UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Agrarie e Alimentari Corso di laurea triennale in Valorizzazione e Tutela dell Ambiente e del Territorio Montano Alla ricerca dei giganti della Val Cavargna: Censimento, localizzazione e rilievo di abeti bianchi secolari in una particella boscata del Comune di Cusino Elaborato finale di Angelinetta Matteo Matricola: Relatore: Professore Paolo Baccolo Anno

2

3 INDICE: 1. DESCRIZIONE DEI TEMI TRATTATI NELLA TESI DESCRIZIONE GENERALE DELL AREA DI STUDIO Inquadramento geografico Inquadramento geologico Inquadramento pedologico Inquadramento climatico Vegetazione presente Relazione tra la presenza di abete bianco, suolo e clima Presenza nell antichità dell abete bianco in Val Cavargna MORFOLOGIA PIANTE Descrizione generale conifere Descrizione abete bianco Habitat Areale di distribuzione Avversità, usi e selvicoltura RILIEVO DELLE PIANTE Descrizione parametri raccolti Descrizione lavori in campo Lista schede di rilievo Considerazioni sui dati raccolti POSIZIONAMENTO DELLE PIANTE Descrizione lavori in campo (strumenti, procedure) Localizzazione con programma G.I.S CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA...59 ALLEGATO1: (Estrazione delle carotine).61 ALLEGATO 2: (Rinnovazione naturale dell abete bianco).65

4 1. DESCRIZIONE DEI TEMI TRATTATI NELLA TESI La presente tesi di laurea ha per oggetto lo studio di una particella boscata. La particella in esame si trova a 1400 m di altezza a circa metà strada tra l abitato di Malè e l alpeggio di Rozzo nel Comune di Cusino, piccolo paesino montano di 200 anime della provincia Comasca nella selvaggia Val Cavargna. La vegetazione presente nella particella è caratterizzata perlopiù da piante che prediligono condizioni climatiche umide e piovose quali i faggi e gli abeti bianchi; nella particella inoltre sono anche presenti: abete rosso, sorbo degli uccellatori, betulle e larici nella parte più alta. La particolarità di questa particella sta nel fatto che le piante presenti sono tutte relativamente giovani, cioè con un età non superiore al secolo di vita, eccetto alcuni abeti bianchi, ben distribuiti all interno della particella che sono molto più longevi con un età che va dai duecento ai trecento anni. Il lavoro di tirocinio ha avuto come scopo il censimento e la localizzazione di questi giganti. Il lavoro si è svolto nell arco di sei mesi diviso in due fasi: una fase in campo o meglio in bosco e una fase di elaborazione dei dati raccolti. La prima si è svolta nei mesi tardo-estivi/autunnali dell anno 2014 durante i quali sono stati effettuati i rilievi dendrometrici per ciascuna delle diciannove piante rinvenute: innanzitutto l estrazione delle carotine per la stima approssimativa dell età mediante l utilizzo di succhiello di Pressler, la misurazione delle altezze mediante ipsometro laser, la misurazione delle circonferenze a petto d uomo mediante l utilizzo di cordicella metrica e altre valutazioni eseguibili visivamente quali: caratteristiche del fusto, stato vegetativo della pianta, presenza di eventuali malattie, contesto in cui è situata la pianta e infine fotografie della pianta. In campo inoltre è stato effettuato anche il rilievo di queste piante mediante: strumentazione GPS (per il rilievo delle coordinate geografiche di latitudine e longitudine), la bussola (per il calcolo del azimut cioè l angolo rispetto al nord di una certa direzione) e l ipsometro laser (per calcolare le distanze tra una pianta e l altra). La seconda fase è stata una fase di elaborazione dei dati raccolti creando innanzitutto delle schedine di rilevamento per ciascuna pianta censita e inoltre mediante l utilizzo del programma GIS ciascuna pianta è stata localizzata dettagliatamente su di una mappa.

5 Inoltre è stato fatto uno studio relativo alle caratteristiche climatiche, geologiche e pedologiche dell area di studio per cercare di dare una spiegazione della presenza di queste piante, considerate rare, proprio in questa zona. 2. DESCRIZIONE GENERALE DELL AREA DI STUDIO 2.1 Inquadramento geografico La Val Cavargna è una valle montana di confine, sita nel territorio delle Alpi Lepontine, nella zona dell Alto Lario occidentale, dista 50 chilometri da Como e si colloca tra il lago di Como e il lago di Lugano (tra Menaggio e Porlezza) con un fascia altimetrica compresa tra i 600 e i 1550 m slm. Essa confina ad ovest con le valli svizzere: Colla e Morobbia, a nord con la Valle Albano, ad est con la Val Senagra e a sud con il comune di Carlazzo. In questa ampia vallata sono dislocati 4 piccoli comuni composti complessivamente da 2300 abitanti. Salendo da Carlazzo percorrendo l unica strada della valle si incontrano in ordine: Cusino (800m), San Bartolomeo Val Cavargna (850m), San Nazzaro Val Cavargna (995m) e in fine Cavargna (1070m) dal quale prende il nome l omonima valle. La nostra particella si trova nel Comune di Cusino a circa 1400 m slm a circa metà strada tra l abitato di Malè (loc. di Cusino) e l Alpeggio di Rozzo. La particella si trova su di un versante molto impervio e umido ed è raggiungibile mediante una pista forestale da Malè. Inquadramento geografico

6 2.2 Inquadramento Geologico La carta geologico-strutturale del basamento sud-alpino del lago di Como è suddivisa in diverse zone o fasce in base al tipo di roccia presente. La nostra particella si trova al limite meridionale della fascia denominata: fascia Dervio-Olgiasca e in questa fascia il tipo di roccia presente è la roccia metamorfica del Basamento cristallino. La fascia è delimitata: a nord dalla linea Insubrica, e a sud dalla linea della Grona. La linea Insubrica è la faglia che scende dal Passo del Tonale, attraversa la Valtellina in senso est-ovest, giunge sul lago di Como a Gravedona e procede verso il lago Maggiore. Questa faglia divide il dominio Alpino vero e proprio (la placca Europea) dal Sud-alpino (la Placca Africana). La linea della Grona, anch essa una faglia ma, di dimensioni più ridotte rispetto a quella Insubrica, è localizzata più a sud e attraversa in senso est-ovest le Alpi Lepontine. A sud della fascia Dervio-Olgiasca, oltre la linea della Grona, le rocce presenti non sono più rocce metamorfiche del basamento cristallino ma bensì dolomie, rocce sedimentarie carbonatiche. Carta pedologica della Regione Lombardia scala 1: da cui si distinguono le due Faglie che delimitano la fascia Dervio-Olgiasca

7 Con il termine Basamento cristallino si intendono tutte quelle rocce di origine metamorfica o magmatica che sono poste sotto di una copertura sedimentaria. Nella letteratura geologica ricorre comunemente la distinzione tra Basamento cristallino e copertura sedimentaria, cioè la distinzione tra un sottostante complesso di rocce magmatiche e metamorfiche e sovrastanti successioni di rocce sedimentarie. Nel caso specifico, il termine Basamento cristallino è riferito a rocce più vecchie di trecento milioni d anni, consolidate nella crosta terrestre soprattutto tra il Cambriano e il Carbonifero e che hanno acquisito i loro caratteri peculiari nel corso delle orogenesi ercinica o pre-ercinica, nonché in quella alpina. Localmente si segnalano testimonianze anche di un età precambriana: sulle Alpi con datazione radiometriche di vario tipo, in Toscana, nel nord e nel sud della Sardegna. Basamento cristallino è presente con una grande varietà di caratteri soprattutto nella catena alpina, dove risulta coinvolto nella struttura a falde della catena stessa; costituisce lembi discontinui in Toscana tra le Alpi Apuane e L Argentario; ha una connotazione alpina anche sull Arco Calabro-peloritano dove risulta fortemente coinvolto anche nelle deformazioni più recenti; è pure largamente esposto in Sardegna dove però conserva inalterati i caratteri derivanti dalla deformazione ercinica. Si parla di protolite, la roccia originaria, sedimentaria o magmatica, da cui le rocce metamorfiche del Basamento cristallino possono essere derivate. Sulle Alpi risalire al protolite è molto difficile a causa del metamorfismo anche di alto grado in cui le rocce del basamento sono comunemente coinvolte, si tratta di filladi, micascisti, gneiss, etc, che comunque sembrerebbero derivare prevalentemente da rocce sedimentarie detritiche del Paleozoico inferiore e medio e da rocce magmatiche soprattutto dell Ordoviciano. In altre regioni invece il metamorfismo di grado più basso non ha cancellato del tutto i caratteri primitivi delle rocce del basamento consentendo di distinguerne meglio la derivazione; se sedimentaria si parla di rocce metasedimentarie, se vulcanica si parla di rocce metavulcaniche. In questi casi è stata possibile la ricostruzione di ordinate successioni stratigrafiche, conservanti talora il loro contenuto in fossili che ne ha favorito la datazione.

8 Le rocce di origine magmatica nel Basamento cristallino sono state riferite a due intervalli temporali: L Ordoviciano e il Carbonifero-Permiano inferiore. Per quanto riguarda l Ordoviciano, si tratta di prodotti di una attività magmatica di tipo acido manifestatasi in forma sia di intrusioni che di effusioni sulle Alpi e in Sardegna. Consistono in ortogneiss derivanti da graniti e granodioriti, in porfiroidi derivanti da rocce vulcaniche e vulcano-clastiche, sono metavulcaniti acide ancora in Sardegna e in Calabria. Sono riferibili all intervallo di tempo esteso tra il Carbonifero e il Permiano inferiore altre intrusioni granitoidi che tagliano il basamento delle Alpi in diversa posizione strutturale; più o meno nello stesso tempo in Sardegna si è formato un batolite esteso su una superficie di circa km 2. Anche le rocce granitiche delle Serre e della Sila sull Arco Calabro-peloritano sono riconducibili a intrusioni di età tardo carbonifera-permiana; quelle della Sila, in particolare, sono espresse da numerosi plutoni riconducibili ad un batolite di 900 km 2. La maggior parte delle rocce del Basamento Cristallino appartiene alla parte superiore della crosta, con alcune eccezioni rilevabili in Calabria e soprattutto sulle Alpi, dove le rocce basiche e ultra basiche della Zona Ivrea-Verbano sono tradizionalmente riferite dagli studiosi alla transizione crosta-mantello. Le principali rocce che costituiscono il basamento Sud-alpino cristallino presente nell alto lago di Como sono micascisti e gneiss definiti comunemente: Micascisti dei laghi e Gneiss di Morbegno. (Micascisto a clorite) Roccia affiorante su un tratto di strada forestale che da Malè pota a Rozzo

9 MICASCISTO Tipo Roccia metamorfica regionale. Chimismo Peleti Componenti Essenziali: quarzo, mica (biotite, muscovite, fengite, paragonite); Accessori: clorite, apatite, tormalina, zircone, pirite, ilmenite, magnetite, grafite; accidentali: andalusite, cordierite, cianite, sillimanite, granato (almandino), staurolite, epidoto, clacite, plagioclasio, glaucofane ecc. Aspetto Colore variabile secondo il tipo di mica: argenteo o grigio per quelli muscovitici, marrone o nero per quelli biotitici; tessitura granoplastica e lepidoblastica spesso a letti alterni, con passaggi a porfiroblastica (granato, cianite, staurolite, andalusite) e peciloblastica (plagioclasio, cordierite, staurolite, ecc); grana molto variabile, da minuta a decisamente grossa, in ogni caso con miche ben distinguibili a occhio nudo (criterio usato per distinguerli dalle filladi, nelle quali le singole lamelle micacee si individuano solo con l aiuto del microscopio); scistosità molto manifesta, piana o poco ondulata, spesso con una lineazione ben sviluppata. La distinzione con gli gneiss è basata sulle dimensioni dei solidi di frattura, sottili nei micascisti, spessi e difficili da ottenere negli gneiss. Grado metamorfico Da medio ad alto facies degli scisti verdi, delle anfiboliti, degli scisti a glaucofane. Nei micascisti delle aree a metamorfismo regionale si riconosce una distribuzione a zona caratteristica, dovuta ad un regolare rapporto tra temperatura e pressione e presenza di alcuni minerali-indice di una ristretta fascia metamorfica associati con altri atipici e non indicativi. Ambiente genetico Derivano da rocce argillose e argilloso-arenacee, anche un poco calcaree, e sono spesso associate a gneiss se le rocce originarie erano un alternanza di argille e arcose. Sono molto comuni nelle aree di basamento delle catene a pieghe fortemente erose. Località In Italia sono comuni tanto nelle Alpi, soprattutto occidentali e centrali, quanto nell Appennino Meridionale (Calabria, Monti Peloritani) e in Sardegna. La varietà più comune è quella dei micascisti granatiferi caratterizzati dalla presenza di cristalli di granato dalle dimensioni variabili da 1 mm a 5 cm talora con staurolite e cianite, note in molte località e soprattutto in Val Formazza, Valle Anzasca, Alto lago di Como, bassa Valtellina e Val Malenco.

10 GNEISS Tipo Roccia metamorfica regionale Chimismo Sialico (da arenaceo a pelitico-arenaceo). Componenti Essenziali: Feldspato (microclino, microclinopertitico, albite o plagioclasi di varia composizione), Mica (muscovite, fengite, biotite); Accessori: epidoto, apatite, tormalina, ortite, magnetite, ilmenite, zircone, monazite, titanite, pirite, pirrotina; Accidentali: Quarzo, clorite, cianite, sillimanite, andalusite, cordierite, granato (almandino), orneblenda, augite ecc. Aspetto Colore in genere chiaro nei litotipi derivati da graniti (ortogneiss) o da rocce arenacee feldspatiche piuttosto pure (arcose), passante a più o meno scuro in quelli contenenti una notevole frazione pelitica, cioè derivati da arenarie impure (arenarie argillose, grovacche, ecc.). Tessitura prevalentemente granoblastica a grana media o grossa, con passaggi a porfiroblastica e peciloblastica (gneiss occhiadino), oppure nematoblastica (gneiss listato o lineato); scistosità poco sviluppata e solo nei tipi ricchi di mica e a grana piuttosto fine (gneiss minuti, gneiss tabulari). Ciò che distingue un micascisto da uno gneiss non è la composizione mineralogica, benché lo gneiss sia in media più ricco di feldspati, ma il tipo di fratturazione: molto più grossolano e difficile in cubetti o lastre spesse negli gneiss, sottile e facile, a causa della maggiore scistosità nei micascisti. Grado metamorfico Da medio a alto (facies delle anfiboliti, sfumante nelle migmatiti); alcuni gneiss sono anche di basso grado (gneiss albitici). Ambiente genetico La maggior parte degli gneiss di derivazione sedimentaria (paragneiss) si forma nel metamorfismo progrado degli scisti con disidratazione della muscovite e trasformazione della stessa in feldspato e silicati di alluminio. Essi rappresentano, quindi uno stadio molto avanzato della trasformazione delle rocce argillose, immediatamente prima dell inizio della rifusione anatettica che da origine alle migmatiti. Si tratta dunque di rocce di alto grado metamorfico. Altri derivano dal metamorfismo di rocce granitiche, granodioritiche e tonalitiche (ortogneiss) e mostrano talora chiare tessiture relitte. In questo caso possono essere anche di grado metamorfico medio o comunque abbastanza basso, perché

11 mantengono la tessitura gneissica per ragioni composizionali primarie, senza che essa stia ad indicare disidratazione avvenuta ad alta temperatura. Località Ortogneiss di derivazione granitoide sono presenti in tutte le Alpi come prodotto del metamorfismo alpino a spese delle plutoniti e migmatiti erciniche e più antiche. Occhiadini sono quelli della falda Antigorio e Monte Leone e dei massicci del Gran Paradiso, del Monte Rosa e del Monte Bianco ( Protogino ) e dei Tauri, talora contenenti orneblenda oltre che biotite. Essi sono comuni anche in Valtellina e in altre zone delle Alpi Centrali. In particolare secondo la carta Geologica della Regione Lombardia alla scala 1: nella zona in cui si trova la nostra particella abbiamo: Micascisti a clorite e Gneiss a clorite e albite (fascia color violetto), leggermente più a nord, sempre nella fascia del Basamento cristallino, abbiamo Micascisti a granato e staurolite (fascia color verde acqua), mentre a sud oltre la fascia Dervio-Olgiasca del Basamento cristallino abbiamo le Dolomie del Triassico. Carta geologica di Regione Lombardia scala 1:

12 2.3 Inquadramento pedologico Il suolo è lo strato più superficiale della crosta terrestre, derivante dall alterazione del substrato roccioso sottostante per azione chimica, fisica e biologica, esercitata da tutti gli agenti superficiali e dagli organismi presenti su di esso. Esistono diversi tipi di suolo in quanto esistono diversi tipi di substrati rocciosi, ma anche il clima incide molto in quanto rocce diverse soggette all azione dello stesso clima danno origine a suoli molto simili. Gneiss e micascisti, che costituiscono il Basamento cristallino della nostra particella, sono rocce metamorfiche che, soprattutto i micascisti, avendo una struttura scistosa e stratificata, si alterano facilmente e possono dare luogo a suoli sabbioso/argillosi anche molto profondi. Nella nostra particella lo spessore del suolo è molto variabile in quanto l elevata pendenza su cui si trova favorisce l erosione nei settori impervi e negli avvallamenti l accumulo nei settori meno impervi. Per questo motivo nella particella possono essere presenti diversi spessori di suolo: dalla roccia affiorante dove c è stata la completa erosione del suolo, ai colluvi in cui il suolo può essere molto profondo e stratificato. Di notevole importanza inoltre è il chimismo dei suoli. Infatti, micascisti e gneiss sono rocce silicee cioè formate perlopiù da silice SiO 2 (essenzialmente quarzo in varia forma o altri minerali sempre silicei) di conseguenza queste rocce daranno suoli silicei o siliceo-argillosi anche molto profondi. Il principale sistema internazionale di classificazione tassonomica dei suoli è il: World Reference Base for Soil. Questo sistema descrive e definisce i gruppi pedologici tenendo in considerazione: Le caratteristiche del suolo Il colore, la tessitura e la struttura del suolo, caratteri dell attività biologica, disposizione dei vuoti e delle concentrazioni pedogenetiche (screziature, cutans, noduli, etc.) così come le determinazioni analitiche (reazione del suolo, distribuzione della dimensione particellare, capacità di scambio cationico, quantità e natura dei sali solubili). Le proprietà del suolo sono combinazioni ( assemblaggi ) di caratteristiche del suolo, notoriamente presenti nei suoli, e che sono considerate indicative di processi di formazione del suolo presenti o passati (per esempio proprietà vertiche, che sono una combinazione di tessitura pesante, mineralogia smectitica, facce di scivolamento,

13 consistenza dura allo stato asciutto, plastica allo stato umido, di suoli che si contraggono quando sono asciutti e si espandono quando sono umidi). Gli orizzonti del suolo sono corpi pedologici tridimensionali che sono più o meno paralleli alla superficie topografica. Ciascun orizzonte presenta una o più proprietà, che si manifestano entro una certa profondità, e che lo caratterizzano. Lo spessore varia da pochi centimetri a diversi metri; più comunemente è di pochi decimetri. I limiti superiore ed inferiore ( confini ) sono graduali e chiari. Lateralmente, l'estensione di un orizzonte del suolo può variare notevolmente, da un metro a diversi chilometri. I suoli sono definiti dalla combinazione verticale degli orizzonti, che si rinvengono entro una profondità definita, e dalla organizzazione laterale ( sequenza ) degli orizzonti del suolo, o dalla loro mancanza, ad una scala che riflette la morfologia o una unità di paesaggio. Secondo la carta pedologica 1: di Regione Lombardia, l unità pedologica presente nella zona della nostra particella è il CAMBISOLS (CM), più a nord, sempre nella fascia Sud-alpina del Basamento cristallino, troviamo l UMBRISOLS (UM) mentre a sud, nella fascia Dolomitica, troviamo il REGOSOLS (RG). Carta pedologica di Regione Lombardia scala 1:250000

14 Cambisols (CM) Etimologia: Dal latino cambiare, modificare. Definizione: Suoli provvisti di orizzonte cambico, oppure con epipedon mollico su orizzonti profondi chimicamente desaturati (TSB <50%). Concetto centrale: Suoli con limitato grado di evoluzione pedogenetica, testimoniato da: Sviluppo di struttura, tinta più arrossata, leggero incremento d argilla, decarbonatazione rispetto al materiale parentale. Accumulo di sostanza organica umificata, chimicamente satura, in suoli con orizzonti profondi desaturati. Materiale parentale: Di origine colluviale, alluvionale o eolica, a tessitura media o fine. Clima, vegetazione naturale, geomorfologia: Tutti i climi; tutte le vegetazioni; tutte le morfologie. Pedon tipico: Orizzonti genetici: A-Bw-C oppure A-Bw-R Orizzonti diagnostici: ocrico-cambico. 2.4 inquadramento climatico L elemento che maggiormente caratterizza la vegetazione è il clima. L azione del clima è ancora più importante della natura del suolo, se si considera che rocce diverse all azione dello stesso clima danno origine a suoli molto simili o che, viceversa rocce analoghe che subiscono l azione di climi distinti originano suoli dissimili. Nel senso più ampio, il clima è la condizione media dell atmosfera in prossimità della superficie terrestre. I componenti che entrano nella descrizione e nella classificazione del clima sono in massima parte gli stessi elementi metereologici utilizzati per descrivere lo stato dell atmosfera in un certo istante. Se la conoscenza del tempo meteorologico si occupa di un evento specifico, il clima rappresenta invece una generalizzazione dello stesso.

15 Occorre sottolineare che, per quanto riguarda la vegetazione, assumono maggiore importanza la frequenza degli aspetti più estremi del clima rispetto alla condizioni medie. Per esempio l areale di distribuzione di alcune specie è maggiormente influenzata dai minimi invernali piuttosto che dalla temperatura media. Nel caso specifico i laghi prealpini svolgono un azione mitigatrice delle temperature in quanto le masse d acqua, funzionando come grandi serbatoi termici, cedono calore nei periodi freddi e lo assorbono in quelli caldi. In realtà anche altri fattori come l umidità atmosferica, i venti, la limpidezza dell aria, la bassa nebbiosità, caratterizzano la fascia climatica lacustre. Il clima è caratterizzato da un escursione termica annuale non molto elevata (circa 18 C) è propria di un clima poco continentale; le temperature massime vengono raggiunte nel mese di luglio, le minime in gennaio. Il numero di giorni di ghiaccio è modesto e limitato al solo periodo invernale, le gelate sono tipiche dei mesi di novembre e di marzo. Quanto alle precipitazioni, sono molto alte poiché superno i 1300 mm/annui; i periodi più piovosi sono concentrati nei mesi primaverili-estivi e autunnali (ottobre); La stagione secca invece, ha la sua massima espressione tra gennaio e febbraio. Nel complesso, tenendo conto delle temperature e delle precipitazioni, il clima tra Lario e Ceresio è di regime termico temperato alle quote modeste. Nella nostra particella che si trova a quote relativamente alte il clima è definito temperato-freddo (in quanto le temperature non superano i 24 C); Dati provenienti dalla stazione meteorologica di Cavargna dell anno 2008(anno con valori climatici medi)

16 Inoltre la nostra particella si trova in una vallata decisamente piovosa soggetta durante l estate a numerosi eventi temporaleschi di notevole intensità, per questo motivo il grafico evidenzia un picchi di precipitazione nei mesi estivi. Dati provenienti dalla stazione di Cavargna dell anno anno 2008 (anno considerato medio) 2.5 Vegetazione presente I boschi che da Malè portano a Rozzo sono costituiti nella quasi esclusività da cedui pressoché puri di faggio, oggi in fase di conversione, con sporadiche presenze di abete rosso e larice, certamente da rimboschimento. Si tratta di cedui composti, irregolarmente matricinati, che si sviluppano su versanti in genere accentuati ed a volte dirupati, utilizzati anche oggi per la esclusiva produzione di legna da ardere, e certamente fino all 800 per la produzione di carbone di legna da destinare ai forni fusori della Val Cavargna. Improvvisamente prima dell alpe Rozzo, si sviluppa la particella oggetto della tesi, che rapidamente accentua la presenza di abete bianco, sia attraverso i grandi esemplari indagati, sia attraverso la presenza di una fustaia di buon sviluppo, a tratti anche a densità piena, che si sviluppa verso l alto fino al crinale che separa la Val Cavargna dalla Val Sanagra, e che si interrompe nettamente in corrispondenza degli estesi pascoli di Rozzo.

17 2.6 Relazione tra la presenza di abete bianco, Suolo e clima Nella fascia geologica Dervio-Olgiasca, gli abeti bianchi sono presenti anche in altre due zone oltre alla Val Cavargna, cioè nella confinante Val Sanagra e in Val Varrone (vallata del versante orientale del lago di Como in provincia di Lecco). Non si può fare a meno di notare come la presenza di abeti bianchi in questa specifica fascia possa non essere del tutto casuale, in quanto si è visto che le caratteristiche pedologiche del suolo presente nella fascia Dervio-Olgiasca (cioè la presenza di silicati nelle rocce che da origine a suoli silicei, profondi e con un ph leggermente acido) corrispondono esattamente con le esigenze pedologiche dell abete bianco. Questo non vuol dire che oltre la fascia del Basamento cristallino non cresca l abete bianco solo perché non ci sono i silicati nelle rocce, semplicemente noto che nella fascia del Basamento cristallino, ricco di silicati, sono presenti gli abeti bianchi, mentre nella vicina fascia dolomitica (ricca di carbonati), oltre la Faglia della Grona, oltre la fascia Dervio-Olgiasca (ad es. nella vicinissima Val Rezzo) non sembrano essere presenti. Il motivo principe potrebbe sicuramente essere la presenza di silicati, ma anche il clima incide moltissimo, in quanto l abete bianco è molto esigente dal punto di vista climatico: infatti non cresce dappertutto nella fascia del Basamento cristallino ma cresce solo in vallate piovose, umide e ad una certa quota altimetrica. 2.7 Presenza nell antichità dell abete bianco in Val Cavargna In seguito a diverse ricognizioni a scopo archeologico effettuate dai Musei Civici di Como, (Laboratorio di archeologia), nelle Alpi Lepontine meridionali e precisamente in Val Cavargna, sono stati messi in evidenza alcuni punti, a quote differenti, caratterizzati da orizzonti del suolo contenenti fustoli di legno combusto; essi derivano probabilmente da incendi boschivi applicati in passato come sistema di deforestazione antropica. La ricerca è stata attuata con l applicazione di analisi pedoantrocologiche; l obbiettivo immediato è stato quello di verificare la presenza, nei diversi orizzonti, delle tracce degli incendi mediante l individuazione dei carboni di legno in essi presenti. L esame e lo studio dei carboni sono stati utilizzati per conoscere la successione delle associazioni vegetali che si sono avvicendate durante l olocene.

18 Grazie al lavoro di tirocinio e tesi del dott. Procacci Giovanni: Uso del territorio e deforestazione in Val Cavargna (Alpi Lepontine meridionali) fra terzo millennio a.c. e primo millennio d.c.: un caso di studio pedoantracologico. In Val Cavargna sono stati individuati, campionati e descritti dal punto di vista pedologico 12 profili di suolo e gli orizzonti di ciascun profilo sono stati analizzati in laboratorio. L analisi antracologica è stata eseguita su 1003 carboni e ha permesso di distinguere i seguenti taxa: Abies alba, Picea/Larix, Salix/Populus, Betula sp., Prunus sp., Alnus viridis DC., cfr. Alnus, Alnus/Corylus, cfr. Corylus, Fagus sylvatica, Quercus sez. ROBUR, Laburnum anagyroides/alpinum, cfr. Laburnum, Acer sp., cfr Acer, Ericaceae, cfr. Fraxinus, cfr. Cornus. I risultati delle analisi antracologiche sono stati elaborati statisticamente mediante tabelle e grafici; l analisi ha evidenziato: nella parte più bassa dei versanti, la presenza dominante di abete bianco (Abies alba) negli orizzonti più profondi e di faggio (Fagus sylvatica) in quelli più superficiali. Nei profili situati sopra il limite della vegetazione arborea si è riscontrata la presenza dominante di abete bianco fino agli orizzonti più superficiali. Gli ultimi profili, a oltre 1700 m di quota, sono caratterizzati da orizzonti carboniosi ricchi di frustoli di Ericaceae Questo accurato lavoro di tesi ci dice che: prima dal terzo millennio a.c il limite arboreo in Val Cavargna fosse molto più alto di quello attuale; e che gli ormai rari abeti bianchi presenti attualmente, un tempo occupavano interi versanti di montagne.

19 3. MORFOLOGIA PIANTE 3.1 Descrizione generale delle conifere Sono definite conifere tutte le piante portatrici di cono cioè di strobilo. Gli esseri viventi più alti, più grossi, più massicci e longevi sono conifere. Nella stragrande maggioranza dei casi le conifere sono sempreverdi e le foglie possono rimanere per molti anni sulla pianta e in alcuni generi il fogliame giovanile appare differente da quello adulto mentre i generi: Larix, Taxodium e Metasequoia perdono le foglie nei mesi autunnali rimanendo spogli durante tutto l'inverno. Le conifere costituiscono la classe più importante delle gymnospermae e comprendono numerose famiglie. Dal punto di vista economico i generi più importanti sono 4: il genere Abies che è rappresentato da una sola specie cioè l abete bianco (Abies alba) e così pure il genere Picea (Picea excelsa) ed il gener Larix (Larix decidua), mentre del genere Pinus si contano 8 specie cioè: il Pino silvestre (Pinus silvestris), I Pini nero e laricio (Pinus nigra), il Pino montano (Pinus mugo), il Pino domestico (Pinus pinea), Il Pinasto (Pinus pinaster), il Pino d aleppo (Pinus halepensis), Il Pino loricato (Pinus leucodermis ) e il Cembro ( Pinus cembra). Le specie di conifere che incontriamo sulle nostre montagne e lungo le nostre spiagge sono relativamente poche, ma alcune sono molto sociali in quanto formano grandi masse (boschi, foreste) che danno una fisionomia particolare al paesaggio e, per le utilizzazioni che l uomo ne trae, assumono grande importanza economica. Le conifere sono piante resinose, perché secernono una specie di oleoresina detta Trementina. Tali sostanze sono formate per l attività di speciali cellule tappezzanti dette canali resiniferi che sono situati specialmente nella corteccia ma che possono trovarsi anche nelle foglie, nei frutti, nei semi e spesso pure nel legno. Tra le conifere il solo tasso è del tutto sprovvisto di questi canali e quindi non è resinoso.

Abete Famiglia: PINACEE Genere: ABIES bianco Abies alba Silver fir Caratteristiche morfologiche In Basilicata Utilizzo principale Aspetti botanici

Abete Famiglia: PINACEE Genere: ABIES bianco Abies alba Silver fir Caratteristiche morfologiche In Basilicata Utilizzo principale Aspetti botanici SCHEDE DESCRITTIVE Abete bianco Famiglia: PINACEE Genere: ABIES Abies alba Silver fir Caratteristiche morfologiche Grande albero, alto anche 40-50 metri e con diametro sino a 3 metri, con fusto dritto

Dettagli

Rocce metamorfiche Metamorfismo:

Rocce metamorfiche Metamorfismo: Rocce metamorfiche Metamorfismo: variazione mineralogica e strutturale delle rocce allo stato solido in risposta a condizioni chimiche e fisiche differenti da quelle in cui si è formata la roccia originaria.

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo. CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO

Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo. CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO IL LEGNO E uno dei materiali più antichi ed ha rappresentato per l uomo il modo di risolvere, per molti

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1 U N I T A N 1 1 IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE Libro di geografia classe 1 - Scuola secondaria di primo grado Pagina

Dettagli

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione.

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. ROCCE METAMORFICHE Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. Protolite = la roccia pre-esistente. Metamorfismo è un processo

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

Catena alpino-himalayana

Catena alpino-himalayana Catena alpino-himalayana Stadi di evoluzione nella formazione delle Alpi Paleogeografia 150 Milioni di anni fa (Giurassico) L Atlantico settentrionale non era ancora aperto e il mare Tethys (oceano Ligure-piemontese

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

La scuola integra culture. Scheda3c

La scuola integra culture. Scheda3c Scheda3c Gli ELEMENTI DEL CLIMA che caratterizzano le condizioni meteorologiche di una regione sono: la temperatura, la pressione atmosferica, i venti, l umidità e le precipitazioni. La temperatura è data

Dettagli

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO 2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO Responsabile: Mario Pividori - Dip. TESAF (UNIPD) 049 8272711

Dettagli

Abies, Abete (Pinaceae)

Abies, Abete (Pinaceae) , Abete (Pinaceae) Conifera dalla forma elegante e imponente, quasi sempre conica, molto diffusa come pianta ornamentale nei giardini e nei parchi pubblici e privati, in particolare per il colore degli

Dettagli

Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE

Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE L'Altopiano del Cansiglio si è formato dalla spinta del continente afri-cano verso quello europeo formando delle pieghe come la montagna dell Alpago, che si vede sullo

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Ottobre 2015. Bollettino del clima Ottobre 2015. MeteoSvizzera. Inizio di mese freddo. Correnti da ovest e da sudovest. Breve estate indiana

Ottobre 2015. Bollettino del clima Ottobre 2015. MeteoSvizzera. Inizio di mese freddo. Correnti da ovest e da sudovest. Breve estate indiana Ottobre 2015 MeteoSvizzera Bollettino del clima Ottobre 2015 10 novembre 2015 Forti nevicate fino a basse quote e temperature gelide, perlomeno al nord delle Alpi, alternate a periodi di splendido tempo

Dettagli

Alla ricerca dei giganti della Val Cavargna: ipotesi di valorizzazione con finalità didattiche ed escursionistiche nel Comune di Cusino

Alla ricerca dei giganti della Val Cavargna: ipotesi di valorizzazione con finalità didattiche ed escursionistiche nel Comune di Cusino UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Agrarie e Alimentari Corso di laurea triennale in Valorizzazione e Tutela dell Ambiente e del Territorio Montano Alla ricerca dei giganti della Val Cavargna:

Dettagli

L ITALIA SI TROVA A METÀ STRADA TRA IL POLO NORD E L EQUATORE NELLA PARTE MERIDIONALE (PARTE SUD) DELL EUROPA.

L ITALIA SI TROVA A METÀ STRADA TRA IL POLO NORD E L EQUATORE NELLA PARTE MERIDIONALE (PARTE SUD) DELL EUROPA. L ITALIA SI TROVA A METÀ STRADA TRA IL POLO NORD E L EQUATORE NELLA PARTE MERIDIONALE (PARTE SUD) DELL EUROPA. MARI: SI TROVA AL CENTRO DEL MAR MEDITERRANEO I MARI CHE LA BAGNANO SONO : MAR LIGURE, MAR

Dettagli

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto.

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. di Gaia Brancati Le piante Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. Il fusto Il fusto tende a crescere verso l alto. Quando esso

Dettagli

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini GEOGRAFIA facile per la classe quarta Le carte geografiche, il tempo

Dettagli

La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono

La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono L autunno è una stagione con caratteristiche sue proprie, non è soltanto un periodo di passaggio tra le calde giornate estive e i primi geli invernali.

Dettagli

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele.

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea La macchia mediterranea si chiama così perché é formata da vegetazione che ama i terreni asciutti, il sole, molta luce, un

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti applicativi della potatura delle piante ornamentali Relatore: dott. agr. Antonio Sagaria Data: 13 febbraio 2011 DICHIO vivai garden DICHIO vivai garden Un albero

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

LA STORIA DELLA TERRA

LA STORIA DELLA TERRA MINERALI E ROCCE composizione chimica definita caratteristiche struttura cristallina Minerali colore lucentezza proprietà fisiche durezza sfaldatura densità magmatiche (o ignee) intrusive effusive sedimentarie

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO Università degli Studi di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura L.Quaroni C.d.L. Specialistica Architettura Restauro dell Architettura A.A. 2006/2007 CORSO DI COMPORTAMENTO DEI MATERIALI MURARI

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

Completa e Colora GIOCO 01

Completa e Colora GIOCO 01 GIOCO 01 ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA www.sardegnaforeste.it REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Completa e Colora stropicciato I suoi fiori sono grandi e rosa, con petali dal caratteristico aspetto......................

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) SECONDA CHIACCHIERATA L ALBERO:UN VERO PROTAGONISTA! L'albero non è un materiale inerte, al contrario ha una vita intensa:

Dettagli

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI La vegetazione dei Monti Simbruini FOTO VEGETAZIONE MONTI SIMBRUINI APPUNTI Il massiccio calcareo dei Monti Simbruini presenta una ben conservata copertura forestale, che occupa il 75% dell intero areale

Dettagli

Fotogrammi scattati in sequenza da una macchina fotografica speciale

Fotogrammi scattati in sequenza da una macchina fotografica speciale FOTOAEREE Fotogrammi scattati in sequenza da una macchina fotografica speciale chiamata camera aerofotogrammetrica, fino a coprire con un mosaico di strisce di fotogrammi (strisciata), l area oggetto di

Dettagli

Populus nigra L. e Populus alba L. (Pioppo nero e pioppo bianco)

Populus nigra L. e Populus alba L. (Pioppo nero e pioppo bianco) SALICACEE Nella famiglia delle Salicacee fanno parte piante per lo più legnose distribuite nelle zone temperate dell'emisfero boreale. Nella flora italiana la famiglia è rappresentata da due generi, Populus

Dettagli

ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1

ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1 ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1 Distribuzione geografica e pedoambiente Aree poste all'interno di fondivalle collinari nelle immediate vicinanze dei rii o piccoli torrenti che li solcano. Si tratta

Dettagli

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce)

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) I MINERALI I minerali sono sostanze solide omogenee, inorganiche, esprimibili mediante

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche STUDIO STRATIGRAFICO DI SUCCESSIONI MESOZOICHE DEL DOMINIO SUDALPINO AFFIORANTI

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

Il calore del sole e le fasce climatiche della terra

Il calore del sole e le fasce climatiche della terra Il calore del sole e le fasce climatiche della terra 1 Il sole trasmette energia e calore alla terra. Ma, dato che la terra ha una forma simile a quella di una sfera, che ruota su se stessa attorno a un

Dettagli

Relazione di fine tirocinio

Relazione di fine tirocinio Laurea magistrale in Ingegneria Civile per la protezione dai rischi naturali Tirocinio per la tesi svolto presso l agenzia Conservatoria delle Coste, Regione Sardegna Relazione di fine tirocinio Studente:

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA P.T.U.A. GEOGRAFIA TRUPIA GIUSEPPE 192376 STUDIO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VALVERDE

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA P.T.U.A. GEOGRAFIA TRUPIA GIUSEPPE 192376 STUDIO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VALVERDE POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA P.T.U.A. GEOGRAFIA TRUPIA GIUSEPPE 192376 STUDIO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VALVERDE 1 COMUNE DI VALVERDE Il comune di Valverde si trova in provincia di Pavia e

Dettagli

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi Il clima della Valle d Aosta Precipitazioni durante l alluvione del 2000 Temperature estreme registrate in Valle d Aosta Il ruolo delle montagne

Dettagli

VERIFICA Climi e biomi I/1 I/2 I/3. Vero o Falso? Vero o Falso? Indica tra quelli elencati quali sono gli elementi che determinano il clima.

VERIFICA Climi e biomi I/1 I/2 I/3. Vero o Falso? Vero o Falso? Indica tra quelli elencati quali sono gli elementi che determinano il clima. ERIICA Climi e biomi Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? Il clima della fascia mediterranea è caratterizzato da estati calde e siccitose La regione della vite corrisponde all incirca alla fascia climatica

Dettagli

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Torgnon si trova nel nord-est della Valle d Aosta a 2070 metri

Dettagli

Il monitoraggio fenologico forestale in Piemonte

Il monitoraggio fenologico forestale in Piemonte Il monitoraggio fenologico forestale in Piemonte D. Delleani, F. Spanna, F. Valfrè, R. Caramiello,V. Fossa, R. Pelosini4, N. Loglisci4 Regione Piemonte - Settore Pianificazione e Gestione delle Aree protette

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio L Atmosfera Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio Protegge la superficie terrestre da temperature

Dettagli

Linee guida per la redazione del progetto di investimento per l Azione 1. Il progetto per l azione 1 dovrà essere composto dai seguenti documenti:

Linee guida per la redazione del progetto di investimento per l Azione 1. Il progetto per l azione 1 dovrà essere composto dai seguenti documenti: ALLEGATO 1 MISURA 227 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI NON PRODUTTIVI - FORESTE Azione 1 - Supporto alla rinaturalizzazione di boschi per finalità non produttive Linee guida per la redazione del progetto di

Dettagli

P.I.I. FISAC-TREVITEX. Relazione tecnica descrittiva degli interventi a verde

P.I.I. FISAC-TREVITEX. Relazione tecnica descrittiva degli interventi a verde P.I.I. FISAC-TREVITEX Relazione tecnica descrittiva degli interventi a verde Il progetto del verde prevede il mantenimento di porzioni di aiuole già esistenti e la creazione di nuove aree per una superficie

Dettagli

specie legnose e colori

specie legnose e colori 1 PINO (Pinus sylvestris) È un legno che garantisce un ottimo rapporto qualità/prezzo. Lavoranti in Legno si approvvigiona direttamente dal nord Europa e più precisamente dalla Scandinavia, dove si trovano

Dettagli

ILEX AQUIFOLIUM L. Agrifoglio; Pungitopo maggiore; Alloro spinoso FAMIGLIA AQUIFOLIACEAE

ILEX AQUIFOLIUM L. Agrifoglio; Pungitopo maggiore; Alloro spinoso FAMIGLIA AQUIFOLIACEAE ILEX AQUIFOLIUM L. Agrifoglio; Pungitopo maggiore; Alloro spinoso FAMIGLIA AQUIFOLIACEAE Si presenta come arbusto sempreverde con portamento cespuglioso o come albero, a tronco diritto e corteccia di colore

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino In questa ricerca puramente statistica abbiamo pensato di mettere a confronto tutti gli inverni del passato concomitanti alla presenza

Dettagli

4. Le tipologie di humus in siti a vegetazione spontanea

4. Le tipologie di humus in siti a vegetazione spontanea 121 4. Le tipologie di humus in siti a vegetazione spontanea Le esigenze di studio unitario della sostanza organica nel suolo sono state perseguite attraverso l introduzione del concetto di forma di humus

Dettagli

Istituto Figlie di Betlem classe V a.s. 2006/2007

Istituto Figlie di Betlem classe V a.s. 2006/2007 Istituto Figlie di Betlem classe V a.s. 2006/2007 Mettiamoci in gioco! Incontro con l esperta del Biolab nella nostra scuola Com è grande l Europa! Le alte e le basse pressioni atmosferiche comportano

Dettagli

2. RILIEVO FLORISTICO-VEGETAZIONALE DELL AREA

2. RILIEVO FLORISTICO-VEGETAZIONALE DELL AREA INDICE DEI CONTENUTI 1. PREMESSA 2 2. RILIEVO FLORISTICO-VEGETAZIONALE DELL AREA 2 3. PROPOSTE DI INTERVENTO 6 DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA 9 1 1. PREMESSA Come indicato nell Allegato A Relazione tecnica

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO SUL FIORE

PERCORSO DIDATTICO SUL FIORE PERCORSO DIDATTICO SUL FIORE Daniela Basosi, Lucia Lachina 1 2011 Il fiore è l organo della riproduzione nelle Piante fanerogame. Il percorso didattico ha lo scopo di far osservare il fiore nella sua struttura,

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

Che cosa sono? Che forma hanno?

Che cosa sono? Che forma hanno? Che cosa sono? Parti solide della crosta terrestre formate da Atomi - Ioni Molecole che sono disposti secondo un ordine Che forma hanno? Possono presentarsi in masse informi o sotto l aspetto di Poliedri

Dettagli

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio)

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio) Università degli Studi di Catania Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (SBGA) Corso di Laurea in Scienze Geologiche Anno Accademico 2015/16 Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni

Dettagli

Perché è importante l analisi del terreno?

Perché è importante l analisi del terreno? Perché è importante l analisi del terreno? Indice 1. Terreno e piante, uniti per la vita 2. Le proprietà fisiche del terreno 3. La composizione chimica del terreno 4. L analisi del terreno 1. Terreno e

Dettagli

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA Per capitozzatura si intende il taglio della parte apicale del fusto e di grossi rami la capitozzatura NON E UNA TECNICA DI POTATURA ma UN DANNEGGIAMENTO

Dettagli

Ottobre 2014. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali

Ottobre 2014. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali Il Clima in Piemonte Ottobre 2014 In Piemonte il mese di Ottobre 2014 è stato caratterizzato da temperature superiori alla norma e precipitazioni inferiori alla climatologia del periodo 1971-2000. E risultato

Dettagli

Cenni sulle principali operazioni di potatura TECNICHE GENERALI. 17 novembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani

Cenni sulle principali operazioni di potatura TECNICHE GENERALI. 17 novembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Cenni sulle principali operazioni di potatura TECNICHE GENERALI 17 novembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Definizione La potatura comprende quelle operazioni che direttamente applicate alla parte epigea

Dettagli

MINI ATLANTE DEI POLLINI ALLERGENICI. Renato Ariano

MINI ATLANTE DEI POLLINI ALLERGENICI. Renato Ariano MINI ATLANTE DEI POLLINI ALLERGENICI Renato Ariano In Italia le principali piante allergeniche sono le seguenti: Graminaceae: famiglia che include numerosi generi, sia spontanei che coltivati. Le presenze

Dettagli

Il Clima. Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

Il Clima. Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Il Clima Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Tempo e clima sono termini che vengono spesso confusi ma in realtà sono ben distinti.

Dettagli

Caratteristiche Generali. Caratteristiche Dendometriche

Caratteristiche Generali. Caratteristiche Dendometriche Numero Scheda: Numero Gruppo: Autore: AM215 G215 Marco Bagnoli Data: 10/07/2007 Caratteristiche Generali Nome Comune: Abete rosso Denominazione Locale: Specie: TipoAlbero: Posizione: Picea abies Singolo

Dettagli

Ambrosia in Alto Adige?

Ambrosia in Alto Adige? Newsletter N. 13-2008 Ambrosia in Alto Adige? Giornali e trasmissioni televisive continuano ad informare sull ambrosia, denominata ragweed in inglese. In tarda estate questa pianta anemofila presenta un

Dettagli

GLI ELEMENTI DEL CLIMA

GLI ELEMENTI DEL CLIMA GLI ELEMENTI DEL CLIMA Il clima è l insieme delle condizioni atmosferiche di una regione in un periodo di tempo. Gli elementi principali del clima sono: La temperatura: può essere calda o fredda. La temperatura

Dettagli

IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE

IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE La Terra, come ogni altro corpo dotato di massa, è circondata da un campo gravitazionale che attrae altri corpi. Siamo oggi in grado di determinare gli effetti della gravità,

Dettagli

6. Stratigrafia e tettonica

6. Stratigrafia e tettonica Di cosa parleremo Le rocce che costituiscono la crosta terrestre portano scritta al loro interno la storia della regione in cui si trovano. La stratigrafia e la tettonica forniscono le chiavi di lettura

Dettagli

Successione Dora Maira

Successione Dora Maira Foglio Susa Si riconoscono i tre settori nei quali la linea TAV attraversa rocce amiantifere, e cioè la tratta di Mompantero (MO), la tratta di Condove (CO) e Monte Musinè (MU). Si intuisce l alto strutturale

Dettagli

FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO

FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA CORPO REGIONALE DELLE MINIERE SERVIZIO GEOLOGICO E GEOFISICO FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO Dr. Geol. Daniela Alario - Dr. Geol. Ambrogio

Dettagli

5.- Il vento. Da PROTEZIONE CIVILE Educational su www.casaleinforma.it/pcivile

5.- Il vento. Da PROTEZIONE CIVILE Educational su www.casaleinforma.it/pcivile 5.- Il vento Viene definita vento una massa d aria che si sposta in senso prevalentemente orizzontale da zone di alta pressione, anticicloni, a zone di bassa pressione, cicloni. I venti possono essere

Dettagli

L IMMAGINE DELLA TERRA

L IMMAGINE DELLA TERRA L IMMAGINE DELLA TERRA 1 Capitolo 1 L orientamento e la misura del tempo Paralleli e meridiani La Terra ha, grossomodo, la forma di una sfera e dunque ha un centro dove si incontrano gli infiniti diametri.

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

IERI E OGGI. Cent anni fa: il banco di legno massello. Oggi: il banco di ferro e truciolare

IERI E OGGI. Cent anni fa: il banco di legno massello. Oggi: il banco di ferro e truciolare IL LEGNO IERI E OGGI Cent anni fa: il banco di legno massello Oggi: il banco di ferro e truciolare Il legno Definizione Le caratteristiche Sezione di un tronco La produzione: dal taglio alla segheria La

Dettagli

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola ria di Primo Grado TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE TERZA L alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all aperto,

Dettagli

Bollettino del clima dell anno 2014

Bollettino del clima dell anno 2014 anno 2014 MeteoSvizzera Bollettino del clima dell anno 2014 21 gennaio 2015 L anno 2014 è stato costellato di eventi meteorologici estremi. Dopo la nevicata record di inizio anno al sud, nel primo semestre

Dettagli

GLI AMBIENTI L Antartide L Antartide è un continente, sepolto sotto una calotta di ghiaccio Dai suoi bordi si staccano degli iceberg Dalla calotta di ghiaccio emergono cime di montagne fra cui un grande

Dettagli

LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA

LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA CORSO DI FRUTTICOLTURA LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA Lezione 1- L albero da frutto: elementi di anatomia e fisiologia vegetale (dr. Giulio RE) Le funzioni vitali

Dettagli

Generale disequilibrio con l ambiente superficiale + Grande varietà di condizioni ambientali + Diverse situazioni di sforzo applicato sui materiali

Generale disequilibrio con l ambiente superficiale + Grande varietà di condizioni ambientali + Diverse situazioni di sforzo applicato sui materiali IL DEGRADO DELLE ROCCE Molti tipi di rocce utilizzate nei manufatti. Si distinguono: per natura geologica (sedimentarie, magmatiche, metamorfiche); per composizione (carbonatiche, silicatiche); per struttura

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA. DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde L acqua Fondamentale

Dettagli

COME NASCONO LE MONTAGNE

COME NASCONO LE MONTAGNE Le montagne sono dei rilievi naturali più alti di 600 metri. Per misurare l ALTITUDINE di una montagna partiamo dal LIVELLO DEL MARE. Le montagne in base a come e dove sono nate sono formate da vari tipi

Dettagli

Figura 1: A sinistra Quercia / A destra Abete rosso

Figura 1: A sinistra Quercia / A destra Abete rosso INTRODUZIONE IL LEGNO COME MATERIALE DA COSTRUZIONE Caratteristiche e struttura del legno Nel comparto edilizio le opere in legno possono impiegare non solo componenti, prodotti o semilavorati in legno

Dettagli

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a L ACQUA L elemento acqua è costituente degli esseri viventi, sia animali che vegetali, superando in alcuni casi anche il 90% della composizione. L acqua per le piante è un elemento indispensabile in quanto

Dettagli

ALBERI. Conoscerli per Riconoscerli. Giovanni Regiroli, Biologo. LIONS CLUB BOLLATE Distretto 108-Ib4 - Italy

ALBERI. Conoscerli per Riconoscerli. Giovanni Regiroli, Biologo. LIONS CLUB BOLLATE Distretto 108-Ib4 - Italy ALBERI Conoscerli per Riconoscerli LIONS CLUB BOLLATE Distretto 108-Ib4 - Italy Giovanni Regiroli, Biologo Locandina commissionata dal Lions Club Bollate per la conferenza: creata dall allievo creata dall

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

IPLA spa - Settore Suolo 2 Sistema Informativo Pedologico

IPLA spa - Settore Suolo 2 Sistema Informativo Pedologico ARGENTERA franco-fine, fase tipica ARG1 Distribuzione geografica e pedoambiente I suoli Argentera si rinvengono su un vasto areale che spazia,da San Ponzo Canavese a San Benigno(tra Malone e Orco);tra

Dettagli

CHIOMA E PORTAMENTO FOGLIE FIORI FRUTTI FRUTTI FLORA ESOTICA

CHIOMA E PORTAMENTO FOGLIE FIORI FRUTTI FRUTTI FLORA ESOTICA ALBERI I GRANDEZZA (anomala poiché gymnospermae) GINKO BILOBA Ginko biloba FLORA ESOTICA 25-30 m 10 m Eretto nelle piante maschili, espanso nelle femminili Primaverile, poco significativa Carnosi, ovoidali

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZE SPECIFICHE COMPETENZE IN SCIENZE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: SCIENZE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012. SCIENZE TRAGUARDI ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Come rispondono le piante ai cambiamenti climatici in atto?

Come rispondono le piante ai cambiamenti climatici in atto? Come rispondono le piante ai cambiamenti climatici in atto? Consolata Siniscalco Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi Università di Torino 1. Risposte nel cambiamento dei periodo delle

Dettagli

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs.

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Densità g/cm 3 Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. Sfaldatura: proprietà di rompersi più facilmente lungo

Dettagli

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5 L Africa è il terzo continente della terra per superficie. Ha una forma simile a un triangolo, le coste sono poco articolate. A ovest è bagnata dall Oceano Atlantico, a sud è bagnata dall Oceano Indiano

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) SETTIMA CHIACCHIERATA L ORIENTAMENTO (terza parte) Acquisire dimestichezza con bussola e cartina topografica, significa

Dettagli