Sono in molti a ritenere che la fisica delle particelle elementari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sono in molti a ritenere che la fisica delle particelle elementari"

Transcript

1 terza pagina/fisica delle particelle Alla frontiera della scienza Francesco Lacava e Aleandro Nisati Lo scorso settembre al CERN di Ginevra è entrato in funzione il Large Hadron Collider, l acceleratore di particelle più avanzato al mondo. Al lavoro circa 800 scienziati italiani Sono in molti a ritenere che la fisica delle particelle elementari si appresti a vivere nei prossimi anni un periodo estremamente interessante. Lo scorso settembre al CERN di Ginevra, il laboratorio europeo per la fisica nucleare, è stato inaugurato il Large Hadron Collider (LHC), la più potente macchina acceleratrice a fasci incrociati di protoni (e di ioni pesanti) finora costruita. Lo studio delle collisioni protone-protone negli esperimenti presso questo collisore permetterà un salto nella conoscenza dei costituenti più piccoli della materia e delle loro interazioni, chiarendo alcuni punti ancora irrisolti della teoria delle particelle elementari. Inoltre dovrebbe essere possibile osservare tutta una serie di nuove particelle finora solo ipotizzate teoricamente, che potrebbero tra l altro A volte ritornano chiarire fenomeni di astrofisica, come per esempio la dinamica delle galassie. Nelle collisioni di due protoni si riprodurranno in laboratorio i processi elementari che pensiamo dovessero permeare il nostro Universo circa un milionesimo di miliardesimo di secondo dopo l inizio del Big Bang, quando la temperatura sarebbe stata circa K (cioè cento milioni di miliardi di gradi!). L avventura dell LHC è iniziata intorno a metà degli anni Ottanta quando al CERN si propose di realizzare all interno del tunnel sotterraneo costruito per ospitare il LEP, il collisore elettrone-positrone in funzione negli anni Novanta, un collisore protone-protone di 14 TeV di energia nel centro di massa, un energia cioè pari a circa volte quella corrispondente alla massa a riposo di un protone (dalla relazione E=mc 2 ) (TeV È perfettamente prevedibile che la qualità intellettuale più diffusa degli esseri umani sia la credulità. Oroscopi dovunque, in ogni tipo di mass media, lotterie basate su la fortuna, pubblicità commerciale menzognera, e così via. La credulità è inesauribile. Tra la chemioterapia e un cornetto portafortuna, molti tratterebbero un tumore con il cornetto. I fisici che stanno per fare esperimenti con LHC al CERN di Ginevra vanno ingenuamente dicendo che ciò che si produce in una collisione protone-protone a quelle energie corrisponde a un processo che si realizzava nei primi istanti dell Universo, ai tempi del mitico Big Bang. Non tengono conto del fatto che Big Bang è una epressione diabolica, come Buco Nero e altre terrificanti evocazioni cosmologiche. La gente si spaventa: sarà sicuro fare un esperimento così? Non è pericoloso? E se ancora nessuno lo ha mai fatto, come fanno a sapere che non ci sono rischi? Ed ecco che qualche scienziato esibizionista, nella migliore tradizione dei rotocalchi, decide di provocare un caso, di fare un po di baccano sfruttando la fame inestinguibile dei giornalisti. E, senza vergognarsi di ciò che fa, si rivolge a un tribunale internazionale chiedendo di fermare la minaccia incombente : non è la prima volta che ci provano, già qualche anno fa accadde qualcosa di simile per un esperimento americano. La reazione dei giornali, dalle Hawai all Europa, è puntuale e vistosa: tutti, grandi e piccini, ci si buttano sopra. Il telefono squilla in continuazione. Che dire? Tranquilli, il Big Bang è rimandato. Viene voglia di dire che Nostradamus non lo aveva previsto per oggi: ma temo che qualcuno si scatenerebbe in interpretazioni autentiche di profezie. Per fortuna, i nostri autori spiegano, a chi vuole capirlo, ciò che veramente si fa. C.B. = 1000 GeV = 1, Joule). La tecnica dei collisori consiste nel far circolare due fasci di particelle di alta energia, controrotanti in una stessa macchina circolare, facendoli incrociare in punti prestabiliti. Nata in Italia alla fine degli anni Cinquanta presso i Laboratori Nazionali di Frascati, su suggerimento del fisico Bruno Touschek, inizialmente fu impiegata per collisioni elettrone- PAG. 62 SAPERE - OTTOBRE 2008

2 La sala di controllo del Large Hadron Collider al CERN di Ginevra nel giorno dell'inaugurazione lo scorso settembre. positrone. Essa permette di raggiungere le più alte energie d interazione perché nella collisione di due particelle di stessa massa in moto contrapposto, l'intera energia del sistema è disponibile per l'interazione, diversamente da ciò che accade in esperimenti a bersaglio fisso presso macchine acceleratrici tradizionali. Intorno a metà degli anni Settanta, Carlo Rubbia e altri fisici proposero di usare questa tecnica anche per far collidere protoni e antiprotoni. Fu un idea brillante che, grazie anche alla prima realizzazione di fasci di antiprotoni, nel 1983 rese possibile al CERN le prime osservazioni dei bosoni W e Z e nel 1995 di scoprire il quark top al collisore del Fermilab di Chicago. Il nuovo collisore LHC è l ultimo arrivato di questa entusiasmante linea di ricerca. Nato come progetto europeo, nel tempo LHC ha assunto rilevanza planetaria grazie alla partecipazione di fisici provenienti da oltre cinquanta nazioni. Anche i ricercatori americani hanno concentrato i loro sforzi su LHC da quando, nel 1993, è stato cancellato il programma di costruzione del Superconducting Super Collider (SSC), un collisore ancora più grande di LHC, con 40 TeV di energia nel centro di massa e con 87 chilometri di circonferenza. Il Modello Standard delle particelle elementari Nonostante i grandi passi avanti compiuti negli ultimi decenni, nella comprensione della struttura fondamentale della materia ci sono aspetti ancora non verificati sperimentalmente o che non hanno finora trovato una spiegazione del tutto soddisfacente. Il modello teorico attuale delle particelle elementari, elaborato sulla base di un vasto insieme di risultati sperimentali e di sviluppi teorici, va sotto il nome di Modello Standard. In esso trovano posto i costituenti fondamentali della materia e sono descritte le loro interazioni. I mattoni fondamentali della materia, almeno quelli finora scoperti, si possono dividere in due gruppi, ognuno composto da tre coppie di particelle elementari: i quark (up e down, charm e strange, top e beauty) e i leptoni (elettrone e neutrino elettronico, muone e neutrino-mu, tau e neutrinotau) (Tabella 1). Per ciascuna di queste particelle esiste poi la corrispondente antiparticella (particella di antimateria), e le antiparticelle sono raggruppate in un modo del tutto simile alle particelle. I quark, a differenza dei leptoni, per effetto dell interazione forte, non possono esser prodotti isolatamente: sono necessariamente confinati con altri quark o SAPERE - OTTOBRE 2008 PAG. 63

3 Tabella 1. Coppie di fermioni elementari noti. quark leptoni u up d down n e neutrino - e e elettrone c charm s strange n m neutrino - m m muone t top b beauty n t neutrino - t antiquark in particelle elementari come per esempio il protone o il neutrone. A partire da questi costituenti elementari possiamo spiegare la struttura della materia che ci circonda. Così, semplificando un po, due quark up uniti a un quark down formano un protone mentre due quark down e un quark up costituiscono un neutrone. Protoni e neutroni possono poi legarsi a formare i nuclei dei vari elementi chimici. Infine i nuclei circondati dagli elettroni costituiscono gli atomi dei materiali più semplici, come un gas, o più complessi, come per esempio quelli degli elementi più pesanti, come il piombo. Tutte le particelle fondamentali finora menzionate sono fermioni: hanno cioè spin semintero (=1/2) e hanno particolari proprietà statistiche (di Fermi-Dirac) determinanti, tra l altro, per la formazione degli elementi atomici e quindi del mondo che ci circonda. t tau A destra è riportata la carica elettrica comune a tutte le particelle sulla riga, indicata in unità di carica elementare (pari alla carica dell elettrone cambiata di segno). Tabella 2. Le tre forze fondamentali che governano le interazioni tra le particelle elementari. Forza Interazione elettromagnetica Agisce su quark, leptoni e bosoni con carica elettrica. Raggio d azione illimitato. Interazione forte Agisce su quark e gluoni, i leptoni non ne risentono. Raggio d azione m. Interazione debole Agisce su quark e leptoni. Raggio d azione m. carica neutra Bosoni mediatori Fotone g Ha massa nulla. Gluoni g Sono otto e hanno massa nulla. Bosoni carichi W + e W Massa: 80,4 GeV Bosone neutro Z 0 Massa: 91,2 GeV 0 1 Alcune caratteristiche principali Particelle con stessa carica si respingono, con cariche opposte si attraggono. È l interazione che lega gli elettroni al nucleo negli atomi e determina i legami molecolari. Lega i quark a formare il protone, il neutrone e altre particelle a interazione forte. Lega protoni e neutroni nei nuclei atomici. Causa i decadimenti radioattivi b nei nuclei, permette i processi di fusione nucleare che forniscono l energia alle stelle (come nel nostro Sole) e che si pensa di utilizzare in futuro per la produzione di energia. Trasforma i quark u, c, t, in quark d, s, b e viceversa, inoltre i leptoni e, m, t nei rispettivi neutrini e viceversa. È l interazione debole che, a differenza di quella carica, non trasforma le particelle. Individuati i mattoni elementari, è necessario comprendere come questi interagiscano tra loro. Sappiamo che le interazioni o forze fondamentali sono quattro: elettromagnetica, debole, forte e gravitazionale. Inoltre è noto che le prime tre di queste sono propagate da un altra classe di particelle elementari, i cosiddetti bosoni che, avendo uno spin intero (=1), osservano una statistica (di Bose-Einstein) alternativa a quella dei fermioni. I bosoni propagatori (o mediatori) delle prime tre interazioni (Tabella 2), le sole osservabili negli attuali esperimenti con particelle elementari, sono: i fotoni, responsabili dei fenomeni elettromagnetici (come per esempio la forza coulombiana di attrazione o di repulsione tra due oggetti elettricamente carichi), i bosoni W ± e Z 0, che scambiano le forze deboli (responsabili per esempio del decadimento b del neutrone), i gluoni (sono otto) che determinano le interazioni nucleari forti (tengono insieme i quark nel protone o nel neutrone, e poi legano protoni e neutroni a comporre il nucleo atomico). Le stesse forze intervengono anche nelle interazioni tra due antiparticelle e tra particella e antiparticella. C è da osservare che i leptoni non sono soggetti all interazione forte, cioè, a differenza dei quark, non interagiscono con i gluoni. Il Modello Standard si basa sul fatto che le equazioni che descrivono le interazioni osservano particolari leggi di simmetria. Ciò determina la forma delle interazioni in uno schema unificato. Un chiaro successo di questo modello è l unificazione della forza elettromagnetica e della forza debole in un unica interazione detta elettrodebole con la previsione dei bosoni W e Z osservati, come già ricordato, al CERN nel Alcuni modelli teorici suggeriscono inoltre l unificazione dell interazione elettrodebole con l interazione forte a energie estremamente elevate (maggiori di GeV), oltre le possibilità di verifica diretta alle macchine acceleratrici oggi immaginabili. Le particelle che risentono dell interazione forte, come per esempio i protoni, sono dette adroni; da qui il nome di Large Hadron Collider, Grande Collisore di Adroni. Fig. 1. Grafico di Feynman che rappresenta uno dei processi più importanti di produzione e decadimento del bosone di Higgs: un gluone (g) di un protone interagisce con un gluone (g) di un protone del fascio opposto. In questo processo si forma per un tempo brevissimo una coppia di quark top-antit op che si annichila ( fonde ) in un bosone di Higgs. Successivamente questa particella decade in una coppia di bosoni Z 0, che, a loro volta, decadono in una coppia e + e ed una coppia m + m. La figura 4 rappresenta un esempio di come si vedrebbe nell apparato ATLAS un decadimento di questo tipo. I grafici di Feynman sono una rappresentazione grafica dei processi tra particelle elementari descritti dalle leggi della Meccanica Quantistica. g g t t t H Z 0 Z 0 m + e m e + PAG. 64 SAPERE - OTTOBRE 2008

4 terza pagina/fisica delle particelle Il Modello Standard (SM) descrive i fermioni, i bosoni mediatori e le loro interazioni, tuttavia, per spiegare la loro massa è stato necessario introdurre un nuovo processo, noto come meccanismo di Higgs (dal nome di uno dei fisici che per primi lo hanno proposto), capace di attribuire una massa alle particelle. Questo meccanismo implica l esistenza di un nuovo bosone con spin 0, detto bosone di Higgs, la cui massa tuttavia non è prevista dalla teoria. La consistenza della teoria richiede solo che la sua massa sia inferiore a 1 TeV mentre gli attuali limiti sperimentali indicano che probabilmente dovrebbe esser compresa tra 114 e 192 GeV. Ci si aspetta quindi che il bosone di Higgs possa esser prodotto nelle interazioni di protoni a LHC e la sua osservazione, senza dubbio uno degli obiettivi primari della fisica dei nostri giorni, è perciò una delle motivazioni principali del progetto LHC del CERN. Il protone è una particella composta formata da quark (con prevalenza di due quark up e uno down), antiquark e gluoni: questi componenti elementari sono chiamati in generale partoni. Lo scambio di gluoni tra quark e antiquark e l interazione tra gli stessi gluoni tengono uniti i partoni nel protone. Nelle collisioni più frontali di due protoni, in realtà, l interazione avviene tra uno o più partoni di un protone e uno o più partoni dell altro protone. Le interazioni partone-partone di più alta energia sono quelle che danno luogo agli eventi più interessanti, come per esempio la produzione del bosone di Higgs schematizzata in figura 1. Anche dopo l eventuale osservazione del bosone di Higgs e la misura della massa, rimarrebbe comunque da comprendere cosa determini il valore della scala di energia della sua massa. Tra le teorie che potrebbero dare una soluzione a questo problema e contribuire all unificazione delle interazioni fondamentali ci sono le teorie Supersimmetriche (SUSY) che, comprendendo il Modello Standard, assumono una simmetria più estesa tra particelle a spin intero e particelle a spin semintero prevedendo l esistenza di nuove particelle superpartner di quelle finora scoperte. Queste superparticelle, per alcune delle quali si ipotizza una massa intorno al TeV, non sarebbero ancora state osservate semplicemente perché troppo pesanti per essere prodotte dagli acceleratori finora usati. Ci sono però buoni motivi per pensare che, qualora esistessero, l energia di LHC sia sufficiente per produrle e permetterne la scoperta. L osservazione di particelle supersimmetriche amplierebbe notevolmente il numero di mattoni fondamentali e potrebbe anche fornire una spiegazione al problema della materia oscura dell Universo. Difatti diverse misure di astrofisica indicano chiaramente che la materia luminosa da noi osservata rappresenta il 4% dell energia dell Universo, mentre il 23%, non emettendo alcun tipo di radiazione elettromagnetica, risulta invisibile (da qui dark matter o materia oscura) alla nostra osservazione diretta basata sulla ricezione di onde elettromagnetiche (luce, onde radio, etc.); il restante 73% essendo costituito da una forma di energia a noi sconosciuta (detta dark energy o energia oscura). Non sappiamo oggi di cosa sia composta la materia oscura ma, se esistono, le particelle supersimmetriche neutre di minor massa potrebbero essere dei buoni candidati. Infatti, sarebbero presenti nel nostro Universo come residui del Big Bang iniziale e, interagendo molto poco con la materia ordinaria, sarebbero osservate solo indirettamente attraverso effetti gravitazionali. Tra questi, per esempio, la costanza della velocità di rotazione delle parti di una galassia al crescere della distanza dal suo centro. Fig. 2. Lungo la circonferenza dell acceleratore LHC sono disposti quattro apparati sperimentali (ATLAS, CMS, LHC-b ed ALICE) pronti a studiare le collisioni di fasci di protoni di alta energia che questa macchina si appresta a produrre. Il nuovo acceleratore Il Large Hadron Collider si trova in un tunnel circolare sotterraneo di 27 chilometri scavato a circa 100 metri di profondità al di sotto della campagna tra la città di Ginevra e le montagne del Giura, proprio dove passa il confine tra la Francia e la Svizzera (Fig. 2). Come detto, il tunnel era stato costruito negli anni Ottanta per ospitare il LEP, il grande collisore di elettroni e positroni (antielettroni) che tra il 1989 e il 2000, ha permesso di effettuare misure di alta precisione dei parametri del Modello Standard. Nel caso di LHC, pacchetti di protoni con una energia di 0,450 TeV sono immessi nel collisore usando l intero complesso di macchine acceleratrici di protoni usate in passato al CERN per le indagini più avanzate della fisica subnucleare. In LHC i protoni sono suddivisi in due fasci mantenuti su traiettorie circolari percorse in direzioni opposte, distanti tra loro pochi centimetri. Durante la fase di accelerazione, ogni protone raggiunge un energia di 7 TeV. Protoni di questa energia hanno una velo- SAPERE - OTTOBRE 2008 PAG. 65

5 cità inferiore di una parte su cento milioni rispetto a quella della luce e per curvare la loro traiettoria e mantenerli su orbite circolari compatibili con le dimensioni del tunnel, sono necessari campi magnetici estre- MUON ENDCAP BOBINA SUPERCONDUTTRICE TRACCIATORE MUON BARREL mamente elevati raggiungibili solo con magneti superconduttori. Lungo la circonferenza di LHC sono infatti distribuiti circa magneti di vario tipo e con diverse funzioni, che guidano i protoni esattamente sulle traiettorie prestabilite. In particolare, tra questi ci sono dipoli magnetici superconduttori, lunghi ognuno 15 metri, con all interno un campo magnetico maggiore di 8 Tesla (circa 100 mila volte il campo magnetico terrestre), cioè quanto richiesto per curvare il percorso dei protoni. Tutti i magneti superconduttori per poter funzionare sono raffreddati a 1.9 K da un imponente sistema di criogenia che realizza nel tunnel di LHC una zona estesa più fredda della radiazione cosmica di fondo che ha una temperatura prossima a 3 K. I protoni circolanti in ciascuna direzione sono raggruppati in pacchetti, contenenti ognuno fino a 100 miliardi di protoni. I pacchetti sono lunghi solo 7,6 centimetri e hanno un diametro di appena 16 micrometri: le dimensioni di un capello sottile. Dopo la fase di accelerazione i due fasci circolanti nella macchina sono mantenuti sulle loro orbite per quasi dieci ore durante le quali i pacchetti di un fascio sono fatti incrociare con quelli dell altro fascio in quattro punti di interazione intorno ai quali sono stati montati i quattro esperimenti ATLAS, CMS, LHC-b e ALICE per l osservazione delle particelle emesse nelle collisioni. Quando LHC funzionerà nella sua configurazione di progetto (massima potenza) si avrà un incrocio di pacchetti ogni 25 nanosecondi (cioè 40 milioni di incroci per secondo), a ogni incrocio si avranno circa 20 collisioni tra coppie di protoni appartenenti a pacchetti opposti e in ogni collisione circa 100 delle particelle prodotte attraverseranno i rivelatori di un esperimento come ATLAS o CMS. Per comprendere quanto siano elevate le energie in gioco basti pensare che a quel regime tutti i protoni circolanti in LHC, la cui massa totale raggiunge solo un miliardesimo di grammo, avranno insieme un energia uguale all energia cinetica di 900 automobili, ognuna della massa di una tonnellata, lanciate a 100 chilometri all ora. ECAL IRON YOKE Gli esperimenti I principali esperimenti che analizzeranno le collisioni protone-protone prodotte ad LHC sono quattro: ATLAS (A Toroidal Lhc ApparatuS), CMS (Compact Muon Solenoid), LHC-b (Large Hadron Collider beauty) e ALICE (A Large Ion Collider Experiment). I primi due sono esperimenti con un programma scientifico molto vasto, centrato innanzitutto sulla ricerca del bosone di Higgs e di nuova fisica (per esempio particelle supersimmetriche) e di loro parleremo fra poco diffusamente. L esperimento LHC-b è dedicato allo studio di particelle con quark beauty ed in particolare studierà la violazione della simmetria CP in queste particelle. La validità di questa simmetria richiede che un processo tra particelle avvenga con la stessa probabilità del processo che si ottiene osservando il primo in uno specchio (equivalente allo scambio della destra con la sinistra) e allo stesso tempo scambiando le particelle con le corrispondenti antiparticelle. Ciò corrisponderebbe a una completa simmetria tra materia e antimateria con la conseguenza che nell Universo primordiale avrebbe dovuto essere prodotta la stessa quantità di materia e di antimateria mentre il nostro Universo è composto di sola materia. Nel 1964 è stata scoperta una piccolissima violazione della simmetria CP e quindi un asimmetria tra materia ed antimateria. Si pensa che un asimmetria di questo tipo potrebbe aver determinato nelle prime fasi dell Universo la scomparsa dell antimateria. Dopo un primo periodo di collisioni protone-protone, in LHC saranno immessi e fatti collidere due fasci di ioni pesanti (piombo) con un energia di 572 TeV ognuno (pari a 2,76 TeV per nucleone). Per lo studio di queste collisioni, che richiede un apparato sperimentale con speciali caratteristiche, è stato preparato l esperimento ALICE. In particolare nelle collisioni tra ioni si spera di osservare la formazione di un plasma di quark e di gluoni. In questo stato della materia, quark e gluoni non sarebbero più confinati in particelle elementari (come protoni o neutroni) ma formerebbero piuttosto una specie di zuppa molto calda e densa. È questo uno stato della materia che avrebbe riempito il nostro Universo alla fine del primo microsecondo della sua vita. Sia la ricerca del bosone di Higgs sia quella di segnali di nuova MUON ENDCAP HCAL Fig 3. I principali componenti dell'apparato sperimentale CMS: il tracciatore interno, la bobina superconduttrice, il calorimetro elettromagnetico (ECAL), il calorimetro adronico (HCAL), il giogo di ritorno (iron yoke) e, infine, i rivelatori dello spettrometro per muoni (un muon barrel e due muon endcap). PAG. 66 SAPERE - OTTOBRE 2008

6 terza pagina/fisica delle particelle fisica richiedono una rivelazione sicura e una misura accurata dell energia di fotoni, elettroni (e positroni), muoni, tau, nonché di getti di particelle che possono essere originati da gluoni o da quark come per esempio quelli prodotti in associazione al bosone di Higgs o nella sua disintegrazione. L ermeticità degli apparati sperimentali, ossia la copertura con rivelatori, il più completa possibile, della zona circostante il punto di interazione, permette inoltre di misurare l energia mancante dell evento, cioè quella che sfugge alla rivelazione e che va attribuita alla produzione nella collisione di neutrini o di nuove particelle (per esempio supersimmetriche) che escono dall apparato senza rilasciarvi alcun segnale. L elevata frequenza delle collisioni tra i protoni, necessaria per raggiungere un alta luminosità del collisore, che corrisponde alla possibilità di osservare un numero ragionevole di eventi che hanno una piccola probabilità di produzione, ha imposto particolari condizioni nel disegno degli apparati sperimentali. In primo luogo, è stato necessario progettare rivelatori rapidi, con un elettronica di lettura dei segnali abbastanza veloce, capaci di distinguere tra loro le collisioni dei pacchetti di protoni che si susseguono con un intervallo temporale di 25 nanosecondi, e allo stesso tempo realizzare apparati in grado di sopportare per un periodo di tempo di almeno anni gli elevati flussi di radiazione prodotti durante il funzionamento della macchina acceleratrice. Lungo complessivamente 46 metri, con un diametro di 25 metri e un peso di tonnellate, ATLAS è il più grande apparato sperimentale mai costruito. CMS invece si presenta come un apparato più compatto, lungo 22 metri e con un diametro di 15 metri con una massa di tonnellate (Fig. 3). A questi due esperimenti partecipano complessivamente circa fisici. Sebbene la struttura degli esperimenti ATLAS e CMS sia simile, le scelte adottate per la realizzazione dei vari rivelatori che compongono i due apparati sperimentali sono abbastanza diverse. In prossimità del punto di collisione, sia ATLAS che CMS dispongono di un rivelatore più interno ID (Inner Detector) per la misura delle traiettorie delle particelle cariche. Questo rivelatore, di forma cilindrica, è centrato sul punto nominale delle collisioni, con l asse orientato nella direzione di volo dei due fasci. Lungo sei metri e con un diametro di poco più di due nel caso di La partecipazione italiana Sono circa 800 i fisici italiani che partecipano agli esperimenti con LHC. Non solo: molti dei rivelatori dei vari esperimenti sono stati costruiti nei laboratori dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) o delle nostre università. La presenza italiana è rilevante anche tra i fisici che si occupano della gestione dei dati registrati negli esperimenti e tra coloro che si preparano all analisi degli eventi. Molti sono giovani ricercatori, dottorandi e studenti che dedicano la loro tesi alla preparazione degli esperimenti o dell analisi dei dati. Notevole anche la partecipazione delle industrie, operanti per esempio nel campo dei superconduttori (ASG - Ansaldo Superconduttori, Zanon, Europa Metalli) o dell elettronica (come la CAEN di Viareggio), con un ritorno in termini di commesse estremamente vantaggioso per il nostro paese. All ASG è stato costruito un terzo dei circa dipoli superconduttori di LHC, così come il grande magnete solenoidale superconduttore dell esperimento CMS e le bobine del grande magnete toroidale dell esperimento ATLAS. L avventura LHC, dunque, rappresenta anche per l Italia un occasione eccezionale per la formazione di personale estremamente specializzato in vari settori della fisica, dell elettronica e dell informatica, e per lo sviluppo delle industrie nazionali in settori di alta tecnologia. ATLAS (per CMS le dimensioni sono simili), è immerso in un campo magnetico, diretto lungo l asse del rivelatore, che curva la traiettoria delle particelle cariche prodotte nelle collisioni. Dalla misura della curvatura è possibile determinare la quantità di moto con cui la particella è stata generata. In ATLAS il magnete produce un campo magnetico di 2 Tesla, mentre quello di CMS permette di produrre un campo di 4 Tesla. Nel caso di CMS questo magnete, il più grande solenoide superconduttore finora costruito, rappresenta l unico magnete presente nell apparato, mentre in ATLAS, come si dirà, altri tre grandi magneti toroidali in aria sono disposti più all esterno. Nell Inner Detector la traiettoria delle particelle cariche è determinata dalle misure di posizione effettuate su più piani di rivelatori di silicio. Questi rivelatori producono un segnale quando sono attraversati da una particella ionizzante e sono in grado di misurare la posizione della linea di volo della particella con un errore di pochi micrometri. Ciò naturalmente comporta un numero elevatissimo di canali di lettura, dell ordine di 10 8 (cento milioni). Nel caso di ATLAS gli strati più esterni del tracciatore centrale sono realizzati con la tecnica tradizionale dei tubi a deriva: questo consente di disporre di un maggiore numero di punti di misura delle traiettorie. Nei rivelatori centrali la quantità di moto di una particella di 50 GeV/c viene misurata con un incertezza dell ordine dell 1%. Il rivelatore centrale di tracce è circondato dal calorimetro. Questo rivelatore è costituito dal calorimetro elettromagnetico, posto subito dopo l ID, seguito dal calorimetro adronico. Con il primo si identificano gli elettroni e i positroni (cioè e ± ) e i fotoni (g) prodotti nella collisione e se ne misurano le energie. Una misura precisa dell energia di queste particelle è infatti fondamentale per osservare la produzione di nuove particelle. ATLAS dispone di un calorimetro basato su una tecnologia ben collaudata, che utilizza argon liquido come materiale sensibile per la misura dell energia di elettroni e fotoni che producono sciami elettromagnetici attraverso le sottili lastre di piombo presenti nel calorimetro. Questa tecnica è particolarmente adatta in ambienti con elevati flussi di radiazione, e permette di misurare l energia di e ± e g di 100 GeV con risoluzioni dell ordine dell 1% o superiori. CMS invece si avvale di una tecnica basata su cristalli di tungstenato di piombo (PbWO 4 ), un nuovo SAPERE - OTTOBRE 2008 PAG. 67

7 tipo di scintillatore studiato appositamente per questo esperimento) capaci di fornire una risoluzione intrinseca superiore (di circa un fattore 2 migliore di quella di ATLAS) e allo stesso tempo di sopportare gli elevati flussi di radiazione prodotti dalle collisioni. Il calorimetro adronico svolge diverse funzioni: insieme al calorimetro elettromagnetico contribuisce all identificazione di elettroni (positroni) e fotoni, permette la ricostruzione dell energia e della direzione dei getti di particelle che si producono nell interazione tra due protoni, e permette di assorbire la quasi totalità delle particelle prodotte nella collisione. Fanno eccezione i neutrini (ed eventuali altre nuove particelle neutre poco interagenti) che sfuggono alla rivelazione e i muoni di energia superiore ad alcuni GeV, che sono invece osservati nei rivelatori più esterni. Sia ATLAS che CMS hanno adottato tecnologie tradizionali per la realizzazione dei calorimetri adronici, basate su strati di ferro (ATLAS) o ottone (CMS) alternati a lastre di scintillatore plastico. La parte più esterna di ATLAS e CMS è costituita dai rivelatori per l identificazione e la misura della quantità di moto dei muoni, che rappresentano le uniche particelle cariche in grado di attraversare il calorimetro adronico. In entrambi gli esperimenti, questi apparati condizionano le dimensioni geometriche dell apparato stesso, e, nel caso di CMS, anche il peso complessivo. Il sistema di muoni di ATLAS è basato su un grande spettrometro in aria costituito da un magnete toroidale centrale e da due magneti toroidali più piccoli, posti all interno del primo, in corrispondenza delle due estremità. Ciascuno di questi tre magneti è a sua volta costituito da otto bobine superconduttrici, in grado di sviluppare un campo magnetico di intensità compresa tra 0.5 e 1 Tesla. Le bobine del toroide centrale, di forma rettangolare, hanno le dimensioni di 25 metri lungo la direzione dei fasci per 5 metri in direzione traversa. All interno del toroide centrale, e attorno ai due toroidi in avanti, sono collocati i rivelatori di muoni. Nel caso di CMS si utilizza invece il giogo di ritorno del flusso di campo del magnete solenoidale centrale. Questo sistema è costituto da una serie continua di lastre di ferro, magnetizzate con un campo di intensità di circa 1.5 Tesla, poste attorno al calorimetro ed alternate a rivelatori di posizione. Per entrambi gli esperimenti, i rivelatori di muoni utilizzati sono molto simili, tutti basati su tecnologie di rivelazione a gas. In particolare, si usano tubi a deriva in alluminio, lunghi uno o più metri, riempiti di una miscela di gas (per la maggior parte argon), di sezione dell ordine di alcuni centimetri quadri, con un sottile filo conduttore situato lungo l asse e posto ad un potenziale positivo. Una particella carica, come il muone, attraversando un tubo, ionizza il gas presente al suo interno, e gli ioni prodotti, amplificati nel gas dal campo elettrico presente, generano un segnale sul filo che viene rivelato dall elettronica di lettura posta all estremità dei tubi. Ciò permette di determinare la posizione del passaggio della particella con una precisione dell ordine di 100 mm o migliore. I diversi strati di tubi a deriva presenti nello spettrometro permettono infine una ricostruzione accurata della traiettoria della particella, dalla cui curvatura, come nel tracciatore centrale, è possibile misurare la quantità di moto, essendo noto il campo magnetico presente. Per un muone di 50 GeV, la quantità di moto viene misurata con una risoluzione di circa 1.5 GeV nello spettrometro di ATLAS mentre in quello di CMS la precisione è limitata dall effetto dell attraversamento del ferro. Combinando le misure in questi rivelatori con quelle fornite dai tracciatori centrali (ID), la risoluzione di CMS raggiunge 0.5 GeV mentre per ATLAS si ottiene 1 GeV. Ci piace ricordare che nei due spettrometri di ATLAS e CMS per il tracciamento, meno accurato ma estremamente rapido, essenziale per individuare gli eventi con muoni di alta energia, sono usati dei rivelatori molto veloci, detti RPC (Resistive Plate Chamber: camere a piani resistivi) ideati e sviluppati nelle Università italiane e nelle Sezioni dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. In figura 4 è presentato un evento simulato di produzione del bosone di Higgs seguita dal suo decadimento in una coppia di Z 0 Fig. 4. Simulazione nel rivelatore ATLAS di un decadimento del bosone di Higgs in due coppie e + e e m + m. Sono visibili le tracce dei due muoni che attraversano lo spettrometro esterno (tracce in rosso) e la coppia di elettroni che vengono assorbiti dal calorimetro elettromagnetico (al centro verso l alto in celeste). Le traiettorie delle altre particelle di maggior energia sono raffigurate in giallo. che decadono in due coppie m + m e e + e come ci si aspetta di osservare nell apparato ATLAS. Va infine ricordato il sistema di trigger, cioè di selezione degli eventi interessanti, e di acquisizione dei dati (DAQ) che com- PAG. 68 SAPERE - OTTOBRE 2008

8 terza pagina/fisica delle particelle pleta ciascun apparato sperimentale. Infatti alla luminosità di progetto della macchina sono prodotte circa 10 9 collisioni protone-protone per secondo, la maggior parte costituita da interazioni inelastiche di interesse scarso o nullo per il programma scientifico di LHC e, solo una frazione piccolissima di eventi di reale interesse fisico. È impensabile registrare i dati di tutte le collisioni prodotte in LHC, selezionando successivamente col computer gli eventi interessanti: occorrerebbe immagazzinare qualcosa come 10 8 MB/s (che significherebbe riempire di dati circa ventimila DVD al secondo!). Il sistema Trigger/DAQ effettua una ricostruzione approssimata, ma sufficientemente accurata, degli eventi che mano a mano si producono, selezionando in tempo reale (on-line) solo quelli con le caratteristiche principali compatibili con le collisioni che si intendono studiare. In questo modo solo i dati relativi a questi eventi sono registrati su supporti magnetici (dischi rigidi, nastri magnetici). Il numero di eventi conservati per l analisi è così ridotto di un fattore di circa , corrispondente a 200 eventi/s (equivalenti a 300 MB/s) come compatibili con gli attuali sistemi di registrazione di dati. Nonostante la grande riduzione ottenuta con il sistema di trigger, la quantità di dati che sarà necessario analizzare (circa 10 4 PB/anno, 1PB = 1 PetaByte = 10 6 GB) costituisce una sfida importante anche per i più moderni sistemi di calcolo. Per far fronte a questa impresa, è stato finanziato il progetto GRID ( griglia ), la cui funzione principale sarà quella di distribuire la ricostruzione degli eventi registrati dagli apparati (o anche simulati) ad una rete di calcolatori dislocati in tutti i paesi che partecipano al progetto LHC. Il progetto GRID riveste un ruolo fondamentale per lo sviluppo del calcolo scientifico moderno, ed LHC si presenta indubbiamente come uno dei settori della ricerca più esigenti. Conclusioni Il 10 settembre del 2008 un fascio di protoni, iniettato con una energia di 450 GeV ha compiuto per la prima volta un giro completo all interno del Large Hadron Collider. Il fascio, una volta assorbito dagli schermi utilizzati in questo test, ha prodotto una grande quantità di particelle che sono state rivelate dagli apparati sperimentali (vedi figura 5). Sebbene i 27 chilometri compiuti dai protoni rappresentino soltanto una frazione insignificante del percorso che verrà coperto durante i prossimi anni, questo primo giro di fatto rappresenta un grande balzo in avanti per la ricerca scientifica moderna nel campo della fisica delle alte energie. Questioni tuttora aperte, legate all origine della massa, alla natura della materia oscura, all asimmetria tra materia ed antimateria, presto potranno essere approfondite e, forse, troveranno una risposta. Infine l LHC potrebbe aprire una finestra su un mondo del tutto sconosciuto: se l entrata in funzione di questa macchina acceleratrice rappresenta il punto di arrivo di un progetto durato quasi vent anni, Fig. 5. Segnali osservati nei rivelatori dell esperimento ATLAS al passaggio delle particelle prodotte dall assorbimento in un collimatore del primo fascio circolato in LHC. essa allo stesso tempo sarà il punto di partenza per scrivere un capitolo nuovo della fisica moderna. PER SAPERNE DI PIÙ: On-line CERN faq - LHC the guide, scaricabile da: cdsmedia.cern. ch/img/cern-brochure eng.pdf CERN: LHC, fisica, acceleratore, esperimenti: public.web.cern.ch/public/en/lhc/lhc-en.html. Articoli VELTMAN M., «Il bosone di Higgs», Le Scienze, 221, novembre LLEWELLYN SMITH C., «Il Large Hadron Collider», Le Scienze, 385, settembre Dossier Il futuro della fisica, con articoli su LHC di L. MAIANI, PETRONZIO R., COLLINS G.P., QUIGG C. ed altri, in Le Scienze n. 476, aprile GRINBAUM A., On the eve of the LHC: conceptual questions in high-energy physics, arxiv: v1. AUTORI VARI, «Insight: The Large Hadron Collider», Nature, 448, 2007, pp FIDECARO M. e GENTILE S., «Il tassello mancante la particella di Higgs», Giornale di Fisica, Vol. 49, 2008, no. 2, pp Francesco Lacava è professore associato di Fisica sperimentale presso la «Sapienza» Università di Roma, partecipa all esperimento ATLAS. Aleandro Nisati è primo ricercatore presso la Sezione di Roma dell INFN, partecipa all esperimento ATLAS. SAPERE - OTTOBRE 2008 PAG. 69

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

scienza in primo piano

scienza in primo piano scienza in primo piano Il bosone di Higgs: la sua esistenza, la nostra esistenza Antonio Masiero Dipartimento di Fisica, Università di Padova, Padova, Italia INFN, Sezione di Padova, Italia A LHC è stata

Dettagli

Alice e la zuppa di quark e gluoni

Alice e la zuppa di quark e gluoni Alice e la zuppa di quark e gluoni Disegnatore: Jordi Boixader Storia e testo: Federico Antinori, Hans de Groot, Catherine Decosse, Yiota Foka, Yves Schutz e Christine Vanoli Produzione: Christine Vanoli

Dettagli

La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi

La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi Alle sei di mattina del 7 agosto 1912 da un campo presso la città austriaca di Aussig si levò in volo un pallone che trasportava tre uomini, uno di

Dettagli

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Paolo Montagna, Paolo Vitulo Dipartimento di Fisica Università di Pavia INFN Sezione di Pavia paolo.montagna@unipv.it, it paolo.vitulo@unipv.it http://fisica.unipv.it/fisnucl/

Dettagli

Ugo Amaldi Sempre più veloci

Ugo Amaldi Sempre più veloci Ugo Amaldi Sempre più veloci Perché i fisici accelerano le particelle: la vera storia del bosone di Higgs indice con la collaborazione di Adele La Rana Introduzione 5 1. I primi cinquant anni 17 2. Piccoli

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

ma: serve a qualcosa?

ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? Michael Faraday (1791-67): a proposito dei suoi studi sull induzione elettromagnetica, rispose al Primo Ministro Sir Robert Peel: I know not, but I wager that

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna Ma l Universo è costituito solo da materia luminosa? La forza di gravità Galileo

Dettagli

Capitolo 7: Simmetrie e Numeri Quantici

Capitolo 7: Simmetrie e Numeri Quantici Capitolo 7: Simmetrie e Numeri Quantici Corso di Fisica Nucleare e Subnucleare I Professor Carlo Dionisi A.A. 2004-2005 1 Simmetrie Invarianza Leggi di Conservazione 1) Principi di Invarianza e leggi di

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

Ricerca del bosone di Higgs nel canale di decadimento H ZZ l + l qq nell esperimento ATLAS ad LHC

Ricerca del bosone di Higgs nel canale di decadimento H ZZ l + l qq nell esperimento ATLAS ad LHC Università degli Studi di Napoli Federico II FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Specialistica in Fisica Ricerca del bosone di Higgs nel canale di decadimento H ZZ l + l

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Prefazione alla II edizione

Prefazione alla II edizione Prefazione alla II edizione La seconda edizione di questo testo mantiene tutte le caratteristiche della prima edizione, progettata in modo specifico per i corsi semestrali della Laurea Magistrale in Fisica:

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN)

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) SUPERCONDUTTIVITÀ A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) Il fenomeno della superconduttività è stato osservato per la prima volta nel 1911 dal fisico olandese Heike Kamerlingh Onnes dell'università de

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca. Report di ne anno II Attività di dottorato svolte. Dipartimento di Fisica G.Occhialini

Università degli Studi di Milano Bicocca. Report di ne anno II Attività di dottorato svolte. Dipartimento di Fisica G.Occhialini Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Fisica G.Occhialini Report di ne anno II Attività di dottorato svolte Marco Toliman Lucchini Ciclo di dottorato XXVII (2011-2014) Matricola n 700975

Dettagli

Il fotone. Emanuele Pugliese, Lorenzo Santi URDF Udine

Il fotone. Emanuele Pugliese, Lorenzo Santi URDF Udine Il fotone Emanuele Pugliese, Lorenzo Santi URDF Udine Interpretazione di Einstein dell effetto fotoelettrico Esistono «particelle»* di luce: i fotoni! La luce è composta da quantità indivisibili di energia

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

Studio del decadimento B s φφ emisuradelsuobranching r

Studio del decadimento B s φφ emisuradelsuobranching r Studio del decadimento B s φφ e misura del suo branching ratio acdfii Relatore Correlatore dott.ssa Anna Maria Zanetti dott. Marco Rescigno Giovedì, 18 Dicembre (pag 1) Scopo dell analisi Lo scopo dell

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Gli orbitali: modello atomico probabilistico

Gli orbitali: modello atomico probabilistico 1 Approfondimento 2.1 Gli orbitali: modello atomico probabilistico Modello atomico planetario (o a gusci): gli elettroni ruotano intorno al nucleo percorrendo orbite prefissate. Il modello atomico planetario

Dettagli

Campioni atomici al cesio

Campioni atomici al cesio Campioni atomici al cesio Introduzione Gli orologi con oscillatore a cristallo di quarzo, che si sono via via rivelati più affidabili e precisi degli orologi a pendolo, hanno iniziato a sostituire questi

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

APPUNTI DI ELETTROTECNICA GENERALE versione 0.0

APPUNTI DI ELETTROTECNICA GENERALE versione 0.0 APPUNTI DI ELETTROTECNICA GENERALE versione 0.0 9 settembre 2006 2 Indice 1 STRUTTURA DELLA MATERIA E FENOMENI ELETTRICI 7 1.1 Cos é l elettricità?.................................... 7 1.2 Fenomeni elettrostatici.................................

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri:

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri: LO SPETTRO Se si fa passare un fascio luminoso prima attraverso una fenditura e poi attraverso un prisma si ottiene la scomposizione della luce nei colori semplici, cioè otteniamo lo spettro della luce.

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia Particelle alfa Le particelle alfa interagiscono intensamente con la materia attraverso collisioni/interazioni che producono lungo la traccia una elevata

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

I principi della meccanica quantistica nella scuola secondaria Un contributo

I principi della meccanica quantistica nella scuola secondaria Un contributo I principi della meccanica quantistica nella scuola secondaria Un contributo Paolo Cavallo 10 marzo 2004 Sommario Si riassume una strategia per la presentazione dei principi della meccanica quantistica

Dettagli

L ENERGIA DAGLI ELETTRONI. La struttura dell atomo

L ENERGIA DAGLI ELETTRONI. La struttura dell atomo L ENERGIA DAGLI ELETTRONI La struttura dell atomo Ogni materia è formata da particelle elementari dette atomi. Gli atomi sono formati da una parte centrale, il nucleo (composto da due tipi di particelle,

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

L Acqua alla luce della fisica quantistica. di Emilio Del Giudice

L Acqua alla luce della fisica quantistica. di Emilio Del Giudice L Acqua alla luce della fisica quantistica di Emilio Del Giudice Questo secolo è nato con grandi speranze, e poi ha attraversato vicissitudini turbolente. Le rivoluzioni dell'inizio secolo danno proprio

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

2m (con L = 0, 1, 2,...)

2m (con L = 0, 1, 2,...) Capitolo 2 Proprietà elettromagnetiche dei nuclei Spin e momento magnetico del nucleo: generalità Se una carica e si muove di moto circolare uniforme, per esempio un elettrone attorno ad un nucleo, esiste

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta L. P. 22 Aprile 2015 Sommario L espressione della quantità di moto e dell energia in relatività ristretta

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Higgs e il suo bosone

Higgs e il suo bosone Ian Sample Higgs e il suo bosone La caccia alla particella di Dio Traduzione di Paolo Bartesaghi Sito & estore www.ilsaggiatore.com Twitter twitter.com/ilsaggiatoreed Facebook www.facebook.com/ilsaggiatore

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli