Seminario dell'innovazione Ordine Ingegneri Catania 11/12/14

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Seminario dell'innovazione Ordine Ingegneri Catania 11/12/14"

Transcript

1 1

2 Raccomandazione e incentivazione dell Aeeg Obbligo giuridico del datore di lavoro D.lgs 81/08 Norma CEI 0-15 MANUTENZIONE 2

3 Si definisce Cabina Elettrica MT/bt, un area elettrica chiusa con apparecchiature e/o trasformatori in reti di distribuzione. Area elettrica chiusa Locale o luogo per l esercizio di impianti o componenti elettrici il cui accesso è consentito esclusivamente a persone formate ed esperte, a persone formate ed istruite oppure a persone comuni sotto la sorveglianza di persone formate (persone esperte o istruite); l accesso è consentito, ad esempio, mediante l apertura di porte o rimozione di barriere (con l uso di chiavi o di attrezzi) sulle quali siano chiaramente applicati segnali idonei di avvertimento. Le sottostazioni prefabbricate sono definite come un assieme sottoposto alle prove di tipo comprendente un involucro contenente trasformatori, apparecchiatura di manovra a bassa tensione e ad alta tensione, connessioni nonché un attrezzatura ausiliaria, per fornire energia a bassa tensione a partire da un sistema ad alta tensione o viceversa. 3

4 In generale, una sottostazione prefabbricata comprende i seguenti componenti principali (funzioni): involucro; trasformatori di potenza; apparecchiatura ad alta tensione e bassa tensione; interconnessioni ad alta tensione e bassa tensione; apparecchiatura e circuiti ausiliari. Fonte CEP 4

5 generatori, motori ed altre macchine rotanti; apparecchiature; trasformatori; convertitori; cavi; linee; condutture; batterie; condensatori; impianti di terra; costruzioni e recinzioni che fanno parte di un area elettrica chiusa; apparecchiature di comando e di controllo di pertinenza. 5

6 Nel nostro paese purtroppo la cultura della manutenzione non è stata mai molto presente già a partire dalle vecchie cabine a giorno individuabili nello scenario del sistema elettrico nazionale di ieri. 6

7 La rapida evoluzione del sistema elettrico nazionale dovuta alla Generazione Distribuita e la conseguente evoluzione normativa ancora in atto, oggi più che mai evidenziano come gli impianti utilizzatori in MT influenzino negativamente la qualità del servizio elettrico; da una parte quindi una forte incentivazione da parte dell Aeeg agli adeguamenti (A70, CEI 0-16, DIDA ); dall altra parte si sta registrando un forte interesse ad un rilancio della manutenzione delle cabine elettriche MT/bt. 7

8 L Aeeg incentiva e raccomanda gli Utenti MT che godono dei requisiti semplificati ad effettuare la manutenzione ai sensi della norma CEI 0-15 refertando su apposito registro secondo le periodicità previste dalla stessa norma CEI

9 Una cabina elettrica è anche un luogo di lavoro e come tale rientra nell ambito di applicazione del Testo unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro in accordo al quale: il datore di lavoro deve prendere le misure necessarie affinché i lavoratori siano salvaguardati da tutti i rischi di natura elettrica connessi all impiego dei materiali, delle apparecchiature e degli impianti elettrici messi a loro disposizione ; a seguito della valutazione del rischio elettrico il datore di lavoro predispone le procedure di uso e manutenzione atte a garantire nel tempo la permanenza del livello di sicurezza raggiunto ; il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché le procedure di uso e manutenzione siano predisposte ed attuate tenendo conto delle disposizioni legislative vigenti, delle indicazioni contenute nei manuali di uso e manutenzione delle apparecchiature ricadenti nelle direttive specifiche di prodotto e di quelle indicate nelle pertinenti norme tecniche. 9

10 La Norma CEI 0-15 si applica alle cabine elettriche MT/BT dei clienti Utenti finali. Fornisce orientamenti sugli interventi necessari per mantenere le cabine elettriche in stato di sicurezza ed efficienza tali da prevenire guasti che potrebbero, in particolare, influire negativamente sulla qualità del servizio elettrico. 10

11 si intende l insieme degli: - interventi finalizzati a contenere il degrado normale d'uso nonché a far fronte ad eventi accidentali che comportino la necessità di primi interventi, che comunque non modifichino la struttura essenziale dell impianto o la loro destinazione d'uso (manutenzione ordinaria); - interventi, con rinnovo e/o sostituzione di sue parti, che non modifichino in modo sostanziale le sue prestazioni, siano destinati a riportare l impianto stesso in condizioni ordinarie di esercizio, richiedano in genere l impiego di strumenti o attrezzi particolari, di uso non corrente (manutenzione straordinaria, es. adeguamento). Non rientrano negli interventi di manutenzione, quelli attinenti alla costruzione di nuove parti, di trasformazioni ed ampliamenti di impianti di cabine MT/BT, nonché tutte le manovre di esercizio e messa in sicurezza necessarie per poter eseguire gli interventi suddetti. 11

12 Manutenzione preventiva: è finalizzata a ridurre la probabilità di guasto in un impianto e il degrado dei componenti; si sviluppa secondo scadenze prefissate o altri criteri predeterminati (in genere durante le fermate dell impianto), il che può comportare la sostituzione di parti elettriche critiche, indipendentemente dal loro stato d uso. Si distinguono: - Manutenzione programmata; - Manutenzione ciclica; - Manutenzione secondo (su) condizione; - Manutenzione predittiva (controllata). 12

13 Manutenzione correttiva (detta anche a guasto): Si attua per riparare guasti o danni, dopo la rilevazione degli stessi, per ripristinare il corretto funzionamento dell impianto; Si differenzia in: - Manutenzione d urgenza (emergenza): eseguita immediatamente alla rilevazione del guasto per evitare conseguenze altrimenti inaccettabili; - Manutenzione differita: ritardata in base a specifiche esigenze operative. 13

14 Il datore di lavoro/committente ha responsabilità di scegliere l impresa manutentrice che deve essere abilitata e possedere i requisiti indicati nel DM 37/08. I lavori di manutenzione devono essere eseguiti dagli addetti alla manutenzione nel rispetto delle Norme CEI EN e CEI in quanto rientrano tra i lavori elettrici. Con la nuova edizione della CEI adesso si parla anche di URI Unità responsabile dell impianto elettrico. Nelle grandi strutture produttive si intende un insieme di più persone ma può ridursi ad un unica persona nelle piccole attività dove in pratica si identifica con il Datore di Lavoro o Proprietario dell impianto. L unica responsabilità che compete all URI è quella di programmare la manutenzione dell impianto per garantirne la sicurezza nel tempo. L URI è responsabile dell impianto nel funzionamento ordinario. Il Responsabile dell impianto RI è responsabile della sicurezza dell impianto durante un lavoro elettrico. 14

15 Manutentore Soggetto fisico unico che ha la responsabilità complessiva della manutenzione; in particolare degli aspetti di sicurezza, tecnici e gestionali/amministrativi. Il manutentore può eseguire operazioni manutentive manuali e/o strumentali sugli impianti di cabine MT/BT. Deve possedere almeno i requisiti previsti per il Preposto ai Lavori (PL). Addetti alla manutenzione Persone alle dipendenze (o subordinate) del (al) manutentore che eseguono le operazioni manutentive, manuali e/o strumentali, degli impianti di cabine MT/BT. Gli addetti alla manutenzione che eseguono lavori elettrici devono possedere i requisiti previsti per le Persone Esperte (PES) o per le Persone Avvertite (PAV); gli addetti alla manutenzione che non eseguono lavori elettrici rientrano tra le Persone Comuni (PEC). 15

16 L impresa manutentrice a seguito di contratto potrebbe anche essere identificata come Responsabile dell impianto (RI) per cui ha la responsabilità di redigere le schede di manutenzione. Essa deve compilare una lista delle apparecchiature e dei componenti presenti in ciascuna cabina, stabilirne approssimativamente lo stato di degrado, stabilirne quindi le periodicità per la manutenzione; queste ultime possono essere più restrittive di quelle indicate nelle schede della presente Norma, se ritenuto appropriato. Diversamente dovrebbe ricevere le relative schede di manutenzione dal RI. L impresa pianifica, progetta, programma ed esegue gli interventi necessari a garantire l esercizio della cabina conforme alla normativa tecnica e di legge. Interviene direttamente sotto guasto. L impresa esegue solo gli interventi pianificati, progettati e programmati dal Responsabile dell Impianto del cliente/committente. Interviene a chiamata per la manutenzione sotto guasto. 16

17 La Norma stabilisce che se l impresa è anche RI deve stabilire approssimativamente lo stato di degrado della cabina, dei componenti e delle apparecchiature in essa contenuta. E consigliabile nel pianificare la manutenzione effettuare un controllo generale dell impianto per valutarne lo stato di conservazione effettivo e.. VERIFICARE Se sussistano anomalie tali da causare guasti gravi ed imminenti Se sussistano le condizioni di sicurezza fisica del personale addetto alla manutenzione 17

18 Verifica efficienza serrature, blocchi e interblocchi; Presenza cartelli di pericolo, divieto, sicurezza; Presenza di barriere isolanti; Verifica dei gradi di protezione, delle distanze delle parti attive dalle barriere; Presenza della messa a terra delle schermature dei cavi MT; Integrità delle connessioni di terra; Assenza di materiali infiammabili; Verifica della temperature delle parti accessibili; Verifica pressione del gas SF6; Verifica temperatura olio trasformatore; Verifica posizionamento apparecchiature relativamente allo sfogo dei gas in caso di arco interno. 18

19 In seguito ai controlli preliminari effettuati sulla cabina ci si chiede: È stata riscontrata una criticità per la sicurezza degli addetti? sì STOP immediato dell impianto Norma CEI EN 50110, art : Si devono tempestivamente eliminare i difetti che costituiscono un pericolo immediato o sconnettere senza ritardi le parti difettose impedendone la riconnessione. Fermo programmato dell impianto sì È stata riscontrata una anomalia tecnica grave? no Pianificazione della manutenzione... 19

20 Una volta rimosse le criticità/anomalie classificate con priorità alta si può procedere con la pianificazione della manutenzione preventiva a programma avendo già reperito: DOCUMENTI D IMPIANTO schemi elettrici; planimetria cabina riportante la disposizione dei componenti; piano delle tarature delle protezioni; ecc MANUALI D USO E MANUTENZIONE Interruttori MT; Quadri MT; Sezionatori combinati con fusibili; Protezioni; Gruppi elettrogeni; UPS; Gruppi di rifasamento; ecc 20

21 21

22 In generale la frequenza degli interventi di manutenzione deve essere stabilita di volta in volta tenendo conto: delle modalità e gravosità del servizio e dello stato dell impianto e dei componenti; delle condizioni ambientali (es. penetrazione di acqua o corpi solidi, esposizione a temperature ambientali anormali _molto alte o molto basse_, esposizione ad irraggiamento solare diretto con presenza di raggi ultravioletti); dell esposizione a polluzione industriale elevata; delle periodicità indicate dalla norma CEI 0-15 validate, ai fini dell acquisizione del diritto ad accedere al godimento degli indennizzi automatici in caso del mancato rispetto degli standard di qualità del servizio. 22

23 L esito dei controlli deve essere verbalizzato a cura del datore di lavoro e tenuto a disposizione dell autorità di vigilanza. Gli Utenti MT che godono dei requisiti semplificati hanno l obbligo di refertare su apposito registro costituito dalle schede. Anche la norma CEI EN prevede di registrare l esito delle ispezioni. Il periodo di conservazione delle schede di manutenzione deve essere fissato nel contratto di appalto in accordo tra le parti sulla base di quanto stabilito per esempio in termini di garanzia di durata degli interventi di manutenzione; altrimenti, deve essere almeno pari alla periodicità maggiore prevista tra tutte quelle indicate nel pacchetto di schede manutentive afferenti all impianto di cabina MT/BT considerato. 23

24 Comprendono gli esami a vista, controlli manuali e strumentali e manovre atti ad accertare la corretta funzionalità di apparecchiature/componenti che fanno parte degli impianti elettrici. Comprendono altresì gli esami a vista e controlli atti ad accertare l integrità delle parti non elettriche di cabine MT/BT e dei servizi funzionali a queste ultime. Si evidenzia che nella presente Norma non sono riportati gli interventi di verifica prescritti da obblighi di legge (ad esempio le verifiche degli impianti di terra, PCB, ecc.). 24

25 VALUTAZIONI ELEMENTI OGGETTIVI LISTA DI CONTROLLO SCADENZIARIO INTERVENTI DOCUMENTI D IMPIANTO MANUALI D USO E MANUTENZIONE REGISTRO INTERVENTI Costo delle interruzioni (per perdite di produzione) Complessità impianto Obsolescenza impianto SCHEDE OPERATIVE DI MANUTENZIONE SCHEDE CEI 0-15 Tempestività nella ripresa del servizio Disponibilità di fonti alternative (G.E.) METODI DI LAVORO E PROCEDURE DI SICUREZZA 25

26 Lista di controllo generale preliminare Documenti d impianto Manuali d uso manutenzione delle apparecchiature (costruttori) Schede operative di manutenzione Metodi di lavoro e procedure di sicurezza Gestione e verifica DPI/Attrezzi /Strumenti Scadenziario interventi Registro interventi 26

27 Allegato A Schede di manutenzione cabine MT/BT Le schede riportate nell Allegato A possono essere utilizzate in assenza di manuali di manutenzione dei costruttori delle apparecchiature individuate e/o in assenza di altre schede redatte a seguito del primo intervento manutentivo di cui all art. 7 della presente Norma. Le schede riportate nel presente Allegato A sono indicative degli esami a vista e degli interventi minimi da eseguire sulle apparecchiature o componenti di cabine MT/BT sia sotto il profilo tecnico che temporale. Il presente Allegato A riguarda le schede di manutenzione relative alle voci omogenee sotto elencate di una cabina MT/BT: opere civili; apparecchiature MT; apparecchiature di trasformazione; apparecchiature di BT; cavi MT e BT; accessori di cabina; altre fonti di energia ed apparati funzionali alle cabine MT/BT. 27

28 Nelle pareti interne devono essere rimosse tracce di muffa e umidità. Le polveri dovute alla vernice e all intonaco cadenti sono spesso il motivo predominante della sporcizia sugli isolatori. Verifica dello stato d uso della vernice: intervenire scrostando la vernice eventualmente sollevata con una spatola. Ripitturare applicando una prima mano a spatola e la seconda a rullo, in modo da riportare la superficie come all origine; utilizzare un rivestimento murale plastico rullato con effetto bucciato fine. 28

29 Altra causa di sporcizia, spesso anche in quantità notevole è dovuta a escrementi di animali, piume di uccelli, paglia ed altro per la presenza di volatili, topi e serpenti. Ciò è causa di guasti transitori e permanenti per scariche sugli elementi in tensione o per danneggiamento dei cavi da parte dei roditori. 29

30 Unitamente alle pulizie valutare la necessità di effettuare azioni di disinfestazione e/o derattizzazione conseguenti alla gravità del fenomeno. 30

31 Unitamente alle pulizie valutare la necessità di effettuare azioni di disinfestazione e/o derattizzazione conseguenti alla gravità del fenomeno. 31

32 Unitamente alle pulizie valutare la necessità di effettuare azioni di disinfestazione e/o derattizzazione conseguenti alla gravità del fenomeno. 32

33 Unitamente alle pulizie valutare la necessità di effettuare azioni di disinfestazione e/o derattizzazione conseguenti alla gravità del fenomeno. 33

34 Verificare che non vi siano all interno della cabina apparecchiature/componenti che esulano dalla corretta conduzione della cabina elettrica e che potrebbero causare guasti. 34

35 Intervenire scrostando la parte di calcestruzzo degradato. La ripresa deve essere fatta previo trattamento dell eventuale scopertura del ferro, applicando idoneo materiale anticorrosione per il ferro e successiva copertura con cemento emaco; ripitturazione finale. 35

36 Verifica della pittura o di eventuali fessurazioni dovute ad alterazione per gli sbalzi di temperatura stagionali, ripresa con materiale tipo plastico o impermeabilizzazione con guaina bituminosa ardesiata spessore mm 4. Fonte CEP 36

37 Verificare lo stato di pulizia della canalina per l uscita dell acqua piovana Verificare che non ci siano ostacoli che impediscano il corretto funzionamento degli aspiratori eolici. Verificarne la rotazione, eventualmente lubrificare. 37

38 Verifica dell integrità del tappo, sostituzione in caso di fessurazione dello stesso al fine di evitare infiltrazione d acqua all interno della boccola. In caso si rendesse necessario applicare i golfari per il sollevamento per esempio della copertura, seguire la procedura per la riapplicazione della corretta sigillatura. 38

39 Verifica della guaina sigillante Interposta tra cabina e vasca; intervenire in caso di infiltrazione d acqua con schiuma poliuretanica e successiva finitura con malta cementizia. 39

40 Verificare l eventuale infiltrazione d acqua causata dall usura della sigillatura esterna dei fori passatubo. Nel caso in cui le infiltrazioni sia tali da provocare l allagamento dei cunicoli è opportuno procedere ad un vero e proprio drenaggio esternamente alla cabina. Utilizzare i sistemi di passacavo qualora dati in dotazione alla cabina. 40

41 Ripristinare la sigillatura con schiuma poliuretanica e successiva finitura con malta cementizia. 41

42 Verificare l integrità della guarnizione perimetrale, se eccessivamente secca applicare silicone per la sigillatura. Verificare l efficienza della serratura e applicare dell olio lubrificante 42

43 Verificare la perfetta registrazione delle cerniere in presenza di un non perfetto allineamento delle ante. 43

44 Verificare lo stato di pulizia delle finestre e delle griglie di areazione. Verificare che non vi siano elementi di ostruzione delle aperture. 44

45 Nel caso di formazione frequente di condensa all interno del fabbricato e di conseguenza all interno dei quadri MT protetti in aria con conseguenti guasti per scariche verso terra occorre: - Eliminare eventuale acqua presente nel basamento della cabina o nei cunicoli sottostanti i quadri e prendere provvedimenti tali da evitare il ripresentarsi del problema; - mantenere le griglie di areazione pulite in modo da non ostacolare l areazione dei locali; - distanziare i quadri dalle pareti con l eventuale interposizione di appositi pannelli ignifughi e termoisolanti; - sollevamento dei quadri attraverso pedane isolanti; - utilizzo di resistenze anticondensa con termostato e chiusura con tappi di fondo e sistema di passacavi 45

46 - applicare sugli isolatori un grasso isolante a base siliconica fortemente idrorepellente per ridurre gli effetti dell umidità; - sostituire bulloni e rondelle con altre In acciaio inox (la ruggine fa da shunt) 46

47 Nel caso di esposizioni al salino (per gli impianti ubicati sulla costa), a polveri industriali o a emissioni fortemente ossidanti occorre: - ridurre l eventuale tasso di umidità in quanto le suddette condizioni di inquinamento creano, soprattutto in presenza di condensa, un accorciamento delle linee di fuga ad onda degli isolatori, una riduzione del grado di isolamento e un aumento della resistenza di contatto negli organi di manovra; - intensificare la periodicità della manutenzione e della pulizia; 47

48 - pulire gli isolatori e i TV con acqua demineralizzata e sapone neutro, sciacquare e asciugare con stracci di cotone di colore bianco e per finire trattare con grasso siliconico (non usare alcool in quanto cristallizza la resina); - in caso di forte inquinamento sostituire gli isolatori con altri la cui linea di fuga risultasse più pronunciata. 48

49 In caso di temperature eccessive è possibile aumentare la superficie di ventilazione naturale o aggiungere dei sistemi di areazione opportunamente dimensionati. 49

50 Verificare il fissaggio, la leggibilità e la completezza dei cartelli 50

51 Schema elettrico non più citato nella CEI Fonte CEP Verificarne l intellegibilità. 51

52 Verificare l integrità dell apparecchiatura; Verificare l efficienza delle lampade; Eseguire la pulizia interna ed esterna dell apparecchiatura; Provocare la mancanza di tensione di alimentazione normale e verificare l accensione dell illuminazione di sicurezza; Verificare i gruppi batteria e inverter 52

53 Verificare l integrità delle connessioni, la presenza di ossidazioni superficiali. Controllare il serraggio dei bulloni 53

54 Verificare il fissaggio e il dispositivo di sgancio dei fusibili La rispondenza della taglia all ultimo progetto Fusibile non inserito Fonte CEP 54

55 Verificare il dispositivo di sgancio dei fusibili Simulazione sgancio fusibile Fonte CEP 55

56 Verificare il dispositivo di sgancio dei fusibili Fusibile montato al contrario 56

57 Verificare il dispositivo di sgancio dei fusibili Condizioni di installazioni non ottimali 57

58 Controllo generale e condizioni di installazione Esaminare a vista le parti attive e pulizia Controllare l integrità delle parti isolanti ed effettuare la pulizia delle stesse Controllare e regolare le trasmissioni meccaniche. Fonte CEP Fonte CEP 58

59 Pulizia di tutte le parti isolanti Gli isolatori e il monoblocco rotante devono essere mantenuti puliti e integri per garantire le linee di fuga e il funzionamento dell IMS. Qualora fossero danneggiati è necessario sostituirli rivolgendosi al costruttore Pulizia e lubrificazione di tutti i meccanismi Il meccanismo della scatola di comando deve essere mantenuto pulito perché non necessita di lubrificazione. Si consiglia di procedere almeno ogni tre mesi (in caso di ambiente ordinario) ad effettuare il controllo, la pulizia e la lubrificazione dei leverismi Fonte CEP 59

60 Controllo distanze dei contatti Controllo stato di usura dei contatti funzionalità dei blocchi e interbl. elettrici e meccanici e manovre relative Fonte CEP 60

61 ingrassaggio contatti fissi e mobili con esclusione di quelli d'arco In presenza di nero fumo è sufficiente ripulire i componenti con uno straccio pulito e asciutto. Nel caso in cui si presentino lievi ossidazioni e perlinature è sufficiente ripulire i contatti con carta abrasiva finissima. In caso di cave è necessario rivolgersi al costruttore per la sostituzione Fonte CEP Gli ugelli di soffio devono risultare perfettamente integri. Qualora si evidenzino rotture o deterioramento del foro è necessaria la sostituzione. 61

62 inserzione delle lame di contatto IMS e ST Fonte CEP Controllo serraggio delle connessioni 62

63 Nel caso in cui si provveda ad eliminare delle perlinature dai contatti, si consiglia di effettuare la misura della resistenza di contatto: se si rilevassero valori eccessivamente elevati rispetto a quelli previsti dal costruttore, provvedere alla sostituzione completa dell IMS Fonte CEP 63

64 64

65 controllo dati di targa e tipo di liquido isolante controllo rigidità dielettrica Effettuare (attraverso la valvola di scarico posta sul fondo del cassone) prelievi periodici (circa un litro ogni 2-5 anni) di campioni d olio da sottoporre ad analisi presso laboratorio per verificare la rigidità dielettrica dell olio e rilevare tracce di umidità. Nei trasformatori di tipo ermetico il processo di ossidazione dell olio è trascurabile. 65

66 controllo presenza dispositivi contro la dispersione liquido Vasca raccolta olio, Pozzetti 66

67 controllo livello liquido isolante Verificare per i trasformatori con conservatore o con RIS il livello dell olio e provvedere al reintegro, sino al livello stabilito. Perdite di olio possono essere indice di avvenute sovrappressioni interne. La segnalazione dell indicatore di livello deve corrispondere approssimativamente alla temperatura ambiente Alcuni costruttori consigliano di controllare il livello dell olio ogni mese. 67

68 controllo livello liquido isolante Verificare visivamente l assenza di perdite di olio. Queste possono essere dovute al deterioramento delle guarnizioni o ad un loro errato posizionamento. Nelle macchine con conservatore è possibile aggiungere olio per rabbocco. Per effettuare il rabbocco nelle macchine di tipo ermetico bisogna essere autorizzati dal costruttore in seguito a formazione. 68

69 controllo stato dei sali essiccatori aria Se esiste l essiccatore d aria, accertarsi che i fori per il passaggio dell aria siano liberi e controllare che i sali igroscopici (silica gel) siano di colore arancione. Se sono di colore verde, significa che essi hanno già raccolto umidità e non assolvono più alla loro funzione di disidratanti dell aria. Occorre togliere l essiccatore e rigenerare i sali mettendoli in forno a C finché non siano ritornati di colore arancione. Alcuni costruttori consigliano di controllare i sali ogni tre mesi. 69

70 pulizia isolatori e controllo stato di conservazione Controllare lo stato di conservazione degli isolatori (presenza di fessurazioni o rottura degli stessi), le condizioni di pulizia delle superficie nei casi in cui si renda necessario; procedere alla rimozione di incrostazioni facendo uso di solventi non tossici unitamente all azione abrasiva di apposite retine di lana d acciaio; completare l operazione passando sulle superfici degli isolatori stracci assorbenti. 70

71 pulizia isolatori e controllo stato di conservazione 71

72 Nei casi di trasformatori con passanti MT a cono interno o esterno per terminali sconnettibili, verificare l integrità dei cappucci isolanti e dopo aver sfilato gli stessi accertarsi che non vi siano punti caldi o presenza di microscariche (eventualmente presenti togliere le perlinature e le bruciature e applicare della vaselina). 72

73 verifica intervento relé Buchholz Verificare il funzionamento della protezione di Buchholz, in particolare dei galleggianti, dei circuiti ausiliari e l apertura degli interruttori a monte e/o valle al raggiungimento dei prescritti livelli. Pulire regolarmente la finestra di ispezione posta su un fianco del relè che permette di visualizzare se sono sviluppati gas all interno del trasformatore. Se ve ne sono bisogna osservare volume e colore; prelevarne un campione attraverso il rubinetto di sfiato ed analizzarlo. 73

74 controllo indicatore temperatura, se presente Verificare il termometro per il controllo della temperatura del trasformatore. Rilevare dall apposito indice trascinato le massime temperature raggiunte dal trasformatore. Verificare il funzionamento, allarme e sgancio, dell eventuale relè termico (termometro con contatti elettrici che potrebbero ossidarsi). La massima temperatura dell olio a 1000 mt è 100, per gli avvolgimenti 105. Alcuni costruttori consigliano di controllare la massima temperatura raggiunta ogni mese. Pulire regolarmente il quadrante e dopo anni di funzionamento controllare che all interno del pozzetto non sia entrata acqua e sporcizia che potrebbero interferire con il corretto funzionamento del termometro. 74

75 controllo posizione aste spinterometriche controllo stato dei dispositivi meccanici per movimentazione TR ogni 5 anni 75

76 Controllo serraggio bulloneria in special modo quella delle valvole e quella del blocco ruote per evitare lo spostamento del trasformatore Controllo serraggio delle connessioni 76

77 Pulizia, controllo radiatori, Eventualmente liberarli da accumuli di sporcizia che impediscano il flusso di aria: è possibile pulire Con uno spruzzo di acqua a bassa pressione. Alcuni costruttori consigliano di pulire i radiatori ogni tre mesi. Controllare lo stato di conservazione della verniciatura del cassone e dei radiatori. 77

78 Verificare il livello di rumorosità: Verificare il fissaggio di targhe e accessori e dei cavi di messa a terra; Il rumore in condizioni di normale funzionamento dovrebbe presentare un livello costante anche al variare del carico, poiché dipende dalla sola magnetizzazione del nucleo ferromagnetico. Le vibrazioni, se presenti, possono ricondursi a cedimenti delle connessioni interne. In questi casi sollecitare possibili approfondimenti con rilievi strumentali per verificare l eventuale presenza di c.c fra le spire, allentamento pacco lamellare, ecc Una frequenza di alimentazione anomala può portare la cassa e i radiatori in risonanza. Eventuali vibrazioni eccessive devono essere attenuate o eliminate con l apposizione di tappeti in gomma sotto il trasformatore o manicotti in gomma smorzante (tipo giunti elastici). 78

79 Eseguire per mezzo di termovision il controllo preventivo, verificando l esistenza di punti caldi, specialmente quando il trasformatore è sfruttato altre il 70% della potenza nominale. La presenza di punti caldi in prossimità degli isolatori può significare un allentamento della Connessione. 79

80 controllo dati di targa 80

81 pulizia generale da polvere e sporcizia Pulire gli avvolgimenti MT/bt da eventuali depositi di polvere, condensa, sporco ed eventuali corpi estranei con getti di aria compressa secca a bassa pressione e strofinacci asciutti 81

82 controllo presenza ostruzioni nei canali di raffreddamento Pulire i canali di raffreddamento e ventilazione fra le bobine onde evitare il surriscaldamento durante il funzionamento; Usare getti di aria compressa secca a bassa pressione e strofinacci asciutti 82

83 controllo serraggio bulloneria di fissaggio a pavimento Rispettando la coppia di serraggio relativa ai bulloni installati utilizzare chiave dinamometrica 83

84 Controllare i serraggi del giogo e delle piastre di registro dei blocchetti di sospensione 84

85 controllo serraggio bulloneria terminali MT/BT e delle Barrette delle prese di regolazione della tensione 85

86 funzionamento eventuali ventilatori e centralina comandi Utilizzare un phon di aria calda per riscaldamento simulato termosonda l'allarme della centralina a 135 C e lo sgancio a 145 C trafo classe F 86

87 controllo collegamenti sonde di temperatura controllo stato dei dispositivi meccanici per movimentazione TR 87

88 esame a vista dello stato dell'intera struttura metallica Fonte CEP 88

89 presenza di corpi estranei all'interno del quadro pulizia parti attive Fonte CEP 89

90 pulizia parti isolanti particolare attenzione va posta agli isolatori a sostegno delle barrature. Le tracce di scariche elettriche sugli isolatori (tracking) possono essere eliminate con leggera abrasione e pulizia con liquidi detergenti. Se l eliminazione delle scariche mette in evidenza dei solchi, in particolar modo sugli isolatori non in porcellana, è consigliabile la sostituzione completa del componente. 90

91 controllo serraggio della bulloneria controllo aperture per passaggio cavi e tamponature 91

92 pulizia cinematismi, lubrificazione controllo blocchi e interblocchi Fonte CEP 92

93 controllo illuminazione interna, resistenza anticondensa, segnalatori presenza/assenza tensione 93

94 intelleggibilità e completezza targhe per sequenza manovre pulizia e serraggio morsettiere controllo collegamenti ausiliari 94

95 funzionalità delle parti estraibili funzionalità degli otturatori Fonte ABB Fonte CEP 95

96 Esame a vista dell intera struttura Verifica presenza di corpi estranei all interno del quadro Pulizia parti isolanti e parti attive Controllo serraggio della bulloneria meccanica Controllo serraggio della bulloneria elettrica Controllo aperture per passaggio cavi e tamponature Pulizia cinematismi e verifica del corretto funzionamento degli organi di manovra Controllo blocchi e interblocchi Pulizia e serraggio morsettiere Intellegibilità e completezza targhe Funzionalità delle parti estraibili Fonte ABB Funzionalità degli otturatori 96

97 presenza di corpi estranei all'interno del quadro Sperando che non sia troppo tardi Controllare tamponature per passaggio cavi per evitare ingresso animali 97

98 Controllo serraggio della bulloneria meccanica e Controllo serraggio della bulloneria elettrica 98

99 Verifica del corretto funzionamento degli organi di manovra 99

100 Controlli blocchi e interblocchi 100

101 Pulizia e serraggio morsettiere 101

102 Funzionalità delle parti estraibili Funzionalità degli otturatori 102

103 Per gli interruttori BT consultare i manuali dei costruttori Fonte ABB 103

104 Fonte ABB Attenzione che l IVOR ha un potere di interruzione basso. 104

105 controllo generale e condizioni di installazione controllo integrità parti isolanti pulizia di tutte le parti isolanti prelievo olio per verifica caratteristiche e rigidità dielettrica, se necessario controllo usura dei contatti principali e camere interruzione pulizia e lubrificazione dei meccanismi di comando regolazione del meccanismo di comando, se necessario verifica tensioni ausiliarie e funzionamento (bobina apertura bobina chiusura motore, ecc.) funzionalità relé diretto verifica tempi di apertura e chiusura, ad esempio con oscilloscopio controllo codoli fissi ingresso e uscita 105

106 106

107 Un indicatore di livello sulla parte frontale del polo rende agevole il ripristino della corretta quantità di olio nel polo. Quando l olio è nero occorre non solo cambiare l olio ma anche procedere con lo smontaggio del polo, verifica dei cilindri interni, delle camere di estinzione arco; sostituire tutte le guarnizioni. Prova di isolamento a frequenza industriale per 1 minuto, verifica della velocità di apertura e chiusura. 107

108 Controllo generale e installazione Controllo integrità parti isolanti Pulizia parti isolanti Pulizia e lubrificazione meccanismi di comando Regolazione del comando Verifica tempi di apertura e chiusura Verifica funzionamento elettrico Fonte ABB Verifica tensioni ausiliari verifica funzionalità relé diretto da TA integrati, impostazione regolazioni verifica funzionalità relé indiretto, impostazione regolazioni Fonte ABB Fonte CEP-MVA 108

109 Controllo generale e installazione Controllo integrità parti isolanti Pulizia parti isolanti Pulizia e lubrificazione meccanismi di comando Regolazione del comando Verifica tempi di apertura e chiusura Verifica funzionamento elettrico Verifica tensioni ausiliari verifica funzionalità relé diretto da TA integrati, impostazione regolazioni verifica funzionalità relé indiretto, impostazione regolazioni controlli per SF6 Fonte ABB Allo stato puro l SF6 è un gas inodore, incolore, non tossico, la sua presenza in piccole quantità è immediatamente rilevabile a causa del suo odore acre e sgradevole. In questo caso, il locale deve essere ventilato prima dell ingresso delle persone. 109

110 pulizia funzionalità e azionamento meccanico tiranteria integrità involucro bobina controllo dispositivo di intervento e regolazione corretto serraggio delle connessioni 110

111 - cartucce olio, gasolio, filtri aria, livello combustibile, acqua e lubrificante del motore primo - efficienza di interruttori, fusibili, commutatore rete e gruppo controllo tensione c.c. degli ausiliari del quadro comando Fonte Wilson 111

112 - pulizia del radiatore del generatore - prova di funzionamento a vuoto, a carico e in parallelo, verifica tensioni - verifica dei silenziatori, degli scarichi e rumorosità - funzionalità dei pulsanti di arresto - controllo serraggio delle connessioni delle parti attive - ingrassaggio cuscinetti dell'alternatore, controllo giunto elastico - stato di carica e livello elettrolito delle batterie per il motorino di avviamento Fonte Wilson 112

113 Eseguire il controllo visivo esterno per verificare l integrità dell apparecchiatura Eliminare la polvere dai condensatori e dalle resistenze di scarica Verificare lo stato dei collegamenti elettrici, degli isolatori e dei morsetti Verificare che ci sia il cartello di avvertimento del tempo di scarica. 113

114 Eseguire la pulizia da polveri, residui inquinanti, scariche e contaminazione salina. Rifare terminali che presentino isolatori in porcellana rotti o con campane termorestringenti screpolate e/o usurate da scariche o inquinamento. 114

115 Eseguire la pulizia da polveri, residui inquinanti, scariche e contaminazione salina. Rifare terminali che presentino isolatori in porcellana rotti o con campane termorestringenti screpolate e/o usurate da scariche o inquinamento. 115

116 In condizioni di forte inquinamento sostituire i terminali lisci mediante l inserimento di campane termorestringenti. La campana non deve essere rivolta verso il basso Eseguire eventuale prova con rigidimetro. 116

117 Fonte CEP Si effettua applicando una tensione atta a far circolare una corrente non inferiore a 20 A e verificando che il rapporto tra la tensione applicata (espressa in Volt) e la corrente effettiva misurata (espressa in Ampere) non sia maggiore di 0,05 Ohm. 117

118 Prodotti da utilizzare per la pulizia delle apparecchiature MT quando non diversamente specificato nei manuali di manutenzione SGRASSAGIO E PULIZIA LUBRIFICAZIONE E TRATTAMENTO ANTIOSSIDANTE TRATTAMENTO SUPERFICIALE ANTISCARICA Parti metalliche e cinematismi meccanici Brasatura manuale con impiego di spazzole metalliche e tela smeriglio, sgrassaggio con impiego di solventi non aggressivi LPS2 lubrificante industriale, LPS3 antiossidante o prodotti simili. Olio MOBIL DTE 13 ISO 32 o prodotti corrispondenti Contatti elettrici Abrasivatura, solo in caso di perlinature e per rimuovere tracce di bruciature. Solventi non aggressivi. Vaselina bianca neutra Parti isolanti Acqua demineralizzata e sapone neutro, sciacquatura e asciugatura con stracci di cotone di colore bianco Sia per isolanti in porcellana che resina: grasso siliconico dielettrico tipo G-687 della G.E. dato a velo in tutte le superfici 118

119 119

120 Mancanza di manutenzione o mancanza di cultura elettrica 120

121 Mancanza di manutenzione o mancanza di cultura elettrica 121

122 Mancanza di manutenzione o mancanza di cultura elettrica 122

123 Mancanza di manutenzione o mancanza di cultura elettrica 123

124 Mancanza di manutenzione o mancanza di cultura elettrica 124

125 Mancanza di manutenzione o mancanza di cultura elettrica 125

126 Mancanza di manutenzione o mancanza di cultura elettrica 126

127 Mancanza di manutenzione o mancanza di cultura elettrica 127

128 Mancanza di manutenzione o mancanza di cultura elettrica 128

Elbana Servizi Ambientali s.p.a.

Elbana Servizi Ambientali s.p.a. REGISTRO DI MANUTENZIONE CABINA MT/bt (CEI 0-15) Elbana Servizi Ambientali s.p.a. Sede Legale: Viale Elba, 9 Portoferraio (LI) Sede Impianto: Località Literno, sn Campo nell'elba (LI) ANNO 20 - N cabina

Dettagli

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE CABINA MT/BT

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE CABINA MT/BT PROGRAMMA DI MANUTENZIONE CABINA MT/BT L esercizio e la manutenzione delle cabine hanno come scopo quello di assicurarne un elevata affidabilità (intesa come pronta individuazione delle anomalie,della

Dettagli

PREMESSA MANUALE D USO MANUALE DI MANUTENZIONE PIANO DI MANUTENZIONE 1/17

PREMESSA MANUALE D USO MANUALE DI MANUTENZIONE PIANO DI MANUTENZIONE 1/17 PREMESSA MANUALE D USO QUADRO ELETTRICO E LINEE DI DISTRIBUZIONE TERMINALI : PRESE IMPIANTI RILEVAZIONE E ALLARME INCENDIO IMPIANTO TELEFONICO IMPIANTO DI MESSA A TERRA UPS GRUPPO DI CONTINUITA IMPIANTO

Dettagli

AZIENDA ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI. ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag.

AZIENDA ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI. ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag. ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag.1 di 12 1A) QUADRO ELETTRICO GENERALE QUADRO ELETTRICO GENERALE DI BASSA TENSIONE SEZIONATORI

Dettagli

Esempio tipo di Lista controlli di manutenzione programmata

Esempio tipo di Lista controlli di manutenzione programmata Esempio tipo di Lista controlli di manutenzione programmata CAT. A Descrizione dell intervento Lavori di ispezione e pulizia G M S A 2A Note A1 Pulizia canaline A2 Ispezione ed eventuale pulizia di pozzetti

Dettagli

Norma CEI 78-17:2015-07 Manutenzione delle cabine MT/BT dei clienti/utenti finali

Norma CEI 78-17:2015-07 Manutenzione delle cabine MT/BT dei clienti/utenti finali 1 di 6 Norma CEI 78-17:2015-07 Manutenzione delle cabine MT/BT dei clienti/utenti finali Riferimenti normativi generali La norma CEI 78-17 (nel seguito Norma), in vigore dal 1 agosto scorso, costituisce

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE E MANUTENZIONE IMPIANTO SOLARE FOTOVOLTAICO

MANUALE DI GESTIONE E MANUTENZIONE IMPIANTO SOLARE FOTOVOLTAICO MANUALE DI GESTIONE E MANUTENZIONE IMPIANTO SOLARE FOTOVOLTAICO IMPIANTO: RESPONSABILE DELL IMPIANTO: DITTA INSTALLATRICE: PROGETTISTA: Weservice soc. coop. - Via Caduti del Lavoro 26 60131 Ancona - P.I.

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE

PIANO DI MANUTENZIONE 1 PIANO DI MANUTENZIONE rete fognaria Il presente Piano di Manutenzione della rete fognaria è stato redatto ai sensi dell art. 16, comma 5 (Attività di Progettazione) della Legge 109/94 e successive modifiche

Dettagli

Impianti elettrici ELENCO DELLE OPERE DI CONTROLLO PERIODICO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA

Impianti elettrici ELENCO DELLE OPERE DI CONTROLLO PERIODICO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA Impianti elettrici All. E ELENCO DELLE OPERE DI CONTROLLO PERIODICO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA CABINE DI TRASFORMAZIONE Verifiche e controlli almeno semestrale con annotazione sull apposito registro specifico

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE USO E MANUTENZIONE DEI TRASFORMATORI ELETTRICI ISOLATI IN OLIO E IN RESINA

MANUALE DI INSTALLAZIONE USO E MANUTENZIONE DEI TRASFORMATORI ELETTRICI ISOLATI IN OLIO E IN RESINA MANUALE DI INSTALLAZIONE USO E MANUTENZIONE DEI TRASFORMATORI ELETTRICI ISOLATI IN OLIO E IN RESINA Rev. 4 19/06/2012 Pag. 1 Nel ringraziare per la preferenza accordata scegliendo il nostro prodotto, con

Dettagli

2/14 Progetto Esecutivo Sistema Rete Radio Adeguamento Siti Radio Piano di Manutenzione dell Opera

2/14 Progetto Esecutivo Sistema Rete Radio Adeguamento Siti Radio Piano di Manutenzione dell Opera 2/14 Progetto Esecutivo Sistema Rete Radio Adeguamento Siti Radio Piano di Manutenzione dell Opera INDICE 1. INDICAZIONI GENERALI... 5 1.1. MANUTENZIONE ORDINARIA... 6 1.2. MANUTENZIONE STRAORDINARIA...

Dettagli

Allegato C - Operazioni di manutenzione programmata

Allegato C - Operazioni di manutenzione programmata IPA - ILLUMINAZIONE PUBBLICA - APPARECCHIO ILLUMINANTE Mensile Ispezione notturna mensile per impianti non telecontrollati sorveglianza sistematica dell'efficienza dei corpi illuminanti, necessaria per

Dettagli

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Finalità del corso Il corretto allestimento delle cabine di trasformazione MT/BT di utente, anche per

Dettagli

Schede Attività Programmate

Schede Attività Programmate Servizi di manutenzione integrata edifici-impianti degli immobili istituzionali della Scuola Normale Superiore Schede Attività Programmate Pisa, lì 13 gennaio 2014. Piazza dei Cavalieri, 7 56126 Pisa-Italy

Dettagli

Capitolato Manutenzione Impianto Elettrico

Capitolato Manutenzione Impianto Elettrico Capitolato Manutenzione Impianto Elettrico Si descrivono le parti dell impianto elettrico e di trasformazione che sono presenti presso l incubatore di Catania Impianto Elettrico - Cabina Trasformazione

Dettagli

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Comune di LENTINI Provincia di SIRACUSA PIANO DI MANUTENZIONE PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DEGLI INTERVENTI (Art.3 D.P.R. 20/20 (ex Articolo 40 D.P.R. 554/) OGGETTO: Lavori di messa in sicurezza

Dettagli

Protocollo di manutenzione Transformer Compact Station

Protocollo di manutenzione Transformer Compact Station Protocollo di manutenzione Transformer Compact Station Nome progetto: Cliente: Indirizzo, ubicazione dell impianto: Numero di serie di Transformer Compact Station: Versione di produzione di Transformer

Dettagli

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori Impianto elettrico Cabine elettriche Quadri elettrici media e bassa tensione e c.c Interruttori media e bassa tensione Trasformatori Batteria di rifasamento Impianto di Protezione contro le scariche atmosferiche

Dettagli

ALLEGATO - C ATTIVITA' DI CONDUZIONE IMPIANTI

ALLEGATO - C ATTIVITA' DI CONDUZIONE IMPIANTI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DELLA GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA CONDUZIONE E DELLA MANUTENZIONE DEL MAXXI - MUSEO NAZIONALE DELLE ARTI DEL XXI SECOLO ALLEGATO - C Generatore di acqua

Dettagli

BANCHI PESCE MANUALE DI USO E MANUTENZIONE. Versione 01

BANCHI PESCE MANUALE DI USO E MANUTENZIONE. Versione 01 MANUALE DI USO E MANUTENZIONE BANCHI PESCE Versione 01 1 AVVERTENZE GENERALI INDICE 1 ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE 1.1 Controlli alla consegna 1.2 Movimentazione 1.3 Imballo 1.4 Dimensioni dell attrezzatura

Dettagli

MANUTENZIONE INVERTER LEONARDO

MANUTENZIONE INVERTER LEONARDO MANUTENZIONE INVERTER LEONARDO Indice 1 REGOLE E AVVERTENZE DI SICUREZZA... 3 2 DATI NOMINALI LEONARDO... 4 3 MANUTENZIONE... 5 3.1 PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 6 3.1.1 Pulizia delle griglie di aerazione

Dettagli

MANUTENZIONE SIAT Energy S.p.A.

MANUTENZIONE SIAT Energy S.p.A. MANUTENZIONE SIAT Energy S.p.A. 1 - Il modello di Manutenzione e Gestione di SIAT Energy S.p.A. I servizi proposti da SIAT Energy S.p.A. hanno l obiettivo di assicurare il programma e le azioni necessarie

Dettagli

Comune di: Provincia di: Oggetto:

Comune di: Provincia di: Oggetto: Manuale d'uso Comune di: Provincia di: Oggetto: Corigliano Calabro Cosenza LAVORI DI RIPRISTINO E DI ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL'IMPIANTO D'ILLUMINAZIONE AREE PORTUALI E DI ALIMENTAZIONE SEGNALAMENTI MARITTIMI

Dettagli

SCHEDE DI MANUTENZIONE

SCHEDE DI MANUTENZIONE Comune di Bologna Provincia di Bologna pag. 1 SCHEDE DI MANUTENZIONE OGGETTO: Lavori di manutenzione da eseguirsi presso gli stabili di proprietà della Cassa siti in Strada Maggiore, 53 e Via Fondazza,

Dettagli

INDICE. 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2. 2. Azioni di manutenzione pag. 2

INDICE. 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2. 2. Azioni di manutenzione pag. 2 INDICE 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2 2. Azioni di manutenzione pag. 2 2.1 Azioni di manutenzione preventiva pag. 3 2.1.1 Ingrassaggio e lubrificazione organi in movimento pag. 3 2.1.2 Manutenzione

Dettagli

I Controlli degli ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

I Controlli degli ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO I Controlli degli Relatore: Sig. Giuseppe VEZZOLI Brescia, 23 Marzo 2015 1 - DEFINIZIONE Secondo la Direttiva Macchine 2006/42/CE un Accessorio di Sollevamento è definito come: componente o attrezzatura

Dettagli

Alternatori Bassa Tensione - 4 poli Stoccaggio

Alternatori Bassa Tensione - 4 poli Stoccaggio Questo è il manuale dell alternatore che avete appena acquistato. Ora, desideriamo richiamare la vostra attenzione sul contenuto di questo manuale di manutenzione. LE MISURE DI SICUREZZA Prima di mettere

Dettagli

2.3.1 Condizioni ambientali

2.3.1 Condizioni ambientali 2.3 impianti elettrici delle macchine CEI EN 60204-1 /06 L impianto elettrico delle macchine riveste, ai fini della sicurezza, un importanza rilevante. Al momento dell acquisto della macchina o in caso

Dettagli

Impianti Elettrici. di Balsamo Salvatore & C. SAS ANALISI TERMOGRAFICHE

Impianti Elettrici. di Balsamo Salvatore & C. SAS ANALISI TERMOGRAFICHE + ANALISI TERMOGRAFICHE Impianti elettrici La nostra società è Lieta di presentare i nostri servizi di supporto tecnologico indispensabile per la manutenzione utilizzando un metodo sicuro ed efficace basato

Dettagli

Generatore di calore di potenza tra 35 kw e Tipo di apparecchiatura

Generatore di calore di potenza tra 35 kw e Tipo di apparecchiatura Scheda n. 1 Generatore di calore di potenza tra 35 kw e 350 kw e relativo impianto di Centrale. Pulizia generale della Centrale Termica, ovvero del locale di installazione, con verifica ed eventuale adeguamento

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione di serramenti in alluminio

Manuale d uso e manutenzione di serramenti in alluminio Sede Legale: 24050 Lurano(BG)-Via E.Fermi, 10 COSERAL s.r.l c.c.i.a.a. Bg n. 260302 Reg. Soc. Trib. Bg N. 40568-Vol 39617 Uffici e Laboratorio: Cap. Soc. 30987,41 int. vers. 24050 LURANO (BG) C.F e partita

Dettagli

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DEGLI INTERVENTI COMUNE DI MARSALA PROVINCIA DI TRAPANI PIANO DI MANUTENZIONE PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DEGLI INTERVENTI (Articolo 38 D.P.R. 207/2010) DESCRIZIONE: PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA'

Dettagli

specialvetroserramenti s.r.l.

specialvetroserramenti s.r.l. specialvetroserramenti s.r.l. SEDE AMMINISTRATIVA E STABILIMENTO IN: 20020 SOLARO (MI) - VIA DELLA FERROVIA, 3 TEL. 02.9621921/2 - TELEFAX 02.96702078 www.specialvetroserramenti.it - e-mail: info@specialvetroserramenti.it

Dettagli

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA Introduzione La qualità dell acciaio utilizzato nella costruzione delle attrezzature per le cucine professionali è

Dettagli

Impianto Locale CABINA ELETTRICA. Tipo Intervento Descrizione Operazione Periodicità. Controllo generale e pulizia

Impianto Locale CABINA ELETTRICA. Tipo Intervento Descrizione Operazione Periodicità. Controllo generale e pulizia Locale CABINA ELETTRICA generale e pulizia re l'integrità e la funzionalità di muri, tetto, serramenti, ecc. e l'assenza di infiltrazioni di acqua, umidità rimuovere gli eventuali materiali in deposito

Dettagli

e) Inconvenienti di funzionamento, possibili cause e rimedi

e) Inconvenienti di funzionamento, possibili cause e rimedi e) Inconvenienti di funzionamento, possibili cause e rimedi Elenco dei più frequenti inconvenienti di funzionamento con le loro possibili cause. Attenzione!! Proponiamo anche alcuni possibili interventi:

Dettagli

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI Oggetto e scopo VERIFICA: insieme delle operazioni necessarie per accertare la rispondenza di un impianto elettrico a requisiti stabiliti (rispondenza alle prescrizioni

Dettagli

CUCINE ELETTRICHE / FORNO ELETTRICO SERIE "7" Mod. PCEM 70 CFEM 70. Cod. 252.117.00

CUCINE ELETTRICHE / FORNO ELETTRICO SERIE 7 Mod. PCEM 70 CFEM 70. Cod. 252.117.00 ~ ~ CUCINE ELETTRICHE / FORNO ELETTRICO SERIE "7" Mod. PCEM 70 CFEM 70 Cod. 252.117.00 INDICE Paragrafo ISTRUZIONI PER L'ISTALLATORE 1 Rispondenza alle direttive CEE 1.1 Schemi di installazione 1.2 Schemi

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO: ADEGUAMENTO CABINA DI TRASFORMAZIONE ALLA NORMA CEI

IMPIANTO ELETTRICO: ADEGUAMENTO CABINA DI TRASFORMAZIONE ALLA NORMA CEI RELAZIONE TECNICA 1. IMPIANTO ELETTRICO: ADEGUAMENTO CABINA DI TRASFORMAZIONE ALLA NORMA CEI 0-16... 2 1.1. - Premessa... 2 1.2. Nuovo dispositivo di protezione generale... 4 1.2.1 Prescrizioni previste

Dettagli

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05)

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Sostituzione guarnizione della testa, rovinata a causa di una perdita dell acqua dal tubo inferiore del radiatore (la vettura ha circolato senza liquido

Dettagli

3. SERVIZIO DI GESTIONE

3. SERVIZIO DI GESTIONE AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE MEDIANTE PROJECT FINANCING CON DIRITTO DI PRELAZIONE DA PARTE DEL PROMOTORE PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE E GESTIONE DI N 2 IMPIANTI DI DEPURAZIONE, UNO NELLA FRAZIONE DI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Il Responsabile del Procedimento Dott. Ing. Massimiliano Pagni Revisione: 1 Oggetto: Capitolato Speciale d Appalto Data creazione: -- Data aggiornamento: -- 1 ARTICOLO 1.

Dettagli

MOTORI ELETTRICI ASINCRONI TRIFASE E MONOFASE LIBRETTO DI USO E MANUTENZIONE

MOTORI ELETTRICI ASINCRONI TRIFASE E MONOFASE LIBRETTO DI USO E MANUTENZIONE MORATTO S.R.L. Electrical Machinery I 31030 PERO DI BREDA (Treviso) Italy Via A Volta, 2 Tel. +390422904032 fax +39042290363 www. moratto.it - moratto@moratto.it MOTORI ELETTRICI ASINCRONI TRIFASE E MONOFASE

Dettagli

Rivelatori di fughe gas Serie CIVIC1 - CIVIC4

Rivelatori di fughe gas Serie CIVIC1 - CIVIC4 Rivelatori di fughe gas Serie - Caratteristiche principali - Adatti per applicazioni domestiche e industriali. - Funzionamento mediante elettronica con autodiagnostica. - Collegabili fino a 4 sensori IP44

Dettagli

BOX MT/ BT / TRASFORMAZIONE / INVERTER

BOX MT/ BT / TRASFORMAZIONE / INVERTER BOX MT/ BT / TRASFORMAZIONE / INVERTER CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE BOX STANDARD Cabine monoblocco Il manufatto è costituito da una struttura monolitica autoportante completamente realizzata e rifinita

Dettagli

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali 2.1 SICUREZZA ELETTRICA Introduzione In questo capitolo sono illustrati gli obblighi di legge e le principali caratteristiche legate agli impianti elettrici dei locali che ospitano le lavorazioni oggetto

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

MANUALE D USO PER TRASFORMATORI DI TENSIONE PER MISURA IN MEDIA TENSIONE

MANUALE D USO PER TRASFORMATORI DI TENSIONE PER MISURA IN MEDIA TENSIONE MANUALE D USO PER TRASFORMATORI DI PER MISURA IN MEDIA F.T.M. S.r.l. Fabbrica trasformatori di misura Via Po, 3 20090 Opera MI - Italia Tel : +39 (0)2 576814 Fax : +39 (0)2 57605296 E-mail: info@ftmsrl.it

Dettagli

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Comune di Bergamo Provincia di BG FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91) PROGETTO ESECUTIVO OGGETTO: I.T.A.S. - Bergamo COMMITTENTE:

Dettagli

LUBRIFICANTI INGRASSARE ASSEMBLARE LUBRIFICARE TRATTARE LE SUPERFICI LUBRIFICANTI LOCTITE LA RISPOSTA DEFINITIVA AD OGNI PROBLEMA DI LUBRIFICAZIONE

LUBRIFICANTI INGRASSARE ASSEMBLARE LUBRIFICARE TRATTARE LE SUPERFICI LUBRIFICANTI LOCTITE LA RISPOSTA DEFINITIVA AD OGNI PROBLEMA DI LUBRIFICAZIONE LUBRIFICANTI INGRASSARE ASSEMBLARE LUBRIFICARE TRATTARE LE SUPERFICI LUBRIFICANTI LOCTITE LA RISPOSTA DEFINITIVA AD OGNI PROBLEMA DI LUBRIFICAZIONE LUBRIFICANTI CONTENUTO INTRODUZIONE Pag. 3 INGRASSARE

Dettagli

Documento: Revisione: 0 MANUTEN NZIONE E. Pagina: 1 di

Documento: Revisione: 0 MANUTEN NZIONE E. Pagina: 1 di 1 PROGETTO DI MANUTEN NZIONE E CONDUZIONE Documento: Revisione: 0 Data: Pagina: 1 di Progetto esecutivo di Manutenzione e Conduzione Infrastrutture ed Impianti Meccanici Elettrici e Speciali dellaa Nuova

Dettagli

CAB 0029; 0030; 0031

CAB 0029; 0030; 0031 CAB 0029; 0030; 0031 Sommario I. SCHEMA DI INSTALLAZIONE...... 3 II. III. IV. SCHEMI ELETTRICI........ 1. Schema elettrico AC 3-N-400 50/60 Hz.. 2. Schema elettrico AC 3-230 50/60 Hz.. 3. Schema elettrico

Dettagli

REGISTRO DELLA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI MACCHINE ED ATTREZZATURE IN EDILIZIA

REGISTRO DELLA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI MACCHINE ED ATTREZZATURE IN EDILIZIA REGISTRO DELLA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI MACCHINE ED ATTREZZATURE IN EDILIZIA N Verifica Addetto al controllo 1 Gru a torre Verifica dei comandi, funi, freni, lubrificazione e microswitch di fine corsa

Dettagli

Istruzioni per l uso. Interruttore salvamotore > 8527/2

Istruzioni per l uso. Interruttore salvamotore > 8527/2 Istruzioni per l uso Interruttore salvamotore > Indice 1 Indice 1 Indice...2 2 Dati generali...2 2.1 Costruttore...2 2.2 Dati relativi alle istruzioni per l uso...2 2.3 Conformità a norme e disposizioni...3

Dettagli

SCHEDA MANUALE D USO E MANUTENZIONE S-MU 1/2

SCHEDA MANUALE D USO E MANUTENZIONE S-MU 1/2 S-MU 1/2 INFISSI ESTERNI Elemento Tecnico descrizione sintetica Gli infissi esterni (finestre, porte finestre), sono tutte le chiusure apribili o fisse presenti sui muri esterni dell alloggio. Le finestre

Dettagli

Fantin Angelo srl Via S. Stefano, 18 31036 Istrana TV tel. 0422.832352 fax. 0422.832335 www.falegnameriafantin.it e-mail info@falegnameriafantin.

Fantin Angelo srl Via S. Stefano, 18 31036 Istrana TV tel. 0422.832352 fax. 0422.832335 www.falegnameriafantin.it e-mail info@falegnameriafantin. 1 INDICE 3. Indice e pulitura 4. Ritocco e rinfresco 6. Guarnizioni 7. Gocciolatoio 8. Vetri 9. Ferramenta Ferramenta (cerniere) Ferramenta (nottolini) Ferramenta (falsa manovra) 2 COME PRENDERSI CURA

Dettagli

IST 03 C 271-02 TELAIO DA INCASSO. per caldaia COMPACT

IST 03 C 271-02 TELAIO DA INCASSO. per caldaia COMPACT IST 03 C 271-02 TELAIO DA INCASSO per caldaia COMPACT IT Signori, ringraziandovi per la preferenza accordataci nello scegliere e nell acquistare le nostre caldaie, Vi invitiamo a leggere con attenzione

Dettagli

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO Le check-list riportate di seguito riassumono, per ciascuna delle figure coinvolte nei controlli

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

LA CURA CHE ALLUNGA LA VITA DELLA TUA PORTA. MANUALE D USO della porta blindata Mexall 1

LA CURA CHE ALLUNGA LA VITA DELLA TUA PORTA. MANUALE D USO della porta blindata Mexall 1 LA CURA CHE ALLUNGA LA VITA DELLA TUA PORTA MANUALE D USO della porta blindata Mexall Indice pag. 5 pag. 6 pag. 7 pag. 8 pag. pag. pag. 4 pag. 7 La tua porta blindata Istruzioni per l uso La manutenzione

Dettagli

Linee guida Enel per l esecuzione di lavori su cabine secondarie

Linee guida Enel per l esecuzione di lavori su cabine secondarie Pubblicato il: 08/11/2004 Aggiornato al: 08/11/2004 di Gianfranco Ceresini Le disposizioni che vengono qui presentate non rappresentano documenti normativi, ma sono ugualmente importanti e significativi

Dettagli

REGIONE VENETO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MASER

REGIONE VENETO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MASER REGIONE VENETO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MASER IMPIANTO FOTOVOLTAICO SU COPERTURA SCUOLA E PALESTRA COMUNALE, VIA MOTTE N 43 PROGETTO PRELIMINARE DEFINITIVO 11) FASCICOLO DI MANUTENZIONE (ai sensi

Dettagli

Cod. 252.270.00 FRY TOP ELETTRICO SERIE 900A. Mod. 92 FTE-L 92 FTE-R 92 FTE-LC 92 FTE-RC 94 FTE-L 94 FTE-LR 94 FTE-R 94 FTE-LC 94 FTE-LRC 94 FTE-RC

Cod. 252.270.00 FRY TOP ELETTRICO SERIE 900A. Mod. 92 FTE-L 92 FTE-R 92 FTE-LC 92 FTE-RC 94 FTE-L 94 FTE-LR 94 FTE-R 94 FTE-LC 94 FTE-LRC 94 FTE-RC Cod. 252.270.00 FRY TOP ELETTRICO SERIE 900A Mod. 92 FTE-L 92 FTE-R 92 FTE-LC 92 FTE-RC 94 FTE-L 94 FTE-LR 94 FTE-R 94 FTE-LC 94 FTE-LRC 94 FTE-RC INDICE Paragrafo Istruzioni per l'installazione 1 Rispondenza

Dettagli

POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252

POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252 CEBORA S.p.A. 1 POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252 MANUALE DI SERVIZIO CEBORA S.p.A. 2 SOMMARIO 1 - INFORMAZIONI GENERALI... 3 1.1 - Introduzione... 3 1.2 - Filosofia generale d assistenza.... 3 1.3 -

Dettagli

ELENCO DI POSSIBILI INTERVENTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ED ALL EFFICIENZA ENERGETICA

ELENCO DI POSSIBILI INTERVENTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ED ALL EFFICIENZA ENERGETICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU ELENCO DI POSSIBILI INTERVENTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ED ALL EFFICIENZA ENERGETICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 GUIDA GESTIONE DELL ENERGIA SOMMARIO ILLUMINAZIONE...

Dettagli

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Comune di Selargius Provincia di Cagliari PIANO DI MANUTENZIONE PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DEI CONTROLLI (Articolo 40 D.P.R. 554/99) OGGETTO: Completamento Via della Resistenza Realizzazione

Dettagli

1. Manutenzione dell opera

1. Manutenzione dell opera PREMESSA Il piano di manutenzione dell opera e delle sue parti deve prevedere, pianificare e programmare l attività di manutenzione dell opera, al fine di mantenere nel tempo la funzionalità, le caratteristiche

Dettagli

Scheda Tecnica OLI74. Identificazione Prodotto. Applicazione CARATTERISTICHE TECNICHE CASSETTA

Scheda Tecnica OLI74. Identificazione Prodotto. Applicazione CARATTERISTICHE TECNICHE CASSETTA Scheda Tecnica OLI74 Identificazione Prodotto Applicazione (misure in millimetri) Cassetta OLI74 doppio scarico ad azionamento meccanico rivestita con foderina anticondensa e rete - Installabile in pareti

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO PE/A.4 PIANO DI MANUTENZIONE LAVORI DI COMPLETAMENTO DELLE OPERE DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA NELLA FRAZIONE PASTA

PROGETTO ESECUTIVO PE/A.4 PIANO DI MANUTENZIONE LAVORI DI COMPLETAMENTO DELLE OPERE DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA NELLA FRAZIONE PASTA COMUNE DI RIVALTA DI TORINO Provincia di Torino LAVORI DI COMPLETAMENTO DELLE OPERE DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA NELLA FRAZIONE PASTA PROGETTO ESECUTIVO PE/A.4 Settembre 2013 INDICE 1 Premessa... 3 1.1 Le

Dettagli

D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine)

D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine) Allegato E alla direttiva del 7 gennaio 2015 RISCHI MECCANICI 1 - PREMESSA Il D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine) ha introdotto nel panorama normativo sulla tutela della salute nei luoghi di lavoro importanti

Dettagli

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO TRASFERIBILE E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO TRASFERIBILE E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO TRASFERIBILE E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO [Articolo 71 comma 8 D.Lgs. 81/08 e s.m.i.] Le check-list riportate di seguito riassumono,

Dettagli

COMUNE DI GORLAGO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI GORLAGO PROVINCIA DI BERGAMO PRESTAZIONALE IMPIANTI ELEVATORI E ASCENSORI, ANTINCENDIO, ANTIFURTO CITTOFONO E CONTROLLO ACCESSO 1. IMPIANTI ELEVATORI, ASCENSORI, Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli

Dettagli

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 Per la parte di ricezione/immissione vedi IA 005. Riferimenti normativi Generali: CEI EN 62271-202 (17-103) Sottostazioni prefabbricate ad Alta tensione/bassa

Dettagli

2. PRECAUZIONI DI SICUREZZA

2. PRECAUZIONI DI SICUREZZA INDICE 1. Prefazione 2 2. Precauzioni di sicurezza 3 3. Struttura.. 4 4. Modo d uso. 5 a) Controllo ausiliario e display LED... 5 b) Telecomando.. 6 c) Modo d uso 7 5. Manuale operativo.. 11 6. Manutenzione.

Dettagli

Trasformatori di distribuzione immersi in liquido isolante

Trasformatori di distribuzione immersi in liquido isolante I T A L I A N O Trasformatori TT0 Trasformatori di distribuzione immersi in liquido isolante TTR TTO OTN, OTR, OTF REATTORI TTH LA TECNOLOGIA Nucleo magnetico Il nucleo è costituito da lamierini magnetici

Dettagli

CIG: 4860338DC9. Allegato A

CIG: 4860338DC9. Allegato A Servizio di manutenzione e controllo efficienza degli impianti elettrici ed affini degli edifici dell Università degli studi di Brescia per il triennio 01/06/2013-31/05/2016 CIG: 4860338DC9 Allegato A

Dettagli

Aerosol, Sigillanti e Lubrificanti per cavi

Aerosol, Sigillanti e Lubrificanti per cavi 10 3M offre una serie di soluzioni che proteggono, isolano, puliscono il cavo e le connessioni elettriche ed elettroniche in maniera veloce ed economica. Con questi prodotti oltre a risolvere una serie

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico. 18.2.7 Dispositivi di prova e funzionamento. in funzione. Tubazioni

18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico. 18.2.7 Dispositivi di prova e funzionamento. in funzione. Tubazioni 18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico Ogni interruttore sull'alimentazione elettrica dedicato al motore elettrico del}a pompa antincendio deve essere etichettato come segue: "ALIMENTAZIONE

Dettagli

SISTEMA MEMBRAPOL TRASPARENTE

SISTEMA MEMBRAPOL TRASPARENTE SISTEMA MEMBRAPOL TRASPARENTE MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE MONOCOMPONENTE A BASE DI POLIURETANO Guida all applicazione Regole dei metodi di progettazione e applicazione. a) Trasporto e immagazzinaggio:

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE GESTIONE DEL CENTRO SPORTIVO E NATATORIO COMUNALE CIRO CAMPISI SITO IN VIA SILVIO PELLICO

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE GESTIONE DEL CENTRO SPORTIVO E NATATORIO COMUNALE CIRO CAMPISI SITO IN VIA SILVIO PELLICO COMUNE DI ROSATE (P R O V I N C I A DI M I L A N O) Via Vittorio Veneto n 2 - WWW.COMUNE.ROSATE.MI.IT - Partita Iva 03602750154 Cod. Fiscale 82000610152 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE

Dettagli

3. Funzione di prevenzione della sovraccarica

3. Funzione di prevenzione della sovraccarica Italiano 57 INDICE 1. Funzioni...59 2. Prima dell uso...59 3. Funzione di prevenzione della sovraccarica...59 4. Regolazione dell ora...60 5. Durata della ricarica...61 6. Note sul maneggio degli orologi

Dettagli

REQUISITI ESSENZIALI DI SICUREZZA DEL MOTORE ELETTRICO

REQUISITI ESSENZIALI DI SICUREZZA DEL MOTORE ELETTRICO REQUISITI ESSENZIALI DI SICUREZZA DEL MOTORE ELETTRICO PRINCIPI GENERALI VALUTAZIONE DEI RISCHI La OME srl dichiara che è stata effettuata una valutazione dei rischi per stabilire i requisiti di sicurezza

Dettagli

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 INDICE 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 2.1.1 Campo fotovoltaico pag. 3 2.1.2 Sezionatore pag. 4 2.1.3 Inverter

Dettagli

INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO

INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO 05 INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO 05 INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO Come ormai risaputo, l amianto che si disperde nell aria costituisce un reale pericolo cancerogeno per coloro che si trovano a inalarne le

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA SERVIZIO DI GESTIONE E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICO E SOLARE TERMICO PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA PRIMARIA IN DERUTA CAPOLUOGO

Dettagli

Manutenzione impianti fotovoltaici

Manutenzione impianti fotovoltaici Manutenzione impianti fotovoltaici 39 Domande che vengono fatte L impianto produce quanto dovrebbe? Devo fare la pulizia? Quando? Posso farlo da solo? Ci sono altre operazioni da fare? Cosa fare per prevenire

Dettagli

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Comune di Biella Provincia di Biella PIANO DI MANUTENZIONE PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DELLE PRESTAZIONI OGGETTO: Messa in sicurezza ristrutturazione manutenzione straordinaria della Scuola

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione

Manuale d uso e manutenzione Manuale d uso e manutenzione Egregio Cliente, La ringraziamo per aver scelto la qualità dei nostri prodotti. La ditta LEON rimane, comunque, a Sua disposizione per ogni chiarimento o esigenza tecnica e

Dettagli

CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA. pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione.

CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA. pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione. CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione. CHIMICA TECNICA, INNOVAZIONE IN CANTIERE Nel settore edile la chimica

Dettagli

Manuale Operativo Il piacere di fare il bagno e di godersi la vita. Sollevatore da bagno Modello: BLV 5 ARUBA

Manuale Operativo Il piacere di fare il bagno e di godersi la vita. Sollevatore da bagno Modello: BLV 5 ARUBA Manuale Operativo Il piacere di fare il bagno e di godersi la vita Sollevatore da bagno Modello: BLV 5 ARUBA Manuale Operativo Pagina 2 Modello: BLV 5 A tutti gli stimati clienti che hanno scelto di acquistare

Dettagli

Comune di Arcore Provincia di Monza e Brianza

Comune di Arcore Provincia di Monza e Brianza Comune di Arcore Provincia di Monza e Brianza Servizio: Sviluppo del Territorio Largo V. Vela, 1 Tel. 039 60171 BANDO DI GARA PER LA CONCESSIONE D USO DI SUPERFICI DI PROPRIETA COMUNALE SU CUI INSTALLARE

Dettagli

IL SERVIZIO DI INDAGINE TERMOGRAFICA E LE SUE APPLICAZIONI SUGLI IMPIANTI CIVILI E INDUSTRIALI

IL SERVIZIO DI INDAGINE TERMOGRAFICA E LE SUE APPLICAZIONI SUGLI IMPIANTI CIVILI E INDUSTRIALI IL SERVIZIO DI INDAGINE TERMOGRAFICA E LE SUE APPLICAZIONI SUGLI IMPIANTI CIVILI E INDUSTRIALI Rev. 00 del 12.10.2011 PREMESSA ATT Studio Tecnico Associato, opera progettando, sviluppando, monitorando

Dettagli

MANUTENZIONE IMPIANTI GENERICI

MANUTENZIONE IMPIANTI GENERICI GARA 1515 MANUTENZIONE IMPIANTI GENERICI ALLEGATO A SCHEDE DI MANUTENZIONE ORDINARIA ELETTRICHE Cabine Elettriche EL01 Quadri Elettrici EL02 Gruppi Elettrogeni EL03 Illuminazione normale ed FM EL04 Illuminazione

Dettagli

COMUNE DI PORTO TOLLE Provincia Di Rovigo AREA TECNICA

COMUNE DI PORTO TOLLE Provincia Di Rovigo AREA TECNICA COMUNE DI PORTO TOLLE Provincia Di Rovigo AREA TECNICA ALLEGATO A Traccia delle operazioni richieste di manutenzione ordinaria Programmata preventiva e straordinaria AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO INERENTE LA

Dettagli

***************** Lavori di adeguamento e manutenzione per l integrazione logistica degli uffici della Direzione Provinciale di Benevento.

***************** Lavori di adeguamento e manutenzione per l integrazione logistica degli uffici della Direzione Provinciale di Benevento. DIREZIONE REGIONALE CAMPANIA Ufficio Tecnico Regionale ***************** Lavori di adeguamento e manutenzione per l integrazione logistica degli uffici della Direzione Provinciale di Benevento. Immobile

Dettagli

Vasiline Spray. Cleaner & Degreaser. Silicone Spray. Alu-Zinc Spray Lucido (98% zinco) #119714. Zinc Spray Opaco (98% zinco) Sealant Remover

Vasiline Spray. Cleaner & Degreaser. Silicone Spray. Alu-Zinc Spray Lucido (98% zinco) #119714. Zinc Spray Opaco (98% zinco) Sealant Remover Guida all utilizzo Spray tecnici Colla a contatto Adesivo non indurito Silicone - Ms Polymer Grasso - olio RIMUOVERE Metallo - alluminio Tappeti - tessuti Materiali sintetici - PVC Contatti elettrici Attrezzi

Dettagli

MANUALE DI USO, MANUTENZIONE E INSTALLAZIONE TERMOCAMINO NINO

MANUALE DI USO, MANUTENZIONE E INSTALLAZIONE TERMOCAMINO NINO MANUALE DI USO, MANUTENZIONE E INSTALLAZIONE TERMOCAMINO NINO Realizzazione e installazione di termocamini con brevetto proprio Per ottenere le migliori prestazioni Le suggeriamo di leggere attentamente

Dettagli

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B )

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B ) Questa attrezzatura Meyer soddisfa interamente le norme di sicurezza CE. Il certificato di conformità è spedito con l attrezzatura. Il simbolo CE è riportato sulla targhetta del costruttore. Descrizione

Dettagli

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE CENTRO SPORTIVO VIA BOCCACCIO

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE CENTRO SPORTIVO VIA BOCCACCIO OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE CENTRO SPORTIVO VIA BOCCACCIO (ALLEGATO 2) PIANO DELLE MANUTENZIONI 1 Piani delle Manutenzioni Programmate del Centro Sportivo Tennis di via Boccaccio 1 - PIANO DI

Dettagli