COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE"

Transcript

1 ORIGINALE COMUNE DI BRESCELLO ROVINCIA DI REGGIO EMILIA Codice ente DELIBERAZIONE N. 21 DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: AROVAZIONE CONVENZIONI TRA IL COMUNE DI BRESCELLO E L'AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DI REGGIO EMILIA ER LA GESTIONE DEL FONDO DI GARANZIA A FAVORE DEI RORIETRI DI ALLOGGI CHE AFFITTANO A CANONE CONCERTATO. L anno duemilanove addì undici del mese di marzo alle ore nella sala delle adunanze, previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalla vigente legge, vennero oggi convocati a seduta i componenti il Consiglio Comunale. Al1'appello risultano: VEZZANI GIUSEE GEMMA GABRIELE D'ANGELO GIOVANNA SICURI CARLO CANDELA FRANCESCO ADOVA FRANCO NASI TONINO ALLINI FABIO ARTONI MARIANNA GALVANI GIANNI INCERTI ZAMBELLI SILVANA SACCHI ALESSANDRO IGOZZI FRANCESCO FERRARONI RAFFAELLA BONDAVALLI ROLANDO BALLESTRI FRANCESCO MONICA AOLO A A A Totale presenti 14 Totale assenti 3 artecipa alla adunanza il Segretario Comunale Sig. DOTT.STEFANO GANDELLINI il quale provvede alla redazione del presente verbale. Essendo legale il numero degli intervenuti, il Sig. GIUSEE VEZZANI nella sua qualità di Sindaco assume la presidenza e dichiara aperta la seduta per la trattazione dell'argomento indicato in oggetto.

2 Il SINDACO-RESIDENTE: introduce l'argomento dicendo che approviamo lo schema di convenzione per aderire all'agenzia dell'affitto che è un'agenzia immobiliare pubblica che ricerca alloggi a canone calmierato sul mercato. L agenzia riesce ad individuare alloggi a canoni calmierati in quanto questa agenzia da garanzie ai proprietari. Il fondo viene costituito da risorse messe dal Comune, Acer e rovincia. I comuni mettono circa 500 euro ad alloggio che statisticamente sono sufficienti a garantire eventuali morosità. In questo modo si creano dei fondi di garanzia dei mutui e servono a pagare le prime rate in sostituzione dell inquilino in caso di morosità e danno la difesa legale per il recupero crediti o sfratto. Ci sono tre tipi di convenzione e una è stata scartata in quanto molto simile a quanto già facciamo con i nostri alloggi ed è relativa al sostituirsi totalmente, come ente, a quei soggetti che non pagano. Noi abbiamo già tanti alloggi nostri che non aveva senso aderire a questo ultimo tipo di convenzione. Abbiamo aderito alle altre due convenzioni dove il contratto viene fatto tra i due privati o il contratto viene stipulato tra agenzia e proprietario. Queste garanzie, che sono buone, hanno consentito di trovare sul mercato tanti alloggi in altri Comuni dove sono state sperimentate. Con questi strumenti si riescono a reperire alloggi a fasce intermedie, tra prezzo di mercato e canone sociale. I proprietari in questo modo sono più tranquilli. IL CONSIGLIERE IGOZZI: chiede come viene calcolato il canone calmierato. L ASSESSORE COFFRINI: dice che è sulla base della legge sull'equo canone ed hanno una durata di tre anni. Il SINDACO-RESIDENTE: dice che qualche tempo fa avevamo fatto un accordo con l'associazione inquilini e proprietari per fare contratti annuali e anche triennali in deroga ai soliti 4 più 4. Abbiamo parecchie famiglie che chiedono un alloggio ma al tempo stesso non riescono ad accedere all'edilizia popolare per via dell'isee e quindi lo strumento approvato stasera è molto utile. ensiamo di partire con 6 convenzioni. L ASSESSORE BENECCHI: dice che noi come comune per i nostri alloggi ci riferiamo ad un legale per recuperare i soldi e per evitare che tante persone ne approfittino. Spesso mettiamo a ruolo i debitori ma i tempi sono molto lunghi. Se l inquilino è un caso sociale si valuta persona per persona, ma alcuni pensano di fare i furbi che tanto paga sempre il comune ma non è così. Il SINDACO-RESIDENTE: dice che generalmente i nostri inquilini pagano tutti. NESSUN altro chiede la parola IL CONSIGLIO COMUNALE RICHIAMATATA la Legge Regionale N 24/2001 Disciplina generale dell intervento pubblico nel settore abitativo che all art. 41 comma 1, annovera tra i compiti istituzionali delle ACER l attività di gestione di servizi attinenti al soddisfacimento delle esigenze abitative delle famiglie, tra cui le agenzie per la locazione;

3 REMESSO che l Azienda Casa Emilia Romagna (ACER) in collaborazione con la rovincia di Reggio Emilia stanno portando avanti un nuovo progetto denominato rogetto operativo Agenzia per l Affitto ; CHE obiettivo prioritario è incentivare il mercato delle locazioni calmierate agevolando l incontro tra domanda e offerta ed utilizzando gli strumenti normativi esistenti per favorire l accesso alla locazione dei soggetti che hanno redditi troppo alti per accedere all offerta ER e troppo bassi per sostenere gli attuali canoni di mercato; REMESSO che in data 28/03/2008 è stato condiviso e sottoscritto, un rotocollo d intesa per la realizzazione di un nuovo progetto denominato rogetto operativo Agenzia per l Affitto con lo scopo di individuare un canone concertato in particolare per lavoratori singoli e con famiglia, giovani coppie e pensionati al di fuori degli interventi ordinari in materia di edilizia residenziale pubblica; RILEVATO che per la realizzazione del progetto e facilitare l incontro del bisogno con l offerta è stato istituito, grazie alla fattiva collaborazione di numerosi soggetti pubblici e privati che hanno aderito all iniziativa, un Fondo di Garanzia rovinciale che si pone come finalità principale la tutela dei proprietari dai rischi di morosità e di danneggiamento degli alloggi conferiti, a fronte di una riduzione del canone di locazione; CHE nella seduta della Conferenza degli Enti in data 26/05/2008 è stato approvato il Regolamento attuativo Agenzia per l Affitto che attua e definisce le linee guida del progetto e che individua nelle convenzioni da sottoscriversi con i singoli Comuni, lo strumento con cui Acer rende operativo il nuovo servizio, le modalità organizzative e di gestione del nuovo servizio che dei criteri di utilizzo del Fondo di Garanzia; CONSIDERATO pertanto che si rende necessario approvare le convenzioni, che si allegano alla presente deliberazione quale parte integrante e sostanziale e precisamente: Convenzione Tipo B (contratto diretto) Convenzione per la promozione e la gestione di immobili ad uso abitativo a favore di lavoratori con famiglia o singoli, italiani o stranieri (non compresi nell ER e in emergenza abitativa) Convenzione Tipo C (Sublocazione) Convenzione per la promozione e la gestione di immobili ad uso abitativo a favore di lavoratori con famiglia o singoli, italiani o stranieri (non compresi nell ER e in emergenza abitativa) VISTO l art. 42 comma 2 lettera f), del D.Lgs 267 del 18 agosto 2000; ACQUISITI i pareri favorevoli, espressi ai sensi dell art. 49 del D.Lgs 267/2000 del Responsabile del Settore interessato e del Responsabile di Ragioneria, in ordine alla sola regolarità tecnica e contabile del presente atto; CON voti 14 favorevoli, espressi dai consiglieri presenti e votanti come accertato e proclamato dal residente; DELIBERA 1) Di approvare le convenzioni, tipo B e tipo C, allegate alla presente quale parte integrante e sostanziale, tra il Comune dei Brescello e Azienda Casa Emilia Romagna (ACER) per la gestione del fondo di garanzia, per facilitare l incontro tra la domanda di alloggi in affitto da parte di nuclei familiari e/o persone per diverse ragioni discriminate ma

4 economicamente indipendenti e l offerta di immobili da parte dei proprietari, con la sottoscrizione, di contratti a canone concertato; 2) di incaricare il Responsabile del Servizio a sottoscrivere le singole Convenzioni; 3) di dare atto che con apposita determinazione del Responsabile del Servizio interessato si provvederà ad imputare la conseguente spesa al bilancio 2009.

5 BOZZA CONVENZIONE ER LA ROMOZIONE E LA GESTIONE DI IMMOBILI AD USO ABITATIVO A FAVORE DI LAVORATORI CON FAMIGLIA O SINGOLI, ITALIANI O STRANIERI (NON COMRESI NELL ER E IN EMERGENZA ABITATIVA) Addì.., nella Sede di.. TRA L AZIENDA CASA EMILA ROMAGNA (ACER) con sede in Reggio Emilia via Costituzione 6, Codice Fiscale Ente nella persona del Dirigente Amm.vo Gestionale Dott. Mauro Bonacini nato a Reggio Emilia il 05/03/1954 e residente a Reggio Emilia in via Dodici Giungo N 4, domiciliato per la carica ricoperta in Reggio Emilia presso la sede dell ACER di Reggio Emilia; E Il COMUNE DI.. con sede in via. Codice Fiscale/artita IVA.., nella persona di. nato a..il.. e residente a, domiciliato per la carica ricoperta in presso la sede del Comune; REMESSO: - Che il sistema produttivo e il mercato del lavoro nella rovincia di Reggio Emilia fanno registrare da tempo la necessità di ricorrere a manodopera proveniente da altri bacini, con il conseguente problema della ricerca di una soluzione abitativa idonea alle proprie esigenze; - Che la questione abitativa è un problema in grado di costituire un pesante ostacolo alla maggiore domanda di mobilità geografica proveniente dal mondo del lavoro e dal sistema produttivo; - Che sul territorio provinciale risultano essere presenti numerosi alloggi sfitti; - Che dalle analisi svolte è emerso che uno dei principali fattori risolutivi del problema di che trattasi, di notevole rilevanza sociale, consiste nel fornire adeguate garanzie ai proprietari di alloggi in ordine all affidabilità degli inquilini; - Che il tema degli alloggi e quello dei posti letto per lavoratori e famiglie, ad oggi sottoposti ad evidenti attività speculative, può essere affrontato in modo efficace solo tramite il coinvolgimento e l impegno attivo delle istituzioni e delle categorie economiche e sindacali; RILEVATO pertanto che in data 28/03/2008 è stato condiviso e sottoscritto un rotocollo d intesa, con il coinvolgimento di 65 soggetti pubblici e privati, per la realizzazione di un nuovo progetto denominato rogetto operativo Agenzia per l Affitto con lo scopo di individuare un nuovo strumento per aumentare l offerta di alloggi privati da locare a canone concertato, in particolare per lavoratori singoli e con famiglia, giovani coppie e pensionati al di fuori degli interventi ordinari in materia di edilizia residenziale pubblica.

6 Che è stato istituito un Fondo rovinciale di Garanzia che si pone come finalità principale la tutela dei proprietari dai rischi di morosità e di danneggiamento degli alloggi conferiti, a fronte di una riduzione del canone di locazione. Che nella seduta della Conferenza degli Enti in data 28/03/2008 si è provveduto all approvazione del Regolamento di attuazione del rogetto con l individuazione sia delle modalità organizzative e di gestione del nuovo servizio che dei criteri di utilizzo del Fondo di Garanzia. Che con la presente Convenzione si vuole rendere concreta l attivazione del servizio facendo riferimento al modello gestionale in cui Acer svolge una duplice funzione di facilitatore nella conduzione della trattativa fra proprietario ed inquilino per la stipula del contratto e di garanzia per il rispetto delle clausole contrattuali. Il rapporto contrattuale di affittanza viene stipulato direttamente tra proprietario ed affittuario, mentre Acer assume il ruolo di gestore ed arbitro di tale rapporto. L Azienda promuove l incontro tra domanda e offerta, individuando per ogni nuovo affittuario un adeguata risposta alloggiativa sia per quanto riguarda i requisiti economici sia con riferimento alla durata desiderata del contratto d affitto. Successivamente gestisce il contratto in vece del proprietario riscuotendo il canone di locazione e retrocedendolo al proprietario stesso. Tutto ciò premesso e considerato, si conviene e si stipula quanto segue: ART. 1 Il presente accordo è finalizzato a promuovere l offerta in locazione di immobili ad uso abitativo in favore di lavoratori, singoli e con famiglia, giovani coppie e pensionati. Esso esula dagli interventi in materia di edilizia residenziale pubblica. Il Comune di.., valutate le reali esigenze abitative che caratterizzano il proprio territorio, stima che per il periodo di validità della convenzione, Acer possa addivenire alla gestione complessiva di N. contratti. Il Comune pertanto si impegna, per quanto di sua competenza, a contribuire con una disponibilità economica pari ad 500 per ogni contratto attivato. Detta somma verrà concretamente versata dal Comune di, a favore del Fondo rovinciale, al momento della positiva conclusione della trattativa e quindi con la sottoscrizione del contratto. Resta inteso che la quota versata dal Comune, e reperita sia in forma diretta che in forma indiretta, verrà utilizzata solo ed esclusivamente nell ambito del proprio territorio. ART. 2 La Convenzione avrà durata di anni 5 (cinque) con decorrenza dalla data di sottoscrizione. Annualmente si procederà a verifica in ordine all efficacia dell accordo. Esso potrà essere risolto integralmente o parzialmente, oltre che per accordo delle parti, anche mediante esercizio dei rispettivi diritti di revoca e di rinuncia; in tal caso dovrà essere dato preliminare avviso di almeno 12 mesi. Acer provvede: ART. 3 a) a reperire alloggi sul mercato da destinare alla locazione a lavoratori che ne facciano specifica richiesta b) a erogare servizi di assistenza, formazione ed affiancamento all utenza

7 c) a svolgere attività di consulenza ed accompagnamento nella fase di predisposizione, stipula e registrazione dei contratti d) a verificare l esistenza dei requisiti richiesti agli inquilini e) a compiere, alle condizioni indicate nel presente accordo, tutti gli atti e le operazioni necessarie per la gestione degli alloggi f) a gestire un fondo di garanzia per la morosità e il risarcimento degli eventuali danni agli immobili g) a rendicontare annualmente al Comune di in ordine alla gestione economica e finanziaria dell attività svolta h) a svolgere attività di mediazione e gestione delle situazioni conflittuali connesse alle problematiche dell abitare in comunità. Acer inoltre in applicazione del presente accordo: i) accerta il grado di incidenza del canone di locazione sul reddito familiare per garantire la solvibilità del medesimo j) accerta la consistenza e lo stato di conservazione degli alloggi dandone atto in appositi verbali k) cura la riscossione dei canoni dai conduttori di alloggio, registrando i relativi incassi. l) acquisisce la documentazione necessaria per l addebito diretto del canone di affitto in busta paga e la dichiarazione, sottoscritta anche dal datore di lavoro, della disponibilità a garantire, in caso di morosità, il pagamento del canone attraverso la trattenuta sullo stipendio m) corrisponde il canone pattuito per la locazione n) vigila sulla corretta tenuta degli immobili o) cura ogni e qualsiasi azione, anche nelle competenti sedi giudiziarie, occorrente per la riscossione dei crediti, per la risoluzione dei contratti di locazione nei casi di morosità o, comunque, di inadempienza degli inquilini alle clausole contrattuali o regolamentari. p) offre servizi aggiuntivi che per la loro particolarità possono essere richiesti ed erogati direttamente dal proprietario o dall inquilino dietro versamento di adeguato compenso di seguito specificati al successivo art. 5 ART. 4 Non sono a carico di Acer gli obblighi non espressamente richiamati nel precedente articolo, che sono da attribuire pertanto al proprietario o al conduttore secondo i principi generali dell ordinamento. ART. 5 Acer è in grado di offrire servizi aggiuntivi che per la loro particolarità possono essere richiesti dal proprietario o dall inquilino dietro versamento di adeguato compenso e che agevolano la gestione del contratto: registrazione contratto e imposta di registro annuale aggiornamenti annuali del canone di locazione (adeguamenti Istat) attività di controllo e sorveglianza sulla buona conduzione e sul regolare utilizzo dell alloggio locato e degli eventuali arredi in esso contenuto verifica sulla consistenza del nucleo familiare e sulla regolarità degli inquilini insediati nell appartamento

8 ART. 6 L individuazione dell utenza destinataria dell attività di Acer e la successiva assegnazione degli alloggi deve avvenire con modalità riconducibili alla gestione di bando aperto/elenco domande/graduatoria, redatti in collaborazione e su specifica indicazione del Comune. Allo scopo di favorire i processi di integrazione e sostenibilità sociale, l abbinamento tra proprietario ed inquilino viene effettuato da Acer, d intesa con il proprietario, secondo i requisiti e le esigenze degli inquilini e secondo criteri di sostenibilità dell affitto rispetto al reddito del richiedente. ART. 7 Le tariffe che Acer applica per l attività di intermediazione e gestione del servizio, a copertura dei costi di gestione, sono: - per attività di intermediazione a carico dei proprietari a carico degli inquilini 250,00 a contratto (IVA esclusa) 50% di una mensilità (IVA esclusa) - per gestione incassi e rendiconti 3% mensile sul canone a carico del proprietario (IVA esclusa) I suddetti importi saranno aggiornati in linea con l aumento dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati comunicato dall ISTAT. ART. 8 I requisiti minimi richiesti per poter accedere al servizio, che debbono essere posseduti dal richiedente un alloggio alla data di presentazione della domanda e che devono sussistere anche al momento dell assegnazione dell alloggio, sono : avere la residenza nell ambito del Comune o svolgere un attività lavorativa nell ambito del Comune medesimo o avere comprovate necessità di prossimità familiare non essere proprietari di immobili e non essere titolari di diritti di usufrutto, uso o abitazione (in forma totalitaria) su immobili ubicati nell ambito comunale. Non costituisce criterio di esclusione la proprietà di alloggi non abitabili o non adeguati alle esigenze del nucleo familiare non essere assegnatari di alloggi di edilizia residenziale pubblica o di altri diritti reali su immobili essere disponibili a consentire l addebito diretto del canone di locazione sullo stipendio mensile o la trattenuta sulla busta paga. non risultare con sfratto in corso per morosità ad esclusione di quei casi in cui l alloggio a canone concordato consenta all inquilino di rientrare nei parametri di sostenibilità del canone e quindi ripianare il debito pregresso. ART. 9 Alla stipula del contratto agli inquilini è richiesta l erogazione del deposito cauzionale con il versamento dell importo massimo di due mensilità. Tali somme andranno versate sul Fondo di gestione e concorreranno ad autofinanziare il fondo medesimo.

9 ART. 10 Le condizioni richieste ai proprietari immobiliari che intendono mettere a disposizione propri alloggi da affittare con l attività dell Agenzia, sono: l alloggio si deve presentare in buono stato deve essere garantita la conformità degli impianti elettrici e termoidraulici alle normative vigenti deve emergere la disponibilità a sottoscrivere un contratto a canone concertato ai sensi della Legge 431/98 ART. 11 I cittadini che si renderanno disponibili a locare alloggi di loro proprietà a canone concordato potranno usufruire delle garanzie e dei benefici previsti rispettivamente all art. 5 e 11 del Regolamento di attuazione. ART. 12 Tutte le spese inerenti e conseguenti alla stipula del presente atto, da registrarsi in caso d uso ai sensi dell art. 5 comma 2) Titolo I del DR 131/10 sono a carico del Comune di.. ART. 13 In caso di controversie il foro competente è quello di Reggio Emilia. Letto, approvato e sottoscritto. IL COMUNE DI. ACER REGGIO EMILIA

10 BOZZA CONVENZIONE ER LA ROMOZIONE E LA GESTIONE DI IMMOBILI AD USO ABITATIVO A FAVORE DI LAVORATORI CON FAMIGLIA O SINGOLI ITALIANI O STRANIERI (NON COMRESI NELL ER E IN EMERGENZA ABITATIVA) Addì.., nella Sede di.. TRA L AZIENDA CASA EMILA ROMAGNA (ACER) con sede in Reggio Emilia via Costituzione 6, Codice Fiscale Ente nella persona del Dirigente Amm.vo Gestionale Dott. Mauro Bonacini nato a Reggio Emilia il 05/03/1954 e residente a Reggio Emilia in via Dodici Giungo N 4, domiciliato per la carica ricoperta in Reggio Emilia presso la sede dell ACER di Reggio Emilia; E Il COMUNE DI.. con sede in via. Codice Fiscale/artita IVA.., nella persona di. nato a..il.. e residente a, domiciliato per la carica ricoperta in presso la sede del Comune; REMESSO: - Che il sistema produttivo e il mercato del lavoro nella rovincia di Reggio Emilia fanno registrare da tempo la necessità di ricorrere a manodopera proveniente da altri bacini, con il conseguente problema della ricerca di una soluzione abitativa idonea alle proprie esigenze; - Che la questione abitativa è un problema in grado di costituire un pesante ostacolo alla maggiore domanda di mobilità geografica proveniente dal mondo del lavoro e dal sistema produttivo; - Che sul territorio provinciale risultano essere presenti numerosi alloggi sfitti; - Che dalle analisi svolte è emerso che uno dei principali fattori risolutivi del problema di che trattasi, di notevole rilevanza sociale, consiste nel fornire adeguate garanzie ai proprietari di alloggi in ordine all affidabilità degli inquilini; - Che il tema degli alloggi e quello dei posti letto per lavoratori e famiglie, ad oggi sottoposti ad evidenti attività speculative, può essere affrontato in modo efficace solo tramite il coinvolgimento e l impegno attivo delle istituzioni e delle categorie economiche e sindacali; RILEVATO pertanto che in data 28/03/2008 è stato condiviso e sottoscritto un rotocollo d intesa, con il coinvolgimento di 65 soggetti pubblici e privati, per la realizzazione di un nuovo progetto denominato rogetto operativo Agenzia per l Affitto con lo scopo di individuare un nuovo strumento per aumentare l offerta di alloggi privati da locare a canone concertato, in particolare per lavoratori singoli e con famiglia, giovani coppie e pensionati al di fuori degli interventi ordinari in materia di edilizia residenziale pubblica. Che è stato istituito un Fondo rovinciale di Garanzia che si pone come finalità principale

11 la tutela dei proprietari dai rischi di morosità e di danneggiamento degli alloggi conferiti, a fronte di una riduzione del canone di locazione. Che nella seduta della Conferenza degli Enti in data si è provveduto all approvazione del Regolamento di attuazione del rogetto con l individuazione sia delle modalità organizzative e di gestione del nuovo servizio che dei criteri di utilizzo del Fondo di Garanzia. Che con la presente Convenzione si vuole rendere concreta l attivazione del servizio facendo riferimento alla modalità gestionale in cui Acer assume direttamente il contratto di locazione con i proprietari prevedendone sotto propria responsabilità il sub-affitto all inquilino. Tale modello gestionale assume due differenti obblighi giuridici, uno tra proprietario e Acer e uno tra Acer e affittuario. Tutto ciò premesso e considerato, si conviene e si stipula quanto segue: ART. 1 Il presente accordo è finalizzato a promuovere l offerta in locazione di immobili ad uso abitativo in favore di lavoratori, singoli e con famiglia, giovani coppie e pensionati. Esso esula dagli interventi in materia di edilizia residenziale pubblica. Il Comune di.., valutate le reali esigenze abitative che caratterizzano il proprio territorio, stima che per il periodo di validità della convenzione, Acer possa addivenire alla gestione complessiva di N. contratti. Il Comune pertanto si impegna, per quanto di sua competenza, a contribuire con una disponibilità economica pari ad 500 per ogni contratto attivato. Detta somma verrà concretamente versata dal Comune di, a favore del Fondo rovinciale, al momento della positiva conclusione della trattativa e quindi con la sottoscrizione del contratto di sub-locazione Resta inteso che la quota versata dal Comune, e reperita sia in forma diretta che in forma indiretta, verrà utilizzata solo ed esclusivamente nell ambito del proprio territorio. ART. 2 La Convenzione avrà durata di anni 5 con decorrenza dalla data di sottoscrizione. Annualmente si procederà a verifica in ordine all efficacia dell accordo. Esso potrà essere risolto integralmente o parzialmente, oltre che per accordo delle parti, anche mediante esercizio dei rispettivi diritti di revoca e di rinuncia; in tal caso dovrà essere dato preliminare avviso di almeno 12 mesi. In caso di disdetta anticipata da parte del Comune, lo stesso si farà carico di tutte le spese che l Acer dovrà sostenere per la durata dei contratti di sublocazione stipulati, salvo accordo per la risoluzione consensuale del rapporto di sublocazione tra conduttore e subconduttore. ART. 3 L Agenzia provvede: q) a reperire alloggi sul mercato da destinare alla locazione a lavoratori che ne facciano richiesta r) a erogare servizi di assistenza, formazione ed affiancamento all utenza s) a verificare l esistenza dei requisiti richiesti agli inquilini t) a compiere, alle condizioni indicate nel presente accordo, tutti gli atti e le operazioni necessarie per la gestione degli alloggi

12 u) ad assumere, la conduzione diretta dell alloggio per poi cederlo in sublocazione agli aventi diritto v) a gestire un fondo di garanzia per la morosità e il risarcimento degli eventuali danni agli immobili w) a rendicontare annualmente al Comune di. in ordine alla gestione economica e finanziaria dell attività svolta x) a svolgere attività di mediazione e gestione delle situazioni conflittuali connesse alle problematiche dell abitare in comunità. L Agenzia inoltre in applicazione del presente accordo: y) accerta il grado di incidenza del canone di locazione sul reddito familiare per garantire la solvibilità del medesimo z) accerta la consistenza e lo stato di conservazione degli alloggi dandone atto in appositi verbali aa) provvede alla consegna degli immobili bb) cura la riscossione dei canoni dai conduttori di alloggio, registrando i relativi incassi. cc) acquisisce la documentazione necessaria per l addebito diretto del canone di affitto in busta paga o la dichiarazione, sottoscritta anche dal datore di lavoro, della disponibilità a garantire, in caso di morosità, il pagamento del canone attraverso la trattenuta sullo stipendio dd) corrisponde il canone pattuito per la locazione ee) vigila sulla corretta tenuta degli immobili ff) cura ogni e qualsiasi azione, anche nelle competenti sedi giudiziarie, occorrente per la riscossione dei crediti, per la risoluzione dei contratti di locazione nei casi di morosità o, comunque, di inadempienza degli inquilini alle clausole contrattuali o regolamentari. gg) sottoscrive eventuale polizza assicurativa a copertura degli alloggi assunti in locazione direttamente dall Agenzia, anche mediante subentro, in quanto possibile, nelle polizze già in essere. ART. 4 Non sono a carico di Acer gli obblighi non espressamente richiamati nel precedente articolo, che sono da attribuire pertanto al proprietario o al conduttore secondo i principi generali dell ordinamento. ART. 5 L individuazione dell utenza destinataria dell attività di Acer e la successiva assegnazione degli alloggi deve avvenire con modalità riconducibili alla gestione di bando aperto/elenco domande/graduatoria, redatti in collaborazione e su specifica indicazione del Comune. Allo scopo di favorire i processi di integrazione e sostenibilità sociale, l abbinamento tra proprietario ed inquilino viene effettuato da Acer, d intesa con il proprietario, secondo i requisiti e le esigenze degli inquilini e secondo criteri di sostenibilità dell affitto rispetto al reddito del richiedente. ART. 6 Le tariffe che Acer applica per l attività di intermediazione e gestione del servizio, a copertura dei costi di gestione, sono:

13 - per attività di intermediazione a carico dei proprietari a carico degli inquilini 250,00 a contratto (IVA esclusa) 50% di una mensilità (IVA esclusa) - per gestione incassi e rendiconti 3% mensile sul canone a carico del proprietario (IVA esclusa) I suddetti importi saranno aggiornati in linea con l aumento dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati comunicato dall ISTAT. La presente convenzione, prevedendo due rapporti contrattuali per ogni assegnazione, espone Acer nella condizione di trovarsi a gestire, anche se per breve tempo, degli alloggi vuoti. I costi derivanti dal mancato introito dei canoni di affitto devono essere riconosciuti e rimborsati dal Comune. ART. 7 I requisiti minimi richiesti per poter accedere al servizio, che debbono essere posseduti dal richiedente un alloggio alla data di presentazione della domanda e che devono sussistere anche al momento dell assegnazione dell alloggio, sono : avere la residenza nell ambito del Comune o svolgere un attività lavorativa nell ambito del Comune medesimo o avere comprovate necessità di prossimità familiare non essere proprietari di immobili e non essere titolari di diritti di usufrutto, uso o abitazione (in forma totalitaria) su immobili ubicati nell ambito comunale. Non costituisce criterio di esclusione la proprietà di alloggi non abitabili o non adeguati alle esigenze del nucleo familiare non essere assegnatari di alloggi di edilizia residenziale pubblica o di altri diritti reali su immobili essere disponibili a consentire l addebito diretto del canone di locazione sullo stipendio mensile o la trattenuta sulla busta paga. non risultare con sfratto in corso per morosità ad esclusione di quei casi in cui l alloggio a canone concordato consenta all inquilino di rientrare nei parametri di sostenibilità del canone e quindi ripianare il debito pregresso. ART. 8 Alla stipula del contratto agli inquilini è richiesta l erogazione del deposito cauzionale con il versamento dell importo massimo di due mensilità. Tali somme andranno versate sul Fondo di gestione e concorreranno ad autofinanziare il fondo medesimo. ART. 9 Le condizioni richieste ai proprietari immobiliari che intendono mettere a disposizione propri alloggi da affittare con l attività dell Agenzia, sono: l alloggio si deve presentare in buono stato deve essere garantita la conformità degli impianti elettrici e termoidraulici alle normative vigenti deve emergere la disponibilità a sottoscrivere un contratto a canone concertato ai sensi della Legge 431/98

14 deve risultare la possibilità per l Agenzia di procedere all eventuale sub-locazione ART. 10 I cittadini che si renderanno disponibili a locare alloggi di loro proprietà a canone concordato potranno usufruire delle garanzie e dei benefici previsti rispettivamente all art. 5 e 11 del Regolamento di attuazione. ART. 11 Tutte le spese inerenti e conseguenti alla stipula del presente atto, da registrarsi in caso d uso ai sensi dell art. 5 comma 2) Titolo I del DR 131/10 sono a carico del Comune di.. ART. 12 In caso di controversie il foro competente è quello di Reggio Emilia. Letto, approvato e sottoscritto. IL COMUNE DI. ACER REGGIO EMILIA

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

PARTE PRIMA. Art. 2 Ambito di applicazione

PARTE PRIMA. Art. 2 Ambito di applicazione 11976 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 7 aprile 2014, n. 10 Nuova disciplina per l assegnazione e la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi di edilizia residenziale

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa Affitti in nero: convenienza ZERO Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa A cura del Comando Provinciale Guardia di Finanza Studia e vivi Roma Studia e vivi Roma è una guida di

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL P.R.G., NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI. Approvato con

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

L anno duemila il giorno del mese di TRA

L anno duemila il giorno del mese di TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLE FUNZIONI CATASTALI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 2, lett. A), D.P.C.M. 14 GIUGNO 2007 (OPZIONE DI 1 LIVELLO). L anno duemila il giorno del mese di TRA 1.

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli