rischio di cambio Il rischio che si riferisce alla variabilità potenziale dei profitti derivante dalle fluttuazioni dei tassi di cambio strumenti di copertura C. Rischio d importazione Rischio legato al mancato sdoganamento, alle modifiche dei dazi ed alle imposte d importazione, regolamentazioni etc D. Rischi di credito Rischio di ritardato e mancato incasso E. Rischi di prodotto Normalmente in capo al produttore (difetti, conformità, sicurezza), attenzione specificità mercati

33 Mappatura dei rischi F. Rischio scorte Questo rischio può sorgere a causa di danni legati a distruzione, danneggiamento o deterioramento delle scorte presso il magazzino delle controllate o presso i singoli negozi, a causa di eventi accidentali, come per esempio incendio o furti G. Rischio protezione proprietà intellettuale Oltre al rischio di abusi, contraffazioni e sfruttamenti illeciti di design, tecnologie, processi manifatturieri esclusivi concordati con i fornitori, ricerche su prodotto e concept, copyright etc SCHEMA FUNZIONI/RISCHI = MISURAZIONE DELLA REMUNERAZIONE ATTESA Attenzione: a) Controllo del rispetto delle evidenze contrattuali b) Eventuali coperture nel gruppo

34 Metodi La normativa OCSE riconosce come validi i seguenti metodi di calcolo per la definizione del prezzo: Comparable uncontrolled Price (CUP); Resale minus; Cost plus; Profit split; Transactional net margin method (TNMM).

35 Documentazione deroghe La documentazione dovrà essere redatta su base annuale. Disciplina specifica per le PMI Le PMI hanno la facoltà di non aggiornare le procedure di selezione delle transazioni comparabili di cui al punto ( Metodo adottato per la determinazione dei prezzi di trasferimento delle operazioni) della Documentazione Nazionale per due periodi di imposta successivi a quello cui si riferisce la documentazione a condizione che: L analisi di comparabilità si basi su informazioni pubblicamente disponibili (es: bilanci d esercizio depositati o disponibili tramite banche dati); I fattori determinanti l analisi di comparabilità (di cui al punto della Documentazione Nazionale) non subiscano modifiche significative in detti periodi d imposta. Definizione specifica di PMI Soggetti che realizzano un volume d affari o ricavi non superiore a 50 milioni di Euro. Non rientrano i soggetti che controllano direttamente o indirettamente soggetti non qualificabili come piccola e media impresa

36 Comunicazioni La redazione della documentazione è requisito indispensabile ma non sufficiente. Al fine di accedere all agevolazione per un determinato periodo d imposta, le imprese in possesso della documentazione necessaria sono tenute a darne comunicazione all Agenzia delle Entrate. Comunicazione in sede di presentazione della dichiarazione annuale dei redditi. Il termine è quindi fissato al 30 settembre dell anno successivo

37 Ulteriori condizioni La disapplicazione del regime sanzionatorio è subordinata al rispetto di determinate tempistiche di consegna all Amministrazione finanziaria. Il contribuente è tenuto a consegnare la documentazione entro 10 giorni dall avvenuta richiesta da parte dell Amministrazione finanziaria. La mancata consegna entro tale termine può integrare causa di decadenza dal beneficio. L Amministrazione finanziaria ha facoltà di richiedere eventuali informazioni supplementari rispetto a quelle contenute nella documentazione. Il contribuente è tenuto a fornire tali integrazioni entro 7giorni. Può essere previsto un termine più ampio a seconda della richiesta. La mancata consegna entro i termini può integrare causa di decadenza dal beneficio. Decorsi i suddetti termini, l amministrazione finanziaria non è vincolata all applicazione dell art. 1, comma 2 ter, decreto legislativo 18 dicembre 1997, n (Provvedimento 2010/137654, 8.2)

38 Servizi infragruppo

39 OECD: definizione Per definire i costi per servizi infragruppo possiamo riprendere quanto stabilito dall OECD all art.7.6 che definisce come servizi infragruppo, i servizi resi che abbiamo determinato un vantaggio concreto per il ricevente. In buona sostanza visto che al momento non esiste una definizione standard ci si deve interrogare se il ricevente sarebbe stato disposto a pagare un prezzo simile sul mercato per avere il medesimo servizio.

40 Servizi infragruppo La capogruppo tende ad accentrare su di se numerose attività: industriali; commerciali; amministrative. Il costo sostenuto per tali attività può esser riaddebitato alle controllate, a patto che si verifichi la presenza di determinate condizioni misurazione del grado di utilità conseguito dai destinatari. Esistono tre elementi d indagine: 1. Tipologia dei servizi resi; 2. Natura dei servizi resi; 3. Determinazione del prezzo dei servizi resi in base al principio di libera concorrenza.

41 Requisito sostanziale Per provare l esistenza di un servizio infragruppo è essenziale la presenza di un contratto intercompany che identifichi i servizi. Nel caso in cui esista la necessità di attivare ulteriori servizi, non previsti dal contratto, è opportuno che lo stesso contenga una clausola che permetta l attivazione di servizi a chiamata (on call). Infine nel caso in cui i servizi potrebbero esser resi da altri soggetti, si richiederà l inserimento di una clausola che disciplini tale facoltà

42 Parametri a) UTILITA = se il servizio porterà un effettivo vantaggio inteso a migliorare direttamente, ovvero indirettamente, la posizione economica o commerciale del ricevente; b) COMPARAZIONE = si deve verificare la presenza di imprese indipendenti che possono fornire lo stesso servizio. (L impresa sarebbe disposta a pagare per avere lo stesso servizio?); c) DUPLICAZIONE = non sono servizi infragruppo le attività che duplicano un servizio che un membro del gruppo già svolge autonomamente; d) ATTIVITA CENTRALIZZATE = dipende dal settore in cui il gruppo opera e dalla struttura organizzativa, ma tendenzialmente esse potrebbero riguardare (es. servizi di carattere amministrativo, servizi di marketing, ricerca e sviluppo)

43 Test: verifica degli elementi Le prestazioni devono prevedere una fee. Esistono dei requisiti (positivi e negativi) per verificarne la validità: 1. BENEFIT TEST = la fee è giustificabile solo in presenza di un beneficio; 2. SHAREHOLDING ACTIVITY TEST = la fee non è giustificabile se l attività viene svolta negli interessi della capogruppo; 3. DUPLICATION TEST = se le prestazioni rese a favore di una società consociata sono le medesime che lei stessa svolge per se, allora tali attività non sono servizi infragruppo.

44 Corrispettivo La determinazione del corrispettivo della prestazione si basa su quanto stabilisce l OCSE nel rispetto del principio della libera concorrenza. I metodi prevalentemente applicati per la misurazione sono: CUP; COST PLUS METHOD PROFIT SPLIT N.B. Se i servizi non sono confrontabili allora si dovrà formalizzare un metodo che premetta di confrontare i margini netti di soggetti indipendenti (TNMM).

45 Documentazione Elenchiamo di seguito i principali elementi per la predisposizione di una documentazione adeguata: accordi in forma scritta che individuano i servizi resi ed i metodi utilizzati; analisi funzionale delle attività svolte; descrizione analitica dei costi sostenuti; documentazione attestante la non duplicazione; documentazione che individui i benefici derivanti dalla fruizione.

46 OECD: revisione capitolo VII L OECD ha in previsione una revisione del capitolo VII in materia servizi infragruppo. Tale revisione ha generato il primo draft di proposta che sarà pubblicamente commentabile entro il 15 gennaio Nei due mesi a seguire l intenzione è di consolidare il draft e pubblicare la versione definitiva tra il marzo. Proposta: Definire un mark up range tra il 2% e il 5% dei costi (safe harbour). Fare una distinzione per settori. Definire dei metodi appropriati di allocazione dei costi.

47 Intangibili

48 Definizione L intangibile è quel bene suscettibile di una valutazione di mercato che da la possibilità, per chi lo utilizza, di realizzare maggiori profitti di quelli realizzati con l uso di capitali materiali già impiegati. Tali sovraprofitti possono essere realizzati tramite: a. tecnologie che riducono i costi e garantiscono un monopolio industriale (come i brevetti); b. marchi o nomi commerciali che permettono di maggiorare i prezzi rispetto a beni non marchiati; c. accesso a fattori di produzione non disponibili per altre imprese (come il know how manageriale). I capitali immateriali consentono alle imprese utilizzatrici un guadagno sopra la media, vale a dire, un sovraprofitto dovuto alla posizione di maggior forza competitiva sul mercato.

49 Requisiti IAS 38 L attività immateriale è iscrivibile a bilancio se sussistono tre requisiti: 1) Identificabilità = se è capace di esser separata o scomposta, venduta, data in licenza, locata o scambiata. Inoltre potrà esser provata da contratti od altri diritti reali; 2) Controllo = se può limitare l accesso ai terzi dei benefici economici attesi; 3) Benefici economici futuri = l attività deve generare tali benefici attraverso: Ricavi dalla vendita dei prodotti; Ricavi da royalties; Risparmi di costi.

50 Riferimenti normativi IP OECD: capitolo VI delle Guidelines 2010 Steps evolutivi Giugno 2012 inizio discussione per la formalizzazione di un draft. Luglio 2013 revisione draft e seguenti consultazioni pubbliche. Settembre 2014 completamento attraverso BEPS (ACTION 8). Elementi in cambiamento nel draft: Revisione della lista di intangibili; Nuovi esempi per inquadrare meglio la tematica; Introduzione di nuovi elementi di confronto: local market characteristic (ampiezza, crescita e vicinanza); local saving (contesto di business restructuring); workforce (esperienza e qualifica dei lavoratori); corporate synergies (economie di scala..).

51 Tipologia INTANGIBILI MARKETING INTANGIBILI TECNOLOGICI Nome e luogo delle società; Marchio (denominazione); Insegne; Marche secondarie; Idee pubblicitarie; Strategie di marketing; Garanzie su prodotti; Grafica; Pubbliche relazioni; Design Imballaggio; Registrazione di marchi. Tecnologia; Know how produttivo; Progetti di ricerca e sviluppo; Brevetti; Segreti industriali; Design Styling; Software; Database

52 Elementi di valutazione 1) Definire chi è proprietario dell intangibile: 2) Analisi funzionale Developer Assister Produttore Distributore Costs Contribution Agreements Catena del valore Mark up 3) Benchmark Database specifico Royaltystat Scelta del metodo di valutazione per il confronto con comparabili indipendenti. Secondo la best method rule è il TNMM (transational net margin method) è il metodo più indicato per il confronto di intangibili marketing.

53 Grazie per l attenzione! dott. Roberto Guerrini IC&Partners Spa Udine via Roma, 43 int.8, tel fax Milano - via Mauro Macchi mail: I nostri uffici esteri Bosnia-Erzegovina / Repubblica Srpska IC&Partners Banja Luka Banja Luka Brasile ACE Brasile Belo Horizonte Bulgaria IC&Partners Sofia Sofia Cina Asia Business Group Pechino, Shanghai Honk Kong, Shenzhen Federazione Russa IC&Partners Russia Mosca Polonia IC&Partners Warsaw Varsavia, Lodz, Katowice Romania IC&Partners Ploiesti Serbia IC&Partners Belgrade Belgrado Niš Ungheria IC&Partners Budapest Budapest Ucraina IC&Partners Ukraine Kiev USA IC Americas Houston New York

TRANSFER PRICING. G i u r i s p r u d e n z a I t a l i a n a e B E P S A c t i o n s / O C S E

TRANSFER PRICING. G i u r i s p r u d e n z a I t a l i a n a e B E P S A c t i o n s / O C S E TRANSFER PRICING G i u r i s p r u d e n z a I t a l i a n a e B E P S A c t i o n s / O C S E Ettore De Pace Partner, Belluzzo & Partner Milano, 27 Maggio 2014 Legge Delega Fiscale 2014 Legge11 marzo

Dettagli

Prezzi di trasferimento in Italia. Rödl & Partner

Prezzi di trasferimento in Italia. Rödl & Partner Prezzi di trasferimento in Italia 1 Contenuto 01 Introduzione e contesto normativo 02 Documentazione sui prezzi di trasferimento 03 Altre tematiche di transfer pricing e servizi di R&P 2 Contenuto 01 Introduzione

Dettagli

La disciplina del Transfer Price Novedrate, 9 ottobre 2013. dott. Andrea DE VIDO

La disciplina del Transfer Price Novedrate, 9 ottobre 2013. dott. Andrea DE VIDO La disciplina del Transfer Price Novedrate, 9 ottobre 2013 dott. Andrea DE VIDO Definizione: Transfer Pricing Il transfer price (prezzo di trasferimento) è il corrispettivo dello scambio di beni o servizi

Dettagli

TRANSFER PRICING PREVENIRE O ATTENDERE? Introduzione al transfer pricing

TRANSFER PRICING PREVENIRE O ATTENDERE? Introduzione al transfer pricing TRANSFER PRICING PREVENIRE O ATTENDERE? Introduzione al transfer pricing Per cominciare 6 domande sul transfer pricing COSASONOI«PREZZIDITRASFERIMENTO»? PERCHÉSENEPARLA? COMESIDETERMINANO? INCHEMODOSIDOCUMENTANO?

Dettagli

Definizione della documentazione idonea per il riscontro della conformità al valore normale dei prezzi di

Definizione della documentazione idonea per il riscontro della conformità al valore normale dei prezzi di Definizione della documentazione idonea per il riscontro della conformità al valore normale dei prezzi di trasferimento praticati dalle imprese multinazionali Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle

Dettagli

TRANSFER PRICING. Avv. Tommaso Fonti. nuovi oneri di documentazione. Ancona, 16 Giugno 2011

TRANSFER PRICING. Avv. Tommaso Fonti. nuovi oneri di documentazione. Ancona, 16 Giugno 2011 TRANSFER PRICING nuovi oneri di documentazione Avv. Tommaso Fonti Ancona, 16 Giugno 2011 CONTENUTO DELLA PRESENTAZIONE Tratteremo nell ordine: 1) Considerazioni preliminari sulla strutturazione del gruppo

Dettagli

LA FISCALITA NELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA

LA FISCALITA NELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA LA FISCALITA NELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA Fabio Landuzzi 14 ottobre 2014 www.pirolapennutozei.it Fiscalità nell internazionalizzazione dell impresa LE CONVENZIONI CONTRO LE DOPPIE IMPOSIZIONI:

Dettagli

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali RU 2015/124055 Direzione Centrale del Personale Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali IL DIRETTORE DELL AGENZIA in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 248/E

RISOLUZIONE N. 248/E RISOLUZIONE N. 248/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 giugno 2008 OGGETTO: Interpello -ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Prova del valore normale nei trasferimenti immobiliari soggetti

Dettagli

CONTROLLED FOREIGN COMPANIES: tra vecchie e nuove ipotesi (Articolo 167, c. 8-bis e 8-ter, D.P.R. n. 917/1986)

CONTROLLED FOREIGN COMPANIES: tra vecchie e nuove ipotesi (Articolo 167, c. 8-bis e 8-ter, D.P.R. n. 917/1986) CONTROLLED FOREIGN COMPANIES: tra vecchie e nuove ipotesi (Articolo 167, c. 8-bis e 8-ter, D.P.R. n. 917/1986) (Roberto M. Cagnazzo) CAMERA AVVOCATI TRIBUTARISTI DI TORINO Torino, 10 Ottobre 2012 DISCIPLINA

Dettagli

Le operazioni infragruppo: I FINANZIAMENTI

Le operazioni infragruppo: I FINANZIAMENTI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Transfer Pricing: la preparazione della documentazione nazionale Le operazioni infragruppo: I FINANZIAMENTI Matteo Giordani Milano, 11 Giugno 2014 La normativa

Dettagli

Requisiti soggettivi e oggettivi e aspetti operativi

Requisiti soggettivi e oggettivi e aspetti operativi Requisiti soggettivi e oggettivi e aspetti operativi Regime opzionale Possibilità offerta ai titolari di reddito di impresa di escludere parzialmente da tassazione i redditi derivanti dall utilizzo o dalla

Dettagli

RISOLUZIONE N. 83/E. Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR

RISOLUZIONE N. 83/E. Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR RISOLUZIONE N. 83/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 marzo 2009 A tutte le Direzioni Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR La

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA ITALIANA

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA ITALIANA INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA ITALIANA Aspetti pratici, legali e tributari, dei contratti di distribuzione, di licenza di marchi e brevetti, i prezzi di trasferimento e l accertamento fiscale Bologna,

Dettagli

With your business in the world

With your business in the world With your business in the world Global marketing Accanto alle aziende e agli imprenditori Qualunque sia la loro meta. IC&Partners Portiamo all estero le imprese. IC&Partners è una società di consulenza

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Ivrea, Pinerolo, Torino

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Ivrea, Pinerolo, Torino Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Ivrea, Pinerolo, Torino Indeducibilità dei costi Black List articolo 110, commi da 10 a 12-bis, del D.P.R. 917/1986 non deducibilità e l obbligo

Dettagli

With your business in the world

With your business in the world With your business in the world Company profile Accanto alle aziende e agli imprenditori Qualunque sia la loro meta. IC&Partners Gestiamo grandi capitali. Di conoscenza ed esperienza. Siamo una società

Dettagli

With your business in the world

With your business in the world With your business in the world Company profile Accanto alle aziende e agli imprenditori Qualunque sia la loro meta. IC&Partners Gestiamo grandi capitali. Di conoscenza ed esperienza. Siamo una società

Dettagli

PATENT BOX DETASSAZIONE DEI REDDITI DERIVANTI DA BENI IMMATERIALI

PATENT BOX DETASSAZIONE DEI REDDITI DERIVANTI DA BENI IMMATERIALI PATENT BOX DETASSAZIONE DEI REDDITI DERIVANTI DA BENI IMMATERIALI Art. 1, commi 37-45L. 23.12.2014 N. 190 Art. 5 co. 1, D.L. 24.01.2015 N. 1 (Investment Compact) pzanatta@uive.it Dott. Paolo Zanatta 18.02.2015

Dettagli

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari RISOLUZIONE N. 131/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 ottobre 2004 Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari L Associazione XY (di seguito XY ), con nota

Dettagli

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Prof. Tommaso Di Tanno (Di Tanno & Associati) SIIQ, SICAF E FONDI IMMOBILIARI Evoluzione degli strumenti di investimento

Dettagli

PATENT BOX. a cura del dott. Umberto Zagarese. - aprile 2015 -

PATENT BOX. a cura del dott. Umberto Zagarese. - aprile 2015 - PATENT BOX a cura del dott. Umberto Zagarese - aprile 2015 - PATENT BOX Introduzione A partire dal 2015, i titolari di reddito d impresa possono optare per una tassazione agevolata, ai fini delle imposte

Dettagli

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013 L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Con la presente circolare informativa si intende trattare l ingresso della

Dettagli

RISOLUZIONE N. 409/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 409/E QUESITO RISOLUZIONE N. 409/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 ottobre 2008 OGGETTO: Interpello Ammissione al regime del consolidato fiscale nazionale nell ipotesi di società estera fiscalmente

Dettagli

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011 Focus di pratica professionale di Norberto Villa Le società di comodo in Unico 2011 Il prospetto del quadro RF Il quadro RF del modello Unico SC 2011 contiene le informazioni necessarie per verificare

Dettagli

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta Dott. Pasquale SAGGESE LA CESSIONE DI NON DETENUTE NELL ESERCIZIO DI IMPRESA QUALIFICATE E FATTISPECIE ASSIMILATE Partecipazioni che rappresentano

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

RISOLUZIONE N. 255/E. Roma, 2 ottobre 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 255/E. Roma, 2 ottobre 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 255/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 2 ottobre 2009 OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000 n. 212 cessione dello sfruttamento economico del diritto d immagine

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l.

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. RISOLUZIONE N. 54/E Roma, 16 marzo 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. La Direzione Regionale ha trasmesso un istanza

Dettagli

OCSE: Modello di convenzione contro le doppie imposizioni (art. 9)

OCSE: Modello di convenzione contro le doppie imposizioni (art. 9) giugno 2011 OCSE: Modello di convenzione contro le doppie imposizioni (art. 9) OCSE: Transfer pricing guidelines for multinational enterprises and tax administration (giugno 2000) Contesto t normativo

Dettagli

Fiscal News N. 186. Bonus investimenti. La circolare di aggiornamento professionale 10.07.2014

Fiscal News N. 186. Bonus investimenti. La circolare di aggiornamento professionale 10.07.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 186 10.07.2014 Bonus investimenti Investimenti da effettuare nel periodo 25.06.2014 30.06.2015 Categoria: Agevolazioni Sottocategoria: Varie L

Dettagli

Magazzino: regole di bilancio e fiscali

Magazzino: regole di bilancio e fiscali Numero 53/2011 Pagina 1 di 8 Magazzino: regole di bilancio e fiscali Numero : 53/2011 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : BILANCIO LA VALUTAZIONE DEL MAGAZZINO PRINCIPIO CONTABILE OIC N. 13, CODICE CIVILE

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

I nuovi oneri di documentazione in materia di transfer pricing di Paola Scotto di Santolo

I nuovi oneri di documentazione in materia di transfer pricing di Paola Scotto di Santolo I nuovi oneri di documentazione in materia di transfer pricing di Paola Scotto di Santolo Indice : 1. Introduzione 2. Brevi cenni sul concetto di Transfer pricing: disciplina nazionale e comunitaria 3.

Dettagli

RIMANENZE di MAGAZZINO CONTABILITÀ e VALUTAZIONE

RIMANENZE di MAGAZZINO CONTABILITÀ e VALUTAZIONE Circolare informativa per la clientela n. 10/2014 del 27 marzo 2014 RIMANENZE di MAGAZZINO CONTABILITÀ e VALUTAZIONE SOMMARIO 1. CATEGORIE OMOGENEE... 2 2. CRITERI di VALUTAZIONE... 2 Criterio base...

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 154/E Roma, 11 giugno 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000 n. 212 trattamento fiscale dei compensi percepiti in Italia

Dettagli

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n.

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n. CIRCOLARE N. 59/E Roma, 23 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Iva Prot. n. OGGETTO: Applicabilità del meccanismo dell inversione contabile o reverse charge alle

Dettagli

Il trasferimento della sede dall estero all Italia

Il trasferimento della sede dall estero all Italia Il trasferimento della sede dall estero all Italia Trasferimento di sede della società estera in Italia L ordinamento giuridico-societario di provenienza può prevedere che il trasferimento di sede all

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

IL PATENT BOX ITALIANO

IL PATENT BOX ITALIANO IL VALORE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE LA COMPETITIVITA E LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE AGENDA I II III I REGIMI PATENT BOX IN EUROPA IL CONTESTO INTERNAZIONALE

Dettagli

Delega fiscale Pubblicazione in Gazzetta dei 5 decreti legislativi attuativi.

Delega fiscale Pubblicazione in Gazzetta dei 5 decreti legislativi attuativi. NEWS N.121/ 9 ottobre 2015 Delega fiscale Pubblicazione in Gazzetta dei 5 decreti legislativi attuativi. Pubblicati in Gazzetta Ufficiale i cinque decreti legislativi attuativi della legge 11 marzo 2014,

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

Opportunità di Business

Opportunità di Business Italia Bosnia-Erzegovina Brasile Bulgaria Cina Federazione Russa Polonia Romania Serbia Ucraina Ungheria USA Russia, Bielorussia e Kazakhstan La Nuova Unione Doganale Opportunità di Business Dott. Antonio

Dettagli

Come gestire il processo di internazionalizzazione

Come gestire il processo di internazionalizzazione Italia Bosnia-Erzegovina Brasile Bulgaria Cina Federazione Russa Polonia Romania Serbia Ucraina Ungheria USA Come gestire il processo di internazionalizzazione Relatore Roberto Guerrini Londra, 3 ottobre

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c.

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c. OIC 26: revisione anche per operazioni, le attività e le passività in valuta estera della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO L Organismo Italiano di Contabilità ha dettato regole più chiare anche

Dettagli

INDICE PREMESSA... 9. 1. I DIVIDENDI DISTRIBUITI DA SOCIETÀ ED ENTI COMMERCIALI RESIDENTI... 11 di Francesco Facchini e Federico Salvadori

INDICE PREMESSA... 9. 1. I DIVIDENDI DISTRIBUITI DA SOCIETÀ ED ENTI COMMERCIALI RESIDENTI... 11 di Francesco Facchini e Federico Salvadori INDICE PREMESSA... 9 1. I DIVIDENDI DISTRIBUITI DA SOCIETÀ ED ENTI COMMERCIALI RESIDENTI... 11 di Francesco Facchini e Federico Salvadori 1. Premessa: le riforme che hanno interessato la disciplina dei

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario.

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario. Operazioni intracomunitarie e internazionali La disciplina IVA delle «vendite a distanza» in ambito intracomunitario La disciplina Iva delle «vendite a distanza», per tali intendendosi le vendite in base

Dettagli

LA DISCIPLINA DEI PREZZI DI TRASFERIMENTO

LA DISCIPLINA DEI PREZZI DI TRASFERIMENTO LA DISCIPLINA DEI PREZZI DI TRASFERIMENTO Articolo 9 MC Imprese associate [Associated enterprises] Allorché a) un impresa di uno Stato contraente partecipa direttamente o indirettamente alla direzione,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 230/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 230/E QUESITO RISOLUZIONE N. 230/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 giugno 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 n. 954-173/2008 - Incentivi fiscali alle operazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 170/E. OGGETTO: Istanza di Interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.P.A.

RISOLUZIONE N. 170/E. OGGETTO: Istanza di Interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.P.A. RISOLUZIONE N. 170/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2005 OGGETTO: Istanza di Interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.P.A. Con l interpello specificato in oggetto,

Dettagli

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 10/2014 Oggetto LEGGE STABILITÀ 2014 NOVITÀ IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Contenuto La Legge di stabilità 2014, ovvero la

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO DAI SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE POSTALE ALL AUTORITÀ

Dettagli

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA REDAZIONE DEL BILANCIO CIVILISTICO 2014: LE PRINCIPALI NOVITA PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 Dr. Riccardo Bauer 2 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

Rivalutazione di partecipazioni e terreni

Rivalutazione di partecipazioni e terreni Rivalutazione di partecipazioni e terreni Il Legislatore con l art. 1 commi 376 e 428 della legge 30 dicembre 2004, n. 311 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato,

Dettagli

ULTIMI INTERVENTI DI PRASSI IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA

ULTIMI INTERVENTI DI PRASSI IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA ULTIMI INTERVENTI DI PRASSI IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Prof. ssa Loredana CARPENTIERI Diretta 17 maggio 2010 CIRCOLARE N. 46/E DEL 3 NOVEMBRE 2009 Adempimenti dichiarativi per costi da operazioni con

Dettagli

Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale Ordine Dottori Commercialisti di Milano

Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale Ordine Dottori Commercialisti di Milano Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale Ordine Dottori Commercialisti di Milano La tassazione delle attività finanziarie per le persone fisiche Adempimenti dichiarativi: dal quadro RW

Dettagli

CORSO DI FISCALITA INTERNAZIONALE 2^ semestre 2015

CORSO DI FISCALITA INTERNAZIONALE 2^ semestre 2015 CORSO DI FISCALITA INTERNAZIONALE 2^ semestre 2015 Relatore: Dott. Luciano Sorgato Il corso prevede un ciclo di otto incontri della durata di tre ore e mezza ciascuno dalle ore 09,30 alle ore 13,00 presso

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

OGGETTO: Istanza d interpello - Imposta di registro Decadenza dell agevolazione c.d. prima casa per trasferimento nel quinquennio.

OGGETTO: Istanza d interpello - Imposta di registro Decadenza dell agevolazione c.d. prima casa per trasferimento nel quinquennio. RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 6 ottobre 2003 OGGETTO: Istanza d interpello - Imposta di registro Decadenza dell agevolazione c.d. prima casa per trasferimento nel

Dettagli

Misure per supportate la crescita e l internazionalizzazione delle imprese

Misure per supportate la crescita e l internazionalizzazione delle imprese Misure per supportate la crescita e l internazionalizzazione delle imprese Le slide non forniscono una completa descrizione delle nuove norme né affrontano tutte le tematiche che possono rilevare ai fini

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

Deduzione spese e componenti negative di reddito per le oper...

Deduzione spese e componenti negative di reddito per le oper... Deduzione spese e componenti negative di reddito per le operazioni con Hong Kong Quale comportamento deve tenere l'imprenditore nazionale per dedurre i costi e le spese sostenute con imprese residenti/localizzate

Dettagli

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. n. 2015/154278 Disposizioni concernenti l accesso alla procedura di accordo preventivo connessa all utilizzo di beni immateriali ai sensi dell articolo 1, commi da 37 a 45, della legge 23 dicembre

Dettagli

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI INFORMATIVA N. 253 10 NOVEMBRE 2011 IMPOSTE DIRETTE - IVA L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI Art. 1, commi 96 e seguenti, Legge n. 244/2007 Circolari Agenzia Entrate 21.12.2007,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma 14 gennaio

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma 14 gennaio RISOLUZIONE N. 10/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso 2008 Roma 14 gennaio Oggetto: Istanza di interpello - Alfa - Rilevazione dei ricavi e dei costi relativi all attività di raccolta e accettazione

Dettagli

Alfa S.p.a. Delta s.r.l Edito da Dott. Giuseppe Carchivi

Alfa S.p.a. Delta s.r.l Edito da Dott. Giuseppe Carchivi Alfa S.p.a. Delta s.r.l Edito da Dott. Giuseppe Carchivi 1 Trading attraverso società sita in paese Black List: aspetti generali. 2 Costituzione di trading co.: profili teorici Commerciali e di marketing;

Dettagli

Suggerimenti operativi per

Suggerimenti operativi per operativi per l adozione del Patent Box italiano Paolo Crippa - Gabriele Borasi Nov. 27, 2015 Patent BOX in sintesi Patent Box 4 BENEFICIO Reddito netto esente Art. (7) Patent BOX Formula generale Patent

Dettagli

Pianificazione fiscale internazionale: opportunità e rischi connessi alla gestione di imprese multinazionali.

Pianificazione fiscale internazionale: opportunità e rischi connessi alla gestione di imprese multinazionali. Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Cremona, 25/03/2015 Pianificazione fiscale internazionale: opportunità e rischi connessi alla gestione di imprese multinazionali. Analisi comparta

Dettagli

RISOLUZIONE N. 128/E

RISOLUZIONE N. 128/E RISOLUZIONE N. 128/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 aprile 2008 OGGETTO:Istanza di interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento fiscale dei canoni corrisposti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 117/E

RISOLUZIONE N. 117/E RISOLUZIONE N. 117/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 novembre 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica Opere ultrannuali Costi relativi ai SAL liquidati in via provvisoria al subappaltatore Articoli 93

Dettagli

Le schede di pratica professionale di Ennio Vial e Vita Pozzi. Circolare n.7/e/13: la Pex in ipotesi di holding residenti in un paradiso fiscale

Le schede di pratica professionale di Ennio Vial e Vita Pozzi. Circolare n.7/e/13: la Pex in ipotesi di holding residenti in un paradiso fiscale Le schede di pratica professionale di Ennio Vial e Vita Pozzi Circolare n.7/e/13: la Pex in ipotesi di holding residenti in un paradiso fiscale Introduzione L articolo 87 del DPR n.917/86 prevede un esenzione

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi IAS 18 Ricavi SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SOMMARIO ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA' R I C A V I DEFINIZIONE MISURAZIONE VENDITA DI MERCI PRESTAZIONI DI SERVIZI INTERESSI, ROYALTIES

Dettagli

Le norme tributarie disciplinanti la liquidazione

Le norme tributarie disciplinanti la liquidazione Le norme tributarie disciplinanti la liquidazione Art. 182 Tuir: regole di determinazione del reddito d impresa durante la fase di liquidazione; Art. 17 e 21 Tuir: condizioni e modalità per la tassazione

Dettagli

CIRCOLARE - AGENZIA ENTRATE - 26 marzo 2008, n. 26/E

CIRCOLARE - AGENZIA ENTRATE - 26 marzo 2008, n. 26/E CIRCOLARE - AGENZIA ENTRATE - 26 marzo 2008, n. 26/E OGGETTO: Cessione gratuita di beni diversi dalle derrate alimentari e dai prodotti farmaceutici alle ONLUS. Art 13, comma 3, del decreto legislativo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 53/E. Roma, 27 maggio 2015

RISOLUZIONE N. 53/E. Roma, 27 maggio 2015 RISOLUZIONE N. 53/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 27 maggio 2015 OGGETTO: Questioni controverse in materia di rideterminazione del valore di acquisto dei terreni. Orientamenti giurisprudenziali

Dettagli

a bordo di una nave, di un aereo o di un treno nel corso della parte di un trasporto di

a bordo di una nave, di un aereo o di un treno nel corso della parte di un trasporto di Le risposte dell agenzia delle Entrate alle domande su Fisco e turismo fatte durante il Map, l evento che si è svolto ieri a Torino in collaborazione con Federturismo Confindustria e Sole 24 Ore, nell

Dettagli

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Transfer pricing ed IRAP: dal 2013 solo un adeguata documentazione mette in salvo dall applicazione delle sanzioni del Dott. Michele Ghiringhelli e della Dott.ssa Roberta De Pirro La legge 27 dicembre

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

RISOLUZIONE N.126/E QUESITO

RISOLUZIONE N.126/E QUESITO RISOLUZIONE N.126/E Roma, 16 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica - Adempimenti contabili degli enti non commerciali ed obbligo di rendicontazione di cui all'art. 20

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO CAPITOLO II

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO CAPITOLO II Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO 1. Il diritto tributario e le entrate dello Stato... pag. 1 2. Le fonti del diritto...» 6 3. Le fonti

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma Tassazione dei redditi di fonte estera e redditi dei non residenti Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli Il sistema delle imposte sul reddito I II PARTE 1 Tassazione

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

CONTRATTO DI SCONTO DI CREDITI IVA

CONTRATTO DI SCONTO DI CREDITI IVA CONTRATTO DI SCONTO DI CREDITI IVA Tra - la società/ditta individuale (di seguito, per brevità: il Cedente), con sede in, P.IVA ; rappresentata ai fini del presente atto dal sig., C.F. e - la società Alma

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP RISOLUZIONE N.79/E Roma,31 marzo 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

RISOLUZIONE N. 43/E. OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI

RISOLUZIONE N. 43/E. OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI RISOLUZIONE N. 43/E Direzione Centrale Normativa Roma, 2 luglio 2013 OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI In considerazione delle numerose richieste di chiarimento in merito ai particolari

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Individuazione degli elementi informativi e definizione delle modalità tecniche e dei termini relativi alla trasmissione degli elenchi di cui all articolo 37, commi 8 e 9, del decreto legge 4 luglio 2006,

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Fiscal News N. 334. Cessione di partecipazioni estere. La circolare di aggiornamento professionale 04.12.2013. Potestà impositiva

Fiscal News N. 334. Cessione di partecipazioni estere. La circolare di aggiornamento professionale 04.12.2013. Potestà impositiva Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 334 04.12.2013 Cessione di partecipazioni estere Potestà impositiva Categoria: Imposte dirette Sottocategoria: Varie La tassazione della plusvalenza

Dettagli

STUDIO MURER COMMERCIALISTI

STUDIO MURER COMMERCIALISTI 1 R E N A T O M U R E R G A B R I E L E G I AM B R U N O R O B E R T A F A Z Z A N A C A R M E N B A T T I S T E L DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI San Donà di Piave, 10 dicembre 2002 Alle Spett.li

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ALFA Spa SIM; Art. 165 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n.

OGGETTO: Istanza di interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ALFA Spa SIM; Art. 165 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. RISOLUZIONE N. 147/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 giugno 2007 OGGETTO: Istanza di interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ALFA Spa SIM; Art. 165 del D.P.R. 22 dicembre

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 7/2015. OGGETTO: Crediti per imposte pagate all estero, aspetti fiscali e modalità di calcolo.

NOTA OPERATIVA N. 7/2015. OGGETTO: Crediti per imposte pagate all estero, aspetti fiscali e modalità di calcolo. NOTA OPERATIVA N. 7/2015 OGGETTO: Crediti per imposte pagate all estero, aspetti fiscali e modalità di calcolo. - Introduzione E sempre più frequente che le imprese italiane svolgano la propria attività

Dettagli

SPECIALE Legge di Stabilità

SPECIALE Legge di Stabilità SPECIALE Legge di Stabilità Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: ASSEGNAZIONI E CESONI AGEVOLATE AI SOCI La Legge di Stabilità per il 2016 prevede la possibilità di assegnare (gratuitamente), oppure cedere

Dettagli