Rassegna Stampa. Lunedì 15 Dicembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Stampa. Lunedì 15 Dicembre 2014"

Transcript

1 Rassegna Stampa Lunedì 15 Dicembre 2014

2 Sommario Testata Data Pag. Titolo p. 1. Fondi pensione Sole 24 Ore (Il) 21 Previdenza - Casse vincolate ai diritti acquisiti (De Cesari Maria Carla) Sole 24 Ore (Il) 22 Liquidazioni - Coefficiente di rivalutazione per il Tfr a quota 1,375 (Bianchi Nevio;Perrone Pierpaol) Sole 24 Ore (Il) 24 Cassazione e pensioni - Dovere di solidarietà e diritti acquisiti Italia Oggi 30 La crisi non abita in casa degli agrotecnici 5 Italia Oggi 30 Le pensioni sono intoccabili (Cerioli Daniele) 6 PLUS 24 - supp. Il Sole 24 Ore 2. Previdenza 1 Mencattibi (Generali): «Valore Futuro, raccolto un miliardo nel 2014» (Pezzatti Federica) Sole 24 Ore (Il) 15/12/ Salve le collaborazioni ai pensionati (Monea Pasquale) Sole 24 Ore (Il) 14/12/ Pensioni, rivalutazioni con taglio (Prioschi Matteo;Venanzi Fabio) Sole 24 Ore (Il) 5 Tiziano Treu (Commissario straordinario Inps): «Gli 80 euro? L'anno prossimo anche ai pensionati» (Minoli Giovanni) Sole 24 Ore (Il) 24 Il «bonus asilo» per le neomamme - Se il voucher raddoppia ma l'importo è incerto Sole 24 Ore (Il) 22 Welfare - Domande entro fine anno per il voucher asili nido (Prioschi Matteo) Sole 24 Ore (Il) 5 Verso il decreto - Jobs Act, tra i nodi l'indennizzo minimo (Tucci Claudio;Colombo Davide) Sole 24 Ore.it (Il) 1 «Gli 80 euro? L'anno prossimo anche ai pensionati» Sole 24 Ore.it (Il) 1 Aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il Tfr

3 Estratto da pag. 21 CASSA DOTTORI COMMERCIALISTI La Cassazione «raddoppia» Maria Carla De Cesari» pagina 23 Maria Carla De Cesari» pagina 23 Previdenza. La Cassazione, per la seconda volta in due giorni, nega il contributo di solidarietà su pensioni in essere Welfare. L'importo mensile cresce fino a 600 euro LAVORO Casse vincolate ai diritti acquisiti II taglio dell'assegno non può passare da un atto amministrativo Maria Carla De Cesari vi diritti acquisiti non si toccano ; le Casse private non possono imporre un contributo di solidarietà, che taglia le pensioni, con un atto amministrativo che non ha forza di legge. Così la Cassazione con le sentenze 26102/14 (si veda «II Sole 24 Ore» di ieri») e 26229/14, depositata ieri. «C'è un cartello di soggetti premiatissimi, per i quali i diritti acquisiti non si toccano a nessun costo, ma il giorno in cui finiraranno i soldi finiranno i diritti acquisiti», commenta Renzo Guffanti, presidente della Cassa dottori commercialisti, che ha introdotto il contributo di solidarietà per il periodo 2008/2013. Per Guffanti il contributo di solidarietà, al di là del gettito, è un intervento volto a assicurare equità intergenerazionale: «coloro che prendono la pensione, magari da molti anni, devono in qualche modo contribuire rispetto a quanti, con il sistema contributivo, verseranno molti più contributi e avranno pensioni molto piùbasse», sottolinea il presidente di Cassa dottori. Il contributo di solidarietà afferma Guffanti - è stato disciplinato dopo le modifiche all'articolo 3, comma 12 della legge 335/1995> cne consente alle Casse di adottare «tutti i provvedimenti necessari all'equilibrio del bilancio, tenuto conto anche del principio del pro rata. Quest'ultimo non vincola in maniera rigida le Casse, ma i criteri di equità tra le generazioni costituiscono un fondamento dell'azione degli enti privati. Il fine è quello di preservare l'equilibrio finanziario di lungo periodo». Guffanti sottolinea poi come ci siano situazioni diverse: nei casi esaminati dalla Cassazione si tratta di pensioni in pagamento da molto tempo, anche dagli anni Novanta. La Cassazione, con sentenze fotocopia per otto pensionati entro il 31 dicembre 2003 ( prima dell'entrata in vigore della riforma del contributivo), ha stabilito che il diritti acquisiti non si toccano. Il principio del pro rata garantisce agli iscritti, in presenza di una riforma restrittiva sul calcolo delle prestazioni, la salvaguardia di quanto accumulato fino ad allora; a maggior ragione- secondo la Suprema corte - non possono essere ridotte ( «incise» ) le pensioni in essere. La Corte ribadisce quanto ha già affermato nel 2009 (sentenza 25029) e ancora «Una volta maturato il diritto alla pensione d'anzianità, l'ente previdenzialedebitore non può con atto unilaterale, regolamentare o negoziale, ridurne l'importo, tanto meno adducendo generiche ragioni finanziarie, poiché ciòlederebbe l'affidamento del pensionato, tutelato dal capoverso dell'articolo 3 della Costituzione, nella consistenza economica del proprio diritto soggettivo». L'unica strada - afferma la Corte nella sentenza di ieri è, eventualmente, una legge «la quale può disporre in senso sfavorevole anche quanto, maturato il diritto, siano in corso il pagamneto dei singoli ratei». In ogni caso, occorre non oltrepassare illimitedella «ragionevolezza» e «l'affidamento dell'assicurato in una consistenza della pensione proporzionale ai contributi versati». Per Anna Campila, avvocato che ha patrocinato i pensionati contro la Cassa, è acclarato che «il contributo di solidarietà non rientra strutturalmente nella autonomia sublegislativa concessa alle Casse professionali, ma è una prestazione patrimoniale, come ha stabilito la Corte costituzionale, che può essere imposta solo con legge». L'ordinanza 22/03 na ripreso la sentenza 178/00. RIPRODUZIONERISERVATA Casse, stop al prelievo dì solidarietà L'anticipazione Le sentenze Sul Sole 24 Ore di ieri è stata commentata la sentenza che ha escluso, per le Casse, la possibilità di imporre un contributo di solidarietà sulle pensioni. L'orientamento è stato ribadito nella sentenza -fotocopia Fondi pensione Pag. 1

4 Estratto da pag. 22 Liquidazioni. A novembre I coefficienti annuali e mensili Coefficiente di rivalutazione per il Tfr a quota 1,375 Nevio Bianchi Pierpaolo Perrone v A novembre il coefficiente per rivalutare le quote di trattamento di fine rapporto (Tfr) accantonate al 31 dicembre 2013 è pari a 1, L'articolo 2120 del codice civile stabilisce che alla fine di ogni anno la quota di Tfr accantonata va rivalutata. Per determinare il coefficiente di rivalutazione del Tfr, o delle anticipazioni, si parte dall'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati "senza tabacchi lavorati" diffuso dall'istat. Si calcola la differenza in percentuale tra il mese di dicembre dell'anno precedente, e ilmeseincuisi effettua la rivalutazione, poi il 75% della differenza a cui si aggiunge, mensilmente, un tasso fisso di 0,125 (cne su base annua è di 1,500). La somma tra il 75% e il tasso fisso è il coefficiente di rivalutazione per il calcolo del Tfr. L'indice Istat per novembre è pari a 107,0. A partire dai dati di gennaio 2011 la base di riferimento dell'indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati è il 2010 (la base precedente era 1995=100). La differenza in percentuale rispetto a dicembre 2013, su cui si calcola il 75%, è o. Pertanto il 75% è o. A novembre il tasso fisso è pari a 1,375. Sommando quindi il 75% (o) e il tasso fisso (1,375), si ottiene il coefficiente di rivalutazione 1,375, ovvero l'aumento per il solo tasso fisso, poiché l'indice Istat è inferiore a dicembre In caso di corresponsione di una anticipazione del Tfr, il tasso di rivalutazione si applicasull'intero importo accantonato fino al periodo di paga in cui l'erogazione viene effettuata. Per il resto dell'anno l'aumento si applica, invece, solo sulla quota al netto dell'anticipazione, quella che rimane a disposizione del datore di lavoro. Non è soggetta a rivalutazione la quota di trattamento di fine rapporto versata dai lavoratori ai Fondi di previdenza complementare. Deve invece essere rivalutata a cura del datore di lavoro la quota di Tfr maturata dal dipendente di una azienda con almeno5o dipendenti, che non ha aderito alla previdenza complementare. Fondi pensione Pag. 2

5 Estratto da pag a titolo di ex indennità di anzianità Da computare su quanto risultava accantonato al 31 Dicembre dell'anno precedente 1982 Da computare su quanto risultava accantonato al 31 n Da computare su quanto risultava accantonato al 31 Dicembre dell'anno precedente a titolo di ex indennità di anzianità 2013 Da computare su quanto risultava accantonato al 31 Dicembre 2012 a titolo di Tf r Da computare su quanto risultava accantonato al 31 Dicembre dell'anno precedente ZOIA Da computare su quanto risultava accantonato al 31 Dicembre 2013 a tìtolo di Tfr a titolo di ex indennità di anzianità 2013 Da computare su quanto risultava accantona NOTE(l)Anno 1982: dicembre su maggio. Da a 12002: dicembre su dicembre. Pergli anni 2003 e200a, mese di competenza sul mese di dicembre dell'anno precedente. (2)11 coefficiente della colonna "H" consente di determina re solo l'importo della rivalutazione; quellodella colonna "L" consente di determinareil montante, cioè capitalee riva lutazione; ad esem pio, ipotizzandoun Tfr al31 dicembre 2002 di 516,46 euro, la riva lutazioneal 31 dicembre 2003 si ottiene calcolandoli 3,200252%; l'i nteroammontare (Tfr più rivalutazione si ottieneinvece moltiplica ndo516,a6 x 1, = 532,99 euro). (3)11 coefficiente progressivo si usa soprattutto per determinare la "quota eccedente" che, ai sensi dell'articolo 17, comma 3, del Testo unico delleimposte sui redditi, deveessere scomputatodaltfr per determi nareilredditodi riferimento e, quindi, l'aliquota in base alla quale la quota imponibile del Tfr deve essere tassata. La "quota eccedente" è quella parte della vecchia indennità di anzianità maturata in quantoil contratto prevedeva di considerare come base di calcoloun importosuperiore a una mensilità. Ad esempio, un dirigente di azienda commerciale assuntoiu gennaiol978 e cessatoil 31 dicembre Al 31 maggio 1982 l'indennità di anzianità è stata calcolata in base a una mensilità e mezza di servizio fi no al31dicembre 1980 ein basea una mensi lila finoal31maggiol982. Ipotizza ndouna retribuzione di 1.032,91eu rosi avrà 1.032,91 (una mensilità)x 4 anni + 5/12 = 4.562,04 e 516,46 (1/2 mensilità) x 3 anni (fi no al31dicembre 1980) = 1.549,37 per un tota le complessivo di 6.111,41 euro. La quota eccedente ècostituita da 1.549,37 che.in sede di tassazione deltfral31dicembre 2003 deveessere detratta daltfr stesso soloai fi ni della determinazione del redditodiriferimentodopo averla rivalutata del205, (colonna"!"). Per ottenereil montante si moltiplica per 3, (colonna "M"). (4)Nuova serie 1985 = 100. (5) Nuova serie 1989 = 100. (6)Èil nuovoindiceottenutodepurandoil mese di dicembre 1991 della voce "tabacchi lavorati"usciti dal paniere Istat dalfebbraio (7)Nuova serie 1992 = 100. (8)Nuova serie 1995=100. (9) Nuova serie2010 = 100. o al 31 Dicembre 2012 a titolo di Tf r Da computare su quanto risultava accantonato al 31 Dicembre dell'anno precedente ZOIA Da computare su quanto risultava accantonato al 31 Dicembre 2013 a tìtolo di Tfr a titolo di ex indennità di anzianità 2013 Da computare su quanto risultava accantona NOTE(l)Anno 1982: dicembre su maggio. Da a 12002: dicembre su dicembre. Pergli anni 2003 e200a, mese di competenza sul mese di dicembre dell'anno precedente. (2)11 coefficiente della colonna "H" consente di determina re solo l'importo della rivalutazione; quellodella colonna "L" consente di determinareil montante, cioè capitalee riva lutazione; ad esem pio, ipotizzandoun Tfr al31 dicembre 2002 di 516,46 euro, la riva lutazioneal 31 dicembre 2003 si ottiene calcolandoli 3,200252%; l'i nteroammontare (Tfr più rivalutazione si ottieneinvece moltiplica ndo516,a6 x 1, = 532,99 euro). (3)11 coefficiente progressivo si usa soprattutto per determinare la "quota eccedente" che, ai sensi dell'articolo 17, comma 3, del Testo unico delleimposte sui redditi, deveessere scomputatodaltfr per determi nareilredditodi riferimento e, quindi, l'aliquota in base alla quale la quota imponibile del Tfr deve essere tassata. La "quota eccedente" è quella parte della vecchia indennità di anzianità maturata in quantoil contratto prevedeva di considerare come base di calcoloun importosuperiore a una mensilità. Ad esempio, un dirigente di azienda commerciale assuntoiu gennaiol978 e cessatoil 31 dicembre Al 31 maggio 1982 l'indennità di anzianità è stata calcolata in base a una mensilità e mezza di servizio fi no al31dicembre 1980 ein basea una mensi lila finoal31maggiol982. Ipotizza ndouna retribuzione di 1.032,91eu rosi avrà 1.032,91 (una mensilità)x 4 anni + 5/12 = 4.562,04 e 516,46 (1/2 mensilità) x 3 anni (fi no al31dicembre 1980) = 1.549,37 per un tota le complessivo di 6.111,41 euro. La quota eccedente ècostituita da 1.549,37 che.in sede di tassazione deltfral31dicembre 2003 deveessere detratta daltfr stesso soloai fi ni della determinazione del redditodiriferimentodopo averla rivalutata del205, (colonna"!"). Per ottenereil montante si mo Fondi pensione Pag. 3

6 Estratto da pag. 24 Dovere di solidarietà e diritti acquisiti CASSAZIONE E PENSIONI La Corte di cassazione, in materia previdenziale, continua nella difesa dei diritti acquisiti. Il caso concreto è rappresentato dal contributo di solidarietà, imposto dalla Cassa dottori, sullepensioniper il periodo2oo9-2oi3. LalineainterpretativadellaCorte-insintesisibasasulprincipiodiaffidamento: non si può ferire l'affidamento dei contribuenti o degli iscritti. Tanto meno la riduzione di quanto maturato può essere perseguita con un atto amministrativo. Se questo è il filogiuridico che si dipana attraverso la normativa sulle Casse e intorno alla loro autonomia, vale la pena difare una riflessione a un livello più generale, proprio a partire dall'autonomia. La privatizzazione prevista dalla legge 335/1995-significa la partecipazione ai destini di una comunità che si da regole e governance capaci di contemperare gli interessi di tutti, attivi da più o meno tempo e pensionati. Certoj] problema è stabilire i confini dell'autonomia e i poteri di autogoverno della comunità professionale. Le sentenze delle Cassazione di questi giorni mettono in evidenza, alla fine, proprio questo: gli iscritti alla Cassa sono disponibili ad accettarelaresponsabilitàdeh' autonomiaoritengonocheilorointeressi siano meglio tutelati dal sistema pubblico RIPRODUZIONE RISERVATA Fondi pensione Pag. 4

7 Estratto da pag. 30 Pierluigi Magnaschi La crisi non abita in casa degli agrotecnici La crisi non abita in casa degli agrotecnici. All'indomani della pubblicazione del IV rapporto Adepp (l'associazione delle Casse di previdenza dei professionisti) con il quale si è messo in evidenza «la preoccupante diminuzione del fatturato dei liberi professionisti, e in particolare di quelli dell'area tecnica» (si veda ItaliaOggi dell'11/12/20014), il Collegio nazionale di categoria esce allo scoperto per ricordare l'eccezione degli agrotecnici e degli agrotecnici laureati i cui redditi (nell'anno preso in esame, il 2013) risultano aumentati di un rotondo +6,02%. «Il dato, in se eccezionale», fanno sapere dal Cn, «risalta ancor di più se messo a confronto con quello dei fatturati dichiarati dalle altre categorie tecniche: geometri (Cipag)-5,69%; ingegneri ed architetti (Inarcassa) -4,67%; agronomi e forestali e geologi (Epap) -1,00%; periti industriali (Eppi)*,099%». Fondi pensione Pag. 5

8 Estratto da pag. 30 Pierluigi Magnaschi La Corte di cassazione sui diritti acquisiti: semaforo rosso per la delibera di Cassa dottori Le pensioni sono intoccabili Bocciato, ancora una volta, il contributo di solidarietà DI DANIELE CERIOLI U Corte di cassazione ifforza ai professionili il principio dei «ditti acquisiti» in tema di pensioni. E lo fa ancora a danno della Cassa dottori commercialisti, ma il principio è ovvio si applica a ogni ente previdenziale privato e privatizzato. Con sentenza n depositata giovedì, infatti, ha condannato la Cassa alla restituzione ai pensionati del contributo solidarietà applicato sulle pensioni dal 2009 al 2013 (dopo che la sentenza n /2009 aveva già costretto la stessa Cassa a rimborsare gli anni 2004/2008). Soprattutto stabilisce (chiarisce?) che la «autonomia» di questi enti previdenziali: a) consente manovre esclusivamente sul rapporto (attivo) con gli assicurati, ossia con i professionisti che pagano i contributi; b) esclude, invece, qualunque tipo d'intervento sul rapporto (passivo) con i pensionati, il cui diritto a una «certa» pensione, una volta acquisito, può essere limitato solo dalla legge. Solidarietà ko. La vicenda riguarda ancora il contributo di solidarietà che la Cassa commercialisti ha posto a carico dei pensionati, per riequilibrare i conti e non sovraccaricare di oneri i professionisti più giovani. Questione nota, perché già risolta una prima volta in Cassazione con la condanna della Cassa a rimborsare i contributi trattenuti sulle pensioni dal 2004 al 2008 e che, al fine proprio di salvaguardare la facoltà delle casse di intervenire sui pensionati, aveva spinto il legislatore a intervenire tre volte: con Fart. 1, comma 763, della legge n. 296/2006 (Finanziaria 2007); Fart. 24, comma 24, del di n. 201/2011 convertit» dalla legge n. 214/2011 (riforma Fornero); Fart. 1, comma 488, della legge n. 147/2013 (Stabilità 2014). La novità dunque sta qua: la sentenza s'inserisce nel quadro normativo aggiornato, che aveva fatto immaginare il superamento delle censure giurisprudenziali. E invece non è così, almeno fino all'anno Fine dell'autonomia? La sentenza svuota di capacità giuridica la norma della Finanziaria Infatti, spiega che quella norma non intacca il regime di «autonomia» che la legge n. 335/1995 riconosce alle casse e che non è stato mai modificato. Un'autonomia, cioè, che: a) consente di intervenire sul rapporto con i professionisti che pagano i contributi, mediante: variazione aliquote contributive; riparametrazione coefficienti di rendimento; ogni altro criterio di calcolo della pensione; b) vieta qualunque tipo d'intervento sul rapporto con i pensionati, così da non consentire alle casse «di sottrarsi in parte all'adempimento, riducendo l'ammontare delle prestazioni attraverso l'imposizione di contributi di solidarietà». Deve dunque ritenersi esclusa qualunque possibili tà di limitare la le pensioni? No, per la Corte di cassazione. Tuttavia, è una possibilità azionabile esclusivamente «dalla legge», che può farlo anche se, maturato il diritto, la pensione sia già in pagamento. E fissa anche la misura limite di tale riduzione: la pensione deve risultare «proporzionale alla quantità dei contributi versati» (un contributo di solidarietà che, per legge, imponesse di ricalcolare la pensione con il criterio contributivo, insomma, potrebbe incontrare il favore della Cassazione). In conclusione, la Cassazione afferma che solo il legislatore del 2011, e non quello del 1995 e del 2006, ha autorizzato gli enti a ridurre unilateralmente la misura delle pensioni per le quali il diritto si era già maturato. Il precedente è tutto illegittimo. Riproduzione riservata H Fondi pensione Pag. 6

9 Estratto da pag. 1 GESTIONI SEPARATE Primi dati 2014 positivi»pezzatti pag16 ASSICURAZIONI Valore Futuro, raccolto un miliardo nel 2014 INTERVISTA Andrea Mencattini capo del dentro Gesav,cheasuavoltaavevaas- protection". Oggi proponiamo un Pip Vita di Generali Italia Federica Pezzata D II gruppo Generali sta razionalizzando le sorbito nel 2013 Geval euro. Oggi con long term care e coperture con gestioni separate e probabilmente farà da Gesav ha un patrimonio di 34 miliardi di componenti morte invalidità e apripista in un settore euro con un milione di clienti che hanno grandi malattie. Vi è grande ancoramoltosegmentato.l'obiettivo è anche degli asset investiti in questa gestione esigenza nel nostro Paese di quello di realizzare economie di separata. Allo stesso tempo si sono scalaallalucedellafusionedeiprincipali realizzate anche le fusioni delle gestioni aumentare il livello di protezione marchi storici in Generali Italia. Ne parla a previdenziali Previdenza Solida, delle famiglie. Se per Generali è «Plus24», Andrea Mencattini, il nuovo EuroForte Previdenza e Rispav importante sviluppare il ramo III, Chief Life & Employee Benefits Officer di Previdenza in Gesav Global, la gestione anche in un'ottica di minore Generali Italia che prima di assumere dedicata ai piani individuali di assorbimento di capitale, non rischia questo importante incarico era previdenza. La fusione di queste gestioni di essere un po' pericoloso per i amministratore delegato e direttore ha seguito l'iter autorizzativo Ivass e generale di Alleanza Toro. Mencattini, la vostri assicurati puntare molto sulla Covip: abbiamo infatti inviato fusione delle finanza Oggi probabimente chi comunicazioni ai clienti che investe solo in gestioni separate informavano del processo e anche dell'eventuale diritto di poter uscire perde delle opportunità. Per questo senza penali. Tutto si è concluso il abbiamo studiato dei profili, per chi primo novembre con la fusione per aderisce alla nostra multiramo incorporazione. Come state gestendo il Valore futuro, che uniscono gestione portafoglio in questo scenario di bassi separata e unit idonei a fornire la tassi? E quanto pesa sul fondo Gesav la protezione del capitale iniziale in un componente dei titoli di stato Negli intervallo temporale predeterminato: ultimi due anni a livello più è lungo il periodo più è alta la globaleèstataawiataunamanovradideriski ng sui portafogli, che ha portato a una componente di fondi. Gli agenti di maggiore diversificazione; la quota di consueto sono un po' restii a titoli di Stato si è attestata intorno al proporre finanza. Come è andata 60%. Le scelte di gestione finanziaria Valore Futuro, la vostra multiramo per la compagnia Vita sono sempre Valore futuro nel 2014 ha raccolto legate alla struttura e alla du un miliardo di euro (un dato che si confronta con una raccolta di canale agenziale e dei produttori che per tutto il sistama è stato di 7 miliardi sul ramoledisoomilioni sul ramo III, ndr). RIPRODUZIONE molte anime in Generali Italia come RISERVATA sta procedendo Siamo partiti a rata dei passivi, cioè degli impegni marzo con il roll out Auto e Vita e a verso gli assicurati. La durata media oggi lo abbiamo quasi completato. A dei nostri contratti supera i 13 anni e oggi tutte le 616 agenzie della rete questo ci consente quindi di di Generali, le 291 ex Ina Assitalia e investire quote significative degli le 597 agenzie delle reti ex Toro- attivi con un orizzonte di lungo Lloyd Italico-Augusta vendono le periodo. Quali rendimenti possiamo medesime soluzioni di Generali aspettarci dal vostro fondo Gesav Italia; si tratta ovviamente di realtà che è un po' l'ammiraglia del settore dimensionali molto eterogenee. delle gestioni separate Ingestione Siamo entrati nella fase clou con la Gesavpubblicaunrendimento razionalizzazione dell'offerta dei mensilmente: in questo modo è prodotti: adesempio, dalle 100 facile e trasparente per la clientela soluzioni Vita retail siamo passati monitorare gli andamenti. Il 330. Nella riorganizzazione delle rendimento del 2014 stimiamo sia gestioni separate quali sono le tutele nell'ordine del 3,9 per cento. Quali per gli assicurati Abbiamo avviato sono le sfide che vuole vincere in un'importante semplificazione: le questa sua nuova funzione Portare a gestioni separate da 25 sono ora bordo tutte le reti e sviluppare i soltanto sei (aperte alla vendita). I premi con un catalogo prodotti quattro fondi pensione aperti fecalizzato e adeguato alle esigenze esistenti oggi sono diventati uno, e della clientela: chiaramente la sfida idem per i tre fondi interni è avere una diversificazione previdenziali. La razionalizzazione nell'offerta a favore della gestione delle gestioni separate è stata fatta del risparmio, allargando il peso anche in un'ottica di economie di delle unit linked tramite prodotti scala. Le storiche gestioni ex Ina ibridi che compenetrino le due Assitalia Euroforte, Euroforte esigenze (rendimento e sicurezza). mercati, Nuova Moneta Forte e Ina Inoltre proseguiremo a sviluppare la 2000 sono state fuse " Fondi pensione Pag. 7

10 Estratto da pag. 1 D Saràancoratrail3, s%eil4% ilrendimento lordo delle gestioni separate del 2oi4.Sitrattadiunastìmachetìeneperò conto dell'andamento del principale fondo assicurativo del mercato: Gesav (34 miliardi di euro) che secondo le stime di gruppo dovrebbe rendere anche nel 2014 il 3,89% circa (contro il 4,02% del 2013). Conferme arrivano anche dai primidatidellegestìoniseparateancora attive (collegate cioè a prodotti in collocamento) che chiudono il loro esercizio tra settembre e ottobre. I risultati supe- i PRIMI RISI I I AI I Le rivalutabili ranoancorail3%-4%lordo tengono ma bisogna sapere scegliere (sivedalatabella), un rendimento interessante soprattutto se si considera il basso profilo di rischio: il capitale versato al netto dei caricamenti è sempre garantito, ogni annovieneretrocessaunapartedelrendime ntosegnatodallagestìone(alnetto delle commissioni tra l'i % e il 2%). Talvolta c'èancoraunrendimento minimo garantito (oggi intorno all'i per cento). Bisogna considerare però i costi. Oltre al trattenuto annuo, vanno valutati anche i costi iniziali e le penali previste I rendimenti del 2014 FONTE Plus24 su dati e stime compagnie FONTE Plus24 su dati e stime compagnie Fondi pensione Pag. 8

11 Estratto da pag. NT35 Lunedì 15/12/2014 Incarichi. Le conseguenze operative della circolare 6/2014 della Funzione pubblica Salve le collaborazioni ai pensionati Pasquale Monea La circolare 6/2014 della Funzione pubblica sugli incarichi ai pensionati nella Pa recepisce un principio in parte già affermato dalla Corte dei Conti (deliberazione 23/2Oi4/Prev della sezione centrale del controllo sugli atti del Governo) e fa salve le collaborazioni coordinate e continuative nel novero delle attività affidabili a soggetti in quiescenza. La distinzione tra gli incarichi di collaborazione e quelli su consulenze studi e ricerche è stata affrontata sin dal 2005 e le Sezioni riunite in sede di controllo della Cortedeiconti,condeliberan.6/ Contr/O5, con un distinguo più volte ripreso dai commentatori: in particolare sono stati utilizzati i parametri previsti dal Dpr 338/ i994perdistingueregliincarichi di studio da quelli di ricerca (nel quale il prodotto consiste in uno scritto con gli esiti della ricerca) e infine dalle consulenze, quali richieste di pareri a esperti. Le collaborazioni sono invece quei contratti, occasionali o meno, che possono avere anche un contenuto diverso: occorre domandarsi se tutti gli incarichi professionali esterni rientrino in tali ambiti. In realtà, le tre ti pologie accennate non sembrano esaurire il novero degli incarichi esterni come già rilevato dalla Corte dei conti della Lombardia, con delibera 111/2011, sulla figura dell'«addetto stampaportavoce». Solitamente gli incarichi non inquadrabili tra studi, ricerche o consulenze vengono collocati nell'ambito di una quarta figura, denominata «collaborazioni autonome» per le quali, al netto della rigorosa dimostrazione dei presupposti previsti dall'articolo 7, comma 6, del Digs 165/2001, il divieto ai soggetti in quiescenza non pare trovare applicazione. Sulla questione del contenuto della prestazione, la stessa circolare richiama Pinterpretazione restrittiva della Corte dei conti (delibera Sccleg/23/2Oi4/ Prev)per laquale «l'articolo 6 del DI 90/2014 è da intendere nel senso che il divieto di conferire incarichi esterni a soggetti in quiescenza è circoscritto agli incarichi di studio e agli incarichi di consulenza, oltre che agli incarichi dirigenziali». Questo divieto, in quanto norma limitatrice, è da valutare alla stregua del criterio di stretta interpretazione enunciato dall'articolo 14 delle preleggi, che non consente inter- Previdenza Pag. 9

12 Estratto da pag. 1 Pensioni: la rivalutazione si traduce in tagfio Matteo Prioschi, Fabio Venanzi < pagina 5 Matteo Prioschi, Fabio Venanzi < pagina 5 Domenica 14/12/2014 II meccanismo La diminuzione dell'importo è dovuta al passaggio dal tasso provvisorio al definitivo Previdenza LE RENDITE PENSIONISTICHE II meccanismo La diminuzione dell'importo è dovuta al passaggio dal tasso provvisorio al definitivo L'aggiustamento retroattivo Le somme versate in più daltlnps nel 2014 dovranno essere recuperate il prossimo anno II meccanismo La diminuzione dell'importo è dovuta al passaggio dal tasso provvisorio al definitivo L'aggiustame Pensioni, rivalutazioni con taglio Solo 6,50 euro per chi ha la «minima» - Diminuiscono gli assegni oltre euro PAGINAACURADI MatteoPrioschi Fabio Venanzi Nel 2015 le pensioni saranno rivalutate dello 0,3 per cento. Però una persona che oggi ha un assegno di i.ooo euro lordi, l'anno prossimo non incasserà ma 1.002,01 euro, come se l'aumento fosse dello 0,2 per cento. Così il già basso tassodi rivalutazione fissato dall'economia all'atto pratico sembrerà ancora più contenuto, ma le sorprese non sono finite qui. Il doppio tasso La spiegazione di quello che a prima vista può apparire un errore va cercata nel complesso meccanismo che regola l'adeguamento delle pensioni all'inflazione. Verso fine novembre di ogni anno il ministerodeh'economia pubblica un decreto con il valore provvisorio per la rivalutazione degli assegni nell'anno successivo e quello definitivo per l'anno in corso. A fine 2013, quindi, è stata data indicazione di rivalutare le pensioni Lo scorso 20 novembre, invece, è stato comunicato il tasso definitivo, che è pari ah'i,i% e contestualmente è stato indicato quello provvisorio per il 2015 (lo 0,3%). Ebbene, il tasso dello 0,3% per l'anno prossimo non va applicato all'importo pagato finora sulla base dell'adeguamento provvisorio, ma sul valore definitivo, che è più basso, perché il tasso da utilizzare è dell'i,! invece dell'i,2 per cento. Così chi oggi incassa euro lordi ogni mese, non deve applicare lo 0,3% a tale importo, ma ritornare indietro di un anno e calcolare quanto avrebbe dovuto prende re. Poichénel 2013 incassava 988,14 euro, applicando il tasso delpi,i% quest'anno avrebbe dovuto prendere 999,01 euro. L'aumento dello 0,3% si riferisce a quest'ultimo valore e quindi l'anno prossimo il suo assegno sarà di 1.002,01 euro. Conguaglio negativo L'aggiustamento retroattivo degli importi stavolta comporta anche un altro effetto spiacevole per i pensionati. Poiché nel 2014 il valore provvisorio dell'assegno è stato più generoso di quello definitivo, a inizio 2015 l'inps prowederà a recuperare la differenza, pari allo 0,1 per cento. In altre parole, l'ipotetico assegno di i.ooo euro lordi pagato finora sarebbe dovuto essere di 999,01 euro. Quindi a gennaio si dovranno restituire 12,87 euro (perchési conta anche la tredicesima). Di conseguenza il nostro ipotetico pensionato l'anno prossimo percepirà 26,13 euro m P'u rispetto a oggi (da i.ooo a 1.002,01 euro), ma subirà un conguaglio negativo riferito al 2014 di 12,87 euro e quindi l'incremento annuale "netto" (cioè i soldi in più che effettivamente metterà intasca) saràdisoli 13,26 euro. Le modalità di recupero e gli importi esatti saranno comunicati dall'inps nelle prossime settimane con una circolare. Doppio aggiustamento Ma quest'anno c'è anche un'altra particolarità da considerare, che riguarda chi incassa una pensione di importo compreso fra tre e quattro volte il minimo o superiore a sei volte il minimo. La legge di stabilità dell'anno scorso (la 147/13) ha introdotto un nuovo meccanismo di rivalutazione, in basealqualeiltassodi riferimento si applica in misura proporzionalmente inferiore con l'aumentare degli importi pensionistici. Queste modalità, già presenti nelle versioni non definitive del disegno di legge di stabilità, sono state modificate in occasione dell'approvazione definitiva della norma. In particolare l'indicizzazione perlepensionifratreequattro volte il minimo è passata dal 90 al 95%, mentre per quelle sopra sei volte è scesa dal 50 al 40 per cento. L'Inps, però, per tutto l'anno ha fatto riferimento alla versione provvisoria della legge di stabilità e quindi ha pagato importi che ora devono essere rettificati sia nel tasso di rivalutazione (dall'i,2 all'i,i /o), sia nell'aliquota di indicizzazione (per esempio non si applica il 90% dell'i,2% ma il 95% dell'u per cento). In portafoglio II risultato di questi assestamenti è che l'aumento annuale delle pensioni, al netto del conguaglio, sarà risicato e per gli assegni più ricchi addirittura in negativo, come esemplificato nella tabella. Chi percepisce solo la pensione minima dovrà accontentarsi di 6,5 euro in più, e stiamo parlandosempre di importi lordi. Chi riceve tre volte il minimo (importo a cui si ha la massima rivalutazione) avrà 19,89 euro. Va un po' meglioachisicolloca nella fascia tra 3 64 volte il minimo (per esempio euro), perché gli sarà riconosciuta l'indicizzazione al 95% invece del 90% applicata temporaneamente finora. Brutte notizie, infine, per chi percepisce oltre 3mila euro perché avrà un saldo finale negativo. RIPRODUZIONE RISERVATA Previdenza Pag. 10

13 Estratto da pag. 1 In arrivo. Decreto sull'aspettativa di vita Entro fine anno i nuovi requisiti per il ritiro dal 2016 Domenica 14/12/2014 Tetto agli assegni liquidati con il sistema misto retributivocontributivo post 2011 e annullamento della penalizzazione per chi va in pensione prima dei 62 anni se non percepisce più di 3.5Ooeuromensililordi. Sonoalcune delle novità previdenziali che potrebbero entrare in vigore l'anno prossimo quale effetto della legge di stabilità Per contenere la spesa degli assegni più elevati e al contempo contribuire all'equilibrio dei conti in favore dei redditi più bassi, nel disegno di legge di stabilità chesarà licenziato entro fine anno sono state previste alcune correzioni alla riforma Monti-Fornero del Quale effetto dell'applicazione del sistema contributivo ai versamenti effettuati dal 2O12, può accadere che i lavoratori soggetti al sistema retributive (chi aveva almeno 18 anni di contributi al 1995) maturino un assegno di importo superiore a quello determinato dal già generoso sistema retributive. La legge di stabilità prevede quindi che le anzianità contributive successive a dicembre 2O11 non possano determinare un importo superiore della pensione a quello determinato con l'applicazione del sistema retributive integrale. Un'altra modifica alla MontiFornero inserita nellabozza della legge di stabilità comporta invece l'eliminazione della penalizzazione per chi va in pensione, entro il 2017, con i requisiti contributivi (almeno4204ianni e sei mesi) ma con meno di 62 anni di età. La norma attualmente prevede un taglio della prestazione dell'1% per ognuno dei primi due anni di anticipo e del 2% per ognuno degli ulteriori anni. Però un emendamento presentato da alcuni senatori del Pd chiede che l'abbuono valga solo per gli assegni di importo inferiore a sette volte il minimo (3.506,16 euro). Sempre sul fronte delle penalizzazione per gli importi più elevati si attende la sentenza della Corte costituzionale sul contributo di solidarietà che taglia le pensioni di importo Esempi di importi mensili di pensioni pagate quest'anno (provvisorio 2014) e relativo importo liquidato l'anno prossimo (provvisorio 2015), nonché conguaglio annuale dovuto per H2014 e saldo tra aumento e conguaglio. Valori lordi in euro Trattamenti a confronto Esempi di importi mensili di pensioni pagate quest'anno (provvisorio 2014) e relativo importo liquidato l'anno prossimo (provvisorio 2015), nonché conguaglio annuale dovuto per H2014 e saldo tra aumento e conguaglio. Valori lordi in euro Fonte-elaborazione Sole2A Ore Esempi di importi mensili di Gli adeguamenti pensioni pagate 011 LEFASCE L'applicazione del valore definitivo del tasso di rivalutazione delle pensioni per il 2014 determina anche i nuovi "margini" delle fasce.in basea quanto stabilito dalla legge 147/13, l'indicizzazione del tassodi rivalutazione della pensione cambia in relazione all'importo lordo della stessa. Quindi è importante sapere in che fascia si colloca l'assegno percepito. La prima fascia comprende importi fino a 3 volte il minimo, quest'anno (provvisorio 2014) e relativo importo liquidato l'anno prossimo (provvisorio 2015), nonché conguaglio annuale dovuto per H2014 e saldo tra aumento e conguaglio. Valori lordi in euro Fonte-elaborazione Sole2A Ore Esempi di importi mensili di Gli adeguamenti pensioni pagate 011 LEFASCE L'applicazione del valore definitivo del tasso di rivalutazione delle pensioni per il 2014 determina anche i nuovi "margini" delle fasce.in ba cioè 1.502,64 eu ro e nel 2015 avrà una rivalutazione dello 0,300 per cento La seconda fascia va da oltre 1.502,64 a 2.003,52 euro e avrà una rivalutazione dello 0,285 per cento La terza fascia va da oltre 2.003,52 euro fino a 2.504,40 euro, a cui sarà applicato un tasso dello 0,225% > La quarta fascia va da oltre 2.504,40 euro fino a 3.005,28 euro, con un tasso dello 0,150 percento > La sesta fascia include le ea quanto stabilito dalla legge 147/13, l'indicizzazione del tassodi rivalutazione della pensione cambia in relazione all'importo lordo della stessa. Quindi è importante sapere in che fascia si colloca l'assegno percepito. La prima fascia comprende importi fino a 3 volte il minimo, quest'anno (provvisorio 2014) e relativo importo liquidato l'anno prossimo (provvisorio 2015), nonché conguaglio annuale dovuto per H pensioni di importo superiore a 3.005,28 euro, a cui si applica un tasso dello 0,135 percento 02 I CONTRIBUTO DI SOLIDARIETÀ Alle fasce di pensione oltre 7.012,32 euro e fino a ,60 euro si applicherà il prelievo del 6 per cento; per quelle oltre ,60 euro efino a ,40 euro il contributo sale all2 per cento; gliimporti superiori sono gravati da un prelievo del 18 per cento 014 e saldo tra aumento e conguaglio. Valori lordi in euro Fonte-elaborazione Sole2A Ore Esempi di importi mensili di Gli adeguamenti pensioni pagate 011 LEFASCE L'applicazione del valore definitivo del tasso di rivalutazione delle pensioni per il 2014 determina anche i nuovi "margini" delle fasce.in ba cioè 1.502,64 eu ro e nel 2015 avrà una rivalutazione dello 0,300 per cento La sec Esempi di importi mensili di pensioni pagate quest'anno (provvisorio 2014) e relativo importo liquidato l'anno prossimo (provvisorio 2015), nonché conguaglio annuale dovuto per H2014 e saldo tra aumento e conguaglio. Valori lordi in euro Trattamenti a confronto Fonte-elaborazione Sole2A Ore Gli adeguamenti 011 LEFASCE L'applicazione del valore definitivo del tasso di rivalutazione delle pensioni per il 2014 determina anche i nuovi "margini" delle fasce.in basea quanto stabilito dalla legge 147/13, l'indicizzazione del tassodi rivalutazione della pensione cambia in relazione all'importo lordo della stessa. Quindi è importante sapere in che fascia si colloca l'assegno percepito. La prima fascia comprende importi fino a 3 volte il minimo, cioè 1.502,64 eu ro e nel 2015 avrà una rivalutazione dello 0,300 per cento La seconda fascia va da oltre 1.502,64 a 2.003,52 euro e avrà una rivalutazione dello 0,285 per cento La terza fascia va da oltre 2.003,52 euro fino a 2.504,40 euro, a cui sarà applicato un tasso dello 0,225% > La quarta fascia va da oltre 2.504,40 euro fino a 3.005,28 euro, con un tasso dello 0,150 percento > La sesta fascia include le pensioni di importo superiore a 3.005,28 euro, a cui si applica un tasso dello 0,135 percento 02 I CONTRIBUTO DI SOLIDARIETÀ Alle fasce di pensione oltre 7.012,32 euro e fino a ,60 euro si applicherà il prelievo del 6 per cento; per quelle oltre ,60 euro efino a ,40 euro il contributo sale all2 per cento; gliimporti superiori sono gravati da un prelievo del 18 per cento nda fascia va da oltre 1.502,64 a 2.003,52 euro e avrà una rivalutazione dello 0,285 per cento La terza fascia va da oltre 2.003,52 euro fino a 2.504,40 euro, a cui sarà applicato un tasso dello 0,225% > La quarta fascia va da oltre 2.504,40 euro fino a 3.005,28 euro, con un tasso dello 0,150 percento > La sesta fascia include le ea quanto stabilito dalla legge 147/13, l'indicizzazione del tassodi rivalutazione della pensione cambia in relazione all'importo lordo della stessa. Quindi è importante sapere in che fascia si colloca l'assegno percepito. La prima fascia comprende importi fino a 3 volte il minimo, quest'anno (provvisorio 2014) e relativo importo liquidato l'anno prossimo (provvisorio 2015), nonché conguaglio annuale dovuto per H pensioni di importo superiore a 3.005,28 euro, a cui si applica un tasso dello 0,135 percento 02 I CONTRIBUTO DI SOLIDARIETÀ Alle fasce di pensione oltre 7.012,32 euro e fino a ,60 euro si applicherà il prelievo del 6 per cento; per quelle oltre ,60 euro efino a ,40 euro il contributo sale all2 per cento; gliimporti superiori sono gravati da un prelievo del 18 per cento 014 e saldo tra aumento e conguaglio. Valori lordi in euro Fonte-elaborazione Sole2A Ore Esempi di importi mensili di Gli adeguamenti pensioni pagate 011 LEFASCE L'applicazione del valore definitivo del tasso di rivalutazione delle pensioni per il 2014 determina anche i nuovi "margini" delle fasce.in ba cioè 1.502,64 eu ro e nel 2015 avrà una rivalutazione dello 0,300 per cento La sec Esempi di importi mens superiore ad almeno 14 volte il minimo. Un provvedimento analogo è già stato bocciato dai giudici. Infine entro fine mese, infine, dovrebbe essere pubblicato il decreto ministeriale che adegua all'aspettativa di vita i requisiti minimi per accedere alla pensione che si applicheranno nel triennio Inutile farsi illusioni: per legge l'aggiornamento non può essere negativo, ben che vada i requisiti non saranno incrementati. RIPRODUZIONERISERVATA NELLA LEGGE DI STABILITA U n tetto agli assegni se si ha il sistema misto Niente penalizzazioni per i «contributivi» con meno di 62 anni Previdenza Pag. 11

14 Estratto da pag. 5 A MIX ZA TizianoTreu Commissario straordinario Inps «Gli 80 euro? L'anno prossimo anche ai pensionati» di Giovanni Minoli Tiziano Treu, vicentino, sposato con 2 figli, docente universitario, politico, deputato e senatore, più volte ministro. Amico di Marco Biagi la cui legge, secondo Pietro Ichino, è lo sviluppo della riforma Treu del È stato nel partito di Dini di cui è stato ministro. Poi passato al Pd, entra nel governo Prodi dal '95 al '98. Dal 1 ottobre 2014 è commissario dell'inps. Professor Treu, ministro di Prodi e poi commissario unico dell'inps, cos'èpiù difficile Commissario all'inps. Perché Perché l'inps è una grande macchina complicata che eroga 20 milioni di pensioni e dobbiamo essere precisi e puntuali D governo aveva promesso di varare subito dopo l'abbandono di Mastrapasqua una nuova governance. Non è ancora capitato perché Questo bisognerebbe domandarlo al governo e al parlamento. Quando capiterà Mi auguro che capiti subito perché l'inps è stato in questi anni sballottato tra commissari temporanei, adesso bisogna dare una stabilità. Checaratteristìchedeveavere questastabilità Deve essere un governo collegiale fatto da tecnici esperti. Intanto per ora l'uomo solo al comandoèlei.ha paura pericontìdell'inps Intanto io spero presto di essere in un collegio di amministratori seri. Non ho paura per i conti dell'inps, ho paura per i conti dell'economiaitaliana.sel' economiaitaliana si riprende l'inps sta bene. Lei ha detto "i diritti acquisiti non esistono". È un bruttissimo segnale per tutti E una frase polemica, perché fino ad adesso si è pensato che una volta che c'era scritto "diritto", fosse acquisito qualunque cosa succede. In realtà no. I diritti si devono mantenere, devono essere sostenibili, adesso che il mondo è più complicato. Col piano dovrebbero concludersi le incorporazioni di Inpdap e Enpals. Sarà così Sì, devono concludersi, noi abbiamo questo obiettivo. Cisarannoirisparmidicuiparlava il governo Monti Ci sono già stati, sono almeno due anni che tira la cinghia l'inps, come è stato richiesto, tutti evidenziati dai risparmi fatti e ne faremo anche l'anno prossimo. C'è un esodo di personale purtroppo, saranno , ma non abbiamoancora i conti definiti. Venderete partedelvostropatrimonio immobiliare per far quadrare i con t i Ilpatrimoniovavendutoperché noi non siamo esperti digestione di abitazioni. Quando si parla di pensioni, il governoondeggia. C'è il pericolo reale di svalutazione delle pensioni Che il governo ondeggi è vero, abbiamo avute troppe cosiddette riforme delle pensioni, però quella attualeiocredochesia, almenonella grandi linee, stabile. Bisogna ammorbidirla un po' per le persone che sono vicine alla soglia... per esempio adesso si è fatta l'opzione donna, per chi ha motivi di andare via un po' prima, bisogna fare una specie di uscita facile negli ultimi due, tre anni. Ma gli 80 euro di Renzi non era giustodarli anche ai pensionati Giusto, credo che sia l'obiettivo dell'anno prossimo. La leader della Cisl, Anna Maria Furlan, ha detto che la legge Fornero è la peggiore nella storia del Paese. Ha ragione La legge Fornero ha messo un obiettivo giusto di alzare l'età. L'ha fatto in modo troppo drastico, per questobisogna ammorbidirla. L'anticipodelTfrinbustapaga è una buona idea Io ho sempre detto che è come avere l'uovo oggi senza la gallina domani. Se è una cosa temporanea si può reggere, altrimenti è pericoloso. La proposta di tassare le pensioni più alte per sostenere altre formediwelfare la convince Noi abbiamo tante pensioni miserabili e ancora troppe pensioni d'oro. E giusto che queste seconde contribuiscano. Maèverocheinltaliapiùomeno ci sono 22 milioni di contribuenti e 21 milioni di pensioni da pagare E vero, perché noi abbiamo 22 milioni di persone che lavorano, troppo poche. Noi abbiamo poche persone che lavorano. I Paesi avanzatihannoquasiildoppioditassodi MIX-24 Dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 11 II programma condotto da Giovanni Minoli con le interviste ai protagonisti dell'attualità, dell'economia, della società e della cultura. Ieri il faccia a faccia con Tiziano Treu, dal 1 ottobre scorso Commissario straordinario dell'inps. occupazione, questo è il guaio, non le pensioni. RIPRODUZIONE RISERVATA Previdenza Pag. 12

15 Estratto da pag. 24 Se il voucher raddoppia ma l'importo è incerto IL «BONUS ASILO» PER LE NEOMAMME Dopo una manutenzione durata diciassette mesi, con l'obiettivo di renderlo più ricco e più facile da chiedere, ritorna il voucher a favore delle neo mamme per pagare l'asilo o la baby sitter nel 2014 e nel Lasciando invariato il budget annuale di 20 milioni di euro, che è risultato sottoutilizato nella prima edizione, quella del2oi3,sièdecisodiraddoppiarel'importodel voucher. Però l'importo di 600 euro mensili non è certo. Se arriveranno molte domande potrà essere ridotto, per accontentare tutti. Ma per decidere se iscrivere il figlio a questo o a quell'asilo o per quante ore beneficiare dell'aiuto di una baby sittersidovrebberoaveredellecertezze.inoltre.labozza del decreto ministeriale, che modifica alcune caratteristiche del bonus, era già definita la scorsa estate. Poi è iniziato un lungo percorso che si è concluso solo due giorni fa con la pubblicazione del provvedimento sulla Gazzetta ufficiale. Peccato però che lo stesso decreto preveda che le domande vanno inviate entro fine anno. Tenuto conto che a San Silvestro mancano 18 giorni, ci sono buone probabilità che anchequest'anno i 20 milioni rimangano largamente inutilizzati. Previdenza Pag. 13

16 Estratto da pag. 22 Domande entro fine anno per il voucher asili nido MatteoPrioschi v ' Corsa contro il tempo per usufruire della nuova versione del voucher asili nido e baby sitter. L'Inps sta infatti lavorando a ritmo serrato con l'obiettivo di mettere online la procedura entro i primi giorni della settimana prossima. Però le mamme interessate dovranno presentare la domanda relativa al 2014 entro la fine di questo mese. Il voucher per pagare l'asilo nido o la baby sitter è stato introdotto in via sperimentale per il triennio dalla "riforma Fornero" (legge 92/2012), con un budget di 20 milioni di euro all'anno. Le mamme che si trovavano negli undici mesi successivi al congedo obbligatorio o con parto previsto nei quattro mesi successivi potevano chiedere di beneficiare di un contributo di 300 euro al mese per un massimo di tre mesi con cui pagare l'asilo o la baby sitter. Il bando 2013 si concluse con scarso successo: a fronte degli bonus potenzialmente finanziabili con i 20 milioni, furono "premiate" mamme che per utilizzare l'incentivo potevano scegliere tra meno di 2mila asili a fronte degli oltre ymila esistenti in Italia. A fronte di questo risultato, il governo ha lavorato per modificare alcune caratteristiche, ma la messa a punto del relativo decreto ministeriale si è conclusa solo due giorni fa, con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale. Nella nuova versione cresce l'importo del voucher: da 300 euro sale fino a 600 euro al mese, sempre per un semestre. Inoltre lo potranno utilizzare anche le dipendenti del settore pubblico, prima escluse, e la domanda potrà essere presentata sempre, purché entro la fine dell'anno. E qui si pone il primo problema: dato che siamo al 13 di settembre, per il 2014 i giorni disponibili sono Le caratteristiche 011 CHI LO PUÒ CHIEDERE Madri dipendenti del settore pubblico, privatooiscrittealla gestione separata Inps che si trovano negli undici mesi seguenti il congedo di maternità obbligatorio 02IACHECOSASERVE Pagare la baby sitter o l'asilo nido presente in un apposito elenco pu bblicato su I sito dell'inps. Per ogni mese di vouchersi rinuncia a un mese di congedo parentale 031 IMPORTO Fino a 600 euro al mese per un semestre. L'importo può essere ridotto in base al numero di domande presentate 041 MODALITÀDIRICHIESTA Esclusivamente online tramite il sito internet dell'inps, usandoli codice personale Pin. La domanda va inviata entro la fine dell'anno di riferimento ( ) pochi. Dopo la pubblicazione del decreto ministeriale l'inps ha iniziato ad aggiornare la procedura informatica che le mamme devono usare collegandosi al sito internet dell'istituto di previdenza (utilizzando il codice personale Pin), ma molto probabilmente non sarà pronta prima di martedì, salvo imprevisti. Inoltre è vero che la classifica per l'assegnazione del voucher sarà basata sull'ordine di presentazione delle domande, ma si dovrà comunque comunicare l'isee perché questo indicatore potrebbe rientrare in gioco. Infatti l'articolo 3 del decreto ministeriale stabilisce che, se a fronte del flusso di domande si prevede di sfondare il budget di 20 milioni annui, «con successivo decreto direttoriale» potrà essere stabilito di erogare il voucher solo a chi rispetta un determinato valore dell'isee e/o ridurre l'importo di 600 euro. Altro elemento critico è costituito dal fatto che le mamme che vogliono usare il voucher per pagare l'asilo possono farlo scegliendo esclusivamente le strutture presenti in un apposito elenco pubblicato sul sito dell'inps. Ebbene, solo tre giorni fa sono state fornite le istruzioni per iscriversi. Si corre quindi il pericolo che entro fine anno ci siano poche strutture convenzionate. Nessun problema da questo punto di vista se invece si utilizza il contributo per pagare la baby sitter. RIPRODUZIONERISERVATA Previdenza Pag. 14

17 Estratto da pag. 5 Verso il decreto. Si tratta sul «costo» dei licenziamenti Jobs Act, tra i nodi l'indennizzo minimo Davide Colombo Claudio Tucci ROMA Nessuna marcia indietrosulla sostituzione della tutela reale con indennizzi monetari crescenti in caso di licenziamento illegittimo per motivo economico od organizzativo (qui si punta a far rientrare anche lo scarso rendimento). Ma per i nuovi contrattia tutelecrescenti-chedali gennaiopotranno beneficiare della decontribuzione triennale prevista instabuità-ugovernosta pensando di introdurre un «indennizzo minimo» da corrispondere al lavoratoree chescatterebbe subito, appena superato il periododi prova semestrale. La questione è delicata ed è stata affrontata nel corso dell'ultima riunione tra i tecnici di palazzo Ghigi e ministero del Lavoro impegnati nella definizione del Digs con la nuova normativa sul contratto a tutele crescenti che dovrebbe approdare in Consiglio dei ministri il 22 dicembre. Fino a ieri non è stata trovata un'intesa. Tra le ipotesi allo studio c'è quella di fissare l'indennizzo minimo a 6 mensilità (un limite però piuttosto elevato, che di fatto scoraggerebbe l'impresa a utilizzare il contratto a tutele crescenti). Ma sul tavolo c'è anche l'idea di portare a unannoi]periododiprova, rispetto ai canonici sei mesi, e fissare l'indennizzo minimo a due mensilità. Oggi non esiste un vero e proprio indennizzo minimo: nel casodilicenziamentoeconomico illegittimo l'indennità che può ottenere il lavoratore oscilla dalle 12 alle 24mensi] ità. In Europa la Germania, le regioniolandesidei Paesi Bassi e il Regno Unito prevedono indennizzi minimi non molto onerosi per le imprese. «La questione dell'indennizzo minimo è la più importante dell'intera riforma - ha detto Pietro Ichino (Se) - perché il problema cruciale per l'assunzione a tempo indeterminato è costituito dall'alto livello di incertezza che caratterizza il primo periodo del rapporto». E quindi l'indennizzo mi-imagoeconomica Senatore. Pietro Ichino (Se) LA RICOLLOCAZIONE Emendamento Ichino alla Stabilità per ridurre al4% l'iva sui voucher regionali alle agenzie accreditate per ('outplacement rumo «va tenuto basso anche per incoraggiare l'occupazione stabile», ha aggiunto il giuslavorista Arturo Maresca (Sapienza). «Lavoriamoperunasoluzionecondivisa. L'approccio è costruttivo», ha spiegato il sottosegretario, Teresa Bellanova. Intanto il senatore Ichino ha presentato un emendamento alla Stabilità per ridurre al 4% l'iva sui voucher regionali che verranno riconosciuti alle agenzie di outplacement accreditate (si veda l'articolo pubblicato sul sito ricollocazione di disoccupati. La proposta sarebbe stata fatta propria dal Governo: inuovicontratti a tutele crescenti, dopo due anni, fanno scattare il diritto all'opzione da parte del lavoratore a un contratto di ricollocazione. Il valore del voucher sarà commisurato al livello di "occupabilità" del lavoratore, stabilità dai Centri per l'impiego. Si tratta dunque di uno sgravio che, seapprovato, potrebbe aiutare la sperimentazione in quelle regioni che hanno già fattoi primi passi. RIPRODUZIONE RISERVATA Previdenza Pag. 15

18 Estratto da pag. 1 «Gli 80 euro? L'anno prossimo anche ai pensionati» Perché Perché l'inps è una grande macchina complicata che eroga 20 milioni di pensioni e dobbiamo essere precisi e puntuali II governo aveva promesso di varare subito dopo l'abbandono di Mastrapasqua una nuova governance. Non è ancora capitato perché Questo bisognerebbe domandarlo al governo e al parlamento. Quando capiterà Mi auguro che capiti subito perché l'inps è stato in questi anni sballottato tra commissari temporanei, adesso bisogna dare una stabilità. AUDIO Faccia a Faccia con Tiziano Tren Tiziano Treu, vicentino, sposato con 2 figli, docente universitario, politico, deputato e senatore, più volte ministro. Amico di Marco Biagi la cui legge, secondo Pietro Ichino, è lo sviluppo della riforma Treu del È stato nel partito di Dini di cui è stato ministro. Poi passato al Pd, entra nel governo Prodi dal '95 al '98. Dal 1 ottobre 2014 è commissario dell'inps ( Ascolta l'intervista a Mix24Ì. Professor Treu, ministro di Prodi e poi commissario unico dell'inps, cos'è più difficile Commissario all'inps. Che caratteristiche deve avere questa stabilità Deve essere un governo collegiale fatto da tecnici esperti. Intanto per ora l'uomo solo al comando è lei. Ha paura per i conti dell'inps Intanto io spero presto di essere in un collegio di amministratori seri. Non ho paura per i conti dell'inps, ho paura per i conti dell'economia italiana. Se l'economia italiana si riprende l'inps sta bene. Lei ha detto "i diritti acquisiti non esistono". È un bruttissimo segnale per tutti È una frase polemica, perché fino ad adesso si è pensato che una volta che c'era scritto Ritaglio stampa ad uso esclusivo interno, non riproducibile Selpress è un'agenzia autorizzata da Repertorio Promopress di Giovanni Mmoh13 dicembre 2014 «Gli 80 eurer* L'anno prossimo anche ai pensionati» - II Sole 24 ORE "diritto", fosse acquisito qualunque cosa succede. In realtà no. I diritti si devono mantenere, devono essere sostenibili, adesso che il mondo è più complicato. Col piano dovrebbero concludersi le incorporazioni di Inpdap e Enpals. Sarà così Sì, devono concludersi, noi abbiamo questo obiettivo. Ci saranno i risparmi di cui parlava il governo Monti Ci sono già stati, sono almeno due anni che tira la cinghia l'inps, come è stato richiesto, tutti evidenziati dai risparmi fatti e ne faremo anche l'anno prossimo. C'è un esodo di Previdenza Pag. 16

19 Estratto da pag. 1 personale purtroppo, saranno , ma non abbiamo ancora i conti definiti. Venderete parte del vostro patrimonio immobiliare per far quadrare i conti Il patrimonio va venduto perché noi non siamo esperti di gestione di abitazioni. Quando si parla di pensioni, il governo ondeggia. C'è il pericolo reale di svalutazione delle pensioni Che il governo ondeggi è vero, abbiamo avute troppe cosiddette riforme delle pensioni, però quella attuale io credo che sia, almeno nella grandi linee, stabile. Bisogna ammorbidirla un po' per le persone che sono vicine alla soglia... per esempio adesso si è fatta l'opzione donna, per chi ha motivi di andare via un po' prima, bisogna fare una specie di uscita facile negli ultimi due, tre anni. Ma gli 80 euro di Renzi non era giusto darli anche ai pensionati Giusto, credo che sia l'obiettivo dell'anno prossimo. La leader della Cisl, Anna Maria Furlan, ha detto che la legge Fornero è la peggiore nella storia del Paese. Ha ragione La legge Fornero ha messo un obiettivo giusto di alzare l'età. L'ha fatto in modo troppo drastico, per questo bisogna ammorbidirla. L'anticipo del Tfr in busta paga è una buona idea Io ho sempre detto che è come avere l'uovo oggi senza la gallina domani. Se è una cosa temporanea si può reggere, altrimenti è pericoloso. La proposta di tassare le pensioni più alte per sostenere altre forme di welfare la convince Noi abbiamo tante pensioni miserabili e ancora troppe pensioni d'oro. È giusto che queste seconde contribuiscano. Ma è vero che in Italia più o meno ci sono 22 milioni di contribuenti e 21 milioni di pensioni da pagare È vero, perché noi abbiamo 22 milioni di persone che lavorano, troppo poche. Noi abbiamo poche persone che lavorano. I Paesi avanzati hanno quasi il doppio di tasso di occupazione, questo è il guaio, non le pensioni. Previdenza Pag. 17

20 Estratto da pag. 1 Ritaglio stampa ad uso esclusivo interno, non riproducibile Selpress è un'agenzia autorizzata da Repertorio Promopress Aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il Tfr di Nevio Bianchi e Pierpaolo Perrone 13 dicembre 2014 A novembre il coefficiente per rivalutare le quote di Trattamento di fine rapporto (Tfr) accantonate al 31 dicembre 2013 è pari a 1, L'articolo 2120 del codice civile stabilisce che alla fine di ogni anno la quota di Tfr accantonata deve essere rivalutata. Per determinare il coefficiente di rivalutazione del Tfr, o delle anticipazioni, si parte dall'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati diffuso ogni mese dall'istat, nel nostro caso quello "senza tabacchi lavorati". In particolare, si calcola la differenza in percentuale tra il mese di dicembre dell'anno precedente e il mese in cui si effettua la rivalutazione. Poi si calcola il 75% della differenza, a cui si aggiunge, mensilmente, un tasso fisso di 0,125 (che su base annua è di 1,500). La somma tra il 75% e il tasso fisso è il coefficiente di rivalutazione per il calcolo del Tfr. L'indice Istat per novembre è pari a 107,0. A partire dai dati di gennaio 2011 la base di riferimento dell'indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati è il 2O1O (la base precedente era 1995 = 100). La differenza in percentuale rispetto a dicembre 2013, su cui si calcola il 75%, è o. Pertanto il 75% è o. A novembre il tasso fisso è pari a 1,375. Sommando quindi il 75% (o) e il tasso fisso (1,375) si ottiene il coefficiente di rivalutazione 1,375, ovvero l'aumento per il solo tasso fisso, poiché l'indice Istat è inferiore a dicembre In caso di corresponsione di una anticipazione del Tfr, il tasso di rivalutazione si applica sull'intero importo accantonato fino al periodo di paga in cui l'erogazione viene effettuata. Per il resto dell'anno l'aumento si applica, invece, solo sulla quota al netto dell'anticipazione, quella che rimane a disposizione del datore di lavoro. Non è soggetta a rivalutazione la quota di trattamento di fine rapporto versata dai lavoratori ai Fondi di previdenza complementare. Deve, invece, essere rivalutata a cura del datore di lavoro la quota di Tfr maturata dal lavoratore dipendente di una azienda con almeno 50 dipendenti che non ha aderito alla previdenza complementare. Come stabilito dal comma 755 dell'articolo i della legge finanziaria 2007, il trattamento di fine rapporto maturato dai suddetti lavoratori a decorrere dal 1 gennaio 2007 deve essere trasferito al Fondo di tesoreria presso l'inps. Tuttavia, anche se il datore di lavoro non ha più la disponibilità finanziaria delle somme maturate dal lavoratore, dovrà ugualmente gestirle dal punto di vista contabile, compresa la rivalutazione delle quote. Previdenza Pag. 18

Professionisti, pensioni più care Sole 24 ore.it. Matteo Prioschi

Professionisti, pensioni più care Sole 24 ore.it. Matteo Prioschi Professionisti, pensioni più care Sole 24 ore.it Matteo Prioschi Per molti professionisti, tra qualche anno, la pensione di vecchiaia sarà a 70 anni. In parallelo, anche nel settore delle Casse private,

Dettagli

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA dott. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 08.08.2011 LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA La Manovra Correttiva pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.164 del 16 luglio

Dettagli

MEDICI OSPEDALIERI - TRATTENUTA NON DOVUTA PER IL TFR. Marco Perelli Ercolini

MEDICI OSPEDALIERI - TRATTENUTA NON DOVUTA PER IL TFR. Marco Perelli Ercolini MEDICI OSPEDALIERI - TRATTENUTA NON DOVUTA PER IL TFR Marco Perelli Ercolini Già in passato era stato sostenuto il sospetto di illecito nella trattenuta INPDAP per il Tfr. Ma nessun sindacato aveva poi

Dettagli

Roma, 29 gennaio 2015

Roma, 29 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2500 Roma, 29 gennaio 2015 ALLE ASSOCIAZIONI E AI SINDACATI TERRITORIALI ALLE UNIONI REGIONALI AI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA AI COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 4 I SISTEMI DI CALCOLO DELLA PENSIONE RETRIBUTIVO E CONTRIBUTIVO.

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

NOVITA SULLE PENSIONI DAL 2015

NOVITA SULLE PENSIONI DAL 2015 NOVITA SULLE PENSIONI DAL 2015 ANCORA SUGLI GLI AUMENTI PER IL 2015 Si tratta di un aumento davvero irrisorio quello che a gennaio i pensionati ricevono della cosiddetta perequazione automatica l ex scala

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in Che cos è? Il Trattamento di Fine Rapporto (la cosiddetta liquidazione ) è una somma aggiuntiva che viene corrisposta dal datore di lavoro al proprio dipendente al termine del rapporto di lavoro. Questo

Dettagli

FACCIAMO CHIAREZZA SULLA QUESTIONE TFR A cura di Alberto Anelli Fabi Cosenza Coordinatore Fabi Intesa Sanpaolo Area Calabro-Lucana

FACCIAMO CHIAREZZA SULLA QUESTIONE TFR A cura di Alberto Anelli Fabi Cosenza Coordinatore Fabi Intesa Sanpaolo Area Calabro-Lucana FACCIAMO CHIAREZZA SULLA QUESTIONE TFR A cura di Alberto Anelli Fabi Cosenza Coordinatore Fabi Intesa Sanpaolo Area Calabro-Lucana Buona parte dei dati sono stati tratti da fonte Governativa certa (www.tfr.gov.it)

Dettagli

RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE?

RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE? RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE? La possibilità, per i lavoratori dipendenti ed autonomi, di riscattare, ai fini pensionistici, il periodo di studi universitari necessario al conseguimento

Dettagli

S.U. L. P. M. S.U. L. P. L. UFFICIO STUDI S.U.L.P.M. SINDACATO UNITARIO LAVORATORI POLIZIA MUNICIPALE. Ufficio studi e formazione quadri sindacali

S.U. L. P. M. S.U. L. P. L. UFFICIO STUDI S.U.L.P.M. SINDACATO UNITARIO LAVORATORI POLIZIA MUNICIPALE. Ufficio studi e formazione quadri sindacali S.U. L. P. M. S.U. L. P. L. UFFICIO STUDI S.U.L.P.M. SINDACATO UNITARIO LAVORATORI POLIZIA MUNICIPALE Ufficio studi e formazione quadri sindacali VADEMECUM PENSIONI DAL 2012-1 - Per poter andare in pensione,

Dettagli

FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA

FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA MI MANCANO POCHI ANNI DI LAVORO AL PENSIONAMENTO. MI CONVIENE ISCRIVERMI AD UNA FORMA PENSIONSITICA COMPLEMENTARE? Non esistono reali controindicazioni all'adesione

Dettagli

Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare

Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare 26 gennaio 2015 Quali cambiamenti sono disciplinati dalla Legge di Stabilità 1 1. Da marzo 2015

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 Documento sul regime fiscale Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 aggiornato il 24 settembre 2015 Sommario 1 Regime fiscale dei contributi... 3 2 Regime fiscale della

Dettagli

LA PENSIONE DEI DOCENTI UNIVERSITARI DOPO LA RIFORMA MONTI-FORNERO

LA PENSIONE DEI DOCENTI UNIVERSITARI DOPO LA RIFORMA MONTI-FORNERO LA PENSIONE DEI DOCENTI UNIVERSITARI DOPO LA RIFORMA MONTI-FORNERO Paolo Gianni (Comm. Sindacale CNU) Premessa Data la complessità delle norme che regolano l erogazione della pensione ed i requisiti per

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA CASSA FORENSE La Cassa di Previdenza Forense è stata trasformata in ente con personalità giuridica di diritto privato con

Dettagli

Rassegna Stampa. Venerdì 17 Gennaio 2014

Rassegna Stampa. Venerdì 17 Gennaio 2014 Rassegna Stampa 17 Gennaio 2014 Sommario Testata Data Pag. Titolo p. 1. Previdenza Sole 24 Ore (Il) 21 Previdenza - Contribuzione sugli arretrati «da sentenza» (Venanzi Fabio) Sole 24 Ore (Il) 20 Pensioni

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

Blocco della scala mobile sulle pensioni per gli anni 2012 e 2013

Blocco della scala mobile sulle pensioni per gli anni 2012 e 2013 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 121 Maggio 2015 Blocco della scala mobile sulle pensioni per gli anni 2012 e 2013 DECRETO-LEGGE 21 maggio 2015, n. 65 E stato pubblicato sulla Gazzetta

Dettagli

Docente: Domenico Comegna

Docente: Domenico Comegna Docente: Domenico Comegna Risorse destinate al Welfare ITALIA 26,5% PIL UE (15 paesi) 27,2% PIL Risorse destinate al Welfare Pensioni Sanità Famiglia Ammortizzatori Altre e disabilità Sociali voci GERMANIA

Dettagli

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in Il TFR TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Che cos è? Il Trattamento di Fine Rapporto (la cosiddetta liquidazione ) è una somma aggiuntiva che viene corrisposta dal datore di lavoro al proprio dipendente al termine

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO PENSIONI: DAL 1 GENNAIO 2012 è CAMBIAto TUTTO Una nuova riforma pensionistica L evoluzione demografica ha determinato un aumento esponenziale del numero dei pensionati rispetto

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

LA RETRIBUZIONE: CALCOLO E DESTINAZIONE DEL TFR Cap. IV-4B

LA RETRIBUZIONE: CALCOLO E DESTINAZIONE DEL TFR Cap. IV-4B International Association of Lions and Leo Clubs Distretto 108-Ia1 IL LAVORO E L IMPRESA LA RETRIBUZIONE: CALCOLO E DESTINAZIONE DEL TFR Cap. IV-4B illustrazione di Gianni Chiostri Comitato Assise Italo

Dettagli

Blocco della perequazione e Contributo di solidarietà delle pensioni INPS (Ex- INPDAP) Perequazione delle pensioni ENPAM

Blocco della perequazione e Contributo di solidarietà delle pensioni INPS (Ex- INPDAP) Perequazione delle pensioni ENPAM Blocco della perequazione e Contributo di solidarietà delle pensioni INPS (Ex- INPDAP) Perequazione delle pensioni ENPAM INDICE Blocco della perequazione delle pensioni INPS ( Ex- INPDAP) Slide 3 Decreto

Dettagli

di Patrizia Della Serra

di Patrizia Della Serra TFR E FONDI PENSIONE COSA CAMBIA PER LE AZIENDE di Patrizia Della Serra Risorse Umane >> Fondi pensione Sommario Premessa...3 Il Tfr fino al 31 dicembre 2006...4 Il Tfr dall'1 gennaio 2007...4 Agevolazioni

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

Blocco della perequazione e Contributo di solidarietà delle pensioni INPS (Ex- INPDAP) Perequazione delle pensioni ENPAM

Blocco della perequazione e Contributo di solidarietà delle pensioni INPS (Ex- INPDAP) Perequazione delle pensioni ENPAM Blocco della perequazione e Contributo di solidarietà delle pensioni INPS (Ex- INPDAP) Perequazione delle pensioni ENPAM INDICE Blocco della perequazione delle pensioni INPS ( Ex- INPDAP) Slide 3 Decreto

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI TFR IN BUSTA PAGA

LE GUIDE DELLA FABI TFR IN BUSTA PAGA LE GUIDE DELLA FABI TFR IN BUSTA PAGA 1 Il Consiglio di Stato, nella seduta del 12 febbraio 2015, ha dato il via libera al Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri che regola le modalità con

Dettagli

Le pensioni nel 2006

Le pensioni nel 2006 Le pensioni nel 2006 Proponiamo il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Il 1 gennaio 2007 è entrato in vigore il d. lgs. 252/05 e i lavoratori, compresi i soci delle cooperative di lavoro, avranno 6 mesi

Dettagli

Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE

Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE SPECIALE/ottobre 2011 a cura di Antonio Marchini www.fpcgil.it Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE...1 Coefficienti di trasformazione

Dettagli

Manovra Finanziaria 2010:

Manovra Finanziaria 2010: Manovra Finanziaria 2010: Confermati i tagli agli enti locali. Blocco degli stipendi per gli statali. Dal 2015 si alza l età per la pensione. Pensioni Dal 2015 i requisiti di età e la somma tra età e contributi

Dettagli

RIFORMA DELLE PENSIONI

RIFORMA DELLE PENSIONI RIFORMA DELLE PENSIONI I punti principali La proposta di legge delega di riforma del sistema previdenziale approvata dal Governo si propone di raggiungere due obiettivi, largamente condivisi a livello

Dettagli

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale In attesa che sia definitivamente approvato dal Parlamento il Decreto salva Italia, forniamo una sintesi dei contenuti

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

44 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE

44 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE 44 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE 44.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie riorganizzazioni e ristrutturazione del Gruppo Sanpaolo, hanno reso necessaria

Dettagli

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE Via di S. Croce in Gerusalemme, 63 00185 Roma Tel. +039 06 77205055 Fax 06 77591946 www.artifond.it FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE a) GENERALITÀ SUL FONDO CHE COS È UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE?

Dettagli

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PERSEO, il Fondo pensione complementare dei dipendenti delle Regioni, Autonomie locali e della Sanità Chi può aderire PERSEO può contare su una platea di potenziali

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.L. 21 maggio 2015, n. 65 (1). Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR. (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 21 maggio 2015, n. 116. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici Articolo 24 Dl 6.12.2011 1. Si tratta di una riforma non concertata, ma imposta, cosa che peraltro accade dal 2007, quando fu firmato

Dettagli

VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE

VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE (a cura dell'avv. Rosario Tucci - Responsabile Dipartimento dell'a.i.g.a. sulla Previdenza Forense) La

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego I Fondi pensione nel pubblico impiego I scheda Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione

Dettagli

TESTO DEL DECRETO-LEGGE COMPRENDENTE LE

TESTO DEL DECRETO-LEGGE COMPRENDENTE LE Decreto-legge 21 maggio 2015, n. 65, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 116 del 21 maggio 2015. TESTO DEL DECRETO-LEGGE TESTO DEL DECRETO-LEGGE COMPRENDENTE LE MODIFICAZIONI APPORTATE DALLA CAMERA

Dettagli

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi C era una volta. Le pensioni ieri ed oggi Dalla riforma Amato a Monti. I fondamentali della previdenza Piramide società Spesa Protezione sociale Speranza di vita Rapporto attivi/non attivi L invecchiamento

Dettagli

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa Fondo Pensione per i lavoratori dipendenti dalle imprese della distribuzione cooperativa Iscritto all Albo dei Fondi Pensione con il numero d ordine 102 Previcooper, il fondo pensione della distribuzione

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

BLOCK NOTES. SUPPLEMENTO informativo DI fabi UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT

BLOCK NOTES. SUPPLEMENTO informativo DI fabi UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT BLOCK NOTES SUPPLEMENTO informativo DI fabi UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT Aggiornamento n 1 Gennaio 2011 13 SOMMARIO 1 Modalità per Il riscatto della laurea ai fini INPS...3 2 Condizioni per

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993.

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993. Dossier riforma TFR Inizia il conto alla rovescia per la nuova disciplina sul TFR, che dovrebbe contribuire ad alimentare la previdenza complimentare. Con lo schema di decreto legislativo previsto dalla

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (A) Regime fiscale applicabile agli iscritti a partire dal 1 gennaio 2007ed ai contributi versati dal 1 gennaio 2007dai lavoratori già iscritti 1. I Contributi 1.1 Il regime

Dettagli

IL GENIO DEL SALVADANAIO

IL GENIO DEL SALVADANAIO IL GENIO DEL SALVADANAIO L importanza di un Fondo Pensione per i giovani. Al tuo fianco, ogni giorno 6 ANNI L ISCRIZIONE AL FONDO PENSIONE Chiara ha 6 anni e il padre ha deciso di regalarle il Genio del

Dettagli

Ci sono dati significativi del sistema previdenziale pubblico italiano che è bene conoscere e valutare nella loro crudezza. Tanti governi (Berlusconi

Ci sono dati significativi del sistema previdenziale pubblico italiano che è bene conoscere e valutare nella loro crudezza. Tanti governi (Berlusconi Ci sono dati significativi del sistema previdenziale pubblico italiano che è bene conoscere e valutare nella loro crudezza. Tanti governi (Berlusconi e Monti) si sono esercitati nel demolire via via la

Dettagli

Documento Sul Regime Fiscale

Documento Sul Regime Fiscale 2015 Documento Sul Regime Fiscale Il presente documento illustra sinteticamente il regime fiscale in vigore a decorrere dall 1 gennaio 2007, alla luce delle disposizioni dell Agenzia delle Entrate (Circolare

Dettagli

QUESITI AL DR. FRACARO CORR.SERA TOTALIZZ. E CONTRIBUZIONI MISTE http://forum.corriere.it/i_nostri_soldi/

QUESITI AL DR. FRACARO CORR.SERA TOTALIZZ. E CONTRIBUZIONI MISTE http://forum.corriere.it/i_nostri_soldi/ QUESITI AL DR. FRACARO CORR.SERA TOTALIZZ. E CONTRIBUZIONI MISTE http://forum.corriere.it/i_nostri_soldi/ giuliana giovedì, 24 ottobre 2013 CALCOLO BUONGIORNO DOTT. FRACARO SONO NATA NEL 1956 HO LAVORATO

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO

ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO REGOLAMENTO DI RIFORMA DEL FONDO PER L'INTEGRAZIONE DEL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA E PREVIDENZA DEL PERSONALE DELL I.S.R.E. DI CUI

Dettagli

L IMPATTO DELLE MISURE SUL TFR CONTENUTE NELLA LEGGE DI STABILITA PER IL 2015 *

L IMPATTO DELLE MISURE SUL TFR CONTENUTE NELLA LEGGE DI STABILITA PER IL 2015 * L IMPATTO DELLE MISURE SUL TFR CONTENUTE NELLA LEGGE DI STABILITA PER IL 2015 * La legge di stabilità per il 2015 interviene pesantemente sulla tassazione del TFR, secondo tre modalità differenti: 1. TFR

Dettagli

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PENSIONI 2013 PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE IL DECRETO PER LA PEREQUAZIONE AUTOMATICA DELLE PENSIONI 2012 E 2013 La perequazione automatica - o rivalutazione

Dettagli

Molti aderenti ci hanno posto alcuni quesiti sul tema pensionistico/liquidativo:

Molti aderenti ci hanno posto alcuni quesiti sul tema pensionistico/liquidativo: Nonostante la riforma Fornero qualcuno riesce ancora ad andare in pensione. Come si inserisce il Fondo Pensione in questa eventualità, quali sono le scelte che è possibile ed è meglio fare. Molti aderenti

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE INA ASSITALIA STATO MAGGIORE DELLA DIFESA AUTO SALUTE E BENESSERE CASA E FAMIGLIA RISPARMIO E INVESTIMENTO PENSIONE E PREVIDENZA

OFFERTA COMMERCIALE INA ASSITALIA STATO MAGGIORE DELLA DIFESA AUTO SALUTE E BENESSERE CASA E FAMIGLIA RISPARMIO E INVESTIMENTO PENSIONE E PREVIDENZA OFFERTA COMMERCIALE INA ASSITALIA INA ASSITALIA, Compagnia del Gruppo Generali, è una grande realtà nel mondo assicurativo italiano con oltre 2,5 milioni di Clienti ed una rete costituita da circa 300

Dettagli

FAQ su RGP (Nuovo Regolamento Generale di Previdenza) ormai ufficialmente approvato

FAQ su RGP (Nuovo Regolamento Generale di Previdenza) ormai ufficialmente approvato N. 8/2012 DELEGATO INARCASSA PROV. DI MACERATA DOTT. ING. BRODOLINI MARIO-FRANCESCO VIA VENIERI N. 1 62019 RECANATI (MC) TEL/FAX/Q 071981237 E-MAIL: m.brodolini@fastnet.it FAQ su RGP (Nuovo Regolamento

Dettagli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti SISTEMI PENSIONISTICI A RIPARTIZIONE I contributi lavoratore versati servono oggidal pagare oggile pensioni a essere

Dettagli

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni La nuova Previdenza: riforma e offerta Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni Previdenza: situazione attuale 140 Alcuni fattori rilevanti: 120 100 80 22 2015 pensionamento persone nate

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

UNIPOL FUTURO PRESENTE

UNIPOL FUTURO PRESENTE Unipol Futuro Presente Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Iscritto all albo tenuto dalla Covip con il n. 5050 UNIPOL FUTURO PRESENTE Documento sul regime fiscale Il presente

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE?

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? QUESITI E SOLUZIONI SULLA PREVIDENZA INTEGRATIVA. SPECIALE LAVORATORI DIPENDENTI LA PREVIDENZA? È CAMBIATA Le modifiche introdotte dalla Riforma Dini

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015)

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Camera dei Deputati Audizione informale Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 Giugno 2015 XI Commissione Lavoro

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede Legale: Viale A. Marchetti, 111 00148 Roma Uffici: Piazza Fernando de Lucia, 37 00139 Roma Telefono: 06/88291308 Telefax: 06/8803298

Dettagli

Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa

Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa SILENZIO/ASSENSO E TFR ALL INPS Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa di Giovanni Maggiorano Risorse Umane >> Fondi pensione Sommario Introduzione...3 Tre le ipotesi percorribili...4

Dettagli

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche I docenti delle Università pubbliche, in quanto dipendenti civili dello Stato, sono iscritti alla cassa per i trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS), istituita il 1 gennaio 1996 come

Dettagli

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali 2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali RIFORMA TFR E PREVIDENZA INTEGRATIVA Sarebbero dovute entrare in vigore il prossimo anno, il 2008. Con un anno di anticipo,

Dettagli

FNP CISL Milano. Quando si lavora dopo la pensione. Quando il cumulo è consentito. Numero 99 Settembre 2014

FNP CISL Milano. Quando si lavora dopo la pensione. Quando il cumulo è consentito. Numero 99 Settembre 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 99 Settembre 2014 Quando si lavora dopo la pensione "Il lavoro allontana da noi tre grandi mali: la noia, il vizio ed il bisogno"! A questa massima

Dettagli

Le informazioni sulla propria situazione contributiva e previdenziale

Le informazioni sulla propria situazione contributiva e previdenziale Check-up Pensione - Servizio di ricognizione dei contributi versati presso l Inps Check-up - Calcolo P Check-up settimane Pensione utili - Servizio ai fini di pensionistici ricognizione dei contributi

Dettagli

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011 Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Decreto Salva Italia: le novità in materia di pensione Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla

Dettagli

http://www.normattiva.it/do/atto/export

http://www.normattiva.it/do/atto/export Pagina 1 di 7 DECRETO-LEGGE 21 maggio 2015, n. 65 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR. (15G00081) Vigente al: 21-7-2015 Capo I IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

1 di 10 23/07/2015 12:16. DECRETO-LEGGE 21 maggio 2015, n. 65

1 di 10 23/07/2015 12:16. DECRETO-LEGGE 21 maggio 2015, n. 65 1 di 10 DECRETO-LEGGE 21 maggio 2015, n. 65 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR. (15G00081) Vigente al: 23-7-2015 Capo I IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015 Camera dei Deputati XI Commissione Lavoro pubblico e privato Audizione D.L. n. 65/2015 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 giugno 2015 Premessa Il

Dettagli

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Quadro giuridico di riferimento Livello di contribuzione Calcolo della prestazione (retributivo, misto e contributivo) Esempi di calcolo

Dettagli

Avv. Vittorio Nista, patrocinante in Cassazione. Avv. Virginio Nista.

Avv. Vittorio Nista, patrocinante in Cassazione. Avv. Virginio Nista. V V STUDIO LEGALE NISTA N - Poggio Imperiale (FG) via De Cicco 32, tel. e fax 0882994224 - - San Severo (FG) C.so L. Mucci 132, tel. e fax 0882373459 - Avv. Vittorio Nista, patrocinante in Cassazione.

Dettagli

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE Informazioni generali Lo scopo La costruzione della pensione complementare Il modello di governance La contribuzione Il TFR La quota a carico dell

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 4 Cara lavoratrice, caro lavoratore come certamente saprai, dal primo gennaio è

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

IntegrazionePensionisticaAurora

IntegrazionePensionisticaAurora IntegrazionePensionisticaAurora Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Iscritto all albo tenuto dalla Covip con il n. 5034 IntegrazionePensionisticaAurora Documento sul regime

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese 23 domande 23 risposte Oggi un progetto per il futuro Avvertenza: Il presente opuscolo ha carattere divulgativo e non

Dettagli

Penalizzati per legge. Un piano pensione pubblico molto più oneroso di uno privato

Penalizzati per legge. Un piano pensione pubblico molto più oneroso di uno privato La Gestione Separata INPS Penalizzati per legge. Un piano pensione pubblico molto più oneroso di uno privato Silvestro De Falco Roma aprile 2011 www.actainrete.it Che cos è la Gestione Separata La gestione

Dettagli