Lo Sport come strumento per la realizzazione degli obiettivi del Millennio dell onu

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo Sport come strumento per la realizzazione degli obiettivi del Millennio dell onu"

Transcript

1 Sport e Diritti Umani 249 Capitolo quarto Lo Sport come strumento per la realizzazione degli obiettivi del Millennio dell onu Jacopo Tognon ed Elisabetta Biviano Nel corso del Vertice del Millennio, convocato dalle Nazioni Unite, nel settembre del 2000 sono stati stabiliti i Millennium Development Goals (MDGs). Gli obiettivi del Millennio comprendono una vasta gamma di impegni ovvero: sradicare la povertà estrema e la fame, raggiungere l istruzione primaria universale, promuovere la parità dei sessi e l autonomia delle donne, ridurre la mortalità infantile, migliorare la salute materna, combattere l HIV/AIDS, la malaria ed altre malattie, garantire la sostenibilità ambientale, sviluppare una partenariato mondiale per lo sviluppo. Durante lo svolgimento del Vertice, i Paesi hanno fissato il entro il 2015 il termine per il raggiungimento di tali obiettivi. Lo sport è stato riconosciuto come strumento per il raggiungimento di tali obiettivi. Già a partire dal 1993, l Assemblea Generale dell ONU ha dichiarato la sua volontà nell adottare lo sport come veicolo per un cambiamento sociale positivo 1. Successivamente all adozione della Dichiarazione del Millennio nel 2000, venne istituito un gruppo di lavoro in seno alle Nazioni Unite sullo sport per lo sviluppo e la pace al fine di proporre attività che potessero includere lo sport all interno del sistema dell ONU. Dal 2003, l Assemblea Generale dell ONU adotta annualmente una risoluzione sul tema dello sport come strumento per promuovere l educazione, la salute, lo sviluppo e la pace 2. 1 UN, Risoluzione 48/11 del 25 Ottobre 1993 Building a peaceful and better world through sport and the olympic ideal 2 UN, Risoluzione 58/5 del 3 Novembre 2003, 59/10 del 27 ottobre 2004, 60/9 del 3 novembre 2005, 61/10 del 3 novembre 2006, 62/271 del 23 luglio 2008, e 65/4 del 18 Ottobre 2010.

2 250 Sport, Unione Europea e Diritti Umani Con la Risoluzione 63/135 dell 11 dicembre 2008, l Assemblea generale stabilì definitivamente l ingresso dell Agenzia dello Sport per lo Sviluppo e la Pace all interno del programma MDGs 3. Il documento mostra il suo sostegno alla possibilità per lo sport di raggiungere gli Obiettivi del Millennio, in particolare come mezzo per l educazione, la pace, la promozione della cooperazione, la solidarietà, lo sviluppo e la salute. L 8 maggio 2009 si tenne, presso il Museo Olimpico di Losanna, il primo Forum Internazionale sullo sport, la pace e lo sviluppo. Il tema centrale di tale iniziativa era quello di capire in che modo lo sport possa contribuire alla pace e allo sviluppo, in relazione agli Obiettivi del Millennio. Il forum ha visto la partecipazione di oltre 250 rappresentanti del Movimento Olimpico, delle Nazioni Unite e del mondo accademico, che hanno cercato di trovare soluzioni al fine di applicare l influenza dello sport al raggiungimento degli obiettivi del Millennio. A chiusura dei lavori è stata adottata all unanimità una serie di raccomandazioni che evidenziano il ruolo dello sport come strumento di peace building e la possibilità per il Movimento Olimpico di creare dei programmi per superare le sfide che il mondo si trova a fronteggiare. Due anni dopo la prima edizione, il 10 Maggio 2011 si è tenuto a Ginevra, il secondo Forum sullo Sport per la Pace e lo Sviluppo. In tale occasione sono state esaminate le attività messe in atto per promuovere lo sport come strumento umanitario e sociale di inclusione e cooperazione. L evento è stato presieduto da Jacques Rogge, Presidente del CIO e da Wilfrid Lemke, Consigliere speciale del Segretario Generale sullo Sport per lo 3 UN, Risoluzione 63/135 del 11 dicembre 2008: Welcomes the Secretary-General s decision to renew the mandate of a Special Adviser to the Secretary-General on Sport for Development and Peace and to incorporate the Sport for Development and Peace International Working Group into the United Nations system under the leadership of the Special Adviser; Invites Member States, the organizations of the United Nations system, including their governing bodies, international peacekeeping missions, sport-related organizations, athletes, the media, civil society and the private sector to collaborate with the United Nations Office of Sport for Development and Peace to promote greater awareness and action to foster peace and accelerate the attainment of the Millennium Development Goals through sport-based initiatives and promote the integration of sport for development and peace in the development agenda, by working along the following principles, adapted from the United Nations Action.

3 Sport e Diritti Umani 251 sviluppo e la pace e hanno partecipato personalità del movimento olimpico, dei governi nazionali, di ONG e del mondo accademico 4. A conclusione dei lavori è stata adottata una raccomandazione ove si invitano il Movimento Olimpico, l ONU, i governi, la società civile a rafforzare il partenariato per rafforzare l adozione dello sport come strumento politico per la costruzione della pace e il raggiungimento dello sviluppo umano. La raccomandazione incoraggia i governi ad aumentare il loro sostegno allo sport per tutti e chiede alle Nazioni Unite di adottare l accesso allo sport e all educazione fisica come indicatore negli indici di sviluppo umano, sottolinea la necessità di una più stretta collaborazione tra tutti gli attori per la costruzione di una strategia comune, invita le Federazioni Sportive Internazionali ad organizzare eventi sportivi nei Paesi emergenti che possono contribuire alla costruzione di uno sviluppo sostenibile, chiedono agli Stati membri dell ONU di cooperare con il CIO nel suo sforzo per promuovere la Tregua Olimpica durante i Giochi Olimpici di Londra 2012 e di perseguire pacificamente la soluzione delle controversie internazionali in conformità alla Carta delle Nazioni Unite. Lo sport avrebbe dunque un ruolo importante nel raggiungimento degli otto Obiettivi del Millennio. Secondo l ONU lo sport sarebbe in grado di apportare un considerevole contributo all attuazione degli obiettivi che meritano di essere ricordati. 1) Eliminare la povertà estrema e la fame Partecipanti, volontari e allenatori possono acquisire competenze che aumentano la possibilità di trovare occupazione. Le persone vulnerabili possono essere supportate e aiutate, grazie a programmi di sensibilizzazione connessi allo sport, i programmi e le attrezzature sportive possono creare occupazione e sviluppo delle competenze; attraverso lo sport si possono poi prevenire lo sviluppo di malattie che impediscono alle persone di poter svolgere un lavoro imponendo dei gravi costi sanitari sulla comunità, infine lo sport aiuta ad 4 Anche il Centro Diritti Umani dell Università di Padova ha partecipato all evento in qualità di osservatore proveniente dal mondo accademico con la presenza presso la sede delle Nazioni Unite a Ginevra di Jacopo Tognon

4 252 Sport, Unione Europea e Diritti Umani aumentare l autostima, la fiducia in se stessi, lo sviluppo della propria personalità, aumentando la possibilità di occupazione. 2) Raggiungere l istruzione primaria universale Lo sport all interno del programma scolastico può motivare i ragazzi ad iscriversi e frequentare la scuola e può contribuire a migliorare i risultati accademici. Inoltre i programmi di educazione basati sullo sport possono fornire l opportunità per raggiungere un educazione alternativa per i bambini che non possono frequentare la scuola. Infine lo sport aiuta ad eliminare qualunque forma di discriminazione che allontana i bambini con disabilità a frequentare la scuola. 3) Promuovere l uguaglianza di genere e l autonomia delle donne Lo sport aiuta le donne a migliorare la loro salute fisica e mentale, offrendo loro la possibilità di interazione sociale e di amicizia. Lo svolgimento dell attività sportiva, inoltre, permette di aumentare una maggiore autostima, fiducia in se stessi e controllo del proprio corpo; inoltre lo sport può condurre giovani ragazze e donne ad avere accesso ad esperienze e opportunità di leadership, tali da comportare cambiamenti positivi e ottenere maggiore soddisfazione. Infine donne e ragazze con disabilità possono acquisire informazioni di loro interesse e fare diverse esperienze. 4) Ridurre la mortalità infantile Lo sport può essere d aiuto per fornire informazioni sanitarie alle giovani madri, aumentare la forma fisica per migliorare la resistenza dei bambini in alcune malattie, ridurre il tasso di gravidanza in adolescenti ad alto rischio. Lo sport attraverso campagne di prevenzione può aiutare a ridurre la mortalità infantile, contro morbillo, malaria e poliomielite. Infine lo sport potrà ridurre la possibilità di infanticidio, promuovendo una maggiore accettazione dei bambini con disabilità.

5 Sport e Diritti Umani 253 5) Migliorare la salute materna I programmi per la salute fisica offrono alle ragazze e alle donne la possibilità di conoscere le informazioni sulla salute riproduttiva e sui servizi in merito; inoltre lo svolgimento di attività motoria contribuisca ad accelerare il recupero dopo il parto. 6) Combattere l HIV e l AIDS, la malaria e altre malattie Lo sport può essere utilizzato per aumentare l integrazione sociale ed economica delle persone affette dal virus dell HIV/AIDS; inoltre attraverso lo sport si possono allontanare dei comportamenti a rischio che contribuiscono alla diffusione dell HIV, sarà possibile mettere in atto un programma di prevenzione fornendo istruzione e le informazioni necessarie per la propria salute fisica, lo sport può inoltre essere utilizzato per aumentare il tasso di vaccinazione contro morbillo e poliomielite, infine il coinvolgimento di atleti famosi può aumentare l impatto delle campagne di prevenzione contro malattie come malaria e tubercolosi. 7) Assicurare la sostenibilità ambientale Lo sport, attraverso campagne di educazione, può sensibilizzare l opinione pubblica sull importanza della tutela dell ambiente e della sostenibilità; inoltre attraverso la mobilitazione sociale può ottenere la partecipazione della comunità al miglioramento dell ambiente. 8) Sviluppare un partenariato globale per lo sviluppo Lo sport per lo sviluppo e la pace offre la possibilità di aumentare la collaborazione tra i diversi attori impegnati, ovvero governi, donatori, ONG e organizzazioni sportive. Il Gruppo di lavoro sullo Sport per lo sviluppo e la pace ha sviluppato la sua strategia in cinque diverse aree tematiche, ovvero sport e sviluppo dell infanzia e della adolescenza, sport e genere, sport e pace, sport e persone con disabilità e sport e salute.

6 254 Sport, Unione Europea e Diritti Umani Le strategie adottate, gli effetti dello sport nelle diverse aree tematiche, le raccomandazioni per i governi, sono contenute all interno del rapporto Sfruttare la potenza dello sport per lo sviluppo e la pace: raccomandazioni ai governi stilato nel 2008, al termine dei primi quattro anni di mandato ( ) del Gruppo di lavoro sullo Sport per lo Sviluppo e la pace. Il rapporto Sfruttare la potenza dello sport per lo sviluppo e la pace: raccomandazioni ai governi si apre richiamando il grande contributo che può essere dato dallo sport per lo sviluppo e la pace. Il valore dello sport come strumento in grado di connettere persone e popoli è immenso, lo sport riunisce giocatori, squadre, allenatori, volontari e spettatori, creando ampie reti sociali sia a livello orizzontale tra la comunità, sia a livello verticale tra governi, federazioni e organismi internazionali. Questo rende lo sport uno strumento traversale in grado di creare una fitta rete di connessione sociale. Lo sport può trovare applicazione per il miglioramento di diverse aree, ovvero la promozione della salute, la prevenzione delle malattie, lo sviluppo corretto dei bambini e dei giovani, l istruzione, l inclusione sociale, la prevenzione dei conflitti, la costruzione della pace, la parità tra i sessi, la promozione delle politiche di occupazione e lo sviluppo economico. Pur essendo una piattaforma importante per lo sviluppo di tali aree, è necessario mantenere alta l attenzione sui rischi che lo sport può comportare. Lo sport deve essere protetto dallo sfruttamento abusivo a fini di lucro, dalla rivalità violenta e l aggressività che talvolta si manifesta tra rivali, dai comportamenti immorali e pericolosi, dalla competizione disonesta. Tali rischi possono minare i valori positivi dello sport e offrire comportamenti negativi ai giovani e alle persone e devono essere minimizzati per giungere ad uno sport basato sulla trasparenza, sulla responsabilità, sulla sostenibilità, proteggendo così il valore sociale dell esperienza sportiva 5. 5 Harnessing the power of sport for development and peace, introduction, United Nations.

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della prevenzione e comunicazione Direzione Generale per i rapporti con l Unione Europea e per i rapporti internazionali UFFICIO III Strategia Globale per la salute

Dettagli

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Disposizioni attuative per l anno 2012 Il quadro di riferimento La Cooperazione

Dettagli

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI La tutela e la promozione dei diritti dei minori nel mondo sono la strada obbligata per la crescita dei Paesi in Via di Sviluppo e

Dettagli

La Salute Materno-Infantile nel Mondo e gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio

La Salute Materno-Infantile nel Mondo e gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio Audizione presso la III Commissione Affari Esteri e Comunitari Parlamento Italiano (Roma, 1 Luglio 2010) La Salute Materno-Infantile nel Mondo e gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio Dr. Flavia Bustreo,

Dettagli

UN CASO STUDIO: LA METODOLOGIA EDUCATIVA DI COOPI IN REPUBBLICA CENTRAFRICANA

UN CASO STUDIO: LA METODOLOGIA EDUCATIVA DI COOPI IN REPUBBLICA CENTRAFRICANA UN CASO STUDIO: LA METODOLOGIA EDUCATIVA DI COOPI IN REPUBBLICA CENTRAFRICANA Giugno 2007 Ufficio Programmi Internazionali A cura di Ennio Miccoli Gisella Sartori Anna Sambo Silvia Favaron COOPI è un organizzazione

Dettagli

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE Scheda didattica LA BANCA MONDIALE La Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo, conosciuta anche come Banca Mondiale (World Bank), è un istituzione che si occupa di dare assistenza ai Paesi

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 Raccomandazione 202 RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 La Conferenza generale della Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Documento finale Conferenza mondiale de L Aia sul lavoro minorile 2010 Verso un mondo senza lavoro minorile Tabella di

Dettagli

Cosa sono i Global Goals?

Cosa sono i Global Goals? Cosa sono i Global Goals? I Global Goals conosciuti anche con il nome di Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals) sono 17 obiettivi contenuti in un grande piano d azione su cui

Dettagli

Ridurre la mortalità infantile per il raggiungimento dell Obiettivo di Sviluppo del Millennio n. 4 * (TRADUZIONE NON UFFICIALE)

Ridurre la mortalità infantile per il raggiungimento dell Obiettivo di Sviluppo del Millennio n. 4 * (TRADUZIONE NON UFFICIALE) Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITA PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE Direzione Generale dei Rapporti Europei e Internazionali Ufficio III ex DG RUERI Ridurre la mortalità infantile per il raggiungimento

Dettagli

Rete svizzera per la prevenzione degli abusi sessuali nei confronti dei bambini e degli adolescenti

Rete svizzera per la prevenzione degli abusi sessuali nei confronti dei bambini e degli adolescenti Comunicato stampa Berna, 22 maggio 2007 Embargo: 22 maggio 2007 Unire le forze La piattaforma trilingue www.ditelo.ch è ora attiva! Rete svizzera per la prevenzione degli abusi sessuali nei confronti dei

Dettagli

IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK

IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK I. IL FRAMEWORK IN AMBITO NAZIONI UNITE (a) Il framework sviluppo per il post-obiettivi di Sviluppo del Millennio(MDG) A partire, formalmente,

Dettagli

Fondamenti del Rotary

Fondamenti del Rotary Fondamenti del Rotary www.rotary.org/it/rotarybasics Come farsi coinvolgere nel Rotary Benvenuto al Rotary! Adesso fai parte di una rete globale di imprenditori, professionisti e volontari della comunità.

Dettagli

Pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo

Pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo Pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo IKEA Social Initiative è dalla parte dei bambini IKEA crede che la casa sia il luogo più importante del mondo e che i bambini siano le persone

Dettagli

Quali visioni e alleanze possono accelerare pace, sviluppo e diritti umani?

Quali visioni e alleanze possono accelerare pace, sviluppo e diritti umani? Quali visioni e alleanze possono accelerare pace, sviluppo e diritti umani? Intervento di Sandro Calvani Direttore UNICRI Convegno Conoscersi e riconoscersi: alleanze per la pace e i diritti umani (Firenze,

Dettagli

Introduzione alla progettazione degli interventi di sviluppo CORSO ONLINE PRIMO INCONTRO

Introduzione alla progettazione degli interventi di sviluppo CORSO ONLINE PRIMO INCONTRO Introduzione alla progettazione degli interventi di sviluppo CORSO ONLINE PRIMO INCONTRO Roma, 27 aprile 2015 Carlos Costa Che cos è il progetto? Il progetto è un insieme di azioni programmate per essere

Dettagli

The PURPLE revolution?

The PURPLE revolution? La nuova disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo Legge n.25 del 4 agosto 204 Legge agosto 204, n. 25. The PURPLE revolution? B www.bolodewo.com 2 Una riforma lunga 30 anni

Dettagli

CONCEPT NOTE. Global Renewable Energy Forum Scaling Up Renewable Energy. 7 9 October 2009 León, Guanajuato, Mexico. Project

CONCEPT NOTE. Global Renewable Energy Forum Scaling Up Renewable Energy. 7 9 October 2009 León, Guanajuato, Mexico. Project CONCEPT NOTE Project Global Renewable Energy Forum Scaling Up Renewable Energy 7 9 October 2009 León, Guanajuato, Mexico BREVE INTRODUZIONE Il Ministero dell Energia del Messico (SENER) e l Organizzazione

Dettagli

L INTERVENTO DELL UNDP IN BURKINA FASO QUADRO GENERALE.

L INTERVENTO DELL UNDP IN BURKINA FASO QUADRO GENERALE. L INTERVENTO DELL UNDP IN BURKINA FASO QUADRO GENERALE. INDICE Introduzione.. 3 1. Realizzazione degli obiettivi del Millennio per lo sviluppo e la lotta contro la povertà...3 1.1 Ampliamento delle opportunità

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.11.2012 COM(2012) 655 final Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO che autorizza la Commissione europea a partecipare, per conto dell Unione europea, ai negoziati

Dettagli

Mani Unite. Unite Onlus. Sintesi attività 2011

Mani Unite. Unite Onlus. Sintesi attività 2011 Mani Unite Unite Onlus Presentiamo anche quest anno, come doverosa consuetudine, la sintesi delle attività realizzate nel corso del 2011 a favore dei bambini che soffrono ingiustizie, fame e carenze non

Dettagli

Master Universitario di I livello in. Formazione di Infermieri Professionali specializzati in Neonatologia, Puericultura e Assistenza Materna

Master Universitario di I livello in. Formazione di Infermieri Professionali specializzati in Neonatologia, Puericultura e Assistenza Materna Master Universitario di I livello in Formazione di Infermieri Professionali specializzati in Neonatologia, Puericultura e Assistenza Materna Premessa Da alcuni anni, il Ministero dell Istruzione dell Università

Dettagli

REGOLAMENTO PATCH FOR FUTURE Tutto quello che devi sapere sul progetto

REGOLAMENTO PATCH FOR FUTURE Tutto quello che devi sapere sul progetto REGOLAMENTO PATCH FOR FUTURE Tutto quello che devi sapere sul progetto 1. Soggetti Patch for Future è un iniziativa promossa da Symbola - Fondazione per le qualità italiane (www.symbola.net) in collaborazione

Dettagli

Il Presidente CONI Bergamo Valerio Bettoni

Il Presidente CONI Bergamo Valerio Bettoni Il Coni, quale vertice e guida del movimento sportivo italiano, sceglie di potenziare e diffondere la cultura e la pratica sportiva nella scuola attraverso il progetto Giochi della Gioventù a cui è stato

Dettagli

1. Priorità regionali per la programmazione degli interventi di rilievo internazionale in Africa per l anno 2012

1. Priorità regionali per la programmazione degli interventi di rilievo internazionale in Africa per l anno 2012 ALLEGATO B ALLEGATO B3 Regione Toscana Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale - Settore Governo Clinico, Programmazione e Ricerca D.C.R. n. 26 del 04/04/2012 Piano Integrato delle

Dettagli

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO Il Vertice Mondiale 2005 dibatterà le proposte che potrebbero dar vita alla ristrutturazione di maggiore portata che le Nazioni Unite abbiano mai conosciuto nei sessanta

Dettagli

In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA

In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA APPELLO PER UN PIANO D AZIONE GLOBALE PER PROTEGGERE I BAMBINI DEL MONDO E PER FERMARE LA VIOLAZIONE DEI LORO DIRITTI Roma, Italia 3 novembre 2011 Ogni bambino è

Dettagli

CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE

CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE 1. Disposizioni generali Il Forum Agenda 21 di Biella è promosso dal Comune di Biella nell ambito della valorizzazione

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere P7_TA-PROV(2010)0037 Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere Risoluzione del Parlamento europeo del 25 febbaio 2010 su Pechino +15: Piattaforma d'azione delle Nazioni

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE

Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE COMUNICATO STAMPA 17.10.2007 Con cortese preghiera di diffusione Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE -Incontro pubblico

Dettagli

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL COINVOLGIMENTO DEI BAMBINI NEI CONFLITTI ARMATI Gli Stati Contraenti il presente Protocollo, Incoraggiati dal travolgente

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Manuela Samek Lodovici IRS- Università Cattolica Milano 21 novembre 2013 Diverse forme e contesti di violenza contro le donne,

Dettagli

Nota di sintesi. Orientamenti e documenti di riferimento del CAS: Povertà e salute

Nota di sintesi. Orientamenti e documenti di riferimento del CAS: Povertà e salute Nota di sintesi Orientamenti e documenti di riferimento del CAS: Povertà e salute Overview DAC Guidelines and Reference Documents: Poverty and Health Italian translation Le note di sintesi sono degli stralci

Dettagli

La mia scuola per la pace

La mia scuola per la pace La mia scuola per la pace Programma nazionale di educazione alla pace e ai diritti umani Anno scolastico 2005-2006 promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani e

Dettagli

LA ROAD MAP 2006-2010 PER LE PARI OPPORTUNITA TRA DONNE E UOMINI PRESENTATA ALLA COMMISSIONE EUROPEA DALLA LOBBY EUROPEA DELLE DONNE.

LA ROAD MAP 2006-2010 PER LE PARI OPPORTUNITA TRA DONNE E UOMINI PRESENTATA ALLA COMMISSIONE EUROPEA DALLA LOBBY EUROPEA DELLE DONNE. LOBBY EUROPEEN DES FEMMES EUROPEAN WOMEN S LOBBY LOBBY EUROPEA DELLE DONNE LA ROAD MAP 2006-2010 PER LE PARI OPPORTUNITA TRA DONNE E UOMINI PRESENTATA ALLA COMMISSIONE EUROPEA DALLA LOBBY EUROPEA DELLE

Dettagli

Sedi. Europa/Africa Rotary International Witikonerstrasse 15 CH-8032 Zurigo SVIZZERA Tel.: +41 1387 71 11 Fax: +41 1 422 50 41

Sedi. Europa/Africa Rotary International Witikonerstrasse 15 CH-8032 Zurigo SVIZZERA Tel.: +41 1387 71 11 Fax: +41 1 422 50 41 rotary il rotary è Sedi Europa/Africa Rotary International Witikonerstrasse 15 CH-8032 Zurigo SVIZZERA Tel.: +41 1387 71 11 Fax: +41 1 422 50 41 Rotary International One Rotary Center 1560 Sherman Avenue

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali (DGREI) PIANO D AZIONE GLOBALE DELL OMS PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO

Dettagli

XXV CORSO UNIVERSITARIO MULTIDISCIPLINARE DI EDUCAZIONE AI DIRITTI Anno Accademico 2014 2015

XXV CORSO UNIVERSITARIO MULTIDISCIPLINARE DI EDUCAZIONE AI DIRITTI Anno Accademico 2014 2015 XXV CORSO UNIVERSITARIO MULTIDISCIPLINARE DI EDUCAZIONE AI DIRITTI Anno Accademico 2014 2015 Il XXV Corso Universitario Multidisciplinare di Educazione ai Diritti (CUMED), dal titolo Gli Obiettivi di Sviluppo

Dettagli

Progress Report Piano Progetti 2010. IWorkshop di presentazione e valutazione dei risultati. Progetto DAD NET

Progress Report Piano Progetti 2010. IWorkshop di presentazione e valutazione dei risultati. Progetto DAD NET Progress Report Piano Progetti 2010 IWorkshop di presentazione e valutazione dei risultati Progetto DAD NET Responsabile scientifico: Dipartimento Politiche antidroga dott. Giovanni Serpelloni Ente Affidatario:

Dettagli

Proposta di legge regionale sulla cooperazione decentrata. Interventi regionali di cooperazione decentrata e di solidarietà internazionale

Proposta di legge regionale sulla cooperazione decentrata. Interventi regionali di cooperazione decentrata e di solidarietà internazionale Proposta di legge regionale sulla cooperazione decentrata Interventi regionali di cooperazione decentrata e di solidarietà internazionale Relazione introduttiva La presente proposta di legge intende colmare

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

TRADUZIONE NON UFFICIALE

TRADUZIONE NON UFFICIALE TRADUZIONE NON UFFICIALE PROGETTO DI PROTOCOLLO ADDIZIONALE ALLE CONVENZIONI DI GINEVRA DEL 12 AGOSTO 1949 RELATIVO ALL ADOZIONE DI UN SIMBOLO DISTINTIVO ADDIZIONALE III PROTOCOLLO Testo preparato dal

Dettagli

FOCUS ON: I finanziamenti per lo sport nel programma

FOCUS ON: I finanziamenti per lo sport nel programma Questo mese parliamo di: L Unione europea e lo sport FOCUS ON: I finanziamenti per lo sport nel programma Erasmus + I partenariati di collaborazione Gli eventi europei senza scopo di lucro I criteri di

Dettagli

nome progetto ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto

nome progetto ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto nome progetto ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto Lottare contro i pregiudizi, sguardi diversi sulla disabilità 2014: Rete Bianca e Bernie Assistenza; Salute Associazione

Dettagli

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR)

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) CALL FOR PAPERS X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) Fondazione Scuola di Alta Formazione per il Terzo Settore (ForTeS) Siena ( Italy) 10 13 luglio 2012 Democratizzazione,

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

CODICE DI RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI FINANZIAMENTO AL SETTORE DEGLI ARMAMENTI

CODICE DI RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI FINANZIAMENTO AL SETTORE DEGLI ARMAMENTI CODICE DI RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI FINANZIAMENTO AL SETTORE DEGLI ARMAMENTI Un progetto di CODICE DI RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI FINANZIAMENTO AL SETTORE DEGLI ARMAMENTI INTRODUZIONE Science for

Dettagli

Jeanine vive, e tu voltati

Jeanine vive, e tu voltati Data Jeanine vive, e tu voltati I diritti umani e soprattutto la loro violazione, devono stringere il mondo intero nella solidarietà. Ban Ki-moon 0 1 E tu voltati Indifferenza. Liliana Segre ne ha parlato

Dettagli

Tutto quello che devi sapere sul progetto

Tutto quello che devi sapere sul progetto PATCH for FUTURE Tutto quello che devi sapere sul progetto 1. Soggetti Patch for Future è un progetto internazionale dell artista italo persiano Howtan Re (www.howtanre.com), promosso, nella sua prima

Dettagli

Educare alla Solidarietà, alla Pace e alla Mondialità. Metodologia applicativa per la Scuola Secondaria di I Grado

Educare alla Solidarietà, alla Pace e alla Mondialità. Metodologia applicativa per la Scuola Secondaria di I Grado Educare alla Solidarietà, alla Pace e alla Mondialità Metodologia applicativa per la Scuola Secondaria di I Grado PREMESSA LA CITTADINANZA PER I RAGAZZI CHE FREQUENTANO LE NOSTRE ISTITUZIONE SCOLASTICHE

Dettagli

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Workshop Politiche di Integrazione Socio- Sanitaria: modelli a confronto e sfide per un futuro sostenibile IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Cittadella, 23-24 settembre 2014 IL

Dettagli

Strategia e piano d azione per l invecchiamento sano in Europa, 2012-2020* Organizzazione Mondiale della Sanità

Strategia e piano d azione per l invecchiamento sano in Europa, 2012-2020* Organizzazione Mondiale della Sanità Organizzazione Mondiale della Sanità UFFICIO REGIONALE PER L Europa Comitato Regionale Europeo Sessantaduesima Sessione Malta, 10-13 settembre 2012 Strategia e piano d azione per l invecchiamento sano

Dettagli

TIDE Newsletter. Content:

TIDE Newsletter. Content: TIDE Newsletter N 1, Ottobre 2014 Content: What is TIDE? 1 What is TIDE? We are pleased to announce the release of the first newsletter of 2 Disability and Development: TIDE Towards Inclusive Development

Dettagli

L impegno dell Italia per i diritti di bambini, adolescenti e giovani

L impegno dell Italia per i diritti di bambini, adolescenti e giovani L impegno dell Italia per i diritti di bambini, adolescenti e giovani L impegno dell Italia per i diritti di bambini, adolescenti e giovani ISTITUTO DEGLI INNOCENTI S O M M A R I O Prefazione Franco

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

Piano d Azione sulla disabilità

Piano d Azione sulla disabilità Piano d Azione sulla disabilità della Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo Prima bozza di documento elaborato dal: Tavolo di lavoro MAE/DGCS (Direzione Generale per la Cooperazione allo

Dettagli

TARGET 2015: I POVERI NON POSSONO ASPETTARE!

TARGET 2015: I POVERI NON POSSONO ASPETTARE! TARGET 2015: I POVERI NON POSSONO ASPETTARE! Nel 2000, adottando la Dichiarazione del Millennio, 189 leader mondiali si sono impegnati attraverso un patto tra paesi ricchi e paesi poveri ad eliminare la

Dettagli

HIV/AIDS & BAMBINI. Restituire la speranza ad una generazione L aiuto alimentare contribuisce a dare un istruzione agli orfani e ai bambini a rischio

HIV/AIDS & BAMBINI. Restituire la speranza ad una generazione L aiuto alimentare contribuisce a dare un istruzione agli orfani e ai bambini a rischio HIV/AIDS & BAMBINI Restituire la speranza ad una generazione L aiuto alimentare contribuisce a dare un istruzione agli orfani e ai bambini a rischio L inarrestabile diffusione dell HIV/AIDS, lascia un

Dettagli

IIBA Italy Chapter Statuto ed. 02 15 Gennaio 2014 pag. 1. International Institute of Business Analysis - Italy Chapter Statuto

IIBA Italy Chapter Statuto ed. 02 15 Gennaio 2014 pag. 1. International Institute of Business Analysis - Italy Chapter Statuto Statuto ed. 02 15 Gennaio 2014 pag. 1 International Institute of Business Analysis - Italy Chapter Statuto Statuto ed. 02 15 Gennaio 2014 pag. 2 Indice Articolo 1 Nome, Sede e Relazione con IIBA... 3 Articolo

Dettagli

IOM- OIM I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste

IOM- OIM I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste Firenze, Villa La Quiete 4 Luglio 2014 Rossella Celmi - rcelmi@iom.int 1 Organizzazione Internazionale per le Migrazioni Fondata nel 1951,

Dettagli

Land Grabbing La necessità di una disciplina legale internazionale. Matteo Manfredi Neolaureato in giurisprudenza Università Cattolica di Milano

Land Grabbing La necessità di una disciplina legale internazionale. Matteo Manfredi Neolaureato in giurisprudenza Università Cattolica di Milano Land Grabbing La necessità di una disciplina legale internazionale Matteo Manfredi Neolaureato in giurisprudenza Università Cattolica di Milano Land Grabbing Un attività ambigua: Consiste in acquisizioni

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE C 463/4 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 23.12.2014 Conclusioni del Consiglio e dei Rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, su un piano di lavoro per la cultura

Dettagli

Piattaforma d azione Verso l abbandono della escissione/mutilazione genitale femminile (E/MGF)

Piattaforma d azione Verso l abbandono della escissione/mutilazione genitale femminile (E/MGF) Piattaforma d azione Verso l abbandono della escissione/mutilazione genitale femminile (E/MGF) Una questione di parità di genere Il Gruppo di lavoro dei donatori sulla E/MGF Lavorare insieme > Portare

Dettagli

Cosa chiede ActionAid al governo italiano?

Cosa chiede ActionAid al governo italiano? Afghanistan e diritti delle donne: domande e risposte Cosa chiede ActionAid al governo italiano? La fase di transizione che prevede il progressivo ritiro delle truppe internazionali è cominciata nel 2011

Dettagli

Associazione culturale e sportiva

Associazione culturale e sportiva STATUTO Pag.1 TITOLO I - Denominazione - Sede Art.1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli artt.36 e seguenti del Codice civile è costituita,

Dettagli

DECISIONE DEL CONSIGLIO

DECISIONE DEL CONSIGLIO 27.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 23/35 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

Rendere la Carta giuridicamente vincolante Dichiarazione urgente sulla Carta dei Diritti fondamentali adottata dal XI Congresso della Ces il 24 maggio 2007 La Ces ha appreso con grande preoccupazione l

Dettagli

Prima edizione: ottobre 2011

Prima edizione: ottobre 2011 Copyright 2011 Università degli Studi di Padova Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli Via Martiri della Libertà, 2-35137 Padova Tel. +39 049 827 1815 -

Dettagli

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS Un emergenza da non dimenticare A livello globale, l epidemia di HIV-AIDS pare essersi stabilizzata. Il tasso di nuove infezioni è in costante diminuzione dalla

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE BORGO A QUATTRO ZAMPE. ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione)

STATUTO ASSOCIAZIONE BORGO A QUATTRO ZAMPE. ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione) STATUTO ASSOCIAZIONE BORGO A QUATTRO ZAMPE ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione) 1. L Associazione di Volontariato denominata Borgo a quattro zampe la sua attività e i rapporti

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

Modelli e strumenti per un economia verde

Modelli e strumenti per un economia verde Modelli e strumenti per un economia verde Marco Frey, GCIN Chairman e Direttore dell Istituto di Management Scuola Superiore Sant Anna di Pisa FORUM DELLA SOCIETÀ CIVILE L ITALIA VERSO RIO+20 Buone pratiche,

Dettagli

Da gruppo informale ad associazione

Da gruppo informale ad associazione DA GRUPPO INFORMALE AD ASSOCIAZIONE Da gruppo informale ad associazione Gruppo informale...9 Gruppo organizzato...9 Associazione:...10 L atto costitutivo e lo statuto...10 Come si organizza internamente

Dettagli

REGIONE TOSCANA Direzione Generale della Presidenza Settore Attività Internazionali

REGIONE TOSCANA Direzione Generale della Presidenza Settore Attività Internazionali All. D REGIONE TOSCANA Direzione Generale della Presidenza Settore Attività Internazionali LEGGE REGIONALE 22 MAGGIO 2009 n. 26 PIANO REGIONALE PER LA PROMOZIONE DI UNA CULTURA DI PACE PERIODO 2007/2010

Dettagli

Linee Guida per la Presentazione e il Reporting per i Progetti all ESTERO

Linee Guida per la Presentazione e il Reporting per i Progetti all ESTERO FAIB Fondazione aiutare i bambini Via Ronchi 17, 20134 Milano tel: 02 2100241 fax: 02 70 60 52 44 info@aiutareibambini.it www.aiutareibambini.it Linee Guida Presentazione e Reporting Progetti Estero MOD

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE WOMEN (Women of Mediterranean, east and south European Network)

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE WOMEN (Women of Mediterranean, east and south European Network) STATUTO DELL ASSOCIAZIONE WOMEN (Women of Mediterranean, east and south European Network) PREMESSA Il 26 marzo 1999 veniva sottoscritto a Forlì il protocollo d intesa per la realizzazione di una rete delle

Dettagli

STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus

STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus La Fondazione di partecipazione CUMSE intende collocarsi nella tradizione della cooperazione internazionale laica di ispirazione cristiana operando

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE TOSCANA E POTENZIALITA DELLA RETE CSI

EVOLUZIONE DELLA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE TOSCANA E POTENZIALITA DELLA RETE CSI EVOLUZIONE DELLA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE TOSCANA E POTENZIALITA DELLA RETE CSI Siena 09/12/2013 Nicole Mascia Firenze 29 giugno 2012 Il punto di partenza Legge Regionale n.26 del 2009 Piano

Dettagli

SINTESI. Introduzione

SINTESI. Introduzione SINTESI Introduzione Il mandato che ci è stato conferito verte su un argomento esteso e complesso: la dimensione sociale della globalizzazione. La nostra Commissione è ampiamente rappresentativa degli

Dettagli

MISSIONE: Un mondo senza povertà e ingiustizia sociale in cui le persone possano esercitare i propri diritti

MISSIONE: Un mondo senza povertà e ingiustizia sociale in cui le persone possano esercitare i propri diritti MISSIONE: Un mondo senza povertà e ingiustizia sociale in cui le persone possano esercitare i propri diritti LA NOSTRA MISSIONE NEL SUD DEL MONDO: Lottare e lavorare a fianco delle comunità più povere

Dettagli

-SUMMARY- Donne Alcol e Droghe: attivazione di un network internazionale per

-SUMMARY- Donne Alcol e Droghe: attivazione di un network internazionale per -SUMMARY- Donne Alcol e Droghe: attivazione di un network internazionale per 1. la promozione di offerte specifiche rivolte al genere femminile e finalizzate alla prevenzione dei rischi relativi all uso

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

COMMISSIONE NAZIONALE ITALIANA. Impegno comune di persone e organizzazioni per il Decennio dell Educazione allo Sviluppo Sostenibile

COMMISSIONE NAZIONALE ITALIANA. Impegno comune di persone e organizzazioni per il Decennio dell Educazione allo Sviluppo Sostenibile COMMISSIONE NAZIONALE ITALIANA Impegno comune di persone e organizzazioni per il Decennio dell Educazione allo Sviluppo Sostenibile Nel dicembre del 2002, l Assemblea Generale delle Nazioni Unite, sulla

Dettagli

COMPENDIO DELLE AZIONI INDICE

COMPENDIO DELLE AZIONI INDICE COMPENDIO DELLE AZIONI INDICE 1. Messaggio del Presidente del Comitato 2. Parternariato tra Operatori dell acqua 3. Finanziamento 4. Igiene/Risanamento 5. Monitoraggio e Redazione del Rapporto 6. Gestione

Dettagli

Donne cattoliche riflettono sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile nel quadro dell Agenda di Sviluppo post-2015

Donne cattoliche riflettono sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile nel quadro dell Agenda di Sviluppo post-2015 Donne cattoliche riflettono sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile nel quadro dell Agenda di Sviluppo post-2015 E indubbio che dobbiamo fare molto di più in favore della donna, se vogliamo ridare più

Dettagli

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ PERIODO TEMATICA DALLA CARTA DELLA TERRA 1 q. ED. ALIMENTARE Sviluppo di una coscienza alimentare. Conoscere e riconoscere i sapori. Apprezzare

Dettagli

LA CARTA DI MILANO: L EREDITA DI EXPO, UN IMPEGNO A FAVORE DELL UMANITA

LA CARTA DI MILANO: L EREDITA DI EXPO, UN IMPEGNO A FAVORE DELL UMANITA LA CARTA DI MILANO: L EREDITA DI EXPO, UN IMPEGNO A FAVORE DELL UMANITA CESARA PASINI Past District Governor 108 Ib4 Milano Representative di Lions a Expo 2015 Vercelli, 5 Novembre 2015 Il paradosso contemporaneo

Dettagli

In collaborazione con: Foto: JRS IMPEGNI INTERNAZIONALI: I I POVERI NON POSSONO ASPETTARE!

In collaborazione con: Foto: JRS IMPEGNI INTERNAZIONALI: I I POVERI NON POSSONO ASPETTARE! In collaborazione con: Foto: JRS IMPEGNI INTERNAZIONALI: I I POVERI NON POSSONO ASPETTARE! Volontari nel mondo FOCSIV è la più grande Federazione italiana di organismi cristiani di volontariato internazionale,

Dettagli

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Cooperazione internazionale La lotta alla povertà in un mondo che cambia e sviluppo Sappiamo tutti che con le risorse tecnologiche, finanziarie e materiali in nostro possesso

Dettagli

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA CRC/C/OPAC/ITA/1 Quarantaduesima sessione 15 maggio 2 giugno 2006 OSSERVAZIONI CONCLUSIVE Analisi dei Rapporti presentati dall Italia ai sensi dell art. 8 del Protocollo

Dettagli