Progettazione di una borsa scambio degli effluenti di allevamento sul territorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progettazione di una borsa scambio degli effluenti di allevamento sul territorio"

Transcript

1 Progettazione di una borsa scambio degli effluenti di allevamento sul territorio della provincia di Mantova Bigarello (MN), 26 maggio 2010 Giovanni Masotto

2 Scheda del progetto TITOLO: Progettazione e sperimentazione di una borsa scambio degli effluenti di allevamento su base provinciale DURATA: SOGGETTO ATTUATORE: Ersaf Lombardia Polo Carpaneta (MN) SOGGETTO COFINANZIATORE: Provincia di Mantova Settore Agricoltura

3 Fase 1 - Progettazione Attività previste 1. Analisi del potenziale di domanda e di offerta di e.a. sul territorio 2. Gestione della comunicazione e delle relazioni tra aziende 3. Definizione di un contratto standard 4. Raccolta di documentazione relativa ad attività/esperienze simili 5. Coinvolgimento dei principali Attori

4 Fase 2 - Sperimentazione Sperimentazione operativa: A. della Borsa Provinciale degli E.A. B. del Sistema Esperto Nitrati

5 Risultati Attesi Supporto alla gestione delle deroga Sviluppo di economie territoriali Sostegno alla qualità ambientale interna alle imprese Certificazione della S.A. come ambito agricolo strategico

6 Stato dell Arte Settembre 2009: avvio del progetto Febbraio 2010: presentazione del progetto ai portatori di interesse illustrazione prime elaborazioni del Procedimento Gestione Nitrati (PGN) Marzo 2010: elaborazione dati del PGN scarico definitivo Maggio 2010: riunione tecnica provinciale

7 Le dimensioni provinciali - 56 comuni (70 totali) classificati in tutto (47) o in parte (9) come area vulnerabile - SAU vulnerabile pari al 76,88 % (poco meno di ettari) - circa (escludendo le aziende definite inesistenti e/o non classificabili) aziende censite a Siarl - circa posizione UMA attive bovini da latte, bovini da carne, suini, cunicoli, avicoli

8 Le dimensioni provinciali

9 Le dimensioni provinciali

10 Procedimento Gestione Nitrati ) 001_Anagrafica Domanda/Azienda 2) 005_Allevamenti 3) 005B_Strutture Allevamenti Informazioni disponibili - (marzo 2010) 4) 010_Superfici - Unità gestionali e/o Gruppi colturali 5) 010B_Superfici - particelle 6) 015_Acquisti / Cessioni 7) 020_Trattamenti - associazione reflui 8) 025_Stoccaggio 9) 030_Conformità 10) 035_Fertilizzanti minerali 11) 040_Attrezzature

11 Procedimento Gestione Nitrati ANAGRAFICA Procedimenti n * Tipo di Comunicazione n. con allevamento n. senza allevamento n. D'UFFICIO 27 0,6% 0 0,0% ,0% ESONERATE ,9% ,0% ,0% POAS ,0% 95 12,7% ,3% POA-PUAS ,2% ,7% ,3% POA-PUA ,3% ,6% ,4% totale % % % * = di cui 104 con sede legale dell'azienda fuori provincia

12 Procedimento Gestione Nitrati ALLEVAMENTI Procedimenti n CUAA con Allevamento n Allevamenti n specie allevix n. capi n. - bovini ,9% ,49% - suini ,3% ,70% - avicoli 275 9,2% ,10% - equini 125 4,2% 764 0,01% - ovi-caprini 68 2,3% ,02% - cunicoli 25 0,8% ,66% - bufalini 10 0,3% ,01% totale % %

13 Procedimento Gestione Nitrati SUPERFICI E AZOTO Sup_utilizzata Azoto_da e.a. Carico di Azoto ha kg kg/ha Sup_utilizzata_R_1-2-3 Azoto_da e.a. Carico di Azoto ha kg kg/ha SAU_Siarl (giu_09) Azoto_da e.a. Carico di Azoto ha kg kg/ha

14 Procedimento Gestione Nitrati SUPERFICI E AZOTO Sup_utilizzata Azoto_asportato Asportazione_media ha kg kg/ha kg/mc 1,11 Sup_distribuita Azoto_distribuito Distribuzione_media Volume_distribuito ha kg kg/ha mc Azoto_da e.a. Volume_prodotto kg mc kg/mc 2,92

15 Procedimento Gestione Nitrati ACQUISTI E CESSIONI Procedimenti n Proc. con cessioni n. Proc. con acquisizioni n Proc. con cess. e acq. n. 108 specie cessioni n. acquisizioni n. Suini Bovini da latte Bovini da carne Avicoli

16 Procedimento Gestione Nitrati ACQUISTI E CESSIONI E.A. Ceduto Acquistato prodotto mc mc kg N kg N / mc di e.a. Liquame ,16 Compostato ,82 Non Compostato totale ,40 quota del volume totale prodotto 34% La quota scambiata può essere sottostimata in quanto molte aziende non hanno esasperato la ricerca di terreno stante il regime transitorio vigente sino al 31/12/2010

17 86,85 % Procedimento Gestione Nitrati STOCCAGGI con E.A. aziendali n Conformi per Liquido Conformi per Solido 60,45% 5,12 % 19,39% - 7,01% - 5,70% 3,24% - 2,34% 1,35% 0,53% - senza E.A. aziendali n ,52%

18 Procedimento Gestione Nitrati con E.A. n CONFORMITÀ conformi per E.A. (N da E.A. / Nmax) conformi per F.O. (N da F.O. / Nmax) conformi per BIL.SEMP. (Ntot / Nmax Colture) 63,81 % A) B) C) 1,24% 0,03% 0,06% 0,03% 62,25% - 0,21% - 0,18% 32,11% - 3,90% - senza E.A. n. 88 A) B) C) 85,23% - 10,23% - 4,55% - altri (esonerate, d'ufficio) n. 922 A) B) C) 20,96% - - -

19 Procedimento Gestione Nitrati CONFORMITÀ AZIENDE ZOOTECNICHE aziende zootecniche (proc ) conformi per N_zootecnico % non conformi per N_zootecnico % esonerate n. 2 aziende zootecniche superficie disponibile (dispn/170) ha superficie necessaria (surplusn/170) ha

20 Procedimento Gestione Nitrati TRATTAMENTI Descrizione Trattamento proc. n. 1 Separazione frazioni solide grossolane 36 2 Relazione tecnica con supporto di analisi 24 3 Trattamento anaerobico con recupero di biogas 19 4 Separazione meccanica frazioni solide grossolane e fini 17 5 Separazione frazioni solide grossolane e ossigenazione 4 6 Compostaggio 3 7 Disidratazione del liquame per evaporazione, condensazione, concentrazione 3 8 Relazione tecnica con supporto scientifico 3 9 Fitodepurazione 2 10 Relazione tecnica già validata dalla regione 2 11 Essiccazione 1 12 Separazione meccanica frazioni solide grossolane e fini, ossigenazione della frazione liquida chiarificata 1 13 Trattamento biologico di nitrificazione (anche parziale) e denitrificazione 1 totale procedimenti 116

21 Procedimento Gestione Nitrati FERTILIZZANTI MINERALI Procedimenti Quantità T N kg P2O5 kg K2O kg

22 Procedimento Gestione Nitrati ATTREZZATURE Procedimenti n Attrezzature n di cui aziendali e extraziendali Tipologia n. Spandiconcime Spandi letame Carro botte media gittata Carro botte distribuzione rasoterra 672 Carro botte breve gittata 590 Rotolone fertirrigazione 172 Carro botte lunga gittata 81 Carro botte iniezione a solco chiuso 35 Dispositivo ali 12 Carro botte iniezione a solco aperto 10 Pascolamento 10 Sistema ombelicale con distribuzione bassa pressione 7 Sistema ombelicale con distribuzione rasoterra 4 Carro botte iniezione a solco profonda

23 Scenario 1

24 Scenario 2

25 Scenario 3

26 Scenario 4

27 Confronto Scenari 2 e 4 2 4

28 Conclusioni (1/2) 1. La gestione agronomica degli e.a. pare una soluzione percorribile sul territorio provinciale 2. Migliorare la gestione tecnica e organizzativa degli e.a. 3. Favorire la diffusione delle conoscenze 4. Incentivare i Contratti di valorizzazione degli e.a. 5. Rafforzare i rapporti tra il sistema delle imprese, i centri di ricerca e i soggetti pubblici 6. Un quadro normativo, per quanto possibile, CERTO e DEFINITIVO

29 Conclusioni (2/2) Senza tali presupposti il passaggio da spandimento a utilizzazione agronomica rimane solo un affermazione

30 Riferimenti Per suggerimenti, idee, chiarimenti Giovanni Masotto

1 - PROGETTAZIONE E SPERIMENTAZIONE DI UNA BORSA SCAMBIO DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO (e.a.) SU BASE PROVINCIALE 2

1 - PROGETTAZIONE E SPERIMENTAZIONE DI UNA BORSA SCAMBIO DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO (e.a.) SU BASE PROVINCIALE 2 PROGETTAZIONE E SPERIMENTAZIONE DI UNA BORSA SCAMBIO DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO SU BASE PROVINCIALE Gennaio, 2013 1 - PROGETTAZIONE E SPERIMENTAZIONE DI UNA BORSA SCAMBIO DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Fertilizzazioni 17 aprile 2012 Introduzione Concimazione: apporto di elementi nutritivi direttamente utilizzabili dalla pianta fertilizzazione Ammendamento: apporto di sostanze

Dettagli

Scenari gestionali per il digestato equiparabile ai concimi minerali

Scenari gestionali per il digestato equiparabile ai concimi minerali Scenari gestionali per il digestato equiparabile ai concimi minerali 4 dicembre 2014 - Carpaneta Silvia R. Motta - ERSAF IMPIANTI DI BIOGAS IN LOMBARDIA 2014 380 impianti 290 Mwe 250 Separatori solido

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PER L UTILIZZO DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI IN AGRICOLTURA A chi deve essere inviata la comunicazione 1. La comunicazione deve essere inviata: a) al Comune

Dettagli

Direttiva Nitrati. Linee guida Tutto quello che devono fare gli agricoltori lombardi a partire dal mese di settembre 2008

Direttiva Nitrati. Linee guida Tutto quello che devono fare gli agricoltori lombardi a partire dal mese di settembre 2008 Direttiva Nitrati www.tipograf.it Linee guida Tutto quello che devono fare gli agricoltori lombardi a partire dal mese di settembre 2008 www.agricoltura.regione.lombardia.it Sommario Premessa 1 POA e PUA

Dettagli

Il digestato: aspetti tecnici e normativa

Il digestato: aspetti tecnici e normativa tecnici e normativa USO DEL DIGESTATO PER IL MANTENIMENTO DELLA FERTILITÀ DEI TERRENI Paolo Mantovi Centro Ricerche Produzioni Animali Giovedì 14 Marzo 2013 - Ore 14,00 Sala Convegni Azienda Sperimentale

Dettagli

Gestione della problematica Nitrati nelle aziende zootecniche

Gestione della problematica Nitrati nelle aziende zootecniche S.A.T.A Gestione della problematica Nitrati nelle aziende zootecniche Flavio Sommariva specialista SATA Agronomia e Gestione Reflui Pasturago di V. (MI) 16 Dicembre 2008 S.A.T.A. PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE

Dettagli

Materiali per la formazione della lettiera, con relative caratteristiche chimiche e stima del consumo giornaliero.

Materiali per la formazione della lettiera, con relative caratteristiche chimiche e stima del consumo giornaliero. Materiali per la formazione della lettiera, con relative caratteristiche chimiche e stima del consumo giornaliero. composizione consumo di lettiera* Materiale N P 2 O 5 K 2 O kg/capo al giorno % t.q. %

Dettagli

Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga

Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga Stefano Monaco, Carlo Grignani - Dip. Agroselviter Torino, 12 gennaio 2012 Quali colture per la Deroga? Su almeno il 70% della SAU bisogna coltivare

Dettagli

Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL DIGESTATO: Quadro Normativo e Aspetti Tecnico-Economici

Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL DIGESTATO: Quadro Normativo e Aspetti Tecnico-Economici Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL DIGESTATO: Quadro Normativo e Aspetti Tecnico-Economici 11 INFOBIOGAS BTS - PalaExpo di Verona - 11 Marzo 2015 Il Consorzio Il CIB - Consorzio Italiano

Dettagli

Separazione solido/liquido

Separazione solido/liquido Separazione solido/liquido WORKSHOP: L ATTIVITA DI CONTROLLO PRESSO LE AZIENDE ZOOTECNICHE SOGGETTE AIA (IPPC 6.6) Andrea Giussani Separazione solido/liquido È una tecnica di conservazione che consiste

Dettagli

Protocollo dell Ufficio. Al Sindaco del Comune di ... Al Sindaco del/dei Comuni di ... Quadro A Soggetto dichiarante. (dove è ubicato l allevamento)

Protocollo dell Ufficio. Al Sindaco del Comune di ... Al Sindaco del/dei Comuni di ... Quadro A Soggetto dichiarante. (dove è ubicato l allevamento) Protocollo dell Ufficio Al Sindaco del Comune di (dove è ubicato l allevamento).... N del.... Al Sindaco del/dei Comuni di (dove sono ubicati i terreni oggetto di spandimento)......... Comunicazione per

Dettagli

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto I bilanci colturali e aziendali dell azoto sono degli indicatori semplici della valutazione della gestione dell azoto delle colture e agrotecniche ad

Dettagli

Città di Fiumicino (Provincia di Roma

Città di Fiumicino (Provincia di Roma COMUNICAZIONE SEMPLIFICATA 1 per aziende con produzione/utilizzazione al campo di azoto da effluenti di allevamento compresa tra 3.001 e 6.000 Kg/anno e per le aziende di cui al D. Lgs. n. 152/2006, art.

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 776 del 26/01/2012 Proposta: DPG/2012/1120 del 26/01/2012 Struttura proponente: Oggetto: Autorità

Dettagli

La deroga alla Direttiva Nitrati: valutazioni a scala aziendale.

La deroga alla Direttiva Nitrati: valutazioni a scala aziendale. Monica Bassanino Dir. Agricoltura ERICA ALLISIARDI ANDREA CRIVELLARI La deroga alla Direttiva Nitrati: valutazioni a scala aziendale. QUALI AZIENDE SONO POTENZIALMENTE INTERESSATE ALLA DEROGA? 1 Allevamenti

Dettagli

Analisi economica di impianti per biogas alla luce dei nuovi incentivi

Analisi economica di impianti per biogas alla luce dei nuovi incentivi Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Scienze Agrarie (Dip.S.A.) Università di Bologna Analisi economica di impianti per biogas alla luce dei nuovi incentivi Martedì, 1 ottobre 2013 Sala Conferenze Terza

Dettagli

Prot. n 354 Salerno, lì 24 Aprile 2013

Prot. n 354 Salerno, lì 24 Aprile 2013 COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO www.collegioperitiagrarisa.it - e-mail:collegio.salerno@pec.peritiagrari.it - collegio.salerno@peritiagrari.it Prot. n

Dettagli

PSR 2007-2013 2013 MISURA 124 UN NUOVO MODELLO DI IMPRESA MULTIPROCESSUALE L ESPERIENZA DELLA COOP SAN LORENZO SEMINARIO FINALE DEL PROGETTO AGRIMULTITASKING PSR 2007-2013 2013 Misura 124 GONZAGA - 10

Dettagli

Gestione e riduzione dell azoto di origine zootecnica

Gestione e riduzione dell azoto di origine zootecnica Agricoltura Gestione e riduzione dell azoto di origine zootecnica Soluzioni tecnologiche e impiantistiche Quaderni della ricerca n. 93 - Settembre 2008 RICERCA Studio condotto nell ambito del progetto

Dettagli

Gestione e valorizzazione dei reflui zootecnici

Gestione e valorizzazione dei reflui zootecnici Gestione e valorizzazione dei reflui zootecnici P. BALSARI, E. Dinuccio Università degli Studi di Torino D.I.S.A.F.A - Meccanica Agraria e-mail: paolo.balsari@unito.it Il patrimonio zootecnico italiano

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 44 del 31 / 10 / 2007 Decreto della Presidente della Giunta Regionale 29 ottobre 2007, n. 10/R. Regolamento regionale

Bollettino Ufficiale n. 44 del 31 / 10 / 2007 Decreto della Presidente della Giunta Regionale 29 ottobre 2007, n. 10/R. Regolamento regionale Bollettino Ufficiale n. 44 del 31 / 10 / 2007 Decreto della Presidente della Giunta Regionale 29 ottobre 2007, n. 10/R. Regolamento regionale recante: Disciplina generale dell utilizzazione agronomica

Dettagli

VADEMECUM DIRETTIVA NITRATI

VADEMECUM DIRETTIVA NITRATI Piazza della Serenissima 40 31033 Castelfranco Veneto Tel. 0423 420325 Fax. 0423 344900 Centro Autorizzato Nazionale Assistenza Produttori Agricoli S.r.l Unità locale di Castelfranco V.to 121TV3 VADEMECUM

Dettagli

Studio di fattibilità sul trattamento delle deiezioni animali in impianti di trattamento delle acque reflue dismessi

Studio di fattibilità sul trattamento delle deiezioni animali in impianti di trattamento delle acque reflue dismessi Studio di fattibilità sul trattamento delle deiezioni animali in impianti di trattamento delle acque reflue dismessi Attività finanziata dalla Regione Veneto nell ambito del progetto Riducareflui Riassunto

Dettagli

L APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA NITRATI IN LOMBARDIA

L APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA NITRATI IN LOMBARDIA L APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA NITRATI La condizionalità IN LOMBARDIA in Lombardia ANNO 2008 GUIDA PRATICA PER LE AZIENDE AGRICOLE Una guida per le aziende agricole La condizionalità in Lombardia ANNO

Dettagli

Consulta tecnica degli ordini e collegi della Provincia di Mantova

Consulta tecnica degli ordini e collegi della Provincia di Mantova Consulta tecnica degli ordini e collegi della Provincia di Mantova Sostenibilità del Sistema Agroalimentare Mantovano Problema nitrati e gestione ambientale e ruolo dell ente Locale 2 dicembre 2011 FIGURA

Dettagli

COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO?

COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO? COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO? Al di là degli obblighi di legge, queste buone tecniche, consentono di limitare i principali problemi (cattivi odori,

Dettagli

PROGETTO NITRANT 2014. Visita tecnica Cooperativa Agroenergie Bergamasche (Martinengo, BG) 3 dicembre 2015 FOCUS: IL CENTRO CONSORTILE DI TRATTAMENTO

PROGETTO NITRANT 2014. Visita tecnica Cooperativa Agroenergie Bergamasche (Martinengo, BG) 3 dicembre 2015 FOCUS: IL CENTRO CONSORTILE DI TRATTAMENTO PROGETTO NITRANT 2014 Visita tecnica Cooperativa Agroenergie Bergamasche (Martinengo, BG) 3 dicembre 2015 FOCUS: IL CENTRO CONSORTILE DI TRATTAMENTO Pubblicazione realizzata da Veneto Agricoltura, Settore

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO E DELLE ACQUE REFLUE Criteri applicativi al DGR 2495/2006

REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO E DELLE ACQUE REFLUE Criteri applicativi al DGR 2495/2006 Città di Arzignano REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO E DELLE ACQUE REFLUE Criteri applicativi al DGR 2495/2006 ART. 1. PREMESSE Il presente Regolamento detta, all

Dettagli

Digestore, così cresce il margine economico

Digestore, così cresce il margine economico DOSSIER Digestore, così cresce il margine economico Nel produrre energia con un impianto di biogas è bene considerare molteplici aspetti, come la disponibilità di certificati verdi e i costi delle singole

Dettagli

VALUTAZIONI IGIENICO- SANITARIE SULL UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEI LIQUAMI ZOOTECNICI FERTIRRIGAZIONE = GESTIONE LIQUAMI ZOOTECNICI

VALUTAZIONI IGIENICO- SANITARIE SULL UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEI LIQUAMI ZOOTECNICI FERTIRRIGAZIONE = GESTIONE LIQUAMI ZOOTECNICI VALUTAZIONI IGIENICO- SANITARIE SULL UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEI LIQUAMI ZOOTECNICI FERTIRRIGAZIONE = GESTIONE LIQUAMI ZOOTECNICI L OBIETTIVO DELLE AZIENDE ZOOTECNICHE DOVRA ESSERE GESTIRE E NON SMALTIRE

Dettagli

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi NITROGEN MANAGEMENT OPTIMISATION Gestione dell azoto in conformità alla Direttiva Nitrati Paolo Mantovi Convegno internazionale Reggio Emilia, 14 set 2007 La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

BonusBiogas: azoto e CAR

BonusBiogas: azoto e CAR BonusBiogas: azoto e CAR C.R.P.A. S.p.A. - Reggio Emilia Tecnologie per la concentrazione e la riduzione dell'azoto (Parte I) Verona, 21 marzo 2013 Claudio Fabbri, Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni

Dettagli

Giornate zootecniche di Fossano APS. 5 Aprile 2008. Azoto e dieta

Giornate zootecniche di Fossano APS. 5 Aprile 2008. Azoto e dieta Giornate zootecniche di Fossano APS 5 Aprile 2008 Tecnologie disponibili per il trattamento e la gestione degli effluenti zootecnici Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia, www.crpa.it

Dettagli

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Scienze Agrarie (Dip.S.A.) Università di Bologna Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Giovedì

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Meno proteine agli animali meno nitrati nelle falde

Meno proteine agli animali meno nitrati nelle falde Concluso il progetto triennale Aqua, coordinato dal Crpa e finanziato dalla Ue. Modifiche nell alimentazione disuiniebovini sono utili contro l inquinamento delle acque ProgettoAqua Meno proteine agli

Dettagli

L uso e la produzione di bio-gas a fini energetici

L uso e la produzione di bio-gas a fini energetici L uso e la produzione di bio-gas a fini energetici Costante M. Invernizzi Università degli Studi di Brescia costante.invernizzi@unibs.it 28 ottobre 2008 Outline 1 La gestione dei reflui zootecnici 2 Il

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO LA PRESIDENZA DELLA REGIONE - VIALE ALDO MORO 52 - BOLOGNA Parte prima - N. 1 Anno 47 4 gennaio 2016 N. 2 Regione Emilia-Romagna REGOLAMENTO

Dettagli

Il Regolamento Regionale 10/R e la gestione dei reflui zootecnici Vademecum per le imprese agricole

Il Regolamento Regionale 10/R e la gestione dei reflui zootecnici Vademecum per le imprese agricole Vademecum per le imprese agricole Provincia di Torino Area Attività Produttive Servizio Agricoltura Dirigente: Antonio Parrini Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria Servizio Gestione Risorse Idriche

Dettagli

Allegato A al Decreto n. 104 del 31 marzo 2008 pag. 1/9 PREMESSE

Allegato A al Decreto n. 104 del 31 marzo 2008 pag. 1/9 PREMESSE Allegato A al Decreto n. 104 del 31 marzo 2008 pag. 1/9 TRATTAMENTO DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO: PERDITE DI AZOTO VOLATILE E CONTENUTO RESIDUO NELLE FRAZIONI PALABILE E NON PALABILE DEI MATERIALI TRATTATI

Dettagli

SUAP UNONE RENO GALLIERA. Comune: GALLIERA (BO)

SUAP UNONE RENO GALLIERA. Comune: GALLIERA (BO) COMUNE DI GALLIERA (c_d) - Codice AOO: aoogallier - Reg. nr.000/05 del /0/05 COMUNICAZIONE DI UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO LEGGE REGIONALE MARZO 00 N.4 QUADRO ALLA PROVINCIA

Dettagli

11ª GIORNATA PAVER Lunedì 20 Giugno 2011

11ª GIORNATA PAVER Lunedì 20 Giugno 2011 11ª GIORNATA PAVER Lunedì 20 Giugno 2011 I trattamenti per la riduzione-delocalizzazione dell azoto. Un analisi tecnico-economica delle principali soluzioni oggi disponibili. Pierluigi Navarotto Università

Dettagli

APPLICATIVO A58web NITRATI risposte a domande frequenti (FAQ) (versione ottobre 2014)

APPLICATIVO A58web NITRATI risposte a domande frequenti (FAQ) (versione ottobre 2014) APPLICATIVO A58web NITRATI risposte a domande frequenti (FAQ) (versione ottobre 2014) Il presente compendio raccoglie i quesiti più frequenti che gli utenti hanno inviato agli Uffici regionali sulla gestione

Dettagli

PROGETTO PILOTA VALORIZZAZIONE DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO E LORO GESTIONE COMPRENSORIALE

PROGETTO PILOTA VALORIZZAZIONE DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO E LORO GESTIONE COMPRENSORIALE S.A.T.A. - SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA AGLI ALLEVAMENTI PROGETTO PILOTA VALORIZZAZIONE DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO E LORO GESTIONE COMPRENSORIALE a cura di FLAVIO SOMMARIVA Tecnico Specialista Settore

Dettagli

Agroenergie Bergamasche s.c.a.

Agroenergie Bergamasche s.c.a. Agroenergie Bergamasche s.c.a. Come adeguarsi alla Normativa Nitrati producendo reddito. Dott. Agronomo Emanuele Cattaneo Decreto Interministeriale del 07 aprile 2006. Delibera della Giunta Regionale del

Dettagli

AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE MIS. 121 Bando ANNO 2013 SCADENZA : 30 MARZO 2013

AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE MIS. 121 Bando ANNO 2013 SCADENZA : 30 MARZO 2013 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE MIS. 121 Bando ANNO 2013 SCADENZA : 30 MARZO 2013 La Regione del Veneto offre alle aziende agricole Venete che vogliono fare investimenti utili per ammodernare la

Dettagli

Il biogas e il progetto LIFE Seq-Cure

Il biogas e il progetto LIFE Seq-Cure Convegno Dall agricoltura e dalla silvicoltura nuove energie da fonti rinnovabili, Bomporto (MO) 24 Novembre 2006 Il biogas e il progetto LIFE Seq-Cure G. Bonazzi S.Piccinini - C. Fabbri - P. Mantovi CRPA

Dettagli

Base di partenza e obiettivi di questa presentazione

Base di partenza e obiettivi di questa presentazione La fertilizzazione con effluenti organici da fermentazione anaerobica: proposta metodologica a scala comprensoriale Luca Bechini, Pietro Marino, Fabrizio Mazzetto * e Tommaso Maggiore luca.bechini@unimi.it

Dettagli

IMPIANTO DI DIGESTIONE ANAEROBICA CONSORZIO AGRIENERGY. Ing. Ennio Spazzoli

IMPIANTO DI DIGESTIONE ANAEROBICA CONSORZIO AGRIENERGY. Ing. Ennio Spazzoli IMPIANTO DI DIGESTIONE ANAEROBICA CONSORZIO AGRIENERGY Ing. Ennio Spazzoli INQUADRAMENTO NORMATIVO BIOMASSE E SOTTOPRODOTTI D.lgs. 387/2003 Attuazione della direttiva 2001/77 relativa alla promozione dell

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA... Ubicazione... RagioneSociale... P.IVA...tel...fax... Sede sociale: Via... Cap...Citta...(...) Responsabile biodinamico...

AZIENDA AGRICOLA... Ubicazione... RagioneSociale... P.IVA...tel...fax... Sede sociale: Via... Cap...Citta...(...) Responsabile biodinamico... DEMETER ASSOCIAZIONE PER LA TUTELA DELLA QUALITA BIODINAMICA IN ITALIA Strada Naviglia 11/a - 43100 PARMA - tel. 0521/776962 - fax 0521/776973 e-mail: info@demeter.it RELAZIONE DELL AZIENDA AGRICOLA PER

Dettagli

Misura 4.1 Sostegno ad investimenti nelle aziende agricole

Misura 4.1 Sostegno ad investimenti nelle aziende agricole SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA PSR 2014-2020 Misura 4.1 Sostegno ad investimenti nelle aziende Responsabile regionale Dott. Andrea Scarponi Tel. 0733 2932288-071 8063649 mail: andrea.scarponi@regione.marche.it

Dettagli

Questionario informativo per uno studio di fattibilità

Questionario informativo per uno studio di fattibilità Questionario informativo per uno studio di fattibilità 1 Anagrafica Ragione sociale Azienda: Indirizzo: Riferimento: Funzione aziendale: Telefono: Mobile: E-mail: Tipologia di azienda: agricola non agricola

Dettagli

DI CONCERTO CON. Prot.n. 209

DI CONCERTO CON. Prot.n. 209 DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E TRASPORTI IL MINISTRO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE IL MINISTRO DELLA SALUTE Prot.n. 209 VISTO il

Dettagli

Biogas: chimera o realtà?

Biogas: chimera o realtà? Biogas: chimera o realtà? La produzione di energia verde da biogas può essere sostenibile solo se gestita in modo professionale Collecchio, Green Days 21 Settembre 2013 Il biogas in Italia Impianti in

Dettagli

Achieving good water Quality status in intensive Animal production Areas

Achieving good water Quality status in intensive Animal production Areas Achieving good water quality status in intensive animal production areas Achieving good water Quality status in intensive Animal production Areas CRPA spa - Reggio Emilia Progetto LIFE+ AQUA KICK-OFF MEETING

Dettagli

Vista la Direttiva del Consiglio 12 dicembre 1991, n. 91/676/CEE relativa alla protezione delle acque dall inquinamento provocato dai nitrati

Vista la Direttiva del Consiglio 12 dicembre 1991, n. 91/676/CEE relativa alla protezione delle acque dall inquinamento provocato dai nitrati Vista la Direttiva del Consiglio 12 dicembre 1991, n. 91/676/CEE relativa alla protezione delle acque dall inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole, e in particolare l articolo

Dettagli

Relazioni del 30 Novembre 2007 BIOGAS: progressi ed esperienze innovative. Rota

Relazioni del 30 Novembre 2007 BIOGAS: progressi ed esperienze innovative. Rota Relazioni del 30 Novembre 2007 BIOGAS: progressi ed esperienze innovative Rota ROTA GUIDO è un azienda leader nella progettazione e realizzazione di impianti e tecnologie per la zootecnia - Strutture

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO LA PRESIDENZA DELLA REGIONE - VIALE ALDO MORO 52 - BOLOGNA Parte prima - N. 21 Anno 42 28 ottobre 2011 N. 161 REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Dettagli

1) INTERVENTI AMMISSIBILI...

1) INTERVENTI AMMISSIBILI... INDICE 1) INTERVENTI AMMISSIBILI... 2 1.1. L acquisto di distributori automatici di latte è un intervento ammesso a finanziamento?... 2 1.2. E finanziabile l introduzione in azienda di impianti funzionanti

Dettagli

Allegato A - Delib.G.R. n. 21/34 del 5.6.2013

Allegato A - Delib.G.R. n. 21/34 del 5.6.2013 Allegato A - Delib.G.R. n. 21/34 del 5.6.2013 DISCIPLINA REGIONALE DI RECEPIMENTO DEL DECRETO MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI 7 APRILE 2006 Criteri e norme tecniche generali per l utilizzazione

Dettagli

Il digestato alla luce del nuovo decreto

Il digestato alla luce del nuovo decreto Rimini, 10-11-12 Il digestato alla luce del nuovo decreto Giorgia Zaffrani DIGESTATO 1. CARATTERISTICHE OGGETTIVE: - Valore agronomico 2. DEFINIZIONI NORMATIVE: - Possibilità d uso: - Esclusione dalla

Dettagli

Realizzazione di un impianto di digestione anerobica e compostaggio nell alta Val d Agri Quadro generale, opportunità, scelte tecniche e fattibilità

Realizzazione di un impianto di digestione anerobica e compostaggio nell alta Val d Agri Quadro generale, opportunità, scelte tecniche e fattibilità Realizzazione di un impianto di digestione anerobica e compostaggio nell alta Val d Agri Quadro generale, opportunità, scelte tecniche e fattibilità 26 ottobre 2015 Attalea Indice dell intervento Trattamento

Dettagli

www.regione.lombardia.it Modelli gestionali per l'uso sostenibile degli effluenti di allevamento GEA

www.regione.lombardia.it Modelli gestionali per l'uso sostenibile degli effluenti di allevamento GEA Dipartimento di Ingegneria Agraria www.regione.lombardia.it Modelli gestionali per l'uso sostenibile degli effluenti di allevamento GEA Quaderni della ricerca n. 104 settembre 2009 Studio condotto nell

Dettagli

Startec. ultrasuoni. tecnology and passion for excellence DENITREX. tecnologie innovative a tutela della popolazione e dell ambiente

Startec. ultrasuoni. tecnology and passion for excellence DENITREX. tecnologie innovative a tutela della popolazione e dell ambiente Startec ultrasuoni tecnology and passion for excellence DENITREX tecnologie innovative a tutela della popolazione e dell ambiente DEIEZIONI ORGANICHE CONTENENTI AZOTO bovini suini avicoli Kg. 2/3 di azoto

Dettagli

Filiera Biogas: casi di studio delle migliori pratiche. Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia

Filiera Biogas: casi di studio delle migliori pratiche. Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia Filiera Biogas: casi di studio delle migliori pratiche Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia Produzione di biogas in Europa nel 2007: 5901,2 ktep (69 TWh) nel 2008: 7542 ktep

Dettagli

STUDIO RELATIVO AD UN CONCENTRATORE INNOVATIVO A RIDOTTO CONSUMO ENERGETICO E LIMITATI COSTI DI GESTIONE PER IL DIGESTATO DI FERMENTAZIONE ANAEROBICA

STUDIO RELATIVO AD UN CONCENTRATORE INNOVATIVO A RIDOTTO CONSUMO ENERGETICO E LIMITATI COSTI DI GESTIONE PER IL DIGESTATO DI FERMENTAZIONE ANAEROBICA Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Iscritto c/o la Prefettura di Milano nel Registro delle Persone Giuridiche al n. 604 Via Scarlatti 29-20124 Milano - P.IVA 11494010157 Tel. +39.02.266.265.1

Dettagli

NOTE DI INDIRIZZO SULL UTILIZZO DEL COMPOST E DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI IN AGRICOLTURA

NOTE DI INDIRIZZO SULL UTILIZZO DEL COMPOST E DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI IN AGRICOLTURA Provincia di Bergamo Settore Ambiente Settore Urbanistica e Agricoltura NOTE DI INDIRIZZO SULL UTILIZZO DEL COMPOST E DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI IN AGRICOLTURA SOMMARIO PRESENTAZIONE...2 INTRODUZIONE...

Dettagli

Condizionalità. Ambiente. Atto A4 AGRICOLA

Condizionalità. Ambiente. Atto A4 AGRICOLA Condizionalità Reg.(CE) 1782/03; DM 12541 del 21.12.06; DGRV n. 339 del 20.02.07 2007 Ambiente Atto A4 PROTEZIONE DALL INQUINAMENTO DA NITRATI DI PROVENIENZA AGRICOLA Criterio di Gestione Obbligatorio

Dettagli

DEL DECRETO LEGISLATIVO 29 APRILE 2010, N. 75

DEL DECRETO LEGISLATIVO 29 APRILE 2010, N. 75 A LLEGATO MODIFICA DEGLI ALLEGATI 1, 7 E 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 29 APRILE 2010, N. 75 42 1. L allegato 1, Concimi nazionali, è così di seguito modificato: al punto 5.2. Concimi organici NP, è aggiunto

Dettagli

AMPLIARE L USO DEI REFLUI ZOOTECNICI E POSSIBILE E CONVENIENTE

AMPLIARE L USO DEI REFLUI ZOOTECNICI E POSSIBILE E CONVENIENTE Monica Bassanino Direzione Agricoltura, Settore Sviluppo Agroindustriale Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte AMPLIARE L USO DEI REFLUI ZOOTECNICI E POSSIBILE E CONVENIENTE Al progetto di ricerca,

Dettagli

PROGETTO BIOGAS REGIONS PROGRAMMA EUROPEO ENERGIA INTELLIGENTE EIE

PROGETTO BIOGAS REGIONS PROGRAMMA EUROPEO ENERGIA INTELLIGENTE EIE PROGETTO BIOGAS REGIONS PROGRAMMA EUROPEO ENERGIA INTELLIGENTE EIE ZOOTECNIA E DEIEZIONI ANIMALI PROBLEMA O OPPORTUNITÀ????? SEMINARIO 10.03.2009 FACOLTÀ DI AGRARIA MOSCIANO S.A. TERAMO DOTT. AGR. ANGELO

Dettagli

Biogas. 12 novembre2015 WORKSHOP: L ATTIVITA DI CONTROLLO PRESSO LE AZIENDE ZOOTECNICHE SOGGETTE AIA (IPPC 6.6) Silvia R.

Biogas. 12 novembre2015 WORKSHOP: L ATTIVITA DI CONTROLLO PRESSO LE AZIENDE ZOOTECNICHE SOGGETTE AIA (IPPC 6.6) Silvia R. Biogas 12 novembre2015 WORKSHOP: L ATTIVITA DI CONTROLLO PRESSO LE AZIENDE ZOOTECNICHE SOGGETTE AIA (IPPC 6.6) Silvia R. Motta - ERSAF Numero di impianti di digestione anaerobica in RL Gli impianti in

Dettagli

Nuove strade per smaltire gli effluenti zootecnici

Nuove strade per smaltire gli effluenti zootecnici SISTEMI INTEGRATI AEROBICI E ANAEROBICI Nuove strade per smaltire gli effluenti zootecnici Nel Modenese e nel Padovano due esempi di impianti che integrano diverse tecnologie per gestire in modo efficiente

Dettagli

L approvvigionamento degli impianti: effluenti, scarti, prodotti e sottoprodotti (fra norma e realtà) Lorella Rossi

L approvvigionamento degli impianti: effluenti, scarti, prodotti e sottoprodotti (fra norma e realtà) Lorella Rossi Terzo Forum STAR*AgroEnergy BIOGAS E BIOMETANO PER LE AREE AGRICOLE DEL MEDITTERANEO Venerdì 3 Maggio 2013 - Ore 9,30 64a Fiera dell Agricoltura e della Zootecnica Foggia L approvvigionamento degli impianti:

Dettagli

Allegato A tabella di confronto

Allegato A tabella di confronto Inizio testo Indice Tutte le disposizioni del bando contrassegnate da (*) vengono attivate nelle more dell approvazione da parte dell Unione Europea della proposta di modifica al Programma di sviluppo

Dettagli

IMPIANTI BIOGAS E DEPURAZIONE

IMPIANTI BIOGAS E DEPURAZIONE IMPIANTI BIOGAS E DEPURAZIONE Viene utilizzata tecnologia New Generation con Know How esclusivo. L impianto si identifica nelle seguenti fasi: a) Impianto di depurazione finalizzato allo scarico in acque

Dettagli

Indice. Regolamento regionale 29 ottobre 2007, n. 10/R.

Indice. Regolamento regionale 29 ottobre 2007, n. 10/R. Regolamento regionale 29 ottobre 2007, n. 10/R. Regolamento regionale recante: 'Disciplina generale dell'utilizzazione agronomica degli effluenti zootecnici e delle acque reflue e programma di azione per

Dettagli

GESTIONE SOSTENIBILE DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI

GESTIONE SOSTENIBILE DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI Istituto per l Energia Rinnovabile GESTIONE SOSTENIBILE DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI Stima del potenziale di produzione di biogas nell Alta Val di Non Studio di fattibilità di un impianto di Biogas Versione

Dettagli

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: quadro attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale P. Balsari, F. Gioelli Facoltà di Agraria, Università

Dettagli

Parte 1 AMBITO DELL ANALISI ESERCIZIO DELL IMPIANTO PER BIOGAS PRODUZIONE DI ENERGIA APPROVVIGIONAMENTO DELLA BIOMASSA GESTIONE DEL DIGESTATO

Parte 1 AMBITO DELL ANALISI ESERCIZIO DELL IMPIANTO PER BIOGAS PRODUZIONE DI ENERGIA APPROVVIGIONAMENTO DELLA BIOMASSA GESTIONE DEL DIGESTATO Dipartimento di Economia e Ingegneria agrarie Alessandro Ragazzoni Potenza e biomassa Quando l impianto l di biogas conviene BIOMASSA BIOGAS ENERGIA DIGESTATO Cremona, 29 ottobre 2011 Parte 1 AMBITO DELL

Dettagli

ASSESSORATO AGRICOLTURA Direzione Generale Agricoltura Bologna (Italy) Autorit

ASSESSORATO AGRICOLTURA Direzione Generale Agricoltura Bologna (Italy) Autorit ASSESSORATO AGRICOLTURA Direzione Generale Agricoltura Bologna (Italy) Autorit Autorità locale competente in agricoltura Guido Violini Servizio Valorizzazione delle produzioni Qualificazione delle produzioni

Dettagli

Concentratore innovativo per il digestato di fermentazione anaerobica ConDIFA

Concentratore innovativo per il digestato di fermentazione anaerobica ConDIFA Dipartimento SAIFET Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente www.regione.lombardia.it Concentratore innovativo per il digestato di fermentazione anaerobica ConDIFA Il sito della ricerca in agricoltura

Dettagli

Analisi di redditività degli investimenti sul biogas Le prospettive per la produzione di biogas in Italia alla luce delle nuove tariffe incentivanti

Analisi di redditività degli investimenti sul biogas Le prospettive per la produzione di biogas in Italia alla luce delle nuove tariffe incentivanti Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Economia e Ingegneria agrarie Università di Bologna Convegno L impatto del sistema di incentivazione sul «mercato» del biogas Analisi di redditività degli investimenti

Dettagli

Tecnologie innovative per il trattamento dei liq

Tecnologie innovative per il trattamento dei liq Tecnologie innovative per il trattamento dei liq SPECIALE REFLUI di Giuseppe Bonazzi Sergio Piccinini Claudio Fabbri Tra le varie proposte delle ditte specializzate, quella della digestione anaerobica

Dettagli

D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE

D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE D.1 LE RETI IDRICHE E GLI SPANDIMENTI SUL SUOLO AGRICOLO D.1.1 IL SISTEMA ACQUEDOTTISTICO Introduzione ed inquadramento generale

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE!" #$!%&'! "# PROGRAMMA D AZIONE DELLE ZONE VULNERABILI DA NITRATI DI ORIGINE AGRICOLA della REGIONE MARCHE (ZVN) e prime disposizioni di attuazione del D. Lgs. 152/06 e

Dettagli

Biogas e biometano per la competitività dell azienda agricola

Biogas e biometano per la competitività dell azienda agricola la competitività dell azienda agricola CONFERENZA Bioenergia: quali prospettive per l agricoltura e l impresa italiana Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia 6 luglio 2015, Milano Centro Ricerche

Dettagli

Decreto 7 aprile 2006

Decreto 7 aprile 2006 Decreto 7 aprile 2006 Ministero delle Politiche Agricole e Forestali. Criteri e norme tecniche generali per la disciplina regionale dell'utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento, di cui

Dettagli

Costruire un impianto di Biogas: dal Nord Italia all Abruzzo

Costruire un impianto di Biogas: dal Nord Italia all Abruzzo Costruire un impianto di Biogas: dal Nord Italia all Abruzzo Pescara 23 Febbraio 2010 Fasi per la realizzazione Iter autorizzativo Progettazione Esecuzione Gestione impianto Iter autorizzativo Autorizzazione

Dettagli

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA IL BIOGAS IN AGRICOLTURA CIB - Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione G. Bezzi IL BIOGAS Biogas: prezioso combustibile gassoso naturale che nasce dalla fermentazione di materia organica e vegetale,

Dettagli

Procedura gestione nitrati 2012 nel portale delle Aziende agricole nota sui metodi di calcolo

Procedura gestione nitrati 2012 nel portale delle Aziende agricole nota sui metodi di calcolo Procedura gestione nitrati 2012 nel portale delle Aziende agricole nota sui metodi di calcolo Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali Elementi per la classificazione azienda Conformità

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

MODULO A. e, p.c.: Ill.mo Signor Sindaco del Comune di. (copia in bollo alla Provincia, copia in carta semplice al Comune)

MODULO A. e, p.c.: Ill.mo Signor Sindaco del Comune di. (copia in bollo alla Provincia, copia in carta semplice al Comune) MODULO A. Spettabile Provincia di Torino Area Ambiente, Parchi, Risorse Idriche e tutela della Fauna Servizio Gestione Risorse Idriche Via Valeggio, 5 10128 Torino (copia in bollo alla Provincia, copia

Dettagli

AGRICOLTURA INDICATORI OBIETTIVI. Fornire una descrizione del territorio effettivamente destinato ad attività agricole produttive

AGRICOLTURA INDICATORI OBIETTIVI. Fornire una descrizione del territorio effettivamente destinato ad attività agricole produttive OBIETTIVI Fornire una descrizione del territorio effettivamente destinato ad attività agricole produttive Presentare una valutazione indiretta del grado di contaminazione del suolo Fornire informazioni

Dettagli

Il BIOGAS: una possibile integrazione al reddito agricolo

Il BIOGAS: una possibile integrazione al reddito agricolo Biogas Biomasse: Energia Il BIOGAS: LENO (BS) dall agricoltura, un opportunità da valorizzare una possibile integrazione al reddito agricolo Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzione Animali Reggio Emilia,

Dettagli

Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità

Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità Le schede di valutazione di merito tecnico dell affidabilità delle tecnologie per il trattamento degli effluenti zootecnici in ambito aziendale e interaziendale Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità

Dettagli