ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI PER PROFESSIONISTI, INTERMEDIARI E ALTRI SOGGETTI. Saverio Capolupo Michele Carbone Sergio Maria Battaglia Gaspare Sturzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI PER PROFESSIONISTI, INTERMEDIARI E ALTRI SOGGETTI. Saverio Capolupo Michele Carbone Sergio Maria Battaglia Gaspare Sturzo"

Transcript

1 IV Edizione Saverio Capolupo Michele Carbone Sergio Maria Battaglia Gaspare Sturzo ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI PER PROFESSIONISTI, INTERMEDIARI E ALTRI SOGGETTI

2

3 IV Edizione Saverio Capolupo Michele Carbone Sergio Maria Battaglia Gaspare Sturzo ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI PER PROFESSIONISTI, INTERMEDIARI E ALTRI SOGGETTI

4 QUESTO EBOOK È UN'ANTEPRIMA GRATUITA Per ordinare la versione integrale utilizzare il link SHOPWKI.it o rivolgersi all agente di zona PROPRIETÀ LETTERARIA RISERVATA 2012 Wolters Kluwer Italia S.r.l Strada I, Palazzo F Milanofiori Assago (MI) ISBN: Il presente file può essere usato esclusivamente per finalità di carattere personale. I diritti di commercializzazione, traduzione, di memorizzazione elettronica, di adattamento e di riproduzione totale o parziale con qualsiasi mezzo sono riservati per tutti i Paesi. La presente pubblicazione è protetta da sistemi di DRM. La manomissione dei DRM è vietata per legge e penalmente sanzionata. L elaborazione dei testi è curata con scrupolosa attenzione, l editore declina tuttavia ogni responsabilità per eventuali errori o inesattezze.

5 Autori GLI AUTORI SAVERIO CAPOLUPO Attualmente riveste il grado di Generale di Corpo d Armata ed è il Comandante Generale della Guardia di Finanza. Ha frequentato l Accademia del Corpo. Nel corso della lunga carriera ha ricoperto importanti incarichi, tra cui Comandante del Nucleo Regionale di polizia tributaria di Milano, Capo del III Reparto Operazioni del Comando Generale, Comandante della Regione Toscana, Comandante della Scuola di Polizia Tributaria e Comandante Interregionale dell Italia Sud-Occidentale. Laureato in Giurisprudenza e Scienza della Sicurezza Economico-Finanziaria presso l Università degli Studi di Roma nonché in Scienze Politiche presso l Università degli Studi di Trieste; è professore incaricato presso la Facoltà di Economia e Commercio dell Università di Cassino; è abilitato all esercizio della professione di Dottore Commercialista ed Esperto Contabile; è iscritto all Albo dei Giornalisti, elenco pubblicisti. Specializzato in Tecnica del Bilancio presso l Università di Bologna, è Revisore Ufficiale dei Conti. Collabora con l Istituto dell Enciclopedia Italiana fondata da G. TRECCANI e, dal 1978, con le più importanti riviste fiscali. È autore di numerose pubblicazioni in materia tributaria tra le quali si segnalano: L accertamento tributario (ETI, Roma, 1993); Minimum tax (IPSOA, Milano, 1993); Testo unico delle imposte sui redditi (ETI, Roma, 1994); Tassazione dei proventi illeciti (CEDAM, Padova, 1996); Accertamento tributario (Milano, 1996); La tassazione dei redditi di capitale (Roma, 1998); La riforma del sistema penale tributario (IPSOA, Milano, 2000); Statuto del Contribuente e diritto d interpello (IP- SOA, Milano, 2000); L accertamento per studi di settore (EGEA, Milano, 2001); Reddito d impresa (EGEA, Milano, 2007); Le ispezioni tributarie (IPSOA, Milano, 2009); Manuale accertamento delle imposte (IPSOA, Milano, 2011). MICHELE CARBONE Generale di Brigata della Guardia di Finanza. É laureato in Giurisprudenza, in Scienze politiche ed in Scienze della sicurezza economico-finanziaria. Ha frequentato il Corso Superiore di Polizia Tributaria. In possesso del master di secondo livello in Diritto tributario dell impresa, conseguito presso l Università commerciale Luigi Bocconi di Milano. Ha conseguito, altresì, il master in Sicurezza, Intelligence e Aree di crisi, presso la S.I.O.I. e il Ce.S.I. di Roma. Iscritto nel Registro dei revisori contabili. Nel corso della sua carriera ha comandato reparti operativi alla sede di Gallarate, Fiumicino, il Gruppo investigazioni sulla criminalità organizzata di Palermo e il Comando Provinciale di Milano. Ha ricoperto rilevanti incarichi di stato maggiore. Attualmente è il Capo del II Reparto Analisi e Relazioni Internazionali del Comando Generale. Svolge attività di insegnamento presso la Scuola di Polizia Tributaria e l Accademia del Corpo. Docente presso la Scuola delle professioni legali dell Università Tor Vergata di Roma. Antiriciclaggio V

6 Autori Autore dei testi Le semplificazioni degli adempimenti contabili e fiscali (ETI-Il fisco, 2002), L interpello al fisco (Data ufficio editrice, 2003) nonché coautore delle seguenti pubblicazioni: Statuto dei diritti del contribuente (ETI-Il fisco, 2000); Elementi normativi internazionali e nazionali in materia di riciclaggio (Cacucci editore, 2010); Tracciabilità nei contratti pubblici (Italia-Oggi, 2011). SERGIO MARIA BATTAGLIA Avvocato. Ha una lunga esperienza nella consulenza legale in ambito bancario e finanziario; dal 1988 al 2011 ha lavorato presso l ABI. Ha svolto e svolge docenze in corsi e seminari sulla normativa antiriciclaggio. Collabora alla Facoltà di giurisprudenza dell Università Roma Tre (Diritto bancario) e docente al Master Giuristi e Consulenti d impresa della stessa Università; collabora al Master Responsabilità Sociale d Impresa presso la Facoltà di Scienze Sociali dell Angelicum Pontificia Università in Roma nonché presso la Link Campus University di Roma. È relatore in convegni organizzati da Istituzioni Pubbliche, da Associazioni di intermediari bancari e finanziari, da Federazioni regionali di banche, da Ordini professionali, da varie società (Il sole 24 Ore Convegni, Synergia, Optime, Paradigma, Confindustria, Iccrea Holding, Camere di Commercio, Università, ecc.). È autore della pubblicazione L assemblea nelle società di capitali Trieste, 1991 e curatore, tra l altro, dei volumi Condizioni generali relative al rapporto banca-cliente Bancaria Editrice Roma 2003, Disposizioni comuni sui servizi di investimento Bancaria Editrice Roma 2003, Coautore della pubblicazione Guida ai rapporti Banca- Impresa Bancaria Editrice Roma 1998; Curatore della Dispensa Antiriciclaggio e Terrorismo Internazionale, AbiFormazione 2008 e 2011, del Corso a distanza WBT AbiFormazione Antiriciclaggio e Terrorismo internazionale, Curatore della Guida assegno antiriciclaggio con il Ministero dell economia e delle finanze e la Banca d Italia, 2008, 2009, Ha collaborato alla stesura del Codice della Legalità per le PMI seconda edizione a cura del Centro Studi e Ricerche di Unimpresa. È Componente, tra gli altri, del CSAC (Centro Studi Antiriciclaggio & Compliance). È, inoltre, esperto della tematica sugli accertamenti bancari penali. È Vice Presidente del CISS Centro Internazionale Studi Luigi Sturzo e responsabile del Dipartimento educazione finanziaria. È Segretario Generale di Unimpresa (Unione Nazionale di Imprese). GASPARE STURZO Magistrato ordinario, è stato, fino al settembre del 2001, componente della Direzione Antimafia della Procura della Repubblica di Palermo. Ha coordinato numerose indagini in tema di riciclaggio e di mafia ed appalti e per la ricerca del super latitante Bernardo Provenzano, cogliendo un importante successo con l arresto del boss latitante Benedetto Spera. Già esperto giuridico presso l Alto Commissario Anticorruzione, attualmente è esperto giuridico presso il Dipartimento Affari Giuridici e Legislativi della Presidenza del Consiglio dei Ministri. VI Antiriciclaggio

7 Autori È docente incaricato di Diritto penale del lavoro presso la Libera Università Maria SS. Assunta di Roma (LUMSA), dove ha insegnato Diritto penale degli appalti. Presso il Corso Superiore di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza ha insegnato Misure e metodologie di contrasto alla Criminalità Organizzata. È Presidente del CISS Centro Internazionale Studi Luigi Sturzo. È autore di diversi scritti sulla figura e l opera del pro-zio Luigi Sturzo, tra i quali Sturzo e la magistratura, indipendenza ed irresponsabilità (Firenze, Olschki, 2004) e Mafia e questione meridionale nelle analisi di Luigi Sturzo, (Soveria Mannelli (R.C.), Rubbettino, 2007). Sulla rivista Rinascimento Popolare (Roma) ha pubblicato, altresì, La mafia è nemica dello sviluppo (2004); Un combattente per i valori del cristianesimo (2005); La battaglia sturziana per moralizzare la politica e l economia (2006). Antiriciclaggio VII

8

9 Prefazione PREFAZIONE Il riciclaggio riveste un ruolo primario nelle strategie della criminalità economica, perché consente di trasformare, attraverso l esecuzione di molteplici operazioni finanziarie, commerciali e societarie, disponibilità di provenienza illecita in ricchezze apparentemente pulite, da reimpiegare in attività economiche. Il processo di ripulitura del denaro si articola in più fasi che possono svolgersi ed esaurirsi anche in un solo Paese, sebbene nella maggior parte dei casi sono poste in essere in più giurisdizioni allo scopo di rendere più difficoltosa la ricostruzione dei flussi finanziari. Nel tempo, le tecniche di riciclaggio sono state agevolate dalla progressiva integrazione dei mercati e dalla crescente espansione del livello di liquidità circolante connesse alla liberalizzazione dei movimenti di capitali a livello internazionale, alla diffusione di nuovi strumenti di finanza derivata, nonché allo sviluppo dell intermediazione finanziaria e mobiliare e dei circuiti finanziari alternativi. La possibilità di operare su base transnazionale ha permesso di destinare gli ingenti profitti realizzati dalla criminalità economica non solo per esigenze di autofinanziamento e di alimentazione dell offerta di beni e di servizi illegali, ma anche per sviluppare una serie di attività lecite, commerciali, finanziarie e logistiche, che consentono di rendere più agevoli le operazioni di ripulitura e reimpiego dei proventi illeciti e di acquisire il controllo di settori dell economia sana e, nel contempo, di conseguire ulteriori profitti in maniera apparentemente lecita e di reinvestirli in attività finanziarie. La consapevolezza della dimensione transnazionale dei crimini finanziari e del riciclaggio ha posto in risalto la necessità di adottare misure di prevenzione e contrasto di analoga estensione. Infatti, i provvedimenti che e- splicano la loro efficacia esclusivamente a livello nazionale si sono rivelati i- nidonei a contenere il fenomeno, tenuto conto che proprio la connotazione globale e le dimensioni assunte dal riciclaggio sono in grado di alterare l ordinato assetto economico-finanziario e monetario di un Paese, amplificando gli effetti distorsivi dell economia reale e della corretta allocazione delle risorse. Le iniziative adottate dalla comunità internazionale per contrastare il riciclaggio possono essere ricondotte a una duplice linea d azione che mira: da un lato, alla progressiva armonizzazione, a livello mondiale e regionale, delle legislazioni nazionali, prevedendo la necessità che le condotte di riciclaggio siano qualificate come illecito penale secondo una formulazione comune e l introduzione di un sistema di prevenzione basato sul coinvolgimento degli intermediari finanziari, dei professionisti e degli altri operatori economici che sono tenuti ad identificare la clientela, Antiriciclaggio IX

10 Prefazione conservare le informazioni relative alle operazioni svolte e a segnalare alle Financial Intelligence Unit quelle che, sulla base degli elementi disponibili, possano ritenersi sospette di riciclaggio; dall altro, allo sviluppo di forme di collaborazione tra Stati finalizzate allo scambio di informazioni per il contrasto al fenomeno sul piano non solo finanziario e preventivo, ma anche su quello investigativo e giudiziario. In questo contesto, l evoluzione e il progressivo affinamento del sistema di prevenzione, secondo il percorso tracciato dalle tre direttive dell Unione Europea, rappresentano uno dei pilastri su cui si basa la lotta al riciclaggio, in quanto consente di intercettare, sul nascere, i flussi finanziari di possibile provenienza illecita e di porre in essere le conseguenti azioni di contrasto nella prospettiva della salvaguardia dell integrità e della credibilità del sistema economico e finanziario. Si tratta di una sfida continua, volta a rincorrere e prevedere le nuove tecniche di occultamento e reimpiego dei proventi illeciti che la criminalità economica elabora allo scopo di eludere le maglie sempre più strette della disciplina di prevenzione antiriciclaggio. Al riguardo, non possono sottacersi gli stretti profili di contiguità tra l azione di contrasto al riciclaggio e la lotta all evasione fiscale che attengono tanto alle metodologie di ripulitura del denaro quanto alla tipologia dei soggetti coinvolti. Relativamente al primo aspetto, la cronaca giudiziaria ha posto in luce una progressiva evoluzione delle tecniche di riciclaggio da modalità elementari a metodologie più complesse ed articolate che consentono di giustificare il trasferimento di capitali all estero con un apparente legittima motivazione di natura commerciale o finanziaria quali, ad esempio, la cessione e successiva cartolarizzazione di crediti, le operazioni con strumenti finanziari e prodotti derivati su mercati over the counter, le transazioni finanziarie effettuate tramite private banking o mediante canali telematici. Con riguardo al secondo profilo, l esigenza di poter disporre di risorse, rese apparentemente lecite attraverso il processo di riciclaggio, non è avvertita solo dalla criminalità organizzata, ma anche dai soggetti che pongono in essere condotte di mera evasione fiscale. Le indagini svolte hanno fatto e- mergere, sempre più frequentemente, il ricorso a sistemi sofisticati per trasferire all estero i proventi non dichiarati al fisco, tra cui l esecuzione di operazioni di pianificazione fiscale internazionale, che in realtà nascondono veri e propri stratagemmi per evadere le imposte e per riciclare i proventi ottenuti. X Antiriciclaggio

11 Prefazione Proprio per queste ragioni, il GAFI ha recentemente sancito, nell ambito della revisione delle 40 Raccomandazioni, la possibilità che i reati tributari possano costituire delitto presupposto delle condotte di riciclaggio. Il volume, redatto unitamente agli altri illustri coautori, affronta proprio tale scenario. In particolare, il successo delle precedenti edizioni e la sempre maggiore importanza che ricopre la materia per la vasta platea dei soggetti interessati, al tempo stesso testimonianza viva della crescente cultura e sensibilità antiriciclaggio nel nostro Paese, hanno portato alla stesura di questa quarta edizione, seguendo tre criteri fondamentali. Il primo ha tenuto conto delle novità legislative e regolamentari che si sono succedute nell ultimo periodo, dalla previsione di più stringenti limiti alla circolazione del contante, al nuovo sistema dei pagamenti nella Pubblica Amministrazione, sino alle numerose modifiche e integrazioni apportate alla legge AML/CFT con il recente D.Lgs. n. 169/2012, cosiddetto secondo correttivo alla disciplina del credito al consumo e dei soggetti operanti nel settore finanziario, degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Si è, poi, notevolmente implementata, al fine di conferire maggiore organicità ed esaustività ai contenuti, la parte dedicata sia al trasferimento dei mezzi di pagamento sia all adeguata verifica della clientela, agli indicatori di anomalia della Banca d Italia, del Ministro della giustizia e del Ministro dell interno nonché agli schemi rappresentativi di comportamenti anomali elaborati dall Unità di informazione finanziaria. L ultimo criterio ha suggerito di inserire, al termine di ciascun capitolo, schede e tabelle con la finalità di sintesi o di illustrazione grafica delle tematiche affrontate. La Guida Operativa, così profondamente rivisitata, si presenta come uno strumento di agevole consultazione per coloro che sono già padroni della disciplina in rassegna, e intendono aggiornarsi in modo rapido e completo, mentre per quanti si avvicinano per la prima volta, permette di conoscere in maniera scientifica il quadro giuridico di riferimento, sia internazionale che domestico, e gli aspetti di carattere sostanziale relativi agli adempimenti di professionisti, intermediari e altri operatori non finanziari. Gen. C.A. Saverio Capolupo Comandante Generale della Guardia di Finanza Antiriciclaggio XI

12

13 Sommario SOMMARIO Capitolo I Il MONITORAGGIO DEI FLUSSI FINANZIARI (a cura di Michele Carbone) 1. I flussi finanziari nell attuale scenario internazionale Concetto di riciclaggio La stima del riciclaggio Tecniche di riciclaggio Carattere sovranazionale del fenomeno Il ruolo dei paradisi fiscali La disciplina del riciclaggio nell ordinamento penale italiano Riciclaggio Impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Autoriciclaggio e autoreimpiego Trasferimento fraudolento di valori Il finanziamento del terrorismo internazionale I reati in materia di terrorismo internazionale La tracciabilità nei contratti pubblici Le imprese ubicate nei Paesi black list Il monitoraggio dei fondi di sostegno allo sviluppo I movimenti transfrontalieri di valuta Il monitoraggio fiscale Schede di sintesi Capitolo II MISURE DI CONTRASTO AL RICICLAGGIO E AL FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO INTERNAZIONALE (a cura di Michele Carbone) 1. Le iniziative internazionali di contrasto al riciclaggio La Raccomandazione del Consiglio d Europa La Dichiarazione di Basilea La Convenzione di Vienna L istituzione del Gruppo di Azione Finanziaria Antiriciclaggio XIII

14 Sommario Le black list GAFI Le Raccomandazioni GAFI La Convenzione di Strasburgo Il Gruppo Egmont e le Financial Intelligence Unit La Convenzione delle Nazioni Unite contro la criminalità... organizzata transnazionale La Convenzione di Varsavia Il Moneyval La recente normativa dello Stato della Città del Vaticano e della Santa Sede Le iniziative transnazionali di contrasto al finanziamento del terrorismo.. internazionale La Convenzione di New York per la repressione... del finanziamento internazionale del terrorismo Le Raccomandazioni del GAFI per il contrasto al finanziamento del terrorismo internazionale Le misure dell Unione Europea in tema di riciclaggio Direttiva n. 91/308/CEE Direttiva n. 2001/97/CE Direttiva n. 2005/60/CE Direttiva n. 2006/70/CE Ulteriori provvedimenti Prospettive di riforma della regolamentazione comunitaria Misure europee di contrasto al finanziamento del terrorismo L evoluzione della disciplina nazionale in materia di riciclaggio La legge delega di recepimento della Direttiva n. 2005/60/CE La disciplina in materia di finanziamento del terrorismo Profili generali Modalità attuative del congelamento dei fondi e delle risorse economiche Il Comitato di sicurezza finanziaria Le competenze dei soggetti e degli altri organismi Il nuovo assetto normativo in materia di contrasto al riciclaggio e al finanziamento del terrorismo L emanazione del Testo Unico Schede di sintesi XIV Antiriciclaggio

15 Sommario Capitolo III DEFINIZIONI E PRINCIPI GENERALI AUTORITÀ - ORGANISMI (a cura di Michele Carbone) 1. Definizioni e principi generali Le azioni di riciclaggio Autorità Ministero dell economia e delle finanze Comitato di sicurezza finanziaria Banca d Italia Unità di informazione finanziaria Autorità di vigilanza - Ordini professionali e Amministrazioni interessate Forze di polizia Direzione Investigativa Antimafia Nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di finanza Gli altri reparti della Guardia di finanza Procuratore nazionale antimafia Scambio di informazioni e collaborazione tra Autorità e forze di polizia Schede di sintesi Capitolo IV SOGGETTI E OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (a cura di Michele Carbone) Sezione I I soggetti destinatari degli obblighi 1. Introduzione Soggetti ed attività ex art. 10, comma 2, del D.Lgs. n. 231/ Intermediari finanziari e altri soggetti esercenti attività finanziaria Professionisti Revisori legali Altri soggetti Organi di controllo Antiriciclaggio XV

16 Sommario Sezione II Obblighi di adeguata verifica 1. Premessa Profili generali Identificazione e verifica dell identità del cliente Identificazione e verifica dell identità del titolare effettivo Informazioni sullo scopo e sulla natura prevista del rapporto continuativo o della prestazione professionale Controllo costante nel corso del rapporto continuativo o della prestazione professionale Obblighi del cliente L approccio basato sul rischio L obbligo di astensione Obblighi di adeguata verifica della clientela da parte degli intermediari finanziari e degli altri soggetti esercenti attività finanziaria Obblighi di adeguata verifica della clientela da parte dei professionisti e dei revisori legali Obblighi di adeguata verifica della clientela da parte di altri soggetti Attività di gioco Sezione III Obblighi semplificati di adeguata verifica 1. Profili generali Esenzione soggettiva Stati extracomunitari e territori equivalenti Esenzione oggettiva Criteri tecnici e procedure semplificate di adeguata verifica della clientela Autorità o organismi pubblici Entità giuridiche Prodotti o operazioni collegate a tali prodotti Esclusioni Sezione IV Obblighi rafforzati di adeguata verifica 1. Premessa Rischio più elevato di riciclaggio o finanziamento del terrorismo Le indicazioni della Banca d Italia Operatività a distanza XVI Antiriciclaggio

17 Sommario 4. Conti di corrispondenza con enti corrispondenti di Stati extracomunitari Operazioni o prestazioni con persone politicamente esposte Divieto di operazioni con Paesi black list Sezione V Esecuzione da parte di terzi 1. Introduzione Modalità di esecuzione Riconoscimento comunitario dell assolvimento dei terzi Rapporti di esternalizzazione o di agenzia Schede di sintesi Capitolo V OBBLIGHI DI REGISTRAZIONE (a cura di Saverio Capolupo) 1. Principi generali Gli obblighi di registrazione da parte degli intermediari Le indicazioni della Banca d Italia Archivio unico informatico Principi generali Modalità di effettuazione delle registrazioni Deroghe agli obblighi di registrazione Gestione dell archivio informatico Modalità semplificate di registrazione Operazioni straordinarie La registrazione nell archivio unico da parte dei professionisti Premessa L archivio unico informatico Le modalità di tenuta L archivio in forma cartacea Chiavi di identificazione e ricerca L alimentazione Il registro della clientela Professionista e privacy Standard tecnici del registro informatico La struttura fisica Modalità di registrazione per particolari soggetti Trasmissione dei dati aggregati Schede di sintesi Antiriciclaggio XVII

18 Sommario Capitolo VI OBBLIGHI DI SEGNALAZIONE (a cura di Saverio Capolupo) 1. Elementi generali sull obbligo di segnalazione La natura giuridica della segnalazione Il concetto di operazione sospetta I presupposti per la segnalazione I tempi per l inoltro della segnalazione Il sospetto legato al ricorso frequente o ingiustificato del contante Dati e informazioni della segnalazione di operazione sospetta La procedura di segnalazione per gli intermediari finanziari e le società di gestione L iter segnaletico interno all intermediario Modalità di segnalazione da parte dei professionisti e delle società di revisione Premessa Procedura per la segnalazione La segnalazione da parte di particolari categorie La tutela della riservatezza La riservatezza dell identità del segnalante La richiesta di ulteriori informazioni Sospensione delle operazioni Divieto di comunicazione L esclusione della responsabilità del segnalante L analisi della segnalazione Analisi finanziaria L approfondimento investigativo Il flusso di ritorno delle informazioni Protezione dei dati e delle informazioni Il sistema GIANOS Schede di sintesi Capitolo VII GLI INDICATORI DI ANOMALIA PER L INDIVIDUAZIONE DELLE OPERAZIONI SOSPETTE (a cura di Sergio Maria Battaglia) 1. Gli indicatori di anomalia per gli intermediari Il terzo Decalogo della Banca d Italia Le categorie di indicatori XVIII Antiriciclaggio

19 Sommario Indicatori di anomalia connessi al cliente Indicatori di anomalia connessi alle operazioni o ai rapporti Indicatori di anomalia connessi ai mezzi e alle modalità di pagamento Indicatori di anomalia relativi alle operazioni in strumenti finanziari e ai contratti assicurativi Indicatori di anomalia relativi al finanziamento del terrorismo Gli indicatori di anomalia per professionisti e revisori legali Cenni introduttivi Gli indicatori Indicatori di anomalia connessi al cliente Indicatori di anomalia connessi alle modalità di esecuzione delle prestazioni professionali Indicatori di anomalia relativi alle modalità di pagamento dell operazione Indicatori di anomalia relativi alla costituzione e all amministrazione di imprese, società, trust ed enti analoghi Indicatori di anomalia relativi ad operazioni aventi a oggetto beni immobili o mobili registrati Indicatori di anomalia relativi ad operazioni contabili e finanziarie Gli indicatori di anomalia per gli operatori non finanziari Premessa Gli indicatori Indicatori generali di anomalia connessi all identità o all atteggiamento del cliente Indicatori generali di anomalia connessi alle modalità di esecuzione delle operazioni Indicatori generali di anomalia relativi ai mezzi di pagamento utilizzati Indicatori specifici di anomalia Prima tipologia Seconda tipologia Terza tipologia Quarta tipologia Schede di sintesi Antiriciclaggio XIX

20 Sommario Capitolo VIII MODELLI E SCHEMI RAPPRESENTATIVI DI COMPORTAMENTI ANOMALI (a cura di Sergio Maria Battaglia) 1. Premessa Imprese in crisi e usura Conti dedicati Presentazione di banconote in lire per la conversione in euro Frodi informatiche Frode all IVA intracomunitaria Operazioni di rimpatrio o regolarizzazione connesse allo scudo fiscale Abuso di finanziamenti pubblici Frodi nell attività di leasing Operazioni e rapporti con persone politicamente esposte e con membri della famiglia Gheddafi e del Governo della Libia Usura Utilizzo anomalo di carte di pagamento per prelevamenti di denaro contante Frodi nell attività di factoring Frodi fiscali internazionali e frodi nelle fatturazioni Schede di sintesi Capitolo IX MISURE ULTERIORI (a cura di Saverio Capolupo) 1. Il vizio del contante in Italia La prima legge antiriciclaggio Il decreto legislativo n. 231 del Il divieto di trasferimento di denaro contante L oggetto del trasferimento La causa del trasferimento La nozione di trasferimento Il trasferimento tra soggetti diversi Operazioni cumulate Le operazioni frazionate La deroga del divieto ai non residenti La deroga per i cambiavalute e i medici intramoenia Le regole sugli assegni I libretti al portatore I money transfer XX Antiriciclaggio

21 Sommario 4. Il nuovo sistema di pagamenti della Pubblica Amministrazione La riduzione del contante mediante norme tributarie di favore L obbligo di comunicazione delle infrazioni antiriciclaggio La formazione del personale Schede di sintesi Capitolo X L ATTIVITÀ ISPETTIVA E L UTILIZZO DEI DATI AI FINI FISCALI (a cura di Saverio Capolupo) 1. La ripartizione delle competenze tra Autorità Gli operatori sottoposti alla vigilanza della Guardia di finanza Competenza esclusiva Competenza concorrente Attività ispettiva L utilizzo dei dati ai fini fiscali Premessa L acquisizione dei dati in sede di polizia giudiziaria L acquisizione dei dati in sede amministrativa Il regime di riservatezza delle informazioni L utilizzo operativo I settori impositivi interessati Le conferme della giurisprudenza L utilizzabilità diretta ai fini fiscali delle informazioni e dei dati registrati Schede di sintesi Capitolo XI I PRESIDI ANTIRICICLAGGIO (a cura di Sergio Maria Battaglia) 1. Le nuove disposizioni di Banca d Italia in materia di organizzazione, procedure e controlli interni Destinatari delle disposizioni e potere sanzionatorio Il principio di proporzionalità Assetti organizzativi a tutela dei rischi di riciclaggio e finanziamento del terrorismo Il contenimento del rischio di riciclaggio e regolamentazione prudenziale Ruolo degli organi aziendali e dell organismo di controllo Organo con funzione di supervisione strategica Organo con funzione di gestione Antiriciclaggio XXI

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust:

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust: DICHIARAZIONE AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL D. LGS. N. 231 DEL 21 NOVEMBRE 2007 IN TEMA DI ANTIRICICLAGGIO MODULO DI IDENTIFICAZIONE E DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (AI SENSI DEGLI ARTT. 18 E 19

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI Normativa attinente ad aree sensibili relative al D.Lgs. 231/01 Area di rischio:

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 17 aprile 2015 (OR. fr) Fascicolo interistituzionale: 2013/0025 (COD) 7768/15 ADD 1 REV 1 NOTA PUNTO "I/A" Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 PREMESSA... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 5 Articolo 1... 5 Ambito di applicazione e Destinatari... 5 Articolo 2... 5 Comunicazione... 5 Articolo 3... 6 Responsabilità...

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 165 del 6 Novembre 2013 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi POS obbligatorio per esercenti di attività di vendita di prodotti e servizi, anche professionali (Articolo 15 commi

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI

MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI CENTRE FOR TAX POLICY AND ADMINISTRATION ORGANISATION FOR ECONOMIC CO-OPERATION AND DEVELOPMENT MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI OECD Bribery Awareness

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

PROVVEDIMENTO RECANTE GLI INDICATORI DI ANOMALIA PER GLI INTERMEDIARI LA BANCA D ITALIA

PROVVEDIMENTO RECANTE GLI INDICATORI DI ANOMALIA PER GLI INTERMEDIARI LA BANCA D ITALIA PROVVEDIMENTO RECANTE GLI INDICATORI DI ANOMALIA PER GLI INTERMEDIARI LA BANCA D ITALIA Vista la legge 25 gennaio 2006, n. 29, recante disposizioni per l adempimento di obblighi derivanti dall appartenenza

Dettagli

Linee guida dell Associazione Bancaria Italiana per l adozione di modelli organizzativi sulla responsabilità amministrativa delle banche

Linee guida dell Associazione Bancaria Italiana per l adozione di modelli organizzativi sulla responsabilità amministrativa delle banche Linee guida dell Associazione Bancaria Italiana per l adozione di modelli organizzativi sulla responsabilità amministrativa delle banche (d.lgs. n. 231/2001) INDICE Capitolo I IL D.LGS. n. 231/2001 1.

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Approvazione del CDA del 06/08/2014 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo (ai sensi del D.Lgs. 231/2001) Indice PARTE GENERALE... 3 1 INTRODUZIONE... 4 1.1 DEFINIZIONI... 4 1.2 IL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA AVVISO ALLA CLIENTELA Si informa la spettabile clientela che, a seguito dell emanazione del Decreto Legge del 6 dicembre 2011, n. 201 (cd. decreto Monti ) cambiano alcune disposizioni circa l utilizzo

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003 Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Vi informiamo che l art. 7 del d.lgs.196/03 conferisce agli interessati l esercizio

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169.

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169. Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L.

GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L. GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L. Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex art. 6, 3 comma, Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche,

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli