L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT E 1668 C.C.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C."

Transcript

1 L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT E 1668 C.C. L appaltatore è tenuto alla garanzia per i vizi e le difformità dell opera (art c. 1 c.c.). Per vizio si intende la mancanza di modalità o di qualità o di particolari che, pur non essendo appositamente pattuiti, devono tuttavia secondo le regole dell arte e la normalità delle cose inerire all opera. Per difformità si intende una discordanza dalle prescrizioni contrattuali. Vizi palesi Se i vizi e le difformità dell opera sono palesi, e cioè sono conosciuti od anche solo riconoscibili, il committente non deve accettare l opera, altrimenti decade dalla garanzia (art c. 1 c.c.). Vizi palesi = quelli conosciuti o comunque riconoscibili dal committente con la normale diligenza di un uomo medio. Se però la verifica dell opera è compiuta da un tecnico su incarico del committente, la riconoscibilità è valutata in modo più rigoroso alla stregua delle cognizioni tecniche in possesso del professionista. - p. 1 di 16 -

2 Se il committente accetta l opera, ed i vizi e le difformità sono palesi, decade dalla garanzia a meno che l appaltatore non abbia taciuto i vizi e le difformità in mala fede (art c. 1 c.c.). Mala fede dell appaltatore = occorre che l appaltatore, a conoscenza dei vizi e delle difformità, abbia voluto far sì che il committente non ne venisse a conoscenza. Ai vizi palesi sono equiparati i vizi occulti conosciuti dal committente, anche in tal caso il committente non deve accettare l opera, altrimenti decade dalla garanzia. Per evitare la perdita della garanzia per i vizi palesi il committente può: - non accettare l opera; - accettarla con riserva della verifica. La garanzia viene mantenuta anche nel caso in cui l appaltatore riconosce il vizio oppure interviene spontaneamente per eliminarlo a seguito delle lagnanze del committente che aveva già accettato l opera, in tal caso, secondo la giurisprudenza, sorge un nuovo rapporto obbligatorio a carico dell appaltatore diverso e autonomo, svincolato dai termini di prescrizione e di decadenza di cui all art c.c. e soggetto all ordinario termine di prescrizione decennale (Cass., 23461/2004; 1320/2001; 5984/2000; 10364/1997; 7651/1994; 7147/1990 Contra v. Cass., 664/1999). Vizi occulti L accettazione dell opera, anche senza riserve, non pregiudica la garanzia del committente rispetto ai vizi occulti, che possono essere contestati all appaltatore quando verranno scoperti. Per far valere la garanzia, il committente deve: - p. 2 di 16 -

3 - denunciare i vizi occulti entro 60 giorni dalla scoperta (termine di decadenza ai sensi dell art c. 2 c.c.); - esercitare l azione di garanzia entro due anni dalla consegna dell opera (termine di prescrizione ai sensi dell art c. 3 c.c.). Ove non sia rispettato anche uno solo dei termini anzidetti, il committente perde la garanzia. La denuncia non è necessaria (art c. 2 c.c.): - se l appaltatore ha riconosciuto le difformità o i vizi; - se l appaltatore ha occultato le difformità o i vizi. La garanzia può esser fatta valere dal committente: - in via principale, qualora intenda ottenere i rimedi previsti dall art c.c. (eliminazione vizi e difformità/riduzione prezzo/risoluzione contrattuale/risarcimento danni); - in via riconvenzionale oppure quale eccezione riconvenzionale, ove sia convenuto in giudizio dall appaltatore per il pagamento. Nel caso in cui l appaltatore abbia dolosamente occultato i vizi dell opera con un comportamento ulteriore rispetto alla semplice dichiarazione dell inesistenza dei vizi, il committente può chiedere l annullamento della dichiarazione di accettazione dell opera per vizio della volontà (dolo), in tal caso non si applicano i termini più brevi di decadenza e prescrizione stabiliti dall art c. 2 e 3 c.c., ma il termine di 5 anni decorrente dalla scoperta del dolo (artt e 1442 c. 2 c.c. in relazione all art c.c.; cfr. RUBINO-IUDICA, Appalto, Zanichelli Ed., 2007, pag. 481 e CIAN-TRABUCCHI, Commentario Breve al Codice Civile, 2007, pag. 1727). La colpa dell appaltatore - p. 3 di 16 -

4 Dimostrato il vizio o la difformità, la colpa dell appaltatore si presume e spetta all appaltatore provare la mancanza di colpa. L appaltatore può dare tale prova, ad es., nei seguenti casi: - se il vizio o la difformità sono dovuti a caso fortuito; - se il vizio deriva dal progetto fornito dal committente o da istruzioni impartite dal committente o dal direttore lavori, purché l appaltatore dimostri di aver tempestivamente segnalato gli inconvenienti che ne sarebbero derivati e che, nonostante la segnalazione, il committente o il direttore lavori hanno insistito nell ordine di esecuzione; - se il vizio non è eccezionale o speciale a quell opera, ma si verifica normalmente in opere di quel genere stante lo stato attuale della tecnica; - se il vizio non poteva essere evitato con il grado di perizia che si poteva pretendere dall appaltatore. Contenuto della garanzia (art c.c.) Si tratti di vizi palesi od occulti, il committente ha quattro rimedi previsti dall art c.c.: - può chiedere che le difformità o i vizi siano eliminati a spese dell appaltatore; - può chiedere che il prezzo sia proporzionalmente ridotto; - se le difformità ed i vizi sono tali da rendere l opera del tutto inadatta alla sua destinazione, può chiedere la risoluzione del contratto; - può chiedere il risarcimento del danno in caso di colpa dell appaltatore. - p. 4 di 16 -

5 I primi due rimedi (eliminazione dei vizi e delle difformità/diminuzione proporzionale del prezzo) sono alternativi tra loro. Per la risoluzione del contratto, la inidoneità dell opera alla sua destinazione dev essere valutata secondo un criterio di normalità, occorre cioè aver riguardo alla destinazione che l opera avrebbe se fosse impiegata da una qualsiasi persona normale, salvo che siano pattuite speciali qualità. Viceversa il risarcimento può sempre essere richiesto in aggiunta ove i primi rimedi non siano satisfattivi. Ad es. pur dopo l eliminazione dei vizi o difformità o la riduzione del prezzo, possono permanere i danni: - qualora la consegna dell opera sia avvenuta in ritardo; - qualora l opera difettosa abbia arrecato danni alla persona o alle cose del committente; - qualora la riduzione del prezzo comporti la diminuzione di spese proporzionali, ad es. tasse e diritti notarili. Si segnala che l azione di risarcimento danni ai sensi dell art c.c. è soggetta agli stessi termini di decadenza e di prescrizione delle altre tre azioni di garanzia per difetti e difformità dell opera (Cass., 28417/2005). L AZIONE CONTRATTUALE COMUNE AI SENSI DELL ART C.C. L azione di garanzia è soggetta ai sensi dell art c. 3 c.c. al termine di prescrizione di due anni dal giorno della consegna dell opera, quindi presuppone l avvenuto completamento dell opera (Cass., 11950/1990). - p. 5 di 16 -

6 Se invece l opera non è stata completata, oppure pur essendo stata completata non viene consegnata dall appaltatore o viene consegnata in ritardo, il committente può esercitare le azioni contrattuali comuni (Cass., 6931/2007; 10255/1998; 3239/1998) e quindi può: - chiedere la risoluzione del contratto per inadempimento ai sensi dell art c.c.; - chiedere l adempimento del contratto ai sensi dell art c.c.; - può sempre chiedere il risarcimento del danno ai sensi dell art c.c.. Nei casi succitati il termine di prescrizione è decennale ai sensi dell art c.c.. LA RESPONSABILITA EXTRACONTRATTUALE DELL APPALTATORE AI SENSI DELL ART C.C. L art c.c. detta una disciplina speciale per gli edifici e per le altre cose immobili destinati per loro natura a lunga durata. L appaltatore è soggetto a responsabilità nel caso in cui, per vizio del suolo o per difetto della costruzione, l opera: - rovina in tutto o in parte; - presenta evidente pericolo di rovina; - presenta gravi difetti. La giurisprudenza ritiene che la norma trovi applicazione, non solo nel caso di costruzione ex novo di edifici o cose immobili, ma anche nel caso di lavori di riparazione o di modificazione su edificio preesistente destinati per loro natura a lunga durata (Cass., 24143/2007 in fattispecie di rifacimento dell impermeabilizzazione e pavimentazione del terrazzo condominiale in edificio preesistente). - p. 6 di 16 -

7 L estensione della responsabilità Secondo la giurisprudenza che afferma con orientamento prevalente la natura extracontrattuale della responsabilità in esame, la ragione della speciale tutela apprestata dall art c.c. risiede nell interesse pubblico a che gli immobili destinati per loro natura a lunga durata siano costruiti bene e secondo le regole dell arte allo scopo di tutelare la sicurezza e l incolumità delle persone (tra le tante, Cass., 8520/2006; 1748/2005; 1748/2000; 81/2000; 3338/1999; 12106/1998), secondo questa ricostruzione la responsabilità dell appaltatore sorge per il fatto di avere costruito l immobile, e non dal contratto di appalto. La affermazione della natura extracontrattuale della responsabilità ai sensi dell art c.c. non è però pacifica ed è avversata ad es. dalla dottrina (contrari RUBINO-IUDICA, CIANFLONE-GIOVANNINI). La responsabilità dell appaltatore ai sensi dell art c.c. sussiste: - nei confronti del committente; - nei confronti dei suoi aventi causa, pertanto la differenza più rilevante rispetto alla disciplina della responsabilità contrattuale dettata dagli artt e 1668 c.c. è che la responsabilità prevista dall art c.c. può essere fatta valere, contro l appaltatore, anche da un soggetto diverso da colui che ha stipulato il contratto d appalto, ad es. può esser invocata da colui che ha acquistato l immobile dal committente (Cass., 12790/2007; 1748/2005; 4622/2002; 3221/1999). Durata della responsabilità, decadenza e prescrizione La durata della responsabilità dell appaltatore ai sensi dell art c.c. è di 10 anni dal compimento dell opera, anche per tale aspetto è - p. 7 di 16 -

8 evidente la differenza rispetto alla durata della responsabilità contrattuale ai sensi dell art e 1668 c.c. che è di soli due anni dalla consegna dell opera. La denuncia del vizio (la rovina, il pericolo evidente di rovina ed i gravi difetti) dev essere effettuata entro un anno dalla scoperta (termine di decadenza, art c. 1 c.c.), l azione di garanzia si prescrive in un anno dalla denuncia (termine di prescrizione, art c. 2 c.c.). Aspetto problematico della responsabilità in esame è quello di determinare il momento della scoperta del vizio grave e del pericolo di rovina evidente, dalla quale decorre il termine di decadenza di un anno per effettuare la denuncia all appaltatore. La giurisprudenza suole affermare che, se occorrono indagini tecniche per accertare tali vizi e pericoli, il termine di decadenza di un anno per la denuncia inizia a decorrere solo quando il sospetto è stato confermato dagli opportuni accertamenti tecnici quali ad es., una perizia di parte, un accertamento tecnico preventivo del Tribunale, la relazione della Asl che nega l abitabilità dell immobile, ecc., non essendo sufficiente una manifestazione di scarsa rilevanza o semplici sospetti (Cass., 2460/2008; 1463/2008; 567/2005; 4622/2002). Inoltre, l identificazione degli elementi necessari per integrare la scoperta implica la conoscenza sia della gravità dei vizi sia del collegamento causale di essi con l attività progettuale e costruttiva (Cass., 2313/2008). Colpa dell appaltatore Anche in tal caso, dimostrato il difetto grave, la colpa dell appaltatore si presume salvo il suo diritto di fornire la prova contraria. I gravi difetti - p. 8 di 16 -

9 Molto copiosa la giurisprudenza pronunciatasi sulla nozione di gravi difetti ex art c.c., in linea generale sono ritenuti tali quelli che pregiudicano in modo grave l utilizzo dell immobile o che incidono in maniera grave sugli elementi strutturali essenziali quali la solidità, l efficienza e la durata dell opera. Senza pretesa di completezza, sono stati ritenuti gravi difetti: - le mattonelle del pavimento che si sono staccate e rotte in una misura percentuale rilevante (Cass., 8140/2004); - la rottura di una tubatura antincendio che, a causa di inefficiente impermeabilizzazione, ha determinato infiltrazioni (Cass., 6753/2003); - l inadeguatezza della coibentazione termica (Cass., 3146/1998); - i vizi dell impianto centralizzato del riscaldamento che impediscono la normale utilizzazione dell abitazione (Cass., 5002/1994 e 7924/1992); - i vizi del tetto e del terrazzo di copertura dell edificio che determinano infiltrazioni d acqua nell appartamento sottostante (Cass., 2431/1986); - l inefficienza dell impianto idrico (Cass., 3752/2007); - il dissesto della canna fumaria che impedisce il normale godimento dell immobile (Cass., 2763/1984); - il difetto del tubo di adduzione dell acqua desunta dal fatto che la fuoriuscita dell acqua della conduttura si era propagata nei sotterranei e terreni dell edificio pregiudicandone il normale godimento (Cass., 6741/1983). Doveri di controllo a carico dell appaltatore - p. 9 di 16 -

10 Punto problematico della responsabilità ai sensi dell art c.c. è la configurabilità di un dovere di controllo dell appaltatore: - sul progetto di costruzione fornito dal committente, - sulla natura del suolo edificatorio, - sulle prescrizioni tecniche impartite dal committente o dal direttore lavori. La giurisprudenza ritiene che l appaltatore è obbligato a controllare la correttezza del progetto fatto predisporre dal committente nei limiti delle proprie cognizioni tecniche e della normale diligenza (Cass., 6931/2007; 12995/2006; 14598/2000; 5099/1995) ed afferma altresì che grava sull appaltatore l onere di indagare la consistenza geologica del suolo salvo diversa pattuizione contrattuale (Cass., 3932/2008), e di sindacare le direttive tecniche impartite dalla direzione lavori quando siano contrarie alle buone regole costruttive (Cass., 3752/2007; 9562/1994). Pertanto l appaltatore, nei limiti anzidetti, non va esente da responsabilità per i difetti dell opera che derivano da tali cause, salva ovviamente la responsabilità solidale del progettista e del direttore lavori che risponderanno, insieme all appaltatore, per i danni che ne sono derivati (Cass., 10679/2007; 4366/2006; 13039/1991). La giurisprudenza limita la resposabilità dell appaltatore nel caso in cui abbia agito come nudus minister, e cioè allorquando dimostri di aver eseguito l opera senza alcuna autonomia limitandosi a realizzare i progetti e le istruzioni fornite dal committente (Cass., 7755/2007; 6931/2007; 3752/2007; 13131/2006; 12995/2006). Il venditore-costruttore La disciplina normativa dettata dall art c.c. è ritenuta applicabile dalla giurisprudenza maggioritaria nei confronti del venditore- - p. 10 di 16 -

11 costruttore, e cioè di colui che costruisce l immobile in proprio o con gestione diretta e provvede successivamente ad alienarlo all acquirente finale (Cass., 16202/2007; 7634/2006; 567/2005; 3338/1999). Se si ritenesse applicabile esclusivamente la disciplina della vendita di cose immobili, la tutela dell acquirente sarebbe decisamente più ridotta in quanto le norme sulla vendita prevedono termini molto più brevi per far valere la responsabilità del venditore (art c.c.: un anno dalla consegna). In materia è stato emanato il recente D. Lgs. 20/06/2005 n. 122 disposizioni per la tutela dei diritti patrimoniali degli acquirenti degli immobili da costruire a norma della legge 2/8/2004 n. 210, che ha previsto (art. 4) l obbligo del costruttore di contrarre e consegnare all acquirente, all atto del trasferimento della proprietà, una polizza assicurativa indennitaria decennale a beneficio dell acquirente e con effetto dalla data di ultimazione dei lavori a copertura dei danni materiali e diretti all immobile, compresi i danni ai terzi, cui sia tenuto ai sensi dell art c.c., derivanti da rovina totale o parziale oppure da gravi difetti costruttivi delle opere, per vizio del suolo o per difetto della costruzione, manifestatisi successivamente alla stipula del contratto definitivo di compravendita o di assegnazione. LA RESPONSABILITA EXTRACONTRATTUALE DELL APPALTATORE AI SENSI DELL ART C.C. Secondo un indirizzo giurisprudenziale, sull appaltatore grava altresì la responsabilità extracontrattuale generale da fatto illecito ai sensi dell art c.c.. - p. 11 di 16 -

12 Seguendo questa ricostruzione, l appaltatore rimane responsabile per i danni arrecati al committente o a terzi (ad es. gli aventi causa del committente che hanno acquistato la cosa immobile e qualunque altro soggetto terzo) anche oltre il termine di 10 anni dal compimento dell opera. Ed infatti, la responsabilità ai sensi dell art c.c. si prescrive nel termine di 5 anni dal giorno in cui si è verificato il fatto illecito (art c. 1 c.c.), pertanto decorsi 10 anni dal compimento dell opera si estingue la responsabilità ai sensi dell art c.c. ma permane la responsabilità generale extracontrattuale dell appaltatore ai sensi dell art c.c.. L art c.c. è stato applicato ad es. in fattispecie di crollo di un muro di cemento armato lungo 30 mt. eretto a sostegno della scarpata retrostante una scuola (Cass., 8520/2006), ed in un caso di danno arrecato da fuoriuscita di acqua per difettosa costruzione delle condutture fognarie (Cass., 3338/1999): in entrambi i casi si era già estinta la responsabilità dell appaltatore ai sensi dell art c.c. per decorso del termine di 10 anni dal compimento dell opera. La responsabilità dell appaltatore ai sensi dell art c.c. soggiace però all onere della prova ordinario, quindi il soggetto danneggiato deve fornire, non solo la prova del danno subito, ma anche la prova della colpa dell appaltatore (Cass., 8520/2006). LA VERIFICA DELL OPERA ED IL COLLAUDO La verifica è il complesso delle operazioni materiali che ha lo scopo di accertare se l opera è stata bene eseguita. - p. 12 di 16 -

13 Il collaudo è la conclusione ed il coronamento della verifica, cioè la dichiarazione finale con cui si esprime che l opera è stata bene eseguita esente da vizi e difformità (cum laude). L art c.c. attribuisce al committente il diritto di verificare l opera prima della consegna. Il diritto di verifica del committente sussiste, non solo quando l opera è stata ultimata, ma anche nel corso dell esecuzione e quindi prima del completamento (art c.c.). La mancata esecuzione della verifica da parte del committente Il committente deve eseguire la verifica appena l appaltatore lo mette in condizione di poterla fare (art c. 2 c.c.), infatti il diritto dell appaltatore al pagamento del corrispettivo sorge quando l opera è accettata dal committente (art c. 5 c.c.) quindi l appaltatore ha interesse che il committente esegua la verifica. Se il committente non esegue la verifica, l appaltatore può metterlo in mora, a tal fine è necessario: - che l appaltatore inviti il committente ad eseguire la verifica (art c. 3 c.c.); - che l appaltatore metta il committente in condizione di poter eseguire la verifica e cioè presti tutta la collaborazione all uopo necessaria (art c. 2 c.c.); - che, nonostante ciò, il committente non proceda alla verifica senza giusti motivi oppure non ne comunichi il risultato entro un breve termine (art c. 3 c.c.). La mora del committente ad eseguire la verifica produce un effetto sostanziale molto importante: determina la presunzione che l opera è stata accettata dal committente (art c. 3 c.c.). - p. 13 di 16 -

14 L art c. 4 c.c. stabilice che, se il committente riceve la consegna dell opera senza verificarla e senza sollevare riserve, l opera si considera accettata (con la conseguenza che il committente perde il diritto alla garanzia per i vizi palesi salvo quelli taciuti in mala fede dall appaltatore, v. art c. 1 c.c.), tuttavia la giurisprudenza suole affermare che la mera presa in consegna dell opera da parte del committente non equivale automaticamente ad accettazione della medesima pur in difetto della verifica, occorrendo stabilire in concreto se nel comportamento delle parti siano o meno ravvisabili elementi contrastanti con la presunta volontà di accettare l opera senza riserve (Cass., 3752/2007; 12829/2004). Il collaudo e l accettazione dell opera Eseguita la verifica, il committente ne comunica il risultato all appaltatore, il collaudo è costituito da tale dichiarazione. Il collaudo, inteso come dichiarazione del risultato della verifica, può avvenire a distanza di qualche tempo dalla verifica, ciò si desume dall art c. 3 c.c. che prevede che il risultato della verifica dev essere comunicato all appaltatore entro breve termine. Il rapporto contrattuale, ad opera conclusa, dev essere infatti definito in un lasso di tempo ragionevole, ponendo l appaltatore in condizione di ricevere il pagamento se la verifica ha avuto esito positivo, oppure avviando celermente l intervento riparatorio dei vizi e delle difformità che siano emerse, sempre che non insorgano contestazioni. Dal collaudo si distingue la accettazione dell opera da parte del committente che è una vera e propria manifestazione di volontà negoziale e produce l effetto di liberare l appaltatore dalla garanzia per i vizi palesi (salvo che li abbia in mala fede taciuti v. art c. 1 - p. 14 di 16 -

15 c.c.) ed attribuisce all appaltatore il diritto al pagamento del corrispettivo (art c. 5 c.c.). L accettazione dell opera da parte del committente può essere espressa oppure tacita (o presunta). La accettazione espressa consiste in una dichiarazione di volontà negoziale, può essere scritta oppure orale e può avvenire anche se non sono state compiute la verifica ed il collaudo. La accettazione tacita consiste nel compimento di un atto che necessariamente implica la volontà di accettare l opera. Si ha accettazione tacita quando il committente riceve la consegna dell opera senza sollevare riserve ed ancorché non si sia proceduto alla verifica (art c. 3 c.c.), pertanto il committente, se vuole evitare tale effetto, deve dichiarare che l opera viene presa in consegna con riserva della verifica (ma, come già detto, la giurisprudenza è cauta su tale profilo e ritiene necessario indagare in concreto il significato del comportamento delle parti e l eventuale sussistenza di elementi che contrastino con la volontà di accettare l opera, v. Cass., 3752/2007; 12829/2004). Si ha altresì accettazione tacita allorché il committente procede alla verifica senza comunicarne il risultato entro breve tempo all appaltatore (art c. 3 c.c.). Altro caso di accettazione tacita, se il committente richiede la consegna dopo aver eseguito la verifica. Effetti dell accettazione L accettazione dell opera da parte del committente libera l appaltatore dalla responsabilità per i vizi palesi, salvo quelli taciuti in mala fede - p. 15 di 16 -

16 dall appaltatore, mentre permane la responsabilità dell appaltatore per i vizi occulti (art c. 1 c.c.). In secondo luogo, l accettazione dell opera fa sorgere il diritto del committente alla consegna, se l opera non si trova già in suo possesso. In terzo luogo, l accettazione determina il passaggio in capo al committente del rischio di perimento e del deterioramento dell opera (ovviamente per causa non imputabile all appaltatore), v. art c.c.. Infine, l accettazione dell opera fa sorgere il diritto dell appaltatore al pagamento del corrispettivo (art c. 5 c.c.). - p. 16 di 16 -

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli,

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, 1) OPERE EDILI MAL ESEGUITE Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, dal 1667 al 1673 (vedi di seguito), proprio al problema della "difformità

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

VADEMECUM DELLA GARANZIA

VADEMECUM DELLA GARANZIA VADEMECUM DELLA GARANZIA Il contributo sul tema della garanzia è rappresentato da: - una relazione del nostro consulente Avv. Roberto Spreafico Studio legale Spreafico - un estratto da Il Sole 24 Ore del

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

La responsabilità del progettista

La responsabilità del progettista Capitolo Secondo La responsabilità del progettista di ANTONIO MUSIO SOMMARIO: 1. L attività progettuale nell ambito dei lavori privati. 2. L attività progettuale nell ambito dei lavori di opere pubbliche.

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Procedimento di controllo Commissione Contratti

Procedimento di controllo Commissione Contratti Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, la Commissione Contratti di

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

La garanzia legale in Italia ed in altri Paesi dell UE

La garanzia legale in Italia ed in altri Paesi dell UE La garanzia legale in Italia ed in altri Paesi dell UE A cura del Centro Europeo Consumatori Italia Ufficio di Bolzano Via Brennero, 3 I-39100 Bolzano Tel. +39-0471-980939 Fax +39-0471-980239 www.euroconsumatori.org

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente CONTRATTO / INADEMPIMENTO La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente Le azioni poste a tutela della parte adempiente nel caso di inadempimento della

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI TESINA di DONATA PAOLINI SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI 1) LA PROPRIETA DEL SOTTOTETTO NEI CONDOMINI Preme innanzitutto precisare che il sottotetto non rientra tra le parti comuni condominiali come elencate

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile Dott. ENZO ROVERE NOZIONE caratteristiche ed oggetto La compravendita è il contratto con il quale una parte (detta venditore) trasferisce

Dettagli

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI I soffitti, le volte e i solai sono le strutture murarie che

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA III. QUANDO SI ACQUISTA CASA Quando si compra casa le imposte da pagare indicato nell'atto, provvede alla rettifica e sono diverse (registro o Iva) a seconda che il alla liquidazione della maggiore imposta

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Il direttore dei lavori

Il direttore dei lavori UNIONE EUROPEA Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Ministero dell Economia e delle Finanze PODIS Progetto Operativo Difesa del Suolo Procedure tecnico-amministrative

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

I CONTRATTI. DI merci. avv. prof. Maurizio Riguzzi

I CONTRATTI. DI merci. avv. prof. Maurizio Riguzzi I CONTRATTI NELL autotrasporto DI merci avv. prof. Maurizio Riguzzi 532 CONTRATTO DI TRASPORTO DELLE MERCI E OBBLIGAZIONI DELLA FILIERA Sommario: 532.0 QUADRO GENERALE 532.1 CONTRATTO DI TRASPORTO DI

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

4. LE OBBLIGAZIONI 1

4. LE OBBLIGAZIONI 1 4. LE OBBLIGAZIONI 1 OBBLIGAZIONI Ad esse è dedicato il Libro IV Codice Civile artt. 1171-1320 cod. civ. strumento tecnicamente adottato al fine di semplificare la disciplina e dettare una disciplina unitaria

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Rent to buy, titolo esecutivo per il rilascio dell immobile ed effettività della tutela giurisdizionale

Rent to buy, titolo esecutivo per il rilascio dell immobile ed effettività della tutela giurisdizionale Studio n. 283-2015/C Rent to buy, titolo esecutivo per il rilascio dell immobile ed effettività della tutela giurisdizionale Approvato dal Consiglio Nazionale del Notariato il 28 maggio 2015 Lo studio

Dettagli

Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione.

Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione. DIRITTO CIVILE Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione. Come si definiscono le norme che regolano

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Il diritto alle ferie annuali alla luce della nuova disciplina legale e dei recenti orientamenti giurisprudenziali.

Il diritto alle ferie annuali alla luce della nuova disciplina legale e dei recenti orientamenti giurisprudenziali. Il diritto alle ferie annuali alla luce della nuova disciplina legale e dei recenti orientamenti giurisprudenziali. Il diritto alle ferie annuali, costituzionalmente sancito, è ispirato da ragioni di ordine

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO QUICK PACK EUROPE

CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO QUICK PACK EUROPE Validità a partire dal: 05 agosto 2013 CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO QUICK PACK EUROPE Le presenti Condizioni Generali, che si compongono di 13 articoli, disciplinano il Servizio Quick Pack Europe (di

Dettagli

L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE. Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi.

L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE. Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi. L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi.it INDICE: 1) Considerazioni preliminari 1.1) La portata giuridico-formale

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli