MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI Wi-Fi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI Wi-Fi"

Transcript

1 MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI Wi-Fi PRESSO L ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI MINERBIO CAVOUR Dott.ssa Cristina Volta Dott. Daniele Bontempelli P.i. Simone Colantonio Arpa Agenzia Regionale Prevenzione e Ambiente dell Emilia Romagna Sezione Provinciale di Bologna

2 Le Funzioni di Arpa in materia di Campi Elettromagnetici Valutazioni preventiveper impianti radiotelevisivi, Stazioni Radio Base per telefonia cellulare, ed Elettrodotti (linee elettriche e cabine di trasformazione). Monitoraggio ambientale(campagne di misura, controllo su singoli impianti, monitoraggio in continuo, attivitàdi vigilanza e ispezione) Supporto tecnico agli Enti Pubblici/Comuni/Regione, ecc) Arpanon si esprime su questioni di tipo prettamente sanitario; il parere espresso o le misurazioni effettuate da Arpa sono relativi al rispetto dei limiti, dei valori di attenzione e obiettivi di qualitàstabiliti dalla normativa di riferimento.

3 LA RETE Wi - Fi LA RETE Wi-Fi E UNA RETE DI TELECOMUNICAZIONI, PRINCIPALMENTE FINALIZZATA A RENDERE DISPONIBILE LA CONNESSIONE A INTERNET IN BANDA LARGA, A DISPOSITIVI MOBILI E FISSI, TRAMITE SEGNALI RADIO. ESSA E COMPOSTA DA DISPOSITIVI DI RICETRASMISSIONE DENOMINATI ACCESS POINT (AP), CHE COLLEGATI A UNA RETE CABLATA INTERNET, POSSONO INVIARE SEGNALI RADIO ALL UTENTE, GRAZIE A PICCOLE ANTENNE CHE IRRADIANO IL SEGNALE PERMETTENDO COSI LA CONNESSIONE RADIO. TERMINALI ACCESS POINT INTERNET CONNESSIONE INTERNET MODEM/ROUTER ADSL

4 ESEMPI DI ROUTER o ACCESS POINT

5 LA RETE Wi Fi /2 IN COMMERCIO CI SONO DIVERSE TIPOLOGIE E MODELLI DI IMPIANTI Wi-Fi, MA TUTTI COMUNQUE RISPONDONO AI MEDESIMI STANDARD INTERNAZIONALI (ETS ISEE) E PERTANTO HANNO IN GENERALE CARATTERISTICHE EMISSIVE SIMILI TRA LORO. GLI APPARATI Wi Fi OPERANO ESSENZIALMENTE SU 2 FASCE DI FREQUENZA: f = 2,4 GHz f = 5,1-5,4 GHz GHz (COME QUELLI INSTALLATI A SCUOLA) ; RADIO FREQUENZE

6 LA RETE Wi Fi /3 I SISTEMI Wi-Fi SONO DISCIPLINATI DA APPOSITE NORMATIVE INTERNAZIONALI, CHE NORMANO IL LORO FUNZIONAMENTO E REGOLANO LE CARATTERISTRICHE TRASMISSIVE. IN PARTICOLARE PER QUANTO RIGUARDA L ITALIAE GLI ALTRI PAESI DELL UNIONE EUROPEA, LA NORMATIVA DI SETTORE ETS IMPONE UNA LIMITAZIONESULLA POTENZA DI EMISSIONE. PER LA BANDA DEI 2,4 GHz (STESSA TIPOLOGIA DI QUELLI NELLA SCUOLA) (SIA IN AMBIENTE INTERNO CHE ALL APERTO): POTENZA MASSIMA IRRADIATA (EIRP) = 100 milliwatt (PER LA BANDA DEI 5 GHz, INVECE POTENZA MAX = 200 milliwatt(indoor) POTENZA MAX = fino a 1 Watt (OUTDOOR)

7 LA RETE Wi Fi /4 CONSIDERATA LA LIMITATA POTENZA IMPOSTA DALLE NORMATIVE DEL SETTORE (< 100 mw), IL RAGGIO COPERTURA E LIMITATO A POCHE DECINE DI METRI; PERTANTO PER POTER COPRIRE AREE PIU VASTE, SI USANO IN GENERE PIU ACCESS POINT COLLEGATI TRA LORO. LE CELLE DI COPERTURA SONO SPESSO PARZIALMENTE SOVRAPPOSTE PER EVITARE BUCHI DI COPERTURA NEI CASI DI MOBILITA. TABLET PC PORTATILE ACCESS POINT 2 OVERLAPPING % ACCESS POINT 1 LAN SERVER La Modalità BRIDGE [Ponte] consente di non perdere la connessione con il terminale (tablet) in movimento. Tale modalità permette al tablet di avere a disposizione tutti gli accessi attivi, ma la connessione avviene di volta in volta solo con l AP più vicino che garantisce la migliore copertura del segnale.

8 LE CLASSI. LA RETE Wi Fi /5 ESISTONO VARIE CLASSI DI Wi-Fi CON PRESTAZIONI DIVERSE (standard IEEE ), LE PRINCIPALI SONO: CLASSE CLASSE b CLASSE g CLASSE n CLASSE ac VELOCITA TRASFERIMENTO DATI 11 Mb/s 54 Mb/s 450 Mb/s 3 Gb/s CERTIFICAZIONE UN DISPOSITIVO, ANCHE SE CONFORME ALLE SPECIFICHE DELLO STANDARD, NON PUO UTILIZZARE IL LOGO UFFICIALE SE NON HA SUPERATO LE PROCEDURE DI CERTIFICAZIONE STABILITE DAL CONSORZIO Wi-Fi ALLIANCE, CHE TESTA LA COMPATIBILITA DEI COMPONENTI CON GLI STANDARD IEEE LA PRESENZA DEL MARCHIO Wi-Fi SU UN DISPOSITIVO GARANTISCE QUINDI L INTEROPERATIVITA CON GLI ALTRI DISPOSITIVI CERTIFICATI, ANCHE SE PRODOTTI DA AZIENDE DIVERSE.

9 VANTAGGI. LA RETE Wi Fi /6 ELIMINAZIONE (O RIDUZIONE) DI CAVI DI RETE ETHERNET ACCESSO A INTERNET IN TUTTI GLI AMBIENTI ALL INTERNO DELL AREA DI COPERTURA; NAVIGAZIONE IN MOBILITA CON APPARATI MOBILI BUONA COPERTURA DEL SEGNALE CON BASSE POTENZE PREZZI CONTENUTI SVANTAGGI. TEMPO DI LATENZA LEGGERMENTE SUPERIORE RISPETTO ALLE RETI CABLATE; STABILITA DEL SERVIZIO NON SEMPRE GARANTITA; IL LIVELLO DEL SEGNALE PUO ESSERE DISTURBATO DA AGENTI ESTERNI; DIBATTITO IN CORSO SUGLI EFFETTI PRODOTTI DALLE ONDE (SIA DELL ACCESS POINT CHE DEI DISPOSITIVI PORTATILI)

10 QUADRO NORMATIVO LEGGE DEL 22 FEBBRAIO 2001 n. 36 LEGGE QUADRO SULLA PROTEZIONE DELLE ESPOSIZIONI A CAMPI ELETTRICI, MAGNETICI ED ELETROMAGNETICI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 luglio 2003 Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione dalle esposizioni dai campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici generati a frequenze comprese tra 100 khz e 300 GHz. (supera il DM n n 381/98 e linee applicative).

11 Limite di esposizione: Campo Elettrico (E): (DPCM 8 luglio 2003): 20 V/m (che non deve essere superato in alcuna condizione di esposizione della popolazione) Valore di attenzione e obiettivo di qualità: Campo Elettrico (E): 6 V/m [A titolo di misura di cautela per la protezione da possibili effetti a lungo termine eventualmente connessi con le esposizioni ai campi generati alle suddette frequenze all'interno di edifici adibiti a permanenze non inferiori a quattro ore giornaliere (quali abitazioni, alberghi, scuole ospedali, ecc. ) e loro pertinenze esterne( )].

12 LE MISURE

13 DETTAGLI DELLE MISURE EFFETTUATE Poiché la sorgente Wi-Fi (Access Point), non emette in modo continuativo, il campo elettrico generato dall impianto non è costante nel tempo, ma varia in funzione del traffico dati che deve gestire; da ciò ne deriva che il campo elettrico sarà più elevato quando l Access Point è collegato ad un terminale e quest ultimo è in modalità di scaricamento (download) di dati. Per tale ragione durante i rilievi, si è cercato di porsi cautelativamente nelle condizioni di maggior esposizione per gli utenti, ovvero collegando uno o più apparati (anche contemporaneamente) in modalità di download dati continuo, ovvero scaricando un video della durata di alcuni minuti, in modo da determinare un emissione continua mediante un flusso di dati costante e di durata significativa. Tale modalità si deve pertanto considerare come una forzatura delle normali e specifiche condizioni di funzionamento degli Access Point, soprattutto considerando la funzione principale per i quali questi AP sono stati installati all interno di strutture scolastiche; infatti, durante l uso di applicativi didattici, quali per esempio il Registro elettronico, il tempo in cui il dispositivo terminale è in modalità di scarico dati collegato all AP più vicino è senza dubbio molto più breve, rispetto all uso che ne è stato imposto durante lo svolgimento dei rilievi strumentali effettuati nella presente indagine.

14 AULA 10 AULA 11 ATRIO INGRESSO SEGRETERIA PUNTI DI MISURA ACCESS POINT

15 PUNTO A : LE MISURE. Nel CORRIDOIO tra le AULE n 10 e n 11 a una distanza di 50 cm dal muro, in prossimità dell ACCESS POINT (AP) e all altezza altezza di 1,50 m da terra. 2 MISURE (A1 A2): [A1] AP SPENTO: (fondo Elettromagnetico) E < 0,30 V/m * [* Inferiore alle sensibilità strumentale] AP ACCESO [A2] AP ACCESO (ma in ASSENZA di trasmissione dati nessun dispositivo collegato) : E = 0,17 V/m

16 PUNTO B : LE MISURE/ 2 Nel CORRIDOIO tra le AULE n 10 e n 11 a una distanza di 80 cm dal muro, in prossimità dell ACCESS POINT (AP) e all altezza altezza di 1,50 m da terra. 5 MISURE (B1 B2 B3 B4 B5): [B1] AP ACCESO (ma in ASSENZA di trasmissione dati nessun dispositivo collegato) : E = 0,61 V/m AP ACCESO (con TRASMISSIONE dati 3 TABLET in CORRIDOIO collegati ) : [B2] AP E = 0,69 V/m POSIZIONE TABLET

17 LE MISURE/ 3 sono stati ACCESI tutti e 4 gli ACCESS POINT (AP). [B3] : AP AP TUTTI ACCESI ACCESI (con TRASMISSIONE dati n 3 TABLET in CORRIDOIO collegati) : E = 0,67 V/m [B4] : AP AP TUTTI ACCESI ACCESI con TRASMISSIONE dati con 1 TABLET in CORRIDOIO + 1 TABLET dentro AULA TABLET dentro AULA 11 : tutti collegati. E = 1,03 V/m POSIZIONE TABLET [B5] : AP AP TUTTI ACCESI ACCESI con TRASMISSIONE dati con 1 TABLET dentro AULA TABLET dentro AULA 11 : tutti collegati. E = 0,86 V/m

18 PUNTI C e D (INTERNO LE MISURE/ 4 (INTERNO AULA n 10 ) Punto C: C CATTEDRA, all altezza altezza di 1,10 m da terra. AP TUTTI ACCESI ACCESI (con TRASMISSIONE dati n 1 TABLET sulla CATTEDRA collegato) : E < 0,15 V/m* [* Inferiore alle sensibilità strumentale] Punto D: VICINO ALLA PORTA, in prossimità dell AP, altezza di 1,50 m da terra. AP TUTTI ACCESI ACCESI (con TRASMISSIONE dati n 1 TABLET sulla CATTEDRA collegato) : E < 0,15 V/m* [* Inferiore alle sensibilità strumentale] POSIZIONE TABLET C C D

19 RIEPILOGO A CORRIDOIO, A 50 CM DALLA PARETE SU CUI E INSTALLATO L AP1 A1 - IMPIANTO SPENTO - CORRIDOIO, A 50 CM DALLA PARETE SU CUI E INSTALLATO L AP1 A2 - IMPIANTO ACCESO SOLO AP1 - SENZA TRASFERIMENTO DATI - A1 A2 E E= < 0,3 * 0,17 CORRIDOIO, A 80 CM DALLA PARETE SU CUI E INSTALLATO L AP1 B1 - IMPIANTO ACCESO - SOLO AP1 - - SENZA TRASFERIMENTO DATI - B1 E= 0,61 CORRIDOIO CORRIDOIO, A 80 CM DALLA PARETE SU CUI E INSTALLATO L AP1 B2 - IMPIANTO ACCESO - (SOLO AP1) - - CON TRASFERIMENTO DATI (3 TABLET IN CORRIDOIO) - B2 E= 0,69 B CORRIDOIO, A 80 CM DALLA PARETE SU CUI E INSTALLATO L AP1 B3 - IMPIANTO ACCESO - (TUTTI GLI AP) - - CON TRASFERIMENTO DATI (3 TABLET IN CORRIDOIO) - B3 E= 0,67 CORRIDOIO, A 80 CM DALLA PARETE SU CUI E INSTALLATO L AP1 B4 - IMPIANTO ACCESO - (TUTTI GLI AP) - - CON TRASFERIMENTO DATI - (2 TABLET NELLE AULE PIU VICINE + 1 TABLET IN CORRIDOIO) B4 E= 1,03 CORRIDOIO, A 80 CM DALLA PARETE SU CUI E INSTALLATO L AP1 B5- IMPIANTO ACCESO - (TUTTI GLI AP) - - CON TRASFERIMENTO DATI - (2 TABLET NELLE AULE PIU VICINE) B5 E= 0,86 AULA 10 C D INTERNO AULA 10 - ALL'ALTEZZA DELLA TESTA DELL UTENTE SEDUTO ALLA CATTEDRA - IMPIANTO ACCESO - (TUTTI GLI AP) - - CON TRASFERIMENTO DATI - (1 TABLET SULLA CATTEDRA) INTERNO AULA 10, A CIRCA 1 METRO DALLA PORTA D INGRESSO - IMPIANTO ACCESO - (TUTTI E 4 GLI AP) - - CON TRASFERIMENTO DATI (1 TABLET SULLA CATTEDRA) C D E E < 0,15 * < 0,15 * [* Inferiore alla sensibilità strumentale]

20 CONCLUSIONI. Tutti i valori rilevati sono risultati in generale, di modesta entità. In particolare: a impianto spento, il valore è risultato inferiore alla soglia di rilevabilità dello strumento, così come all interno della classe campione; a impianto acceso, quando veniva effettuato il trasferimento dati attraverso un tablet appoggiato sulla cattedra in modalità scarico dati continuo. Valori leggermente più alti (ma comunque ben inferiori al valore di attenzione) sono stati riscontrati quando la misurazione è stata effettuata in corridoio, in prossimità dell Access Point, e con 3 terminali attivi e in modalità scarico dati, 2 dei quali posizionati all interno delle aule. In questo modo, dovendo il segnale attraversare il muro divisorio tra corridoio e aula e garantire un ottimale servizio, l AP si trova nelle condizioni di maggior emissione in corrispondenza del corridoio. La stessa misurazione replicata però all interno delle classi, nelle stesse condizioni di funzionamento, ha invece evidenziato livelli di campo elettrico decisamente inferiori, al di sotto pure della soglia di rilevabilità strumentale, dovuto dall effetto schermante del muro divisorio.

21 CONCLUSIONI. Di conseguenza i livelli di esposizioni all interno nelle classi risultano, anche durante l utilizzo dei tablet, assenti o bassissime, decisamente inferiori ai limiti normativi Italiani e alle linee guida internazioni per l esposizione ai Campi Elettromagnetici. Benché in commercio vi siano diverse tipologie e modelli di impianti Wi-Fi, essi comunque rispondono tutti ai medesimi standard internazionali del settore e, come abbiamo visto prima hanno in generale caratteristiche emissive simili tra loro, e una limitata potenza di emissione imposta dalla normative tecniche di settore (pari a 100 mw ), che caratterizza TUTTI gli apparati Wi-Fi collocati in ambiente indoor. Pertanto, tale indagine,può essere considerata in generale, come un importante riferimento anche per altre situazioni di installazione di impianti Wi- Fi in ambiente scolastico. L installazione di questi impianti in postazioni non accessibili agli utenti (ad esempio sul soffitto di corridoi) assicura, in ogni condizione di utilizzo, un esposizione a livelli di campi elettromagnetici ampiamente inferiori ai valori di riferimento previsti dalla normativa vigente.

22 Per approfondimenti dettagli e per scaricare la relazione di misura: SITO Web di Arpa: GRAZIE PER L ATTENZIONE

MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI WI-FI

MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI WI-FI Sezione Provinciale di Bologna Servizio Sistemi Ambientali MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI WI-FI PRESSO L ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI MINERBIO (BO) SCUOLA MEDIA CAVOUR

Dettagli

Relazione Tecnica. INDAGINI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO (Wi-Fi) presso SEDE ISPRA di via Vitaliano Brancati 48

Relazione Tecnica. INDAGINI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO (Wi-Fi) presso SEDE ISPRA di via Vitaliano Brancati 48 Relazione Tecnica INDAGINI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO (Wi-Fi) presso SEDE ISPRA di via Vitaliano Brancati 48 ISPRA - Roma, 18 maggio 2010 SOMMARIO: : 1 PREMESSA 3 2 SITO OGGETTO DI INDAGINI 3 3 NORMATIVA

Dettagli

ROMA 29 30 Ottobre 2009

ROMA 29 30 Ottobre 2009 ROMA 29 30 Ottobre 2009 ESPOSIZIONE DA CAMPI ELETTROMAGNETICI DERIVANTI DA SISTEMI IN TECNOLOGIA WI -FI VALUTAZIONE TEORICA E MISURE PRESSO L URP L DEL COMUNE BOLOGNA Dott. Daniele Bontempelli - Ing. Giuseppe

Dettagli

Spett.li: Istituto Istruzione Superiore S. D Arzo Montecchio Emilia Dirigente Scolastico Rossana Rossi reis00400d@pec.istruzione.

Spett.li: Istituto Istruzione Superiore S. D Arzo Montecchio Emilia Dirigente Scolastico Rossana Rossi reis00400d@pec.istruzione. Sezione Provinciale di Reggio Emilia Via Amendola, 2-42122 Reggio Emilia Tel. 0522/336011 Fax 0522/330546 e-mail: urpre@arpa.emr.it pec: aoore@cert.arpa.emr.it http://www.arpa.emr.it/reggioemilia Pratica

Dettagli

WiFi: Connessione senza fili. di Andreas Zoeschg

WiFi: Connessione senza fili. di Andreas Zoeschg WiFi: Connessione senza fili di Andreas Zoeschg Introduzione Le tecnologie wireless risultano particolarmente adatte qualora sia necessario supportare la mobilità dei dispositivi utenti o per il deployment

Dettagli

PROGETTO 10.8.1.A1-FESRPON-SI-2015-348 WEB A PORTATA DI CLICK REALIZZAZIONE DELL'INFRASTRUTTURA E PUNTI DI ACCESSO ALLA RETE LAN/WLAN

PROGETTO 10.8.1.A1-FESRPON-SI-2015-348 WEB A PORTATA DI CLICK REALIZZAZIONE DELL'INFRASTRUTTURA E PUNTI DI ACCESSO ALLA RETE LAN/WLAN 1 MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA ISTITUTO COMPRENSWO DI ACQUEDOLCI Via A. Diaz, n. 66-98070 ACQUEDOLCI (ME) Cod. Fisc.: 95008820839-

Dettagli

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi rapporti tecnici 2008 Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi Giuseppe Anania Sezione provinciale Bologna Campi elettromagnetici INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. LO STANDARD

Dettagli

LA RETE CIVICA. Comune di Bari Sardo (OG) in collaborazione con Coinfas

LA RETE CIVICA. Comune di Bari Sardo (OG) in collaborazione con Coinfas LA RETE CIVICA Comune di Bari Sardo (OG) in collaborazione con Coinfas Scopo del progetto La Rete Civica è nata concettualmente per poter offrire connettività nei luoghi di riunione (Piazze, Vie Principali

Dettagli

Wireless LAN. Scritto da BigDaD

Wireless LAN. Scritto da BigDaD Una Wireless local area network, WLAN, è un sistema di comunicazione flessibile e implementabile nella sua estensione, o alternativo, ad una rete fissa (wired LAN). In una W-LAN viene utilizzata una tecnologia

Dettagli

RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI E SISTEMI WI-FI

RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI E SISTEMI WI-FI RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI E SISTEMI WI-FI PRINCIPALI FONTI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI: ELETTRODOTTI ELETTRODOMESTICI TELEFONIA MOBILE RETI DATI WIRELESS ANTENNE RADIO BC 1 IL CAMPO ELETTRICO È una

Dettagli

Il personale ARPA del Dipartimento Provinciale di Monza e Brianza ha effettuato, come da richiesta

Il personale ARPA del Dipartimento Provinciale di Monza e Brianza ha effettuato, come da richiesta Monza, 02 Dicembre 2014 Il personale ARPA del Dipartimento Provinciale di Monza e Brianza ha effettuato, come da richiesta (su segnalazione del 28/05/2014 rif. prot. 3588/Ap13) pervenuta alla scrivente

Dettagli

OGGETTO: misure di campo elettromagnetico effettuate presso la palazzina di via Bettolino Secondo,1 Caleppio di Settala (Milano).

OGGETTO: misure di campo elettromagnetico effettuate presso la palazzina di via Bettolino Secondo,1 Caleppio di Settala (Milano). Dipartimento Provinciale di Milano Sede di Milano Via Filippo Juvara, 22 20129 MILANO Tel. 0274872260/61 Fax 0270124857 U.O. Agenti Fisici Milano Prot. N. Da citare nella risposta Class. 3.3.5 Pratica

Dettagli

RETE REGIONALE MONITORAGGIO CAMPI ELETTROMAGNETICI - MODENA

RETE REGIONALE MONITORAGGIO CAMPI ELETTROMAGNETICI - MODENA Report Campagna di misura Abitazione Privata Via Mincio 243/1 Savignano sul Panaro 6 Settembre 16 Ottobre 2013 Le principali sorgenti di campo elettromagnetico ad alta frequenza presenti in questo sito

Dettagli

NUOVO CENTRO SPORTIVO Bologna Football Club 1909 S.p.a Comune di Granarolo Località Quarto Inferiore Via Prati

NUOVO CENTRO SPORTIVO Bologna Football Club 1909 S.p.a Comune di Granarolo Località Quarto Inferiore Via Prati 31 GENNAIO 2013 NUOVO CENTRO SPORTIVO Bologna Football Club 1909 S.p.a Comune di Granarolo Località Quarto Inferiore Via Prati ARPA Sezione Provinciale di Bologna Direttore Sezione - Dott.ssa M.Adelaide

Dettagli

MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA. Comune di: Pianoro (BO)

MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA. Comune di: Pianoro (BO) Sezione provinciale di Bologna Servizio Sistemi Ambientali Allegato 1: Verbale di Accertamento MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA Comune di: Pianoro (BO) Siti di misura: Via Padre Marella,

Dettagli

Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza

Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza Committente Comune di Figino Serenza Data e nome documento

Dettagli

Progetto Banda Larga con tecnologia. WiMax. nel Comune di Bentivoglio

Progetto Banda Larga con tecnologia. WiMax. nel Comune di Bentivoglio Progetto Banda Larga con tecnologia WiMax nel Comune di Bentivoglio Indice La copertura della banda larga... Specifiche di progetto per la copertura del territorio del Comune di Bentivoglio... Potenze

Dettagli

RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA STRETTA E LARGA effettuate nella città di POSITANO (SA)

RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA STRETTA E LARGA effettuate nella città di POSITANO (SA) RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA STRETTA E LARGA effettuate nella città di POSITANO (SA) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE 3 NORMATIVA VIGENTE 4 MISURE IN BANDA STRETTA 5 MISURE

Dettagli

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Quando si parla di inquinamento elettromagnetico o più comunemente elettrosmog ci si riferisce alle alterazioni del campo magnetico naturale generate

Dettagli

C O M U N E DI T I R I O L O Provincia di Catanzaro

C O M U N E DI T I R I O L O Provincia di Catanzaro C O M U N E DI T I R I O L O Provincia di Catanzaro Regolamento per l installazione, la modifica e l adeguamento delle stazioni radio base per la telefonia cellulare e servizi similari. Antenne emittenti

Dettagli

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici CITTA DI GIAVENO Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici Anno 2006 1 CAPPELLO La Città di Giaveno ha partecipato ad un protocollo d intesa

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2009 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO WI-FI CGIL

ATTUAZIONE DEL PROGETTO WI-FI CGIL Seminario Nazionale ATTUAZIONE DEL PROGETTO WI-FI CGIL 10 luglio 2009 Sala Fernando Santi - CGIL nazionale - Corso d Italia 25 - Roma PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Wi-Fi CGIL All interno del Progetto nazionale

Dettagli

PORTICI (NA) RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA LARGA effettuate IN QUOTA nella città di

PORTICI (NA) RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA LARGA effettuate IN QUOTA nella città di RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA LARGA effettuate IN QUOTA nella città di PORTICI (NA) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE 3 NORMATIVA VIGENTE 4 MISURE IN BANDA LARGA 5 COPIA DEI CERTIFICATI

Dettagli

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190 Allegato sub A alla delibera di C.C. n 64 del 23/12/2008 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2011 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale ARPAM di Ancona La rete di monitoraggio Il Comune

Dettagli

Radioprotezione in siti critici

Radioprotezione in siti critici Radioprotezione in siti critici 1 Valeria Petrini, Ph.D. Student DEIS/ARCES - Fondazione Ugo Bordoni valeria.petrini@unibo.it Legge quadro, 36/2001 2 Il quadro di riferimento italiano in materia di esposizione

Dettagli

RETE CIVICA PIEVENET Progetto completo di una rete WLAN in standard 802.11b-g di IW5CDF Perito Elettronico Guido Galletti

RETE CIVICA PIEVENET Progetto completo di una rete WLAN in standard 802.11b-g di IW5CDF Perito Elettronico Guido Galletti RETE CIVICA PIEVENET Progetto completo di una rete WLAN in standard 802.11b-g di IW5CDF Perito Elettronico Guido Galletti Premessa: Questo è il primo di una serie di articoli dedicati al WIFI. Si descrive

Dettagli

La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo

La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo Generalità sui campi elettromagnetici (CEM) Campi elettromagnetici naturali Campo elettrico Campo magnetico Campi elettromagnetici

Dettagli

NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO

NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO Anno 2014 Inquadramento del tema L esposizione a campi elettromagnetici (CEM) associata al rischio per la salute rappresenta una

Dettagli

MISURAZIONE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI DA STAZIONI RADIO BASE NEL COMUNE DI MONSUMMANO TERME

MISURAZIONE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI DA STAZIONI RADIO BASE NEL COMUNE DI MONSUMMANO TERME MISURAZIONE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI DA STAZIONI RADIO BASE NEL COMUNE DI MONSUMMANO TERME Oggetto: SRB c/o stadio Richiedente: Comune di Monsummano Terme (PT) Scandicci, 30 novembre 2012 Il Tecnico

Dettagli

Focus su Inquinamento elettromagnetico e ambiente urbano. S. Curcuruto, M. Logorelli Servizio Agenti Fisici - ISPRA

Focus su Inquinamento elettromagnetico e ambiente urbano. S. Curcuruto, M. Logorelli Servizio Agenti Fisici - ISPRA Focus su Inquinamento elettromagnetico e ambiente urbano S. Curcuruto, M. Logorelli Servizio Agenti Fisici - ISPRA Argomento Focus È stata focalizzata l attenzione su un tema molto attuale che riguarda

Dettagli

Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB

Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB ArpaInforma iniziative di informazione alla popolazione e di supporto tecnico agli Enti locali Comune di Scandiano Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB Maurizio Poli, Paolo Zanichelli

Dettagli

Manuale Intel su reti Wireless

Manuale Intel su reti Wireless Manuale Intel su reti Wireless Una rete basata su cavi non e sempre la soluzione piu pratica, spesso una connettivita wireless risolve i problemi legati alla mobilita ed alla flessibilita che richiediamo

Dettagli

INTERNET WIRELESS VELOCE

INTERNET WIRELESS VELOCE INTERNET WIRELESS VELOCE EOLO porta internet a banda ultra-larga ovunque, senza fili né contratto telefonico, anche dove gli altri non arrivano. Con EOLO navighi veloce, senza complicazioni e senza sorprese.

Dettagli

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004 Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli impianti radiobase per telefonia mobile e per teleradiocomunicazioni per la diffusione di segnali radio e televisivi. Regolamento Approvato

Dettagli

Normativa di riferimento per installazioni di reti di trasporto Wireless e Access Point Wi-Fi

Normativa di riferimento per installazioni di reti di trasporto Wireless e Access Point Wi-Fi Normativa di riferimento per installazioni di reti di trasporto Wireless e Access Point Wi-Fi In collaborazione con: ARPA PIEMONTE Dipartimento Tematico Radiazioni, Radiazioni Non Ionizzanti DIREZIONE

Dettagli

Linux Day 2003 Pignataro Maggiore (Ce) http://wifice.altervista.org. http://www.81100.org

Linux Day 2003 Pignataro Maggiore (Ce) http://wifice.altervista.org. http://www.81100.org Linux Day 2003 Pignataro Maggiore (Ce) Wifi Ce Projet http://wifice.altervista.org Hackaserta http://www.81100.org Wireless: cos'e? Ogni giorno utilizziamo apparecchi wireless: telefonini, walkie-talkie,

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Premessa Il presente schema di Regolamento verrà sottoposto all approvazione del Consiglio Comunale,

Dettagli

Campi Elettromagnetici in Alta Frequenza. Sorgenti, Misure, Effetti, Normativa

Campi Elettromagnetici in Alta Frequenza. Sorgenti, Misure, Effetti, Normativa Campi Elettromagnetici in Alta Frequenza Sorgenti, Misure, Effetti, Normativa Campi elettromagnetici ad alta frequenza I campi elettromagnetici non ionizzanti (sorgenti NIR) hanno una banda compresa tra

Dettagli

Progetto per la realizzazione di infrastruttura rete Internet a Larga Banda su tecnologia Wireless

Progetto per la realizzazione di infrastruttura rete Internet a Larga Banda su tecnologia Wireless Progetto per la realizzazione di infrastruttura rete Internet a Larga Banda su tecnologia Wireless la soluzione adsl wireless alla portata di tutti Premessa A seguito del recentissimo Decreto Legge che

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 3 Giovedì 12-03-2015 Reti a commutazione di pacchetto datagram Le reti a commutazione

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Via Cristoforo Colombo, 106 60127 ANCONA Cod. Fisc./P. IVA 01588450427 TEL. 071/28732.720 /29 - FAX 071/28732.721 e-mail: radiazioni.rumorean@ambiente.marche.it RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO

Dettagli

Wireless Internet Banda Larga

Wireless Internet Banda Larga Wireless Internet Banda Larga SERVIZI FORNITI DA ROMAGNA RIPETITORI Romagna Ripetitori Srl Via Lasie 10/L - Imola (BO) www.romagnaripetitori.it info@romagnaripetitori.it Tel. 0542.066536 Fax. 051.3764109

Dettagli

Soluzione per reti WI FI

Soluzione per reti WI FI Soluzione per reti WI FI GREEN SAT HOT SPOT GATEWAY WI FI GATEWAY WI FI Multi WAN ACESS POINT Single e Dual band Outdoor Wired/Wireless Wall Switch. Le caratteristiche tecniche fondamentali che deve avere

Dettagli

La gestione dell impatto sociale a ambientale dei campi elettromagnetici in Italia

La gestione dell impatto sociale a ambientale dei campi elettromagnetici in Italia Roma, 14 dicembre 2006 La gestione dell impatto sociale a ambientale dei campi elettromagnetici in Italia Mario Frullone Fondazione Ugo Bordoni Le onde della comunicazione Ambiente, Salute, Informazione:

Dettagli

Servizi di connessione alla Rete Telematica Regionale Toscana estesa tramite connessione satellitare bidirezionale. Questionario Tecnico

Servizi di connessione alla Rete Telematica Regionale Toscana estesa tramite connessione satellitare bidirezionale. Questionario Tecnico Servizi di connessione alla Rete Telematica Regionale Toscana estesa tramite connessione satellitare bidirezionale Questionario Tecnico Gentile responsabile, La ringraziamo per il Suo interesse nei servizi

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Istituto Omnicomprensivo "Mameli-Magnini" Via Tiberina 163-06053 DERUTA (Perugia) - Tel. 0759728682 e-mail: pgic82700v@istruzione.it pgic82700v@pec.istruzione.it sito web: http://www.omnicomprensivoderuta.gov.it

Dettagli

Controllo ambientale degli agenti fisici: nuove prospettive e problematiche emergenti - Vercelli, 24-27 marzo 2009

Controllo ambientale degli agenti fisici: nuove prospettive e problematiche emergenti - Vercelli, 24-27 marzo 2009 Controllo ambientale degli agenti fisici: nuove prospettive e problematiche emergenti - Vercelli, 24-27 marzo 2009 Rassegna normativa nazionale e regionale sulle reti radio digitali di nuova generazione

Dettagli

Introduzione al catasto

Introduzione al catasto Introduzione al catasto Angela Alberici ARPA Lombardia CASTEL Catasto Informatizzato degli Impianti di Telecomunicazione e Radiotelevisione Sala Riunioni 1 - XXVI piano Palazzo Pirelli Via Fabio Filzi,

Dettagli

Realizzazione, ampliamento o adeguamento delle infrastrutture di rete LAN/WLAN

Realizzazione, ampliamento o adeguamento delle infrastrutture di rete LAN/WLAN Progetto Scuola Digitale PON Per la scuola - Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) Realizzazione, ampliamento o adeguamento delle infrastrutture di rete LAN/WLAN Introduzione Dal giorno 7 Settembre

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DELLA PROVINCIA DI ANCONA RAPPORTO ANNO 2004 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale ARPAM di Ancona La rete di monitoraggio

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni Ambientali RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL ATTUAZIONIONE DELLA LEGGE QUADRO N. 36 DEL 22 FEBBRAIO 2001

Dettagli

ADSLSUBITO.IT. WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it. Documentazione tecnica

ADSLSUBITO.IT. WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it. Documentazione tecnica ADSLSUBITO.IT WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it Documentazione tecnica Progetto per la realizzazione di infrastruttura rete Internet a Larga Banda su tecnologia Wireless nei piccoli Comuni.

Dettagli

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare CAPO 1 PREMESSA Art. 1 Oggetto 1) Il presente regolamento

Dettagli

TzxÇé t exz ÉÇtÄx ÑxÜ Ät cüéàxé ÉÇx wxääëtåu xçàx wxä YÜ âä ixçxé t Z âä t

TzxÇé t exz ÉÇtÄx ÑxÜ Ät cüéàxé ÉÇx wxääëtåu xçàx wxä YÜ âä ixçxé t Z âä t TzxÇé t exz ÉÇtÄx ÑxÜ Ät cüéàxé ÉÇx wxääëtåu xçàx wxä YÜ âä ixçxé t Z âä t PROCEDURA PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI LIMITI DI LEGGE DI CUI AL DPCM 08.07.03 A SEGUITO DELL ATTIVAZIONE DI IMPIANTO PER

Dettagli

Progetto per la realizzazione di infrastrutture di rete in Banda Larga con tecnologia Hiperlink/Wireless

Progetto per la realizzazione di infrastrutture di rete in Banda Larga con tecnologia Hiperlink/Wireless Progetto per la realizzazione di infrastrutture di rete in Banda Larga con tecnologia Hiperlink/Wireless La soluzione wdsl wireless alla portata di tutti 1 Premessa A seguito del recentissimo Decreto Legge

Dettagli

Università degli Studi di Milano - Bicocca Piazza dell'ateneo Nuovo, 1 20126, Milano

Università degli Studi di Milano - Bicocca Piazza dell'ateneo Nuovo, 1 20126, Milano Dipartimento Provinciale di Milano U.O. Agenti Fisici Via Juvara, 22-20129 MILANO Tel. 02.74872261 Fax 02.70124857 Milano, 10 marzo 2009 Prot. N 32013 TIT. 3.3.4 Alla cortese attenzione del Chiar.mo Rettore

Dettagli

L esperienza del Friuli Venezia Giulia

L esperienza del Friuli Venezia Giulia L esperienza del Friuli Venezia Giulia Agenzia Regionale per la Protezione dell'ambiente CATASTO REGIONALE DELLE SORGENTI FISSE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI E RADIOTELEVISIVI, CON

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Giovedì 22-05-2014 1 Reti wireless Una

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Ettore Majorana Via Baracca, 80 10095 - Grugliasco ( TO ) - tel. +39 011 4113334 csas@itismajo.it

Istituto Tecnico Industriale Ettore Majorana Via Baracca, 80 10095 - Grugliasco ( TO ) - tel. +39 011 4113334 csas@itismajo.it Istituto Tecnico Industriale Ettore Majorana Via Baracca, 80 10095 - Grugliasco ( TO ) - tel. +39 011 4113334 csas@itismajo.it Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Rete di Istituto Nell ambito

Dettagli

MY HOME CONTROLLO LE NOVITÀ. F444 Modem Router ADSL per guida DIN

MY HOME CONTROLLO LE NOVITÀ. F444 Modem Router ADSL per guida DIN MY HOME CONTROLLO LE NOVITÀ F444 Modem Router ADSL per guida DIN MHSERVER2 WEB Server 2 fili di controllo e supervisione audio/video e di sistemi SCS MY HOME MH300 Modem Router ADSL WiFi 298 MY HOME INDICE

Dettagli

Dipartimento risorse Tecnologiche Servizi Delegati. U.O. Servizi di Telecomunicazione

Dipartimento risorse Tecnologiche Servizi Delegati. U.O. Servizi di Telecomunicazione Dipartimento risorse Tecnologiche Servizi Delegati U.O. Servizi di Telecomunicazione PROGETTO ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2013 MANUALE DI ISTRUZIONI DEGLI ADDETTI ALL UTILIZZO DEI COLLEGAMENTI DELLA RETE DATI

Dettagli

Relazione tecnica n. 07_187_RF del 20/11/2007

Relazione tecnica n. 07_187_RF del 20/11/2007 CENTRO REGIONALE PER LE RADIAZIONI IONIZZANTI E NON IONIZZANTI Struttura Semplice 21.03 Radiazioni Non Ionizzanti Misura di campi elettrici e magnetici ELF Cabina elettrica di trasformazione MT/BT Via

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI LOCALIZZAZIONE DELL'EMITTENZA RADIO-TELEVISIVA Scheda di identificazione dei siti esistenti

PIANO PROVINCIALE DI LOCALIZZAZIONE DELL'EMITTENZA RADIO-TELEVISIVA Scheda di identificazione dei siti esistenti PIANO PROVINCIALE DI LOCALIZZAZIONE DELL'EMITTENZA RADIO-TELEVISIVA Scheda di identificazione dei siti esistenti Sito n. 007-03 Nome MONTE CAVALLO 1 Comune di Località Indirizzo CESENA MONTE CAVALLO Tipologia

Dettagli

Trentino in Rete. Trentini connessi. PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Reti e Telecomunicazioni

Trentino in Rete. Trentini connessi. PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Reti e Telecomunicazioni Trentino in Rete Trentini connessi PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Reti e Telecomunicazioni Trentino in Rete vuol dire Internet ad alta velocità in tutta la provincia per allargare conoscenze ed

Dettagli

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili!

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili! Capitolo 6 Wireless LAN: via i fili! Spesso la realizzazione di una rete impone maggiori problemi nella realizzazione fisica che in quella progettuale: il passaggio dei cavi all interno di apposite guide

Dettagli

Regione Emilia Romagna Provincia di Bologna Comune di Bologna

Regione Emilia Romagna Provincia di Bologna Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Provincia di Bologna Comune di Bologna Calcolo dei valori previsionali del campo elettrico del campo elettromagnetico e valutazione delle DPA delle cabine elettriche e dei cavidotti

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

Le grosse elettrocalamite per il sollevamento o la cernita di materiali ferrosi rientrano tra le sorgenti pericolose?

Le grosse elettrocalamite per il sollevamento o la cernita di materiali ferrosi rientrano tra le sorgenti pericolose? Un antenna WiFi posizionata nella tromba delle scale, che quindi fornisce il segnale a più piani, può causare danni alle persone e in particolare ai bambini? Non ci sono evidenze scientifiche di danni

Dettagli

FRITZ!WLAN Repeater 300E. Come estendere la copertura della rete Wi-Fi

FRITZ!WLAN Repeater 300E. Come estendere la copertura della rete Wi-Fi Come estendere la copertura della rete Wi-Fi 1 Introduzione La crescente diffusione di dispositivi portatili per il collegamento ad Internet ha reso la connettività senza fili una caratteristica imprescindibile

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL REGOLAMENTO. 1. Con il presente regolamento, con riferimento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI PROTOCOLLO D INTESA TRA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI Per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti di stazioni radio base Vista la legge del 22 febbraio

Dettagli

Campi elettromagnetici Elektromagnetische Felder

Campi elettromagnetici Elektromagnetische Felder Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica Campi elettromagnetici Elektromagnetische

Dettagli

CHECK LIST CAMPI ELETTROMAGNETICI

CHECK LIST CAMPI ELETTROMAGNETICI CHECK LIST CAMPI ELETTROMAGNETICI 1. ALTA FREQUENZA Macchinari e/o dispositivi in grado di emettere campi elettromagnetici con frequenze naturali da 100 khz a 40 GHz. Viene condotta una singola misura

Dettagli

COMUNE DI ANDRIA --o0o--

COMUNE DI ANDRIA --o0o-- COMUNE DI ANDRIA --o0o-- Regolamento per l installazione la modifica e l adeguamento delle stazioni radio base per la telefonia cellulare e servizi similari. Antenne emittenti radiotelevisive Art. 1 Applicazione

Dettagli

GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE MONTEGRANARO

GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE MONTEGRANARO GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE MONTEGRANARO All Ill.mo Sig. Sindaco della Città di Montegranaro All Ill.mo Sig. Presidente del Consiglio Comunale di Montegranaro e, p.c. Ai Capigruppo Consiliari

Dettagli

MANUALE PER L INSTALLAZIONE

MANUALE PER L INSTALLAZIONE MANUALE PER L INSTALLAZIONE INTRODUZIONE Vi ringraziamo per aver scelto Internet WiFiTek, la soluzione professionale per offrire internet al pubblico. Il servizio comprende l invio, in comodato d uso gratuito,

Dettagli

Riscontri a richieste di chiarimento/informazioni pervenute alla data del 31 marzo 2011 sulla proceduta di gara sopra indicata

Riscontri a richieste di chiarimento/informazioni pervenute alla data del 31 marzo 2011 sulla proceduta di gara sopra indicata Riscontri a richieste di chiarimento/informazioni pervenute alla data del 31 marzo 2011 sulla proceduta di gara sopra indicata Le risposte sono riportate di seguito a ciascun quesito QUESITI RELATIVI AL

Dettagli

Lo scopo del presente progetto è quello definire l architettura di una rete che consenta l accesso ai servizi

Lo scopo del presente progetto è quello definire l architettura di una rete che consenta l accesso ai servizi DESCRIZIONE DEL PROGETTO Lo scopo del presente progetto è quello definire l architettura di una rete che consenta l accesso ai servizi on-line, al materiale didattico ed a tutti i nuovi servizi per la

Dettagli

Misure di compatibilità elettromagnetica (EMC: ElectroMagnetic Compatibility)

Misure di compatibilità elettromagnetica (EMC: ElectroMagnetic Compatibility) Misure di compatibilità elettromagnetica (EMC: ElectroMagnetic Compatibility) Compatibilità Elettromagnetica sta ad indicare l idoneità di un apparecchio o di un sistema a funzionare nel proprio campo

Dettagli

Impianti telefonici interni (Scheda) IMPIANTI TELEFONICI INTERNI. Ultimo aggiornamento: 1 apr. 2008

Impianti telefonici interni (Scheda) IMPIANTI TELEFONICI INTERNI. Ultimo aggiornamento: 1 apr. 2008 IMPIANTI TELEFONICI INTERNI Sistema di alimentazione: Le società telefoniche, con le quali occorre prendere accordi, forniscono un armadietto unificato (420x140x70 mm) con sportello a serratura, per la

Dettagli

RELAZIONE TECNICA CAMPAGNA DI MISURA DI CAMPO ELETTROMAGNETICO. Comune di Bassano del Grappa (VI)

RELAZIONE TECNICA CAMPAGNA DI MISURA DI CAMPO ELETTROMAGNETICO. Comune di Bassano del Grappa (VI) Ing. Gian Luca Passarini Via Daniele Manin, 20 36061 Bassano del Grappa RELAZIONE TECNICA CAMPAGNA DI MISURA DI CAMPO ELETTROMAGNETICO Comune di Bassano del Grappa Caratteristiche della campagna di misura

Dettagli

Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione.

Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione. Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione. L evoluzione delle tecnologie informatiche negli ultimi decenni ha contribuito in maniera decisiva allo sviluppo del mondo aziendale, facendo

Dettagli

RILEVAZIONE DI IMPATTO ELETTROMAGNETICO

RILEVAZIONE DI IMPATTO ELETTROMAGNETICO RILEVAZIONE DI IMPATTO ELETTROMAGNETICO Committente: Comune di CASTELLABATE Periodo: 10/12/2009 14/06/2011 Sorgente dell emissione radioelettrica: Sistemi di telecomunicazione a Radio Frequenza per telefonia

Dettagli

1 NO 1 NO 1 NO Corrente nominale/max corrente istantanea A

1 NO 1 NO 1 NO Corrente nominale/max corrente istantanea A Serie - Rilevatore di movimento e di presenza 10 A SERIE Caratteristiche.41.51.61 Rilevatore di movimento e di presenza Ampia area di copertura fino a 120m 2 Due aree di rilevamento (tipo.51): zona presenza

Dettagli

I SISTEMI WI-FI, CONSIDERAZIONI IN MERITO AGLI EFFETTI SULLA SALUTE E CONSIGLI PER UN CORRETTO USO. Maria Grazia Petronio* e Giulia Tarrini

I SISTEMI WI-FI, CONSIDERAZIONI IN MERITO AGLI EFFETTI SULLA SALUTE E CONSIGLI PER UN CORRETTO USO. Maria Grazia Petronio* e Giulia Tarrini I SISTEMI WI-FI, CONSIDERAZIONI IN MERITO AGLI EFFETTI SULLA SALUTE E CONSIGLI PER UN CORRETTO USO Maria Grazia Petronio* e Giulia Tarrini Premessa L accesso ad internet è diventato ormai una priorità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE (Approvato con D.C. n 32 del 19/09/2001 e modificato con D.C. n 06del 16/01/2014) Testo unico coordinato Oggetto: Regolamento Telefonia Mobile La commissione tecnica,

Dettagli

Anno 1. ELETTROSMOG ( Inquinamento elettromagnetico )

Anno 1. ELETTROSMOG ( Inquinamento elettromagnetico ) Anno 1 ELETTROSMOG ( Inquinamento elettromagnetico ) Dispense preparate da : Tiziano Guerzoni In collaborazione con Sergio Berti ORGANIZZAZIONE DELLE DISPENSE Basi propedeutiche Effetti 1 BASI PROPEDEUTICHE

Dettagli

EDILIZIA, descrizione del servizio "Verifica obiettivo di qualità di campo magnetico"

EDILIZIA, descrizione del servizio Verifica obiettivo di qualità di campo magnetico EDILIZIA, descrizione del servizio "Verifica obiettivo di qualità di campo magnetico" Il servizio "Verifica obiettivo di qualità di campo magnetico" (detto anche analisi di impatto magnetico o elettromagnetico)

Dettagli

INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Programma Regionale I.N.F.E.A. Informazione Formazione ed Educazione Ambientale PROGETTO GEO Sensibilizzazione alla sostenibilità ambientale INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Dott. A.Zari - Dipartimento A.R.P.A.T.

Dettagli

capitolo CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON LE CONDIZIONI AMBIENTALI

capitolo CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON LE CONDIZIONI AMBIENTALI capitolo 16 CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON LE CONDIZIONI AMBIENTALI 16. CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON 16.1 Stazioni radiobase (SRB)...250 16.2 Impianti radiotelevisivi (RTV)...251 16.3 Le reti di trasmissione

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Martedì 26-05-2015 1 Confronto tra switch

Dettagli

Liceo Scientifico Statale R.L. Satriani di Petilia Policastro (KR)

Liceo Scientifico Statale R.L. Satriani di Petilia Policastro (KR) Liceo Scientifico Statale R.L. Satriani di Petilia Policastro (KR) Progetto Nazionale SeT progetto nazionale per l educazione scientifica e tecnologica - Annualità 2004 Monitoriamo l ambiente del Parco

Dettagli

Tecnologia wireless (solo su alcuni modelli)

Tecnologia wireless (solo su alcuni modelli) Tecnologia wireless (solo su alcuni modelli) Guida per l'utente Copyright 2007 Hewlett-Packard Development Company, L.P. Windows è un marchio registrato negli Stati Uniti di Microsoft Corporation. Bluetooth

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000

SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000 SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000 1. INTRODUZIONE La grande proliferazione delle potenziali sorgenti di inquinamento elettromagnetico (stazioni radio-televisive,

Dettagli

SCUOLA PER L AMBIENTE Seminario specialistico per gli Enti Locali

SCUOLA PER L AMBIENTE Seminario specialistico per gli Enti Locali SCUOLA PER L AMBIENTE Seminario specialistico per gli Enti Locali Impianti fissi per le telecomunicazioni: stazioni per la telefonia mobile, per la radio e la televisione Il quadro delle competenze, le

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNE DI CANDIANA PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI

REGOLAMENTO COMUNE DI CANDIANA PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI COMUNE DI CANDIANA Provincia di Padova REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI in applicazione dell art. 8, comma

Dettagli

ADSLSUBITO.IT. WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it. Documentazione tecnica

ADSLSUBITO.IT. WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it. Documentazione tecnica WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it Documentazione tecnica Broadband immediata nei Comuni medio/piccoli Decreto Ministero delle Telecomunicazioni 4 Ottobre 2005 DECRETO LANDOLFI : BANDA LARGA

Dettagli