COMUNE DI CORNEGLIANO LAUDENSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CORNEGLIANO LAUDENSE"

Transcript

1 COMUNE DI CORNEGLIANO LAUDENSE

2 INDICE Il bilancio di inizio mandato Introduzione al bilancio di inizio mandato Organizzazione politica e amministrativa Giunta e deleghe operative Organizzazione dell'ente Personale e dotazione organica Valorizzazione del patrimonio Gestione del territorio e delle risorse Popolazione e crescita della società Territorio e valorizzazione dell'ambiente Economia e sviluppo delle potenzialità Accordi e convenzioni Strumenti di programmazione negoziata Organismi gestionali e servizi pubblici locali Convenzioni e altri accordi negoziali Vincoli di bilancio e contribuzione esterna Programmazione e vincoli di bilancio Disponibilità di risorse straordinarie Indebitamento e ricorso al credito Vincoli del patto di stabilità Servizi offerti e politica tributaria Finanziamento della gestione corrente Politica tributaria Servizi offerti al cittadino Opere pubbliche e scelte d'investimento Finanziamento degli investimenti Politica d'investimento

3

4 INTRODUZIONE AL BILANCIO DI INIZIO MANDATO Il Bilancio di inizio mandato, in diversi ambiti denominato PGS (Piano generale di sviluppo), riporta le linee programmatiche di governo dell''amministrazione per un periodo temporale che abbraccia l intero mandato elettivo. Questo strumento tende quindi ad accrescere il grado di concretezza presente nelle linee programmatiche della nuova amministrazione così da tradurre gli indirizzi generali in obiettivi chiari e perseguibili. Ci si colloca, a pieno titolo, nel processo di programmazione politica, un'aspetto spesso trascurato per favore invece un'impostazione più orientata verso l aspetto contabile. Lo scopo è quindi quello di calare le strategie politiche nel loro reale contesto attuativo. Il piano generale di sviluppo è previsto come documento obbligatorio dall art.165, comma 7, del Testo unico degli enti locali. Esso comporta il confronto delle linee programmatiche con le reali possibilità operative dell ente ed esprime, per la durata di tutto il mandato, le linee di azione dell ente nell organizzazione e nel funzionamento degli uffici, nei servizi da assicurare alla collettività, nelle gestione delle risorse finanziarie di parte corrente e negli investimenti. Un'impostazione, quindi, di ampio respiro verso la pianificazione strategica. Questo strumento, ancora poco conosciuto e spesso relegato a fare parte dell affollato mondo delle previsioni normative in parte disattese, è stato di recente rivalutato dall Osservatorio per la Finanza e contabilità degli enti locali istituito presso il Ministero dell Interno. Con il principio contabile n.1 Programmazione e previsione del sistema del Bilancio - approvato nel luglio del 2003 ma profondamente rivisto con il successivo aggiornamento avvenuto nel la norma è uscita dall ambito del generico per assumere connotati ben più definiti. L attività di programmazione, vista come il processo di analisi e valutazione degli obiettivi politici in relazione alle risorse disponibili, è stata pertanto agganciata con forza al principio dell adeguatezza. L attività di programmazione, vista come il processo di analisi e valutazione degli obiettivi politici in relazione alle risorse disponibili, è stata pertanto agganciata con forza al principio dell adeguatezza del processo informativo verso il cittadino. La programmazione politica trova in questo strumento un respiro più ampio di quello presente nei documenti contabili del sistema di bilancio (principalmente la Relazione previsionale e programmatica) nei quali l aspetto contabile spesso oscura la parte più tipicamente programmatoria. Collocando idealmente il PGS in un intervallo normativo, questi si trova in posizione mediana rispetto le due estremità rappresentate dalle Linee programmatiche di mandato, dove la componente politica primeggia in modo pressoché totale, ed i documenti ufficiali di bilancio (Relazione programmatica e gli strumenti di Pianificazione delle opere pubbliche), dove l aspetto contabile assume invece un importanza più marcata. Va infine precisato che per il primo triennio, le previsioni del PGS coincidono con la programmazione contenuta nei documenti finanziari che sono stati approvati dal consiglio comunale durante la sessione dedicata al Bilancio di previsione e documenti connessi tenutasi in data 28 luglio u.s.. Per questo motivo si è preferito non riportare in questo documento i dati contabili del primo triennio, già esposti nella Relazione previsionale e programmatica, mentre ci si è volutamente astenuti dall'ipotizzare valutazioni economiche riferite all'ultimo biennio del mandato, troppo lontane nel tempo e soggette al mutevole quadro normativo. Il Sindaco 1

5

6 GIUNTA E DELEGHE OPERATIVE Organo esecutivo e governo dell ente Secondo quanto previsto dal testo unico sugli enti locali, la giunta collabora con il sindaco nel governo del comune ed opera attraverso deliberazioni collegiali. L organo esecutivo compie tutti gli atti che rientrano nelle funzioni degli organi di governo, che non siano riservati dalla legge al consiglio e che non ricadano nelle competenze, previste dalle leggi o dallo statuto, del sindaco o degli organi di decentramento. In questa veste, collabora con il sindaco per attuare gli indirizzi generali del consiglio, riferisce annualmente al consiglio sulla propria attività svolgendo inoltre un attività propositiva e di impulso nei confronti dello stesso. Il sindaco attribuisce agli assessori le specifiche deleghe operative, con attribuzione delle rispettive competenze. Con atto Consiliare n.19 dell'11/6/2014, esecutivo, sono stati comunicati i componenti della Giunta Comunale ai sensi dell'art.46 - c.2 - del D.Lgs. 267/2000 e s.m.i. Programmazione di mandato Definizione delle linee programmatiche: con atto del Congiglio Comunale n.20 in data 11 giugno u.s., esecutivo, sono state definitite le linee programmatiche dell'amministrazione comunale risultata eletta. Commissioni consultive e consulte: si procederà all approvazione di un nuovo regolamento che disciplini le commissioni consultive e le consulte sulla base della ridefinizione degli organismi politico-amministrativi per rendere le stesse più snelle pur mantenendo il ruolo fondamentale dei cittadini a supporto dell Amministrazione. Gruppo di Protezione Civile: pur mantenendo in capo al Sindaco la titolarità delle competenze si darà attuazione alla costituzione di un gruppo intercomunale nell ambito della funzione già associata. Periodico aggiornamento del Piano di Emergenza Comunale come previsto dalla normativa. 2

7 ORGANIZZAZIONE DELL'ENTE Struttura tecnica e compiti di gestione Nell'organizzazione del lavoro, propria di una moderna ed efficace amministrazione pubblica, la definizione degli obiettivi generali e dei programmi è affidata agli organi di governo, di estrazione politica. I dirigenti ed i responsabili dei servizi, invece, provvedono alla gestione operativa di natura finanziaria, tecnica e amministrativa, compresa l adozione dei provvedimenti che impegnano l amministrazione verso l esterno. Gli organi politici esercitano sulla parte tecnica un potere preventivo di indirizzo, unito ad un successivo controllo sulla valutazione dei risultati ottenuti. Gli obiettivi e le corrispondenti risorse sono attribuiti ai responsabili dei servizi con il documento a valenza annuale denominato Piano esecutivo di gestione (PEG). Programmazione di mandato Deleghe/Referenze: Sindaco: MATTEO LACCHINI - Rappresentanza dell'ente; affari generali; urbanistica; edilizia; lavori publici; edilizia residenziale pubblica; bilancio e finanza comunale; società partecipate; servizi demografici e cimiteriali; personale e nuovi modelli organizzativi uffici comunali. Consigliere comunale: MARIA ANGELA ASCRIZZI - Politiche sociali; realtà giovanile; servizio civile; leva civica; volontariato; politiche femminili e pari opportunità; eventi, manifestazioni e sagre patronali. 3

8 IVANA TEDOLDI - Politiche per la famiglia e solidarietà sociale; terza età; assistenza; prevenzione; servizi sanitari e affini. ELISA TORNARI - Sport, tempo libero, impianti sportivi e rapporti con le associazioni. STEFANO IACHETTI - Energia e risorse rinnovabili; Protezione Civile. GAETANO FORTI - Comunicazione e informazione; qualità servizi erogati; lavoro, commercio e attività produttive; sviluppo, gestione e manutenzione patrimonio. Trasparenza e normative: costante aggiornamento del sito internet comunale a cui sarà data anche una configurazione di accessibilità più intuitiva, da cui raccogliere anche proposte concrete dei cittadini; mantenimento e implementazione del livello di trasparenza istituzionale in base alla cosiddetta AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE, inteso come «accessibilità totale» alle informazioni che riguardano l'organizzazione e l'attività della Pubblica Amministrazione (D.Lgs. marzo 2013, n. 33), con l obiettivo di favorire un controllo diffuso da parte del cittadino sull'operato delle istituzioni e sull'utilizzo delle risorse pubbliche: - assicurare la conoscenza dei servizi resi, le caratteristiche quantitative e qualitative, nonché le modalità di erogazione; - prevenire fenomeni corruttivi e promuovere l integrità; - sottoporre al controllo diffuso ogni fase del ciclo di gestione della performance per consentirne il miglioramento. Informazione: sarà mantenuta e garantita la puntuale e costante informazione alla cittadinanza con l ausilio, il rinnovamento e l integrazione degli strumenti già a disposizione: L Informatore (periodico cartaceo redatto e stampato in proprio a costi ridottissimi) recapitato ogni mese gratuitamente a tutte le famiglie; il sito istituzionale e l installazione di un pannello informativo a led su cui pubblicare avvisi alla cittadinanza, con contestuale trasmissione attraverso sms e/o mail a coloro che ne facciano richiesta e ne diano il consenso. Iniziative ed eventi: saranno tutte promosse con tempestività attraverso il sito internet, L Informatore e gli ulteriori mezzi di comunicazione disponibili. Conosci i servizi del tuo Comune: verrà riproposto annualmente, con destinatari privilegiati i nuovi residenti e i neomaggiorenni, un momento di conoscenza e visita delle strutture e dei servizi comunali. Linea diretta con il tuo Comune: sarà garantita la disponibilità del Sindaco e degli amministratori a richieste di colloqui e proposte per incontri. Collegamento a internet gratuito: verrà realizzata una rete Wi-Fi per la connessione gratuita ad internet senza collegamento a rete fissa servendo alcuni degli spazi pubblici del paese. Funzioni associate obbligatorie: sarà dato seguito al percorso di associazione obbligatoria delle funzioni fondamentali per i comuni compresi tra i e i abitanti attraverso le modalità e gli strumenti previsti dalla legislazione vigente in materia. 4

9 PERSONALE E DOTAZIONE ORGANICA L'organizzazione e la forza lavoro Il comune fornisce alla propria collettività un ventaglio di prestazioni che sono, nella quasi totalità, erogazione di servizi. A differenza della produzione di beni, la fornitura di servizi richiede una marcata presenza di personale con la conseguenza che la relativa spesa incide in modo rilevante sui costi complessivi. E questo è valido sia per l'ente pubblico che per l'impresa privata. In base alla normativa vigente, la definizione degli obiettivi generali è affidata agli organi politici mentre ai responsabili tecnici sono attribuiti i compiti operativi (atti di gestione) con la relativa dotazione di personale. La politica delle assunzioni e quella delle sostituzioni, compresa l'individuazione del sistema premiante, sono decisioni che competano invece all'organo politico. Personale complessivo Pianta Presenze Cat./Pos. organica effettive B1 1 1 C1 5 4 D1 1 1 D3 2 2 Personale di ruolo 9 8 Personale fuori ruolo 0 Totale generale 8 Programmazione di mandato Personale e risorse umane: evidenziando la riduzione del costo del personale nel corso dell ultimo mandato amministrativo (da 127,07 a 100,25 per abitante all anno), mantenimento dei livelli ottimali in sintonia con la legislazione specifica, i contratti nazionali e l associazione obbligatoria delle funzioni. Si manterrà l attuale livello orario di apertura al pubblico degli uffici, compreso l apprezzato Mercoledì del cittadino (che prevede un totale di 7 ore di apertura al pubblico). Dotazioni tecniche e tecnologiche: miglioramento delle stesse uniformando i programmi nell ambito della gestione associata delle funzioni con contestuale attenzione a progetti di reti telematiche che permettano e rendano più agevole lo scambio di informazioni tra enti. 5

10 VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO Infrastrutture e politica di bilancio Il conto del patrimonio mostra in sintesi il valore delle attività e delle passività che costituiscono, per l appunto, la situazione patrimoniale dell'ente. Questo quadro di riepilogo della ricchezza non è estraneo al contesto in cui si sviluppa la programmazione di medio-lungo periodo. Il margine di flessibilità in cui si innestano le scelte della nuova amministrazione sono influenzate anche dalla condizione in cui versa il patrimonio comunale, e il grado di adeguatezza delle infrastrutture con il loro fabbisogno di manutenzione sono elementi che incidono nella pianificazione della spesa. Ma anche l'indebitamento accumulato (passivo) e il grado di esigibilità dei crediti (attivo) sono elementi di grande rilievo, al pari di talune norme collegate alla programmazione degli investimenti che consentono, in determinati casi, l'alienazione del patrimonio con la destinazione del ricavato al finanziamento di nuovi interventi in conto capitale. Attivo patrimoniale 2013 Denominazione Importo Immobilizzazioni immateriali 0,00 Immobilizzazioni materiali ,97 Immobilizzazioni finanziarie ,10 Rimanenze 0,00 Crediti ,53 Attività finanziarie non immobilizzate 0,00 Disponibilità liquide ,76 Ratei e risconti attivi 241,99 Totale ,35 Passivo patrimoniale 2013 Denominazione Importo Patrimonio netto ,72 Conferimenti ,49 Debiti ,14 Ratei e risconti passivi 0,00 Totale ,35 Programmazione di mandato Pubblica illuminazione: prosecuzione del percorso di studio e acquisizione da parte del Comune degli impianti di illuminazione pubblica attualmente non di sua proprietà, per poi poter assegnare il servizio tramite bando di gara. Ciò consentirà l adeguamento e la riqualificazione degli impianti di illuminazione pubblica teso a garantire una maggiore sicurezza e un maggiore risparmio energetico, con contestuale riduzione e razionalizzazione dei costi a carico dell Ente e della cittadinanza. Strade e marciapiedi: pur con la ridotta disponibilità di risorse finanziarie si manterrà il livello di sicurezza e azioni appropriate, anche con l ausilio di un piano programmato degli interventi manutentivi. Pulizia strade: mantenimento, ottimizzazione e razionalizzazione del servizio di spazzamento meccanizzato settimanale, con calendario a zone. Si provvederà inoltre a una ridefinizione e razionalizzazione delle zone esistenti. Manutenzione Programmata: viste le sempre più esigue risorse a disposizione dei Comuni, anche per le restrizioni di accesso al credito, il primo impegno deve essere quello del mantenimento e della manutenzione degli edifici e delle aree di proprietà comunale, dando priorità alla loro costante e puntuale manutenzione ordinaria e straordinaria. Spazio aggregativo: compatibilmente alla disponibilità di ulteriori risorse rispetto a quelle previste per la manutenzione programmata, implementazione delle strutture/aree di proprietà comunale atte ad ospitare attività di tipo ludico, ricreativo e aggregativo. Destinazione locali comunali: individuazione di opportune destinazioni d uso dei locali comunali disponibili in base a 6

11 una riorganizzazione e/o implementazione dei servizi alla cittadinanza. Edilizia scolastica: manutenzione puntuale degli spazi didattici attraverso il coordinamento e la sinergia costanti tra settore istruzione e tecnico. Garanzia degli standard di qualità e di sicurezza delle scuole dell Infanzia (materna) e Primaria (elementare); interventi per l autonomia energetica presso la Scuola dell Infanzia. Centro Sportivo comunale: attraverso un adeguata programmazione si darà seguito a una serie di interventi ordinari e straordinari di manutenzione atti a mantenere l efficienza di utilizzo dell impianto sportivo prossimo ormai ai 30 anni di vita, con particolare attenzione all aspetto del risparmio energetico. Si darà corpo all incentivazione, attraverso l impegno di società che già operano nell ambito, di un ulteriore ampliamento dell unità di offerta del centro sportivo con la realizzazione di una nuova struttura coperta per la pratica del calcetto utilizzabile anche per l attività del calcio giovanile al riparo dagli agenti atmosferici. Gestione, affidamento e manutenzione impianti: favorire la gestione diretta degli impianti da parte delle società sportive, con priorità per quelle attive nell avviamento allo sport dei giovani, eliminando o riducendo a importi simbolici i canoni di concessione, in cambio dell impegno ad una puntuale opera di manutenzione ordinaria e al pagamento dei consumi energetici. Concessione area compresa nel Centro Sportivo comunale (Parco acquatico): con la scadenza della convenzione ventennale stipulata nell anno 1996 si procederà al riaffidamento del servizio a soggetto privato ridefinendone le modalità e i relativi contenuti convenzionali. Cimitero: in sintonia con le normative vigenti in materia, si darà applicazione al Piano cimiteriale e si provvederà alla realizzazione di nuovi spazi dedicati quali il Giardino delle rimembranze (area spargimento ceneri) e l area per il commiato laico (reparto acattolico); sarà valutata inoltre la concessione dell area su cui realizzare nuove cappelle gentilizie a cura dei privati in base all acquisizione di manifestazione di interesse. Aree verdi e parchi: puntuale cura del patrimonio verde comunale attraverso gli opportuni interventi mirati. Aree sgambamento cani : sarà rivalutata la possibilità di realizzare un ulteriore area regolamentata in cui sarà possibile per i cani muoversi e correre liberamente nel verde. Piazzola Ecologica: a seguito dell assegnazione del cofinanziamento regionale FRISL al nostro Comune si procederà all esecuzione dei lavori di ristrutturazione e riqualificazione del Centro di raccolta comunale dei rifiuti urbani e assimilabili. Gli interventi in progetto sono rappresentati da: ampliamento della viabilità interna per una superficie di circa 300 mq con ingresso e uscita separati; installazione di sbarra automatica di accesso con un sistema di identificazione (CRS, badge..); ridistribuzione dei cassoni di raccolta delle diverse tipologie di rifiuto dotati di apposite scalette per il relativo conferimento; realizzazione nuova recinzione perimetrale costituita da muretto e recinzione metallica prefabbricata; potenziamento sistema di videosorveglianza. Operazione rendi più bello il tuo paese : iniziative a cadenza periodica di pulizia straordinaria, manutenzione ordinaria, tinteggiatura di immobili pubblici a cui chiamare a raccolta tutti i cittadini volenterosi che vogliano essere partecipi e utili al mantenimento del bene comune. Decoro e pulizia: mantenimento e implementazione del decoro e della pulizia degli spazi pubblici e privati in prossimità di attività ed esercizi pubblici e commerciali (bar, negozi ) attraverso le attività dell operatore ecologico comunale, dei volontari e del Gruppo lavoro estivo. Festa dell albero: sarà mantenuta e rivista nella forma la festa annuale un albero per ogni nato ispirata alla legge Rutelli n. 113/92. Ex Oratorio dei Santi Simone e Giuda: la Chiesina sarà sempre più contenitore di iniziative quali mostre, concerti, spettacoli, incontri; potrà inoltre diventare luogo della creatività con la promozione di esposizioni, mostre e attività varie che consenta soprattutto ai giovani artisti di esprimersi Storia e tradizioni locali: proseguimento della pubblicazione del quaderno di storia locale Semi di Memoria e del Calendario con scorci del paese; sostegno e potenziamento delle iniziative legate alle nostre Sagre Patronali, come riscoperta delle vecchie tradizioni da trasmettere alle nuove generazioni. 7

12

13 POPOLAZIONE E CRESCITA DELLA SOCIETÀ Il fattore demografico Il comune è l'ente locale che rappresenta la propria comunità, ne cura gli interessi e ne promuove lo sviluppo. Abitanti e territorio, pertanto, sono gli elementi essenziali che lo caratterizzano. La composizione demografica assume tendenze, come l invecchiamento, che l'amministrazione deve saper leggere e interpretare prima di pianificare lo viluppo. L andamento demografico nel complesso, ma soprattutto il saldo naturale e il riparto per sesso ed età, sono fattori importanti che incidono sull'organizzazione dei servizi e sulla politica d'investimento nel tempo. Popolazione (andamento demografico) Popolazione legale Popolazione legale (ultimo censimento disponibile) Movimento demografico Popolazione al (+) Nati nell'anno (+) 14 Deceduti nell'anno (-) 20 Saldo naturale -6 Immigrati nell'anno (+) 159 Emigrati nell'anno (-) 104 Saldo migratorio 55 Popolazione al Popolazione (stratificazione demografica) Popolazione suddivisa per sesso Maschi (+) Femmine (+) Popolazione al Composizione per età Prescolare (0-6 anni) (+) 194 Scuola dell'obbligo (7-14 anni) (+) 234 Forza lavoro prima occupazione (15-29 anni) (+) 489 Adulta (30-65 anni) (+) Senile (oltre 65 anni) (+) 442 Popolazione al Programmazione di mandato Welfare territoriale interventi sociali: si continuerà a mantenere una visione territoriale degli interventi attraverso il rilancio dell azione dell Azienda Speciale Consortile per i Servizi alla persona, progredendo verso una attuazione di welfare territoriale almeno in ottica provinciale evitando grandi differenze di azione tra i comuni e garantendo un trattamento condiviso di base a tutti gli utenti del territorio. Ciò porterà sicuramente anche ad una riduzione dei costi mantenendo alta l efficienza dei servizi. Sostegno alla famiglia, disagio giovanile, criminalità minorile e dipendenze: riteniamo che la prevenzione sia il cardine su cui innestare tutte le attività in merito. Il denaro speso per questo tipo di azioni non è perso ma è investito. Sarà dato pieno sostegno a: Rete degli affidi; Programmi di educativa di strada; Iniziative di promozione della prevenzione e lotta contro le dipendenze agendo fianco a fianco con gli enti che si occupano di queste problematiche sul territorio. Assistenza domiciliare per anziani: cura della persona e della sua abitazione, consegna pasti a domicilio, e altri servizi, finalizzati alla permanenza di persone anziane disabili e/o ammalate presso il loro domicilio, con conseguente riduzione del ricorso a strutture di ricovero temporaneo o definitivo. Sarà quindi necessario individuare delle forme di ausilio economico a coloro che, nel rispetto della dignità personale e familiare, possono restare nella loro abitazione e 8

14 usufruire, per esempio, del servizio di badante a contratto (Bonus badanti). Case famiglia per anziani: evidenziando la necessità di un maggior numero di posti letto nelle RSA disponibili sul territorio, si favorirà la nascita di case famiglia e di nuove strutture di iniziativa privata, che prevedano anche nuove forme di assistenza, tra le quali anche la residenza leggera a costi sostenibili per gli anziani. Diversa abilità: promozione di un sistema territoriale che garantisca la partecipazione dei disabili ai centri diurni senza pesare eccessivamente sulle famiglie. Saranno valutate periodicamente le progettualità attuate in modo da individuare l esatta collocazione dell utente in funzione della gravità della sua disabilità (CDD, CSE, SFA, ecc.) che stabilirà soprattutto l efficacia del progetto attivato. Nuove azioni: si proseguirà nella ricerca di una rete di enti, associazioni e privati cittadini che permetta di affrontare l urgenza creatasi per l aumento esponenziale di problematiche sociali (sfratti esecutivi, perdita del lavoro, ) che necessita di una risposta, cercando di far sì che nessuno resti abbandonato. Servizi erogati dall ASL: integrazione di tali servizi con quelli erogati dai Comuni per evitare sovrapposizioni di intervento e facilitare collaborazioni, programmazioni, riducendo inoltre i costi di duplicazioni di strutture organizzative. Assistente sociale: sarà garantita la presenza settimanale (su appuntamento) di un assistente sociale dell Azienda Speciale servizi alla persona. Nuove dipendenze-il Gioco d Azzardo: dopo l adesione del nostro Comune al Manifesto contro il Gioco d Azzardo si darà seguito a quell indispensabile lavoro culturale, a partire dai giovani nelle scuole, e a una più stretta collaborazione con il servizio dipendenze dell Asl ai fini della limitazione di questo problema che in questi ultimi anni si è sviluppato in maniera esponenziale e per molte persone è diventata una forma grave di dipendenza, determinando forti difficoltà nelle famiglie, spesso portandole a squilibri economici. Servizio di trasporto e volontariato: attraverso la collaborazione con la Libera Associazione Solidarietà Cornegliano, a cui sarà garantito l uso di appositi spazi comunali, si continuerà a mantenere il servizio di trasporto per anziani (con mezzi del Comune o della stessa associazione), inabili e portatori di handicap presso ospedali o ambulatori. Sostegno, promozione e sensibilizzazione all impegno di volontariato nei confronti delle persone in difficoltà. Telesoccorso/Telesalvalavita: grazie al mantenimento di tale servizio, attraverso l ausilio di queste apparecchiature tecnologiche le persone anziane e/o ammalate potranno inoltrare in caso di bisogno una chiamata telefonica verso una centrale operativa o i propri familiari. Proposte per la Terza Età: campagne di informazione e formazione alla sicurezza per le persone anziane, oggi spesso vittime di episodi di raggiro in continuo e preoccupante aumento; mantenimento e prosecuzione delle attività dedicate e destinate alla terza età (gite, soggiorni climatici, cure termali, festa della terza età, biblioteca a casa) e contestuale sostegno ai gruppi di aggregazione locale (ad es. Nuova Età e San Simone e Giuda). Punto prelievi e poliambulatorio comunale: mantenimento del servizio punto prelievi che garantisce l attuazione settimanale di prelievi presso il nuovo ambulatorio realizzato, che sarà affittato anche per attività di tipo ambulatoriale specialistiche. Screening e Prevenzione: mantenimento delle iniziative a favore della cittadinanza (pap test, visita senologica, visita ginecologica, controllo dell udito, controllo della cute/nei, controllo della prostata) e nuovi interventi su categorie a rischio (patologie cardiovascolari, sensibilizzazione dei tumori femminili under 40..). Scuola materna estiva: sarà mantenuto il servizio di assistenza presso la Scuola dell infanzia per i bambini dai tre ai sei anni nel mese di luglio. Centro estivo diurno Luglio in movimento : riproposizione del progetto per i ragazzi dai 6 ai 13 anni che prevede servizi di assistenza con attività ludico, sportive e aggregative in genere, ma anche di studio. Asilo nido: mantenimento del sostegno alle famiglie residenti per il pagamento della retta mensile attraverso un contributo comunale. Grest estivo e doposcuola parrocchiali: sostegno economico e non di queste iniziative parrocchiali. Mantenimento servizi di qualità scuole Primaria e dell Infanzia: continuare a mantenere alto il livello degli impegni finanziari garantiti negli ultimi anni con il Piano annuale di Diritto allo Studio che ha consentito di garantire servizi essenziali per gli alunni e le loro famiglie, anche attraverso le convenzioni con le Suore Trinitarie e l Associazione San Bassiano (F.I.S.M.) per la scuola dell Infanzia. Conferma e dove possibile sviluppo dei seguenti servizi, sempre con grande attenzione al contenimento delle tariffe: refezione scolastica; pre e post scuola (utile per la conciliazione dei tempi casa/lavoro); trasporto scolastico; assistenza individuale ad personam agli alunni con disabilità; interventi a sostegno delle attività formative nel rispetto dell autonomia progettuale delle scuole; in base al numero delle iscrizioni sarà annualmente valutata la possibilità di estendere l ingresso a bambini anticipatari (età compresa tra i 30 e i 36 mesi); fornitura gratuita dei libri di testo; materiale e attrezzature didattiche. Borse di studio: mantenimento per gli studenti meritevoli all Esame di Stato che si iscrivono a corsi Universitari. Pedibus: verrà riproposto il progetto Pedibus di accompagnamento pedonale. Dote scuola Regione Lombardia: continuerà ad essere garantita l assistenza nella compilazione delle richieste di contributo con il supporto attivo del personale comunale preposto. Scuola secondaria di primo grado (media): sostegno alle spese per il trasporto scolastico attraverso apposito bando per le famiglie meno abbienti. Studio di fattibilità con i Comuni contermini e con il Ministero preposto per l eventuale avviamento dell iter di realizzazione di un polo scolastico secondario di primo grado come in previsione negli strumenti urbanistici comunali. 9

15 TERRITORIO E VALORIZZAZIONE DELL'AMBIENTE Pianificazione territoriale Per governare il proprio territorio bisogna valutare, regolare, pianificare, localizzare e attuare tutto quel ventaglio di strumenti e interventi che la legge attribuisce ad ogni ente locale. Accanto a ciò, esistono altre funzioni che interessano la fase operativa e che mirano a vigilare, valorizzare e tutelare il territorio. Si tratta di gestire i mutamenti affinché siano, entro certi limiti, non in contrasto con i più generali obiettivi di sviluppo. Per fare ciò, l'ente si dota di una serie di regolamenti che operano in vari campi: urbanistica, edilizia, commercio, difesa del suolo e tutela dell'ambiente. Territorio (urbanistica) Piani e strumenti urbanistici vigenti Piano regolatore adottato (S/N) No Piano regolatore approvato (S/N) No Programma di fabbricazione (S/N) No Piano edilizia economica e popolare (S/N) No Piano insediamenti produttivi Industriali (S/N) No Artigianali (S/N) No Commerciali (S/N) No Altri strumenti (S/N) No Coerenza urbanistica Coerenza con strumenti urbanistici (S/N) No Area interessata P.E.E.P. (mq.) 0 Area disponibile P.E.E.P. (mq.) 0 Area interessata P.I.P. (mq.) 0 Area disponibile P.I.P. (mq.) 0 Programmazione di mandato Progetto Lodigiano acqua buona : prosecuzione della partecipazione al progetto destinato alle scuole dell Infanzia e Primaria comunali che prevede l utilizzo di acqua del rubinetto durante i pasti con conseguente eliminazione delle bottiglie di plastica. Ciò nell ultimo anno scolastico 2013/2014 ha permesso una riduzione di emissioni in atmosfera di Kg di CO2. Un esempio concreto per i nostri ragazzi su come, a partire da piccole azioni, si rispetta l ambiente. Progetto Educazione Stradale: sarà mantenuto il progetto di educazione stradale avviato nel corso dell anno scolastico 2013/14 dalla Polizia Locale e rivolto a tutte le classi della scuola primaria. Archivio Fotografico: proseguimento e implementazione mediante digitalizzazione e acquisizione di altre immagini a supporto del mantenimento della memoria storica locale. Mobilità nel paese: contestualmente alla nostra azione di sollecitazione a livello sovralocale per la definizione di una soluzione in grado di alleggerire i flussi veicolari gravanti sulla S.P. n. 235 (realizzabilità della nuova arteria stradale che colleghi la S.P strada per Cornegliano - e il casello autostradale già inserita nel PGT a livello d ambito (Comuni di Pieve Fissiraga; Borgo San Giovanni; Lodi e il contermine Massalengo) o ipotesi alternative), avvalendosi dei dati dello studio del traffico del PGT e integrandoli con nuove rilevazioni correlate al definitivo assetto del territorio si disporrà degli elementi portanti per l attuazione di misure atte a limitare le criticità esistenti e legate alla posizione in cui è ubicato il paese. In questi cinque abbiamo lavorato con la Provincia di Lodi affinchè il tratto della S.P. 186 (dalla nuova rotatoria-via Dordoni fino a innesto sulla S.P. 235) da provinciale diventasse comunale e ci consentisse di avere potestà regolamentare sulla stessa per alleggerire il traffico parassitario in centro Muzza. Il nostro progetto è quello di attivare in via sperimentale ordinanze mirate atte a indirizzare il flusso veicolare verso percorsi alternativi al centro abitato della Muzza, con la deviazione del traffico pesante verso il sottopasso del Codognino. Inoltre ci attiveremo, previa autorizzazione ministeriale, per il riconoscimento di zone a traffico limitato con l ausilio di varchi elettronici per le fasce orarie e i periodi dell anno soggette a maggior traffico. Rotatoria S.P. 186 (incrocio ingresso a Cornegliano): a fronte dell approvazione definitiva del PGT, in cui è stata già inserita, realizzazione di una nuova rotatoria in sostituzione dell incrocio di accesso all abitato di Cornegliano e opere di viabilità dolce correlate. Strade di collegamento con zone cascinali: manutenzione comprendente asfaltatura, adeguamento segnaletica orizzontale e verticale con formazione di rallentatori di velocità e ove necessario realizzazione di piazzole di sosta per veicoli, ottenute con brevi tratti di tombinatura di rogge sulle Strade per Sesmones, Campolungo/Fabia, Strada per Armagna/Belvedere/Squintana, Strada Cornegliano/Marescalca/Lodi. 10

16 Via del Codognino e sua prosecuzione verso Lodi: riqualifica del nastro viabilistico compreso tra l incrocio di Media World e quello prossimo alle cascine Campolungo e Fabia, anche attraverso il coinvolgendo delle realtà produttive vicine. Progetto Più occhi sulla città : integrazione tra le iniziative di sicurezza pubbliche e private, attraverso la valutazione ed eventuale attuazione di una collaborazione tra istituti di vigilanza e forze dell ordine per controllare il territorio (sulla base del progetto effettuato da alcune Prefetture d Italia denominato Mille occhi sulla città ). Ciò consentirebbe un canale preferenziale tra le centrali degli istituti privati e quelle di polizia locale e forze dell ordine, atto a renderne più rapido ed efficace l intervento sul territorio. Vigilanza e sorveglianza: proseguimento e potenziamento della gestione associata del servizio di Polizia Locale tra i Comuni di Cornegliano Laudense, Massalengo e Pieve Fissiraga, fondata sulla razionalizzazione delle risorse umane ed economiche ai fini di un ulteriore implementazione della presenza degli agenti sul territorio, dando seguito all armonizzazione e uniformità di gestione del servizio dei tre Comuni. Saranno mantenuti: il servizio di vigilanza in orari non coperti dal servizio quotidiano di Polizia Locale (domeniche di apertura dei centri commerciali e sabati con particolare afflusso di clienti; i fine-settimana nel periodo di apertura del parco acquatico Lodisplash); il servizio di pattugliamento diurno e serale settimanale, con potenziamento nel periodo estivo da maggio a settembre; la presenza di un agente di Polizia Locale tutti i pomeriggi del sabato (dalle 14 alle 19). Verrà ancora garantito il passaggio notturno in orari diversi di personale di un corpo di vigilanza privato. Videosorveglianza: sulla base delle valutazioni tecnico-progettuali acquisite si procederà all implementazione e alla razionalizzazione dall attuale sistema di videosorveglianza sul territorio comunale facendolo confluire in un unica centrale operativa di controllo. Piste ciclabili: realizzazione di percorso di viabilità dolce che colleghi la Muzza fino alla strada per la cascina Squintana a Cornegliano, con attraversamento protetto (già previsto dal PGT). Saranno proposte e promosse costanti sinergie con i comuni limitrofi per migliorare e mantenere con puntualità la interconnessione i percorsi con le località vicine. Percorsi naturalistici lungo il Canale Muzza: in collaborazione con il Consorzio di Bonifica Muzza Bassa Lodigiana si proseguirà nella ulteriore e costante gestione, manutenzione, tutela e valorizzazione dei percorsi naturalistici lungo il canale (alzaie). Rispetto e valorizzazione del territorio attraverso il P.G.T. ( Piano di governo del territorio ): sarà dato seguito all attuazione del Piano di Governo del Territorio vigente nel rispetto dei principi fondamentali su cui è stato sviluppato: RECUPERO E RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE (con particolare riferimento alle cascine e al nucleo storico di Cornegliano) e RIDUZIONE DEL CONSUMO DI SUOLO pari a circa il 74% prevista. Impianto stoccaggio gas naturale: ferma restando la titolarità della proprietà (i giacimenti di gas naturale del sottosuolo sono di proprietà dello Stato) e dell autorizzazione (il loro sfruttamento da parte dei privati è subordinato a una concessione ministeriale) in capo allo Stato, il Comune: ha provveduto fin dall inizio a impegnare risorse proprie per acquisire i necessari pareri tecnico-professionali (parere di un professionista geologo, parere legale di un avvocato urbanista ) nell esercizio del ruolo partecipativo attribuitogli dalla normativa in materia, al fine di prendere parte con la miglior competenza e conoscenza ai vari momenti dell iter procedurale ad oggi svoltosi (partecipazione da parte del Comune alle conferenze dei servizi ministeriali svoltesi a Roma Milano Lodi); ha trasmesso le proprie osservazioni, i rilievi e le note formulate ai preposti organi autorizzanti nelle diverse sedi relativamente agli aspetti di sicurezza, ambiente e salute, rispetto ai quali già in sede di Valutazione di Impatto Ambientale il Comune di Cornegliano Laudense non ha ritenuto di condividere il parere favorevole all impianto; ha chiesto e sollecitato già dal 1 giugno 2012 agli Enti preposti (Ministero e Regione) ogni ulteriore verifica, valutazione e accertamento in merito agli aspetti della sismicità e della micro-sismicità, a garanzia della salvaguardia della sicurezza e tutela della salute dei cittadini; ha esercitato il proprio diritto di riequilibrio previsto dalla normativa teso a non far perdere alcun diritto al territorio e alla propria cittadinanza. Il Comune è stato tenuto a esercitare il proprio ruolo e ha cercato in ogni momento di mettere in campo con tempestività la miglior competenza e conoscenza in materia al fine di garantire la sicurezza e la salute della cittadinanza propria e dei paesi limitrofi. Pertanto si continuerà: - a esercitare il proprio ruolo di monitoraggio, verifica e controllo congiuntamente agli ulteriori Enti preposti per legge nell ambito del rapporto istituzionale avviato con la Provincia di Lodi, la Regione Lombardia e i Ministeri competenti, anche attraverso nuove modalità di partecipazione (commissione/organismo/prot. intesa ad hoc), al fine di garantire il raggiungimento di un equilibrio che faccia della sicurezza, della difesa dell ambiente, della salute e della qualità della vita dei cittadini non un punto di arrivo ma un ponderato punto di partenza; - a continuare a mettere in atto tutte quelle azioni che, nell'ambito delle proprie competenze e delle attribuzioni conferitegli dalla legge, consentano di garantire informazione istituzionale al territorio interessato dal progetto. - a esercitare ogni tipo di diritto di riequilibrio previsto dalla normativa al fine di non far perdere alcun diritto al territorio e alla propria cittadinanza. Qualità dell aria: attraverso la partecipazione e la condivisione alle iniziative della Regione Lombardia, competente in materia, in accordo con gli Enti preposti (Arpa, Provincia, ASL) sarà mantenuta un attenzione costante sulla qualità dell aria, proponendo, compatibilmente con la disponibilità delle relative apparecchiature, il monitoraggio della qualità dell aria sul territorio comunale. Nuovi alberi: mantenimento sul territorio comunale dell indice fogliare e della triplice valenza delle funzioni dell albero: paesaggistica, ecologica e ambientale sulla base della disciplina dei tagli arborei prevista dal P.G.T. Impianti di biogas: istituzione di limitazione al transito dei mezzi agricoli pesanti a servizio degli stessi sulla viabilità comunale; mantenimento del proprio ruolo di monitoraggio, verifica e controllo congiuntamente agli ulteriori Enti preposti per legge sugli impianti presenti sul territorio municipale. Abbellimento rotatorie: si darà continuità alla riqualificazione e abbellimento delle rotatorie presenti sul territorio 11

17 comunale anche attraverso contratti di sponsorizzazione. Sensibilizzazione ecologica: prosecuzione delle campagne di informazione e sensibilizzazione dei cittadini al tema del risparmio energetico e a quello ecologico in generale promosse in questi anni ( Sulla Strada della Sostenibilità ; +Sport Sprechi ; Lodigiano acqua buona ; ecc.) anche attraverso la partecipazione a bandi mirati su questa tematica. Sistema idrico integrato (fognatura, acqua e depurazione): il Comune si farà garante del puntuale intervento da parte della Società Acqua Lodigiana (S.A.L.) che gestisce direttamente gli impianti di fognatura, acqua e depurazione sul nostro territorio. A fronte della realizzazione e attivazione del nuovo impianto di depurazione consortile (Cornegliano, Pieve e Borgo) e al progetto già approvato sarà sollecitato a SAL la realizzazione del collegamento fognario tra la località Cornegliano e il depuratore consortile stesso. Servizio di igiene urbana: si proseguirà e concluderà il percorso di affidamento a una società pubblica (costituitasi due anni fa), interamente controllata dai comuni che ne faranno parte, del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti dando piena operatività al progetto, affinchè dal 2015 il suo servizio abbia inizio. Tra gli obiettivi di questa scelta l efficacia, l efficienza, la legalità e la sicurezza della gestione del ciclo integrato dei rifiuti, oltre a quello, non secondario, di non aumentare il costo della tassa rifiuti di famiglie ed imprese. Infatti l impegno di SOGIR (questo il nome attuale della società pubblica di raccolta rifiuti) all atto della sua costituzione è proprio quello di tenere i prezzi bloccati fino al 2016 così da non gravare ulteriormente sulle famiglie e sulle imprese. Raccolta differenziata: il nostro Comune risulta da anni tra i primi della Provincia di Lodi come percentuale di raccolta differenziata (69,35% nell anno 2012), superando i limiti previsti dalla normativa vigente in materia. Si deve necessariamente proseguire su questa strada tracciata di raccolta porta a porta (secco, umido, carta, plastica) cercando di fare ancora meglio. Sarà attuato un maggior controllo sul territorio rispetto alle modalità di differenziazione ed esposizione dei rifiuti. Raccolta del verde: prosecuzione della raccolta gratuita porta a porta. Disinfestazione e derattizzazione: riproposizione delle apposite campagne annuali mirate al contenimento di zanzare e topi. Piano contenimento nutrie: sarà promossa la partecipazione di personale volontario a corsi per selecontrollore ai fini sia dell attività di trappolaggio che di abbattimento sul territorio comunale. 12

18 ECONOMIA E SVILUPPO DELLE POTENZIALITÀ Economia locale e contesto economico generale L andamento dell economia locale risente della crisi in atto, anche se gli indicatori macro economici sembrano segnalare che l apice della recessione è già alle spalle. A fronte di questi timidi segnali di ripresa c è la pesante eredità lasciata da questa burrasca economica che ha intaccato le finanze nazionali e il potere di acquisto delle famiglie, con l aspetto preoccupante del tasso medio di disoccupazione che non accenna a diminuire Nonostante il contesto regionale risenta del diffuso senso d'incertezza sul futuro, bisogna incoraggiare con vigore la prospettiva di una ripresa dell economia locale, anche se l apporto del comune, per il ruolo istituzionale che ricopre, non può che avere un margine d intervento residuale rispetto agli organi del governo centrale. Programmazione di mandato Razionalizzazione dei costi (Spending Review): proseguimento e mantenimento delle azioni intraprese e dei risultati ottenuti nel corso dell ultimo mandato amministrativo atti al razionalizzare ulteriormente, dove possibile, i costi di gestione del Comune (utenze luce installazione di pannelli fotovoltaici, utenze gas e telefonia convenzioni CONSIP, spese postali maggiore utilizzo della PEC, ecc.) Finanza locale: impegno in tutte le sedi opportune per una riforma complessiva, o quanto meno una revisione, della finanza locale che assicuri maggior autonomia ai Comuni, non li consideri come sportelli esattoriali per la raccolta di risorse per lo Stato e non si basi esclusivamente sull inasprimento delle tariffe e l aumento delle tasse, ma tuteli le famiglie e le piccole e medie imprese del nostro territorio già in forte difficoltà. Sarà mantenuto l esonero della tassa occupazione suolo aree pubbliche (TOSAP). Proseguendo e mantenendo la propria attenzione nell ambito dei servizi alla persona, le azioni del prossimo mandato amministrativo dovranno contraddistinguere ancor più l impegno in materia sociale, con assoluta priorità alle azioni in materia di lavoro, con il sostegno a tutte le azioni di stimolo e sollecitazione verso il Governo centrale, quello Regionale e tutto il sistema territoriale, ma soprattutto attraverso azioni dirette come: Borse Lavoro: partecipazione del Comune a queste forme di lavoro co-finanziate dall Ufficio di Piano; Leva Civica regionale per i giovani: adesione al programma di leva civica della Regione Lombardia per giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni. Conoscenza arti e mestieri: attraverso il supporto e l ausilio delle associazioni di categoria del territorio sarà promossa la conoscenza delle arti e dei mestieri portando anche l esempio delle realtà produttive presenti sul territorio. Ciò consentirà, soprattutto ai giovani, di scoprire attività lavorative che possono ancora generare opportunità di lavoro partendo dalla pratica dell apprendistato fino ad arrivare all esercizio di un lavoro autonomo. Sportello imprese - Lavorare assieme (co-working): attivazione di uno sportello per l impresa dedicato a chi vuole partire con una propria impresa o rafforzare l impresa esistente attraverso un azione di informazione consistente in un primo orientamento e informazione sui temi della creazione di imprese e/o di eventuali incubatori, con informazioni sulle opportunità di finanziamento, servizi di primo orientamento verso la conoscenza delle condizioni necessarie per il processo di creazione di impresa, ecc. Ciò consentirà l attuazione di azioni di stimolo alla nascita di nuove imprese soprattutto in ambito giovanile e femminile, tramite una collaborazione del Comune con Camera di Commercio, istituti di credito e associazioni imprenditoriali. Queste nuove attività potranno avere la propria sede presso dei locali messi a disposizione dal Comune o presso realtà imprenditoriali attive sul territorio comunale. Mercato settimanale: mantenimento e sostegno alla sua permanenza con valutazione di una nuova dislocazione su un area più ampia, seppure centrale, al fine di consentire un incremento delle categorie merceologiche di offerta. Interculturalità: con l ausilio della Provincia si ripeteranno i corsi annuali di alfabetizzazione alla lingua italiana per gli stranieri residenti nel territorio. Sportello Energia: istituzione di un servizio informativo rivolto ai cittadini sui temi dell efficienza e del risparmio energetico che offra informazioni e consigli utili, quali ad esempio: la corretta manutenzione e conduzione degli impianti termici; i finanziamenti, gli incentivi e le agevolazioni fiscali disponibili per gli interventi di efficienza energetica; gli obblighi normativi e i vantaggi della Certificazione Energetica, ecc. Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES): sarà dato seguito al percorso intrapreso attraverso l adesione al Patto dei Sindaci e la redazione del PAES già approvato, quale strumento guida per la definizione delle azioni di risparmio e sostenibilità energetiche, in base alla loro fattibilità tecnico-economica e alla possibilità di usufruire di finanziamenti, anche europei, atti alla loro attuazione. 13

19

20 STRUMENTI DI PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA Il ricorso gli accordi di ampio respiro La complessa realtà economica della società richiede uno sforzo comune d'intervento. Obiettivi come lo sviluppo, il rilancio o la riqualificazione di una zona e la semplificazione nelle procedure, reclamano spesso l adozione di strumenti di ampio respiro. La promozione di attività produttive locali, messe in atto dai soggetti a ciò interessati, deve però essere pianificata e coordinata per tempo. Questo si realizza anche adottando dei procedimenti formali, come gli strumenti della programmazione negoziata, che vincolano soggetti diversi, pubblici e privati, a raggiungere un accordo finalizzato alla creazione di ricchezza nel territorio. A seconda degli ambiti, finalità e soggetti interessati, si è in presenza di patti territoriali, contratti d area o accordi di programma. Tali strumenti implicano l assunzione di decisioni istituzionali e l impegno di risorse economiche a carico delle amministrazioni statali, regionali e locali. Strumenti di programmazione negoziata Tipologia Num. Accordi di programma 0 Patti territoriali 0 Altri strumenti negoziali 1 Totale 1 SVOLGIMENTO IN FORMA ASSOCIATA GARA AFFIDAM.SERV. DISTR.GAS NARURALE Soggetti partecipanti Impegni di mezzi finanziari Durata Assemblea dei Comuni dell'atem - COMUNE DI LODI CAPOFILA - CC 8/2013 il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro per i Rapporti con le Regioni e la coesione territoriale, con decreto del 12 novembre 2011 n. 226 (di seguito: DM 226/11) hanno definito i criteri di gara e di valutazione dell'offerta per l'affidamento del servizio di distribuzione del gas naturale, in attuazione dell'articolo 46-bis del decreto-legge n. 159/07; l'art. 2, comma 1 del D.M. 226/2011 prevede che gli Enti locali concedenti demandano al Comune capoluogo di Provincia - laddove presente - o ad un altro soggetto appositamente individuato il ruolo di stazione appaltante per la gestione della gara e per l'affidamento del servizio di distribuzione gas naturale in forma associata secondo la normativa in materia di Enti locali Operatività Data di sottoscrizione - In definizione 14

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli