non possa muoversi da seduto, questa pietra deve essere condotta (giù verso) il collo della vescica con un dito introdotto nell'ano e con l'altra

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "non possa muoversi da seduto, questa pietra deve essere condotta (giù verso) il collo della vescica con un dito introdotto nell'ano e con l'altra"

Transcript

1 [21 recto] i tessuti attorno al didimo ed ai testicoli (partendo) dallo scroto; dopo legano nella parte superiore e tagliano il didimo ed i vasi genitali assieme al testicolo e dopo fanno cicatrizzare; questo intervento (lo) si fa in fretta. Vi sono quelli che ripuliscono i tessuti solo attorno al didimo e non al testicolo e cuciono e legano nella parte superiore applicando una medicazione molto ferma e lasciano stare (l'organo) cosi'; oppure quella perforazione (la) si fa con un farmaco caustico che disfa e brucia la cute di quel punto. Dopo applicano del sublimato d'arsenico che corrode, (ha azione) caustica e riduce (il tessuto) mentre brucia; (essi) eliminano subito le parti disfatte del didimo e poi fanno cicatrizzare. [TESTICOLI] Una volta finito con il didimo, devi osservare ciò che affermano gli autori, cioè che i vasi genitali maschili sono di due tipi: quelli che preparano (lo sperma) e quelli che (lo) portano fuori. Quelli che (lo) preparano sono quelli che scendono dalla predetta regione (e vanno) ai testicoli e si avvolgono attorno alla parte superiore dei testicoli formando quasi un sacco; infatti questi vasi non entrano nel tessuto dei testicoli ed hanno il carattere di vene e di fibre. Ce ne sono poi altri che continuano da questi e sono anche più fibrosi e quanto più salgono via dai testicoli tanto più sono fibrosi; essi salgono fino all'osso pubico, dove il didimo comincia a formarsi; allora (questi vasi) si mescolano con dei nervi fino alla regione della vescica e del suo collo e finalmente procedono fino al pene ed al meato del pene ed arrivano nella regione dove c'è l'apertura dell'osso pubico; allora, attraverso i due dotti che si trovano qui (e che sono doppi) come sono doppi i vasi genitali maschili, essi emettono lo sperma che hanno portato dai testicoli, il quale è stato generato da essi (testicoli) in altri vasi, e riversano quello sperma nel canale del pene. Il pene lo emette poi all'esterno. Veramente non potrai vedere bene quelle aperture (dei dotti deferenti nell'uretra) se non quando anatomizzi il pene; da questo sono evidenti la forma e la struttura dei testicoli dell'uomo e dei vasi genitali maschili, dato che i testicoli hanno struttura ghiandolare. Sono evidenti (anche) le dimensioni, la quantità, la posizione ed i rapporti (di questi organi); é evidente anche la funzione e da questa diventa evidente la loro malattia; in fatti, quando (questi organi) vengono tagliati o sviluppano un ascesso o i vasi si ostruiscono o il liquido spermatico non arriva per un altro motivo, il coito s'interrompe; cosi' qualche volta, per ragioni opposte, avviene un emissione involontaria di sperma; (queste condizioni) si verificano soprattutto a causa dello spasmo, o della flaccidità (rispettivamente), degli organi suddetti o dei vasi. [VESCICA] Una volta completati questi (organi), solleva i reni e ripulisci un orifizio ureterico, o tutti e due, e vedrai che (gli ureteri) terminano nella vescica vicino alla sua linea mediana; (l'uretere) non perfora la vescica in linea diretta e con un'apertura grande, ma con piccoli orifici che procedono dai lati obliquamente fra una tunica e un' (altra) tunica oppure tra la mucosa (interna) ed la capsula esterna; ciò fu fatto affinché, quando la vescica si riempie, l'urina non ritorni ai reni; anzi, quanto più si riempie tanto più quegli orifizi si chiudono, perché la parete di una tunica si ribatte contro alla parete di un'altra o (contro) la capsula esterna. Poi apri la vescica e vedrai la sua grande cavità, che è fibrosa, e vedrai il suo collo carnoso e muscoloso; (ciò fu fatto) perché, in certi momenti quando è opportuno e l'uomo lo desidera, egli (possa) espellere l'urina e quando è necessario la trattenga; poiché il suo collo è muscoloso, se (un chirurgo) incide la vescica nel suo collo (il taglio) può cicatrizzare, se (il taglio è) nel fondo (della vescica) no. Il suo collo è attraversato da una piccola apertura attraverso la quale (la vescica) riversa nell'uretra l'urina (che) esce fuori; infatti quel collo è in continuazione diretta con l'inizio del pene, come puoi osservare; cosi' sono evidenti le dimensioni della vescica stessa, la sua posizione ovvero i suoi rapporti, la quantità (delle sue parti), la struttura e la funzione. (La vescica) può subire malattie di ogni genere, ma ne subisce una (in particolare) che si chiama litiasi. In fatti nella sua cavità si può formare un calcolo dai liquidi mucillaginosi accumulati in essa e concentrati da un calore eccessivo; questo calcolo si cura con sostanze che lo dissolvono oppure mediante incisione. Infatti, dopo aver situato debitamente l'uomo in modo che

2 non possa muoversi da seduto, questa pietra deve essere condotta (giù verso) il collo della vescica con un dito introdotto nell'ano e con l'altra mano posta sopra l'osso pubico; dopo essere stato condotto qui, (il calcolo vi) deve essere trattenuto. Dopo si deve fare un'incisione all'altezza del collo (della vescica) ed estrarre (il calcolo) decisamente con un estrattore; questo (si fa) se il calcolo è grande. Se invece è piccolo, tale che si possa estrarre attraverso il canale del pene, (il calcolo) deve essere condotto dal collo della vescica fino al pene per mezzo della pressione fatta con le dita; se non esce, deve essere estratto con un estrattore piccolo. [PENE] Per ultimo c'è proprio il pene che si continua con molti legamenti e corde al collo carnoso della vescica; esso si continua con molti legamenti e corde che nascono dall'osso pubico (e) con molti nervi provenienti dal midollo spinale; per conseguenza (il pene) è molto sensibile ed estensibile. Esso è in continuazione anche con vene ed arterie principali, dato che nel pene e nella lingua arrivano vene ed arterie più grandi che a qualunque altro organo della medesima grandezza. Queste vene ed arterie nascono dalla vena cava inferiore e dall'arteria (aorta discendente) nel luogo in cui (questi vasi) si biforcano in direzione dei due fianchi; quindi queste vene ed arterie (che) sono grandi si distribuiscono nella regione del perineo, che è la regione tra l'ano e gli organi genitali; (dato che) qui si trova l'origine o inizio del pene, (è) per questo (che) queste vene sono come le radici del pene e a causa loro il pene è pieno di cavernosità; le sue cavernosità sono riempite da una sostanza gassosa generata nelle sue arterie e quando si riempiono di gas il pene si erige. Per osservare meglio la sua anatomia, devi separare le ossa pubiche e rimuovere il pene assieme alla vescica e all'intestino retto, oppure senza di essi; (devi) tagliare il pene nella (sua) lunghezza fino al suo canale; allora all'inizio di esso ti appariranno i due orifizi di cui (si è parlato) sopra. Ti appariranno anche le sue cavernosità; da ciò ti rendi conto delle sue dimensioni, giacché la sua dimensione o lunghezza è di un palmo, come la lunghezza della vagina. E' evidente la sua struttura, che è fibrosa, tranne la sua estremità che si chiama prepuzio. E' evidente anche la quantità delle sue parti; è evidente la posizione ed i rapporti. La sua forma è oblunga, perché il pene dell'uomo è sporgente, non attaccato al ventre come nei quadrupedi; la ragione è che gli esseri umani durante il coito non si uniscono dalla parte del dorso, ma con un amplesso (frontale). Se assieme al pene hai rimosso l'intestino ovvero l'estremità dell'intestino retto, la cui anatomia abbiamo spiegato sopra, allora conosci (già) in quell'intestino, ovvero nella sua estremità, (la parte) che si chiama ano, (e) i muscoli che (lo) muovono, ovvero che aprono e chiudono (l'ano). Prendi in considerazione anche le cinque vene emorroidali che sono nella sua (dell'ano) estremità; in certe (persone) sono più profonde, ed in certe determinate circostanze si aprono ed avviene il flusso delle emorroidi. Con ciò si completa l'anatomia degli organi naturali che sono contenuti nella prima (inferiore) cavità ventrale. [TORACE] Una volta finite queste cose, comincia ad eliminare la cute del torace fino all'inizio del collo, perché fino lì ci sono gli organi della respirazione. Nota che, così come la prima (cavità studiata) ha due tipi di strutture, anche questa ha due tipi di strutture, cioè parti contenenti ed organi contenuti (in esse). Gli organi contenenti fanno parte del petto; le parti del petto sono di due tipi, cioè esterne ed interne. Alcune delle (parti) esterne sono mediali, alcune (sono) laterali; quelle mediali sono, o (meglio) vengono chiamate (così), parti dello sterno; queste sono due, (cioè) lo sterno superiore e lo sterno inferiore, o parte dello sterno. Le parti laterali si chiamano lati del petto, cioè destro e sinistro. Le parti interne sono cinque, cioè il grasso sottocutaneo, che già si conosce, le mammelle, i muscoli, le ossa e le cartilagini. [MAMMELLE] Per prima cosa osserva la forma delle mammelle, giacché esse hanno una forma rotonda ed un po' oblunga, perché devono contenere il sangue che deve trasformarsi in latte. Inoltre, come afferma Galeno nel suo De juvamentis membrorum, (le mammelle) sono lo scudo del cuore; perciò devono avere una forma ed un profilo (tali da essere) protette da impatti e tale è quella rotonda; esse hanno i capezzoli affinché il feto appena nato possa succhiare il latte da loro. In secondo luogo osservane la

3 struttura, giacché la loro struttura è ghiandolare, perché l'eccesso di sangue ben scaldato in esse deve trasformarsi in latte; questa trasformazione avviene per raffreddamento, per cui il loro tessuto è ghiandolare. In terzo luogo osservane le dimensioni; benché devi innanzitutto sapere che nella donna sono più grandi che nell'uomo, perché nella donna sono fatte per due scopi; uno (scopo) è per produrre il latte, mentre nell'uomo no; per questo nella donna debbono essere grandi. Per di più nella donna (le mammelle) sono state fatte grandi perché rimandino al cuore, riflettendolo, il calore che ricevono dal cuore (stesso); questo è più necessario nelle donne dato che attorno al cuore hanno meno calore degli uomini. In quarto luogo notane il numero, giacché nell'uomo sono due, come in ogni animale che genera uno o due figli. Negli animali multipari, cioè che generano molti (figli), le mammelle sono invece molte. In quinto luogo osservane la posizione ed i rapporti. Dapprima la posizione, infatti nell'uomo le mammelle sono situate nel petto, negli altri animali no. La ragione per cui negli altri animali non sono situate nel petto è offerta da Galeno nel capitolo suddetto, perché le mammelle sono fatte per la produzione del latte. Ma il latte è prodotto dall'eccesso di sangue ben riscaldato. Ma negli altri animali una quantità considerevole di questo eccesso (di sangue) è diretto verso la produzione delle corna, dei denti e di (altre cose) dello stesso genere. Un'altra ragione è offerta da Aristotele nel libro De partibus animalium, perché gli altri animali hanno gli arti, cioè l'avambraccio, piegati quasi in dentro e perciò (hanno) il petto stretto, perciò le mammelle non hanno potuto essere collocate nel loro petto; per questo le hanno verso le anche se sono animali che generano uno o due feti, come la lepre e simili (specie), oppure hanno molte mammelle disperse lungo il ventre se generano molti feti, come nella scrofa e nella cagna. L'Uomo, avendo il petto largo, ha invece le mammelle collocate nel petto, perché da ciò esse ne traggono dei vantaggi. Il latte deve infatti essere prodotto in esse dal sangue raffinato e ben scaldato. Ma l'elaborazione migliore avviene nella regione del petto (e) nelle mammelle, a causa del calore che esiste in esse più elevato che in tutte le altri parti (possibili); per la stessa ragione la natura ha fatto si' che le vene che arrivano ad esse dall'utero (siano) tortuose, come dice qui Galeno; (le vene) procedono in modo tortuoso affinché il sangue gradualmente si raffini e sia ben elaborato. La seconda funzione (delle mammelle) è che sono come lo scudo del cuore e nell'uomo il cuore deve essere ben protetto perché è senza rivestimento protettivo. La (loro) terza funzione è che ricevono il riscaldamento ovvero il calore degli organi del torace e riflettono ciò che ricevono ad esso (cuore) come (farebbe) un vestito, come afferma qui ancora Galeno. Da ciò sono evidenti i loro rapporti, giacché esse sono collegate con il cuore ed il fegato per mezzo della vena cava superiore, dalla quale vicino allo sterno partono due rami che discendono contro il dorso e fra le costole si dirigono verso le mammelle. (Le mammelle) sono collegate anche con l'utero mediante le vene che salgono dall'utero alle mammelle, di cui si è detto sopra. Dalle loro funzioni devi riconoscere le loro malattie. [MUSCOLI DEL PETTO] Dopo le mammelle ci sono i muscoli (del petto). Ma non puoi distinguere tutti muscoli del petto con questo (tipo di) anatomia, sebbene si distinguano in tutti (i cadaveri con un tipo di anatomia diversa) dato che sono 68. Tuttavia, devi sapere che alcuni di questi muscoli dilatano (il torace) soltanto e alcuni (lo) dilatano e contraggono. (Quelli) che dilatano soltanto sono i due muscoli del diaframma, che sono (inseriti) sulle (pareti) interne del petto; (lo) sono anche i due muscoli che sono nel collo; ma il diaframma dilata (il torace) dal di sotto dove c'è molto spazio, mentre quei (muscoli) che sono nel collo dilatano la (parte) superiore della cavità (del torace) che è piccola. (Lo) sono (dilatanti) anche altri muscoli che sono dorsali, dove c'è l'inizio delle costole, e cominciano vicino all'origine della prima costola. (Lo) sono anche molti altri muscoli piccoli. I muscoli che dilatano e comprimono (il torace) sono invece i muscoli localizzati tra le costole, giacché tra ogni due costole ci sono due muscoli di cui uno ha le fibre in senso longitudinale, l'altro in senso trasversale. [OSSA DEL PETTO] Dopo i muscoli ci sono le ossa. Le ossa del petto sono poi molte e non un (osso solo) continuo, affinché (il torace) possa dilatarsi e restringersi; infatti deve essere in continuo moto, (causato) da un moto locale volontario; perciò in esso (petto) si richiedono muscoli per il movimento ed ossa che

4 sono il sostegno dei movimenti; questa è la ragione per cui questa cavità (toracica) non è tanto muscolosa come la prima (viscerale), ne' tanto ossea come l'ultima (cavità), cioè il capo. Queste ossa sono di due tipi, cioè le costole e le ossa del torace. Le costole sono dodici, sette vere e cinque false. Sono vere quelle che si continuano con le ossa del torace per circondare e coprire il petto; la ragione per cui una costola non tocca l'altra nelle (loro) estremità è quella che è stata detta, perché il petto possa meglio dilatarsi e restringersi. Le ossa del torace sono poi sette, in continuazione con le sette costole vere. Ma fra queste ossa e le costole ci sono delle cartilagini che mettono in rapporto un osso con l'altro. Queste ossa con le loro cartilagini compongono un organo che è chiamato furcula del petto, perché è biforcuto ed ha l'aspetto di una forca; nella sua estremità (inferiore) è inserita una cartilagine sottocutanea chiamata processo xifoideo, fatto per proteggere la bocca dello stomaco. Lateralmente nelle costole false ci sono delle cartilagini, affinché le parti molli (interne) non vengano lese con un (osso) duro, o (meglio) da un (osso) duro. Veramente tutto ciò si vedrebbe meglio se si incidesse il petto dove ci sono le parti tenere delle costole, su (ambedue) i fianchi destro e sinistro; allora ti sarà evidente tutto cio' che è all'interno (della cavità toracica). [MEMBRANE DEL TORACE] Gli organi contenuti nel petto sono poi le membrane, il cuore, i polmoni e quegli (organi) derivati da loro. Le membrane sono tre, cioè la pleura mediastinica che divide la cavità del petto medialmente in direzione antero-posteriore, dividendo perciò i polmoni medialmente. Questa membrana non è nervosa ne' continua (e) con una struttura semplice come le altre; questo è fatto per un vantaggio comune (ai due polmoni), cioè affinché se la parte destra o sinistra dei polmoni viene danneggiata non si trasmetta il danno all'altra parte. (Questo) è fatto anche per sospendere i polmoni all'(interno del) petto. (Questo) è inoltre fatto affinché se per qualche ragione si forma un empiema, cioè un accumulo di pus nel petto, questo pus non si riversi nell'altra parte. Poi c'è la pleura (costovertebrale). (Questa) pleura è una membrana dura e di struttura nervosa, di grandi dimensioni, che ricopre tutte le sue costole ed è perciò in rapporto con tutti gli organi contenuti nella cavità toracica. Le sue funzioni sono di ricoprire gli organi suddetti e di dare origine alle membrane degli organi in questione, come afferma Avicenna nel primo capitolo del primo (libro) del Canon, il capitolo sugli organi. (La pleura) può subire malattie di ogni genere e modalità (e) può soprattutto subire un ascesso che si chiama pleurite. In effetti la pleurite è di due tipi, cioè vera e non vera. Non è vera quella che avviene nei muscoli che sono tra le costole, il cui margine è verso la pelle esterna; la (pleurite) vera avviene nella membrana (pleurica) stessa. Riguardo la sua struttura, puoi osservare che nella maggior parte dei casi questa infezione è colerica, per cui ha come conseguenza una febbre acuta. L'instaurazione dello stato febbrile dipende in effetti dalla posizione (della pleurite), perché questa febbre acuta avviene (se la pleurite si trova) appresso e più vicino al cuore a causa del (suo) umore caldo. Osserva anche che, a causa della sensibilità della membrana (pleurica), tale infezione è seguita da un dolore pungente e laterale, perché questa membrana si applica di più ai fianchi che alla regione anteriore. Ma la parte anteriore (della pleura) si applica di più alla pleura mediastinica; perciò il dolore conseguente alla peripleumonia è sul davanti, (mentre) questo (della pleurite) è sul lato. (Il dolore laterale) avviene anche perché (la pleurite) comprime il polmone ed impedisce la sua dilatazione (causando) difficoltà di respirazione; allora ne consegue la tosse, perché è stimolata dall'escrescenza del pus e da qualche sostanza nociva e da prodotti tossici che emanano da questo pus attraverso le porosità della membrana. Questa è la ragione per cui nella pleurite lo sputo è rossastro all'inizio, e dopo (diventa) bianco e putrido, man mano che la materia (dello sputo) si matura; quando all'inizio ha l'aspetto rossastro dapprima abbrevia l'attacco (di pleurite), come afferma Ippocrate negli Aforismi, quello sui parossismi e le (loro) conseguenze; la ragione è, come prevedibile, che la materia (dell'infezione) è fluida, la membrana (pleurica) è sottile e la (sua) resistenza è forte. In che modo questa materia nociva e putrida sia poi espulsa e mandata fuori per il polmone, sarà spiegato nell'anatomia del polmone. La terza membrana è il diaframma che si può definire come un muscolo, la cui posizione è all'estremità (inferiore) del petto e delle costole, trovandosi tanto nella parte anteriore (della cavità toracica) che in quella posteriore. Infatti, per quel che riguarda la porzione muscolare, si inserisce (davanti) sulle cartilagini delle false

5 costole e nella parte posteriore sulla dodicesima vertebra (toracica) (e) sulle vertebre lombari. La sua funzione deriva dalla sua posizione, in primo luogo per separare gli organi della cavità toracica da quelli della cavità viscerale, affinché i vapori provenienti dal cibo al momento della digestione e dalle feci non pervengano agli organi della cavità toracica; perché essi danneggerebbero la mente e la ragione, il che è chiaro quando il diaframma è affetto da un'infezione o la mente è lesa in qualche modo; perciò (il diaframma) è chiamato con un altro nome frenum, perché è il freno della mente come è anche chiamato diazona da Aristotele, perché cinge la cintura a metà (del corpo); non perché la cinga in modo proprio orizzontale, ma obliquamente come si è detto. La ragione per questa obliquità, ovvero il (suo) vantaggio, è quella che che è stata detta nel capitolo sull'anatomia della parete addominale; perché assieme alla parete addominale esso comprime l'eccesso di liquidi negli intestini al momento dell'espulsione, come se essi fossero dentro le assi di un torchio. Per quel che riguarda la sua (del diaframma) parte centrale, che è fibrosa e piatta, essa è in rapporto con i polmoni per spostarli con i movimenti della respirazione mediante i nervi che arrivano ad esso dal cervello e dal midollo spinale; da ciò è evidente perché il diaframma è considerato diverso dagli altri muscoli, giacché gli altri muscoli sono tendinosi dove s'inseriscono alle ossa, (e sono) muscolari altrove. Invece il diaframma è il contrario. La ragione è che il daframma deve innanzitutto muovere i polmoni e non le costole. Quanto invece alla porzione tendinosa degli altri muscoli, deve inserirsi sull'organo che deve muovere; quanto alla sua porzione muscolare (deve inserirsi) su di un altro (organo). Da ciò è chiara quale sia la sua forma, che è rotonda ed oblunga; è chiara anche la sua struttura, che è muscolare e tendinosa; sono chiare le sue dimensioni. Le funzioni sono tre, spiegate bene dalle cose già dette. La prima è di essere il principio motorio della respirazione; la seconda (è) di dividere gli organi della cavità toracica da quelli della cavità viscerale; la terza (è) di aiutare gli intestini e la parete addominale ad espellere ciò che è contenuto negli intestini. Dalla seconda funzione si vede perché alla sua (del diaframma) infezione segue un'alterazione della mente, fino alla frenesia. La (descrizione della) forma tipica (di questa malattia) cercala in Galeno, nel quinto libro del De Interioribus, nel capitolo sulle malattie del diaframma. [CUORE] (Dopo aver) sollevate le membrane (del torace), ti apparirà il polmone, in mezzo al quale c'è il cuore coperto dai lobi del polmone affinché sia raffreddato dall'aria inalata dallo stesso (polmone) e si contemperino il calore e lo spirito che si generano in esso (cuore). Del cuore sono evidenti la posizione e la localizzazione, perché è in mezzo fra la regione anteriore (del corpo) e la posteriore, (fra la parte) destra e la sinistra; se si considera il suo apice (il cuore) è inclinato verso sinistra, riguardo la base (è inclinato) verso destra, per poter esalare il calore e lo spirito verso la parte destra che deve essere più calda della sinistra. (Il cuore) è anche in mezzo fra la regione superiore (del corpo) e l'inferiore, l'estremità escluse, ed è stato collocato così perché è come l'origine e la prima radice di tutti gli organi. Per conseguenza sarà evidente quale siano i suoi rapporti, (così) come saranno evidenti le sue dimensioni; perché non è troppo grande ne' piccolo, benché sia più grande nell'uomo che in qualunque altro animale delle stesse dimensioni; perché (il cuore) ha più calore grazie alla (sua) dimensione, come ti sarà evidente dalla sua forma, giacché ha la forma di una pigna o di una piramide; perché tutto ciò che ha un calore considerevole deve avere questa forma, dato che la forma iniziale del calore primordiale è la forma piramidale. C'è poi un'altra (ragione, cioè) la separazione dei suoi ventricoli e delle (parti) derivate dallo stesso (cuore). Circa il quarto aspetto, devi osservare il numero delle sue parti e da ciò ti sarà evidente quale sia la sua composizione, la complexio e la funzione. (La questione del) numero delle sue parti è che alcune di esse non fanno parte della sua struttura, certe altre derivano invece dalla sua struttura. (Quelle) che non fanno parte della sua struttura sono il pericardio e (le parti) nate da esso, le quali si vedranno in seguito. Il suo pericardio, fibroso ovvero membranoso, è molto dilatabile (ed è) fatto per proteggere il cuore da fattori nocivi e per non essere toccato dagli altri organi nel momento della sua espansione o dilatazione; inoltre (il pericardio) non è continuo con il cuore, affinché esso non sia impedito dal suo peso durante il movimento. Ci fu anche un'altra ragione (per fare il pericardio così): affinché trattenesse una certa (quantità) d'umidità da cui il cuore fosse irrorato ed umettato, in

6 modo che non venisse essiccato dal suo movimento eccessivo e continuo; perciò in questo pericardio si trova sempre del liquido e se questo pericardio si secca o viene privato di quel liquido l'animale s'indebolisce molto, mentre se (il liquido) è in eccesso il cuore sarà soggetto a palpitazioni e ad un attacco cardiaco, come afferma Galeno nel quinto libro, secondo capitolo, del De interioribus. Fra le parti essenziali del cuore, certune sono esterne, altre interne. (Quelle) esterne sono l'adipe, le appendici del cuore o orecchiette del cuore e (le parti) che nascono da esso. L'adipe appare subito sulla superficie esterna del cuore verso la (sua) estremità, ma non è presente sulla parte attiva poiché l'adipe si genera dal freddo, mentre il cuore è molto caldo. Ma (l'adipe) è generata all'estremità affinché il cuore non si secchi in seguito ai (suoi) movimenti continui e vigorosi. Le orecchiette del cuore sono delle parti membranose capaci di dilatar(si) e restringer(si) e fatte per questo scopo, affinché si dilatino per contenere molto sangue e molto spirito che talvolta viene generato, quando nel nostro corpo si genera molto sangue o molto spirito (come) nel ventricolo sinistro. Ma tu potrai obiettare, come obietta Galeno nel brano suddetto, (e chiedere) perché la natura non ha fatto il cuore abbastanza grande da contenere tutta la quantità di sangue e spirito, e invece ha fatto quelle appendici. Dico che la ragione fu che, se il cuore fosse stato molto grande, avrebbe causato una riduzione delle (sue) facoltà per la perdita di spirito; perciò gli animali che hanno una cuore grande sono timidi, come la lepre ed il cervo. La seconda ragione fu perché nella maggior parte dei casi la cavità del cuore sarebbe stata vuota, dato che non sempre si genera in noi una grande quantità di sangue e di spirito; ma poiché queste orecchiette possono facilmente contrarsi quando non sono piene, non vi si formerà uno spazio vuoto. Si evita, inoltre, un peso (eccessivo del cuore). Si vedrà in seguito quali poi siano le parti che si originano dal cuore. Le parti interne del cuore sono poi i ventricoli destro, sinistro e medio del cuore. Per cominciare apri dunque il cuore nella parte destra e comincia dall'apice, in modo da non toccare l'altra parete, ma dividi (il ventricolo destro) a lato del ventricolo medio; allora ti apparirà subito il ventricolo destro e vedrai in esso due orifici, uno dei quali è (diretto) verso il fegato; (questo) è l'orificio attraverso il quale o dal quale qualcosa entra or esce dalla vena cava; (questo) è l'orificio più grande perché attraverso questo orificio il cuore attrae il sangue dal fegato e lo espelle verso tutti gli altri organi; poiché attraverso questo orificio (il cuore) deve attrarre più che espellere, la natura ha fatto sì che si chiuda al momento della contrazione, quando deve espellere, e si apra quando il cuore si dilata ed attrae. (A questo scopo) esso ha tre piccole valvole che si aprono dal di fuori al di dentro; la natura ha fatto sì che queste piccole valvole non siano troppo depresse, sebbene non si chiudano con una chiusura perfetta, poiché attraverso il medesimo orificio avviene anche l'espulsione del sangue perfettamente digerito; (il sangue) non viene tuttavia espulso tutto, perché una porzione di esso viene espulsa verso il polmone e un'altra parte di esso si trasforma in spirito. A questo punto però nota due cose. La prima è quella che ti (può) mostrare il buonsenso: che la vena cava ha la sua origine dal cuore, perché è continua con la struttura del cuore, non lo attraversa ed ha il massimo diametro vicino al cuore, come il tronco di un albero. In secondo luogo nota che, prima che (essa) entri nella cavità del cuore, da questa vena nasce una vena che circola tutt'attorno alla base del cuore e da essa nascono dei rami distribuiti nella parete del cuore; il cuore è nutrito da questa vena, cioè dal sangue di questa vena. Un secondo aspetto (del ventricolo destro è che) in direzione del polmone c'è poi l'altro orificio (quello) della vena arterialis che porta il sangue dal cuore al polmone; perché, siccome il polmone serve il cuore nel modo già detto, per ricompensarlo il cuore manda il sangue attraverso questa vena che si chiama vena arterialis perché porta (verso un organo) sangue arterioso e per questo, ha due tuniche; (essa) ha due tuniche in primo luogo perché (il movimento del sangue) va in direzione di un organo che si trova in continuo movimento, in secondo luogo perché conduce sangue molto sottile ovvero bilioso. Dunque, affinché (il sangue) non evapori essa ha due tonache, per cui si chiama vena arterialis. In questo orificio (del ventricolo destro), ovvero di questa vena, ci sono tre piccole valvole che si aprono dal di dentro al di fuori e si chiudono dal di fuori al di dentro con una chiusura perfetta, perché attraverso questo orificio il cuore deve solamente espellere (fuori) da sé al momento della contrazione e non deve prendere dentro niente al momento della espansione. (Una volta) visto questo, apri il ventricolo sinistro in modo che in mezzo rimanga la parete in cui c'è

7 il ventricolo medio; allora ti appare subito la cavità del ventricolo sinistro, la cui parete è più compatta e più spessa di quella del ventricolo destro, e questo la natura (l') ha fatto per tre motivi: innanzitutto perché questo ventricolo deve contenere lo spirito (vitale), invece il destro (contiene solo) il sangue. Ma il sangue è più pesante dello spirito, per cui sulla base delle sostanze contenute la parte destra sarebbe più pesante della sinistra, e perciò il cuore non sarebbe di dimensioni uguali (sui due lati). Dunque, affinché sia di peso uguale, (la natura) ha fatto più spessa la parete sinistra per compensare con il suo peso il peso del sangue (nel ventricolo destro). Un altro motivo è che (il ventricolo sinistro) deve contenere lo spirito che può facilmente dissiparsi; la parete è dunque spessa affinché non si dissipi. Il terzo motivo è che questa parete (del ventricolo) deve generare lo spirito dal sangue; ma lo spirito è generato dal sangue per mezzo di un forte calore che ha la capacità di purificar(lo) e far(lo) evaporare. Ma il calore è più forte quando è in un materiale ed in una struttura più densa, per cui la parete di questo ventricolo è spessa e densa. Nella sua cavità, vicino alla base, ci sono due orifici. Uno è l'orificio dell'arteria aorta, che si chiama aorta perché originata direttamente dal cuore, oppure perché è l'inizio dell'origine di tutte le arterie che sono nel corpo; per mezzo di questa (arteria) il cuore quando si contrae trasmette lo spirito (vitale) in esso generato a tutti gli organi; per questo la natura ha predisposto all'inizio di questo orificio tre piccole valvole molto resistenti (e) con una chiusura perfetta che si chiudono dal di fuori verso il di dentro e si aprono dal di dentro al di fuori; questo orificio è (anche) molto profondo. L'altro è l'orificio dell' arteria venalis, che si chiama arteria perché conduce il vapore e si chiama venalis perché ha soltanto una tunica (nella sua parete), giacché la natura non si è molto premurata della sua protezione; perché attraverso di essa passa quello che è del vapore leggero, oppure l'aria che il cuore riceve dal polmone; poiché attraverso questa vena il cuore riceve ed (anche) invia (materiale), in questo orificio la natura ha predisposto soltanto due piccole valvole che non si chiudono perfettamente; queste piccole valvole sono molto elevate per appoggiarsi alla parete del cuore quando (esso) espelle e distribuisce lo spirito (attraverso l'arteria aorta) affinché lo spirito non sia espulso attraverso di essa. E queste (strutture) sono mirabili opere della natura, così come è la realizzazione del ventricolo medio; infatti questo ventricolo non è (costituito da) una sola cavità, ma (ci) sono molte piccole cavità (che sono) più larghe sulla parte destra che sulla sinistra, perché il sangue che va al ventricolo sinistro dal destro, dovendo diventare spirito, si raffini subito, dato che il suo raffinamento è una preparazione alla generazione dello spirito; la natura, nel trasmettere qualcosa agli organi o attraverso qualche via (vascolare), non la trasmette mai con trascuratezza, ma preparandola alla forma che deve prendere, come afferma di frequente Galeno nell'opera De juvamentis membrorum, (per esempio) nel quinto (libro) sulle vene mesenteriche. Questo (completa) le parti intrinseche del cuore. Vi sono altre parti che sono derivate (da esso); queste sono quattro, cioè la vena cava, la vena arterialis, l'arteria aorta e la arteria venalis, due (delle quali) vanno al polmone, del quale vedi l'anatomia subito (dopo). [POLMONE] Da ciò che si é detto, possono essere ugualmente chiare la struttura dei polmoni e la quantità delle loro parti; esse sono infatti composte da un vaso (sanguigno) triplice, da del tessuto molle e da membrane. (Sono composte) da un vaso triplice, cioè (in primo luogo) dall'arteria polmonare che nasce dal ventricolo destro del cuore (e) che porta il sangue per nutrire il polmone. In secondo luogo (sono composte) dalla vena polmonare che nasce dal ventricolo sinistro del cuore portando i vapori leggeri al polmone e portando l'aria dal polmone al cuore. In terzo luogo c'è la trachea che porta l'aria ai polmoni e da essi la riporta fuori. Tutti questi vasi condividono queste (caratteristiche); in primo luogo quando arrivano ai polmoni si dividono in due rami: uno va alla parte destra di essi, l'altro (va) alla sinistra; ciascuno di loro si divide (poi) in due rami principali, uno dei quali va alla parte superiore del polmone, l'altro (va) alla parte inferiore. Poi tutti procedono a dividersi fino ai rami sottili ed ai più piccoli (ancora); (questi) si continuano l'un con l'altro e si intrecciano come una rete e costituiscono il tessuto del polmone (che è) come una rete, così come le vene costituiscono il tessuto del fegato. Devi sapere che i bronchi sono in stretta prossimità dei rami dell'arteria polmonare per esserne nutriti e (sono) in stretta prossimità della vena polmonare per trasmettere

8 l'aria alla vena polmonare (stessa), affinché la porti al cuore e per recarla dal cuore (di nuovo) alla trachea. Questi tratti o ramificazioni che sono (in contatto) tra di essi, sono però così stretti da essere impenetrabili al sangue e penetrabili (solo) all'aria che entra ed esce; perciò se (questi vasi) si dilatano eccessivamente può avvenire una perdita di sangue dal polmone senza una rottura (vera e propria). Gli spazi e le cavità di questa rete sono riempite dal tessuto molle del polmone stesso; questa è la sua (del tessuto del polmone) seconda parte. La sua terza parte è la sua membrana sottile, contro la quale terminano gli orifizi di questi vasi. Veramente gli orifizi dei rami della trachea sono piu grandi e più aperti degli orifizi di quegli (altri) vasi; innanzitutto perché si sono formati da un tronco più grande e (di diametro) più largo; in secondo luogo perché sono cartilaginosi e non pellicolari, perciò essendo più consistenti possono stare più aperti. Da ciò nota ulteriormente il passaggio attraverso il quale si espelle il catarro o il liquido infetto o il sangue espulso dal petto, come nella pleurite, o dalla sua cavità, come nel dolore emottisico e nell'empiema. Quando il materiale si raccoglie in questi luoghi, si divide in parti molto piccole e per la forza del petto è spinto al polmone; quando (il polmone) si dilata più (del solito), il calibro (dei rami) della trachea aumenta ed attraverso di essi il predetto materiale viene essudato, non attraverso altre aperture di altri vasi, perché non sono abbastanza larghi. (Questi altri vasi) non si dilatano neppure nel momento dell'inspirazione, e allora quell'umore o liquido viene espulso da quei (rami della trachea) verso tratti più larghi, e da quelli a (tratti anche) maggiori, finché arriva alla trachea, allora viene espulso fuori con la tosse; la tosse aiuta anche a far penetrare questo catarro nei tratti suddetti. Da ciò è chiaro che questo materiale viene eliminato affinché non pervenga al cuore. Ma se (questo materiale) fosse eliminato attraverso gli altri due vasi, arriverebbe ovviamente tutto nel cuore. Tutto questo è esposto da Galeno nel quinto libro del De Interioribus, terzo capitolo. Così dunque è evidente il numero delle parti proprie del polmone. Quantitativamente le sue parti sono cinque, cioè due nella parte sinistra (e) tre nella parte destra, di cui la terza (parte) si chiama pomum granatum oppure cuscinetto, perché su di esso si appoggiano la vena cava e l'arteria inserita direttamente al cuore, nel luogo dove la vena (cava) sale al cuore. Con questo puoi osservare le dimensioni del polmone, poiché sarebbe piccolo se non (fosse) espanso; però se lo gonfi soffiando(vi dentro) lo vedrai diventare grande. Le sue dimensioni sono tuttavia più grandi a destra che a sinistra, perché a sinistra è collocato il cuore che ne occupa il posto. La sua forma è evidente perché è fatto a forma di un clibano, che ha dimensioni maggiori nella parte posteriore che in quella anteriore. I suoi rapporti sono evidenti da ciò che si è detto e la funzione e le sue malattie sono abbastanza note. Qui devi ripulire i bronchi ed osservare gli anelli che sputa il paziente affetto da pleurite o il tisico, i quali sono rotondi. Ma (se una persona) ha un'ulcera nella trachea, della cui anatomia si deve trattare ben presto, non sputa degli anelli, ma delle placchette; se sputasse degli anelli non sarebbero però rotondi, la ragione per cui diciamo (più sotto). [COLLO] (Una volta) terminata l'anatomia del polmone, bisogna osservare l'anatomia della trachea, che è la via (d'accesso) al polmone. Ma per osservare bene la sua anatomia, bisogna premettere l'anatomia di alcuni organi che sono in rapporto con essa. Bisogna dunque che tu ripulisca il collo ovvero la gola e vedrai i muscoli longitudinali sopra ai quali noterai le vene guidez, una da ogni lato; nell'anatomia del petto ho già detto quale sia la loro funzione. (Una volta) eliminate quelle (strutture), troverai le due ghiandole tiroidee, una da ogni lato, che sono masse ghiandolari fatte nella forma e sagoma di due mandorle, la cui funzione è di umidificare la trachea con l'umidità che generano e raccolgono, affinché (essa) non si secchi in seguito al (proprio) movimento. La seconda funzione (delle ghiandole tiroidee) è di riempire ed uniformare gli spazi della gola, perché la gola è molto grossa nella parte superiore a causa della cartilagine tiroidea ed è molto sottile nella parte inferiore a causa della strettezza della trachea. Queste ghiandole tiroidee, poste sotto la cartilagine tiroidea, la compensano. La terza funzione è di essere lo schermo delle vene ed arterie apoplettiche, le quali (vene giugulari) portano il sangue alla testa; le arterie carotidi interne portano lo spirito (vitale), che in seguito diventa (spirito) animale nella rete mirabile, in cui esse s'intrecciano tumide sotto il cervello. Queste vene si chiamano apoplettiche perché in seguito alla loro congestione spesso

9 avviene l'apoplessia. Si chiamano anche vene del sonno perché il sonno è indotto dall'ostruzione naturale effettuata nella rete (mirabile) suddetta. Esse sono anche chiamate (vene) profonde, perché sono collocate in profondità, vicino ovvero sopra i muscoli delle vertebre del collo; osserva (ora) la loro origine. Spacca lo sterno e segui il tronco ascendente dell'aorta e della vena cava superiore; vedrai che, prima di sorpassare (l'estremità superiore) dello sterno, (questa vena) si ramifica prima in due rami, dei quali uno va alla parte destra (e) l'altro alla sinistra; prima di arrivare sotto le ascelle, una vena discende da uno o dall'altro di questi (rami) lungo le vertebre toraciche per nutrire otto costole e le parti superiori del torace; in seguito, ognuno dei (rami) suddetti penetra lungo l'ascella e segue la parte interna del braccio ed appare (a livello) del gomito, o meglio nella fossa cubitale; essa è detta (vena) basilica ed è inferiore. Da ciò puoi renderti conto di come la (vena) basilica sia in rapporto di continuità con la vena che nutre le parti superiori del petto. Così è chiaro quale sia la ragione perché nei (casi di) pleurite in cui il dolore sale su fino all'(altezza dello) sterno, la flebotomia della (vena) basilica è appropriato, come asserisce Ippocrate nel secondo libro del Regimen acutorum ed (anche) Galeno sullo stesso (argomento). Dopo (la vena cava superiore) sorpassa poi lo sterno e si divide in rami, due dei quali si dirigono obliquamente; uno di essi va al braccio destro, e l'altro al sinistro; seguendo la parte esterna del braccio, (ogni ramo) appare nella fossa cubitale e si chiama (vena) cefalica; essa deve (necessariamente) ricevere (sangue) dalla testa, poiché è in continuazione con le due vene che procedono direttamente dalla testa in alto; queste (vene), di cui si è già parlato, si chiamano apoplettiche. Le arterie procedono nello stesso modo in cui ho descritto le vene. Vicino a queste arterie e vene apoplettiche troverai poi due grossi nervi che discendono dal cervello dal sesto paio di nervi, uno dal lato sinistro e l'altro dal destro. Da entrambi (questi nervi) si formano e si ramificano i nervi ricorrenti, i quali sono i nervi della voce che vedrai a suo tempo. La maggior parte di quel che resta del (nervo) destro entra in contatto con l'esofago e si ramifica nella bocca dello stomaco e si prolunga fino al fondo, sebbene sotto allo sterno una parte di esso si metta in contatto con le vene e le arterie (del cuore) e con il pericardio. Ma la maggior parte del (nervo) sinistro s'avvolge attorno agli organi della respirazione e, (solo) in parte, si mette in contatto con gli organi della digestione. Una volta ripuliti questi organi, rimuovi(li) assieme alla trachea e all'esofago; ma non potrai farlo senza rimuovere (anche) degli altri organi, cioè quelli della bocca. Dunque taglia e rimuovi la mandibola inferiore da quella superiore. [BOCCA] Mentre fai questa (operazione) osserva l'anatomia della bocca. Infatti, della bocca stessa per prima cosa ti si presentano le labbra, (quella) superiore e (quella) inferiore; queste labbra sono composte di nervi, carne e pelle in una combinazione (cosi') mirabile che non si può separare la pelle dalla carne, ne' la carne dai nervi, ne' la mucosa da loro. Ciò fu (fatto) perché quelle labbra dovevano muoversi in ogni posizione diversa, sia in su che in giù, in avanti e indietro, a destra e a sinistra; era dunque necessario che avessero numerosi muscoli diversi, che è impossibile a causa del peso; o (alternativamente) fu necessario che avessero la carne ed i nervi intercalati in ogni direzione. Le labbra sono poi tappezzate (all'interno) da una mucosa che si origina dalla mucosa dell'esofago, che si continua con la mucosa dello stomaco; cosi' come (l'hanno) anche tutti gli organi della bocca, affinché abbiano la sua (stessa) sensitività, e fra questi (organi) c'è (da considerare anche) lo stomaco; per questa ragione capita che in premonizione del vomito il labbro inferiore tremi. Dopo le labbra ci sono (da osservare) i denti, in numero di XXXII; cioè (gli inferiori sono) due duales inferiori, due incisivi, due canini, quattro premolari e sei molari; altrettanti (sono i denti) superiori. I denti sono fatti principalmente per la triturazione e la suddivisione del cibo e secondariamente per (coadiuvare) la voce e l'articolazione delle parole, come (fanno) anche le labbra; per questo quelli che sono privi dei denti o delle labbra non parlano bene. Dopo i denti c'è (da osservare) la lingua, l'anatomia della quale rimandi (a più tardi). Poi osserva il palato, che ha una concavità nell'estremità dorsale per effettuare l'intonazione della voce e per rigirare agilmente il cibo mentre è triturato dai denti. Sul fondo del palato osserverai l'ugola che pende alla maniera di un grano d'uva e per questo è chiamata uvea ; (essa) consiste di una sostanza rada (e) spugnosa, dato che è fatta soprattutto per ricevere l'eccesso di liquido che scende dalla testa quando si è afflitti dal catarro, affinché non

10 discenda negli organi inferiori; per questo (l'ugola) s'infetta spesso. E' anche sagomata per modulare la voce, interrompendo l'aria che è la sostanza della voce; ma (sotto questo aspetto) la sua funzione (principale) è di trattenere per un po' nella bocca l'aria introdotta attraverso il naso e la bocca e diretta al polmone, rigirando(ve)la, affinché non arrivi al polmone fredda, bensì modificata; per questo capita che coloro che hanno (avuto) l'ugola asportata diventano molto catarrosi e perciò gli autori proibiscono di tagliar(la); ma se (l'ugola) è putrida o infettata deve essere cauterizzata. C'è anche un'altra ragione (per la cauterizzazione), poiché a causa della sua posizione e della sua struttura di rado si cicatrizza quando (la) si taglia, ma vi si accumula sostanza putrida e si sente sempre alito cattivo; perciò è meglio che sia cauterizzata con il ferro rovente. La procedura è che ci si procuri una cannula di ferro o di legno spalmata di lutum sapientiae o d'argilla, come dice Avicenna nella quarta fen del primo (libro del) Canon, nel capitolo sul trattamento per cauterizzazione; (dopo aver) aperta la bocca ed aver frapposto fra le mascelle un legno rotondo, si applichi l'ugola ad un'estremità della cannula. Si introduca poi un ferro rovente attraverso la cavità della cannula, si raggiunga l'ugola e (la) si cauterizzi. Dopo l'ugola c'è la faringe che è una regione ampia, ghiandolare ed adatta ad accogliere l'eccesso di fluidi; per questo forma di frequente degli ascessi ed il suo ascesso, benché non sporga al di fuori, sporge poi all'interno; perciò qui si forma una squinantia del secondo tipo che in volgare è chiamata gotum; alla fine di questa (faringe) c'è l'inizio della trachea e dell'esofago; qui vedrai un organo cartilagineo concepito dalla natura con grande saggezza; si chiama coopertorium perché al momento di inghiottire il cibo chiude il foro della laringe, affinché parte del cibo o di una bevanda non discenda nel polmone, il che potrebbe causare il soffocamento; perciò succede che se uno inghiottisce ridendo allora qualcosa va nel polmone, perché al momento del riso la laringe sta aperta, e allora si ha l'impressione di soffocare. [ESOFAGO E TRACHEA] Una volta compiute queste cose, rimuovi l'esofago assieme alla trachea per vedere più comodamente e meglio l'anatomia di quel che rimane (da vedere in questa regione); una volta rimosse osserva per prima cosa la loro struttura. Infatti la struttura dell'esofago è epiteliale e molle; la struttura della trachea è epiteliale e cartilaginosa; la ragione (per farli così) fu che l'esofago è la via del cibo che talvolta viene inghiottito in grande quantità, per cui a volte bisogna che la sua via si dilati. La trachea è invece la via dell'aria che penetra nel polmone, la quale (aria) essendo leggera e non solida penetra per la via che sta aperta. Invece la via epiteliale (dell'esofago) non sta aperta a causa della sua mollezza, ma una parete ricade sull'altra. Questo tubo [la trachea] non è osseo perché deve essere flessibile per la formazione della voce e allo stesso tempo (se fosse osseo) impedirebbe il passaggio di molto cibo solido lungo l'esofago; per questa ragione (la trachea) non è (formata) tutta da un'unica cartilagine, ma si tratta di parecchie (cartilagini) tenute assieme da delle membrane; queste (cartilagini) sono però come cerchi non completi, ma a forma di C. Le estremità della cartilagine continuano con una struttura epiteliale (che è) a contatto con l'esofago; è stato fatto così affinché la sostanza dura cartilaginosa [30 verso]

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

L'USO, LA CURA E LA MANUTENZIONE DIAGNOSTIX TM 952 STRUMENTO PRESSIONE SANGUIGNA MERCURIO

L'USO, LA CURA E LA MANUTENZIONE DIAGNOSTIX TM 952 STRUMENTO PRESSIONE SANGUIGNA MERCURIO L'USO, LA CURA E LA MANUTENZIONE DIAGNOSTIX TM 952 STRUMENTO PRESSIONE SANGUIGNA MERCURIO Un Ringraziamento Speciale.. Grazie per aver scelto uno strumento di pressione sanguigna ADC voi. Siamo orgogliosi

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA')

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') DEFINIZIONI (ai soli fini dell'applicazione degli schemi di ripartizione) CARREGGIATA parte della strada normalmente destinata

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio SEZIONE O «ONDE Cornea Umore acqueo Muscolo ciliare Retina Nervo ottico A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio umano. La luce entra nell'occhio attraverso la cornea e il cristallino. Viene fecalizzata

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI A) Vite di regolazione del minimo. B) Getto MAX C) Getto MIN D) Vite corta coperchio camera del galleggiante E) Vite lunga coperchio camera del galleggiante

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa Alle seguenti pagine trovate una descrizione del principio di funzionamento generale dei sistemi frenanti ad aria compressa installati in

Dettagli

Uno spettroscopio fatto in casa

Uno spettroscopio fatto in casa Uno spettroscopio fatto in casa Angela Turricchia Laboratorio per la Didattica Aula Planetario Comune di Bologna, Włochy Ariel Majcher Centro di fisica teorica, PAS Varsava, Polonia Uno spettroscopio fatto

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli