non possa muoversi da seduto, questa pietra deve essere condotta (giù verso) il collo della vescica con un dito introdotto nell'ano e con l'altra

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "non possa muoversi da seduto, questa pietra deve essere condotta (giù verso) il collo della vescica con un dito introdotto nell'ano e con l'altra"

Transcript

1 [21 recto] i tessuti attorno al didimo ed ai testicoli (partendo) dallo scroto; dopo legano nella parte superiore e tagliano il didimo ed i vasi genitali assieme al testicolo e dopo fanno cicatrizzare; questo intervento (lo) si fa in fretta. Vi sono quelli che ripuliscono i tessuti solo attorno al didimo e non al testicolo e cuciono e legano nella parte superiore applicando una medicazione molto ferma e lasciano stare (l'organo) cosi'; oppure quella perforazione (la) si fa con un farmaco caustico che disfa e brucia la cute di quel punto. Dopo applicano del sublimato d'arsenico che corrode, (ha azione) caustica e riduce (il tessuto) mentre brucia; (essi) eliminano subito le parti disfatte del didimo e poi fanno cicatrizzare. [TESTICOLI] Una volta finito con il didimo, devi osservare ciò che affermano gli autori, cioè che i vasi genitali maschili sono di due tipi: quelli che preparano (lo sperma) e quelli che (lo) portano fuori. Quelli che (lo) preparano sono quelli che scendono dalla predetta regione (e vanno) ai testicoli e si avvolgono attorno alla parte superiore dei testicoli formando quasi un sacco; infatti questi vasi non entrano nel tessuto dei testicoli ed hanno il carattere di vene e di fibre. Ce ne sono poi altri che continuano da questi e sono anche più fibrosi e quanto più salgono via dai testicoli tanto più sono fibrosi; essi salgono fino all'osso pubico, dove il didimo comincia a formarsi; allora (questi vasi) si mescolano con dei nervi fino alla regione della vescica e del suo collo e finalmente procedono fino al pene ed al meato del pene ed arrivano nella regione dove c'è l'apertura dell'osso pubico; allora, attraverso i due dotti che si trovano qui (e che sono doppi) come sono doppi i vasi genitali maschili, essi emettono lo sperma che hanno portato dai testicoli, il quale è stato generato da essi (testicoli) in altri vasi, e riversano quello sperma nel canale del pene. Il pene lo emette poi all'esterno. Veramente non potrai vedere bene quelle aperture (dei dotti deferenti nell'uretra) se non quando anatomizzi il pene; da questo sono evidenti la forma e la struttura dei testicoli dell'uomo e dei vasi genitali maschili, dato che i testicoli hanno struttura ghiandolare. Sono evidenti (anche) le dimensioni, la quantità, la posizione ed i rapporti (di questi organi); é evidente anche la funzione e da questa diventa evidente la loro malattia; in fatti, quando (questi organi) vengono tagliati o sviluppano un ascesso o i vasi si ostruiscono o il liquido spermatico non arriva per un altro motivo, il coito s'interrompe; cosi' qualche volta, per ragioni opposte, avviene un emissione involontaria di sperma; (queste condizioni) si verificano soprattutto a causa dello spasmo, o della flaccidità (rispettivamente), degli organi suddetti o dei vasi. [VESCICA] Una volta completati questi (organi), solleva i reni e ripulisci un orifizio ureterico, o tutti e due, e vedrai che (gli ureteri) terminano nella vescica vicino alla sua linea mediana; (l'uretere) non perfora la vescica in linea diretta e con un'apertura grande, ma con piccoli orifici che procedono dai lati obliquamente fra una tunica e un' (altra) tunica oppure tra la mucosa (interna) ed la capsula esterna; ciò fu fatto affinché, quando la vescica si riempie, l'urina non ritorni ai reni; anzi, quanto più si riempie tanto più quegli orifizi si chiudono, perché la parete di una tunica si ribatte contro alla parete di un'altra o (contro) la capsula esterna. Poi apri la vescica e vedrai la sua grande cavità, che è fibrosa, e vedrai il suo collo carnoso e muscoloso; (ciò fu fatto) perché, in certi momenti quando è opportuno e l'uomo lo desidera, egli (possa) espellere l'urina e quando è necessario la trattenga; poiché il suo collo è muscoloso, se (un chirurgo) incide la vescica nel suo collo (il taglio) può cicatrizzare, se (il taglio è) nel fondo (della vescica) no. Il suo collo è attraversato da una piccola apertura attraverso la quale (la vescica) riversa nell'uretra l'urina (che) esce fuori; infatti quel collo è in continuazione diretta con l'inizio del pene, come puoi osservare; cosi' sono evidenti le dimensioni della vescica stessa, la sua posizione ovvero i suoi rapporti, la quantità (delle sue parti), la struttura e la funzione. (La vescica) può subire malattie di ogni genere, ma ne subisce una (in particolare) che si chiama litiasi. In fatti nella sua cavità si può formare un calcolo dai liquidi mucillaginosi accumulati in essa e concentrati da un calore eccessivo; questo calcolo si cura con sostanze che lo dissolvono oppure mediante incisione. Infatti, dopo aver situato debitamente l'uomo in modo che

2 non possa muoversi da seduto, questa pietra deve essere condotta (giù verso) il collo della vescica con un dito introdotto nell'ano e con l'altra mano posta sopra l'osso pubico; dopo essere stato condotto qui, (il calcolo vi) deve essere trattenuto. Dopo si deve fare un'incisione all'altezza del collo (della vescica) ed estrarre (il calcolo) decisamente con un estrattore; questo (si fa) se il calcolo è grande. Se invece è piccolo, tale che si possa estrarre attraverso il canale del pene, (il calcolo) deve essere condotto dal collo della vescica fino al pene per mezzo della pressione fatta con le dita; se non esce, deve essere estratto con un estrattore piccolo. [PENE] Per ultimo c'è proprio il pene che si continua con molti legamenti e corde al collo carnoso della vescica; esso si continua con molti legamenti e corde che nascono dall'osso pubico (e) con molti nervi provenienti dal midollo spinale; per conseguenza (il pene) è molto sensibile ed estensibile. Esso è in continuazione anche con vene ed arterie principali, dato che nel pene e nella lingua arrivano vene ed arterie più grandi che a qualunque altro organo della medesima grandezza. Queste vene ed arterie nascono dalla vena cava inferiore e dall'arteria (aorta discendente) nel luogo in cui (questi vasi) si biforcano in direzione dei due fianchi; quindi queste vene ed arterie (che) sono grandi si distribuiscono nella regione del perineo, che è la regione tra l'ano e gli organi genitali; (dato che) qui si trova l'origine o inizio del pene, (è) per questo (che) queste vene sono come le radici del pene e a causa loro il pene è pieno di cavernosità; le sue cavernosità sono riempite da una sostanza gassosa generata nelle sue arterie e quando si riempiono di gas il pene si erige. Per osservare meglio la sua anatomia, devi separare le ossa pubiche e rimuovere il pene assieme alla vescica e all'intestino retto, oppure senza di essi; (devi) tagliare il pene nella (sua) lunghezza fino al suo canale; allora all'inizio di esso ti appariranno i due orifizi di cui (si è parlato) sopra. Ti appariranno anche le sue cavernosità; da ciò ti rendi conto delle sue dimensioni, giacché la sua dimensione o lunghezza è di un palmo, come la lunghezza della vagina. E' evidente la sua struttura, che è fibrosa, tranne la sua estremità che si chiama prepuzio. E' evidente anche la quantità delle sue parti; è evidente la posizione ed i rapporti. La sua forma è oblunga, perché il pene dell'uomo è sporgente, non attaccato al ventre come nei quadrupedi; la ragione è che gli esseri umani durante il coito non si uniscono dalla parte del dorso, ma con un amplesso (frontale). Se assieme al pene hai rimosso l'intestino ovvero l'estremità dell'intestino retto, la cui anatomia abbiamo spiegato sopra, allora conosci (già) in quell'intestino, ovvero nella sua estremità, (la parte) che si chiama ano, (e) i muscoli che (lo) muovono, ovvero che aprono e chiudono (l'ano). Prendi in considerazione anche le cinque vene emorroidali che sono nella sua (dell'ano) estremità; in certe (persone) sono più profonde, ed in certe determinate circostanze si aprono ed avviene il flusso delle emorroidi. Con ciò si completa l'anatomia degli organi naturali che sono contenuti nella prima (inferiore) cavità ventrale. [TORACE] Una volta finite queste cose, comincia ad eliminare la cute del torace fino all'inizio del collo, perché fino lì ci sono gli organi della respirazione. Nota che, così come la prima (cavità studiata) ha due tipi di strutture, anche questa ha due tipi di strutture, cioè parti contenenti ed organi contenuti (in esse). Gli organi contenenti fanno parte del petto; le parti del petto sono di due tipi, cioè esterne ed interne. Alcune delle (parti) esterne sono mediali, alcune (sono) laterali; quelle mediali sono, o (meglio) vengono chiamate (così), parti dello sterno; queste sono due, (cioè) lo sterno superiore e lo sterno inferiore, o parte dello sterno. Le parti laterali si chiamano lati del petto, cioè destro e sinistro. Le parti interne sono cinque, cioè il grasso sottocutaneo, che già si conosce, le mammelle, i muscoli, le ossa e le cartilagini. [MAMMELLE] Per prima cosa osserva la forma delle mammelle, giacché esse hanno una forma rotonda ed un po' oblunga, perché devono contenere il sangue che deve trasformarsi in latte. Inoltre, come afferma Galeno nel suo De juvamentis membrorum, (le mammelle) sono lo scudo del cuore; perciò devono avere una forma ed un profilo (tali da essere) protette da impatti e tale è quella rotonda; esse hanno i capezzoli affinché il feto appena nato possa succhiare il latte da loro. In secondo luogo osservane la

3 struttura, giacché la loro struttura è ghiandolare, perché l'eccesso di sangue ben scaldato in esse deve trasformarsi in latte; questa trasformazione avviene per raffreddamento, per cui il loro tessuto è ghiandolare. In terzo luogo osservane le dimensioni; benché devi innanzitutto sapere che nella donna sono più grandi che nell'uomo, perché nella donna sono fatte per due scopi; uno (scopo) è per produrre il latte, mentre nell'uomo no; per questo nella donna debbono essere grandi. Per di più nella donna (le mammelle) sono state fatte grandi perché rimandino al cuore, riflettendolo, il calore che ricevono dal cuore (stesso); questo è più necessario nelle donne dato che attorno al cuore hanno meno calore degli uomini. In quarto luogo notane il numero, giacché nell'uomo sono due, come in ogni animale che genera uno o due figli. Negli animali multipari, cioè che generano molti (figli), le mammelle sono invece molte. In quinto luogo osservane la posizione ed i rapporti. Dapprima la posizione, infatti nell'uomo le mammelle sono situate nel petto, negli altri animali no. La ragione per cui negli altri animali non sono situate nel petto è offerta da Galeno nel capitolo suddetto, perché le mammelle sono fatte per la produzione del latte. Ma il latte è prodotto dall'eccesso di sangue ben riscaldato. Ma negli altri animali una quantità considerevole di questo eccesso (di sangue) è diretto verso la produzione delle corna, dei denti e di (altre cose) dello stesso genere. Un'altra ragione è offerta da Aristotele nel libro De partibus animalium, perché gli altri animali hanno gli arti, cioè l'avambraccio, piegati quasi in dentro e perciò (hanno) il petto stretto, perciò le mammelle non hanno potuto essere collocate nel loro petto; per questo le hanno verso le anche se sono animali che generano uno o due feti, come la lepre e simili (specie), oppure hanno molte mammelle disperse lungo il ventre se generano molti feti, come nella scrofa e nella cagna. L'Uomo, avendo il petto largo, ha invece le mammelle collocate nel petto, perché da ciò esse ne traggono dei vantaggi. Il latte deve infatti essere prodotto in esse dal sangue raffinato e ben scaldato. Ma l'elaborazione migliore avviene nella regione del petto (e) nelle mammelle, a causa del calore che esiste in esse più elevato che in tutte le altri parti (possibili); per la stessa ragione la natura ha fatto si' che le vene che arrivano ad esse dall'utero (siano) tortuose, come dice qui Galeno; (le vene) procedono in modo tortuoso affinché il sangue gradualmente si raffini e sia ben elaborato. La seconda funzione (delle mammelle) è che sono come lo scudo del cuore e nell'uomo il cuore deve essere ben protetto perché è senza rivestimento protettivo. La (loro) terza funzione è che ricevono il riscaldamento ovvero il calore degli organi del torace e riflettono ciò che ricevono ad esso (cuore) come (farebbe) un vestito, come afferma qui ancora Galeno. Da ciò sono evidenti i loro rapporti, giacché esse sono collegate con il cuore ed il fegato per mezzo della vena cava superiore, dalla quale vicino allo sterno partono due rami che discendono contro il dorso e fra le costole si dirigono verso le mammelle. (Le mammelle) sono collegate anche con l'utero mediante le vene che salgono dall'utero alle mammelle, di cui si è detto sopra. Dalle loro funzioni devi riconoscere le loro malattie. [MUSCOLI DEL PETTO] Dopo le mammelle ci sono i muscoli (del petto). Ma non puoi distinguere tutti muscoli del petto con questo (tipo di) anatomia, sebbene si distinguano in tutti (i cadaveri con un tipo di anatomia diversa) dato che sono 68. Tuttavia, devi sapere che alcuni di questi muscoli dilatano (il torace) soltanto e alcuni (lo) dilatano e contraggono. (Quelli) che dilatano soltanto sono i due muscoli del diaframma, che sono (inseriti) sulle (pareti) interne del petto; (lo) sono anche i due muscoli che sono nel collo; ma il diaframma dilata (il torace) dal di sotto dove c'è molto spazio, mentre quei (muscoli) che sono nel collo dilatano la (parte) superiore della cavità (del torace) che è piccola. (Lo) sono (dilatanti) anche altri muscoli che sono dorsali, dove c'è l'inizio delle costole, e cominciano vicino all'origine della prima costola. (Lo) sono anche molti altri muscoli piccoli. I muscoli che dilatano e comprimono (il torace) sono invece i muscoli localizzati tra le costole, giacché tra ogni due costole ci sono due muscoli di cui uno ha le fibre in senso longitudinale, l'altro in senso trasversale. [OSSA DEL PETTO] Dopo i muscoli ci sono le ossa. Le ossa del petto sono poi molte e non un (osso solo) continuo, affinché (il torace) possa dilatarsi e restringersi; infatti deve essere in continuo moto, (causato) da un moto locale volontario; perciò in esso (petto) si richiedono muscoli per il movimento ed ossa che

4 sono il sostegno dei movimenti; questa è la ragione per cui questa cavità (toracica) non è tanto muscolosa come la prima (viscerale), ne' tanto ossea come l'ultima (cavità), cioè il capo. Queste ossa sono di due tipi, cioè le costole e le ossa del torace. Le costole sono dodici, sette vere e cinque false. Sono vere quelle che si continuano con le ossa del torace per circondare e coprire il petto; la ragione per cui una costola non tocca l'altra nelle (loro) estremità è quella che è stata detta, perché il petto possa meglio dilatarsi e restringersi. Le ossa del torace sono poi sette, in continuazione con le sette costole vere. Ma fra queste ossa e le costole ci sono delle cartilagini che mettono in rapporto un osso con l'altro. Queste ossa con le loro cartilagini compongono un organo che è chiamato furcula del petto, perché è biforcuto ed ha l'aspetto di una forca; nella sua estremità (inferiore) è inserita una cartilagine sottocutanea chiamata processo xifoideo, fatto per proteggere la bocca dello stomaco. Lateralmente nelle costole false ci sono delle cartilagini, affinché le parti molli (interne) non vengano lese con un (osso) duro, o (meglio) da un (osso) duro. Veramente tutto ciò si vedrebbe meglio se si incidesse il petto dove ci sono le parti tenere delle costole, su (ambedue) i fianchi destro e sinistro; allora ti sarà evidente tutto cio' che è all'interno (della cavità toracica). [MEMBRANE DEL TORACE] Gli organi contenuti nel petto sono poi le membrane, il cuore, i polmoni e quegli (organi) derivati da loro. Le membrane sono tre, cioè la pleura mediastinica che divide la cavità del petto medialmente in direzione antero-posteriore, dividendo perciò i polmoni medialmente. Questa membrana non è nervosa ne' continua (e) con una struttura semplice come le altre; questo è fatto per un vantaggio comune (ai due polmoni), cioè affinché se la parte destra o sinistra dei polmoni viene danneggiata non si trasmetta il danno all'altra parte. (Questo) è fatto anche per sospendere i polmoni all'(interno del) petto. (Questo) è inoltre fatto affinché se per qualche ragione si forma un empiema, cioè un accumulo di pus nel petto, questo pus non si riversi nell'altra parte. Poi c'è la pleura (costovertebrale). (Questa) pleura è una membrana dura e di struttura nervosa, di grandi dimensioni, che ricopre tutte le sue costole ed è perciò in rapporto con tutti gli organi contenuti nella cavità toracica. Le sue funzioni sono di ricoprire gli organi suddetti e di dare origine alle membrane degli organi in questione, come afferma Avicenna nel primo capitolo del primo (libro) del Canon, il capitolo sugli organi. (La pleura) può subire malattie di ogni genere e modalità (e) può soprattutto subire un ascesso che si chiama pleurite. In effetti la pleurite è di due tipi, cioè vera e non vera. Non è vera quella che avviene nei muscoli che sono tra le costole, il cui margine è verso la pelle esterna; la (pleurite) vera avviene nella membrana (pleurica) stessa. Riguardo la sua struttura, puoi osservare che nella maggior parte dei casi questa infezione è colerica, per cui ha come conseguenza una febbre acuta. L'instaurazione dello stato febbrile dipende in effetti dalla posizione (della pleurite), perché questa febbre acuta avviene (se la pleurite si trova) appresso e più vicino al cuore a causa del (suo) umore caldo. Osserva anche che, a causa della sensibilità della membrana (pleurica), tale infezione è seguita da un dolore pungente e laterale, perché questa membrana si applica di più ai fianchi che alla regione anteriore. Ma la parte anteriore (della pleura) si applica di più alla pleura mediastinica; perciò il dolore conseguente alla peripleumonia è sul davanti, (mentre) questo (della pleurite) è sul lato. (Il dolore laterale) avviene anche perché (la pleurite) comprime il polmone ed impedisce la sua dilatazione (causando) difficoltà di respirazione; allora ne consegue la tosse, perché è stimolata dall'escrescenza del pus e da qualche sostanza nociva e da prodotti tossici che emanano da questo pus attraverso le porosità della membrana. Questa è la ragione per cui nella pleurite lo sputo è rossastro all'inizio, e dopo (diventa) bianco e putrido, man mano che la materia (dello sputo) si matura; quando all'inizio ha l'aspetto rossastro dapprima abbrevia l'attacco (di pleurite), come afferma Ippocrate negli Aforismi, quello sui parossismi e le (loro) conseguenze; la ragione è, come prevedibile, che la materia (dell'infezione) è fluida, la membrana (pleurica) è sottile e la (sua) resistenza è forte. In che modo questa materia nociva e putrida sia poi espulsa e mandata fuori per il polmone, sarà spiegato nell'anatomia del polmone. La terza membrana è il diaframma che si può definire come un muscolo, la cui posizione è all'estremità (inferiore) del petto e delle costole, trovandosi tanto nella parte anteriore (della cavità toracica) che in quella posteriore. Infatti, per quel che riguarda la porzione muscolare, si inserisce (davanti) sulle cartilagini delle false

5 costole e nella parte posteriore sulla dodicesima vertebra (toracica) (e) sulle vertebre lombari. La sua funzione deriva dalla sua posizione, in primo luogo per separare gli organi della cavità toracica da quelli della cavità viscerale, affinché i vapori provenienti dal cibo al momento della digestione e dalle feci non pervengano agli organi della cavità toracica; perché essi danneggerebbero la mente e la ragione, il che è chiaro quando il diaframma è affetto da un'infezione o la mente è lesa in qualche modo; perciò (il diaframma) è chiamato con un altro nome frenum, perché è il freno della mente come è anche chiamato diazona da Aristotele, perché cinge la cintura a metà (del corpo); non perché la cinga in modo proprio orizzontale, ma obliquamente come si è detto. La ragione per questa obliquità, ovvero il (suo) vantaggio, è quella che che è stata detta nel capitolo sull'anatomia della parete addominale; perché assieme alla parete addominale esso comprime l'eccesso di liquidi negli intestini al momento dell'espulsione, come se essi fossero dentro le assi di un torchio. Per quel che riguarda la sua (del diaframma) parte centrale, che è fibrosa e piatta, essa è in rapporto con i polmoni per spostarli con i movimenti della respirazione mediante i nervi che arrivano ad esso dal cervello e dal midollo spinale; da ciò è evidente perché il diaframma è considerato diverso dagli altri muscoli, giacché gli altri muscoli sono tendinosi dove s'inseriscono alle ossa, (e sono) muscolari altrove. Invece il diaframma è il contrario. La ragione è che il daframma deve innanzitutto muovere i polmoni e non le costole. Quanto invece alla porzione tendinosa degli altri muscoli, deve inserirsi sull'organo che deve muovere; quanto alla sua porzione muscolare (deve inserirsi) su di un altro (organo). Da ciò è chiara quale sia la sua forma, che è rotonda ed oblunga; è chiara anche la sua struttura, che è muscolare e tendinosa; sono chiare le sue dimensioni. Le funzioni sono tre, spiegate bene dalle cose già dette. La prima è di essere il principio motorio della respirazione; la seconda (è) di dividere gli organi della cavità toracica da quelli della cavità viscerale; la terza (è) di aiutare gli intestini e la parete addominale ad espellere ciò che è contenuto negli intestini. Dalla seconda funzione si vede perché alla sua (del diaframma) infezione segue un'alterazione della mente, fino alla frenesia. La (descrizione della) forma tipica (di questa malattia) cercala in Galeno, nel quinto libro del De Interioribus, nel capitolo sulle malattie del diaframma. [CUORE] (Dopo aver) sollevate le membrane (del torace), ti apparirà il polmone, in mezzo al quale c'è il cuore coperto dai lobi del polmone affinché sia raffreddato dall'aria inalata dallo stesso (polmone) e si contemperino il calore e lo spirito che si generano in esso (cuore). Del cuore sono evidenti la posizione e la localizzazione, perché è in mezzo fra la regione anteriore (del corpo) e la posteriore, (fra la parte) destra e la sinistra; se si considera il suo apice (il cuore) è inclinato verso sinistra, riguardo la base (è inclinato) verso destra, per poter esalare il calore e lo spirito verso la parte destra che deve essere più calda della sinistra. (Il cuore) è anche in mezzo fra la regione superiore (del corpo) e l'inferiore, l'estremità escluse, ed è stato collocato così perché è come l'origine e la prima radice di tutti gli organi. Per conseguenza sarà evidente quale siano i suoi rapporti, (così) come saranno evidenti le sue dimensioni; perché non è troppo grande ne' piccolo, benché sia più grande nell'uomo che in qualunque altro animale delle stesse dimensioni; perché (il cuore) ha più calore grazie alla (sua) dimensione, come ti sarà evidente dalla sua forma, giacché ha la forma di una pigna o di una piramide; perché tutto ciò che ha un calore considerevole deve avere questa forma, dato che la forma iniziale del calore primordiale è la forma piramidale. C'è poi un'altra (ragione, cioè) la separazione dei suoi ventricoli e delle (parti) derivate dallo stesso (cuore). Circa il quarto aspetto, devi osservare il numero delle sue parti e da ciò ti sarà evidente quale sia la sua composizione, la complexio e la funzione. (La questione del) numero delle sue parti è che alcune di esse non fanno parte della sua struttura, certe altre derivano invece dalla sua struttura. (Quelle) che non fanno parte della sua struttura sono il pericardio e (le parti) nate da esso, le quali si vedranno in seguito. Il suo pericardio, fibroso ovvero membranoso, è molto dilatabile (ed è) fatto per proteggere il cuore da fattori nocivi e per non essere toccato dagli altri organi nel momento della sua espansione o dilatazione; inoltre (il pericardio) non è continuo con il cuore, affinché esso non sia impedito dal suo peso durante il movimento. Ci fu anche un'altra ragione (per fare il pericardio così): affinché trattenesse una certa (quantità) d'umidità da cui il cuore fosse irrorato ed umettato, in

6 modo che non venisse essiccato dal suo movimento eccessivo e continuo; perciò in questo pericardio si trova sempre del liquido e se questo pericardio si secca o viene privato di quel liquido l'animale s'indebolisce molto, mentre se (il liquido) è in eccesso il cuore sarà soggetto a palpitazioni e ad un attacco cardiaco, come afferma Galeno nel quinto libro, secondo capitolo, del De interioribus. Fra le parti essenziali del cuore, certune sono esterne, altre interne. (Quelle) esterne sono l'adipe, le appendici del cuore o orecchiette del cuore e (le parti) che nascono da esso. L'adipe appare subito sulla superficie esterna del cuore verso la (sua) estremità, ma non è presente sulla parte attiva poiché l'adipe si genera dal freddo, mentre il cuore è molto caldo. Ma (l'adipe) è generata all'estremità affinché il cuore non si secchi in seguito ai (suoi) movimenti continui e vigorosi. Le orecchiette del cuore sono delle parti membranose capaci di dilatar(si) e restringer(si) e fatte per questo scopo, affinché si dilatino per contenere molto sangue e molto spirito che talvolta viene generato, quando nel nostro corpo si genera molto sangue o molto spirito (come) nel ventricolo sinistro. Ma tu potrai obiettare, come obietta Galeno nel brano suddetto, (e chiedere) perché la natura non ha fatto il cuore abbastanza grande da contenere tutta la quantità di sangue e spirito, e invece ha fatto quelle appendici. Dico che la ragione fu che, se il cuore fosse stato molto grande, avrebbe causato una riduzione delle (sue) facoltà per la perdita di spirito; perciò gli animali che hanno una cuore grande sono timidi, come la lepre ed il cervo. La seconda ragione fu perché nella maggior parte dei casi la cavità del cuore sarebbe stata vuota, dato che non sempre si genera in noi una grande quantità di sangue e di spirito; ma poiché queste orecchiette possono facilmente contrarsi quando non sono piene, non vi si formerà uno spazio vuoto. Si evita, inoltre, un peso (eccessivo del cuore). Si vedrà in seguito quali poi siano le parti che si originano dal cuore. Le parti interne del cuore sono poi i ventricoli destro, sinistro e medio del cuore. Per cominciare apri dunque il cuore nella parte destra e comincia dall'apice, in modo da non toccare l'altra parete, ma dividi (il ventricolo destro) a lato del ventricolo medio; allora ti apparirà subito il ventricolo destro e vedrai in esso due orifici, uno dei quali è (diretto) verso il fegato; (questo) è l'orificio attraverso il quale o dal quale qualcosa entra or esce dalla vena cava; (questo) è l'orificio più grande perché attraverso questo orificio il cuore attrae il sangue dal fegato e lo espelle verso tutti gli altri organi; poiché attraverso questo orificio (il cuore) deve attrarre più che espellere, la natura ha fatto sì che si chiuda al momento della contrazione, quando deve espellere, e si apra quando il cuore si dilata ed attrae. (A questo scopo) esso ha tre piccole valvole che si aprono dal di fuori al di dentro; la natura ha fatto sì che queste piccole valvole non siano troppo depresse, sebbene non si chiudano con una chiusura perfetta, poiché attraverso il medesimo orificio avviene anche l'espulsione del sangue perfettamente digerito; (il sangue) non viene tuttavia espulso tutto, perché una porzione di esso viene espulsa verso il polmone e un'altra parte di esso si trasforma in spirito. A questo punto però nota due cose. La prima è quella che ti (può) mostrare il buonsenso: che la vena cava ha la sua origine dal cuore, perché è continua con la struttura del cuore, non lo attraversa ed ha il massimo diametro vicino al cuore, come il tronco di un albero. In secondo luogo nota che, prima che (essa) entri nella cavità del cuore, da questa vena nasce una vena che circola tutt'attorno alla base del cuore e da essa nascono dei rami distribuiti nella parete del cuore; il cuore è nutrito da questa vena, cioè dal sangue di questa vena. Un secondo aspetto (del ventricolo destro è che) in direzione del polmone c'è poi l'altro orificio (quello) della vena arterialis che porta il sangue dal cuore al polmone; perché, siccome il polmone serve il cuore nel modo già detto, per ricompensarlo il cuore manda il sangue attraverso questa vena che si chiama vena arterialis perché porta (verso un organo) sangue arterioso e per questo, ha due tuniche; (essa) ha due tuniche in primo luogo perché (il movimento del sangue) va in direzione di un organo che si trova in continuo movimento, in secondo luogo perché conduce sangue molto sottile ovvero bilioso. Dunque, affinché (il sangue) non evapori essa ha due tonache, per cui si chiama vena arterialis. In questo orificio (del ventricolo destro), ovvero di questa vena, ci sono tre piccole valvole che si aprono dal di dentro al di fuori e si chiudono dal di fuori al di dentro con una chiusura perfetta, perché attraverso questo orificio il cuore deve solamente espellere (fuori) da sé al momento della contrazione e non deve prendere dentro niente al momento della espansione. (Una volta) visto questo, apri il ventricolo sinistro in modo che in mezzo rimanga la parete in cui c'è

7 il ventricolo medio; allora ti appare subito la cavità del ventricolo sinistro, la cui parete è più compatta e più spessa di quella del ventricolo destro, e questo la natura (l') ha fatto per tre motivi: innanzitutto perché questo ventricolo deve contenere lo spirito (vitale), invece il destro (contiene solo) il sangue. Ma il sangue è più pesante dello spirito, per cui sulla base delle sostanze contenute la parte destra sarebbe più pesante della sinistra, e perciò il cuore non sarebbe di dimensioni uguali (sui due lati). Dunque, affinché sia di peso uguale, (la natura) ha fatto più spessa la parete sinistra per compensare con il suo peso il peso del sangue (nel ventricolo destro). Un altro motivo è che (il ventricolo sinistro) deve contenere lo spirito che può facilmente dissiparsi; la parete è dunque spessa affinché non si dissipi. Il terzo motivo è che questa parete (del ventricolo) deve generare lo spirito dal sangue; ma lo spirito è generato dal sangue per mezzo di un forte calore che ha la capacità di purificar(lo) e far(lo) evaporare. Ma il calore è più forte quando è in un materiale ed in una struttura più densa, per cui la parete di questo ventricolo è spessa e densa. Nella sua cavità, vicino alla base, ci sono due orifici. Uno è l'orificio dell'arteria aorta, che si chiama aorta perché originata direttamente dal cuore, oppure perché è l'inizio dell'origine di tutte le arterie che sono nel corpo; per mezzo di questa (arteria) il cuore quando si contrae trasmette lo spirito (vitale) in esso generato a tutti gli organi; per questo la natura ha predisposto all'inizio di questo orificio tre piccole valvole molto resistenti (e) con una chiusura perfetta che si chiudono dal di fuori verso il di dentro e si aprono dal di dentro al di fuori; questo orificio è (anche) molto profondo. L'altro è l'orificio dell' arteria venalis, che si chiama arteria perché conduce il vapore e si chiama venalis perché ha soltanto una tunica (nella sua parete), giacché la natura non si è molto premurata della sua protezione; perché attraverso di essa passa quello che è del vapore leggero, oppure l'aria che il cuore riceve dal polmone; poiché attraverso questa vena il cuore riceve ed (anche) invia (materiale), in questo orificio la natura ha predisposto soltanto due piccole valvole che non si chiudono perfettamente; queste piccole valvole sono molto elevate per appoggiarsi alla parete del cuore quando (esso) espelle e distribuisce lo spirito (attraverso l'arteria aorta) affinché lo spirito non sia espulso attraverso di essa. E queste (strutture) sono mirabili opere della natura, così come è la realizzazione del ventricolo medio; infatti questo ventricolo non è (costituito da) una sola cavità, ma (ci) sono molte piccole cavità (che sono) più larghe sulla parte destra che sulla sinistra, perché il sangue che va al ventricolo sinistro dal destro, dovendo diventare spirito, si raffini subito, dato che il suo raffinamento è una preparazione alla generazione dello spirito; la natura, nel trasmettere qualcosa agli organi o attraverso qualche via (vascolare), non la trasmette mai con trascuratezza, ma preparandola alla forma che deve prendere, come afferma di frequente Galeno nell'opera De juvamentis membrorum, (per esempio) nel quinto (libro) sulle vene mesenteriche. Questo (completa) le parti intrinseche del cuore. Vi sono altre parti che sono derivate (da esso); queste sono quattro, cioè la vena cava, la vena arterialis, l'arteria aorta e la arteria venalis, due (delle quali) vanno al polmone, del quale vedi l'anatomia subito (dopo). [POLMONE] Da ciò che si é detto, possono essere ugualmente chiare la struttura dei polmoni e la quantità delle loro parti; esse sono infatti composte da un vaso (sanguigno) triplice, da del tessuto molle e da membrane. (Sono composte) da un vaso triplice, cioè (in primo luogo) dall'arteria polmonare che nasce dal ventricolo destro del cuore (e) che porta il sangue per nutrire il polmone. In secondo luogo (sono composte) dalla vena polmonare che nasce dal ventricolo sinistro del cuore portando i vapori leggeri al polmone e portando l'aria dal polmone al cuore. In terzo luogo c'è la trachea che porta l'aria ai polmoni e da essi la riporta fuori. Tutti questi vasi condividono queste (caratteristiche); in primo luogo quando arrivano ai polmoni si dividono in due rami: uno va alla parte destra di essi, l'altro (va) alla sinistra; ciascuno di loro si divide (poi) in due rami principali, uno dei quali va alla parte superiore del polmone, l'altro (va) alla parte inferiore. Poi tutti procedono a dividersi fino ai rami sottili ed ai più piccoli (ancora); (questi) si continuano l'un con l'altro e si intrecciano come una rete e costituiscono il tessuto del polmone (che è) come una rete, così come le vene costituiscono il tessuto del fegato. Devi sapere che i bronchi sono in stretta prossimità dei rami dell'arteria polmonare per esserne nutriti e (sono) in stretta prossimità della vena polmonare per trasmettere

8 l'aria alla vena polmonare (stessa), affinché la porti al cuore e per recarla dal cuore (di nuovo) alla trachea. Questi tratti o ramificazioni che sono (in contatto) tra di essi, sono però così stretti da essere impenetrabili al sangue e penetrabili (solo) all'aria che entra ed esce; perciò se (questi vasi) si dilatano eccessivamente può avvenire una perdita di sangue dal polmone senza una rottura (vera e propria). Gli spazi e le cavità di questa rete sono riempite dal tessuto molle del polmone stesso; questa è la sua (del tessuto del polmone) seconda parte. La sua terza parte è la sua membrana sottile, contro la quale terminano gli orifizi di questi vasi. Veramente gli orifizi dei rami della trachea sono piu grandi e più aperti degli orifizi di quegli (altri) vasi; innanzitutto perché si sono formati da un tronco più grande e (di diametro) più largo; in secondo luogo perché sono cartilaginosi e non pellicolari, perciò essendo più consistenti possono stare più aperti. Da ciò nota ulteriormente il passaggio attraverso il quale si espelle il catarro o il liquido infetto o il sangue espulso dal petto, come nella pleurite, o dalla sua cavità, come nel dolore emottisico e nell'empiema. Quando il materiale si raccoglie in questi luoghi, si divide in parti molto piccole e per la forza del petto è spinto al polmone; quando (il polmone) si dilata più (del solito), il calibro (dei rami) della trachea aumenta ed attraverso di essi il predetto materiale viene essudato, non attraverso altre aperture di altri vasi, perché non sono abbastanza larghi. (Questi altri vasi) non si dilatano neppure nel momento dell'inspirazione, e allora quell'umore o liquido viene espulso da quei (rami della trachea) verso tratti più larghi, e da quelli a (tratti anche) maggiori, finché arriva alla trachea, allora viene espulso fuori con la tosse; la tosse aiuta anche a far penetrare questo catarro nei tratti suddetti. Da ciò è chiaro che questo materiale viene eliminato affinché non pervenga al cuore. Ma se (questo materiale) fosse eliminato attraverso gli altri due vasi, arriverebbe ovviamente tutto nel cuore. Tutto questo è esposto da Galeno nel quinto libro del De Interioribus, terzo capitolo. Così dunque è evidente il numero delle parti proprie del polmone. Quantitativamente le sue parti sono cinque, cioè due nella parte sinistra (e) tre nella parte destra, di cui la terza (parte) si chiama pomum granatum oppure cuscinetto, perché su di esso si appoggiano la vena cava e l'arteria inserita direttamente al cuore, nel luogo dove la vena (cava) sale al cuore. Con questo puoi osservare le dimensioni del polmone, poiché sarebbe piccolo se non (fosse) espanso; però se lo gonfi soffiando(vi dentro) lo vedrai diventare grande. Le sue dimensioni sono tuttavia più grandi a destra che a sinistra, perché a sinistra è collocato il cuore che ne occupa il posto. La sua forma è evidente perché è fatto a forma di un clibano, che ha dimensioni maggiori nella parte posteriore che in quella anteriore. I suoi rapporti sono evidenti da ciò che si è detto e la funzione e le sue malattie sono abbastanza note. Qui devi ripulire i bronchi ed osservare gli anelli che sputa il paziente affetto da pleurite o il tisico, i quali sono rotondi. Ma (se una persona) ha un'ulcera nella trachea, della cui anatomia si deve trattare ben presto, non sputa degli anelli, ma delle placchette; se sputasse degli anelli non sarebbero però rotondi, la ragione per cui diciamo (più sotto). [COLLO] (Una volta) terminata l'anatomia del polmone, bisogna osservare l'anatomia della trachea, che è la via (d'accesso) al polmone. Ma per osservare bene la sua anatomia, bisogna premettere l'anatomia di alcuni organi che sono in rapporto con essa. Bisogna dunque che tu ripulisca il collo ovvero la gola e vedrai i muscoli longitudinali sopra ai quali noterai le vene guidez, una da ogni lato; nell'anatomia del petto ho già detto quale sia la loro funzione. (Una volta) eliminate quelle (strutture), troverai le due ghiandole tiroidee, una da ogni lato, che sono masse ghiandolari fatte nella forma e sagoma di due mandorle, la cui funzione è di umidificare la trachea con l'umidità che generano e raccolgono, affinché (essa) non si secchi in seguito al (proprio) movimento. La seconda funzione (delle ghiandole tiroidee) è di riempire ed uniformare gli spazi della gola, perché la gola è molto grossa nella parte superiore a causa della cartilagine tiroidea ed è molto sottile nella parte inferiore a causa della strettezza della trachea. Queste ghiandole tiroidee, poste sotto la cartilagine tiroidea, la compensano. La terza funzione è di essere lo schermo delle vene ed arterie apoplettiche, le quali (vene giugulari) portano il sangue alla testa; le arterie carotidi interne portano lo spirito (vitale), che in seguito diventa (spirito) animale nella rete mirabile, in cui esse s'intrecciano tumide sotto il cervello. Queste vene si chiamano apoplettiche perché in seguito alla loro congestione spesso

9 avviene l'apoplessia. Si chiamano anche vene del sonno perché il sonno è indotto dall'ostruzione naturale effettuata nella rete (mirabile) suddetta. Esse sono anche chiamate (vene) profonde, perché sono collocate in profondità, vicino ovvero sopra i muscoli delle vertebre del collo; osserva (ora) la loro origine. Spacca lo sterno e segui il tronco ascendente dell'aorta e della vena cava superiore; vedrai che, prima di sorpassare (l'estremità superiore) dello sterno, (questa vena) si ramifica prima in due rami, dei quali uno va alla parte destra (e) l'altro alla sinistra; prima di arrivare sotto le ascelle, una vena discende da uno o dall'altro di questi (rami) lungo le vertebre toraciche per nutrire otto costole e le parti superiori del torace; in seguito, ognuno dei (rami) suddetti penetra lungo l'ascella e segue la parte interna del braccio ed appare (a livello) del gomito, o meglio nella fossa cubitale; essa è detta (vena) basilica ed è inferiore. Da ciò puoi renderti conto di come la (vena) basilica sia in rapporto di continuità con la vena che nutre le parti superiori del petto. Così è chiaro quale sia la ragione perché nei (casi di) pleurite in cui il dolore sale su fino all'(altezza dello) sterno, la flebotomia della (vena) basilica è appropriato, come asserisce Ippocrate nel secondo libro del Regimen acutorum ed (anche) Galeno sullo stesso (argomento). Dopo (la vena cava superiore) sorpassa poi lo sterno e si divide in rami, due dei quali si dirigono obliquamente; uno di essi va al braccio destro, e l'altro al sinistro; seguendo la parte esterna del braccio, (ogni ramo) appare nella fossa cubitale e si chiama (vena) cefalica; essa deve (necessariamente) ricevere (sangue) dalla testa, poiché è in continuazione con le due vene che procedono direttamente dalla testa in alto; queste (vene), di cui si è già parlato, si chiamano apoplettiche. Le arterie procedono nello stesso modo in cui ho descritto le vene. Vicino a queste arterie e vene apoplettiche troverai poi due grossi nervi che discendono dal cervello dal sesto paio di nervi, uno dal lato sinistro e l'altro dal destro. Da entrambi (questi nervi) si formano e si ramificano i nervi ricorrenti, i quali sono i nervi della voce che vedrai a suo tempo. La maggior parte di quel che resta del (nervo) destro entra in contatto con l'esofago e si ramifica nella bocca dello stomaco e si prolunga fino al fondo, sebbene sotto allo sterno una parte di esso si metta in contatto con le vene e le arterie (del cuore) e con il pericardio. Ma la maggior parte del (nervo) sinistro s'avvolge attorno agli organi della respirazione e, (solo) in parte, si mette in contatto con gli organi della digestione. Una volta ripuliti questi organi, rimuovi(li) assieme alla trachea e all'esofago; ma non potrai farlo senza rimuovere (anche) degli altri organi, cioè quelli della bocca. Dunque taglia e rimuovi la mandibola inferiore da quella superiore. [BOCCA] Mentre fai questa (operazione) osserva l'anatomia della bocca. Infatti, della bocca stessa per prima cosa ti si presentano le labbra, (quella) superiore e (quella) inferiore; queste labbra sono composte di nervi, carne e pelle in una combinazione (cosi') mirabile che non si può separare la pelle dalla carne, ne' la carne dai nervi, ne' la mucosa da loro. Ciò fu (fatto) perché quelle labbra dovevano muoversi in ogni posizione diversa, sia in su che in giù, in avanti e indietro, a destra e a sinistra; era dunque necessario che avessero numerosi muscoli diversi, che è impossibile a causa del peso; o (alternativamente) fu necessario che avessero la carne ed i nervi intercalati in ogni direzione. Le labbra sono poi tappezzate (all'interno) da una mucosa che si origina dalla mucosa dell'esofago, che si continua con la mucosa dello stomaco; cosi' come (l'hanno) anche tutti gli organi della bocca, affinché abbiano la sua (stessa) sensitività, e fra questi (organi) c'è (da considerare anche) lo stomaco; per questa ragione capita che in premonizione del vomito il labbro inferiore tremi. Dopo le labbra ci sono (da osservare) i denti, in numero di XXXII; cioè (gli inferiori sono) due duales inferiori, due incisivi, due canini, quattro premolari e sei molari; altrettanti (sono i denti) superiori. I denti sono fatti principalmente per la triturazione e la suddivisione del cibo e secondariamente per (coadiuvare) la voce e l'articolazione delle parole, come (fanno) anche le labbra; per questo quelli che sono privi dei denti o delle labbra non parlano bene. Dopo i denti c'è (da osservare) la lingua, l'anatomia della quale rimandi (a più tardi). Poi osserva il palato, che ha una concavità nell'estremità dorsale per effettuare l'intonazione della voce e per rigirare agilmente il cibo mentre è triturato dai denti. Sul fondo del palato osserverai l'ugola che pende alla maniera di un grano d'uva e per questo è chiamata uvea ; (essa) consiste di una sostanza rada (e) spugnosa, dato che è fatta soprattutto per ricevere l'eccesso di liquido che scende dalla testa quando si è afflitti dal catarro, affinché non

10 discenda negli organi inferiori; per questo (l'ugola) s'infetta spesso. E' anche sagomata per modulare la voce, interrompendo l'aria che è la sostanza della voce; ma (sotto questo aspetto) la sua funzione (principale) è di trattenere per un po' nella bocca l'aria introdotta attraverso il naso e la bocca e diretta al polmone, rigirando(ve)la, affinché non arrivi al polmone fredda, bensì modificata; per questo capita che coloro che hanno (avuto) l'ugola asportata diventano molto catarrosi e perciò gli autori proibiscono di tagliar(la); ma se (l'ugola) è putrida o infettata deve essere cauterizzata. C'è anche un'altra ragione (per la cauterizzazione), poiché a causa della sua posizione e della sua struttura di rado si cicatrizza quando (la) si taglia, ma vi si accumula sostanza putrida e si sente sempre alito cattivo; perciò è meglio che sia cauterizzata con il ferro rovente. La procedura è che ci si procuri una cannula di ferro o di legno spalmata di lutum sapientiae o d'argilla, come dice Avicenna nella quarta fen del primo (libro del) Canon, nel capitolo sul trattamento per cauterizzazione; (dopo aver) aperta la bocca ed aver frapposto fra le mascelle un legno rotondo, si applichi l'ugola ad un'estremità della cannula. Si introduca poi un ferro rovente attraverso la cavità della cannula, si raggiunga l'ugola e (la) si cauterizzi. Dopo l'ugola c'è la faringe che è una regione ampia, ghiandolare ed adatta ad accogliere l'eccesso di fluidi; per questo forma di frequente degli ascessi ed il suo ascesso, benché non sporga al di fuori, sporge poi all'interno; perciò qui si forma una squinantia del secondo tipo che in volgare è chiamata gotum; alla fine di questa (faringe) c'è l'inizio della trachea e dell'esofago; qui vedrai un organo cartilagineo concepito dalla natura con grande saggezza; si chiama coopertorium perché al momento di inghiottire il cibo chiude il foro della laringe, affinché parte del cibo o di una bevanda non discenda nel polmone, il che potrebbe causare il soffocamento; perciò succede che se uno inghiottisce ridendo allora qualcosa va nel polmone, perché al momento del riso la laringe sta aperta, e allora si ha l'impressione di soffocare. [ESOFAGO E TRACHEA] Una volta compiute queste cose, rimuovi l'esofago assieme alla trachea per vedere più comodamente e meglio l'anatomia di quel che rimane (da vedere in questa regione); una volta rimosse osserva per prima cosa la loro struttura. Infatti la struttura dell'esofago è epiteliale e molle; la struttura della trachea è epiteliale e cartilaginosa; la ragione (per farli così) fu che l'esofago è la via del cibo che talvolta viene inghiottito in grande quantità, per cui a volte bisogna che la sua via si dilati. La trachea è invece la via dell'aria che penetra nel polmone, la quale (aria) essendo leggera e non solida penetra per la via che sta aperta. Invece la via epiteliale (dell'esofago) non sta aperta a causa della sua mollezza, ma una parete ricade sull'altra. Questo tubo [la trachea] non è osseo perché deve essere flessibile per la formazione della voce e allo stesso tempo (se fosse osseo) impedirebbe il passaggio di molto cibo solido lungo l'esofago; per questa ragione (la trachea) non è (formata) tutta da un'unica cartilagine, ma si tratta di parecchie (cartilagini) tenute assieme da delle membrane; queste (cartilagini) sono però come cerchi non completi, ma a forma di C. Le estremità della cartilagine continuano con una struttura epiteliale (che è) a contatto con l'esofago; è stato fatto così affinché la sostanza dura cartilaginosa [30 verso]

Le ossa e i muscoli. Per saperne di più. Nella terra e nello spazio. Immagini del corpo umano

Le ossa e i muscoli. Per saperne di più. Nella terra e nello spazio. Immagini del corpo umano Le ossa e i muscoli Le ossa Le ossa sono formate da tessuto osseo compatto e spugnoso. All interno delle ossa c è il midollo irrorato dai vasi sanguigni. I muscoli I muscoli dello scheletro sono collegati

Dettagli

MagnaGræcia di Catanzaro. Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio

MagnaGræcia di Catanzaro. Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio Università degli Studi MagnaGr MagnaGræcia di Catanzaro Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio Organizzazione e struttura generale del corpo Livelli di organizzazione, terminologia e

Dettagli

L APPARATO RESPIRATORIO

L APPARATO RESPIRATORIO L APPARATO RESPIRATORIO Per comprendere la funzione dell'apparato respiratorio dobbiamo sapere che gli alimenti introdotti nell'organismo, una volta digeriti e assorbiti dal sangue, raggiungono tutte le

Dettagli

Progetto da realizzare in classe

Progetto da realizzare in classe Progetto da realizzare in classe Gruppo classi QUARTE 1.Argomento: Nutrizione, apparato digerente e le sue funzioni 2.Percorso: Osservazioni dal vero (dissezione) dell apparato digerente del pollo, discussioni,

Dettagli

I.1 L apparato digerente

I.1 L apparato digerente Capitolo I Introduzione 8 I.1 L apparato digerente L apparato digerente è costituito da un gruppo di organi addetti alla scissione degli alimenti in componenti chimici che l organismo può assorbire ed

Dettagli

L APPARATO RESPIRATORIO

L APPARATO RESPIRATORIO L APPARATO RESPIRATORIO Indice - Mappa concettuale - Funzioni - Struttura - Collocazione organi e parti dell'apparato - Organi e apparati connessi - Malattie Funzioni L apparato respiratorio permette al

Dettagli

composizione) fibrosa (e) quella esterna muscolare. Infatti il processo digerente può, per (le sue proprie) qualità, raggiungere ciò che viene

composizione) fibrosa (e) quella esterna muscolare. Infatti il processo digerente può, per (le sue proprie) qualità, raggiungere ciò che viene [11 recto] Un'altra ragione è che, se lo stomaco fosse collocato diritto lungo il dorso, allora i due orifici, cioè quello superiore e quello inferiore, sarebbero diretti e perciò nell'uomo che ha statura

Dettagli

Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare?

Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare? Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare? Per le persone, sappiamo che solo 1 incidente con colpo di frusta può provocare sofferenza e dolore a lungo termine. L anatomia del cane

Dettagli

IL CUORE NORMALE. La sua circolazione e il suo sviluppo

IL CUORE NORMALE. La sua circolazione e il suo sviluppo CAPITOLO THE NORMAL HEART: Its circulation and development 1 IL CUORE NORMALE La sua circolazione e il suo sviluppo Il cuore e i polmoni sono situati nel torace, protetti dallo sterno, dalla gabbia toracica

Dettagli

Il corpo umano. Istituto Comprensivo n 1 Classe Quinta B Anno Scolastico 2015-2016

Il corpo umano. Istituto Comprensivo n 1 Classe Quinta B Anno Scolastico 2015-2016 Il corpo umano Istituto Comprensivo n 1 Classe Quinta B Anno Scolastico 2015-2016 MAPPE Il sistema nervoso svolge diverse funzioni: percepisce gli stimoli, li memorizza e formula risposte adeguate. Il

Dettagli

Lo stomaco è suddiviso in quattro regioni:

Lo stomaco è suddiviso in quattro regioni: Lo stomaco comunica con l'esofago attraverso il cardias, e con l'intestino tenue attraverso il pil oro. Situato nella parte superiore sinistra della cavità addominale, lo stomaco è una dilatazione del

Dettagli

!"#$%&''%(#)*"#+%,(# PRIMA PARTE

!#$%&''%(#)*#+%,(# PRIMA PARTE !"#$%&''%(#)*"#+%,(# PRIMA PARTE -&#.&/0%+&1%(2*# o Il cibo entra nella bocca dove viene sminuzzato dai denti, impastato dalla lingua e rimescolato dalla saliva. L uomo è onnivoro; i suoi denti quindi

Dettagli

L'apparato digerente è costituito da un insieme di organi che servono per assorbire gli alimenti che introduciamo. Gli alimenti che ingeriamo sono

L'apparato digerente è costituito da un insieme di organi che servono per assorbire gli alimenti che introduciamo. Gli alimenti che ingeriamo sono L'apparato digerente è costituito da un insieme di organi che servono per assorbire gli alimenti che introduciamo. Gli alimenti che ingeriamo sono troppo complessi per essere direttamente assorbiti senza

Dettagli

L'APPARATO DIGERENTE - Generalità

L'APPARATO DIGERENTE - Generalità L'apparato digerente è anche detto tubo digerente, perché si tratta di un vero e proprio "tubo". Un tubo molto lungo, 10 o addirittura 12 metri! Lungo il suo percorso presenta delle dilatazioni e, come

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CROCE ROSSA ITALIANA GRUPPO DI TRENTO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO V.d.S. I.P. Franco Onere CORSO PER ASPIRANTI VOLONTARI DEL SOCCORSO Il sistema circolatorio è preposto alla circolazione del sangue ed

Dettagli

IL SISTEMA SCHELETRICO

IL SISTEMA SCHELETRICO IL SISTEMA SCHELETRICO Il sistema scheletrico è una complicata impalcatura interna che svolge tre importantissime funzioni: sostiene il corpo e consente di mantenersi in posizione eretta; protegge gli

Dettagli

CROCE D ORO Sannazzaro. Via Mazzini, 82 Sannazzaro de Burgondi PV Tel: 0382 997 244 Fax: 0382 901 14

CROCE D ORO Sannazzaro. Via Mazzini, 82 Sannazzaro de Burgondi PV Tel: 0382 997 244 Fax: 0382 901 14 Apparato respiratorio 1. Concetti generali Per vivere tutte le cellule del nostro corpo hanno bisogno di assumere ossigeno (O 2 ) ed eliminare anidride carbonica (CO 2 ). Senza ossigeno la cellula soffre

Dettagli

Anatomo fisiologia della voce

Anatomo fisiologia della voce Anatomo fisiologia della voce Durante la fonazione l e nergia aerodinamica generata dall apparato respiratorio (mantice polmonare) viene trasformata a livello laringeo in energia acustica e successivamente

Dettagli

CENNI DI ANATOMIA E FISIOLOGIA DEI PRINCIPALI ORGANI E APPARATI DEL CORPO UMANO

CENNI DI ANATOMIA E FISIOLOGIA DEI PRINCIPALI ORGANI E APPARATI DEL CORPO UMANO CENNI DI ANATOMIA E FISIOLOGIA DEI PRINCIPALI ORGANI E APPARATI DEL CORPO UMANO 7.1. Cenni di Anatomia e Fisiologia L anatomia umana studia e definisce la morfologia del corpo umano nei suoi aspetti macroscopici

Dettagli

tessuto muscolare 600 l apparato locomotore

tessuto muscolare 600 l apparato locomotore SISTEMA MUSCOLARE INDICE Muscolo striato Muscolo liscio Muscolo cardiaco Come si contrae un muscolo I muscoli scheletrici lavorano in coppia I muscoli del capo e del collo I muscoli del tronco I muscoli

Dettagli

Parete Addominale Muscoli Fasce - Vascolarizzazione

Parete Addominale Muscoli Fasce - Vascolarizzazione Muscoli Fasce - Vascolarizzazione Cute Fascia superficiale (di Camper) Tessuto sottocutaneo Aponeurosi o fascia dei m. retti Fascia trasversale dell addome Tessuto adiposo preperitoneale Foglietto parietale

Dettagli

Scoprire il corpo umano tra esperimenti e giochi

Scoprire il corpo umano tra esperimenti e giochi Scoprire il corpo umano tra esperimenti e giochi Istituto Comprensivo di Majano e Forgaria (UD) Katia Iacuzzo STRUMENTO DIDATTICO Verifica degli apprendimenti La verifica scritta è stata assegnata alla

Dettagli

Funzioni della colonna vertebrale

Funzioni della colonna vertebrale La colonna vertebrale, chiamata anche spina dorsale, si estende dal cranio al bacino. I segmenti ossei che compongono la colonna vertebrale sono le vertebre, ossa dalla forma molto particolare, dotate

Dettagli

APPARATO RESPIRATORIO

APPARATO RESPIRATORIO APPARATO RESPIRATORIO FUNZIONI - fornisce una superficie deputata a scambi gassosi tra apparato e ambiente esterno, - condurre l'aria da e verso le superfici di scambio (umidificandola e riscaldandola),

Dettagli

1.1 Apparato circolatorio 1.1.1 CUORE

1.1 Apparato circolatorio 1.1.1 CUORE 1.1 Apparato circolatorio L apparato cardiocircolatorio è assimilabile ad un circuito idraulico, in cui la pompa è il cuore, arterie e vene sono le condutture ed il liquido circolante è il sangue. La circolazione

Dettagli

IL CORPO UMANO : L APPARATO RESPIRATORIO

IL CORPO UMANO : L APPARATO RESPIRATORIO IL CORPO UMANO : L APPARATO RESPIRATORIO L APPARATO RESPIRATORIO L organismo umano necessita di una grande quantità di energia per ogni tipo di attività e per la sopravvivenza stessa. Gli elementi che

Dettagli

Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO

Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO Il mal di schiena non è una malattia ma un sintomo, il segnale che qualcosa non va, anche se non è sempre facile capire con esattezza cosa. Quasi a tutti capita

Dettagli

conseguenza essi sono tanto più secchi quanto più sono lontani dal cervello, perché vicino al cervello e alla loro origine i nervi sono molto molli;

conseguenza essi sono tanto più secchi quanto più sono lontani dal cervello, perché vicino al cervello e alla loro origine i nervi sono molto molli; [31 recto] non comprima l'esofago e non impedisca il passaggio del cibo. Perciò devi sapere che nella parte anteriore la trachea è cartilaginosa, perché da quella parte non tocca l'esofago. Allo stesso

Dettagli

L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO

L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO L' APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO è un sistema complesso costituito dal cuore e da una serie di condotti, i vasi sanguigni dentro i quali scorre il sangue. Il modo più semplice

Dettagli

Apparato Riproduttore

Apparato Riproduttore Apparato Riproduttore LA RIPRODUZIONE. Ogni essere vivente può creare un altro essere vivente, ed è possibile grazie alla RIPRODUZIONE. La riproduzione è possibile grazie all APPARATO RIPRODUTTORE. A differenza

Dettagli

Questi atleti possono scattare e correre grazie allo scheletro e ai muscoli.

Questi atleti possono scattare e correre grazie allo scheletro e ai muscoli. Questi atleti possono scattare e correre grazie allo scheletro e ai muscoli. LE FUNZIONI DEL CORPO UMANO Questo nuotatore ha la bocca aperta. Perché? Perché deve coordinare i movimenti del corpo con una

Dettagli

Indice generale. Introduzione 2. Apparato cardio-circolatorio (H. Fritsch) 5. Organi interni: visione d'insieme 2 Organizzazione funzionale 2

Indice generale. Introduzione 2. Apparato cardio-circolatorio (H. Fritsch) 5. Organi interni: visione d'insieme 2 Organizzazione funzionale 2 Introduzione 2 Organi interni: visione d'insieme 2 Organizzazione funzionale 2 Organizzazione regionale 2 Apparato cardio-circolatorio (H. Fritsch) 5 Visione d'insieme 6 Circolazione sanguigna e vasi linfatici

Dettagli

L apparato cardio-vascolare. Dr.ssa Federica Sozio U.O. Malattie Infettive

L apparato cardio-vascolare. Dr.ssa Federica Sozio U.O. Malattie Infettive L apparato cardio-vascolare Dr.ssa Federica Sozio U.O. Malattie Infettive L apparato cardiovascolare è costituito dal cuore e dai vasi sanguigni, nelle cui cavità il sangue circola in continuazione. Il

Dettagli

NEUROANATOMIA DEL RENE E DELLE VIE URINARIE. Massimo Tonietto D.O.

NEUROANATOMIA DEL RENE E DELLE VIE URINARIE. Massimo Tonietto D.O. NEUROANATOMIA DEL RENE E DELLE VIE URINARIE Massimo Tonietto D.O. L'INNERVAZIONE DEL RENE I NERVI DEL RENE Le fibre nervose dirette al rene provengono dai nervi splancnici piccolo e inferiore, derivanti

Dettagli

Indice. 5 Introduzione. Anatomia 6 Il sistema respiratorio 6 Faringe 6 Laringe 7 Trachea 7 Respirazione 8 Differenze tra adulti e bambini

Indice. 5 Introduzione. Anatomia 6 Il sistema respiratorio 6 Faringe 6 Laringe 7 Trachea 7 Respirazione 8 Differenze tra adulti e bambini IN QUESTA GUIDA Indice GUIDA PER I GENITORI 5 Introduzione Anatomia 6 Il sistema respiratorio 6 Faringe 6 Laringe 7 Trachea 7 Respirazione 8 Differenze tra adulti e bambini Fisiopatologia 8 Cos è l occlusione

Dettagli

Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare.

Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare. L APPARATO SCHELETRICO MUSCOLARE Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare. Le ossa Le funzioni principali

Dettagli

Struttura e funzionamento dell apparato digerente

Struttura e funzionamento dell apparato digerente Struttura e funzionamento dell apparato digerente la dentizione inizia (cioè i denti iniziano a spuntare) attorno al 6-8 mese di vita e porta alla comparsa dei 20 denti decidui (denti da latte). Questi

Dettagli

FUNZIONAMENTO DI CUORE E CORONARIE

FUNZIONAMENTO DI CUORE E CORONARIE Lega Friulana per il Cuore FUNZIONAMENTO DI CUORE E CORONARIE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della Lega

Dettagli

Sistema scheletrico. Due sono i tessuti: tessuto osseo tessuto cartilagineo.

Sistema scheletrico. Due sono i tessuti: tessuto osseo tessuto cartilagineo. SISTEMA SCHELETRICO Sistema scheletrico Sistema scheletrico è formato da 205 ossa e ha delle funzioni importanti: sostiene il corpo e permette il movimento protegge gli organi delicati (cervello, cuore,

Dettagli

IL CORPO UMANO. è formato da

IL CORPO UMANO. è formato da IL CORPO UMANO è formato da CAPO TRONCO ARTI COM È FATTO IL CORPO UMANO? Tante CELLULE che sono piccolissime e ce ne sono tantissime formano TESSUTI: sono formati da cellule con la stessa FUNZIONE formano

Dettagli

L apparato circolatorio. Prof.ssa Paola Sirigu

L apparato circolatorio. Prof.ssa Paola Sirigu L apparato circolatorio COME SIAMO FATTI? Il nostro corpo è composto da milioni e milioni di cellule. Le cellule che svolgono funzioni simili sono organizzate in tessuti. Un insieme di diversi tessuti

Dettagli

CORPO UMANO. CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO ADDOME ARTI SUPERIORI AVAMBRACCIO BRACCIO ARTI INFERIORI MANO

CORPO UMANO. CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO ADDOME ARTI SUPERIORI AVAMBRACCIO BRACCIO ARTI INFERIORI MANO CORPO UMANO CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO FACCIA ARTI SUPERIORI ARTI INFERIORI TORACE ADDOME AVAMBRACCIO BRACCIO MANO COSCIA GAMBA PIEDE EPIDERMIDE Strato corneo Strato germinativo Ghiandole sebacee

Dettagli

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di materiali per fare funzionare il nostro corpo È il carboidrato

Dettagli

Il cuore è l'organo centrale dell'apparato circolatorio, funge da pompa capace di produrre una pressione sufficiente a permettere la circolazione del

Il cuore è l'organo centrale dell'apparato circolatorio, funge da pompa capace di produrre una pressione sufficiente a permettere la circolazione del Il cuore è l'organo centrale dell'apparato circolatorio, funge da pompa capace di produrre una pressione sufficiente a permettere la circolazione del sangue Ciascuna di queste due parti è divisa in senso

Dettagli

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - IL CORPO UMANO : L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - IL CORPO UMANO : L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI - sessione teorica - IL CORPO UMANO : L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO IL SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO L'apparato cardiocircolatorio è costituito

Dettagli

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori Prevenzione delle malattie cardiovascolari Percorso per le classi quinte superiori Per cominciare qualche cenno di anatomia Il cuore Il cuore è un organo di tessuto muscolare striato, detto miocardio,

Dettagli

Apparato digerente dei mammiferi domestici

Apparato digerente dei mammiferi domestici Apparato digerente dei mammiferi domestici Prof. Daniele Galli L apparato digerente è formato da diversi organi che concorrono all espletamento della funzione digestiva che assicura all organismo le sostanze

Dettagli

APPARATO RESPIRATORIO RESPIRATORIO

APPARATO RESPIRATORIO RESPIRATORIO APPARATO RESPIRATORIO TURBE del RESPIRO SINDROME da ANNEGAMENTO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APPARATO RESPIRATORIO Le TURBE DEL RESPIRO: INSUFFICIENZA

Dettagli

OBBIETTIVI. 1.Conoscere la normale funzionalità. patologie Angina pectoris ed infarto miocardico Scompenso cardiaco Arresto cardiaco

OBBIETTIVI. 1.Conoscere la normale funzionalità. patologie Angina pectoris ed infarto miocardico Scompenso cardiaco Arresto cardiaco IL CUORE QUESTO SCONOSCIUTO OBBIETTIVI 1.Conoscere la normale funzionalità cardiaca 2.Conoscere e riconoscere le principali patologie Angina pectoris ed infarto miocardico Scompenso cardiaco Arresto cardiaco

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Il sistema cardiovascolare: il cuore

Il sistema cardiovascolare: il cuore Il sistema cardiovascolare: il cuore SEDE: Occupa +/- centro cavità Toracica Base: in alto, a destra, indietro Forma di Cono Apice: in basso, a sinistra, in avanti (5 spazio intercostale ) Peso: circa

Dettagli

Epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo)

Epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo) L APPARATO DIGERENTE Tubo digerente (dalla bocca all ano) e ghiandole annesse; epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo) Epitelio

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO E QUELLO ENDOCRINO SVOLGONO QUESTE FUNZIONI.

IL SISTEMA NERVOSO E QUELLO ENDOCRINO SVOLGONO QUESTE FUNZIONI. IL CORPO UMANO FUNZIONA CORRETTAMENTE SOLO SE TIENE CONTO DELLE CARATTERISTICHE DELL AMBIENTE SIA INTERNO CHE ESTERNO E SE GLI ORGANI DEI SUOI DIVERSI APPARATI SONO COORDINATI TRA LORO. IL SISTEMA NERVOSO

Dettagli

Sostegno e locomozione

Sostegno e locomozione Sostegno e locomozione Uno scheletro è un apparato che deve svolgere almeno le seguenti funzioni: sostenere il corpo permettere il movimento proteggere organi interni Uno scheletro può essere: Idroscheletro

Dettagli

Il corpo in movimento

Il corpo in movimento Istituto Comprensivo Rignano Incisa Laboratorio del Sapere Scientifico Il corpo in movimento Lo scheletro Scuola primaria classi quinte Plessi di Rignano e Massa Anno scolastico 2013-2014 Collocazione

Dettagli

L apparato circolatorio. Classe 5 A - Arezio Federico 1

L apparato circolatorio. Classe 5 A - Arezio Federico 1 L apparato circolatorio Classe 5 A - Arezio Federico 1 Introduzione Per vivere ed esercitare le loro funzioni, i tessuti e gli organi del corpo abbisognano di un apporto costante di materiale nutritivo

Dettagli

LA FUNZIONE DELLA NUTRIZIONE

LA FUNZIONE DELLA NUTRIZIONE LA FUNZIONE DELLA NUTRIZIONE Puoi immaginare il corpo umano come una macchina che ha bisogno di energia per muoversi, giocare, studiare, ma anche respirare, mangiare, difendersi dalle malattie, proteggersi

Dettagli

Angelo Morandi Già insegnante di Educazione fisica al Conservatorio di Parma 50 ESERCIZI DI GINNASTICA FONATORIA

Angelo Morandi Già insegnante di Educazione fisica al Conservatorio di Parma 50 ESERCIZI DI GINNASTICA FONATORIA Angelo Morandi Già insegnante di Educazione fisica al Conservatorio di Parma 50 ESERCIZI DI GINNASTICA FONATORIA 1 Angelo Morandi 50 ESERCIZI di GINNASTICA FONATORIA MOBILITAZIONE DIAFRAMMATICA 1 POSIZIONE:

Dettagli

SCIENZE. Il Sistema Nervoso. Il sistema nervoso. il testo:

SCIENZE. Il Sistema Nervoso. Il sistema nervoso. il testo: 01 Il sistema nervoso Il sistema nervoso è formato da tante parti (organi) che lavorano per far funzionare perfettamente il nostro corpo (organismo). Il sistema nervoso controlla ogni nostro movimento,

Dettagli

Mammiferi Anatomia dell'apparato respiratorio. cornetti conche turbinate ossa turbinate turbinati) L'epiglottide, laringe, bronchioli,

Mammiferi Anatomia dell'apparato respiratorio. cornetti conche turbinate ossa turbinate turbinati) L'epiglottide, laringe, bronchioli, Mammiferi Come endotermi, i mammiferi, rispetto agli anfibi, hanno una più alta velocità metabolica e richiedono una maggiore quantità di ossigeno, riferita all'unità di massa corporea, per mantenere l'omeostasi

Dettagli

Corso di Vocalità Prof Sac. Marco Colonna profcolonna@musicasacratl.it

Corso di Vocalità Prof Sac. Marco Colonna profcolonna@musicasacratl.it Corso di Vocalità Prof Sac. Marco Colonna profcolonna@musicasacratl.it La respirazione La respirazione permette di soddisfare il bisogno primario di ossigeno. Essa è permessa grazie alla interazione dei

Dettagli

L apparato cardiocircolatorio

L apparato cardiocircolatorio L apparato cardiocircolatorio L apparato cardio-circolatorio E costituito da tre strutture diverse: Il cuore I vasi sanguigni Il sangue Il cuore Funziona come una pompa premente (ventricoli) e aspirante

Dettagli

Sistema scheletrico. - ossa. - cartilagini. Il sistema scheletrico è fatto da: - articolazioni. Nel tessuto osseo

Sistema scheletrico. - ossa. - cartilagini. Il sistema scheletrico è fatto da: - articolazioni. Nel tessuto osseo Sistema scheletrico - ossa Il sistema scheletrico è fatto da: - cartilagini - articolazioni Nel tessuto osseo ci sono tante lamelle e in mezzo ci sono le cellule chiamate osteociti. I vasi sanguigni passano

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale.

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015 L AUTOMASSAGGIO PER LA GESTIONE DELLO STRESS Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. L'automassaggio potrebbe

Dettagli

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...):

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): COS'E' IL TRAUMA: Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): l'apparato scheletrico (fratture) le articolazioni (distorsioni,

Dettagli

// Cenni sulla struttura del cuore

// Cenni sulla struttura del cuore // Cenni sulla struttura del cuore Il cuore è un organo cavo. Il suo componente principale è il muscolo cardiaco (o miocardio). Il suo funzionamento è simile a quello di una pompa che aspira e preme. riceve

Dettagli

LA SALUTE COMINCIA DAI PIEDI

LA SALUTE COMINCIA DAI PIEDI MASSAGGIAPIEDI LA SALUTE COMINCIA DAI PIEDI Fin dai tempi più antichi, l uomo ha imparato ad adoperare i suoi piedi per reggersi col corpo, ma poche persone hanno cercato di capire la struttura e l importanza

Dettagli

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE ANATOMIA 2 Il corpo umano è costituito da organi ed apparati uguali tra maschi e femmine ad esclusione dell apparato riproduttivo. L apparato riproduttivo è composto

Dettagli

L APPARATO DIGERENTE. un laboratorio chimico naturale

L APPARATO DIGERENTE. un laboratorio chimico naturale L APPARATO DIGERENTE un laboratorio chimico naturale Come fa il nostro organismo a sfruttare i principi nutritivi nascosti nel cibo? Il nostro apparato digerente, attraverso la digestione, demolisce le

Dettagli

RX TORACE: CUORE E CIRCOLO POLMONARE. Istituto di Radiologia, Fondazione Policlinico San Matteo, Pavia dr.ssa Adele Valentini

RX TORACE: CUORE E CIRCOLO POLMONARE. Istituto di Radiologia, Fondazione Policlinico San Matteo, Pavia dr.ssa Adele Valentini RX TORACE: CUORE E CIRCOLO POLMONARE Istituto di Radiologia, Fondazione Policlinico San Matteo, Pavia dr.ssa Adele Valentini ESAME RADIOGRAFICO TRADIZIONALE DEL TORACE Posizione eretta Apnea inspiratoria

Dettagli

Comitato Locale Catania Hinterland

Comitato Locale Catania Hinterland Comitato Locale Catania Hinterland LEZIONE N 6 Apparato respiratorio Turbe del respiro Apparato cardiocircolatorio Turbe del sistema cardiocircolatorio LA CELLULA nucleo ribosomi citoplasma mitocondrio

Dettagli

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1 L apparato circolatorio e l attività sportiva a.s. 2004/2005 1 L apparato cardiocircolatorio Se riempiamo una vetta contenente del sangue e la mettiamo in una centrifuga, possiamo osservare che si separano

Dettagli

L apparato respiratorio e la respirazione. La respirazione

L apparato respiratorio e la respirazione. La respirazione il testo: 01 La respirazione Tutti gli esseri viventi hanno bisogno di energia per vivere. L uomo e gli altri animali ricavano (prendono) l energia dal cibo che mangiano. Per trasformare il cibo in energia

Dettagli

In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione.

In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione. In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione. L ALIMENTAZIONE E L APPARATO DIGERENTE Una dieta equilibrata è fatta di tutti gli alimenti

Dettagli

1 gli organi che distruggono le cellule del sangue, quando sono invecchiate sono detti..

1 gli organi che distruggono le cellule del sangue, quando sono invecchiate sono detti.. Questionario: Apparato Circolatorio Candidato: Materia: Anatomia mercoledì 2 gennaio 2013 Punteggio: Quiz n Domanda 1 gli organi che distruggono le cellule del sangue, quando sono invecchiate sono detti..

Dettagli

Gli Zang Fu. Dott. ssa Alessandra Bozzelli, Dott. Paolo Evangelista Scuola di MTC So-Wen L Aquila

Gli Zang Fu. Dott. ssa Alessandra Bozzelli, Dott. Paolo Evangelista Scuola di MTC So-Wen L Aquila Gli Zang Fu Dott. ssa Alessandra Bozzelli, Dott. Paolo Evangelista Scuola di MTC So-Wen L Aquila Il concetto Zang/Fu n Con il termine generico di Zang Fu indichiamo l insieme degli organi interni del corpo

Dettagli

Indice generale. Struttura e sviluppo embrionale degli organi organizzati in sistemi e apparati. Indice generale

Indice generale. Struttura e sviluppo embrionale degli organi organizzati in sistemi e apparati. Indice generale Indice generale Struttura e sviluppo embrionale degli organi organizzati in sistemi e apparati 1 Sistemi e apparati e sviluppo delle cavità corporee 1.1 Definizione, quadro riassuntivo ed evoluzione delle

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

1 Anatomia e fisiologia dell apparato vocale Respirazione, laringe, corde vocali, fonazione. a cura di Domenico Innominato

1 Anatomia e fisiologia dell apparato vocale Respirazione, laringe, corde vocali, fonazione. a cura di Domenico Innominato Elementi di tecnica vocale 1 Anatomia e fisiologia dell apparato vocale Respirazione, laringe, corde vocali, fonazione a cura di Domenico Innominato LA RESPIRAZIONE GABBIA TORACICA La parete toracica è

Dettagli

Convenzione sulle diagnosi e i codici di diagnosi

Convenzione sulle diagnosi e i codici di diagnosi Versione 27.03.02 Allegato 4 Convenzione sulle diagnosi e i codici di diagnosi Sulla base dell'art. 9, cpv. 7, lett. g del contratto base TARMED del 27.03.02, dell'art. 42 LAMal e dell'art. 59 OAMal, le

Dettagli

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Il corpo umano, il Sistema Solare

Dettagli

L'apparato cardiocircolatorio. I disturbi della circolazione CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI

L'apparato cardiocircolatorio. I disturbi della circolazione CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI L'apparato cardiocircolatorio I disturbi della circolazione Cultura della sicurezza patrimonio comune del mondo del lavoro: impresa, lavoratori

Dettagli

Corso Passo dopo passo RESPIRO

Corso Passo dopo passo RESPIRO I Corsi di 1 Corso Passo dopo passo RESPIRO Per mantenere una salute radiosa, una mente bilanciata e una buona energia per ritrovare pace, serenità e allegria 2 QUANDO IL RESPIRO E IRREGOLARE ANCHE LA

Dettagli

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO CORSO CORSO OSS DISCIPLINA: OSS DISCIPLINA: ANATOMIA PRIMO E FISIO-PATOLOGIA SOCCORSO MASSIMO MASSIMO FRANZIN FRANZIN COSTITUITO DA: DUE RENI DUE URETERI

Dettagli

APPARATO CIRCOLATORIO

APPARATO CIRCOLATORIO APPARATO CIRCOLATORIO 1 FUNZIONI F. respiratoria e nutritiva F. depuratrice F. di difesa (trasporto di O 2, principi alimentari...) (trasporto di CO 2 e altre sostanze di scarto) (nei confronti dei batteri

Dettagli

Il sistema nervoso. Simpatico

Il sistema nervoso. Simpatico Il sistema nervoso Centrale Periferico Cervello Midollo spinale Somatico Autonomo Simpatico Parasimpatico Il sistema nervoso Periferico Somatico Autonomo Simpatico Parasimpatico Il sistema nervoso somatico

Dettagli

3^ settimana dall'ultima mestruazione (U.M.) Fecondazione dell'ovocita, formazione dell'embrione e suo impianto in cavità uterina.

3^ settimana dall'ultima mestruazione (U.M.) Fecondazione dell'ovocita, formazione dell'embrione e suo impianto in cavità uterina. LO SVILUPPO FETALE DI SETTIMANA IN SETTIMANA Testo del dr. Massimiliano Monti (La Spezia) www.ginecolink.net Lo sviluppo fetale è un meraviglioso processo che, con tappe precise e finemente regolate, porta

Dettagli

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 Posizione preparatoria 2 : con entrambi i piedi ravvicinati parallelamente, ergersi con naturalezza mantenendo ferma la {posizione di} attenti; ambedue

Dettagli

PROTEZIONE DEGLI ANIMALI ALLA MACELLAZIONE. opuscolo informativo MACELLAZIONI PER CONSUMO DOMESTICO PRIVATO ESEGUITE FUORI DAL MACELLO

PROTEZIONE DEGLI ANIMALI ALLA MACELLAZIONE. opuscolo informativo MACELLAZIONI PER CONSUMO DOMESTICO PRIVATO ESEGUITE FUORI DAL MACELLO Dipartimento di Sanità Pubblica - Cesena U.O. Igiene degli Alimenti di Origine Animale Cesena Direttore: Dott. Bruno Lontani PROTEZIONE DEGLI ANIMALI ALLA MACELLAZIONE opuscolo informativo MACELLAZIONI

Dettagli

OGNI ESPRESSIONE DELLA NOSTRA PERSONALITÀ, PENSIERI, SPERANZE, SOGNI, DESIDERI, EMOZIONI, SONO FUNZIONI DEL SISTEMA NERVOSO TRASPORTO SANITARIO

OGNI ESPRESSIONE DELLA NOSTRA PERSONALITÀ, PENSIERI, SPERANZE, SOGNI, DESIDERI, EMOZIONI, SONO FUNZIONI DEL SISTEMA NERVOSO TRASPORTO SANITARIO TRASPORTO SANITARIO il Sistema Nervoso OGNI ESPRESSIONE DELLA NOSTRA PERSONALITÀ, PENSIERI, SPERANZE, SOGNI, DESIDERI, EMOZIONI, SONO FUNZIONI DEL SISTEMA NERVOSO 2 Obiettivi CONOSCERE I PRINCIPALI COMPONENTI

Dettagli

Ricostruzione del seno

Ricostruzione del seno Ricostruzione del seno Le donne che hanno perso uno o entrambi i seni a causa del cancro possono desiderare di ricostruirli. Tale operazione può essere effettuata contemporaneamente alla rimozione del

Dettagli

Il respiro è la capacità d immettere ed espellere aria dai polmoni, la capacità respiratoria viene misurata come

Il respiro è la capacità d immettere ed espellere aria dai polmoni, la capacità respiratoria viene misurata come PARAMETRI VITALI Definizione : I parametri vitali esprimono le condizioni generali della persona. Principali parametri vitali 1- Respiro 2- Polso 3- Pressione arteriosa 4- Temperatura corporea RESPIRO

Dettagli

SCIENZE 1 IL CORPO UMANO PROGETTO STRANIERI. Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano. A cura di Maurizio Cesca

SCIENZE 1 IL CORPO UMANO PROGETTO STRANIERI. Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano. A cura di Maurizio Cesca Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI SCIENZE 1 IL CORPO UMANO A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni - Milano pag. 1 Il corpo

Dettagli

Ordinanza del DFE sulla pesatura degli animali macellati

Ordinanza del DFE sulla pesatura degli animali macellati Ordinanza del DFE sulla pesatura degli animali macellati (OPeA) 1 817.190.4 del 3 marzo 1995 (Stato 1 gennaio 2011) Il Dipartimento federale dell economia (DFE) 2, visto l articolo 43 dell ordinanza del

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO TURBE del SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI APP. CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APP. CARDICIRCOLATORIO il

Dettagli

I Traumi del torace. Evenienza possibile sia in spiaggia che in barca che in piscina.

I Traumi del torace. Evenienza possibile sia in spiaggia che in barca che in piscina. I Traumi del torace. Evenienza possibile sia in spiaggia che in barca che in piscina. Dott. Marcello costa Angeli Chirurgo toracico Le lesioni traumatiche nei percorsi ludici o lavorativi sono piuttosto

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli