AZIONE DI SISTEMA G. Partner responsabile Università de Corse

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIONE DI SISTEMA G. Partner responsabile Università de Corse"

Transcript

1 N componente 5 N azione 3.2 Titolo prodotto : prototipi software di simulazione del comportamento idrologico del bacino versante del sud est della Corsica tenendo conto le ottimizzazioni AZIONE DI SISTEMA G Partner responsabile Università de Corse

2 Rapporto 1. Type de Rapport Initial Intermediaire Final Rapport Période du rapport 01/06/12 au 31/02/13 2. Identification sous-projet Titre Acronyme Azione di Sistema G : Consolidamento di un modello di caratterizzazione e di gestione di un bacino idrico ASG

3 1. introduzione Il progetto "Ottimizzazione della gestione delle risorse idriche nel sud-est della Corsica", guidato dall'università di Corte e finanziato dal programma di cooperazione FESR croce Italia / Francia "Marittimo" è quello di utilizzare una zona sperimentale, nel sud est della Corsica, a sviluppare e validare un sistema di supporto alla gestione incorporando metodi che possono poi essere applicati alle aree di vocazione agricola e turistica del bacino del Mediterraneo. È stato stimato che la situazione attuale potrebbe essere migliorata utilizzando dispositivi di misurazione, previsione e supporto alle decisioni. Miglioramenti attesi sono: Migliore ripartizione del consumo di acqua attraverso le previsioni più attendibili. Una diminuzione dei costi di pompaggio attraverso misure e previsioni. Migliore efficienza di trasferimento di stoccaggio e di acqua attraverso tecniche di ottimizzazione. SITEC contribuisce al progetto e, in questo contesto, è assistito da ONERA. Tale assistenza comprende tre lotti: Stato dell'arte e definizione. Implementazione di data mining. Implementazione di ottimizzazione. Questa seconda relazione intermedia sull'attuazione del data mining. Si compone di tre capitoli. Il capitolo sull'applicazione di metodi basati su processi di apprendimento dell'applicazione dei metodi lineari e reti neurali a base radiale dei dati disponibili. Il prossimo capitolo presenta il lavoro svolto per monitorare i test di validazione. Infine, un capitolo descrive l'integrazione dei modelli nel programma di ottimizzazione. Applicazione di metodi basati sull'apprendimento metodologia I dati utilizzati I dati corrispondono ad una stima del riempimento della diga sul dell'ospedale 20 anni, settimana. Si è deciso di suddividere i dati in tre sezioni: I primi 12 anni sono la base per le previsioni di un passato coerente. I successivi tre anni sono i campioni su cui viene eseguita l'identificazione minimizzando l'errore di predizione. I restanti 5 anni non sono parte della formazione di base e sono tenuti in riserva per i test di convalida. La Figura 1 mostra questa ripartizione.

4 Figura 1: Contributi per la diga dell'ospedale Posizione del problema Al tempo t, si prevede, sulla base dei dati osservati negli ultimi 12 anni, tra T e T-623, che saranno gli stessi dati del prossimo anno, tra t e t E 'quindi costruire e identificare i parametri dei metodi di previsione, 52, del t +1 per quello di t 52. Metodi testati Metodi testati dividono in tre categorie. Primi metodi di riferimento che riflettono la prassi operativa ed i metodi lineari e infine metodi basati su reti neurali. Metodi di riferimento Il metodo più comune è quella di considerare una storia. Per un periodo di 12 anni la formula è: 12 1 A H ( t s / t) A( t s 52 j) 12 j1 s nella gamma da 1 a 52. A (t) rappresenta il contributo al tempo misurato t e AH (t + s /t) è la previsione fatta al tempo t + t degli ingressi a s. metodi lineari

5 Il principio di metodi lineari è quello di selezionare o fattori esplicativi A (t + s) di A (t), A (t-1)... poi regrediscono tra questi fattori e A (t + s) da metodo dei minimi quadrati. Lasciate r1 (s),.., rn (s) ritardi n fattori esplicativi individuati e A1 (s),..., an (s), b (s) coefficienti di regressione, la formula di previsione è data da: i n A L ( t s / t) max b( s) ai ( s) A( t s ri ( s)),0 i1 con: ( s) s r i I fattori sono selezionati in modo ricorsivo tenendo uno con il coefficiente di correlazione più significativa. Appendice 7.2 dettagli del calcolo dei coefficienti di correlazione e fornisce una guida sui tavoli per verificare l'ipotesi di una relazione lineare. Per il primo fattore, si esaminano le correlazioni tra A (t + s) e A (t), A (t-1)... Per fattore n +1, si esaminano le correlazioni tra, da un lato il residuo A (t + s)-g (t + s / t), e gli altri fattori ancora non selezionate per a (t) a (t-1)... Metodi basati su reti neurali Reti neurali con base radiale in inglese Funzione a base radiale (RBF) reti, permettono di approssimare una funzione f (x) di un vettore x da una somma pesata di funzioni base di tipo da: i N 1 T ( xci ) ( xci ) 2 ( x) a0 aie i1 dove x è l'ingresso della rete e che le impostazioni di rete siano vettore: a 0 un termine costante a0 opzionale a i hanno il peso della cella esimo per i = 1,..., N c i al di sopra del vettore centro della cella-esimo per i = 1,..., N per regolare la sovrapposizione tra le cellule. Quando il risultato della funzione è vettore, non hanno più i vettori di peso, ma la stessa dimensione come il risultato. A una rete RBF è imparare, da un insieme di campioni (x, y = f(x ) pour = 1,,M) relativo alla funzione f (x) per trovare più piccola differenza tra f (x) e (x) regolazione della et (a i, c i pour i = 1,,N). Parametri. Questo si traduce in: M min, a1,..., an, c1,..., cn 1 T y ( x ) y ( x ) Concluzione Lo studio presentato in questo rapporto è destinato principalmente per contribuire alla realizzazione di data mining. La metodologia proposta è quella di dividere i dati in tre set cronologicamente successivi. Il primo set permette una prima base passato le previsioni, il secondo di identificare i coefficienti del modello e per testare e validare i modelli finali. Questo approccio è stato applicato a tre tipi di metodi: i metodi di riferimento

6 metodi lineari I metodi che utilizzano RBF. Due metodi di riferimento non richiedono l'identificazione dei coefficienti: previsione dalla storia e predire l'ultima disponibile. La convalida mostra che per i dati utilizzati e il taglio che è stato fatto, la storia predizione è sempre preferibile alla predizione dall'ultima misurazione. Un terzo metodo di riferimento è pesare la storia e l'ultima misura di un fattore corrispondente al secondo set di dati. La grande differenza tra i dati di identificazione e validazione dei dati che il risultato convalida di questo terzo metodo è peggiore di quello storico. Questa differenza influenzato anche il risultato di metodi lineari e metodi di convalida utilizzando RBF: Questi metodi non sono in grado di superare la storia di convalida. Tuttavia, troviamo che aumentando il numero di fattori di metodi lineari e aumentando il numero di cellule per alcuni metodi utilizzando RBF portato molti una riduzione del gap di convalida. Questo convalida l'approccio globale alla costruzione di modelli da iterativo aggiunta di regressori. Infine, sembra che tra i vari metodi innovativi sperimentati è l'uso più efficiente dei centri di RBF ottenuti dalla classificazione con e senza termine costante. Tuttavia, è necessario ricordare che, data la scarsa affidabilità dei dati utilizzati, questi risultati sono un modo per esporre un processo che conclusioni definitive potrebbero trarre dall'uso di misure affidabili. Assistenza state fornite durante l'attuazione della ottimizzazione. Calcoli l'accelerazione e la migliore precisione turbinages ottimali è stata proposta sulla base di una domanda di Programmazione Lineare. Questo lavoro è destinato a continuare lungo tre assi: L'adattamento del metodo descritto da una divisione tra la prima serie di dati e il secondo insieme di dati per ciascun metodo.

N componente 6 N azione 3.2 Titolo prodotto : Interfaccia di comunicazione con il software DEVS

N componente 6 N azione 3.2 Titolo prodotto : Interfaccia di comunicazione con il software DEVS N componente 6 N azione 3.2 Titolo prodotto : Interfaccia di comunicazione con il software DEVS AZIONE DI SISTEMA G Partner responsabile Università de Corse Rapporto 1. Type de Rapport Initial Intermediaire

Dettagli

Regressione non lineare con un modello neurale feedforward

Regressione non lineare con un modello neurale feedforward Reti Neurali Artificiali per lo studio del mercato Università degli studi di Brescia - Dipartimento di metodi quantitativi Marco Sandri (sandri.marco@gmail.com) Regressione non lineare con un modello neurale

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Formazione Aziendale per la Qualità

Formazione Aziendale per la Qualità 4 Corsi e Formazione per la Qualità Formazione Aziendale per la Qualità Il nostro obiettivo L organizzazione, l analisi e l interpretazione dei dati aziendali all interno del proprio business, può rappresentare

Dettagli

lezione 18 AA 2015-2016 Paolo Brunori

lezione 18 AA 2015-2016 Paolo Brunori AA 2015-2016 Paolo Brunori Previsioni - spesso come economisti siamo interessati a prevedere quale sarà il valore di una certa variabile nel futuro - quando osserviamo una variabile nel tempo possiamo

Dettagli

Regressione Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011

Regressione Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011 Regressione Esempio Un azienda manifatturiera vuole analizzare il legame che intercorre tra il volume produttivo X per uno dei propri stabilimenti e il corrispondente costo mensile Y di produzione. Volume

Dettagli

Che cosa è la semplificazione? 3. Come è possibile semplificare? 4. Quali sono le proposte della Commissione? 5

Che cosa è la semplificazione? 3. Come è possibile semplificare? 4. Quali sono le proposte della Commissione? 5 Commissione europea Semplificare la politica di coesione per gli anni 2014-2020 Indice Introduzione 2 Che cosa è la semplificazione? 3 Come è possibile semplificare? 4 Quali sono le proposte della Commissione?

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Norme per la Certificazione e l Accettazione a Bordo delle Porte Tagliafuoco di Classe A e B

Norme per la Certificazione e l Accettazione a Bordo delle Porte Tagliafuoco di Classe A e B Norme per la Certificazione e l Accettazione a Bordo delle Porte Tagliafuoco di Classe A e B In vigore dal 1 Gennaio 2003 RINA Società per azioni Gruppo REGISTRO ITALIANO NAVALE Via Corsica, 12-16128 Genova

Dettagli

CORSO DI STATISTICA ED ELEMENTI DI INFORMATICA

CORSO DI STATISTICA ED ELEMENTI DI INFORMATICA ANNO ACCADEMICO 2013-2014 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA CORSO DI STATISTICA ED ELEMENTI DI INFORMATICA CFU 5 DURATA DEL CORSO : ORE 35 DOCENTE PROF. DOMENICO DI DONATO

Dettagli

Sviluppo rurale 2007-2013 MANUALE DEL. Documento di orientamento

Sviluppo rurale 2007-2013 MANUALE DEL. Documento di orientamento Sviluppo rurale 2007-2013 MANUALE DEL QUADRO COMUNE PER IL MONITORAGGIO E LA VALUTAZIONE Documento di orientamento Settembre 2006 Direzione generale dell Agricoltura e dello sviluppo rurale INDICE 1. UN

Dettagli

Parimenti una gestione delle scorte in maniera non oculata può portare a serie ripercussioni sul rendimento sia dei mezzi propri che di terzi.

Parimenti una gestione delle scorte in maniera non oculata può portare a serie ripercussioni sul rendimento sia dei mezzi propri che di terzi. Metodo per la stima del ROE e del ROI in un azienda operante nel settore tessile abbigliamento in funzione delle propria struttura di incasso e pagamento e della gestione delle rimanenze di magazzino.

Dettagli

Feature Selection per la Classificazione

Feature Selection per la Classificazione 1 1 Dipartimento di Informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma Corso di Algoritmi di Classificazione e Reti Neurali 20/11/2009, Roma Outline Feature Selection per problemi di Classificazione

Dettagli

Regressione Lineare con un Singolo Regressore

Regressione Lineare con un Singolo Regressore Regressione Lineare con un Singolo Regressore Quali sono gli effetti dell introduzione di pene severe per gli automobilisti ubriachi? Quali sono gli effetti della riduzione della dimensione delle classi

Dettagli

Lineamenti di econometria 2

Lineamenti di econometria 2 Lineamenti di econometria 2 Camilla Mastromarco Università di Lecce Master II Livello "Analisi dei Mercati e Sviluppo Locale" (PIT 9.4) Aspetti Statistici della Regressione Aspetti Statistici della Regressione

Dettagli

MACHINE LEARNING e DATA MINING Introduzione. a.a.2015/16 Jessica Rosati jessica.rosati@poliba.it

MACHINE LEARNING e DATA MINING Introduzione. a.a.2015/16 Jessica Rosati jessica.rosati@poliba.it MACHINE LEARNING e DATA MINING Introduzione a.a.2015/16 Jessica Rosati jessica.rosati@poliba.it Apprendimento Automatico(i) Branca dell AI che si occupa di realizzare dispositivi artificiali capaci di

Dettagli

Economia Aziendale- Corso Progredito

Economia Aziendale- Corso Progredito Economia Aziendale- Corso Progredito Valutazione delle Banche!!! Palmeri Stefano! Voina Daniela! Introduzione Una banca è un istituto di credito che esercita congiuntamente l'attività di raccolta del risparmio

Dettagli

Pro e contro delle RNA

Pro e contro delle RNA Pro e contro delle RNA Pro: - flessibilità: le RNA sono approssimatori universali; - aggiornabilità sequenziale: la stima dei pesi della rete può essere aggiornata man mano che arriva nuova informazione;

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG91U

STUDIO DI SETTORE SG91U ALLEGATO 2 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG91U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Statistical learning Strumenti quantitativi per la gestione

Statistical learning Strumenti quantitativi per la gestione Statistical learning Strumenti quantitativi per la gestione Emanuele Taufer Vendite Simbologia Reddito Statistical learning A cosa ci serve f? 1 Previsione 2 Inferenza Previsione Errore riducibile e errore

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

I ESERCITAZIONE. Gruppo I 100 individui. Trattamento I Nuovo Farmaco. Osservazione degli effetti sul raffreddore. Assegnazione casuale

I ESERCITAZIONE. Gruppo I 100 individui. Trattamento I Nuovo Farmaco. Osservazione degli effetti sul raffreddore. Assegnazione casuale I ESERCITAZIONE ESERCIZIO 1 Si vuole testare un nuovo farmaco contro il raffreddore. Allo studio partecipano 200 soggetti sani della stessa età e dello stesso sesso e con caratteristiche simili. i) Che

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA SCHEDA N. 5: REGRESSIONE LINEARE

STATISTICA DESCRITTIVA SCHEDA N. 5: REGRESSIONE LINEARE STATISTICA DESCRITTIVA SCHEDA N. : REGRESSIONE LINEARE Nella Scheda precedente abbiamo visto che il coefficiente di correlazione fra due variabili quantitative X e Y fornisce informazioni sull esistenza

Dettagli

Il modello di regressione lineare multivariata

Il modello di regressione lineare multivariata Il modello di regressione lineare multivariata Eduardo Rossi 2 2 Università di Pavia (Italy) Aprile 2013 Rossi MRLM Econometria - 2013 1 / 39 Outline 1 Notazione 2 il MRLM 3 Il modello partizionato 4 Collinearità

Dettagli

SECONDO BIENNIO ISTITUTO TECNICO

SECONDO BIENNIO ISTITUTO TECNICO SETTORE DOCUMENTI PER LA DISCUSSIONE ISTITUTO TECNICO INDIRIZZO ARTICOLAZIONE ELETTROTECNICA TECNOLOGICO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA ESITI DI APPRENDIMENTO (competenze, abilità, conoscenze) Regolamento,

Dettagli

04/08/2011. MonSTEr GOLF. Monitoraggio Satellitare dei Tappeti Erbosi dei campi da GOLF

04/08/2011. MonSTEr GOLF. Monitoraggio Satellitare dei Tappeti Erbosi dei campi da GOLF 04/08/2011 Tappeti Erbosi dei campi da GOLF 1 È un progetto di Ricerca e Sviluppo finanziato dalla Agenzia Spaziale Italiana nell ambito del Secondo Bando per l Osservazione della Terra destinato alle

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG42U

STUDIO DI SETTORE SG42U ALLEGATO 2 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG42U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Support Vector Machines introduzione. Vittorio Maniezzo Università di Bologna

Support Vector Machines introduzione. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 7 Support Vector Machines introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna 1 SVM - introduzione Le SV machinessono state sviluppate negli AT&T Bell Laboratoriesda Vapnike colleghi (Boseret al., 1992,

Dettagli

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni ISTRUZIONE TECNICA INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni L indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ha lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze

Dettagli

Caldaia a condensazione e pompa di calore

Caldaia a condensazione e pompa di calore 065_TER_gen_magri:46-48_TER_mar_profilo 8-02-2010 12:51 Pagina 65 efficienza energetica 65 C. Di Perna, G. Magri Caldaia a condensazione e pompa di calore confronto delle prestazioni stagionali Come ben

Dettagli

Ulteriori metodi per la stima di una singola equazione

Ulteriori metodi per la stima di una singola equazione 1 Materiali didattici: ANALISI E PREVISIONI NEI MERCATI FINANZIARI a.a. 2014-2015 DISPENSA N.3bis (APPENDICE alla dispensa n.3) Ulteriori metodi per la stima di una singola equazione (Prof. Giovanni Verga)

Dettagli

STIMARE valori ed eseguire ANALISI DI REGRESSIONE

STIMARE valori ed eseguire ANALISI DI REGRESSIONE STIMARE valori ed eseguire ANALISI DI REGRESSIONE È possibile impostare una serie di valori che seguono una tendenza lineare semplice oppure una tendenza con crescita esponenziale. I valori stimati vengono

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Controlli Automatici Introduzione al corso Prof. Cesare Fantuzzi Ing. Cristian Secchi Ing. Federica Ferraguti ARSControl - DISMI - Università di Modena e Reggio Emilia E-mail: {nome.cognome}@unimore.it

Dettagli

rappresentazione astratta di un sistema e/o di una situazione reale tramite un insieme di dati/elementi ad essa analoghi

rappresentazione astratta di un sistema e/o di una situazione reale tramite un insieme di dati/elementi ad essa analoghi Modelli Definizione: rappresentazione astratta di un sistema e/o di una situazione reale tramite un insieme di dati/elementi ad essa analoghi Obiettivo: studio del comportamento del sistema e delle relazioni

Dettagli

6. Modelli statistici: analisi della regressione lineare

6. Modelli statistici: analisi della regressione lineare BIOSTATISTICA 6. Modelli statistici: analisi della regressione lineare Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

modo differenziato i clienti ricadenti nelle differenti classi. Tecnica RFM Questo approccio considera, oltre al valore di fatturato (contemplato

modo differenziato i clienti ricadenti nelle differenti classi. Tecnica RFM Questo approccio considera, oltre al valore di fatturato (contemplato Metodi quantitativi per il targeting Per le piccole e medie imprese il Data Base di Marketing (DBM) è di importanza cruciale nella segmentazione della clientela e individuazione del target di interesse

Dettagli

Analisi di una rete stradale con il software VISUM

Analisi di una rete stradale con il software VISUM Paolo Martinis Preone, 10.07.2004 Università degli Studi di Trieste Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione dei Trasporti Prof. Giovanni Longo Anno Accademico 2003-2004 Analisi di una rete stradale

Dettagli

Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni

Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni Analisi delle tracce OTDR Come diventare un esperto nella risoluzione dei problemi grazie all analisi avanzata delle tracce OTDR.

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1

Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1 Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1 3.1 Introduzione al problema In questa simulazione si vuole verificare il comportamento del fluido nel passaggio attraverso una valvola motoristica

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO (della parte di progetto realizzata dai partners toscani)

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO (della parte di progetto realizzata dai partners toscani) ALLEGATO C Regione Toscana POR Competitività regionale e occupazione FESR 2007 2013 POR CREO FESR 2007-2013 - LINEA DI INTERVENTO 1.5.C "Sostegno a programmi integrati di investimento per ricerca industriale

Dettagli

Presentazione del Programma e del nuovo bando. BENEDETTA SEVI Autorità di Gestione del Programma

Presentazione del Programma e del nuovo bando. BENEDETTA SEVI Autorità di Gestione del Programma Presentazione del Programma e del nuovo bando BENEDETTA SEVI Autorità di Gestione del Programma Presentazione Programma: zone ammissibili e zone adiacenti Presentazione Programma: Assi e risorse ASSE 1

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO

MASTER UNIVERSITARIO MASTER UNIVERSITARIO Analisi Dati per la Business Intelligence In collaborazione con II edizione 2013/2014 Dipartimento di Culture, Politica e Società Dipartimento di Informatica gestito da aggiornato

Dettagli

ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO

ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO 2 GENERALITA SUL METODO AGLI ELEMENTI FINITI. Il Metodo agli Elementi Finiti (F.E.M.) è una tecnica avanzata di risoluzione di equazioni

Dettagli

Relazioni statistiche: regressione e correlazione

Relazioni statistiche: regressione e correlazione Relazioni statistiche: regressione e correlazione È detto studio della connessione lo studio si occupa della ricerca di relazioni fra due variabili statistiche o fra una mutabile e una variabile statistica

Dettagli

Il processo di progettazione. Convalida. Verifica. Progettazione partecipativa. Obiettivi della valutazione. La valutazione dell usabilita

Il processo di progettazione. Convalida. Verifica. Progettazione partecipativa. Obiettivi della valutazione. La valutazione dell usabilita Il processo di progettazione La valutazione dell usabilita requisiti analisi utenza design iterazione prototipazione implementazione e attivazione Convalida e valutazione usabilità Informatica applicata

Dettagli

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE Se il coefficiente di correlazione r è prossimo a 1 o a -1 e se il diagramma di dispersione suggerisce una relazione di tipo lineare, ha senso determinare l equazione

Dettagli

Esperienze di Apprendimento Automatico per il corso di Intelligenza Artificiale

Esperienze di Apprendimento Automatico per il corso di Intelligenza Artificiale Esperienze di Apprendimento Automatico per il corso di lippi@dsi.unifi.it Dipartimento Sistemi e Informatica Università di Firenze Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Introduzione

Dettagli

SOLUZIONE PER L'IDENTIFICAZIONE UNIVOCA DEI DISPOSITIVI DI PTC

SOLUZIONE PER L'IDENTIFICAZIONE UNIVOCA DEI DISPOSITIVI DI PTC SOLUZIONE PER L'IDENTIFICAZIONE UNIVOCA DEI DISPOSITIVI DI PTC Soluzione per l'identificazione univoca dei dispositivi di PTC Conformità senza complessità La soluzione per l'identificazione univoca dei

Dettagli

Modello di regressione lineare

Modello di regressione lineare Modello di regressione lineare a cura di Giordano dott. Enrico enrico.giordano@meliorbanca.com Nel presente lavoro viene descritto in modo dettagliato (attraverso anche un impatto visivo), l analisi di

Dettagli

3) ANALISI DEI RESIDUI

3) ANALISI DEI RESIDUI 3) ANALISI DEI RESIDUI Dopo l analisi di regressione si eseguono alcuni test sui residui per avere una ulteriore conferma della validità del modello e delle assunzioni (distribuzione normale degli errori,

Dettagli

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000)

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) COME NASCE? Il programma subentra a tre programmi che sono stati operativi nel periodo 2007-2013, ovvero i programmi specifici Daphne III e

Dettagli

SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI

SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI Antonio Scippa u macchine utensili u Ottimizzare i parametri per una lavorazione di fresatura su macchina a controllo numerico significa sfruttare in

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com. Il processo di KDD

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com. Il processo di KDD Il processo di KDD Introduzione Crescita notevole degli strumenti e delle tecniche per generare e raccogliere dati (introduzione codici a barre, transazioni economiche tramite carta di credito, dati da

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO REGIONE TOSCANA ALLEGATO 2 Bando - POR CREO FESR 2007-2013 - LINEA DI INTERVENTO 1.5.d "Bando per la presentazione delle domande di aiuti alle imprese per investimenti in materia di ricerca industriale

Dettagli

Prevedere la domanda residua di energia nelle aste elettriche e strategie ottime di offerta

Prevedere la domanda residua di energia nelle aste elettriche e strategie ottime di offerta Prevedere la domanda residua di energia nelle aste elettriche e strategie ottime di offerta Matteo Pelagatti Università degli Studi di Milano-Bicocca Mercati energetici e metodi quantitativi: un ponte

Dettagli

SCHEDA TECNICA. ALLEGATO n. 2

SCHEDA TECNICA. ALLEGATO n. 2 ALLEGATO n. 2 REGIONE LIGURIA REPUBBLICA ITALIANA COMMISSIONE EUROPEA Programma Regionale di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Liguria Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi

Dettagli

Engineering Computation. 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti

Engineering Computation. 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti Engineering Computation Vol. 1 N. 1 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti Marzo ITERA S.r.l. è una società di ingegneria che da molti anni opera nel mercato della simulazione numerica. Una delle attività

Dettagli

Computazione per l interazione naturale: Modelli dinamici

Computazione per l interazione naturale: Modelli dinamici Computazione per l interazione naturale: Modelli dinamici Corso di Interazione Naturale Prof. Giuseppe Boccignone Dipartimento di Informatica Università di Milano boccignone@di.unimi.it boccignone.di.unimi.it/in_2015.html

Dettagli

Programmazione Disciplinare: Calcolo Classe: Quarte - Quinte

Programmazione Disciplinare: Calcolo Classe: Quarte - Quinte Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Disciplinare: Calcolo Classe: Quarte - Quinte Anno scolastico 01-01 I Docenti della Disciplina Salerno, settembre 01 Anno scolastico

Dettagli

DI IDROLOGIA TECNICA PARTE III

DI IDROLOGIA TECNICA PARTE III FACOLTA DI INGEGNERIA Laurea Specialistica in Ingegneria Civile N.O. Giuseppe T. Aronica CORSO DI IDROLOGIA TECNICA PARTE III Idrologia delle piene Lezione XII: I metodi diretti per la valutazione delle

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica L indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica propone una formazione polivalente che unisce i principi, le tecnologie e le pratiche

Dettagli

2.1.2 Formulazione del test PSD Le potenzialità del metodo pseudodinamico si possono facilmente comprendere considerando l equazione (1.2.1.

2.1.2 Formulazione del test PSD Le potenzialità del metodo pseudodinamico si possono facilmente comprendere considerando l equazione (1.2.1. .1. Formulazione del test PSD Le potenzialità del metodo pseudodinamico si possono facilmente comprendere considerando l equazione (1..1.1) 17 Ma(t)+Cv(t)+S(d(t)) = f ex (t): (.1..1) applicata direttamente

Dettagli

RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA (PROBLEMI

RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA (PROBLEMI RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA (PROBLEMI DI SCELTA) Il termine RICERCA OPERATIVA sembra sia stato usato per la prima volta nel 1939, ma già precedentemente alcuni scienziati si erano occupati di problemi

Dettagli

Esempio. Approssimazione con il criterio dei minimi quadrati. Esempio. Esempio. Risultati sperimentali. Interpolazione con spline cubica.

Esempio. Approssimazione con il criterio dei minimi quadrati. Esempio. Esempio. Risultati sperimentali. Interpolazione con spline cubica. Esempio Risultati sperimentali Approssimazione con il criterio dei minimi quadrati Esempio Interpolazione con spline cubica. Esempio 1 Come procedere? La natura del fenomeno suggerisce che una buona approssimazione

Dettagli

La ricerca operativa

La ricerca operativa S.S.I.S. PUGLIA Anno Accademico 2003/2004 Laboratorio di didattica della matematica per l economia e la finanza La ricerca operativa Prof. Palmira Ronchi (palmira.ronchi@ssis.uniba.it) Gli esercizi presenti

Dettagli

Data mining e rischi aziendali

Data mining e rischi aziendali Data mining e rischi aziendali Antonella Ferrari La piramide delle componenti di un ambiente di Bi Decision maker La decisione migliore Decisioni Ottimizzazione Scelta tra alternative Modelli di apprendimento

Dettagli

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Previsioni della domanda Pianificazione delle scorte Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Lo scenario nel quale le aziende si trovano oggi ad operare è spesso caratterizzato da

Dettagli

Resource planning for hospitals

Resource planning for hospitals Resource planning for hospitals G. G. van Merode et al. Enterprise resource planning for hospitals International Journal of Medical Informatics (2004) 73, 493 501 Resource planning for hospitals Gli ospedali

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UK24U

STUDIO DI SETTORE UK24U A L L E G AT O 6 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE UK24U C O N S U L E N Z A A G R A R I A F O R N I T A D A A G R O T E C N I C I E P E R I T I A G R A R I CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO

Dettagli

Applicazione di specifiche tecniche DoE per la progettazione di una macchina per il confezionamento di filtri per sigarette

Applicazione di specifiche tecniche DoE per la progettazione di una macchina per il confezionamento di filtri per sigarette Applicazione di specifiche tecniche DoE per la progettazione di una macchina per il confezionamento di filtri per sigarette Ivan Eusepi 15-16 Febbraio 2007 Marco Righetti Dipartimento di Scienze Statistiche

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO. Analisi Dati per la Business Intelligence e Data Science. IV edizione 2015/2016

MASTER UNIVERSITARIO. Analisi Dati per la Business Intelligence e Data Science. IV edizione 2015/2016 MASTER UNIVERSITARIO Analisi Dati per la Business Intelligence e Data Science In collaborazione con IV edizione 2015/2016 Dipartimento di Culture, Politica e Società Dipartimento di Informatica Dipartimento

Dettagli

Neural Network Toolbox

Neural Network Toolbox Neural Network Toolbox In questa sede verrà presentata una trattazione esauriente delle caretteristiche fondamentali del Neuron Network Toolbox presente come pacchetto supplementare al software Matlab

Dettagli

RAPIDMINER PER IL SETTORE LOGISTICO

RAPIDMINER PER IL SETTORE LOGISTICO RAPIDMINER PER IL SETTORE LOGISTICO La collaborazione con NextInt si è dimostrata fin da subito la scelta migliore non solo per la completezza dello strumento che ci hanno proposto ma anche per il team

Dettagli

DATA MINING PER IL MARKETING

DATA MINING PER IL MARKETING DATA MINING PER IL MARKETING Andrea Cerioli andrea.cerioli@unipr.it Sito web del corso GLI ALBERI DI CLASSIFICAZIONE Algoritmi di classificazione Zani-Cerioli, Cap. XI CHAID: Chi-square Automatic Interaction

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE

Dettagli

LEGGE 266/97 ART.14-INTERVENTI PER LO SVILUPPO IMPRENDITORIALE IN AREE DI DEGRADO URBANO

LEGGE 266/97 ART.14-INTERVENTI PER LO SVILUPPO IMPRENDITORIALE IN AREE DI DEGRADO URBANO Rete delle Città IPI Istituto per la Promozione Industriale LEGGE 266/97 ART.14-INTERVENTI PER LO SVILUPPO IMPRENDITORIALE IN AREE DI DEGRADO URBANO 1 REPORT DI MONITORAGGIO ED ANALISI DEL PROCESSO DI

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG79U

STUDIO DI SETTORE SG79U ALLEGATO 5 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG79U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Indagine sulla diffusione del wireless nelle università italiane

Indagine sulla diffusione del wireless nelle università italiane Indagine sulla diffusione del wireless nelle università italiane - A cura di Massimo Carfagna - Finanziato nell ambito della convenzione siglata il 19 luglio 2007 tra il Dipartimento per l Innovazione

Dettagli

Prefazione all edizione originale. Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione originale. Prefazione all edizione italiana Indice Prefazione all edizione originale Prefazione all edizione italiana xiii xv 1 Il miglioramento della qualità nel moderno ambiente produttivo 1 1.1 Significato dei termini qualità e miglioramento

Dettagli

5 - Indicatori di stato: la valutazione del rumore da traffico

5 - Indicatori di stato: la valutazione del rumore da traffico 5 - Indicatori di stato: la valutazione del rumore da traffico Conformemente a quanto riportato nella proposta di Direttiva Europea sulla valutazione e gestione del rumore ambientale, il rumore ambientale

Dettagli

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE Lezione 7 a Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della scienza, di voler studiare come il variare di una o più variabili (variabili

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Data Mining. Introduzione La crescente popolarità

Dettagli

SISTEMA INNOVATIVO DIODE PUMPED SOLID STATE LASER(DPSS LASER), AD ALTA EFFICIENZA ED A BASSO IMPATTO AMBIENTALE, PER IL TAGLIO DI METALLI

SISTEMA INNOVATIVO DIODE PUMPED SOLID STATE LASER(DPSS LASER), AD ALTA EFFICIENZA ED A BASSO IMPATTO AMBIENTALE, PER IL TAGLIO DI METALLI SISTEMA INNOVATIVO DIODE PUMPED SOLID STATE LASER(DPSS LASER), AD ALTA EFFICIENZA ED A BASSO IMPATTO AMBIENTALE, Adriatica Industriale S.r.L. sorge a Corato (Ba) Dal 1979 Adriatica Industriale S.r.l. ha

Dettagli

Le competenze in scienze degli studenti del Friuli Venezia Giulia

Le competenze in scienze degli studenti del Friuli Venezia Giulia Le competenze in scienze degli studenti del Friuli Venezia Giulia Servizio statistica luglio 2008 Servizio statistica REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Piazza Unità d Italia, 1 34100 Trieste telefono:

Dettagli

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U ALLEGATO 5 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine di

Dettagli

LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI

LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI Si utilizzerà, come strumento di lavoro, un foglio elettronico, il più diffuso Excel o anche quello gratuito di OpenOffice (www.openoffice.org). Tale scelta, pur non

Dettagli

Riassunto 24 Parole chiave 24 Commenti e curiosità 25 Esercizi 27 Appendice

Riassunto 24 Parole chiave 24 Commenti e curiosità 25 Esercizi 27 Appendice cap 0 Romane - def_layout 1 12/06/12 07.51 Pagina V Prefazione xiii Capitolo 1 Nozioni introduttive 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Cenni storici sullo sviluppo della Statistica 2 1.3 La Statistica nelle scienze

Dettagli

LEZIONI DI STATISTCA APPLICATA. Parte 2. Statistica inferenziale. Variabili continue per continue. Alessandro Valbonesi. SARRF di Scienze ambientali

LEZIONI DI STATISTCA APPLICATA. Parte 2. Statistica inferenziale. Variabili continue per continue. Alessandro Valbonesi. SARRF di Scienze ambientali LEZIONI DI STATISTCA APPLICATA Parte 2 Statistica inferenziale Variabili continue per continue Alessandro Valbonesi SARRF di Scienze ambientali Anno accademico 2010-11 CAPITOLO 7 - RELAZIONI TRA DUE O

Dettagli

Il metodo del Soil Conservation Service (S.C.S.) : Curve Number(CN)

Il metodo del Soil Conservation Service (S.C.S.) : Curve Number(CN) Il metodo Numero di Curva (CN), sviluppato dal Soil Conservation Service (SCS) del Dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti 1, viene considerato come uno dei più importanti modelli non deterministici

Dettagli

Attività e insegnamenti dell indirizzo Produzioni industriali e artigianali. Articolazione Industria. Opzione Arredi e forniture d interni

Attività e insegnamenti dell indirizzo Produzioni industriali e artigianali. Articolazione Industria. Opzione Arredi e forniture d interni Attivitàeinsegnamentidell indirizzo Produzioniindustrialieartigianali Articolazione Industria Opzione Arrediefornitured interni Disciplina: LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI Il docente di Laboratori

Dettagli

Le norme esistenti in

Le norme esistenti in La distribuzione domiciliare dei farmaci 40 Data la criticità del prodotto considerato (valore, vita utile, modalità di conservazione, effetti sulla salute, ecc.), la normativa si è sviluppata in maniera

Dettagli

POR SARDEGNA 2000-2006 BANDI MISURA 4.13.C E MISURA 5.2

POR SARDEGNA 2000-2006 BANDI MISURA 4.13.C E MISURA 5.2 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA POR SARDEGNA 2000-2006 BANDI MISURA 4.13.C E MISURA 5.2 Slide presentate in occasione dell incontro pubblico di presentazione di bandi POR, tenutosi a Cagliari il 1 agosto

Dettagli

Scheduling della CPU. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Dispatcher. Scheduler della CPU

Scheduling della CPU. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Dispatcher. Scheduler della CPU Scheduling della CPU Concetti fondamentali Criteri di scheduling Algoritmi di scheduling Concetti fondamentali L obiettivo della multiprogrammazione è di avere processi sempre in esecuzione al fine di

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER L ICT 2009-2011 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE BOZZE DI PIANO DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI

PIANO TRIENNALE PER L ICT 2009-2011 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE BOZZE DI PIANO DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione Area Amministrazioni centrali PIANO TRIENNALE PER L ICT 2009-2011 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE BOZZE DI PIANO DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI

Dettagli

Applicazione di sensori spettrali e termici per la diagnostica colturale

Applicazione di sensori spettrali e termici per la diagnostica colturale Applicazione di sensori spettrali e termici per la diagnostica colturale Martina Corti, Giovanni Cabassi (CREA-FLC), Daniele Cavalli, Antonio Vigoni (Sport Turf Consulting), Luca Bechini, Pietro Marino

Dettagli

ALLEGATO 4. Nota Tecnica e Metodologica SG34U

ALLEGATO 4. Nota Tecnica e Metodologica SG34U ALLEGATO 4 Nota Tecnica e Metodologica SG34U 1 NOTA TECNICA E METODOLOGICA 1. CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione dello studio

Dettagli