PRINCIPALI NOVITA FISCALI 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRINCIPALI NOVITA FISCALI 2015"

Transcript

1 PRINCIPALI NOVITA FISCALI 2015 Legge di Stabilità 2015 (Legge n.190 del 23/12/2014, in vigore dal 01/01/2015) Decreto Semplificazioni fiscali (D.Lgs. n.175 del 21/11/2014 pubblicato in G.U. n.277 del 28/11/2014) Decreto Sblocca Italia (D. L. n.133 del 12/09/2014 convertito dalla Legge n.164/2014) Decreto Renzi (D. L. n.66 del 24/04/2014 convertito dalla Legge n.89/2014) Decreto Competitività (D. L. n.91 del 24/06/2014 convertito dalla Legge n.116/2014) MERCOLEDI 11 FEBBRAIO 2015

2 ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 2

3 Sommario PRINCIPALI NOVITA FISCALI... 5 SPLIT PAYMENT PER FATTURE EMESSE AGLI ENTI PUBBLICI... 5 ESTENSIONE REVERSE CHARGE... 9 ESTENSIONE REGIME IVA ROTTAMI ALLA CESSIONE DEI PALLET PROROGA DETRAZIONE LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA PROROGHE DETRAZIONI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE PROROGA DETRAZIONE INTERVENTO DI RECUPERO PATRIMONIO EDILIZIO PROROGA DETRAZIONE IMMOBILI RISTRUTTURATI CEDUTI DA IMPRESE PROROGA DETRAZIONE PER L ACQUISTO BOX - POSTI AUTO PERTINENZIALI PROROGA DETRAZIONE SPESE PER L ADOZIONE DI MISURE ANTISISMICHE PROROGA DETRAZIONE ACQUISTO MOBILI / ELETTRODOMESTICI AGEVOLAZIONE IRPEF ACQUISTO / COSTRUZIONE DI ABITAZIONI DESTINATE ALLA LOCAZIONE INDIVIDUAZIONE ABITAZIONI NON DI LUSSO ABOLIZIONE RESPONSABILITA SOLIDALE FISCALE APPALTI RIMBORSO CREDITO IVA (ANNUALE/TRIMESTRALE) NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO CANCELLAZIONE SOCIETA E RESPONSABILITA LIQUIDATORI MODIFICA DISCIPLINA SOCIETA IN PERDITA SISTEMATICA NOVITA IRAP MODIFICHE ACE (AIUTO ALLA CRESCITA ECONOMICA) RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI POSSEDUTI DA PRIVATI ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 3

4 AUMENTO TASSAZIONE RENDITE FINANZIARIE, CAPITAL GAIN E DIVIDENDI AGEVOLAZIONE INVESTIMENTI (TREMONTI QUATER) MORATORIA PAGAMENTO MUTUI/FINANZIAMENTI RIFINANZIAMENTO SABATINI BIS NOTE DI ACCREDITO IVA PER CREDITI VERSO PROCEDURE CONCORSUALI TRATTAMENTO IVA OMAGGI MODIFICHE CODICE CIVILE IN MATERIA SOCIETARIA (COLLEGIO SINDACALE) ALTRI ARGOMENTI DI INTERESSE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AUTOTRASPORTO IMPOSTE DIRETTE: DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI NUOVO REATO DI AUTORICICLAGGIO : BREVE SINTESI TASSO D INTERESSE LEGALE Aggiornato al 9 febbraio 2015 ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 4

5 PRINCIPALI NOVITA FISCALI SPLIT PAYMENT PER FATTURE EMESSE AGLI ENTI PUBBLICI Legge di Stabilità 2015 (art. 1, commi 629 lett. b e c ) È stato introdotto un nuovo meccanismo per il versamento dell IVA all Erario, c.d. Split Payment, per le cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate nei confronti di Enti Pubblici. Questo nuovo meccanismo prevede che l IVA addebitata in fattura, per le cessioni di beni/prestazioni di servizi effettuate nei confronti di Enti Pubblici, sia versata dallo stesso Ente Pubblico direttamente all Erario, anziché al fornitore. Si applica alle operazioni per le quali è stata emessa fattura a decorrere dal 01/01/2015. SOGGETTI INTERESSATI ALLO SPLIT PAYMENT Il nuovo meccanismo interessa le fatture emesse nei confronti dello: Stato Organi dello Stato anche se aventi personalità giuridica Enti Pubblici territoriali e rispettivi consorzi CCIAA Istituti universitari ASL ed enti ospedalieri Enti Pubblici di ricovero e cura con prevalente carattere scientifico, di assistenza, beneficenza e di previdenza Si tratta in pratica degli stessi enti già destinatari delle norme in materia di IVA ad esigibilità differita di cui all articolo 6, 5 comma, DPR 633/1972. Trattandosi di un elencazione tassativa, lo split payment non è applicabile nei confronti altri soggetti diversi da quelli sopra elencati (quali, ad esempio le società a prevalente partecipazione pubblica, etc.). ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 5

6 Per una più puntuale individuazione dei soggetti pubblici destinatari della disciplina la circolare del 09/02/2015 n.1/e ha suggerito di avvalersi dell ausilio dell indice delle Pubbliche Amministrazioni consultabile al seguente indirizzo: Tale meccanismo si applica a tutti gli acquisti effettuati dai suddetti enti sia che agiscano nella loro veste istituzionale (quindi, senza soggettività passiva IVA), che in quella commerciale (come soggetti passivi IVA, al pari delle imprese). ESCLUSIONI Il nuovo meccanismo non si applica alle fatture emesse da: lavoratori autonomi che prestano servizi assoggettati a ritenuta IRPEF; fornitori che effettuano operazioni soggette al meccanismo del reverse charge. ASPETTI OPERATIVI La fattura dovrà continuare ad esporre l IVA e dovrà recare l annotazione "Scissione dei pagamenti, come evidenziate nel fac-simile di fattura sotto riportato. XYZ srl Spett.le Comune di Verona Fattura n x del 07/01/2015 Imponibile: Euro Iva (10%): Euro Totale fattura: Euro IVA versata dall Ente Pubblico ex art. 17-ter, DPR n. 633/72 Euro Netto a pagare Euro Operazione con scissione dei pagamenti In sintesi: Il fornitore: emette fattura all Ente Pubblico con addebito dell IVA. In fattura va inserita la seguente pagamenti ; annotazione Scissione dei ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 6

7 L Ente Pubblico: effettua 2 distinti pagamenti: 1) versa al fornitore il corrispettivo della cessione di beni/servizi senza IVA; 2) versa all Erario l IVA Nella contabilità generale, al fine di stornare l IVA a debito che dovrà essere versata dall Ente Pubblico si potrà procedere seguendo uno dei due metodi alternativi sotto riportati. METODO 1 Crediti verso Comune di Verona a Diversi Ricavi da servizi Iva (10%) split payment Storno dell iva contestualmente alla registrazione della fattura Crediti verso Comune di Iva (10%) split payment a Verona All atto del pagamento della fattura Banca c/c a Crediti verso Comune di Verona METODO 2 Diversi a Diversi Crediti verso Comune di Verona Storno Iva (10%) - split payment Ricavi da servizi Iva (10%) - split payment All atto del pagamento della fattura Banca c/c a Crediti verso Comune di Verona Ai fini delle registrazioni IVA: la fattura dovrà essere registrata nel registro IVA delle fatture emesse. In sede di liquidazione periodica, l IVA addebitata in fattura e non incassata non dovrà concorrere alla determinazione del saldo IVA del periodo. L adeguamento dei software contabili faciliterà tali registrazioni. Sarà necessario un adeguamento dei software gestionali che dovranno prevedere apposita causale o codifica di registrazione. ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 7

8 DECORRENZA NUOVE DISPOSIZIONI Quanto sopra esaminato trova applicazione per le operazioni fatturate a partire dal 1 gennaio 2015, pertanto rileva, ai fini dell applicazione dello split payment, la data di emissione della fattura. NON saranno quindi interessate dal provvedimento le fatture con IVA ad esigibilità differita emesse fino al 31/12/2014, anche se incassate successivamente al 01/01/2015. Fatture con IVA ad esigibilità differita emesse fino al 31/12/2014 Incasso fattura entro il 31/12/2014 IVA a debito in capo al fornitore (concorre al saldo della liquidazione Incasso fattura dal 01/01/2015 periodica) Fatture emesse dall 01/01/2015 IVA non corrisposta al fornitore ma versata all Erario dall Ente Pubblico RIMBORSO CREDITO IVA Per effetto di tale meccanismo, i soggetti che lavorano in via prevalente con gli Enti Pubblici - non incassando l IVA - subiranno un aumento strutturale del credito IVA verso l Erario. Per limitare tale situazione, è stato previsto l inclusione delle operazioni in esame tra quelle che consentono di richiedere il rimborso del credito IVA (annuale o trimestrale) in base al requisito dell aliquota media. È riconosciuto inoltre il rimborso in via prioritaria, limitatamente al credito rimborsabile relativo a tali operazioni. SANZIONI La circolare del 09/02/2015 n.1/e ha precisato che, in considerazione dell incertezza in materia possono essere fatti salvi i comportamenti finora adottati dai contribuenti, ai quali, pertanto, non dovranno essere applicate sanzioni per le violazioni eventualmente commesse anteriormente al 9 febbraio 2015 (data di emanazione della circolare). La medesima circolare ha inoltre chiarito che ove il fornitore abbia erroneamente emesso fattura con l annotazione scissione dei pagamenti, lo stesso dovrà correggere il proprio operato ed esercitare la rivalsa nei ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 8

9 modi ordinari. In tal caso le pubbliche amministrazioni dovranno corrispondere al fornitore anche l IVA relativa all operazione ricevuta. ESTENSIONE REVERSE CHARGE Legge di Stabilità 2015 (art. 1,commi 629 lett.a ) A decorrere dal sono state ampliate le casistiche delle operazioni soggette ad inversione contabile. Il reverse charge è stato esteso: alle prestazioni di servizi di pulizia, demolizione, installazione di impianti e completamento, relative ad edifici. Non è previsto che le prestazioni formino oggetto di contratto di subappalto, né che il committente sia un soggetto che opera nel settore edile (art. 17, comma 6, lett. a-ter) DPR 633/1972). Sul punto si attendono i necessari chiarimenti da parte dell Amministrazione Finanziaria; ad alcune prestazioni del settore energetico, fino al L estensione è stata inserita anche alle cessioni di beni effettuate nei confronti di ipermercati, supermercati e discount alimentari ma per la loro applicazione serve il rilascio di un apposita autorizzazione UE. NUOVE FATTISPECIE DI APPLICAZIONE DEL REVERSE CHARGE Art. 17, c.6, DPR n.633/72 Decorrenza Operazioni interessate Lett. a-ter) Dall 01/01/2015 Prestazioni di servizi relative ad edifici (pulizia, demolizione, installazione di impianti e completamento) Lett. d-bis Trasferimento di quote di emissioni di gas ad effetto serra Lett. d-ter) Trasferimenti di altre unità che possono Dall 01/01/2015 essere utilizzate dai gestori e di certificati al 31/12/2018 relativi a gas ed energia elettrica Lett. d-quater) Cessioni di gas e di energia elettrica ad un soggetto passivo rivenditore Lett. d- quinquies) Previa autorizzazione UE Cessioni di beni nei confronti di supermercati e discount alimentari ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 9

10 NOVITA RIGUARDANTI IL SETTORE EDILE Dal 2015 l applicazione del reverse charge è stata estesa alle prestazioni di servizi di pulizia, di demolizione, di installazione di impianti e di completamento relative ad edifici, rese a soggetti passivi IVA operanti in qualunque settore (art. 17, comma 6, lett. a-ter) DPR 633/1972). Fino al 2014 (in base all art. 17, comma 6, lett. a) DPR 633/1972) tali prestazioni erano soggette al reverse charge alle seguenti condizioni: doveva trattarsi di una prestazione di servizi edili resa nell ambito di un contratto di subappalto (non di appalto), sia su edifici che su altre strutture (strade, ponti, etc.); il settore edile era stato individuato (circolare n.37/e del 29/12/2006), con riferimento alle attività riconducibili ai codici previsti nella sezione F Costruzioni della tabella ATECOFIN (ATECO 2007); subappaltatore e appaltatore dovevano svolgere un attività riconducibile ad un codice ricompreso nel settore F Costruzioni della classificazione ATECO (non aveva rilievo l attività svolta dal committente). Ora, dal 01/01/2015, le prestazioni di servizi di pulizia, di demolizione, di installazione di impianti e di completamento relative ad edifici, rese nei confronti di un soggetto passivo IVA, rientrano nel reverse charge a prescindere: dalla tipologia contrattuale (appalto, subappalto o contratto d opera); dalla tipologia di attività svolta dai soggetti che intervengono nell operazione. La nuova disposizione (lett. a-ter: prestazioni di servizi di pulizia, di demolizione, di installazione di impianti e di completamento relative ad edifici ) prevale rispetto alla precedente lett. a, comma 6, art. 17 relativa ai subappalti in edilizia. In pratica, sarà necessario esaminare prima se la prestazione è ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 10

11 assoggettabile al reverse charge in base al disposto della lett. a-ter); se non assoggettabile, si dovrà verificare se all operazione è applicabile il reverse charge previsto dalla lett. a) comma 6 dell art. 17 (subappalti edilizia) 1. Rimane inteso che, se tali prestazioni sono relative ad una struttura diversa dall edificio (ponti, strade, ecc.), il reverse charge è applicabile solo se la prestazione è resa in presenza di un contratto di subappalto (lett. a, comma 6, art. 17). Le prestazioni di servizi rientranti nella nuova lettera a- ter) fanno riferimento all edificio; sulla definizione di edificio si attendono le precisazioni da parte dell Amministrazione Finanziaria, così come si attendono i chiarimenti in merito all individuazione delle prestazioni di completamento. In mancanza di interpretazioni ufficiali da parte dell Agenzia delle Entrate, l ANCE ritiene che l individuazione delle singole prestazioni da assoggettare al nuovo reverse charge, possa essere desunta dalla classificazione Ateco, con esclusivo riferimento alle attività che sono relative agli edifici. Sulla base di tali primi orientamenti si ritiene che le prestazioni interessate dalla nuova disposizione sono quelle riconducibili ai seguenti codici Ateco: 1 Art. 17 comma 6 DPR 633/1972 (testo in vigore dal 1 gennaio 2015) Le disposizioni di cui al quinto comma (leggi: reverse charge) si applicano anche: a) alle prestazioni di servizi, diversi da quelli di cui alla lettera a-ter), compresa la prestazione di manodopera, rese nel settore edile da soggetti subappaltatori nei confronti delle imprese che svolgono l attività di costruzione o ristrutturazione di immobili ovvero nei confronti dell appaltatore principale o di un altro subappaltatore. La disposizione non si applica alle prestazioni di servizi diversi da quelli di cui alla lettera a-ter) rese nei confronti di un contraente generale a cui venga affidata dal committente la totalità dei lavori; a-ter) alle prestazioni di servizi di pulizia, di demolizione, di installazione di impianti e di completamento relative ad edifici; ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 11

12 43.39 Pulizia di nuovi edifici dopo la costruzione Pulizia a vapore, sabbiatura e attività simili per pareti esterne di edifici PULIZIA Pulizia generale (non specializzata) di edifici Altre attività di pulizia specializzata di edifici e di impianti e macchinari industriali DEMOLIZIONE Demolizione Installazione di impianti elettrici in edifici o in altre opere di costruzione (inclusa manutenzione e riparazione) Installazione di impianti elettronici (inclusa manutenzione e riparazione) Installazione di impianti idraulici, di riscaldamento e di condizionamento dell aria (inclusa manutenzione e riparazione) in edifici o in altre opere di costruzione IMPIANTI Installazione di impianti per la distribuzione del gas (inclusa manutenzione e riparazione) Installazione di impianti di spegnimento antincendio (inclusi quelli integrati e la manutenzione e riparazione) Installazione di impianti di depurazione per piscine (inclusa manutenzione e riparazione) Installazione di impianti di irrigazione per giardini (inclusa manutenzione e riparazione) Installazione, riparazione e manutenzione di ascensori e scale mobili Intonacatura e stuccatura Posa in opera di casseforti, forzieri, porte blindate, infissi, arredi, pareti mobili e simili COMPLETAMENTO Rivestimento di pavimenti e di muri Tinteggiatura e posa in opera di vetri Attività non specializzate di lavori edili muratori Altri lavori di completamento e di finitura degli edifici n.c.a. Ad avviso dell ANCE, l applicazione del reverse charge sembrerebbe potersi escludere per le seguenti attività: preparazione del cantiere (in quanto più che altro riferibile alla fase propedeutica alla costruzione e non a quella di completamento); trivellazione e perforazione (in quanto non strettamente riferite ad edifici); realizzazione di coperture (in quanto non ricomprese nelle attività di completamento e forse più propriamente riconducibili all attività di costruzione vera e propria); ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 12

13 43.99 noleggio a caldo di attrezzature e macchinari. Sul punto, inoltre, occorre chiarire se nel concetto di installazione di impianti vada ricompresa anche la manutenzione e riparazione, così come indicato nei codici ATECO, oppure se debba prevalere un interpretazione letterale della lett. a-ter, del citato art.17, che prevede il reverse charge solo per l installazione degli impianti, senza menzionare anche le prestazioni di manutenzione e riparazione degli stessi. ESTENSIONE REGIME IVA ROTTAMI ALLA CESSIONE DEI PALLET Legge di Stabilità (art. 1,comma 629 lett.d) La legge di Stabilità, modificando il comma 7, dell art.74, DPR n. 633/1972, ha esteso anche alle cessioni dei bancali in legno (pallet), recuperati a cicli di utilizzo successivo al primo, il regime proprio della cessione dei rottami. Pertanto a decorrere dall 01/01/2015, tali cessioni sono imponibili IVA con applicazione dell imposta da parte dell acquirente mediante il meccanismo del reverse charge. PROROGA DETRAZIONE LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Legge di Stabilità (art. 1,comma 47 lett.a) Decreto Semplificazioni fiscali (art. 12) La Legge di Stabilità 2015 ha prorogato al 31/12/2015 nella misura del 65% la detrazione IRPEF/IRES relativa ai lavori di riqualificazione energetica degli edifici esistenti, anche con riferimento alle spese relative ad interventi su parti comuni condominiali o che interessano tutte le unità immobiliari che compongono il condominio. Dal 01/01/2016 (salvo ulteriore proroghe) la detrazione fiscale prevista per i lavori di riqualificazione energetica spetterà nella misura ridotta del 36%. La medesima legge ha inoltre: esteso la detrazione IRPEF/IRES del 65% alle spese sostenute, dal 01/01/2015 al 31/12/2015, per: ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 13

14 - acquisto e posa in opera di schermature solari di cui all allegato M del D.Lgs 311/2006, nel limite di (corrispondente ad un limite massimo di spesa di ); - acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, nel limite di (corrispondente ad un limite massimo di spesa di ); aumentato dal 4%all 8% la ritenuta d acconto sui bonifici che banche e Poste hanno l obbligo di operare all impresa che effettua i lavori. Inoltre, il Decreto Semplificazioni fiscali ha soppresso, dal 13/12/2014, l obbligo di inviare all Agenzia delle Entrate la comunicazione (modello IRE) relativa ai lavori che proseguono per più periodi di imposta, che doveva essere trasmessa entro il mese di marzo dell anno successivo a quello di sostenimento della spesa. Si rammenta che la detrazione compete in dieci rate annuali di pari importo. Il diritto alla detrazione di ciascuna rata annuale spetta nel limite dell imposta dovuta per l anno in questione. Non è ammesso il rimborso di somme eccedenti l imposta. Esempio: Anno 2015 Interventi agevolato: installazione pannelli solari Spesa sostenuta: Euro Detrazione IRPEF spettante: Euro x 65% = Rata annuale: Euro / 10 = IRPEF lorda 2015: Euro Rata annuale detrazione 65% = Euro L eccedenza della rata pari ad Euro NON potrà essere recuperata in alcun modo. Nella tabella che segue si riporta la tipologia di intervento e l ammontare massimo di spesa agevolata su cui calcolare la detrazione spettante. ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 14

15 RISPARMIO ENERGETICO INTERVENTI AGEVOLABILI Interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti che conseguono un valore limite di fabbisogno di energia primaria annuo per la climatizzazione invernale inferiore di almeno il 20% rispetto ai valori individuati dalle apposite tabelle allegate al Provvedimento 19/2/2007 e, dal 2008, al Decreto 11/3/2008. Interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari, riguardanti strutture opache verticali (pareti), strutture opache orizzontali (coperture e pavimenti), finestre comprensive di infissi delimitanti il volume riscaldato verso l esterno e verso vani non riscaldati, purché siano rispettati determinati requisiti di trasmittanza termica. Installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, scuole e università. È esclusa l installazione di pannelli solari per la produzione di energia (pannelli fotovoltaici). Sostituzione (integrale o parziale) di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione ovvero, dal 2008, con impianti dotati di pompe di calore ad alta efficienza o con impianti geotermici a bassa entalpia e dal 2012 di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria, nel rispetto dei valori di prestazione ed efficienza energetica fissati dalle apposite tabelle. Acquisto e posa in opera delle schermature solari elencate nell allegato M del D.Lgs. n.311/2006 (solo per l anno 2015). Acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili (solo per l anno 2015). DETRAZIONE MASSIMA IRPEF/IRES FINO AL 31/12/2015 SPESA MASSIMA AMMISSIBILE SU CUI CALCOLARE LA DETRAZIONE DEL 65% DAL 1/01/2016 SPESA MASSIMA AMMISSIBILE SU CUI CALCOLARE LA DETRAZIONE DEL 36% ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 15

16 Condizione indispensabile per fruire della detrazione è che gli interventi siano eseguiti su unità immobiliari e su edifici (o su parti di edifici) esistenti di qualunque categoria catastale, anche se rurali, compresi quelli strumentali. Non sono quindi agevolabili le spese effettuate in corso di costruzione dell immobile. PROROGHE DETRAZIONI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE Legge di Stabilità 2015 (art. 1, comma 47, lett.b, nn. 1 e 3) La Legge di Stabilità 2015 ha prorogato al 31/12/2015 nella misura del 50% la detrazione IRPEF per le spese relative ad interventi di recupero del patrimonio edilizio di cui all art. 16 bis, comma 1, TUIR. Lo stesso provvedimento ha previsto inoltre quanto segue: la proroga fino 31/12/2015 nella misura del 50% della detrazione IRPEF per l acquisto di mobili ed elettrodomestici nel limite di spesa di Euro ; la proroga fino al 31/12/2015 nella misura del 50% della detrazione IRPEF per l acquisto di immobili ristrutturati, ampliando, da 6 a 18 mesi, il termine decorrente dalla fine lavori per effettuare l acquisto agevolato; la proroga della maggior detrazione IRPEF/IRES nella misura del 65% per gli interventi di prevenzione antisismica nelle zone ad alta pericolosità; l aumento dal 4% all 8% la ritenuta d acconto sui bonifici che banche e Poste hanno l obbligo di operare all impresa che effettua i lavori. Di seguito si analizzano in dettaglio gli interventi che godono del beneficio fiscale. ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 16

17 PROROGA DETRAZIONE INTERVENTO DI RECUPERO PATRIMONIO EDILIZIO La detrazione IRPEF nella misura del 50% relativa ai lavori di recupero del patrimonio edilizio di cui all art. 16 bis, comma 1, TUIR, prorogata fino al 31/12/2015, spetta per un limite massimo di spesa di Euro per unità immobiliare. Dal 01/01/2016 (salvo ulteriore proroghe) tale detrazione fiscale spetterà nella misura ridotta del 36%, con un limite massimo di spesa di Euro La detrazione compete in dieci rate annuali di pari importo. Anche in questo caso, il diritto alla detrazione di ciascuna rata annuale spetta nel limite dell imposta dovuta per l anno in questione. Non è ammesso il rimborso di somme eccedenti l imposta. In sintesi, si riepilogano di seguito gli interventi di cui all art. 16 bis, comma 1, TUIR per i quali spetta la detrazione, per ciascuna riportando eventuali chiarimenti forniti dall Agenzia delle Entrate. Sono ammesse al beneficio della detrazione fiscale le spese sostenute per: a) gli interventi di manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia effettuati su tutte le parti comuni di condomini residenziali (lett. a), b), c) e d) dell articolo 3 del DPR n. 380/2001); b) gli interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia effettuati sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e sulle loro pertinenze (lett. b), c) e d) dell articolo 3 del DPR n. 380/2001 Testo unico in materia edilizia). Si precisa che dal 21/08/2013, in conseguenza della modifica apportata al Testo Unico in materia di edilizia, nella definizione di ristrutturazione edilizia rientrano anche gli interventi consistenti nella demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria di quello preesistente» senza che sia necessario ricostruire l'immobile con la stessa sagoma, come ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 17

18 prevedeva la normativa precedente. Pertanto spetta la detrazione sulla spesa per interventi di demolizione e ricostruzione in cui sia rispettata la volumetria dell edificio preesistente ma non necessariamente la sagoma. Sempre con riguardo agli interventi di ristrutturazione edilizia, ammessi al beneficio della detrazione fiscale, l Agenzia delle Entrate ha fornito i seguenti chiarimenti: - per la demolizione e ricostruzione con ampliamento, la detrazione non spetta in quanto l intervento si considera, nel suo complesso, una nuova costruzione, - se la ristrutturazione avviene senza demolire l edificio esistente e con ampliamento dello stesso, la detrazione spetta solo per le spese riguardanti la parte esistente in quanto l ampliamento configura, comunque, una nuova costruzione. Questi stessi criteri si applicano anche agli interventi di ampliamento previsti in attuazione del cosiddetto Piano Casa (Risoluzione Agenzia Entrate del 4/01/2011 n. 4/E). Pertanto nelle fatture dovranno essere distintamente indicate le spese inerenti la ristrutturazione e quelle relative all ampliamento; c) gli interventi necessari alla ricostruzione o al ripristino dell immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, anche se detti interventi non rientrano nelle categorie di lavori indicati nelle precedenti lettere a) e b) e a condizione che sia stato dichiarato lo stato di emergenza; d) gli interventi relativi alla realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali, anche a proprietà comune; e) i lavori finalizzati: - all eliminazione delle barriere architettoniche, aventi a oggetto ascensori e montacarichi (per esempio, la realizzazione di un elevatore esterno all abitazione); - alla realizzazione di ogni strumento che, attraverso la comunicazione, la robotica e ogni altro mezzo di tecnologia più avanzata, sia idoneo a favorire la mobilità interna ed esterna ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 18

19 all abitazione per le persone portatrici di handicap gravi. La detrazione compete unicamente per le spese sostenute per realizzare interventi sugli immobili, mentre non spetta per le spese sostenute in relazione al semplice acquisto di strumenti, anche se diretti a favorire la comunicazione e la mobilità interna ed esterna; f) gli interventi relativi all adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi. A titolo esemplificativo, rientrano tra queste misure: rafforzamento, sostituzione o installazione di cancellate o recinzioni murarie degli edifici apposizione di grate sulle finestre o loro sostituzione porte blindate o rinforzate apposizione o sostituzione di serrature, lucchetti, catenacci, spioncini installazione di rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti apposizione di saracinesche tapparelle metalliche con bloccaggi vetri antisfondamento casseforti a muro fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati apparecchi rilevatori di prevenzione antifurto e relative centraline; g) gli interventi finalizzati alla cablatura degli edifici, al contenimento dell inquinamento acustico; h) gli interventi relativi al conseguimento di risparmi energetici. Alla realizzazione di interventi finalizzati al risparmio energetico è equiparata a tutti gli effetti la realizzazione di impianti a fonti rinnovabili. Pertanto, rientra tra i lavori agevolabili l installazione di un impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica, in quanto basato sull impiego della fonte solare e, quindi, sull impiego di fonti rinnovabili di energia (Risoluzione Agenzia Entrate del 2/04/2013 n. 22/E). Per usufruire della detrazione è comunque necessario che l impianto sia installato per far fronte ai bisogni energetici dell abitazione (cioè per usi domestici, di ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 19

20 illuminazione, alimentazione di apparecchi elettrici, eccetera) e, quindi, che lo stesso sia posto direttamente al servizio dell abitazione; i) gli interventi per l adozione di misure antisismiche con particolare riguardo all esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica. Tali opere devono essere realizzate sulle parti strutturali degli edifici o complessi di edifici collegati strutturalmente e comprendere interi edifici; l) gli interventi di bonifica dall amianto e di esecuzione di opere volte a evitare gli infortuni domestici. Con riferimento alla sicurezza domestica, non dà diritto alla detrazione il semplice acquisto, anche a fini sostitutivi, di apparecchiature o elettrodomestici dotati di meccanismi di sicurezza, in quanto tale fattispecie non integra un intervento sugli immobili ma un acquisto. L agevolazione compete, invece, anche per la semplice riparazione di impianti insicuri realizzati su immobili (per esempio, la sostituzione del tubo del gas). Tra le opere agevolabili rientrano: l installazione di apparecchi di rilevazione di presenza di gas inerti, il montaggio di vetri anti-infortunio l installazione del corrimano; PROROGA DETRAZIONE IMMOBILI RISTRUTTURATI CEDUTI DA IMPRESE E stato ampliato, da 6 a 18 mesi, il periodo dopo la fine lavori, entro il quale l impresa ristrutturatrice/cooperativa può cedere/assegnare l unità immobiliare, consentendo all acquirente/assegnatario di beneficiare della detrazione IRPEF. Tale detrazione spetta nella misura del 50%, entro l importo massimo di euro, sulle spese per l acquisto dell immobile sostenute fino al 31/12/2015, e compete in dieci rate annuali di pari importo. ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 20

21 Dal 01/01/2016 (salvo ulteriori proroghe) tale detrazione fiscale spetterà nella misura ridotta del 36%, con un limite massimo di spesa di Euro La detrazione del 50% dovrà essere calcolata, indipendentemente dal valore degli interventi eseguiti, su un importo forfetario, pari al 25% del prezzo di vendita o di assegnazione dell abitazione. Ad esempio Il 07/04/2015 un contribuente acquista un abitazione al prezzo di Il costo forfetario di ristrutturazione è di (25% di euro). La detrazione sarà pari a (50% di euro), da recuperarsi in dieci anni. La detrazione Irpef spetta alle seguenti condizioni: l acquisto o l assegnazione dell unità abitativa (rogito notarile) deve avvenire entro il termine di 18 mesi dalla fine lavori; l unità abitativa acquistata o assegnata deve far parte di un edificio sul quale sono stati eseguiti interventi di restauro e di risanamento conservativo o di ristrutturazione edilizia riguardanti l intero edificio e non solo una parte di esso, anche se rilevante; oggetto dell agevolazione è la singola unità immobiliare e l agevolazione non è legata alla cessione o assegnazione delle altre unità immobiliari, costituenti l intero fabbricato, così che ciascun acquirente può beneficiare della detrazione con il proprio acquisto o assegnazione. Per beneficiare di questa agevolazione non è necessario effettuare i pagamenti mediante bonifico bancario. PROROGA DETRAZIONE PER L ACQUISTO BOX - POSTI AUTO PERTINENZIALI La detrazione spetta, oltre che per le spese sostenute per la realizzazione di autorimesse e posti auto, anche per l acquisto di box o posti auto pertinenziali già realizzati. ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 21

22 L agevolazione spetta limitatamente alle spese sostenute dall impresa costruttrice per la realizzazione degli stessi (quindi al netto del valore del terreno) e sempre che le stesse siano dimostrate da apposita attestazione rilasciata dall impresa medesima. La condizione essenziale per usufruire dell agevolazione è, comunque, la sussistenza del vincolo pertinenziale tra l abitazione e il box. In proposito l Amministrazione Finanziaria ha fornito le seguenti precisazioni: nell ipotesi in cui l atto notarile di acquisto sia stipulato successivamente al versamento di eventuali acconti, la detrazione spetta, in relazione ai pagamenti effettuati con bonifico bancario o postale, solo se è stato regolarmente registrato un preliminare di compravendita dal quale risulti la sussistenza del vincolo pertinenziale tra l edificio abitativo e il box; in assenza del preliminare di compravendita registrato, i pagamenti effettuati con bonifico prima del rogito di acquisto, non sono agevolabili. In questo caso, infatti, al momento del pagamento non è ancora riscontrabile l effettiva sussistenza del vincolo pertinenziale richiesto dalla norma. Tale condizione può essere considerata comunque realizzata nell ipotesi particolare in cui il bonifico sia effettuato nello stesso giorno in cui si stipula l atto notarile di acquisto, ma in un orario antecedente a quello della stipula stessa (Risoluzione Agenzia delle Entrate del 13/01/2011 n. 7/E); per gli acquisti contemporanei di abitazione e box con unico atto notarile, indicante il vincolo di pertinenza del box con l abitazione, l acquirente può usufruire della detrazione sulle spese di realizzazione del medesimo, se specificamente documentate. Anche per questa agevolazione i pagamenti devono essere effettuati esclusivamente con bonifico bancario o postale dal quale risulti la causale del versamento, il codice fiscale del soggetto che paga e il codice fiscale o la partita IVA dell impresa beneficiaria del pagamento. ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 22

23 La detrazione spetta nella misura del 50% (36% dal 2016) nel limite di spesa massimo di Euro (Euro dal 2016), in dieci rate annuali di pari importo. PROROGA DETRAZIONE SPESE PER L ADOZIONE DI MISURE ANTISISMICHE È stata prorogata al 31/12/2015 la maggior detrazione IRPEF/IRES del 65% per le spese sostenute per interventi di adozione di misure antisismiche su edifici che si trovano in zone sismiche ad alta pericolosità. La detrazione, da calcolare su un importo complessivo massimo di spesa di Euro per unità immobiliare, è da ripartire in dieci quote annuali di pari importo. Tale agevolazione può essere richiesta se: l intervento è effettuato su costruzioni adibite ad abitazione principale o ad attività produttive. Per costruzioni adibite ad attività produttive s intendono le unità immobiliari in cui si svolgono attività agricole, professionali, produttive di servizi e beni, commerciali o non commerciali; l immobile si trova in zone sismiche ad alta pericolosità (Zone 1 e 2) di cui all ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n del 20/3/2003. Di seguito si riporta l elenco dei Comuni della provincia di Verona classificati nella zona 2 1 Badia Calavena 2 Brenzone 3 San Mauro di Saline 4 San Zeno di Montagna 5 Torri del Benaco 6 Tregnago 7 Vestenanova L elenco completo dei comuni di cui alle zone 1 e 2 è reperibile al seguente indirizzo internet: ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 23

24 PROROGA DETRAZIONE ACQUISTO MOBILI / ELETTRODOMESTICI È prorogata al solo per i soggetti che usufruiscono della detrazione per interventi di recupero del patrimonio edilizio di cui all art. 16 bis, comma 1, TUIR - la detrazione IRPEF del 50%, delle spese sostenute per l acquisto di mobili finalizzati all arredo dell immobile oggetto di ristrutturazione nonché di grandi elettrodomestici rientranti nella categoria A+ (A per i forni) ed apparecchiature per le quali è prevista l etichetta energetica (ossia apparecchi a basso consumo). L agevolazione spetta un importo massimo di spesa di Euro per ciascuna unità abitativa oggetto di ristrutturazione, ed è usufruibile in 10 quote annuali di pari importo. I pagamenti dovranno essere effettuati con le stesse modalità previste per gli interventi di recupero fiscalmente agevolati, ossia esclusivamente tramite bonifico bancario/postale. E consentito effettuare il pagamento anche mediante carte di credito o carte di debito. In questo caso, la data di pagamento è individuata nel giorno di utilizzo della carta da parte del titolare (indicata nella ricevuta dell operazione) e non nel giorno di addebito sul conto corrente del titolare stesso. Si precisa la detrazione in esame è riservata solo ai soggetti che fruiscono della detrazione per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio vale a dire per: gli interventi di manutenzione straordinaria, di restauro e risanamento conservativo, di ristrutturazione edilizia, effettuati sia sulle parti comuni di edificio residenziale sia sulle singole unità immobiliari residenziali; gli interventi di manutenzione ordinaria, effettuati sulle parti comuni di edificio residenziale; interventi necessari alla ricostruzione o al ripristino dell immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi; ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 24

25 interventi di restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruttrici o ristrutturatrici e da cooperative edilizie che entro sei (ora 18) mesi dal termine dei lavori vendono o assegnano l immobile. Per quanto concerne gli interventi sulle parti condominiali di edifici residenziali, la detrazione spetta ai singoli condòmini, in base alla propria quota millesimale, solo per i beni acquistati e destinati ad arredare le stesse parti condominali (esempio guardiole, appartamento del portiere ecc.). L agevolazione non compete, invece, per l acquisto di beni per arredare il proprio immobile, salvo che siano state sostenute spese per interventi di recupero edilizio sulla propria unità immobiliare. Per usufruire della detrazione per l acquisto di mobili e grandi elettrodomestici è necessario che la data di inizio lavori dell intervento edilizio sia precedente a quella in cui sono sostenute le spese di acquisto dei mobili. La data di inizio lavori può essere dimostrata da eventuali titoli abilitativi amministrativi o comunicazioni all ASL; qualora per l intervento edilizio non siano obbligatorie abilitazioni amministrative, la data di inizio lavori potrà essere certificata mediante dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà; non è indispensabile che le spese relative all intervento edilizio siano sostenute (pagate) prima di quelle per l arredo dell abitazione. La detrazione spetta, nel rispetto delle condizioni sopra indicate, per l acquisto di: mobili nuovi (tra questi, letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli,sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, nonché i materassi e gli apparecchi di illuminazione). E escluso l acquisto di porte, pavimentazioni (per esempio, il parquet), tende e tendaggi, nonché di altri complementi di arredo; grandi elettrodomestici nuovi di classe energetica non inferiore alla A+ (A per i forni), per le apparecchiature per le quali sia prevista l etichetta ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 25

26 energetica. Per gli elettrodomestici che ne sono sprovvisti, l acquisto è agevolato solo se per essi non è ancora previsto l obbligo di etichetta energetica. Rientrano nei grandi elettrodomestici, per esempio: frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, piastre riscaldanti elettriche, forni a microonde, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento. Rientrano nell agevolazione anche le spese di trasporto e di montaggio dei beni acquistati. L acquisto di mobili o di grandi elettrodomestici è agevolabile anche se i beni sono destinati ad arredare un ambiente diverso dello stesso immobile oggetto di intervento edilizio. AGEVOLAZIONE IRPEF ACQUISTO / COSTRUZIONE DI ABITAZIONI DESTINATE ALLA LOCAZIONE Decreto Sblocca Italia (articolo 21) E stata introdotta, in favore delle persone fisiche non esercenti attività commerciali (privati), una deduzione dal reddito complessivo IRPEF per gli acquisti, effettuati dal 1/1/2014 al 31/12/2017, di unità immobiliari residenziali da destinare alla locazione. Le modalità attuative per richiedere l agevolazione saranno definite con apposito decreto ministeriale. L agevolazione spetta con riferimento: alle spese di acquisto di unità immobiliari residenziali di nuova costruzione, invendute alla data del 12/11/2014 (data di entrata vigore della legge di conversione del decreto); alla spese di acquisto di unità immobiliari residenziali sulle quali siano stati effettuati interventi di ristrutturazione edilizia o di restauro e risanamento conservativo di cui ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. c) e d), DPR n. 380/2001; ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 26

27 alle spese per prestazioni di servizi dipendenti da un contratto di appalto, sostenute per la costruzione di unità immobiliari residenziali su aree edificabili possedute prima dell inizio dei lavori o sulle quali sono già riconosciuti diritti edificatori. MISURA DELLA DEDUZIONE La deduzione spetta nella misura del 20% del prezzo di acquisto o delle spese di costruzione attestate dall impresa, fino ad un ammontare massimo di Euro Pertanto la massima deduzione spettante ammonta ad Euro Tale deduzione va ripartita in 8 quote annuali di pari importo dall anno in cui è stipulato il contratto di locazione e non è cumulabile con altre agevolazioni previste per le stesse spese. Per maggior chiarezza si precisa che l effettivo risparmio di imposta IRPEF dipende dallo scaglione di reddito del contribuente. Esempio: - persona fisica (privato) con reddito imponibile di aliquota IRPEF 41% per scaglione di reddito da ad costo acquisto appartamento: CALCOLO DELLA DEDUZIONE Deduzione complessiva: x 20% = Deduzione annua: /8 = CALCOLO RISPARMIO IRPEF Reddito: Deduzione annua: Reddito imponibile IRPEF: Minor IRPEF x 41 = CALCOLO IMPOSTE RELATIVE ALLA LOCAZIONE DELL APPARTAMENTO Canone locazione annuo (450x12) = Tassazione ordinaria (no cedolare secca) Canone imponibile (5.400x95%) = IRPEF su canone annuo (41%) Tassazione con opzione cedolare secca (10%) Canone annuo 5.400x10% = 540 RISPARMIO IRPEF COMPLESSIVO Minor IRPEF per effetto della deduzione: Minor IRPEF su locazione per opzione cedolare ( )= Risparmio complessivo 2015: ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 27

28 CONDIZIONI PER USUFRUIRE DELLA DEDUZIONE Per usufruire della deduzione occorre che l unità immobiliare sia: a destinazione residenziale non di lusso, ossia appartenente al gruppo catastale A, escluse le categorie A/1, A/8 e A/9; non sia localizzata in parti del territorio destinate ad usi agricoli; con prestazioni energetiche di classe A o B; destinata, entro 6 mesi dall acquisto/ultimazione dei lavori, alla locazione per almeno 8 anni. La locazione deve avere carattere continuativo con la sola eccezione che se, per motivi non imputabili al locatore, il contratto si risolve prima degli 8 anni, entro un anno venga stipulato un altro contratto; E necessario inoltre che: non vi siano rapporti di parentela entro il primo grado tra locatore e locatario (esempio di parentela di primo grado: padre e figlio); il canone di locazione non sia superiore a quello: o definito ai sensi dell art. 2, comma 3, Legge n. 431/1998 (cd. canone concordato ); o indicato nella convenzione tipo di cui all art.18 DPR n. 380/2001 (cd. canone convenzionato ); o stabilito ai sensi dell art.3, comma 114, Legge n. 350/2003 (cd. canone speciale ). Il canone, quindi, non è libero ed è in generale, inferiore a quello di mercato. È possibile fruire dell agevolazione anche in caso di acquisto/realizzazione di più unità immobiliari da destinare alla locazione, fermo restando l ammontare massimo complessivo di spesa di Euro INDIVIDUAZIONE ABITAZIONI NON DI LUSSO Decreto Semplificazioni fiscali (articolo 33) Sono stati modificati, con decorrenza 13/12/2014, i criteri da utilizzare ai fini IVA per l individuazione delle abitazioni non di lusso per le quali è ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 28

29 possibile usufruire dell agevolazione prima casa (aliquota 4%), allineandoli a quelli previsti per l imposta di registro. In particolare ora, per effetto di tale modifiche, anche ai fini dell IVA 2, l agevolazione prima casa, ricorrendo le ulteriori condizioni soggettive previste dalla legge, spetta per l acquisto di case di abitazione (anche in corso di costruzione) classificate o classificabili nelle categorie catastali diverse dalle seguenti: cat. A/1 (abitazioni di tipo signorile), cat. A/8 (abitazioni in ville), cat. A/9 (castelli e palazzi di eminenti pregi artistici e storici). Ne consegue che, l applicazione dell aliquota IVA agevolata prima casa è vincolata alla categoria catastale dell immobile, non assumendo dunque, più rilievo i criteri dettati per l individuazione degli immobili di lusso dal D.M. 2/8/1969. L Agenzia delle Entrate (circolare del 30/12/2014 n. 31/E) ha precisato che: a decorrere dal 13/12/2014 (data di entrata in vigore del Decreto Semplificazioni), nell atto di trasferimento o di costituzione del diritto reale sull abitazione per il quale si intende fruire dell aliquota IVA del 4%, deve essere dichiarata la classificazione o la classificabilità catastale dell immobile nelle categorie che possono beneficiare dell agevolazione: - cat. A/2 (abitazioni di tipo civile), - cat. A/3 (abitazioni di tipo economico), - cat. A/4 (abitazioni di tipo popolare), - cat. A/5 (abitazioni di tipo ultra popolare), 2 Di fatto è stata modificata la tabella A, parte II, n. 21 allegata al DPR 633/72 che ora risulta essere la seguente: 21)case di abitazione ad eccezione di quelle di categoria catastale A1, A8 e A9, ancorché non ultimate, purché permanga l'originaria destinazione, in presenza delle condizioni di cui alla nota II-bis) all'articolo 1 della tariffa, parte prima, allegata al testo unico delle disposizioni concernenti l'imposta di registro, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n In caso di dichiarazione mendace nell'atto di acquisto, ovvero di rivendita nel quinquennio dalla data dell'atto, si applicano le disposizioni indicate nella predetta nota ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 29

30 - cat. A/6 (abitazioni di tipo rurale), - cat. A/7 ( abitazioni in villini), - cat. A/11 (abitazioni ed alloggi tipici dei luoghi), oltre all attestazione della sussistenza delle ulteriori condizioni soggettive prescritte per usufruire dell agevolazione prima casa ; qualora in sede di stipula di un contratto preliminare di vendita, l abitazione sia stata classificata come immobile di lusso ai sensi del D.M. 2/8/1969, con conseguente fatturazione degli acconti con aliquota IVA superiore al 4%, è possibile, qualora ne ricorrano i presupposti, rettificare le relative fatture mediante note di accredito (art. 26 DPR 633/72), al fine di applicare la minor aliquota IVA del 4% sull intero corrispettivo dovuto. L Agenzia delle Entrate ha inoltre evidenziato che ai fini dell applicazione delle aliquote IVA ridotte di cui al n.127 undecies) della tabella A parte III DPR 633/1972 (cessioni di abitazioni non di lusso diverse dalla prima casa o fabbricati Tupini ceduti da imprese costruttrici); n.39) della tabella A parte II DPR 633/1972 (appalti relativi alla costruzione di fabbricati Tupini nei confronti di imprese che svolgono attività di costruzione di immobili per la successiva vendita o appalti per la costruzione della prima casa ), l individuazione delle abitazioni non lusso deve effettuarsi, non più secondo i criteri di cui al DM. 2/8/1969 (anche se ancora richiamati dalle norme) ma soltanto in base alla classificazione catastale dell immobile. Conseguentemente, devono essere considerate case di abitazione non di lusso quelle classificate o classificabili catastalmente in categorie diverse dalle cat. A/1, A/8 e A/9. Per quanto sopra esposto, a decorrere dal 13/12/2014: alle prestazioni di servizi dipendenti da contratti di appalto relativi alla costruzione di fabbricati Tupini, effettuate nei confronti di: - soggetti che svolgono attività di costruzione di immobili per la successiva vendita ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 30

31 - soggetti per i quali ricorrono le condizioni prima casa, si applica l aliquota IVA ridotta del 4% a condizione che gli immobili siano classificati o classificabili in categorie catastali diverse dalle cat. A/1, cat. A/8, cat. A/9; alle cessioni di case di abitazione (anche in corso di costruzione) prive dei requisiti prima casa ovvero alle cessioni di fabbricati Tupini classificati o classificabili nelle categorie catastali diverse dalle cat. A/1, cat. A/8, cat. A/9, si applica l aliquota IVA del 10%. Ne consegue che, sempre con decorrenza 13/12/2014, alla cessione o alla costruzione di abitazioni classificate o classificabili nelle categorie catastali A1, A8 e A9 si applica l aliquota IVA ordinaria del 22%, in quanto considerate abitazioni di lusso. Si riportano di seguito tabelle riepilogative: ABITAZIONI NON DI LUSSO (cat. catastali A/2, A/3, A/4, A/5, A/6, A/7, A/11) CESSIONI OGGETTO ALIQUOTA RIFERIMENTO NORMATIVO DA INDICARE IN FATTURA Case di abitazione non di lusso, ancorché non ultimate, purché rimanga l originaria destinazione, quando l acquirente è in possesso dei requisiti prima casa (1) (2) 4% n. 21 Tab. A, Parte II Allegata al D.P.R. 633/72 Case di abitazione non di lusso, ancorché non ultimate, purché rimanga l originaria destinazione, quando l acquirente NON è in possesso dei requisiti prima casa ANCE Verona e Studio Marangoni & Associati 31 10% Assegnazione in proprietà od in godimento di case di abitazione non di lusso da parte di cooperative edilizie e loro consorzi a soci in possesso dei requisiti prima casa (1) (2) 4% Assegnazione in proprietà od in godimento di case di abitazione non di lusso da parte di cooperative edilizie e loro consorzi a soci NON in possesso dei requisiti prima casa 10% n. 127 undecies Tab. A, Parte III Allegata al D.P.R. 633/72 n. 26 Tab. A, Parte II Allegata al D.P.R. 633/72 n. 127 undecies Tab. A, Parte III Allegata al D.P.R. 633/72 (1) PRELIMINARE L'agevolazione compete anche per gli acconti versati dall'acquirente, purché la dichiarazione di possesso dei requisiti "prima casa", anche con riferimento al momento del rogito, venga rilasciata in sede di contratto preliminare. (2) PERTINENZE Le stesse agevolazioni competono per l'acquisto, anche se con atto separato, delle pertinenze dell'immobile. Sono ricomprese tra le pertinenze agevolabili, limitatamente ad una per ciascuna categoria, le unità immobiliari classificate o classificabili nelle categorie catastali C/2 (magazzini e locali di deposito), C/6 (stalle, scuderie, rimesse ed autorimesse) e C/7 (tettoie chiuse o aperte), che siano destinate a servizio della casa di abitazione oggetto dell'acquisto agevolato.

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI l agenzia inf orma aggiornamento gennaio 2014 RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI INDICE INTRODUZIONE... 2 1. LA DETRAZIONE IRPEF PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE... 4 Chi può fruire della

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI l agenzia inf orma aggiornamento ottobre 2013 RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI INDICE INTRODUZIONE... 2 1. LA DETRAZIONE IRPEF PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE... 4 Chi può fruire della

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 marzo 2015 OGGETTO: Reverse charge Estensione a nuove fattispecie nel settore edile, energetico, nonché alle cessioni di pallets recuperati ai cicli

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Quesiti su reverse charge e split payment

Quesiti su reverse charge e split payment Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa POLITICHE FISCALI E SOCIETARIE DIREZIONE POLITICHE FISCALI Quesiti su reverse charge e split payment REVERSE CHARGE Applicazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Prot. n. 3/2015 Roma, 23/01/2015 REVERSE CHARGE PULIZIE, DEMOLIZIONI, INSTALLAZIONE IMPIANTI E COMPLETAMENTO EDIFICI

Prot. n. 3/2015 Roma, 23/01/2015 REVERSE CHARGE PULIZIE, DEMOLIZIONI, INSTALLAZIONE IMPIANTI E COMPLETAMENTO EDIFICI Prot. n. 3/2015 Roma, 23/01/2015 Alle Associazioni del sistema Confimi e alle relative Imprese associate REVERSE CHARGE PULIZIE, DEMOLIZIONI, INSTALLAZIONE IMPIANTI E COMPLETAMENTO EDIFICI La legge di

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

Guida alle agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie

Guida alle agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie I Dossier Fiscali Guida alle agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie Le modalità operative e la proroga fino al 2012 Giugno 2010 INDICE PREMESSA: L EVOLUZIONE NORMATIVA...3 1. NOVITÀ PER

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

le prestazioni di servizi di: In appalto subappalto

le prestazioni di servizi di: In appalto subappalto INFO Dal 01-01-2015 servizi di -pulizia -installazione d'impianti -lavori di completamento applicano il reverse charge.doc 1 / 5 IL REVERSE CHARGE: LE NOVITA DAL 2015 I nuovi settori di attività interessati

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA III. QUANDO SI ACQUISTA CASA Quando si compra casa le imposte da pagare indicato nell'atto, provvede alla rettifica e sono diverse (registro o Iva) a seconda che il alla liquidazione della maggiore imposta

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Abstract Le fatture emesse mediante

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE Il decreto legge 69/2013 ha introdotto significativi cambiamenti nel settore dell edilizia: nel presente dossier analizziamo le più importanti

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

REVERSE CHARGE E SPLIT PAYMENT: IN FUMO LA LIQUIDITA DELLE IMPRESE. Osservatorio permanente CNA sulla tassazione delle piccole imprese in Italia

REVERSE CHARGE E SPLIT PAYMENT: IN FUMO LA LIQUIDITA DELLE IMPRESE. Osservatorio permanente CNA sulla tassazione delle piccole imprese in Italia REVERSE CHARGE E SPLIT PAYMENT: IN FUMO LA LIQUIDITA DELLE IMPRESE Osservatorio permanente CNA sulla tassazione delle piccole imprese in Italia Roma, 24 marzo 2015 Sommario Abstract... 4 1. Premessa: gli

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ)

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 luglio 2015 OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) 2 1. PREMESSA...

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali

OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali CIRCOLARE N.36/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Catasto e Cartografia Roma, 19 dicembre 2013 Allegati: 1 OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali 2 INDICE Premessa...4

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli