RAPPORTO INTERDISCIPLINARE. Lucca, 21 Novembre 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO INTERDISCIPLINARE. Lucca, 21 Novembre 2008"

Transcript

1 !!"#$ RAPPORTO INTERDISCIPLINARE SULL IMPATTO AMBIENTALE DEL PROGETTO ai sensi dell art. 16 comma 1 della L.R. 3 novembre 1998, n. 79 Norme per l applicazione della valutazione di impatto ambientale

2 Lucca, 21 Novembre 2008! Pagina 1 di 82

3 " #! $ $! Pagina 2 di 82

4 %&'()*+,%&,)-%.%/0(%11("!1)02)*&-))2*-%*(3& (1,%-*('&0%-)4 2,)'(%0(55%*%1)0%,-&.65(&1))'&77)-'(%0(55%5(&1).((1)-*(,)-0)'&2*-65(&1(02(*&)2*-%*(3&.( '6(4,-&,&2*&0%7,0(%7)1*&4(1%*(3(*+.%0%11&" 0,-&/)*&,-)2)1*%*&),)-(086%0)42*%*%%*(3%*%0%,-&').6-%.(%06*%5(&1).(7,%*& 79()1*%0) %( 2)12(.)0% ": -(/6%-.% (0,-&/)*&.( '&0*(3%5(&1) ;(1%0(55%*& %0% 2(2*)7%5(&1);(1%0).)02(*&)2*-%*(3&69('%*&(10&'<&0%.(%7)-%=)-('%.)1*)1)('&761(.( )2'%/0(%>?).(&-/&% &55%1&>?)0&2,)'(;('& 0(1*)-3)1*&(1,-&/)*&2(-(;)-(2')%0%,-&2)'65(&1).)0)%*(3(*+)2*-%*(3)'&)-)1*)7)1*)'&10)(1.('%5(&1(.)0(%1&)/(&1%0).)0) *(3(*+2*-%*(3)>!!!?,)-'&7,0)*%-2('&10)&,)-).(2(2*)7%5(&1);(1%0).)0%-)% %22)*&%*6%0).)0%'%3%.)-(3%.%86%1*&(7,&2*%*&,-&/)*6%07)1*)*-%/0(%11($ '%3%&0*-)'A).(86%1*&,-)3(2*&.%0)1&-7%*(3)).(-)*(3)3(/)1*((17%*)-(%.(%*(3(*+)2*-%*(3% 99()*(3(2,)'(;('(.)0,-&/)*&.)0 2&1&2*%*(0%9&1(;('%.(61%3%2*%%-)%2(*6%*%1)0% ;&-7%5(&1).)(.(%2,-( 'A))-%1&%0),&'%(1*)-)22%*(.%617&3(7)1*&;-%1&2&'&7,0)22& )0% &,)-%(1,-&/)*&-(/6%-.%0%7,0(%7)1*& (1.(-)5(&1)3)2*.)0%'%3%.('%0'%-)).(%2,-( 69('%*%(10&'<&0%.(%7)-%= ;-%5(0%%&//(&)-('%.)1*)1)(&761(.()2'%/0(%)&-/& % &55%1&>&'()*+,-&,-()*%-(%<%3).().&/1%,=? 0'(*%*&%7,0(%7)1*&.)0,)-(7)*-&.()2'%3%5(&1)4'&7,-)2&)1*-&(0(7(*(.);(1(*(.%0(%1& )/(&1%0),)-0)*(3(*+2*-%*(3)>?.)0%)/(&1)&2'%1% )016&3&,-&/)*&'A)3()1),-&,&2*& (3&067((1*)-)22%*(-)2*)-%11&,-)22&'AB(13%-(%*( -(2,)*&%0,-&/)*&1)0%79(*&.)0%,&-5(&1)')1*-%0)).&-()1*%0)'A) 2%03&7&.)2*( %//(62*%7)1*( 2)/6(-+%1'&-%(0,-&/)*&26..)*&3&067();;)*(3%7)1*)(1,(C2%-%11&'(-'%!!!!!!7'.%)2*-%--),-(1'(,%07)1*)1)0%16&3%%-)%&''(.)1*%0)(12(1(2*-%.)0(&&-2%/0(& 0*&*%0)'&7,0)22(3&.(7%*)-(%0)'A)2%-+)2*-%*&486(1.(.%*&.%0%2&77%.)0)3&067)*-() -)2(.6)%1'&-%.%2'%3%-),-)3(2*)1)0,-&/)*&(1'&-2&>2*(7%9(0((1'(-'%!!!7'%0 ::!"?).)0)3&067)*-(),-)3(2*)1)0%-)%&3)2*>!!!!!!?'A),&-*%1&%.613%0&-).('(-'%!!!.(7' %0)86%1*(*%*(3&,&*-+)22)-)7&9(0(55%*&(1'(-'%!%11('&106*(0(55&.(,(C7)55(26.6) ;-&1*(%.61-(*7&,%-(%'(-'%!!!!!7':%11& (*%0(3&067('(-'%61D2%-+-%,,-)2)1*%*&.%7%*)-(%0).(2'&*('&).%(;(1(.(0%3&-%5(&1) 7%*)-(%0('A)2%-%11&6*(0(55%*(1)0%79(*&.('%3%,)-(0-)'6,)-&%79()1*%0) Pagina 3 di 82

5 1.%*%!!!"1,-&*!:4,)-3)16*%0%-('A()2*%.(%33(&.)0,-&').(7)1*&.(.('6(%0%-*.)0%":.%,%-*).)02&//)*&,-&,&1)1*)E&',,)-(0-&/)*&.(&0*(3%5(&1);(1%0(55%*&%0%2(2*)7%5(&1);(1%0))%0-(,-(2*(1&%79()1*%0).)0%'%3%.('%0'%-)).(%2,-&69('%*%(10&'<&0%.(%7)-%=F;-%5(&1).((0%%&//(& >)2'%/0(%?)-('%.)1*)1)0*)--(*&-(&.)(&761(.()2'%/0(%)&-/&% &55%1&1)0%79(*&.)0%-)%(1.(3(.6%*%.%0.)0%)/(&1)&2'%1% 0,-&/)*&,-&,&2*&.%0%.(*%2,%4-('&7,-)2&1)0),-&').6-).(.('&7,)*)15%.)0)-&3(1')%(2)12(.)0%-*"''.)0%":)2)'&1.&86%1*&7)/0(& 2,)'(;('%*&%0,61*&0)*?.)0)2*-65(&1()'1('A).('6(%0%:!! 1,%-*('&0%-)0(7,(%1*&-()1*-%1)0)*(,&0&/().(,-&/)*(,-)3(2*)1)00)/%*&.)0%26''(*%*% 0)//)),(C,-)'(2%7)1*)%0%0)*)-%%?!"# 1.%*%!!!"(0)-3(5(&79()1*) (186%0(*+.()/-)*)-(%,)-0),-&').6-).(.( '&7,)*)15%.)0%-&3(1'(%.(6''% %22)/1%0%-)2,&12%9(0(*+.)0-&').(7)1*&%0)-3(5(& -9%1(2*('% '&2G'&7),-)3(2*&.%0)/&0%7)1*&%,,-&3%*&'&1:!!! 1'&1;&-7(*+%86%1*&,-)3(2*&%0%-*!'":(0,-&,&1)1*) (1.%*%"!!!" A% 3)-2%*&%;%3&-).)0%-&3(1'(%61%2&77%,%-(%0&!,)-7(0).)03%0&-)'&7,0)22(3&.)0) &,)-).(-(,-(2*(1&%79()1*%0) 1.%*%!!!"0%.(*% 2)'&1.&86%1*&,-)3(2*&%0%-*'": A%,-&33).6*&%,6990('%-)0%33(2&.(.),&2(*&26.6)86&*(.(%1(%.(;;62(&1)-)/(&1%0) >0(--)1&)%%5(&1)? *-%27)*)1.&1) '&11&*%,-&*!:"(1.%*%!:!:!! '&,(%%86)2*%77(1(2*-%5(&1) )-*%1*&(0,-&').(7)1*&%77(1(2*-%*(3&A%%36*&(1(5(&(0/(&-1&!:!:!!" 1.%*%!!!!"'&11&*%,-&*1!!": (02(/%-0& %-*)0% (186%0(*+.(.(-)*&-).( <%-*()-%6''A)2)=;%;&-7%0)-('A()2*%.(%'')22&%/0(%*('&1-('A()2*%.(-(0%2'(&'&,(%.)0 1%.)7,(7)1*&%86%1*&,-)3(2*&.%0%&-7%*(3%(17%*)-(%.( (1.%*%!!!" (0,-&,&1)1*)A%&-/%1(55%*&,-)22&0%%0%&12(0(%-).)0&761).()2'%/0(% 0%,-)2)1*%5(&1),6990('%.)0,-&/)*&).)0&*6.(&.(7,%*&79()1*%0),)-(086%0)42*%*%%*(3%*%0%,-&').6-%.( )'&1.&(.(2,&2*(.)0%-*'.)0%": (0-)2(.)1*).)0%-&3(1'(%.(6''% '&1 )'-)*&1H!.)0!!!!",-&*1H": A%,-&33).6*&%0%1&7(1%.)0%-%1*).)01;&-7%5(&1)1)0%,)-2&1%.)0- %22(7& %-2(0(.(-(/)1*).)0;;('(&)0%5(&1('&1(0 6990('& (13)2*)1.&0&.)('&7,(*(,-)3(2*(.%/0(%-*'0)*(? )'.)0%7).)2(7%0)//) Pagina 4 di 82

6 1.%*%!!!"'&11&*%1,-&*!: (0)2,&12%9(0).)0-&').(7)1*& -'A -%1')2'%%55%-( A%,-&33).6*&%'&761('%-)%0-&,&1)1*))%*6*((2&//)*(1*)-)22%*( 0%.%*%.(%33(&.)0,-&').(7)1*&.( %1&-7%*(3%,-)3).)'A)1)(/(&-1(26'')22(3(%0%33(&.)0,-&').(7)1*& 'A(6186),6I,-)2)1*%-)&22)-3%5(&1(&7)7&-()2'-(*)260,-&/)*&2&*&,&2*&%(2)/1%0%'A)(1.%*%!!!",-&*1H:4,)-3)16*%&22)-3%5(&1).%,%-*).)0%%-*()-%6''A)2)2,% 1.%*%!!!!"'&11&*%1,-&*": (0-&,&1)1*)*-%27)*)'&,(%.(%33)16*&,%/%7)1*&%(2)12(.)0%-*! '":,)-61(7,&-*&'&7,0)22(3&.(! J 1.%*%!!!!"'&11&*%1,-&*":" 0%&761(*+ &1*%1%5&1%*-%27)*),-&,-(&,%-)-) )(/(&-1(!!!")!!!"0%&77(22(&1)2*-6*&-(% '&2*(*6(*%'&1)/&0%7)1*& -&3(1'(%0).('6(%0%:!!! A%,-&').6*&%0%3)-(;('%.)0%'&7,0)*)55%.)/0()0%9&-%*(,-)2)1*%*(%*-%3)-2&0%'&7,(0%5(&1).)0)0(2*).('&1*-&0&2)'&1.&86%1*&,-)3(2*&.%0)&-7) )'1('A).(*6%5(&1)>';-)0(9)-%(61*%)/(&1%0)1H!:? )A%);;)*6%*&61,-(7& )2%7).)0,-&/)*&1'&1'062(&1).(.)*)-(61(&1(0%&77(22(&1(2*-6*&-(%,&-*%%0)3(.)15%.)0%&77(22(&1)%06*%*(3%0)2)/6)1*(86)2*(&1(E 1) Nell elenco delle Amministrazioni interessate, non figura il Ministero dell Ambiente che, per le attività estrattive, ai sensi del combinato disposto di cui agli artt. 16 e 26 del D.Lgs. 157/2006 e art. 2, punto 1, lett. d) della Legge 349/1986 esercita una funzione di controllo di legittimità e di merito sulle autorizzazioni paesaggistiche rilasciate dalle Amministrazioni Comunali con potere di eventuale annullamento degli atti. Il Ministero dell Ambiente interviene solo al momento del rilascio dell autorizzazione paesaggistica e quindi nel momento della procedura unica integrata ai sensi dell art. 17 della L.R. 79/98. 2) Al fine di garantire il coordinamento e lo snellimento dei procedimenti relativamente all ottenimento delle autorizzazioni di cui all art. 17 della L.R. 79/98, la Commissione Istruttoria propone alla Commissione Valutativa il raccordo degli Enti interessati direttamente nella fase istruttoria della procedura di VIA. 3) In merito alla verifica di congruita del versamento degli oneri di cui all art. 10 c.2 della L.R. 79/98, la Commissione Istruttoria evidenzia che la somma da versare deve essere calcolata su valore complessivo delle opere da realizzare e non, come effettuato dal Proponente, esclusivamente sul costo dell attività di ripristino; pertanto rimette alla Commissione Valutativa la verifica della congruità della somma versata come oneri previsti dall art. 10 c.2 della L.R. 79/98; proponendo due metodi di calcolo. 1 metodo: Il valore complessivo delle opere da realizzare corrisponde alla somma dei costi per l escavazione sommati ai costi di ripristino e sistemazione finale e di ogni altra opere accessoria da realizzare. Pagina 5 di 82

7 2 metodo: Il valore complessivo delle opere da realizzare viene calcolato secondo la metodologia utilizzata delle strutture tecniche del Parco delle Alpi Apuane, utilizzando, però, i valori propri della cave di materiali per inerti. Il valore a metrocubo del materiale da scavare potrebbe essere ricavato con procedimento inverso dalle tabelle di cui alla DGRT 517/2006 relativa alla definizione degli importi unitari da applicarsi per l anno 2006 ai sensi dell art. 15 c.3 della L.R. 78/98; a tale cifra vanno poi aggiunti i costi di ripristino e sistemazione finale e di ogni altra opere accessoria da realizzare. 4) Si ritiene inoltre necessario e urgente integrare i componenti della Commissione Istruttoria con: tecnici di ARPAT per gli aspetti relativi agli impatti acustici, caratterizzazione rifiuti e in generale per tutti gli aspetti ambientali; tecnici delle Amministrazioni Comunali relativamente agli impatti acustici, vincolo paesaggistico, vincolo idrogeologico e aspetti procedurali della L.R. 78/98; tecnici ASL relativamente agli impatti sull assetto igienico-sanitario. 5) Si ritiene opportuno sollecitare a tutte le Amministrazioni Interessate individuate (art. 8 LR 79/98), l espressione del parere previsto entro il (art. 14 c. 7 LR79/98). 1.%*%!!!!!"'&11&*%1,-&*":" 0%&761(*+ &1*%1%5&1%*-%27)*),-&,-(&,%-)-) 1.%*%!!!!"'&11&*%1,-&*:" 06*&-(*+.(%'(1&.)0(67))-'A(& -('A().).&'67)1*%5(&1)7%1'%1*)),&(%1160%*%0)-('A()2*%'&11&*%1,-&*!!:"(1.%*%!!!" 0/(&-1&!!!" 2(4*)16*%0%H-(61(&1).)0%&77(22(&1)%06*%*(3%'&2*(*6(*%'&1 )/&0%7)1*&-&3(1'(%0).('6(%0%:!!! %0%-/%*%%0)77(1(2*-%5(&1(&761%0(.( )2'%/0(%)&-/&% &55%1& %0$(,%-*(7)1*&.(6''% %05()1.%%1(*%-(%&'%0).(6''%,)-0)2%7).)0,-&/)*&1*%0)-(61(&1)42*%*&.)'(2&'A)E 1) Si ritiene che siano necessari ulteriori chiarimenti sullo svolgimento delle Conferenze dei Servizi in merito alla presenza o meno del Ministero dell Ambiente. L arch. Lazzari ritiene opportuno un coinvolgimento della Soprintendenza BB.SS.AA. di Lucca; 2) Si accoglie la proposta della Commissione Istruttoria di effettuare la verifica di completezza della documentazione coinvolgendo le Amministrazioni comunali anche in fase istruttoria; ritiene, inoltre, fondamentale il contributo istruttorio di ARPAT Dipartimento Provinciale e della ASL2 Dipartimento Sicurezza sui luoghi di lavoro e Dipartimento salute pubblica; 3) Si ritiene che la cifra versata non risulti congrua in quanto calcolata esclusivamente sui costi di ripristino e si decide che il proponente debba effettuare un computo metrico estimativo dell intervento complessivo comprensivo quindi anche delle opere di scavo; 4) Dovrà essere attentamente valutata, da questa Commissione, l osservazione presentata da Cartiera Lucchese S.p.A.; 5) Per il Comune di Borgo a Mozzano si evidenziano le seguenti questioni: la presentazione pubblica del proponente, seppur effettuata nei termini di legge, non è risultata efficace per la presentazione alle popolazioni vicine interessate dal progetto, sarebbe opportuno che il Pagina 6 di 82

8 proponente effettuasse delle presentazioni pubbliche anche nel territorio del Comune di Borgo a Mozzano; l ampliamento dell attività estrattive comporterà un grosso aumento del traffico pesante esclusivamente sul territorio di Borgo a Mozzano incrementando i già elevati livelli di rischio per le popolazioni delle località attraversate, non esistono nel progetto soluzioni alternative e /o di mitigazione; nella zona sommitale dell area di estrazione prossima alla frazione di Partigliano si trovano boschi di castagno con esemplari secolari di particolare pregio, tali luoghi sono inoltre frequentati dalla popolazione per passeggiate e svago, nel SIA non si ritrova uno specifico elaborato che documenti la reale situazione di fatto; risulta insufficiente il monitoraggio effettuato per l emissione delle polveri per le frazioni di Dezza e Partigliano 6) In generale: si prevede un sostanziale aumento dei traffici con la realizzazione del progetto ma il SIA non contiene uno studio dettagliato sugli impatti generati sulle infrastrutture esterne al sito d escavazione, non vengono proposti interventi alternativi e/o mitigativi; i prodotti di risulta dell attività di 1 lavorazione risultano essere materiali a granulometria molto fine e che difficilmente possono essere riutilizzati tal quali per le inadeguate caratteristiche fisicomeccaniche di stabilità, la dichiarazione della ditta che i materiali di risulta dell attività non sono rifiuti ai sensi del D.Lgs. 443/2001 dovrà essere attentamente valutata alla luce della nuova disciplina vigente; vengono inoltre espresse delle perplessità circa i tempi e le modalità di stoccaggio temporaneo di tali materiali che attualmente escono dal sito come rifiuto; &1 1&*% 1,-&*!:.)0!!!" 4 2*%*& 2&0)'(*%*& %0) 77(1(2*-%5(&1( 1*)-)22%*) 0(13(&.)0,%-)-).('&7,)*)15% 1.%*%!!!"'&11&*%1,-&*!:" (0,-&,&1)1*);%-('A()2*%.(%'')22&%0) &22)-3%5(&1(,-)2)1*%*) 1.%*%!!!"'&11&*%1,-&*:" 06*&-(*+.(%'(1&.)0(67))-'A(& *-%27)*),-&,-(&,%-)-) 1.%*%!!!"'&11&*%1,-&*!:" (0&761).(&-/&% &55%1&*-%27)*),-&,-(&,%-)-) 1.%*%!!!"'&11&*%1,-&*":" (0&761).()2'%/0(%*-%27)*),-&,-(&,%-)-) 1.%*%!!!!"2(4-(61(*%0%&77(22(&1)2*-6*&-(%'A)A%,-&2)/6(*&0(2*-6*&-(%'(-'%0% '&7,0)*)55%.)/0()0%9&-%*(,-)2)1*%*(-(0)3%1.&.(3)-2)'%-)15)2(%.&'67)1*%0('A)%1%0(*('A) (1&0*-) 1&1)22)1.&/0()0%9&-%*(;&-7%*((1'&1;&-7(*+%0)(2*-65(&1(*)'1('A).)0%":0% &77(22(&1)2*-6*&-(%-(*()1)&,,&-*61&-('A().)-)%0%&77(22(&1)%06*%*(3%0%061/%7)1*&.)(*)-7(1((2*-6*&-(.('6(%0%-*'.)0%": Pagina 7 di 82

9 0/(&-1&"!!!" 2(4*)16*%0%H-(61(&1).)0%&77(22(&1)%06*%*(3%%0%-/%*% %0$(,%-*(7)1*&.(6''% %05()1.%%1(*%-(%&'%0).(6''%,)-0)2%7).)0,-&/)*&1*%0)-(61(&1)2(-(0)3%E 1) mancanza totale di analisi delle alternative compresa l alternativa 0, nonché l analisi di diverse tecnologie di coltivazione e/o lavorazione degli inerti; 2) necessità di uno studio maggiormente approfondito sulla qualità biologica, presenza di ittiofauna e di specie floristiche delle face riparie del Rio Corsaglio oltrechè la risistemazione finale del corso d acqua. Importante è anche valutare il ruscellamento delle acque meteoriche dai mucchi di accumulo dei materiali di escavazione. In generale non risultano abbastanza specificate le metodologie di valutazione, né dei monitoraggi. 3) la valutazione sanitaria presente nel SIA contiene dati demografici non corretti e i dati epidemiologici sono troppo generici. Per quanto riguarda le componenti ambientali analizzate: atmosfera, acqua, rumore si rileva l assenza di analisi degli impatti sulla situazione sanitaria. Dovranno essere richiesti chiarimenti sui modelli previsionali adottati, inoltre il fatto che si presupponga che le emissioni rimangano nei limiti di norma non garantisce che possano verificarsi degli effetti negativi sulla salute delle popolazioni dell area, infatti bisogna considerare il incrementale sull esposizione attuale. Incertezza sulla natura delle polveri per la presenza di silice microcristallina. 4) le analisi dovrebbero essere condotte considerando che dati corretti per analisi previsionali si basano su monitoraggi con raccolta di dati in un arco temporale significativo e congruo (minimo 1 anno); 5) necessità di approfondimento sulla caratterizzazione geomeccanica degli ammassi rocciosi, particolare attenzione dovrà essere prestata ai versanti che presentano discontinuità a franapoggio ; 6) Rifiuti: si rileva un errata classificazione dei rifiuti che porta ad una loro minore quantificazione, occorre integrare il progetto con un elaborato specifico per la gestione dei materiali di risulta utilizzando le nuove metodologie per la caratterizzazione in contenuto e cessione; 7) Aria: manca un analisi di alcuni inquinanti da traffico come gli Nox, metalli pesanti, SiO2, CO e altre polveri. Occorre una relazione in cui si illustrino le caratteristiche degli strumenti di analisi, affinché possa esserne valutata l adeguatezza. Per quanto riguarda lo studio diffusionale il modello non risulta validato o tarato, bisogna poi tenere in considerazione che per il 2010 cambieranno i parametri di riferimento; 8) Rumore: sembra non effettuata una taratura del software di analisi, manca un monitoraggio dei livelli di rumore causato dalla viabilità; deve essere prodotto il certificato di abilitazione professionale del tecnico esperto in acustica; la durata dei campionamenti per una settimana è giudicato un periodo troppo breve; 9) Traffico: dovranno essere chiarite le questioni di traffico già evidenziate nelle precedenti riunioni oltre che superare alcune discrepanze presenti nei vari elaborati; 10) Acque: dall esame degli elaborati si ritiene necessario un integrazione allo studio idrogeologico circa la caratterizzazione, il censimento e il monitoraggio delle sorgenti della Pagina 8 di 82

10 valle del Torrente Celetra. Anche la qualità delle acque superficiali e sotterranee dovrà essere meglio indagata; 11) accoglimento della richiesta del Comune di Borgo a Mozzano di una nuova presentazione pubblica; 12) convocazione per un confronto con l Azienda Cave Pedogna per il giorno 24 aprile 2007 ore presso la Provincia di Lucca; 0/(&-1&!!!" 2(4*)16*%0%H-(61(&1).)0%&77(22(&1)%06*%*(3%'&1%6.(5(&1).)0 -&,&1)1*)(1'6(3)1/&1&(062*-%*((-(260*%*(.)0)(2*-6*&-()23&0*) 2(23&0/)61'&1;-&1*&.(-)*& 260)2)/6)1*(,-&90)7%*('A)E86%1*(*%*(3((1)2'%3%5(&1))%67)1*&,-&.65(&1)%116% 7%*)-(%0(.( -(260*%.)0)0%3&-%5(&1( )7(22(&1((1%*7&2;)-% 9(0%1'(&(.-('& 2,)'(%5(&1).)0),&03)-()-(2'A(& 2%1(*%-(& '&7,&1)1*)-67&-)'&1'062(&1).)0%-(61(&1)0%&77(22(&1)%06*%*(3%-(*()1).(,-&-&/%-)(*)-7(1((2*-6*&-(%0;(1).()0%9&-%-)61'&7,(6*&.&'67)1*&.(<-('A()2*%(1*)/-%5(&1(= %1'A)%0%06').)0))3(.)15)2'%*6-(*)1)0%6.(5(&1).)0-&,&1)1*) &1 1&*% 1,-&* :.)0!!!!" 4 2*%*& '&761('%*& %0 -&,&1)1*) (0,-&061/%7)1*&.)(*)-7(1((2*-6*&-( &11&*%1,-&*:.)0!!!"42*%*%-('A()2*% %0-&,&1)1*).&'67)1*%5(&1) (1*)/-%*(3%%0-)0%*(3%7)1*)%E 1. obiettivi e motivazioni progettuali, 2. inquadramento normativo e programmatico, 3. dimensionamento e caratteristiche fisiche del progetto, 4. aspetti metodologici e operativi 5. descrizione generale dell ambiente e fattori d impatto per le componenti: aria, acqua, suolo e sottosuolo, flora, fauna, ecosistemi, paesaggio, assetto demografico e assetto socio-sanitario, assetto territoriale. 6. analisi delle alternative 7. misure di mitigazione 8. monitoraggio 0*)-7(1),)-0%,-)2)1*%5(&1).)0)(1*)/-%5(&1(42*%*&;(22%*&(1/(&-1( 1-(;)-(7)1*&%0%3)-(;('%.('&1/-6(*+.)03)-2%7)1*&.)/0(&1)-(.('6(%0%-*!'.)0% ": 0%&77(22(&1)%06*%*(3%A%2*%9(0(*&'A)0%2&77%.%3)-2%-).&3-+)22)-)'%0'&0%*% 260%77&1*%-)'&7,0)22(3&.)0)&,)-).%-)%0(55%-) (0,-&,&1)1*).&3-+ 86(1.( -).(/)-)61 '&7,6*&7)*-('&$)2*(7%*(3&.)0(1*)-3)1*&'&7,0)22(3&'&7,-)12(3&.)0)&,)-).(2'%3&).)0) &,)-)%'')22&-()6*%0)'&7,6*&.&3-+)22)-)'%0'&0%*&(0'&1*-(96*&.&36*& 1.%*%!"!!"'&11&*%1,-&*!!: (0-&,&1)1*)*-%27)*)'&,(%.(%33)16*&,%/%7)1*&%(2)12(.)0%-*! '":,)-61(7,&-*&'&7,0)22(3&.(!!!J%;-&1*).( 86%1*&-('A()2*&.%0%-&3(1'(%.(6''% Pagina 9 di 82

11 1.%*%!!!!'&11&*%1,-&*": (0-&,&1)1*)A%'&761('%*&0%33(&.)0,-&/-%77%.(7&1(*&-%//(&(13)-1%0).)0%86%0(*+.)0%-(%'&2G'&7)-('A()2*&.%0.&'67)1*& <-('A()2*%.((1*)/-%5(&1(= 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*": (0-&,&1)1*)A%(13(%*&(0,-&/-%77%.( 0%3&-&'(-'%0)(1*)/-%5(&1(.)0'&1-(;)-(7)1*&%0;%*&-)<-67&-)= 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*!!: (0-&,&1)1*)A%'&761('%*&0%33(&.)0,-&/-%77%.(0%3&-&'(-'%0)(1*)/-%5(&1(.)0'&1-(;)-(7)1*&%0;%*&-)<-67&-)= 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*: 0&*6.(&)/%0) %-(%1( )1%0.(K %22&'(%*( (11&7)),)-'&1*&.)0-&,&1)1*);%(2*%15%.(%'')22&%/0(%*()-(0%2'(&'&,(%.(*6*( /0(%*((1)-)1*((0,-&').(7)1*& 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*!: %2)/6(*&.((1'&1*-&'&10%-'A-%1')2'% %55%-(F)2,&12%9(0).)0-&').(7)1*& (0-&,&1)1*)A%2,)'(;('%*&/0()0%9&-%*(.('6(-('A().)(0 -(0%2'(&'&,(% 1.%*%"!!!'&11&*%1,-&*:" 0%-&3(1'(%.(6''%A%,-&33).6*&% -(0%2'(%-)0)'&,()-('A()2*) 1.%*%!!!'&1 1&*) 1,-&* ": ") : " (0 -&,&1)1*) A% *-%27)22&/0()0%9&-%*((1*)/-%*(3(-('A()2*( )2'062(3%7)1*)2626,,&-*&.(/(*%0) 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*!!:" (0-&,&1)1*)A%*-%27)22&0%&7%1.%.( %6*&-(55%5(&1),%)2%//(2*('%%(2)12(.)0%-* '.)0/2:!! 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*!!: (0-&,&1)1*)A%*-%27)22&.&'67)1*( (1*)/-%*(3(,)-0&*)1(7)1*&.)0<,%-)-)(10(1)%(.-%60('%= 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*:L (0-&,&1)1*)A%*-%27)22&0%&7%1.%.( %6*&-(55%5(&1)%0))7(22(&1((1%*7&2;)-%%(2)12(.)0/2:!!%-*) %2)/6(*&.)0,-&').(7)1*&.( 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*:M (0-&,&1)1*)A%*-%27)22&0%&7%1.%.( %6*&-(55%5(&1)%0&2'%-('&.)0)%'86)7)*)&-('A))(1.62*-(%0(%(2)12(.)0/2:!!%-* ' %2)/6(*&.)0,-&').(7)1*&.( 1.%*%!!!! '&1 1&*% 1,-&*!:" (0-&,&1)1*)A%*-%27)22&'&,(%.)0%33)16*&.),&2(*&.)(.&'67)1*((1*)/-%*(3(,-)22&0)77(1(2*-%5(&1(1*)-)22%*) 1.%*%!!"!!'&11&*%1,-&*!: (0-&,&1)1*)A%*-%27)22&/0()0%9&-%*( (1*)/-%*(3(-('A()2*( 2626,,&-*&'%-*%')& 1.%*%!"!!'&11&*%1,-&*"":" (0&761).(&-/&% &55%1&')-*(;('%0% *-%27(22(&1).)(.&'67)1*((1*)/-%*(3( 0/(&-1&!"!! 2( 4*)16*%0% H-(61(&1).)0% &77(22(&1) %06*%*(3%,)- 0)2%7).)0,-&/)*&1*%0)-(61(&1)2('&1'&-.%1&0)2)/6)1*(.)'(2(&1(E Pagina 10 di 82

12 1) il riavvio della procedura è stabilito nella data di arrivo della documentazione; 2) il Comune di Borgo a Mozzano dovrà promuovere presentazioni pubbliche e comunicare i risultati di tali presentazioni che potranno quindi confluire nel parere conclusivo espresso dalla Provincia. 1.%*%!"!!'&11&*%1,-&*: (0)2,&12%9(0).)0-&').(7)1*& -'A -%1')2'%%55%-( A%,-&33).6*&%'&761('%-)%0-&,&1)1*) 0%.%*%.(-(%33(&.)0,-&').(7)1*&.()(-)0%*(3(*)-7(1(.('&1'062(&1) 1.%*%!"!!'&11&*%1,-&*: (0)2,&12%9(0).)0-&').(7)1*& -'A -%1')2'%%55%-( A%,-&33).6*&%-('A().)-)%*6*)0)77(1(2*-%5(&1(1*)-)22%*)(0,%-)-).( '&7,)*)15%%(2)12(.)0%-*'".)0%": 1.%*%!!!!2(4-(61(*%0%&77(22(&1)2*-6*&-(% (1*%0)-(61(&1)4,-&2)/6(*% 0(2*-6*&-(%.)/0()0%9&-%*((1*)/-%*(3(,-)2)1*%*(-(0)3%1.&0%,)-7%1)15%.(%0'61)'-(*('(*+ 42*%*%,)-*%1*&-(*)16*%1)')22%-(%61%6.(5(&1).)0-&,&1)1*)(17&.&.%'A(%-(-)60*)-(&-7)1*)/0( %2,)*(-(*)16*('-(*('( 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*:" (0&761).()2'%/0(%*-%27)*),-&,-(&,%-)-) 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*"!: 06*&-(*+.(%'(1&.)0(67))-'A(& *-%27)*),-&,-(&,%-)-) 1.%*%!!!2(4-(61(*%0%&77(22(&1)2*-6*&-(% (1*%0)-(61(&1)4,-&2)/6(*% 0(2*-6*&-(%.)/0()0%9&-%*((1*)/-%*(3(,-)2)1*%*(-(0)3%1.&0%,)-7%1)15%.(%0'61)'-(*('(*+ (0 )2,&12%9(0).)0-&').(7)1*&-(*()1),)-*%1*&.(,-&061/%-)(*)-7(1((2*-6*&-(%(2)12(.)0%-* '.)0%":).((1.(-)61%6.(5(&1).)0-&,&1)1*) 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*: (0)2,&12%9(0).)0-&').(7)1*&'&761('% %0-&,&1)1*)(0,-&061/%7)1*&.)(*)-7(1((2*-6*&-(%(2)12(.)0%-*'.)0%":)(1.(') 0%6.(5(&1),)-(0/(&-1&!!!! 1.%*%!!!3)1/&1&%'86(2(*('&1*-(96*(2'-(*(.)05()1.%6''%F(,%-*(7)1*& -)3)15(&1)) ('6-)55%).)01(*+ 615(&1%0) /()1)) %1(*+ 6990('% 6*(0(%0%6.(5(&1).)0 -&,&1)1*) 1.%*%!!!!4%33)16*%0%6.(5(&1).)0,-&,&1)1*)'&10)2,&2(5(&1)%0&2*)22&.(%0'61) '-(*('(*+-(0)3%*)(1;%2)(2*-6*&-(% (0-&,&1)1*)A%-(2,&2*&'A(%-)1.&&/1(,-&90)7%*('%)7)-2% 1.%*%!!!!4,)-3)16*%1&*%1,-&*: '&1'6((0(1.%'&.)0&761).( &-/&% &55%1&A%-)%0(55%*&61%,-&').6-%.(%-*)'(,%5(&1)&,&0%-)%*-%3)-2&0%-)%0(55%5(&1).(61(1'&1*-&,6990('&'&10),&,&0%5(&1(.(%-*(/0(%1&).()55% 1.%*%!!!'&1.&'67)1*&1,-&*: (0,-&,&1)1*)(13(%61%1&*% 2,&1*%1)%.(<'A(%-(7)1*(-)0%*(3(%0)(1*)/-%5(&1(.)0(6/1&!!= 1.%*%!!!4,)-3)16*%1&*%1,-&*:.)05()1.%.(6''%F -)3)15(&1))('6-)55%'&1'6(2()2,-(7),%-)-).);(1(*(3& Pagina 11 di 82

13 1.%*%!!! (02(/%-0& %-*)0%(186%0(*+.(.(-(/)1*))(1-%,,-)2)1*%15%.)0%&'()*+ %-*()-%6''A)2), '&11&*%1,-&*:A%;%*&-('A()2*%.(%'')22&%/0(%*(). )2*-%5(&1)'&,(% 1.%*%!"!!2(4-(61(*%0%&77(22(&1)2*-6*&-(%,)-0)2%7).)0)60*)-(&-(1&*) (1*)/-%*(3),-)2)1*%*) (1*%0)-(61(&1)3()1))3(.)15(%*&'A)1)0)(1.%/(1('&1.&*)260,)-2&1%0) &,)-%1*)(1'%3% )%0)/%*)%0)(1*)/-%5(&1(3&0&1*%-() 2&1&,-)2)1*( 1)0),&03)-(-)2,(-%9(0( )0)3%*)'&1')1*-%5(&1(.(2(0(')7('-&'-(2*%0(1%'A)(1*%061('%2(2;&-%1&%1'A)(0(7(*(,-)3(2*(.%0% 1&-7%*(3%N*%0(%1%0(2(%33%0&-%1&0%*)2(,(C3&0*))2,0('(*%*%.%)260%1)')22(*+.)0 '&1*)1(7)1*&.)0),&03)-(.%,%-*).)0%5()1.% 1.%*%!!3()1)-(0%2'(%*%%0(/ %-*)0%'&,(%.(/(*%0).)0'&1*)1)1*)0) (1*)/-%5(&1(%0 1.%*%"!!2(4-(61(*%0%&77(22(&1)2*-6*&-(%,)-0%'&1'062(&1).)0%,,&-*& 2*-6*&-(& '(%2'61'&7,&1)1*).&3-+'6-%-),)-/0(%2,)*(.('&7,)*)15% (0'&1*-(96*&%0% -).%5(&1).)0"#$%&'(')#(*&#+%',-#,#(%.%/-0(%%1$#&&%1%.*2-/%1%&%0#+%',-3 1.%*%"!!'&11&*%1,-&*""":" 3()1)%'86(2(*&(0'&1*-(96*&(2*-6*&-(&.( 1.%*%!! 3()1)%'86(2(*&(0'&1*-(96*&(2*-6*&-(&.)0%5()1.%.(6''%F (,%-*(7)1*&-)3)15(&1) 1.%*%!!2(4-(61(*%0%&77(22(&1)%06*%*(3%,)-0%,,-&3%5(&1).)0,-)2)1*) %,,&-*&2*-6*&-(& -).%*&%*-%3)-2&0(1*)/-%5(&1).)('&1*-(96*((2*-6*&-('6-%*(.%(2(1/&0( 2)-3(5(.)0%-&3(1'(%>)-3(5(&-9%1(2*('%) &9(0(*+ )-3(5(&79()1*) )-3(5(&(;)2%.)0 6&0& )-3(5(&/-('&0*6-%)&-)2*)%''(%$)2'%)(/(0%15%?).)/0(%0*-(1*(*)'1('(.(26,,&-*& >5()1.%.(6''%)(,%-*(7)1*&,-&3(1'(%0).(6''%?'(%2'61%,)-0)7%*)-().( -(2,)*(3%'&7,)*)15% Pagina 12 di 82

14 %.&'67)1*%5(&1),-)2)1*%*%.%0,-&,&1)1*)4-(260*%*%'&2G'&7,&2*%E -&/)*&.);(1(*(3&'&7,&2*&.()0%9&-%*()26&(%0)/%*(E $ % % &'% (# '%)% >%0)/%*&? $* " %+ *, %",% >%0)/%*&? *6.(&.((7,%*&%79()1*%0)>?)26()0%9&-%*(/-%;('(%0)/%*(E $&%-./!$ 0 %-./$ $' %./!-*%%!1$ $%%/%".2 $%%/%"!2 $%%/%" 32 $%%/%" %$' "$ 0 %% %% %% $&%%% $&%%%%% $&% $& $& " *6.(&.((7,%*&%79()1*%0)>?E2(1*)2(1&1*)'1('% 0,-&,&1)1*)A%,-)2)1*%*& 0%.&'67)1*%5(&1)(1*)/-%*(3%-('A()2*%.%06*&-(*+&7,)*)1*) '&2*(*6(*%.%E *6.(&.((7,%*&%79()1*%0)>?E* (!!.4 5* * & ' 9!!1!4, $! *6.(&.((7,%*&%79()1*%0) >?E % -& ' 9!!1!4, $ )0%5(&1)%)2%//(2*('%- '&.!.!!$ Pagina 13 di 82

15 0%9&-%*((1*)/-%*(3(.(-&/)*&E RAPPORTO INTERDISCIPLINARE $: %:./' %./ $: %:!/'./ $: %: 3/: % %,./., ;'!< = ; '( =( ) >"->,,,,,,,% $ $: %:?/: % %,./., ;( ; =1'6&->,,,,,,, % $ $: %./;&5%5%#./! $: %.!/;&%%%#./! %$: %.!/* %% %%/ +/ 0 % %6'% 6 &./ 0 %%% % 6'% 6&./ >%3< 0 %% % 6'% 6& %%6&./ ( %/" "" >/ : 0 % 0./. : : %%"./ : %%"./ : : %!3/%% 0,-&,&1)1*)A%(1&0*-),-)2)1*%*& (1;&-7%.((1*)/-%5(&1)2,&1*%1)% 61%1&*%.(&" % (5%!7# Pagina 14 di 82

16 )'&1.&86%1*&,-)3(2*&.%0%-*.)0%":(0)-3(5(&-9%1(2*('%) &9(0(*+ 2)*&-).('&7,)*)15%,-)3%0)1*),)-0)2,0)*%7)1*&.)0%,-&').6-%.((7,%*&%79()1*%0).)0,-&/)*&,-)2)1*%*&.%0%.(*% A%,-&33).6*&%-('A().)-)%0)77(1(2*-%5(&1(1*)-)22%*)(0,%-)-) 2,)'(;('&(2)/6(*&2&1&-(,&-*%*((,%-)-(,)-3)16*(E '1*,%&4',&#,#+',#52-# *""6-.->1&*%,-&*":".)0!!!!"?E -B$ C ( 3. % % # -27%+%'%8-.#/-(*'('/-(#2'7%,"%#/% *""#>1&*%,-&*:.)0!!!!"?E -B $" % % % /.$!$ 0 3$ *&% * > # *&'2%&4/%#"%,'/-(%*1--2"6%'>1&*%,-&*:".)0!!!"?E -B $,,, %, " %%, %%"-B $ -B$ % % " " %*, D % " " % %,, -B$ " 0 %/ $ % 0 %, % % %, % " < " "% % E $ %,% %, % F%0 %% E $ %, "G E $ 0 0 % %, % % % " Pagina 15 di 82

17 -B $ / $ %, 0 *&%#E $ % # ' ) ( %%, 0 %, % %,, 0,%% E $,, ".!," 0, -*&% > >$, %"# '1*,-/%-."#0(%#>1&*%,-&*":".)0!!!"?E & &'% (-B$, "0 % '.7 9*4887 '0 -B$H +" % / $ / 5,& (,&%,C *%%,C & C - % % C *%%C #$E $ 0, E $ "" % 0 6 '% E $ %%" % F%0??E $ % '%E $ %% %" ' ( %%9*38!'5*?7*!3 '0%H " % /. % 0 %0 %E! " %!-B $E 3 %% % % -'!$, ( ) > ", " E? % *&% ( %% 9%?!!? ' 0 % H " % % / * %% Pagina 16 di 82

18 '1*,-/%'20'#'++#,'>1&*%,-&*!:".)0!!!"?E %%, -B$, % % / $ "" ( &, " % '%, %% 0, %0 9*4887 $ "G %, )C, %% % " 0 C, 0 /,, 5 H %, %%% 0 9 %%", "0 ',, %!4 ( ' $ "G H % '% ", " % %, %( %", %, % % " 0% $ + %% '%, 0 %,"0 % -'.,$ : ( F, ", % "( '%%.89%?!!?, C( / $ * %%, %, '&.!.!!? 3 &12&1&,)-3)16*( 2),,6--('A()2*( (,%-)-(.(E&761(*+ &1*%1%5&1%F ).(%3%0).)0 )-'A(& 2)/6(*&.)0%,-)2)1*%5(&1).%,%-*).)0%.(*%.)0%.&'67)1*%5(&1)(1*)/-%*(3%-('A()2*%).)0%*)2*%5(&1).)0%33)16*&.),&2(*&.)0%2*)22%,-)22&*6*)0)77(1(2*-%5(&1(1*)-)22%*) 2&1&,)-3)16*(2)/6)1*(,%-)-(E Pagina 17 di 82

19 '1*,-/%-."#0(%#>1&*%,-&*:".)0!!!?E -B$ '*F++&( 'F6C( % %%# *&'2%&4/%#"%,'/-(%*1--2"6%'>1&*%,-&*"!:.)0!!!?E -B $C % /-B $ I(),.?4, 9*64887,, 0 %%%!8!4,.3,,0 % '!# "H0 6 '% 0 %/ $ " " %,%,,, % " < ", % 0 % E $,," 3! '% " %*", % ' ) (%%#, &*6!.! '!<( #,!3+' ",J %,, 0 % %% E" % %% 0( %# &12&1&,)-3)16*( 2),,6--('A()2*((,%-)-(.(E&761).(&-/&% &55%1& &761(*+ &1*%1%5&1%F ).(%3%0).)0)-'A(& )'&1.&/0(&9()*(3()2,&2*(.%0-&,&1)1*) (016&3&,-&/)*&2(-)1.)1)')22%-(&,)-(2)/6)1*( 7&*(3(E %?.%-)-%5(&1%0(55%5(&1)%0%'&1;&-7%5(&1).)0%'%3%)1*-&(0(7(*((1.(3(.6%*(.%0 (1 7&.&'A)0%.(2')2%.%0%0*&3)-2&(09%22&.)0%'&0*(3%5(&1)(1*)-)22(*6*%0%-)%'&2G.)0(7(*%*%) 1&1612&0&2)*&-) %1'A)2)%7,(& '&1.(261(;&-7(*+'A)(1;6*6-&,&*-)99)-&1&1)22)-),(C %;;-&1*%9(0()/)2*(9(0((17%1()-%,-&.6*(3%7)1*)'&13)1()1*)N 9?1)')22(*+).&,,&-*61(*+.(%*6%-)(0'%-('%7)1*&<(19%1'&=.)(7%*)-(%0()2*-%*( 6*(0(55%1.&,%-*).)0)16&3)%-)).(%*%''&,)-0%-)%0(55%5(&1).(2*-%.).(%--&''%7)1*&,)-'&--(9(0(1&12&0&.%(7%''A(1%-(.()2'%3%5(&1) 7%%1'A).%(7)55(.('%-('%7)1*& (17&.&.%-(.6--),)-6196&1 Pagina 18 di 82

20 ,)-(&.& (02(2*)7%.(%99%*(7)1*&.%0/-%.&1)%0*&3)-2&(0,(%55%0)9%22&.)0%'%3% '&1 '&12)/6)1*(1)*(7(/0(&-%7)1*(2&*&/0(%2,)*(.)0%2('6-)55%.)0%,-&.65(&1).)0),&03)-().)( (-67&-(N '?1)')22(*+.(6*(0(55%-)(17&.&,(C-%5(&1%0)0)*-)0(*&0&/(),-)2)1*(1)0%-)%)2*-%*(3%>'%0'%-) <7%(&0('%=.(%2,-()'%0'%-)2)0'(;)-&%2)0'(1)-)? (186%1*&*%0(0(*&*(,(%;;(&-%1&'&12,)22&-( 3%-(%9(0(1)0)3%-()5&1).)0%-)%2*)22%1;%*(1)0%5&1%')1*-%0)(.(%2,-(,)-7&*(3(*)*&1('&$ 2*-6*6-%0(,-)2)1*%1&2,)22&-(,(C)0)3%*(-(2,)*&%0)5&1)0%*)-%0( 7)1*-)1)0%5&1%&-()1*%0),-)3%0)(0'%0'%-)<7%(&0('%=).(13)')1)0%5&1%&''(.)1*%0)>'A)'&--(2,&1.)%0)3&065(&1).( '%3%,-)3(2*%?,-).&7(1%(0'%0'%-)2)0'(;)-&%2)0'(1)-) '&2G'A)'&1(016&3&%22)*&2(3)--)99)% /%-%1*(-)%/0((7,(%1*(61%,,-&33(/(&1%7)1*&,(C&7&/)1)&),(C.6-%*6-&1)0*)7,&.)(*-) 7%*)-(%0( '&10)/(62*)'%-%*)-(2*('A).(86%0(*+ %1'A)%(;(1(.)0)&,,&-*61)7(2')0%5(&1(6)2*& %1'A),)-/%-%1*(-)86%1*&')-*(;('%*&'&10%1&-7%*(3%26/0((1)-*( )'&1.&86%1*&.('A(%-%*&.%0-&,&1)1*) (0,-&/)*&'&12)1*(-+%1'A).(-)%0(55%-)61%7(/0(&-) &-/%1(55%5(&1).(*6*&(00%3&-&.)0%'%3%'A) '&10%.&5(&1).(2*%1.%-..(2('6-)55%2)7,-) 7(/0(&-( 1)0%26%)3&065(&1) 7&2*-%61%'-)2')1*)1)')22(*+.(2,%5(),)-7)*)-+%1'A).( %0&1*%1%-) *-%7(*)&,,&-*61%.)3(%5(&1) 0)%'86),-&3)1()1*(.%0%,%-*)%0*%.)09%'(1&.)0 *&--)1*)&-2%/0(& 'A)/(+%.)22&(1*)-;)-(2'&1&'&10%*6%5(&1).)0%'&0*(3%5(&1) %3)-(;('%.)0%&1;&-7(*+'&10),-)3(2(&1(.)042*%*%23&0*%.%0)-3(5(&-9%1(2*('%) &9(0(*+.)0%-&3(1'(%E #2#&&-2%.&%"6-/-(#2-#/%%,&-27-,&'9 % % %9 H 6 '% - $" " &% -& $, F ->K $,*-I $,(-( $ > ->K K$% -5,&,(,&%, C *%%,C & C $, %, &% -& $, Pagina 19 di 82

21 6 " " %,% 9 %6 '% % ',8'21%&4"',(-$2-7%.%',-/-(9 ' 6& ' 9 0 %, 6 '% C'%# : %% 0,H 6 '% 9 %% %0 %% 8 '6& "% %, 0% ' *% (:-'*(:$, 8 '6& " % % %, % " % %,, 0-1 '6&$E "" %% ' 3! '%# % % 6 %, 0, 0 / " % %,, %0-!4 '6&$,%%, 0 " '6& Pagina 20 di 82

22 (1'&0(1%*6-%0(2*('(),%)2%//(2*('( RAPPORTO INTERDISCIPLINARE %-)%&//)*&.(-('A()2*%.(%7,0(%7)1*&.)0%*(3(*+)2*-%*(3%)2&//)*%%(2)/6)1*(3(1'&0(E (1'&0&,%)2%//(2*('&%79()1*%0)%(2)12(.)0)0)*)-)'?)/?.)0/2":!!N (1'&0&(.-&/)&0&/('&%(2)12(.)0%":N (1'&0&9&2'A(3&%(2)12(.)0%:!!)27(N (1'&0&(.-%60('&%(2)12(.)0:!N (1'&0(.)-(3%1*(.%.)06*&-(*+.(%'(1&.)0(67))-'A(& %*(3(*+)2*-%*(3%.)0%'%3%4;(1%0(55%*%%0%,-&.65(&1).(7%*)-(%0((1)-*( ).(17(1&-7(26-%.% 6*(0(55%-)*%086%0(>(.(%2,-(?'&7)7%*)-(%0(.)2*(1%*(%-()7,(7)1*( 2&*&;&1.()-(0)3%*((1/)1)-) 61%,-&,&-5(&1).)0D'(-'% 016&3&,-&/)*&(1*)-)22)-+26,)-;('(,)-'&7,0)22(3(!!!!78>'&12(.)-%1.&0(1*)-& '&7,0)22&'&7,-)12(3& &0*-)'A).)(,(%55%0( %1'A)0%-)%.)0;-%1*&(&.)/0(6;;('().)0&;;('(1%? 'A)%1.-%11&%'&,-(-)'(-'%(0!D.)0%-)%(1.(3(.6%*%.%0>!"78?N(1*%0)%79(*&0% 26,)-;('().)0%-)%)2*-%*(3%%*6%07)1*)%6*&-(55%*%>'(-'%"!!!!78?1)'&,-)(0"D7)1*-) 0%-)%.(,-)3(2*%)2,%12(&1) '(-'%!!!78 1)-%,,-)2)1*%(0D0-)2*%1*)D1&12%-+ 6*(0(55%*&%;(1()2*-%*(3()-%,,-)2)1*%61%;%2'(%,)-(7)*-%0)%0(1*)-1&.)00(7(*) %0%2*(7%'&7,0)22(3%.)0)26,)-;('((1*)-)22%*).%0(1*)-3)1*&)2*-%*(3&(1,-&/)*&>)'A) '&1*)2*6%07)1*)%0)2'%3%5(&1)2%-%11&(1*)-)22%*).%0)&,)-%5(&1(-(,-(2*(1&?2()3(.)15(%'A) '(-'%0"D.)0%26,)-;('()'&(13&0*%'&7,)*)-+%0&761).()2'%/0(% (0-)2*%1*)D%0 &761).(&-/&% &55%1& 0(3)0&'&7,0)22(3&(016&3&,-&/)*&'&7,&-*)-+0)2'%3%5(&1).('(-'%!!!!!.(7'.( 7%*)-(%0)&1-(*7(.(2'%3&.('(-'%!!!!!7':%11& *%0)86%1*(*%*(3&'&7,0)22(3&,&*-+)22)-) 7&9(0(55%*& (1'(-'%!%11( )2%6-)1.&2(86(1.()1*-&(*)-7(1(.)0%6*&-(55%5(&1)-('A()2*% )<;%2(=.(%*6%5(&1)(1*)-7).().)0,-&/)*&,)-,-)'(2%2')0*%2*-%*)/('%.)0-&,&1)1*) 1&1 2&1&2*%*)3(1'&0%*)%.(1*)-3%0(*)7,&-%0(.);(1(*( 7%,(6*&2*&%,%-*('&0%-('&1;(/6-%5(&1(.)0%79()1*).('%3%'A)&/1(3&0*%.&3-%11&2&..(2;%-)'&1*)7,&-%1)%7)1*)0)'&1.(5(&1(.( 2('6-)55%.)03)-2%1*) (0-(%22)*&&-/%1('&.)0)5&1))2'%3%*)).(-(*7(,-&.6*(3(.)/0((7,(%1*( )0%*(3%7)1*)%(,-&.&*(.)0%*(3(*+)2*-%*(3%(1)2%7) )22(2&1&-%,,-)2)1*%*((17%//(&-,%-*).%;-%1*67%*(.)-(3%1*(.%-&'')'%0'%-)) ),-)'(2%7)1*).%0'%0'%-)<7%(&0('%=).%0'%0'%-) <2)0'(;)-&=>"!$!D? ).%<.(%2,-(=>!$!D? 86)2*60*(7(6*(0(55%*(*%086%0().%1'A),)- Pagina 21 di 82

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SENZA IMPEGNO DI SPESA. Determinazione n 5945 del 20/12/2013

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SENZA IMPEGNO DI SPESA. Determinazione n 5945 del 20/12/2013 Servizio Pianificazione territoriale e della mobilità, Patrimonio, risorse naturali e politiche energetiche Urbanistica - Ufficio Pianificazione ambientale DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SENZA IMPEGNO DI

Dettagli

Cava Casolo Piano Gestione Rifiuti

Cava Casolo Piano Gestione Rifiuti 1 PREMESSA... 2 2 METODO DI COLTIVAZIONE... 3 2.1 Scopertura del giacimento... 3 2.2 Estrazione e carico del calcare... 3 2.3 Trasporto all impianto... 3 2.4 Frantumazione... 3 2.5 Recupero ambientale...

Dettagli

FASE ADOZIONE. Relazione del responsabile del procedimento ai sensi art. 16 coma 3, L.R. 1/2005

FASE ADOZIONE. Relazione del responsabile del procedimento ai sensi art. 16 coma 3, L.R. 1/2005 SERVIZIO 4 - ASSETTO DEL TERRITORIO PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLA TERZA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 46 DEL 25.10.2008 RELATIVA ALL ADEGUAMENTO AL P.R.A.E. DELLA

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività a carattere permanente

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività a carattere permanente mod. perm. 04/14 Dipartimento Tutela Ambientale - Protezione Civile U.O. Tutela dagli Inquinamenti Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività

Dettagli

Indicazioni per la predisposizione del Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione PGRE

Indicazioni per la predisposizione del Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione PGRE Indicazioni per la predisposizione del Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione PGRE Il Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione (PGRE), che costituirà l All. n. 5 o successivi, al provvedimento

Dettagli

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto acustico)

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto acustico) l.g. cantieri 04/14 Dipartimento Tutela Ambientale - Protezione Civile U.O. Tutela dagli Inquinamenti Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto

Dettagli

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Indice 1 PREMESSA... 2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3 BILANCIO DEI MATERIALI IN PROGETTO... 6 4 CONFERIMENTO A IMPIANTI DI TRATTAMENTO... 7 5 CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

Quadro di Riferimento Programmatico

Quadro di Riferimento Programmatico ALLEGATO II Indirizzi per l elaborazione dello Studio preliminare ambientale ai fini della procedura di verifica di assoggettabilità alla VIA di progetti inerenti le attività estrattive Finalità e requisiti

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DELLA PROPOSTA DI VARIANTE AL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE

RELAZIONE DESCRITTIVA DELLA PROPOSTA DI VARIANTE AL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE Comune di Borgo San Dalmazzo Provincia di Cuneo RELAZIONE DESCRITTIVA DELLA PROPOSTA DI VARIANTE AL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE M1.10.REL.01.rev.00/24382 Torino, 24 maggio

Dettagli

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente LINEE-GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERIALI/RIFIUTI INERTI DERIVANTI DALLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE, COSTRUZIONE E SCAVO, COMPRESE LE COSTRUZIONI

Dettagli

Ancona, 25.02.2014 EDISON S.p.A. Gestione Idrocarburi Operations.Sambuceto@pec.edison.it

Ancona, 25.02.2014 EDISON S.p.A. Gestione Idrocarburi Operations.Sambuceto@pec.edison.it GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia Posizione di Funzione Valutazioni ed Autorizzazioni Ambientali Ancona, 25.02.2014 PEC EDISON S.p.A. Gestione Idrocarburi Operations.Sambuceto@pec.edison.it

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

SALVINI PAOLO E FABRIZIO SNC Via di Gello, 172 56038 Ponsacco (PI)

SALVINI PAOLO E FABRIZIO SNC Via di Gello, 172 56038 Ponsacco (PI) SALVINI PAOLO E FABRIZIO SNC Via di Gello, 172 56038 Ponsacco (PI) IMPIANTO: Via del Commercio Ponsacco (PI) OGGETTO: LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DI UN AREA DA DESTINARE A STOCCAGGIO E RECUPERO DI MATERIALI

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Personale e Organizzazione - Tutela Ambientale UFFICIO Rifiuti, Emissioni in Atmosfera, Inquinamenti e Bonifiche N. Mecc. PDET-1333-2013 del 20/05/2013 Atto N. 1331 del 21/05/2013

Dettagli

Regione Lombardia. Provincia di Pavia COMUNE DI CURA CARPIGNANO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

Regione Lombardia. Provincia di Pavia COMUNE DI CURA CARPIGNANO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Regione Lombardia Provincia di Pavia COMUNE DI CURA CARPIGNANO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ai sensi della L. R. per il Governo del Territorio del 11.03.2005 n 12 Gennaio 2008 NORME GEOLOGICHE DI PIANO

Dettagli

C o m u n e d i C a r m i g n a n o

C o m u n e d i C a r m i g n a n o C o m u n e d i C a r m i g n a n o P.zza G. Matteotti, 1-59015 Carmignano (PO) Tel.055/875011 - Fax 055/8750301 Settore n. 4 Urbanistica Edilizia Pubblica e Privata Provvedimento di verifica Variante

Dettagli

Prescrizioni. 1. rispettare i criteri igienici sanitari stabiliti dalle vigenti disposizioni di legge in materia;

Prescrizioni. 1. rispettare i criteri igienici sanitari stabiliti dalle vigenti disposizioni di legge in materia; Allegato B Prescrizioni Rinnovo dell autorizzazione in via definitiva all esercizio di un impianto mobile di recupero di rifiuti modello GCR 12.9 matr. 10900. Ditta Bartolini S.r.l. con sede legale via

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R.

Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R. Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R.64/01 bollo da 10.33 Alla Provincia di PRATO Servizio Tutela Ambientale Via

Dettagli

COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA "MONTECCHI DI SOTTO" - POLO 17

COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA MONTECCHI DI SOTTO - POLO 17 COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA "MONTECCHI DI SOTTO" - POLO 17 1. INQUADRAMENTO Comune di: Castrocaro Terme - Terra del Sole. Località: Montecchi di sotto. Elaborato cartografico

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Preparato da Fulvio Bartolucci Area Sicurezza&Ambiente Data 11 Giugno 2002 Sommario 1. Premessa 2 2. Riferimenti normativi 2 3. Definizioni 4 3.1 Le Zone

Dettagli

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO CENTRO DI RECUPERO DI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI Zona Industriale Brindisi IN PROCEDURA SEMPLIFICATA AI SENSI DELL ART. 216 DEL D.Lgs 152/2006 E ss.mm.ii.

Dettagli

Io sottoscritto/a in qualità di titolare/legale rappresentante (1) della Ditta/Ente (1) con sede legale in Provincia via n C.A.P.

Io sottoscritto/a in qualità di titolare/legale rappresentante (1) della Ditta/Ente (1) con sede legale in Provincia via n C.A.P. APPROVAZIONE PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI SMALTIMENTO O RECUPERO RIFIUTI / VARIANTE SOSTANZIALE IN CORSO DI ESERCIZIO / EVENTUALE AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO D.Lgs 22/97 e ss. mm. e

Dettagli

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi SOGGETTI RICHIEDENTI Le imprese che intendono avviare l attività di recupero di rifiuti

Dettagli

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali Le opere di difesa Le opere di derivazione delle acque superficiali Le opere di immissione nelle acque superficiali I corsi d acqua ricevono svariati apporti liquidi derivanti dalle attività antropiche,

Dettagli

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE CHIARIMENTI SUL REGIME NORMATIVO APPLICABILE NELLA FASCIA DI INEDIFICABILITÀ ASSOLUTA DAI LIMITI DELL ALVEO AI SENSI DELL ART. 8, C.3 DELLA NORMATIVA-TIPO DEI PIANI

Dettagli

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali Relatore: SERGIO CANOBBIO Seriate,,

Dettagli

PROVINCIA DI FIRENZE COMUNE DI VICCHIO. COLABETON S.p.A. CAVA DI SABBIA E GHIAIA LOC. CISTIO-RIMAGGIO - COMUNE DI VICCHIO (FI)

PROVINCIA DI FIRENZE COMUNE DI VICCHIO. COLABETON S.p.A. CAVA DI SABBIA E GHIAIA LOC. CISTIO-RIMAGGIO - COMUNE DI VICCHIO (FI) PROVINCIA DI FIRENZE COMUNE DI VICCHIO COLABETON S.p.A. CAVA DI SABBIA E GHIAIA LOC. CISTIO-RIMAGGIO - COMUNE DI VICCHIO (FI) SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PIANO DI MONITORAGGIO AMBIENTALE IN CORSO D

Dettagli

ACQUE REFLUE INDUSTRIALI.

ACQUE REFLUE INDUSTRIALI. OGGETTO: D. Lgs. n 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni, L.R. n 5/2006. Istanza di autorizzazione allo scarico di (barrare la casella di interesse): ACQUE REFLUE INDUSTRIALI. 7 - lettera a)

Dettagli

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale Integrazione PAC e VAS Punta Olmi Allegato 12 Sistema di Monitoraggio Ambientale Arch. G. Giovarruscio Ing. Maddalena Mestroni Dott. Paolo Parmegiani Dott. Geol. Gianpiero Pinzani Dott. Arch. Gianluca

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria INQUINAMENTO ACUSTICO Ing. Giorgio Baldinelli RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI: D.P.C.M. 01/03/91 Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI Servizio Ambiente ed Ecologia

PROVINCIA DI BRINDISI Servizio Ambiente ed Ecologia PROVINCIA DI BRINDISI Servizio Ambiente ed Ecologia ESTRATTO DEL PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE DI AUTORIZZAZIONE n. 74 DEL 07-11-2013 Oggetto: Valutazione di Impatto Ambientale per la realizzazione e l esercizio

Dettagli

COMUNE DI MONCUCCO TORINESE PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE N. 4

COMUNE DI MONCUCCO TORINESE PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE N. 4 COMUNE DI MONCUCCO TORINESE PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE N. 4 VERIFICA DI COMPATIBILITA CON LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA ALLEGATO D. 1 ING. GIUSEPPE VILLERO

Dettagli

Insediamenti in cui viene svolta attività di gestione rifiuti.

Insediamenti in cui viene svolta attività di gestione rifiuti. INDICAZIONI PROGETTUALI PER DOMANDE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI IN CUI VENGONO SVOLTE ATTIVITÀ DI GESTIONE RIFIUTI. Insediamenti in cui viene svolta attività

Dettagli

Acustica Architettonica e Ambientale Campi Elettromagnetici, Radon e Radioprotezione, Sicurezza, V.I.A

Acustica Architettonica e Ambientale Campi Elettromagnetici, Radon e Radioprotezione, Sicurezza, V.I.A Acustica Architettonica e Ambientale Campi Elettromagnetici, Radon e Radioprotezione, Sicurezza, V.I.A Via Amendola 26, 57023 Cecina (LI) Tel e Fax 0586/630474, Cell. 347/73045 e-mail: ipernucleo@interfree.it;

Dettagli

Introduzione alle Linee Guida per la valutazione delle emissioni di polveri. Le motivazioni della scelta.

Introduzione alle Linee Guida per la valutazione delle emissioni di polveri. Le motivazioni della scelta. Direzione Ambiente e Gestione Rifiuti Ufficio VIA - VAS Incontro Come intervenire sulle attività che producono polveri La delibera della GP n. 213/2009 e le nuove LG sulle attività polverulente Introduzione

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:.

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:. 3. Che la tipologia dell intervento, delle suddette opere è riconducibile a: 4. Che lo stato attuale dell immobile/unità immobiliare risulta legittimato dai seguenti atti: Fabbricato antecedente al 1938

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 54/12 DEL 30.12.2013

DELIBERAZIONE N. 54/12 DEL 30.12.2013 Oggetto: Procedura di Valutazione di Impatto Ambientale, ai sensi del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. relativa al progetto Ampliamento di una attività di stoccaggio, deposito e riciclaggio di materiali inerti,

Dettagli

Terre e rocce da scavo

Terre e rocce da scavo Terre e rocce da scavo INERTI DA TRATTAMENTO RIFIUTI TERRE E ROCCE DA SCAVO EVOLUZIONE NORMATIVA DELLE TERRE DI SCAVO 1997 Le terre e rocce da scavo in un primo tempo erano state escluse dall applicazione

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Direttive

Dettagli

PROVINCIA DI BIELLA. Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. DETERMINAZIONE N. 1530 IN DATA 15-06-2011

PROVINCIA DI BIELLA. Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. DETERMINAZIONE N. 1530 IN DATA 15-06-2011 PROVINCIA DI BIELLA Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. Dirigente / Resp. P.O.: SARACCO GIORGIO DETERMINAZIONE N. 1530 IN DATA 15-06-2011 Oggetto: D.Lgs. 152/2006 e ss.mm. Autorizzazione allo scarico

Dettagli

1 SCOPO... 3 4 LIMITI DI LEGGE... 4 ECOL STUDIO S.R.L. - LABORATORIO ANALISI - CONSULENZA - FORMAZIONE - MEDICINA DEL LAVORO

1 SCOPO... 3 4 LIMITI DI LEGGE... 4 ECOL STUDIO S.R.L. - LABORATORIO ANALISI - CONSULENZA - FORMAZIONE - MEDICINA DEL LAVORO INDICE 1 SCOPO... 3 2 DESCRIZIONE DEL CICLO PRODUTTIVO... 3 3 COLLOCAZIONE DELL ATTIVITÀ... 4 4 LIMITI DI LEGGE... 4 5 STRUMENTAZIONE UTILIZZATA... 5 6 INCERTEZZA DI MISURA... 5 6.1 RIPETIBILITÀ DELLE

Dettagli

CATEGORIE DI ATTIVITA CONSULENZE IN PROCEDIMENTI GIUDIZIARI 4.0 BONIFICA ACUSTICA/ PROGETTAZIONE ACUSTICA

CATEGORIE DI ATTIVITA CONSULENZE IN PROCEDIMENTI GIUDIZIARI 4.0 BONIFICA ACUSTICA/ PROGETTAZIONE ACUSTICA 1. Tabella delle categorie di attività CATEGORIE DI ATTIVITA MISURE RELAZIONI TECNICHE REQUISITI ACUSTICI DELLE SORGENTI SONORE NEI LUOGHI DI INTRATTENIMENTO DANZANTE E DI PUBBLICO SPETTACOLO ex DPCM 215/99

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 - 1 - COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO per la protezione degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno dall esposizione

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art. 84 Reg. Attuazione D.P.G.R. n 48/R del 08.08.

Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art. 84 Reg. Attuazione D.P.G.R. n 48/R del 08.08. MARCA DA BOLLO Comune di Capannori (Prov. di Lucca) Al Sindaco del Comune di Capannori Piazza Aldo Moro, 1 55012 Capannori (LU) Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art.

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO. Normativa di riferimento: La gestione delle terre e rocce da scavo può avvenire:

ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO. Normativa di riferimento: La gestione delle terre e rocce da scavo può avvenire: ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO Normativa di riferimento: art. 186 del D.Lgs. 152/06 D.G.R.V. N. 2424 del 08/08/2008 art. 20, comma 10-sexies del D.L. 29/11/2008 n. 185 La gestione

Dettagli

Valsat Sintesi non tecnica

Valsat Sintesi non tecnica Valsat Sintesi non tecnica Pagina 1 di 7 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 CONTENUTI ED OGGETTO... 3 3 VERIFICA DI COERENZA... 4 4 ANALISI AMBIENTALI... 5 5 CONCLUSIONI... 7 Pagina 2 di 7 1 INTRODUZIONE La

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Premessa Il presente schema di Regolamento verrà sottoposto all approvazione del Consiglio Comunale,

Dettagli

Comune di Cantagallo Provincia di Prato

Comune di Cantagallo Provincia di Prato Comune di Cantagallo Provincia di Prato REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI VINCOLO IDROGEOLOGICO (L.R. 39/2000 LEGGE FORESTALE DELLA TOSCANA Art. 40) Approvato con deliberazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

FIGISC Sindacato Gestori carburanti

FIGISC Sindacato Gestori carburanti FIGISC Sindacato Gestori carburanti Sindacato Provinciale Gestori Impianti Stradali Carburanti FIGISC Corso Venezia 51 20121 Milano tel. 02/7750274 fax 02/7750697 e-mail: figisc.anisa@unione.milano.it

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO SPECIFICO INERENTE LE DISCARICHE DI II^ CATEGORIA DI TIPO A IN COMUNE DI CONEGLIANO LOCALITA BORGO PERINOT E CAL DELL EBREO

REGOLAMENTO TECNICO SPECIFICO INERENTE LE DISCARICHE DI II^ CATEGORIA DI TIPO A IN COMUNE DI CONEGLIANO LOCALITA BORGO PERINOT E CAL DELL EBREO CITTA DI CONEGLIANO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO TECNICO SPECIFICO INERENTE LE DISCARICHE DI II^ CATEGORIA DI TIPO A IN COMUNE DI CONEGLIANO LOCALITA BORGO PERINOT E CAL DELL EBREO - Approvato con

Dettagli

ELABORATO 5 Impatti ambientali dell opera

ELABORATO 5 Impatti ambientali dell opera Impianto di depurazione S. Giustina (RN) Verifica di assoggettabilità L.R. 9/99 come integrata ai sensi del D. Lgs. 152/06 e s.m.i. STUDIO DI COMPATIBILITÀ AMBIENTALE Sezione di recupero fanghi di depurazione

Dettagli

IL SISTEMA DELLE DOTAZIONI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE

IL SISTEMA DELLE DOTAZIONI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE IL SISTEMA DELLE DOTAZIONI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE Interventi programmati sui depuratori acque reflue Base: copertura della rete fognaria LEGENDA Tavola di inquadramento generale Zone di rispetto dei

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Piano di Gestione delle Acque I Aggiornamento Rapporto tra PDGAcque e altri piani di indirizzo: PDGAlluvioni, Piano di Sviluppo Rurale, Piano di Indirizzo

Dettagli

OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DI MONITORAGGIO DELL INQUINAMENTO

OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DI MONITORAGGIO DELL INQUINAMENTO STRUTTURA COMPLESSA - Dipartimento Provinciale di Cuneo - OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DI MONITORAGGIO DELL INQUINAMENTO ACUSTICO n 5102/CN Funzione: Collaboratore Tecnico Professionale (tecnico competente

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

EDIFICIO U4 VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO

EDIFICIO U4 VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO REGIONE VENETO PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI PADOVA Via del Progresso Recupero edilizio e riqualificazione area con realizzazione di nuovi edifici ad uso commerciale, terziario, artigianale e direzionale

Dettagli

PROGETTO DI RICONVERSIONE INDUSTRIALE PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO PER LA PRODUZIONE DI BIO-BDO Bottrighe Adria (RO)

PROGETTO DI RICONVERSIONE INDUSTRIALE PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO PER LA PRODUZIONE DI BIO-BDO Bottrighe Adria (RO) PROVINCIA DI ROVIGO REGIONE DEL VENETO COMUNE DI ADRIA PROGETTO DI RICONVERSIONE INDUSTRIALE PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO PER LA PRODUZIONE DI BIO-BDO Bottrighe Adria (RO) PROGETTO DEFINITIVO R03

Dettagli

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER:

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER: Legge Forestale della Toscana n. 39/2/R del 5/9/2001 - Regolamento di La L.R.T. n.1/2003, di modifica ed integrazione della L.R.T.39/2000 Legge forestale della Toscana ha attribuito ai Comuni il rilascio

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

CENTRO COMMERCIALE ORTONA CENTER AMPLIAMENTO SUPERFICIE DI VENDITA STUDIO PRELIMINARE AMBIENTALE

CENTRO COMMERCIALE ORTONA CENTER AMPLIAMENTO SUPERFICIE DI VENDITA STUDIO PRELIMINARE AMBIENTALE CENTRO COMMERCIALE ORTONA CENTER AMPLIAMENTO SUPERFICIE DI VENDITA STUDIO PRELIMINARE AMBIENTALE PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA VALUTAZIONE D IMPATTO AMBIENTALE ai sensi del D.Lgs n.152/2006

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI 1. LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO COME SOTTOPRODOTTI 2. I SITI CONTAMINATI 3. LA GESTIONE IN IMPIANTO DI RECUPERO DEI RIFIUTI DA

Dettagli

La valutazione dei danno ambientale

La valutazione dei danno ambientale La valutazione dei danno ambientale Valmontone - Convegno: La Nuova Normativa Ambientale Ecoreati Ing. Leonardo Arru IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DANNO AMBIENTALE La riparazione del danno ambientale

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014 Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014 "Relazione sullo stato di attuazione della Legge Regionale 11 dicembre 2006, n. 24 Norme per la prevenzione e la riduzione

Dettagli

A.S.A. S.p.A. POTENZIAMENTO DEPURATORE DI ROSIGNANO SOLVAY. Comune di Rosignano Marittimo PIANO DI GESTIONE TERRE E ROCCE DI SCAVO

A.S.A. S.p.A. POTENZIAMENTO DEPURATORE DI ROSIGNANO SOLVAY. Comune di Rosignano Marittimo PIANO DI GESTIONE TERRE E ROCCE DI SCAVO Associata al sistema Confindustria A.S.A. S.p.A. POTENZIAMENTO DEPURATORE DI ROSIGNANO SOLVAY Comune di Rosignano Marittimo PIANO DI GESTIONE TERRE E ROCCE DI SCAVO ai sensi del D.Lgs 156/06 s.m.i. e della

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA CONOSCENZA DEI SUOLI PER LE POLITICHE DI PROTEZIONE AMBIENTALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

L IMPORTANZA DELLA CONOSCENZA DEI SUOLI PER LE POLITICHE DI PROTEZIONE AMBIENTALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE L IMPORTANZA DELLA CONOSCENZA DEI SUOLI PER LE POLITICHE DI PROTEZIONE AMBIENTALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SUOLI E GEOMORFOLOGIA DEL TERRITORIO PADOVANO Convegno 23.10.2013 Aula Magna Galileo Galilei

Dettagli

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013 COMUNE DI FOSDINOVO Località CANIPAROLA PIANO DI RECUPERO CASA ALBACHIARA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A V.A.S. ai sensi dell art. 22, L.R.T. n 10/2010 RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE relativo alla Seconda

Dettagli

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano 6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano Art. 1 Finalità generali del Piano 1. Il presente Piano costituisce piano stralcio di bacino ai sensi del c.6 ter dell art.17

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA Art. 1 Oggetto Il presente regolamento ha per oggetto le procedure di autorizzazione

Dettagli

sensi dell art. 208 del D.Lgs. 152/2006 e dell art. 25 della L.R. 83/2000).

sensi dell art. 208 del D.Lgs. 152/2006 e dell art. 25 della L.R. 83/2000). Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Deposito Temporaneo di rifiuti ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE, IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE, ALLA DOMANDA

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

Gli impianti dedicati alla raccolta differenziata di rifiuti solidi urbani : modalità realizzative e gestionali.

Gli impianti dedicati alla raccolta differenziata di rifiuti solidi urbani : modalità realizzative e gestionali. Gli impianti dedicati alla raccolta differenziata di rifiuti solidi urbani : modalità realizzative e gestionali. Preso atto delle continue modifiche normative del settore e delle richieste di chiarimenti

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO EVENTO TEMPORANEO n. 22 Festa Paesana con musica Località Tre Gobbi (Gavello) Via Valli, 360 Città di Mirandola COMUNE DI MIRANDOLA Provincia di Modena 1. Premessa

Dettagli

6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO

6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO 6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO L esercizio dell attività estrattiva, svoltasi in passato nell area in oggetto, ha comportato inevitabilmente la variazione dell assetto

Dettagli

PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE

PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE Cava Medicea Inferiore e Cava Medicea Superiore PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE Edizione numero 1 emessa nel mese di settembre 2015 Copia Nr.: CONTROLLATA NON CONTROLLATA Assegnata a Questa Procedura

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA CONSORZIALE CON ATTO N. 34 DEL 12/07/1987) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Relazione previsionale di impatto atmosferico Committente: Solenergia Srl

Relazione previsionale di impatto atmosferico Committente: Solenergia Srl SOMMARIO 1 Premessa...3 2 Inquadramento dell area ed elaborazione dei dati orografici...5 3 Caratterizzazione meteorologica dell area ed elabo-razione dei dati meteo...8 4 Situazione di progetto... 12

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche ed assimilate alle domestiche In aree non servite da pubblica fognatura (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 del 31/03/2004)

Dettagli

denominato Masseria Conca 1 Dir (inquadrato nell ambito della Concessione di Coltivazione Mineraria Torrente Celone ) Aggiornamento: Febbraio 2014

denominato Masseria Conca 1 Dir (inquadrato nell ambito della Concessione di Coltivazione Mineraria Torrente Celone ) Aggiornamento: Febbraio 2014 Progetto di realizzazione del pozzo denominato Masseria Conca 1 Dir (inquadrato nell ambito della Concessione di Coltivazione Mineraria Torrente Celone ) Elementi informativi dallo Studio di Impatto Ambientale

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE

COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE COMUNE DI TRIGGIANO COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE 1 - PREMESSA Il progetto proposto all Amministrazione Comunale di Triggiano prevede la

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

Provincia di Massa Carrara Settore Ambiente Energia

Provincia di Massa Carrara Settore Ambiente Energia Provincia di Massa Carrara Settore Ambiente Energia RAPPORTO ISTRUTTORIO ESAME DELLA DOCUMENTAZIONE Il procedimento di verifica di assoggettabilità è stato attivato da Ecodem s.r.l., ai sensi dell art.48

Dettagli

BILANCIO DI PRODUZIONE DI MATERIALE DA SCAVO E/O DI RIFIUTI...

BILANCIO DI PRODUZIONE DI MATERIALE DA SCAVO E/O DI RIFIUTI... INDICE 1 PREMESSA... 2 2 BILANCIO DI PRODUZIONE DI MATERIALE DA SCAVO E/O DI RIFIUTI... 2 3 CRITERI PER LA LOCALIZZAZIONE E GESTIONE DELLE AREE DI CANTIERE DA ADIBIRE A DEPOSITO TEMPORANEO... 3 File: 13-033_gen01es_r0

Dettagli

Il sottoscritto in qualità di titolare/legale rappresentante (1) della Società/Ente (1) con sede legale in Provincia via n C.A.P.

Il sottoscritto in qualità di titolare/legale rappresentante (1) della Società/Ente (1) con sede legale in Provincia via n C.A.P. OGGETTO: APPROVAZIONE PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI SMALTIMENTO O DI RECUPERO RIFIUTI/VARIANTE SOSTANZIALE IN CORSO DI REALIZZAZIONE O DI GESTIONE In ossequio a quanto previsto

Dettagli

COMUNE DI CASALBUTTANO Provincia di Cremona. STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE (L.R. 24.11.97 N. 41, art. 2)

COMUNE DI CASALBUTTANO Provincia di Cremona. STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE (L.R. 24.11.97 N. 41, art. 2) COMUNE DI CASALBUTTANO Provincia di Cremona STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE (L.R. 24.11.97 N. 41, art. 2) NORME GEOLOGICHE DI ATTUAZIONE (N.G.T.) IL GEOLOGO Dr Giovanni Bassi Settembre 2004 RIC-40-04

Dettagli