UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Agrarie e Alimentari Corso di laurea triennale in Valorizzazione e Tutela dell Ambiente e del Territorio Montano Alla ricerca dei giganti della Val Cavargna: Censimento, localizzazione e rilievo di abeti bianchi secolari in una particella boscata del Comune di Cusino Elaborato finale di Angelinetta Matteo Matricola: Relatore: Professore Paolo Baccolo Anno

2

3 INDICE: 1. DESCRIZIONE DEI TEMI TRATTATI NELLA TESI DESCRIZIONE GENERALE DELL AREA DI STUDIO Inquadramento geografico Inquadramento geologico Inquadramento pedologico Inquadramento climatico Vegetazione presente Relazione tra la presenza di abete bianco, suolo e clima Presenza nell antichità dell abete bianco in Val Cavargna MORFOLOGIA PIANTE Descrizione generale conifere Descrizione abete bianco Habitat Areale di distribuzione Avversità, usi e selvicoltura RILIEVO DELLE PIANTE Descrizione parametri raccolti Descrizione lavori in campo Lista schede di rilievo Considerazioni sui dati raccolti POSIZIONAMENTO DELLE PIANTE Descrizione lavori in campo (strumenti, procedure) Localizzazione con programma G.I.S CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA...59 ALLEGATO1: (Estrazione delle carotine).61 ALLEGATO 2: (Rinnovazione naturale dell abete bianco).65

4 1. DESCRIZIONE DEI TEMI TRATTATI NELLA TESI La presente tesi di laurea ha per oggetto lo studio di una particella boscata. La particella in esame si trova a 1400 m di altezza a circa metà strada tra l abitato di Malè e l alpeggio di Rozzo nel Comune di Cusino, piccolo paesino montano di 200 anime della provincia Comasca nella selvaggia Val Cavargna. La vegetazione presente nella particella è caratterizzata perlopiù da piante che prediligono condizioni climatiche umide e piovose quali i faggi e gli abeti bianchi; nella particella inoltre sono anche presenti: abete rosso, sorbo degli uccellatori, betulle e larici nella parte più alta. La particolarità di questa particella sta nel fatto che le piante presenti sono tutte relativamente giovani, cioè con un età non superiore al secolo di vita, eccetto alcuni abeti bianchi, ben distribuiti all interno della particella che sono molto più longevi con un età che va dai duecento ai trecento anni. Il lavoro di tirocinio ha avuto come scopo il censimento e la localizzazione di questi giganti. Il lavoro si è svolto nell arco di sei mesi diviso in due fasi: una fase in campo o meglio in bosco e una fase di elaborazione dei dati raccolti. La prima si è svolta nei mesi tardo-estivi/autunnali dell anno 2014 durante i quali sono stati effettuati i rilievi dendrometrici per ciascuna delle diciannove piante rinvenute: innanzitutto l estrazione delle carotine per la stima approssimativa dell età mediante l utilizzo di succhiello di Pressler, la misurazione delle altezze mediante ipsometro laser, la misurazione delle circonferenze a petto d uomo mediante l utilizzo di cordicella metrica e altre valutazioni eseguibili visivamente quali: caratteristiche del fusto, stato vegetativo della pianta, presenza di eventuali malattie, contesto in cui è situata la pianta e infine fotografie della pianta. In campo inoltre è stato effettuato anche il rilievo di queste piante mediante: strumentazione GPS (per il rilievo delle coordinate geografiche di latitudine e longitudine), la bussola (per il calcolo del azimut cioè l angolo rispetto al nord di una certa direzione) e l ipsometro laser (per calcolare le distanze tra una pianta e l altra). La seconda fase è stata una fase di elaborazione dei dati raccolti creando innanzitutto delle schedine di rilevamento per ciascuna pianta censita e inoltre mediante l utilizzo del programma GIS ciascuna pianta è stata localizzata dettagliatamente su di una mappa.

5 Inoltre è stato fatto uno studio relativo alle caratteristiche climatiche, geologiche e pedologiche dell area di studio per cercare di dare una spiegazione della presenza di queste piante, considerate rare, proprio in questa zona. 2. DESCRIZIONE GENERALE DELL AREA DI STUDIO 2.1 Inquadramento geografico La Val Cavargna è una valle montana di confine, sita nel territorio delle Alpi Lepontine, nella zona dell Alto Lario occidentale, dista 50 chilometri da Como e si colloca tra il lago di Como e il lago di Lugano (tra Menaggio e Porlezza) con un fascia altimetrica compresa tra i 600 e i 1550 m slm. Essa confina ad ovest con le valli svizzere: Colla e Morobbia, a nord con la Valle Albano, ad est con la Val Senagra e a sud con il comune di Carlazzo. In questa ampia vallata sono dislocati 4 piccoli comuni composti complessivamente da 2300 abitanti. Salendo da Carlazzo percorrendo l unica strada della valle si incontrano in ordine: Cusino (800m), San Bartolomeo Val Cavargna (850m), San Nazzaro Val Cavargna (995m) e in fine Cavargna (1070m) dal quale prende il nome l omonima valle. La nostra particella si trova nel Comune di Cusino a circa 1400 m slm a circa metà strada tra l abitato di Malè (loc. di Cusino) e l Alpeggio di Rozzo. La particella si trova su di un versante molto impervio e umido ed è raggiungibile mediante una pista forestale da Malè. Inquadramento geografico

6 2.2 Inquadramento Geologico La carta geologico-strutturale del basamento sud-alpino del lago di Como è suddivisa in diverse zone o fasce in base al tipo di roccia presente. La nostra particella si trova al limite meridionale della fascia denominata: fascia Dervio-Olgiasca e in questa fascia il tipo di roccia presente è la roccia metamorfica del Basamento cristallino. La fascia è delimitata: a nord dalla linea Insubrica, e a sud dalla linea della Grona. La linea Insubrica è la faglia che scende dal Passo del Tonale, attraversa la Valtellina in senso est-ovest, giunge sul lago di Como a Gravedona e procede verso il lago Maggiore. Questa faglia divide il dominio Alpino vero e proprio (la placca Europea) dal Sud-alpino (la Placca Africana). La linea della Grona, anch essa una faglia ma, di dimensioni più ridotte rispetto a quella Insubrica, è localizzata più a sud e attraversa in senso est-ovest le Alpi Lepontine. A sud della fascia Dervio-Olgiasca, oltre la linea della Grona, le rocce presenti non sono più rocce metamorfiche del basamento cristallino ma bensì dolomie, rocce sedimentarie carbonatiche. Carta pedologica della Regione Lombardia scala 1: da cui si distinguono le due Faglie che delimitano la fascia Dervio-Olgiasca

7 Con il termine Basamento cristallino si intendono tutte quelle rocce di origine metamorfica o magmatica che sono poste sotto di una copertura sedimentaria. Nella letteratura geologica ricorre comunemente la distinzione tra Basamento cristallino e copertura sedimentaria, cioè la distinzione tra un sottostante complesso di rocce magmatiche e metamorfiche e sovrastanti successioni di rocce sedimentarie. Nel caso specifico, il termine Basamento cristallino è riferito a rocce più vecchie di trecento milioni d anni, consolidate nella crosta terrestre soprattutto tra il Cambriano e il Carbonifero e che hanno acquisito i loro caratteri peculiari nel corso delle orogenesi ercinica o pre-ercinica, nonché in quella alpina. Localmente si segnalano testimonianze anche di un età precambriana: sulle Alpi con datazione radiometriche di vario tipo, in Toscana, nel nord e nel sud della Sardegna. Basamento cristallino è presente con una grande varietà di caratteri soprattutto nella catena alpina, dove risulta coinvolto nella struttura a falde della catena stessa; costituisce lembi discontinui in Toscana tra le Alpi Apuane e L Argentario; ha una connotazione alpina anche sull Arco Calabro-peloritano dove risulta fortemente coinvolto anche nelle deformazioni più recenti; è pure largamente esposto in Sardegna dove però conserva inalterati i caratteri derivanti dalla deformazione ercinica. Si parla di protolite, la roccia originaria, sedimentaria o magmatica, da cui le rocce metamorfiche del Basamento cristallino possono essere derivate. Sulle Alpi risalire al protolite è molto difficile a causa del metamorfismo anche di alto grado in cui le rocce del basamento sono comunemente coinvolte, si tratta di filladi, micascisti, gneiss, etc, che comunque sembrerebbero derivare prevalentemente da rocce sedimentarie detritiche del Paleozoico inferiore e medio e da rocce magmatiche soprattutto dell Ordoviciano. In altre regioni invece il metamorfismo di grado più basso non ha cancellato del tutto i caratteri primitivi delle rocce del basamento consentendo di distinguerne meglio la derivazione; se sedimentaria si parla di rocce metasedimentarie, se vulcanica si parla di rocce metavulcaniche. In questi casi è stata possibile la ricostruzione di ordinate successioni stratigrafiche, conservanti talora il loro contenuto in fossili che ne ha favorito la datazione.

8 Le rocce di origine magmatica nel Basamento cristallino sono state riferite a due intervalli temporali: L Ordoviciano e il Carbonifero-Permiano inferiore. Per quanto riguarda l Ordoviciano, si tratta di prodotti di una attività magmatica di tipo acido manifestatasi in forma sia di intrusioni che di effusioni sulle Alpi e in Sardegna. Consistono in ortogneiss derivanti da graniti e granodioriti, in porfiroidi derivanti da rocce vulcaniche e vulcano-clastiche, sono metavulcaniti acide ancora in Sardegna e in Calabria. Sono riferibili all intervallo di tempo esteso tra il Carbonifero e il Permiano inferiore altre intrusioni granitoidi che tagliano il basamento delle Alpi in diversa posizione strutturale; più o meno nello stesso tempo in Sardegna si è formato un batolite esteso su una superficie di circa km 2. Anche le rocce granitiche delle Serre e della Sila sull Arco Calabro-peloritano sono riconducibili a intrusioni di età tardo carbonifera-permiana; quelle della Sila, in particolare, sono espresse da numerosi plutoni riconducibili ad un batolite di 900 km 2. La maggior parte delle rocce del Basamento Cristallino appartiene alla parte superiore della crosta, con alcune eccezioni rilevabili in Calabria e soprattutto sulle Alpi, dove le rocce basiche e ultra basiche della Zona Ivrea-Verbano sono tradizionalmente riferite dagli studiosi alla transizione crosta-mantello. Le principali rocce che costituiscono il basamento Sud-alpino cristallino presente nell alto lago di Como sono micascisti e gneiss definiti comunemente: Micascisti dei laghi e Gneiss di Morbegno. (Micascisto a clorite) Roccia affiorante su un tratto di strada forestale che da Malè pota a Rozzo

9 MICASCISTO Tipo Roccia metamorfica regionale. Chimismo Peleti Componenti Essenziali: quarzo, mica (biotite, muscovite, fengite, paragonite); Accessori: clorite, apatite, tormalina, zircone, pirite, ilmenite, magnetite, grafite; accidentali: andalusite, cordierite, cianite, sillimanite, granato (almandino), staurolite, epidoto, clacite, plagioclasio, glaucofane ecc. Aspetto Colore variabile secondo il tipo di mica: argenteo o grigio per quelli muscovitici, marrone o nero per quelli biotitici; tessitura granoplastica e lepidoblastica spesso a letti alterni, con passaggi a porfiroblastica (granato, cianite, staurolite, andalusite) e peciloblastica (plagioclasio, cordierite, staurolite, ecc); grana molto variabile, da minuta a decisamente grossa, in ogni caso con miche ben distinguibili a occhio nudo (criterio usato per distinguerli dalle filladi, nelle quali le singole lamelle micacee si individuano solo con l aiuto del microscopio); scistosità molto manifesta, piana o poco ondulata, spesso con una lineazione ben sviluppata. La distinzione con gli gneiss è basata sulle dimensioni dei solidi di frattura, sottili nei micascisti, spessi e difficili da ottenere negli gneiss. Grado metamorfico Da medio ad alto facies degli scisti verdi, delle anfiboliti, degli scisti a glaucofane. Nei micascisti delle aree a metamorfismo regionale si riconosce una distribuzione a zona caratteristica, dovuta ad un regolare rapporto tra temperatura e pressione e presenza di alcuni minerali-indice di una ristretta fascia metamorfica associati con altri atipici e non indicativi. Ambiente genetico Derivano da rocce argillose e argilloso-arenacee, anche un poco calcaree, e sono spesso associate a gneiss se le rocce originarie erano un alternanza di argille e arcose. Sono molto comuni nelle aree di basamento delle catene a pieghe fortemente erose. Località In Italia sono comuni tanto nelle Alpi, soprattutto occidentali e centrali, quanto nell Appennino Meridionale (Calabria, Monti Peloritani) e in Sardegna. La varietà più comune è quella dei micascisti granatiferi caratterizzati dalla presenza di cristalli di granato dalle dimensioni variabili da 1 mm a 5 cm talora con staurolite e cianite, note in molte località e soprattutto in Val Formazza, Valle Anzasca, Alto lago di Como, bassa Valtellina e Val Malenco.

10 GNEISS Tipo Roccia metamorfica regionale Chimismo Sialico (da arenaceo a pelitico-arenaceo). Componenti Essenziali: Feldspato (microclino, microclinopertitico, albite o plagioclasi di varia composizione), Mica (muscovite, fengite, biotite); Accessori: epidoto, apatite, tormalina, ortite, magnetite, ilmenite, zircone, monazite, titanite, pirite, pirrotina; Accidentali: Quarzo, clorite, cianite, sillimanite, andalusite, cordierite, granato (almandino), orneblenda, augite ecc. Aspetto Colore in genere chiaro nei litotipi derivati da graniti (ortogneiss) o da rocce arenacee feldspatiche piuttosto pure (arcose), passante a più o meno scuro in quelli contenenti una notevole frazione pelitica, cioè derivati da arenarie impure (arenarie argillose, grovacche, ecc.). Tessitura prevalentemente granoblastica a grana media o grossa, con passaggi a porfiroblastica e peciloblastica (gneiss occhiadino), oppure nematoblastica (gneiss listato o lineato); scistosità poco sviluppata e solo nei tipi ricchi di mica e a grana piuttosto fine (gneiss minuti, gneiss tabulari). Ciò che distingue un micascisto da uno gneiss non è la composizione mineralogica, benché lo gneiss sia in media più ricco di feldspati, ma il tipo di fratturazione: molto più grossolano e difficile in cubetti o lastre spesse negli gneiss, sottile e facile, a causa della maggiore scistosità nei micascisti. Grado metamorfico Da medio a alto (facies delle anfiboliti, sfumante nelle migmatiti); alcuni gneiss sono anche di basso grado (gneiss albitici). Ambiente genetico La maggior parte degli gneiss di derivazione sedimentaria (paragneiss) si forma nel metamorfismo progrado degli scisti con disidratazione della muscovite e trasformazione della stessa in feldspato e silicati di alluminio. Essi rappresentano, quindi uno stadio molto avanzato della trasformazione delle rocce argillose, immediatamente prima dell inizio della rifusione anatettica che da origine alle migmatiti. Si tratta dunque di rocce di alto grado metamorfico. Altri derivano dal metamorfismo di rocce granitiche, granodioritiche e tonalitiche (ortogneiss) e mostrano talora chiare tessiture relitte. In questo caso possono essere anche di grado metamorfico medio o comunque abbastanza basso, perché

11 mantengono la tessitura gneissica per ragioni composizionali primarie, senza che essa stia ad indicare disidratazione avvenuta ad alta temperatura. Località Ortogneiss di derivazione granitoide sono presenti in tutte le Alpi come prodotto del metamorfismo alpino a spese delle plutoniti e migmatiti erciniche e più antiche. Occhiadini sono quelli della falda Antigorio e Monte Leone e dei massicci del Gran Paradiso, del Monte Rosa e del Monte Bianco ( Protogino ) e dei Tauri, talora contenenti orneblenda oltre che biotite. Essi sono comuni anche in Valtellina e in altre zone delle Alpi Centrali. In particolare secondo la carta Geologica della Regione Lombardia alla scala 1: nella zona in cui si trova la nostra particella abbiamo: Micascisti a clorite e Gneiss a clorite e albite (fascia color violetto), leggermente più a nord, sempre nella fascia del Basamento cristallino, abbiamo Micascisti a granato e staurolite (fascia color verde acqua), mentre a sud oltre la fascia Dervio-Olgiasca del Basamento cristallino abbiamo le Dolomie del Triassico. Carta geologica di Regione Lombardia scala 1:

12 2.3 Inquadramento pedologico Il suolo è lo strato più superficiale della crosta terrestre, derivante dall alterazione del substrato roccioso sottostante per azione chimica, fisica e biologica, esercitata da tutti gli agenti superficiali e dagli organismi presenti su di esso. Esistono diversi tipi di suolo in quanto esistono diversi tipi di substrati rocciosi, ma anche il clima incide molto in quanto rocce diverse soggette all azione dello stesso clima danno origine a suoli molto simili. Gneiss e micascisti, che costituiscono il Basamento cristallino della nostra particella, sono rocce metamorfiche che, soprattutto i micascisti, avendo una struttura scistosa e stratificata, si alterano facilmente e possono dare luogo a suoli sabbioso/argillosi anche molto profondi. Nella nostra particella lo spessore del suolo è molto variabile in quanto l elevata pendenza su cui si trova favorisce l erosione nei settori impervi e negli avvallamenti l accumulo nei settori meno impervi. Per questo motivo nella particella possono essere presenti diversi spessori di suolo: dalla roccia affiorante dove c è stata la completa erosione del suolo, ai colluvi in cui il suolo può essere molto profondo e stratificato. Di notevole importanza inoltre è il chimismo dei suoli. Infatti, micascisti e gneiss sono rocce silicee cioè formate perlopiù da silice SiO 2 (essenzialmente quarzo in varia forma o altri minerali sempre silicei) di conseguenza queste rocce daranno suoli silicei o siliceo-argillosi anche molto profondi. Il principale sistema internazionale di classificazione tassonomica dei suoli è il: World Reference Base for Soil. Questo sistema descrive e definisce i gruppi pedologici tenendo in considerazione: Le caratteristiche del suolo Il colore, la tessitura e la struttura del suolo, caratteri dell attività biologica, disposizione dei vuoti e delle concentrazioni pedogenetiche (screziature, cutans, noduli, etc.) così come le determinazioni analitiche (reazione del suolo, distribuzione della dimensione particellare, capacità di scambio cationico, quantità e natura dei sali solubili). Le proprietà del suolo sono combinazioni ( assemblaggi ) di caratteristiche del suolo, notoriamente presenti nei suoli, e che sono considerate indicative di processi di formazione del suolo presenti o passati (per esempio proprietà vertiche, che sono una combinazione di tessitura pesante, mineralogia smectitica, facce di scivolamento,

13 consistenza dura allo stato asciutto, plastica allo stato umido, di suoli che si contraggono quando sono asciutti e si espandono quando sono umidi). Gli orizzonti del suolo sono corpi pedologici tridimensionali che sono più o meno paralleli alla superficie topografica. Ciascun orizzonte presenta una o più proprietà, che si manifestano entro una certa profondità, e che lo caratterizzano. Lo spessore varia da pochi centimetri a diversi metri; più comunemente è di pochi decimetri. I limiti superiore ed inferiore ( confini ) sono graduali e chiari. Lateralmente, l'estensione di un orizzonte del suolo può variare notevolmente, da un metro a diversi chilometri. I suoli sono definiti dalla combinazione verticale degli orizzonti, che si rinvengono entro una profondità definita, e dalla organizzazione laterale ( sequenza ) degli orizzonti del suolo, o dalla loro mancanza, ad una scala che riflette la morfologia o una unità di paesaggio. Secondo la carta pedologica 1: di Regione Lombardia, l unità pedologica presente nella zona della nostra particella è il CAMBISOLS (CM), più a nord, sempre nella fascia Sud-alpina del Basamento cristallino, troviamo l UMBRISOLS (UM) mentre a sud, nella fascia Dolomitica, troviamo il REGOSOLS (RG). Carta pedologica di Regione Lombardia scala 1:250000

14 Cambisols (CM) Etimologia: Dal latino cambiare, modificare. Definizione: Suoli provvisti di orizzonte cambico, oppure con epipedon mollico su orizzonti profondi chimicamente desaturati (TSB <50%). Concetto centrale: Suoli con limitato grado di evoluzione pedogenetica, testimoniato da: Sviluppo di struttura, tinta più arrossata, leggero incremento d argilla, decarbonatazione rispetto al materiale parentale. Accumulo di sostanza organica umificata, chimicamente satura, in suoli con orizzonti profondi desaturati. Materiale parentale: Di origine colluviale, alluvionale o eolica, a tessitura media o fine. Clima, vegetazione naturale, geomorfologia: Tutti i climi; tutte le vegetazioni; tutte le morfologie. Pedon tipico: Orizzonti genetici: A-Bw-C oppure A-Bw-R Orizzonti diagnostici: ocrico-cambico. 2.4 inquadramento climatico L elemento che maggiormente caratterizza la vegetazione è il clima. L azione del clima è ancora più importante della natura del suolo, se si considera che rocce diverse all azione dello stesso clima danno origine a suoli molto simili o che, viceversa rocce analoghe che subiscono l azione di climi distinti originano suoli dissimili. Nel senso più ampio, il clima è la condizione media dell atmosfera in prossimità della superficie terrestre. I componenti che entrano nella descrizione e nella classificazione del clima sono in massima parte gli stessi elementi metereologici utilizzati per descrivere lo stato dell atmosfera in un certo istante. Se la conoscenza del tempo meteorologico si occupa di un evento specifico, il clima rappresenta invece una generalizzazione dello stesso.

15 Occorre sottolineare che, per quanto riguarda la vegetazione, assumono maggiore importanza la frequenza degli aspetti più estremi del clima rispetto alla condizioni medie. Per esempio l areale di distribuzione di alcune specie è maggiormente influenzata dai minimi invernali piuttosto che dalla temperatura media. Nel caso specifico i laghi prealpini svolgono un azione mitigatrice delle temperature in quanto le masse d acqua, funzionando come grandi serbatoi termici, cedono calore nei periodi freddi e lo assorbono in quelli caldi. In realtà anche altri fattori come l umidità atmosferica, i venti, la limpidezza dell aria, la bassa nebbiosità, caratterizzano la fascia climatica lacustre. Il clima è caratterizzato da un escursione termica annuale non molto elevata (circa 18 C) è propria di un clima poco continentale; le temperature massime vengono raggiunte nel mese di luglio, le minime in gennaio. Il numero di giorni di ghiaccio è modesto e limitato al solo periodo invernale, le gelate sono tipiche dei mesi di novembre e di marzo. Quanto alle precipitazioni, sono molto alte poiché superno i 1300 mm/annui; i periodi più piovosi sono concentrati nei mesi primaverili-estivi e autunnali (ottobre); La stagione secca invece, ha la sua massima espressione tra gennaio e febbraio. Nel complesso, tenendo conto delle temperature e delle precipitazioni, il clima tra Lario e Ceresio è di regime termico temperato alle quote modeste. Nella nostra particella che si trova a quote relativamente alte il clima è definito temperato-freddo (in quanto le temperature non superano i 24 C); Dati provenienti dalla stazione meteorologica di Cavargna dell anno 2008(anno con valori climatici medi)

16 Inoltre la nostra particella si trova in una vallata decisamente piovosa soggetta durante l estate a numerosi eventi temporaleschi di notevole intensità, per questo motivo il grafico evidenzia un picchi di precipitazione nei mesi estivi. Dati provenienti dalla stazione di Cavargna dell anno anno 2008 (anno considerato medio) 2.5 Vegetazione presente I boschi che da Malè portano a Rozzo sono costituiti nella quasi esclusività da cedui pressoché puri di faggio, oggi in fase di conversione, con sporadiche presenze di abete rosso e larice, certamente da rimboschimento. Si tratta di cedui composti, irregolarmente matricinati, che si sviluppano su versanti in genere accentuati ed a volte dirupati, utilizzati anche oggi per la esclusiva produzione di legna da ardere, e certamente fino all 800 per la produzione di carbone di legna da destinare ai forni fusori della Val Cavargna. Improvvisamente prima dell alpe Rozzo, si sviluppa la particella oggetto della tesi, che rapidamente accentua la presenza di abete bianco, sia attraverso i grandi esemplari indagati, sia attraverso la presenza di una fustaia di buon sviluppo, a tratti anche a densità piena, che si sviluppa verso l alto fino al crinale che separa la Val Cavargna dalla Val Sanagra, e che si interrompe nettamente in corrispondenza degli estesi pascoli di Rozzo.

17 2.6 Relazione tra la presenza di abete bianco, Suolo e clima Nella fascia geologica Dervio-Olgiasca, gli abeti bianchi sono presenti anche in altre due zone oltre alla Val Cavargna, cioè nella confinante Val Sanagra e in Val Varrone (vallata del versante orientale del lago di Como in provincia di Lecco). Non si può fare a meno di notare come la presenza di abeti bianchi in questa specifica fascia possa non essere del tutto casuale, in quanto si è visto che le caratteristiche pedologiche del suolo presente nella fascia Dervio-Olgiasca (cioè la presenza di silicati nelle rocce che da origine a suoli silicei, profondi e con un ph leggermente acido) corrispondono esattamente con le esigenze pedologiche dell abete bianco. Questo non vuol dire che oltre la fascia del Basamento cristallino non cresca l abete bianco solo perché non ci sono i silicati nelle rocce, semplicemente noto che nella fascia del Basamento cristallino, ricco di silicati, sono presenti gli abeti bianchi, mentre nella vicina fascia dolomitica (ricca di carbonati), oltre la Faglia della Grona, oltre la fascia Dervio-Olgiasca (ad es. nella vicinissima Val Rezzo) non sembrano essere presenti. Il motivo principe potrebbe sicuramente essere la presenza di silicati, ma anche il clima incide moltissimo, in quanto l abete bianco è molto esigente dal punto di vista climatico: infatti non cresce dappertutto nella fascia del Basamento cristallino ma cresce solo in vallate piovose, umide e ad una certa quota altimetrica. 2.7 Presenza nell antichità dell abete bianco in Val Cavargna In seguito a diverse ricognizioni a scopo archeologico effettuate dai Musei Civici di Como, (Laboratorio di archeologia), nelle Alpi Lepontine meridionali e precisamente in Val Cavargna, sono stati messi in evidenza alcuni punti, a quote differenti, caratterizzati da orizzonti del suolo contenenti fustoli di legno combusto; essi derivano probabilmente da incendi boschivi applicati in passato come sistema di deforestazione antropica. La ricerca è stata attuata con l applicazione di analisi pedoantrocologiche; l obbiettivo immediato è stato quello di verificare la presenza, nei diversi orizzonti, delle tracce degli incendi mediante l individuazione dei carboni di legno in essi presenti. L esame e lo studio dei carboni sono stati utilizzati per conoscere la successione delle associazioni vegetali che si sono avvicendate durante l olocene.

18 Grazie al lavoro di tirocinio e tesi del dott. Procacci Giovanni: Uso del territorio e deforestazione in Val Cavargna (Alpi Lepontine meridionali) fra terzo millennio a.c. e primo millennio d.c.: un caso di studio pedoantracologico. In Val Cavargna sono stati individuati, campionati e descritti dal punto di vista pedologico 12 profili di suolo e gli orizzonti di ciascun profilo sono stati analizzati in laboratorio. L analisi antracologica è stata eseguita su 1003 carboni e ha permesso di distinguere i seguenti taxa: Abies alba, Picea/Larix, Salix/Populus, Betula sp., Prunus sp., Alnus viridis DC., cfr. Alnus, Alnus/Corylus, cfr. Corylus, Fagus sylvatica, Quercus sez. ROBUR, Laburnum anagyroides/alpinum, cfr. Laburnum, Acer sp., cfr Acer, Ericaceae, cfr. Fraxinus, cfr. Cornus. I risultati delle analisi antracologiche sono stati elaborati statisticamente mediante tabelle e grafici; l analisi ha evidenziato: nella parte più bassa dei versanti, la presenza dominante di abete bianco (Abies alba) negli orizzonti più profondi e di faggio (Fagus sylvatica) in quelli più superficiali. Nei profili situati sopra il limite della vegetazione arborea si è riscontrata la presenza dominante di abete bianco fino agli orizzonti più superficiali. Gli ultimi profili, a oltre 1700 m di quota, sono caratterizzati da orizzonti carboniosi ricchi di frustoli di Ericaceae Questo accurato lavoro di tesi ci dice che: prima dal terzo millennio a.c il limite arboreo in Val Cavargna fosse molto più alto di quello attuale; e che gli ormai rari abeti bianchi presenti attualmente, un tempo occupavano interi versanti di montagne.

19 3. MORFOLOGIA PIANTE 3.1 Descrizione generale delle conifere Sono definite conifere tutte le piante portatrici di cono cioè di strobilo. Gli esseri viventi più alti, più grossi, più massicci e longevi sono conifere. Nella stragrande maggioranza dei casi le conifere sono sempreverdi e le foglie possono rimanere per molti anni sulla pianta e in alcuni generi il fogliame giovanile appare differente da quello adulto mentre i generi: Larix, Taxodium e Metasequoia perdono le foglie nei mesi autunnali rimanendo spogli durante tutto l'inverno. Le conifere costituiscono la classe più importante delle gymnospermae e comprendono numerose famiglie. Dal punto di vista economico i generi più importanti sono 4: il genere Abies che è rappresentato da una sola specie cioè l abete bianco (Abies alba) e così pure il genere Picea (Picea excelsa) ed il gener Larix (Larix decidua), mentre del genere Pinus si contano 8 specie cioè: il Pino silvestre (Pinus silvestris), I Pini nero e laricio (Pinus nigra), il Pino montano (Pinus mugo), il Pino domestico (Pinus pinea), Il Pinasto (Pinus pinaster), il Pino d aleppo (Pinus halepensis), Il Pino loricato (Pinus leucodermis ) e il Cembro ( Pinus cembra). Le specie di conifere che incontriamo sulle nostre montagne e lungo le nostre spiagge sono relativamente poche, ma alcune sono molto sociali in quanto formano grandi masse (boschi, foreste) che danno una fisionomia particolare al paesaggio e, per le utilizzazioni che l uomo ne trae, assumono grande importanza economica. Le conifere sono piante resinose, perché secernono una specie di oleoresina detta Trementina. Tali sostanze sono formate per l attività di speciali cellule tappezzanti dette canali resiniferi che sono situati specialmente nella corteccia ma che possono trovarsi anche nelle foglie, nei frutti, nei semi e spesso pure nel legno. Tra le conifere il solo tasso è del tutto sprovvisto di questi canali e quindi non è resinoso.

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

Struttura della foglia

Struttura della foglia Struttura della foglia La struttura delle foglie varia per grandezza e forma apice nervatura lamina fogliare base stipole picciolo Forma della lamina fogliare a squama ad ago lineare ellittica ovale lanceolata

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA Studio G E O E C O S Dott. Geol. G. MENZIO Programmazione Territoriale-Geotecnica-Idrogeologia Sede : Via Cavour 34 - SAMPEYRE (CN) Tel0175977186-Fax1782737211-Cel.3402572786-mail:geoecos@libero.it Indirizzo

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

Allegato I tipi forestali. Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO

Allegato I tipi forestali. Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO 2 INDICE QUERCETI... 4 CASTAGNETI SU SUBSTRATI SCIOLTI... 6 CASTAGNETI SU SUBSTRATI SILICATICI... 8 ACERI-FRASSINETI

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Adriano Barbi, Federica Checchetto, Irene Delillo, Francesco Rech Servizio Meteorologico Teolo (PD) ARPAV, Dipartimento Regionale Sicurezza del Territorio

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa?

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa? 1. Quando si devono potare le rose? a) I Rosai rampicanti e arbustivi: non si potano in quanto fioriscono sui rami (sarmenti) dell anno precedente; se potiamo, la produzione di fiori viene ridotta a circa

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali Marco Pellegrini Dipartimento TESAF Università degli Studi di Padova marco.pellegrini@unipd.it

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno

Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno Lucia Corbo e Nicola Scarpel Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno 2 SD ALTEZZA DEL SOLE E LATITUDINE Per il moto di Rivoluzione che la Terra compie in un anno intorno al Sole, ad un osservatore

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

Stazionamento di una montatura equatoriale

Stazionamento di una montatura equatoriale Stazionamento di una montatura equatoriale Autore: Focosi Stefano Strumentazione: Celestron SCT C8 su Vixen SP (Super Polaris) Sistema di puntamento: Vixen SkySensor 2000 Sito osservativo: Loc. Molin Nuovo,

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA Escursioni di Educazione Ambientale per la Scuola Media Proposte per l A.S. 2014-2015 Itinerari escursionistici disponibili (eco)sistema della Diga di Gurone.

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

COMUNE DI TRAREGO VIGGIONA via Passo della Piazza,1 TRAREGO VIGGIONA

COMUNE DI TRAREGO VIGGIONA via Passo della Piazza,1 TRAREGO VIGGIONA COMUNE DI TRAREGO VIGGIONA via Passo della Piazza,1 TRAREGO VIGGIONA INCENTIVI PREVISTI DAL P.S.R. 2007-2013 REGIONE PIEMONTE REALIZZAZIONE DI INVESTIMENTI VOLTI AL MIGLIORAMENTO DELL AMBIENTE E DELLA

Dettagli

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces. .2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 2Modifiche in atto. Gli impatti Il riscaldamento globale Evidenze

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli