RAPPORTO INTERDISCIPLINARE. Lucca, 21 Novembre 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO INTERDISCIPLINARE. Lucca, 21 Novembre 2008"

Transcript

1 !!"#$ RAPPORTO INTERDISCIPLINARE SULL IMPATTO AMBIENTALE DEL PROGETTO ai sensi dell art. 16 comma 1 della L.R. 3 novembre 1998, n. 79 Norme per l applicazione della valutazione di impatto ambientale

2 Lucca, 21 Novembre 2008! Pagina 1 di 82

3 " #! $ $! Pagina 2 di 82

4 %&'()*+,%&,)-%.%/0(%11("!1)02)*&-))2*-%*(3& (1,%-*('&0%-)4 2,)'(%0(55%*%1)0%,-&.65(&1))'&77)-'(%0(55%5(&1).((1)-*(,)-0)'&2*-65(&1(02(*&)2*-%*(3&.( '6(4,-&,&2*&0%7,0(%7)1*&4(1%*(3(*+.%0%11&" 0,-&/)*&,-)2)1*%*&),)-(086%0)42*%*%%*(3%*%0%,-&').6-%.(%06*%5(&1).(7,%*& 79()1*%0) %( 2)12(.)0% ": -(/6%-.% (0,-&/)*&.( '&0*(3%5(&1) ;(1%0(55%*& %0% 2(2*)7%5(&1);(1%0).)02(*&)2*-%*(3&69('%*&(10&'<&0%.(%7)-%=)-('%.)1*)1)('&761(.( )2'%/0(%>?).(&-/&% &55%1&>?)0&2,)'(;('& 0(1*)-3)1*&(1,-&/)*&2(-(;)-(2')%0%,-&2)'65(&1).)0)%*(3(*+)2*-%*(3)'&)-)1*)7)1*)'&10)(1.('%5(&1(.)0(%1&)/(&1%0).)0) *(3(*+2*-%*(3)>!!!?,)-'&7,0)*%-2('&10)&,)-).(2(2*)7%5(&1);(1%0).)0%-)% %22)*&%*6%0).)0%'%3%.)-(3%.%86%1*&(7,&2*%*&,-&/)*6%07)1*)*-%/0(%11($ '%3%&0*-)'A).(86%1*&,-)3(2*&.%0)1&-7%*(3)).(-)*(3)3(/)1*((17%*)-(%.(%*(3(*+)2*-%*(3% 99()*(3(2,)'(;('(.)0,-&/)*&.)0 2&1&2*%*(0%9&1(;('%.(61%3%2*%%-)%2(*6%*%1)0% ;&-7%5(&1).)(.(%2,-( 'A))-%1&%0),&'%(1*)-)22%*(.%617&3(7)1*&;-%1&2&'&7,0)22& )0% &,)-%(1,-&/)*&-(/6%-.%0%7,0(%7)1*& (1.(-)5(&1)3)2*.)0%'%3%.('%0'%-)).(%2,-( 69('%*%(10&'<&0%.(%7)-%= ;-%5(0%%&//(&)-('%.)1*)1)(&761(.()2'%/0(%)&-/& % &55%1&>&'()*+,-&,-()*%-(%<%3).().&/1%,=? 0'(*%*&%7,0(%7)1*&.)0,)-(7)*-&.()2'%3%5(&1)4'&7,-)2&)1*-&(0(7(*(.);(1(*(.%0(%1& )/(&1%0),)-0)*(3(*+2*-%*(3)>?.)0%)/(&1)&2'%1% )016&3&,-&/)*&'A)3()1),-&,&2*& (3&067((1*)-)22%*(-)2*)-%11&,-)22&'AB(13%-(%*( -(2,)*&%0,-&/)*&1)0%79(*&.)0%,&-5(&1)')1*-%0)).&-()1*%0)'A) 2%03&7&.)2*( %//(62*%7)1*( 2)/6(-+%1'&-%(0,-&/)*&26..)*&3&067();;)*(3%7)1*)(1,(C2%-%11&'(-'%!!!!!!7'.%)2*-%--),-(1'(,%07)1*)1)0%16&3%%-)%&''(.)1*%0)(12(1(2*-%.)0(&&-2%/0(& 0*&*%0)'&7,0)22(3&.(7%*)-(%0)'A)2%-+)2*-%*&486(1.(.%*&.%0%2&77%.)0)3&067)*-() -)2(.6)%1'&-%.%2'%3%-),-)3(2*)1)0,-&/)*&(1'&-2&>2*(7%9(0((1'(-'%!!!7'%0 ::!"?).)0)3&067)*-(),-)3(2*)1)0%-)%&3)2*>!!!!!!?'A),&-*%1&%.613%0&-).('(-'%!!!.(7' %0)86%1*(*%*(3&,&*-+)22)-)7&9(0(55%*&(1'(-'%!%11('&106*(0(55&.(,(C7)55(26.6) ;-&1*(%.61-(*7&,%-(%'(-'%!!!!!7':%11& (*%0(3&067('(-'%61D2%-+-%,,-)2)1*%*&.%7%*)-(%0).(2'&*('&).%(;(1(.(0%3&-%5(&1) 7%*)-(%0('A)2%-%11&6*(0(55%*(1)0%79(*&.('%3%,)-(0-)'6,)-&%79()1*%0) Pagina 3 di 82

5 1.%*%!!!"1,-&*!:4,)-3)16*%0%-('A()2*%.(%33(&.)0,-&').(7)1*&.(.('6(%0%-*.)0%":.%,%-*).)02&//)*&,-&,&1)1*)E&',,)-(0-&/)*&.(&0*(3%5(&1);(1%0(55%*&%0%2(2*)7%5(&1);(1%0))%0-(,-(2*(1&%79()1*%0).)0%'%3%.('%0'%-)).(%2,-&69('%*%(10&'<&0%.(%7)-%=F;-%5(&1).((0%%&//(& >)2'%/0(%?)-('%.)1*)1)0*)--(*&-(&.)(&761(.()2'%/0(%)&-/&% &55%1&1)0%79(*&.)0%-)%(1.(3(.6%*%.%0.)0%)/(&1)&2'%1% 0,-&/)*&,-&,&2*&.%0%.(*%2,%4-('&7,-)2&1)0),-&').6-).(.('&7,)*)15%.)0)-&3(1')%(2)12(.)0%-*"''.)0%":)2)'&1.&86%1*&7)/0(& 2,)'(;('%*&%0,61*&0)*?.)0)2*-65(&1()'1('A).('6(%0%:!! 1,%-*('&0%-)0(7,(%1*&-()1*-%1)0)*(,&0&/().(,-&/)*(,-)3(2*)1)00)/%*&.)0%26''(*%*% 0)//)),(C,-)'(2%7)1*)%0%0)*)-%%?!"# 1.%*%!!!"(0)-3(5(&79()1*) (186%0(*+.()/-)*)-(%,)-0),-&').6-).(.( '&7,)*)15%.)0%-&3(1'(%.(6''% %22)/1%0%-)2,&12%9(0(*+.)0-&').(7)1*&%0)-3(5(& -9%1(2*('% '&2G'&7),-)3(2*&.%0)/&0%7)1*&%,,-&3%*&'&1:!!! 1'&1;&-7(*+%86%1*&,-)3(2*&%0%-*!'":(0,-&,&1)1*) (1.%*%"!!!" A% 3)-2%*&%;%3&-).)0%-&3(1'(%61%2&77%,%-(%0&!,)-7(0).)03%0&-)'&7,0)22(3&.)0) &,)-).(-(,-(2*(1&%79()1*%0) 1.%*%!!!"0%.(*% 2)'&1.&86%1*&,-)3(2*&%0%-*'": A%,-&33).6*&%,6990('%-)0%33(2&.(.),&2(*&26.6)86&*(.(%1(%.(;;62(&1)-)/(&1%0) >0(--)1&)%%5(&1)? *-%27)*)1.&1) '&11&*%,-&*!:"(1.%*%!:!:!! '&,(%%86)2*%77(1(2*-%5(&1) )-*%1*&(0,-&').(7)1*&%77(1(2*-%*(3&A%%36*&(1(5(&(0/(&-1&!:!:!!" 1.%*%!!!!"'&11&*%,-&*1!!": (02(/%-0& %-*)0% (186%0(*+.(.(-)*&-).( <%-*()-%6''A)2)=;%;&-7%0)-('A()2*%.(%'')22&%/0(%*('&1-('A()2*%.(-(0%2'(&'&,(%.)0 1%.)7,(7)1*&%86%1*&,-)3(2*&.%0%&-7%*(3%(17%*)-(%.( (1.%*%!!!" (0,-&,&1)1*)A%&-/%1(55%*&,-)22&0%%0%&12(0(%-).)0&761).()2'%/0(% 0%,-)2)1*%5(&1),6990('%.)0,-&/)*&).)0&*6.(&.(7,%*&79()1*%0),)-(086%0)42*%*%%*(3%*%0%,-&').6-%.( )'&1.&(.(2,&2*(.)0%-*'.)0%": (0-)2(.)1*).)0%-&3(1'(%.(6''% '&1 )'-)*&1H!.)0!!!!",-&*1H": A%,-&33).6*&%0%1&7(1%.)0%-%1*).)01;&-7%5(&1)1)0%,)-2&1%.)0- %22(7& %-2(0(.(-(/)1*).)0;;('(&)0%5(&1('&1(0 6990('& (13)2*)1.&0&.)('&7,(*(,-)3(2*(.%/0(%-*'0)*(? )'.)0%7).)2(7%0)//) Pagina 4 di 82

6 1.%*%!!!"'&11&*%1,-&*!: (0)2,&12%9(0).)0-&').(7)1*& -'A -%1')2'%%55%-( A%,-&33).6*&%'&761('%-)%0-&,&1)1*))%*6*((2&//)*(1*)-)22%*( 0%.%*%.(%33(&.)0,-&').(7)1*&.( %1&-7%*(3%,-)3).)'A)1)(/(&-1(26'')22(3(%0%33(&.)0,-&').(7)1*& 'A(6186),6I,-)2)1*%-)&22)-3%5(&1(&7)7&-()2'-(*)260,-&/)*&2&*&,&2*&%(2)/1%0%'A)(1.%*%!!!",-&*1H:4,)-3)16*%&22)-3%5(&1).%,%-*).)0%%-*()-%6''A)2)2,% 1.%*%!!!!"'&11&*%1,-&*": (0-&,&1)1*)*-%27)*)'&,(%.(%33)16*&,%/%7)1*&%(2)12(.)0%-*! '":,)-61(7,&-*&'&7,0)22(3&.(! J 1.%*%!!!!"'&11&*%1,-&*":" 0%&761(*+ &1*%1%5&1%*-%27)*),-&,-(&,%-)-) )(/(&-1(!!!")!!!"0%&77(22(&1)2*-6*&-(% '&2*(*6(*%'&1)/&0%7)1*& -&3(1'(%0).('6(%0%:!!! A%,-&').6*&%0%3)-(;('%.)0%'&7,0)*)55%.)/0()0%9&-%*(,-)2)1*%*(%*-%3)-2&0%'&7,(0%5(&1).)0)0(2*).('&1*-&0&2)'&1.&86%1*&,-)3(2*&.%0)&-7) )'1('A).(*6%5(&1)>';-)0(9)-%(61*%)/(&1%0)1H!:? )A%);;)*6%*&61,-(7& )2%7).)0,-&/)*&1'&1'062(&1).(.)*)-(61(&1(0%&77(22(&1(2*-6*&-(%,&-*%%0)3(.)15%.)0%&77(22(&1)%06*%*(3%0)2)/6)1*(86)2*(&1(E 1) Nell elenco delle Amministrazioni interessate, non figura il Ministero dell Ambiente che, per le attività estrattive, ai sensi del combinato disposto di cui agli artt. 16 e 26 del D.Lgs. 157/2006 e art. 2, punto 1, lett. d) della Legge 349/1986 esercita una funzione di controllo di legittimità e di merito sulle autorizzazioni paesaggistiche rilasciate dalle Amministrazioni Comunali con potere di eventuale annullamento degli atti. Il Ministero dell Ambiente interviene solo al momento del rilascio dell autorizzazione paesaggistica e quindi nel momento della procedura unica integrata ai sensi dell art. 17 della L.R. 79/98. 2) Al fine di garantire il coordinamento e lo snellimento dei procedimenti relativamente all ottenimento delle autorizzazioni di cui all art. 17 della L.R. 79/98, la Commissione Istruttoria propone alla Commissione Valutativa il raccordo degli Enti interessati direttamente nella fase istruttoria della procedura di VIA. 3) In merito alla verifica di congruita del versamento degli oneri di cui all art. 10 c.2 della L.R. 79/98, la Commissione Istruttoria evidenzia che la somma da versare deve essere calcolata su valore complessivo delle opere da realizzare e non, come effettuato dal Proponente, esclusivamente sul costo dell attività di ripristino; pertanto rimette alla Commissione Valutativa la verifica della congruità della somma versata come oneri previsti dall art. 10 c.2 della L.R. 79/98; proponendo due metodi di calcolo. 1 metodo: Il valore complessivo delle opere da realizzare corrisponde alla somma dei costi per l escavazione sommati ai costi di ripristino e sistemazione finale e di ogni altra opere accessoria da realizzare. Pagina 5 di 82

7 2 metodo: Il valore complessivo delle opere da realizzare viene calcolato secondo la metodologia utilizzata delle strutture tecniche del Parco delle Alpi Apuane, utilizzando, però, i valori propri della cave di materiali per inerti. Il valore a metrocubo del materiale da scavare potrebbe essere ricavato con procedimento inverso dalle tabelle di cui alla DGRT 517/2006 relativa alla definizione degli importi unitari da applicarsi per l anno 2006 ai sensi dell art. 15 c.3 della L.R. 78/98; a tale cifra vanno poi aggiunti i costi di ripristino e sistemazione finale e di ogni altra opere accessoria da realizzare. 4) Si ritiene inoltre necessario e urgente integrare i componenti della Commissione Istruttoria con: tecnici di ARPAT per gli aspetti relativi agli impatti acustici, caratterizzazione rifiuti e in generale per tutti gli aspetti ambientali; tecnici delle Amministrazioni Comunali relativamente agli impatti acustici, vincolo paesaggistico, vincolo idrogeologico e aspetti procedurali della L.R. 78/98; tecnici ASL relativamente agli impatti sull assetto igienico-sanitario. 5) Si ritiene opportuno sollecitare a tutte le Amministrazioni Interessate individuate (art. 8 LR 79/98), l espressione del parere previsto entro il (art. 14 c. 7 LR79/98). 1.%*%!!!!!"'&11&*%1,-&*":" 0%&761(*+ &1*%1%5&1%*-%27)*),-&,-(&,%-)-) 1.%*%!!!!"'&11&*%1,-&*:" 06*&-(*+.(%'(1&.)0(67))-'A(& -('A().).&'67)1*%5(&1)7%1'%1*)),&(%1160%*%0)-('A()2*%'&11&*%1,-&*!!:"(1.%*%!!!" 0/(&-1&!!!" 2(4*)16*%0%H-(61(&1).)0%&77(22(&1)%06*%*(3%'&2*(*6(*%'&1 )/&0%7)1*&-&3(1'(%0).('6(%0%:!!! %0%-/%*%%0)77(1(2*-%5(&1(&761%0(.( )2'%/0(%)&-/&% &55%1& %0$(,%-*(7)1*&.(6''% %05()1.%%1(*%-(%&'%0).(6''%,)-0)2%7).)0,-&/)*&1*%0)-(61(&1)42*%*&.)'(2&'A)E 1) Si ritiene che siano necessari ulteriori chiarimenti sullo svolgimento delle Conferenze dei Servizi in merito alla presenza o meno del Ministero dell Ambiente. L arch. Lazzari ritiene opportuno un coinvolgimento della Soprintendenza BB.SS.AA. di Lucca; 2) Si accoglie la proposta della Commissione Istruttoria di effettuare la verifica di completezza della documentazione coinvolgendo le Amministrazioni comunali anche in fase istruttoria; ritiene, inoltre, fondamentale il contributo istruttorio di ARPAT Dipartimento Provinciale e della ASL2 Dipartimento Sicurezza sui luoghi di lavoro e Dipartimento salute pubblica; 3) Si ritiene che la cifra versata non risulti congrua in quanto calcolata esclusivamente sui costi di ripristino e si decide che il proponente debba effettuare un computo metrico estimativo dell intervento complessivo comprensivo quindi anche delle opere di scavo; 4) Dovrà essere attentamente valutata, da questa Commissione, l osservazione presentata da Cartiera Lucchese S.p.A.; 5) Per il Comune di Borgo a Mozzano si evidenziano le seguenti questioni: la presentazione pubblica del proponente, seppur effettuata nei termini di legge, non è risultata efficace per la presentazione alle popolazioni vicine interessate dal progetto, sarebbe opportuno che il Pagina 6 di 82

8 proponente effettuasse delle presentazioni pubbliche anche nel territorio del Comune di Borgo a Mozzano; l ampliamento dell attività estrattive comporterà un grosso aumento del traffico pesante esclusivamente sul territorio di Borgo a Mozzano incrementando i già elevati livelli di rischio per le popolazioni delle località attraversate, non esistono nel progetto soluzioni alternative e /o di mitigazione; nella zona sommitale dell area di estrazione prossima alla frazione di Partigliano si trovano boschi di castagno con esemplari secolari di particolare pregio, tali luoghi sono inoltre frequentati dalla popolazione per passeggiate e svago, nel SIA non si ritrova uno specifico elaborato che documenti la reale situazione di fatto; risulta insufficiente il monitoraggio effettuato per l emissione delle polveri per le frazioni di Dezza e Partigliano 6) In generale: si prevede un sostanziale aumento dei traffici con la realizzazione del progetto ma il SIA non contiene uno studio dettagliato sugli impatti generati sulle infrastrutture esterne al sito d escavazione, non vengono proposti interventi alternativi e/o mitigativi; i prodotti di risulta dell attività di 1 lavorazione risultano essere materiali a granulometria molto fine e che difficilmente possono essere riutilizzati tal quali per le inadeguate caratteristiche fisicomeccaniche di stabilità, la dichiarazione della ditta che i materiali di risulta dell attività non sono rifiuti ai sensi del D.Lgs. 443/2001 dovrà essere attentamente valutata alla luce della nuova disciplina vigente; vengono inoltre espresse delle perplessità circa i tempi e le modalità di stoccaggio temporaneo di tali materiali che attualmente escono dal sito come rifiuto; &1 1&*% 1,-&*!:.)0!!!" 4 2*%*& 2&0)'(*%*& %0) 77(1(2*-%5(&1( 1*)-)22%*) 0(13(&.)0,%-)-).('&7,)*)15% 1.%*%!!!"'&11&*%1,-&*!:" (0,-&,&1)1*);%-('A()2*%.(%'')22&%0) &22)-3%5(&1(,-)2)1*%*) 1.%*%!!!"'&11&*%1,-&*:" 06*&-(*+.(%'(1&.)0(67))-'A(& *-%27)*),-&,-(&,%-)-) 1.%*%!!!"'&11&*%1,-&*!:" (0&761).(&-/&% &55%1&*-%27)*),-&,-(&,%-)-) 1.%*%!!!"'&11&*%1,-&*":" (0&761).()2'%/0(%*-%27)*),-&,-(&,%-)-) 1.%*%!!!!"2(4-(61(*%0%&77(22(&1)2*-6*&-(%'A)A%,-&2)/6(*&0(2*-6*&-(%'(-'%0% '&7,0)*)55%.)/0()0%9&-%*(,-)2)1*%*(-(0)3%1.&.(3)-2)'%-)15)2(%.&'67)1*%0('A)%1%0(*('A) (1&0*-) 1&1)22)1.&/0()0%9&-%*(;&-7%*((1'&1;&-7(*+%0)(2*-65(&1(*)'1('A).)0%":0% &77(22(&1)2*-6*&-(%-(*()1)&,,&-*61&-('A().)-)%0%&77(22(&1)%06*%*(3%0%061/%7)1*&.)(*)-7(1((2*-6*&-(.('6(%0%-*'.)0%": Pagina 7 di 82

9 0/(&-1&"!!!" 2(4*)16*%0%H-(61(&1).)0%&77(22(&1)%06*%*(3%%0%-/%*% %0$(,%-*(7)1*&.(6''% %05()1.%%1(*%-(%&'%0).(6''%,)-0)2%7).)0,-&/)*&1*%0)-(61(&1)2(-(0)3%E 1) mancanza totale di analisi delle alternative compresa l alternativa 0, nonché l analisi di diverse tecnologie di coltivazione e/o lavorazione degli inerti; 2) necessità di uno studio maggiormente approfondito sulla qualità biologica, presenza di ittiofauna e di specie floristiche delle face riparie del Rio Corsaglio oltrechè la risistemazione finale del corso d acqua. Importante è anche valutare il ruscellamento delle acque meteoriche dai mucchi di accumulo dei materiali di escavazione. In generale non risultano abbastanza specificate le metodologie di valutazione, né dei monitoraggi. 3) la valutazione sanitaria presente nel SIA contiene dati demografici non corretti e i dati epidemiologici sono troppo generici. Per quanto riguarda le componenti ambientali analizzate: atmosfera, acqua, rumore si rileva l assenza di analisi degli impatti sulla situazione sanitaria. Dovranno essere richiesti chiarimenti sui modelli previsionali adottati, inoltre il fatto che si presupponga che le emissioni rimangano nei limiti di norma non garantisce che possano verificarsi degli effetti negativi sulla salute delle popolazioni dell area, infatti bisogna considerare il incrementale sull esposizione attuale. Incertezza sulla natura delle polveri per la presenza di silice microcristallina. 4) le analisi dovrebbero essere condotte considerando che dati corretti per analisi previsionali si basano su monitoraggi con raccolta di dati in un arco temporale significativo e congruo (minimo 1 anno); 5) necessità di approfondimento sulla caratterizzazione geomeccanica degli ammassi rocciosi, particolare attenzione dovrà essere prestata ai versanti che presentano discontinuità a franapoggio ; 6) Rifiuti: si rileva un errata classificazione dei rifiuti che porta ad una loro minore quantificazione, occorre integrare il progetto con un elaborato specifico per la gestione dei materiali di risulta utilizzando le nuove metodologie per la caratterizzazione in contenuto e cessione; 7) Aria: manca un analisi di alcuni inquinanti da traffico come gli Nox, metalli pesanti, SiO2, CO e altre polveri. Occorre una relazione in cui si illustrino le caratteristiche degli strumenti di analisi, affinché possa esserne valutata l adeguatezza. Per quanto riguarda lo studio diffusionale il modello non risulta validato o tarato, bisogna poi tenere in considerazione che per il 2010 cambieranno i parametri di riferimento; 8) Rumore: sembra non effettuata una taratura del software di analisi, manca un monitoraggio dei livelli di rumore causato dalla viabilità; deve essere prodotto il certificato di abilitazione professionale del tecnico esperto in acustica; la durata dei campionamenti per una settimana è giudicato un periodo troppo breve; 9) Traffico: dovranno essere chiarite le questioni di traffico già evidenziate nelle precedenti riunioni oltre che superare alcune discrepanze presenti nei vari elaborati; 10) Acque: dall esame degli elaborati si ritiene necessario un integrazione allo studio idrogeologico circa la caratterizzazione, il censimento e il monitoraggio delle sorgenti della Pagina 8 di 82

10 valle del Torrente Celetra. Anche la qualità delle acque superficiali e sotterranee dovrà essere meglio indagata; 11) accoglimento della richiesta del Comune di Borgo a Mozzano di una nuova presentazione pubblica; 12) convocazione per un confronto con l Azienda Cave Pedogna per il giorno 24 aprile 2007 ore presso la Provincia di Lucca; 0/(&-1&!!!" 2(4*)16*%0%H-(61(&1).)0%&77(22(&1)%06*%*(3%'&1%6.(5(&1).)0 -&,&1)1*)(1'6(3)1/&1&(062*-%*((-(260*%*(.)0)(2*-6*&-()23&0*) 2(23&0/)61'&1;-&1*&.(-)*& 260)2)/6)1*(,-&90)7%*('A)E86%1*(*%*(3((1)2'%3%5(&1))%67)1*&,-&.65(&1)%116% 7%*)-(%0(.( -(260*%.)0)0%3&-%5(&1( )7(22(&1((1%*7&2;)-% 9(0%1'(&(.-('& 2,)'(%5(&1).)0),&03)-()-(2'A(& 2%1(*%-(& '&7,&1)1*)-67&-)'&1'062(&1).)0%-(61(&1)0%&77(22(&1)%06*%*(3%-(*()1).(,-&-&/%-)(*)-7(1((2*-6*&-(%0;(1).()0%9&-%-)61'&7,(6*&.&'67)1*&.(<-('A()2*%(1*)/-%5(&1(= %1'A)%0%06').)0))3(.)15)2'%*6-(*)1)0%6.(5(&1).)0-&,&1)1*) &1 1&*% 1,-&* :.)0!!!!" 4 2*%*& '&761('%*& %0 -&,&1)1*) (0,-&061/%7)1*&.)(*)-7(1((2*-6*&-( &11&*%1,-&*:.)0!!!"42*%*%-('A()2*% %0-&,&1)1*).&'67)1*%5(&1) (1*)/-%*(3%%0-)0%*(3%7)1*)%E 1. obiettivi e motivazioni progettuali, 2. inquadramento normativo e programmatico, 3. dimensionamento e caratteristiche fisiche del progetto, 4. aspetti metodologici e operativi 5. descrizione generale dell ambiente e fattori d impatto per le componenti: aria, acqua, suolo e sottosuolo, flora, fauna, ecosistemi, paesaggio, assetto demografico e assetto socio-sanitario, assetto territoriale. 6. analisi delle alternative 7. misure di mitigazione 8. monitoraggio 0*)-7(1),)-0%,-)2)1*%5(&1).)0)(1*)/-%5(&1(42*%*&;(22%*&(1/(&-1( 1-(;)-(7)1*&%0%3)-(;('%.('&1/-6(*+.)03)-2%7)1*&.)/0(&1)-(.('6(%0%-*!'.)0% ": 0%&77(22(&1)%06*%*(3%A%2*%9(0(*&'A)0%2&77%.%3)-2%-).&3-+)22)-)'%0'&0%*% 260%77&1*%-)'&7,0)22(3&.)0)&,)-).%-)%0(55%-) (0,-&,&1)1*).&3-+ 86(1.( -).(/)-)61 '&7,6*&7)*-('&$)2*(7%*(3&.)0(1*)-3)1*&'&7,0)22(3&'&7,-)12(3&.)0)&,)-).(2'%3&).)0) &,)-)%'')22&-()6*%0)'&7,6*&.&3-+)22)-)'%0'&0%*&(0'&1*-(96*&.&36*& 1.%*%!"!!"'&11&*%1,-&*!!: (0-&,&1)1*)*-%27)*)'&,(%.(%33)16*&,%/%7)1*&%(2)12(.)0%-*! '":,)-61(7,&-*&'&7,0)22(3&.(!!!J%;-&1*).( 86%1*&-('A()2*&.%0%-&3(1'(%.(6''% Pagina 9 di 82

11 1.%*%!!!!'&11&*%1,-&*": (0-&,&1)1*)A%'&761('%*&0%33(&.)0,-&/-%77%.(7&1(*&-%//(&(13)-1%0).)0%86%0(*+.)0%-(%'&2G'&7)-('A()2*&.%0.&'67)1*& <-('A()2*%.((1*)/-%5(&1(= 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*": (0-&,&1)1*)A%(13(%*&(0,-&/-%77%.( 0%3&-&'(-'%0)(1*)/-%5(&1(.)0'&1-(;)-(7)1*&%0;%*&-)<-67&-)= 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*!!: (0-&,&1)1*)A%'&761('%*&0%33(&.)0,-&/-%77%.(0%3&-&'(-'%0)(1*)/-%5(&1(.)0'&1-(;)-(7)1*&%0;%*&-)<-67&-)= 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*: 0&*6.(&)/%0) %-(%1( )1%0.(K %22&'(%*( (11&7)),)-'&1*&.)0-&,&1)1*);%(2*%15%.(%'')22&%/0(%*()-(0%2'(&'&,(%.(*6*( /0(%*((1)-)1*((0,-&').(7)1*& 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*!: %2)/6(*&.((1'&1*-&'&10%-'A-%1')2'% %55%-(F)2,&12%9(0).)0-&').(7)1*& (0-&,&1)1*)A%2,)'(;('%*&/0()0%9&-%*(.('6(-('A().)(0 -(0%2'(&'&,(% 1.%*%"!!!'&11&*%1,-&*:" 0%-&3(1'(%.(6''%A%,-&33).6*&% -(0%2'(%-)0)'&,()-('A()2*) 1.%*%!!!'&1 1&*) 1,-&* ": ") : " (0 -&,&1)1*) A% *-%27)22&/0()0%9&-%*((1*)/-%*(3(-('A()2*( )2'062(3%7)1*)2626,,&-*&.(/(*%0) 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*!!:" (0-&,&1)1*)A%*-%27)22&0%&7%1.%.( %6*&-(55%5(&1),%)2%//(2*('%%(2)12(.)0%-* '.)0/2:!! 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*!!: (0-&,&1)1*)A%*-%27)22&.&'67)1*( (1*)/-%*(3(,)-0&*)1(7)1*&.)0<,%-)-)(10(1)%(.-%60('%= 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*:L (0-&,&1)1*)A%*-%27)22&0%&7%1.%.( %6*&-(55%5(&1)%0))7(22(&1((1%*7&2;)-%%(2)12(.)0/2:!!%-*) %2)/6(*&.)0,-&').(7)1*&.( 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*:M (0-&,&1)1*)A%*-%27)22&0%&7%1.%.( %6*&-(55%5(&1)%0&2'%-('&.)0)%'86)7)*)&-('A))(1.62*-(%0(%(2)12(.)0/2:!!%-* ' %2)/6(*&.)0,-&').(7)1*&.( 1.%*%!!!! '&1 1&*% 1,-&*!:" (0-&,&1)1*)A%*-%27)22&'&,(%.)0%33)16*&.),&2(*&.)(.&'67)1*((1*)/-%*(3(,-)22&0)77(1(2*-%5(&1(1*)-)22%*) 1.%*%!!"!!'&11&*%1,-&*!: (0-&,&1)1*)A%*-%27)22&/0()0%9&-%*( (1*)/-%*(3(-('A()2*( 2626,,&-*&'%-*%')& 1.%*%!"!!'&11&*%1,-&*"":" (0&761).(&-/&% &55%1&')-*(;('%0% *-%27(22(&1).)(.&'67)1*((1*)/-%*(3( 0/(&-1&!"!! 2( 4*)16*%0% H-(61(&1).)0% &77(22(&1) %06*%*(3%,)- 0)2%7).)0,-&/)*&1*%0)-(61(&1)2('&1'&-.%1&0)2)/6)1*(.)'(2(&1(E Pagina 10 di 82

12 1) il riavvio della procedura è stabilito nella data di arrivo della documentazione; 2) il Comune di Borgo a Mozzano dovrà promuovere presentazioni pubbliche e comunicare i risultati di tali presentazioni che potranno quindi confluire nel parere conclusivo espresso dalla Provincia. 1.%*%!"!!'&11&*%1,-&*: (0)2,&12%9(0).)0-&').(7)1*& -'A -%1')2'%%55%-( A%,-&33).6*&%'&761('%-)%0-&,&1)1*) 0%.%*%.(-(%33(&.)0,-&').(7)1*&.()(-)0%*(3(*)-7(1(.('&1'062(&1) 1.%*%!"!!'&11&*%1,-&*: (0)2,&12%9(0).)0-&').(7)1*& -'A -%1')2'%%55%-( A%,-&33).6*&%-('A().)-)%*6*)0)77(1(2*-%5(&1(1*)-)22%*)(0,%-)-).( '&7,)*)15%%(2)12(.)0%-*'".)0%": 1.%*%!!!!2(4-(61(*%0%&77(22(&1)2*-6*&-(% (1*%0)-(61(&1)4,-&2)/6(*% 0(2*-6*&-(%.)/0()0%9&-%*((1*)/-%*(3(,-)2)1*%*(-(0)3%1.&0%,)-7%1)15%.(%0'61)'-(*('(*+ 42*%*%,)-*%1*&-(*)16*%1)')22%-(%61%6.(5(&1).)0-&,&1)1*)(17&.&.%'A(%-(-)60*)-(&-7)1*)/0( %2,)*(-(*)16*('-(*('( 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*:" (0&761).()2'%/0(%*-%27)*),-&,-(&,%-)-) 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*"!: 06*&-(*+.(%'(1&.)0(67))-'A(& *-%27)*),-&,-(&,%-)-) 1.%*%!!!2(4-(61(*%0%&77(22(&1)2*-6*&-(% (1*%0)-(61(&1)4,-&2)/6(*% 0(2*-6*&-(%.)/0()0%9&-%*((1*)/-%*(3(,-)2)1*%*(-(0)3%1.&0%,)-7%1)15%.(%0'61)'-(*('(*+ (0 )2,&12%9(0).)0-&').(7)1*&-(*()1),)-*%1*&.(,-&061/%-)(*)-7(1((2*-6*&-(%(2)12(.)0%-* '.)0%":).((1.(-)61%6.(5(&1).)0-&,&1)1*) 1.%*%!!!'&11&*%1,-&*: (0)2,&12%9(0).)0-&').(7)1*&'&761('% %0-&,&1)1*)(0,-&061/%7)1*&.)(*)-7(1((2*-6*&-(%(2)12(.)0%-*'.)0%":)(1.(') 0%6.(5(&1),)-(0/(&-1&!!!! 1.%*%!!!3)1/&1&%'86(2(*('&1*-(96*(2'-(*(.)05()1.%6''%F(,%-*(7)1*& -)3)15(&1)) ('6-)55%).)01(*+ 615(&1%0) /()1)) %1(*+ 6990('% 6*(0(%0%6.(5(&1).)0 -&,&1)1*) 1.%*%!!!!4%33)16*%0%6.(5(&1).)0,-&,&1)1*)'&10)2,&2(5(&1)%0&2*)22&.(%0'61) '-(*('(*+-(0)3%*)(1;%2)(2*-6*&-(% (0-&,&1)1*)A%-(2,&2*&'A(%-)1.&&/1(,-&90)7%*('%)7)-2% 1.%*%!!!!4,)-3)16*%1&*%1,-&*: '&1'6((0(1.%'&.)0&761).( &-/&% &55%1&A%-)%0(55%*&61%,-&').6-%.(%-*)'(,%5(&1)&,&0%-)%*-%3)-2&0%-)%0(55%5(&1).(61(1'&1*-&,6990('&'&10),&,&0%5(&1(.(%-*(/0(%1&).()55% 1.%*%!!!'&1.&'67)1*&1,-&*: (0,-&,&1)1*)(13(%61%1&*% 2,&1*%1)%.(<'A(%-(7)1*(-)0%*(3(%0)(1*)/-%5(&1(.)0(6/1&!!= 1.%*%!!!4,)-3)16*%1&*%1,-&*:.)05()1.%.(6''%F -)3)15(&1))('6-)55%'&1'6(2()2,-(7),%-)-).);(1(*(3& Pagina 11 di 82

13 1.%*%!!! (02(/%-0& %-*)0%(186%0(*+.(.(-(/)1*))(1-%,,-)2)1*%15%.)0%&'()*+ %-*()-%6''A)2), '&11&*%1,-&*:A%;%*&-('A()2*%.(%'')22&%/0(%*(). )2*-%5(&1)'&,(% 1.%*%!"!!2(4-(61(*%0%&77(22(&1)2*-6*&-(%,)-0)2%7).)0)60*)-(&-(1&*) (1*)/-%*(3),-)2)1*%*) (1*%0)-(61(&1)3()1))3(.)15(%*&'A)1)0)(1.%/(1('&1.&*)260,)-2&1%0) &,)-%1*)(1'%3% )%0)/%*)%0)(1*)/-%5(&1(3&0&1*%-() 2&1&,-)2)1*( 1)0),&03)-(-)2,(-%9(0( )0)3%*)'&1')1*-%5(&1(.(2(0(')7('-&'-(2*%0(1%'A)(1*%061('%2(2;&-%1&%1'A)(0(7(*(,-)3(2*(.%0% 1&-7%*(3%N*%0(%1%0(2(%33%0&-%1&0%*)2(,(C3&0*))2,0('(*%*%.%)260%1)')22(*+.)0 '&1*)1(7)1*&.)0),&03)-(.%,%-*).)0%5()1.% 1.%*%!!3()1)-(0%2'(%*%%0(/ %-*)0%'&,(%.(/(*%0).)0'&1*)1)1*)0) (1*)/-%5(&1(%0 1.%*%"!!2(4-(61(*%0%&77(22(&1)2*-6*&-(%,)-0%'&1'062(&1).)0%,,&-*& 2*-6*&-(& '(%2'61'&7,&1)1*).&3-+'6-%-),)-/0(%2,)*(.('&7,)*)15% (0'&1*-(96*&%0% -).%5(&1).)0"#$%&'(')#(*&#+%',-#,#(%.%/-0(%%1$#&&%1%.*2-/%1%&%0#+%',-3 1.%*%"!!'&11&*%1,-&*""":" 3()1)%'86(2(*&(0'&1*-(96*&(2*-6*&-(&.( 1.%*%!! 3()1)%'86(2(*&(0'&1*-(96*&(2*-6*&-(&.)0%5()1.%.(6''%F (,%-*(7)1*&-)3)15(&1) 1.%*%!!2(4-(61(*%0%&77(22(&1)%06*%*(3%,)-0%,,-&3%5(&1).)0,-)2)1*) %,,&-*&2*-6*&-(& -).%*&%*-%3)-2&0(1*)/-%5(&1).)('&1*-(96*((2*-6*&-('6-%*(.%(2(1/&0( 2)-3(5(.)0%-&3(1'(%>)-3(5(&-9%1(2*('%) &9(0(*+ )-3(5(&79()1*) )-3(5(&(;)2%.)0 6&0& )-3(5(&/-('&0*6-%)&-)2*)%''(%$)2'%)(/(0%15%?).)/0(%0*-(1*(*)'1('(.(26,,&-*& >5()1.%.(6''%)(,%-*(7)1*&,-&3(1'(%0).(6''%?'(%2'61%,)-0)7%*)-().( -(2,)*(3%'&7,)*)15% Pagina 12 di 82

14 %.&'67)1*%5(&1),-)2)1*%*%.%0,-&,&1)1*)4-(260*%*%'&2G'&7,&2*%E -&/)*&.);(1(*(3&'&7,&2*&.()0%9&-%*()26&(%0)/%*(E $ % % &'% (# '%)% >%0)/%*&? $* " %+ *, %",% >%0)/%*&? *6.(&.((7,%*&%79()1*%0)>?)26()0%9&-%*(/-%;('(%0)/%*(E $&%-./!$ 0 %-./$ $' %./!-*%%!1$ $%%/%".2 $%%/%"!2 $%%/%" 32 $%%/%" %$' "$ 0 %% %% %% $&%%% $&%%%%% $&% $& $& " *6.(&.((7,%*&%79()1*%0)>?E2(1*)2(1&1*)'1('% 0,-&,&1)1*)A%,-)2)1*%*& 0%.&'67)1*%5(&1)(1*)/-%*(3%-('A()2*%.%06*&-(*+&7,)*)1*) '&2*(*6(*%.%E *6.(&.((7,%*&%79()1*%0)>?E* (!!.4 5* * & ' 9!!1!4, $! *6.(&.((7,%*&%79()1*%0) >?E % -& ' 9!!1!4, $ )0%5(&1)%)2%//(2*('%- '&.!.!!$ Pagina 13 di 82

15 0%9&-%*((1*)/-%*(3(.(-&/)*&E RAPPORTO INTERDISCIPLINARE $: %:./' %./ $: %:!/'./ $: %: 3/: % %,./., ;'!< = ; '( =( ) >"->,,,,,,,% $ $: %:?/: % %,./., ;( ; =1'6&->,,,,,,, % $ $: %./;&5%5%#./! $: %.!/;&%%%#./! %$: %.!/* %% %%/ +/ 0 % %6'% 6 &./ 0 %%% % 6'% 6&./ >%3< 0 %% % 6'% 6& %%6&./ ( %/" "" >/ : 0 % 0./. : : %%"./ : %%"./ : : %!3/%% 0,-&,&1)1*)A%(1&0*-),-)2)1*%*& (1;&-7%.((1*)/-%5(&1)2,&1*%1)% 61%1&*%.(&" % (5%!7# Pagina 14 di 82

16 )'&1.&86%1*&,-)3(2*&.%0%-*.)0%":(0)-3(5(&-9%1(2*('%) &9(0(*+ 2)*&-).('&7,)*)15%,-)3%0)1*),)-0)2,0)*%7)1*&.)0%,-&').6-%.((7,%*&%79()1*%0).)0,-&/)*&,-)2)1*%*&.%0%.(*% A%,-&33).6*&%-('A().)-)%0)77(1(2*-%5(&1(1*)-)22%*)(0,%-)-) 2,)'(;('&(2)/6(*&2&1&-(,&-*%*((,%-)-(,)-3)16*(E '1*,%&4',&#,#+',#52-# *""6-.->1&*%,-&*":".)0!!!!"?E -B$ C ( 3. % % # -27%+%'%8-.#/-(*'('/-(#2'7%,"%#/% *""#>1&*%,-&*:.)0!!!!"?E -B $" % % % /.$!$ 0 3$ *&% * > # *&'2%&4/%#"%,'/-(%*1--2"6%'>1&*%,-&*:".)0!!!"?E -B $,,, %, " %%, %%"-B $ -B$ % % " " %*, D % " " % %,, -B$ " 0 %/ $ % 0 %, % % %, % " < " "% % E $ %,% %, % F%0 %% E $ %, "G E $ 0 0 % %, % % % " Pagina 15 di 82

17 -B $ / $ %, 0 *&%#E $ % # ' ) ( %%, 0 %, % %,, 0,%% E $,, ".!," 0, -*&% > >$, %"# '1*,-/%-."#0(%#>1&*%,-&*":".)0!!!"?E & &'% (-B$, "0 % '.7 9*4887 '0 -B$H +" % / $ / 5,& (,&%,C *%%,C & C - % % C *%%C #$E $ 0, E $ "" % 0 6 '% E $ %%" % F%0??E $ % '%E $ %% %" ' ( %%9*38!'5*?7*!3 '0%H " % /. % 0 %0 %E! " %!-B $E 3 %% % % -'!$, ( ) > ", " E? % *&% ( %% 9%?!!? ' 0 % H " % % / * %% Pagina 16 di 82

18 '1*,-/%'20'#'++#,'>1&*%,-&*!:".)0!!!"?E %%, -B$, % % / $ "" ( &, " % '%, %% 0, %0 9*4887 $ "G %, )C, %% % " 0 C, 0 /,, 5 H %, %%% 0 9 %%", "0 ',, %!4 ( ' $ "G H % '% ", " % %, %( %", %, % % " 0% $ + %% '%, 0 %,"0 % -'.,$ : ( F, ", % "( '%%.89%?!!?, C( / $ * %%, %, '&.!.!!? 3 &12&1&,)-3)16*( 2),,6--('A()2*( (,%-)-(.(E&761(*+ &1*%1%5&1%F ).(%3%0).)0 )-'A(& 2)/6(*&.)0%,-)2)1*%5(&1).%,%-*).)0%.(*%.)0%.&'67)1*%5(&1)(1*)/-%*(3%-('A()2*%).)0%*)2*%5(&1).)0%33)16*&.),&2(*&.)0%2*)22%,-)22&*6*)0)77(1(2*-%5(&1(1*)-)22%*) 2&1&,)-3)16*(2)/6)1*(,%-)-(E Pagina 17 di 82

19 '1*,-/%-."#0(%#>1&*%,-&*:".)0!!!?E -B$ '*F++&( 'F6C( % %%# *&'2%&4/%#"%,'/-(%*1--2"6%'>1&*%,-&*"!:.)0!!!?E -B $C % /-B $ I(),.?4, 9*64887,, 0 %%%!8!4,.3,,0 % '!# "H0 6 '% 0 %/ $ " " %,%,,, % " < ", % 0 % E $,," 3! '% " %*", % ' ) (%%#, &*6!.! '!<( #,!3+' ",J %,, 0 % %% E" % %% 0( %# &12&1&,)-3)16*( 2),,6--('A()2*((,%-)-(.(E&761).(&-/&% &55%1& &761(*+ &1*%1%5&1%F ).(%3%0).)0)-'A(& )'&1.&/0(&9()*(3()2,&2*(.%0-&,&1)1*) (016&3&,-&/)*&2(-)1.)1)')22%-(&,)-(2)/6)1*( 7&*(3(E %?.%-)-%5(&1%0(55%5(&1)%0%'&1;&-7%5(&1).)0%'%3%)1*-&(0(7(*((1.(3(.6%*(.%0 (1 7&.&'A)0%.(2')2%.%0%0*&3)-2&(09%22&.)0%'&0*(3%5(&1)(1*)-)22(*6*%0%-)%'&2G.)0(7(*%*%) 1&1612&0&2)*&-) %1'A)2)%7,(& '&1.(261(;&-7(*+'A)(1;6*6-&,&*-)99)-&1&1)22)-),(C %;;-&1*%9(0()/)2*(9(0((17%1()-%,-&.6*(3%7)1*)'&13)1()1*)N 9?1)')22(*+).&,,&-*61(*+.(%*6%-)(0'%-('%7)1*&<(19%1'&=.)(7%*)-(%0()2*-%*( 6*(0(55%1.&,%-*).)0)16&3)%-)).(%*%''&,)-0%-)%0(55%5(&1).(2*-%.).(%--&''%7)1*&,)-'&--(9(0(1&12&0&.%(7%''A(1%-(.()2'%3%5(&1) 7%%1'A).%(7)55(.('%-('%7)1*& (17&.&.%-(.6--),)-6196&1 Pagina 18 di 82

20 ,)-(&.& (02(2*)7%.(%99%*(7)1*&.%0/-%.&1)%0*&3)-2&(0,(%55%0)9%22&.)0%'%3% '&1 '&12)/6)1*(1)*(7(/0(&-%7)1*(2&*&/0(%2,)*(.)0%2('6-)55%.)0%,-&.65(&1).)0),&03)-().)( (-67&-(N '?1)')22(*+.(6*(0(55%-)(17&.&,(C-%5(&1%0)0)*-)0(*&0&/(),-)2)1*(1)0%-)%)2*-%*(3%>'%0'%-) <7%(&0('%=.(%2,-()'%0'%-)2)0'(;)-&%2)0'(1)-)? (186%1*&*%0(0(*&*(,(%;;(&-%1&'&12,)22&-( 3%-(%9(0(1)0)3%-()5&1).)0%-)%2*)22%1;%*(1)0%5&1%')1*-%0)(.(%2,-(,)-7&*(3(*)*&1('&$ 2*-6*6-%0(,-)2)1*%1&2,)22&-(,(C)0)3%*(-(2,)*&%0)5&1)0%*)-%0( 7)1*-)1)0%5&1%&-()1*%0),-)3%0)(0'%0'%-)<7%(&0('%=).(13)')1)0%5&1%&''(.)1*%0)>'A)'&--(2,&1.)%0)3&065(&1).( '%3%,-)3(2*%?,-).&7(1%(0'%0'%-)2)0'(;)-&%2)0'(1)-) '&2G'A)'&1(016&3&%22)*&2(3)--)99)% /%-%1*(-)%/0((7,(%1*(61%,,-&33(/(&1%7)1*&,(C&7&/)1)&),(C.6-%*6-&1)0*)7,&.)(*-) 7%*)-(%0( '&10)/(62*)'%-%*)-(2*('A).(86%0(*+ %1'A)%(;(1(.)0)&,,&-*61)7(2')0%5(&1(6)2*& %1'A),)-/%-%1*(-)86%1*&')-*(;('%*&'&10%1&-7%*(3%26/0((1)-*( )'&1.&86%1*&.('A(%-%*&.%0-&,&1)1*) (0,-&/)*&'&12)1*(-+%1'A).(-)%0(55%-)61%7(/0(&-) &-/%1(55%5(&1).(*6*&(00%3&-&.)0%'%3%'A) '&10%.&5(&1).(2*%1.%-..(2('6-)55%2)7,-) 7(/0(&-( 1)0%26%)3&065(&1) 7&2*-%61%'-)2')1*)1)')22(*+.(2,%5(),)-7)*)-+%1'A).( %0&1*%1%-) *-%7(*)&,,&-*61%.)3(%5(&1) 0)%'86),-&3)1()1*(.%0%,%-*)%0*%.)09%'(1&.)0 *&--)1*)&-2%/0(& 'A)/(+%.)22&(1*)-;)-(2'&1&'&10%*6%5(&1).)0%'&0*(3%5(&1) %3)-(;('%.)0%&1;&-7(*+'&10),-)3(2(&1(.)042*%*%23&0*%.%0)-3(5(&-9%1(2*('%) &9(0(*+.)0%-&3(1'(%E #2#&&-2%.&%"6-/-(#2-#/%%,&-27-,&'9 % % %9 H 6 '% - $" " &% -& $, F ->K $,*-I $,(-( $ > ->K K$% -5,&,(,&%, C *%%,C & C $, %, &% -& $, Pagina 19 di 82

21 6 " " %,% 9 %6 '% % ',8'21%&4"',(-$2-7%.%',-/-(9 ' 6& ' 9 0 %, 6 '% C'%# : %% 0,H 6 '% 9 %% %0 %% 8 '6& "% %, 0% ' *% (:-'*(:$, 8 '6& " % % %, % " % %,, 0-1 '6&$E "" %% ' 3! '%# % % 6 %, 0, 0 / " % %,, %0-!4 '6&$,%%, 0 " '6& Pagina 20 di 82

22 (1'&0(1%*6-%0(2*('(),%)2%//(2*('( RAPPORTO INTERDISCIPLINARE %-)%&//)*&.(-('A()2*%.(%7,0(%7)1*&.)0%*(3(*+)2*-%*(3%)2&//)*%%(2)/6)1*(3(1'&0(E (1'&0&,%)2%//(2*('&%79()1*%0)%(2)12(.)0)0)*)-)'?)/?.)0/2":!!N (1'&0&(.-&/)&0&/('&%(2)12(.)0%":N (1'&0&9&2'A(3&%(2)12(.)0%:!!)27(N (1'&0&(.-%60('&%(2)12(.)0:!N (1'&0(.)-(3%1*(.%.)06*&-(*+.(%'(1&.)0(67))-'A(& %*(3(*+)2*-%*(3%.)0%'%3%4;(1%0(55%*%%0%,-&.65(&1).(7%*)-(%0((1)-*( ).(17(1&-7(26-%.% 6*(0(55%-)*%086%0(>(.(%2,-(?'&7)7%*)-(%0(.)2*(1%*(%-()7,(7)1*( 2&*&;&1.()-(0)3%*((1/)1)-) 61%,-&,&-5(&1).)0D'(-'% 016&3&,-&/)*&(1*)-)22)-+26,)-;('(,)-'&7,0)22(3(!!!!78>'&12(.)-%1.&0(1*)-& '&7,0)22&'&7,-)12(3& &0*-)'A).)(,(%55%0( %1'A)0%-)%.)0;-%1*&(&.)/0(6;;('().)0&;;('(1%? 'A)%1.-%11&%'&,-(-)'(-'%(0!D.)0%-)%(1.(3(.6%*%.%0>!"78?N(1*%0)%79(*&0% 26,)-;('().)0%-)%)2*-%*(3%%*6%07)1*)%6*&-(55%*%>'(-'%"!!!!78?1)'&,-)(0"D7)1*-) 0%-)%.(,-)3(2*%)2,%12(&1) '(-'%!!!78 1)-%,,-)2)1*%(0D0-)2*%1*)D1&12%-+ 6*(0(55%*&%;(1()2*-%*(3()-%,,-)2)1*%61%;%2'(%,)-(7)*-%0)%0(1*)-1&.)00(7(*) %0%2*(7%'&7,0)22(3%.)0)26,)-;('((1*)-)22%*).%0(1*)-3)1*&)2*-%*(3&(1,-&/)*&>)'A) '&1*)2*6%07)1*)%0)2'%3%5(&1)2%-%11&(1*)-)22%*).%0)&,)-%5(&1(-(,-(2*(1&?2()3(.)15(%'A) '(-'%0"D.)0%26,)-;('()'&(13&0*%'&7,)*)-+%0&761).()2'%/0(% (0-)2*%1*)D%0 &761).(&-/&% &55%1& 0(3)0&'&7,0)22(3&(016&3&,-&/)*&'&7,&-*)-+0)2'%3%5(&1).('(-'%!!!!!.(7'.( 7%*)-(%0)&1-(*7(.(2'%3&.('(-'%!!!!!7':%11& *%0)86%1*(*%*(3&'&7,0)22(3&,&*-+)22)-) 7&9(0(55%*& (1'(-'%!%11( )2%6-)1.&2(86(1.()1*-&(*)-7(1(.)0%6*&-(55%5(&1)-('A()2*% )<;%2(=.(%*6%5(&1)(1*)-7).().)0,-&/)*&,)-,-)'(2%2')0*%2*-%*)/('%.)0-&,&1)1*) 1&1 2&1&2*%*)3(1'&0%*)%.(1*)-3%0(*)7,&-%0(.);(1(*( 7%,(6*&2*&%,%-*('&0%-('&1;(/6-%5(&1(.)0%79()1*).('%3%'A)&/1(3&0*%.&3-%11&2&..(2;%-)'&1*)7,&-%1)%7)1*)0)'&1.(5(&1(.( 2('6-)55%.)03)-2%1*) (0-(%22)*&&-/%1('&.)0)5&1))2'%3%*)).(-(*7(,-&.6*(3(.)/0((7,(%1*( )0%*(3%7)1*)%(,-&.&*(.)0%*(3(*+)2*-%*(3%(1)2%7) )22(2&1&-%,,-)2)1*%*((17%//(&-,%-*).%;-%1*67%*(.)-(3%1*(.%-&'')'%0'%-)) ),-)'(2%7)1*).%0'%0'%-)<7%(&0('%=).%0'%0'%-) <2)0'(;)-&=>"!$!D? ).%<.(%2,-(=>!$!D? 86)2*60*(7(6*(0(55%*(*%086%0().%1'A),)- Pagina 21 di 82

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(*" ))*))( *!* %*& ($,0$. *%

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(* ))*))( *!* %*& ($,0$. *% !" " //(*%(*" ))*))( *!* *(*/-*%(*2,&2 %*&!" #$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) %,%,-.%*" ($)&*$/% ')( ($,0$. *% ($,1% 2 ...4 #$%...4 &...5...6...7...8 Le aree estrattive provinciali... 8 Il contesto territoriale...

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA Corso di aggiornamento professionale Il D.M. Ambiente del 10 agosto 2012 n. 161: I piani di utilizzo delle terre e rocce da scavo 15 Febbraio - Cagliari 22 Febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO PREMESSA LA LEGGE QUADRO N. 447 DEL 26/10/95 I DUE DECRETI APPLICATIVI PIU IMPORTANTI GLI ALTRI DECRETI SANZIONI E CONTROLLI IL CODICE CIVILE E IL CODICE

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

1. DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROGETTO DEFINITIVO (Quadro di riferimento progettuale)

1. DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROGETTO DEFINITIVO (Quadro di riferimento progettuale) Allegato 3 CONTENUTI DELLO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE La Giunta regionale con Del. n. 2002/1238 del 15/7/2002 ha approvato la 'Direttiva generale sull'attuazione della disciplina procedura valutazione

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE L art. 186 del d.lgs.152/06 indica le condizioni alle quali è consentito

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

1.1 RIFERIMENTI PROGETTUALI E ASPETTI PRESCRITTIVI 5 2. PROGETTO DI COLLOCAZIONE A DEPOSITO DEI MATERIALI 11

1.1 RIFERIMENTI PROGETTUALI E ASPETTI PRESCRITTIVI 5 2. PROGETTO DI COLLOCAZIONE A DEPOSITO DEI MATERIALI 11 INDICE DEI CONTENUTI 1. PREMESSA 2 1.1 RIFERIMENTI PROGETTUALI E ASPETTI PRESCRITTIVI 5 2. PROGETTO DI COLLOCAZIONE A DEPOSITO DEI MATERIALI 11 3. TIPOLOGIA DEI MATERIALI DA COLLOCARE NEL SITO 14 4. IMPATTO

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE - Figura 2 Scoping SIA e contenuti della documentazione per la valutazione di incidenza, quando necessaria deposito presso l Ufficio VIA e gli EELL

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

articolo 1. PREMESSA 2. OPERAZIONI DI TRATTAMENTO DEI LIMI DI LAVAGGIO

articolo 1. PREMESSA 2. OPERAZIONI DI TRATTAMENTO DEI LIMI DI LAVAGGIO Una particolare categoria di rifiuti provenienti da attività estrattiva: i limi di lavaggio inerti - Problematiche inerenti e quadro normativo Erika Montanari Geologo, libero professionista 1. PREMESSA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A DI PRIMA PIOGGIA Divisione Depurazione 87 1. - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE IN ACCUMULO (DA 500 A 12.000 M 2 ) 2. IPC - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE DI PIOGGIA IN CONTINUO (DA 270 A 7.200 M 2 ) 88 Divisione

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009)

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...4 Art. 1 - CAMPO

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati 9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO Premessa e fonte dati La Legge 447 del 26/10/1995 definisce l inquinamento acustico come "l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA COMUNE DI BARDONECCHIA Regione Piemonte Provincia di Torino P.za de Gasperi 1 10052 Bardonecchia tel. 0122 909911 fax 0122 96084 COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Accesso agli atti Ambiente e Gestione del Territorio / Tecnico e Sviluppo Locale

Accesso agli atti Ambiente e Gestione del Territorio / Tecnico e Sviluppo Locale Accesso agli atti Ambiente e Gestione del Territorio / Tecnico e Sviluppo Locale Il cittadino deve formulare istanza di accesso agli atti quando deve richiedere copie di atti raccolti negli archivi comunali,

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DELLE EMISSIONI DI

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DELLE EMISSIONI DI All. 1 parte integrante e sostanziale della DGP.213-09 LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DELLE EMISSIONI DI POLVERI PROVENIENTI DA ATTIVITÀ DI PRODUZIONE, MANIPOLAZIONE, TRASPORTO, CARICO O STOCCAGGIO DI

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V.

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V. Circolare del Presidente della Giunta Regionale n. 12 del 9/8/02, approvata con D.G.R.V. n. 2106 del 2/8/02, recante "Norme di Attuazione del Piano Regionale di Risanamento delle Acque. Testo coordinato

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli