Sviluppa il tuo business. Investi in Marocco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sviluppa il tuo business. Investi in Marocco"

Transcript

1 Sviluppa il tuo business Investi in Marocco

2

3 1 Perchè investire in Marocco? 2 I settori di eccellenza in cui investire 3 Indicatori macroeconomici Il sistema 4 Marocco 5 Cases history

4 Perchè investire 1 in Marocco? Investi in Marocco

5 Scopri le opportunità di investimento in Marocco Flussi di investimenti diretti esteri (IDE), agevolazioni ed un vasto programma di riforme hanno favorito l ingresso del Marocco nei mercati internazionali. Infrastrutture moderne ed in fase di espansione, poli di eccellenza produttiva e sistemi di supporto agli investimenti fanno del Marocco, grazie alla sua posizione di crocevia logistico tra Atlantico e Mediterraneo, il luogo ideale per rilanciare ed accrescere la competitività delle imprese italiane. I vantaggi Le riforme Le convenzioni - prossimità geografica ai mercati europei - manodopera qualificata - infrastrutture sviluppate - centri di eccellenza - tasso di cambio stabile - tasso di inflazione sotto controllo - mercato interno con 30 milioni di consumatori ed un incremento di abitanti per anno - sviluppo turistico e del know-how in termini di ospitalità e qualità della vita - collocazione stabile di imprese estere - stabilità politica - politica di aiuti agli investimenti nazionali ed esteri - apertura di gran parte dei settori economici al capitale straniero - liberalizzazione dei capitali esteri e del regime dei cambi - modernizzazione del quadro giuridico in cui operano e si sviluppano le imprese - privatizzazione e disimpegno dello stato in alcuni comparti economici - sviluppo di strategie settoriali che assicurano la crescita nel medio-lungo termine - accordi di protezione degli investimenti e possibilità di ricorso ad un arbitrato internazionale - agevolazioni fiscali con Paesi terzi - accordi di libero scambio con l esenzione da dazi doganali, in un mercato che prevede un miliardo di consumatori nel accordi multilaterali in materia di risoluzione delle controversie (ICSID) e di garanzia degli investimenti contro i rischi commerciali (MIGA)

6 2 I settori di eccellenza in cui investire Investi in Marocco

7 Agroalimentare Attività Dati Opportunità di investimento Cosa offriamo Automotive Dati Opportunità di investimento Cosa offriamo Il Programme Emergence è la strategia industriale che ha permesso l individuazione di cinque settori di eccellenza: Pesca e trasformazione ittica, produzioni ortofrutticole, lattiero-caseario, trasformazione dei cereali, produzione di bevande e alimenti (in particolare: caffè, tè, amido, spezie, dolciumi, cioccolato, lievito, agar-agar). Dal 2003 al 2007 crescita degli investimenti del 32%, con un tasso medio annuo di crescita del 7,2%. Nello stesso periodo, il settore della produzione è cresciuto del 29%, il 6,6% medio all anno. Trasformazione del pomodoro, dei capperi (oli essenziali di capperi, capperi in polvere), prodotti biologici trasformati e piatti cotti, olio d oliva e olio di argan, conserve vegetali (fagioli verdi, verdure miste, piselli, funghi), frutta, verdura e surgelati, prodotti di IV gamma ettari di terreno per 10 anni all interno del piano Marocco Verde - programma di formazione di settore - 6 poli regionali agro-alimentari (Polo agricolo di Meknes, della Regione Orientale, del Souss, del Gharb, del Haouz e di Tadla). Le esportazioni rappresentano il 16% di quelle manifatturiere complessive del Paese, con un tasso di crescita annuale del 22% ed un tessuto industriale composto da 130 aziende con unità impiegate. Produzioni di componentistica specifica quali cablaggio, filtri, connettori, tubi di scarico, sedili e cuffie, carenatura, pneumatici, prodotti elettronici, parti in plastica, parti di lavorazione di precisione, radiatori, pastiglie dei freni, camicie-pistone. - Status di zona franca ed aiuti per l installazione - sviluppo di risorse umane qualificate, disponibilità di profili qualificati - sistema di aiuti agli operatori nelle iniziative di formazione all assunzione e di formazione continua - piano di formazione su misura - piattaforme industriali integrate a Tangeri e Kenitra in aree di 300 ettari, con un quartiere Elettronica, aventi lo status di Zona Franca 1 ed un valore competitivo mondiale (Tanger Automotive City, Kenitra Automotive City). Aerospaziale Dati Opportunità di investimento Cosa offriamo 60 imprese impiantate, investimenti per 240 milioni di euro dal 2002 ed un fatturato di 590 milioni di euro. Il numero di occupati nel 2008 ha superato le unità. L Open Sky, di cui il Marocco fa parte, ha favorito la crescita della concorrenza tra le compagnie aeree, con la comparsa delle compagnie low cost e la realizzazione di piani per ottimizzare i costi di acquisto e manutenzione, genera un potenziale di sviluppo nella sub-fornitura del comparto stimato attorno ai 357 milioni di euro, con la conseguente creazione di circa nuovi posti di lavoro entro il Status di zona franca 1 ed aiuti per l installazione - sviluppo di risorse umane qualificate, disponibilità di profili - sistema di aiuti agli operatori nelle iniziative di formazione all assunzione e di formazione continua - piano di formazione specifico nel settore Aeronautico e Spaziale - offerta diversificata, in linea con i migliori standard internazionali all interno di una Piattaforma industriale integrata (P21) dedicata, con status di zona franca.

8 Elettronica Attività Dati Opportunità di investimento Cosa offriamo Off-Shoring Dati Opportunità di investimento Cosa offriamo I componenti elettronici e industriali rappresentano il 95% della produzione totale dell intero settore, il 99% delle esportazioni, il 96 % dei posti di lavoro ed il 93% degli investimenti. 30 aziende con un fatturato di settore che, nel 2007, ha raggiunto 125 milioni di euro, di cui il 92% dalle esportazioni e circa addetti. Elettronica meccanica, industriale, per il settore automobilistico e aerospaziale, produzione di relè, circuiti integrati, metallici e materiali compositi, interni, porte, fogli di alluminio, imballaggi antistatici, bobine e trasformatori elettronici, componenti elettronici, audio, sensori di temperatura, riscaldatori flessibili, cavi elettronici e integrazioni; montaggio di componenti elettronici per le tecniche di iniezione elettronica; tecnologie di cablaggio in serie, cablaggio in filo elettronico e in fibra ottica. - Status di zona franca ed aiuti di stato per l installazione - formazione continua - sviluppo di risorse umane qualificate - piano di formazione, profili qualificati - offerta di immobili all interno della P21 (Quartiere Meccatronica/Elettronica Industriale nella regione di Casablanca, corridoio Zenata Nouaceur; 2 distretti dedicati all elettronica all interno della P21 Automobile Tangeri e Kenitra; Distretto Elettronica nella P2I Nouaceur Città Aerospaziale ; Gruppo Elettronica di Mohammedia). - Oltre 250 call center con più di unità impiegate milioni di euro fatturati nel solo settore CRC persone impiegate nell offshoring - potenziale d impiego di persone entro il fatturato settoriale previsto pari a 1,8 miliardi di euro nel Tasso di crescita mondiale del settore superiore al 25% - volume del mercato europeo francofono con un potenziale di nuovi addetti - crescita della domanda in Europa nel corso dei prossimi 10 anni stimata a 30 miliardi di euro - progressivo sviluppo del BPO (Business Process Outsourcing) anglo-sassone verso i paesi francesi e spagnoli - maturità di alcuni mercati tipici di delocalizzazione dei grandi gruppi (CapGémini, IBM, Accenture) - attuazione dell Accordo di Libero Scambio firmato con gli Stati Uniti. - Tassa sul reddito limitata al 20% - sviluppo delle risorse umane qualificate con un sistema di aiuti agli operatori per la formazione continua all assunzione ed un piano di formazione su misura per le esigenze del settore Offshoring - fornitura di infrastrutture e di servizi per gli investitori con i migliori standard internazionali, attraverso lo sviluppo di 6 aree dedicate all Offshoring.

9 Indicatori 3 macroeconomici Investi in Marocco Alcuni indicatori macroeconomici Fonte: FMI (Fondo monetario internazionale) e autorità marocchine (Haut Commissariat au Plan, Ministero dell Economia e delle Finanze). Zone industriali Aree Aree in fase Aree in cui lo sviluppo Totale Parametri Sviluppate di sviluppo non è completato Generale Numero di aree Superficie 4214, ,3 4816,76 Numero totale di lotti Numero di lotti assegnati Numero di lotti disponibili Unità di produzione Fonte: Dipartimento dell industria (31/12/08) Unità in costruzione Tasso di attribuzione 93,46 87,57 67,03 90,83 Tasso di valorizzazione 45,17 23,25 21,92 42,00

10 Il sistema 4 Marocco Investi in Marocco Riforme strutturali e stabilità economica hanno limitato l inflazione all 1,7% tra il 1996 e il 2000 e all 1,4% tra il 2001 ed il 2005, garantendo la stabilità del valore della moneta nazionale (dirham). Prevenzione, semplificazione, trasparenza delle procedure e responsabilità dei soggetti economici hanno fatto del Marocco un esempio citato dall Organizzazione Mondiale delle Dogane. Con un accordo di programma tra pubblico e privato tra il 2009 ed il 2015 è prevista la creazione di posti di lavoro, l incremento delle esportazioni per 8,5 miliardi di euro ed investimenti privati nel settore industriale per 4,5 miliardi di euro, nei settori più interessanti per gli investimenti stranieri - offshoring, automotive, aerospaziale, elettronico ed in quelli tradizionali quali tessile, lavorazione cuoio ed agroalimentare. L accordo valorizza tre fattori strategici di sviluppo del business: - competitività delle PMI - formazione professionale - clima aziendale

11 Le principali riforme a favore delle imprese Le infrastrutture Strade Trasporto aereo Ferrovie Zone franche operative - Nuovo Codice di commercio - Legge sulle imprese - Legge sulla libera determinazione dei prezzi e della concorrenza - Codice doganale - Legge sulla proprietà industriale - Codice delle assicurazioni - Codice del lavoro nel rispetto delle convenzioni internazionali, per la protezione dei bambini, delle donne, dei disabili, del delegato sindacale e delle libertà sindacali - Codice degli appalti pubblici per procedure di gara trasparenti e competitive - Riforma dell assicurazione sanitaria obbligatoria - Semplificazione, armonizzazione e modernizzazione del sistema fiscale km di strade asfaltate km di autostrade - 95% del trasporto passeggeri - 75% del trasporto merci - Lavori avviati: km nel 2010 e nel aeroporti nazionali - 11 internazionali - 44 compagnie aeree straniere servono il Marocco - Lavori avviati: sviluppo e modernizzazione delle infrastrutture aeroportuali km di linee ferroviarie (80% a binario unico e 20% a doppio binario) con più di 528 km di strade di servizio e 201 km di binari di linea che collegano le imprese alla rete ferroviaria nazionale milioni di passeggeri trasportati ogni anno - Lavori avviati: aggiornamento del piano di circolazione dei treni e duplicazione di alcune linee ferroviarie Impianti portuali - 13 cantieri di riparazione navale - 8 terminali specializzati (di cereali, di idrocarburi e minerali) - 4 complessi portuali - 12 porti polivalenti (commercio, pesca, marina reale) - 12 porti regionali (pesca) - 6 porti da diporto Il Tangeri-Med, crocevia tra Europa, Asia e America, sarà uno dei più grandi porti nel bacino del Mediterraneo. Il primo ormeggio ha accolto il più grande porta-container di nuova generazione del mondo. La seconda fase di sviluppo del porto Tangeri Med II è in corso di realizzazione. Entrambi con una capacità totale di oltre 8 milioni di containers. Telecomunicazioni Eccellenza e diffusione capillare delle moderne tecnologie di telecomunicazione conformi agli standard internazionali, come ISDN, linee nazionali ed internazionali a banda larga, ADSL, VPN IP, Frame Relay, PABX o GPRS. Rete di km di fibra ottica per la banda larga. - Zona franca del Porto di Tangeri: Prevede l esenzione da tutte le tasse e gli oneri per le operazioni e gli utili o le plusvalenze realizzate all interno della Zona. Regime doganale favorevole. - Zona franca di esportazione di Tangeri: Adiacente all aeroporto internazionale di Tangeri, si estende per 350 ettari ed è servita da un grande porto. Beneficia di un regime fiscale tra i più vantaggiosi. Attività orientate all esportazione nei settori dell agro-industria, industrie tessili e del cuoio, metallurgiche, meccaniche, elettriche ed elettroniche, chimiche e parachimiche. - Zone franche del progetto Tangeri Med : - Zona Franca Logistica: superficie di 250 ettari. - Zone Franche Industriali Meloussa I e II: nella regione di Tangeri-Tetouan, per la produzione e l esportazione. - Zona Franca duty free : superficie di 200 ettari, situata a Fnideq.

12 Zone franche -Zona Franca di Nador: nel nord-est del Marocco. in corso di realizzazione -Zone franche di Dakhla e Lâayoune: Dakhla (10,5 ettari) e Lâayoune (15 ettari) entrambe nel sud del Paese. -Zona franca di Fès: in fase di studio a livello regionale. Poli di sviluppo Consentono a ciascuna regione di concentrare investimenti, risorse e sviluppo industriale su nicchie di mercato. - gruppo regionale di sviluppo industriale della regione orientale per la sub fornitura - agro-alimentare, tessile, cuoio, informatica e offshoring per Fez - agro-industria per Meknes - zona industriale e vivaio per la regione del Gharb Chrarda Beni Hssen - due parchi industriali per Chaouia Ouardigha Piattaforme industriali integrate P21: Inserite nel Programme Emergence, le ventidue P21, compresi i poli agricoli, si estendono su una superficie di oltre ettari, con una vasta copertura settoriale e territoriale, offrono servizi agli investitori per massimizzare il potenziale delle regioni. Supporto allo sviluppo e agli investimenti esteri Commissione per gli investimenti CI Centri regionali dell investimento CRI L Agenzia Marocchina di Sviluppo degli Investimenti Responsabile dell approvazione di accordi e contratti di investimento che richiedono il contributo finanziario dello Stato. Istituiti in sedici regioni del Regno, sotto l autorità dei Walis (prefetti/governatori) regionali, forniscono supporto alla creazione d impresa e assistenza agli investitori attraverso: - Banca di assistenza per la creazione di imprese. Interlocutore unico per la creazione di impresa. - Sportello di aiuto agli investitori. A livello regionale per progetti di investimento che non beneficiano del contributo dello Stato (meno di 17 milioni di euro). Se l investimento è pari o superiore a 17 milioni di euro, studia proposte di contratti o accordi da concludere con lo Stato da trasmettere alle autorità governative competenti ed alla Segreteria della CI per la definitiva approvazione. Compiti: - informare sul potenziale del Paese - sviluppare ed attuare, con il settore privato, le strategie di promozione dell offerta marocchina - intraprendere azioni di promozione e comunicazione delle opportunità di investimento - organizzare eventi per promuovere il coordinamento degli investimenti a livello nazionale ed estero - assicurare la sorveglianza concorrenziale e strategica per lo sviluppo e la promozione degli investimenti - definire, produrre ed analizzare gli indicatori di rendimento in materia di investimenti e pubblicarne i risultati

13 L Agenzia Marocchina di Sviluppo degli Investimenti Partecipazione dello Stato agli investimenti - sviluppare settori di attività dedicate all industria, al commercio, alle nuove tecnologie e porle all attenzione degli investitori per il funzionamento e la gestione - garantire la segreteria della Commissione in materia di investimenti - proporre alle autorità di governo competenti le misure legislative o regolamentari per promuovere investimenti privati nazionali ed esteri Fondo di promozione degli investimenti (FPI): riconosce operazioni per l assunzione, da parte dello Stato, del costo delle prestazioni erogate in favore di investitori, in virtù del regime dei contratti di investimento, come nell articolo 17 della Carta dell investimento. Le imprese eleggibili devono: - investire per un importo pari o superiore a 17 milioni di euro - creare 250 posti di lavoro - essere realizzate in una zona rurale o sub-urbana - assicurare il trasferimento di tecnologia - contribuire alla tutela ambientale Esonero parziale: - delle spese di acquisizione del terreno (fino al 20% del prezzo di acquisto) necessario per la realizzazione dell investimento - delle spese per l infrastruttura esterna (fino al 5% dell importo totale degli investimenti considerati) - delle spese di formazione professionale (fino al 20% del costo di tale formazione) Benefici, questi, che possono essere accumulati fino al 5% del totale degli investimenti previsti e al 10% se il progetto si svolge in una zona rurale o sub-urbana. Contributo del Fondo Hassan II per lo Sviluppo Economico e Sociale Gli importi: - 30% del costo di costruzione di edifici fino a 178 euro/m² - 10% del costo di acquisizione di nuove attrezzature Il contributo non può superare il 10% del totale degli investimenti o la somma di 1,8 milioni di euro. Beneficiari: i nuovi progetti di investimento (creazione o estensione), presentati dagli investitori, con lo statuto di società. - Nei settori di fabbricazione di attrezzature per l industria automobilistica, la produzione di componenti di insiemi e sottoinsiemi elettronici, la fabbricazione di attrezzature per l industria del trasporto aereo e le attività connesse alla produzione di nanotecnologie, alla microelettronica e alle biotecnologie. - Investimenti il cui totale è superiore a 447 mila euro (esclusi i dazi e le tasse) con un importo degli investimenti in attrezzature superiore ai 224 mila euro (esclusi i dazi e le tasse). I contributi finanziari del Fondo Hassan II possono essere cumulati con i vantaggi concessi dallo Stato in materia di investimenti di incentivazione.

14 Cases 5 history Investi in Marocco Nel 2007, il reddito degli investimenti esteri diretti (IDE) ha raggiunto 3,5 miliardi di euro, contro una media di 1,5 miliardi di euro nel corso degli ultimi sei anni. Nel 2008 i ricavi hanno raggiunto più di 2,3 miliardi di euro. Il Marocco rimane, tra i paesi del Maghreb, il principale destinatario degli investimenti diretti esteri a livello regionale: tra il 2001 ed il 2008, ha registrato flussi per 12 miliardi di euro. La quota di privatizzazioni negli investimenti diretti esteri nel periodo era al suo tasso più basso, rispettivamente al 15,8%, 7% e 0% contro il 71,9% nel 2001 ed il 60,8% nel Dal 2006 i settori dell industria, turismo, agenzie immobiliari, assicurazioni e banche hanno registrato una forte crescita.

15 Società straniere con sede in Marocco Aerospaziale Agroalimentare Automotive Off-Shoring Elettronica Tessile e del cuoio Turismo SAFRAN, SNECMA, LABINAL; AIRCELLE, EADS, CREUZET/INDRAERO, SEGULA, MICROSPIRE, SOURIAU, DION, PISTON FRANÇAIS, MDV FRANCE, MINCO, TECNUM, AÉRO LORRAINE, SEFCA, MOHICAM, DAHER, AD INDUSTRIE, JFM-GROUPE, MDV FRANCE, MOHICAN, N ERGY DÉVELOPPEMENT SAS, GROUPE BMP. NESTLÉ, IMPERIAL TOBACCO, SAVOLA, DANONE, BORGES, CASTEL, KRAFT FOOD, LESAFFRE, FROMAGERIE BEL, CADBURY MOROCCO, BONGRAIN, NATUREX, COCACOLA, PROCTER&GAMBLE, UNILEVER, EBRO PULEVA, SOSGROUP, SYGENTA Cablaggio LÉONI, YAZAKI, DELPHI, SUMITOMO, LEAR AUTOMOTIVE, SCHLEMMER, COFICAB, ALCATEL NEXANS, EMDEP, SUMITOMO R&D MATRA AUTOMOBILE ENGINEERING, LÉONI Copertura di sedili COVER CAR, POLYTECH, TREROC, SUNVIAUTO, MICHEL THIERRY, FAURECIA ANTOLIN Altro CAPELEC, EPSITECH, PRESSAC, OMR, SCANIA, IRIZAR DELL, CAPGEMINI, SQLI, STERIA MEDSHORE, BULL, TATA, ATOS ORIGIN, ACCENTURE, LOGICA CMG, BNP PARIBAS, OUTSOURCIA, UBISOFT, PERCALL, GFI, SOFRECOM, UBISOFT, ALCATEL, MATRA, TEUCHOS, ST MICROELECTRONICS, SITEL, BERTELESMAN, ATENTO, COAXIS ST MICROELECTRONICS, VALTRONIC, INTERTRONIC, MU ELECTRONICS, MINCO, CROUZET, SP KEMAJUAN, LEAD DESIGN, CAPELEC, EOLANNE, GIM, TRONICO, AUGESAT, EGIDE, TEMEX, TESSERA À TRAVERS NEMOTEK TECHNOLOGIE, SETTAVEX, LEGLER, PEPE JEANS & QUICKSILVER, SARA LEE, PULLIGAN, FRUIT OF THE LOOM, ICOMAIL, DUFFLOT, PROMOD, KIABI, 3 SUISSES, LA REDOUTE ACCOR, CLUB MED, SHERATON, THOMAS COOK, TUI, FRAM, HILTON, GROUPE LUCIEN BARRIERE, HYATT REGENCY, KEMPINSKY, MÖVEMPICK, MERIDIEN, MARMARA, ALAIN CRENN Importanti investimenti sono stati effettuati da imprese italiane, quali: ITALCEMENTI, PININFARINA, OMR, MARTELLI, STMICROELECTONICS.

16 Ufficio Marocco per la Promozione Economica in Italia Tel: Fax: pomilioblumm.com

LA FILIERA AUTOMOTIVE IN MAROCCO

LA FILIERA AUTOMOTIVE IN MAROCCO Ufficio di Casablanca - Sezione per la Promozione degli Scambi dell Ambasciata d Italia in Marocco LA FILIERA AUTOMOTIVE IN MAROCCO (novembre 2014) In base ai dati diramati dal Governo marocchino, il settore

Dettagli

TANGER MED UNA PIATTAFORMA LOGISTICA ED INDUSTRIALE DI LIVELLO INTERCONTINENTALE

TANGER MED UNA PIATTAFORMA LOGISTICA ED INDUSTRIALE DI LIVELLO INTERCONTINENTALE TANGER MED UNA PIATTAFORMA LOGISTICA ED INDUSTRIALE DI LIVELLO INTERCONTINENTALE Agenzia Italiana per il Commercio Estero Sezione per la Promozione degli Scambi dell Ambasciata d Italia in Marocco 21,

Dettagli

Internazionalizzare in. Marocco. Casablanca 26-28 Novembre

Internazionalizzare in. Marocco. Casablanca 26-28 Novembre Internazionalizzare in Marocco Casablanca 26-28 Novembre 2014 1 Il Marocco e le nuove Opportunità Strategiche «( da un punto di vista strategico, i piani di sviluppo e i progetti già realizzati hanno permesso

Dettagli

CONSORZIO CAMERALE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE

CONSORZIO CAMERALE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE CONSORZIO CAMERALE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE A cura di Houda Hamama DATI PAESE Capitale: Rabat Forma di governo: Monarchia Costituzionale Lingua ufficiale: Arabo Lingue diffuse: francese, spagnolo,

Dettagli

DESK NORD AFRICA. Settore TIC: Tecnologia dell informazione e della comunicazione. BPO: Business Process Outsourcing:

DESK NORD AFRICA. Settore TIC: Tecnologia dell informazione e della comunicazione. BPO: Business Process Outsourcing: Settore TIC: Tecnologia dell informazione e della comunicazione BPO: Business Process Outsourcing: o Centri di contatto e call center o Ricerca marketing o Televendita o Supporto Tecnico o Assistenza o

Dettagli

DELLA COOPERAZIONE DECENTRATA. Opportunità per gli investitori e Linea di credito per le PMI

DELLA COOPERAZIONE DECENTRATA. Opportunità per gli investitori e Linea di credito per le PMI TAVOL TUNISIA DELLA COOPERAZIONE DECENTRATA Opportunità per gli investitori e Linea di credito per le PMI OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO IN TUNISIA L Unione Europea è il primo partner economico e commerciale

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y MAROCCO DISCIPLINA DEGLI INVESTIMENTI ESTERI IN MAROCCO di Avv. Francesco Misuraca Investimenti esteri in Marocco Il Governo del Marocco incoraggia attivamente gli investimenti esteri e sta ponendo in

Dettagli

L INDUSTRIA AERONAUTICA. in Tunisia... invest in Tunisia

L INDUSTRIA AERONAUTICA. in Tunisia... invest in Tunisia L INDUSTRIA AERONAUTICA in Tunisia... invest in Tunisia invest in Tunisia Un industria in espansione 9 000 posti di lavoro 65 imprese Il settore aeronautico in Tunisia conosce da un decennio una reale

Dettagli

I Paesi del bacino del Mediterraneo

I Paesi del bacino del Mediterraneo I Paesi del bacino del Mediterraneo Presenta: Rodolfo Cortellini Istituto nazionale per il Commercio Estero 1 I Paesi del bacino del Mediterraneo Algeria Egitto Israele Giordania Libano Libia Marocco Siria

Dettagli

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Roma, 29 aprile 2015 1 Sviluppi Economici Investimenti Diretti

Dettagli

NUOVA TUNISIA NUOVE OPPORTUNITA. Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale di FIPA Tunisia Milano Milano, 09 maggio 2012

NUOVA TUNISIA NUOVE OPPORTUNITA. Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale di FIPA Tunisia Milano Milano, 09 maggio 2012 NUOVA TUNISIA NUOVE OPPORTUNITA Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale di FIPA Tunisia Milano Milano, 09 maggio 2012 L ITALIA 2 partner economico della Tunisia 2 Cliente 2 Investitore 25 % il numero delle

Dettagli

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE promosso e finanziato dal IL MERCATO Il sistema economico indiano sta progressivamente cambiando forma: da economia rigidamente pianificata,

Dettagli

Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese

Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese ATTIVITÀ AMMISSIBILI - Attività manifatturiere (sezione C Classificazione ATECO 2007) - Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti

Dettagli

Morocco, more business

Morocco, more business Morocco, more business Adil Chikhi Director of Business Development 1 Ottobre 2012 Indice I Il Marocco : un paese allettante per gli investitori Una stabilità politica propizia all'investimento Delle basi

Dettagli

San Paolo: multiple opportunità che danno un impulso ai tuoi affari

San Paolo: multiple opportunità che danno un impulso ai tuoi affari San Paolo: multiple opportunità che danno un impulso ai tuoi affari L importanza dell economia paulista trascende le frontiere brasiliane. Lo Stato è una delle regioni più sviluppate di tutta l America

Dettagli

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato.

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, la nuova piattaforma fieristica B2B dedicata ai sistemi

Dettagli

PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI. Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia

PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI. Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia POTENZIALE INFRASTRUTTURALE DI PORTO MARGHERA 12 km di banchine attive; 163 accosti operativi; 135 km di

Dettagli

I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA

I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA Il sistema educativo L assolvimento del diritto dovere di istruzione e formazione è possibile all interno di tre sistemi : Il

Dettagli

Parco industriale Stupino1 Regione di Mosca Russia

Parco industriale Stupino1 Regione di Mosca Russia Parco industriale Stupino1 Regione di Mosca Russia 2 3 offriamo soluzioni: non semplici costruzioni: organizziamo ed implementiamo l intero processo di costruzione dall idea originale al suo reale completamento.

Dettagli

Focus Mercato: MAROCCO

Focus Mercato: MAROCCO Focus Mercato: MAROCCO { { CONGIUNTURA ECONOMICA 2011 2012 2013 PIL Nominale (mln ) 71.525 75.545 78.340 Variazione del PIL reale (%) 5 2,9 3,3 Popolazione (mln) 32,3 32,6 33 PIL pro-capite a parità di

Dettagli

OPPORTUNITÀ ECONOMICHE IN AZERBAIGIAN

OPPORTUNITÀ ECONOMICHE IN AZERBAIGIAN OPPORTUNITÀ ECONOMICHE IN AZERBAIGIAN Treviso, 7 giugno 2013 AMBASCIATA DELLA REPUBBLICA DELL AZERBAIGIAN IN ITALIA FATTI SALIENTI Data di fondazione 28 maggio 1918 Indipendenza 18 ottobre 1991 Relazioni

Dettagli

Stavropolskij kraj. Possibilità di investimento e meccanismi di aiuto statale nel. Stavropolskij kraj

Stavropolskij kraj. Possibilità di investimento e meccanismi di aiuto statale nel. Stavropolskij kraj Stavropolskij kraj Possibilità di investimento e meccanismi di aiuto statale nel Stavropolskij kraj Ministro dello sviluppo economico di Stavropolskij kraj Ju.V.Jagudaev 1 Stavropolskij kraj Situata al

Dettagli

PIA AIUTI AI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO DELLE PICCOLE IMPRESE

PIA AIUTI AI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO DELLE PICCOLE IMPRESE PIA AIUTI AI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO DELLE PICCOLE IMPRESE ATTIVITÀ AMMISSIBILI Attività manifatturiere (sezione C Classificazione ATECO 2007) Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti (codice

Dettagli

Costituzione di società a partecipazione straniera

Costituzione di società a partecipazione straniera INVESTIMENTI IN TUNISIA Normativa riguardante gli investimenti esteri Il Codice degli Investimenti del 21 dicembre 1993 (legge n 93-120), rappresenta uno degli strumenti base su cui la Tunisia punta per

Dettagli

Egitto. Zone Franche

Egitto. Zone Franche Egitto Zone Franche Il Cairo, Marzo 2014 ICE Cairo Zone Franche Marzo 2014 1 Zone Franche In Egitto L Egitto ha iniziato la realizzazione delle Zone Franche Free Zones agli inizi degli anni settanta, al

Dettagli

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno Bojan Stevanovic, M.B.A. Console Consigliere Commerciale Consolato Generale della Repubblica di Serbia Milano Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR

Dettagli

Investire in Sudafrica

Investire in Sudafrica Investire in Sudafrica Quadro economico e politico Camera di Commercio di Verona 28 febbraio 2013 Il Sudafrica in sintesi Superficie 1.220.813 km 2 Popolazione 50,59 milioni (2011) Valuta Rand (1 = 11,58

Dettagli

MATCHING Brasile. San Paolo, 24-25 giugno 2013

MATCHING Brasile. San Paolo, 24-25 giugno 2013 MATCHING Brasile San Paolo, 24-25 giugno 2013 LE INFORMAZIONI GENERALI I settori* coinvolti sono : Agricolo, agroalimentare (food & beverage), agroindustriale Edilizia e impiantistica: materiali e prodotti

Dettagli

COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI

COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI Linee di credito agevolato a sostegno delle PMI della Serbia, dell Albania, della Tunisia e della Siria (Sintesi) stefano.formenti@esteri.it 1 COOPERAZIONE

Dettagli

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE ECONOMICO

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE ECONOMICO ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE ECONOMICO Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente di cui all allegato A), costituisce il riferimento per tutti gli indirizzi

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane PREMESSA L economia italiana attraversa una fase di acuta recessione. Conseguentemente, le attività industriali produttive, eccetto quelle

Dettagli

Le opportunita delle imprese Europee di partecipare nello sviluppo di Honduras

Le opportunita delle imprese Europee di partecipare nello sviluppo di Honduras Consulado General de Honduras Milán, Italia Le opportunita delle imprese Europee di partecipare nello sviluppo di Honduras Una presentazione per il convegno: Verso il V Vertice Unione Europea America Latina

Dettagli

per DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA AEROPORTO DI VENEZIA MARCO POLO S.P.A. SAVE Profilo del Gruppo pag. 1 La storia pag. 2

per DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA AEROPORTO DI VENEZIA MARCO POLO S.P.A. SAVE Profilo del Gruppo pag. 1 La storia pag. 2 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA AEROPORTO DI VENEZIA MARCO POLO S.P.A. Profilo del Gruppo pag. 1 La storia pag. 2 Le aree di attività pag. 3 I risultati pag. 6 Il Gruppo in sintesi pag. 7 Venezia,

Dettagli

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni.

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni. Roma, 4 luglio 2015 PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA: IL SISTEMA MARE, UNA RISORSA, UNA SFIDA ED UN OPPORTUNITÀ PER L ITALIA Per la competitività e la ripresa economica del

Dettagli

Benvenuti in Marocco

Benvenuti in Marocco : una nuova opportunità. IL FUTURO DELLE IMPRESE italiane non può prescindere dalla ricerca di sbocchi sui mercati emergenti; tra questi il MAROCCO ha caratteristiche uniche. È un grande paese (32 milioni

Dettagli

di Fabio Noferi Estero >> Commercio internazionale

di Fabio Noferi Estero >> Commercio internazionale FINANZIAMENTI NELL EST EUROPA: UNGHERIA, ROMANIA E REPUBBLICA SLOVACCA di Fabio Noferi Estero >> Commercio internazionale I Governi locali dei Paesi dell Est Europa, anche tramite i fondi messi a disposizione

Dettagli

ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO

ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO allegati B e C ISTITUTI TECNICI INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEI SETTORI ECONOMICO E TECNOLOGICO B. SETTORE ECONOMICO Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente di cui all allegato

Dettagli

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE Le principali imposte e tasse che gravano sulle imprese straniere sono: La Corporate Income Tax - CIT; La Value Added Tax - VAT, corrispondente all IVA italiana);

Dettagli

Quadro degli interventi integrati sul sistema aeroportuale toscano

Quadro degli interventi integrati sul sistema aeroportuale toscano Allegato A GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE POLITICHE TERRITORIALI E AMBIENTALI DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO Quadro degli interventi integrati sul sistema aeroportuale toscano 0. Premessa Il

Dettagli

DENOMINAZIONE DEI DIPLOMI DI STATO DEL SECONDO CICLO

DENOMINAZIONE DEI DIPLOMI DI STATO DEL SECONDO CICLO I NUOVI DIPLOMI DENOMINAZIONE DEI DIPLOMI DI STATO DEL SECONDO CICLO LICEI DIPLOMA DI LICEO CLASSICO DIPLOMA DI LICEO SCIENTIFICO DIPLOMA DI LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE DIPLOMA DI LICEO

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

Professionalità e Competenza le nostre qualità, Flessibilità il punto di forza, l Eccellenza il nostro obiettivo.

Professionalità e Competenza le nostre qualità, Flessibilità il punto di forza, l Eccellenza il nostro obiettivo. Company profile Presentazione Aziendale Professionalità e Competenza le nostre qualità, Flessibilità il punto di forza, l Eccellenza il nostro obiettivo. gispee registered trademark 2012 www.gispee.com

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

INDONESIA: UNA OPPORTUNITA NUOVA INDONESIA NEW MARKET OPPORTUNITIES

INDONESIA: UNA OPPORTUNITA NUOVA INDONESIA NEW MARKET OPPORTUNITIES INDONESIA: UNA OPPORTUNITA NUOVA INDONESIA NEW MARKET OPPORTUNITIES 1 Asia Crescita: 2011: 7,8 % 2012: 7,7 % Entro 2050: Pil: $148.000 Miliardi (45% dell output globale) Reddito pro-capite: $38.000 (superiore

Dettagli

agroalimentare in Tunisia

agroalimentare in Tunisia L'industria agroalimentare in Tunisia Invest in Tunisia Dinamismo del settore La Tunisia beneficia di una natura generosa e molto varia. Da sempre, le ricchezze naturali della Tunisia e la clemenza del

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

Contesto generale. Economia

Contesto generale. Economia BOZZA v.20120401 Contesto generale Unione del Grande Maghreb, cioè Libia, Tunisia, Algeria, Marocco e Mauritania. Le lingue ufficiali dell'unione sono il francese e l'arabo La comunanza di lingua (francese)

Dettagli

elò ITALIA Going to China

elò ITALIA Going to China elò ITALIA Going to China elò ITALIA: l unione di esperti per il massimo dei risultati Consulvendite Srl Italy Professional Srl SG Consulting Core Business aziendale Società specializzata nella consulenza

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

Un favorevole contesto per il business internazionale

Un favorevole contesto per il business internazionale P&A Legal Maroc Un favorevole contesto per il business internazionale Il Marocco rappresenta, oggi, il più attrattivo polo nord africano per le imprese europee che si affacciano a sud del Mediterraneo;

Dettagli

architettoniche, del design e storico artistiche

architettoniche, del design e storico artistiche Codice Denominazione A 01 Arte e immagine nella scuola secondaria di primo grado Scuola secondaria di I grado Arte e immagine Allegato A A 02 Danza classica Liceo Musicale e coreutico sezione coreutica

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 Architettura delle reti di telecomunicazioni e contesto infrastrutturale regionale 1 Indice Architettura delle reti di Telecomunicazioni Banda Larga nella

Dettagli

CONFINDUSTRIA BULGARIA

CONFINDUSTRIA BULGARIA CONFINDUSTRIA BULGARIA RISULTATI DEL RAPPORTO: GLI INVESTIMENTI ITALIANI IN BULGARIA GENNAIO 2013 CONFINDUSTRIA BULGARIA World Trade Center Interpred, Boulevard Dragan Tzankov 36, 1040 Sofia Tel. +359

Dettagli

IL DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI

IL DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI Traduzione non ufficiale N.B. Il testo facente fede è unicamente quello in lingua serba In base all art. 7 della Legge sul budget della Repubblica di Serbia per l anno 2012 ( Gazzetta Ufficiale della Repubblica

Dettagli

Discorso dell Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario della Repubblica del Kazakhstan nella Repubblica Italiana S.E. Andrian Yelemessov

Discorso dell Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario della Repubblica del Kazakhstan nella Repubblica Italiana S.E. Andrian Yelemessov Discorso dell Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario della Repubblica del Kazakhstan nella Repubblica Italiana S.E. Andrian Yelemessov Egregi partecipanti! Cari amici! (29 gennaio 2013, Venezia)

Dettagli

SERVIZI CAUZIONI E FIDEIUSSIONI

SERVIZI CAUZIONI E FIDEIUSSIONI SERVIZI CAUZIONI E FIDEIUSSIONI La P3 Global Financing, intrattiene rapporti diretti, con Compagnie di Assicurazioni e società finanziarie nel settore delle fidejussioni, cauzioni e credito e a seguito

Dettagli

SOCIETÀ PER AZIONI A PARTECIPAZIONE PUBBLICA ZONA ECONOMICA SPECIALE LOTOS

SOCIETÀ PER AZIONI A PARTECIPAZIONE PUBBLICA ZONA ECONOMICA SPECIALE LOTOS SOCIETÀ PER AZIONI A PARTECIPAZIONE PUBBLICA ZONA ECONOMICA SPECIALE LOTOS Presentazione della Zona economica speciale LOTOS nella Regione di Astrakhan anno 2015 Zona economica speciale LOTOS RUSSIA ASTRAKHAN

Dettagli

Aiuti alle piccole imprese innovative di nuova costituzione FINALITÀ Stimolare la nascita di nuove micro e piccole imprese che intendano valorizzare

Aiuti alle piccole imprese innovative di nuova costituzione FINALITÀ Stimolare la nascita di nuove micro e piccole imprese che intendano valorizzare Aiuti alle piccole imprese innovative di nuova costituzione FINALITÀ Stimolare la nascita di nuove micro e piccole imprese che intendano valorizzare a livello produttivo i risultati della ricerca in settori

Dettagli

Architettura del paesaggio

Architettura del paesaggio Legge 84/2001 LOREM + ELEMENTUM Potenziare l export e gli investimenti in Serbia Le opportunità dell hub logistico e doganale di Novi Sad Architettura del paesaggio Il progetto Cor Log - Corridoi paneuropei

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners Studio Martelli Ulissi & Partners Il Kazakhstan conseguita l indipendenza dall'unione Sovietica e terminato il periodo di transizione con la ristrutturazione organizzativa, economica e legislativa ha dato

Dettagli

L Asia come nuovo Motore per la crescita della PMI

L Asia come nuovo Motore per la crescita della PMI L Asia come nuovo Motore per la crescita della PMI M Direttore Generale Osservatorio Asia Paese del G8 che cresce di meno Sistema della piccola-media impresa Le PMI e la globalizzazione: Il Paradosso Italiano

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map MAROCCO Capitale Rabat Popolazione (milioni) 32,85 41/100 57/100 62/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 180,02 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

OPPORTUNITÀ D AFFARI NELLA REGIONE DI DURAZZO

OPPORTUNITÀ D AFFARI NELLA REGIONE DI DURAZZO OPPORTUNITÀ D AFFARI NELLA REGIONE DI DURAZZO I. DURAZZO, UNA BUONA SCELTA D AFFARI La seconda regione più economicamente sviluppata d Albania Una popolazione di 400 milla abitanti Età media di 28, una

Dettagli

Caratteristiche principali del Montenegro superficie - 13.812 km2 lunghezza della costa - 293,5 km popolazione - 625.000 abitanti densità abitativa -

Caratteristiche principali del Montenegro superficie - 13.812 km2 lunghezza della costa - 293,5 km popolazione - 625.000 abitanti densità abitativa - POTENZIALE AGRICOLO DEL MONTENEGRO: OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO MONTENEGRO Caratteristiche principali del Montenegro superficie - 13.812 km2 lunghezza della costa - 293,5 km popolazione - 625.000 abitanti

Dettagli

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Regione Lombardia, 4 dicembre

Dettagli

Ufficio ICE di Tunisi. Tunisia - Quadro macroeconomico generale

Ufficio ICE di Tunisi. Tunisia - Quadro macroeconomico generale Ufficio ICE di Tunisi Tunisia - Quadro macroeconomico generale Marzo 2014 La crisi politica e le tensioni sociali hanno pesato molto sull attuale situazione economica tunisina. Nel 2013 la crescita del

Dettagli

Le prospettive di utilizzazione dei progetti spaziali europei per il territorio, i cittadini e le imprese

Le prospettive di utilizzazione dei progetti spaziali europei per il territorio, i cittadini e le imprese MARCO AIRAGHI, Deputato del Comitato per la valutazione delle scelte scientifiche e tecnologiche. Do ora la parola al direttor Giovanni Soccodato, Direttore delle strategie di Finmeccanica. GIOVANNI SOCCODATO,

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno dei Prezzi N 8 - Dicembre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Quadro economico & Opportunità Imprenditoriali in TUNISIA

Quadro economico & Opportunità Imprenditoriali in TUNISIA Quadro economico & Opportunità Imprenditoriali in Ing. Hechmi CHATMEN, Delegato Generale in Italia FIPA Tunisia Milano AVELLINO, 27 febbraio 2007 Foreign Investment Promotion Agency Creata nel 1995 sotto

Dettagli

Abstract Documento di Monitoraggio del PRIIM (oggetto della GR del 23 marzo 2015)

Abstract Documento di Monitoraggio del PRIIM (oggetto della GR del 23 marzo 2015) Abstract Documento di Monitoraggio del PRIIM (oggetto della GR del 23 marzo 2015) Grandi opere Le Autostrade. Proseguono i lavori di progettazione e realizzazione delle terze corsie dell Autostrada del

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 e contesto infrastrutturale regionale 1 2 Modello della rete Architettura delle reti ditelecomunicazioni 3 4 Principali segmenti di rete Rete di accesso

Dettagli

IL SISTEMA SCOLASTICO ATTUALE

IL SISTEMA SCOLASTICO ATTUALE IL SISTEMA SCOLASTICO ATTUALE Questa sezione illustra la suddivisione del sistema scolastico attuale, in vigore per le classi prime a partire dall anno scolastico 2010/2011 (sistema scolastico riformato).

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese italiane e prospettive per i nuovi Cae. Presentazione di Clemente Tartaglione

Internazionalizzazione delle imprese italiane e prospettive per i nuovi Cae. Presentazione di Clemente Tartaglione Internazionalizzazione delle imprese italiane e prospettive per i nuovi Cae Presentazione di Clemente Tartaglione DISEGNO DELL INDAGINE Obiettivo: ridefinire gli spazi per la costituzione dei Comitati

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Antonio De Vito Direttore Generale di Puglia Sviluppo S.p.A. Risorse per investire in Puglia. Le opportunità di investimento in Puglia

Antonio De Vito Direttore Generale di Puglia Sviluppo S.p.A. Risorse per investire in Puglia. Le opportunità di investimento in Puglia Antonio De Vito Direttore Generale di Puglia Sviluppo S.p.A. Risorse per investire in Puglia Le opportunità di investimento in Puglia Argomenti trattati: La Puglia in breve Comparto del legno-arredo in

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

Ottobre 2009. 10 buoni motivi per investire in Francia

Ottobre 2009. 10 buoni motivi per investire in Francia Ottobre 2009 10 buoni motivi per investire in Francia Keys to understanding the new France 2 1 Un economia di carattere mondiale 23.000 sedi di imprese estere presenti, con 2,8 milioni di dipendenti, di

Dettagli

temi economici Agricoltura Agroalimentare Ambiente Ambiente e Energia Area Med Artigianato

temi economici Agricoltura Agroalimentare Ambiente Ambiente e Energia Area Med Artigianato temi economici Candidato del Pdl alla presidenza della Regione Campania, sostenuto da Pdl, Mpa, Udeur, La Destra, Noi Sud, Nuovo Psi, Repubblicani, Italiani nel Mondo, Alleanza di Popolo (Noi Consumatori,

Dettagli

Il Sistema portuale e logistico Italiano: un asset per la collaborazione internazionale. Massimo D Aiuto Amministratore Delegato

Il Sistema portuale e logistico Italiano: un asset per la collaborazione internazionale. Massimo D Aiuto Amministratore Delegato Il Sistema portuale e logistico Italiano: un asset per la collaborazione internazionale Massimo D Aiuto Amministratore Delegato Genova, 23 novembre 2010 MISSIONE SIMEST promuove l internazionalizzazione

Dettagli

Opportunità di business in Corea del Sud

Opportunità di business in Corea del Sud Opportunità di business in Corea del Sud Avv. Giampaolo Naronte GN Lex Studio Legale Genova, 29 Ottobre 2013 - Propeller Club Port of Genoa 2 » La Corea del Sud è la 4^ economia dell Asia (dopo Giappone,

Dettagli

TABELLA A - ELENCO TITOLI DI STUDIO ABILITATI ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA (come da DPR 75/2013 e smi)

TABELLA A - ELENCO TITOLI DI STUDIO ABILITATI ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA (come da DPR 75/2013 e smi) TABELLA A - ELENCO TITOLI DI STUDIO ABILITATI ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA (come da DPR 75/2013 e smi) ATTENZIONE! I professionisti abilitati devono possedere oltre ad uno dei titoli di studio indicati,

Dettagli

PROFILI AZIENDE SERBE PARTECIPANTI

PROFILI AZIENDE SERBE PARTECIPANTI Venezia Mestre, 23 novembre 2006 PROFILI AZIENDE SERBE PARTECIPANTI SISTEMA CASA No. DATI GENERALI PRODUZIONE E COOPERAZIONE RICHIESTA AR1 Addetti 65 Anno fond. 2000 ID INETRACTVIVE DESIGN www.id.co.yu

Dettagli

Leader europeo nella manutenzione di sistemi elettronici industriali e di servomotori

Leader europeo nella manutenzione di sistemi elettronici industriali e di servomotori Leader europeo nella manutenzione di sistemi elettronici industriali e di servomotori Presentazione tecnica e commerciale Leader europeo nella manutenzione di sistemi elettronici e di servomotori +33 3

Dettagli

Fondo Parchi Agroalimentari Italiani

Fondo Parchi Agroalimentari Italiani Strettamente riservato e confidenziale Fondo Parchi Agroalimentari Italiani Progetto FICO Illustrazione del Progetto 1 Introduzione Il fondo PAI Il fondo PAI, Parchi Agroalimentari Italiani, gestito da

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

Titolo. Aiuti alle medie imprese e ai Consorzi di PMI per Programmi Integrati di Agevolazione

Titolo. Aiuti alle medie imprese e ai Consorzi di PMI per Programmi Integrati di Agevolazione REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Ricerca e Competitività Titolo Aiuti alle medie imprese e ai Consorzi di PMI per Programmi Integrati di Agevolazione Settori

Dettagli

ALLEGATO C INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE TECNOLOGICO

ALLEGATO C INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE TECNOLOGICO ALLEGATO C INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE TECNOLOGICO Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente di cui all allegato A), costituisce il riferimento per tutti gli indirizzi

Dettagli

Tabella B NUOVE CLASSI DI CONCORSO: DENOMINAZIONE, TITOLI DI ACCESSO, INSEGNAMENTI RELATIVI

Tabella B NUOVE CLASSI DI CONCORSO: DENOMINAZIONE, TITOLI DI ACCESSO, INSEGNAMENTI RELATIVI Tabella B NUOVE CLASSI DI CONCORSO: DENOMINAZIONE, TITOLI DI ACCESSO, INSEGNAMENTI RELATIVI B 01 2/C Attività pratiche speciali Attività pratiche speciali Diploma di geometra; perito aeronautico, perito

Dettagli

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Tendenze e prospettive strategiche Gennaio 2015 La rilevanza del settore agroalimentare In Italia il processo di produzione e distribuzione di prodotti agroalimentari

Dettagli

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 1 Agenda > Focus Paese > Le zone economiche speciali > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 2 Perché investire in India? Crescita economica > 7,4% nell anno fiscale 09-10; 6,7% nel 08-09; previsioni

Dettagli

Presentazione Generale del gruppo Coface COFACE PRESENTATION / AUGUST 2014 1

Presentazione Generale del gruppo Coface COFACE PRESENTATION / AUGUST 2014 1 Presentazione Generale del gruppo Coface COFACE PRESENTATION AUGUST 2014 1 Indice 1. Dati chiave p. 3 2. Risultati 2013 p. 8 3. Core Business p. 12 4. L offerta Coface p. 23 AVRIL Date 2014 COFACE TITLE

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Pur se separata

Dettagli

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa Aeroporti e territorio: il caso Malpensa * Aeroporti, magneti di imprese Nella storia le trasformazioni economiche hanno da sempre avuto forti riflessi sulla società, inducendo cambiamenti nel modo di

Dettagli

Decreto legge n. 1 del 24 gennaio 2012 (c.d. Cresci Italia )

Decreto legge n. 1 del 24 gennaio 2012 (c.d. Cresci Italia ) DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI Decreto legge n. 1 del 24 gennaio 2012 (c.d. Cresci Italia ) Commento alle norme economicofinanziarie di interesse per il settore delle costruzioni Aggiornato

Dettagli

LA NUOVA ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE

LA NUOVA ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE Direzione Generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle Regioni M.I.U.R. Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo studente, l integrazione,

Dettagli