Usa: come recuperare i crediti di Maurizio Gardenal e Christian Montana (*)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Usa: come recuperare i crediti di Maurizio Gardenal e Christian Montana (*)"

Transcript

1 Usa: come recuperare i crediti di Maurizio Gardenal e Christian Montana (*) L adempimento Il creditore di somme di denaro conseguenti alla vendita di beni o a seguito dell inadempimento di un obbligazione contrattuale può richiedere un risarcimento e recuperare la somma pari all importo ad esso spettante, intentando un azione legale in uno dei tribunali civili situati negli Stati Uniti d America contro il debitore/obbligato ivi domiciliato o residente. Negli USA ci sono 50 Stati, ciascuno con il proprio sistema giudiziario, in genere diviso in varie regioni geografiche all interno dello Stato. Gli Stati Uniti o «governo federale» ha parimenti un proprio sistema giudiziario che si estende in tutti i 50 Stati e si compone di tribunali distrettuali, che rappresentano il livello primario dei tribunali, tribunali d appello ed una Corte Suprema degli Stati Uniti situata nel distretto di Columbia. Prima che il creditore/avente diritto possa intentare una causa per il risarcimento o il recupero del credito, si deve pertanto accertare quale sia la giurisdizione competente innanzi alla quale proporre l azione legale. Competenza sul debitore/obbligato Negli USA, in considerazione della vasta articolazione del sistema giudiziario derivante dalla natura federale della sua forma di Stato 1, l individuazione della Corte competente assume una connotazione particolare e richiede alcuni approfondimenti preliminari. A tal fine esistono alcuni princìpi che si devono esaminare. Ci sono due tipi di competenza: la competenza per materia, che è la facoltà della Corte di giudicare sulla base della natura della vertenza e quindi in relazione a settori determinati del diritto previsti dalla legge e la competenza di tipo personale, che è la facoltà della Corte di emettere una sentenza nei confronti di un particolare convenuto. Questi concetti si basano sulla Costituzione degli Stati Uniti e sulla successiva giurisprudenza interpretativa in merito. La competenza per materia è probabilmente la più semplice delle due tipologie. Quando si pensa alla competenza per materia, con riguardo all oggetto della presente disamina, si deve stabilire se la Corte adita è quella corretta per giudicare in merito ad un azione volta al recupero di un credito. In linea generale, una breve descrizione delle differenti tipologie di Corti è necessaria al fine di comprendere appieno il concetto di competenza per materia. Competenza per materia: individuare la Corte competente a giudicare della causa I sistemi giudiziari, per la maggior parte, sono suddivisi in separate sezioni, come le Corti competenti in materia penale, in diritto civile, in diritto di famiglia e per l omologazione dei testamenti. Una Corte all interno di ogni particolare sezione non è competente, in linea di principio, a giudicare su un caso rientrante nelle materie oggetto di una competenza assegnata ad un altra sezione. Per esempio, le Corti penali normalmente non presiedono controversie insorte tra venditori e acquirenti di beni, in quanto generalmente classificate come controversie afferenti il diritto commerciale. Molti sistemi giudiziari, tuttavia, prevedono una Corte preliminare o di grado superiore che ha una competenza «generale»; il che significa che è competente per qualsiasi tipologia di controversia per la quale nessun altro tribunale abbia una competenza parti- (*) Studio Legale Internazionale Gardenal & Associati. Nota: 1 Lo Stato della Louisiana, a differenza degli altri 49 Stati, dispone di un Codice civile, originariamente adottato nel 1808 ed ispirato dal codice napoleonico promulgato in Francia pochi anni prima, nel Il Codice civile della Louisiana è stato tradizionalmente contrapposto al sistema di common law adottato da tutti gli altri Stati. Il sistema di common law negli altri Stati, integrato dalla legge e dalle regole di procedura della Corte nel corso degli anni, trova le proprie radici nel sistema inglese il cui nome ha ereditato. n. 5/

2 colare. Poiché le Corti federali degli Stati Uniti hanno normalmente competenza esclusiva («giurisdizione federale») su una limitata percentuale di casi, come il diritto d autore o le controversie sui brevetti, i tribunali degli Stati sono competenti nella maggior parte dei casi. La competenza per materia è più limitata nelle Corti federali degli Stati Uniti e può essere subordinata, come vedremo, anche al valore minimo della lite. I limiti costituzionali per la competenza dei tribunali federali sono definiti dall art. 3, sezione 2 della Costituzione degli Stati Uniti. L attuale competenza per materia deriva dagli statuti congressuali come il codice degli Stati Uniti n. 28 («U.S.C.») sezioni e n. 28 U.S.C. par Nessuna legge federale è stata scritta, in linea di principio, per fornire rimedi ad un creditore che cerchi di recuperare il proprio credito. Infatti, i creditori non sono considerati generalmente una categoria di soggetti per i quali i rimedi federali siano necessari, come invece è previsto, ad esempio, per le vittime di violazioni dei diritti civili a tutela dei quali sono previsti rimedi da varie disposizioni della legge federale 2. Affinché una causa relativa al recupero di crediti sia esaminata da un tribunale distrettuale, è necessario che i requisiti in materia di cittadinanza previsti dalla legge U.S.C. par siano soddisfatti. Il creditore che intenda agire in giudizio contro un debitore davanti ad un determinato tribunale distrettuale degli Stati Uniti deve soddisfare alcuni requisiti 3. In primo luogo, il creditore deve agire nei confronti di un convenuto la cui residenza, oppure, trattandosi di una persona giuridica, la cui sede è situata in uno Stato diverso da quello del creditore. La controversia deve avere ad oggetto un certo importo affinché il tribunale distrettuale possa conoscere della causa. Attualmente, detto importo è pari a $ Inoltre, l azione civile ordinaria richiede che ogni requisito previsto nella sezione 1332 sia soddisfatto. Detta diversity jurisdiction è da distinguersi dalla questione della competenza federale. La competenza delle Corti federali si limita alle cause che riguardano una questione federale o la diversity jurisdiction. Le Corti federali possono conoscere anche varie cause di natura criminale che non interessano, tuttavia, la presente disamina. La competenza della giurisdizione federale è disciplinata dall atto 28 U.S.C. par. 1331, il quale dispone che un tribunale distrettuale è competente a conoscere di ogni azione civile promossa in applicazione della costituzione e/o delle leggi degli Stati Uniti.Tale principio è espressamente regolato dall atto 28 U.S.C. par che prevede che la competenza del tribunale distrettuale sia subordinata a due requisiti fondamentali, come accennato in precedenza: - obbligo di completa diversità di provenienza geografica che sta a significare che nessun convenuto deve essere cittadino dello stesso Stato dell attore, e - l importo della controversia che deve essere superiore a dollari. Tale importo non include gli interessi, gli onorari degli avvocati o altri costi che il creditore può cercare di ottenere dal debitore. Va inoltre rilevato che il creditore, mentre può intentare un azione per il recupero presso una Corte federale, può farlo anche innanzi ad un tribunale dello Stato. Molte volte un creditore locale propone azione innanzi ad un tribunale dello Stato nei confronti del debitore. Ma il debitore ha il dirit- Note: 2 Si veda, 42 U.S.C. sec. 1983, il Civil Rights Act del 1871, che prevede che chiunque, ai sensi o di una legge statale o di una legge locale, abbia provocato la perdita da parte di una persona dei diritti garantiti dalla Costituzione degli Stati Uniti o dalla legge federale, è responsabile nei confronti di detta persona. 3 Inizialmente, il Congresso limitava la competenza delle Corti federali alle cause «in cui la controversia riguarda un importo superiore a cinquecento dollari, e sorge tra un cittadino dello Stato in cui la causa è intentata ed un cittadino di un altro Stato». Judiciary Act del 1789, cap. 20, par. 11, 1 Stat. a 78. Il Congresso ha sempre imposto un importo minimo al valore della controversia. Inizialmente, l importo oggetto di controversia doveva essere superiore a $ 500. par , 1 Stat. pp Da allora, l importo è stato aumentato cinque volte. Nel 1887, è stato innalzato a $ Legge del 3 marzo 1887, cap. 373, par. 1, 24 Stat. 552, 552. Nel 1911, è stato innalzato a $ Legge del 3 marzo 1911, cap. 231, par. 24, 36 Stat. 1087, Nel 1958, è stato innalzato a $ Legge del 25 luglio 1958, Pub. L. n , par. 2, 72 Stat. 415, 415. Nel 1988, è stato innalzato a $ «Judicial Improvements and Access to Justice Act», Pub. L. n , par. 201, 102, Stat. 4642, 4646 (1988). Più di recente, nel 1997, è stato innalzato a $ «Federal Courts Improvement Act» del 1996, Pub. L. n , par. 205, 110 Stat. 3847, Nella vicenda «Strawbridge v. Curtiss», 7 US (3 Cranch) 267, 267 (1806), la Corte Suprema ha imposto il requisito della completa diversità USC., sez (a). 32 n. 5/2011

3 to «di trasferire la controversia» alla Corte federale, a condizione che il tribunale federale sia competente sulla domanda, come accade in molti casi. Il convenuto può trasferire la causa al tribunale federale dalla Corte di Stato, tranne quando il convenuto sia domiciliato nello Stato in cui la causa era stata intentata. Lo scopo di questa regola è quello di proteggere il convenuto quando è stato citato in uno Stato diverso da quello in cui è domiciliato o, se trattasi di società, dove ha sede legale. Sulla base del medesimo principio l operatore italiano citato innanzi ad una Corte statale ha facoltà (purché tale diritto sia esercitato tempestivamente, come vedremo di seguito), di trasferire la vertenza presso la Corte federale competente che normalmente è in grado di garantire una maggiore capacità di valutare le tematiche internazionali rispetto ad un tribunale locale. Pertanto, tale aspetto delle norme di procedura federale assume una particolare importanza per l operatore straniero e normalmente ha l obiettivo di prevenire che una lite sia promossa e condotta negli USA contro, per esempio, un impresa italiana dinanzi a una Corte locale con minori garanzie di una reale imparzialità ed effettiva conoscenza delle normative applicabili. Determinazione della competenza personale Affinché una Corte sia competente nei confronti di un soggetto convenuto in giudizio, occorre dimostrare che il convenuto abbia avuto almeno «contatti minimi» con lo Stato in cui la Corte stessa ha sede 5. La Corte Suprema degli Stati Uniti ha scelto una serie di casi che hanno stabilito e perfezionato il principio per cui è fondamentalmente ingiusto per una Corte esercitare una competenza personale su una parte in causa, a meno che la parte non abbia contatti minimi sufficienti con lo Stato, nel quale il tribunale si trova o tali che la parte «possa ragionevolmente presumere e aspettarsi di essere citata in tribunale» in quello Stato 6. Contatti minimi possono essere stabiliti anche con l accordo fra le parti, nel caso in cui una parte sottoscriva un contratto contente una clausola di scelta del foro competente, in base alla quale tale parte acconsente a discutere ogni disputa nascente dal contratto innanzi al foro specificato 7. A differenza della competenza per materia, che non può mai essere oggetto di deroga da una parte in particolare, la competenza personale può essere derogata dal convenuto. Quindi una parte può contrattualmente rinunciare al diritto di opporsi alla competenza della Corte che presiede una controversia tra le parti derivante dal contratto in questione. Secondo le Regole Federali di procedura civile, la parte che intende eccepire l incompetenza di una Corte deve farlo all inizio del procedimento, a pena di decadenza dal diritto di sollevare una simile eccezione. Inoltre, il tribunale può chiedere che una parte fornisca la prova che i suoi contatti non raggiungono il «livello minimo» che consentirebbe alla Corte di essere competente. La Corte Suprema degli Stati Uniti ha dichiarato che, se una parte non adempie a tale richiesta, la Corte può ritenere che la parte stessa abbia rinunciato a far valere le sue obiezioni afferenti la giurisdizione/competenza 8. Le attività esercitate da una parte permettono di determinare se lo Stato ha competenza o meno in merito a detta parte. La Corte Suprema ha deciso che la competenza può regolarmente essere riconosciuta a favore di uno Stato quando quest ultimo offra alla parte determinati benefici o protezioni. I contatti che la parte deve necessariamente avere con uno Stato affinché quest ultimo goda della competenza personale possono variare secondo il tipo di rapporto esistente tra i contatti di detta parte e l azione promossa nei confronti di essa dal ricorrente. Se si sostiene che lo Stato è competente sul convenuto, indipendentemente dalla natura dell azione, si considera che goda di una competenza generale. Se invece si sostiene che la competenza dello Note: 5 Il termine «venue» viene utilizzato per qualificare una Corte la cui competenza nei confronti del convenuto è stata, almeno minimamente, ammessa da quest ultimo, qualora si tratti della Corte geograficamente appropriata per conoscere della controversia esistente tra le parti. Al fine di identificare quale sia la Corte più appropriata, è necessario prendere in considerazione i seguenti elementi: la residenza attuale del convenuto e il luogo in cui si sono verificati i fatti più rilevanti che hanno dato luogo alla controversia. 6 International Shoe Co. V. Washington, 326 U.S. 310 (1945). 7 Vedasi Bremen v. Zapata Off-Shore Co, 407 U.S. 1 (1972); Carnival Cruise Lines, Inc. v. Shute, 499 U.S. 585 (1991). 8 Insurance Corp. of Ireland v. Compagnie Des Bauxites De Guinee 456 U.S. 694 (1982). n. 5/

4 Stato risulta dal tipo di attività esercitata dal convenuto in detto Stato, essendo la controversia vincolata a detta attività, si considera che goda di una competenza speciale. Ad esempio, se in California un produttore di macchine utensili viola la sua promessa di consegnare un suo prodotto in un negozio situato in Illinois, tale violazione dell accordo sarebbe sufficiente per un tribunale dell Illinois per dichiarare la propria competenza specifica nei confronti del produttore di macchine utensili californiano, anche se quest ultimo non ha mai avuto altri contatti con lo Stato dell Illinois e non vi aveva mai messo piede. La sola promessa di consegnare un bene in uno Stato è sufficiente, per determinare quel minimo contatto che dà prova della giurisdizione di quello Stato in merito alle controversie derivanti dalla violazione di tale promessa. Normalmente un creditore vorrebbe citare il debitore in una Corte situata nel suo Stato. Tuttavia tale evento non è sempre possibile come abbiamo visto ed è sottoposto ad accertamenti non sempre agevoli. Sembra preferibile pertanto affrontare tale argomento nel contatto inserendo un apposita clausola che definisca in modo chiaro le regole di competenza e giurisdizione. Nel caso manchi tale accordo specifico tra le parti potrebbero determinarsi situazioni di incertezza con particolare riferimento all operatore straniero che non sempre dispone di un adeguata conoscenza della prassi e delle normative statunitensi. Nella descritta situazione sarà utile ricordare che una delle regole per radicare correttamente il procedimento giudiziale riguarda la notifica al convenuto dell atto introduttivo del giudizio. Si è discusso e si discute ancora se la notifica effettuata nei confronti del convenuto mentre è fisicamente presente nello Stato ove l attore ha avviato la controversia si possa ritenere sufficiente per attribuire la competenza alle Corti di tale Stato. La giurisprudenza ha ritenuto di attribuire rilevanza alla circostanza che il convenuto si sia di fatto «volutamente avvalso dei benefici offerti da tale Stato» come nel caso di partecipazione di quest ultimo per un certo arco di tempo ad una fiera che si svolge in tale Stato ai fini di promuovere i propri prodotti. Nel caso «Burnham v. Superior Court of California», 495 U.S 604 (1990), la Corte Suprema degli Stati Uniti ha approvato all unanimità questa regola di lungo corso nella prassi USA ritenendola ancora efficace. Nondimeno, va precisato che normalmente la sola immissione di un prodotto nel flusso del commercio, non è sufficiente a fornire i contatti minimi con lo Stato in cui il prodotto finale verrà spedito. Il convenuto deve avere un interesse più specifico per commercializzare il suo prodotto in tale Stato o comunque deve essersi avvalso consapevolmente «delle risorse di tale Stato» come la giurisprudenza ha di volta in volta stabilito. Le Corti hanno discusso per determinare se il sito web di una parte possa creare sufficienti contatti minimi con uno Stato perché possa essere dichiarato competente. Internet, come fonte di minimo contatto, anche se in modo non determinante, come stabilito dalla Corte Suprema degli Stati Uniti, viene analizzato dalle Corti con lo Zippo Test che analizza il tipo di utilizzo del sito web del convenuto 9. Nell ambito di detto test, i siti sono suddivisi in tre categorie: - siti web passivi, che si limitano a fornire semplici informazioni. Quasi mai sono sufficienti a fornire i contatti minimi per determinare la competenza personale. Questi siti forniscono una base per la competenza se tramite essi si commette un illecito intenzionale come calunnia o diffamazione e se sono rivolti nell ambito della giurisdizione in questione; - siti web interattivi, che permettono lo scambio di informazioni tra i proprietari di siti web e i visitatori, possono essere sufficienti a determinare la competenza, a seconda del livello di interattività e commerciabilità del sito, così come la quantità di contatti che il titolare del sito web ha sviluppato grazie al sito web stesso; - siti web commerciali, che chiaramente diffondono un notevole volume di affari su Internet, e attraverso i quali i clienti di qualsiasi luogo possono intraprendere fin da subito affari con il proprietario del sito; questi siti sicuramente possono fornire una base per la competenza. Nota: 9 Zippo Mfg. Co. V. Zippo Dot Com, Inc., 952 F. Supp (W.D. Pa.1997). 34 n. 5/2011

5 Le clausole di designazione del foro competente nei contratti La clausola di designazione del foro competente in un contratto specifica l autorità giudiziaria presso la quale ogni controversia in relazione all accordo sarà risolta. Questa è una clausola di primaria importanza particolarmente quando le parti di un contratto risiedono o svolgono la propria attività in Stati differenti o Paesi differenti (un esempio di tale clausola è indicato nella Tavola 1). In alternativa, è possibile prevedere, con apposita clausola, che le parti sottopongano le loro dispute contrattuali ad un arbitrato all interno di una particolare città e di un particolare Stato. L Associazione Americana dell arbitrato («AAA»), secondo proprie stime, giudica mediamente oltre 2 milioni di arbitrati ogni anno. Centinaia di migliaia di arbitrati sono condotti da altre istituzioni e associazioni. Fondamentalmente l arbitrato è un metodo di risoluzione della lite al di fuori del tribunale. Le parti attraverso il contratto stipulato fra di esse deferiscono ogni lite tra di loro insorgente ad un arbitro che riesamina le prove, ascolta le parti e alla fine adotta una decisione. Il procedimento arbitrale è tipicamente meno formale rispetto ad un processo civile ordinario e talvolta meno costoso. La maggior parte degli arbitrati nasce in virtù di una clausola contenuta in un contratto nella quale le parti si sono accordate per risolvere ogni lite nascente dal contratto attraverso l arbitrato (un esempio di tale clausola è indicato nella Tavola 2). Tavola 1 - Governing law in jurisdiction clause This agreement shall be deemed to have been made in the state of illinois, and shall be construed according to the laws of that state, without regard to choice of law principles Purchaser consents to the jurisdiction of any court of general jurisdiction located within the county of cook in the state of illinois with respect to any legal proceedings arising out of this agreement, and agrees that the mailing to its last known address by registered mail of any process shall constitute lawful and valid service of process in any such proceeding, suit or controversy. Purchaser shall bring any legal proceeding arising out of this agreement only in the federal or state courts located in the county of cook in the state of illinois. In the event purchaser institutes any legal proceedings in any other court other than those specified above, it shall assume all of seller s costs in connection therewith, including, but not limited to, reasonable attorneys fees. Waiver/trial by jury To the fullest extent permitted by law, purchaser hereby waives trial by jury in any litigation in any court with respect to, in connection with, or arising out of this agreement, the parties relationship and/or the purchase, sale, resale or use of products as defined within this agreement. Tavola 2 - Arbitration provision Governing law This Agreement shall be construed under the laws of the State of Illinois, which is the state in which this Agreement is being finally executed and the state in which Seller has its principle office. Illinois law shall bind the parties in all questions arising hereunder. Arbitration Any dispute arising out of or relating to this Agreement or the relationship between Seller and Buyer (whether based on contract, tort, common law, statutory, equity or otherwise, including without limitation any claim under existing, future or federal law relating to wrongful termination, discharge, age, disability or other matters pertaining to the parties relationship) shall be settled by arbitration in Chicago, Illinois in accordance with the Commercial Rules of the American Arbitration Association («AAA»), and judgment on the award or decision rendered by the arbitrator may be entered in any court having jurisdiction. The decision of the arbitrator shall be final and unreviewable for error of law or facts, and the arbitrator shall have the power to award damages, injunctive relief, and all other remedies available at law or equity, except that (i) the arbitrator shall not have the power to vary the provisions of this Agreement or to grant remedies or relief that would not be available in an Illinois state court otherwise having jurisdiction on the matter; (ii) the arbitrator shall not have the power to award, and each party hereby expressly waives the right to sue for, demand or recover, lost profits or other special consequential, punitive or exemplary damages for breach of or any other act or omission in connection with or relating to this Agreement; (iii) if the dispute concerns a termination of this Agreement by Seller, the arbitrator shall not have the power to order reinstatement or a continuation of Buyer s service to Seller; (iv) if any suit or proceeding is brought in any court, the court shall, on implication of one of the parties, stay the trial of the action until such arbitration has taken place and has concluded in accordance with the terms of this Agreement; and (v) the parties shall timely pay equal shares of the expenses and fees of the arbitrator, and each party agrees to bear the fees and costs of its own attorneys and witnesses. n. 5/

6 Negli arbitrati vincolanti, la decisione dell arbitro è decisiva, finale. Non può essere riesaminata o annullata da una Corte eccetto che in limitate occasioni, come per esempio nel caso in cui vi siano gli estremi della frode o dell abuso di potere. Le parti normalmente si aspettano che un tribunale in secondo grado abbia un limitato potere di rivedere e modificare un lodo arbitrale. È noto che il Giudice della Corte federale dispone di un potere di riesame particolarmente limitato 10. La limitazione ai poteri del Giudice di riesaminare e mutare la decisione è necessaria per preservare i benefici di una riduzione nel ritardo e nelle spese e per impedire che l arbitrato divenga un passo preliminare alla decisione giurisdizionale 11. Di conseguenza la legge federale sull arbitrato permette alle Corti di revocare un lodo arbitrale solo in specifiche situazioni. Mancando il supporto legale alla revoca del lodo la Corte dovrà confermarlo 12. Il «Federal Arbitration Act» e lo «Uniform Arbitration Act» autorizzano una revisione o una revoca del lodo solo se lo stesso è stato assunto a seguito di corruzione, frode, parzialità o cattiva condotta da parte degli arbitri o nel caso in cui gli stessi abbiano ecceduto l ambito della loro autorità. Se gli arbitri hanno agito in buona fede la sentenza è normalmente definitiva per le parti 13. Al fine di annullare un lodo si dovrebbe dimostrare che la maggioranza degli arbitri deliberatamente ha ignorato la legge e che ciò ha contribuito in modo decisivo alla formazione del lodo incriminato. Tale principio di «manifesta infondatezza» viene riconosciuto generalmente in due situazioni: - quando un lodo comporta il compimento di atti che violano la legge; - quando non aderisce a quelli che sono i princìpi giuridici specificati dal contratto e quindi non è azionabile secondo quanto previsto dalla sezione 10(a)(4) della Legge Federale sull arbitrato 14. Un semplice errore nell applicazione della legge sostanziale non costituisce di per sé un caso di manifesta infondatezza e pertanto normalmente non consente una revoca o una modifica della decisione 15. Gli arbitri comunque non hanno il potere o l autorità di eseguire una decisione arbitrale una volta che la stessa è stata assunta restando tale attività esecutiva di competenza dell autorità giudiziaria. Note: 10 Eljer Mfg., Inc. v. Kowin Dev. Corp., 114 F.3d 1250, 1257 (7th Circ. 1994). 11 Idem al 1254 (E.I. DuPont de Nemours v. Grasselli Employees Indep. Ass n, 790 F.2d 611, 614 (7th Circ. 1986)) U.S.C. p. 9; IDS Life Ins. Co. v. Royal Alliance Assocs., 266 F.3d 645, 650 (7th Circ. 2001). Il testo del «Federal Arbitration Act» (9 U.S.C. par. 1 e segg. e l «Illinois Uniform Arbitration Act» (Uniform Arbitration Act), 710 ILCS 5/1 e segg. sono quasi identici. Si veda, Tyco Laboratories, Inc. v. DISI Industries, Inc., 1993 WL (N.D. III.) (il quale cita J & K Clement Construction Co., Inc. v. Montalbano Builders, Inc., 119 III.App. 3d 663, 456 N.E.2d 889 (1983)) U.S.C. par. 10 nel 710 ILCS 5/12; si veda altresì, Ryan v. Kontrick, 304 III. App. 3d 852, 710 N.E.2d 11, 237 III. dic. 588 (1999). 14 Georges Watts & Sons, Inc. v. Tiffany & Co., 248 F. 3d 577, 581 (7th Circ. 2001). 15 Mollison-Turner v. Lynch Auto Group, 2002 WL al *4 (N.D. III. 2002) («Ci deve essere stato qualcosa che non sia un semplice errore di diritto o un inadempimento da parte dell arbitro per comprendere o applicare la legge»). 36 n. 5/2011

CRITERI DI COMPETENZA GIURISDIZIONALE NEL CASO DI AZIONE LEGALE DI RECUPERO SOMMA NEGLI USA

CRITERI DI COMPETENZA GIURISDIZIONALE NEL CASO DI AZIONE LEGALE DI RECUPERO SOMMA NEGLI USA CRITERI DI COMPETENZA GIURISDIZIONALE NEL CASO DI AZIONE LEGALE DI RECUPERO SOMMA NEGLI USA INTRODUZIONE Il creditore di somme di denaro conseguenti alla vendita di beni o a seguito dell inadempimento

Dettagli

STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA

STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA LA CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA Articolo 92 La Corte Internazionale di Giustizia costituisce il principale organo

Dettagli

La comunicazione della C

La comunicazione della C La comunicazione della C La comunicazione della Commissione Europea n. 157 del 1997 definisce il commercio elettronico come lo svolgimento di attività commerciali e di transazioni per via elettronica e

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI (Avvertenza: testo emendato dalla redazione; Gazzetta ufficiale no. 148 del 20.12.2012 testo emendato e no. 25 del 28.02.2013, nelle quali è indicato il periodo della loro entrata in vigore) CODICE DI

Dettagli

Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare?

Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare? Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare? La realtà commerciale del settore dei beni di consumo tecnici e tecnologici è caratterizzata dalla commercializzazione

Dettagli

Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso

Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso Presentazione dell avvocato Fabio Petracci, avvocato giuslavorista del Foro di Trieste 1. Fattispecie e definizioni Quali sono gli elementi di

Dettagli

INTERNATIONAL CONSTRUCTION GUIDE

INTERNATIONAL CONSTRUCTION GUIDE INTERNATIONAL CONSTRUCTION GUIDE 20 febbraio 2015 GARANZIE A PRIMA DOMANDA SOGGETTE A LEGGE ITALIANA NEGLI APPALTI INTERNAZIONALI Le garanzie di adempimento (bancarie a prima richiesta o fideiussorie)

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m . SVEZIA TUTELA DEL CONSUMATORE IN SVEZIA di Avv. Francesco Misuraca www.smaf-legal.com Premessa La Direttiva 1999/44/EC sulla vendita di prodotti al consumatore è stata attuata dalla Svezia, dando luogo

Dettagli

Modalità di acquisto della proprietà immobiliare negli USA. A cura dell avv. Federico Galgano Bologna Firenze Genova Udine Miami

Modalità di acquisto della proprietà immobiliare negli USA. A cura dell avv. Federico Galgano Bologna Firenze Genova Udine Miami Modalità di acquisto della proprietà immobiliare negli USA A cura dell avv. Federico Galgano Bologna Firenze Genova Udine Miami Come può essere realizzato l investimento immobiliare negli USA Acquisto

Dettagli

Studio Legale Avv.ti Brandolini & Marcati Via Palestro n. 40 Legnano (MI) Tel. + 39 0331 441050 r.a. Fax + 39 0331 450379 E mail brandolini@nemo.

Studio Legale Avv.ti Brandolini & Marcati Via Palestro n. 40 Legnano (MI) Tel. + 39 0331 441050 r.a. Fax + 39 0331 450379 E mail brandolini@nemo. Studio Legale Avv.ti Brandolini & Marcati Via Palestro n. 40 Legnano (MI) Tel. + 39 0331 441050 r.a. Fax + 39 0331 450379 E mail brandolini@nemo.it NOTA INFORMATIVA N. 1/2009 IL RECUPERO CREDITI DI SOCIETA

Dettagli

ARBITRATO INTERNAZIONALE

ARBITRATO INTERNAZIONALE 1 ARBITRATO INTERNAZIONALE LA LEGGE APPLICABILE UNIVERSITA DI TRENTO FACOLTA DI GIURISPRUDENZA Diritto del commercio e dell arbitrato internazionale Avv. Roberto Ceccon Professore a Contratto 2 Le varie

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA VERSIONE 1.3 DEL 22/11/2012

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA VERSIONE 1.3 DEL 22/11/2012 CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA VERSIONE 1.3 DEL 22/11/2012 Articolo 1 - Definizioni Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita, i seguenti termini avranno il significato di seguito ad essi attribuito:

Dettagli

Regolamento per la TRATTAZIONE DEI RECLAMI. presso la BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI FORNACETTE

Regolamento per la TRATTAZIONE DEI RECLAMI. presso la BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI FORNACETTE Regolamento per la TRATTAZIONE DEI RECLAMI presso la BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI FORNACETTE Versione aprile 2012 Indice generale Premessa... 3 Come presentare il reclamo... 4 Arbitro Bancario Finanziario...

Dettagli

Business Structures for doing business in the England and Wales

Business Structures for doing business in the England and Wales Business Structures for doing business in the England and Wales The material for this presentation has been designed as an integral part of the above presentation solely for the benefit of the people attending.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

Norme di condotta e principi generali

Norme di condotta e principi generali Allegato II Codice europeo di condotta per mediatori Questo codice etico di condotta stabilisce diritti e doveri morali nonché principi a cui i singoli mediatori dovranno impegnarsi al fine di svolgere

Dettagli

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi CONNESSIONE cosa è? obiettivo Relazione tra rapporti giuridici oggetto di domande diverse Elemento in comune persone petitum causa petendi Non vi è identità, neppure parziale assicurare il simultaneus

Dettagli

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m . POLONIA TUTELA DEL CONSUMATORE IN POLONIA di Avv. Francesco Misuraca www.smaf-legal.com Premessa Le fonti della normativa di tutela dei consumatori sono: - Legge del 16 aprile 1993 contro la concorrenza

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

Il principio di buona fede nei contratti di franchising

Il principio di buona fede nei contratti di franchising Il principio di buona fede nei contratti di franchising In questo articolo verrà analizzato il principio di buona fede applicato ai contratti di franchising, anche grazie all analisi della giurisprudenza

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C.

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C. Trib. Perugia, 16 giugno 2015, n. 1000. Contratto di permuta - Multiproprietà - Consumatore - Foro del consumatore - Specifica trattativa - Nullità decreto ingiuntivo - Accoglimento della domanda Abstract.

Dettagli

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013 L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Con la presente circolare informativa si intende trattare l ingresso della

Dettagli

EDIZIONI ESTREMI ATTO DI DELIBERAZIONE ENTRATA IN VIGORE 1 Rev.0 G.C. n. 145 del 25.10.2006 5.11.2006

EDIZIONI ESTREMI ATTO DI DELIBERAZIONE ENTRATA IN VIGORE 1 Rev.0 G.C. n. 145 del 25.10.2006 5.11.2006 Regolamento per il servizio legale RO/038 CITTA DI SANTENA Edizione 2 Revisione 0 NORMAZIONE EDIZIONI ESTREMI ATTO DI DELIBERAZIONE ENTRATA IN VIGORE 1 Rev.0 G.C. n. 145 del 25.10.2006 5.11.2006 2 Rev.0

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE DISCIPLINA DEI CONTRATTI COMMERCIALI A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Fonti del diritto commerciale a Singapore La normativa sui contratti si ispira grandemente alla omologa normativa inglese

Dettagli

Rischi, sicurezza, analisi legale del passaggio al cloud. PARTE 4: Protezione, diritti, e obblighi legali

Rischi, sicurezza, analisi legale del passaggio al cloud. PARTE 4: Protezione, diritti, e obblighi legali Rischi, sicurezza, analisi legale del passaggio al cloud PARTE 4: Protezione, diritti, e obblighi legali PARTE 4 SOMMARIO 1. Specificazione del contesto internazionale 2. Oltre gli accordi di protezione

Dettagli

ORIGINI E RUOLO DEL TRIBUNALE FEDERALE SVIZZERO

ORIGINI E RUOLO DEL TRIBUNALE FEDERALE SVIZZERO B u n d e s g e r i c h t T r i b u n a l f é d é r a l T r i b u n a l e f e d e r a l e T r i b u n a l f e d e r a l ORIGINI E RUOLO DEL TRIBUNALE FEDERALE SVIZZERO II Tribunale federale vigila sull'applicazione

Dettagli

Dal 17 dicembre 2009 la Convenzione di Roma sulla legge applicabile è stata sostituita dal Regolamento CE 593/2008

Dal 17 dicembre 2009 la Convenzione di Roma sulla legge applicabile è stata sostituita dal Regolamento CE 593/2008 Dal 17 dicembre 2009 la Convenzione di Roma sulla legge applicabile è stata sostituita dal Regolamento CE 593/2008 1 Durante la negoziazione del contratto vi sono delle clausole che incideranno in maniera

Dettagli

Le Organizzazioni internazionali come enti a soggettività parziale. Corso di Diritto internazionale (A.A. 2008/2009) Andrea Caligiuri

Le Organizzazioni internazionali come enti a soggettività parziale. Corso di Diritto internazionale (A.A. 2008/2009) Andrea Caligiuri Le Organizzazioni internazionali come enti a soggettività parziale Corso di Diritto internazionale (A.A. 2008/2009) Andrea Caligiuri 1. DEFINIZIONE Convenzioni di Vienna sul diritto dei trattati del 1969

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ISTITUZIONE PRIVILEGIO EX ART. 4 C. 5 L. 49/1985

REGIONE PIEMONTE ISTITUZIONE PRIVILEGIO EX ART. 4 C. 5 L. 49/1985 REGIONE PIEMONTE ISTITUZIONE PRIVILEGIO EX ART. 4 C. 5 L. 49/1985 INDICE-SOMMARIO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. 2. LE GARANZIE PREVISTE DAL NOSTRO ORDINAMENTO. 2.1 Privilegi 2.2 Garanzie reali 3. LE GARANZIE

Dettagli

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 Convenzione 158 CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Mediazione. Cos'è. Come fare

Mediazione. Cos'è. Come fare UFFICIO ARBITRATO E CONCILIAZIONE VADEMECUM STRUMENTI DI GIUSTIZIA ALTERNATIVA AMMINISTRATI DALLA C.C.I.A.A. DI BOLOGNA Mediazione Cos'è La Mediazione è il modo più semplice, rapido ed economico per risolvere

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Campo di applicazione Qualsiasi contratto stipulato tra Nossa Elettronica s.a.s (d ora in poi Nossa) per la fornitura dei propri Prodotti/Servizi (d ora in poi Prodotto)

Dettagli

L arbitrato internazionale: perchè e come

L arbitrato internazionale: perchè e come 12 PROMOZIONE FIRENZE n.1, gennaio/giugno 2006 L arbitrato internazionale: perchè e come * Professore ordinario dell Università di Firenze; Avvocato Vincenzo Vigoriti * I - L arbitrato è l istituto che

Dettagli

www.gaglione.it La compravendita di beni immobili in Italia

www.gaglione.it La compravendita di beni immobili in Italia La compravendita di beni immobili in Italia Scheda A Normativa di diritto civile 1. La vendita 2. La vendita immobiliare 3. La forma del contratto 4. La conclusione del contratto 5. Il preliminare di vendita

Dettagli

L obbligo del tentativo di mediazione nelle controversie relative al risarcimento del

L obbligo del tentativo di mediazione nelle controversie relative al risarcimento del L obbligo del tentativo di mediazione nelle controversie relative al risarcimento del danno da sinistro stradale: criticità e dubbi interpretativi. Tra le materie per le quali è previsto il tentativo obbligatorio

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Il contratto di agenzia in Europa

Il contratto di agenzia in Europa Il contratto di agenzia in Europa by Cristina Rigato - Sunday, September 05, 2010 /contratto-agenzia-in-europa-2/ Premessa Tutti i Paesi che fanno parte della UE in sede di adesione si sono impegnati al

Dettagli

2.- l opinio iuris ac necessitatis (elemento psicologico), ossia la convinzione generale che tale comportamento sia conforme al diritto.

2.- l opinio iuris ac necessitatis (elemento psicologico), ossia la convinzione generale che tale comportamento sia conforme al diritto. .Mentre la consuetudine internazionale crea diritto internazionale generale, l accordo crea diritto internazionale particolare che crea diritti ed obblighi solo per gli Stati parte. Può accadere che una

Dettagli

Dichiaro di aver preso nota del presente messaggio.

Dichiaro di aver preso nota del presente messaggio. NOT FOR PUBLICATION OR DISTRIBUTION IN OR INTO THE US, CANADA, JAPAN OR ANY OTHER JURISDICTION IN WHICH SUCH PUBLICATION OR DISTRIBUTION WOULD BE PROHIBITED BY APPLICABLE LAW. IL PRESENTE COMUNICATO NON

Dettagli

RISOLUZIONE N. 90 /E

RISOLUZIONE N. 90 /E RISOLUZIONE N. 90 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 17 ottobre 2014 OGGETTO: Interpello Acquisto per usucapione di beni immobili Applicabilità delle agevolazioni prima casa. Con l interpello in esame,

Dettagli

RAPPRESENTANZA LEGALE IN GIUDIZIO DEL COMUNE DI. CALCIANO DINANZI AL TRIBUNALE CIVILE DI ROMA II Sez.

RAPPRESENTANZA LEGALE IN GIUDIZIO DEL COMUNE DI. CALCIANO DINANZI AL TRIBUNALE CIVILE DI ROMA II Sez. CONVENZIONE OGGETTO: DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE PER IL PATROCINIO E LA RAPPRESENTANZA LEGALE IN GIUDIZIO DEL COMUNE DI CALCIANO DINANZI AL TRIBUNALE CIVILE DI ROMA II Sez.

Dettagli

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1 Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra XY, società di diritto italiano, con sede in via n iscritta al Registro delle Imprese di n Partita

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

soggetto partecipante propone l acquisto anche alternativo : di beni in blocco individuati; di singoli beni individuati; di un singolo bene

soggetto partecipante propone l acquisto anche alternativo : di beni in blocco individuati; di singoli beni individuati; di un singolo bene REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE IRREVOCABILI INERENTI L ACQUISTO DEI BENI INCLUSI NEL PATRIMONIO FALLIMENTARE SUDDIVISO NELLE CATEGORIE DI SEGUITO ELENCATE A) Con sentenza datata 2 agosto

Dettagli

ARTICOLO 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto.

ARTICOLO 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto. SCRITTURA PRIVATA TRA la Diocesi/Parrocchia di..., con sede in..., Via/Piazza,..., codice fiscale/partita iva..., in persona del legale rappresentante pro-tempore, di seguito denominato anche Committente

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE REGOLE PER IL RECUPERO DEI CREDITI A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Azioni civili a Singapore Ai fini della proposizione dell atto di citazione devono sussistere i seguenti requisiti: a)

Dettagli

Agenzia & Distribuzione

Agenzia & Distribuzione Maggio 2013 Agenzia e distribuzione a Hong Kong e nella Repubblica Popolare Cinese I rapporti di agenzia e distribuzione a Hong Kong sono retti dai principi di common law sulle obbligazioni contrattuali.

Dettagli

Su carta intestata del soggetto che manifesta interesse

Su carta intestata del soggetto che manifesta interesse Su carta intestata del soggetto che manifesta interesse Spett. Acqua Marcia Spa in liquidazione in c.p. Lungotevere Aventino n. 5 00153 Roma raccomandata P.E.C.: acquamarcia@legalmail.it Egregio Dott.

Dettagli

DIRITTO COMMERCIALE INTERNAZIONALE

DIRITTO COMMERCIALE INTERNAZIONALE DIRITTO COMMERCIALE INTERNAZIONALE PARTE GENERALE A/A 2014-2015 PROF. AVV. ROBERTO CECCON UNIVERSITÀ DI TRENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA 1 ES: AZIONE AVANTI IL GIUDICE STRANIERO Un produttore francese

Dettagli

tra: titolare della concessione per n con sede in via n Partita IVA/Codice Fiscale rappresentata dal signor di seguito denominata Titolare di Sistema

tra: titolare della concessione per n con sede in via n Partita IVA/Codice Fiscale rappresentata dal signor di seguito denominata Titolare di Sistema La società Contratto per l affidamento dell attività di commercializzazione ai sensi del decreto del direttore generale dell Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato in data 21 marzo 2006 tra: titolare

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA INTERO CONTRATTO Le presenti Condizioni Generali di vendita ed i termini e le obbligazioni in esse contenute sono le uniche e sole obbligazioni vincolanti

Dettagli

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Direttiva 2006/112/CE Insolvenza Procedura di concordato

Dettagli

L arbitrato economico

L arbitrato economico L arbitrato economico o stallo per contrasti sulla gestione della società ha come presupposto che nell organo amministrativo metà dei componenti siano espressione di un socio o di un gruppo di soci e l

Dettagli

FARE BUSINESS IN OMAN: WARNINGS COTRANTRATTUALI E PRESENZE STABILI

FARE BUSINESS IN OMAN: WARNINGS COTRANTRATTUALI E PRESENZE STABILI FARE BUSINESS IN OMAN: WARNINGS COTRANTRATTUALI E PRESENZE STABILI CENTRO ESTERO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE Torino, 1 Luglio 2014 Avv. FRANCESCA FALBO PRESUPPOSTO: IL CONTRATTO COME PONTE Il contratto

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

aiga Ordine degli Avvocati di Vicenza

aiga Ordine degli Avvocati di Vicenza aiga Ordine degli Avvocati di Vicenza La Deontologia nella Mediazione dopo il Decreto del fare ( D.L. 69/2013 convertito con L. 98/2013 ) Vicenza, 14 novembre 2013 Avv. Lorenza Maria Villa avv.villa@gmail.com

Dettagli

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 26.10.2009 DOCUMENTO DI LAVORO relativo alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali

Dettagli

D.SSA ANGELICA BONFANTI INVESTIMENTI STRANIERI IN CINA, TRA TRATTATI BILATERALI D INVESTIMENTO E STANDARD INTERNAZIONALI

D.SSA ANGELICA BONFANTI INVESTIMENTI STRANIERI IN CINA, TRA TRATTATI BILATERALI D INVESTIMENTO E STANDARD INTERNAZIONALI D.SSA ANGELICA BONFANTI INVESTIMENTI STRANIERI IN CINA, TRA TRATTATI BILATERALI D INVESTIMENTO E STANDARD INTERNAZIONALI Trattati bilaterali investimento (BIT) - Cina: 110 BIT - Il primo concluso nel 1982

Dettagli

TRASFERIMENTI DI RESIDENZA NEI PAESI CONSIDERATI «PARADISI FISCALI» FISCO E TRIBUTI

TRASFERIMENTI DI RESIDENZA NEI PAESI CONSIDERATI «PARADISI FISCALI» FISCO E TRIBUTI Ambrosia Corporate Solutions Newsletter TRASFERIMENTI DI RESIDENZA NEI PAESI CONSIDERATI «PARADISI FISCALI» FISCO E TRIBUTI Marzo 2015 I Paradisi Fiscali hanno rappresentato da sempre la garanzia di prelievi

Dettagli

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Depositato / Pervenuto il Ammesso il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella Via Marconi, 28 13900 Biella Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Il / La sottoscritt nat a prov./naz.

Dettagli

Tutela preventiva del credito Scheda Paese. Romania. Scheda Paese Romania 0

Tutela preventiva del credito Scheda Paese. Romania. Scheda Paese Romania 0 Tutela preventiva del credito Scheda Paese Romania Scheda Paese Romania 0 Introduzione Nell era del mercato globale, si sono intensificati gli scambi transfrontalieri e internazionali e prendono così piede

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004 RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 agosto 2004 Oggetto: Trattamento ai fini Iva delle prestazioni di concessione in uso di vagoni ferroviari per l esecuzione di trasporti

Dettagli

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI)

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI) * Traduzione a cura dell Ufficio Relazioni Internazionali e Comunitarie maggio 2007 INTOSAI STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI)

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO

COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 232 del 24 /08/2006 Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina l ordinamento

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI

PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 2 del 13 gennaio 2012 1 INDICE Art.

Dettagli

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP)

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Art. 1 Principi generali e Oggetto. Il presente statuto disciplina l organizzazione interna dell ORGANISMO DI MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE

Dettagli

ALLEGATO I MODELLO DI CONTRATTO DI RISERVATEZZA

ALLEGATO I MODELLO DI CONTRATTO DI RISERVATEZZA ALLEGATO I MODELLO DI CONTRATTO DI RISERVATEZZA Spettabile Avi Handling Srl Caselle di Sommacampagna Verona Oggetto: Procedura ristretta per la selezione a socio di minoranza della società Avio Handling

Dettagli

Il fallimento italiano delle società trasferite all estero

Il fallimento italiano delle società trasferite all estero Il fallimento italiano delle società trasferite all estero La globalizzazione, con l apertura delle frontiere, e l allargamento dei mercati, comporta contatti sempre più intensi con imprenditori esteri.

Dettagli

composta da A. Borg Barthet, facente funzione di presidente della sesta sezione, E. Levits e M. Berger (relatore), giudici,

composta da A. Borg Barthet, facente funzione di presidente della sesta sezione, E. Levits e M. Berger (relatore), giudici, ARRÊT DE LA COUR (sixième chambre) 4 dicembre 2014 «Rinvio pregiudiziale Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Cooperazione giudiziaria in materia civile Competenza giurisdizionale dei giudici dello

Dettagli

A chi partecipa a un panel realizzato dalla nostra società, garantiamo la tutela di tutte le informazioni personali forniteci.

A chi partecipa a un panel realizzato dalla nostra società, garantiamo la tutela di tutte le informazioni personali forniteci. VISION CRITICAL COMMUNICATIONS INC. REGOLE AZIENDALI SULLA PRIVACY DESCRIZIONE GENERALE Per noi della Vision Critical Communications Inc. ("VCCI"), il rispetto della privacy costituisce parte essenziale

Dettagli

REDAZIONE E NEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI INTERNAZIONALI

REDAZIONE E NEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI INTERNAZIONALI REDAZIONE E NEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI INTERNAZIONALI UNIVERSITA DI TRENTO ROBERTO CECCON AVVOCATO PROFESSORE A C. DI DIRITTO COMMERCIALE INTERNAZIONALE RUOLO DEL GIURISTA NEGOZIATORE E REDATTORE DI NUOVE

Dettagli

FLAIRTENDER CONDIZIONI DI VENDITA PER IL NOSTRO SHOWROOM ATTREZZATURE

FLAIRTENDER CONDIZIONI DI VENDITA PER IL NOSTRO SHOWROOM ATTREZZATURE FLAIRTENDER CONDIZIONI DI VENDITA PER IL NOSTRO SHOWROOM ATTREZZATURE CONDIZIONI DI VENDITA ISTRUZIONI PER L ACQUISTO: SCEGLI I PRODOTTI DI TUO INTERESSE CON IL CODICE ARTICOLO E RIPORTALI NELLA MAIL DI

Dettagli

Termini e condizioni della MasterCard Prepagata

Termini e condizioni della MasterCard Prepagata Termini e condizioni della MasterCard Prepagata La preghiamo di leggere attentamente le seguenti condizioni che riguardano la Sua Carta Prepagata. Nelle presenti condizioni, quando ci si riferisce a Lei

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Prof.ssa Elisa Esposito Obiettivi In questa lezione ci occuperemo del processo con pluralità di parti, in particolare, del litisconsorzio. Definizione

Dettagli

LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Si parla disottrazione internazionale del minore in due casi: a) Quando il minore viene condotto all estero dal genitore non affidatario senza il consenso dell altro

Dettagli

La tutela dei crediti commerciali nell'unione Europea. Avv. Luca Davini

La tutela dei crediti commerciali nell'unione Europea. Avv. Luca Davini La tutela dei crediti commerciali nell'unione Europea Avv. Luca Davini Causa in Italia o causa all'estero: criteri di scelta Area "giurisdizionale" europea Regolamento CE 44/2001 concernente la competenza

Dettagli

CONTRATTO TIPO AFFITTO D AZIENDA

CONTRATTO TIPO AFFITTO D AZIENDA CONTRATTO TIPO di AFFITTO D AZIENDA CONTRATTO D AFFITTO D AZIENDA Tra i signori: A..., di seguito concedente, nato a..., il..., codice fiscale..., partita IVA..., residente in..., via..., nella sua qualità

Dettagli

Contratto tra Euroricambi Bus S.r.L., con sede legale in via Ugo Foscolo, 28/30, Vigonza (PD) ITALIA partita IVA e codice fiscale 04253170288

Contratto tra Euroricambi Bus S.r.L., con sede legale in via Ugo Foscolo, 28/30, Vigonza (PD) ITALIA partita IVA e codice fiscale 04253170288 Contratto tra Euroricambi Bus S.r.L., con sede legale in via Ugo Foscolo, 28/30, Vigonza (PD) ITALIA partita IVA e codice fiscale 04253170288 e il cliente che usufruisce del servizio e-commerce. Premesse

Dettagli

ACCORDO DI RISERVATEZZA

ACCORDO DI RISERVATEZZA ATTENZIONE Il presente modello contrattuale ha valore di mero esempio e viene reso disponibile a solo scopo informativo. Non rappresenta in alcun modo consulenza legale. L autore non garantisce in alcun

Dettagli

POLIZZA NAUTICA. per l assicurazione di unità da diporto

POLIZZA NAUTICA. per l assicurazione di unità da diporto POLIZZA NAUTICA per l assicurazione di unità da diporto Condizioni di Assicurazione Sommario 1 Definizioni 2 Condizioni Generali di Assicurazione valide per tutte le garanzie 3 Garanzie: Responsabilità

Dettagli

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO PROF. ANGELO SCALA Indice 1 LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO ---------------------------------------------- 3 Per il proficuo studio

Dettagli

LITIGATION BRIEFING n. 4 del 23 aprile 2015. La nuova disciplina dell esecuzione internazionale. di Francesco Alongi e Serena Guglielmo

LITIGATION BRIEFING n. 4 del 23 aprile 2015. La nuova disciplina dell esecuzione internazionale. di Francesco Alongi e Serena Guglielmo La nuova disciplina dell esecuzione internazionale di Francesco Alongi e Serena Guglielmo (I) Le principali novità del Regolamento Bruxelles I-bis... 1 (II) Profili applicativi dell esecuzione internazionale...

Dettagli

2.2 Qualsiasi stima orale o scritta non verrà considerata contrattualmente vincolante, ma verrà fornita solamente come guida o informazione.

2.2 Qualsiasi stima orale o scritta non verrà considerata contrattualmente vincolante, ma verrà fornita solamente come guida o informazione. Termini e condizioni Nell invio di un testo per la traduzione, un individuo o azienda (a cui da qui in poi si fa riferimento come Cliente ) stipula un contratto vincolante con Giorgia Garavini (a cui da

Dettagli

POLICY ANTICORRUZIONE DEL GRUPPO TELECOM ITALIA

POLICY ANTICORRUZIONE DEL GRUPPO TELECOM ITALIA POLICY ANTICORRUZIONE DEL GRUPPO TELECOM ITALIA Adottata in data 6 dicembre 2012 SOMMARIO Articolo 1 Premessa pag. 2 Articolo 2 - Scopo e campo di applicazione pag. 2 Articolo 3 - Destinatari pag. 2 Articolo

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 www.granterre.it Art. 1 Il presente Regolamento

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

NORMATIVA SULLA PRIVACY

NORMATIVA SULLA PRIVACY NORMATIVA SULLA PRIVACY Il presente codice si applica a tutti i siti internet della società YOUR SECRET GARDEN che abbiano un indirizzo URL. Il documento deve intendersi come espressione dei criteri e

Dettagli

OBBLIGO DELLA MEDIAZIONE

OBBLIGO DELLA MEDIAZIONE Iscritto al n. 453 del Registro degli organismi deputati a gestire tentativi di conciliazione/mediazione a norma dell'articolo 38 del D.Lgs. 17/01/2003, n. 5 OBBLIGO DELLA MEDIAZIONE Le nuove disposizioni

Dettagli

NEWSLETTER INFORMATIVA LEGALE. No. 3 Marzo, 2013

NEWSLETTER INFORMATIVA LEGALE. No. 3 Marzo, 2013 NEWSLETTER INFORMATIVA LEGALE No. 3 Marzo, 2013 Siamo lieti di trasmettervi l ultima edizione della nostra newsletter di informativa legale. La newsletter fornisce un primo esame del nuovo Regolamento

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

Avv. Raffaele Zallone. Studio Legale Zallone Via dell Annunciata, 31 - Milano Tel. 02.29013583 www.studiozallone.it

Avv. Raffaele Zallone. Studio Legale Zallone Via dell Annunciata, 31 - Milano Tel. 02.29013583 www.studiozallone.it Avv. Raffaele Zallone Studio Legale Zallone Via dell Annunciata, 31 - Milano Tel. 02.29013583 www.studiozallone.it LA LEGGE APPLICABILE ALLE VIOLAZIONI DELLA PRIVACY IN RETE Che Legge si applica? Quale

Dettagli