COMUNICAZIONE PER IL GEOFLUID PIACENZA 4 OTTOBRE 2000 CONSOLIDAMENTO E RECUPERO DI CEDIMENTI DI TERRENI COESIVI MEDIANTE ELETTROSMOSI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNICAZIONE PER IL GEOFLUID PIACENZA 4 OTTOBRE 2000 CONSOLIDAMENTO E RECUPERO DI CEDIMENTI DI TERRENI COESIVI MEDIANTE ELETTROSMOSI"

Transcript

1 1 COMUNICAZIONE PER IL GEOFLUID PIACENZA 4 OTTOBRE 2000 CONSOLIDAMENTO E RECUPERO DI CEDIMENTI DI TERRENI COESIVI MEDIANTE ELETTROSMOSI CONSOLIDATION AND SUBSIDIND S RECOVERY IN COHESIVE SOILS BY ELECTROSMOSIS Dott. Geol. Pasquale Armillotta (libero professionista) Riassunto: applicando il processo elettrosmotico in terreni coesivi senza drenaggio catodico, in due campi sperimentali sono stati registrati sia il recupero parziale dei cedimenti differenziali, che la stabilizzazione delle argille attive. Introduzione Il processo elettrosmotico, scoperto e studiato fin dalla metà dell 800, consiste nell ottenere la migrazione dell acqua e dei sali sciolti in un mezzo poroso, attivandone il flusso con l applicazione di un campo elettrico continuo. Il processo elettrosmotico è stato applicato ai terreni coesivi e studiato sistematicamente per la prima volta da Casagrande nel La migrazione nei terreni coesivi riguarda l acqua libera e quella debolmente legata. Il modello qui adottato per l interpretazione dei fenomeni prevede tre tipi di acqua : acqua rigida (legata direttamente ai siti attivi e/o localizzata nell interstrato dei fillosilicati), acqua debole

2 2 (legata più debolmente alla superficie fillosilicati, suscettibile di una certa mobilità), ed acqua libera (può ancora risentire in maniera molto debole delle forze elettrostatiche). Il processo elettrosmotico avviene quando il grado di saturazione del terreno coesivo è elevato (almeno pari all 85% secondo alcuni autori), mentre l efficienza osmotica è inversamente proporzionale alla porosità ed alla concentrazione salina, e direttamente proporzionale al contenuto di argille attive. Il passaggio di corrente nel terreno coesivo consiste essenzialmente nella migrazione di ioni disciolti nel fluido interstiziale. In particolare, i cationi coordinano molecola d acqua e migrano verso il catodo [EVANGELISTA, 1995]. La diffusione dei sali agisce prevalentemente sugli elettroliti dei fluidi nei pori e quindi sull impalcatura delle particelle d argilla, mentre l elettrosmosi genera delle trasformazioni nell interstrato dei minerali argillosi attivi bloccandone la reattività [VENIALE, 1978]. La reversibilità o l irreversibilità dei processi dipende anche dal tipo di sale disciolto o immesso nel terreno. In natura, il processo avviene spontaneamente quando materiali coesivi di diversa natura ed umidità sono a contatto: si genera in tal caso una differenza di potenziale che tende a far migrare l acqua dal materiale a d.d.p. più alto a quello con d.d.p. più basso [FINZI VEDER]. La novità di quanto sotto esposto sta nell utilizzo del processo elettrosmotico in assenza di tubo catodico drenante, il che permette, a determinate condizioni, la stabilizzazione irreversibile delle argille attive e/o il definitivo recupero parziale dei cedimenti differenziali attraverso l acqua naturalmente presente nel terreno o artificialmente fornita. La metodologia dell intervento non è invasiva e permette la salvaguardia e il rispetto degli ambienti presenti.

3 3 Ambito d applicazione In geotecnica, il processo è applicato quasi esclusivamente ai terreni coesivi come argille, limi argillosi e argille limose. I risultati migliori sono stati ottenuti sui limi argillosi [LANCIERI]. Modalità d applicazione La sperimentazione qui descritta prevedeva l infissione nel terreno di elettrodi positivi ed elettrodi negativi, senza pozzi catodici drenanti, instaurando un campo elettrico continuo. Esperienze precedenti In situ, l uso finora fatto del processo elettrosmotico è stato finalizzato al consolidamento dei materiali coesivi, quindi con diminuzione di volume, mediante drenaggio dell acqua al pozzo catodico e modifica della struttura intima dei fillosilicati che, in casi estremi, arriva fino a quella granulare [VENIALE, 1978]. In laboratorio è stato osservato il comportamento dei terreni coesivi sottoposti a campo elettrico costante, sia con drenaggio con o senza aggiunta d acqua, che senza drenaggio, tutte prove, però, che permettevano l eventuale diminuzione di volume del terreno, ma ne impedivano l eventuale espansione. Condizioni ed ipotesi per l effettuazione delle due sperimentazioni Condizioni a contorno: 1. saturazione del terreno coesivo Sr > 85%; 2. esclusione dell immissione di sali nel terreno; 3. applicazione del processo non più ad un sistema chiuso come il laboratorio, ma ad un sistema aperto; 4. esclusione del drenaggio catodico, con controllo dell interazione con la falda; 5. presenza della componente attiva delle argille.

4 4 Ipotesi: 1. attesa di un aumento di volume del terreno con leggera diminuzione dei valori di alcune caratteristiche geotecniche a causa del richiamo d acqua; 2. osservazione del comportamento del terreno per la verifica dell irreversibilità del fenomeno.

5 5 Descrizione della prima sperimentazione Larghezza fondazioni: 60 cm; profondità piano delle fondazioni: 100 cm nella zona 2, e 150 cm nella zona 1; nella zona 1 era presente un forno artigianale per la cottura dei mattoni. CPT 2 SCALA 1 : 100 ZONA 2 Zona in cui si sono manifestati i cedimenti differenziali, mediante una crepa madre suborizzontale, con una famiglia di crepe secondarie perpendicolari, a circa 20 cm dal p.c., di ampiezza di circa 1.5 cm alla corda massima in prossimità del vertice della palazzina, prima dell intervento. ZONA 1 < 10 metri > < 5 metri > < 5 metri > < 6.3 metri > < 15 metri > Abitazione AGHIFOGLIE CPT 1 Terreno: argilla limosa, determinazione in sito. Prima della costruzione della palazzina non è stata svolta alcuna indagine geognostica.

6 6 Per 6-8 anni, la costruzione non ha dato nessuna evidenza (fessure) che poi all improvviso, hanno iniziato a manifestarsi lentamente e continuamente, circa 10 anni fa. Il fenomeno rallentava fino, a volte, ad arrestarsi in concomitanza dei periodi piovosi. Prima dell intervento, sono state eseguite due prove penetrometriche statiche (CPT 1 e CPT 2) che hanno dato i seguenti risultati: CPT 1: dal piano campagna fino a quasi 4 metri di profondità, il terreno presenta caratteristiche geotecniche buone, omogenee e costanti; oltre tale profondità queste scadono a valori decisamente bassi. CPT 2: dal piano campagna fino a quasi 3 metri di profondità, il terreno presenta caratteristiche geotecniche buone, ma con discrete variazioni nei valori che oltre tale profondità scadono decisamente. La falda, prima, durante e dopo l intervento, si trovava ad una profondità media di circa 5 metri dal piano campagna, in entrambi i piezometri posti nei fori prodottisi durante le prove penetrometriche. Lo stato dei materiali coesivi aderenti le aste penetrometriche hanno evidenziato la saturazione dei terreni attraversati. Gli elettrodi in alluminio sono stati posti circa un metro sotto il piano di fondazione, interessando il bulbo degli sforzi. Come da bibliografia sull argomento, il movimento della soluzione acquosa in terreni coesivi saturi (Sr > 85%) sottoposti a campo elettrico, riguarda l acqua libera e quella debolmente legata, secondo linee di flusso analoghe a quelle del campo elettrico. Non è stato registrato alcun innalzamento della falda nei piezometri. Per questa serie di motivi è del tutto improbabile che l intervento abbia causato un richiamo d acqua dalla falda, se non forse in lieve misura per quella capillare.

7 7 Disegno non in scala macrofessura Piano campagna Piano di fondazione CPT 1 CPT 2-3 metri Cu -4 metri Gli elettrodi sono stati posti per un estensione pari alla lunghezza della macrofessura, come da immagini sottostanti. Pianta Sezione Accumulo temporaneo d acqua Elettrodi negativi Elettrodi positivi Gli effetti dell elettrosmosi si sono verificati in circa cinque giorni saturando il terreno (acqua libera, debolmente legata e acqua rigidamente legata) e i reticoli cristallini dei fillosilicati attivi. Si è proceduto ad una breve inversione del campo elettrico motivata dall intenzione di eliminare la possibile presenza di zone d ombra [VENIALE, 1978] e di diminuire la resistività del terreno dovuta ad un ph neutro tra gli elettrodi [VENIALE, 1978].

8 8 Nell ambito dell inversione del campo elettrico si è applicata per breve tempo una tensione cinque volte maggiore di quella originaria non registrando alcuna diminuzione di volume del terreno. La prova di ciò risiede nel fatto che le tagliole metalliche poste dal committente all interno delle fessure non hanno manifestato alcun segno di mancanza di adesione alla muratura, rispondendo con suoni spiccatamente metallici ai colpi di martello. Dopo circa quindici giorni di osservazione l impianto è stato disattivato e su tutte le fessure è stato apposto del gesso e dei vetrini fessurimetri, per verificare il comportamento nel tempo di quanto avvenuto. Il recupero del cedimento è quantificabile pessimisticamente in non meno di un centimetro, pari al 66% del cedimento totale. Per problemi logistici, non è stato possibile eseguire delle penetrometrie statiche di controllo post intervento, cosa che invece è avvenuta per la seconda sperimentazione. A distanza di otto mesi, i fessurimetri non evidenziano alcun movimento relativo, ed il gesso, posto come imperdonabile controllore, non mostra cavillature di alcun genere. Sono riportati i grafici dell andamento delle precipitazioni registrate negli ultimi due anni e dei livelli della falda nei due piezometri durante l intervento. 180,00 160,00 140,00 120,00 100,00 80,00 60,00 40,00 20,00 0,00 mm'98 mm'99 gen mar mag lug set nov

9 9 Andamento falda dal22/12/99 al 19/02/2000 0,00 m -1,00-2,00-3,00-4,00 22/12/00 29/12/00 05/01/01 12/01/01 19/01/01 26/01/01 02/02/01 09/02/01 16/02/01 P1 (m) P2 (m) -5,00-6,00 gg. Descrizione della seconda sperimentazione Analoga situazione in un altra piccola palazzina. Qui una serie di plinti sopportanti una copertura esterna e poggianti su una trave rovescia di fondazione ha subito un cedimento differente alle due estremità, comportando la comparsa di una fessura suborizzontale cuneiforme della lunghezza di circa sei metri e con una apertura massima di circa dodici millimetri. Le prime manifestazioni sembrano essere avvenute circa sei anni fa. Qui è stato però possibile svolgere due prove penetrometriche statiche (una prima ed una dopo il trattamento), omogenee quanto a stratigrafia, ma diverse quanto a caratteristiche geotecniche. Dal piano campagna fino a circa 2.2 metri di profondità è presente del rilevato, poggiante su terreno coesivo di spessore di circa 4 metri. Sotto tale terreno sono presenti alcuni metri di sabbia. Le caratteristiche geotecniche desunte dalle prove penetrometriche statiche (Cu, OCR) hanno rivelato un lieve calo dopo il trattamento quantificabile in un 10% circa, evidente soprattutto nei diagrammi della resistenza di punta.

10 10 Le prove hanno raggiunto la profondità di metri dal piano campagna senza mai incontrare la falda. I quattro elettrodi negativi sono stati posti lungo la trave ed inclinati verso di essa fin sotto il piano di fondazione, raggiungendo la profondità di 2.6 metri, interessando il bulbo degli sforzi. I quattro elettrodi positivi sono stati posti a circa un metro di distanza dai negativi in superficie, circa 2.5 metri in profondità. Tale disposizione era funzionale alla stabilizzazione dei fillosilicati attivi e al recupero dei cedimenti differenziali, in misura via via maggiore dal vertice della fessura verso l apertura massima. L ipotizzata saturazione inferiore all 85%, ha portato al tentativo di saturare il terreno interessato al trattamento per mezzo, in un primo tempo, di piccoli canali disperdenti larghi circa 30 cm praticati fino alla profondità di circa 50 cm dal piano campagna, ed in un secondo tempo, di fori poi destinati ad accogliere gli elettrodi. Alla luce dei risultati ottenuti, il tentativo sembra aver avuto esito positivo. Gli effetti dell elettrosmosi si sono verificati in circa dieci giorni: recupero di poco più del 15% dei cedimenti differenziali totali massimi lungo tutta la trave di fondazione, interessando il terreno in posto solo per cm. L intenzione era quella di intervenire su una porzione ridotta di terreno in posto per evitare rigonfiamenti eccessivi che avrebbero creato altri tipi di problemi. Successivamente, tra i due plinti esterni poggianti sulla trave ove il cedimento è stato più rilevante, si è proceduto con l infissione di un ulteriore elettrodo negativo che ha raggiunto la profondità di 4.2 metri dal piano campagna, abbinato a quelli positivi già infissi nell intorno. Questa volta, lo spessore di terreno in posto interessato dal trattamento è stato di due metri circa. Gli effetti dell elettrosmosi si sono verificati in circa quindici giorni: recupero di poco inferiore al 10% dei cedimenti differenziali totali massimi, solo dove il cedimento differenziale ha avuto maggiore rilevanza. È stato così effettuato un intervento su misura, recuperando e stabilizzando in funzione dell entità del cedimento. Il tempo maggiore registrato per la manifestazione degli effetti del trattamento sembrano essere dovuti all inerzia posta dal terreno in prossimità degli elettrodi positivi, già interessato dall intervento precedente. Durante il secondo intervento, si è sempre provveduto all alimentazione del terreno con acqua dispersa attraverso i canali precedentemente costruiti.

11 11 L intenzione era quella di intervenire su una porzione ridotta di terreno in posto per recuperare e stabilizzare laddove il bisogno era maggiore. Triplicando la profondità d infissione, con un solo elettrodo si è ottenuto quasi il 10% del recupero dei cedimenti differenziali totali, il 50% di quelli ottenuti con quattro elettrodi distribuiti uniformemente. Anche in questo caso, si è proceduto ad una breve inversione del campo elettrico motivata dall intenzione di eliminare la possibile presenza di zone d ombra [VENIALE, 1978] e di diminuire la resistività del terreno dovuta ad un ph neutro tra gli elettrodi [VENIALE, 1978]. A conferma ulteriore di quanto descritto, è stato prelevato un campione di terreno trattato ed uno di terreno non trattato, alla profondità di 2.4 metri dal piano campagna. Sono stati entrambi sottoposti ad analisi mineralogica XRD semiquantitativa (TQ + FFnat.+gli., metodo Biscaye) con analisi chimica XRF. I campioni esaminati sono da ritenersi dal punto di vista chimico-mineralogico del tutto simili. I tracciati diffrattometrici mostrano infatti poche differenze essenzialmente riguardanti i plagioclasi e i fillosilicati, ma tutte riconducibili a differenze di orientamento preferenziale dei campioni analitici. Anche i valori dell analisi chimica sono assolutamente identici, a parte la L.O.I.. Per quest ultimo valore, infatti, nell identicità dei due campioni, si registra un incremento del campione di terreno trattato pari al 2.5% rispetto a quello non trattato di acqua totale ottenuta portando i campioni a Il tipo di analisi non ha permesso di individuare la localizzazione dei metalli alcalini ed alcalino-terrosi (cationi del fluido interstiziale o cationi assorbiti nell interstrato). A distanza di un mese dalla disattivazione dell impianto, i fessurimetri non evidenziano alcun movimento relativo.

12 12 Conclusioni Il processo è iniziato una volta superata la soglia di attivazione, ed ha avuto termine quando la conduttività elettrica ha raggiunto valori bassi e costanti (circa 200 ma). Quindi una volta raggiunto il nuovo equilibrio nel sistema terreno, il passaggio di corrente, indice del processo, tende a calare asintoticamente senza che si registrino modificazioni significative, in accordo con la sperimentazione in base alla quale si è notato che l umidità tende ad avere un valore costante tra i due elettrodi [LANCIERI]. In prossimità del polo positivo, ovviamente, c è la tendenza del terreno all essiccamento fintanto che l impianto è in funzione. È da notare che nel rispetto dell ambiente naturale, le tensioni indotte hanno avuto un valore molto basso in confronto a quelle registrate dagli autori in bibliografia, e che non c è stato bisogno di additivare il fluido interstiziale con sali. Le due sperimentazioni hanno dimostrato che il processo elettrosmotico applicato a terreni coesivi alle condizioni riportate in precedenza ha portato alla stabilizzazione delle argille attive presenti nel terreno ed al recupero definitivo di parte del cedimento differenziale in assenza di tubo catodico drenante, nel rispetto e nella salvaguardia dell ambiente. È stato anche possibile verificare che sono possibili interventi ad hoc e non solo riguardanti alcune tipologie specifiche. Il processo elettrosmotico ha probabilmente portato ad una trasformazione aggradativa dei componenti argillosi verso termini a struttura gradualmente più stabile dell interstrato dei fillosilicati, ed ha probabilmente prodotto anche una diminuzione della capacità di scambio cationico con conseguente diminuzione dei siti attivi in seguito all inserimento nell interstrato dei cationi idrati, rendendo i minerali argillosi più stabili. Tali trasformazioni non sono state rilevate in maniera evidente dalle analisi di laboratorio. Conseguenza di ciò è un progressivo distanziamento dei pacchetti molecolari che si manifesta macroscopicamente col rigonfiamento del terreno. Tali manifestazioni post trattamento sono irreversibili e stabilizzanti i fillosilicati [FRANCESCHINI]. Una serie di interventi effettuati in zone diverse della Pianura Padana ha confermato qualitativamente quanto sopra controllato nelle due sperimentazioni illustrate. Esperienze documentate avute da altri professionisti confermano che l effetto nel tempo dell intervento è da considerarsi definitivo.

13 13 Confermandosi quindi questi risultati in ulteriori prove e sperimentazioni, augurabilmente orientate a definire parametri quantitativi riferiti a diverse situazioni del terreno, si potrebbe individuare un modello su cui basare interventi di recupero e consolidamento che influenzano e modificano il comportamento dei materiali coesivi naturalmente esistenti nel terreno. Dott. Geol Pasquale Armillotta Via S.Fermo 5/A Traversetolo (PR) Loc. Bannone

14 14 BIBLIOGRAFIA Chisari S., Conte G., Cigna R. Sul trattamento elettroosmotico dei terreni argillosi Di Maio C., Fenelli G.B. Miglioramento delle proprietà meccaniche di alcune argille naturali per diffusione di sali nel fluido interstiziale Atti del XIX Convegno Nazionale di Geotecnica A.G.I., Pavia 19/21 settembre 1995, Vol. I Il miglioramento e il rinforzo dei terreni e delle rocce Evangelista A. Valutazioni teoriche e osservazioni sperimentali sui processi di trattamento dei terreni sulle modifiche indotte Atti del XIX Convegno Nazionale di Geotecnica A.G.I., Pavia 19/21 settembre 1995, Vol. II Il miglioramento e il rinforzo dei terreni e delle rocce Fava G., Sani D., Pasqualini E. Misure di permeabilità elettrosmotica in laboratorio Atti del XX Convegno Nazionale di Geotecnica A.G.I., Parma 22/25 settembre 1999 Sviluppi nell esecuzione e nell impiego delle indagini geotecniche PÀTRON Editore, Bologna Finzi D., Veder C. Stabilizzazione di una frana mediante infissione di elettrodi nel piano di scivolamento Franceschini A. Consolidamento e trasformazione irreversibile delle argille con applicazione del metodo elettrosmotico Lancieri F. Comportamento di terre argillose sotto l azione di un campo elettrico Mancini P. Stabilizzazione elettrochimica dei terreni interessati dallo scavo di una trincea autostradale Meisina C. Applicazione di un metodo di valutazione preventiva del rigonfiamento in terreni argillosi Atti del XIX Convegno Nazionale di Geotecnica A.G.I., Pavia 19/21 settembre 1995, Vol. I Il miglioramento e il rinforzo dei terreni e delle rocce Soggetti F., Veniale F. Alcuni risultati di trattamenti elettro-osmotici con catodo-anodo di alluminio su materiali argillosi Tamagnini C., Calabresi G. Esperienze sul consolidamento elettrosmotico di terreni argillosi teneri Veniale F. Consolidazione elettrosmotica e chimica Atti del Seminario su Consolidamento di terreni e rocce in posto nell ingegneria civile, Stresa, maggio 1978 Veniale F. Elettro-osmosi e consolidamento elettro-chimico di terreni argillosi, applicazioni e ricerche sperimentali S.C.P. Roma, Via Panama 12

UTILIZZO DELL ELETROSMOSI PER LA STABILIZZAZIONE DEI TERRENI COESIVI 1

UTILIZZO DELL ELETROSMOSI PER LA STABILIZZAZIONE DEI TERRENI COESIVI 1 UTILIZZO DELL ELETROSMOSI PER LA STABILIZZAZIONE DEI TERRENI COESIVI 1 Pasquale Armillotta (*) 1. Premessa Il terreno di fondazione è la parte del terreno che riceve il carico di una costruzione e ne risente

Dettagli

il GEOLOGO Utilizzo dell elettrosmosi per la stabilizzazione dei terreni coesivi Pasquale Armillotta Geologo, libero professionista articolo

il GEOLOGO Utilizzo dell elettrosmosi per la stabilizzazione dei terreni coesivi Pasquale Armillotta Geologo, libero professionista articolo Utilizzo dell elettrosmosi per la stabilizzazione dei terreni coesivi Pasquale Armillotta Geologo, libero professionista A 1. PREMESSA Il terreno di fondazione è la parte del terreno che riceve il carico

Dettagli

STABILIZZAZIONE DI TERRENI ARGILLOSI SOGGETTI A FENOMENI DI RITIRO E RIGONFIAMENTO

STABILIZZAZIONE DI TERRENI ARGILLOSI SOGGETTI A FENOMENI DI RITIRO E RIGONFIAMENTO Corso Specialistico di Formazione Professionale sul Recupero di Edifici Esistenti in Muratura Bologna, 11 marzo 2011 STABILIZZAZIONE DI TERRENI ARGILLOSI SOGGETTI A FENOMENI DI RITIRO E RIGONFIAMENTO (CON

Dettagli

ARMILLOTTA P. GEOLOGO, LIBERO PROFESSIONISTA SOCIO A.G.I.

ARMILLOTTA P. GEOLOGO, LIBERO PROFESSIONISTA SOCIO A.G.I. RECUPERO PARZIALE MEDIANE ELEROSMOSI DEI CEDIMENI DIFFERENZIALI DI COSRUZIONI ADIBIE A CIVILI ABIAZIONI CON SABILIZZAZIONE DEI LORO ERRENI DI FONDAZIONE CHE PRESENANO LA COMPONENE ARGILLOSA AIVA. ARMILLOA

Dettagli

APPLICAZIONE DELL ELETTROSMOSI PER LA REIDRATAZIONE DI TERRENI COESIVI FONDALI: REALIZZAZIONE DI BUSSETO, PROVINCIA DI PARMA.

APPLICAZIONE DELL ELETTROSMOSI PER LA REIDRATAZIONE DI TERRENI COESIVI FONDALI: REALIZZAZIONE DI BUSSETO, PROVINCIA DI PARMA. APPLICAZIONE DELL ELETTROSMOSI PER LA REIDRATAZIONE DI TERRENI COESIVI FONDALI: REALIZZAZIONE DI BUSSETO, PROVINCIA DI PARMA. Autore: Pasquale Armillotta Geologo libero professionista regolarmente iscritto

Dettagli

Principali tipologie di terreno

Principali tipologie di terreno Principali tipologie di terreno Terreni derivati da rocce sedimentarie (NON COESIVI): Sabbie Ghiaie Terreni derivati da rocce scistose (COESIVI): Argille Limi Terreni di derivazione organica: Torbe Terreno

Dettagli

Le misure piezometriche in sito

Le misure piezometriche in sito 1 Le misure piezometriche in sito Raccomandazioni AGI (1977): Finalità Profilo stratigrafico Proprietà fisico-meccaniche Misura pressione neutra Permeabilità Verifica impiego analisi e tecnologie Mezzi

Dettagli

UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI

UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI Corso di Geotecnica II Anno Accademico 2003-2004 ALTERNATIVE PROGETTUALI Nella progettazione o nella verifica di un opera (fondazione, rilevato,

Dettagli

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI ACQUISTO LIBRO Fondazioni superficiali, profonde e speciali

OGGETTO: RICHIESTA DI ACQUISTO LIBRO Fondazioni superficiali, profonde e speciali Spett.le Studio GEO CANTIERI del Dr. Geol. Gian Pietro Frare Via Francesco Bomben 8/A 31100 - Treviso (TV) Fax 0422-30 25 67 e-mail: info@geologofrare.it OGGETTO: RICHIESTA DI ACQUISTO LIBRO Fondazioni

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO PER LA MIGLIOR GESTIONE IRRIGUA INDICE

PROGETTO ESECUTIVO PER LA MIGLIOR GESTIONE IRRIGUA INDICE Via Turazza 48, 35128 Padova. Tel./Fax 049 774197. E-mail: albmazzu@libero.it PROGETTO ESECUTIVO PER LA MIGLIOR GESTIONE IRRIGUA INDICE 1 PREMESSA... 2 2 CANALE ALTIPIANO... 2 2.1 TRATTA 1... 2 2.2 TRATTA

Dettagli

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali...

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali... 1 Relazione Generale sull Intervento... Determinazione dei parametri geotecnici... 3 Normativa di riferimento...3 4 Relazione sui materiali...3 5 Verifiche statiche...4 5.1 Formule di calcolo delle azioni...4

Dettagli

COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it

COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it 1. INTRODUZIONE Pur considerato che le conoscenze teoriche, sperimentali e tecnologiche hanno

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 L ORGANISMO STRUTTURALE ED I CRITERI DI PROGETTO...2 4 LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE...3 4.1 Inquadramento geologico...3

Dettagli

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Tecnologie di Chimica Applicata LA CORROSIONE Nei terreni

Dettagli

Betoncino armato in presenza di murature soggette a umidità

Betoncino armato in presenza di murature soggette a umidità Betoncino armato in presenza di murature soggette a umidità In riferimento agli interventi di miglioramento statico delle murature esistenti, mediante rinforzo strutturale con betoncino armato, spesso

Dettagli

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO R. Pucinotti, C. Siciliano Dipartimento di Meccanica e Materiali Facoltà di Ingegneria -Università degli Studi Mediterranea di

Dettagli

Lezione 6 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it

Lezione 6 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it Lezione 6 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it - Lezione 6 A. Indagine Geotecnica: considerazioni generali B. Indagini in sito: Perforazioni di sondaggio e prelievo

Dettagli

Geotecnica e Laboratorio

Geotecnica e Laboratorio Corso di Laurea a ciclo Unico in Ingegneria Edile Architettura Geotecnica e Laboratorio Distribuzione delle tensioni nel terreno per effetto di carichi in superficie Cedimenti e mail: Prof. Ing. Marco

Dettagli

Figura 1 Planimetria schematica con indicazione della ubicazione dei sondaggi e delle prove CPT

Figura 1 Planimetria schematica con indicazione della ubicazione dei sondaggi e delle prove CPT ESERCITAZIONE n. 1 Ai fini della caratterizzazione e modellazione geologica e geotecnica di un sito che sarà interessato dalla realizzazione di un edificio, con quattro piani fuori terra, da adibire a

Dettagli

Ing. Enzo LA MURA Via Ing. G. Messina n. 6-84012 Angri (SA) E-mail: enzolamura@libero.it

Ing. Enzo LA MURA Via Ing. G. Messina n. 6-84012 Angri (SA) E-mail: enzolamura@libero.it 1. PREMESSA Nelle operazioni di recupero e di manutenzione straordinaria capita sempre più spesso che un edificio abbia problemi di fondazioni tali da rendere necessario un loro consolidamento. Negli ultimi

Dettagli

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi SICUREZZA e FUNZIONALITÀ delle strutture in elevazione (edificio in c.a., rilevato, etc.) sono garantite anche da alcuni requisiti che il SISTEMA FONDALE deve rispettare. In particolare il carico trasmesso

Dettagli

Committente: Comune di Flero. Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine

Committente: Comune di Flero. Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine Committente: Comune di Flero Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine ------------------------------------------------------------------

Dettagli

'' ). INDICE. Parte I. Introduzione

'' ). INDICE. Parte I. Introduzione INDICE Parte I. Introduzione l l. Requisiti generali di progetto delle fondazioni 3 LI. Premessa 3 1.2. Requisiti di progetto 5 1.3. Normative e raccomandazioni 9 2. Richiami di Meccanica dei Terreni l3

Dettagli

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009)

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009) Dott. Geol. Gianluca Bianchi Fasani, Dottore di ricerca Via Mocenigo n 32, 00192 Roma e-mail: gianluca.bianchifasani@uniroma1.it Tel. 06/39744398 - Cell. 347/5226276 P.Iva 06 250 121 008 C.F. BNCGLC71L13L009P

Dettagli

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il trasporto a superficie libera presenta, rispetto a quello in pressione, il vantaggio che l acqua è ovunque a pressione molto bassa. È possibile quindi impiegare

Dettagli

PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta.

PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta. PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta. CEDIMENTI NELLE FONDAZIONI? Crepe e fessurazioni sui muri

Dettagli

www.kappazeta.it IN OGNI PUNTO LA RESINA IDEALE.

www.kappazeta.it IN OGNI PUNTO LA RESINA IDEALE. IN OGNI PUNTO LA RESINA IDEALE. CREPE E CEDIMENTI NELLE FONDAZIONI? DA KAPPAZETA MATERIALI E TECNICHE AVANZATE PER LE VOSTRE ESIGENZE DI CONSOLIDAMENTO COME SI OTTIENE IL MIGLIOR CONSOLIDAMENTO Crepe e

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI - si sfrutta una proprietà chimico-fisica o fisica che varia nel corso della titolazione - tale proprietà è in genere proporzionale

Dettagli

Mitigazione del rischio frana

Mitigazione del rischio frana Mitigazione del rischio frana Interventi sul versante. Il percorso del progetto Relazione geologica Analisi e descrizione del fenomeno di instabilità Studio delle cause e del meccanismo franoso Relazione

Dettagli

PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta.

PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta. PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta. CEDIMENTI NELLE FONDAZIONI? Crepe e fessurazioni sui muri

Dettagli

CAUSE DELL UMIDITÀ. Molteplici cause possono determinare fenomeni di umidità nelle murature, le più comuni sono:

CAUSE DELL UMIDITÀ. Molteplici cause possono determinare fenomeni di umidità nelle murature, le più comuni sono: CAUSE DELL UMIDITÀ Molteplici cause possono determinare fenomeni di umidità nelle murature, le più comuni sono: 1. Umidità derivante dal sottosuolo: Direttamente collegata ai fenomeni di risalita capillare

Dettagli

Affidabilità del modello di Winkler

Affidabilità del modello di Winkler COMASTRI imp 14-09-2004 11:00 Pagina 50 Dal punto di vista fisico il mezzo alla Winkler può essere assimilato a un letto di molle elastiche mutuamente indipendenti, o meglio a un liquido di peso specifico

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

GEO CONTEST s.a.s. Dott. Geol. Massimo Castellaro

GEO CONTEST s.a.s. Dott. Geol. Massimo Castellaro PROVA PENETROMETRICA STATICA PREMESSA La prova penetrometrica statica C.P.T. (Cone Penetration Test) viene realizzata infiggendo nel terreno, dalla superficie, alla velocità standardizzata di 0 mm/sec,

Dettagli

UTILIZZO DEL PROCESSO ELETTROSMOTICO A BASSE TENSIONI PER IL RECUPERO DEI CEDIMENTI DEGLI EDIFICI IN TERRENI COESIVI

UTILIZZO DEL PROCESSO ELETTROSMOTICO A BASSE TENSIONI PER IL RECUPERO DEI CEDIMENTI DEGLI EDIFICI IN TERRENI COESIVI UTILIZZO DEL PROCESSO ELETTROSMOTICO A BASSE TENSIONI PER IL RECUPERO DEI CEDIMENTI DEGLI EDIFICI IN TERRENI COESIVI Pasquale Armillotta 1 e Giuseppe Mandrone 2 USE OF LOW TENSION ELECTROOSMOTHIC TECHNIQUES

Dettagli

COMMITTENTE: Regione Veneto Azienda ULSS 18 - Rovigo RELAZIONE GEOLOGICA

COMMITTENTE: Regione Veneto Azienda ULSS 18 - Rovigo RELAZIONE GEOLOGICA COMMITTENTE: Regione Veneto Azienda ULSS 18 - Rovigo RELAZIONE GEOLOGICA INDICE 1. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... pag. 3 2. PREMESSA... " 4 3. INDAGINI GEOGNOSTICHE... " 5 4. GEOLOGIA E STRATIGRAFIA... "

Dettagli

(riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE PROFILO STRATIGRAFICO PROPRIETÀ MECCANICHE

(riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE PROFILO STRATIGRAFICO PROPRIETÀ MECCANICHE (riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE FINALITÀ MEZZI PROFILO STRATIGRAFICO POZZI TRINCEE CUNICOLI SONDAGGI DIRETTI INDIRETTI INDAGINI GEOFISICHE

Dettagli

www.kappazeta.it PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI.

www.kappazeta.it PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. www.kappazeta.it PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. CREPE E CEDIMENTI NELLE FONDAZIONI? DA KAPPAZETA MATERIALI E TECNICHE AVANZATE PER LE VOSTRE ESIGENZE DI CONSOLIDAMENTO COME SI OTTIENE IL MIGLIOR

Dettagli

IN OGNI PUNTO LA RESINA IDEALE. COSì OTTENIAMO UN MIGLIOR CONSOLIDAMENTO. Una nostra invenzione.

IN OGNI PUNTO LA RESINA IDEALE. COSì OTTENIAMO UN MIGLIOR CONSOLIDAMENTO. Una nostra invenzione. IN OGNI PUNTO LA RESINA IDEALE. COSì OTTENIAMO UN MIGLIOR CONSOLIDAMENTO. Una nostra invenzione. IL NOSTRO SERVIZIO: MATERIALI E TECNICHE AVANZATe PER LE VOSTRE ESIGENZE DI CONSOLIDAMENTO Le crepe sono

Dettagli

Corso di Geologia Applicata

Corso di Geologia Applicata Scienze e Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Geologia Applicata Dott. Maria Chiara Turrini Ripartizione degli sforzi fra fase solida e fase liquida Poiché il terreno è un sistema multifase, il carico

Dettagli

STRUMENTAZIONE GEOTECNICA DI MONITORAGGIO. ovvero Strumentazione geotecnica tradizionale utilizzata per il monitoraggio dei movimenti franosi

STRUMENTAZIONE GEOTECNICA DI MONITORAGGIO. ovvero Strumentazione geotecnica tradizionale utilizzata per il monitoraggio dei movimenti franosi 5 maggio 2005 - Corso di Laboratorio Monitoraggio Frane STRUMENTAZIONE GEOTECNICA DI MONITORAGGIO ovvero Strumentazione geotecnica tradizionale utilizzata per il monitoraggio dei movimenti franosi FINALITA

Dettagli

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING...

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING... DIMENSIONAMENTO DI UN INTERVENTO DI DEWATERING CON RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ A cura di Giovanni Formentin, Loris Colombo, Vincenzo Francani Giovanni.Formenti@tethys-geco.it, Loris.colombo@polimi.it,

Dettagli

RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI

RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI REALIZZAZIONE DI UN BOCCIODROMO RELAZIONE GEOTECNICA RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI Sommario GENERALITÀ... 3 1 DESCRIZIONE DELL AREA... 4 2 DESCRIZIONE DELL OPERA E

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue 1 Pali di fondazione Si possono avere: a) pali in legno: oggi quasi totalmente abbandonati e impiegati solo per modeste costruzioni che trasmettono carichi limitati, per lo più in zone con abbondante legname,

Dettagli

' ) -.. 'v 1 c("t, _ (. Carlo Viggiani FONDAZIONI nuova edizione. ) r H E V E L I U S ED IZIONI

' ) -.. 'v 1 c(t, _ (. Carlo Viggiani FONDAZIONI nuova edizione. ) r H E V E L I U S ED IZIONI ' ) -.. Carlo Viggiani FONDAZIONI nuova edizione 'v 1 c("t, _ (. ) r H E V E L I U S ED IZIONI Indice 1. Requisiti generali di progetto l.l. Premessa l.2. Requisiti di progello l.3. Normative e raccomandazioni

Dettagli

COMUNE DI MENTANA ROMA

COMUNE DI MENTANA ROMA COMUNE DI MENTANA ROMA di Abballe Laboratorio autorizzato dal Ministero Infrastrutture e Trasporti DPR 380/01 Art. 59 Circolare 7619/STC del 08/09/2010 Concessione per l'esecuzione e certificazione di

Dettagli

4$5 (2% 1 (...* (.. ("2 2 (.." "")" ' 3 3.%.&( % ( (2%%.""".("2 % +.* %# ) <% "" " 3 3"". 0 %' 3'=..(' >6 6%4(5 ) <3 3"".

4$5 (2% 1 (...* (.. (2 2 (.. ) ' 3 3.%.&( % ( (2%%..(2 % +.* %# ) <%   3 3. 0 %' 3'=..(' >6 6%4(5 ) <3 3. 1 Premessa... 3 1.1 Normativa di riferimento... 5 2 Inquadramento dell area... 6 3 Inquadramento geologico e geomorfologico regionale... 8 4 Indagini geotecniche in situ... 17 4.1 Modalità d indagini...

Dettagli

Comune di SELARGIUS. Provincia di CAGLIARI. Relazione geotecnica

Comune di SELARGIUS. Provincia di CAGLIARI. Relazione geotecnica Comune di SELARGIUS Provincia di CAGLIARI Relazione geotecnica OGGETTO: OPERE DI INFRASTRUTTURAZIONE RURALE. LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE RURALI BIA E MESU E SESTU SETTIMO COMMITTENTE: Comune

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DEI TERRENI SOTTO AZIONI DINAMICHE CON PROVE IN SITO E DI LABORATORIO

CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DEI TERRENI SOTTO AZIONI DINAMICHE CON PROVE IN SITO E DI LABORATORIO < CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DEI TERRENI SOTTO AZIONI DINAMICHE CON PROVE IN SITO E DI LABORATORIO #$$! "! " %&'()**) +,-./ ?@1 3>?@1 012 34561 75 ;33849: Dinamica dei Terreni Studia il comportamento

Dettagli

www.raccoltaacquapiovana.it

www.raccoltaacquapiovana.it DRENAGGIO IL DRENAGGIO Drenaggio è un termine tecnico derivato dal verbo inglese to drain prosciugare. Il drenaggio sottosuperficiale o drenaggio, in idraulica agraria, è il complesso dei sistemi naturali

Dettagli

KAPPAZETA AKTIV CONSOLIDAMENTO FONDAZIONI

KAPPAZETA AKTIV CONSOLIDAMENTO FONDAZIONI 2013 Consolidamento fondazioni di un edificio di culto sito nel Comune di ROCCABIANCA (PR). KAPPAZETA S.P.A. ha consolidato e stabilizzato con la collaborazione dell Impresa Bolsi le fondazioni della Chiesa

Dettagli

Tubi di Drenaggio. con flangiatura elicoidale continua sull intera lunghezza.

Tubi di Drenaggio. con flangiatura elicoidale continua sull intera lunghezza. Tubi di Drenaggio DRENAGGIO dei TERRENI L adozione dei tubi Spirodrain è la miglior soluzione per risolvere qualsiasi problema di drenaggio dei terreni e di raccolta delle acque sotterranee. I tubi Spirodrain

Dettagli

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO Ing. Alessandra Nocilla 1 INTRODUZIONE SCOPO DELLE INDAGINI GEOTECNICHE 1) Gli ingegneri geotecnici non possono scegliere i materiali sui quali sono chiamati a costruire.

Dettagli

Laboratorio di Fisica Terrestre e dell Ambiente Proprietà elettriche di suoli e rocce - Conducibilità -

Laboratorio di Fisica Terrestre e dell Ambiente Proprietà elettriche di suoli e rocce - Conducibilità - Laboratorio di Fisica Terrestre e dell Ambiente Proprietà elettriche di suoli e rocce - Conducibilità - Anno Accademico 2009/2010 Docente:Elena Pettinelli 1 Proprietà elettriche di suoli e rocce anidre

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

Macrorinforzo delle pavimentazioni flessibili con GEOSINTETICI

Macrorinforzo delle pavimentazioni flessibili con GEOSINTETICI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria DCT ICAR/04 STRADE, FERROVIE, AEROPORTI Macrorinforzo delle pavimentazioni flessibili con GEOSINTETICI Ing. Nicola Baldo e-mail: nicola.baldo@unipd.it

Dettagli

3.4 Fase 4: Monitoraggio del sistema

3.4 Fase 4: Monitoraggio del sistema 3.4 Fase 4: Monitoraggio del sistema Durante l esecuzione della prova sono stati monitorati, con frequenza di 48 ore effettuato dal Dott. Fabio Brogna, dal Dott. Enrico Guastaldi, dal Dott. Giovanni Liali,

Dettagli

Prevenzione della Corrosione

Prevenzione della Corrosione DL MK1 BANCO DI LAVORO PER LA PROTEZIONE CATODICA La Protezione Catodica è una tecnica di controllo della corrosione di una superficie metallica facendola funzionare come il catodo di una cella elettrochimica.

Dettagli

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 2 3 SISMICITA DELL AREA... 3 4 LE INDAGINI GEOGNOSTICHE... 3 5 ASPETTI IDROGEOLOGICI GENERALI... 5 6 ASPETTI GEOTECNICI DEL PROGETTO LE STRUTTURE FONDALI...

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI INDICE 1. INTRODUZIONE pag. 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI pag. 2 3. STRUTTURA GEOLOGICA DEL SITO pag. 2 4. PROGETTO DELLE INDAGINI GEOGNOSTICHE pag. 3 5. RISULTATI PROVE DI LABORATORIO / IN SITO pag. 4 6.

Dettagli

Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche. Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche

Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche. Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Brescia, Brescia, 28 28 Marzo Marzo 2009 2009 Dott. Ing. A. Sanzeni alex.sanzeni@ing.unibs.it

Dettagli

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni LABORATORIO DI COSTRUZIONI DELL ARCHITETTURA II MODULO DI GEOTECNICA E FONDAZIONI Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Dipartimento di Ingegneria Strutturale

Dettagli

INDICE. Premessa, XII

INDICE. Premessa, XII INDICE Premessa, XII 1. Prestazioni dei materiali e progetto, 3 1.1 Comportamento meccanico, 6 1.2 Azione dell ambiente, 6 1.3 Vita di servizio e durabilità, 11 1.4 Prevenzione del degrado, 16 1.5 Restauro,

Dettagli

Relazione geologica - ALLEGATO Stratigrafie di sondaggio e diagrammi prove penetrometriche

Relazione geologica - ALLEGATO Stratigrafie di sondaggio e diagrammi prove penetrometriche Comune di Villa Estense PAT Provincia di Padova Elaborato: c 050 Scala: :0.000 Relazione geologica - ALLEGATO Stratigrafie di sondaggio e diagrammi prove penetrometriche Ospedaletto Euganeo Este Este Monselice

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

Si può fare riferimento al modulo di reazione K r dato dal rapporto tra pressione e cedimento corrispondente: K r = p/s (kn/m 3 ) (7.

Si può fare riferimento al modulo di reazione K r dato dal rapporto tra pressione e cedimento corrispondente: K r = p/s (kn/m 3 ) (7. 124 7 Indagini e prove in situ 88-08-07273-8 contrasto manometro martinetto idraulico micrometro piastre sostegno del micrometro FIGURA 7.19 pressione unitaria a) cedimento il controllo della deformabilità

Dettagli

G.B. RICAMBI S.p.A. Consolidamento pavimento per magazzino automatizzato NUOVA SEDE G.B. Logistic. Nonantola (MO)

G.B. RICAMBI S.p.A. Consolidamento pavimento per magazzino automatizzato NUOVA SEDE G.B. Logistic. Nonantola (MO) G.B. RICAMBI S.p.A. Consolidamento pavimento per magazzino automatizzato NUOVA SEDE G.B. Logistic. Nonantola (MO) IMPRESA Scianti S.n.c. Modena Superficie coperta mq 8.000 Struttura prefabbricata di grande

Dettagli

Le opere di sostegno dei fronti di scavo

Le opere di sostegno dei fronti di scavo a cura dello Studio Associato Pilati Le opere di sostegno dei fronti di scavo Inauguriamo una collaborazione editoriale con lo Studio Associato Pilati di Costabissara (Vi). Al centro degli interventi,

Dettagli

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII F. Aloi Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Università degli Studi di Napoli Federico II ferdinando.aloi@unina.it

Dettagli

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784 05 04 03 02 01 08.11.2010 VARIANTE 1 00 14.03.2009 Prima emissione Rev. DATA: Motivo Il Direttore dei Lavori Piano di Lottizzazione UTOE Pontedera Est Comparto 12 OPERE DI URBANIZZAZIONE PONTEDERA PI Loc.tà

Dettagli

ESERCIZI RISOLTI DI INGEGNERIA GEOTECNICA E GEOLOGIA APPLICATA

ESERCIZI RISOLTI DI INGEGNERIA GEOTECNICA E GEOLOGIA APPLICATA P E R L A P R O G E T T A Z I O N E ESERCIZI RISOLTI DI INGEGNERIA GEOTECNICA E GEOLOGIA APPLICATA Tensioni nel sottosuolo, capacità portante e cedimenti delle fondazioni, geofisica ed idrologia. Concetti

Dettagli

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti FONDAZIONI SU PALI Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti Si ricorre a fondazioni su pali quando:

Dettagli

Dott. Geologo PAOLA LAFRANCONI

Dott. Geologo PAOLA LAFRANCONI Dott. Geologo PAOLA LAFRANCONI Geologia Applicata, Geotecnica, Idrogeologia,Geologia Ambientale, Pianificazione Territoriale S.ta Bosisolo 35; 23848 Oggiono (LC) - tel 0341-577046 fax 0341/578066 tel.

Dettagli

CREPE NEI MURI? CON SYSTAB ELIMINO IL PROBLEMA ALLA BASE CONSOLIDANDO TERRENO E FONDAZIONE.

CREPE NEI MURI? CON SYSTAB ELIMINO IL PROBLEMA ALLA BASE CONSOLIDANDO TERRENO E FONDAZIONE. www.systab.it CREPE NEI MURI? CON SYSTAB ELIMINO IL PROBLEMA ALLA BASE CONSOLIDANDO TERRENO E FONDAZIONE. Le crepe nei muri sono un sintomo da non trascurare, spesso legato ad un cedimento del terreno

Dettagli

ANALISI PROVE STATICHE CON PENETROMETRO MECCANICO [CPT] Committente: dott. Bassi Localita': San Bassano. Data: 16/03/2009

ANALISI PROVE STATICHE CON PENETROMETRO MECCANICO [CPT] Committente: dott. Bassi Localita': San Bassano. Data: 16/03/2009 ANALISI PROVE STATICHE CON PENETROMETRO MECCANICO [CPT] Committente: dott. Bassi Localita': San Bassano Data: 16/03/2009 Passo delle misure = 20,00 cm. Profondità della falda = 1,3 m. PROVA PENETROMETRICA

Dettagli

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera FONDAZIONI ETEROGENEE 1.04 Edificio uso magazzino costituito da un mantello cilindrico periferico in calcestruzzo armato precompresso e da un silo centrale. Fondazioni del mantello mediante pali e con

Dettagli

ACQUARIO DI ROMA ROMA EUR, Via Cristoforo Colombo Mare Nostrum s.r.l. INDICE. 1) L OPERA. pag. 2. 2) LA TECNICA DI COSTRUZIONE. pag.

ACQUARIO DI ROMA ROMA EUR, Via Cristoforo Colombo Mare Nostrum s.r.l. INDICE. 1) L OPERA. pag. 2. 2) LA TECNICA DI COSTRUZIONE. pag. INDICE 1) L OPERA. pag. 2 2) LA TECNICA DI COSTRUZIONE. pag. 3 3) LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE.. pag. 5 4) LE INDAGINI GEOGNOSTICHE... pag. 7 5) IL PROFILO STRATIGRAFICO. pag. 8 6) LA FALDA... pag. 14

Dettagli

PALI TRIVELLATI CLASSICI 15

PALI TRIVELLATI CLASSICI 15 QUADERNO I Sistemi di fondazione PALI E MICROPALI Scheda N : PALI TRIVELLATI CLASSICI 15 1 Pali trivellati semplici La trivellazione è eseguita senza tubazione di sostegno delle pareti o con tubazione

Dettagli

Patologia e diagnostica edilizia Relazione Caso Individuale: Efflorescenze sui setti controterra

Patologia e diagnostica edilizia Relazione Caso Individuale: Efflorescenze sui setti controterra Patologia e diagnostica edilizia Relazione Caso Individuale: Efflorescenzee sui setti controterra FARINA Gianluigi matr.. 776801 Sommario INTRODUZIONE... 3 ANALISI DELLA PATOLOGIA... 4 SOLUZIONI PROPOSTE...

Dettagli

Geotecnica profonda. Geotecnica superficiale. Attività speciali

Geotecnica profonda. Geotecnica superficiale. Attività speciali Geotecnica profonda Geotecnica superficiale Attività speciali RCT srl - via Primo Maggio 6 bis Peschiera Borromeo (MI) Tel 02-9542001 1 Pedemontana Lombarda 2 Nell ambito della costruzione dell autostrada

Dettagli

DISSESTI STATICI DI PARETI IN MURATURA

DISSESTI STATICI DI PARETI IN MURATURA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INGEGNERIA CIVILE PER LA PROTEZIONE DAI RISCHI NATURALI DISSESTI STATICI DI PARETI IN MURATURA SOGGETTE A CEDIMENTO FONDALE Anno Accademico 014/015 Bibliografia di riferimento

Dettagli

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino)

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) Il flusso di calore geotermico Il flusso di calore nel terreno, nella parte più superficiale della crosta terrestre corrispondenti

Dettagli

GEOLOGIA APPLICATA E INGEGNERIA GEOTECNICA

GEOLOGIA APPLICATA E INGEGNERIA GEOTECNICA Giulio Riga GEOLOGIA APPLICATA E INGEGNERIA GEOTECNICA ESERCIZI SVOLTI GIULIO RIGA GEOLOGIA APPLICATA E INGEGNERIA GEOTECNICA ISBN 978-88-579-0019-3 2010 by Dario Flaccovio Editore s.r.l. - tel. 0916700686

Dettagli

Caratteristiche fisiche delle terre

Caratteristiche fisiche delle terre 1 Caratteristiche fisiche delle terre Peso volumico reale Il peso volumico reale di una terra è il rapporto tra il peso dei suoi granuli non considerando i vuoti dei pori, e il peso di un uguale volume

Dettagli

Interventi di tipo strutturale per la stabilizzazione dei pendii

Interventi di tipo strutturale per la stabilizzazione dei pendii Ciclo di Seminari Ricerca, Alta Formazione e Mitigazione del Rischio Idrogeologico in Calabria Interventi di tipo strutturale per la stabilizzazione dei pendii Prof. Ing. Enrico Conte La principale finalità

Dettagli

Prof. Stefano Lonati 23/09/2013. Tipologie. Prof. Stefano Lonati. Prof. Stefano Lonati LE FONDAZIONI

Prof. Stefano Lonati 23/09/2013. Tipologie. Prof. Stefano Lonati. Prof. Stefano Lonati LE FONDAZIONI 23/09/2013 Tipologie LE FONDAZIONI? 1 23/09/2013 FUNZIONE DELLE FONDAZIONI Le strutture portanti di fondazione costituiscono l elemento di trasmissione al terreno dei carichi agenti sull edificio. Il sedime

Dettagli

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 D. Lgs. 81/2008: Art. 100 Piano di Sicurezza e Coordinamento comma 1: il Piano di Sicurezza e Coordinamento è corredato..da una tavola tecnica

Dettagli

C1 2 C2 C3 S2 1 5 CPT1 9 S1 3 C4 8 CPT2 6 4 7 PIANTA DI RIFERIMENTO INDAGINI 1) Basilica 2) Edificio del Palladio 3) Edificio di A. Selva 4) Edificio di epoche diverse 5) Edificio di epoche diverse 6)

Dettagli

Principali parti di un fabbricato

Principali parti di un fabbricato Principali parti di un fabbricato Un fabbricato industriale risulta essenzialmente costituito dalle seguenti parti: Fondazioni (del fabbricato e dei macchinari) Struttura portante; Copertura e pareti (complete

Dettagli

Capitolo 1 ( Cenni di chimica/fisica di base ) Pressione

Capitolo 1 ( Cenni di chimica/fisica di base ) Pressione PRESSIONE: La pressione è una grandezza fisica, definita come il rapporto tra la forza agente ortogonalmente 1 su una superficie e la superficie stessa. Il suo opposto (una pressione con verso opposto)

Dettagli

RELAZIONE GEOTECNICA

RELAZIONE GEOTECNICA RELAZIONE GEOTECNICA GENERALITA La presente relazione ha come oggetto l analisi delle caratteristiche stratigrafiche e la determinazione dei parametrici geotecnici relativamente alle opere di allargamento

Dettagli

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro)

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro) 1. Lo stato solido Lo stato solido è uno stato condensato della materia; le particelle (che possono essere presenti come atomi, ioni o molecole) occupano posizioni fisse e la loro libertà di movimento

Dettagli

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48.

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48. Indice Indice Indice Premessa 11 1 Le acque sotterranee 13 1.1 Principali caratteristiche delle acque sotterranee 13 1.2 La circolazione idrica nelle terre sciolte 14 1.2.1 Gli acquiferi 14 1.2.2 Classificazione

Dettagli

Trattamenti delle acque primarie

Trattamenti delle acque primarie Trattamenti Impianti Meccanici 1 ELIMINAZIONE DELL ANIDRIDE CARBONICA ELIMINAZIONE DELL OSSIGENO AEREAZIONE DELL ACQUA DEFERRITIZZAZIONE DEMANGANIZZAZIONE ADDOLCIMENTO Impianti Meccanici 2 1 Trattamenti

Dettagli

Quadri fessurativi in situazioni particolari

Quadri fessurativi in situazioni particolari Seminario di Aggiornamento Professionale DIAGNOSI E MONITORAGGIO DEI DISSESTI DEGLI EDIFICI Matera 3 ottobre 2009 Quadri fessurativi in situazioni particolari Prof. Ing. Geol. Vincenzo Simeone Professore

Dettagli

Prova Penetrometrica con Piezocono CPTU, SCPTU

Prova Penetrometrica con Piezocono CPTU, SCPTU Programmazione delle indagini geotecniche come elemento della progettazione di nuove opere e per il consolidamento di quelle esistenti Forum della tecnica delle Costruzioni Fiera Milano, Rho, 5 Ottobre

Dettagli

2. REDAZIONE DI RELAZIONE TECNICA E GEOLOGICA FINALE

2. REDAZIONE DI RELAZIONE TECNICA E GEOLOGICA FINALE PREMESSA Con la presente si espone il programma dettagliato delle indagini geognostiche necessarie per la redazione della Relazione geologica e della relazione geotecnica relative agli interventi di Riqualificazione

Dettagli