RELAZIONE DESCRITTIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE DESCRITTIVA"

Transcript

1

2 RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI IDRICO SANITARI IMPIANTI DI SCARICO ACQUE NERE IMPIANTI ANTINCENDIO SOMMARIO 1 IMPIANTO IDRICO-SANITARIO IMPIANTO DI SCARICO E VENTILAZIONE ACQUE NERE Impianto di scarico interno al fabbricato Rete di scarico esterna al fabbricato IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Impianto idranti Impianto a lama d acqua protezione sipario Impianto sprinkler Impianto di protezione del palcoscenico impianto a diluvio IMPIANTO DI EVACUAZIONI FUMI E CALORE RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 1/13

3 1 IMPIANTO IDRICO-SANITARIO L impianto idrico sanitario da realizzare garantirà l alimentazione dell acqua calda e fredda nei servizi ad uso pubblico e nei servizi della torre scenica, inoltre alimenterà le apparecchiature impiantistiche per il condizionamento ed il riscaldamento del fabbricato. La rete di alimentazione dell acqua fredda parte dal contatore, posto sul lato del fabbricato ad arriva al secondo piano interrato con percorso nel terreno mediante tubazione in PEAD PN 16 e percorso in cavedio, a vista realizzato in tubazione multistrato. E presente inoltre un ulteriore alimentazione idrica dedicata al riempimento delle cisterne per l impianto idrico antincendio. Nella centrale idrica è presente l impianto di trattamento dell acqua che garantirà il trattamento sia dell acqua calda che dell acqua fredda. L impianto di trattamento acqua prevede le seguenti apparecchiature: - filtro autopulente di sicurezza con effetto batteriostatico per eliminare dall acqua sabbia e corpi estranei fino ad una granulometria di 90 micron, al fine di prevenire corrosioni puntiformi e danni alle tubazioni, alle apparecchiature ed al valvolame, idoneo per la filtrazione dell acqua ad uso potabile e risponde a quanto prescritto dal D.M. Sanità 443/90 e dal D.M. 37/08; - sistema di addolcimento dimensionato per ottenere una durezza residua di circa 10 fr/mc. La portata di punta, considerando anche l'acqua che deve passare dal by-pass per ottenere la durezza residua desiderata, e' di 12 mc/h. L impianto sarà dotato di una doppia colonna con rigenerazione volumetrica alternata che permette il minore consumo di sale ed acqua per la rigenerazione; - sistema di neutralizzazione della durezza residua e contemporanea disinfezione dell'acqua con prodotto attivo contro la formazione del biofilm sulle superfici delle tubazioni e contro la proliferazione della Legionella Pneumophila sull anello di ricircolo e sui terminali di distribuzione dell acqua calda. Rimane l obbligo di controllare costantemente il residuo dei prodotti usati, oltre naturalmente quello di predisporre analisi saltuarie del batterio della Legionella Pneumophila con cadenze e modalità dettate dal Responsabile del Rischio della struttura; - sistema di condizionamento chimico dell'acqua contenuta nel ciclo di riscaldamento ottenuto aggiungendo nella rete un prodotto antincrostante e anticorrosivo così come vuole la Norma Uni 8065 in vigore. Inizialmente, dopo avere lavato e spurgato abbondantemente l impianto deve essere fatta un aggiunta manuale di poliammina in RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 2/13

4 ragione di 5 Kg per mc di riempimento. Successivamente i rabbocchi saranno assicurati con una pompa dosatrice a funzionamento temporizzato. Nella centrale idrica è presente anche il bollitore a riscaldamento indiretto per la produzione di acqua calda sanitaria utilizzata dai servizi presenti nella torre scenica. Il boiler della capacità di 1000 lt è dotato di doppio serpentino. All uscita del bollitore è presente una valvola termostatica tarata a 45 C per il controllo della temperatura massima dell acqua da distribuire agli utilizzatori. L impianto di distribuzione prevede anche una rete ed una pompa di ricircolo per garantire una adeguata velocità di erogazione in tutti i sanitari, anche quelli più lontani. L impianto di distribuzione sarà così realizzato: - una rete di acqua fredda sanitaria addolcita; - una rete acqua calda sanitaria; - una rete di ricircolo. Le tubazioni, a tutti i piani, seguiranno percorso a soffitto a vista o chiuse in un controsoffitto e saranno opportunamente staffate alle strutture portanti. Saranno realizzate in multistrato con anima metallica, idonee per il convogliamento di fluidi ad uso potabile e resistenti a temperature di esercizio non inferiori a 70 C, di tipo certificato all impiego. Le tubazioni saranno utilizzate con gli speciali raccordi per installazione a compressione meccanica da eseguirsi con appositi utensili, anch essi di tipo certificato. Le tubazioni saranno tutte coibentate con guaine di idoneo spessore, a seconda di quanto stabilito dalle vigenti normative in funzione dei diametri esterni delle tubazioni e del posizionamento dei locali entro i quali vengono installate, inoltre tutte le tubazioni poste in vista saranno rifinite con lastre di PVC idonee all impiego. In corrispondenza di ciascun attraversamento della tubazione di parete avente caratteristiche REI, sarà garantita la continuità della stessa mediante l installazione ed il ripristino degli spazi in eccesso del foro di un nastro intumescente avente al minimo le stesse caratteristiche REI della parete, di tipo certificato. Dalle dorsali principali si dirameranno gli stacchi per l alimentazione dei vari gruppi di servizi previa installazione di rubinetti di intercettazione. Le reti di distribuzione all interno dei bagni saranno realizzate in traccia nelle pareti. La rete di ricircolo sanitaria verrà collegata alla condotta dell acqua calda in corrispondenza dei rubinetti di intercettazione prima dei blocchi bagno. In sommità alle colonne di distribuzione verranno installati dei riduttori di colpo d ariete. Per quanto riguarda l alimentazione dei servizi igienici della platea e della galleria, considerando l esiguità del consumo di acqua calda e la distanza dalla centrale termica, si è previsto RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 3/13

5 di realizzare una alimentazione di sola acqua fredda addolcita con l installazione di boiler elettrici per la produzione di acqua calda sanitaria. Si installeranno un boiler ogni coppia di servizi igienici e considerando la vicinanza tra gli utilizzatori e il boiler non si realizza la rete di ricircolo. Per quanto riguarda gli attraversamenti delle tubazioni dei giunti strutturali dell edificio è necessario prendere le opportune precauzioni con l inserimento di giunti di dilatazione. Gli apparecchi sanitari installati all interno dei servizi igienici saranno tutti di tipo con scarico a parete poiché lo spazio disponibile nel massetto del pavimento non è compatibile con le dimensioni delle tubazioni di scarico, corredati di rubinetteria e di accessori, in particolare: i vasi, di tipo sospeso, saranno in ceramica di prima qualità, con superficie il più possibile priva di angolature per permettere una migliore pulizia, corredati di sedile in legno laccato, cassetta di risciacquo da incasso nel muro e staffe speciali di sostegno a parete. i lavabi saranno in ceramica del tipo con semi-colonna corredati di gruppo miscelatore per lavabo con comando a leva e corpo in acciaio inossidabile, completi di sifone mensole e staffe di fissaggio. i bidet, di tipo sospeso, saranno in ceramica di prima qualità, con superficie il più possibile priva di angolature per permettere una migliore pulizia, corredati di gruppo miscelatore monocomando per bidet con corpo in acciaio inossidabile, completi di sifone e staffe speciali di sostegno a parete. i piatti doccia di varie dimensioni saranno corredati di accessori di fissaggio, gruppo miscelatore monocomando da esterno per doccia con corpo in acciaio inossidabile, doccetta, saliscendi, flessibile, piletta di scarico in acciaio inox e sifone. Nei servizi per disabili saranno previsti adeguati sanitari in porcellana dura vetrificata, rispondenti alle normative vigenti in materia. il lavabo sarà in ceramica con fronte concavo, bordi arrotondati, appoggio per gomiti, installato mediante apposite mensole pneumatiche per la regolazione dell'inclinazione del lavabo e corredato di rubinetteria con corpo e leva sanitaria in acciaio inossidabile. il vaso, di tipo sospeso, sarà in ceramica con combinazione WC/bidet con catino allungato corredato di sedile con apertura anteriore, cassetta di risciacquo a zaino con comando agevolato a distanza e miscelatore termostatico con doccetta, flessibile e supporto. RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 4/13

6 All'interno dei servizi per disabili saranno installati appositi corrimano verticali ed orizzontali di sostegno del tipo ammesso dalla normativa vigente. Saranno previsti degli idonei accessori bagno realizzati in materiale plastico, in grado di garantire l igienicità di utilizzo, da installarsi nei servizi igienici relativi sia al pubblico sia al personale interno. 2 IMPIANTO DI SCARICO E VENTILAZIONE ACQUE NERE Nella rete di scarico delle acque nere saranno convogliate tutte le acque reflue provenienti dai servizi igienici e dalle pilette di raccolta acqua delle centrali tecnologiche. Per quello che concerne la rete esterna, essa sarà realizzata anche a servizio del fabbricato adiacente non oggetto del presente progetto. 2.1 Impianto di scarico interno al fabbricato La rete di scarico interna, di ventilazione e di scarico delle condense sarà realizzata con tubazioni in polietilene ad alta densità PEHD con giunzioni a saldare e/o a manicotto, prevedendo in entrambi i casi tutti i pezzi speciali (curve, braghe, manicotti, ispezioni ecc.) per dare l'impianto perfettamente funzionante con i requisiti di allontanare rapidamente le acque di rifiuto per le vie più brevi, evitando sedimentazioni di materie putrescibili soggette ad incrostazioni, di garantire la perfetta tenuta delle giunzioni e di impedire il passaggio delle esalazioni dalle tubazioni agli ambienti. A causa del limitato spazio a disposizione per la posa dei tubi a pavimento, si è previsto, ove possibile, di attraversare il solaio in corrispondenza di ogni apparecchio dotato di scarico per poi realizzare i collegamenti generali a soffitto del piano inferiore. Per quanto riguarda la rete del secondo piano interrato viene realizzata in parte sul massetto ed in parte nella platea strutturale come indicato negli elaborati grafici. La rete di ventilazione dello scarico sarà realizzata con colonna parallela alla rete di scarico e con esalazione a tetto. Seguirà prevalentemente percorso a soffitto e a parete nei servizi igienici. La ventilazione sarà prolungata fino alla base delle colonne di scarico. Le reti di scarico che vengono dai piani superiore avranno percorso orizzontale con pendenza minima dell 1 % a soffitto del piano 0 fino all esterno del fabbricato dove, sempre in pendenza, raggiungeranno la vasca imhoff. Per quanto riguarda gli scarichi del primo e del secondo piano interrato verranno raccolti in due pozzetti al secondo piano interrato dove saranno alloggiate due coppie di pompe di RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 5/13

7 sollevamento trituratrici azionate da quadro elettrico che gestisce l alternanza delle pompe e gli allarmi di guasto. Al secondo piano interrato sono presenti inoltre alcune pilette di raccolta delle acque piovane che vengono raccolte in due pozzetti dove sono alloggiate due coppie di pompe di sollevamento gestite sempre da quadro di regolazione per l alternanza delle pompe e la gestione degli allarmi. Le pompe di sollevamento convogliano attraverso 4 tubazioni distinte in PEAD PN16 le acque in un pozzetto rompi getto da cui poi per gravità vengono convogliate alla rete di scarico cittadina. Le tubazioni di scarico sono realizzate in PE-HD con elevato spessore. I raccordi sono realizzati con pezzi speciali ad alto abbattimento acustico con inspessimento dello spessore del raccordo per aumentare la massa. Sulle colonne verticali di scarico e sui tratti orizzontali a controsoffitto verrà applicato un materassino fonoisolante realizzato accoppiando un foglio di materiale sintetico ad un foglio di piombo per ottenere un abbattimento acustico di 13dB(A). il materassino viene avvolto al la tubazione con una sovrapposizione di almeno 2 cm e fissato con nastro isolante. Tutte le tubazioni saranno staffate mediante sistema di bracciali con inserto disaccoppiante per limitare la trasmissione del rumore alle strutture portanti. In corrispondenza di ciascun attraversamento della tubazione di materiale combustibile di parete avente caratteristiche REI, sarà garantita la continuità della stessa mediante l installazione ed il ripristino degli spazi in eccesso del foro di un nastro intumescente avente al minimo le stesse caratteristiche REI della parete, di tipo certificato. Le pilette di raccolta nei locali tecnologici saranno dotate di sifone allo scopo di impedire il diffondersi di odori negli ambienti. Tutta la rete interna dovrà essere completamente ispezionabile e dotata di tappi appositi per l eventuale spurgo delle condotte, sia per quelle poste in vista che all interno dei controsoffitti. 2.2 Rete di scarico esterna al fabbricato La rete esterna è realizzata sempre con tubazione in PE-HD allettata in sabbia e convoglia le acque nere alla vasca imhof dimensionata secondo le indicazioni di HERA in funzione della capienza del teatro. All uscita della rete nera dal fabbricato viene installato un sifone. RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 6/13

8 La raccolta delle acque piovane del piano interrato viene convogliata alla rete esterna e collegata dopo la vasca imhof con l inserimento di sifone per impedire il ritorno di odori all interno del fabbricato. La rete di raccolta delle condense viene mantenuta separata all interno del fabbricato e viene poi collegata alla rete esterna previa installazione di sifoni. 3 IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO La protezione attiva a servizio dell attività del teatro è composta dai seguenti impianti fissi di estinzione degli incendi: - un impianto interno di estinzione ad idranti UNI45 - un impianto a lama d acqua inserito nel sipario - un impianto di estinzione automatica (sprinkler) - un impianto a protezione del palcoscenico di tipo a diluvio L alimentazione idrica ad ogni impianto è garantita dalla presenza di due vasche antincendio ad uso esclusivo di capacità rispettivamente 22 mc per l impianto idranti e la lama d acqua e 115 mc per gli impianti a sprinkler e a diluvio. 3.1 Impianto idranti Il teatro ha una capienza superiore a 600 posti ed una superficie complessiva superiore ai mq, per cui in conformità alla regola tecnica di prevenzione incendi (D.M. 19/08/1996) si è adottato un impianto di estinzione incendi ad idranti con le seguenti caratteristiche: - al bocchello della lancia dell'idrante posizionato nelle condizioni più sfavorevoli di altimetria e distanza deve essere assicurata una portata non inferiore a 120 l/min ed una pressione residua di almeno 2 bar; - il numero e la posizione degli idranti devono essere prescelti in modo da consentire il raggiungimento, con il getto, di ogni punto dell'area protetta, con un minimo di due idranti; - l'impianto idrico deve essere dimensionato in relazione al contemporaneo funzionamento di n. 6 idranti; - gli idranti devono essere ubicati in posizioni utili all'accessibilità ed all'operatività in caso d'incendio; - l'impianto deve essere tenuto costantemente in pressione; RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 7/13

9 - le tubazioni di alimentazione e quelle costituenti la rete devono essere protette dal gelo, dagli urti e dal fuoco. L impianto è alimentato da un gruppo di pompaggio a norma UNI posizionato in apposito locale al secondo piano interrato. La rete è costituita da un anello che interessa in parte il secondo piano interrato ed in parte il piano a quota 0. Dall anello partono 4 colonne montanti, una per ogni vano scala, che vanno a servire gli idranti dei piani. Alla base di ogni colonna montante, come previsto dalla normativa è collegato un attacco motopompa VVF UNI 70. Dall anello parte inoltre un collegamento alla rete antincendio del Foyer che viene alimentata dallo stesso gruppo di pompaggio avendo considerato l estensione totale del teatro superiore a mq contando anche questa porzione. Le tubazioni avranno percorsi in vista e saranno opportunamente segnalate mediante colorazione della tubazione stessa. Ogni idrante UNI 45 o attacco motopompa UNI 70 saranno segnalati da apposita cartellonistica. Il gruppo antincendio è in grado di alimentare, alle condizioni previste dalla normativa, i 6 idranti UNI 45 idraulicamente sfavoriti e sarà dotato di un accumulo di acqua che garantisce il funzionamento dell impianto per 60 minuti. La normativa prevede la possibilità di considerare il rincalzo dell acquedotto per un massimo del 50 % della capacità necessaria all impianto, quindi si è provveduto a realizzare un allaccio dedicato all acquedotto che garantisca la portata necessaria al reintegro della vasca di accumulo. Ciascun idrante sarà fornito di manichetta dalla lunghezza di circa 20 metri con lancia di erogazione La rete di distribuzione sarà realizzata con tubazione in acciaio zincato tipo Mannesmann s.s. conforme alle norme vigenti in materia, serie media, con raccordi filettati adeguatamente installata e fissata, posta nei cavedi tecnici o nei vani scala per le colonne montanti, in controsoffito a tutti i piani per l alimentazione dei singoli idranti. Le tubazioni che attraversano locali non riscaldati saranno coibentate con guaine in polietilene espanso a cellule chiuse di idoneo spessore, a seconda di quanto stabilito dalle vigenti normative in funzione dei diametri esterni delle condotte, della modalità di posa e del posizionamento dei locali entro i quali vengono installate; inoltre tutte le tubazioni poste in vista saranno rifinite con lastre di PVC idonee all impiego. 3.2 Impianto a lama d acqua protezione sipario Il sipario tagliafuoco viene dotato di un impianto a lama d acqua di tipo a diluvio, gli ugelli posti in sommità della struttura del sipario sono in grado di erogare un getto d acqua a ventaglio su tutto il sipario. RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 8/13

10 L impianto e servito da una valvola d allarme di tipo a diluvio con azionamento rapido ottenuto da un consenso manuale oppure dall impianto di rivelazione incendi. La valvola, posta nel locale antincendio al secondo piano interrato, una volta azionata aprirà la farfalla azionando così il gruppo di pressurizzazione, nello stesso tempo verrà trasmesso al locale di controllo un segnale di impianto in funzione. L azionamento manuale viene reso possibile da un pulsante posto in posizione ben visibile e facilmente raggiungibile in prossimità della bocca scenica, inoltre sarà possibile remotizzare il medesimo consenso anche nel locale di controllo. Il gruppo di pressurizzazione a servizio di questo impianto è lo stesso dell impianto a idranti e searà in grado di garantire una portata non inferiore a 440 l/min con una pressione di scarica agli ugelli pari a 1.5 bar. La tubazione di collegamento a tra il gruppo di pressurizzazione e la valvola di allarme e quella a valle della valvola fino al sipario, è realizzata in acciaio al carbonio in conformità allo standard DIN/BS/ASTM e verniciate di colore rosso. Saranno del tipo con estremità scanalate e i giunti, le curve ed i tee di distribuzione dovranno essere completi di guarnizioni in EPDM in grado di evitare rumorosità, vibrazioni, sopperendo anche ai leggeri disallineamenti. 3.3 Impianto sprinkler L impianto di spegnimento automatico realizzato sarà in grado di proteggere sia le aree classificate di pericolo ordinario OH4 (sala polifunzionale e zona sopra la graticcia) sia quelle destinate a depositi e quindi classificate HHS. La sala polifunzionale e la zona della graticcia sopra il palcoscenico, sono situate al piano sottotetto e protette da un impianto sprinkler in grado di garantire una densità di scarica a terra non inferiore a 5 mm/min per una durata di 60 minuti. Gli sprinkler utilizzati sono del tipo UP-Right, di diametro pari 1/2, con coefficiente di deflusso pari a K=80 e bulbo di colore rosso (68 C). Le tubazioni correranno parallelamente alle falde della copertura, subito sotto le travi in legno principali; per poter garantire una protezione a norma di legge, gli erogatori vengono fatti salire verso la copertura fino ad una distanza non superiore a 15 cm. Per quegli erogatori che potrebbero essere colpiti dai raggi del sole attraverso i lucernai o gli evacuatori di fumo e calore, si rende necessario installare un apposito accessorio in grado di proteggerli dai raggi solari al fine di evitare il surriscaldamento del bulbo termosensibile. Queste due zone sono controllate da un unica valvola d allarme posta ne locale antincendio situato nel secondo piano interrato. RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 9/13

11 I locali adibiti a depositi vengono classificati come aree a rischio di classe HHS, le zone protette dall impianto sprinkler sono il deposito posto al primo piano interrato e la zona sotto il solaio bottolabile del palcoscenico. Per queste aree, la normativa prevede una densità di scarica pari a 7,5 mm/min ed una durata d intervento non inferiore a 90minuti. Gli sprinkler utilizzati sono del tipo standard rivolti verso il basso, di diametro pari 1/2, con coefficiente di deflusso pari a K=80 e bulbo di colore rosso (68 C). Le reti di distribuzione avranno percorso a vista, saranno opportunamente staffate, dovranno essere realizzate in acciaio al carbonio in conformità allo standard DIN/BS/ASTM e verniciate di colore rosso. Saranno del tipo con estremità scanalate e i giunti, le curve, i tee e le prese a staffa dovranno essere completi di guarnizioni in EPDM in grado di evitare rumorosità, vibrazioni, sopperendo anche ai leggeri disallineamenti. All ingresso di ogni area da proteggere, sulla tubazione di distribuzione saranno installati: a. una valvola di sezionamento dell impianto con le seguenti caratteristiche: deve chiudersi in senso orario deve essere dotata di un indicatore che mostri chiaramente la posizione in cui si trova la valvola deve essere bloccata nella posizione aperta mediante una fascetta o un lucchetto. b. una valvola di non ritorno in grado trattenere l acqua nell impianto nel caso in cui vengano svuotati gli impianti delle zone sottostanti c. un flussostato in grado di inviare un segnale alla stazione di controllo di impianto attivo, definendo così la zona d intervento In aggiunta a quanto sopra descritto si dovranno installare i seguenti componenti: a. un dispositivo comprendente una valvola di prova completa di raccordi e tubazioni in grado di erogare una portata equivalente ad un singolo sprinkler. Si dovrà controllare: il corretto funzionamento degli allarmi dati dalla stazione di controllo posta nel locale antincendio il corretto funzionamento del flussostato di zona il corretto funzionamento del gruppo di pressurizzazione Nel locale antincendio posto al secondo piano interrato, sono presenti: a. due valvole d allarme per impianti a umido rispettivamente a servizio delle zone classificate OH4 e i depositi HHS complete di: RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 10/13

12 manometri, rubinetto di prova e valvola di scarico camera di ritardo e pressostato d allarme saracinesca completa di flange b. due campane idrauliche d allarme poste ad una distanza non superiore a 6 metri dalla rispettiva stazione di controllo. c. Un gruppo di pressurizzazione a norma UNI installato sottobattente e composto da: una pompa pilota in grado di mantenere alla pressione desiderata l impianto due pompe principali di servizio in gradi di garantire, mediante funzionamento singolo o combinato, tutte le richieste in termini di portata e prevalenza di progetto. d. Una vasca antincendio della capacità utile non inferiore a 115 mc con un rincalzo dalla rete dell acquedotto non inferiore a 360l/min. Il sistema di alimentazione dovrà essere provvisto di dispositivi in grado di segnalare il raggiungimento del livello minimo della riserva d acqua, la mancanza di pressione nell impiantoe sulla rete di rincalzo. Il gruppo di pressurizzazione avrà anche una doppia alimentazione elettrica: - la prima collegata al contatore dell ente erogatore del servizio - la seconda assicurata da un gruppo elettrogeno. I gruppo di pompaggio avrà un quadro elettrico in grado di commutare automaticamente dalla prima alimentazione alla seconda in caso di avaria. Nel locale antincendio sarà garantita una temperatura minima di 10 C da un radiatore elettrico completo di termostato. 3.4 Impianto di protezione del palcoscenico impianto a diluvio La protezione della zona adibita a palcoscenico avviene mediante l utilizzo di un impianto fisso di estinzione con valvola del tipo a diluvio. Tale scelta impiantistica si è resa necessaria in quanto per palcoscenici aventi un altezza superiore a 12 metri, il punto 6 dell appendice F relativo alla norma UNI ritiene che la protezione di tale area debba essere realizzata mediante un impianto ad azionamento meccanico e manuale di tipo spray. I dati di progetto per il dimensionamento delle reti e la scelta del tipo di erogatore, sono stati ricavati dalla specifica tecnica CEN TS La densità di scarica garantita a terra sarà pari a 7.5 mm/min, per una durata pari a 30 minuti e su tutta l area da proteggere. RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 11/13

13 L azionamento dell impianto può avvenire manualmente, mediante un pulsante elettrico posto nelle vicinanze del palcoscenico e con un rimando nella sala di controllo, oppure tramite un segnale dato dal sistema di rivelazione incendi. La valvola d allarme posta nel locale antincendio è del tipo per impianti a diluvio con azionamento elettrico, sarà completa di pressostato, manometri e valvole di sezionamento. Gli erogatori utilizzati sono degli ugelli a spruzzo direzionale, di tipo aperto con deflettore esterno in grado di erogare un getto a forma conica, di diametro pari 1/2, con coefficiente di deflusso pari a K=80. Tutte le tubazioni di collegamento dovranno essere realizzate in acciaio al carbonio in conformità allo standard DIN/BS/ASTM e verniciate di colore rosso. Saranno del tipo con estremità scanalate e i giunti, le curve, i tee e le prese a staffa dovranno essere completi di guarnizioni in EPDM in grado di evitare rumorosità, vibrazioni, sopperendo anche ai leggeri disallineamenti. L alimentazione idrica e il gruppo di pressurizzazione è il medesimo di quello utilizzato per l impianto a sprinkler, in questo caso però, data l entità della portata, l ottenimento delle prestazioni richieste viene raggiunto solo mediante il simultaneo utilizzo delle due elettropompe di servizio. 4 IMPIANTO DI EVACUAZIONI FUMI E CALORE Le zone del palcoscenico e della sala polifunzionale sono dotate di evacuatori di fumo e calore in grado di assicurare, in caso d incendio, la fuoriuscita dei fumi e dei prodotti della combustione onde evitare che i locali possano essere totalmente invasi dal fumo. Gli evacuatori di fumo e calore saranno installati in conformità alla norma UNI 9494 e per quanto possibile dovranno essere distribuiti in modo omogeneo. L azionamento degli EFC sarà garantito da un elemento termosensibile in grado di far aprire l evacuatore nel caso del raggiungimento di una temperatura pari a 93 C, oppure può essere assicurato da un attuatore elettrico comandato dalla rivelazione incedi. Gli evacuatori saranno dotati di dispositivi di apertura manuale a distanza e devono esssere progettati in modo che ne sia garantito il funzionamento anche in caso d incendio. Essendo installati in aree protette anche da impianti sprinkler, gli evacuatori dovranno aprirsi soltanto dopo l entrata in azione di tali impianti. Questo è reso possibile asservendo elettricamente l apertura al comando di estinzione stesso e utilizzando elementi termosensibili con temperatura maggiore di 25 C di quella degli sprinkler. Per garantire l efficacia del sistema occorre assicurare un immissione di aria dal basso non inferiore a 2 volte la superficie degli EFC. RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 12/13

14 Per assicurare un adeguata fuoriuscita dei fumi e dei gas combusti dalla zona platea e logge, non essendo possibile utilizzare gli evacuatori di fumo e calore, si utilizza un impianto di estrazione meccanizzata in grado di sopportare una temperatura pari a 400 C per 120 min. Tale impianto è realizzato mediante l utilizzo di due torrini di estrazione da mc/h l uno, posti sulla copertura, in grado di aspirare i fumi dai fori della volta di copertura utilizzati per l estrazione dell aria dell impianto di climatizzazione. In caso d incendio, il sistema di rivelazione e supervisione dovrà comandare lo spegnimento di tutte le macchine a servizio della climatizzazione, chiudere le serrande a tenuta degli estrattori della platea e aprire quelle relative alle canalizzazioni che convoglieranno i fumi ai torrini di evacuazione fumo e calore. Tali torrini di estrazione dovranno essere alimentati elettricamente da una linea elettrica dedicata, in grado di funzionare anche in caso d incendio. Nella sala di controllo dovrà anche essere presente un pulsante di prova per entrambi i torrini di estrazione al fine di controllare periodicamente il corretto funzionamento. Al momento dell attivazione dell estrazione meccanizzata, si dovrà azionare un sistema di apertura delle finestre poste al primo ordine in grado di immettere una pari quantità di aria fresca proveniente dall esterno. RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 13/13

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO)

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO) INDICE 1 Premessa...2 2 Caratteristiche del sistema edilizio...3 3 Impianti previsti...4 3.1 IMPIANTI FLUIDOMECCANICI ED AFFINI...4 3.1.1 IMPIANTI IDROSANITARI E PER SMALTIMENTO ACQUE...4 3.1.2 IMPIANTI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI E' previsto il rifacimento di tutti i corpi bagni. Gli apparecchi sanitari previsti nella progettazione edile, sono delle seguenti tipologie: vaso del tipo a

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti tecnici Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti idrici Requisiti - Coibentazione: riferimento ai requisiti di legge per le tubazioni di acqua calda; - Protezione dalla condensa; - Protezione

Dettagli

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI Con la costituzione dei nuovi filtri in adiacenza ai vani scala a prova di fumo, si prevede lo spostamento degli idranti attualmente esistenti all'interno dei vani filtro sopra

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed Esercizio UNI 10779-07 A cura di BM SISTEMI srl Introduzione La progettazione e l installazione delle reti idranti è regolata in Italia dalla norma UNI 10779.

Dettagli

PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4

PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4 Sommario PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4 Tipologie d impianto... 4 1 - Impianto riscaldamento a pannelli

Dettagli

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA COMUNE DI TROIA (Provincia di Foggia) denominazione progetto: Fondo Per lo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Accordo di programma quadro "Settore Aree Urbane - Città" Realizzazione di n. 18 alloggi di edilizia

Dettagli

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO SETTORE LAVORII PUBBLIICII E MANUTENZIIONE DEL PATRIIMONIIO REALIZZAZIONE DEL NUOVO MAGAZZINO COMUNALE IN REGIONE DENTE RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA E CALCOLI ESECUTIVI (articolo 37 e 39 del Decreto

Dettagli

SOMMARIO. 44-EIDRT004 VVF.doc 1/9

SOMMARIO. 44-EIDRT004 VVF.doc 1/9 SOMMARIO... 2 1.1 Premessa... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 1.3 Caratteristiche generali dell impianto e prestazioni garantite... 2 1.4 Caratteristiche generali della rete.... 5 1.5 Progettazione ed

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO 1. TERMINOLOGIA RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Idrante antincendio: apparecchiatura antincendio dotata di un attacco unificato, di valvola di intercettazione ad apertura manuale e collegato ad una

Dettagli

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE Elenco dei Corpi d'opera 03 OPERE IMPIANTISTICHE Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE Unità tecnologiche 01 Impianto riscaldamento 02 Impianto smaltimento acque usate e meteoriche 03 Impianto antincendio

Dettagli

Comando Rieti, maggio 2010

Comando Rieti, maggio 2010 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD IDRANTI Comando Rieti, maggio 2010

Dettagli

Formazione 2013. Progettare un bagno. Facoltà Architettura Firenze 23.05.2013

Formazione 2013. Progettare un bagno. Facoltà Architettura Firenze 23.05.2013 Formazione 2013 Progettare un bagno Facoltà Architettura Firenze 23.05.2013 Un Gruppo internazionale Progettare un bagno Corso Progettare un bagno Corso Geberit Marketing e Distribuzione In Italia da

Dettagli

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci POLITECNICA SOC. COOP. ING. M. GUSSO GENNAIO 2007 Relazione tecnica descrittiva impianti meccanici - gennaio/07 (ai sensi dell art. 20 D.P.R. 554/99)

Dettagli

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008 MEZZI DI ESTINZIONE FISSI SISTEMI AUTOMATICI SPRINKLER norma UNI 12845/2009 Specifica i requisiti e fornisce i criteri per la progettazione l installazione e la manutenzione di impianti fissi antincendio

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

IMPIANTI IDROSANITARI ED ANTINCENDIO

IMPIANTI IDROSANITARI ED ANTINCENDIO CAPITOLO 17 IMPIANTI IDROSANITARI ED ANTINCENDIO CODICE DESCRIZIONE DELL ARTICOLO UNITA DI MISURA PREZZO IN EURO 17.1 17.1.1 17.1.2 17.1.3 17.1.4 17.1.5 17.1.6 Fornitura di vasca da bagno sul luogo di

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICI E FOGNARI

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICI E FOGNARI PROGETTO DEFINITIVO EX FILAN D A D I MALVAGLIO _ OFFICIN A D I CREATIVITÀ E CULTURA COMUN E D I ROBECHETTO CON IN D UN O (MI) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICI E FOGNARI Settembre 2010 Sommario PROGETTO

Dettagli

LISTINO DEI PREZZI DELLE OPERE IMPIANTISTICHE IN PROVINCIA DI BIELLA

LISTINO DEI PREZZI DELLE OPERE IMPIANTISTICHE IN PROVINCIA DI BIELLA Supplemento al Listino dei prezzi all ingrosso dei materiali da costruzione LISTINO DEI DELLE OPERE IMPIANTISTICHE IN PROVINCIA DI BIELLA N 1/2002 1 semestre AVVERTENZE I prezzi riportati nel presente

Dettagli

IMPIANTI IDRICO-SANITARI

IMPIANTI IDRICO-SANITARI IMPIANTI IDRICO-SANITARI 1 Un impianto idrico-sanitario ha il compito di addurre e distribuire l acqua fredda e/o calda alle utenze e di allontanare la stessa una volta usata. E composto essenzialmente

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO Impianto di scarico - Pressioni Impianto di scarico Per impianto di scarico si intende quell insieme di tubazioni, raccordi e apparecchiature necessarie a ricevere, convogliare e smaltire le acque usate

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE

RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE IMPIANTO FOGNARIO ACQUE NERE E BIANCHE 1. Oggetto La presente relazione riguarda l impianto di smaltimento delle acque bianche

Dettagli

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Tipologie di pompe ammesse: 1. Pompe base-giunto di tipo back Pull-out 2. Pompe base-giunto

Dettagli

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua.

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. 9 4 6 5 7 3 8 1 2 1. Strumento base MP7 UNI 2. Attacco UNI 45

Dettagli

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il presente documento riguarda il progetto esecutivo per la sostituzione della centrale termica a servizio della Villa Andrea facente parte del complesso Ville Ponti in Varese. E inoltre compresa l installazione

Dettagli

Auchan Bussolengo Ampliamento Progetto di ampliamento dell Auchan di Bussolengo (VR) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TECNOLOGICI

Auchan Bussolengo Ampliamento Progetto di ampliamento dell Auchan di Bussolengo (VR) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TECNOLOGICI INDICE 1 OGGETTO 3 2 NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO PER GLI IMPIANTI E I COMPONENTI 4 3 RIEPILOGO DEGLI IMPIANTI PREVISTI 8 4 DATI GENERALI 8 4.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO OGGETTO DELL INTERVENTO...8 5

Dettagli

GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA. Esecuzione dei controlli e delle attività

GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA. Esecuzione dei controlli e delle attività GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA A titolo esemplificativo e non esaustivo si riportano alcune delle attività di manutenzione, di verifica e di controllo programmato da prestare sull insieme dei componenti

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO Comune di Offida Lavori di: Legge 27 dicembre 2002 n. 289, art. 21 comma 80 PIANO STRAORDINARIO PER LA MESSA IN SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI Delibera CIPE n. 143/2006 di approvazione del II programma

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

Comune di Surbo Progetto Esecutivo Centro Comunale per la Raccolta Differenziata

Comune di Surbo Progetto Esecutivo Centro Comunale per la Raccolta Differenziata Premessa La presente relazione specialistica riguarda la progettazione dell impianto idrico-fognante a servizio di un centro comunale per la raccolta differenziata (CCR) dei rifiuti solidi urbani ed assimilati

Dettagli

www.buildingthefuture.it

www.buildingthefuture.it Oggetto via Orly, n. 327 Campi Bisenzio Impianti di riscaldamento, condizionamento, idrico sanitario, adduzione EDIFICIO INDUSTRIALE Zona Lavori L'offerta comprende la fornitura e posa in opera di : A

Dettagli

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì IMPIANTO IDRICO-SANITARIO I AGGIORNAMENTO 14/12/2013 GENERALITÀ L impianto idrico-sanitario comprende:

Dettagli

Impianto Antincendio. 1 di 5

Impianto Antincendio. 1 di 5 1 Impianto Antincendio 1. 01 Allestimento di cantiere comprensivo di apposizione di segnaletica di sicurezza, apposizione di cartello di cantiere indicante lavori da eseguire, committente, impresa e quant'altro,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROVINCIA DI TRENTO OPERE DA TERMOIDRAULICO COMUNE DI LASINO. COMUNE DI LASINO Lasino (Trento) OGGETTO:

RELAZIONE TECNICA PROVINCIA DI TRENTO OPERE DA TERMOIDRAULICO COMUNE DI LASINO. COMUNE DI LASINO Lasino (Trento) OGGETTO: COMUNE DI LASINO PROVINCIA DI TRENTO RELAZIONE TECNICA OPERE DA TERMOIDRAULICO OGGETTO: SOSTITUZIONE GENERATORI DI CALORE E TRASFORMAZIONE ALIMENTAZIONE COMBUSTIBILE DA GASOLIO A GAS METANO PER MUNICIPIO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Premessa Attualmente all interno della struttura è già presente un impianto di estinzione incendi costituito da idranti UNI45; si provvederà ad

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

Relazione impianto idrico - fognario

Relazione impianto idrico - fognario COMUNE DI LEVERANO PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA INTEGRATO PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FSC - FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DI CELLULE ABITATIVE DI

Dettagli

Comuni di Sirolo e Numana

Comuni di Sirolo e Numana Progettista: Arch Giorgio Pagnoni LUGLIO 2012 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO RISCALDAMENTO I STRALCIO FUNZIONALE Service & Consulting Immobiliare srl - Via Trieste n 21-60124 Ancona - tel 071 3580027 PROGETTO

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI GRANDI STAZIONI S.p.A. Via Giolitti, 34 00185 - Roma LAVORI- - Impianti Meccanici - Edificio 5 - Piano Terra - Opere Propedeutiche per riallocazione di terzi utilizzatori in sedi provvisorie o definitive.

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa pag. 1 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OGGETTO: COMMITTENTE: Recupero e ristrutturazione del campo sportivo posto in via Garibaldi a Pomarance Stralcio n. 2 : "Installazione

Dettagli

TECHNOLOGIES 2000 S.r.l. via Baldinucci, 14/a - 59100 Prato pag. 2

TECHNOLOGIES 2000 S.r.l. via Baldinucci, 14/a - 59100 Prato pag. 2 via Baldinucci, 14/a - 59100 Prato pag. 2 D E S C R I Z I O N E D E L L' A R T I C O L O di misura P R E Z Z O UNITARIO Nr. 1 Fornitura e posa in opera di nr. 1 GRUPPO PRESSURIZZAZIONE ANTINCENDIO a norma

Dettagli

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELL UNITA IMMOBILIARE SITA IN OLGINATE, VIA RONCO PRADERIGO 12_ FG, 3 MAPP.174, SUB 40

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELL UNITA IMMOBILIARE SITA IN OLGINATE, VIA RONCO PRADERIGO 12_ FG, 3 MAPP.174, SUB 40 COMMITTENTE: ASSOCIAZIONE ONLUS L ALTRA META DEL CIELO TELEFONO DONNA DI MERATE Via S. Ambrogio, 17 23807 MERATE C.F.94027160137 Comune di Olginate Provincia di Lecco OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1 1. RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI... 2 1.1. PREMESSA... 2 1.2 ACCESSIBILITÀ PER I DISABILI... 3 2. GENERALITA... 4 2.1. PRESIDI PASSIVI ANTINCENDIO... 4 2.2 SISTEMA DI RIVELAZIONE INCENDIO...

Dettagli

. Pagina 20. P R E Z Z O Euro D E S C R I Z I O N E D E L L ' A N A L I S I

. Pagina 20. P R E Z Z O Euro D E S C R I Z I O N E D E L L ' A N A L I S I . Pagina 20 D1.02.001.02 Fornitura e Posa in Opera di sanitario ergonometrico monoblocco con scarico a pavimento, con cassetta a zaino di colore bianco 57x38, completo di fissaggi e curva tecnica. Sono

Dettagli

La progettazione del locale igienico

La progettazione del locale igienico Gli impianti idrico sanitari Prof. Simone Secchi Prof. Gianfranco Cellai Corso di Fisica Tecnica Ambientale e Impianti Tecnici La progettazione del locale igienico 1 Ingombro degli apparecchi sanitari

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti Sprinkler Caratteristiche Comprendono almeno una rete di tubazioni di distribuzione ad uso esclusivo antincendio, un insieme

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DIMENSIONAMENTO

DIMENSIONAMENTO DIMENSIONAMENTO DIMENSIONAMENTO Il buon funzionamento di un impianto termico, è strettamente legato al corretto dimensionamento della sezione interna del condotto fumario che dovrà evacuare i fumi di combustione. In ambito

Dettagli

18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico. 18.2.7 Dispositivi di prova e funzionamento. in funzione. Tubazioni

18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico. 18.2.7 Dispositivi di prova e funzionamento. in funzione. Tubazioni 18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico Ogni interruttore sull'alimentazione elettrica dedicato al motore elettrico del}a pompa antincendio deve essere etichettato come segue: "ALIMENTAZIONE

Dettagli

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione UNI 10683/2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione Regione Lombardia D.G.R.1118 La UNI 10683 è la norma per l installazione,

Dettagli

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali 2015 Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Stazioni di sollevamento

Dettagli

Prodotti professionali per gli installatori di impianti di riscaldamento e condizionamento IDRATERM IDRASOLAR

Prodotti professionali per gli installatori di impianti di riscaldamento e condizionamento IDRATERM IDRASOLAR Prodotti professionali per gli installatori di impianti di riscaldamento e condizionamento IDRATERM PROTEZIONE E PULIZIA PER IMPIANTI TERMICI IDRASOLAR ANTIGELO PREMISCELATO PER IL RIEMPIMENTO DEGLI IMPIANTI

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

1. Premessa. 2. Descrizione degli impianti antincendio

1. Premessa. 2. Descrizione degli impianti antincendio Sommario 1. Premessa...2 2. Descrizione degli impianti antincendio...2 3. Centrali antincendio...4 4. Locali destinati ad ospitare i gruppi di pressurizzazione (Osservanza della norma UNI 11292 - Agosto

Dettagli

THE NEW FIRE PROTECTION SYSTEM IS

THE NEW FIRE PROTECTION SYSTEM IS THE NEW FIRE PROTECTION SYSTEM IS BY SISTEMA PROGETTATO IN RIFERIMENTO ALLA UNI 11292 Locali destinati ad ospitare gruppi di pompaggio per antincendio. Quest ultima specifica i requisiti costruttivi e

Dettagli

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori Impianto elettrico Cabine elettriche Quadri elettrici media e bassa tensione e c.c Interruttori media e bassa tensione Trasformatori Batteria di rifasamento Impianto di Protezione contro le scariche atmosferiche

Dettagli

BASI DI CALCOLO. Comune di: BUSTO ARSIZIO Provincia di VARESE. Indirizzo di riferimento Piazzale Giuseppe Solaro, 3

BASI DI CALCOLO. Comune di: BUSTO ARSIZIO Provincia di VARESE. Indirizzo di riferimento Piazzale Giuseppe Solaro, 3 BASI DI CALCOLO Comune di: BUSTO ARSIZIO Provincia di VARESE Indirizzo di riferimento Piazzale Giuseppe Solaro, 3 Zona Climatica e gradi giorno GG E 2861 GG Altitudine s.l.m. 226 mt. Latitudine Nord 45

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI Schema Impianto realizzato - Relazione con tipologie materiali utilizzati D.M.n.37 del 22 gennaio 2008

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI Schema Impianto realizzato - Relazione con tipologie materiali utilizzati D.M.n.37 del 22 gennaio 2008 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI Schema Impianto realizzato - Relazione con tipologie materiali utilizzati D.M.n.37 del 22 gennaio 2008 Intervento su impianto gas di portata termica totale (Qn) (*)=............

Dettagli

SCHEDE DI MANUTENZIONE

SCHEDE DI MANUTENZIONE Comune di Bologna Provincia di Bologna pag. 1 SCHEDE DI MANUTENZIONE OGGETTO: Lavori di manutenzione da eseguirsi presso gli stabili di proprietà della Cassa siti in Strada Maggiore, 53 e Via Fondazza,

Dettagli

Deflusso garantito. Sistemi di scarico Geberit.

Deflusso garantito. Sistemi di scarico Geberit. Deflusso garantito. Sistemi di scarico Geberit. Idraulica, acustica e protezione dal fuoco in un unica soluzione: sistemi di scarico Geberit. Una progettazione semplice e sicura, abbinata ad una veloce

Dettagli

Gli impianti idrico sanitari. prof. arch. Sciurpi Fabio prof. arch. Simone Secchi Dipartimento Ingegneria Industriale Università di Firenze

Gli impianti idrico sanitari. prof. arch. Sciurpi Fabio prof. arch. Simone Secchi Dipartimento Ingegneria Industriale Università di Firenze Gli impianti idrico sanitari prof. arch. Sciurpi Fabio prof. arch. Simone Secchi Dipartimento Ingegneria Industriale Università di Firenze Componenti dell impianto idrico sanitario L'impianto idrico sanitario

Dettagli

Provincia di Torino Area Edilizia- Servizio Impianti Tecnologici e Gestione Energia. Impianti meccanici

Provincia di Torino Area Edilizia- Servizio Impianti Tecnologici e Gestione Energia. Impianti meccanici Impianti meccanici La presente relazione tecnica accompagna il progetto definitivo-esecutivo relativo ad interventi di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza da realizzarsi presso l IIS Gobetti

Dettagli

Codice Descrizione u.m. Prezzo %m.d'o.

Codice Descrizione u.m. Prezzo %m.d'o. I IDRICO SANITARIO I.01 IMPIANTI E SANITARI I.01.10 IMPIANTI DI CARICO E SCARICO I.01.10.10 Allaccio di apparecchi igienico-sanitari con alimentazione a linea continua, fornito e posto in opera all'interno

Dettagli

Scarichi per vasche da bagno e piatti doccia

Scarichi per vasche da bagno e piatti doccia Scarichi per vasche da bagno e piatti doccia Oltre alla versione tradizionale della vasca da bagno con troppopieno, piletta di scarico e gruppo miscelatore, è possibile utilizzare la soluzione della colonna

Dettagli

prezzo totale parziali m 16 37,54 600,64 m 16 35,00 560,00

prezzo totale parziali m 16 37,54 600,64 m 16 35,00 560,00 colonne montanti prolung. colonne riscaldamento/condiz. P3 lato fiorista 1 M5 Tubo nero -DN 2" Provvista e posa in opera di tubo nero in acciaio UNI 8863, liscio, Freetz Moon, compresa l'incidenza per

Dettagli

Dettaglio rubinetteria. Il maniglione è un accessorio acquistabile separatamente.

Dettaglio rubinetteria. Il maniglione è un accessorio acquistabile separatamente. Dettaglio rubinetteria. Il maniglione è un accessorio acquistabile separatamente. Immagine indicativa della bugnatura sul fondo. DESCRIZIONE Vasca a sedere ideale per anziani, installabile ad angolo o

Dettagli

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U70001730 Impianti di estinzione incendi Reti di idranti a secco Progettazione, installazione ed esercizio Fire fighting equipment Dry pipe Fire Hydrant systems

Dettagli

SFA IL WC DOVE VUOI TU. Pompe. acque chiare. Trituratori. Stazioni di sollevamento. da incasso. classici. acque di condensa. acque nere.

SFA IL WC DOVE VUOI TU. Pompe. acque chiare. Trituratori. Stazioni di sollevamento. da incasso. classici. acque di condensa. acque nere. IL WC DOVE VUOI TU SFA Trituratori classici da incasso Pompe WC con trituratore acque chiare acque di condensa Stazioni di sollevamento acque chiare acque nere CATALOGO C A T A L O G TECNICO O T E C N2011

Dettagli

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 Allegato A05 - Impianti idrici-antincendio Scheda n. 1 Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 02.01 Lettura manometri acqua, condotte principali. Ispezione visiva

Dettagli

Impianti Meccanici Piano di Manutenzione e Gestione

Impianti Meccanici Piano di Manutenzione e Gestione ZeroCento - Studio di Pianificazione Energetica Ing. Ing. Maria Cristina Sioli via Zezio 54 - Como via El Alamein 11/b - Como Progetto Edilizia Residenziale Pubblica da locare a Canone Sociale e Moderato

Dettagli

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO 4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO Dichiarazione di conformità n Committente Punto di riconsegna (PDR) (1) Impresa / Ditta Responsabile Tecnico / Titolare La presente documentazione si riferisce alla

Dettagli

Capitolato Prestazionale Impianti Meccanici Brisighella

Capitolato Prestazionale Impianti Meccanici Brisighella SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 3 3. SCELTE PROGETTUALI... 6 4. CALDAIA... Errore. Il segnalibro non è definito. 5. SOLARE TERMICO... Errore. Il segnalibro non è definito. 6. RADIATORI...

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Scuola Elementare F.lli Rossetti Via San Zeno PROGETTO ESECUTIVO SOSTITUZIONE GENERATORE TERMICO

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Scuola Elementare F.lli Rossetti Via San Zeno PROGETTO ESECUTIVO SOSTITUZIONE GENERATORE TERMICO Ing. Paolo Silveri Via Valle Bresciana, 10 25127 Brescia Tel. 347.9932215 silveri.progea@gmail.com COMUNE di ODOLO Provincia di Brescia RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Scuola Elementare F.lli Rossetti Via

Dettagli

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO PROGETTO ESECUTIVO ADEGUAMENTO DELLA CENTRALE TERMICA E DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO "ALESSANDRO MANZONI" - PLESSO A. MANZONI ANALISI

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEI LAVORI DI RIFACIMENTO IMPIANTO DI RISCALDAMENTO DELLA PALAZZINA SPOGLIATOI BAR TENNIS MODULO DELL OFFERTA

PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEI LAVORI DI RIFACIMENTO IMPIANTO DI RISCALDAMENTO DELLA PALAZZINA SPOGLIATOI BAR TENNIS MODULO DELL OFFERTA COMUNE DI BARZIO PROVINCIA DI LECCO VIA A. MANZONI,12-23816 BARZIO Tel. 0341996125 - Fax 0341999161 E-mail: ufficiotecnico@comune.barzio.lc.it amministrativoufficiotecnico@comune.barzio.lc.it ALLEGATO

Dettagli

Allegato INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Allegato INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE Allegato INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE 1 ART. 1 SCOPO DEL DOCUMENTO Il Capitolato Speciale d appalto di cui questo Allegato è parte integrante prevede l esecuzione di alcuni interventi di riqualificazione

Dettagli

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione Scopo La presente norma ha lo scopo di fissare i criteri per la progettazione,

Dettagli

SFA IL WC DOVE VUOI TU. Trituratori. WC con trituratore. classici. da incasso. Pompe. Stazioni di sollevamento. acque chiare.

SFA IL WC DOVE VUOI TU. Trituratori. WC con trituratore. classici. da incasso. Pompe. Stazioni di sollevamento. acque chiare. IL WC DOVE VUOI TU SFA Trituratori classici da incasso Pompe WC con trituratore acque chiare acque di condensa Stazioni di sollevamento acque chiare acque nere CATALOGO TECNICO TECNICO 2011 SANITRIT SANITRIT

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 3 Descrizione e dimensioni 6 Aspirazione aria e scarico fumi 8 Accessori 12

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 3 Descrizione e dimensioni 6 Aspirazione aria e scarico fumi 8 Accessori 12 Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 3 Descrizione e dimensioni 6 Aspirazione aria e scarico fumi 8 Accessori 12 1 Mynute Special Guida al capitolato Mynute Special

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

SERIE DOPPIA SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE

SERIE DOPPIA SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE Le canne fumarie della serie DP rappresentano la soluzione piu avanzata per l evacuazione dei fumi di generatori di calore alimentati con qualsiasi tipo di combustibile.

Dettagli

Reti Idranti Antincendio

Reti Idranti Antincendio Reti Idranti Antincendio Progettazione (installazione) collaudo e verifica alla luce dell edizione 2014 Ing. Luciano Nigro Rete Idranti Principale e più elementare presidio antincendio fisso Richiesta

Dettagli

Schede Attività Programmate

Schede Attività Programmate Servizi di manutenzione integrata edifici-impianti degli immobili istituzionali della Scuola Normale Superiore Schede Attività Programmate Pisa, lì 13 gennaio 2014. Piazza dei Cavalieri, 7 56126 Pisa-Italy

Dettagli

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Impianti di riscaldamento Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Sono i sistemi più utilizzati nell edilizia residenziale dove spesso sono di solo riscaldamento, ma possono

Dettagli

24 Divisione acqua SERBATOI DA INTERRO

24 Divisione acqua SERBATOI DA INTERRO 24 Divisione acqua STAZIONI DI IRRIGAZIONE SERBATOI DA ESTERNO SERBATOI DA INTERRO ACCESSORI Divisione acqua 25 MODALITÀ D INTERRO Condotta recupero acque piovane Pozzetto filtro foglie Condotta di troppo

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO RETI ANTINCENDIO. Le apparecchiature e gli impianti di estinzione degli incendi saranno realizzati a regola d'arte.

RELAZIONE DI CALCOLO RETI ANTINCENDIO. Le apparecchiature e gli impianti di estinzione degli incendi saranno realizzati a regola d'arte. RELAZIONE DI CALCOLO RETI ANTINCENDIO MEZZI ED IMPIANTI DI ESTINZIONE DEGLI INCENDI Generalità Le apparecchiature e gli impianti di estinzione degli incendi saranno realizzati a regola d'arte. Estintori

Dettagli

SCHEDA DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA 1 IS. Per

SCHEDA DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA 1 IS. Per SCHEDA DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA 1 IS Scheda di manutenzione 1/2 (S MANUTENZIONE PROGRAMMATA E VERIFICHE IMPIANTO IDRICO SANITARIO (periodicità mensile) Controllo mediante esame a vista, delle apparecchiature

Dettagli