Come se 15 VERSO UNA AUTONOMIA ARTISTICA DELLA TRADUZIONE. COME SE Allo specchio: Foto e Traduzione Domenico Ingenito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come se 15 VERSO UNA AUTONOMIA ARTISTICA DELLA TRADUZIONE. COME SE Allo specchio: Foto e Traduzione Domenico Ingenito"

Transcript

1 Come se 15 VERSO UNA AUTONOMIA ARTISTICA DELLA TRADUZIONE COME SE Allo specchio: Foto e Traduzione Domenico Ingenito

2 16 Domenico Ingenito

3 Come se 17 Sono convinto che tutta l arte sia una rovina per l intelligenza di chi la ascolta. [...] Basta prendere uno specchio e portarlo in giro dappertutto: in men che non si dica subito farai il sole e tutto ciò che sia nel cielo, la terra, te stesso, gli altri esseri viventi, mobili, piante, tutti gli oggetti... Platone - Repubblica. Libro X

4 18 Domenico Ingenito

5 Come se 19 Premessa Una fenomenologia di ogni atto di traduzione non può prescindere dal prendere in considerazione l esistenza di un movimento di trasformazione in atto tra due testi. La presenza di almeno un testo di partenza e di almeno un testo di arrivo è la sostanza bruta dalla quale ogni analisi riguardante la traduzione dovrebbe partire. Il primo dato certo è l esistenza di un testo che si presenta alla percezione, un espressione che, a prescindere dalla sua genesi, si costituisce oltre che come materia in sé, anche e soprattutto come proposta di comunicazione intrinseca alla sua natura. Ogni segno può prescindere dalle condizioni che l hanno generato, se la sua interpretazione avviene in un contesto di semiosi in cui la percezione umana produce senso oltre le contingenze dei processi meccanici di stimolo-reazione. È nello spazio che intercorre tra la chiusura di un circuito elettrico e l accendersi di una lampadina che si annida il senso degli automatismi tra stimolo e risposta, in cui non interviene alcuna semiosi se non al di fuori del circuito chiuso. E al di fuori del circuito, nello spazio che intercorre tra la lampadina che si accende e la tenera capacità della mente di produrre un inferenza, si annida il segreto della semiosi. Probabilmente saranno necessari ancora molti secoli di paradigmi scientifico-filosofici per stabilire una volta per tutte in quale punto dell evoluzione della vita sulla terra i meccanismi di stimolo-risposta, tipici delle forme biologiche meno complesse, hanno ceduto il passo alla capacità di produrre interpretazione semiotica dei segni del mondo. Lo sforzo primo di ogni cultura è stato quello di considerare il mondo come un testo nel quale ricercare i segni di una trascendenza, e in ogni trascendenza le culture hanno tradizionalmente visto la possibilità di interpretare le declinazioni dell immanenza delle cose. È per questo che il rapporto tra i sensi del corpo e i sensi del mondo è l artefice di una lettura interpretativa prima ancora che la fenomenologia della percezione ne spiegasse il valore. La natura olistica dell interpretazione continua dei testi tra i testi, se consideriamo il mondo come testo, sarà alla

6 20 Domenico Ingenito base della difficoltà con cui le scienze esatte hanno cercato di decifrare selettivamente i percorsi euristici del senso. È questa la lezione di Merleau- Ponty, così come il motivo di fondo della semiosi potenzialmente illimitata di Peirce e la natura fluttuante delle trasformazioni del senso nella semiosfera di Lotman. Da qui risulta necessario comprendere i rapporti tra i testi in funzione della loro trasformazione, puntellare il discorso sulla base dell esistenza stessa di due testi colti nella loro presenza cooperativa. Si tratta di un operazione rischiosamente asettica. Chirurgica, oserei dire. Se non appare rischioso tralasciare le condizioni chimico-fisiche con cui si produce un fulmine, per prenderlo in considerazione esclusivamente come segno sulla base del quale una data cultura produce un certo tipo di inferenze che vanno dal simbolo al mito, operazione estremamente delicata (per motivi culturali) sarà tralasciare le condizioni genetico-filologiche che hanno portato alla scrittura della Divina Commedia, per concentrarsi sulla sua natura di testo dato, in un certo modo, sotto un qualche aspetto o proiezione, e la sua possibilità di essere tradotto in un altra lingua. Ma il virtuosismo di ogni vivisezione è la condizione del suo fascino erotico, in modo che ogni analisi paghi il rischio di rovinare o tradire il suo oggetto, che se sventrato potrà almeno essere vanto della propria verità intuitivamente poetica, prima ancora che della sua verità ontologica. Vero sarà, pertanto, che così come un albero si presenta alla mia vista in quanto presenza aperta alla mia percezione e alla mia traduzione in un significato che pertiene al mio contesto biografico e culturale, allo stesso modo la Divina Commedia si affaccia su un orizzonte letterario come materia bruta di una possibile traduzione in una lingua pertinente a una cultura altra. Un epifania che si presenta al suo orizzonte di pertinenza, il punto di riferimento dal quale si dirama l angolo di apertura di una possibile trasposizione in base a un canone che non può prescindere dal testo di partenza. La necessità di rendere manifesta la presenza epifanica del testo di partenza, sia esso albero o monumento letterario, nonostante il continuum semiotico in cui si dà al mondo, dipende dal vincolo implicito che esso presuppone. Prendiamo in considerazione la frase in Persiano: Dust-e to dust-e man ra dust darad. Si tratta di una proposizione che può essere tradotta correttamente in Italiano in duecentocinquantasei modi diversi.

7 Come se 21 Scomponendola parola per parola otterremmo: Dust (amico/amica/amante uomo/amante donna) e (di) to (tuo/ tua) dust-e man (il mio amico/la mia amica/ il mio amante / la mia amante) ra (marca del complemento oggetto/ complemento di termine riferito a dust-e man) dust darad (piacere / amare, terza persona singolare presente indicativo) Potremmo quindi tradurre: Al tuo amico piace la mia amica Alla tua amica piace la mia amica Al tuo amico piace il mio amico Alla tua amica piace il mio amico Il tuo amico ama la mia amica La tua amica ama la mia amica Il tuo amico ama il mio amico La tua amica ama la mia amica Ma anche: Al tuo amante piace la mia amica Alla tua amante piace il mio amico Al tuo amico piace il mio amante Oppure: Il tuo amante ama il mio amante La tua amante ama la mia amante Se consideriamo questa frase in Persiano come elemento dato a prescindere da un contesto, dovremo prendere in considerazione l unicità della sua espressione in rapporto alle molteplici traduzioni possibili. Si tratta di un vincolo molto ampio che linguisticamente si spiega con il basso coefficiente di specificazione degli elementi del periodo persiano, ma tale è il vincolo, e in quanto vincolo ci impedirà di tradurre la stessa frase con Mi piacciono molto i fiori di campo.

8 22 Domenico Ingenito Il vincolo dell espressione, della presenza del testo con il suo ventaglio implicito di significati, è il nocciolo duro dal quale è impossibile prescindere. Come affermerà ogni saggio teorico-pratico sulla traduzione, sarà il con-testo a suggerire al traduttore la formula più probabile. Risulterà quindi impossibile formulare una traduzione vera eludendo i vincoli testuali esterni alla proposizione e i vincoli culturali esterni al testo. Pertanto la verità intrinseca alla proposizione dipenderà dai duecentocinquantasei sensi che essa potenzialmente sottintende, ovvero null altro all infuori di sé stessa e delle sue molteplici declinazioni. Questo è un caso estremo, probabilmente semplicistico e riduttivo, che può mostrare in che modo un testo sia vincolato alla sua essenza indipendentemente al contesto che lo vincoli a un interpretazione univoca. La questione della verità interna della traduzione si rivela invero delicato e manifestamente problematica nei casi in cui il testo tradotto deve assolutamente essere la vera copia dell originale, è il caso delle traduzioni giurate: in quale punto il giuramento del traduttore non è infranto dalle discrepanze che i testi necessariamente intrattengono nei loro rapporti di somiglianza imperfetta? Cosa significa giurare che un atto notarile tradotto in italiano corrisponde punto per punto, scientificamente, al suo originale polacco? Paradossalmente il mondo giuridico ha proposto lo stesso patto di fedeltà indiscussa anche alla fotografia, ben presto riconosciuta come tecnica d avanguardia nel processo che nell ottocento ha fatto della modernità l era della reclusione e dell occultamento del marchio del potere, tradizionalmente manifesto, sui corpi dei cittadini. La fotografia giudiziaria ha subito acquisito il valore di documento irrefutabilmente conforme all originale, la realtà di carne ridotta a proiezione prospettica, il giogo del corpo sul terreno della nuova gloriosa oggettività: Nella fotografia giudiziaria è sufficiente accantonare ogni considerazione estetica e non occuparsi che del punto di vista scientifico e più in particolare poliziesco. Il punto di vista diviene unico e di conseguenza è facile da analizzare: produrre un immagine la più rassomigliante possibile. 1 1 FEDERICA MUZZARELLI, Formato tessera : storia, arte e idee in photomatic, Milano, Mondadori, 2003 [p. 25].

9 Come se 23 Così come la traduzione dei testi da una lingua all altra, anche la traduzione del mondo in immagine ripercorre la pretesa di trovare una verità intrinseca al testo stesso, come se l universo simbolico dei testi fosse ridotto alla propria presenza priva di propaggini del senso, eliminando la vocazione fortemente referenziale che ogni enunciato comporta. Testo tradotto e fotografia sono così percepite come pure superfici senza profondità semiotica, il cui unico referente è la loro opera originaria, il cui lavoro di trasporto è silenzioso, come il riflesso di uno specchio che al calare del buio si spegne in sé stesso.

10 24 Domenico Ingenito

11 Come se 25 Nunca ninguém se perdeu, Tudo é verdade e caminho. Nessuno si è mai perso, Tutto è verità e sentiero. Fernando Pessoa

12 26 Domenico Ingenito

13 Come se 27 Legittimità dell autonomia dell immagine fotografica La natura mimetica delle arti visive è stata specchio della potenza dell uomo nel riflettere sui segni del mondo, dove la parola non giunge per densità descrittiva le immagini sono state ostense a comunicare l altrimenti indicibile. L avvertimento di Platone nei confronti delle arti mimetiche è da interpretare alla luce del contratto instaurato sin dai primordi tra Uomo, Dio e Immagine. L uomo creato ad immagine divina, nell immagine conserva il simulacro 2 di Dio e fa del suo corpo misura di tutte le cose, lo specchio è pertanto speculum mundi, riflesso di una derivazione ultraterrena. Il potere degli specchi è nella trasparenza con cui mostrano il mondo, un ingenuità ammaliante che è stata il paradigma di ricerca dell essere umano sulla strada della rappresentazione prospettica. Le immagini contengono in sé la storia della rappresentazione, non si tratta mai di eventualità ingenue che si presentano allo sguardo, accidente dell occhio, superficie sincronica. Ogni immagine racchiude in sé il segreto della primordiale scelta dell essere umano di rappresentare il mondo non per mezzo delle tracce della mano sulla roccia, ma tramite l auspicio di una somiglianza. La mimesi imita il soffio divino nel bisbigliare i nomi delle cose, induce una trasparenza creando una traduzione del mondo in immagine apparentemente automatica. L incanto non è più la somiglianza, ma il come se l immagine e il mondo fossero la stessa cosa. Il meccanismo fotografico non è altro che il punto massimo di propensione alla mimesi, rinascimentale, prospettica, aspirazione alla manipolazione degli specchi. Perché se perfetti, e in quanto tali pericolosi, erano gli specchi di Platone unico difetto sarà stata la natura estemporanea delle loro proiezioni, il mondo scivolava sulla superficie 2 Per un analisi del senso del rapporto tra Dio e l uomo come sua immagine e somiglianza cfr. GILLES DELEUZE, Simulacro e Filosofia Antica in Logica del Senso, Milano, Feltrinelli Edizione originale: Logique du Sens, Paris, Les Editions de Minuit, 1969.

14 28 Domenico Ingenito così come la natura avvolgeva l uomo prima che fosse concepibile una tecnica capace di irrigidirla nella volontà dei figli di Adamo. Il rischio intuito da Platone era la possibilità di fissare il riflesso del mondo sulle superfici mimetiche, il cammino verso la fotografia, maturità estrema della prospettiva lineare, rappresentava la ricerca di una tecnica in grado di presentare al mondo la seduzione per il suo rigor mortis. La fotografia nasce come magia mimetica, specchio sul quale il mondo si poggia e lascia la sua impronta, il bacio divino sulle cose apparentemente senza l intervento dell uomo. Fu questo aspetto che apparve ai decadentisti come spia dello stadio terminale della disumanizzazione del fare creativo. La polemica di Baudelaire contro la fotografia sfolgora come il tentativo estremo di preservare l arte dalla sua decadenza meccanica, non sarà la riproducibilità dell opera ad apparire causa della rovina dell arte, ma l illusione della fotografia, che opera come se il mondo rappresentasse da solo se stesso. La traduzione fotografica del mondo in immagine del mondo si attua per mezzo dell illusione di trasparenza, il ritratto delle cose sembra venire in superficie da solo dal fondo muto della carta (o del metallo). La presenza del fotografo appare superflua, incidentale, la traduzione fotografica offre l illusione di un mondo posto davanti allo specchio. La verità non va più cercata tramite vie di divinazione dei segni delle cose, ma è evidente nella sua nudità di spoglia copia del reale. E in base a questo principio di verità, secondo cui la fotografia traduce il testo del mondo automaticamente in immagine, l immagine fotografica è diventata segno di certezza, strumento di verifica ultima, segno della morte dei vivi congelati nella foto segnaletica e viatico del volto dei morti nella memoria dei viventi. L apparente traduzione automatica del mondo in immagine fotografica del mondo è l effetto di un ideologia dello strumento tecnico; così come Panofsky 3 ha mostrato la forma simbolica delle logiche prospettiche solo apparentemente inaugurate dal Rinascimento, allo stesso modo l illusione della fotografia nasconde un meccanismo occulto che opera simbolicamente per apparire in una forma che non corrisponde al vero di per sé. 3 ERWIN PANOFSKY, La prospettiva come forma simbolica, Milano, Feltrinelli, 1995.

15 Come se 29 Si tratta dell illusione mimetica, la cui struttura di somiglianza con il testo del mondo impone una condizione di verità nascondendo lo spazio di manipolazione che l artista ha a disposizione. L ideologia non è il senso occasionale che acquisisce l immagine fotografica in base al contesto di esposizione, ma la capacità che ha il testo fotografico di nascondere le condizioni di interpretazione del mondo. Atto interpretativo che, sebbene sia occulto nell immagine, è presente nel momento primo dell atto fotografico, l istante in cui il mondo si specchia sulla superficie fotosensibile. Decostruire il senso della mimesi significa svelare l autonomia artistica del testo-mondo tradotto in testo-immagine, non più copia del vero ma simulacro della realtà investito di senso. Da qui, storicamente, il valore artistico che ha acquisito la fotografia in quanto strumento d interpretazione della realtà. Dimostrare tale autonomia del testo fotografico dalla presenza fisica e lapalissiana del mondo, quasi un secolo dopo la sua nascita, è stato l effetto degli studi strutturalisti sul senso della fotografia: Se, nelle linee generali, il discorso del XIX secolo sull immagine fotografica è dunque quello della rassomiglianza, si potrebbe dire, sempre globalmente, che il XX secolo insiste maggiormente sulla trasformazione del reale per mezzo della fotografia. Senza dubbio la grande ondata strutturalista costituisce una specie di punto culminante di tutto questo vasto movimento critico di denuncia dell effetto di reale. 4 L analisi storica di Dubois mostra in che modo la fotografia ha riacquisito la sua aura artistica partendo dal presupposto secondo cui l immagine fotografica non è la copia esatta del mondo. E sulla base del riconoscimento di uno scarto tra i due testi che Arhnheim, citato da Dubois, afferma: innanzi tutto la fotografia offre al mondo un immagine determinata allo stesso tempo dall angolo di vista scelto, dalla sua distanza dall oggetto e dell inquadratura; poi, essa riduce da una parte la tridimensionalità dell oggetto in un immagine bidimensionale e dall altra parte isola un punto preciso dello spazio-tempo ed è puramente visiva escludendo tutte le altre sensazioni, olfattive o tattili. 5 4 PHILIPPE DUBOIS, L atto Fotografico, Urbino, Quattro Venti, 1996 [p. 38]. 5 IBID. [p. 41].

16 30 Domenico Ingenito La denuncia in negativo della distanza dell immagine tradotta dal reale sul testo fotografico è il primo paso per affermare la possibilità di decostruirne le logiche mimetiche, come nota Bourdieu: Si è comunemente d accordo nel vedere nella fotografia il modello della veracità e oggettività. È troppo facile mostrare che questa rappresentazione sociale ha la falsa evidenza delle pre-nozioni; in realtà, la fotografia fissa un aspetto del reale che non è altro che il risultato di una selezione arbitraria, dunque, di una trascrizione: fra tutte le qualità dell oggetto, sono trattenute solamente le qualità visive che appaiono in quell istante e a partire da un punto di vista unico: queste vengono trascritte in bianco e nero, di solito ridotte e proiettate su un piano. In altre parole, la fotografia è un sistema convenzionale che esprime lo spazio secondo le leggi della prospettiva e i volumi e i colori per mezzo di gradazioni che vanno dal nero al bianco. Se la fotografia è considerata come una registrazione perfettamente realista e oggettiva del mondo visibile, è perché le si sono assegnati degli impieghi sociali considerati realisti e oggettivi. E se essa si è immediatamente proposta con le apparenze di una lingua senza codice né sintassi, in breve di un linguaggio naturale, è prima di tutto perché la selezione che essa opera nel mondo visibile è del tutto conforme nella sua logica alla rappresentazione del mondo che si è imposta in Europa dal Quattrocento. 6 6 PIERRE BOURDIEU, La fotografia : usi e funzioni sociali di un arte media, Firenze, Guardaldi, 1972 [p. 75].

17 Come se 31 Che cos è la famosa caverna di Platone se non già una camera oscura la più grande, io penso, che sia stata realizzata. Se egli avesse ridotto a un piccolissimo buco l apertura del suo antro e rivestito d uno strato sensibile la parete che gli serviva da schermo, Platone, sviluppano il fondo della sua caverna, avrebbe ottenuto un gigantesco film; e Dio sa quali conclusioni sbalorditive ci avrebbe lasciato sulla natura della nostra conoscenza e sulle essenze delle nostre idee Paul Valéry

18 32 Domenico Ingenito

19 Come se 33 Verso un autonomia artistica della traduzione letteraria La storia della ricerca di un autonomia artistica della traduzione fotografica del mondo in immagine può essere considerata paradigma parallelo della storia delle teorie sulla traduzione interlinguistica dei testi letterari. Nonostante la pratica della traduzione letteraria sia una costante fondamentale nella storia dei rapporti tra le culture e le letterature, è solo negli ultimi decenni che le teorie sulla traduzione letteraria hanno preso in considerazione l autonomia artistica della traduzione come riscrittura dei testi. È un dato di fatto nell immaginario collettivo della contemporaneità che l atto di traduzione sia un processo trasparente che porta in superficie, sotto un altra forma linguistica, un testo altrimenti inaccessibile. Il dogma della fedeltà al testo di partenza è la maschera che occulta l atto del tradurre. Lyotard 7 considera il feticismo degli oggetti di consumo come l invisibilità del contesto di produzione. Gli oggetti di consumo vengono offerti allo spazio del loro utilizzo occultando le condizioni materiali della loro produzione. Allo stesso modo un testo letterario tradotto si presenta come equivalente del testo originale occultando la natura del rapporto. La storia di Cienaños de soledad di G. G. Marquez tradotto due volte in Persiano, Sad Sal-e Tanha i, ha il colore di un emblema degno della penna di Borges. Il lettore iraniano medio negli anni ottanta aveva l illusione di sfogliare una copia esatta del testo originale, senza sapere che la traduzione era stata compiuta dal testo italiano e senza notare le profonde differenze sul piano del contenuto dovute alla censura, fino agli anni novanta particolarmente aspra nei confronti di ogni descrizione pur delicatamente sensuale. La traduzione della traduzione e l intervento della censura hanno collaborato alla produzione di un testo infedele, lontano dall originale spagnolo, e tanto apprezzato da indurre una folta schiera di giovani 7 JEAN-FRANÇOIS LYOTARD, La condizione postmoderna: rapporto sul sapere, Milano, Feltrinelli, 1985.

20 34 Domenico Ingenito scrittori iraniani a sentirsi partecipi del programma estetico del cosiddetto realismo fantastico di matrice latino-americana. In seguito lo stesso testo, pochi anni fa, è stato ritradotto direttamente dallo spagnolo e con un minore intervento del censore. Nelle librerie di Tehran si trovano quindi due-cento anni di solitudine, uno riflesso imperfetto dell altro, in una posizione dialettica di dichiarata conformità all originale ma ineluttabile e reciproca differenza. Lo scarto dall opera originale è interpretata alla luce di uno scoglio insormontabile, un limite di fronte alla possibilità di tradurre automaticamente senza dicotomie, così come nei primi decenni della storia della fotografia lo scarto dalla realtà che quelle prime immagini sbiadite intrattenevano con il loro referente reale era considerato errore che la tecnologia futura avrebbe suturato. Ma i limiti che intervengono nel processo di riproduzione sotto altra forma, linguistica o figurativa, costruiscono uno spazio intorno al testo originale che coincide con la possibilità di produrre sensi divergenti dalla fonte. Il serbatoio dello scarto, come ogni limite, si presenta come occasione per la rielaborazione di nuovi oggetti, la cui somiglianza mimetica con il modello originale è un accidente più che il fine ultimo del processo di riscrittura. L apertura dei testi, così come teorizzata da Umberto Eco 8, è il senso di ogni comunicazione artistica, che se irrigidita nella logica della mimesi totale porta all asfissia dei significati. Ed è per questo motivo che la storia della letteratura ha sempre presentato i testi come traducibili, trasferibili da un contesto culturale all altro. La traducibilità di un testo diventa una caratteristica ontologica, interna al testo stesso così come è interna al testo l apertura alle interpretazioni. I rapporti tra Oriente e Occidente, prima ancora che l Occidente costruisse l Oriente a immagine della propria alterità, sono stati scanditi dal movimento dei testi. Il valore simbolico della scrittura, nella storia dell Occidente così come in Oriente, nasceva dalla volontà di ritradurre, e quindi reinterpretare testi appartenenti ad altre culture, fissarne i sensi in una forma autoctona e affidarli alla possibilità di essere riscritti per investigarne i sensi futuri. 8 Cfr. UMBERTO ECO, Opera aperta, Milano, Bompiani, 1976.

21 Come se 35 È questa la storia di Kalila e Dimna 9, tradizionalmente specchio per principi indiano che secondo il re persiano Khosrow Anuscirvan doveva contenere le verità ormai perdute della sapienza iranica. Il recupero della propria tradizione partiva da un atto di traduzione, per riportare indietro ciò che il tempo aveva disperso il medico Burzoe si recò in India per tradurre in Medio-Persiano il testo sapienzale. E allo stesso modo, all indomani della conquista araba dell Iran, Ibn Al-Muqaffa decise di tradurre in arabo il testo persiano per preservare una saggezza comune a tutta l umanità e indipendente dalla veste religiosa. Quando poi il testo arabo arrivò alla corte di Alfonso X nella Toledo del tredicesimo secolo, la versione latina, spagnola ed ebraica di Kalila e Dimna diventarono catalizzatori per la produzione letteraria dell intera Europa cristiana. Traduzione e riscrittura si confondevano nella capacità dei testi di riadattarsi al contesto culturale, tanto da rendere la figura del traduttore equivalente a quella dell autore. I contributi post-strutturalisti alla teoria della traduzione hanno preso in esame la possibilità di considerare il problema del rapporto tra testo originale e testo di arrivo alla luce dei contatti tra le culture. È in questo modo che il lavoro di studiosi come Even-Zohar, Lotman e Venuti, infatti, ha contribuito a ridefinire il problema della traduzione letteraria nel contesto più generale di una fenomenologia della traduzione, un paradigma generale in grado di prendere in considerazione il rapporto tra sistemi culturali. Parlare di una teoria generale della traduzione significa capire in che modo le realtà culturali sono in costante rapporto di scambio sul margine di un confine che separa e allo stesso tempo sutura nello spazio di una dialettica tra un al di qua e un al di là del confine. È intorno a una teoria totalizzante dei processi traduttivi che Lotman ha costruito il modello della semiosfera, sistema in grado di descrivere il ruolo che ha la traduzione in quanto trasporto di senso da un limite all altro dei confini che segnano e vincolano la realtà a strutture adiacenti: 9 IBN AL-MUQAFFA, a cura di Andrea Borruso e Mirella Cassarino, Il libro di Kalila e Dimna, Roma, Salerno, 1991.

22 36 Domenico Ingenito La traslazione informativa attraverso questi confini, il gioco tra strutture e sottostrutture diverse, le ininterrotte intrusioni semiotiche dirette di quella o di quell altra struttura nel territorio altrui danno forma alla generazione del senso, alla nascita di nuova informazione. 10 Sul modello della semiosfera come sistema aperto al transito delle informazioni Even-Zohar 11 ha sviluppato una teoria in grado di rendere conto delle relazioni tra sistemi culturali. All interno del polisistema i testi tradotti non sono presi in considerazione in quanto copie di un originale, ma come l introduzione di una serie di motivi, estetiche e stili che influiscono e modificano la cultura d arrivo, e molto spesso la sua stessa lingua. È infatti grazie alle traduzioni delle opere europee che la letteratura persiana fra otto e novecento ha ritrovato vigore, sperimentato nuovi stili e riconsiderato il rapporto con il suo passato e con l Occidente. Fino a modificare il proprio vocabolario, acquisendo un gran numero di parole francesi e inglesi per poi avviare un autocritica di purismo linguistico che ha portato alla creazione di neologismi epurando gran parte dei prestiti arabi che da secoli alloggiavano nel Francese d Oriente. Lo stesso caso del realismo magico della letteratura latino-americana, inizialmente di nicchia, ha superato i suoi margini culturali diventando centro del gusto mondiale, soprattutto negli anni 80 con il riconoscimento del premio Nobel a G.G. Marquez. Da quel momento gran parte delle letterature marginali sono state spinte a rinvigorire il proprio immaginario evocativo, come l Iran sotto le bombe nella guerra contro l Iraq, che ha fatto proprio il realismo fantastico paragonando la propria posizione a quella di tutti i popoli dell universo post-coloniale nell emergere di ideologie politiche e religiose. Ahl-e Ghargh 12, le genti degli abissi, di Moniro Ravanipur, sarà il manifesto del rapporto tra tradizione e innovazione imposta dall occidente, sul filo delle visioni fantastiche vincolate ai racconti popolari del Golfo Persico. Il destino dei testi che varcano i confini delle lingue e dei sistemi culturali in questo modo scorre parallelo al senso delle immagini fotografiche che stimolano l appetito estetico di chi è invitato a guardare 10 JURIJ MIHAJLOVIC LOTMAN, La Semiosfera, Venezia, Marsilio, 1992 [p. 17]. 11 Cfr. EVEN-ZOHAR, La posizione della letteratura tradotta all interno del polisistema letterario, in Teorie contemporanee della traduzione, a cura di Siri Nergaard, Milano, Bompiani, MONIRO RAVANIPUR, Ahl-e qarq, Tehran, Xane-ye aftab, 1369 H. [1990]

23 Come se 37 il mondo dietro l obiettivo del fotografo; le cose tradotte in immagine non sono più riconosciute come copie di un originale frammento di realtà, bensì un analisi in grado di trasformare, negli occhi di chi guarda, la percezione del mondo. Il fotografo diviene quindi interprete della porzione di mondo che traduce, muovendo l è stato dello scatto fotografico tra gli spazi e i tempi, le cose che erano qui ed ora si offrono alla mia visione hic et nunc, anche se non sono esattamente la stessa cosa; dire quasi la stessa cosa concede l apertura necessaria per l interpretazione simbolica di un segno che indica la presenza del referente in un dato momento del tempo. È l illusione di trasparenza che, se irrigidita nella fruizione dei testi, chiude i confini tra le letterature, come argomenta Lawrence Venuti 13, l invisibilità a cui tendono i testi tradotti, il loro sorgere cristallino dal fondo dell opera sacralmente originale, ha reso per secoli invisibile il lavoro dei traduttori, presenza effimera ai piedi degli autori, geni eterni e fautori dei cambiamenti linguistici e culturali nello spirito dei loro tempi. Addomesticamento è il nome che dà Venuti a questo processo, il dogma della traduzione trasparente operata tramite un linguaggio trasparente e che tende a rinchiudere il testo all interno della cultura d arrivo, senza stabilirsi come confine sull alterità, in grado di vivificare non solo il rapporto tra i testi ma anche di modificare, tramite la scelta di una traduzione estraniante, lo spazio di ricezione del testo. È questa estraniazione che ha permesso l elaborazione di alcuni dei maggiori monumenti letterari delle letterature marginali europee. E il caso dell opera di Fernando Pessoa, formatosi sulla base dell imitazione manierista della letteratura vittoriana, nell Africa del Sud a cavallo tra ottocento e novecento, e che si è riappropriato della lingua portoghese come fosse la sua seconda lingua, fino a ravvivarla nel processo di riappropriazione linguistica e culturale, A minha patria é a lìngua portuguesa. 13 Cfr. LAWRENCE VENUTI, The translator s invisibility : a history of translation, London ; New York, Routledge, 1999.

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Pensieri di Reza Kathir

Pensieri di Reza Kathir REZA KATHIR UN PERCORSO Prima che l'uomo inventasse la parola viveva con le immagini, ma in nessun altra epoca come l'attuale l'essere umano ha pensato di essere padrone di ciò che si vede, potendolo fotografare.

Dettagli

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 CONTENUTI. Drammaturgia dell oggetto... 5 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO... 7 DESTINATARI... 7 OBIETTIVI E FINALITÀ DIDATTICHE... 7 2 PREMESSA Dire

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

BOX. glam. viaggi. friend. benefits? OUT OF THE. tendenze. rip it, grind it and lick it. with. Young Talents. ce lêhai un. the beauty of south africa

BOX. glam. viaggi. friend. benefits? OUT OF THE. tendenze. rip it, grind it and lick it. with. Young Talents. ce lêhai un. the beauty of south africa Sped. in A.P. - 70% - LO/MI - BIMESTRALE - ANNO 3 - NUMERO 4 - AGO/SETT 2011 - EURO 4 OUT OF THE BOX ce lêhai un friend with benefits? tendenze Young Talents moda estate the beauty of south africa vacanze

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la PREMESSA Lo studio dei mass media non può mai prescindere dal contesto storico-sociale in cui opera e di cui tratta influenzando, spesso, i soggetti che vi vivono. È sembrato opportuno partire, in questo

Dettagli

P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE. ( Coro per voce sola)

P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE. ( Coro per voce sola) P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE ( Coro per voce sola) Di Marco Brovia Enzo Massa Simona Colonna Mauro Fede IL LIBRO TITOLO: TESTI: IMMAGINI: FORMATO: EDITRICE: STAMPA: IL PESO DELLE PAROLE (Coro per

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA sez. B FARFALLE Anno scolastico 2012-2013 Insegnante: Bordignon Claudia PERCORSO DIDATTICO (ATTIVITÀ) per bambini di 3,4 e 5 anni PREMESSA La scuola dell infanzia rivolge

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Gregorio Scalise Il filosofo Hans Blumenberg parla di esistenza di un inadeguatezza del linguaggio rispetto alla sensazione, topos che ricorre nella poesia, e

Dettagli

laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012

laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012 laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012 TEATRO DEL VENTO SNC Via Valle, 3 24030 Villa d'adda (BG) tel/fax 035/799829 348/3117058 contatto Chiara Magri info@teatrodelvento.it www.teatrodelvento.it A SCUOLA

Dettagli

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 1. VANGELO SECONDO GIOVANNI LEZIONE DEL 21-09-2012 ARGOMENTI: a. Introduzione al corso; i. Il Vangelo di Giovanni parla di che cos

Dettagli

Musica, arti e creatività. Musica e poesia: una partitura nel testo parlato Relazione a due voci di ANNALISA SPADOLINI e MICHELE TORTORICI

Musica, arti e creatività. Musica e poesia: una partitura nel testo parlato Relazione a due voci di ANNALISA SPADOLINI e MICHELE TORTORICI Musica, arti e creatività Il fondamento filosofico del fare musica tutti nel sistema formativo Convegno internazionale di studi IV Edizione Roma, 31 marzo - 1 aprile 2011 Musica e poesia: una partitura

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ 1ΗΣ ΣΕΛΙΔΑΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΕΙΣΑΓΩΓΗΣ ΣΤΗΝ ΤΡΙΤΟΒΑΘΜΙΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΕΙΔΙΚΟΥ ΜΑΘΗΜΑΤΟΣ ΞΕΝΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΕΙΜΕΝΟ PERCHÉ LEGGERE I CLASSICI

Dettagli

Rispondo con piacere ad un invito pensando all occasione dell incontro.

Rispondo con piacere ad un invito pensando all occasione dell incontro. Roberto Latini Che cosa vuol dire direzione artistica? Santarcangelo 2mila8 Scusate. Rispondo con piacere ad un invito pensando all occasione dell incontro. Eppure arrivo a questo appuntamento con qualche

Dettagli

Abitare. le metropoli ", le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi " ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag.

Abitare. le metropoli , le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi  ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag. Diffusione : 189861 Pagina 1: AlMaxxi " Abitare le metropoli " le foto e il libro di Basilico L anticipazione a pag. 21 LUIGI MORETTI Due scatti della mostra che ha inaugurato il museo nel maggio 2010

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Il viaggio: metafora di una visione interdisciplinare

Il viaggio: metafora di una visione interdisciplinare Il viaggio: metafora di una visione interdisciplinare Davide Papotti Università degli Studi di Parma Dipartimento ALEF - Antichistica Lingue Educazione Filosofia Quattro domande Il viaggio e la sua narrazione

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

Il fumetto Creazione di storie per immagini

Il fumetto Creazione di storie per immagini Il fumetto Creazione di storie per immagini Introduzione Il fumetto è un linguaggio che a sua volta utilizza un linguaggio molto semplice. L efficacia di questo mezzo espressivo è resa dall equilibrio

Dettagli

il fotografo 32 Profili d autore grandi maestri di Giovanni Pelloso Irene Kung Dalla pittura alla fotografia con lo stesso impatto espressivo

il fotografo 32 Profili d autore grandi maestri di Giovanni Pelloso Irene Kung Dalla pittura alla fotografia con lo stesso impatto espressivo 32 Profili d autore grandi maestri di Giovanni Pelloso Irene Kung Dalla pittura alla fotografia con lo stesso impatto espressivo 33 34 profili d autore pagina precedente Pingyao 2012, D-print on rag paper

Dettagli

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE. Sai che cosa è la propriocezione? SI SENTIRE TUTTE LE PARTI DEL PROPRIO CORPO IN TESTA. Quindi essere padrone delle singole parti del proprio corpo in ogni momento

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo EpiLog 16 XII 2013 Marco Volpe Sainsbury &Tye, Seven Puzzles of Thought Cap. VI The Methaphysics of Thought La concezione ortodossa riguardo il pensiero è che pensare che p significa essere in un appropriato

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Le biblioteche raccontate a mia fi glia

Le biblioteche raccontate a mia fi glia La collana Conoscere la biblioteca si rivolge direttamente agli utenti delle biblioteche per spiegare, con un linguaggio semplice, il ruolo e i diversi aspetti di questo servizio. Per tali caratteristiche

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro?

Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro? Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro? Marco Deriu docente di Teoria e tecnica delle comunicazioni di massa, Università Cattolica per

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Dio, il mondo e il Big- -Bang

Dio, il mondo e il Big- -Bang Dio, il mondo e il Big- -Bang come parlare di Dio creatore ome ha fatto Dio a fare il Mondo? Dio, i miracoli e le leggi della natura DIO e il Mondo Dio, Adamo ed Eva, e l evoluzione Dio o il Big Bang?

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE Scuola Primaria / Secondaria I grado TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative

Dettagli

Caro amico del Forum,

Caro amico del Forum, LA NAVE DEI FOLLI Caro amico del Forum, in questa lettera vogliamo raccontarti il nostro rumoroso, gioioso, folle progetto e chiedere a te un prezioso contributo. Il progetto si chiama La Nave dei Folli.

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA 1 ANNO SCOLASTICO 2009/2010 L educazione religiosa nella scuola dell infanzia concorre alla formazione integrale del bambino, promovendo la maturazione

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 31 Aiuto, Controllo e Conoscenza Una delle cose di cui necessita sempre

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

Scuola Primaria Catena Classe 1 a

Scuola Primaria Catena Classe 1 a Istituto Comprensivo Statale B. Sestini Scuola Primaria Catena Classe 1 a Segni e Sogni: Dall immagine all immaginato per vivere il nostro territorio Anno scolastico 2009/2010 Referente: Luciana Falegnami

Dettagli

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE Laboratorio in classe: tra forme e numeri GRUPPO FRAZIONI - CLASSI SECONDE DELLA SCUOLA PRIMARIA Docenti: Lidia Abate, Anna Maria Radaelli, Loredana Raffa. IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE 1. UNA FIABA

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

La cultura rivista accessibilità visiva e visibile

La cultura rivista accessibilità visiva e visibile Convegno CULTURA per TUTTI Teatro del Castello di Rivoli 7 dicembre 2011 La cultura rivista accessibilità visiva e visibile Carlo Di Biase - Elena Radutzky Simi Linton Consulente a New York per Disabilità

Dettagli

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione Corso di scrittura creativa Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici Prima Lezione Come nasce una storia Il materiale necessario ad uno scrittore Il corso che viene presentato, di

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Una parola chiave non comune di questo primo brano è speculazione.

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Una parola chiave non comune di questo primo brano è speculazione. Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1c PROVA DI COMPRENSIONE SCRITTA TEST D INGRESSO CHIAVI E PRIMI ESERCIZI a. Legga questo

Dettagli

FOTO ROBERTO DE ROSSI CONFINE

FOTO ROBERTO DE ROSSI CONFINE FOTO ROBERTO DE ROSSI CONFINE Immagini rubate ROBERTO DE ROSSI Roberto De Rossi MOSTRE FOTOGRAFICHE: Nasce a Roma, si trasferisce in America Latina e quando può torna. Commenta con l occhio della sua camera

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

La Sieropositività come condizione cronica

La Sieropositività come condizione cronica La Sieropositività come condizione cronica Alcune parti sono state tratte da: Vivere con HIV: malattia e terapia, nuove speranze e nuove difficoltà Di Maria Bolgiani Centro psicoanalitico di studio dei

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Sintesi della Lingua Italiana dei Segni mediante l utilizzo del Motion Capture e dei metodi procedurali

Sintesi della Lingua Italiana dei Segni mediante l utilizzo del Motion Capture e dei metodi procedurali Sintesi della Lingua Italiana dei Segni mediante l utilizzo del Motion Capture e dei metodi procedurali Andreea Barticel Introduzione Le lingue dei segni rappresentano il mezzo principale di comunicazione

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA PROGETTO MANDALA PER BAMBINI CONOSCERSI, GIOCANDO CON IL MANDALA E possibile imparare la geometria, le scienze, un metodo di studio e rappresentare

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Inchiostro in libertà

Inchiostro in libertà Autopubblicati Inchiostro in libertà di Roberto Monti Ci sono parole nascoste in noi, elementi celati negli angoli invisibili dell anima. Fondamenta per la logica umana Abbiamo tutti il diritto ai nostri

Dettagli

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB.

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 DISCIPLINA: Religione CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ELENCO MODULI 1 Vivere secondo la Bibbia 2 Gesù,

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO L esercizio richiesto consiste nella scelta di un albero e il suo monitoraggio/racconto al fine di sviluppare l osservazione attenta come mezzo per la conoscenza del materiale vegetale. L esercitazione

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Susan Petrilli Il libro di Augusto Ponzio La dissidenza cifrematica è un vero e proprio esercizio di traduzione, nel senso non tanto interlinguale, come passaggio

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N. 3 LA SCUOLA CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno, sono

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

Nuovi pensieri e ricordi. Forse aforismi

Nuovi pensieri e ricordi. Forse aforismi Nuovi pensieri e ricordi Forse aforismi Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Mauro Baldassini NUOVI PENSIERI E RICORDI

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA CURRICOLO DISCIPLINARE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA AREA COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITÀ CONOSCENZE 1 METODO L alunno: L alunno: Imparare ad imparare A. opera applicando un metodo di lavoro efficace,

Dettagli

Materiali per la lezione del 15 novembre 2010 SEGNI, INDICI, ICONE, SIMBOLI

Materiali per la lezione del 15 novembre 2010 SEGNI, INDICI, ICONE, SIMBOLI Materiali per la lezione del 15 novembre 2010 SEGNI, INDICI, ICONE, SIMBOLI Principali accezioni dell italiano segno figura, traccia lasciata su qualcosa: con quella sedia stai riempiendo il muro di segni;

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

PREFAZIONE Bona Borromeo

PREFAZIONE Bona Borromeo 8 PREFAZIONE Bona Borromeo Mi sento molto lusingata di presentare questo piacevolissimo libro sulla fotografia dei giardini, anche se non sono mai stata un abile fotografa nè una brava floricoltrice. Il

Dettagli