Prezzi di trasferimento in Italia. Rödl & Partner

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prezzi di trasferimento in Italia. Rödl & Partner"

Transcript

1 Prezzi di trasferimento in Italia 1

2 Contenuto 01 Introduzione e contesto normativo 02 Documentazione sui prezzi di trasferimento 03 Altre tematiche di transfer pricing e servizi di R&P 2

3 Contenuto 01 Introduzione e contesto normativo 02 Documentazione sui prezzi di trasferimento 03 Altre tematiche di transfer pricing e servizi di R&P 3

4 Politica dei prezzi di trasferimento Tramite operazioni infragruppo non conformi al valore normale è possibile spostare materia imponibile nell ambito di un gruppo multinazionale da un paese all altro Una possibile motivazione per tali comportamenti potrebbe essere il diverso trattamento fiscale effettivo tra i vari paesi Al fine di garantire un gettito fiscale, le autorità fiscali nazionali cercano di assicurare la conformità al valore normale nella politica dei prezzi di trasferimento 4

5 Contesto normativo di riferimento in Italia Operazioni intercompany: art.110, c. 7 del TUIR; Valore normale: art. 9 del TUIR; Principi 1: Circolare del 22 settembre 1980, n. 32; Principi 2: Circolare del 12 dicembre 1981, n. 42; TP nel contesto nazionale: Circolare n. 53/E del 26 febbraio 1999 TP Documentazione: art. 26 del DL del 31 maggio 2010, n. 78 / Provvedimento del 29 settembre 2010 / Circolare del 15 dicembre 2010, n. 58/E Procedure per evitare la doppia imposizione: Circolare del 5 giugno 2012, n. 21/E Applicazione delle linee guida OCSE 5

6 Contribuente Germania Autorità fiscale Sviluppo prassi TP: confronto con la Germania Principi TP (1983) Norme sulla documentazione (2003) Expertise Aumento delle verifiche fiscali Normativa aggiuntiva, p.e.: APA s, base shifting Redazione Documentazione 1. fase Difesa in sede di verifiche fiscali Redazione Documentazione 2. fase Principi TP Documentazione TP Considerazioni importanti: + importanza della documentazione + pianificazione TP, p.e.: M&A, Post-Merger-Integr., nuovi prodotti, ristrutturazioni, trasferimenti 1980/ Principi TP Documentazione TP Verifiche TP 6

7 Contenuto 01 Introduzione e contesto normativo 02 Documentazione sui prezzi di trasferimento 03 Altre tematiche di transfer pricing e servizi di R&P 7

8 Provvedimento del 29 settembre 2010 Recepimento nell ordinamento italiano delle linee guida internazionali (OCSE e UE) Definizione della struttura e del contenuto della documentazione da consegnare dal contribuente in caso di verifica fiscale al fine di dimostrare la conformità al valore normale Punti fondamentali: Requisiti Termine di presentazione Vantaggio per il contribuente dalla predisposizione della documentazione 8

9 Requisiti del Provvedimento Requisiti oggettivi: La determinazione dei prezzi di trasferimento all interno di un gruppo multinazionale deve essere coerente al principio di libera concorrenza ( arm s length principle ) La documentazione sui prezzi di trasferimento deve dimostrare in modo dettagliato e strutturato i fattori d influenza e il meccanismo di determinazione dei prezzi di trasferimento, nonché, il rispetto del principio di libera concorrenza per tutte le transazioni transfrontaliere tra imprese controllate Requisiti soggettivi: Identificazione giuridica del soggetto all interno del gruppo (holding, sub-holding o società controllata ) Il contenuto della documentazione varia a seconda delle caratteristiche sopra elencate 9

10 Onere documentale e contenuto Holding Sub-Holding Società controllata Master File + Documento Nazionale Masterfile della Sub- Holding (in alternativa può essere utilizzato il Master File preparato dalla Holding) + Documento nazionale Documento nazionale 10

11 Contenuto del Master File Sintesi Contiene informazioni riguardanti l intero gruppo (dal punto di vista della Holding o Sub-Holding) Il Master File include le seguenti informazioni a livello di gruppo: attività commerciale / struttura giuridica e operativa / strategia aziendale / mercato di riferimento / funzioni, rischi e beni strumentali delle singole società / panoramica delle transazioni infragruppo transfrontaliere / meccanismo di transfer pricing applicato 11

12 Contenuto del Master File Struttura 1. Descrizione generale del gruppo (attività commerciale, storia, mercato rilevante) 2. Struttura del gruppo (struttura giuridica e organizzativa delle singole società) 3. Descrizione della strategia del gruppo 4. Panoramica delle operazioni infragruppo transfrontaliere (incluso eventuali CUP) 5. Informazioni sulle transazioni Alienazioni e/o utilizzo di beni strumentali materiali e immateriali / Prestazione di servizi / Prestazione di servizi finanziari Servizi funzionali allo svolgimento delle attività infragruppo ( Servizi di Management ) Accordi per la ripartizione di costi ( Cost Contribution Agreements ) 6. Funzioni / Rischi / Beni strumentali delle società 7. Descrizione dei beni strumentali immateriali 8. Politica dei prezzi di trasferimento (incluso l analisi del valore normale) 9. Accordi preventivi con autorità fiscali europee (p.e. APA s, Comparable authority procedures; Rulings) 12

13 Contenuto del Documento Nazionale - Sintesi Informazioni dettagliate relative alle operazioni tra società residente e consociate estere La documentazione si compone sostanzialmente di 2 parti: 1.Informazioni generali (tra l altro struttura operativa, mercato rilevante, strategia, descrizione delle transazioni infragruppo) 2. Analisi del valore normale Analisi di comparabilità (tra l altro allocazione funzioni, rischi, beni strumentali; termini contrattuali; condizioni economiche) Descrizione del metodo scelto per documentare il valore normale dei prezzi di trasferimento ( Best Method Rule ) Applicazione del metodo scelto 13

14 Contenuto del Documento Nazionale - Struttura 1. Descrizione generale della società (attività commerciale, storia) 2. Settore in cui opera la società (mercato di riferimento, concorrenza) 3. Struttura operativa (dipartimenti e le loro funzioni) 4. Descrizione delle strategie generali perseguite dalla società 5. Panoramica delle operazioni infragruppo rilevanti per la società - seguenti sottocapitoli per ogni gruppo di transazione: 5.1 Descrizione generale della transazione (volume e metodo di determinazione del prezzo di trasferimento) 5.2 Analisi di comparabilità (allocazione funzioni/rischi/beni strumentali, condizioni economiche, strategie, termini contrattuali) 5.3 Metodo scelto per documentare il valore normale dei prezzi di trasferimento 6. Accordi per la ripartizione di costi Allegato: I = Diagramma del flusso delle operazioni / II = Copia contratti intercompany 14

15 Requisiti - Particolarità In materia di transfer pricing per società controllata si intende non soltanto la società dove un altra detiene il controllo di diritto (maggioranza di partecipazione), ma anche il controllo di fatto o contrattuale (p.e. dipendenza economica o contrattuale ) La documentazione deve essere redatta in lingua italiana (eccezione: Masterfile per sub-holding in lingua inglese, se la capogruppo è residente nell UE; eccezione: lingua ufficiale delle regioni autonome) Affinché la documentazione possa essere considerata idonea è necessario il rispetto della struttura prevista dal provvedimento Ogni pagina della documentazione deve essere siglata dal legale rappresentante della società e firmata in calce all ultimo foglio La documentazione deve essere consegnata in forma elettronica Aggiornamento annuale della documentazione (Eccezione per le PMI imprese con un fatturato < 50 mio. euro agevolazione: al verificarsi di determinati requisiti l analisi del valore normale ha una validità di 3 anni) 15

16 Termini di presentazione Nota bene: Differenza tra a) Comunicazione del possesso della documentazione sui prezzi di trasferimento alle autorità fiscali E b) Consegna della documentazione alle autorità fiscali 16

17 a) Termini di invio della Comunicazione I termini di invio della Comunicazione differiscono in base ai periodi di imposta: 2010 e seguenti: Barrando un apposita casella direttamente in sede di dichiarazione annuale dei redditi Antecedenti al 2010 (retroattivo fino a 5 anni): Telematicamente tramite Entratel entro il 28 dicembre 2010 Sono accettate anche le Comunicazioni inviate successivamente, purché prima dell avvio di una verifica. 17

18 b) Termini di consegna Entro 10 giorni dalla richiesta da parte delle autorità fiscali Informazioni aggiuntive: entro ulteriori 7 giorni (o entro un periodo più lungo in funzione della complessità delle operazioni sottoposte ad analisi), se nel corso della verifica emerge l esigenza di disporre di informazioni supplementari rispetto a quelle contenute nella documentazione consegnata Annotazione: Siccome l intervallo temporale tra richiesta e consegna della documentazione è molto breve, la preparazione della documentazione in anticipo risulta assolutamente necessario 18

19 Vantaggio evitare sanzioni In caso di accertamento di una maggiore imposta, viene: liquidata la maggior imposta contestata una sanzione da 100% a 200% dell imposta accertata richiesto il pagamento di interessi sull imposta accertata e maggiorata delle sanzioni Se però viene consegnata tempestivamente una documentazione idonea E viene comunicato tempestivamente il possesso della stessa non vengono irrogate le sanzioni. Un esempio calcolatorio: Maggior imposta accertata: Sanzioni TOTALE Disponibilità idonea della documentazione e invio della comunicazione preventiva NO Sanzioni (senza interessi) NO compliance Sanzioni da a da a (senza interessi) 19

20 Vantaggi Ulteriori osservazioni L introduzione delle norme citate è frutto dell accresciuta attenzione dell Amministrazione finanziaria in materia di TP. Probabilità di contestazione delle operazioni TP durante le verifiche fiscali Il fisco italiano ha più volte sottolineato, che la comunicazione del possesso della documentazione sui prezzi di trasferimento NON equivale una autodenuncia. Vengono piuttosto sottoposti a verifica i contribuenti che effettuano operazioni infragruppo rilevanti e non hanno inviato la comunicazione La presenza di operazioni infragruppo è a conoscenza del fisco indipendentemente dalla comunicazione, in quanto risulta dalla dichiarazione sui redditi (UNICO SC / Quadro RS; anche: Studi di Settore ) Un adeguata documentazione può essere considerata come strumento di difesa delle politiche transfer pricing 20

21 Contenuto 01 Introduzione e contesto normativo 02 Documentazione sui prezzi di trasferimento 03 Altre tematiche di transfer pricing e servizi di R&P 21

22 Altre tematiche di transfer pricing e servizi di R&P Analisi dei vari tipi di transazione tra le società del gruppo ed individuazione delle fattispecie ritenute particolarmente critiche/sensibili Verifica dell analisi del valore normale applicata al sistema di transfer pricing (per esempio tramite Analisi di Benchmarking ) Configurazione del sistema sui prezzi di trasferimento (riduzione rischi, progettazione, supporto per neocostituzioni, supporto alle ristrutturazioni) Assistenza in caso di contenzioso fiscale Assistenza nell ambito delle procedure internazionali (Advance Pricing Agreements, EU Arbitration Convention, procedure amichevoli) 22

23 Contatti Rödl & Partner Milano Largo Donegani 2 I Milano Tel Fax Giampiero Guarnerio Partner Hans Röll Esperto in transfer pricing Rödl & Partner Bozen Walther-von-der-Vogelweide Platz 8 I Bozen Tel: Fax: Evelyn Nora Fuchs Dottore Commercialista Rödl & Partner Bozen Walther-von-der-Vogelweide Platz 8 I Bozen Tel: Fax:

Definizione della documentazione idonea per il riscontro della conformità al valore normale dei prezzi di

Definizione della documentazione idonea per il riscontro della conformità al valore normale dei prezzi di Definizione della documentazione idonea per il riscontro della conformità al valore normale dei prezzi di trasferimento praticati dalle imprese multinazionali Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle

Dettagli

TRANSFER PRICING PREVENIRE O ATTENDERE? Introduzione al transfer pricing

TRANSFER PRICING PREVENIRE O ATTENDERE? Introduzione al transfer pricing TRANSFER PRICING PREVENIRE O ATTENDERE? Introduzione al transfer pricing Per cominciare 6 domande sul transfer pricing COSASONOI«PREZZIDITRASFERIMENTO»? PERCHÉSENEPARLA? COMESIDETERMINANO? INCHEMODOSIDOCUMENTANO?

Dettagli

Tavola Rotonda Transfer Pricing: Novità, Aspetti Critici e Vantaggi. Risvolti Penali

Tavola Rotonda Transfer Pricing: Novità, Aspetti Critici e Vantaggi. Risvolti Penali Tavola Rotonda Transfer Pricing: Novità, Aspetti Critici e Vantaggi. Risvolti Penali Dott. Giampiero Guarnerio Dott.ssa Pamela Ciarcià Avv. Federico Cecconi Milano, 28 Gennaio 2011 Rechtsanwälte Steuerberater

Dettagli

La disciplina del Transfer Price Novedrate, 9 ottobre 2013. dott. Andrea DE VIDO

La disciplina del Transfer Price Novedrate, 9 ottobre 2013. dott. Andrea DE VIDO La disciplina del Transfer Price Novedrate, 9 ottobre 2013 dott. Andrea DE VIDO Definizione: Transfer Pricing Il transfer price (prezzo di trasferimento) è il corrispettivo dello scambio di beni o servizi

Dettagli

OCSE: Modello di convenzione contro le doppie imposizioni (art. 9)

OCSE: Modello di convenzione contro le doppie imposizioni (art. 9) giugno 2011 OCSE: Modello di convenzione contro le doppie imposizioni (art. 9) OCSE: Transfer pricing guidelines for multinational enterprises and tax administration (giugno 2000) Contesto t normativo

Dettagli

TRANSFER PRICING. Avv. Tommaso Fonti. nuovi oneri di documentazione. Ancona, 16 Giugno 2011

TRANSFER PRICING. Avv. Tommaso Fonti. nuovi oneri di documentazione. Ancona, 16 Giugno 2011 TRANSFER PRICING nuovi oneri di documentazione Avv. Tommaso Fonti Ancona, 16 Giugno 2011 CONTENUTO DELLA PRESENTAZIONE Tratteremo nell ordine: 1) Considerazioni preliminari sulla strutturazione del gruppo

Dettagli

LA FISCALITA NELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA

LA FISCALITA NELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA LA FISCALITA NELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA Fabio Landuzzi 14 ottobre 2014 www.pirolapennutozei.it Fiscalità nell internazionalizzazione dell impresa LE CONVENZIONI CONTRO LE DOPPIE IMPOSIZIONI:

Dettagli

TRANSFER PRICING 2010: le nuove regole in tema di documentazione. Roma, 10 novembre 2010

TRANSFER PRICING 2010: le nuove regole in tema di documentazione. Roma, 10 novembre 2010 1 TRANSFER PRICING 2010: le nuove regole in tema di documentazione Roma, 10 novembre 2010 2 Agenda Introduzione L esperienza internazionale in tema di Transfer Pricing Documentation (TPD) OECD Model Convention

Dettagli

Transfer Pricing. Servizi offerti da Business Value. Ottobre 2010

Transfer Pricing. Servizi offerti da Business Value. Ottobre 2010 Transfer Pricing Servizi offerti da Business Value Ottobre 2010 PREMESSA La tematica dei prezzi di trasferimento nelle operazioni infragruppo realizzate con imprese non residenti (transfer price esterno)

Dettagli

Le operazioni infragruppo: I FINANZIAMENTI

Le operazioni infragruppo: I FINANZIAMENTI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Transfer Pricing: la preparazione della documentazione nazionale Le operazioni infragruppo: I FINANZIAMENTI Matteo Giordani Milano, 11 Giugno 2014 La normativa

Dettagli

BUSINESS VALUE S.r.l. VIA DI PANICO, 54-00186 ROMA P.IVA 04077001008 Tel. 06-686 14 58 Fax 06-686 15 92

BUSINESS VALUE S.r.l. VIA DI PANICO, 54-00186 ROMA P.IVA 04077001008 Tel. 06-686 14 58 Fax 06-686 15 92 I PREZZI DI TRASFERIMENTO INFRAGRUPPO SERVIZI OFFERTI DA BUSINESS VALUE LUGLIO 2010 BUSINESS VALUE S.r.l. VIA DI PANICO, 54-00186 ROMA P.IVA 04077001008 Tel. 06-686 14 58 Fax 06-686 15 92 PREMESSA La tematica

Dettagli

Art. 26 D.L. n. 78/2010, Masterfile, Documentazione Nazionale e disapplicazione delle sanzioni

Art. 26 D.L. n. 78/2010, Masterfile, Documentazione Nazionale e disapplicazione delle sanzioni Transfer Pricing Genova, 23 marzo 2011 Art. 26 D.L. n. 78/2010, Masterfile, Documentazione Nazionale e disapplicazione delle sanzioni Relatore: Prof. Avv. Benedetto Santacroce Dott. Diego Avolio Santacroce-Procida-Fruscione

Dettagli

I nuovi oneri di documentazione in materia di transfer pricing di Paola Scotto di Santolo

I nuovi oneri di documentazione in materia di transfer pricing di Paola Scotto di Santolo I nuovi oneri di documentazione in materia di transfer pricing di Paola Scotto di Santolo Indice : 1. Introduzione 2. Brevi cenni sul concetto di Transfer pricing: disciplina nazionale e comunitaria 3.

Dettagli

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali RU 2015/124055 Direzione Centrale del Personale Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali IL DIRETTORE DELL AGENZIA in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito

Dettagli

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro.

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro. certified public accountants tax & financial advisors www.funaro.com certified public accountants tax & financial advisors CHI SIAMO Funaro & Co. è uno studio di Certified Public Accountants e Dottori

Dettagli

Bandi di finanziamento

Bandi di finanziamento Bandi di finanziamento per neo -imprese e aspiranti imprenditori 1Mantova 16 ottobre 2015 DUE INTERVENTI DISTINTI 1) BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE NUOVE IMPRESE (1508 Bando Neo-Imprese) DOTAZIONE FINANZIARIA:

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 26 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 26 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 26 febbraio 2008 OGGETTO: Modalità di controllo su operatori che effettuano acquisti di autoveicoli usati da operatori comunitari in regime IVA del

Dettagli

Transfer pricing: oneri documentali ed oneri probatori

Transfer pricing: oneri documentali ed oneri probatori Transfer pricing: oneri documentali ed oneri probatori Con il termine transfer pricing si intende identificare quella pratica, adottata all'interno di un gruppo d'imprese, attraverso la quale si realizza

Dettagli

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Transfer pricing ed IRAP: dal 2013 solo un adeguata documentazione mette in salvo dall applicazione delle sanzioni del Dott. Michele Ghiringhelli e della Dott.ssa Roberta De Pirro La legge 27 dicembre

Dettagli

MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO IN CASO DI VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI

MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO IN CASO DI VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO IN CASO DI VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI Riferimenti Art. 30, DL n. 185/2008 Art. 1, comma 1, DL n. 225/2010 Risoluzione Agenzia Entrate 6.12.2010, n. 125/E Circolare

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA ITALIANA

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA ITALIANA INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA ITALIANA Aspetti pratici, legali e tributari, dei contratti di distribuzione, di licenza di marchi e brevetti, i prezzi di trasferimento e l accertamento fiscale Bologna,

Dettagli

ANALISI ED OPPORTUNITA

ANALISI ED OPPORTUNITA TRANSFER PRICING ANALISI ED OPPORTUNITA Modena, 11 Novembre 2011 1 Art. 110, comma 7, del d.p.r. 22 dicembre 1986, n. 917 (Tuir) I componenti del reddito derivanti da operazioni con società non residenti

Dettagli

Si evidenzia al fine di generare i tracciati nel nuovo formato richiesto è necessario. Accedere alla gestione Deposito Bilanci Elettronico

Si evidenzia al fine di generare i tracciati nel nuovo formato richiesto è necessario. Accedere alla gestione Deposito Bilanci Elettronico BILANCIO EUROPEO 2010 Note di rilascio Versione 17.0.0 Data 23 dicembre 2009 In sintesi NOVITA DELLA VERSIONE Deposito obbligatorio in formato XBRL Revisione del piano dei conti Gestione trasferimento

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO S1 SERVIZIO AMMINISTRATIVO Responsabile De Amicis Stefania COPIA DETERMINAZIONE N. 23 DEL 13/01/2016 Oggetto: Affidamento del servizio di telefonia mobile del Comune di Borgo a Mozzano per il periodo 2016/2017

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Comunicato n. 179 Debiti P.A.: pagati ai creditori 26 miliardi Ripartiti tra i debitori ulteriori 17 miliardi di risorse stanziate nel 2013 Entro

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI 1. Definizioni Strategia di Esecuzione o anche semplicemente Strategia : le misure, i meccanismi e le procedure adottate da MPS Capital Services - Banca

Dettagli

NOVITA IN TEMA DI DOCUMENTAZIONE DEI PREZZI DI TRASFERIMENTO ASPETTI PRATICI E PROCEDURALI

NOVITA IN TEMA DI DOCUMENTAZIONE DEI PREZZI DI TRASFERIMENTO ASPETTI PRATICI E PROCEDURALI NOVITA IN TEMA DI DOCUMENTAZIONE DEI PREZZI DI TRASFERIMENTO ASPETTI PRATICI E PROCEDURALI Commissione Consultiva Diritto e Fiscalità Internazionale COORDINATORE: GOFFREDO BARBI - DELEGATO DEL CONSIGLIO:

Dettagli

Roma, 30 novembre 2007 CIRCOLARE N. 64/E

Roma, 30 novembre 2007 CIRCOLARE N. 64/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 30 novembre 2007 CIRCOLARE N. 64/E Oggetto: Decreto legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito con modificazioni dalla legge 24 novembre 2006, n. 286 - art. 1, commi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 248/E

RISOLUZIONE N. 248/E RISOLUZIONE N. 248/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 giugno 2008 OGGETTO: Interpello -ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Prova del valore normale nei trasferimenti immobiliari soggetti

Dettagli

Fattispecie di applicazione delle modalità di determinazione del reddito di impresa a seguito dell adozione degli IAS/IFRS

Fattispecie di applicazione delle modalità di determinazione del reddito di impresa a seguito dell adozione degli IAS/IFRS Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Fattispecie di applicazione delle modalità di determinazione del reddito di impresa a Agenzia delle Entrate Ufficio controlli fiscali - Direzione Regionale

Dettagli

CIRCOLARE N. 58/E. Roma, 15 dicembre 2010

CIRCOLARE N. 58/E. Roma, 15 dicembre 2010 Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 58/E Roma, 15 dicembre 2010 OGGETTO: Oneri documentali in materia di prezzi di trasferimento di cui alla disciplina prevista dall art. 1, comma 2-ter del decreto

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione applicativa

DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione applicativa Roma, 20 maggio 2015 Prot. 58510/RU Rif.: 17631/RU /2015 46452/RU/2015 Allegati: Alle Direzioni Regionali, Interregionali ed Interprovinciale Agli Uffici delle dogane All Agenzia delle entrate Direzione

Dettagli

MODELLO EAS - VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI

MODELLO EAS - VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI MODELLO EAS - VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI Riferimenti Art. 30, DL n. 185/2008 Art. 1, comma 1, DL n. 225/2010 Risoluzione Agenzia Entrate 6.12.2010, n. 125/E Circolare Agenzia Entrate 24.2.2011,

Dettagli

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 10/2014 Oggetto LEGGE STABILITÀ 2014 NOVITÀ IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Contenuto La Legge di stabilità 2014, ovvero la

Dettagli

Settembre 2015. MiFID II. I servizi di comunicazione dati: APA, ARM e CTP

Settembre 2015. MiFID II. I servizi di comunicazione dati: APA, ARM e CTP Settembre 2015 MiFID II. I servizi di comunicazione dati: APA, ARM e CTP Francesca Scacchi e Giuseppe Zaghini, Vigilanza su mercati e Servizi di Investimento, Federcasse La Direttiva 2014/65/UE (di seguito

Dettagli

LA VERIFICA FISCALE SUI DOCUMENTI INFORMATICI. 16 gennaio 2009

LA VERIFICA FISCALE SUI DOCUMENTI INFORMATICI. 16 gennaio 2009 LA VERIFICA FISCALE SUI DOCUMENTI INFORMATICI 16 gennaio 2009 Premessa La dematerializzazione dei documenti: esigenze comuni alle imprese e all Amministrazione Finanziaria; DM 23/01/2004; Delibera CNIPA

Dettagli

E-commerce Aspetti giuridici e fiscali

E-commerce Aspetti giuridici e fiscali E-commerce Aspetti giuridici e fiscali Le principali problematiche legali e fiscali legate all e-commerce Milano 22 ottobre 2015 Dott. Beniamino Lo Presti www.avvghibellini.com www.studiovlp.it www.madv.eu

Dettagli

Newsletter Fiscale e Societaria n. 41/2014 Periodo dal 25 al 31 ottobre 2014 Riservato ai Soci

Newsletter Fiscale e Societaria n. 41/2014 Periodo dal 25 al 31 ottobre 2014 Riservato ai Soci In questo numero: A. FISCO... 2 A1. Decreto Semplificazioni Fiscali... 2 A2. Agenzia Entrate: tutoraggio grandi contribuenti sul periodo d imposta 2012... 2 A3. Convenzione fiscale tra Italia e Lussemburgo

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI PER FAVORIRE L OCCUPAZIONE GIOVANILE ANCHE CON IL SOSTEGNO DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI PER FAVORIRE L OCCUPAZIONE GIOVANILE ANCHE CON IL SOSTEGNO DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI Marca da Bollo 16,00 DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI PER FAVORIRE L OCCUPAZIONE GIOVANILE ANCHE CON IL SOSTEGNO DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI Legge regionale 23 marzo 1995, n 12 e s.m.i.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 471/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 471/E QUESITO RISOLUZIONE N. 471/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 dicembre 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Persone fisiche - Disciplina dell acquisto

Dettagli

Requisiti soggettivi e oggettivi e aspetti operativi

Requisiti soggettivi e oggettivi e aspetti operativi Requisiti soggettivi e oggettivi e aspetti operativi Regime opzionale Possibilità offerta ai titolari di reddito di impresa di escludere parzialmente da tassazione i redditi derivanti dall utilizzo o dalla

Dettagli

Indice cronologico sistematico

Indice cronologico sistematico 2011 2 trimestre Indice cronologico sistematico Nell'indice sono elencati tutti gli argomenti trattati nel della Circolare Tributaria dal n.14 del 4/04/2011 al n.26 del 27/06/2011. Gli argomenti sono elencati

Dettagli

Gli oneri documentali in materia di transfer pricing Predisposizione / Verifica della documentazione. D.Lgs. n. 471/1997, art.

Gli oneri documentali in materia di transfer pricing Predisposizione / Verifica della documentazione. D.Lgs. n. 471/1997, art. www.portalecompliance.com D.Lgs. n. 471/1997, art. 1, comma 2-ter Gli oneri documentali in materia di transfer pricing Predisposizione / Verifica della documentazione Leo Libroia e Associati Studio legale

Dettagli

Roma, 25/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 113

Roma, 25/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 113 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 25/07/2013 Circolare

Dettagli

E-commerce e commercio internazionale. 1^ modulo - dr. Diego De Gaetano (Value Managment)

E-commerce e commercio internazionale. 1^ modulo - dr. Diego De Gaetano (Value Managment) E-commerce e commercio internazionale Funzione della convenzione tra gli stati Stato A convenzione Stato B Ha lo scopo di salvaguardare la potestà tributaria dei singoli Stati Ha lo scopo di risolvere

Dettagli

PATENT BOX. a cura del dott. Umberto Zagarese. - aprile 2015 -

PATENT BOX. a cura del dott. Umberto Zagarese. - aprile 2015 - PATENT BOX a cura del dott. Umberto Zagarese - aprile 2015 - PATENT BOX Introduzione A partire dal 2015, i titolari di reddito d impresa possono optare per una tassazione agevolata, ai fini delle imposte

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/5 OGGETTO CONSERVAZIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE (DOCUMENTI INFORMATICI) CLASSIFICAZIONE DT IVA FATTURAZIONE ELETTRONICA 20.020.021 RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 1 CO. 209-214 L. 24.12.2007 N. 244 (LEGGE

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

RELAZIONE RELATIVA ALL ANALISI E REVISIONE DELLE PROCEDURE DI SPESA (ai sensi dell articolo 9 del D.L. 78/2009 convertito in L.

RELAZIONE RELATIVA ALL ANALISI E REVISIONE DELLE PROCEDURE DI SPESA (ai sensi dell articolo 9 del D.L. 78/2009 convertito in L. RELAZIONE RELATIVA ALL ANALISI E REVISIONE DELLE PROCEDURE DI SPESA (ai sensi dell articolo 9 del D.L. 78/2009 convertito in L. 102/2009) L art. 9, comma 1, lettera a), del D.L. 78/2009, convertito con

Dettagli

AGGIORNAMENTI Ed. Data Descrizione Verifica INDICE

AGGIORNAMENTI Ed. Data Descrizione Verifica INDICE Pag.: 1/7 REDAZIONE A CURA DI Francesca Valvo RSGQ DOCUMENTO APPROVATO DA Gabriella Ianni Direzione SEA Abruzzo Emissione AGGIORNAMENTI Ed. Data Descrizione Verifica 01 2011-10-10 Prima Emissione RSGQ

Dettagli

Avviso per la istituzione

Avviso per la istituzione Avviso per la istituzione dell del GAL Terre Pescaresi Aggiornato al 28/02/2014 1 1. Finalità Il GAL Terre Pescaresi con sede in Via A. Costa, 4 a Manoppello (PE) cap 65024, in attuazione del Piano di

Dettagli

PROFILI DI FISCALITÀ INTERNAZIONALE E PROBLEMATICHE CONNESSE ALLA C.D. DIGITAL ECONOMY

PROFILI DI FISCALITÀ INTERNAZIONALE E PROBLEMATICHE CONNESSE ALLA C.D. DIGITAL ECONOMY PROFILI DI FISCALITÀ INTERNAZIONALE E PROBLEMATICHE CONNESSE ALLA C.D. DIGITAL ECONOMY IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel periodo 1986/1997 le società italiane, con almeno una partecipazione oltre frontiera,

Dettagli

Relazione della funzione di conformità

Relazione della funzione di conformità Politiche e Prassi di Remunerazione ed incentivazione a favore dei componenti degli organi di amministrazione e controllo, del personale e dei collaboratori Relazione della funzione di conformità BCC di

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ADESIONE ALLA DISCIPLINA DI DEROGA ALLE LIMITAZIONI DI TRASFERIMENTO DEL DENARO CONTANTE

COMUNICAZIONE DI ADESIONE ALLA DISCIPLINA DI DEROGA ALLE LIMITAZIONI DI TRASFERIMENTO DEL DENARO CONTANTE COMUNICAZIONE DI ADESIONE ALLA DISCIPLINA DI DEROGA ALLE LIMITAZIONI DI TRASFERIMENTO DEL DENARO CONTANTE Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo n.

Dettagli

Corso La stabile organizzazione: imposte dirette, Transfer Pricing e IVA

Corso La stabile organizzazione: imposte dirette, Transfer Pricing e IVA Corso La stabile : imposte dirette, Transfer Pricing e IVA Roma Centro Congressi Cavour, Via Cavour, 50/A Programma I LEZIONE - Martedì 5 aprile 2016, dalle ore 9.30 alle ore 17.30 FISCALITA INTERNAZIONALE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 81/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25 settembre 2015

RISOLUZIONE N. 81/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25 settembre 2015 RISOLUZIONE N. 81/E Direzione Centrale Normativa Roma, 25 settembre 2015 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Comunicazione del luogo di conservazione in modalità elettronica dei

Dettagli

Richiesta di fornitura per servizi di consulenza professionale Consulente del Lavoro

Richiesta di fornitura per servizi di consulenza professionale Consulente del Lavoro Richiesta di fornitura per servizi di consulenza professionale Consulente del Lavoro Lepida SpA è lo strumento operativo della Regione Emilia Romagna per la pianificazione, lo sviluppo e la gestione delle

Dettagli

Università degli Studi dell Insubria Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate

Università degli Studi dell Insubria Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate Università degli Studi dell Insubria Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate AVVISO DI VALUTAZIONE COMPARATIVA Incarico individuale di prestazione occasionale o prestazione professionale per i seguenti

Dettagli

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale È stato approvato con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2014 Prot.5131-2014

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE Adottato con deliberazione Consiglio Comunale n 40 del 2004 (art. 8, c. 2 - legge 150/2000) CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

UniCredit S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO

UniCredit S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO UniCredit S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO redatto ai sensi dell art. 34-ter, primo comma, lettera l), nonché ai sensi dell art. 57, c.1, lett. e), del Regolamento Consob n.11971 del 14 maggio 1999 come successivamente

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE HOLDING DI FAMIGLIA E INDAGINI FINANZIARIE Gruppo di Lavoro Rapporti Internazionali INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE Ordine dei Dottori Commercialisti Ivrea Pinerolo Torino Torino,

Dettagli

CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013. LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali

CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013. LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013 LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali INDICE 1. LA PROVA DELLA CESSIONE INTRACOMUNITARIA SULLA EFFETTIVA MOVIMENTAZIONE DI BENI

Dettagli

Incentivi fiscali olandesi

Incentivi fiscali olandesi attorneys at law Incentivi fiscali olandesi tax advisors + Il sistema fiscale olandese offre particolari agevolazioni e incentivi che lo rendono attraente per gli imprenditori italiani. Qualora siate intenzionati

Dettagli

Le operazioni con la Pubblica Amministrazione e la fattura elettronica

Le operazioni con la Pubblica Amministrazione e la fattura elettronica Le operazioni con la Pubblica Amministrazione e la fattura elettronica Al fine di attuare una semplificazione della fatturazione nei rapporti con le Pubbliche Amministrazioni la Finanziaria 2008 ha introdotto

Dettagli

www.pirolapennutozei.it

www.pirolapennutozei.it www.pirolapennutozei.it www.pirolapennutozei.it TRANSFER PRICE TRANSFER PRICING: Profili generali Prezzi applicati aventi ad oggetto il TRASFERIMENTO di beni materiali ed immateriali, ovvero operazioni

Dettagli

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22 1. LA FIGURA DEL TRIBUTARISTA 1.1. La figura del Tributarista Pag. 9 1.1.1. Premessa Pag. 9 1.1.2. Le principali caratteristiche, obblighi ed attività del tributarista in sintesi Pag. 10 2. LA LEGGE N.

Dettagli

Aree Target. Evasione Fiscale. Frode. Piergiorgio Valente. Pianificazione Fiscale Aggressiva

Aree Target. Evasione Fiscale. Frode. Piergiorgio Valente. Pianificazione Fiscale Aggressiva ESAME DELLA DOCUMENTAZIONE DEL TRANSFER PRICING: Analisi funzionale: come predisporla Analisi di comparabilità: come realizzarla Benchmarking analysis: quali i contenuti essenziali Contrattualistica: come

Dettagli

D. U. R. C... Una storia infinita!!!

D. U. R. C... Una storia infinita!!! D. U. R. C.... Una storia infinita!!! (Circolare INPS n. 54 del 13.04.2012- Risoluzione Agenzia delle Entrate n. 34/E del 11 aprile 2012) Contributo Professionale Con due precedenti contributi professionali

Dettagli

Pesaro, lì 29 marzo 2013. CIRCOLARE n. 06/2013. 1- La prova delle cessioni Intraue; 2- L obbligo della PEC per le ditte individuali;

Pesaro, lì 29 marzo 2013. CIRCOLARE n. 06/2013. 1- La prova delle cessioni Intraue; 2- L obbligo della PEC per le ditte individuali; Pesaro, lì 29 marzo 2013 CIRCOLARE n. 06/2013 1- La prova delle cessioni Intraue; 2- L obbligo della PEC per le ditte individuali; 1 - LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE Le cessioni di beni intraue sono assoggettate

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

3. LE CESSIONI E GLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI

3. LE CESSIONI E GLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI SOMMARIO 1. IL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA 1.1. I Paesi dell Unione Europea... 3 1.1.1. Ingresso di nuovi Stati nell Unione Europea: disposizioni transitorie... 3 1.2. Lo status di operatore comunitario...

Dettagli

SOMMARIO. Parte I. Capitolo I. Capitolo II

SOMMARIO. Parte I. Capitolo I. Capitolo II SOMMARIO Parte I DISPOSIZIONI Capitolo I TRANSFER PRICING TRA OTTIMIZZAZIONE DEL BUSINESS E TAX PLANNING 1.1 Premessa... 5 1.2 Ottimizzazione del business e transfer pricing... 6 1.3 La value chain nei

Dettagli

COSTO: è previsto un contributo simbolico a persona a titolo di partecipazione alle spese organizzative

COSTO: è previsto un contributo simbolico a persona a titolo di partecipazione alle spese organizzative I seguenti eventi formativi sono stati sottoposti all'accreditamento da parte dell'ordine dei Dottori Commercialisti di N Responsabile evento Materia di riferimento Tipologia formativo (convegno, seminario,

Dettagli

NOTIZIE UTILI. Le associazioni sportive dilettantistiche per essere ammesse al beneficio devono possedere i seguenti requisiti:

NOTIZIE UTILI. Le associazioni sportive dilettantistiche per essere ammesse al beneficio devono possedere i seguenti requisiti: n.19 03/04/2015 NOTIZIE UTILI 5 per mille 5 PER MILLE PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Tutto pronto per l'avvio della campagna relativa al 5 per mille 2015. L'Agenzia delle Entrate ha infatti

Dettagli

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 23 maggio 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 23 maggio 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 29/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 maggio 2003 Oggetto: Gestione istanze di interpello per la disapplicazione dell articolo 127-bis, comma 1, del testo unico delle imposte

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Pag. 2322 n. 17/2000 29/04/2000 : il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - (DPC) del 20 aprile 2000, pubblicato in Gazzetta

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

ALTA FORMAZIONE ECONOMICO-GIURIDICA e TRIBUTARIA. TAX L@b 2015. Laboratorio di Fiscalità Internazionale

ALTA FORMAZIONE ECONOMICO-GIURIDICA e TRIBUTARIA. TAX L@b 2015. Laboratorio di Fiscalità Internazionale ALTA FORMAZIONE ECONOMICO-GIURIDICA e TRIBUTARIA TAX L@b 2015 Laboratorio di Fiscalità Internazionale Corso teorico-pratico per Professionisti, Fiscalisti d impresa, Tax Risk Manager, Tax Compliance Officer,

Dettagli

RELAZIONI INDUSTRIALI E ISTITUZIONALI CIRCOLARE N. 2528 OGGETTO: VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PMI D.M. 15/05/2015

RELAZIONI INDUSTRIALI E ISTITUZIONALI CIRCOLARE N. 2528 OGGETTO: VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PMI D.M. 15/05/2015 RELAZIONI INDUSTRIALI E ISTITUZIONALI CIRCOLARE N. 2528 Roma, 23 giugno 2015 ALLE ASSOCIAZIONI E AI SINDACATI TERRITORIALI ALLE UNIONI REGIONALI Loro sedi e loro indirizzi (Via e-mail) OGGETTO: VOUCHER

Dettagli

OPERAZIONI STRAORDINARIE

OPERAZIONI STRAORDINARIE IN BREVE Seges S.r.l., costituita a Trieste nel dicembre 1993, opera nel campo dei servizi reali alle imprese, ha il suo punto di forza nell accogliere al suo interno professionisti di esperienza e dedicati

Dettagli

ERRORI E DIMENTICANZE

ERRORI E DIMENTICANZE ERRORI E DIMENTICANZE CORREZIONI DI ERRORI E DIMENTICANZE Introduzione Nella predisposizione della dichiarazione 730 è possibile che il contribuente abbia commesso errori o abbia dimenticato ad esempio

Dettagli

4, 1 13 2015, 272 RETI D IMPRESA

4, 1 13 2015, 272 RETI D IMPRESA Circolare recante le modalità di presentazione delle domande per l attribuzione del credito d imposta per incentivare la creazione di nuove reti di imprese ovvero lo svolgimento di nuove attività da parte

Dettagli

Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA

Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA Accordo Contrattuale ex art. 17 l.r. 16.8.2002, n. 22 ed art. 8 quinquies d.lgs. 30.12.1992, n. 502 tra L Azienda Ulss e gli erogatori privati accreditati

Dettagli

I DEPOSITI IVA PRINCIPI GENERALI E RECENTE EVOLUZIONE NORMATIVA

I DEPOSITI IVA PRINCIPI GENERALI E RECENTE EVOLUZIONE NORMATIVA I DEPOSITI IVA PRINCIPI GENERALI E RECENTE EVOLUZIONE NORMATIVA DEPOSITO IVA art. 50-bis, DL 331/1993 Istituto che assolve ad una funzione di pura convenienza finanziaria, in quanto consente di rinviare

Dettagli

CIRCOLARE N. 16/E. OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di controllo delle compensazioni Iva Nuovo canale di assistenza dedicato

CIRCOLARE N. 16/E. OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di controllo delle compensazioni Iva Nuovo canale di assistenza dedicato CIRCOLARE N. 16/E Roma, 19 aprile 2011 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di controllo delle compensazioni Iva Nuovo canale di assistenza dedicato 2 INDICE

Dettagli

Newsletter: Maggio Luglio 2014

Newsletter: Maggio Luglio 2014 Newsletter: Maggio Luglio 2014 ORDINE EUROPEO DI INDAGINE PENALE Direttiva 2014/41/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 aprile 2014 relativa all ordine europeo di indagine penale, pubblicata

Dettagli

AIM Italia/Mercato Alternativo del Capitale. Nominated adviser. Modello di domanda NAI1

AIM Italia/Mercato Alternativo del Capitale. Nominated adviser. Modello di domanda NAI1 AIM Italia/Mercato Alternativo del Capitale Nominated adviser Modello di domanda NAI1 Come compilare il modello di domanda NAI1 Questo modello di domanda deve essere compilato dal soggetto che intende

Dettagli

CIRCOLARE n. 16 del 03/09/2014 MODELLO 770/2014 PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE EFFETTI AI FINI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO

CIRCOLARE n. 16 del 03/09/2014 MODELLO 770/2014 PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE EFFETTI AI FINI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO CIRCOLARE n. 16 del 03/09/2014 MODELLO 770/2014 PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE EFFETTI AI FINI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO INDICE 1. PREMESSA 2. OBBLIGO DI PRESENTAZIONE IN VIA TELEMATICA Trasmissione

Dettagli

CIRCOLARE N.28/E. Roma, 22 agosto 2013

CIRCOLARE N.28/E. Roma, 22 agosto 2013 CIRCOLARE N.28/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 22 agosto 2013 OGGETTO: Assistenza fiscale prestata dai Centri di assistenza fiscale per lavoratori dipendenti e dai professionisti abilitati

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO a cura del Ten.Col. t.st Gaetano Cutarelli Comandante del I Gruppo Tutela Entrate del Nucleo Polizia Tributaria Torino della Guardia

Dettagli

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 3: Contabilità dei lavori

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 3: Contabilità dei lavori Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 3: Contabilità dei lavori Premessa Il presente documento è stato elaborato dal Gruppo di Lavoro Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della

Dettagli

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA Informative e news per la clientela di studio Oggetto: IL 5 PER MILLE ENTRA A REGIME È partita lo scorso 26 marzo la procedura che enti e associazioni devono seguire per richiedere ai contribuenti la destinazione

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA (Ex art. 17 c. 2 e 3 art. 35 ter D.P.R. 633/72) a cura della COMMISSIONE IMPOSTE INDIRETTE

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA (Ex art. 17 c. 2 e 3 art. 35 ter D.P.R. 633/72) a cura della COMMISSIONE IMPOSTE INDIRETTE IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA (Ex art. 17 c. 2 e 3 art. 35 ter D.P.R. 633/72) a cura della COMMISSIONE IMPOSTE INDIRETTE COMMISSIONE IMPOSTE INDIRETTE Presidente Dott. Fabio Balsamo Vice Presidente

Dettagli

5 per mille al volontariato Edizione 2013

5 per mille al volontariato Edizione 2013 Indice 5 per mille al volontariato Edizione 2013 Inquadramento Come funziona Beneficiari Come le OdV possono accedere 1. Iscrizione ad elenco: modalità 2. Controllo dei dati 3. Seconda dichiarazione 4.

Dettagli

5 per mille al volontariato Edizione 2013

5 per mille al volontariato Edizione 2013 Indice 5 per mille al volontariato Edizione 2013 Inquadramento Come funziona Beneficiari Come le OdV possono accedere 1. Iscrizione ad elenco: modalità 2. Controllo dei dati 3. Seconda dichiarazione 4.

Dettagli

OGGETTO: Cinque per mille. L iscrizione nell elenco dei beneficiari

OGGETTO: Cinque per mille. L iscrizione nell elenco dei beneficiari Roma, 10/04/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Cinque per mille. L iscrizione nell elenco dei beneficiari Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla

Dettagli

Finanziamento separato della pre-produzione Progetto: xy Numero di riferimento BLS: xy. Data. Dichiarazione d impegno unilaterale

Finanziamento separato della pre-produzione Progetto: xy Numero di riferimento BLS: xy. Data. Dichiarazione d impegno unilaterale Finanziamento separato della pre-produzione Progetto: xy Numero di riferimento BLS: xy Data Dichiarazione d impegno unilaterale Il sottoscritto / la sottoscritta, nato il a titolare / legale rappresentante

Dettagli