Il Sistema di Pianificazione e Controllo: apprendere dalle società quotate.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Sistema di Pianificazione e Controllo: apprendere dalle società quotate."

Transcript

1 Il Sistema di Pianificazione e Controllo: apprendere dalle società quotate. I e requirements ie e t di Borsa Italiana

2 Premessa Borsa Italiana, nella Guida al Sistema di Controllo di Gestione, indica alcuni princìpi p base utili per migliorare la capacità di pianificare i propri obiettivi strategici e controllarne, giorno dopo giorno, il livello di raggiungimento. i Questi princìpi, i diventano vere e proprie regole di comportamento per le società che intendono quotarsi, ma sono soprattutto validi suggerimenti per una corretta gestione aziendale.

3 Obiettivo del Sistema di Controllo di Gestione Il sistema di controllo di gestione ha come obiettivo prioritario quello di aiutare i vertici aziendali a guidare l impresa verso i propri obiettivi strategici minimizzando i rischi di percorso e, in particolare, a compiere scelte funzionali alla creazione di valore economico. (tratto da Guida al Sistema di Controllo di Gestione Listing Guides di Borsa Italiana)

4 Elementi del sistema di controllo Organizzazione: Identificazione dei soggetti responsabili e chiara definizione di ruoli e responsabilità all interno dell organizzazione aziendale; Processi operativi: formalizzazione dei processi e delle procedure operative e in particolare dei ORGANIZZAZIONE processi di pianificazione e controllo; Sistemi informativi: Integrazione dei dff differenti sistemi informativi all interno dell azienda e del gruppo con un elevato CONTROLLO INTERNO (GOVERNANCE) livello di affidabilità; Controllo Interno: Insieme dei processi diretti a monitorare l efficienza delle operazioni aziendali, l affidabilità PROCESSI SISTEMI dell informazione finanziaria, il rispetto di OPERATIVI INFORMATIVI leggi e regolamenti, la salvaguardia dei beni aziendali. 4

5 Adeguatezza: Obiettivi del sistema e dimensioni di analisi; Soggetti responsabili; Capacità evolutiva del sistema. Adeguatezza e Affidabilità del Sistema di Controllo di Gestione Affidabilità: Formalizzazione del sistema di controllo; Struttura del sistema di reporting e completezza delle informazioni incluse nei report; Diffusione e timing dei report all interno della società; Integrazione con i sistemi informativi e affidabilità delle informazioni; Integrazione con i sistemi informativi ed informatici. 5

6 I Requirement di Borsa Italiana Completezza e fruibilità del sistema di reporting Presenza di un insieme adeguato di dimensioni di analisi (es. tipologia cliente, centri di costo, tipologie di prodotto/servizio, area geografica, canale di vendita) e variabili di monitoraggio che consentano al management una fruizione organica e correlata in modo selettivo alle intenzioni strategiche dell azienda. Diffusione i dell informazione i ai soggetti utilizzatori Il SCG deve identificare destinatari ed utilizzatori sia del sistema nel suo complesso che dei singoli report generati specificando il tipo e la gerarchia delle informazioni destinate ad ogni utilizzatore. Flessibilità e versatilità evolutiva Il SCG deve assecondare lo sviluppo dell azienda consentendo un adeguato livello di flessibilità nell elaborare informazioni od integrare fonti differenti. Formalizzazione Procedure: devono consentire agli utilizzatori di ottenere una chiara comprensione degli obiettivi, del funzionamento, dei destinatari delle informazioni e dei diversi soggetti responsabili delle singole componenti del sistema. Reporting: deve raccogliere ed organizzare in modo completo e strutturato le informazioni prodotte dal SCG Azioni i correttive: devono trovare una formalizzazione idonea ed un adeguata e uniforme diffusione ai livelli appropriati dell organizzazione aziendale. Completezza, p, frequenza e tempestività del sistema di reporting Il SCG deve essere impostato e strutturato in modo da garantire una corretta copertura informativa, adeguati livelli di frequenza e tempestività delle informazioni ai differenti destinatari. Automatizzazione ed integrazione con i sistemi informativi Possibilità di riconciliare le informazioni incluse nel reporting con le risultanze dei sistemi i informativi i aziendali (dati di natura economico-finanziaria Vs. contabilità generale, dati di contabilità analitica e dati previsionali Vs. dati consuntivi e contabilità generale) per garantirne l affidabilità e la confrontabilità nel tempo. 6

7 Il Sistema di Pianificazione e Controllo: apprendere dalle società quotate. L individuazione id io degli obiettivii e degli indicatori di prestazione

8 Qualità Brand Franchise Superiore superiore Posizionamento del portafoglio prodotti Rispetto delle esistente specifiche qualità Definiz ione del livello dei prezzi Definizione delle Gestione dei brand specifiche di reclami qualità Analisi della concorrenza prodotti Conoscenza dei parametri qualità dei Customer service best prodotti concorrenti in class con una logistica controllata Qualificazione Programma giovani reso dagli Sicurezza stabilimenti Etica, clima, cultura, comunicazione ed Job Rotation integrazione interna Sviluppo e Outplacement razionalizzazione del rapporto con i fornitori Sistema di Performance Management Leadership Organization Mercato, Clientela Recruiting Investimento pubblicitario per Sviluppo del portafoglio Efficienza del servizio interno Efficacia Industriale Innovazione Prodotto Miglioramenti costanti del prodotto Sviluppo di una corretta pianificazione della produzione Percezione da parte della clientela del valore aggiunto dei prodotti Galbani Competitività delle forze vendita Innovatività dell approccio ai priorizzazione delle idee innovative delle forze vendita Concentrazione degli investimenti pubblicitari Definiz ione di una struttura produttiva flessibile Consolidamento Ottimizzazione della struttura di e penetrazione de i mercati attuali e funzionamento futuri Espansione geografica Valore Prospettiva Economica-Finanziaria ARPU Utilizzo Servizi Creazione di un listino unificato Valutazione dell Area Vendite Crescita dei volumi di vendita complessivi Alleanze con i Monitoraggio e controllo dei prezzi su piazza Efficacia della DSI controllo delle proced ure Amministrazione Efficace Raggiungimento degli obiettivi commerciali per canale Efficienza del controllo di gestione Efficienza dei processi tipici della funzione Incremento dei volumi del 5%, del fatturato del 7,5%, e del Rop del 0% Costi acquisizione, operativi, tecnologie e risorse umane Qualità Brand Franchise Superiore superiore Posizionamento del portafoglio prodotti Rispetto delle esistente specifiche qualità Definizione del livello dei prezzi Definizione delle Gestione dei brand specifiche di reclami qualità Analisi della concorrenza prodotti Conoscenza dei parametri qualità dei Customer service best prodotti concorrenti in class con una logistica controllata Qualificazione Programma giovani reso dagli Sicurezza stabilimenti Etica, clima, cultura, comunicazione ed Job Rotation integrazione interna Sviluppo e Outplacement razionalizzazione del rapporto con i fornitori Mercato, Clientela Sistema di Performance Management Leadership Organization Recruiting Investimento pubblicitario per Sviluppo del portafoglio Efficienza del serviz io interno Efficacia Industriale Innovazione Prodotto Miglioramenti costanti del prodotto Sviluppo di una corretta p ia nificazione della produzione Percezione da parte della clientela del va lore aggiunto de i prodotti Galbani Competitività delle forze vendita Innova tivi tà dell approccio ai priorizzazione delle idee innovative delle forze vendita Concentrazione degli investimenti pubblicitari Definizione di una struttura produttiva flessibile Consolidamento Ottimizzazione della struttura di e penetrazione dei mercati attuali e funzionamento futuri Espansione geografica Valore Prospettiva Economica-Finanziaria ARPU Utilizzo Servizi Creazione di un listino unificato Valutazione dell Area Vendite Crescita dei volumi di vendita complessivi Alleanze con i Monitoraggio e controllo dei prezzi su piazza Efficacia della DSI controllo delle procedure Amministrazione Efficace Raggiungimento degli obiettivi commerciali per canale Efficienza del controllo di gestione Efficienza dei processi tipici della funzione Costi acquisizione, operativi, tecnologie e risorse umane Incremento dei volumi del 5%, del fatturato del 7,5%, e del Rop del 0% Qualità Brand Franchise Superiore superiore Posizionamento del portafoglio prodotti Rispetto delle esistente specifiche qualità Definizione del livello dei prezzi Definizione delle Gestione dei brand specifiche di reclami qualità Analisi della concorrenza prodotti Conoscenza dei parametri qualità dei Customer service best prodotti concorrenti in class con una logistica controllata Qualificazione Programma giovani reso dagli Sicurezza stabilimenti Etica, clima, cultura, comunicazione ed Job Rotation integrazione interna Sviluppo e Outplacement razionalizzazione del rapporto con i fornitori Mercato, Clientela Sistema di Performance Management Leadership Organization Recruiting Investimento pubblicitario per Sviluppo del portafoglio Efficienza del servizio interno Efficacia Industriale Innovazione Prodotto Miglioramenti costanti del prodotto Sviluppo di una corretta p ia nificazione della produzione Percezione da parte della clientela del va lore aggiunto de i prodotti Galbani Competitività delle forze vendita Innovatività dell approccio ai priorizzazione delle idee innovative delle forze vendita Concentrazione degli investimenti p ubblicitari Definizione di una struttura produttiva flessibile Consolidamento Ottimizzazione della struttura di e penetrazione dei mercati attuali e funzionamento futuri Espansione geografica Valore Prospettiva Economica-Finanziaria ARPU Utilizzo Servizi Creazione di un listino unificato Valutazione dell Area Vendite Crescita dei volumi di vendita complessivi Alleanze con i Monitoraggio e controllo dei prezzi su piazza Efficacia della DSI controllo delle procedure Amministrazione Efficace Raggiungimento degli obiettivi commerciali per canale Efficienza del controllo di gestione Efficienza dei processi tipici della funzione Costi acquisizione, operativi, tecnologie e risorse umane Incremento dei volumi del 5%, del fatturato del 7,5%, e del Rop del 0% Qualità Brand Franchise Superiore superiore Posizionamento del portafoglio prodotti Rispetto delle esistente specifiche qualità Definizione del livello dei prezzi Definizione delle Gestione dei brand specifiche di reclami qualità Analisi della concorrenza prodotti Conoscenza dei parametri qualità dei Customer service best prodotti concorrenti in class con una logistica controllata Qualificazione Programma giovani reso dagli Sicurezza stabilimenti Etica, clima, cultura, comunicazione ed Job Rotation integrazione interna Sviluppo e Outplacement razionalizzazione del rapporto con i fornitori Sistema di Performance Management Mercato, Clientela Leadership Organization Recruiting Investimento pubblicitario per Sviluppo del portafoglio Efficienza del serviz io interno Efficacia Industriale Innovazione Prodotto Miglioramenti costanti del prodotto Sviluppo di una corretta p ia nificazione della produzione Percezione da parte della clientela del va lore aggiunto de i prodotti Galbani Competitività delle forze vendita Innovatività dell approccio ai priorizzazione delle idee innovative delle forze vendita Concentrazione degli investimenti p ubblicitari Definizione di una struttura produttiva flessibile Consolidamento Ottimizzazione della struttura di e pene trazione dei mercati attuali e funzionamento futuri Espansione geografica Valore Prospettiva Economica-Finanziaria ARPU Utilizzo Servizi Creazione di un listino unificato Valutazione dell Area Vendite Crescita dei volumi di vendita complessivi Alleanze con i Monitoraggio e controllo dei prezzi su piazza Efficacia della DSI controllo delle procedure Amministrazione Efficace Raggiungimento degli obiettivi commerciali per canale Efficienza del controllo di gestione Efficienza dei processi tipici della funzione Costi acquisizione, operativi, tecnologie e risorse umane Incremento dei volumi del 5%, del fatturato del 7,5%, e del Rop del 0% Qualità Brand Franchise Superiore superiore Posizionamento del portafoglio prodotti Rispetto delle esistente specifiche qualità Definizione del livello dei prezzi Definizione delle Gestione dei brand specifiche di reclami qualità Analisi della concorrenza prodotti Conoscenza dei parametri qualità dei Customer service best prodotti concorrenti in class con una logistica controllata Qualificazione Programma giovani reso dagli Sicurezza stabilimenti Etica, clima, cultura, comunicazione ed Job Rotation integrazione interna Sviluppo e Outplacement razionalizzazione del rapporto con i fornitori Sistema di Performance Management Leadership Organization Mercato, Clientela Recruiting Investimento pubblicitario per Sviluppo del portafoglio Efficienza del servizio interno Efficacia Industriale Innovazione Prodotto Miglioramenti costanti del prodotto Sviluppo di una corretta p ia nificazione della produzione Percezione da parte della clientela del va lore aggiunto de i prodotti Galbani Competitività delle forze vendita Innova tivi tà dell approccio ai priorizzazione delle idee innovative delle forze vendita Concentrazione degli investimenti p ubblicitari Definizione di una struttura produttiva flessibile Consolidamento Ottimizzazione della struttura di e penetrazione dei mercati attuali e funzionamento futuri Espansione geografica Valore Prospettiva Economica-Finanziaria ARPU Utilizzo Servizi Creazione di un listino unificato Valutazione dell Area Vendite Crescita dei volumi di vendita complessivi Alleanze con i Monitoraggio e controllo dei prezzi su piazza Efficacia della DSI controllo delle procedure Amministrazione Efficace Raggiungimento degli obiettivi commerciali per canale Efficienza del controllo di gestione Efficienza dei processi tipici della funzione Incremento dei volumi del 5%, del fatturato del 7,5%, e del Rop del 0% Costi acquisizione, operativi, tecnologie e risorse umane Dalla strategia al Modello di Pianificazione e Controllo Partendo da quanto definito nel Piano Industriale in termini di Intenzioni e Obiettivi Strategici, l approccio si sviluppa nelle seguenti macroattività: Definizione dei fattori critici di successo e di rischio: Individuazione, per ciascun obiettivo strategico, dei fattori critici di successo e di rischio. Individuazione e classificazione dei KPI s: CorrelazioneC l i a ciascun fattore critico di successo e di rischio degli indicatori. Definizione di una matrice di posizionamento che consenta di determinare la rilevanza e la priorità di realizzazione di ciascun indicatore. Definizione del Modello di Pianificazione e Controllo: Indicatori o KPI Dimensioni di analisi Analisi di Profittabilità Crescita Crescita tramite continua innovazione Superare gli XX milioni di nel 007 ARPU Continua focalizzazione sui alto-spendenti Strategia Servizi Tecnologia Costi Intenzioni Strategiche Consolidamento della leadership nei servizi a valore aggiunto Leadership tecnologica nelle evoluzioni dell UMTS Obiettivi i strategici t i e azioni i implementative ti Sostenere la crescita dell arpu da xx nel 005 a yy nel 009 Diventare leader della mobile tv Proseguire nel roll-out della rete Definizione dei fattori critici di successo e di rischio Individuazione e classificazione dei KPI s DefinizioneCreazione Modello di Mappe Pianificazione Strategiche e Controllo Ottimizzazione della struttura di costo Ridurre i prezzi di interconnesione 8

9 Proclamazione strategica e fattori critici di successo Qualità Superiore Brand Franchise superiore Innovazione Prodotto Competitività delle forze vendita Alleanze con i Rispetto delle specifiche di qualità Definizione delle specifiche di qualità Customer service best in class Gestione dei reclami Programma giovani Etica, clima, cultura, comunicazione ed integrazione interna Outplacement Sistema di Performance Management Posizionamento i del portafoglio prodotti esistente Definizione del livello dei prezzi Analisi della concorrenza Conoscenza dei parametri qualità dei prodotti concorrenti Qualificazione Sicurezza Job Rotation Recruiting Investimento pubblicitario per brand Sviluppo del portafoglio prodotti Efficienza del servizio interno reso dagli stabilimenti Sviluppo e razionalizzazione del rapporto con i fornitori Miglioramenti costanti del prodotto Sviluppo di una corretta pianificazione della produzione Percezione da parte della clientela del valore aggiunto dei prodotti priorizzazione delle idee innovative Concentrazione degli investimenti pubblicitari Definizione di una struttura produttiva flessibile Ottimizzazione della struttura di funzionamento Innovatività dell approccio ai delle forze vendita Crescita dei volumi di vendita complessivi Consolidamento e penetrazione dei mercati attuali e futuri Creazione di un listino unificato Valutazione delle risorse dell Area Vendite Efficacia della DSI controllo delle procedure Monitoraggio e controllo dei prezzi su piazza Raggiungimento degli obiettivi commerciali per canale Efficienza i del controllo di gestione Efficienza dei processi tipici della funzione Incremento dei volumi del 8%, del fatturato del 0%, e del GM del 5% Leadership Organization Efficacia Industriale Espansione geografica Amministrazione Efficace 9

10 Fattori critici di successo e Indicatori di Prestazione (KPI s) Programma new hired Grado di successo del programma di assunzioni previste a budget Turnover progressivo sulle nuove assunzioni negli ultimi tre anni Qualificazione Numero di risorse oggetto di training sul totale risorse (Indice di copertura) % di ore di training Numero di proposte di riallocazione effettuate sul totale risorse oggetto di outplacement Numero di contenziosi anno e percentuale di contenziosi sul numero di risorse Outplacement erogate per funzione, per qualifica nell anno sul totale ore erogate Ore medie di training erogate per risorsa per funzione nell anno Numero di rifiuti delle risorse oggetto dell outplacement l t vs le proposte % di risorse collocate attraverso l outplacement di cui: % ricollocazione interna % ricollocazione esterna Job Rotation Età media e livello di scolarizzazione delle risorse Indice di job rotation sul totale risorse Sicurezza Indice di gravità dei sinistri Numero di iniziative organizzate nel corso dell anno inerenti la sicurezza Investimenti sulla sicurezza sostenuti verso quanto previsto (budget) Indice di formazione sulla sicurezza Indice di frequenza dei sinistri Indice di Career Path sul totale risorse % di spostamenti realizzati verso quelli previsti Turnover annuo per funzione differenziato tra dirigenti, quadri e impiegati ed analisi dei risultati Implementazione del sistema di Performance Management Etica, clima, cultura, comunicazione interna ed integrazione Numero di riunioni istituzionali per funzione ore dedicate a progetti misti suddivisi per unità organizzativa Numero di progetti gestiti con team misti Numero di risorse impiegate sui progetti gestiti con team misti suddivisi per unità organizzativa % di copertura del sistema di valutazione sul totale coinvolte nel progetto Ritardo/anticipo nei tempi di implementazione effettivi verso quelli previsti Customer surveys periodici sulla soddisfazione del sistema di BP.M. ed analisi dei risultati Recruiting Internal Surveys sul clima aziendale e sul livello di comunicazione ed analisi dei risultati % di provvedimenti disciplinari presi nell anno sul totale della popolazione Numero di eventi fraudolenti verificatisi in azienda nell anno Leadership Organization Costi sostenuti per il recruiting verso quelli previsti a budget Tempo intercorrente fra le richieste di assunzione e le lettere di assunzione per categoria Tempo intercorrente fra la definizione del profilo e l avvio dell azione di recruiting 0

11 Modello di Pianificazione e Controllo - La selezione dei KPI s Importanza Ponderata LEADERSHIP ORGANIZATION KPI FATTORI CRITICI Implementazione di un Sistema di Performance Management,5 5 Etica, clima, cultura, comunicazione i ed 4 integrazione , Outplacement - 7 Sicurezza 4 4 0, Qualificazione delle risorse 0,5 0 4 Nota: i Kpi evidenziati da un rettangolo nella legenda sono stati definiti dal management come prioritari in una visione di tipo direzionale. Per ciascuno degli indicatori dovrà essere determinata la relazion e costo/beneficio 5 Reperibilità dei Dati 4 Job Rotation Recruiting Programma Giovani

12 Modello di Pianificazione e Controllo - Le dimensioni di analisi ACQUISTATO SOCIETÁ REPARTO CANALE Natura Holding Gruppo Dimensione principale Classe Sotto-classe Sub Holding Reparto TURNO Dimensione alternativa/attributo Gruppo Tipo Società CENTRO DI COSTO Sotto-Tipo Macchina QUALITA Turno Qualità Gruppo Categoria Centro Area Funzione Famiglia Linea Centro Codice Codice Sotto-Tipo Tipo PRODOTTO Categoria Tipo Codice KPI s Lotto IC/Terzi Spedizione Gruppo Grandi Impegni Codice Origine Diametro LOTTO CLIENTE CONDIZIONE DI SPEDIZIONE GRANDI IMPEGNI Sotto- Gruppo Regione Magazzino Gruppo Gruppo Vettore Paese Paese Gruppo Area Strategici Area Gruppo Tipo DIAMETRO IC/Terzi FORNITORE MEZZO DI SPEDIZIONE FORNITORI GEOGRAFIA FORNITORI STRATEGICI GEOGRAFIA DI DESTINAZIONE MAGAZZINO

13 Modello di Pianificazione e Controllo Le analisi di profittabilità

14 Le componenti del Sistema di Controllo di Gestione Il Controllo di Gestione deve consentire di interpretare e gestire i cambiamenti ambientali, prevenire il sorgere di rischi per l azienda e indirizzare il comportamento dell organizzazione in modo coerente rispetto alle intenzioni strategiche espresse nel piano industriale. Questo sistema deve consentire ai vertici aziendali di posizionare l impresa nel tempo e nello spazio competitivo al fine di cogliere le eventuali inadeguatezze con possibili pregiudizi per i risultati economici, patrimoniali e finanziari della Società. Il Sistema di Controllo di Gestione (SCG) è quindi l insieme strutturato e integrato di oggetti di controllo (cosa controllare) e strumenti di controllo (come controllare) Oggetti di Controllo Strumenti di Controllo Indicatori & Metriche Timing e diffusione Organizzazione & Processi (GRC) Sistemi Informativi Viste Logiche di analisi Impianto contabile 4

15 Il Sistema di Pianificazione e Controllo: apprendere dalle società quotate. L D e Dili e e l i te La Due Diligence sul sistema di Pianificazione e Controllo

16 Verifica dei dati finanziari alla base del Piano Industriale EMITTENTE T E T E SPONSOR S O INPUT PROCESSI E PROCEDURE DI PIANIFICAZIONE STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE (BUDGET E FORECAST) PIANO STRATEGICO Strategia realizzata e Intenzioni strategiche Piano d azione (impatti economici finanziari con tempistica, Investimenti,...) PROCESS SO STRATEGIA REALIZZATA INTENZIONI STRATEGICHE ACTION PLAN IPOTESI DATI FINANZIARI PROSPETTICI AS IS: risultati raggiunti o in corso di realizzazione TO BE: Tempistica, impatti economico/finanziari, investimenti da realizzare, impatto organizzativo, ipotesi e dati economico finanziari i i prospettici i SOSTENIBILITA FINANZIARIA Segnalazione correzioni DUE DILIGENCE - BUDGET COERENZA ATTENDIBILITA OUTPU UT PIANO INDUSTRIALE (qualitativo e quantitativo) COMFORT LETTER BUDGET 6

17 Verifica dell adeguatezza ed affidabilità del SCG EMITTENTE T E T E SPONSOR S O INPUT PROCESSI E PROCEDURE INTERNE AFC STRUMENTI TECNICO CONTABILI (CoAn e CoInd) ATTUALE MODELLO E SISTEMA DI CONTROLLO DI GESTIONE (SCG) PIANO INDUSTRIALE - QMAT Value Chain aziendale: fasi generazione valore Fattori di successo (FCS) & Fattori di rischio (FCR) SO PROCES ASSESSMENT tecnico analitico: Organizzazione (responsabili SCG ruoli e responsabilità) Componenti SCG: modello, processi di pianificazione e controllo, FCS & FCR Strumenti tecnico contabili Reporting periodico economico finanziario patrimoniale e operativo Sistemi Informativi: affidabilità e capacità evolutive Aree Critiche - Miglioramento / Adeguamento Valutazione di ADEGUATEZZA DUE DILIGENCE SCG Valutazione di AFFIDABILITA OUTPU UT DOC. DESCRIT. INTERNO SUL SCG MEMORANDUM (SEZIONE I) MEMORANDUM (SEZIONE II) COMFORT LETTER SCG 7

18 Verifica dell adeguatezza ed affidabilità del SCG Vlt Valutazione diadeguatezza Vlt Valutazione diaffidabilita L approccio metodologico adottato, è il seguente: Recepimento degli obiettivi strategici e dei Fattori Critici di Successo (FCS) e Fattori Critici di Rischio (FCR) legati ad ogni obiettivo strategico; Recepimento dei processi critici di business significativi per il raggiungimento di obiettivi strategici e mitigazione dei rischi; Recepimento dell attuale set di indicatori di prestazione (KPI s), dimensioni di analisi ed analisi di profittabilità e confronto con quelli potenzialmente associabili ai singoli processi, di cui al punto sopra, ed oggetto del monitoraggio; Valutazione delle potenzialità evolutive del SCG in funzione del Piano Industriale, dei possibili cambiamenti di contesto o di eventuali aree considerate come migliorabili. L approccio metodologico adottato, è il seguente: Analisi delle procedure operative e dei controlli a tutela dei processi di Pianificazione e Reporting; Analisi delle procedure di controllo poste in essere per garantire l affidabilità dei dati prodotti, la rintracciabilità delle fonti alimentanti ed il non ripudio delle informazioni; Verifica del processo di riconciliazione tra contabilità Gestionale e Civilistica e del Closing The Books; Verifica di ruoli e responsabilità della funzione Sistemi Informativi; Analisi dell adeguatezza dei sistemi transazionali di base (ERP, CRM,...) e dell integrità del flusso alimentante i sistemi di Pianificazione e Reporting; Analisi dei controlli generali EDP e, in particolare, verifica delle procedure di Disaster Recovery e Business Continuity e delle guidelines relative alla conservazione ed alla sicurezza dei dati. 8

19 Alcuni Spunti di Riflessione. L approccio metodologico utilizzato nei processi di quotazione sia per la Redazione del Piano Industriale che per la documentazione del Sistema di Controllo di Gestione e di Controllo Interno. Le tecniche di Due Diligence del Piano Industriale e del Sistema di Controllo di Gestione e di Controllo Interno Sono applicabili ad ogni azienda che, indipendentemente dal fatto che sia prossima ad un IPO, intenda: Formalizzare e descrivere le proprie p strategie e valutarne gli effetti economico-patimoniali Valutare l allineamento del proprio processo di Pianificazione e Controllo rispetto alla proclamazione strategica Verificare l affidabilità del flusso informativo e delle procedure operative a supporto del proprio Sistema di Controllo di Gestione e di Controllo Interno 9

20 Matricole - Referenze 0

21 Reply Consulting Contacts Luigi Luoni Managing Partner Fabrizio Alberton Marco Cossutta Jacek Frysztacki

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Guida al Piano Industriale. Listing Guides

Guida al Piano Industriale. Listing Guides Guida al Piano Industriale Listing Guides Ai lavori hanno partecipato (Luglio 2003): BORSA ITALIANA (Luca Lombardo, Nunzio Visciano, Andrea Scremin) DELOITTE & TOUCHE CORPORATE FINANCE (Guido Vesin, Raffaella

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali

Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali Simone.cavalli@unibg.it Bergamo, Febbraio 2008 Il sistema di misurazione delle

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione Indice dei contenuti Introduzione 3 SAP Business One: le caratteristiche 4 Vantaggi per le aziende 5 Panoramica

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

Business Process Management applicato ai flussi della PA

Business Process Management applicato ai flussi della PA tecnologie vicine Business Process Management applicato ai flussi della PA Antonio Palummieri Resp. Area Mercato Luciano Sulis - BPM Solution Specialist Milano, 24 novembre 2011 Popolazione comuni: Italia

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli