Sono in molti a ritenere che la fisica delle particelle elementari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sono in molti a ritenere che la fisica delle particelle elementari"

Transcript

1 terza pagina/fisica delle particelle Alla frontiera della scienza Francesco Lacava e Aleandro Nisati Lo scorso settembre al CERN di Ginevra è entrato in funzione il Large Hadron Collider, l acceleratore di particelle più avanzato al mondo. Al lavoro circa 800 scienziati italiani Sono in molti a ritenere che la fisica delle particelle elementari si appresti a vivere nei prossimi anni un periodo estremamente interessante. Lo scorso settembre al CERN di Ginevra, il laboratorio europeo per la fisica nucleare, è stato inaugurato il Large Hadron Collider (LHC), la più potente macchina acceleratrice a fasci incrociati di protoni (e di ioni pesanti) finora costruita. Lo studio delle collisioni protone-protone negli esperimenti presso questo collisore permetterà un salto nella conoscenza dei costituenti più piccoli della materia e delle loro interazioni, chiarendo alcuni punti ancora irrisolti della teoria delle particelle elementari. Inoltre dovrebbe essere possibile osservare tutta una serie di nuove particelle finora solo ipotizzate teoricamente, che potrebbero tra l altro A volte ritornano chiarire fenomeni di astrofisica, come per esempio la dinamica delle galassie. Nelle collisioni di due protoni si riprodurranno in laboratorio i processi elementari che pensiamo dovessero permeare il nostro Universo circa un milionesimo di miliardesimo di secondo dopo l inizio del Big Bang, quando la temperatura sarebbe stata circa K (cioè cento milioni di miliardi di gradi!). L avventura dell LHC è iniziata intorno a metà degli anni Ottanta quando al CERN si propose di realizzare all interno del tunnel sotterraneo costruito per ospitare il LEP, il collisore elettrone-positrone in funzione negli anni Novanta, un collisore protone-protone di 14 TeV di energia nel centro di massa, un energia cioè pari a circa volte quella corrispondente alla massa a riposo di un protone (dalla relazione E=mc 2 ) (TeV È perfettamente prevedibile che la qualità intellettuale più diffusa degli esseri umani sia la credulità. Oroscopi dovunque, in ogni tipo di mass media, lotterie basate su la fortuna, pubblicità commerciale menzognera, e così via. La credulità è inesauribile. Tra la chemioterapia e un cornetto portafortuna, molti tratterebbero un tumore con il cornetto. I fisici che stanno per fare esperimenti con LHC al CERN di Ginevra vanno ingenuamente dicendo che ciò che si produce in una collisione protone-protone a quelle energie corrisponde a un processo che si realizzava nei primi istanti dell Universo, ai tempi del mitico Big Bang. Non tengono conto del fatto che Big Bang è una epressione diabolica, come Buco Nero e altre terrificanti evocazioni cosmologiche. La gente si spaventa: sarà sicuro fare un esperimento così? Non è pericoloso? E se ancora nessuno lo ha mai fatto, come fanno a sapere che non ci sono rischi? Ed ecco che qualche scienziato esibizionista, nella migliore tradizione dei rotocalchi, decide di provocare un caso, di fare un po di baccano sfruttando la fame inestinguibile dei giornalisti. E, senza vergognarsi di ciò che fa, si rivolge a un tribunale internazionale chiedendo di fermare la minaccia incombente : non è la prima volta che ci provano, già qualche anno fa accadde qualcosa di simile per un esperimento americano. La reazione dei giornali, dalle Hawai all Europa, è puntuale e vistosa: tutti, grandi e piccini, ci si buttano sopra. Il telefono squilla in continuazione. Che dire? Tranquilli, il Big Bang è rimandato. Viene voglia di dire che Nostradamus non lo aveva previsto per oggi: ma temo che qualcuno si scatenerebbe in interpretazioni autentiche di profezie. Per fortuna, i nostri autori spiegano, a chi vuole capirlo, ciò che veramente si fa. C.B. = 1000 GeV = 1, Joule). La tecnica dei collisori consiste nel far circolare due fasci di particelle di alta energia, controrotanti in una stessa macchina circolare, facendoli incrociare in punti prestabiliti. Nata in Italia alla fine degli anni Cinquanta presso i Laboratori Nazionali di Frascati, su suggerimento del fisico Bruno Touschek, inizialmente fu impiegata per collisioni elettrone- PAG. 62 SAPERE - OTTOBRE 2008

2 La sala di controllo del Large Hadron Collider al CERN di Ginevra nel giorno dell'inaugurazione lo scorso settembre. positrone. Essa permette di raggiungere le più alte energie d interazione perché nella collisione di due particelle di stessa massa in moto contrapposto, l'intera energia del sistema è disponibile per l'interazione, diversamente da ciò che accade in esperimenti a bersaglio fisso presso macchine acceleratrici tradizionali. Intorno a metà degli anni Settanta, Carlo Rubbia e altri fisici proposero di usare questa tecnica anche per far collidere protoni e antiprotoni. Fu un idea brillante che, grazie anche alla prima realizzazione di fasci di antiprotoni, nel 1983 rese possibile al CERN le prime osservazioni dei bosoni W e Z e nel 1995 di scoprire il quark top al collisore del Fermilab di Chicago. Il nuovo collisore LHC è l ultimo arrivato di questa entusiasmante linea di ricerca. Nato come progetto europeo, nel tempo LHC ha assunto rilevanza planetaria grazie alla partecipazione di fisici provenienti da oltre cinquanta nazioni. Anche i ricercatori americani hanno concentrato i loro sforzi su LHC da quando, nel 1993, è stato cancellato il programma di costruzione del Superconducting Super Collider (SSC), un collisore ancora più grande di LHC, con 40 TeV di energia nel centro di massa e con 87 chilometri di circonferenza. Il Modello Standard delle particelle elementari Nonostante i grandi passi avanti compiuti negli ultimi decenni, nella comprensione della struttura fondamentale della materia ci sono aspetti ancora non verificati sperimentalmente o che non hanno finora trovato una spiegazione del tutto soddisfacente. Il modello teorico attuale delle particelle elementari, elaborato sulla base di un vasto insieme di risultati sperimentali e di sviluppi teorici, va sotto il nome di Modello Standard. In esso trovano posto i costituenti fondamentali della materia e sono descritte le loro interazioni. I mattoni fondamentali della materia, almeno quelli finora scoperti, si possono dividere in due gruppi, ognuno composto da tre coppie di particelle elementari: i quark (up e down, charm e strange, top e beauty) e i leptoni (elettrone e neutrino elettronico, muone e neutrino-mu, tau e neutrinotau) (Tabella 1). Per ciascuna di queste particelle esiste poi la corrispondente antiparticella (particella di antimateria), e le antiparticelle sono raggruppate in un modo del tutto simile alle particelle. I quark, a differenza dei leptoni, per effetto dell interazione forte, non possono esser prodotti isolatamente: sono necessariamente confinati con altri quark o SAPERE - OTTOBRE 2008 PAG. 63

3 Tabella 1. Coppie di fermioni elementari noti. quark leptoni u up d down n e neutrino - e e elettrone c charm s strange n m neutrino - m m muone t top b beauty n t neutrino - t antiquark in particelle elementari come per esempio il protone o il neutrone. A partire da questi costituenti elementari possiamo spiegare la struttura della materia che ci circonda. Così, semplificando un po, due quark up uniti a un quark down formano un protone mentre due quark down e un quark up costituiscono un neutrone. Protoni e neutroni possono poi legarsi a formare i nuclei dei vari elementi chimici. Infine i nuclei circondati dagli elettroni costituiscono gli atomi dei materiali più semplici, come un gas, o più complessi, come per esempio quelli degli elementi più pesanti, come il piombo. Tutte le particelle fondamentali finora menzionate sono fermioni: hanno cioè spin semintero (=1/2) e hanno particolari proprietà statistiche (di Fermi-Dirac) determinanti, tra l altro, per la formazione degli elementi atomici e quindi del mondo che ci circonda. t tau A destra è riportata la carica elettrica comune a tutte le particelle sulla riga, indicata in unità di carica elementare (pari alla carica dell elettrone cambiata di segno). Tabella 2. Le tre forze fondamentali che governano le interazioni tra le particelle elementari. Forza Interazione elettromagnetica Agisce su quark, leptoni e bosoni con carica elettrica. Raggio d azione illimitato. Interazione forte Agisce su quark e gluoni, i leptoni non ne risentono. Raggio d azione m. Interazione debole Agisce su quark e leptoni. Raggio d azione m. carica neutra Bosoni mediatori Fotone g Ha massa nulla. Gluoni g Sono otto e hanno massa nulla. Bosoni carichi W + e W Massa: 80,4 GeV Bosone neutro Z 0 Massa: 91,2 GeV 0 1 Alcune caratteristiche principali Particelle con stessa carica si respingono, con cariche opposte si attraggono. È l interazione che lega gli elettroni al nucleo negli atomi e determina i legami molecolari. Lega i quark a formare il protone, il neutrone e altre particelle a interazione forte. Lega protoni e neutroni nei nuclei atomici. Causa i decadimenti radioattivi b nei nuclei, permette i processi di fusione nucleare che forniscono l energia alle stelle (come nel nostro Sole) e che si pensa di utilizzare in futuro per la produzione di energia. Trasforma i quark u, c, t, in quark d, s, b e viceversa, inoltre i leptoni e, m, t nei rispettivi neutrini e viceversa. È l interazione debole che, a differenza di quella carica, non trasforma le particelle. Individuati i mattoni elementari, è necessario comprendere come questi interagiscano tra loro. Sappiamo che le interazioni o forze fondamentali sono quattro: elettromagnetica, debole, forte e gravitazionale. Inoltre è noto che le prime tre di queste sono propagate da un altra classe di particelle elementari, i cosiddetti bosoni che, avendo uno spin intero (=1), osservano una statistica (di Bose-Einstein) alternativa a quella dei fermioni. I bosoni propagatori (o mediatori) delle prime tre interazioni (Tabella 2), le sole osservabili negli attuali esperimenti con particelle elementari, sono: i fotoni, responsabili dei fenomeni elettromagnetici (come per esempio la forza coulombiana di attrazione o di repulsione tra due oggetti elettricamente carichi), i bosoni W ± e Z 0, che scambiano le forze deboli (responsabili per esempio del decadimento b del neutrone), i gluoni (sono otto) che determinano le interazioni nucleari forti (tengono insieme i quark nel protone o nel neutrone, e poi legano protoni e neutroni a comporre il nucleo atomico). Le stesse forze intervengono anche nelle interazioni tra due antiparticelle e tra particella e antiparticella. C è da osservare che i leptoni non sono soggetti all interazione forte, cioè, a differenza dei quark, non interagiscono con i gluoni. Il Modello Standard si basa sul fatto che le equazioni che descrivono le interazioni osservano particolari leggi di simmetria. Ciò determina la forma delle interazioni in uno schema unificato. Un chiaro successo di questo modello è l unificazione della forza elettromagnetica e della forza debole in un unica interazione detta elettrodebole con la previsione dei bosoni W e Z osservati, come già ricordato, al CERN nel Alcuni modelli teorici suggeriscono inoltre l unificazione dell interazione elettrodebole con l interazione forte a energie estremamente elevate (maggiori di GeV), oltre le possibilità di verifica diretta alle macchine acceleratrici oggi immaginabili. Le particelle che risentono dell interazione forte, come per esempio i protoni, sono dette adroni; da qui il nome di Large Hadron Collider, Grande Collisore di Adroni. Fig. 1. Grafico di Feynman che rappresenta uno dei processi più importanti di produzione e decadimento del bosone di Higgs: un gluone (g) di un protone interagisce con un gluone (g) di un protone del fascio opposto. In questo processo si forma per un tempo brevissimo una coppia di quark top-antit op che si annichila ( fonde ) in un bosone di Higgs. Successivamente questa particella decade in una coppia di bosoni Z 0, che, a loro volta, decadono in una coppia e + e ed una coppia m + m. La figura 4 rappresenta un esempio di come si vedrebbe nell apparato ATLAS un decadimento di questo tipo. I grafici di Feynman sono una rappresentazione grafica dei processi tra particelle elementari descritti dalle leggi della Meccanica Quantistica. g g t t t H Z 0 Z 0 m + e m e + PAG. 64 SAPERE - OTTOBRE 2008

4 terza pagina/fisica delle particelle Il Modello Standard (SM) descrive i fermioni, i bosoni mediatori e le loro interazioni, tuttavia, per spiegare la loro massa è stato necessario introdurre un nuovo processo, noto come meccanismo di Higgs (dal nome di uno dei fisici che per primi lo hanno proposto), capace di attribuire una massa alle particelle. Questo meccanismo implica l esistenza di un nuovo bosone con spin 0, detto bosone di Higgs, la cui massa tuttavia non è prevista dalla teoria. La consistenza della teoria richiede solo che la sua massa sia inferiore a 1 TeV mentre gli attuali limiti sperimentali indicano che probabilmente dovrebbe esser compresa tra 114 e 192 GeV. Ci si aspetta quindi che il bosone di Higgs possa esser prodotto nelle interazioni di protoni a LHC e la sua osservazione, senza dubbio uno degli obiettivi primari della fisica dei nostri giorni, è perciò una delle motivazioni principali del progetto LHC del CERN. Il protone è una particella composta formata da quark (con prevalenza di due quark up e uno down), antiquark e gluoni: questi componenti elementari sono chiamati in generale partoni. Lo scambio di gluoni tra quark e antiquark e l interazione tra gli stessi gluoni tengono uniti i partoni nel protone. Nelle collisioni più frontali di due protoni, in realtà, l interazione avviene tra uno o più partoni di un protone e uno o più partoni dell altro protone. Le interazioni partone-partone di più alta energia sono quelle che danno luogo agli eventi più interessanti, come per esempio la produzione del bosone di Higgs schematizzata in figura 1. Anche dopo l eventuale osservazione del bosone di Higgs e la misura della massa, rimarrebbe comunque da comprendere cosa determini il valore della scala di energia della sua massa. Tra le teorie che potrebbero dare una soluzione a questo problema e contribuire all unificazione delle interazioni fondamentali ci sono le teorie Supersimmetriche (SUSY) che, comprendendo il Modello Standard, assumono una simmetria più estesa tra particelle a spin intero e particelle a spin semintero prevedendo l esistenza di nuove particelle superpartner di quelle finora scoperte. Queste superparticelle, per alcune delle quali si ipotizza una massa intorno al TeV, non sarebbero ancora state osservate semplicemente perché troppo pesanti per essere prodotte dagli acceleratori finora usati. Ci sono però buoni motivi per pensare che, qualora esistessero, l energia di LHC sia sufficiente per produrle e permetterne la scoperta. L osservazione di particelle supersimmetriche amplierebbe notevolmente il numero di mattoni fondamentali e potrebbe anche fornire una spiegazione al problema della materia oscura dell Universo. Difatti diverse misure di astrofisica indicano chiaramente che la materia luminosa da noi osservata rappresenta il 4% dell energia dell Universo, mentre il 23%, non emettendo alcun tipo di radiazione elettromagnetica, risulta invisibile (da qui dark matter o materia oscura) alla nostra osservazione diretta basata sulla ricezione di onde elettromagnetiche (luce, onde radio, etc.); il restante 73% essendo costituito da una forma di energia a noi sconosciuta (detta dark energy o energia oscura). Non sappiamo oggi di cosa sia composta la materia oscura ma, se esistono, le particelle supersimmetriche neutre di minor massa potrebbero essere dei buoni candidati. Infatti, sarebbero presenti nel nostro Universo come residui del Big Bang iniziale e, interagendo molto poco con la materia ordinaria, sarebbero osservate solo indirettamente attraverso effetti gravitazionali. Tra questi, per esempio, la costanza della velocità di rotazione delle parti di una galassia al crescere della distanza dal suo centro. Fig. 2. Lungo la circonferenza dell acceleratore LHC sono disposti quattro apparati sperimentali (ATLAS, CMS, LHC-b ed ALICE) pronti a studiare le collisioni di fasci di protoni di alta energia che questa macchina si appresta a produrre. Il nuovo acceleratore Il Large Hadron Collider si trova in un tunnel circolare sotterraneo di 27 chilometri scavato a circa 100 metri di profondità al di sotto della campagna tra la città di Ginevra e le montagne del Giura, proprio dove passa il confine tra la Francia e la Svizzera (Fig. 2). Come detto, il tunnel era stato costruito negli anni Ottanta per ospitare il LEP, il grande collisore di elettroni e positroni (antielettroni) che tra il 1989 e il 2000, ha permesso di effettuare misure di alta precisione dei parametri del Modello Standard. Nel caso di LHC, pacchetti di protoni con una energia di 0,450 TeV sono immessi nel collisore usando l intero complesso di macchine acceleratrici di protoni usate in passato al CERN per le indagini più avanzate della fisica subnucleare. In LHC i protoni sono suddivisi in due fasci mantenuti su traiettorie circolari percorse in direzioni opposte, distanti tra loro pochi centimetri. Durante la fase di accelerazione, ogni protone raggiunge un energia di 7 TeV. Protoni di questa energia hanno una velo- SAPERE - OTTOBRE 2008 PAG. 65

5 cità inferiore di una parte su cento milioni rispetto a quella della luce e per curvare la loro traiettoria e mantenerli su orbite circolari compatibili con le dimensioni del tunnel, sono necessari campi magnetici estre- MUON ENDCAP BOBINA SUPERCONDUTTRICE TRACCIATORE MUON BARREL mamente elevati raggiungibili solo con magneti superconduttori. Lungo la circonferenza di LHC sono infatti distribuiti circa magneti di vario tipo e con diverse funzioni, che guidano i protoni esattamente sulle traiettorie prestabilite. In particolare, tra questi ci sono dipoli magnetici superconduttori, lunghi ognuno 15 metri, con all interno un campo magnetico maggiore di 8 Tesla (circa 100 mila volte il campo magnetico terrestre), cioè quanto richiesto per curvare il percorso dei protoni. Tutti i magneti superconduttori per poter funzionare sono raffreddati a 1.9 K da un imponente sistema di criogenia che realizza nel tunnel di LHC una zona estesa più fredda della radiazione cosmica di fondo che ha una temperatura prossima a 3 K. I protoni circolanti in ciascuna direzione sono raggruppati in pacchetti, contenenti ognuno fino a 100 miliardi di protoni. I pacchetti sono lunghi solo 7,6 centimetri e hanno un diametro di appena 16 micrometri: le dimensioni di un capello sottile. Dopo la fase di accelerazione i due fasci circolanti nella macchina sono mantenuti sulle loro orbite per quasi dieci ore durante le quali i pacchetti di un fascio sono fatti incrociare con quelli dell altro fascio in quattro punti di interazione intorno ai quali sono stati montati i quattro esperimenti ATLAS, CMS, LHC-b e ALICE per l osservazione delle particelle emesse nelle collisioni. Quando LHC funzionerà nella sua configurazione di progetto (massima potenza) si avrà un incrocio di pacchetti ogni 25 nanosecondi (cioè 40 milioni di incroci per secondo), a ogni incrocio si avranno circa 20 collisioni tra coppie di protoni appartenenti a pacchetti opposti e in ogni collisione circa 100 delle particelle prodotte attraverseranno i rivelatori di un esperimento come ATLAS o CMS. Per comprendere quanto siano elevate le energie in gioco basti pensare che a quel regime tutti i protoni circolanti in LHC, la cui massa totale raggiunge solo un miliardesimo di grammo, avranno insieme un energia uguale all energia cinetica di 900 automobili, ognuna della massa di una tonnellata, lanciate a 100 chilometri all ora. ECAL IRON YOKE Gli esperimenti I principali esperimenti che analizzeranno le collisioni protone-protone prodotte ad LHC sono quattro: ATLAS (A Toroidal Lhc ApparatuS), CMS (Compact Muon Solenoid), LHC-b (Large Hadron Collider beauty) e ALICE (A Large Ion Collider Experiment). I primi due sono esperimenti con un programma scientifico molto vasto, centrato innanzitutto sulla ricerca del bosone di Higgs e di nuova fisica (per esempio particelle supersimmetriche) e di loro parleremo fra poco diffusamente. L esperimento LHC-b è dedicato allo studio di particelle con quark beauty ed in particolare studierà la violazione della simmetria CP in queste particelle. La validità di questa simmetria richiede che un processo tra particelle avvenga con la stessa probabilità del processo che si ottiene osservando il primo in uno specchio (equivalente allo scambio della destra con la sinistra) e allo stesso tempo scambiando le particelle con le corrispondenti antiparticelle. Ciò corrisponderebbe a una completa simmetria tra materia e antimateria con la conseguenza che nell Universo primordiale avrebbe dovuto essere prodotta la stessa quantità di materia e di antimateria mentre il nostro Universo è composto di sola materia. Nel 1964 è stata scoperta una piccolissima violazione della simmetria CP e quindi un asimmetria tra materia ed antimateria. Si pensa che un asimmetria di questo tipo potrebbe aver determinato nelle prime fasi dell Universo la scomparsa dell antimateria. Dopo un primo periodo di collisioni protone-protone, in LHC saranno immessi e fatti collidere due fasci di ioni pesanti (piombo) con un energia di 572 TeV ognuno (pari a 2,76 TeV per nucleone). Per lo studio di queste collisioni, che richiede un apparato sperimentale con speciali caratteristiche, è stato preparato l esperimento ALICE. In particolare nelle collisioni tra ioni si spera di osservare la formazione di un plasma di quark e di gluoni. In questo stato della materia, quark e gluoni non sarebbero più confinati in particelle elementari (come protoni o neutroni) ma formerebbero piuttosto una specie di zuppa molto calda e densa. È questo uno stato della materia che avrebbe riempito il nostro Universo alla fine del primo microsecondo della sua vita. Sia la ricerca del bosone di Higgs sia quella di segnali di nuova MUON ENDCAP HCAL Fig 3. I principali componenti dell'apparato sperimentale CMS: il tracciatore interno, la bobina superconduttrice, il calorimetro elettromagnetico (ECAL), il calorimetro adronico (HCAL), il giogo di ritorno (iron yoke) e, infine, i rivelatori dello spettrometro per muoni (un muon barrel e due muon endcap). PAG. 66 SAPERE - OTTOBRE 2008

6 terza pagina/fisica delle particelle fisica richiedono una rivelazione sicura e una misura accurata dell energia di fotoni, elettroni (e positroni), muoni, tau, nonché di getti di particelle che possono essere originati da gluoni o da quark come per esempio quelli prodotti in associazione al bosone di Higgs o nella sua disintegrazione. L ermeticità degli apparati sperimentali, ossia la copertura con rivelatori, il più completa possibile, della zona circostante il punto di interazione, permette inoltre di misurare l energia mancante dell evento, cioè quella che sfugge alla rivelazione e che va attribuita alla produzione nella collisione di neutrini o di nuove particelle (per esempio supersimmetriche) che escono dall apparato senza rilasciarvi alcun segnale. L elevata frequenza delle collisioni tra i protoni, necessaria per raggiungere un alta luminosità del collisore, che corrisponde alla possibilità di osservare un numero ragionevole di eventi che hanno una piccola probabilità di produzione, ha imposto particolari condizioni nel disegno degli apparati sperimentali. In primo luogo, è stato necessario progettare rivelatori rapidi, con un elettronica di lettura dei segnali abbastanza veloce, capaci di distinguere tra loro le collisioni dei pacchetti di protoni che si susseguono con un intervallo temporale di 25 nanosecondi, e allo stesso tempo realizzare apparati in grado di sopportare per un periodo di tempo di almeno anni gli elevati flussi di radiazione prodotti durante il funzionamento della macchina acceleratrice. Lungo complessivamente 46 metri, con un diametro di 25 metri e un peso di tonnellate, ATLAS è il più grande apparato sperimentale mai costruito. CMS invece si presenta come un apparato più compatto, lungo 22 metri e con un diametro di 15 metri con una massa di tonnellate (Fig. 3). A questi due esperimenti partecipano complessivamente circa fisici. Sebbene la struttura degli esperimenti ATLAS e CMS sia simile, le scelte adottate per la realizzazione dei vari rivelatori che compongono i due apparati sperimentali sono abbastanza diverse. In prossimità del punto di collisione, sia ATLAS che CMS dispongono di un rivelatore più interno ID (Inner Detector) per la misura delle traiettorie delle particelle cariche. Questo rivelatore, di forma cilindrica, è centrato sul punto nominale delle collisioni, con l asse orientato nella direzione di volo dei due fasci. Lungo sei metri e con un diametro di poco più di due nel caso di La partecipazione italiana Sono circa 800 i fisici italiani che partecipano agli esperimenti con LHC. Non solo: molti dei rivelatori dei vari esperimenti sono stati costruiti nei laboratori dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) o delle nostre università. La presenza italiana è rilevante anche tra i fisici che si occupano della gestione dei dati registrati negli esperimenti e tra coloro che si preparano all analisi degli eventi. Molti sono giovani ricercatori, dottorandi e studenti che dedicano la loro tesi alla preparazione degli esperimenti o dell analisi dei dati. Notevole anche la partecipazione delle industrie, operanti per esempio nel campo dei superconduttori (ASG - Ansaldo Superconduttori, Zanon, Europa Metalli) o dell elettronica (come la CAEN di Viareggio), con un ritorno in termini di commesse estremamente vantaggioso per il nostro paese. All ASG è stato costruito un terzo dei circa dipoli superconduttori di LHC, così come il grande magnete solenoidale superconduttore dell esperimento CMS e le bobine del grande magnete toroidale dell esperimento ATLAS. L avventura LHC, dunque, rappresenta anche per l Italia un occasione eccezionale per la formazione di personale estremamente specializzato in vari settori della fisica, dell elettronica e dell informatica, e per lo sviluppo delle industrie nazionali in settori di alta tecnologia. ATLAS (per CMS le dimensioni sono simili), è immerso in un campo magnetico, diretto lungo l asse del rivelatore, che curva la traiettoria delle particelle cariche prodotte nelle collisioni. Dalla misura della curvatura è possibile determinare la quantità di moto con cui la particella è stata generata. In ATLAS il magnete produce un campo magnetico di 2 Tesla, mentre quello di CMS permette di produrre un campo di 4 Tesla. Nel caso di CMS questo magnete, il più grande solenoide superconduttore finora costruito, rappresenta l unico magnete presente nell apparato, mentre in ATLAS, come si dirà, altri tre grandi magneti toroidali in aria sono disposti più all esterno. Nell Inner Detector la traiettoria delle particelle cariche è determinata dalle misure di posizione effettuate su più piani di rivelatori di silicio. Questi rivelatori producono un segnale quando sono attraversati da una particella ionizzante e sono in grado di misurare la posizione della linea di volo della particella con un errore di pochi micrometri. Ciò naturalmente comporta un numero elevatissimo di canali di lettura, dell ordine di 10 8 (cento milioni). Nel caso di ATLAS gli strati più esterni del tracciatore centrale sono realizzati con la tecnica tradizionale dei tubi a deriva: questo consente di disporre di un maggiore numero di punti di misura delle traiettorie. Nei rivelatori centrali la quantità di moto di una particella di 50 GeV/c viene misurata con un incertezza dell ordine dell 1%. Il rivelatore centrale di tracce è circondato dal calorimetro. Questo rivelatore è costituito dal calorimetro elettromagnetico, posto subito dopo l ID, seguito dal calorimetro adronico. Con il primo si identificano gli elettroni e i positroni (cioè e ± ) e i fotoni (g) prodotti nella collisione e se ne misurano le energie. Una misura precisa dell energia di queste particelle è infatti fondamentale per osservare la produzione di nuove particelle. ATLAS dispone di un calorimetro basato su una tecnologia ben collaudata, che utilizza argon liquido come materiale sensibile per la misura dell energia di elettroni e fotoni che producono sciami elettromagnetici attraverso le sottili lastre di piombo presenti nel calorimetro. Questa tecnica è particolarmente adatta in ambienti con elevati flussi di radiazione, e permette di misurare l energia di e ± e g di 100 GeV con risoluzioni dell ordine dell 1% o superiori. CMS invece si avvale di una tecnica basata su cristalli di tungstenato di piombo (PbWO 4 ), un nuovo SAPERE - OTTOBRE 2008 PAG. 67

7 tipo di scintillatore studiato appositamente per questo esperimento) capaci di fornire una risoluzione intrinseca superiore (di circa un fattore 2 migliore di quella di ATLAS) e allo stesso tempo di sopportare gli elevati flussi di radiazione prodotti dalle collisioni. Il calorimetro adronico svolge diverse funzioni: insieme al calorimetro elettromagnetico contribuisce all identificazione di elettroni (positroni) e fotoni, permette la ricostruzione dell energia e della direzione dei getti di particelle che si producono nell interazione tra due protoni, e permette di assorbire la quasi totalità delle particelle prodotte nella collisione. Fanno eccezione i neutrini (ed eventuali altre nuove particelle neutre poco interagenti) che sfuggono alla rivelazione e i muoni di energia superiore ad alcuni GeV, che sono invece osservati nei rivelatori più esterni. Sia ATLAS che CMS hanno adottato tecnologie tradizionali per la realizzazione dei calorimetri adronici, basate su strati di ferro (ATLAS) o ottone (CMS) alternati a lastre di scintillatore plastico. La parte più esterna di ATLAS e CMS è costituita dai rivelatori per l identificazione e la misura della quantità di moto dei muoni, che rappresentano le uniche particelle cariche in grado di attraversare il calorimetro adronico. In entrambi gli esperimenti, questi apparati condizionano le dimensioni geometriche dell apparato stesso, e, nel caso di CMS, anche il peso complessivo. Il sistema di muoni di ATLAS è basato su un grande spettrometro in aria costituito da un magnete toroidale centrale e da due magneti toroidali più piccoli, posti all interno del primo, in corrispondenza delle due estremità. Ciascuno di questi tre magneti è a sua volta costituito da otto bobine superconduttrici, in grado di sviluppare un campo magnetico di intensità compresa tra 0.5 e 1 Tesla. Le bobine del toroide centrale, di forma rettangolare, hanno le dimensioni di 25 metri lungo la direzione dei fasci per 5 metri in direzione traversa. All interno del toroide centrale, e attorno ai due toroidi in avanti, sono collocati i rivelatori di muoni. Nel caso di CMS si utilizza invece il giogo di ritorno del flusso di campo del magnete solenoidale centrale. Questo sistema è costituto da una serie continua di lastre di ferro, magnetizzate con un campo di intensità di circa 1.5 Tesla, poste attorno al calorimetro ed alternate a rivelatori di posizione. Per entrambi gli esperimenti, i rivelatori di muoni utilizzati sono molto simili, tutti basati su tecnologie di rivelazione a gas. In particolare, si usano tubi a deriva in alluminio, lunghi uno o più metri, riempiti di una miscela di gas (per la maggior parte argon), di sezione dell ordine di alcuni centimetri quadri, con un sottile filo conduttore situato lungo l asse e posto ad un potenziale positivo. Una particella carica, come il muone, attraversando un tubo, ionizza il gas presente al suo interno, e gli ioni prodotti, amplificati nel gas dal campo elettrico presente, generano un segnale sul filo che viene rivelato dall elettronica di lettura posta all estremità dei tubi. Ciò permette di determinare la posizione del passaggio della particella con una precisione dell ordine di 100 mm o migliore. I diversi strati di tubi a deriva presenti nello spettrometro permettono infine una ricostruzione accurata della traiettoria della particella, dalla cui curvatura, come nel tracciatore centrale, è possibile misurare la quantità di moto, essendo noto il campo magnetico presente. Per un muone di 50 GeV, la quantità di moto viene misurata con una risoluzione di circa 1.5 GeV nello spettrometro di ATLAS mentre in quello di CMS la precisione è limitata dall effetto dell attraversamento del ferro. Combinando le misure in questi rivelatori con quelle fornite dai tracciatori centrali (ID), la risoluzione di CMS raggiunge 0.5 GeV mentre per ATLAS si ottiene 1 GeV. Ci piace ricordare che nei due spettrometri di ATLAS e CMS per il tracciamento, meno accurato ma estremamente rapido, essenziale per individuare gli eventi con muoni di alta energia, sono usati dei rivelatori molto veloci, detti RPC (Resistive Plate Chamber: camere a piani resistivi) ideati e sviluppati nelle Università italiane e nelle Sezioni dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. In figura 4 è presentato un evento simulato di produzione del bosone di Higgs seguita dal suo decadimento in una coppia di Z 0 Fig. 4. Simulazione nel rivelatore ATLAS di un decadimento del bosone di Higgs in due coppie e + e e m + m. Sono visibili le tracce dei due muoni che attraversano lo spettrometro esterno (tracce in rosso) e la coppia di elettroni che vengono assorbiti dal calorimetro elettromagnetico (al centro verso l alto in celeste). Le traiettorie delle altre particelle di maggior energia sono raffigurate in giallo. che decadono in due coppie m + m e e + e come ci si aspetta di osservare nell apparato ATLAS. Va infine ricordato il sistema di trigger, cioè di selezione degli eventi interessanti, e di acquisizione dei dati (DAQ) che com- PAG. 68 SAPERE - OTTOBRE 2008

8 terza pagina/fisica delle particelle pleta ciascun apparato sperimentale. Infatti alla luminosità di progetto della macchina sono prodotte circa 10 9 collisioni protone-protone per secondo, la maggior parte costituita da interazioni inelastiche di interesse scarso o nullo per il programma scientifico di LHC e, solo una frazione piccolissima di eventi di reale interesse fisico. È impensabile registrare i dati di tutte le collisioni prodotte in LHC, selezionando successivamente col computer gli eventi interessanti: occorrerebbe immagazzinare qualcosa come 10 8 MB/s (che significherebbe riempire di dati circa ventimila DVD al secondo!). Il sistema Trigger/DAQ effettua una ricostruzione approssimata, ma sufficientemente accurata, degli eventi che mano a mano si producono, selezionando in tempo reale (on-line) solo quelli con le caratteristiche principali compatibili con le collisioni che si intendono studiare. In questo modo solo i dati relativi a questi eventi sono registrati su supporti magnetici (dischi rigidi, nastri magnetici). Il numero di eventi conservati per l analisi è così ridotto di un fattore di circa , corrispondente a 200 eventi/s (equivalenti a 300 MB/s) come compatibili con gli attuali sistemi di registrazione di dati. Nonostante la grande riduzione ottenuta con il sistema di trigger, la quantità di dati che sarà necessario analizzare (circa 10 4 PB/anno, 1PB = 1 PetaByte = 10 6 GB) costituisce una sfida importante anche per i più moderni sistemi di calcolo. Per far fronte a questa impresa, è stato finanziato il progetto GRID ( griglia ), la cui funzione principale sarà quella di distribuire la ricostruzione degli eventi registrati dagli apparati (o anche simulati) ad una rete di calcolatori dislocati in tutti i paesi che partecipano al progetto LHC. Il progetto GRID riveste un ruolo fondamentale per lo sviluppo del calcolo scientifico moderno, ed LHC si presenta indubbiamente come uno dei settori della ricerca più esigenti. Conclusioni Il 10 settembre del 2008 un fascio di protoni, iniettato con una energia di 450 GeV ha compiuto per la prima volta un giro completo all interno del Large Hadron Collider. Il fascio, una volta assorbito dagli schermi utilizzati in questo test, ha prodotto una grande quantità di particelle che sono state rivelate dagli apparati sperimentali (vedi figura 5). Sebbene i 27 chilometri compiuti dai protoni rappresentino soltanto una frazione insignificante del percorso che verrà coperto durante i prossimi anni, questo primo giro di fatto rappresenta un grande balzo in avanti per la ricerca scientifica moderna nel campo della fisica delle alte energie. Questioni tuttora aperte, legate all origine della massa, alla natura della materia oscura, all asimmetria tra materia ed antimateria, presto potranno essere approfondite e, forse, troveranno una risposta. Infine l LHC potrebbe aprire una finestra su un mondo del tutto sconosciuto: se l entrata in funzione di questa macchina acceleratrice rappresenta il punto di arrivo di un progetto durato quasi vent anni, Fig. 5. Segnali osservati nei rivelatori dell esperimento ATLAS al passaggio delle particelle prodotte dall assorbimento in un collimatore del primo fascio circolato in LHC. essa allo stesso tempo sarà il punto di partenza per scrivere un capitolo nuovo della fisica moderna. PER SAPERNE DI PIÙ: On-line CERN faq - LHC the guide, scaricabile da: cdsmedia.cern. ch/img/cern-brochure eng.pdf CERN: LHC, fisica, acceleratore, esperimenti: public.web.cern.ch/public/en/lhc/lhc-en.html. Articoli VELTMAN M., «Il bosone di Higgs», Le Scienze, 221, novembre LLEWELLYN SMITH C., «Il Large Hadron Collider», Le Scienze, 385, settembre Dossier Il futuro della fisica, con articoli su LHC di L. MAIANI, PETRONZIO R., COLLINS G.P., QUIGG C. ed altri, in Le Scienze n. 476, aprile GRINBAUM A., On the eve of the LHC: conceptual questions in high-energy physics, arxiv: v1. AUTORI VARI, «Insight: The Large Hadron Collider», Nature, 448, 2007, pp FIDECARO M. e GENTILE S., «Il tassello mancante la particella di Higgs», Giornale di Fisica, Vol. 49, 2008, no. 2, pp Francesco Lacava è professore associato di Fisica sperimentale presso la «Sapienza» Università di Roma, partecipa all esperimento ATLAS. Aleandro Nisati è primo ricercatore presso la Sezione di Roma dell INFN, partecipa all esperimento ATLAS. SAPERE - OTTOBRE 2008 PAG. 69

I giganti a caccia Due enormi esperimenti sono pronti nel sottosuolo di Ginevra.

I giganti a caccia Due enormi esperimenti sono pronti nel sottosuolo di Ginevra. I giganti a caccia Due enormi esperimenti sono pronti nel sottosuolo di Ginevra. di Maria Curatolo 24 > 25 Scoprire il bosone di Higgs è uno degli scopi principali del Large Hadron Collider (Lhc) e, in

Dettagli

I m i n i Big Ba n g d e l La r g e Ha d r o n Co l l i d e r 1

I m i n i Big Ba n g d e l La r g e Ha d r o n Co l l i d e r 1 31 I m i n i Big Ba n g d e l La r g e Ha d r o n Co l l i d e r 1 (alla scoperta delle leggi che governano l Universo) Rino Castaldi INFN, Sezione di Pisa 1. Introduzione La conoscenza che abbiamo del

Dettagli

Acceleratori e superconduttività (SC) sono stati dei buoni amici per LHC: LARGE HADRON COLLIDER

Acceleratori e superconduttività (SC) sono stati dei buoni amici per LHC: LARGE HADRON COLLIDER LHC: LARGE HADRON COLLIDER il ruolo della superconduttività in una grande impresa scientifica di Lucio Rossi* La fisica delle particelle prevede l esistenza di un bosone non ancora rivelato, il bosone

Dettagli

Il Modello Standard. Giuseppe Salamanna Università Roma Tre Master Classes 27 marzo 2015

Il Modello Standard. Giuseppe Salamanna Università Roma Tre Master Classes 27 marzo 2015 Il Modello Standard Giuseppe Salamanna Università Roma Tre Master Classes 27 marzo 2015 1 Sommario I costituenti elementari della materia Tre famiglie di mattoni elementari Quattro forze fondamentali:

Dettagli

LHC (Large Hadron Collider) & Particella di dio

LHC (Large Hadron Collider) & Particella di dio LHC (Large Hadron Collider) & Particella di dio LHC Il Large Hadron Collider (in italiano: grande collisore di adroni,abbreviato LHC) èun acceleratore di particelle, situato presso il CERN di Ginevra.

Dettagli

Da Galileo a Higgs: un viaggio lungo 400 anni

Da Galileo a Higgs: un viaggio lungo 400 anni Da Galileo a Higgs: un viaggio lungo 400 anni Riccardo Torre Dipartimento di Fisica - Università di Padova 12 Febbraio 2015 Masterclass 2015 Liceo L. Stefanini, Venezia-Mestre Prerequisiti un po di fisica

Dettagli

Di Bolognesi Matteo e Neri Matteo

Di Bolognesi Matteo e Neri Matteo Di Bolognesi Matteo e Neri Matteo Di cosa si tratta Questo Febbraio si è tenuto, per la prima volta a Bologna (e in Italia anche a Catania, Ferrara, Lecce, Napoli, Padova, Pisa, Roma La Sapienza, RomaTre,,

Dettagli

La scoperta del bosone di Higgs. I cieli di Brera 17 aprile 2013 Corrado Lamberti

La scoperta del bosone di Higgs. I cieli di Brera 17 aprile 2013 Corrado Lamberti La scoperta del bosone di Higgs I cieli di Brera 17 aprile 2013 Corrado Lamberti Stazione dell esperimento ATLAS in costruzione. Si vedono 6 degli 8 magneti toroidali. La stazione sperimentale ha un diametro

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

8.16.1 Forme bilineari di fermioni di Dirac...231 8.16.2 Interazione debole corrente-corrente...235

8.16.1 Forme bilineari di fermioni di Dirac...231 8.16.2 Interazione debole corrente-corrente...235 Indice 1 Introduzione. Note storiche e concetti fondamentali... 1 1.1 Introduzione... 1 1.2 Notizie storiche. La scoperta delle particelle... 3 1.3 Il concetto di atomo. Indivisibilità... 5 1.4 Il Modello

Dettagli

Fermione. Particella a spin semintero, che obbedisce alla statistica di Fermi-Dirac.

Fermione. Particella a spin semintero, che obbedisce alla statistica di Fermi-Dirac. Particelle ed Interazioni fondamentali Fermione. Particella a spin semintero, che obbedisce alla statistica di Fermi-Dirac. Bosone. Particella a spin intero, che obbedisce alla statistica di Bose-Einstein.

Dettagli

Scienziati per un giorno verificando la teoria della relatività ristretta di Einstein

Scienziati per un giorno verificando la teoria della relatività ristretta di Einstein Scienziati per un giorno verificando la teoria della relatività ristretta di Einstein MasterClass 2014 - Bologna Angelo Carbone Misura della vita media del D 0 ad LHCb Ma Einstein aveva ragione? Oggi voi

Dettagli

Atomo: Particelle sub atomiche (appunti prof. Paolo Marchesi)

Atomo: Particelle sub atomiche (appunti prof. Paolo Marchesi) Atomo: Particelle sub atomiche (appunti prof. Paolo Marchesi) Il presente documento schematizza le principali particelle sub atomiche. Lo scopo di questa dispensa è fornire una schematizzazione sintetica

Dettagli

elettrone positrone e viceversa una coppia elettrone positrone si annichila tipicamente in due (o più) fotoni. Partendola un fotone di alta energia

elettrone positrone e viceversa una coppia elettrone positrone si annichila tipicamente in due (o più) fotoni. Partendola un fotone di alta energia ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI 9 febbraio 2007-02-09 Italo Mannelli Scuola Normale Superiore di Pisa MATERIA E ANTIMATERIA Ricerca e applicazioni (Riassunto) GENERALITA L esistenza di coppie di oggetti,

Dettagli

Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare. 50 anni di ricerca in fisica. 05 Novembre 2003 1

Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare. 50 anni di ricerca in fisica. 05 Novembre 2003 1 Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare 50 anni di ricerca in fisica 05 Novembre 2003 1 Una nuova visione del futuro abbiamo rivolto la nostra attenzione alla creazione di questo nuovo ente internazionale,

Dettagli

GIACOMO DI STASO. Figura 1 - Scuole pilota e scuole selezionate in Puglia (dott.ssa Antonella Regano - Centro Fermi di Roma 29.9.

GIACOMO DI STASO. Figura 1 - Scuole pilota e scuole selezionate in Puglia (dott.ssa Antonella Regano - Centro Fermi di Roma 29.9. 103 GIACOMO DI STASO Entra nel vivo il Progetto Extreme Energy Events ideato dal prof. Antonino Zichichi. L Istituto Scipione Staffa di Trinitapoli è diventato scuola pilota nella seconda fase di questo

Dettagli

Big bang, particelle (antimateria) acceleratori...

Big bang, particelle (antimateria) acceleratori... Big bang, particelle (antimateria) acceleratori... Cosa e perché ricerchiamo G. Mazzitelli, 2 Aprile 2014, Liceo Cannizzaro Colleferro http://giovannimazzitelli.wordpress.com Introduzione: Il metodo scientifico

Dettagli

Acceleratori e Rivelatori Introduzione:due passi indietro Rivelatori

Acceleratori e Rivelatori Introduzione:due passi indietro Rivelatori Acceleratori Acceleratori e Rivelatori Introduzione:due passi indietro Rivelatori Perché alte energie? Generazione di particelle Cavità a radiofrequenza Tipologie di acceleratori Modo di utilizzo Tipologie

Dettagli

Al Cern, Istituto nazionale di fisica nucleare travato il Bosone Higgs.

Al Cern, Istituto nazionale di fisica nucleare travato il Bosone Higgs. Nobel per la fisica Englert per scoperta del bosone Higgs. allo scozzese, Higgs e al belga, Al Cern, Istituto nazionale di fisica nucleare travato il Bosone Higgs. Il bosone di Higgs: lo scozzese Peter

Dettagli

Il CERN di Ginevra Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare

Il CERN di Ginevra Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare Il CERN di Ginevra Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare Stefano Covino! INAF / Osservatorio Astronomico di Brera! UTL Vimercate - 2011! 1 Una nuova visione del futuro abbiamo rivolto la nostra

Dettagli

Acceleratori e Big Bang

Acceleratori e Big Bang Acceleratori e Big Bang Un viaggio dalle particelle elementari alla cosmologia Francesco Ragusa Dipartimento di Fisica INFN - Milano Dipartimento di Scienze della Salute Milano 18 Dicembre 2013 Diapositive

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

Capitolo 6. La danza delle particelle

Capitolo 6. La danza delle particelle Capitolo 6 La danza delle particelle Si lavorava su LEP, e tanto, ma già si sapeva di dover andare oltre. E oltre c era una macchina che ormai aveva un nome: Large Hadron Collider, e unoscopo: scommettereche

Dettagli

LA SCOPERTA DEL BOSONE DI HIGGS

LA SCOPERTA DEL BOSONE DI HIGGS Scienze fisiche Istituto Lombardo (Rend. Scienze) 147, 93-112 (2013) LA SCOPERTA DEL BOSONE DI HIGGS MARCO FRATERNALI (*) Nota presentata dal m.e. Ferdinando Borsa (Adunanza del 23 maggio 2013) SUNTO.

Dettagli

1. Panoramica generale

1. Panoramica generale 1. Panoramica generale L esercizio proposto consiste nella ricerca di particelle strane (cioé dotate del numero quantico di stranezza) prodotte da collisioni in LHC e registrate dall esperimento ALICE.

Dettagli

Esperimento ATLAS INFN ed Università di Bologna MANUALE PER LAUREE TRIENNALI E SPECIALISTICHE PRESSO L ESPERIMENTO ATLAS

Esperimento ATLAS INFN ed Università di Bologna MANUALE PER LAUREE TRIENNALI E SPECIALISTICHE PRESSO L ESPERIMENTO ATLAS i Esperimento ATLAS INFN ed Università di Bologna MANUALE PER LAUREE TRIENNALI E SPECIALISTICHE PRESSO L ESPERIMENTO ATLAS Il testo si propone di spiegare gli aspetti più importanti degli studi di fisica

Dettagli

Alla ricerca di particelle strane in ALICE. 1. Panoramica generale

Alla ricerca di particelle strane in ALICE. 1. Panoramica generale Alla ricerca di particelle strane in ALICE 1. Panoramica generale L esercizio proposto consiste nella ricerca di particelle strane (cioé dotate del numero quantico di stranezza) prodotte da collisioni

Dettagli

Lezione 22 Trigger. Trigger: seleziona gli eventi interessanti fra tutte le collisioni. Decide se l evento deve essere letto ed immagazzinato.

Lezione 22 Trigger. Trigger: seleziona gli eventi interessanti fra tutte le collisioni. Decide se l evento deve essere letto ed immagazzinato. : seleziona gli eventi interessanti fra tutte le collisioni. Decide se l evento deve essere letto ed immagazzinato. Sistema di acquisizione dati (DAQ): raccoglie i dati prodotti dall apparato e li immagazzina

Dettagli

Alice e la zuppa di quark e gluoni

Alice e la zuppa di quark e gluoni Alice e la zuppa di quark e gluoni Disegnatore: Jordi Boixader Storia e testo: Federico Antinori, Hans de Groot, Catherine Decosse, Yiota Foka, Yves Schutz e Christine Vanoli Produzione: Christine Vanoli

Dettagli

RELATIVITA RISTRETTA E APPLICAZIONI NELLA REALTA ATTUALE

RELATIVITA RISTRETTA E APPLICAZIONI NELLA REALTA ATTUALE RELATIVITA RISTRETTA E APPLICAZIONI NELLA REALTA ATTUALE Nato ad Ulma il 14 Marzo del 1789. 1921 premio Nobel per la fisica. Morto il 18 aprile 1955 a Princeton. 1905: annus mirabilis Pubblicazione di

Dettagli

Il nucleo degli atomi

Il nucleo degli atomi Il nucleo atomico 1. Energia di legame nucleare 2. La radioattività naturale 3. Banda di stabilità degli isotopi degli elementi naturali 4. Decadimenti radioattivi 5. Reazioni nucleari Il nucleo degli

Dettagli

STUDIO DEL BOSONE DI HIGGS CON UNA SIMULAZIONE VELOCE DEL RIVELATORE CMS IN COLLISIONI P-P A s = 14 TeV

STUDIO DEL BOSONE DI HIGGS CON UNA SIMULAZIONE VELOCE DEL RIVELATORE CMS IN COLLISIONI P-P A s = 14 TeV ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Fisica STUDIO DEL BOSONE DI HIGGS CON UNA SIMULAZIONE VELOCE DEL RIVELATORE CMS IN COLLISIONI

Dettagli

IL SOLE. LauraCondorelli2014 Pagina 1

IL SOLE. LauraCondorelli2014 Pagina 1 IL SOLE Il Sole è nato circa 4,6 miliardi di anni fa e resisterà per altri 5 miliardi di anni circa. E una stella relativamente fredda, piccola rispetto alle altre ed è interamente gassoso. La temperatura

Dettagli

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone Unità n 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

Capitolo 7 Le particelle dell atomo

Capitolo 7 Le particelle dell atomo Capitolo 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

Come è fatta la materia, cioè quali particelle la costituiscono,

Come è fatta la materia, cioè quali particelle la costituiscono, LA MACCHINA LHC A GINEVRA E LA FISICA DELL INFINITAMENTE PICCOLO GIOVANNI VITTORIO PALLOTTINO 10 settembre 2009: giornali e televisioni riferiscono con dovizia di dettagli, non sempre peraltro ben comprensibili,

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO TESI DI LAUREA

POLITECNICO DI TORINO TESI DI LAUREA POLITECNICO DI TORINO I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Nucleare TESI DI LAUREA CERN-THESIS-2002-043 14/10/2002 Studio della risposta di dosimetri a stato solido da utilizzare per la

Dettagli

A cura della prof. ssa Barone Antonina

A cura della prof. ssa Barone Antonina A cura della prof. ssa Barone Antonina Oggi come 10.000 anni fa, l uomo si pone domande sull universo che lo circonda. Come si è formato? Qual è la sua struttura? Di che cosa è fatto? Le competenze Una

Dettagli

Realizzazione di un telescopio a raggi cosmici per lo studio delle prestazioni delle camere a deriva MDT per l esperimento ATLAS.

Realizzazione di un telescopio a raggi cosmici per lo studio delle prestazioni delle camere a deriva MDT per l esperimento ATLAS. Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di laurea in Fisica Anno Accademico 2002-2003 Tesi di Laurea Realizzazione di un telescopio a raggi cosmici

Dettagli

il gruppo CDF di Roma al Fermilab di Chicago Proposte di Tesi di Laurea presso il

il gruppo CDF di Roma al Fermilab di Chicago Proposte di Tesi di Laurea presso il Proposte di Tesi di Laurea presso il il gruppo CDF di Roma al Fermilab di Chicago Carlo Dionisi Dipartimento di Fisica Univ. di Roma La Sapienza INFN Sezione di Roma Dove si trova Fermilab? Cosa e' Fermilab?

Dettagli

L ATOMO. Risponde (o almeno ci prova)

L ATOMO. Risponde (o almeno ci prova) L ATOMO Di cosa sono fatte le cose? Come si è arrivati a capire gli atomi? Com è fatto un atomo? Quanto è grande un atomo? Che atomi esistono in natura? Perché esistono gli atomi? Risponde (o almeno ci

Dettagli

LA PARTICELLA DI DIO Perché è più importante delle altre? Casino dell'aurora - UA - 26.3.14

LA PARTICELLA DI DIO Perché è più importante delle altre? Casino dell'aurora - UA - 26.3.14 LA PARTICELLA DI DIO Perché è più importante delle altre? 1 L origine 1993 GODDAM 2 Dai raggi cosmici alla particella di Higgs CERN 2012 Fabiola Gianotti Peter Higgs 1912 Victor Hess 3 Dai raggi cosmici

Dettagli

Programma seminari per le scuole superiori da tenersi a Città della Scienza

Programma seminari per le scuole superiori da tenersi a Città della Scienza Programma seminari per le scuole superiori da tenersi a Città della Scienza Orario seminari dalle 10:30 alle 12:00 Titolo: Dal macro al micro-cosmo Relatore: Dr. Giuliana Fiorillo (Università degli Studi

Dettagli

Programma seminari per le scuole superiori da tenersi a Città della Scienza. Orario seminari dalle 10:30 alle 12:00

Programma seminari per le scuole superiori da tenersi a Città della Scienza. Orario seminari dalle 10:30 alle 12:00 Programma seminari per le scuole superiori da tenersi a Città della Scienza Orario seminari dalle 10:30 alle 12:00 Titolo: fisici il GPS ed Internet: da ARPANET al GARR, dal WEB alla GRID Relatore: Dott.

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE

ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE L Infn, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, è l istituto che promuove, coordina ed effettua la ricerca scientifica nel campo della fisica subnucleare, nucleare

Dettagli

Masterclass LHCb: misura della vita media della particella D 0 a LHC

Masterclass LHCb: misura della vita media della particella D 0 a LHC Masterclass LHCb: misura della vita media della particella D 0 a LHC 1 Introduzione Il Large Hadron Collider (LHC) non è solo uno strumento per cercare nuove particelle, ma anche una fabbrica di particelle

Dettagli

Studio di fattibilità per la ricerca di eventi H b b accompagnati da un fotone ad alto p T col rivelatore CMS a LHC

Studio di fattibilità per la ricerca di eventi H b b accompagnati da un fotone ad alto p T col rivelatore CMS a LHC Alma Mater Studiorum Università di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Triennale in Fisica Studio di fattibilità per la ricerca di eventi H b b accompagnati da un

Dettagli

PLS Fisica Progetto Lauree Scientifiche

PLS Fisica Progetto Lauree Scientifiche Università di Palermo PLS Fisica Progetto Lauree Scientifiche Corsi di Laurea in Fisica Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Palermo 1 Laurea triennale in Scienze

Dettagli

I gruppi ATLAS e CMS Pavia 19 Maggio 2015 1

I gruppi ATLAS e CMS Pavia 19 Maggio 2015 1 I gruppi ATLAS e CMS Pavia 19 Maggio 2015 1 The Large Hadron Collider The LHC is the largest machine in the world. It took thousands of scientists, engineers and technicians decades to plan and build,

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

A. Di Mauro (CERN) Italia al CERN, 10/10/14

A. Di Mauro (CERN) Italia al CERN, 10/10/14 A. Di Mauro (CERN) Italia al CERN, 10/10/14 Alcune defnizioni RIVELATORE E un dispositivo che conta, traccia o identifica le particelle prodotte dai decadimenti radioattivi, dalle radiazioni cosmiche o

Dettagli

scienza in primo piano

scienza in primo piano scienza in primo piano Il bosone di Higgs: la sua esistenza, la nostra esistenza Antonio Masiero Dipartimento di Fisica, Università di Padova, Padova, Italia INFN, Sezione di Padova, Italia A LHC è stata

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Programma seminari per le scuole superiori da tenersi a Città della Scienza. Titolo: fisici il GPS ed Internet: da ARPANET al GARR, dal WEB alla GRID

Programma seminari per le scuole superiori da tenersi a Città della Scienza. Titolo: fisici il GPS ed Internet: da ARPANET al GARR, dal WEB alla GRID Programma seminari per le scuole superiori da tenersi a Città della Scienza Orario seminari dalle 10:30 alle 12:00 Titolo: fisici il GPS ed Internet: da ARPANET al GARR, dal WEB alla GRID Relatore: Dott.

Dettagli

Produzione e caratterizzazione dei rivelatori a microstrisce per il tracciatore interno di ALICE

Produzione e caratterizzazione dei rivelatori a microstrisce per il tracciatore interno di ALICE Università degli Studi di Trieste Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Tesi di Laurea Specialistica in Fisica Produzione e caratterizzazione dei rivelatori a microstrisce per il tracciatore

Dettagli

La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi

La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi Alle sei di mattina del 7 agosto 1912 da un campo presso la città austriaca di Aussig si levò in volo un pallone che trasportava tre uomini, uno di

Dettagli

CERN: il contributo svizzero ad LHC. 1 Introduzione. Versione del 18 Ottobre 2008

CERN: il contributo svizzero ad LHC. 1 Introduzione. Versione del 18 Ottobre 2008 Versione del 18 Ottobre 2008 CERN: il contributo svizzero ad LHC. 1 Introduzione Il Large Hadron Collider (LHC), insieme ai suoi quattro rivelatori ALICE, ATLAS, CMS e LHCb, rappresenta il più grande e

Dettagli

Rivelatori di radiazione

Rivelatori di radiazione Rivelatori di radiazione Catia Petta Dipartimento di Fisica e Astronomia Università di Catania & INFN Summary Un compito da acchiappafantasmi Caratteristiche della preda Le strategie di cattura Gli attrezzi

Dettagli

Indice. Bibliografia... 23

Indice. Bibliografia... 23 Indice 1 Legge del decadimento radioattivo......................... 1 1.1 I fenomeni radioattivi.................................... 1 1.2 La legge esponenziale del decadimento radioattivo........... 4

Dettagli

A CACCIA DI PARTICELLE. Una breve introduzione alla fisica delle particelle. Sara Furcas (sfurcas@gmail.com)

A CACCIA DI PARTICELLE. Una breve introduzione alla fisica delle particelle. Sara Furcas (sfurcas@gmail.com) A CACCIA DI PARTICELLE Una breve introduzione alla fisica delle particelle Sara Furcas (sfurcas@gmail.com) Liceo Donatelli Pascal - 30 Maggio 2013 SOMMARIO Cosa sono le particelle? Il Bosone più famoso

Dettagli

MISURA DEL FLUSSO DI RAGGI COSMICI IN FUNZIONE DELL ANGOLO DI INCIDENZA

MISURA DEL FLUSSO DI RAGGI COSMICI IN FUNZIONE DELL ANGOLO DI INCIDENZA MISURA DEL FLUSSO DI RAGGI COSMICI IN FUNZIONE DELL ANGOLO DI INCIDENZA Scopo dell esperienza Misura mediante calorimetro (lead glass) a luce Čerenkov del flusso di muoni cosmici Studenti: Balata Claudio

Dettagli

Studio dell identificazione di elettroni a CMS

Studio dell identificazione di elettroni a CMS UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Laurea Specialistica in Fisica TESI DI LAUREA Studio dell identificazione di elettroni a CMS Relatore: Dott. GIUSEPPE

Dettagli

Compendio della Tesi

Compendio della Tesi Compendio della Tesi Le galassie sono sistemi stellari di enormi proporzioni tenuti insieme dall attrazione gravitazionale, e rappresentano, su grande scala, i mattoni costituenti dell Universo. Ciascuna

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

Stabilita' dei nuclei

Stabilita' dei nuclei Il Nucleo Nucleo e' costituito da nucleoni (protoni e neutroni). Mentre i neutroni liberi sono abbastanza instabili tendono a decadere in un protone ed un elettrone (t1/2 circa 900 s), i protoni sono stabili.

Dettagli

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER:

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEI SUPPORTI DELLA

Dettagli

Introduzione alla Cosmologia Fisica Lezione 17

Introduzione alla Cosmologia Fisica Lezione 17 Introduzione alla Cosmologia Fisica Lezione 17 la radiazione diffusa a micro-onde, la scoperta del Big Bang, Penzias e Wilson Giorgio G.C. Palumbo Università degli Studi di Bologna Dipartimento di Astronomia

Dettagli

UN ANELLO PER DOMARLI TUTTI

UN ANELLO PER DOMARLI TUTTI Antonio Merlini UN ANELLO PER DOMARLI TUTTI CERN-OPEN-2014-031 30/06/2014 Viaggio nel mondo degli acceleratori di particelle Liceo scientifico A.Sorbelli di Pavullo nel Frignano (Modena) anno scolastico

Dettagli

PARTICELLE SUBATOMICHE

PARTICELLE SUBATOMICHE MODELLI ATOMICI Il cammino per arrivare alla moderna teoria atomica è stato lungo e complesso: ogni nuova scoperta faceva venire alla luce anche nuovi problemi, che dovevano essere affrontati e risolti;

Dettagli

Cap. 4: Forze e Momenti

Cap. 4: Forze e Momenti Cap. 4: Forze e Momenti Forza Il concetto di forza serve ad esprimere l interazione tra corpi. Quando si spinge o si tira un oggetto, si interagisce con esso esercitando una forza e conseguentemente modificandone

Dettagli

Il Sistema Solare. Il suo diametro è di 1400000Km e la sua massa è pari a 328000 volte la massa del nostro pianeta.

Il Sistema Solare. Il suo diametro è di 1400000Km e la sua massa è pari a 328000 volte la massa del nostro pianeta. Il Sistema Solare Il Sole Il Sole è nato circa cinque miliardi d anni fa e, secondo gli scienziati, vivrà per altri cinque miliardi di anni. Esso ci appare come un enorme palla di fuoco solo per la sua

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

La radioattività e la datazione al radio-carbonio

La radioattività e la datazione al radio-carbonio 1 Espansione 2.2 La radioattività e la datazione al radio-carbonio Henry Becquerel. I coniugi Pierre e Marie Curie. La radioattività La radioattività è un fenomeno naturale provocato dai nuclei atomici

Dettagli

Il CERN ha 50 anni. Marco Silari. 3/2004 - Fisica in Medicina. CERN, 1211 Ginevra 23, Svizzera

Il CERN ha 50 anni. Marco Silari. 3/2004 - Fisica in Medicina. CERN, 1211 Ginevra 23, Svizzera Il CERN ha 50 anni Marco Silari CERN, 1211 Ginevra 23, Svizzera Un laboratorio per l Europa L otto marzo di quest anno l emissione di un francobollo commemorativo da parte delle poste svizzere ha segnato

Dettagli

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Paolo Montagna, Paolo Vitulo Dipartimento di Fisica Università di Pavia INFN Sezione di Pavia paolo.montagna@unipv.it, it paolo.vitulo@unipv.it http://fisica.unipv.it/fisnucl/

Dettagli

LEZIONI DI SCIENZE DELLA NATURA IL SOLE IL SOLE

LEZIONI DI SCIENZE DELLA NATURA IL SOLE IL SOLE 1 IL SOLE 1. FORMAZIONE DEL SOLE FIG. 1 a) l alta velocità di rotazione determinò l appiattimento della nebulosa; b) la temperatura della nebulosa diminuiva verso la sua periferia; lungo questa direzione

Dettagli

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna Ma l Universo è costituito solo da materia luminosa? La forza di gravità Galileo

Dettagli

INDICE CARICA ELETTRICA E LEGGE DI COULOMB 591 ENERGIA POTENZIALE E POTENZIALI ELETTRICI 663 CAMPO ELETTRICO 613 PROPRIETÀ ELETTRICHE DELLA MATERIA 93

INDICE CARICA ELETTRICA E LEGGE DI COULOMB 591 ENERGIA POTENZIALE E POTENZIALI ELETTRICI 663 CAMPO ELETTRICO 613 PROPRIETÀ ELETTRICHE DELLA MATERIA 93 INDICE CAPITOLO 25 CARICA ELETTRICA E LEGGE DI COULOMB 591 25.1 Elettromagnetismo: presentazione 591 25.2 Carica elettrica 592 25.3 Conduttori e isolanti 595 25.4 Legge di Coulomb 597 25.5 Distribuzioni

Dettagli

ma: serve a qualcosa?

ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? Michael Faraday (1791-67): a proposito dei suoi studi sull induzione elettromagnetica, rispose al Primo Ministro Sir Robert Peel: I know not, but I wager that

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

Fisica nucleare. 3.1 Il nucleo dell atomo. 24 3La Fisica moderna

Fisica nucleare. 3.1 Il nucleo dell atomo. 24 3La Fisica moderna 24 3La Fisica moderna Fisica nucleare Per affrontare l Unità devi sapere Il modello elementare della struttura atomica Le caratteristiche della luce come onda Il significato dell equivalenza tra massa

Dettagli

Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Osservatorio Astrofisico di Catania

Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Osservatorio Astrofisico di Catania Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Osservatorio Astrofisico di Catania Università degli Studi di Catania Dipartimento di Fisica e Astronomia - Sezione Astrofisica Il Sole Scheda didattica realizzata

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Lezione per l Università della Terza Età di Praia a Mare 2 Aprile 2014. La sala di controllo di ATLAS al momento delle prime collisioni in LHC

Lezione per l Università della Terza Età di Praia a Mare 2 Aprile 2014. La sala di controllo di ATLAS al momento delle prime collisioni in LHC Franco Lacava La scoperta del bosone di Higgs. Lezione per l Università della Terza Età di Praia a Mare 2 Aprile 2014 La sala di controllo di ATLAS al momento delle prime collisioni in LHC Ringraziamenti

Dettagli

ALLA SCOPERTA DELLE TECNICHE UTILIZZATE NELLA FISICA DELLE PARTICELLE ELEMENTARI

ALLA SCOPERTA DELLE TECNICHE UTILIZZATE NELLA FISICA DELLE PARTICELLE ELEMENTARI ALLA SCOPERTA DELLE TECNICHE UTILIZZATE NELLA FISICA DELLE PARTICELLE ELEMENTARI Pablo Genova Assegnista di Ricerca in Fisica presso l'università di Pavia. Una supposta scoperta scientifica non ha alcun

Dettagli

GLOSSARIO PROGETTO EEE (EXTREME ENERGY EVENTS)

GLOSSARIO PROGETTO EEE (EXTREME ENERGY EVENTS) GLOSSARIO PROGETTO EEE (EXTREME ENERGY EVENTS) A.G.N. Le AGN (Active Galactic Nucleus, nuclei galattici attivi) sono galassie attive, ossia dove una frazione dell energia viene emessa da oggetti differenti

Dettagli

Soluzione: 2 ) Cosa si intende per calore?

Soluzione: 2 ) Cosa si intende per calore? 1 ) Volendo calcolare di quanto è aumentata la temperatura di un corpo al quale è stata somministrata una certa quantità di calore, è necessario conoscere: A. Il calore specifico e la massa del corpo.

Dettagli

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1 La volta celeste L Astronomia è la scienza che studia l Universo e le sue origini. Le origini dello studio della volta celeste si perdono nella notte dei tempi, perché l uomo è sempre stato attratto ed

Dettagli

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Ø Prof. Attilio Santocchia Ø Ufficio presso il Dipartimento di Fisica (Quinto Piano) Tel. 075-585 2708 Ø E-mail: attilio.santocchia@pg.infn.it Ø Web: http://www.fisica.unipg.it/~attilio.santocchia

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MAURIZIO BIASINI 10, CHEMIN DES MOISSONS, 1294 GENTHOD, SVIZZERA Telefono 0041 22 9180 834 Fax

Dettagli

Uso del preshower nella calibrazione con eventi π 0 γγ del calorimetro elettromagnetico di CMS

Uso del preshower nella calibrazione con eventi π 0 γγ del calorimetro elettromagnetico di CMS Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Dipartimento di Fisica Tesi Laurea Magistrale in Fisica Uso del preshower nella calibrazione con eventi π 0 γγ del calorimetro elettromagnetico di CMS

Dettagli

Ma M g a n g e n t e ism s o m

Ma M g a n g e n t e ism s o m Magnetismo Magnetismo gli effetti magnetici da magneti naturali sono noti da molto tempo. Sono riportate osservazioni degli antichi Greci sin dall 800 A.C. la parola magnetismo deriva dalla parola greca

Dettagli

W e Z a LHC. M. Malberti (INFN Milano Bicocca) per le collaborazioni ATLAS e CMS

W e Z a LHC. M. Malberti (INFN Milano Bicocca) per le collaborazioni ATLAS e CMS W e Z a LHC M. Malberti (INFN Milano Bicocca) per le collaborazioni ATLAS e CMS Incontri sulla Fisica delle Alte Energie IFAE 2009 Bari, 15 17 Aprile 2009 Introduzione LHC è una W/Z factory Process s n.

Dettagli

I BUCHI NERI. Maurizio Macchiarulo

I BUCHI NERI. Maurizio Macchiarulo I BUCHI NERI Maurizio Macchiarulo I Buchi Neri nella Fisica Classica 1687 Isaac Newton pubblica i suoi Principia 1783 John Michell formula il concetto di Dark Star 1795 Pierre Simon Laplace pubblica Le

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero Diapositiva 1 Unità Didattica 1 La radiazione di Corpo Nero Questa unità contiene informazioni sulle proprietà del corpo nero, fondamentali per la comprensione dei meccanismi di emissione delle sorgenti

Dettagli

Agenda 2000 (Cap1_V11_Introduzione.doc) Data di creazione 15/12/00 10.34. Ultima modifica 15/12/00 12.12 Stampato 15 dicembre 2000.

Agenda 2000 (Cap1_V11_Introduzione.doc) Data di creazione 15/12/00 10.34. Ultima modifica 15/12/00 12.12 Stampato 15 dicembre 2000. Introduzione La fondazione di un'astronomia dei neutrini cosmici di alta energia costituisce oggi una delle frontiere della ricerca in Astrofisica. Dopo i successi dell'astronomia dei gamma ottenuti con

Dettagli

MODELLI ATOMICI. Dai primi modelli alla teoria moderna

MODELLI ATOMICI. Dai primi modelli alla teoria moderna MODELLI ATOMICI Dai primi modelli alla teoria moderna Se numerose evidenze sperimentali avevano permesso di trovare l'esistenza delle particelle subatomiche, le loro dimensioni, così infinitamente piccole,

Dettagli

SOSTENIBILITÀ: ENERGIA E PREVISIONI TERREMOTI GRAZIE AL NUCLEARE PULITO = LA NUOVA FRONTIERA DELLA SCIENZA DISCUSSA AL POLITECNICO DI TORINO

SOSTENIBILITÀ: ENERGIA E PREVISIONI TERREMOTI GRAZIE AL NUCLEARE PULITO = LA NUOVA FRONTIERA DELLA SCIENZA DISCUSSA AL POLITECNICO DI TORINO AGENZIE DI STAMPA ADNKRONOS LANCI DI AGENZIA SOSTENIBILITÀ: ENERGIA E PREVISIONI TERREMOTI GRAZIE AL NUCLEARE PULITO SOSTENIBILITÀ: ENERGIA E PREVISIONI TERREMOTI GRAZIE AL NUCLEARE PULITO = LA NUOVA FRONTIERA

Dettagli