Seminario dell'innovazione Ordine Ingegneri Catania 11/12/14

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Seminario dell'innovazione Ordine Ingegneri Catania 11/12/14"

Transcript

1 1

2 Raccomandazione e incentivazione dell Aeeg Obbligo giuridico del datore di lavoro D.lgs 81/08 Norma CEI 0-15 MANUTENZIONE 2

3 Si definisce Cabina Elettrica MT/bt, un area elettrica chiusa con apparecchiature e/o trasformatori in reti di distribuzione. Area elettrica chiusa Locale o luogo per l esercizio di impianti o componenti elettrici il cui accesso è consentito esclusivamente a persone formate ed esperte, a persone formate ed istruite oppure a persone comuni sotto la sorveglianza di persone formate (persone esperte o istruite); l accesso è consentito, ad esempio, mediante l apertura di porte o rimozione di barriere (con l uso di chiavi o di attrezzi) sulle quali siano chiaramente applicati segnali idonei di avvertimento. Le sottostazioni prefabbricate sono definite come un assieme sottoposto alle prove di tipo comprendente un involucro contenente trasformatori, apparecchiatura di manovra a bassa tensione e ad alta tensione, connessioni nonché un attrezzatura ausiliaria, per fornire energia a bassa tensione a partire da un sistema ad alta tensione o viceversa. 3

4 In generale, una sottostazione prefabbricata comprende i seguenti componenti principali (funzioni): involucro; trasformatori di potenza; apparecchiatura ad alta tensione e bassa tensione; interconnessioni ad alta tensione e bassa tensione; apparecchiatura e circuiti ausiliari. Fonte CEP 4

5 generatori, motori ed altre macchine rotanti; apparecchiature; trasformatori; convertitori; cavi; linee; condutture; batterie; condensatori; impianti di terra; costruzioni e recinzioni che fanno parte di un area elettrica chiusa; apparecchiature di comando e di controllo di pertinenza. 5

6 Nel nostro paese purtroppo la cultura della manutenzione non è stata mai molto presente già a partire dalle vecchie cabine a giorno individuabili nello scenario del sistema elettrico nazionale di ieri. 6

7 La rapida evoluzione del sistema elettrico nazionale dovuta alla Generazione Distribuita e la conseguente evoluzione normativa ancora in atto, oggi più che mai evidenziano come gli impianti utilizzatori in MT influenzino negativamente la qualità del servizio elettrico; da una parte quindi una forte incentivazione da parte dell Aeeg agli adeguamenti (A70, CEI 0-16, DIDA ); dall altra parte si sta registrando un forte interesse ad un rilancio della manutenzione delle cabine elettriche MT/bt. 7

8 L Aeeg incentiva e raccomanda gli Utenti MT che godono dei requisiti semplificati ad effettuare la manutenzione ai sensi della norma CEI 0-15 refertando su apposito registro secondo le periodicità previste dalla stessa norma CEI

9 Una cabina elettrica è anche un luogo di lavoro e come tale rientra nell ambito di applicazione del Testo unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro in accordo al quale: il datore di lavoro deve prendere le misure necessarie affinché i lavoratori siano salvaguardati da tutti i rischi di natura elettrica connessi all impiego dei materiali, delle apparecchiature e degli impianti elettrici messi a loro disposizione ; a seguito della valutazione del rischio elettrico il datore di lavoro predispone le procedure di uso e manutenzione atte a garantire nel tempo la permanenza del livello di sicurezza raggiunto ; il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché le procedure di uso e manutenzione siano predisposte ed attuate tenendo conto delle disposizioni legislative vigenti, delle indicazioni contenute nei manuali di uso e manutenzione delle apparecchiature ricadenti nelle direttive specifiche di prodotto e di quelle indicate nelle pertinenti norme tecniche. 9

10 La Norma CEI 0-15 si applica alle cabine elettriche MT/BT dei clienti Utenti finali. Fornisce orientamenti sugli interventi necessari per mantenere le cabine elettriche in stato di sicurezza ed efficienza tali da prevenire guasti che potrebbero, in particolare, influire negativamente sulla qualità del servizio elettrico. 10

11 si intende l insieme degli: - interventi finalizzati a contenere il degrado normale d'uso nonché a far fronte ad eventi accidentali che comportino la necessità di primi interventi, che comunque non modifichino la struttura essenziale dell impianto o la loro destinazione d'uso (manutenzione ordinaria); - interventi, con rinnovo e/o sostituzione di sue parti, che non modifichino in modo sostanziale le sue prestazioni, siano destinati a riportare l impianto stesso in condizioni ordinarie di esercizio, richiedano in genere l impiego di strumenti o attrezzi particolari, di uso non corrente (manutenzione straordinaria, es. adeguamento). Non rientrano negli interventi di manutenzione, quelli attinenti alla costruzione di nuove parti, di trasformazioni ed ampliamenti di impianti di cabine MT/BT, nonché tutte le manovre di esercizio e messa in sicurezza necessarie per poter eseguire gli interventi suddetti. 11

12 Manutenzione preventiva: è finalizzata a ridurre la probabilità di guasto in un impianto e il degrado dei componenti; si sviluppa secondo scadenze prefissate o altri criteri predeterminati (in genere durante le fermate dell impianto), il che può comportare la sostituzione di parti elettriche critiche, indipendentemente dal loro stato d uso. Si distinguono: - Manutenzione programmata; - Manutenzione ciclica; - Manutenzione secondo (su) condizione; - Manutenzione predittiva (controllata). 12

13 Manutenzione correttiva (detta anche a guasto): Si attua per riparare guasti o danni, dopo la rilevazione degli stessi, per ripristinare il corretto funzionamento dell impianto; Si differenzia in: - Manutenzione d urgenza (emergenza): eseguita immediatamente alla rilevazione del guasto per evitare conseguenze altrimenti inaccettabili; - Manutenzione differita: ritardata in base a specifiche esigenze operative. 13

14 Il datore di lavoro/committente ha responsabilità di scegliere l impresa manutentrice che deve essere abilitata e possedere i requisiti indicati nel DM 37/08. I lavori di manutenzione devono essere eseguiti dagli addetti alla manutenzione nel rispetto delle Norme CEI EN e CEI in quanto rientrano tra i lavori elettrici. Con la nuova edizione della CEI adesso si parla anche di URI Unità responsabile dell impianto elettrico. Nelle grandi strutture produttive si intende un insieme di più persone ma può ridursi ad un unica persona nelle piccole attività dove in pratica si identifica con il Datore di Lavoro o Proprietario dell impianto. L unica responsabilità che compete all URI è quella di programmare la manutenzione dell impianto per garantirne la sicurezza nel tempo. L URI è responsabile dell impianto nel funzionamento ordinario. Il Responsabile dell impianto RI è responsabile della sicurezza dell impianto durante un lavoro elettrico. 14

15 Manutentore Soggetto fisico unico che ha la responsabilità complessiva della manutenzione; in particolare degli aspetti di sicurezza, tecnici e gestionali/amministrativi. Il manutentore può eseguire operazioni manutentive manuali e/o strumentali sugli impianti di cabine MT/BT. Deve possedere almeno i requisiti previsti per il Preposto ai Lavori (PL). Addetti alla manutenzione Persone alle dipendenze (o subordinate) del (al) manutentore che eseguono le operazioni manutentive, manuali e/o strumentali, degli impianti di cabine MT/BT. Gli addetti alla manutenzione che eseguono lavori elettrici devono possedere i requisiti previsti per le Persone Esperte (PES) o per le Persone Avvertite (PAV); gli addetti alla manutenzione che non eseguono lavori elettrici rientrano tra le Persone Comuni (PEC). 15

16 L impresa manutentrice a seguito di contratto potrebbe anche essere identificata come Responsabile dell impianto (RI) per cui ha la responsabilità di redigere le schede di manutenzione. Essa deve compilare una lista delle apparecchiature e dei componenti presenti in ciascuna cabina, stabilirne approssimativamente lo stato di degrado, stabilirne quindi le periodicità per la manutenzione; queste ultime possono essere più restrittive di quelle indicate nelle schede della presente Norma, se ritenuto appropriato. Diversamente dovrebbe ricevere le relative schede di manutenzione dal RI. L impresa pianifica, progetta, programma ed esegue gli interventi necessari a garantire l esercizio della cabina conforme alla normativa tecnica e di legge. Interviene direttamente sotto guasto. L impresa esegue solo gli interventi pianificati, progettati e programmati dal Responsabile dell Impianto del cliente/committente. Interviene a chiamata per la manutenzione sotto guasto. 16

17 La Norma stabilisce che se l impresa è anche RI deve stabilire approssimativamente lo stato di degrado della cabina, dei componenti e delle apparecchiature in essa contenuta. E consigliabile nel pianificare la manutenzione effettuare un controllo generale dell impianto per valutarne lo stato di conservazione effettivo e.. VERIFICARE Se sussistano anomalie tali da causare guasti gravi ed imminenti Se sussistano le condizioni di sicurezza fisica del personale addetto alla manutenzione 17

18 Verifica efficienza serrature, blocchi e interblocchi; Presenza cartelli di pericolo, divieto, sicurezza; Presenza di barriere isolanti; Verifica dei gradi di protezione, delle distanze delle parti attive dalle barriere; Presenza della messa a terra delle schermature dei cavi MT; Integrità delle connessioni di terra; Assenza di materiali infiammabili; Verifica della temperature delle parti accessibili; Verifica pressione del gas SF6; Verifica temperatura olio trasformatore; Verifica posizionamento apparecchiature relativamente allo sfogo dei gas in caso di arco interno. 18

19 In seguito ai controlli preliminari effettuati sulla cabina ci si chiede: È stata riscontrata una criticità per la sicurezza degli addetti? sì STOP immediato dell impianto Norma CEI EN 50110, art : Si devono tempestivamente eliminare i difetti che costituiscono un pericolo immediato o sconnettere senza ritardi le parti difettose impedendone la riconnessione. Fermo programmato dell impianto sì È stata riscontrata una anomalia tecnica grave? no Pianificazione della manutenzione... 19

20 Una volta rimosse le criticità/anomalie classificate con priorità alta si può procedere con la pianificazione della manutenzione preventiva a programma avendo già reperito: DOCUMENTI D IMPIANTO schemi elettrici; planimetria cabina riportante la disposizione dei componenti; piano delle tarature delle protezioni; ecc MANUALI D USO E MANUTENZIONE Interruttori MT; Quadri MT; Sezionatori combinati con fusibili; Protezioni; Gruppi elettrogeni; UPS; Gruppi di rifasamento; ecc 20

21 21

22 In generale la frequenza degli interventi di manutenzione deve essere stabilita di volta in volta tenendo conto: delle modalità e gravosità del servizio e dello stato dell impianto e dei componenti; delle condizioni ambientali (es. penetrazione di acqua o corpi solidi, esposizione a temperature ambientali anormali _molto alte o molto basse_, esposizione ad irraggiamento solare diretto con presenza di raggi ultravioletti); dell esposizione a polluzione industriale elevata; delle periodicità indicate dalla norma CEI 0-15 validate, ai fini dell acquisizione del diritto ad accedere al godimento degli indennizzi automatici in caso del mancato rispetto degli standard di qualità del servizio. 22

23 L esito dei controlli deve essere verbalizzato a cura del datore di lavoro e tenuto a disposizione dell autorità di vigilanza. Gli Utenti MT che godono dei requisiti semplificati hanno l obbligo di refertare su apposito registro costituito dalle schede. Anche la norma CEI EN prevede di registrare l esito delle ispezioni. Il periodo di conservazione delle schede di manutenzione deve essere fissato nel contratto di appalto in accordo tra le parti sulla base di quanto stabilito per esempio in termini di garanzia di durata degli interventi di manutenzione; altrimenti, deve essere almeno pari alla periodicità maggiore prevista tra tutte quelle indicate nel pacchetto di schede manutentive afferenti all impianto di cabina MT/BT considerato. 23

24 Comprendono gli esami a vista, controlli manuali e strumentali e manovre atti ad accertare la corretta funzionalità di apparecchiature/componenti che fanno parte degli impianti elettrici. Comprendono altresì gli esami a vista e controlli atti ad accertare l integrità delle parti non elettriche di cabine MT/BT e dei servizi funzionali a queste ultime. Si evidenzia che nella presente Norma non sono riportati gli interventi di verifica prescritti da obblighi di legge (ad esempio le verifiche degli impianti di terra, PCB, ecc.). 24

25 VALUTAZIONI ELEMENTI OGGETTIVI LISTA DI CONTROLLO SCADENZIARIO INTERVENTI DOCUMENTI D IMPIANTO MANUALI D USO E MANUTENZIONE REGISTRO INTERVENTI Costo delle interruzioni (per perdite di produzione) Complessità impianto Obsolescenza impianto SCHEDE OPERATIVE DI MANUTENZIONE SCHEDE CEI 0-15 Tempestività nella ripresa del servizio Disponibilità di fonti alternative (G.E.) METODI DI LAVORO E PROCEDURE DI SICUREZZA 25

26 Lista di controllo generale preliminare Documenti d impianto Manuali d uso manutenzione delle apparecchiature (costruttori) Schede operative di manutenzione Metodi di lavoro e procedure di sicurezza Gestione e verifica DPI/Attrezzi /Strumenti Scadenziario interventi Registro interventi 26

27 Allegato A Schede di manutenzione cabine MT/BT Le schede riportate nell Allegato A possono essere utilizzate in assenza di manuali di manutenzione dei costruttori delle apparecchiature individuate e/o in assenza di altre schede redatte a seguito del primo intervento manutentivo di cui all art. 7 della presente Norma. Le schede riportate nel presente Allegato A sono indicative degli esami a vista e degli interventi minimi da eseguire sulle apparecchiature o componenti di cabine MT/BT sia sotto il profilo tecnico che temporale. Il presente Allegato A riguarda le schede di manutenzione relative alle voci omogenee sotto elencate di una cabina MT/BT: opere civili; apparecchiature MT; apparecchiature di trasformazione; apparecchiature di BT; cavi MT e BT; accessori di cabina; altre fonti di energia ed apparati funzionali alle cabine MT/BT. 27

28 Nelle pareti interne devono essere rimosse tracce di muffa e umidità. Le polveri dovute alla vernice e all intonaco cadenti sono spesso il motivo predominante della sporcizia sugli isolatori. Verifica dello stato d uso della vernice: intervenire scrostando la vernice eventualmente sollevata con una spatola. Ripitturare applicando una prima mano a spatola e la seconda a rullo, in modo da riportare la superficie come all origine; utilizzare un rivestimento murale plastico rullato con effetto bucciato fine. 28

29 Altra causa di sporcizia, spesso anche in quantità notevole è dovuta a escrementi di animali, piume di uccelli, paglia ed altro per la presenza di volatili, topi e serpenti. Ciò è causa di guasti transitori e permanenti per scariche sugli elementi in tensione o per danneggiamento dei cavi da parte dei roditori. 29

30 Unitamente alle pulizie valutare la necessità di effettuare azioni di disinfestazione e/o derattizzazione conseguenti alla gravità del fenomeno. 30

31 Unitamente alle pulizie valutare la necessità di effettuare azioni di disinfestazione e/o derattizzazione conseguenti alla gravità del fenomeno. 31

32 Unitamente alle pulizie valutare la necessità di effettuare azioni di disinfestazione e/o derattizzazione conseguenti alla gravità del fenomeno. 32

33 Unitamente alle pulizie valutare la necessità di effettuare azioni di disinfestazione e/o derattizzazione conseguenti alla gravità del fenomeno. 33

34 Verificare che non vi siano all interno della cabina apparecchiature/componenti che esulano dalla corretta conduzione della cabina elettrica e che potrebbero causare guasti. 34

35 Intervenire scrostando la parte di calcestruzzo degradato. La ripresa deve essere fatta previo trattamento dell eventuale scopertura del ferro, applicando idoneo materiale anticorrosione per il ferro e successiva copertura con cemento emaco; ripitturazione finale. 35

36 Verifica della pittura o di eventuali fessurazioni dovute ad alterazione per gli sbalzi di temperatura stagionali, ripresa con materiale tipo plastico o impermeabilizzazione con guaina bituminosa ardesiata spessore mm 4. Fonte CEP 36

37 Verificare lo stato di pulizia della canalina per l uscita dell acqua piovana Verificare che non ci siano ostacoli che impediscano il corretto funzionamento degli aspiratori eolici. Verificarne la rotazione, eventualmente lubrificare. 37

38 Verifica dell integrità del tappo, sostituzione in caso di fessurazione dello stesso al fine di evitare infiltrazione d acqua all interno della boccola. In caso si rendesse necessario applicare i golfari per il sollevamento per esempio della copertura, seguire la procedura per la riapplicazione della corretta sigillatura. 38

39 Verifica della guaina sigillante Interposta tra cabina e vasca; intervenire in caso di infiltrazione d acqua con schiuma poliuretanica e successiva finitura con malta cementizia. 39

40 Verificare l eventuale infiltrazione d acqua causata dall usura della sigillatura esterna dei fori passatubo. Nel caso in cui le infiltrazioni sia tali da provocare l allagamento dei cunicoli è opportuno procedere ad un vero e proprio drenaggio esternamente alla cabina. Utilizzare i sistemi di passacavo qualora dati in dotazione alla cabina. 40

41 Ripristinare la sigillatura con schiuma poliuretanica e successiva finitura con malta cementizia. 41

42 Verificare l integrità della guarnizione perimetrale, se eccessivamente secca applicare silicone per la sigillatura. Verificare l efficienza della serratura e applicare dell olio lubrificante 42

43 Verificare la perfetta registrazione delle cerniere in presenza di un non perfetto allineamento delle ante. 43

44 Verificare lo stato di pulizia delle finestre e delle griglie di areazione. Verificare che non vi siano elementi di ostruzione delle aperture. 44

45 Nel caso di formazione frequente di condensa all interno del fabbricato e di conseguenza all interno dei quadri MT protetti in aria con conseguenti guasti per scariche verso terra occorre: - Eliminare eventuale acqua presente nel basamento della cabina o nei cunicoli sottostanti i quadri e prendere provvedimenti tali da evitare il ripresentarsi del problema; - mantenere le griglie di areazione pulite in modo da non ostacolare l areazione dei locali; - distanziare i quadri dalle pareti con l eventuale interposizione di appositi pannelli ignifughi e termoisolanti; - sollevamento dei quadri attraverso pedane isolanti; - utilizzo di resistenze anticondensa con termostato e chiusura con tappi di fondo e sistema di passacavi 45

46 - applicare sugli isolatori un grasso isolante a base siliconica fortemente idrorepellente per ridurre gli effetti dell umidità; - sostituire bulloni e rondelle con altre In acciaio inox (la ruggine fa da shunt) 46

47 Nel caso di esposizioni al salino (per gli impianti ubicati sulla costa), a polveri industriali o a emissioni fortemente ossidanti occorre: - ridurre l eventuale tasso di umidità in quanto le suddette condizioni di inquinamento creano, soprattutto in presenza di condensa, un accorciamento delle linee di fuga ad onda degli isolatori, una riduzione del grado di isolamento e un aumento della resistenza di contatto negli organi di manovra; - intensificare la periodicità della manutenzione e della pulizia; 47

48 - pulire gli isolatori e i TV con acqua demineralizzata e sapone neutro, sciacquare e asciugare con stracci di cotone di colore bianco e per finire trattare con grasso siliconico (non usare alcool in quanto cristallizza la resina); - in caso di forte inquinamento sostituire gli isolatori con altri la cui linea di fuga risultasse più pronunciata. 48

49 In caso di temperature eccessive è possibile aumentare la superficie di ventilazione naturale o aggiungere dei sistemi di areazione opportunamente dimensionati. 49

50 Verificare il fissaggio, la leggibilità e la completezza dei cartelli 50

51 Schema elettrico non più citato nella CEI Fonte CEP Verificarne l intellegibilità. 51

52 Verificare l integrità dell apparecchiatura; Verificare l efficienza delle lampade; Eseguire la pulizia interna ed esterna dell apparecchiatura; Provocare la mancanza di tensione di alimentazione normale e verificare l accensione dell illuminazione di sicurezza; Verificare i gruppi batteria e inverter 52

53 Verificare l integrità delle connessioni, la presenza di ossidazioni superficiali. Controllare il serraggio dei bulloni 53

54 Verificare il fissaggio e il dispositivo di sgancio dei fusibili La rispondenza della taglia all ultimo progetto Fusibile non inserito Fonte CEP 54

55 Verificare il dispositivo di sgancio dei fusibili Simulazione sgancio fusibile Fonte CEP 55

56 Verificare il dispositivo di sgancio dei fusibili Fusibile montato al contrario 56

57 Verificare il dispositivo di sgancio dei fusibili Condizioni di installazioni non ottimali 57

58 Controllo generale e condizioni di installazione Esaminare a vista le parti attive e pulizia Controllare l integrità delle parti isolanti ed effettuare la pulizia delle stesse Controllare e regolare le trasmissioni meccaniche. Fonte CEP Fonte CEP 58

59 Pulizia di tutte le parti isolanti Gli isolatori e il monoblocco rotante devono essere mantenuti puliti e integri per garantire le linee di fuga e il funzionamento dell IMS. Qualora fossero danneggiati è necessario sostituirli rivolgendosi al costruttore Pulizia e lubrificazione di tutti i meccanismi Il meccanismo della scatola di comando deve essere mantenuto pulito perché non necessita di lubrificazione. Si consiglia di procedere almeno ogni tre mesi (in caso di ambiente ordinario) ad effettuare il controllo, la pulizia e la lubrificazione dei leverismi Fonte CEP 59

60 Controllo distanze dei contatti Controllo stato di usura dei contatti funzionalità dei blocchi e interbl. elettrici e meccanici e manovre relative Fonte CEP 60

61 ingrassaggio contatti fissi e mobili con esclusione di quelli d'arco In presenza di nero fumo è sufficiente ripulire i componenti con uno straccio pulito e asciutto. Nel caso in cui si presentino lievi ossidazioni e perlinature è sufficiente ripulire i contatti con carta abrasiva finissima. In caso di cave è necessario rivolgersi al costruttore per la sostituzione Fonte CEP Gli ugelli di soffio devono risultare perfettamente integri. Qualora si evidenzino rotture o deterioramento del foro è necessaria la sostituzione. 61

62 inserzione delle lame di contatto IMS e ST Fonte CEP Controllo serraggio delle connessioni 62

63 Nel caso in cui si provveda ad eliminare delle perlinature dai contatti, si consiglia di effettuare la misura della resistenza di contatto: se si rilevassero valori eccessivamente elevati rispetto a quelli previsti dal costruttore, provvedere alla sostituzione completa dell IMS Fonte CEP 63

64 64

65 controllo dati di targa e tipo di liquido isolante controllo rigidità dielettrica Effettuare (attraverso la valvola di scarico posta sul fondo del cassone) prelievi periodici (circa un litro ogni 2-5 anni) di campioni d olio da sottoporre ad analisi presso laboratorio per verificare la rigidità dielettrica dell olio e rilevare tracce di umidità. Nei trasformatori di tipo ermetico il processo di ossidazione dell olio è trascurabile. 65

66 controllo presenza dispositivi contro la dispersione liquido Vasca raccolta olio, Pozzetti 66

67 controllo livello liquido isolante Verificare per i trasformatori con conservatore o con RIS il livello dell olio e provvedere al reintegro, sino al livello stabilito. Perdite di olio possono essere indice di avvenute sovrappressioni interne. La segnalazione dell indicatore di livello deve corrispondere approssimativamente alla temperatura ambiente Alcuni costruttori consigliano di controllare il livello dell olio ogni mese. 67

68 controllo livello liquido isolante Verificare visivamente l assenza di perdite di olio. Queste possono essere dovute al deterioramento delle guarnizioni o ad un loro errato posizionamento. Nelle macchine con conservatore è possibile aggiungere olio per rabbocco. Per effettuare il rabbocco nelle macchine di tipo ermetico bisogna essere autorizzati dal costruttore in seguito a formazione. 68

69 controllo stato dei sali essiccatori aria Se esiste l essiccatore d aria, accertarsi che i fori per il passaggio dell aria siano liberi e controllare che i sali igroscopici (silica gel) siano di colore arancione. Se sono di colore verde, significa che essi hanno già raccolto umidità e non assolvono più alla loro funzione di disidratanti dell aria. Occorre togliere l essiccatore e rigenerare i sali mettendoli in forno a C finché non siano ritornati di colore arancione. Alcuni costruttori consigliano di controllare i sali ogni tre mesi. 69

70 pulizia isolatori e controllo stato di conservazione Controllare lo stato di conservazione degli isolatori (presenza di fessurazioni o rottura degli stessi), le condizioni di pulizia delle superficie nei casi in cui si renda necessario; procedere alla rimozione di incrostazioni facendo uso di solventi non tossici unitamente all azione abrasiva di apposite retine di lana d acciaio; completare l operazione passando sulle superfici degli isolatori stracci assorbenti. 70

71 pulizia isolatori e controllo stato di conservazione 71

72 Nei casi di trasformatori con passanti MT a cono interno o esterno per terminali sconnettibili, verificare l integrità dei cappucci isolanti e dopo aver sfilato gli stessi accertarsi che non vi siano punti caldi o presenza di microscariche (eventualmente presenti togliere le perlinature e le bruciature e applicare della vaselina). 72

73 verifica intervento relé Buchholz Verificare il funzionamento della protezione di Buchholz, in particolare dei galleggianti, dei circuiti ausiliari e l apertura degli interruttori a monte e/o valle al raggiungimento dei prescritti livelli. Pulire regolarmente la finestra di ispezione posta su un fianco del relè che permette di visualizzare se sono sviluppati gas all interno del trasformatore. Se ve ne sono bisogna osservare volume e colore; prelevarne un campione attraverso il rubinetto di sfiato ed analizzarlo. 73

74 controllo indicatore temperatura, se presente Verificare il termometro per il controllo della temperatura del trasformatore. Rilevare dall apposito indice trascinato le massime temperature raggiunte dal trasformatore. Verificare il funzionamento, allarme e sgancio, dell eventuale relè termico (termometro con contatti elettrici che potrebbero ossidarsi). La massima temperatura dell olio a 1000 mt è 100, per gli avvolgimenti 105. Alcuni costruttori consigliano di controllare la massima temperatura raggiunta ogni mese. Pulire regolarmente il quadrante e dopo anni di funzionamento controllare che all interno del pozzetto non sia entrata acqua e sporcizia che potrebbero interferire con il corretto funzionamento del termometro. 74

75 controllo posizione aste spinterometriche controllo stato dei dispositivi meccanici per movimentazione TR ogni 5 anni 75

76 Controllo serraggio bulloneria in special modo quella delle valvole e quella del blocco ruote per evitare lo spostamento del trasformatore Controllo serraggio delle connessioni 76

77 Pulizia, controllo radiatori, Eventualmente liberarli da accumuli di sporcizia che impediscano il flusso di aria: è possibile pulire Con uno spruzzo di acqua a bassa pressione. Alcuni costruttori consigliano di pulire i radiatori ogni tre mesi. Controllare lo stato di conservazione della verniciatura del cassone e dei radiatori. 77

78 Verificare il livello di rumorosità: Verificare il fissaggio di targhe e accessori e dei cavi di messa a terra; Il rumore in condizioni di normale funzionamento dovrebbe presentare un livello costante anche al variare del carico, poiché dipende dalla sola magnetizzazione del nucleo ferromagnetico. Le vibrazioni, se presenti, possono ricondursi a cedimenti delle connessioni interne. In questi casi sollecitare possibili approfondimenti con rilievi strumentali per verificare l eventuale presenza di c.c fra le spire, allentamento pacco lamellare, ecc Una frequenza di alimentazione anomala può portare la cassa e i radiatori in risonanza. Eventuali vibrazioni eccessive devono essere attenuate o eliminate con l apposizione di tappeti in gomma sotto il trasformatore o manicotti in gomma smorzante (tipo giunti elastici). 78

79 Eseguire per mezzo di termovision il controllo preventivo, verificando l esistenza di punti caldi, specialmente quando il trasformatore è sfruttato altre il 70% della potenza nominale. La presenza di punti caldi in prossimità degli isolatori può significare un allentamento della Connessione. 79

80 controllo dati di targa 80

81 pulizia generale da polvere e sporcizia Pulire gli avvolgimenti MT/bt da eventuali depositi di polvere, condensa, sporco ed eventuali corpi estranei con getti di aria compressa secca a bassa pressione e strofinacci asciutti 81

82 controllo presenza ostruzioni nei canali di raffreddamento Pulire i canali di raffreddamento e ventilazione fra le bobine onde evitare il surriscaldamento durante il funzionamento; Usare getti di aria compressa secca a bassa pressione e strofinacci asciutti 82

83 controllo serraggio bulloneria di fissaggio a pavimento Rispettando la coppia di serraggio relativa ai bulloni installati utilizzare chiave dinamometrica 83

84 Controllare i serraggi del giogo e delle piastre di registro dei blocchetti di sospensione 84

85 controllo serraggio bulloneria terminali MT/BT e delle Barrette delle prese di regolazione della tensione 85

86 funzionamento eventuali ventilatori e centralina comandi Utilizzare un phon di aria calda per riscaldamento simulato termosonda l'allarme della centralina a 135 C e lo sgancio a 145 C trafo classe F 86

87 controllo collegamenti sonde di temperatura controllo stato dei dispositivi meccanici per movimentazione TR 87

88 esame a vista dello stato dell'intera struttura metallica Fonte CEP 88

89 presenza di corpi estranei all'interno del quadro pulizia parti attive Fonte CEP 89

90 pulizia parti isolanti particolare attenzione va posta agli isolatori a sostegno delle barrature. Le tracce di scariche elettriche sugli isolatori (tracking) possono essere eliminate con leggera abrasione e pulizia con liquidi detergenti. Se l eliminazione delle scariche mette in evidenza dei solchi, in particolar modo sugli isolatori non in porcellana, è consigliabile la sostituzione completa del componente. 90

91 controllo serraggio della bulloneria controllo aperture per passaggio cavi e tamponature 91

92 pulizia cinematismi, lubrificazione controllo blocchi e interblocchi Fonte CEP 92

93 controllo illuminazione interna, resistenza anticondensa, segnalatori presenza/assenza tensione 93

94 intelleggibilità e completezza targhe per sequenza manovre pulizia e serraggio morsettiere controllo collegamenti ausiliari 94

95 funzionalità delle parti estraibili funzionalità degli otturatori Fonte ABB Fonte CEP 95

96 Esame a vista dell intera struttura Verifica presenza di corpi estranei all interno del quadro Pulizia parti isolanti e parti attive Controllo serraggio della bulloneria meccanica Controllo serraggio della bulloneria elettrica Controllo aperture per passaggio cavi e tamponature Pulizia cinematismi e verifica del corretto funzionamento degli organi di manovra Controllo blocchi e interblocchi Pulizia e serraggio morsettiere Intellegibilità e completezza targhe Funzionalità delle parti estraibili Fonte ABB Funzionalità degli otturatori 96

97 presenza di corpi estranei all'interno del quadro Sperando che non sia troppo tardi Controllare tamponature per passaggio cavi per evitare ingresso animali 97

98 Controllo serraggio della bulloneria meccanica e Controllo serraggio della bulloneria elettrica 98

99 Verifica del corretto funzionamento degli organi di manovra 99

100 Controlli blocchi e interblocchi 100

101 Pulizia e serraggio morsettiere 101

102 Funzionalità delle parti estraibili Funzionalità degli otturatori 102

103 Per gli interruttori BT consultare i manuali dei costruttori Fonte ABB 103

104 Fonte ABB Attenzione che l IVOR ha un potere di interruzione basso. 104

105 controllo generale e condizioni di installazione controllo integrità parti isolanti pulizia di tutte le parti isolanti prelievo olio per verifica caratteristiche e rigidità dielettrica, se necessario controllo usura dei contatti principali e camere interruzione pulizia e lubrificazione dei meccanismi di comando regolazione del meccanismo di comando, se necessario verifica tensioni ausiliarie e funzionamento (bobina apertura bobina chiusura motore, ecc.) funzionalità relé diretto verifica tempi di apertura e chiusura, ad esempio con oscilloscopio controllo codoli fissi ingresso e uscita 105

106 106

107 Un indicatore di livello sulla parte frontale del polo rende agevole il ripristino della corretta quantità di olio nel polo. Quando l olio è nero occorre non solo cambiare l olio ma anche procedere con lo smontaggio del polo, verifica dei cilindri interni, delle camere di estinzione arco; sostituire tutte le guarnizioni. Prova di isolamento a frequenza industriale per 1 minuto, verifica della velocità di apertura e chiusura. 107

108 Controllo generale e installazione Controllo integrità parti isolanti Pulizia parti isolanti Pulizia e lubrificazione meccanismi di comando Regolazione del comando Verifica tempi di apertura e chiusura Verifica funzionamento elettrico Fonte ABB Verifica tensioni ausiliari verifica funzionalità relé diretto da TA integrati, impostazione regolazioni verifica funzionalità relé indiretto, impostazione regolazioni Fonte ABB Fonte CEP-MVA 108

109 Controllo generale e installazione Controllo integrità parti isolanti Pulizia parti isolanti Pulizia e lubrificazione meccanismi di comando Regolazione del comando Verifica tempi di apertura e chiusura Verifica funzionamento elettrico Verifica tensioni ausiliari verifica funzionalità relé diretto da TA integrati, impostazione regolazioni verifica funzionalità relé indiretto, impostazione regolazioni controlli per SF6 Fonte ABB Allo stato puro l SF6 è un gas inodore, incolore, non tossico, la sua presenza in piccole quantità è immediatamente rilevabile a causa del suo odore acre e sgradevole. In questo caso, il locale deve essere ventilato prima dell ingresso delle persone. 109

110 pulizia funzionalità e azionamento meccanico tiranteria integrità involucro bobina controllo dispositivo di intervento e regolazione corretto serraggio delle connessioni 110

111 - cartucce olio, gasolio, filtri aria, livello combustibile, acqua e lubrificante del motore primo - efficienza di interruttori, fusibili, commutatore rete e gruppo controllo tensione c.c. degli ausiliari del quadro comando Fonte Wilson 111

112 - pulizia del radiatore del generatore - prova di funzionamento a vuoto, a carico e in parallelo, verifica tensioni - verifica dei silenziatori, degli scarichi e rumorosità - funzionalità dei pulsanti di arresto - controllo serraggio delle connessioni delle parti attive - ingrassaggio cuscinetti dell'alternatore, controllo giunto elastico - stato di carica e livello elettrolito delle batterie per il motorino di avviamento Fonte Wilson 112

113 Eseguire il controllo visivo esterno per verificare l integrità dell apparecchiatura Eliminare la polvere dai condensatori e dalle resistenze di scarica Verificare lo stato dei collegamenti elettrici, degli isolatori e dei morsetti Verificare che ci sia il cartello di avvertimento del tempo di scarica. 113

114 Eseguire la pulizia da polveri, residui inquinanti, scariche e contaminazione salina. Rifare terminali che presentino isolatori in porcellana rotti o con campane termorestringenti screpolate e/o usurate da scariche o inquinamento. 114

115 Eseguire la pulizia da polveri, residui inquinanti, scariche e contaminazione salina. Rifare terminali che presentino isolatori in porcellana rotti o con campane termorestringenti screpolate e/o usurate da scariche o inquinamento. 115

116 In condizioni di forte inquinamento sostituire i terminali lisci mediante l inserimento di campane termorestringenti. La campana non deve essere rivolta verso il basso Eseguire eventuale prova con rigidimetro. 116

117 Fonte CEP Si effettua applicando una tensione atta a far circolare una corrente non inferiore a 20 A e verificando che il rapporto tra la tensione applicata (espressa in Volt) e la corrente effettiva misurata (espressa in Ampere) non sia maggiore di 0,05 Ohm. 117

118 Prodotti da utilizzare per la pulizia delle apparecchiature MT quando non diversamente specificato nei manuali di manutenzione SGRASSAGIO E PULIZIA LUBRIFICAZIONE E TRATTAMENTO ANTIOSSIDANTE TRATTAMENTO SUPERFICIALE ANTISCARICA Parti metalliche e cinematismi meccanici Brasatura manuale con impiego di spazzole metalliche e tela smeriglio, sgrassaggio con impiego di solventi non aggressivi LPS2 lubrificante industriale, LPS3 antiossidante o prodotti simili. Olio MOBIL DTE 13 ISO 32 o prodotti corrispondenti Contatti elettrici Abrasivatura, solo in caso di perlinature e per rimuovere tracce di bruciature. Solventi non aggressivi. Vaselina bianca neutra Parti isolanti Acqua demineralizzata e sapone neutro, sciacquatura e asciugatura con stracci di cotone di colore bianco Sia per isolanti in porcellana che resina: grasso siliconico dielettrico tipo G-687 della G.E. dato a velo in tutte le superfici 118

119 119

120 Mancanza di manutenzione o mancanza di cultura elettrica 120

121 Mancanza di manutenzione o mancanza di cultura elettrica 121

122 Mancanza di manutenzione o mancanza di cultura elettrica 122

123 Mancanza di manutenzione o mancanza di cultura elettrica 123

124 Mancanza di manutenzione o mancanza di cultura elettrica 124

125 Mancanza di manutenzione o mancanza di cultura elettrica 125

126 Mancanza di manutenzione o mancanza di cultura elettrica 126

127 Mancanza di manutenzione o mancanza di cultura elettrica 127

128 Mancanza di manutenzione o mancanza di cultura elettrica 128

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt. C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.com www.cfritaly.com È vietata la riproduzione o la traduzione

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400 Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Indice Indice Unità tipo

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia La soluzione Rete Picchi Cali di tensione Armoniche?

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Richiesta ai Clienti

Richiesta ai Clienti Richiesta ai Clienti Tutte le riparazioni eseguite su questo orologio, escludendo le riparazioni riguardanti il cinturino, devono essere effettuate dalla CITIZEN. Quando si desidera avere il vostro orologio

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE

QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE di: Luigi Tudico si! come tutti gli altri impianti, anche il sistema URTROPPO frigorifero può andare incontro a diversi tipi di inconvenienti,

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Book IL FENOMENO DELLE MUFFE E ALGHE

Book IL FENOMENO DELLE MUFFE E ALGHE IL FENOMENO DELLE MUFFE E ALGHE CAP Arreghini. Cultura della qualità. Un costante processo di evoluzione e di innovazione abbraccia da sempre tutte le attività di CAP Arreghini. L azienda gode infatti

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici Fatti per il sole, minacciati dalle scariche atmosferiche L importanza

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47 Ed. 2.2-1/47 INDICE Pagina 1 SCOPO DELLE PRESCRIZIONI 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2 4 DEFINIZIONI 3 5 CRITERI GENERALI 4 5.1 CRITERI GENERALI DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1 Manuale utente Indice Avvisi di Sicurezza... 2 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche Generali... 3 3 Ricevimento e Collocazione... 4

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp Erkopress 300 Tp-ci Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Apparecchio di termostampaggio con compressore integrato e riserva di

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Avendo effettuato il tagliando di cui sopra al mio mezzo ho pensato di realizzare questo semplice DOC per chi ne avesse necessità.

Avendo effettuato il tagliando di cui sopra al mio mezzo ho pensato di realizzare questo semplice DOC per chi ne avesse necessità. Tagliando Manutentivo Km. 10.000/30.000/50.000 XP500 TMAX. Avendo effettuato il tagliando di cui sopra al mio mezzo ho pensato di realizzare questo semplice DOC per chi ne avesse necessità. IMPORTANTE:

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

CATALOGO 2010 MAS. Nuovi quadri ad uso medico

CATALOGO 2010 MAS. Nuovi quadri ad uso medico CATALOGO 2010 MAS Nuovi quadri ad uso medico INDICE NUOVI QUADRI PER LOCALI AD USO MEDICO 2 TUTTI I VANTAGGI DELLA GAMMA MAS 4 NUOVI SORVEGLIATORI E PANNELLI RIPETITORI 6 CATALOGO 8 INFORMAZIONI TECNICHE

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

BATTERIE AL PIOMBO REGOLATE TRAMITE VALVOLE (VRLA)

BATTERIE AL PIOMBO REGOLATE TRAMITE VALVOLE (VRLA) TER - 80-6140 - 9000-12 00B000 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI BATTERIE AL PIOMBO REGOLATE TRAMITE VALVOLE (VRLA) SPECIFICA TECNICA E/EL7 TER - 80-6140 - 9000-12 00B000

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE

MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE DI INSTALLAZIONE La soluzione in nero La soluzione Comax La soluzione Quadmax La soluzione universale La soluzione estetica La soluzione Utility Il modulo Honey Versione IEC TSM_IEC_IM_2011_RevA

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

NE FLUSS 20 EL PN CE

NE FLUSS 20 EL PN CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO Appr. nr. B94.02 A - CE 0063 AQ 2150 MANTELLATURA 7 3 1 102 52 101 99-97 83 84-64 63 90 139 93 98 4 5

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw Serie BRIO Approfittate dei vantaggi BALMA Fin dal 1950, BALMA offre il giusto mix di flessibilità ed esperienza per il mercato industriale, professionale e hobbistico

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

3 2A B K D 6 F O H E T 5. Vtt Eco Pro 3000 Lux No-Volt - Cod. M0S05353 - Edizione 1G09

3 2A B K D 6 F O H E T 5. Vtt Eco Pro 3000 Lux No-Volt - Cod. M0S05353 - Edizione 1G09 R I J G 2 L B K A 5 3 2A C 1 M D 6 4 R S Q F O H E T 5 7 6 4 21 9 9 12 15 22 9 8 10 13 17 16 16 14 18 19 20 23 24 Vtt Eco Pro 3000 Lux No-Volt - Cod. M0S05353 - Edizione 1G09 ITALIANO Vaporetto Eco Pro

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

Sostituzione del contatore di energia elettrica

Sostituzione del contatore di energia elettrica Istruzioni di montaggio per il personale specializzato VIESMANN Sostituzione del contatore di energia elettrica per Vitotwin 300-W, tipo C3HA, C3HB e C3HC e Vitovalor 300-P, tipo C3TA Avvertenze sulla

Dettagli

MANUALE POSA IN OPERA E MANUTENZIONE FINESTRE, PORTEFINESTRE, PORTE, SCORREVOLI

MANUALE POSA IN OPERA E MANUTENZIONE FINESTRE, PORTEFINESTRE, PORTE, SCORREVOLI MANUALE POSA IN OPERA E MANUTENZIONE FINESTRE, PORTEFINESTRE, PORTE, SCORREVOLI Premessa 1. I materiali per la posa. 2. Il falso telaio. 3. Il fissaggio del serramento. 4. Istruzioni per la posa in opera

Dettagli

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 3.347.5275.106 IM-P148-39 ST Ed. 1 IT - 2004 Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 1. Informazioni generali per la sicurezza

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non 2 Soluzioni Antigelo Ensto, niente ghiaccio anche in caso di temperature molto basse. I sistemi elettrici Ensto per la protezione dal

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

DEOS DEOS 16 DEOS 20 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual

DEOS DEOS 16 DEOS 20 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual DEOS Manuale d uso User manual DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER DEOS 16 DEOS 20 Egregio Signore, desideriamo ringraziarla per aver preferito nel suo acquisto un nostro deumidificatore. Siamo certi di averle

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Le applicazioni della Dome Valve originale

Le applicazioni della Dome Valve originale Le applicazioni della Dome Valve originale Valvole d intercettazione per i sistemi di trasporto pneumatico e di trattamento dei prodotti solidi Il Gruppo Schenck Process Tuo partner nel mondo Il Gruppo

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli