non possa muoversi da seduto, questa pietra deve essere condotta (giù verso) il collo della vescica con un dito introdotto nell'ano e con l'altra

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "non possa muoversi da seduto, questa pietra deve essere condotta (giù verso) il collo della vescica con un dito introdotto nell'ano e con l'altra"

Transcript

1 [21 recto] i tessuti attorno al didimo ed ai testicoli (partendo) dallo scroto; dopo legano nella parte superiore e tagliano il didimo ed i vasi genitali assieme al testicolo e dopo fanno cicatrizzare; questo intervento (lo) si fa in fretta. Vi sono quelli che ripuliscono i tessuti solo attorno al didimo e non al testicolo e cuciono e legano nella parte superiore applicando una medicazione molto ferma e lasciano stare (l'organo) cosi'; oppure quella perforazione (la) si fa con un farmaco caustico che disfa e brucia la cute di quel punto. Dopo applicano del sublimato d'arsenico che corrode, (ha azione) caustica e riduce (il tessuto) mentre brucia; (essi) eliminano subito le parti disfatte del didimo e poi fanno cicatrizzare. [TESTICOLI] Una volta finito con il didimo, devi osservare ciò che affermano gli autori, cioè che i vasi genitali maschili sono di due tipi: quelli che preparano (lo sperma) e quelli che (lo) portano fuori. Quelli che (lo) preparano sono quelli che scendono dalla predetta regione (e vanno) ai testicoli e si avvolgono attorno alla parte superiore dei testicoli formando quasi un sacco; infatti questi vasi non entrano nel tessuto dei testicoli ed hanno il carattere di vene e di fibre. Ce ne sono poi altri che continuano da questi e sono anche più fibrosi e quanto più salgono via dai testicoli tanto più sono fibrosi; essi salgono fino all'osso pubico, dove il didimo comincia a formarsi; allora (questi vasi) si mescolano con dei nervi fino alla regione della vescica e del suo collo e finalmente procedono fino al pene ed al meato del pene ed arrivano nella regione dove c'è l'apertura dell'osso pubico; allora, attraverso i due dotti che si trovano qui (e che sono doppi) come sono doppi i vasi genitali maschili, essi emettono lo sperma che hanno portato dai testicoli, il quale è stato generato da essi (testicoli) in altri vasi, e riversano quello sperma nel canale del pene. Il pene lo emette poi all'esterno. Veramente non potrai vedere bene quelle aperture (dei dotti deferenti nell'uretra) se non quando anatomizzi il pene; da questo sono evidenti la forma e la struttura dei testicoli dell'uomo e dei vasi genitali maschili, dato che i testicoli hanno struttura ghiandolare. Sono evidenti (anche) le dimensioni, la quantità, la posizione ed i rapporti (di questi organi); é evidente anche la funzione e da questa diventa evidente la loro malattia; in fatti, quando (questi organi) vengono tagliati o sviluppano un ascesso o i vasi si ostruiscono o il liquido spermatico non arriva per un altro motivo, il coito s'interrompe; cosi' qualche volta, per ragioni opposte, avviene un emissione involontaria di sperma; (queste condizioni) si verificano soprattutto a causa dello spasmo, o della flaccidità (rispettivamente), degli organi suddetti o dei vasi. [VESCICA] Una volta completati questi (organi), solleva i reni e ripulisci un orifizio ureterico, o tutti e due, e vedrai che (gli ureteri) terminano nella vescica vicino alla sua linea mediana; (l'uretere) non perfora la vescica in linea diretta e con un'apertura grande, ma con piccoli orifici che procedono dai lati obliquamente fra una tunica e un' (altra) tunica oppure tra la mucosa (interna) ed la capsula esterna; ciò fu fatto affinché, quando la vescica si riempie, l'urina non ritorni ai reni; anzi, quanto più si riempie tanto più quegli orifizi si chiudono, perché la parete di una tunica si ribatte contro alla parete di un'altra o (contro) la capsula esterna. Poi apri la vescica e vedrai la sua grande cavità, che è fibrosa, e vedrai il suo collo carnoso e muscoloso; (ciò fu fatto) perché, in certi momenti quando è opportuno e l'uomo lo desidera, egli (possa) espellere l'urina e quando è necessario la trattenga; poiché il suo collo è muscoloso, se (un chirurgo) incide la vescica nel suo collo (il taglio) può cicatrizzare, se (il taglio è) nel fondo (della vescica) no. Il suo collo è attraversato da una piccola apertura attraverso la quale (la vescica) riversa nell'uretra l'urina (che) esce fuori; infatti quel collo è in continuazione diretta con l'inizio del pene, come puoi osservare; cosi' sono evidenti le dimensioni della vescica stessa, la sua posizione ovvero i suoi rapporti, la quantità (delle sue parti), la struttura e la funzione. (La vescica) può subire malattie di ogni genere, ma ne subisce una (in particolare) che si chiama litiasi. In fatti nella sua cavità si può formare un calcolo dai liquidi mucillaginosi accumulati in essa e concentrati da un calore eccessivo; questo calcolo si cura con sostanze che lo dissolvono oppure mediante incisione. Infatti, dopo aver situato debitamente l'uomo in modo che

2 non possa muoversi da seduto, questa pietra deve essere condotta (giù verso) il collo della vescica con un dito introdotto nell'ano e con l'altra mano posta sopra l'osso pubico; dopo essere stato condotto qui, (il calcolo vi) deve essere trattenuto. Dopo si deve fare un'incisione all'altezza del collo (della vescica) ed estrarre (il calcolo) decisamente con un estrattore; questo (si fa) se il calcolo è grande. Se invece è piccolo, tale che si possa estrarre attraverso il canale del pene, (il calcolo) deve essere condotto dal collo della vescica fino al pene per mezzo della pressione fatta con le dita; se non esce, deve essere estratto con un estrattore piccolo. [PENE] Per ultimo c'è proprio il pene che si continua con molti legamenti e corde al collo carnoso della vescica; esso si continua con molti legamenti e corde che nascono dall'osso pubico (e) con molti nervi provenienti dal midollo spinale; per conseguenza (il pene) è molto sensibile ed estensibile. Esso è in continuazione anche con vene ed arterie principali, dato che nel pene e nella lingua arrivano vene ed arterie più grandi che a qualunque altro organo della medesima grandezza. Queste vene ed arterie nascono dalla vena cava inferiore e dall'arteria (aorta discendente) nel luogo in cui (questi vasi) si biforcano in direzione dei due fianchi; quindi queste vene ed arterie (che) sono grandi si distribuiscono nella regione del perineo, che è la regione tra l'ano e gli organi genitali; (dato che) qui si trova l'origine o inizio del pene, (è) per questo (che) queste vene sono come le radici del pene e a causa loro il pene è pieno di cavernosità; le sue cavernosità sono riempite da una sostanza gassosa generata nelle sue arterie e quando si riempiono di gas il pene si erige. Per osservare meglio la sua anatomia, devi separare le ossa pubiche e rimuovere il pene assieme alla vescica e all'intestino retto, oppure senza di essi; (devi) tagliare il pene nella (sua) lunghezza fino al suo canale; allora all'inizio di esso ti appariranno i due orifizi di cui (si è parlato) sopra. Ti appariranno anche le sue cavernosità; da ciò ti rendi conto delle sue dimensioni, giacché la sua dimensione o lunghezza è di un palmo, come la lunghezza della vagina. E' evidente la sua struttura, che è fibrosa, tranne la sua estremità che si chiama prepuzio. E' evidente anche la quantità delle sue parti; è evidente la posizione ed i rapporti. La sua forma è oblunga, perché il pene dell'uomo è sporgente, non attaccato al ventre come nei quadrupedi; la ragione è che gli esseri umani durante il coito non si uniscono dalla parte del dorso, ma con un amplesso (frontale). Se assieme al pene hai rimosso l'intestino ovvero l'estremità dell'intestino retto, la cui anatomia abbiamo spiegato sopra, allora conosci (già) in quell'intestino, ovvero nella sua estremità, (la parte) che si chiama ano, (e) i muscoli che (lo) muovono, ovvero che aprono e chiudono (l'ano). Prendi in considerazione anche le cinque vene emorroidali che sono nella sua (dell'ano) estremità; in certe (persone) sono più profonde, ed in certe determinate circostanze si aprono ed avviene il flusso delle emorroidi. Con ciò si completa l'anatomia degli organi naturali che sono contenuti nella prima (inferiore) cavità ventrale. [TORACE] Una volta finite queste cose, comincia ad eliminare la cute del torace fino all'inizio del collo, perché fino lì ci sono gli organi della respirazione. Nota che, così come la prima (cavità studiata) ha due tipi di strutture, anche questa ha due tipi di strutture, cioè parti contenenti ed organi contenuti (in esse). Gli organi contenenti fanno parte del petto; le parti del petto sono di due tipi, cioè esterne ed interne. Alcune delle (parti) esterne sono mediali, alcune (sono) laterali; quelle mediali sono, o (meglio) vengono chiamate (così), parti dello sterno; queste sono due, (cioè) lo sterno superiore e lo sterno inferiore, o parte dello sterno. Le parti laterali si chiamano lati del petto, cioè destro e sinistro. Le parti interne sono cinque, cioè il grasso sottocutaneo, che già si conosce, le mammelle, i muscoli, le ossa e le cartilagini. [MAMMELLE] Per prima cosa osserva la forma delle mammelle, giacché esse hanno una forma rotonda ed un po' oblunga, perché devono contenere il sangue che deve trasformarsi in latte. Inoltre, come afferma Galeno nel suo De juvamentis membrorum, (le mammelle) sono lo scudo del cuore; perciò devono avere una forma ed un profilo (tali da essere) protette da impatti e tale è quella rotonda; esse hanno i capezzoli affinché il feto appena nato possa succhiare il latte da loro. In secondo luogo osservane la

3 struttura, giacché la loro struttura è ghiandolare, perché l'eccesso di sangue ben scaldato in esse deve trasformarsi in latte; questa trasformazione avviene per raffreddamento, per cui il loro tessuto è ghiandolare. In terzo luogo osservane le dimensioni; benché devi innanzitutto sapere che nella donna sono più grandi che nell'uomo, perché nella donna sono fatte per due scopi; uno (scopo) è per produrre il latte, mentre nell'uomo no; per questo nella donna debbono essere grandi. Per di più nella donna (le mammelle) sono state fatte grandi perché rimandino al cuore, riflettendolo, il calore che ricevono dal cuore (stesso); questo è più necessario nelle donne dato che attorno al cuore hanno meno calore degli uomini. In quarto luogo notane il numero, giacché nell'uomo sono due, come in ogni animale che genera uno o due figli. Negli animali multipari, cioè che generano molti (figli), le mammelle sono invece molte. In quinto luogo osservane la posizione ed i rapporti. Dapprima la posizione, infatti nell'uomo le mammelle sono situate nel petto, negli altri animali no. La ragione per cui negli altri animali non sono situate nel petto è offerta da Galeno nel capitolo suddetto, perché le mammelle sono fatte per la produzione del latte. Ma il latte è prodotto dall'eccesso di sangue ben riscaldato. Ma negli altri animali una quantità considerevole di questo eccesso (di sangue) è diretto verso la produzione delle corna, dei denti e di (altre cose) dello stesso genere. Un'altra ragione è offerta da Aristotele nel libro De partibus animalium, perché gli altri animali hanno gli arti, cioè l'avambraccio, piegati quasi in dentro e perciò (hanno) il petto stretto, perciò le mammelle non hanno potuto essere collocate nel loro petto; per questo le hanno verso le anche se sono animali che generano uno o due feti, come la lepre e simili (specie), oppure hanno molte mammelle disperse lungo il ventre se generano molti feti, come nella scrofa e nella cagna. L'Uomo, avendo il petto largo, ha invece le mammelle collocate nel petto, perché da ciò esse ne traggono dei vantaggi. Il latte deve infatti essere prodotto in esse dal sangue raffinato e ben scaldato. Ma l'elaborazione migliore avviene nella regione del petto (e) nelle mammelle, a causa del calore che esiste in esse più elevato che in tutte le altri parti (possibili); per la stessa ragione la natura ha fatto si' che le vene che arrivano ad esse dall'utero (siano) tortuose, come dice qui Galeno; (le vene) procedono in modo tortuoso affinché il sangue gradualmente si raffini e sia ben elaborato. La seconda funzione (delle mammelle) è che sono come lo scudo del cuore e nell'uomo il cuore deve essere ben protetto perché è senza rivestimento protettivo. La (loro) terza funzione è che ricevono il riscaldamento ovvero il calore degli organi del torace e riflettono ciò che ricevono ad esso (cuore) come (farebbe) un vestito, come afferma qui ancora Galeno. Da ciò sono evidenti i loro rapporti, giacché esse sono collegate con il cuore ed il fegato per mezzo della vena cava superiore, dalla quale vicino allo sterno partono due rami che discendono contro il dorso e fra le costole si dirigono verso le mammelle. (Le mammelle) sono collegate anche con l'utero mediante le vene che salgono dall'utero alle mammelle, di cui si è detto sopra. Dalle loro funzioni devi riconoscere le loro malattie. [MUSCOLI DEL PETTO] Dopo le mammelle ci sono i muscoli (del petto). Ma non puoi distinguere tutti muscoli del petto con questo (tipo di) anatomia, sebbene si distinguano in tutti (i cadaveri con un tipo di anatomia diversa) dato che sono 68. Tuttavia, devi sapere che alcuni di questi muscoli dilatano (il torace) soltanto e alcuni (lo) dilatano e contraggono. (Quelli) che dilatano soltanto sono i due muscoli del diaframma, che sono (inseriti) sulle (pareti) interne del petto; (lo) sono anche i due muscoli che sono nel collo; ma il diaframma dilata (il torace) dal di sotto dove c'è molto spazio, mentre quei (muscoli) che sono nel collo dilatano la (parte) superiore della cavità (del torace) che è piccola. (Lo) sono (dilatanti) anche altri muscoli che sono dorsali, dove c'è l'inizio delle costole, e cominciano vicino all'origine della prima costola. (Lo) sono anche molti altri muscoli piccoli. I muscoli che dilatano e comprimono (il torace) sono invece i muscoli localizzati tra le costole, giacché tra ogni due costole ci sono due muscoli di cui uno ha le fibre in senso longitudinale, l'altro in senso trasversale. [OSSA DEL PETTO] Dopo i muscoli ci sono le ossa. Le ossa del petto sono poi molte e non un (osso solo) continuo, affinché (il torace) possa dilatarsi e restringersi; infatti deve essere in continuo moto, (causato) da un moto locale volontario; perciò in esso (petto) si richiedono muscoli per il movimento ed ossa che

4 sono il sostegno dei movimenti; questa è la ragione per cui questa cavità (toracica) non è tanto muscolosa come la prima (viscerale), ne' tanto ossea come l'ultima (cavità), cioè il capo. Queste ossa sono di due tipi, cioè le costole e le ossa del torace. Le costole sono dodici, sette vere e cinque false. Sono vere quelle che si continuano con le ossa del torace per circondare e coprire il petto; la ragione per cui una costola non tocca l'altra nelle (loro) estremità è quella che è stata detta, perché il petto possa meglio dilatarsi e restringersi. Le ossa del torace sono poi sette, in continuazione con le sette costole vere. Ma fra queste ossa e le costole ci sono delle cartilagini che mettono in rapporto un osso con l'altro. Queste ossa con le loro cartilagini compongono un organo che è chiamato furcula del petto, perché è biforcuto ed ha l'aspetto di una forca; nella sua estremità (inferiore) è inserita una cartilagine sottocutanea chiamata processo xifoideo, fatto per proteggere la bocca dello stomaco. Lateralmente nelle costole false ci sono delle cartilagini, affinché le parti molli (interne) non vengano lese con un (osso) duro, o (meglio) da un (osso) duro. Veramente tutto ciò si vedrebbe meglio se si incidesse il petto dove ci sono le parti tenere delle costole, su (ambedue) i fianchi destro e sinistro; allora ti sarà evidente tutto cio' che è all'interno (della cavità toracica). [MEMBRANE DEL TORACE] Gli organi contenuti nel petto sono poi le membrane, il cuore, i polmoni e quegli (organi) derivati da loro. Le membrane sono tre, cioè la pleura mediastinica che divide la cavità del petto medialmente in direzione antero-posteriore, dividendo perciò i polmoni medialmente. Questa membrana non è nervosa ne' continua (e) con una struttura semplice come le altre; questo è fatto per un vantaggio comune (ai due polmoni), cioè affinché se la parte destra o sinistra dei polmoni viene danneggiata non si trasmetta il danno all'altra parte. (Questo) è fatto anche per sospendere i polmoni all'(interno del) petto. (Questo) è inoltre fatto affinché se per qualche ragione si forma un empiema, cioè un accumulo di pus nel petto, questo pus non si riversi nell'altra parte. Poi c'è la pleura (costovertebrale). (Questa) pleura è una membrana dura e di struttura nervosa, di grandi dimensioni, che ricopre tutte le sue costole ed è perciò in rapporto con tutti gli organi contenuti nella cavità toracica. Le sue funzioni sono di ricoprire gli organi suddetti e di dare origine alle membrane degli organi in questione, come afferma Avicenna nel primo capitolo del primo (libro) del Canon, il capitolo sugli organi. (La pleura) può subire malattie di ogni genere e modalità (e) può soprattutto subire un ascesso che si chiama pleurite. In effetti la pleurite è di due tipi, cioè vera e non vera. Non è vera quella che avviene nei muscoli che sono tra le costole, il cui margine è verso la pelle esterna; la (pleurite) vera avviene nella membrana (pleurica) stessa. Riguardo la sua struttura, puoi osservare che nella maggior parte dei casi questa infezione è colerica, per cui ha come conseguenza una febbre acuta. L'instaurazione dello stato febbrile dipende in effetti dalla posizione (della pleurite), perché questa febbre acuta avviene (se la pleurite si trova) appresso e più vicino al cuore a causa del (suo) umore caldo. Osserva anche che, a causa della sensibilità della membrana (pleurica), tale infezione è seguita da un dolore pungente e laterale, perché questa membrana si applica di più ai fianchi che alla regione anteriore. Ma la parte anteriore (della pleura) si applica di più alla pleura mediastinica; perciò il dolore conseguente alla peripleumonia è sul davanti, (mentre) questo (della pleurite) è sul lato. (Il dolore laterale) avviene anche perché (la pleurite) comprime il polmone ed impedisce la sua dilatazione (causando) difficoltà di respirazione; allora ne consegue la tosse, perché è stimolata dall'escrescenza del pus e da qualche sostanza nociva e da prodotti tossici che emanano da questo pus attraverso le porosità della membrana. Questa è la ragione per cui nella pleurite lo sputo è rossastro all'inizio, e dopo (diventa) bianco e putrido, man mano che la materia (dello sputo) si matura; quando all'inizio ha l'aspetto rossastro dapprima abbrevia l'attacco (di pleurite), come afferma Ippocrate negli Aforismi, quello sui parossismi e le (loro) conseguenze; la ragione è, come prevedibile, che la materia (dell'infezione) è fluida, la membrana (pleurica) è sottile e la (sua) resistenza è forte. In che modo questa materia nociva e putrida sia poi espulsa e mandata fuori per il polmone, sarà spiegato nell'anatomia del polmone. La terza membrana è il diaframma che si può definire come un muscolo, la cui posizione è all'estremità (inferiore) del petto e delle costole, trovandosi tanto nella parte anteriore (della cavità toracica) che in quella posteriore. Infatti, per quel che riguarda la porzione muscolare, si inserisce (davanti) sulle cartilagini delle false

5 costole e nella parte posteriore sulla dodicesima vertebra (toracica) (e) sulle vertebre lombari. La sua funzione deriva dalla sua posizione, in primo luogo per separare gli organi della cavità toracica da quelli della cavità viscerale, affinché i vapori provenienti dal cibo al momento della digestione e dalle feci non pervengano agli organi della cavità toracica; perché essi danneggerebbero la mente e la ragione, il che è chiaro quando il diaframma è affetto da un'infezione o la mente è lesa in qualche modo; perciò (il diaframma) è chiamato con un altro nome frenum, perché è il freno della mente come è anche chiamato diazona da Aristotele, perché cinge la cintura a metà (del corpo); non perché la cinga in modo proprio orizzontale, ma obliquamente come si è detto. La ragione per questa obliquità, ovvero il (suo) vantaggio, è quella che che è stata detta nel capitolo sull'anatomia della parete addominale; perché assieme alla parete addominale esso comprime l'eccesso di liquidi negli intestini al momento dell'espulsione, come se essi fossero dentro le assi di un torchio. Per quel che riguarda la sua (del diaframma) parte centrale, che è fibrosa e piatta, essa è in rapporto con i polmoni per spostarli con i movimenti della respirazione mediante i nervi che arrivano ad esso dal cervello e dal midollo spinale; da ciò è evidente perché il diaframma è considerato diverso dagli altri muscoli, giacché gli altri muscoli sono tendinosi dove s'inseriscono alle ossa, (e sono) muscolari altrove. Invece il diaframma è il contrario. La ragione è che il daframma deve innanzitutto muovere i polmoni e non le costole. Quanto invece alla porzione tendinosa degli altri muscoli, deve inserirsi sull'organo che deve muovere; quanto alla sua porzione muscolare (deve inserirsi) su di un altro (organo). Da ciò è chiara quale sia la sua forma, che è rotonda ed oblunga; è chiara anche la sua struttura, che è muscolare e tendinosa; sono chiare le sue dimensioni. Le funzioni sono tre, spiegate bene dalle cose già dette. La prima è di essere il principio motorio della respirazione; la seconda (è) di dividere gli organi della cavità toracica da quelli della cavità viscerale; la terza (è) di aiutare gli intestini e la parete addominale ad espellere ciò che è contenuto negli intestini. Dalla seconda funzione si vede perché alla sua (del diaframma) infezione segue un'alterazione della mente, fino alla frenesia. La (descrizione della) forma tipica (di questa malattia) cercala in Galeno, nel quinto libro del De Interioribus, nel capitolo sulle malattie del diaframma. [CUORE] (Dopo aver) sollevate le membrane (del torace), ti apparirà il polmone, in mezzo al quale c'è il cuore coperto dai lobi del polmone affinché sia raffreddato dall'aria inalata dallo stesso (polmone) e si contemperino il calore e lo spirito che si generano in esso (cuore). Del cuore sono evidenti la posizione e la localizzazione, perché è in mezzo fra la regione anteriore (del corpo) e la posteriore, (fra la parte) destra e la sinistra; se si considera il suo apice (il cuore) è inclinato verso sinistra, riguardo la base (è inclinato) verso destra, per poter esalare il calore e lo spirito verso la parte destra che deve essere più calda della sinistra. (Il cuore) è anche in mezzo fra la regione superiore (del corpo) e l'inferiore, l'estremità escluse, ed è stato collocato così perché è come l'origine e la prima radice di tutti gli organi. Per conseguenza sarà evidente quale siano i suoi rapporti, (così) come saranno evidenti le sue dimensioni; perché non è troppo grande ne' piccolo, benché sia più grande nell'uomo che in qualunque altro animale delle stesse dimensioni; perché (il cuore) ha più calore grazie alla (sua) dimensione, come ti sarà evidente dalla sua forma, giacché ha la forma di una pigna o di una piramide; perché tutto ciò che ha un calore considerevole deve avere questa forma, dato che la forma iniziale del calore primordiale è la forma piramidale. C'è poi un'altra (ragione, cioè) la separazione dei suoi ventricoli e delle (parti) derivate dallo stesso (cuore). Circa il quarto aspetto, devi osservare il numero delle sue parti e da ciò ti sarà evidente quale sia la sua composizione, la complexio e la funzione. (La questione del) numero delle sue parti è che alcune di esse non fanno parte della sua struttura, certe altre derivano invece dalla sua struttura. (Quelle) che non fanno parte della sua struttura sono il pericardio e (le parti) nate da esso, le quali si vedranno in seguito. Il suo pericardio, fibroso ovvero membranoso, è molto dilatabile (ed è) fatto per proteggere il cuore da fattori nocivi e per non essere toccato dagli altri organi nel momento della sua espansione o dilatazione; inoltre (il pericardio) non è continuo con il cuore, affinché esso non sia impedito dal suo peso durante il movimento. Ci fu anche un'altra ragione (per fare il pericardio così): affinché trattenesse una certa (quantità) d'umidità da cui il cuore fosse irrorato ed umettato, in

6 modo che non venisse essiccato dal suo movimento eccessivo e continuo; perciò in questo pericardio si trova sempre del liquido e se questo pericardio si secca o viene privato di quel liquido l'animale s'indebolisce molto, mentre se (il liquido) è in eccesso il cuore sarà soggetto a palpitazioni e ad un attacco cardiaco, come afferma Galeno nel quinto libro, secondo capitolo, del De interioribus. Fra le parti essenziali del cuore, certune sono esterne, altre interne. (Quelle) esterne sono l'adipe, le appendici del cuore o orecchiette del cuore e (le parti) che nascono da esso. L'adipe appare subito sulla superficie esterna del cuore verso la (sua) estremità, ma non è presente sulla parte attiva poiché l'adipe si genera dal freddo, mentre il cuore è molto caldo. Ma (l'adipe) è generata all'estremità affinché il cuore non si secchi in seguito ai (suoi) movimenti continui e vigorosi. Le orecchiette del cuore sono delle parti membranose capaci di dilatar(si) e restringer(si) e fatte per questo scopo, affinché si dilatino per contenere molto sangue e molto spirito che talvolta viene generato, quando nel nostro corpo si genera molto sangue o molto spirito (come) nel ventricolo sinistro. Ma tu potrai obiettare, come obietta Galeno nel brano suddetto, (e chiedere) perché la natura non ha fatto il cuore abbastanza grande da contenere tutta la quantità di sangue e spirito, e invece ha fatto quelle appendici. Dico che la ragione fu che, se il cuore fosse stato molto grande, avrebbe causato una riduzione delle (sue) facoltà per la perdita di spirito; perciò gli animali che hanno una cuore grande sono timidi, come la lepre ed il cervo. La seconda ragione fu perché nella maggior parte dei casi la cavità del cuore sarebbe stata vuota, dato che non sempre si genera in noi una grande quantità di sangue e di spirito; ma poiché queste orecchiette possono facilmente contrarsi quando non sono piene, non vi si formerà uno spazio vuoto. Si evita, inoltre, un peso (eccessivo del cuore). Si vedrà in seguito quali poi siano le parti che si originano dal cuore. Le parti interne del cuore sono poi i ventricoli destro, sinistro e medio del cuore. Per cominciare apri dunque il cuore nella parte destra e comincia dall'apice, in modo da non toccare l'altra parete, ma dividi (il ventricolo destro) a lato del ventricolo medio; allora ti apparirà subito il ventricolo destro e vedrai in esso due orifici, uno dei quali è (diretto) verso il fegato; (questo) è l'orificio attraverso il quale o dal quale qualcosa entra or esce dalla vena cava; (questo) è l'orificio più grande perché attraverso questo orificio il cuore attrae il sangue dal fegato e lo espelle verso tutti gli altri organi; poiché attraverso questo orificio (il cuore) deve attrarre più che espellere, la natura ha fatto sì che si chiuda al momento della contrazione, quando deve espellere, e si apra quando il cuore si dilata ed attrae. (A questo scopo) esso ha tre piccole valvole che si aprono dal di fuori al di dentro; la natura ha fatto sì che queste piccole valvole non siano troppo depresse, sebbene non si chiudano con una chiusura perfetta, poiché attraverso il medesimo orificio avviene anche l'espulsione del sangue perfettamente digerito; (il sangue) non viene tuttavia espulso tutto, perché una porzione di esso viene espulsa verso il polmone e un'altra parte di esso si trasforma in spirito. A questo punto però nota due cose. La prima è quella che ti (può) mostrare il buonsenso: che la vena cava ha la sua origine dal cuore, perché è continua con la struttura del cuore, non lo attraversa ed ha il massimo diametro vicino al cuore, come il tronco di un albero. In secondo luogo nota che, prima che (essa) entri nella cavità del cuore, da questa vena nasce una vena che circola tutt'attorno alla base del cuore e da essa nascono dei rami distribuiti nella parete del cuore; il cuore è nutrito da questa vena, cioè dal sangue di questa vena. Un secondo aspetto (del ventricolo destro è che) in direzione del polmone c'è poi l'altro orificio (quello) della vena arterialis che porta il sangue dal cuore al polmone; perché, siccome il polmone serve il cuore nel modo già detto, per ricompensarlo il cuore manda il sangue attraverso questa vena che si chiama vena arterialis perché porta (verso un organo) sangue arterioso e per questo, ha due tuniche; (essa) ha due tuniche in primo luogo perché (il movimento del sangue) va in direzione di un organo che si trova in continuo movimento, in secondo luogo perché conduce sangue molto sottile ovvero bilioso. Dunque, affinché (il sangue) non evapori essa ha due tonache, per cui si chiama vena arterialis. In questo orificio (del ventricolo destro), ovvero di questa vena, ci sono tre piccole valvole che si aprono dal di dentro al di fuori e si chiudono dal di fuori al di dentro con una chiusura perfetta, perché attraverso questo orificio il cuore deve solamente espellere (fuori) da sé al momento della contrazione e non deve prendere dentro niente al momento della espansione. (Una volta) visto questo, apri il ventricolo sinistro in modo che in mezzo rimanga la parete in cui c'è

7 il ventricolo medio; allora ti appare subito la cavità del ventricolo sinistro, la cui parete è più compatta e più spessa di quella del ventricolo destro, e questo la natura (l') ha fatto per tre motivi: innanzitutto perché questo ventricolo deve contenere lo spirito (vitale), invece il destro (contiene solo) il sangue. Ma il sangue è più pesante dello spirito, per cui sulla base delle sostanze contenute la parte destra sarebbe più pesante della sinistra, e perciò il cuore non sarebbe di dimensioni uguali (sui due lati). Dunque, affinché sia di peso uguale, (la natura) ha fatto più spessa la parete sinistra per compensare con il suo peso il peso del sangue (nel ventricolo destro). Un altro motivo è che (il ventricolo sinistro) deve contenere lo spirito che può facilmente dissiparsi; la parete è dunque spessa affinché non si dissipi. Il terzo motivo è che questa parete (del ventricolo) deve generare lo spirito dal sangue; ma lo spirito è generato dal sangue per mezzo di un forte calore che ha la capacità di purificar(lo) e far(lo) evaporare. Ma il calore è più forte quando è in un materiale ed in una struttura più densa, per cui la parete di questo ventricolo è spessa e densa. Nella sua cavità, vicino alla base, ci sono due orifici. Uno è l'orificio dell'arteria aorta, che si chiama aorta perché originata direttamente dal cuore, oppure perché è l'inizio dell'origine di tutte le arterie che sono nel corpo; per mezzo di questa (arteria) il cuore quando si contrae trasmette lo spirito (vitale) in esso generato a tutti gli organi; per questo la natura ha predisposto all'inizio di questo orificio tre piccole valvole molto resistenti (e) con una chiusura perfetta che si chiudono dal di fuori verso il di dentro e si aprono dal di dentro al di fuori; questo orificio è (anche) molto profondo. L'altro è l'orificio dell' arteria venalis, che si chiama arteria perché conduce il vapore e si chiama venalis perché ha soltanto una tunica (nella sua parete), giacché la natura non si è molto premurata della sua protezione; perché attraverso di essa passa quello che è del vapore leggero, oppure l'aria che il cuore riceve dal polmone; poiché attraverso questa vena il cuore riceve ed (anche) invia (materiale), in questo orificio la natura ha predisposto soltanto due piccole valvole che non si chiudono perfettamente; queste piccole valvole sono molto elevate per appoggiarsi alla parete del cuore quando (esso) espelle e distribuisce lo spirito (attraverso l'arteria aorta) affinché lo spirito non sia espulso attraverso di essa. E queste (strutture) sono mirabili opere della natura, così come è la realizzazione del ventricolo medio; infatti questo ventricolo non è (costituito da) una sola cavità, ma (ci) sono molte piccole cavità (che sono) più larghe sulla parte destra che sulla sinistra, perché il sangue che va al ventricolo sinistro dal destro, dovendo diventare spirito, si raffini subito, dato che il suo raffinamento è una preparazione alla generazione dello spirito; la natura, nel trasmettere qualcosa agli organi o attraverso qualche via (vascolare), non la trasmette mai con trascuratezza, ma preparandola alla forma che deve prendere, come afferma di frequente Galeno nell'opera De juvamentis membrorum, (per esempio) nel quinto (libro) sulle vene mesenteriche. Questo (completa) le parti intrinseche del cuore. Vi sono altre parti che sono derivate (da esso); queste sono quattro, cioè la vena cava, la vena arterialis, l'arteria aorta e la arteria venalis, due (delle quali) vanno al polmone, del quale vedi l'anatomia subito (dopo). [POLMONE] Da ciò che si é detto, possono essere ugualmente chiare la struttura dei polmoni e la quantità delle loro parti; esse sono infatti composte da un vaso (sanguigno) triplice, da del tessuto molle e da membrane. (Sono composte) da un vaso triplice, cioè (in primo luogo) dall'arteria polmonare che nasce dal ventricolo destro del cuore (e) che porta il sangue per nutrire il polmone. In secondo luogo (sono composte) dalla vena polmonare che nasce dal ventricolo sinistro del cuore portando i vapori leggeri al polmone e portando l'aria dal polmone al cuore. In terzo luogo c'è la trachea che porta l'aria ai polmoni e da essi la riporta fuori. Tutti questi vasi condividono queste (caratteristiche); in primo luogo quando arrivano ai polmoni si dividono in due rami: uno va alla parte destra di essi, l'altro (va) alla sinistra; ciascuno di loro si divide (poi) in due rami principali, uno dei quali va alla parte superiore del polmone, l'altro (va) alla parte inferiore. Poi tutti procedono a dividersi fino ai rami sottili ed ai più piccoli (ancora); (questi) si continuano l'un con l'altro e si intrecciano come una rete e costituiscono il tessuto del polmone (che è) come una rete, così come le vene costituiscono il tessuto del fegato. Devi sapere che i bronchi sono in stretta prossimità dei rami dell'arteria polmonare per esserne nutriti e (sono) in stretta prossimità della vena polmonare per trasmettere

8 l'aria alla vena polmonare (stessa), affinché la porti al cuore e per recarla dal cuore (di nuovo) alla trachea. Questi tratti o ramificazioni che sono (in contatto) tra di essi, sono però così stretti da essere impenetrabili al sangue e penetrabili (solo) all'aria che entra ed esce; perciò se (questi vasi) si dilatano eccessivamente può avvenire una perdita di sangue dal polmone senza una rottura (vera e propria). Gli spazi e le cavità di questa rete sono riempite dal tessuto molle del polmone stesso; questa è la sua (del tessuto del polmone) seconda parte. La sua terza parte è la sua membrana sottile, contro la quale terminano gli orifizi di questi vasi. Veramente gli orifizi dei rami della trachea sono piu grandi e più aperti degli orifizi di quegli (altri) vasi; innanzitutto perché si sono formati da un tronco più grande e (di diametro) più largo; in secondo luogo perché sono cartilaginosi e non pellicolari, perciò essendo più consistenti possono stare più aperti. Da ciò nota ulteriormente il passaggio attraverso il quale si espelle il catarro o il liquido infetto o il sangue espulso dal petto, come nella pleurite, o dalla sua cavità, come nel dolore emottisico e nell'empiema. Quando il materiale si raccoglie in questi luoghi, si divide in parti molto piccole e per la forza del petto è spinto al polmone; quando (il polmone) si dilata più (del solito), il calibro (dei rami) della trachea aumenta ed attraverso di essi il predetto materiale viene essudato, non attraverso altre aperture di altri vasi, perché non sono abbastanza larghi. (Questi altri vasi) non si dilatano neppure nel momento dell'inspirazione, e allora quell'umore o liquido viene espulso da quei (rami della trachea) verso tratti più larghi, e da quelli a (tratti anche) maggiori, finché arriva alla trachea, allora viene espulso fuori con la tosse; la tosse aiuta anche a far penetrare questo catarro nei tratti suddetti. Da ciò è chiaro che questo materiale viene eliminato affinché non pervenga al cuore. Ma se (questo materiale) fosse eliminato attraverso gli altri due vasi, arriverebbe ovviamente tutto nel cuore. Tutto questo è esposto da Galeno nel quinto libro del De Interioribus, terzo capitolo. Così dunque è evidente il numero delle parti proprie del polmone. Quantitativamente le sue parti sono cinque, cioè due nella parte sinistra (e) tre nella parte destra, di cui la terza (parte) si chiama pomum granatum oppure cuscinetto, perché su di esso si appoggiano la vena cava e l'arteria inserita direttamente al cuore, nel luogo dove la vena (cava) sale al cuore. Con questo puoi osservare le dimensioni del polmone, poiché sarebbe piccolo se non (fosse) espanso; però se lo gonfi soffiando(vi dentro) lo vedrai diventare grande. Le sue dimensioni sono tuttavia più grandi a destra che a sinistra, perché a sinistra è collocato il cuore che ne occupa il posto. La sua forma è evidente perché è fatto a forma di un clibano, che ha dimensioni maggiori nella parte posteriore che in quella anteriore. I suoi rapporti sono evidenti da ciò che si è detto e la funzione e le sue malattie sono abbastanza note. Qui devi ripulire i bronchi ed osservare gli anelli che sputa il paziente affetto da pleurite o il tisico, i quali sono rotondi. Ma (se una persona) ha un'ulcera nella trachea, della cui anatomia si deve trattare ben presto, non sputa degli anelli, ma delle placchette; se sputasse degli anelli non sarebbero però rotondi, la ragione per cui diciamo (più sotto). [COLLO] (Una volta) terminata l'anatomia del polmone, bisogna osservare l'anatomia della trachea, che è la via (d'accesso) al polmone. Ma per osservare bene la sua anatomia, bisogna premettere l'anatomia di alcuni organi che sono in rapporto con essa. Bisogna dunque che tu ripulisca il collo ovvero la gola e vedrai i muscoli longitudinali sopra ai quali noterai le vene guidez, una da ogni lato; nell'anatomia del petto ho già detto quale sia la loro funzione. (Una volta) eliminate quelle (strutture), troverai le due ghiandole tiroidee, una da ogni lato, che sono masse ghiandolari fatte nella forma e sagoma di due mandorle, la cui funzione è di umidificare la trachea con l'umidità che generano e raccolgono, affinché (essa) non si secchi in seguito al (proprio) movimento. La seconda funzione (delle ghiandole tiroidee) è di riempire ed uniformare gli spazi della gola, perché la gola è molto grossa nella parte superiore a causa della cartilagine tiroidea ed è molto sottile nella parte inferiore a causa della strettezza della trachea. Queste ghiandole tiroidee, poste sotto la cartilagine tiroidea, la compensano. La terza funzione è di essere lo schermo delle vene ed arterie apoplettiche, le quali (vene giugulari) portano il sangue alla testa; le arterie carotidi interne portano lo spirito (vitale), che in seguito diventa (spirito) animale nella rete mirabile, in cui esse s'intrecciano tumide sotto il cervello. Queste vene si chiamano apoplettiche perché in seguito alla loro congestione spesso

9 avviene l'apoplessia. Si chiamano anche vene del sonno perché il sonno è indotto dall'ostruzione naturale effettuata nella rete (mirabile) suddetta. Esse sono anche chiamate (vene) profonde, perché sono collocate in profondità, vicino ovvero sopra i muscoli delle vertebre del collo; osserva (ora) la loro origine. Spacca lo sterno e segui il tronco ascendente dell'aorta e della vena cava superiore; vedrai che, prima di sorpassare (l'estremità superiore) dello sterno, (questa vena) si ramifica prima in due rami, dei quali uno va alla parte destra (e) l'altro alla sinistra; prima di arrivare sotto le ascelle, una vena discende da uno o dall'altro di questi (rami) lungo le vertebre toraciche per nutrire otto costole e le parti superiori del torace; in seguito, ognuno dei (rami) suddetti penetra lungo l'ascella e segue la parte interna del braccio ed appare (a livello) del gomito, o meglio nella fossa cubitale; essa è detta (vena) basilica ed è inferiore. Da ciò puoi renderti conto di come la (vena) basilica sia in rapporto di continuità con la vena che nutre le parti superiori del petto. Così è chiaro quale sia la ragione perché nei (casi di) pleurite in cui il dolore sale su fino all'(altezza dello) sterno, la flebotomia della (vena) basilica è appropriato, come asserisce Ippocrate nel secondo libro del Regimen acutorum ed (anche) Galeno sullo stesso (argomento). Dopo (la vena cava superiore) sorpassa poi lo sterno e si divide in rami, due dei quali si dirigono obliquamente; uno di essi va al braccio destro, e l'altro al sinistro; seguendo la parte esterna del braccio, (ogni ramo) appare nella fossa cubitale e si chiama (vena) cefalica; essa deve (necessariamente) ricevere (sangue) dalla testa, poiché è in continuazione con le due vene che procedono direttamente dalla testa in alto; queste (vene), di cui si è già parlato, si chiamano apoplettiche. Le arterie procedono nello stesso modo in cui ho descritto le vene. Vicino a queste arterie e vene apoplettiche troverai poi due grossi nervi che discendono dal cervello dal sesto paio di nervi, uno dal lato sinistro e l'altro dal destro. Da entrambi (questi nervi) si formano e si ramificano i nervi ricorrenti, i quali sono i nervi della voce che vedrai a suo tempo. La maggior parte di quel che resta del (nervo) destro entra in contatto con l'esofago e si ramifica nella bocca dello stomaco e si prolunga fino al fondo, sebbene sotto allo sterno una parte di esso si metta in contatto con le vene e le arterie (del cuore) e con il pericardio. Ma la maggior parte del (nervo) sinistro s'avvolge attorno agli organi della respirazione e, (solo) in parte, si mette in contatto con gli organi della digestione. Una volta ripuliti questi organi, rimuovi(li) assieme alla trachea e all'esofago; ma non potrai farlo senza rimuovere (anche) degli altri organi, cioè quelli della bocca. Dunque taglia e rimuovi la mandibola inferiore da quella superiore. [BOCCA] Mentre fai questa (operazione) osserva l'anatomia della bocca. Infatti, della bocca stessa per prima cosa ti si presentano le labbra, (quella) superiore e (quella) inferiore; queste labbra sono composte di nervi, carne e pelle in una combinazione (cosi') mirabile che non si può separare la pelle dalla carne, ne' la carne dai nervi, ne' la mucosa da loro. Ciò fu (fatto) perché quelle labbra dovevano muoversi in ogni posizione diversa, sia in su che in giù, in avanti e indietro, a destra e a sinistra; era dunque necessario che avessero numerosi muscoli diversi, che è impossibile a causa del peso; o (alternativamente) fu necessario che avessero la carne ed i nervi intercalati in ogni direzione. Le labbra sono poi tappezzate (all'interno) da una mucosa che si origina dalla mucosa dell'esofago, che si continua con la mucosa dello stomaco; cosi' come (l'hanno) anche tutti gli organi della bocca, affinché abbiano la sua (stessa) sensitività, e fra questi (organi) c'è (da considerare anche) lo stomaco; per questa ragione capita che in premonizione del vomito il labbro inferiore tremi. Dopo le labbra ci sono (da osservare) i denti, in numero di XXXII; cioè (gli inferiori sono) due duales inferiori, due incisivi, due canini, quattro premolari e sei molari; altrettanti (sono i denti) superiori. I denti sono fatti principalmente per la triturazione e la suddivisione del cibo e secondariamente per (coadiuvare) la voce e l'articolazione delle parole, come (fanno) anche le labbra; per questo quelli che sono privi dei denti o delle labbra non parlano bene. Dopo i denti c'è (da osservare) la lingua, l'anatomia della quale rimandi (a più tardi). Poi osserva il palato, che ha una concavità nell'estremità dorsale per effettuare l'intonazione della voce e per rigirare agilmente il cibo mentre è triturato dai denti. Sul fondo del palato osserverai l'ugola che pende alla maniera di un grano d'uva e per questo è chiamata uvea ; (essa) consiste di una sostanza rada (e) spugnosa, dato che è fatta soprattutto per ricevere l'eccesso di liquido che scende dalla testa quando si è afflitti dal catarro, affinché non

10 discenda negli organi inferiori; per questo (l'ugola) s'infetta spesso. E' anche sagomata per modulare la voce, interrompendo l'aria che è la sostanza della voce; ma (sotto questo aspetto) la sua funzione (principale) è di trattenere per un po' nella bocca l'aria introdotta attraverso il naso e la bocca e diretta al polmone, rigirando(ve)la, affinché non arrivi al polmone fredda, bensì modificata; per questo capita che coloro che hanno (avuto) l'ugola asportata diventano molto catarrosi e perciò gli autori proibiscono di tagliar(la); ma se (l'ugola) è putrida o infettata deve essere cauterizzata. C'è anche un'altra ragione (per la cauterizzazione), poiché a causa della sua posizione e della sua struttura di rado si cicatrizza quando (la) si taglia, ma vi si accumula sostanza putrida e si sente sempre alito cattivo; perciò è meglio che sia cauterizzata con il ferro rovente. La procedura è che ci si procuri una cannula di ferro o di legno spalmata di lutum sapientiae o d'argilla, come dice Avicenna nella quarta fen del primo (libro del) Canon, nel capitolo sul trattamento per cauterizzazione; (dopo aver) aperta la bocca ed aver frapposto fra le mascelle un legno rotondo, si applichi l'ugola ad un'estremità della cannula. Si introduca poi un ferro rovente attraverso la cavità della cannula, si raggiunga l'ugola e (la) si cauterizzi. Dopo l'ugola c'è la faringe che è una regione ampia, ghiandolare ed adatta ad accogliere l'eccesso di fluidi; per questo forma di frequente degli ascessi ed il suo ascesso, benché non sporga al di fuori, sporge poi all'interno; perciò qui si forma una squinantia del secondo tipo che in volgare è chiamata gotum; alla fine di questa (faringe) c'è l'inizio della trachea e dell'esofago; qui vedrai un organo cartilagineo concepito dalla natura con grande saggezza; si chiama coopertorium perché al momento di inghiottire il cibo chiude il foro della laringe, affinché parte del cibo o di una bevanda non discenda nel polmone, il che potrebbe causare il soffocamento; perciò succede che se uno inghiottisce ridendo allora qualcosa va nel polmone, perché al momento del riso la laringe sta aperta, e allora si ha l'impressione di soffocare. [ESOFAGO E TRACHEA] Una volta compiute queste cose, rimuovi l'esofago assieme alla trachea per vedere più comodamente e meglio l'anatomia di quel che rimane (da vedere in questa regione); una volta rimosse osserva per prima cosa la loro struttura. Infatti la struttura dell'esofago è epiteliale e molle; la struttura della trachea è epiteliale e cartilaginosa; la ragione (per farli così) fu che l'esofago è la via del cibo che talvolta viene inghiottito in grande quantità, per cui a volte bisogna che la sua via si dilati. La trachea è invece la via dell'aria che penetra nel polmone, la quale (aria) essendo leggera e non solida penetra per la via che sta aperta. Invece la via epiteliale (dell'esofago) non sta aperta a causa della sua mollezza, ma una parete ricade sull'altra. Questo tubo [la trachea] non è osseo perché deve essere flessibile per la formazione della voce e allo stesso tempo (se fosse osseo) impedirebbe il passaggio di molto cibo solido lungo l'esofago; per questa ragione (la trachea) non è (formata) tutta da un'unica cartilagine, ma si tratta di parecchie (cartilagini) tenute assieme da delle membrane; queste (cartilagini) sono però come cerchi non completi, ma a forma di C. Le estremità della cartilagine continuano con una struttura epiteliale (che è) a contatto con l'esofago; è stato fatto così affinché la sostanza dura cartilaginosa [30 verso]

composizione) fibrosa (e) quella esterna muscolare. Infatti il processo digerente può, per (le sue proprie) qualità, raggiungere ciò che viene

composizione) fibrosa (e) quella esterna muscolare. Infatti il processo digerente può, per (le sue proprie) qualità, raggiungere ciò che viene [11 recto] Un'altra ragione è che, se lo stomaco fosse collocato diritto lungo il dorso, allora i due orifici, cioè quello superiore e quello inferiore, sarebbero diretti e perciò nell'uomo che ha statura

Dettagli

I.1 L apparato digerente

I.1 L apparato digerente Capitolo I Introduzione 8 I.1 L apparato digerente L apparato digerente è costituito da un gruppo di organi addetti alla scissione degli alimenti in componenti chimici che l organismo può assorbire ed

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CROCE ROSSA ITALIANA GRUPPO DI TRENTO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO V.d.S. I.P. Franco Onere CORSO PER ASPIRANTI VOLONTARI DEL SOCCORSO Il sistema circolatorio è preposto alla circolazione del sangue ed

Dettagli

IL CUORE NORMALE. La sua circolazione e il suo sviluppo

IL CUORE NORMALE. La sua circolazione e il suo sviluppo CAPITOLO THE NORMAL HEART: Its circulation and development 1 IL CUORE NORMALE La sua circolazione e il suo sviluppo Il cuore e i polmoni sono situati nel torace, protetti dallo sterno, dalla gabbia toracica

Dettagli

!"#$%&''%(#)*"#+%,(# PRIMA PARTE

!#$%&''%(#)*#+%,(# PRIMA PARTE !"#$%&''%(#)*"#+%,(# PRIMA PARTE -&#.&/0%+&1%(2*# o Il cibo entra nella bocca dove viene sminuzzato dai denti, impastato dalla lingua e rimescolato dalla saliva. L uomo è onnivoro; i suoi denti quindi

Dettagli

1.1 Apparato circolatorio 1.1.1 CUORE

1.1 Apparato circolatorio 1.1.1 CUORE 1.1 Apparato circolatorio L apparato cardiocircolatorio è assimilabile ad un circuito idraulico, in cui la pompa è il cuore, arterie e vene sono le condutture ed il liquido circolante è il sangue. La circolazione

Dettagli

Parete Addominale Muscoli Fasce - Vascolarizzazione

Parete Addominale Muscoli Fasce - Vascolarizzazione Muscoli Fasce - Vascolarizzazione Cute Fascia superficiale (di Camper) Tessuto sottocutaneo Aponeurosi o fascia dei m. retti Fascia trasversale dell addome Tessuto adiposo preperitoneale Foglietto parietale

Dettagli

L apparato cardio-vascolare. Dr.ssa Federica Sozio U.O. Malattie Infettive

L apparato cardio-vascolare. Dr.ssa Federica Sozio U.O. Malattie Infettive L apparato cardio-vascolare Dr.ssa Federica Sozio U.O. Malattie Infettive L apparato cardiovascolare è costituito dal cuore e dai vasi sanguigni, nelle cui cavità il sangue circola in continuazione. Il

Dettagli

Questi atleti possono scattare e correre grazie allo scheletro e ai muscoli.

Questi atleti possono scattare e correre grazie allo scheletro e ai muscoli. Questi atleti possono scattare e correre grazie allo scheletro e ai muscoli. LE FUNZIONI DEL CORPO UMANO Questo nuotatore ha la bocca aperta. Perché? Perché deve coordinare i movimenti del corpo con una

Dettagli

conseguenza essi sono tanto più secchi quanto più sono lontani dal cervello, perché vicino al cervello e alla loro origine i nervi sono molto molli;

conseguenza essi sono tanto più secchi quanto più sono lontani dal cervello, perché vicino al cervello e alla loro origine i nervi sono molto molli; [31 recto] non comprima l'esofago e non impedisca il passaggio del cibo. Perciò devi sapere che nella parte anteriore la trachea è cartilaginosa, perché da quella parte non tocca l'esofago. Allo stesso

Dettagli

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - IL CORPO UMANO : L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - IL CORPO UMANO : L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI - sessione teorica - IL CORPO UMANO : L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO IL SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO L'apparato cardiocircolatorio è costituito

Dettagli

Il cuore è l'organo centrale dell'apparato circolatorio, funge da pompa capace di produrre una pressione sufficiente a permettere la circolazione del

Il cuore è l'organo centrale dell'apparato circolatorio, funge da pompa capace di produrre una pressione sufficiente a permettere la circolazione del Il cuore è l'organo centrale dell'apparato circolatorio, funge da pompa capace di produrre una pressione sufficiente a permettere la circolazione del sangue Ciascuna di queste due parti è divisa in senso

Dettagli

L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO

L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO L' APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO è un sistema complesso costituito dal cuore e da una serie di condotti, i vasi sanguigni dentro i quali scorre il sangue. Il modo più semplice

Dettagli

L apparato circolatorio. Prof.ssa Paola Sirigu

L apparato circolatorio. Prof.ssa Paola Sirigu L apparato circolatorio COME SIAMO FATTI? Il nostro corpo è composto da milioni e milioni di cellule. Le cellule che svolgono funzioni simili sono organizzate in tessuti. Un insieme di diversi tessuti

Dettagli

CORPO UMANO. CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO ADDOME ARTI SUPERIORI AVAMBRACCIO BRACCIO ARTI INFERIORI MANO

CORPO UMANO. CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO ADDOME ARTI SUPERIORI AVAMBRACCIO BRACCIO ARTI INFERIORI MANO CORPO UMANO CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO FACCIA ARTI SUPERIORI ARTI INFERIORI TORACE ADDOME AVAMBRACCIO BRACCIO MANO COSCIA GAMBA PIEDE EPIDERMIDE Strato corneo Strato germinativo Ghiandole sebacee

Dettagli

FUNZIONAMENTO DI CUORE E CORONARIE

FUNZIONAMENTO DI CUORE E CORONARIE Lega Friulana per il Cuore FUNZIONAMENTO DI CUORE E CORONARIE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della Lega

Dettagli

Apparato Riproduttore

Apparato Riproduttore Apparato Riproduttore LA RIPRODUZIONE. Ogni essere vivente può creare un altro essere vivente, ed è possibile grazie alla RIPRODUZIONE. La riproduzione è possibile grazie all APPARATO RIPRODUTTORE. A differenza

Dettagli

Indice. 5 Introduzione. Anatomia 6 Il sistema respiratorio 6 Faringe 6 Laringe 7 Trachea 7 Respirazione 8 Differenze tra adulti e bambini

Indice. 5 Introduzione. Anatomia 6 Il sistema respiratorio 6 Faringe 6 Laringe 7 Trachea 7 Respirazione 8 Differenze tra adulti e bambini IN QUESTA GUIDA Indice GUIDA PER I GENITORI 5 Introduzione Anatomia 6 Il sistema respiratorio 6 Faringe 6 Laringe 7 Trachea 7 Respirazione 8 Differenze tra adulti e bambini Fisiopatologia 8 Cos è l occlusione

Dettagli

Il sistema cardiovascolare: il cuore

Il sistema cardiovascolare: il cuore Il sistema cardiovascolare: il cuore SEDE: Occupa +/- centro cavità Toracica Base: in alto, a destra, indietro Forma di Cono Apice: in basso, a sinistra, in avanti (5 spazio intercostale ) Peso: circa

Dettagli

LA FUNZIONE DELLA NUTRIZIONE

LA FUNZIONE DELLA NUTRIZIONE LA FUNZIONE DELLA NUTRIZIONE Puoi immaginare il corpo umano come una macchina che ha bisogno di energia per muoversi, giocare, studiare, ma anche respirare, mangiare, difendersi dalle malattie, proteggersi

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo)

Epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo) L APPARATO DIGERENTE Tubo digerente (dalla bocca all ano) e ghiandole annesse; epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo) Epitelio

Dettagli

L apparato circolatorio. Classe 5 A - Arezio Federico 1

L apparato circolatorio. Classe 5 A - Arezio Federico 1 L apparato circolatorio Classe 5 A - Arezio Federico 1 Introduzione Per vivere ed esercitare le loro funzioni, i tessuti e gli organi del corpo abbisognano di un apporto costante di materiale nutritivo

Dettagli

Comitato Locale Catania Hinterland

Comitato Locale Catania Hinterland Comitato Locale Catania Hinterland LEZIONE N 6 Apparato respiratorio Turbe del respiro Apparato cardiocircolatorio Turbe del sistema cardiocircolatorio LA CELLULA nucleo ribosomi citoplasma mitocondrio

Dettagli

L apparato cardiocircolatorio

L apparato cardiocircolatorio L apparato cardiocircolatorio L apparato cardio-circolatorio E costituito da tre strutture diverse: Il cuore I vasi sanguigni Il sangue Il cuore Funziona come una pompa premente (ventricoli) e aspirante

Dettagli

In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione.

In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione. In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione. L ALIMENTAZIONE E L APPARATO DIGERENTE Una dieta equilibrata è fatta di tutti gli alimenti

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE ANATOMIA 2 Il corpo umano è costituito da organi ed apparati uguali tra maschi e femmine ad esclusione dell apparato riproduttivo. L apparato riproduttivo è composto

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1 L apparato circolatorio e l attività sportiva a.s. 2004/2005 1 L apparato cardiocircolatorio Se riempiamo una vetta contenente del sangue e la mettiamo in una centrifuga, possiamo osservare che si separano

Dettagli

SCIENZE. L Apparato Digerente e la trasformazione degli alimenti. L apparato digerente. il testo:

SCIENZE. L Apparato Digerente e la trasformazione degli alimenti. L apparato digerente. il testo: 01 L apparato digerente Tutti gli esseri viventi hanno bisogno di energia per vivere. Le piante prendono l energia dalla luce del Sole. Gli animali invece mangiano, cioè prendono energia dagli alimenti.

Dettagli

Gli Zang Fu. Dott. ssa Alessandra Bozzelli, Dott. Paolo Evangelista Scuola di MTC So-Wen L Aquila

Gli Zang Fu. Dott. ssa Alessandra Bozzelli, Dott. Paolo Evangelista Scuola di MTC So-Wen L Aquila Gli Zang Fu Dott. ssa Alessandra Bozzelli, Dott. Paolo Evangelista Scuola di MTC So-Wen L Aquila Il concetto Zang/Fu n Con il termine generico di Zang Fu indichiamo l insieme degli organi interni del corpo

Dettagli

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale.

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015 L AUTOMASSAGGIO PER LA GESTIONE DELLO STRESS Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. L'automassaggio potrebbe

Dettagli

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Il corpo umano, il Sistema Solare

Dettagli

OGNI ESPRESSIONE DELLA NOSTRA PERSONALITÀ, PENSIERI, SPERANZE, SOGNI, DESIDERI, EMOZIONI, SONO FUNZIONI DEL SISTEMA NERVOSO TRASPORTO SANITARIO

OGNI ESPRESSIONE DELLA NOSTRA PERSONALITÀ, PENSIERI, SPERANZE, SOGNI, DESIDERI, EMOZIONI, SONO FUNZIONI DEL SISTEMA NERVOSO TRASPORTO SANITARIO TRASPORTO SANITARIO il Sistema Nervoso OGNI ESPRESSIONE DELLA NOSTRA PERSONALITÀ, PENSIERI, SPERANZE, SOGNI, DESIDERI, EMOZIONI, SONO FUNZIONI DEL SISTEMA NERVOSO 2 Obiettivi CONOSCERE I PRINCIPALI COMPONENTI

Dettagli

CPR Rianimazione cardiopolmonare

CPR Rianimazione cardiopolmonare Tema 04 CPR Rianimazione cardiopolmonare Articolo n. 1402 Csocc Tema 04 Sequenza 01 Pagina 01 Versione 200610i Schema ABCD Respirazione artificiale Situazione di partenza/posizione del paziente Se al punto

Dettagli

3^ settimana dall'ultima mestruazione (U.M.) Fecondazione dell'ovocita, formazione dell'embrione e suo impianto in cavità uterina.

3^ settimana dall'ultima mestruazione (U.M.) Fecondazione dell'ovocita, formazione dell'embrione e suo impianto in cavità uterina. LO SVILUPPO FETALE DI SETTIMANA IN SETTIMANA Testo del dr. Massimiliano Monti (La Spezia) www.ginecolink.net Lo sviluppo fetale è un meraviglioso processo che, con tappe precise e finemente regolate, porta

Dettagli

SCIENZE 1 IL CORPO UMANO PROGETTO STRANIERI. Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano. A cura di Maurizio Cesca

SCIENZE 1 IL CORPO UMANO PROGETTO STRANIERI. Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano. A cura di Maurizio Cesca Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI SCIENZE 1 IL CORPO UMANO A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni - Milano pag. 1 Il corpo

Dettagli

LE VENE SISTEMICHE Modalità di ramificazione molto più variabile rispetto a quella delle arterie!!!

LE VENE SISTEMICHE Modalità di ramificazione molto più variabile rispetto a quella delle arterie!!! LE VENE SISTEMICHE Modalità di ramificazione molto più variabile rispetto a quella delle arterie!!! Tutte le vene sistemiche (ad eccezione delle VENE CARDIACHE che drenano il loro sangue nel SENO CORONARIO)

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO TURBE del SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI APP. CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APP. CARDICIRCOLATORIO il

Dettagli

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme OBIETTIVI: Anatomia del cuore Fisiologia del cuore Patologie dell apparato cardiaco Sangue e vasi sanguigni Come funziona la circolazione del sangue

Dettagli

Tecnica di scansione in ecografia e punti di repere ecografici

Tecnica di scansione in ecografia e punti di repere ecografici 4 e punti di repere ecografici Federica Rossi PREPARAZIONE DEL PAZIENTE Per facilitare l esame ecografico dell addome vanno presi i seguenti accorgimenti. Digiuno Antimeteorici Acqua Contenuto fecale nel

Dettagli

Ordinanza del DFE sulla pesatura degli animali macellati

Ordinanza del DFE sulla pesatura degli animali macellati Ordinanza del DFE sulla pesatura degli animali macellati (OPeA) 1 817.190.4 del 3 marzo 1995 (Stato 1 gennaio 2011) Il Dipartimento federale dell economia (DFE) 2, visto l articolo 43 dell ordinanza del

Dettagli

PAS Percorsi Abilitanti Speciali DM 58/2013

PAS Percorsi Abilitanti Speciali DM 58/2013 PAS Percorsi Abilitanti Speciali DM 58/2013 Il docente di Laboratorio "Esercitazione in Odontotecnica concorre a far conseguire allo studente, al termine del periodo quinquennale di istruzione professionale

Dettagli

PROTOCOLLO AUTOPTICO PER LE MORTI IMPROVVISE INFANTILI - S.I.D.S.

PROTOCOLLO AUTOPTICO PER LE MORTI IMPROVVISE INFANTILI - S.I.D.S. Protocollo Autoptico ALLEGATO 7 PROTOCOLLO AUTOPTICO PER LE MORTI IMPROVVISE INFANTILI - S.I.D.S. AUTOPSIA n data ora SETTORE DR.... DEL SERVIZIO... ASL ANAGRAFICA PAZIENTE: Cognome... Nome... Età ( in

Dettagli

CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2. DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008

CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2. DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008 CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2 DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008 24 APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano, formato da circa 206 ossa (circa il 20% del nostro peso corporeo),

Dettagli

L APPARATO CIRCOLATORIO

L APPARATO CIRCOLATORIO L APPARATO CIRCOLATORIO Tutte le cellule del nostro corpo hanno bisogno di sostanze nutritive e di ossigeno per svolgere le loro funzioni vitali. Così, esiste il sangue, un tessuto fluido che porta in

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

INDICE PRINCIPI 4 DISPOSITIVO 5 MONTAGGIO 8 POSIZIONAMENTO PER GLI ESERCIZI 11 REGOLAZIONI 16

INDICE PRINCIPI 4 DISPOSITIVO 5 MONTAGGIO 8 POSIZIONAMENTO PER GLI ESERCIZI 11 REGOLAZIONI 16 INDICE PRINCIPI 4 DISPOSITIVO 5 MONTAGGIO 8 POSIZIONAMENTO PER GLI ESERCIZI 11 REGOLAZIONI 16 Istruzioni relative al montaggio, alle precauzioni e all utilizzo del dispositivo: leggere e conservare 2 HAPPY

Dettagli

Igiene e cura dei denti

Igiene e cura dei denti Igiene e cura dei denti Capitolo 3 La salute della bocca La nostra bocca (cavo orale) è un sito anatomico riccamente abitato da microrganismi, che insieme formano un complesso e delicato ecosistema in

Dettagli

SCIENZE. Il Sistema Circolatorio. Chi sono? il testo:

SCIENZE. Il Sistema Circolatorio. Chi sono? il testo: 01 Chi sono? Uno è piccolo come una mosca, l altro è grande come un giocatore di basket, ma in tutti gli esseri viventi il cibo che essi mangiano (assorbono) e l aria (ossigeno) che respirano devono andare

Dettagli

Prefazione Presentazione dell edizione italiana

Prefazione Presentazione dell edizione italiana INDICE V Capitolo 28 Indice Autori Prefazione Presentazione dell edizione italiana XI XIII 1 LA CELLULA 1 La cellula 1 Nucleo 7 Citoplasma 17 Complesso di Golgi 21 Mitocondri 24 Lisosomi 28 Perossisomi

Dettagli

SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA

SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA CHE COS E LA VALVOLA AORTICA La valvola aortica e' posta tra il ventricolo sinistro e l'arteria aorta. Il ventricolo sinistro e' la parte del cuore che ha il compito di pompare

Dettagli

Stimola la riparazione dei tessuti. Magnetoterapia BF 167

Stimola la riparazione dei tessuti. Magnetoterapia BF 167 Stimola la riparazione dei tessuti Magnetoterapia BF 167 Illustrazioni esplicative per famiglie che intendono utilizzare trattamenti con Magnetoterapia BF 167: Illustrazione Descrizione Diffusori Frequenza

Dettagli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli 1 a Fase - Istruzioni generali Tutti gli esercizi devono essere effettuati lentamente e sotto controllo del movimento.

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

CORSO PER SOCCORRITORI

CORSO PER SOCCORRITORI SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI L APPARATO RESPIRATORIO E LE INSUFFICIENZE RESPIRATORIE ACUTE pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato

Dettagli

astoplastica Riduttiva

astoplastica Riduttiva astoplastica Riduttiva 1 MASTOPLASTICA RIDUTTIVA Quando una donna ha le mammelle molto grandi e cadenti può accusare una serie di disturbi dovuti al peso eccessivo; male alla schiena e al collo, irritazioni

Dettagli

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: inglese. ORIGINE: Brasile DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

I. SISTEMA RESPIRATORIO

I. SISTEMA RESPIRATORIO Attenzione! La confezione contiene piccole parte che possono causare, se ingerite, rischio di soffocamento. Non adatto per bambini di età inferiore a 8 anni. Il torso umano Lo sapevate che il corpo umano

Dettagli

APPARATO CIRCOLATORIO

APPARATO CIRCOLATORIO APPARATO CIRCOLATORIO 1 FUNZIONI F. respiratoria e nutritiva F. depuratrice F. di difesa (trasporto di O 2, principi alimentari...) (trasporto di CO 2 e altre sostanze di scarto) (nei confronti dei batteri

Dettagli

Il primo soccorso è l aiuto dato al soggetto infortunato o malato, da personale non sanitario, in attesa

Il primo soccorso è l aiuto dato al soggetto infortunato o malato, da personale non sanitario, in attesa Il primo soccorso è l aiuto dato al soggetto infortunato o malato, da personale non sanitario, in attesa dell intervento specializzato L organizzazione del primo soccorso Obiettivi: attivazione in modo

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

RITMOPATIA CARDIACA MALIGNA

RITMOPATIA CARDIACA MALIGNA MANUALE CPR AED FIRST RESPONDER CENNI DI ANATOMIA RITMOPATIA CARDIACA MALIGNA 1 FEMA Group ente di alta formazione professionale, dal 1998 opera nel settore della formazione del personale deputato ad intervenire

Dettagli

TRAUMA TORACICO TRAUMA ADDOMINALE TRAUMA AL BACINO

TRAUMA TORACICO TRAUMA ADDOMINALE TRAUMA AL BACINO SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI TRAUMA TORACICO TRAUMA ADDOMINALE TRAUMA AL BACINO pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico

Dettagli

MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 2 FISIOPATOLOGIA DELL APPARATO CARDIOVASCOLARE

MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 2 FISIOPATOLOGIA DELL APPARATO CARDIOVASCOLARE MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 2 FISIOPATOLOGIA DELL APPARATO CARDIOVASCOLARE ANATOMIA DEL CUORE Il cuore è un organo cavitario dell app. cardiovascolare situato nella cavità toracica tra i due polmoni e

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

Il metodo McKenzie Alessandro Aina e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie

Il metodo McKenzie Alessandro Aina  e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie Il metodo McKenzie Alessandro Aina fisioterapista, dip MDT, docente McKenzie Studio v. Spontini 3, Milano, via Ripalta 6A San Donato Mil.se, tel 02 29527326 Si basa essenzialmente sul mantenimento di posizioni

Dettagli

L EDUCAZIONE RESPIRATORIA

L EDUCAZIONE RESPIRATORIA L EDUCAZIONE RESPIRATORIA L aria (comburente) e il cibo (combustibile), acqua compresa, sono gli unici due elementi che l uomo introduce per garantire lo svolgimento delle funzioni vitali dell organismo.

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

A cura di Marcello Ghizzo

A cura di Marcello Ghizzo IL PRIMO SOCCORSO A NOI E AGLI ALTRI A cura di Marcello Ghizzo Per cominciare Il rischio che tu o i tuoi compagni possiate restare vittime di incidenti durante la pratica sportiva, il gioco, a scuola o

Dettagli

raffreddore TOSSE e CONSIGLI PRATICI PER I GENITORI

raffreddore TOSSE e CONSIGLI PRATICI PER I GENITORI INTERNO-tosse.qxd 3-06-2004 12:23 Pagina 1 TOSSE e raffreddore CONSIGLI PRATICI PER I GENITORI Cari genitori, il modo migliore per aiutarvi nella non facile impresa della crescita dei figli è accompagnarvi

Dettagli

A tutti i bambini Grazie per i vostri dentini!

A tutti i bambini Grazie per i vostri dentini! A tutti i bambini Grazie per i vostri dentini! I denti sono un bene prezioso! Ci aiutano a: 1. MASTICARE 2. PRONUNCIARE BENE LE PAROLE 3. AVERE UN BEL SORRISO Sai chi è l igienista dentale? L igienista

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori a cura di Peppe Mele PREMESSE: Gli esercizi contenuti in questa dispensa, sono particolarmente indicati per gli atleti che

Dettagli

Apparato digerente Parte 1

Apparato digerente Parte 1 Apparato digerente Parte 1 Apparato digerente: Canale alimentare lungo tubo muscolo-membranoso con caratteristiche di organo cavo circa 9-11 metri dalla rima buccale all orifizio anale Ghiandole annesse:sostanze

Dettagli

Il cervello siamo noi

Il cervello siamo noi SISSA PER LA SCUOLA Il cervello siamo noi Un gioco di neuroscienze per le scuole superiori Titolo: Il cervello siamo noi Area: Neuroscienze Tipo di attività: Gioco A chi è rivolta: Bambini delle elementari

Dettagli

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Il neutrofilo PHIL Informazioni utili sulla NEUTROPENIA durante il trattamento chemioterapico NEUTROFILO PHIL La tua guardia

Dettagli

manuale di autobendaggio per linfedema di arto inferiore

manuale di autobendaggio per linfedema di arto inferiore iquaderni della iriabilitazione manuale di autobendaggio per linfedema di arto inferiore Struttura Complessa di Cure Palliative (Terapia del Dolore - Riabilitazione) Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale

Dettagli

L APPARATO RIPRODUTTORE

L APPARATO RIPRODUTTORE L APPARATO RIPRODUTTORE LA PUBERTA E I CARATTERI SESSUALI Responsabile della funzione biologica fondamentale che permette la conservazione della specie, responsabile cioè della riproduzione, è l'apparato

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

MASSAGGIO CONNETTIVALE

MASSAGGIO CONNETTIVALE MASSAGGIO CONNETTIVALE ESECUZIONE MANUALE Per effettuare la trazione del connettivo si appoggiano sulla cute il polpastrello del dito medio e dell anulare o del medio e dell indice prima a piatto, poi

Dettagli

TRAUMA TORACICO, ADDOMINALE E DI BACINO

TRAUMA TORACICO, ADDOMINALE E DI BACINO TRAUMA TORACICO, ADDOMINALE E DI BACINO IL TRAUMA TORACICO Il 25% dei decessi successivi a trauma derivano da un trauma toracico. Questo, infatti, interessando la parete toracica, può coinvolgere tutti

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

www.sicpre.it Riduzione del seno

www.sicpre.it Riduzione del seno Riduzione del seno I seni troppo grandi rispetto alle proporzioni del resto del corpo sono spesso causa di dolori al collo o alla schiena, nonché di piaghe o irritazioni sulle spalle dovute alle spalline

Dettagli

LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI. www.slidetube.it

LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI. www.slidetube.it LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI LA VENA GRANDE SAFENA LA VENA PICCOLA SAFENA LE VENE SUPERFICIALI, PERFORANTI E PROFONDE HANNO VALVOLE; SE LE VALVOLE NON SONO

Dettagli

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE Allegato 2 SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA E DELLO SPORT ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE IN CASO DI COSA FARE COSA NON FARE Indossare i guanti monouso Lavare la ferita con acqua

Dettagli

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Un catetere può migliorare la vostra salute e qualità di vita. Siccome sappiamo che potrebbe richiedere un bel po di adattamento, abbiamo

Dettagli

A) La Protesi Totale

A) La Protesi Totale A) La Protesi Totale A cura del dott. Raffaello Pagni e del dott. Alessio Casucci. Nei rari casi in cui un paziente, per mancanza di una corretta attuazione della Prevenzione, diviene completamente edentulo,

Dettagli

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 1 RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 2 Le informazioni trovate in questo opuscolo non sostituiscono il colloquio col

Dettagli

LESIONI SCHELETRICHE

LESIONI SCHELETRICHE LESIONI SCHELETRICHE LESIONI MUSCOLO - SCHELETRICHE Anatomia dell APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano è costituito da 208 ossa di diversi tipi: OSSA BREVI (es.vertebre) OSSA PIATTE (es. SCAPOLA, BACINO)

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

E caratterizzata da 2 processi fondamentali:

E caratterizzata da 2 processi fondamentali: LA QUARTA SETTIMANA EVENTI IV a SETTIMANA E caratterizzata da 2 processi fondamentali: 1) la crescita e l organizzazione dei derivati dei tre foglietti embrionali, che portano alla formazione degli abbozzi

Dettagli

LABORATORI SULL ARIA E SULLA PRESSIONE ATMOSFERICA (ALL.

LABORATORI SULL ARIA E SULLA PRESSIONE ATMOSFERICA (ALL. L'ARIA L'aria è una cosa leggera che ricopre tutta la terra come copre la buccia la pera ma nessuno la vede o l'afferra E' una specie di fumo lucente e anche se non si vede con gli occhi, la respira col

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale A cura di Andrea Franci FRATTURE VERTEBRALI Il paziente traumatizzato deve essere sempre considerato come portatore di una lesione vertebrale

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Croce Rossa Italiana LE FUNZIONI VITALI XI CORSO BASE PRIMO SOCCORSO ASPIRANTI VOLONTARI

Croce Rossa Italiana LE FUNZIONI VITALI XI CORSO BASE PRIMO SOCCORSO ASPIRANTI VOLONTARI Croce Rossa Italiana FUNZIONI VITALI LE FUNZIONI VITALI XI CORSO BASE PRIMO SOCCORSO ASPIRANTI VOLONTARI Croce Rossa Italiana FUNZIONI VITALI La vita di un organismo è assicurata da TRE funzioni essenziali

Dettagli

I suoni curativi Taoisti

I suoni curativi Taoisti I suoni curativi Taoisti Questi suoni furono scoperti migliaia di anni fa dai maestri Taoisti e riproducono l esatta vibrazione per mantenere gli organi in condizioni ottimali (funzionali, emotive ed energetiche).

Dettagli

LE ERNIE. nomenclatura. Tipi di ernia. Fisiopatologia dell ernia. Il canale inguinale ERNIE INGUINALI

LE ERNIE. nomenclatura. Tipi di ernia. Fisiopatologia dell ernia. Il canale inguinale ERNIE INGUINALI LE ERNIE Il termine ernia deriva dal greco Hernios (gemma, germoglio). ERNIA = fuoriuscita di viscere o di una parte di esso dalla cavità naturale che normalmente lo contiene. Porta erniaria Sacco erniario

Dettagli