8.6.3 Cenni sul diritto tedesco 1

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "8.6.3 Cenni sul diritto tedesco 1"

Transcript

1 8.6.3 Cenni sul diritto tedesco 1 La definizione di gruppo societario (Konzern) In Germania, la definizione di gruppo societario è data dal paragrafo 18 dell Aktiengesetz del 1965 (più volte modificata, da ultimo nel 2010), la legge che disciplina le società per azioni. In riferimento ai gruppi, il 18 dell Aktiengesetz così recita: «Se un impresa dominante ed una o più imprese dipendenti sono riunite sotto la direzione unitaria dell impresa dominante esse formano un gruppo [Konzern]. Le singole imprese sono parte del gruppo [Konzernunternehmen]. Le società legate da un contratto di dominio o nelle quali l una è annessa all altra devono essere considerate come riunite sotto una direzione unitaria (einheitliche Leitung). Si presume che la società controllata formi un gruppo con l impresa dominante». Il primo comma disciplina dunque il fenomeno del gruppo verticale (Unterordnungskonzern), caratterizzato dalla presenza di una società dominante e di una o più società controllate. La definizione di impresa dipendente è data dal precedente 17 AktG 2, che fa rientrare in questa categoria tutte le imprese giuridicamente autonome ma sottoposte al controllo dominante, diretto o indiretto, di un altra impresa. In presenza di un contratto di dominio (Beherrschungsvertrag) 3 la legge presume in senso assoluto che le società parti del contratto formino un gruppo 4. Al contrario, la presunzione contenuta nell ultima parte del primo comma del 18 AktG è considerata relativa 5, e può essere superata dalla solida prova contraria della libertà economica e finanziaria della dipendente. Come ha chiarito la giurisprudenza, per dimostrare che una società controllata da un altra non formi con quest ultima un gruppo societario, è necessario provare che in ciascuno degli ambiti essenziali della politica aziendale 1 A cura di Paolo Corti, senior partner, e Giorgia Oss, avvocato, studio CD&P, Bolzano AktG. «Imprese dipendenti e dominanti» «(1) Sono imprese dipendenti le imprese giuridicamente autonome sulle quali un altra impresa (impresa dominante) può esercitare, direttamente o indirettamente, un controllo dominante. (2) Se un impresa detiene la maggioranza delle partecipazioni di un altra impresa, si presume che l impresa partecipata sia dipendente dall impresa partecipante». 3 La definizione di contratto di dominio, contratto societario tipico, è data dal 291 della stessa AktG, che lo definisce come il contratto attraverso il quale una S.p.A. o una società in accomandita per azioni attribuiscono ad un altra impresa la direzione della propria società. Si può parlare di contratto di dominio solo se le due società coinvolte sono parte dello stesso gruppo (vale a dire, se tra di esse vi è un rapporto di dipendenza). In caso contrario, le società saranno semplicemente legate da un contratto che le sottopone a direzione unitaria, ma non le si considererà parte dello stesso Konzern nel senso richiesto dal 18 AktG. 4 Cfr., Emmerich, V., 18, in Hemmerich/Habersack, Aktien- und GmbH-Konzernrecht, Kommentar, 3 a ed., C.H. Beck, München, 2003, pp. 55 ss. 5 Cfr. Benussi, «Infedeltà patrimoniale e gruppi di società», cit., p

2 le decisioni vengono prese senza l influsso decisivo della società presunta dominante, ma sempre e solo nell interesse della società dipendente 6. A questa prima ipotesi si affianca quella del gruppo orizzontale (Gleichordnungskonzern), disciplinato dal secondo comma dello stesso articolo 18: «Le imprese giuridicamente autonome, indipendenti l una dall altra ma riunite sotto una direzione unitaria, formano anch esse un gruppo; le singole imprese sono parte del gruppo» 7. In dottrina e giurisprudenza è diffusa la distinzione tra Vetragskonzerne e faktische Konzerne: la prima categoria, che si potrebbe tradurre come quella dei gruppi «contrattuali», riguarda le società legate tra loro da un contratto di dominio (Beherrschungsvertrag) ovvero annesse l una all altra ai sensi dei 319 e 320 AktG 8. Nella seconda categoria ricadono invece i c.d. gruppi di fatto (fatkische Konzerne), legati da un contratto diverso dal contratto di dominio (ad esempio, da un contratto di trasferimento degli utili, Gewinnabführungsvertrag), ovvero da un mero rapporto di fatto. Anche nel sistema tedesco l elemento caratterizzante per la presenza del gruppo è la «direzione unitaria» (einheitliche Leitung), esercitata dalla capogruppo sulle dipendenti. 6 Cfr. Arbeitsgericht Düsseldorf, 11 BV 184/08, 3marzo Peraltro, il Tribunale non nasconde che, di fronte alla presunzione legale, sia particolarmente difficile provare che l impresa che subisce un controllo dominante non sia sottoposta ad una direzione unitaria: «Es ist der rechtlich schwer zu erbringende Nachweis erforderlich, dass trotz eines beherrschenden Einflusses keine Zusammenfassung unter einheitlicher Leitung besteht. Daher muss der Nachweis erbracht sein, dass die Bereiche, in denen die einheitliche Leitung üblicherweise sichtbar wird, ausschließlich und nachhaltig nach dem uneingeschränkten Eigeninteresse des abhängigen Unternehmens gesteuert werden. In der Praxis wird diese Widerlegung nur selten versucht und gelingt auch nur im Ausnahmefall«. (ArbG Düsseldorf, 11 BV 184/08, ). In Germania, la questione è di grande rilevanza perché si riflette sulla possibilità o meno dei lavoratori dipendenti dall impresa sottoposta di prendere parte al processo co-decisionale dell impresa controllata o dell intero gruppo Aktiengesetz, Konzern und Konzernunternehmen: «(1) Sind ein herrschendes und ein oder mehrere abhängige Unternehmen unter der einheitlichen Leitung des herrschenden Unternehmens zusammengefaßt, so bilden sie einen Konzern; die einzelnen Unternehmen sind Konzernunternehmen. Unternehmen, zwischen denen ein Beherrschungsvertrag ( 291) besteht oder von denen das eine in das andere eingegliedert ist ( 319), sind als unter einheitlicher Leitung zusammengefaßt anzusehen. Von einem abhängigen Unternehmen wird vermutet, daß es mit dem herrschenden Unternehmen einen Konzern bildet. (2) Sind rechtlich selbständige Unternehmen, ohne daß das eine Unternehmen von dem anderen abhängig ist, unter einheitlicher Leitung zusammengefaßt, so bilden sie auch einen Konzern; die einzelnen Unternehmen sind Konzernunternehmen«. 8 Ai sensi del 319 AktG, l assemblea generale di una società per azioni può decidere di farsi annettere ad un altra società, con sede nel territorio nazionale, se tutte le azioni della società deliberante si trovano nelle mani di questa seconda società, la futura «società principale» (Hauptgesellschaft). Tale decisione, alla quale non si applicano le disposizioni legali e statutarie in materia di modifiche dello statuto, acquista validità nel momento in cui si raggiunge il consenso anche della società principale. Ai sensi del successivo 320 AktG, l annessione è possibile anche se la società principale detiene solo il 95% delle azioni della società da annettere. Le società annesse sono considerate ex lege come facenti parte dello stesso gruppo. 2

3 Premesso che, come si è visto, la direzione unitaria non è sempre conseguenza necessaria del controllo dominante di cui al 17 AktG, si ritiene in dottrina che tale concetto vada comunque letto in stretta correlazione con il contenuto dei 16 e 17 AktG, e coincida con l influsso dominante attuale e, di regola, con la partecipazione di maggioranza della società dominante in quella dipendente 9. In giurisprudenza, il concetto di «direzione unitaria» è stato associato a quello di «pianificazione unitaria»: vi è gruppo societario se l impresa dominante e quella dipendente sono caratterizzate dalle stesse politiche imprenditoriali in un ambito centrale quale, ad esempio, gli acquisti, l organizzazione, la gestione del personale o la vendita 10. Al contrario, non si potrà parlare di gruppo solo qualora la società dominante, di fatto, non faccia uso della sua influenza sulla dipendente, ovvero non vi sia alcuna coincidenza tra gli scopi sociali delle due imprese 11. La legge che disciplina le società a responsabilità limitata (GmbHG) non contiene alcuna disciplina sui gruppi societari. Tuttavia, è ormai pacifico che le disposizioni appena viste della legge sulle AG (S.p.A.) ( da 15 a 19 AktG) si possano applicare analogicamente anche alle GmbH (S.r.l.). Lo stesso vale per i 291 ss. sui contratti societari 12. Il reato di infedeltà patrimoniale (Untreue) La figura più duttile e discussa in materia di reati societari è il reato di infedeltà (Untreue), regolato nella sezione ventiduesima della parte speciale del codice penale, rubricata appunto «Truffa ed infedeltà». La Untreue è definita dal 266 StGB 13 come l abuso di potere nella cura degli interessi patrimoniali altrui, ovvero la violazione dell obbligo (legale, giuridico, convenzionale o morale) di curare gli interessi altrui: «Chiunque abusa del potere di disporre di un patrimonio altrui o di obbligare altri, conferitogli per legge per ordine dell autorità o per 9 Emmerich, V., 18, in Hemmerich/Habersack, Aktien- und GmbH-Konzernrecht, Kommentar, cit., p. 59: «einheitliche Leitung isd. 18 Abs. 1 S. 1 [ist] nichts anders als derjenige aktualisierte beherrschende Einfluß isd. 17 Abs. 1 S. 1 ( ), der im Regelfalle durch eine Mehrheitsbeteiligung vermittelt wird«. 10 Cfr., Landesarbeitsgericht Düsseldorf, 7 TaBV 88/09, punto Cfr., Landesarbeitsgericht Düsseldorf, 7 TaBV 88/09, punto 88, conf. Bayerisches Oberstes Landesgericht, Beschluss vom , 3Z BR 236/ Lo stesso non si può però affermare in riferimento ai paragrafi più specifici in materia di contratti societari ( AktG), i quali si attagliano solo alla società per azioni. Nei gruppi societari formati da S.r.l. le lacune legislative sono colmate facendo ricorso ai principi generali del diritto societario, come l obbligo di fedeltà e l obbligo di perseguire il fine sociale. Al proposito cfr., Emmerich, V., 18, in Hemmerich/Habersack, Aktien- und GmbH-Konzernrecht, Kommentar, cit., p. 5, e Hemmerich, V, Habersack, M., Konzernrecht, 8 a ed., Beck, München 2005, pp. 413 e ss codice penale tedesco: «(1) Wer die ihm durch Gesetz, behördlichen Auftrag oder Rechtsgeschäft eingeräumte Befugnis, über fremdes Vermögen zu verfügen oder einen anderen zu verpflichten, mißbraucht oder die ihm kraft Gesetzes, behördlichen Auftrags, Rechtsgeschäfts oder eines Treueverhältnisses obliegende Pflicht, fremde Vermögensinteressen wahrzunehmen, verletzt und dadurch dem, dessen Vermögensinteressen er zu betreuen hat, Nachteil zufügt, wird mit Freiheitsstrafe bis zu fünf Jahren oder mit Geldstrafe bestraft«. 3

4 negozio giuridico, ovvero viola l obbligo di curare gli interessi patrimoniali altrui, del quale è investito in forza di legge, di un ordine dell autorità, di un negozio giuridico o di un rapporto di fedeltà arrecando con ciò pregiudizio a colui del quale deve curare gli interessi patrimoniali, è punito con la pena detentiva fino a cinque anni o con la pena pecuniaria» 14. Dopo un primo periodo in cui tale figura delittuosa è stata usata dal nazismo a scopi politici di controllo penale della conduzione dell attività economica, nel dopoguerra la Untreue ha riacquistato la sua vera natura di reato contro il patrimonio, seppur la norma fatichi a divenire un vero e proprio strumento di lotta alla criminalità economica 15. L interpretazione maggioritaria ritiene che la fattispecie di Untreue possa essere integrata da due distinte condotte, l abuso del potere (Mißbrauchtatbestand) e la violazione dell obbligo (Treubruchtatbestand), costituenti autonomi titoli di reato 16. In riferimento all applicazione dell Untreue ai gruppi di società, al 266 StGB è demandato il compito di «fissare le regole minime di gestione delle concentrazioni societarie, finendo col surrogare ( ) le stesse carenze di disciplina del diritto commerciale» 17. L indeterminata formulazione della figura dell Untreue, ha fatto sì che al suo interno fossero fatte confluire modalità di condotta anche molto diverse tra loro, e che il concetto di «pregiudizio» di cui all ultima parte dell articolo fosse esteso sino a ricomprendere al suo interno anche solo la messa in pericolo del patrimonio dell impresa, trasformando la fattispecie da reato di danno in reato di pericolo: «( ) l anticipazione della soglia di punibilità, acquisita per via interpretativa nella prassi tedesca con la pratica trasformazione del reato di danno in uno di pericolo, sembra rispondere alla evidente esigenza di predisporre un sistema di tutela più efficace e tempestivo ed inoltre chiaramente finalizzato a ridisegnare il disvalore dell illecito verso fisionomie più realistiche, posto che appare ben difficilmente ricostruibile in sede di accertamento giudiziale il danno derivante da condotte di abuso dei poteri sociali o da violazioni dell obbligo fiduciario» Traduzione dall originale tedesco da Vinciguerra, S. (a cura di), Il codice penale tedesco, 2 edizione aggiornata al 1 gennaio 2003, Cedam, Padova, p Cfr., L. Foffani, «Infedeltà patrimoniale e conflitto d interessi nella gestione d impresa», cit., p. 240 e ss., il quale spiega che dal 1884 al 1965 il diritto societario tedesco ha conosciuto una propria previsione di Untreue, contenuta prima nell art. 249 dell Allgemeine deutsches Handelsgesetzbuch del 1869 e successivamente recepita nel 294 dell AktG del Tale disposizione, che sanzionava i soggetti che avevano (intenzionalmente, secondo la versione dell HGB, dolosamente, nella versione trasfusa nell AktG) agito a danno della società, era formulata in modo indeterminato, in potenziale contrasto con l art. 103 comma 2 GG, e si prestava a ricomprendere nel reato di infedeltà patrimoniale qualsiasi comportamento che comportasse un danno anche solo potenziale per la società. Per queste ragioni, il legislatore ritenne opportuno non riproporre tale fattispecie nella nuova AktG del 1965, così che l infedeltà societaria è sussunta nella fattispecie prevista dal codice penale. 16 Cfr., ibidem, p Ibidem, p E. Mezzetti, «L infedeltà patrimoniale nella nuova dimensione del diritto penale societario, Spunti critici su ratio dell incriminazione e bene giuridico tutelato», in Riv. it. dir. e proc. pen. 2004, 01, 193 (versione elettronica consultata su dejure.giuffre.it). 4

5 Questa operazione giurisprudenziale non va esente da critiche dottrinali, che ravvisano nell eccessiva estensione dell ambito di applicazione del reato di Untreue il tentativo di estendere la punibilità anche a fattispecie di sola rilevanza civilistica 19. In tal senso, si registra la tendenza a trasformare il concetto di danno patrimoniale (elemento che di per sé sarebbe idoneo a delimitare l ambito di applicazione della fattispecie) in «Vermögensbetreuungspflicht» (obbligo di salvaguardare il patrimonio sociale) 20, rendendo la fattispecie di cui al 266 StGB una disposizione volta a tutelare i creditori sociali 21. Quanto alla persona offesa, soggetto passivo del reato può essere il gruppo stesso, così che ai fini della configurazione della fattispecie diverrà rilevante il pregiudizio subito dal Konzern nel suo insieme, anche in assenza di un danno diretto alla singola società amministrata dall agente 22. Viceversa, qualora sia la politica del gruppo a danneggiare la singola società parte occorre distinguere: se la società sacrificata è interamente posseduta dalla controllante (controllo totalitario tramite il Beherrschungsvertrag) il reato sarà scriminato «attraverso il meccanismo del consenso» 23. Al contrario, qualora la società figlia sia sottoposta alla einheitliche Leitung della capogruppo, sulla seconda grava un vero e proprio obbligo di tutela patrimoniale delle prime 24.. Si ritiene che la Untreue possa essere applicata anche ai gruppi di fatto, sia a carico degli amministratori della società danneggiata sia di quelli della società madre che abbia impartito la direttiva lesiva. Ovviamente, per determinare l esistenza del pregiudizio si dovrà applicare una prospettiva «ampia», avendo riguardo non solo al danno immediatamente subito ma anche, e soprattutto, agli eventuali vantaggi futuri che potrebbero derivare agli appartenenti al gruppo 25. In una prospettiva de iure condendo, la dottrina non auspica tanto che la fattispecie sia resa più determinata (di fronte all impossibilità di definire con precisione la condotta di infedeltà, ciò comporterebbe il rischio di lasciare lacune di punibilità), bensì che sia circoscritta la sfera dei soggetti attivi, «che dovrebbero identificarsi nei soli titolari di un effettivo potere di amministrazione attiva o di controllo di un patrimonio altrui» 26. Si segnala peraltro che due particolari condotte affini all infedeltà patrimoniale sono state introdotte dalla seconda legge di lotta alla criminalità economica del 15 maggio 1986 (Zweites Gesetz zur Bekämpfung der Wirtschaftskriminalität in der Bundesrepublik Deutschland). 19 Cfr., Schünemann, B., «Wider verbreite Irrlehren zum Untreuetatbestand», in Z.I.S., 2012, 5, 183, pp. 193 e ss.. 20 Cfr., ibidem, p Cfr., Leimenstoll, U., nota a BGH, Beschl. V StR 95/09, in Z.I.S., 2010, 2, 143, p Cfr., Foffani, L., op. cit., p In pratica, dal momento che la società che subisce il pregiudizio appartiene di fatto alla società che lo infligge, sembra poter trovare applicazione la scriminante non codificata del consenso dell avente diritto, che in Germania è considerata talora causa di giustificazione (Einwilligung, esclude l antigiuridicità), talora elemento idoneo ad escludere la tipicità stessa del fatto (Einverständnis). Sulla natura del consenso dell avente diritto nel diritto penale tedesco cfr., Fornasari, G., «I principi del diritto penale tedesco», CEDAM, Padova, 1993, pp. 288 e ss.. 24 Cfr., Foffani, L., op. cit., pp. 271 e ss.. 25 Cfr., ibidem, p Ibidem, p

6 Tale norma ha inserito dopo il 266 i paragrafi 266a e 266b. Il primo riguarda l omesso versamento e l appropriazione indebita di retribuzioni, il secondo l abuso di carte assegni e carte di credito. Si tratta di fattispecie «di contorno» dell Untreue, che tipicizzano con determinatezza alcune condotte particolarmente rilevanti nell ambito del diritto del lavoro e dei rapporti economici. Una recente decisione della Suprema Corte (Bundesgerichtshof) riguarda il caso di una società dominante che ha ripetutamente chiesto ed ottenuto prestiti da parte di una delle società interamente controllate, causandone, alla lunga, il fallimento. Il BGH, confermando la decisione delle Corti di merito, ha ritenuto che la condotta del consiglio di amministrazione della società figlia, che ha sempre autorizzato i prestiti alla società madre, integrasse il reato di Untreue. Il reato è configurato anche quando il presidente del consiglio di amministrazione opera con il consenso di tutti i soci. La decisione è stata criticata in dottrina alla luce del fatto che le sezioni civili della stessa Corte Suprema tendono a dare solo rilevanza civile a fattispecie del genere, facendole rientrare nell ipotesi di cui al 826 BGB, Sittenwidrige vorsätzliche Schädigung (danneggiamento doloso contrario al buon costume) 27. Inoltre, è stato sostenuto che il 266 StGB dev essere letto alla luce del principio di extrema ratio del diritto penale, perché tale norma non tutela tutte le condotte dannose, anche in senso lato, per la società, ma solo quei comportamenti che possono arrecarle pregiudizio «dall interno». Le altre ipotesi di comportamenti dannosi per l esistenza della società devono essere fatte rientrare nei delitti di insolvenza di cui ai 283 ss. StGB 28. L ambito di applicazione della Untreue è tale da superare quello del reato di bancarotta, previsto dal 283 StGB e punito esattamente con la stessa pena (almeno per quanto riguarda il reato-base) 29. In riferimento alla condotta distrattiva dell amministratore che ha trasferito alcune somme di denaro da una società all altra del gruppo, la Corte Suprema afferma che, di regola, il consiglio di amministrazione della società dominante gode di ampio spazio di azione (ein weiter Ermessensspielraum) 30. Tuttavia, se la società dominante agisce oltre i (pur ampi) confini della libertà imprenditoriale, violando così gli obblighi che derivano alla dominante secondo il diritto societario, può essere integrato il reato di Untreue (BGHSt 47, 148, 152; 187, 197; cfr. anche BGHZ 135, 244, 253). 27 Cfr., Leimenstoll, loc. cit., pp. 144 e ss.. 28 Cfr., Leimenstoll, loc. cit., p. 148: «Nicht jeder Verstoß gegen zivil- oder gesellschaftsrechtliche Ge- und Verbote ist mit Strafe bedroht, vielmehr muss die strafrechtliche Sanktionierung als ultima ratio vom Gesetzgeber erkennbar gesondert bestimmt werden. Diesen Anforderungen mag 81a GmbHG a.f. gerecht geworden sein. Der Vorschrift des 266 StGB, ausgerichtet auf einen Schutz des Vermögens gegen Schädigungen von innen heraus«, ist dagegen eine Untreuestrafbarkeit des existenzgefährdenden«eingriffs der Anteilseigner in die eigene Gesellschaft schlicht nicht zu entnehmen. Die strafrechtlichen Grenzen der Verfügungsbefugnis der Gesellschafter werden mithin allein durch die Insolvenzdelikte ( 283 ff. StGB) bestimmt.«29 Bancarotta ed Untreue si differenziano, oltre che per la tecnica normativa che li descrive (il primo reato contiene un elenco tipizzato di condotte, come ad esempio la falsificazione dei bilanci, gli errori nella tenuta dei libri contabili, la sottrazione di patrimonio della società a fini personali, mentre il secondo è incentrato sul più indeterminato concetto di abuso), anche e principalmente per il bene giuridico tutelato: la bancarotta è un reato che tutela gli interessi dei creditori, la Untreue gli interessi patrimoniali dell azienda: «Während der Untreuetatbestand das Vermögen des Treugebers wahren soll, dienen die Bankrottbestimmungen dem Schutz der Insolvenzmasse im Interesse der Gläubiger» (BGH 3 StR 118/11, 15 maggio 2012). 30 BGH 1 StR 571/04, 22 novembre

7 Interessante infine notare che l estensiva applicazione della fattispecie di Untreue è stata oggetto di una pronuncia della Corte Costituzionale che ha ribadito il divieto di analogia, ricordando come il 266 StGB debba essere coniugato con il principio di determinatezza di cui all art. 103 della GG 31. Inoltre, la Corte ha ricordato che il danno patrimoniale di cui al 266 StGB deve essere valutato in senso ampio e con il filtro dei normali rischi legati alla gestione di impresa 32. In Germania, la responsabilità delle persone giuridiche (introdotta nel 1968 e modificata nel 1986) può avere solo natura amministrativa 33. La relativa disciplina è contenuta nella legge sulle violazioni amministrative tedesche (OwiG), il cui 30 dispone che alle persone giuridiche, società commerciali di persone ed 31 BVerfG , 2 BvR 2559/08, 2 BvR 105/09, 2 BvR 491/09 (Zweiter Senat). 32 «18. Der Verzicht auf eine eigenständige Ermittlung des Nachteils bei Risikogeschäften im Fall der «weiten Abweichung von den Geboten kaufmännischer Sorgfalt» oder dem «Handeln nach Art eines Spielers» begegnet durchgreifenden verfassungsrechtlichen Bedenken. Er ist geeignet, die eigenständige strafbarkeitsbegrenzende Funktion des Nachteilsmerkmals zu unterlaufen, indem an die Stelle der vom Gesetzgeber gewollten wirtschaftlichen Betrachtung eine weitgehend normativ geprägte Betrachtungsweise tritt. Ein eigenständiger, über das Merkmal der Verletzung einer Vermögensbetreuungspflicht hinausgehender Gehalt des Nachteilsmerkmals ist bei solcher Auslegung nicht mehr zu erkennen; es findet eine «Verschleifung» der Tatbestandsmerkmale entgegen der gesetzgeberischen Intentionen statt. Nur eine nachvollziehbare Darlegung und Ermittlung des Schadens auch in seinem Ausmaß kann verhindern, dass eine Bestrafung wegen (vollendeter) Untreue auch dann erfolgt, wenn Verlustwahrscheinlichkeiten so diffus sind oder sich in so niedrigen Bereichen bewegen, dass der Eintritt eines realen Schadens ungewiss, wenn auch möglich bleibt. Anerkannte Bewertungsverfahren und -maßstäbe sind zu berücksichtigen; soweit komplexe wirtschaftliche Analysen vorzunehmen sind, wird die Hinzuziehung eines Sachverständigen erforderlich sein. Die im Falle der hier vorzunehmenden Bewertung unvermeidlich verbleibenden Prognose- und Beurteilungsspielräume sind durch vorsichtige Schätzung auszufüllen. Im Zweifel muss freigesprochen werden» Gaede, K, nota a BVerfG , 2 BvR 2559/08, 2 BvR 105/09, 2 BvR 491/09 (Zweiter Senat), in 33 A causa delle forti resistenze della dottrina, profondamente contraria alla violazione (rectius al superamento) del noto principio societas delinquere non potest, il legislatore tedesco ha introdotto le norme in materia di responsabilità degli enti nella legge che contiene gli illeciti amministrativi del 1968 (Ordnungswidrigkeitensgesetz). Di fatto, però, non vi è una differenza sostanziale tra le norme dell OWiG e le norme di diritto penale: «L OWiG trova, senza alcun dubbio, la propria matrice ideologica nella dottrina del diritto penale amministrativo. Deve però darsi conto del fatto che i tentativi intrapresi dalla dottrina tedesca per stabilire un fondamento ontologico dell illecito previsto dall OWiG, e la conseguente actio finium regundorum rispetto all illecito penale, non hanno prodotto risultati apprezzabili. Anche la struttura dell illecito è chiaramente ispirata alla concezione tripartita dell illecito penale. Il 1 dell OWiG definisce infatti l illecito amministrativo quale fatto antigiuridico e riprovevole che integra la fattispecie di una legge per la quale è comminata una pena pecuniaria amministrativa (Geldbusse). La specificità dell OWiG si esprime anche nel suo sistema sanzionatorio. Si ritiene infatti che le sanzioni da esso previste perseguano finalità preventive e retributive, senza però esprimere alcun rimprovero eticomorale, e senza avere finalità risarcitorie/reintegratrici in forma specifica dell interesse leso. Nonostante gli sforzi della dottrina tedesca, finalizzati a pervenire ad una distinzione ontologica tra l illecito penale e quello amministrativo, si riconosce oggi che l unico criterio in grado di distinguere le due tipologie di responsabilità sia quello formale, costituito dal particolare nomen juris della sanzione prevista dall OWiG: la Geldbusse. Sono reati quei fatti in ordine ai quali è prevista una Geldstrafe; illeciti amministrativi quelli in ordine ai quali è prevista una Geldbusse.«Gandini, F., Brevi cenni sulla responsabilità delle persone giuridiche in Germania, in consultato il Inoltre, si noti che, nella prassi, il procedimento a carico degli enti viene tipicamente celebrato nell ambito del processo penale instaurato contro la persona fisica. 7

8 associazioni non riconosciute possa essere comminata una Geldbusse (sanzione pecuniaria) qualora un soggetto legittimato, in qualità di rappresentante o come membro dell organo direttivo, commetta un reato o una infrazione amministrativa per il cui tramite vengano violati obblighi riguardanti l ente, ovvero questo si arricchisca o avrebbe potuto arricchirsi. Inoltre, il 30, comma 4, prevede che l ammenda possa infliggersi contro l ente anche se il procedimento nei confronti della persona fisica non viene intrapreso o è archiviato, oppure si conclude con l esenzione da pena (ad es. per morte della persona fisica o archiviazione del procedimento a suo carico). Il legislatore ha dunque deciso di introdurre una forma autonoma di responsabilità dell ente, solo eventualmente concorrente con quella del soggetto persona fisica 34. Lo stesso 30 contiene però un eccezione a tale regola: il comma 4 del paragrafo stabilisce che la Geldbusse non può essere irrogata qualora il reato o l illecito amministrativo commesso dalla persona fisica non possa essere perseguito per ragioni di diritto. Nella prassi, si ritiene l ente insuscettibile di responsabilità nel caso di prescrizione del reato o dell illecito amministrativo 35. Anche all ente può essere comminata la sanzione della confisca 36. Per quanto concerne la tipicità, il 8 sancisce la clausola generale di equivalenza tra agire ed omettere, nei casi in cui l omettente fosse: «giuridicamente tenuto a garantire che l evento non si verifichi, e se l omissione equivale alla realizzazione della fattispecie legale attraverso un comportamento attivo», mentre i 15 e 16 regolano la legittima difesa e lo stato di necessità, quali cause di esclusione della antigiuridicità. Il criterio di imputazione soggettivo è quello del dolo, salvi i casi in cui la legge espressamente commini una Geldbusse per un fatto colposo ( 10). Quanto all errore, la cui disciplina è contenuta al 11, si distingue tra errore sul fatto, che esclude il dolo, ed errore sul precetto/sulla illiceità, che esclude la riprovevolezza. L errore sul precetto consiste nella mancata consapevolezza nell agente «di realizzare qualcosa di illecito, specialmente in quanto egli ignori l esistenza o l applicabilità di una norma giuridica», rilevante solo se ed in quanto l agente «non avrebbe potuto evitare tale errore» Cfr., A. Menghini, «Sistemi sanzionatori a confronto», in Fornasari, G., A. Menghini, «Percorsi europei di diritto penale», CEDAM, Padova, 2005, pp Cfr., F. Gandini, «Brevi cenni sulla responsabilità delle persone giuridiche in Germania», loc. cit. 36 Cfr., A. Menghini, loc. cit., p Cfr., F. Gandini, «Brevi cenni sulla responsabilità delle persone giuridiche in Germania», loc. cit. 8

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A.

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A. CASALP S.p.A. SISTEMA SANZIONATORIO E DISCIPLINARE EX D.LGS. 231/2001 1 INDICE 1. Premessa.. 3 2. Violazioni.. 4 3. Soggetti destinatari... 4 4. Comitato che vigila sui comportamenti e formula le proposte

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE EX ART. 410 C.P.P. Proc. Pen. N. 21752/08 Mod. 21 c/ Antonio Il sottoscritto Avv. Francesco Ettore, quale difensore di Giuseppina,

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO INIZIAMO COL DARE UNA DEFINIZIONE AL CONCETTO DI RESPONSABILITÀ PENALE

Dettagli

L AUTORICICLAGGIO. A cura dell' Avv. Michele Cardenà 1

L AUTORICICLAGGIO. A cura dell' Avv. Michele Cardenà 1 L AUTORICICLAGGIO 1 INDICE Legge15 dicembre 2014, n. 186 3 Schema comparativo norme c.p. 5 Reato di autoriciclaggio: evoluzione storica 6 Freno all interpretazione generalizzata 7 Introduzione in Italia

Dettagli

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 IL DELITTO DI ABUSO DI UFFICIO: APPROFONDIMENTI PROF. FABIO FOGLIA MANZILLO Indice 1 LE CONDOTTE TIPICHE --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

fra questi in particolare sono da ricordare

fra questi in particolare sono da ricordare La responsabilità penale è quella in cui incorre un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio che compia uno dei reati contro la pubblica amministrazione previsti dal codice penale, fra questi

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

La responsabilità da illeciti tributari

La responsabilità da illeciti tributari La responsabilità da illeciti tributari La disciplina della responsabilità amministrativa nei casi di violazioni che abbiano inciso sulla determinazione o sul pagamento del tributo è differente a seconda

Dettagli

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Regime legale della successione mortis causa della partecipazione liquidare

Dettagli

L ILLECITO TRIBUTARIO

L ILLECITO TRIBUTARIO L ILLECITO TRIBUTARIO Costituisce illecito tributario ogni inosservanza degli obblighi attinenti al rapporto giuridico d imposta. Trattasi di fatti giuridicamente rilevanti da cui l ordinamento tributario

Dettagli

L AZIONE DI REGRESSO DELL INAIL COME STRUMENTO DI PREVENZIONE

L AZIONE DI REGRESSO DELL INAIL COME STRUMENTO DI PREVENZIONE L AZIONE DI REGRESSO DELL INAIL COME STRUMENTO DI PREVENZIONE ART. 10 L'assicurazione a norma del presente decreto esonera il datore di lavoro dalla responsabilità civile per gli infortuni sul lavoro.

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.)

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.) Responsabilità da fatto illecito (art. 2043 c.c.) Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno Responsabilità extra-contrattuale

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

Unione Comuni Garfagnana Provincia di Lucca

Unione Comuni Garfagnana Provincia di Lucca Unione Comuni Garfagnana Provincia di Lucca Disciplina per la trasparenza della situazione patrimoniale dei titolari di incarichi pubblici. (Ex Art. 14 D. Lgs. 14 Marzo 2013 n. 33) (Approvato con Delibera

Dettagli

Deliberazione n. 1/2009/PAR

Deliberazione n. 1/2009/PAR Deliberazione n. 1/2009/PAR Repubblica italiana Corte dei Conti La Sezione del controllo per la Regione Sardegna composta dai Signori: dott. Mario Scano dott. Nicola Leone dott.ssa Maria Paola Marcia dott.

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Regolamento in materia di esercizio del potere sanzionatorio dell Autorità Nazionale Anticorruzione per l omessa adozione dei Piani triennali di prevenzione

Dettagli

UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14. INIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA (acquisto della qualità di imprenditore)

UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14. INIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA (acquisto della qualità di imprenditore) UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 INIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA (acquisto della qualità di imprenditore) PRINCIPIO DI EFFETTIVITA VS CRITERIO FORMALE Il principio di effettività può

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo di assicurazione agli iscritti all Ordine degli ingegneri (art. 3, comma 5, lettera e) del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito,

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi A12 407 Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi Gli attori che presidiano la control governance Copyright MMXII ARACNE editrice

Dettagli

L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi. Michele Crudele www.crudele.it 2011-04

L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi. Michele Crudele www.crudele.it 2011-04 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN INFORMATION SECURITY MANAGEMENT 8ª EDIZIONE, ROMA FEBBRAIO 2011- SETTEMBRE 2011 ICT Risk Management Aspetti legali L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi

Dettagli

Obiezione di coscienza

Obiezione di coscienza Associazione Scienza & Vita Obiezione di coscienza Gruppo di sostegno Associazione Scienza & Vita di MACERATA Roma, 10/11/2007 Circolare Ordine dei Medici di Macerata del 23-2-2007 2007 "PILLOLA DEL GIORNO

Dettagli

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Formazione Laboratori Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Avv. Emanuele Montemarano Presidente dell Organismo di Vigilanza ACCREDIA 1 Un errore nel titolo... La normativa oggetto della

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 1 Indice Introduzione... 3 Sistema disciplinare... 3 2 Introduzione

Dettagli

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Il presente documento ha lo scopo di illustrare il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo adottato

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare ELENCO DELLE REVISIONI 2 INDICE Introduzione... 4 Sistema disciplinare... 4 Dirigenti... 5 Amministratori...

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 - PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 76 D.1. I reati di cui all art. 25 octies del D. Lgs. n. 231/2001. Esemplificazione

Dettagli

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato MASSIME PENALE Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. De Roberto; Rel. Aprile) Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato di violazione degli obblighi di

Dettagli

La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy

La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy A cura del Dott.: Giuseppe Mantese g.mantese@onlineconsulenza.com Quadro normativo Il 1 gennaio 2004 è entrato

Dettagli

Le funzioni di polizia giudiziaria dell Arpa. Le sanzioni amministrative e penali in campo ambientale.

Le funzioni di polizia giudiziaria dell Arpa. Le sanzioni amministrative e penali in campo ambientale. ARPA EMILIA-ROMAGNA Le funzioni di polizia giudiziaria dell Arpa. Le sanzioni amministrative e penali in campo ambientale. Selezione pubblica per collaboratore amministrativo professionale (Cat. D) A cura

Dettagli

Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea

Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea di Valentina Bazzocchi Dopo la celebre sentenza Pupino 1, la Corte di giustizia

Dettagli

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 TESTI LEGISLATIVI... 11 1. Legge 25 giugno 1999, n. 205 (Delega al Governo per la depenalizzazione dei reati minori e modifiche al sistema penale e tributario):

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

PARTE PRIMA DEI REATI IN GENERALE

PARTE PRIMA DEI REATI IN GENERALE PARTE PRIMA DEI REATI IN GENERALE GUIDA Sezione Prima. DIRITTO PENALE E LEGGE PENALE. Sezione Seconda. IL REATO. Sezione Terza. LE FORME DI MANIFESTAZIONE DEL REATO. Sezione Quarta. LE SANZIONI PENALI.

Dettagli

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA La tutela della riservatezza nella gestione del rapporto di lavoro è una tematica particolarmente complessa e delicata

Dettagli

la tutela davanti al giudice ed al Garante

la tutela davanti al giudice ed al Garante la tutela davanti al giudice ed al Garante le forme di tutela: il Garante il Codice prevede 3 forme di tutela: Amministrativa, dinanzi al Garante Giurisdizionale Risarcitoria (vignetta tratta dal sito

Dettagli

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 IL PROGRAMMA 2016 MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 Il diritto penale dell impresa nell evoluzione legislativa e giurisprudenziale: le norme e

Dettagli

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it Stefano Maria Corso In tema di prevenzione dagli infortuni sul lavoro chiunque, in qualsiasi modo abbia assunto una posizione

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CIRCOLARE 8 settembre 2005 Doveri degli enti di servizio civile e infrazioni punibili con le sanzioni amministrative previste dall art.3 bis della legge 6 marzo 2001,

Dettagli

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE Circolare n. 10 del 20 giugno 2014 Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 2.1 Decreto attuativo...2 2.2 Proroga al 30.6.2014...3 2.3 Intervento del

Dettagli

Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI

Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI Facendo seguito alla informativa trasmessa dalla scrivente Direzione

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 231/01

DECRETO LEGISLATIVO 231/01 DECRETO LEGISLATIVO 231/01 Il Decreto Legislativo 231/2001 ha introdotto per la prima volta nell ordinamento giuridico italiano il principio della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Dettagli

SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato

SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato Paola Ficco Roma, 26 aprile 2010 Nulla cambia in ordine al riparto di responsabilità tra produttore e

Dettagli

Codice di Comportamento Aziendale

Codice di Comportamento Aziendale ALLEGATO 2 Codice di Comportamento Aziendale 1. DESTINATARI - COMUNICAZIONE ED INFORMAZIONE I principi e le disposizioni del presente Codice di Comportamento aziendale sono vincolanti per tutti gli amministratori,

Dettagli

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014 Prot. n.: 49/2014 ALL'ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO Palermo, 21 febbraio 2014 Oggetto: Applicazione in Sicilia del Decreto del Fare - Norme di semplificazione

Dettagli

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ Assemblea TSRM Ferrara 28 maggio 2013 Avv. Roberta Li Calzi CONCETTO DI RESPONSABILITÀ Obbligo di rispondere di un'azione antigiuridica (contraria alle norme) cioè di

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 Società in nome collettivo ( s.n.c. ) La società in nome collettivo (s.n.c.) costituisce il modello di organizzazione societaria che si presume normalmente adottato per l esercizio

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Allegato 1 LETTERA CIRCOLARE Roma, 1 dicembre 2004 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L'ATTIVITA ISPETTIVA Ai Direttori delle Direzioni Regionali del Lavoro LORO SEDI

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014 Annunziata & Conso La recente sentenza del Tribunale di Roma del 20 maggio 2014, n. 11384, offre l occasione per fare il punto

Dettagli

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Signori Giudici del Tribunale, Nelle conclusioni di questa mattina,

Dettagli

Applicazione del Testo Unico sulla Privacy: Responsabilità e sistema sanzionario Pagina 1 di 8. a cura di. Data Ufficio E-learning

Applicazione del Testo Unico sulla Privacy: Responsabilità e sistema sanzionario Pagina 1 di 8. a cura di. Data Ufficio E-learning Pagina 1 di 8 M.2 RESPONSABILITÀ E SISTEMA SANZIONATORIO a cura di Data Ufficio E-learning Gruppo Data Ufficio Spa Pagina 2 di 8 INDICE DOCUMENTO M2. RESPONSABILITÀ E SISTEMA SANZIONATORIO...3 1. Le sanzioni...3

Dettagli

La presente normativa si applica sia alla patente di guida che al certificato di idoneità alla guida di ciclomotori.

La presente normativa si applica sia alla patente di guida che al certificato di idoneità alla guida di ciclomotori. La presente normativa si applica sia alla patente di guida che al certificato di idoneità alla guida di ciclomotori. Procedura Accertamento della violazione da cui consegue decurtazione di punteggio (1)

Dettagli

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA DESCRIZIONE APPROVAZIONE 00 28/07/15 Codice _Disciplinare

Dettagli

Roma, 25 febbraio 2005

Roma, 25 febbraio 2005 RISOLUZIONE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 febbraio 2005 Oggetto: Istanza di interpello. X S.r.l. Deducibilità dei canoni derivanti da un contratto di sale and lease back avente

Dettagli

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni.

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. L art. 9 della L. 6.8.2013 n. 97 prevede: l eliminazione della sezione I (trasferimenti attuati

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E

SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E INCOMPATIBILITÀ DI INCARICHI PRESSO LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E PRESSO GLI ENTI PRIVATI IN CONTROLLO PUBBLICO, A

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA Approfondimenti legislativi CAI Centrale d Allarme Interbancaria 1/5 Gli archivi informatici La Banca d Italia, con Regolamento del 29/01/2002, ha completato la normativa

Dettagli

RISOLUZIONE N. 124/E. Roma 07 novembre 2006

RISOLUZIONE N. 124/E. Roma 07 novembre 2006 , Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 124/E Roma 07 novembre 2006 Oggetto: Istanza di interpello Articolo 152 del Testo Unico delle Imposte sul Reddito, approvato con Decreto del

Dettagli

Studio legale Avv. Paolo Savoldi Bergamo, Via Verdi, 14. SEMINARIO C.S.E. s.r.l IL TRASFERIMENTO DEL RISCHIO

Studio legale Avv. Paolo Savoldi Bergamo, Via Verdi, 14. SEMINARIO C.S.E. s.r.l IL TRASFERIMENTO DEL RISCHIO SEMINARIO C.S.E. s.r.l IL TRASFERIMENTO DEL RISCHIO PERCHE NON SMETTERE DI FARE L IMPRENDITORE EDILE? Mozzo(BG) 27 Marzo 2009 Hotel Holiday Inn Express MANABILE PER LE IMPRESE EDILI SUGLI ADEMPIMENTI PREVISTI

Dettagli

1 In corso di pubblicazione su Appalti e Contratti.

1 In corso di pubblicazione su Appalti e Contratti. Dichiarazione del socio anche in caso di maggioranza relativa? 1 1. Si registra una prima posizione del Consiglio di Stato in relazione alla questione interpretativa creatasi intorno all articolo 38, comma

Dettagli

Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231

Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers. 2.0 approvato dal CdA il 21/01/2015

Dettagli

I beni culturali : autorizzazioni, sanzioni e sanatoria (Avvocato Walter Fumagalli)

I beni culturali : autorizzazioni, sanzioni e sanatoria (Avvocato Walter Fumagalli) I beni culturali : autorizzazioni, sanzioni e sanatoria (Avvocato Walter Fumagalli) Se il proprietario di un edificio soggetto al vincolo storico-artistico lo modifica senza aver ottenuto preventivamente

Dettagli

Roma, 09 settembre 2003

Roma, 09 settembre 2003 RISOLUZIONE N. 178/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 09 settembre 2003 Oggetto: Istanza di interpello. Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 48 del TUIR: regime tributario dei

Dettagli

La circostanza è oggetto di una specifica disposizione, l art.19, D.Lgs. n.74/00, a mente del quale:

La circostanza è oggetto di una specifica disposizione, l art.19, D.Lgs. n.74/00, a mente del quale: Accertamento e Verifiche di Thomas Tassani Il principio di specialità nelle sanzioni tributarie, amministrative e penali il caso dell indebita compensazione dei crediti e dell infedele dichiarazione Rapporti

Dettagli

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE DEFINIZIONE 11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE CASISTICA RIFERIMENTI Quando il lavoratore matura i requisiti anagrafici e contributivi per accedere

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari

Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari Operazioni straordinarie di Fabio Giommoni * Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari Con la C.M. n.33/e del 17 giugno 2010 l Agenzia delle Entrate ha fornito

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex. La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com La Corte Costituzionale, nell ormai lontano 1965, fu chiamata a pronunciarsi

Dettagli

Avvocati obbligati a informare il cliente sulla possibilità di successo dell azione (Guida al Diritto)

Avvocati obbligati a informare il cliente sulla possibilità di successo dell azione (Guida al Diritto) Avvocati obbligati a informare il cliente sulla possibilità di successo dell azione (Guida al Diritto) Giuseppe Sileci Una delle disposizioni di maggior interesse del nuovo ordinamento forense è quella

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario 1. Introduzione... 2 2. Criteri di valutazione della violazione... 2 3. Sanzioni... 2 3.1 Lavoratori dipendenti non dirigenti... 2 3.1.1 Sanzioni per i lavoratori dipendenti... 3 3.2 Soggetti

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE L art. 49 del DLGS n. 231/07 vieta il trasferimento di denaro contante, libretti e/o titoli al portatore fra soggetti

Dettagli

AGGIORNAMENTI SU GIURISPRUDENZA E NORMATIVA. Torino 12 maggio 2015

AGGIORNAMENTI SU GIURISPRUDENZA E NORMATIVA. Torino 12 maggio 2015 2. MAGGIO AGGIORNAMENTI SU GIURISPRUDENZA E NORMATIVA INCONTRO A CURA DEL GRUPPO DI LAVORO EX D.LGS 23/200 Torino 2 maggio AVV. STEFANO COMELLINI 2 2. MAGGIO GIURISPRUDENZA 3 PROFITTO (art. 9) Cass. n.

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

Nome modulo: VIGENTI DISPOSIZIONI DI LEGGE IN MATERIA DI TUTELA DEI DATI E DI CRIMINALITÀ INFORMATICA ANCHE EUROPEE

Nome modulo: VIGENTI DISPOSIZIONI DI LEGGE IN MATERIA DI TUTELA DEI DATI E DI CRIMINALITÀ INFORMATICA ANCHE EUROPEE NOME LEZIONE: INTRODUZIONE Il Codice privacy è entrato in vigore il 1 gennaio 2004 e riunisce in un unico contesto la legge 675/1996 e gli altri decreti legislativi in materia, i regolamenti e i codici

Dettagli

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili Corso di Amministratore di condominio L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili 1 Assemblea E la sede deliberativa del condominio Attribuzioni dell assemblea (art. 1135 c.c.)

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo CONCORRENZA SLEALE art. 2598 e ss. c.c. (primo intervento normativo statale specifico) atti di concorrenza sleale

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli