RELAZIONE DESCRITTIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE DESCRITTIVA"

Transcript

1

2 RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI IDRICO SANITARI IMPIANTI DI SCARICO ACQUE NERE IMPIANTI ANTINCENDIO SOMMARIO 1 IMPIANTO IDRICO-SANITARIO IMPIANTO DI SCARICO E VENTILAZIONE ACQUE NERE Impianto di scarico interno al fabbricato Rete di scarico esterna al fabbricato IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Impianto idranti Impianto a lama d acqua protezione sipario Impianto sprinkler Impianto di protezione del palcoscenico impianto a diluvio IMPIANTO DI EVACUAZIONI FUMI E CALORE RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 1/13

3 1 IMPIANTO IDRICO-SANITARIO L impianto idrico sanitario da realizzare garantirà l alimentazione dell acqua calda e fredda nei servizi ad uso pubblico e nei servizi della torre scenica, inoltre alimenterà le apparecchiature impiantistiche per il condizionamento ed il riscaldamento del fabbricato. La rete di alimentazione dell acqua fredda parte dal contatore, posto sul lato del fabbricato ad arriva al secondo piano interrato con percorso nel terreno mediante tubazione in PEAD PN 16 e percorso in cavedio, a vista realizzato in tubazione multistrato. E presente inoltre un ulteriore alimentazione idrica dedicata al riempimento delle cisterne per l impianto idrico antincendio. Nella centrale idrica è presente l impianto di trattamento dell acqua che garantirà il trattamento sia dell acqua calda che dell acqua fredda. L impianto di trattamento acqua prevede le seguenti apparecchiature: - filtro autopulente di sicurezza con effetto batteriostatico per eliminare dall acqua sabbia e corpi estranei fino ad una granulometria di 90 micron, al fine di prevenire corrosioni puntiformi e danni alle tubazioni, alle apparecchiature ed al valvolame, idoneo per la filtrazione dell acqua ad uso potabile e risponde a quanto prescritto dal D.M. Sanità 443/90 e dal D.M. 37/08; - sistema di addolcimento dimensionato per ottenere una durezza residua di circa 10 fr/mc. La portata di punta, considerando anche l'acqua che deve passare dal by-pass per ottenere la durezza residua desiderata, e' di 12 mc/h. L impianto sarà dotato di una doppia colonna con rigenerazione volumetrica alternata che permette il minore consumo di sale ed acqua per la rigenerazione; - sistema di neutralizzazione della durezza residua e contemporanea disinfezione dell'acqua con prodotto attivo contro la formazione del biofilm sulle superfici delle tubazioni e contro la proliferazione della Legionella Pneumophila sull anello di ricircolo e sui terminali di distribuzione dell acqua calda. Rimane l obbligo di controllare costantemente il residuo dei prodotti usati, oltre naturalmente quello di predisporre analisi saltuarie del batterio della Legionella Pneumophila con cadenze e modalità dettate dal Responsabile del Rischio della struttura; - sistema di condizionamento chimico dell'acqua contenuta nel ciclo di riscaldamento ottenuto aggiungendo nella rete un prodotto antincrostante e anticorrosivo così come vuole la Norma Uni 8065 in vigore. Inizialmente, dopo avere lavato e spurgato abbondantemente l impianto deve essere fatta un aggiunta manuale di poliammina in RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 2/13

4 ragione di 5 Kg per mc di riempimento. Successivamente i rabbocchi saranno assicurati con una pompa dosatrice a funzionamento temporizzato. Nella centrale idrica è presente anche il bollitore a riscaldamento indiretto per la produzione di acqua calda sanitaria utilizzata dai servizi presenti nella torre scenica. Il boiler della capacità di 1000 lt è dotato di doppio serpentino. All uscita del bollitore è presente una valvola termostatica tarata a 45 C per il controllo della temperatura massima dell acqua da distribuire agli utilizzatori. L impianto di distribuzione prevede anche una rete ed una pompa di ricircolo per garantire una adeguata velocità di erogazione in tutti i sanitari, anche quelli più lontani. L impianto di distribuzione sarà così realizzato: - una rete di acqua fredda sanitaria addolcita; - una rete acqua calda sanitaria; - una rete di ricircolo. Le tubazioni, a tutti i piani, seguiranno percorso a soffitto a vista o chiuse in un controsoffitto e saranno opportunamente staffate alle strutture portanti. Saranno realizzate in multistrato con anima metallica, idonee per il convogliamento di fluidi ad uso potabile e resistenti a temperature di esercizio non inferiori a 70 C, di tipo certificato all impiego. Le tubazioni saranno utilizzate con gli speciali raccordi per installazione a compressione meccanica da eseguirsi con appositi utensili, anch essi di tipo certificato. Le tubazioni saranno tutte coibentate con guaine di idoneo spessore, a seconda di quanto stabilito dalle vigenti normative in funzione dei diametri esterni delle tubazioni e del posizionamento dei locali entro i quali vengono installate, inoltre tutte le tubazioni poste in vista saranno rifinite con lastre di PVC idonee all impiego. In corrispondenza di ciascun attraversamento della tubazione di parete avente caratteristiche REI, sarà garantita la continuità della stessa mediante l installazione ed il ripristino degli spazi in eccesso del foro di un nastro intumescente avente al minimo le stesse caratteristiche REI della parete, di tipo certificato. Dalle dorsali principali si dirameranno gli stacchi per l alimentazione dei vari gruppi di servizi previa installazione di rubinetti di intercettazione. Le reti di distribuzione all interno dei bagni saranno realizzate in traccia nelle pareti. La rete di ricircolo sanitaria verrà collegata alla condotta dell acqua calda in corrispondenza dei rubinetti di intercettazione prima dei blocchi bagno. In sommità alle colonne di distribuzione verranno installati dei riduttori di colpo d ariete. Per quanto riguarda l alimentazione dei servizi igienici della platea e della galleria, considerando l esiguità del consumo di acqua calda e la distanza dalla centrale termica, si è previsto RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 3/13

5 di realizzare una alimentazione di sola acqua fredda addolcita con l installazione di boiler elettrici per la produzione di acqua calda sanitaria. Si installeranno un boiler ogni coppia di servizi igienici e considerando la vicinanza tra gli utilizzatori e il boiler non si realizza la rete di ricircolo. Per quanto riguarda gli attraversamenti delle tubazioni dei giunti strutturali dell edificio è necessario prendere le opportune precauzioni con l inserimento di giunti di dilatazione. Gli apparecchi sanitari installati all interno dei servizi igienici saranno tutti di tipo con scarico a parete poiché lo spazio disponibile nel massetto del pavimento non è compatibile con le dimensioni delle tubazioni di scarico, corredati di rubinetteria e di accessori, in particolare: i vasi, di tipo sospeso, saranno in ceramica di prima qualità, con superficie il più possibile priva di angolature per permettere una migliore pulizia, corredati di sedile in legno laccato, cassetta di risciacquo da incasso nel muro e staffe speciali di sostegno a parete. i lavabi saranno in ceramica del tipo con semi-colonna corredati di gruppo miscelatore per lavabo con comando a leva e corpo in acciaio inossidabile, completi di sifone mensole e staffe di fissaggio. i bidet, di tipo sospeso, saranno in ceramica di prima qualità, con superficie il più possibile priva di angolature per permettere una migliore pulizia, corredati di gruppo miscelatore monocomando per bidet con corpo in acciaio inossidabile, completi di sifone e staffe speciali di sostegno a parete. i piatti doccia di varie dimensioni saranno corredati di accessori di fissaggio, gruppo miscelatore monocomando da esterno per doccia con corpo in acciaio inossidabile, doccetta, saliscendi, flessibile, piletta di scarico in acciaio inox e sifone. Nei servizi per disabili saranno previsti adeguati sanitari in porcellana dura vetrificata, rispondenti alle normative vigenti in materia. il lavabo sarà in ceramica con fronte concavo, bordi arrotondati, appoggio per gomiti, installato mediante apposite mensole pneumatiche per la regolazione dell'inclinazione del lavabo e corredato di rubinetteria con corpo e leva sanitaria in acciaio inossidabile. il vaso, di tipo sospeso, sarà in ceramica con combinazione WC/bidet con catino allungato corredato di sedile con apertura anteriore, cassetta di risciacquo a zaino con comando agevolato a distanza e miscelatore termostatico con doccetta, flessibile e supporto. RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 4/13

6 All'interno dei servizi per disabili saranno installati appositi corrimano verticali ed orizzontali di sostegno del tipo ammesso dalla normativa vigente. Saranno previsti degli idonei accessori bagno realizzati in materiale plastico, in grado di garantire l igienicità di utilizzo, da installarsi nei servizi igienici relativi sia al pubblico sia al personale interno. 2 IMPIANTO DI SCARICO E VENTILAZIONE ACQUE NERE Nella rete di scarico delle acque nere saranno convogliate tutte le acque reflue provenienti dai servizi igienici e dalle pilette di raccolta acqua delle centrali tecnologiche. Per quello che concerne la rete esterna, essa sarà realizzata anche a servizio del fabbricato adiacente non oggetto del presente progetto. 2.1 Impianto di scarico interno al fabbricato La rete di scarico interna, di ventilazione e di scarico delle condense sarà realizzata con tubazioni in polietilene ad alta densità PEHD con giunzioni a saldare e/o a manicotto, prevedendo in entrambi i casi tutti i pezzi speciali (curve, braghe, manicotti, ispezioni ecc.) per dare l'impianto perfettamente funzionante con i requisiti di allontanare rapidamente le acque di rifiuto per le vie più brevi, evitando sedimentazioni di materie putrescibili soggette ad incrostazioni, di garantire la perfetta tenuta delle giunzioni e di impedire il passaggio delle esalazioni dalle tubazioni agli ambienti. A causa del limitato spazio a disposizione per la posa dei tubi a pavimento, si è previsto, ove possibile, di attraversare il solaio in corrispondenza di ogni apparecchio dotato di scarico per poi realizzare i collegamenti generali a soffitto del piano inferiore. Per quanto riguarda la rete del secondo piano interrato viene realizzata in parte sul massetto ed in parte nella platea strutturale come indicato negli elaborati grafici. La rete di ventilazione dello scarico sarà realizzata con colonna parallela alla rete di scarico e con esalazione a tetto. Seguirà prevalentemente percorso a soffitto e a parete nei servizi igienici. La ventilazione sarà prolungata fino alla base delle colonne di scarico. Le reti di scarico che vengono dai piani superiore avranno percorso orizzontale con pendenza minima dell 1 % a soffitto del piano 0 fino all esterno del fabbricato dove, sempre in pendenza, raggiungeranno la vasca imhoff. Per quanto riguarda gli scarichi del primo e del secondo piano interrato verranno raccolti in due pozzetti al secondo piano interrato dove saranno alloggiate due coppie di pompe di RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 5/13

7 sollevamento trituratrici azionate da quadro elettrico che gestisce l alternanza delle pompe e gli allarmi di guasto. Al secondo piano interrato sono presenti inoltre alcune pilette di raccolta delle acque piovane che vengono raccolte in due pozzetti dove sono alloggiate due coppie di pompe di sollevamento gestite sempre da quadro di regolazione per l alternanza delle pompe e la gestione degli allarmi. Le pompe di sollevamento convogliano attraverso 4 tubazioni distinte in PEAD PN16 le acque in un pozzetto rompi getto da cui poi per gravità vengono convogliate alla rete di scarico cittadina. Le tubazioni di scarico sono realizzate in PE-HD con elevato spessore. I raccordi sono realizzati con pezzi speciali ad alto abbattimento acustico con inspessimento dello spessore del raccordo per aumentare la massa. Sulle colonne verticali di scarico e sui tratti orizzontali a controsoffitto verrà applicato un materassino fonoisolante realizzato accoppiando un foglio di materiale sintetico ad un foglio di piombo per ottenere un abbattimento acustico di 13dB(A). il materassino viene avvolto al la tubazione con una sovrapposizione di almeno 2 cm e fissato con nastro isolante. Tutte le tubazioni saranno staffate mediante sistema di bracciali con inserto disaccoppiante per limitare la trasmissione del rumore alle strutture portanti. In corrispondenza di ciascun attraversamento della tubazione di materiale combustibile di parete avente caratteristiche REI, sarà garantita la continuità della stessa mediante l installazione ed il ripristino degli spazi in eccesso del foro di un nastro intumescente avente al minimo le stesse caratteristiche REI della parete, di tipo certificato. Le pilette di raccolta nei locali tecnologici saranno dotate di sifone allo scopo di impedire il diffondersi di odori negli ambienti. Tutta la rete interna dovrà essere completamente ispezionabile e dotata di tappi appositi per l eventuale spurgo delle condotte, sia per quelle poste in vista che all interno dei controsoffitti. 2.2 Rete di scarico esterna al fabbricato La rete esterna è realizzata sempre con tubazione in PE-HD allettata in sabbia e convoglia le acque nere alla vasca imhof dimensionata secondo le indicazioni di HERA in funzione della capienza del teatro. All uscita della rete nera dal fabbricato viene installato un sifone. RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 6/13

8 La raccolta delle acque piovane del piano interrato viene convogliata alla rete esterna e collegata dopo la vasca imhof con l inserimento di sifone per impedire il ritorno di odori all interno del fabbricato. La rete di raccolta delle condense viene mantenuta separata all interno del fabbricato e viene poi collegata alla rete esterna previa installazione di sifoni. 3 IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO La protezione attiva a servizio dell attività del teatro è composta dai seguenti impianti fissi di estinzione degli incendi: - un impianto interno di estinzione ad idranti UNI45 - un impianto a lama d acqua inserito nel sipario - un impianto di estinzione automatica (sprinkler) - un impianto a protezione del palcoscenico di tipo a diluvio L alimentazione idrica ad ogni impianto è garantita dalla presenza di due vasche antincendio ad uso esclusivo di capacità rispettivamente 22 mc per l impianto idranti e la lama d acqua e 115 mc per gli impianti a sprinkler e a diluvio. 3.1 Impianto idranti Il teatro ha una capienza superiore a 600 posti ed una superficie complessiva superiore ai mq, per cui in conformità alla regola tecnica di prevenzione incendi (D.M. 19/08/1996) si è adottato un impianto di estinzione incendi ad idranti con le seguenti caratteristiche: - al bocchello della lancia dell'idrante posizionato nelle condizioni più sfavorevoli di altimetria e distanza deve essere assicurata una portata non inferiore a 120 l/min ed una pressione residua di almeno 2 bar; - il numero e la posizione degli idranti devono essere prescelti in modo da consentire il raggiungimento, con il getto, di ogni punto dell'area protetta, con un minimo di due idranti; - l'impianto idrico deve essere dimensionato in relazione al contemporaneo funzionamento di n. 6 idranti; - gli idranti devono essere ubicati in posizioni utili all'accessibilità ed all'operatività in caso d'incendio; - l'impianto deve essere tenuto costantemente in pressione; RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 7/13

9 - le tubazioni di alimentazione e quelle costituenti la rete devono essere protette dal gelo, dagli urti e dal fuoco. L impianto è alimentato da un gruppo di pompaggio a norma UNI posizionato in apposito locale al secondo piano interrato. La rete è costituita da un anello che interessa in parte il secondo piano interrato ed in parte il piano a quota 0. Dall anello partono 4 colonne montanti, una per ogni vano scala, che vanno a servire gli idranti dei piani. Alla base di ogni colonna montante, come previsto dalla normativa è collegato un attacco motopompa VVF UNI 70. Dall anello parte inoltre un collegamento alla rete antincendio del Foyer che viene alimentata dallo stesso gruppo di pompaggio avendo considerato l estensione totale del teatro superiore a mq contando anche questa porzione. Le tubazioni avranno percorsi in vista e saranno opportunamente segnalate mediante colorazione della tubazione stessa. Ogni idrante UNI 45 o attacco motopompa UNI 70 saranno segnalati da apposita cartellonistica. Il gruppo antincendio è in grado di alimentare, alle condizioni previste dalla normativa, i 6 idranti UNI 45 idraulicamente sfavoriti e sarà dotato di un accumulo di acqua che garantisce il funzionamento dell impianto per 60 minuti. La normativa prevede la possibilità di considerare il rincalzo dell acquedotto per un massimo del 50 % della capacità necessaria all impianto, quindi si è provveduto a realizzare un allaccio dedicato all acquedotto che garantisca la portata necessaria al reintegro della vasca di accumulo. Ciascun idrante sarà fornito di manichetta dalla lunghezza di circa 20 metri con lancia di erogazione La rete di distribuzione sarà realizzata con tubazione in acciaio zincato tipo Mannesmann s.s. conforme alle norme vigenti in materia, serie media, con raccordi filettati adeguatamente installata e fissata, posta nei cavedi tecnici o nei vani scala per le colonne montanti, in controsoffito a tutti i piani per l alimentazione dei singoli idranti. Le tubazioni che attraversano locali non riscaldati saranno coibentate con guaine in polietilene espanso a cellule chiuse di idoneo spessore, a seconda di quanto stabilito dalle vigenti normative in funzione dei diametri esterni delle condotte, della modalità di posa e del posizionamento dei locali entro i quali vengono installate; inoltre tutte le tubazioni poste in vista saranno rifinite con lastre di PVC idonee all impiego. 3.2 Impianto a lama d acqua protezione sipario Il sipario tagliafuoco viene dotato di un impianto a lama d acqua di tipo a diluvio, gli ugelli posti in sommità della struttura del sipario sono in grado di erogare un getto d acqua a ventaglio su tutto il sipario. RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 8/13

10 L impianto e servito da una valvola d allarme di tipo a diluvio con azionamento rapido ottenuto da un consenso manuale oppure dall impianto di rivelazione incendi. La valvola, posta nel locale antincendio al secondo piano interrato, una volta azionata aprirà la farfalla azionando così il gruppo di pressurizzazione, nello stesso tempo verrà trasmesso al locale di controllo un segnale di impianto in funzione. L azionamento manuale viene reso possibile da un pulsante posto in posizione ben visibile e facilmente raggiungibile in prossimità della bocca scenica, inoltre sarà possibile remotizzare il medesimo consenso anche nel locale di controllo. Il gruppo di pressurizzazione a servizio di questo impianto è lo stesso dell impianto a idranti e searà in grado di garantire una portata non inferiore a 440 l/min con una pressione di scarica agli ugelli pari a 1.5 bar. La tubazione di collegamento a tra il gruppo di pressurizzazione e la valvola di allarme e quella a valle della valvola fino al sipario, è realizzata in acciaio al carbonio in conformità allo standard DIN/BS/ASTM e verniciate di colore rosso. Saranno del tipo con estremità scanalate e i giunti, le curve ed i tee di distribuzione dovranno essere completi di guarnizioni in EPDM in grado di evitare rumorosità, vibrazioni, sopperendo anche ai leggeri disallineamenti. 3.3 Impianto sprinkler L impianto di spegnimento automatico realizzato sarà in grado di proteggere sia le aree classificate di pericolo ordinario OH4 (sala polifunzionale e zona sopra la graticcia) sia quelle destinate a depositi e quindi classificate HHS. La sala polifunzionale e la zona della graticcia sopra il palcoscenico, sono situate al piano sottotetto e protette da un impianto sprinkler in grado di garantire una densità di scarica a terra non inferiore a 5 mm/min per una durata di 60 minuti. Gli sprinkler utilizzati sono del tipo UP-Right, di diametro pari 1/2, con coefficiente di deflusso pari a K=80 e bulbo di colore rosso (68 C). Le tubazioni correranno parallelamente alle falde della copertura, subito sotto le travi in legno principali; per poter garantire una protezione a norma di legge, gli erogatori vengono fatti salire verso la copertura fino ad una distanza non superiore a 15 cm. Per quegli erogatori che potrebbero essere colpiti dai raggi del sole attraverso i lucernai o gli evacuatori di fumo e calore, si rende necessario installare un apposito accessorio in grado di proteggerli dai raggi solari al fine di evitare il surriscaldamento del bulbo termosensibile. Queste due zone sono controllate da un unica valvola d allarme posta ne locale antincendio situato nel secondo piano interrato. RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 9/13

11 I locali adibiti a depositi vengono classificati come aree a rischio di classe HHS, le zone protette dall impianto sprinkler sono il deposito posto al primo piano interrato e la zona sotto il solaio bottolabile del palcoscenico. Per queste aree, la normativa prevede una densità di scarica pari a 7,5 mm/min ed una durata d intervento non inferiore a 90minuti. Gli sprinkler utilizzati sono del tipo standard rivolti verso il basso, di diametro pari 1/2, con coefficiente di deflusso pari a K=80 e bulbo di colore rosso (68 C). Le reti di distribuzione avranno percorso a vista, saranno opportunamente staffate, dovranno essere realizzate in acciaio al carbonio in conformità allo standard DIN/BS/ASTM e verniciate di colore rosso. Saranno del tipo con estremità scanalate e i giunti, le curve, i tee e le prese a staffa dovranno essere completi di guarnizioni in EPDM in grado di evitare rumorosità, vibrazioni, sopperendo anche ai leggeri disallineamenti. All ingresso di ogni area da proteggere, sulla tubazione di distribuzione saranno installati: a. una valvola di sezionamento dell impianto con le seguenti caratteristiche: deve chiudersi in senso orario deve essere dotata di un indicatore che mostri chiaramente la posizione in cui si trova la valvola deve essere bloccata nella posizione aperta mediante una fascetta o un lucchetto. b. una valvola di non ritorno in grado trattenere l acqua nell impianto nel caso in cui vengano svuotati gli impianti delle zone sottostanti c. un flussostato in grado di inviare un segnale alla stazione di controllo di impianto attivo, definendo così la zona d intervento In aggiunta a quanto sopra descritto si dovranno installare i seguenti componenti: a. un dispositivo comprendente una valvola di prova completa di raccordi e tubazioni in grado di erogare una portata equivalente ad un singolo sprinkler. Si dovrà controllare: il corretto funzionamento degli allarmi dati dalla stazione di controllo posta nel locale antincendio il corretto funzionamento del flussostato di zona il corretto funzionamento del gruppo di pressurizzazione Nel locale antincendio posto al secondo piano interrato, sono presenti: a. due valvole d allarme per impianti a umido rispettivamente a servizio delle zone classificate OH4 e i depositi HHS complete di: RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 10/13

12 manometri, rubinetto di prova e valvola di scarico camera di ritardo e pressostato d allarme saracinesca completa di flange b. due campane idrauliche d allarme poste ad una distanza non superiore a 6 metri dalla rispettiva stazione di controllo. c. Un gruppo di pressurizzazione a norma UNI installato sottobattente e composto da: una pompa pilota in grado di mantenere alla pressione desiderata l impianto due pompe principali di servizio in gradi di garantire, mediante funzionamento singolo o combinato, tutte le richieste in termini di portata e prevalenza di progetto. d. Una vasca antincendio della capacità utile non inferiore a 115 mc con un rincalzo dalla rete dell acquedotto non inferiore a 360l/min. Il sistema di alimentazione dovrà essere provvisto di dispositivi in grado di segnalare il raggiungimento del livello minimo della riserva d acqua, la mancanza di pressione nell impiantoe sulla rete di rincalzo. Il gruppo di pressurizzazione avrà anche una doppia alimentazione elettrica: - la prima collegata al contatore dell ente erogatore del servizio - la seconda assicurata da un gruppo elettrogeno. I gruppo di pompaggio avrà un quadro elettrico in grado di commutare automaticamente dalla prima alimentazione alla seconda in caso di avaria. Nel locale antincendio sarà garantita una temperatura minima di 10 C da un radiatore elettrico completo di termostato. 3.4 Impianto di protezione del palcoscenico impianto a diluvio La protezione della zona adibita a palcoscenico avviene mediante l utilizzo di un impianto fisso di estinzione con valvola del tipo a diluvio. Tale scelta impiantistica si è resa necessaria in quanto per palcoscenici aventi un altezza superiore a 12 metri, il punto 6 dell appendice F relativo alla norma UNI ritiene che la protezione di tale area debba essere realizzata mediante un impianto ad azionamento meccanico e manuale di tipo spray. I dati di progetto per il dimensionamento delle reti e la scelta del tipo di erogatore, sono stati ricavati dalla specifica tecnica CEN TS La densità di scarica garantita a terra sarà pari a 7.5 mm/min, per una durata pari a 30 minuti e su tutta l area da proteggere. RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 11/13

13 L azionamento dell impianto può avvenire manualmente, mediante un pulsante elettrico posto nelle vicinanze del palcoscenico e con un rimando nella sala di controllo, oppure tramite un segnale dato dal sistema di rivelazione incendi. La valvola d allarme posta nel locale antincendio è del tipo per impianti a diluvio con azionamento elettrico, sarà completa di pressostato, manometri e valvole di sezionamento. Gli erogatori utilizzati sono degli ugelli a spruzzo direzionale, di tipo aperto con deflettore esterno in grado di erogare un getto a forma conica, di diametro pari 1/2, con coefficiente di deflusso pari a K=80. Tutte le tubazioni di collegamento dovranno essere realizzate in acciaio al carbonio in conformità allo standard DIN/BS/ASTM e verniciate di colore rosso. Saranno del tipo con estremità scanalate e i giunti, le curve, i tee e le prese a staffa dovranno essere completi di guarnizioni in EPDM in grado di evitare rumorosità, vibrazioni, sopperendo anche ai leggeri disallineamenti. L alimentazione idrica e il gruppo di pressurizzazione è il medesimo di quello utilizzato per l impianto a sprinkler, in questo caso però, data l entità della portata, l ottenimento delle prestazioni richieste viene raggiunto solo mediante il simultaneo utilizzo delle due elettropompe di servizio. 4 IMPIANTO DI EVACUAZIONI FUMI E CALORE Le zone del palcoscenico e della sala polifunzionale sono dotate di evacuatori di fumo e calore in grado di assicurare, in caso d incendio, la fuoriuscita dei fumi e dei prodotti della combustione onde evitare che i locali possano essere totalmente invasi dal fumo. Gli evacuatori di fumo e calore saranno installati in conformità alla norma UNI 9494 e per quanto possibile dovranno essere distribuiti in modo omogeneo. L azionamento degli EFC sarà garantito da un elemento termosensibile in grado di far aprire l evacuatore nel caso del raggiungimento di una temperatura pari a 93 C, oppure può essere assicurato da un attuatore elettrico comandato dalla rivelazione incedi. Gli evacuatori saranno dotati di dispositivi di apertura manuale a distanza e devono esssere progettati in modo che ne sia garantito il funzionamento anche in caso d incendio. Essendo installati in aree protette anche da impianti sprinkler, gli evacuatori dovranno aprirsi soltanto dopo l entrata in azione di tali impianti. Questo è reso possibile asservendo elettricamente l apertura al comando di estinzione stesso e utilizzando elementi termosensibili con temperatura maggiore di 25 C di quella degli sprinkler. Per garantire l efficacia del sistema occorre assicurare un immissione di aria dal basso non inferiore a 2 volte la superficie degli EFC. RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 12/13

14 Per assicurare un adeguata fuoriuscita dei fumi e dei gas combusti dalla zona platea e logge, non essendo possibile utilizzare gli evacuatori di fumo e calore, si utilizza un impianto di estrazione meccanizzata in grado di sopportare una temperatura pari a 400 C per 120 min. Tale impianto è realizzato mediante l utilizzo di due torrini di estrazione da mc/h l uno, posti sulla copertura, in grado di aspirare i fumi dai fori della volta di copertura utilizzati per l estrazione dell aria dell impianto di climatizzazione. In caso d incendio, il sistema di rivelazione e supervisione dovrà comandare lo spegnimento di tutte le macchine a servizio della climatizzazione, chiudere le serrande a tenuta degli estrattori della platea e aprire quelle relative alle canalizzazioni che convoglieranno i fumi ai torrini di evacuazione fumo e calore. Tali torrini di estrazione dovranno essere alimentati elettricamente da una linea elettrica dedicata, in grado di funzionare anche in caso d incendio. Nella sala di controllo dovrà anche essere presente un pulsante di prova per entrambi i torrini di estrazione al fine di controllare periodicamente il corretto funzionamento. Al momento dell attivazione dell estrazione meccanizzata, si dovrà azionare un sistema di apertura delle finestre poste al primo ordine in grado di immettere una pari quantità di aria fresca proveniente dall esterno. RELAZIONE DESCRITTIVA pag. 13/13

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

Manuale tecnico di progettazione

Manuale tecnico di progettazione Manuale tecnico di progettazione Informazioni tecniche, tabelle di calcolo, descrizioni di capitolato Adduzione idrica e riscaldamento Scarico e pluviali Indice Impianti di scarico Considerazioni generali

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V Serie Genio Tecnic Moduli termici a premiscelazione a condensazione Emissioni di NOx in classe V Serie Genio tecnic Vantaggi Sicurezza Generatore totalmente stagno rispetto all ambiente. Progressiva riduzione

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie Gruppo termico murale a gas a premiscelazione Serie GENIO Tecnic Serie GENIO TECNIC Caratteristiche principali Quali evoluzione subirà il riscaldamento per rispondere alle esigenze di case e utenti sempre

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A DI PRIMA PIOGGIA Divisione Depurazione 87 1. - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE IN ACCUMULO (DA 500 A 12.000 M 2 ) 2. IPC - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE DI PIOGGIA IN CONTINUO (DA 270 A 7.200 M 2 ) 88 Divisione

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

Valvole KSB a flusso avviato

Valvole KSB a flusso avviato Valvole Valvole KSB a flusso avviato Valvole KSB di ritegno Valvole Idrocentro Valvole a farfalla Valvole a sfera Valvoleintercettazionesaracinesca Valvole di ritegno Giunti elastici in gomma Compensatori

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo.

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Autoclave Autoclave Mod. RFL 122202A Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Protezione termica interna per i sovracarichi. Gira a secco

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

NE FLUSS 20 EL PN CE

NE FLUSS 20 EL PN CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO Appr. nr. B94.02 A - CE 0063 AQ 2150 MANTELLATURA 7 3 1 102 52 101 99-97 83 84-64 63 90 139 93 98 4 5

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

NE FLUSS 24 EL CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO

NE FLUSS 24 EL CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO Appr. nr. B94.01 A - CE 0063 AQ 2150 CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO... 30R0032/0... 02-99... IT... MANTELLATURA

Dettagli

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O pag. 1 R I P O R T O 023573g Valvola a sfera in ottone cromato di diam. 2" con maniglia a leva gialla. Si intende compreso nel prezzo la mano d'opera e quanto altro necessario a rendere l'opera finita

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Sistema solare termico

Sistema solare termico Sistema solare termico 1 VELUX Collettori solari VELUX. Quello che cerchi. Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Sempre più

Dettagli

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo.

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo. Decreto Ministeriale 12 aprile 1996 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi.

Dettagli

Listino Prezzi al Pubblico Bora Luglio 2014

Listino Prezzi al Pubblico Bora Luglio 2014 BORA Professional BORA Classic BORA Basic Listino Prezzi al Pubblico Bora Luglio 2014 Progettazione d avanguardia Aspirazione efficace dei vapori nel loro punto d origine BORA Professional Elementi da

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

NE FLUSS 20 CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO

NE FLUSS 20 CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO Appr. nr. B94.02 T - CE 0063 AQ 2150 Appr. nr. B95.03 T - CE 0063 AQ 2150 CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO...

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

VALVOLA NORMALE ATTACCO RAME MISURA PREZZO CODICE PZ/CF SQUADRO 3/8" 10,23 RFAR0001 10 SQUADRO 1/2" 12,93 RFAR0011 10

VALVOLA NORMALE ATTACCO RAME MISURA PREZZO CODICE PZ/CF SQUADRO 3/8 10,23 RFAR0001 10 SQUADRO 1/2 12,93 RFAR0011 10 VALVOLA NORMALE ATTACCO RAME SQUADRO 3/8" 10,23 R0001 10 SQUADRO 1/2" 12,93 R0011 10 DIRITTA 3/8" 12,87 R0031 10 DIRITTA 1/2" 13,98 R0041 10 VALVOLA TERMOSTATIZZABILE ATTACCO RAME SQUADRO 3/8" 15,36 R0031

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

INOX SOL 200 TOP Pacchetto solare con 1 Collettore Piano CP4 XL e Unità Bollitore INOXSTOR da 200 litri

INOX SOL 200 TOP Pacchetto solare con 1 Collettore Piano CP4 XL e Unità Bollitore INOXSTOR da 200 litri INOX SOL 200 TOP Pacchetto solare con 1 Collettore Piano CP4 XL e Unità Bollitore INOXSTOR da 200 litri 1 Pacchetto Solare INOX SOL 200 TOP (cod. 3.022124) 1 Collettore Piano + boiler INOX 200 litri +

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Misura di portata Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Scheda tecnica WIKA FL 10.05 FloTec Applicazioni Produzione di petrolio e raffinazione Trattamento

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione Corso di energetica degli edifici 1 Impianti di climatizzazione 2 Obiettivo di un impianto di climatizzazione destinato agli usi civili è quello di mantenere e realizzare, nel corso di tutto l anno ed

Dettagli

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni PANORAMICA Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni Flessibilità, regolazione su richiesta ed efficienza energetica con i sistemi di climatizzazione ad acqua per interni di Swegon www.swegon.com

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

Scheda Tecnica. Piramide Condensing K 28 S 130. Caldaie condensing. Basamento eco condensing. Rendimento SOL K 21 S 200. Dir.

Scheda Tecnica. Piramide Condensing K 28 S 130. Caldaie condensing. Basamento eco condensing. Rendimento SOL K 21 S 200. Dir. Caldaie condensing Basamento eco condensing Scheda Tecnica Rendimento Dir. 92/42/CEE Piramide Condensing K 28 S 130 SOL K 21 S 200 Piramide Condensing K 28 S 130 Piramide Condensing SOL K 21 S 200 Ogni

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Gentile cliente, Bongioanni spa

Gentile cliente, Bongioanni spa GX NE Gentile cliente, La ringraziamo per aver acquistato un prodotto Bongioanni. Questo libretto è stato preparato per informarla, con avvertenze e consigli, sulla installazione, il corretto uso e la

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400 Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Indice Indice Unità tipo

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Centrale Generativa e Energie alternative Pianta ergonomica dei componenti

Centrale Generativa e Energie alternative Pianta ergonomica dei componenti Soluzione 3 Dimensioni Nuova Sala Termica Cortina 30 ottobre 2013 agg. 12 Novembre 2013 agg. 18 Novembre 2013 Comune di Cortina d'ampezzo Provincia di Belluno 1,50 0,80 Pompa di Calore Aermec ANLI 021H

Dettagli

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non 2 Soluzioni Antigelo Ensto, niente ghiaccio anche in caso di temperature molto basse. I sistemi elettrici Ensto per la protezione dal

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

ZEUS Superior kw 1 CARATTERISTICHE. Pensili con boiler

ZEUS Superior kw 1 CARATTERISTICHE. Pensili con boiler 1 CARATTERISTICHE ZEUS Superior kw Pensili con boiler Nuova gamma di caldaie pensili a camera stagna e tiraggio forzato con bollitore in acciaio inox da 60 litri disponibili in tre versioni con potenza

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

DOMESTIC SOL 550 TOP Pacchetto solare combinato con 4 Collettori Piani CP4 XL e Unità Bollitore da 550 litri

DOMESTIC SOL 550 TOP Pacchetto solare combinato con 4 Collettori Piani CP4 XL e Unità Bollitore da 550 litri DOMESTIC SOL 550 TOP Pacchetto solare combinato con 4 Collettori Piani CP4 XL e Unità Bollitore da 550 litri 1 Pacchetto Solare DOMESTIC SOL 550 TOP (cod. 3.022131) 4 Collettori Piani + bollitore combinato

Dettagli

VICTRIX Superior kw VICTRIX Superior kw Plus

VICTRIX Superior kw VICTRIX Superior kw Plus Pensili a condensazione VICTRIX Superior kw è la caldaia pensile istantanea a camera stagna con potenzialità di 26 kw e 32 kw che, grazie alla tecnologia della condensazione, si caratterizza per l'elevato

Dettagli

Modell 8108.1 H D. Modell 8108.1. Modell 8108.1. Modell 8108.1

Modell 8108.1 H D. Modell 8108.1. Modell 8108.1. Modell 8108.1 ie gelieferten bbildungen sind teilweise in arbe. Nur die Vorschaubilder sind in raustufen. ei ruckdatenerstellung bitte beachten, dass man die ilder ggf. in raustufen umwandelt. 햽 햾 Vielen ank 12.0/2010

Dettagli