di Millevoi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Millevoi www.icmontanelli.it"

Transcript

1 ...di Battisti e Boltar di Millevoi Giornale degli alunni dell Istituto Comprensivo Indro Montanelli Anno VI - N 03 - Aprile Finalmente! Anche la nostra scuola è caduta nella grande rete di Internet. Dopo mesi di lavoro l Istituto Comprensivo Indro Montanelli ha un proprio sito. L obiettivo prioritario che noi componenti la commissione multimedialità ci siamo posti è stato di creare uno strumento atto a favorire collegamento e confronto tra le diverse componenti della scuola, alunni, genitori, docenti e personale ATA, e di rendere visibile e leggibile l organizzazione scolastica e il Piano dell Offerta Formativa. Giorno dopo giorno è nato il nostro sito: facilità di consultazione, documenti e modulistica da visionare o scaricare, spazi a disposizione per i lavori degli alunni. Questo ed altro potrete scoprire cliccando su la scuola La scuola non è solamente quel muro che ti chiude, quel banco che ti costringe all immobilità; è anche il libro che ti permette di spaziare con la mente nei campi vastissimi della scienza; è la carta geografica sulla quale impari, con la fantasia, a percorrere i più lunghi viaggi nei paesi più lontani e misteriosi; è la poesia che ti acuisce il senso delle cose belle e armoniose; è l episodio storico che ti spalanca le porte del passato e ti parla dei popoli che sono vissuti prima di noi e che hanno impresso il moto a tutto un ciclo di fatti che anche tu vivi al presente. Valentina e Alessia classe 5 a B Boltar Vi ricordiamo che La Voce di Millevoi è presente sul sito:

2 IL DELFINO DEL RIO DELLE AMAZZONI È un delfino che vive esclusivamente nelle acque dolci. Popola, infatti, i fiumi del Rio delle Amazzoni, dell Orinoco e del Rio Negro nell America Meridionale, spingendosi a oltre 2500 km dalla foce. Possiede un lungo rostro e una fronte assai prominente. Il biosonar di questo mammifero è talmente efficace che è quasi impossibile catturarlo con reti a maglie sottili. Anche in acque torbide individua la trappola e con un agile salto la supera, continuando poi tranquillamente il suo girovagare alla ricerca di pesci. IL CERVO DALLA CODA BIANCA Il cervo dalla coda bianca fa parte della famiglia degli odoceli, chiamati pure cervi-muli. La coda bianca e la macchia nella parte posteriore del cervo sono un segnale visivo e un importante mezzo di comunicazione all interno del branco. Quando un cervo scorge un predatore, fugge veloce alzando la coda. La macchia bianca viene vista immediatamente da tutti i membri del branco che si mettono precipitosamente in fuga. IL CASTORO AMERICANO Un tempo i castori venivano abbattuti non solo per la pelliccia, ma anche per impossessarsi del contenuto di alcune ghiandole, il cui secreto, chiamato castoreum veniva utilizzato per curare molte malattie. Oggi si sa che il prodotto di queste ghiandole contiene l acido salicilico, il componente principale dell aspirina. L AQUILA REALE Le parate nuziali fra maschio e femmina sono spettacolari. Ambedue volano in coppia con inseguimenti, picchiate e giravolte. Il maschio da sopra precipita mostrando gli artigli alla femmina, che da sotto si gira e mostra i propri, senza però farsi male con queste temibili armi. LA MEGATTERA Il nome megattera deriva dall antica lingua greca e significa letteralmente grande ala. Fu dato a questo cetaceo per via della forma delle gigantesche pinne pettorali, straordinariamente simili ad ali, lunghe 1/3 dell animale. La megattera è famosa per il suo canto, che non ha eguali nel mondo animale per lunghezza e complessità. I maschi, infatti, emettono una serie di suoni prodotti non dalle corde vocali, bensì attraverso il passaggio di aria nei numerosi canali nasali. Il canto ha il preciso scopo di attrarre, nel periodo degli amori, le femmine. L AQUILA DI MARE DALLA TESTA BIANCA Il 20 giugno del 1782 i cittadini dei nuovi Stati Uniti Indipendenti d America adottarono quest animale come simbolo nazionale. Ancora oggi l emblema nazionale degli Stati Uniti è rappresentato da quest aquila. IL GIAGUARO Giaguaro deriva da una parola indios che significa colui che uccide con un balzo. È il predatore più forte della foresta. Le sue zanne robuste riescono a forare le robuste corazza dei rettili. È stata osservata una tecnica particolare nella cattura dei pesci: appostato sulla riva batte leggermente la superficie dell acqua (il rumore prodotto è simile al tonfo provocato dalla caduta di un frutto o di un insetto). I grossi pesci, che dal fondo salgono alla superficie nella speranza di un pasto, vengono velocemente arpionati dagli artigli del giaguaro.

3 a scuola non è solamente quel muro che ti chiude, quel banco che ti costringe all immobilità; è anche il libro che ti permette di spaziare con la mente nei campi vastissimi della scienza; è la carta geografica sulla quale impari, con la fantasia, a percorrere i più lunghi viaggi nei paesi più lontani e misteriosi; è la poesia che ti acuisce il senso delle cose belle e armoniose; è l episodio storico che ti spalanca le porte del passato e ti parla dei popoli che sono vissuti prima di noi e che hanno impresso il moto a tutto un ciclo di fatti che anche tu vivi al presente. Vi ricordiamo che...di Battisti e Boltar U n Brevi letture... Il professore e il barcaiolo giorno, uno dei più grandi professori dell università chiese a un barcaiolo di portarlo a fare una gita sul lago con la sua barchetta. Il bravo uomo accettò e, lontano dalla riva, il professore cominciò ad interrogarlo: Sai la storia? No! Allora un quarto della tua vita è perduto! Sai l astronomia? No Allora due quarti della tua vita sono perduti. Sai la filosofia? No. Allora tre quarti della tua vita sono perduti! All improvviso cominciò ad infuriare una tremenda tempesta. Gridando sopra il rumore del vento il barcaiolo si rivolse al professore e gli chiese: Sai nuotare? No. Rispose il professore. Allora tutta la tua vita è perduta. La morale? Non perdere mai di vista ciò che è veramente essenziale! Greta e Chiara Papà Aiuto Una Rana Arrabbiata Non è compito mio classe 5 a B Boltar gli acrostici dei sentimenti Nerone Osservato Improvvisamente Abbaia Questa è la storia di quattro persone chiamate: Ognuno, Qualcuno, Ciascuno e Nessuno. C era un lavoro importante da fare e Ognuno era sicuro che Qualcuno l avrebbe fatto. Ciascuno avrebbe potuto farlo, ma Nessuno lo fece. Qualcuno si arrabbiò perché era un lavoro di Ognuno. Ognuno pensò che Ciascuno poteva farlo, ma Nessuno capì che Ognuno non lo avrebbe mai fatto. Finì che Ognuno fece ciò che Ciascuno avrebbe potuto fare. Vi aspettiamo con una copia del Giornalino di Millevoi Giornale degli alunni dell Istituto Comprensivo Indro Montanelli Anno VI - N 03 - Aprile 2008 L Finalmente! Anche la nostra scuola è caduta nella grande rete di Internet. Dopo mesi di lavoro l Istituto Comprensivo Indro Montanelli ha un proprio sito. L obiettivo prioritario che noi componenti la commissione multimedialità ci siamo posti è stato di creare uno strumento atto a favorire collegamento e confronto tra le diverse componenti della scuola, alunni, genitori, docenti e personale ATA, e di rendere visibile e leggibile l organizzazione scolastica e il Piano dell Offerta Formativa. Giorno dopo giorno è nato il nostro sito: facilità di consultazione, documenti e modulistica da visionare o scaricare, spazi a disposizione per i lavori degli alunni. Questo ed altro potrete scoprire cliccando su la scuola Valentina e Alessia classe 5 a B Boltar per voi un grazioso omaggio! La Voce di Millevoi è presente sul sito:

4 e rapidi calcoli CRUCIVERBA DELLE TABELLINE classe 2 a A Millevoi ORIZZONTALI 1 5X5 3 6X7 5 3X0 6 2X7 7 9X9 9 6X6 10 8X X9 13 7X4 14 9X X5 17 8X8 18 4X4 19 8X5 VERTICALI 1 7X3 2 6X9 4 4X7 5 6X0 8 9X2 9 5X7 11 6X8 12 8X4 13 9X X7 15 8X3 16 7X X =...F 66+33=...I 37+16=...L 38+23=...P 72+36=...I 84+19=...E 65+24=...S 46+47=...C 74+17=...E Quale animale restò fuori dall arca di Noè? Esegui le addizioni e, nel fumetto, cancella le lettere corrispondenti ai risultati pari delle operazioni. FIL PIESCE soluzioni IL PESCE

5 Canta questa canzoncina mentre ti lavi i denti e i tuoi saranno... Denti con tenti Denti contenti più che mai se lavarli tu saprai, spazzolare dal rosa al bianco non dir subito che sei stanco, se no la placca ti rattrista devi correre dal dentista, per i denti sai che il fluoro è prezioso più dell oro, se la carie vuoi evitare usa il filo interdentale!!! Cambia lo spazzolino quando le setole sono rovinate (altrimenti non puliscono e danneggiano le gengive); Usa spazzolini con setole morbide e sintetiche e con la testina piccola (sono più maneggevoli ed efficaci); Non spazzolare con forza i denti (potresti rovinare lo smalto e le gengive); Scegli dentifrici con il fluoro ed efficaci per l igiene (il fluoro rinforza e protegge i denti dai batteri); Spazzola i denti per ALMENO 2 minuti (più spazzoli e più batteri elimini); Fai controllare i denti dal dentista ogni 6 mesi (curerà subito le piccole carie); Porta sempre lo spazzolino per gli spuntini fuori pasto (altrimenti la placca si accumula e diventa tartaro); Mangia meno dolci (lo zucchero si attacca ai denti e li caria) Classe 4 a B - Millevoi La Voce di Millevoi ringrazia l Associazione Sportiva Dilettantistica Club Battisti l Associazione Culturale Musicale Impronta Sonora la Pizzeria da Gianni Zigolo Zagolo la Banca Credito Cooperativo di Roma - ag. 16 per aver reso possibile questa pubblicazione Chiunque voglia offrire il proprio contributo economico per le spese di stampa del giornalino, può farlo mediante un bollettino postale sul C/C intestato a: Istituto Comprensivo Indro Montanelli p.zza L. Cerva, 45 - Roma - nella causale del versamento specificare: Contributo giornalino La Voce di Millevoi DOT sas

6 Il tempo passa i rifiuti rimangono Il 6 febbraio Scarty, il simpatico canguro che fa da mascotte all AMA, è ritornato nella nostra scuola e noi alunni della 3 a C e 3 a D del plesso Boltar abbiamo avuto modo di conoscerlo. Scarty ci ha fatto fare un bel viaggio, pensate un po, in compagnia dei vari rifiuti, i quali ci hanno spiegato molte cose importanti. Sentite cosa ci hanno raccontato: Noi rimaniamo nell ambiente dai 100 ai 1000 anni. Ci usate in grande quantità, siamo tantissime. Lo sapevate che se non ci abbandonate e imparate a raccoglierci separatamente, faciliterete il nostro riutilizzo? Possiamo diventare bellissimi e caldi maglioni di pile, penne, orologi, cassette della frutta Impieghiamo ben 4000 anni per essere smaltite. Se invece veniamo riciclate, possiamo dare vita a nuove bottiglie, barattoli, bicchieri di vetro Siamo gli scarti alimentari, gli sfalci e le potature. Possiamo diventare Compost, un fertilizzante naturale ed economico per l agricoltura Noi impieghiamo 50 anni per sparire. Siamo le lattine, spesso abbandonate nei giardini, nei parchi, per strada. Se veniamo riciclate, diventiamo nuove lattine, vaschette da forno

7 Questi istogrammi ci indicano molto chiaramente quanto impiega la natura a smaltire i rifiuti, se non vengono da noi riciclati I nostri amici hanno fatto in modo che la parola riciclare diventi per noi familiare e importante. Riciclare un rifiuto significa, infatti, far rinascere una cosa nuova e utile. Impegnarci sin da piccoli a rispettare l ambiente, sia a casa che a scuola, ci aiuta a diventare persone capaci di amare e proteggere tutto ciò che ci circonda. Questo nostro impegno potrebbe sembrare una piccola goccia, ma, come diceva Madre Teresa di Calcutta, Sono le piccole gocce d acqua a formare l oceano. 9

8 Inaugurazione del giardino Mercoledì 20 febbraio 2008 alle ore 10 c è stata la consegna ufficiale dello spazio adibito a giardino per la Scuola dell Infanzia A. Millevoi Dopo cinque mesi di lavori i bambini e le bambine sono potuti entrare a giocare. In occasione dell evento, gli alunni hanno iniziato i primi lavori di giardinaggio delimitando le aiuole che verranno utilizzate per la coltura di ortaggi. Il recinto è stato fatto mettendo dei bastoncini, ricavati dalla potatura di polloni dei numerosi tigli presenti nelle zone verdi della scuola. Ricordiamo che il giardino scolastico ha avuto la sua piena realizzazione grazie al contributo del Servizio Giardini del Comune di Roma, il quale ha formato numerosi insegnanti di ogni ordine e grado del territorio tramite un corso di aggiornamento, svoltosi nel mese di settembre. Presso la Casa del Giardinaggio, sita in via Ardeatina n 601, gli operatori sono a disposizione di tutti gli alunni del nostro Istituto per consigli e visite guidate. Il giardino è parte integrante all interno della programmazione didattica della scuola dell infanzia; infatti, per la fine dell anno scolastico sono previste una mostra espositiva dei lavori e la vendita di piccole piantine prodotte dai bambini. Le insegnanti colgono l occasione per invitare tutti al rispetto di questo spazio, non solo ricreativo ma anche spazio di apprendimento e crescita. Dopo il successo e il consenso di genitori e ragazzi anche quest anno riapre il 9 giugno il centro estivo mille attività e tanto divertimento riempiranno la tua estate. Per tutti i bambini dai 4 anni in poi. Settimane di apertura: 1 a settimana dal 09/06 al 13/06 2 a settimana dal 16/06 al 20/06 3 a settimana dal 23/06 al 27/06 4 a settimana dal 30/06 al 04/07 5 a settimana dal 07/07 al 11/07 6 a settimana dal 14/07 al 18/07 7 a settimana dal 21/07 al 25/07 8 a settimana dal 28/07 al 01/08 9 a settimana dal 01/09 al 05/09 Fascia oraria settimanale: dal lunedì al venerdì dalle 8.15 alle 16.30/17.00 QUOTA A BAMBINO - servizio mensa facoltativo +30,00 euro a settimana 1 settimana: euro 55,00 2 settimane: euro 105,00 3 settimane: euro 155,00 4 settimane: euro 200,00 Centro estivo 2008 A.S.D. CLUB BATTISTI presso scuola elementare Boltar P.zza Ludovico Cerva, 45 Iscrizione: euro 10,00 per soci A.S.D. Battisti Orario: dal Lunedì al venerdì 16,00-17,30 presso scuola elementare Boltar Per qualsiasi informazione chiamare

9 Laboratorio scientifico della classe 4 a B - Boltar L importanza delle piante Tutta l umanità ha bisogno delle piante: producono ossigeno e consumano anidride carbonica l uomo si nutre di ortaggi e frutta l uomo utilizza il legno per costruire case, mobili, carta molti animali utilizzano le piante come casa e come cibo. Le piante sono importantissime perché senza di esse la Terra sarebbe un deserto. Osserviamo una parte di una pianta: la foglia Le foglie delle piante contengono un pigmento verde, la clorofilla. Vogliamo provare a vedere cosa succede se la clorofilla si scioglie? sperimentiamo Materiale occorrente: Due vasetti di vetro Foglie verdi Alcool Acqua Abbiamo riempito per metà i due vasetti con le foglie, poi abbiamo versato in un vasetto l alcool, nell altro l acqua. Dopo alcuni giorni, abbiamo osservato: Nel vasetto con l alcool le foglie si erano schiarite e l alcool aveva cambiato colore. Nel vasetto con l acqua le foglie non avevano cambiato colore Possiamo concludere che la clorofilla è solubile nell alcool Vi lasciamo, con un acrostico, un nostro messaggio Più Impegno Amore Natura Tenerezza Attenzione

10 Forse non tutti sanno che Il mondo degli animali è un mondo fantasctico che ci può riservare tante sorprese. Noi bambini delle classi 4 a C e D del plesso Boltar vogliamo condividere con voi cio che abbiamo scoperto. IL COLIBRÌ DI ELENA Cuba, la più grande isola caraibica, può vantare un record faunistico: ospita l uccello più piccolo del mondo, il colibrì di Elena. I cubani lo chiamano zunzuncito o pajaro mosca, cioè uccello mosca. Il maschio pesa solo due grammi ed è poco più grande di una cavalletta. In maggio e in giugno la femmina depone un solo uovo, della grandezza di una pastiglia, in un nido di 4 cm. La distruzione dell habitat sull isola ha ridotto di molto la presenza di questa interessante specie, che ora vive solo in poche zone protette. IL PUMA Il puma è il più grosso predatore delle pampas. È dotato di notevole agilità, può superare con un balzo 18 m di lunghezza ed ha una resistenza incredibile, in una notte può percorrere oltre 40 km di distanza. Di fronte al pericolo il puma si rifugia al sicuro sulla cima degli alberi, difendendosi così dall ira di animali come il grizzly e dall attacco dei lupi. Questa strategia lo rende, però, vulnerabile di fronte all uomo: se inseguito da una muta di cani, si arrampica sulla cima di un albero diventando così facile bersaglio per i fucili dei cacciatori. LE RANE VELENOSE Sono rane di piccole dimensioni, sono lunghe, infatti, pochi centimetri. La specie smint hillus limbatus è la più piccola rana del mondo e misura un solo centimetro. Vivono nelle foreste dell America centrale e meridionale, frequentando soprattutto le umide foreste tropicali del bacino Rio delle Amazzoni. La pelle presenta colori vivacissimi ben visibili anche da lontano. Il colore è un segnale di pericolo inviato all eventuale predatore. Alcune ghiandole, infatti, secernono veleni potentissimi. Una di queste rane produce il veleno animale più potente del pianeta, detto baracotosina. Un grammo di questo veleno sarebbe sufficiente a uccidere 4000 uomini. Gli Indios utilizzano il veleno delle rane per rendere mortali le proprie frecce. Raccolgono il veleno dalla pelle della rana in un recipiente in cui intingono la punta delle proprie frecce. Basta scalfire la pelle della preda per provocarne la morte. PIRANHA La mascella e la mandibola sono armate di denti triangolari affilati e disposti in modo che, quando il piranha chiude la bocca, i denti inferiori si incastrino con quelli superiori. Sono noti per la loro ferocia e aggressività.se un animale ferito o malato viene colto mentre attraversa un fiume, il branco si avventa su di lui e in pochi minuti lo spolpa completamente lasciando solo lo scheletro. IL PESCE CHIRURGO Tipici della barriera corallina, i pesci chirurgo si sono meritati il nome per la presenza di due spine pieghevoli nascoste dentro solchi ai lati della coda, che l animale può erigere a proprio piacimento estraendole come una lama di un coltello a serramanico. Queste spine taglienti come bisturi non sono altro che scaglie profondamente modificate e vengono utilizzate per difesa. Sono, infatti, in grado di produrre squarci e ferite profonde nel corpo di eventuali predatori. LA TARTARUGA DELLE GALAPAGOS Lo scudo corneo che riveste il dorso di questi animali ha dei solchi concentrici. Volete sapere quanti anni ha una tartaruga? Basta contare: ogni solco corrisponde ad un anno.

11 Diario di Classe L arrivo di Raju Raju è buono e ama la cucina italiana Il mondo visto da Raju Noi visti da Raju Ciao ragazzi, siamo noi, i piccoli della 1 a A di Millevoi. È da parecchio che non ci sentiamo, siamo cresciuti, ora siamo dei veri scolari, sappiamo leggere e scrivere (quasi bene). È stata una dura fatica ma ora è bello e siamo soddisfatti. Sono accadute tante cose nella nostra classe, ma una è proprio bella e vogliamo che anche il nostro giornalino la conosca. L 11 febbraio è arrivato un bambino nuovo, Raju, nella sua lingua significa: piccolo principe. Raju viene da un paese lontano, il Nepal; i maestri ci hanno ben preparati per accogliere al meglio Raju che è un bambino molto sensibile, affettuoso e con tanta voglia di imparare. Egli conosce l inglese e parla abbastanza bene la nostra lingua. Tra noi è nato uno scambio di lingua molto bello e importante e i maestri ci dicono che presto Raju parlerà bene l italiano e noi bene l inglese, non è poco no? Raju è così ben inserito nella nostra classe che sembra sia stato con noi da sempre. E siamo sicuri (lo dicono i maestri) che la sua presenza nella nostra classe ci ha arricchito di conoscenze e cultura. Ciao a tutti e alla prossima, con una nuova pagina del nostro DIARIO DI CLASSE

12 un calendario speciale di Agata T. - classe III C plesso Battisti Scienze è sempre stata la materia preferita da Agata, vostra compagna e nostra alunna. Così, gratificata per ogni tappa portata a termine, i dodici mesi dell anno sono stati dipinti e siglati: perché Agata ha tenuto moltissimo a firmare ogni lavoro, e tanta è stata la sua gioia dopo così grande impegno! Modalità di esecuzione del lavoro: scelta del tipo di foglia fra quelle raccolte anche dai compagni prova di composizione grafia guidata di numeri e lettere posizionamento del pennello nella mano sinistra mischiare il colore scelto dipingere la pagina inferiore della foglia (o del petalo) mettere la foglia preparata sul cartoncino coprirla con della carta assorbente fare pressione con la mano chiusa o aperta sul foglio togliere la carta, la foglia vera e... ecco il dipinto! Ogni lavoro eseguito ha avuto le sue grandi difficoltà, il risultato si commenta da solo... Per noi, queste pitture sono il risultato del gusto artistico di Agata e delle sue conquiste. 3

13 il laboratorio dell affresco I n un primo incontro il prof. Vinciguerra ci ha illustrato il procedimento che veniva usato nel Rinascimento ( d.c.) per realizzare gli affreschi e ci ha parlato dei colori che usavano a quei tempi. Si trattava sempre di colori naturali derivati da pietre, conchiglie, legni, ossa sbriciolate o erano semplicemente terre di particolari colori poi disciolte in acqua. Con lui abbiamo capito l importanza di proteggere i Beni Culturali perché sono una testimonianza del nostro passato, nonché un importante risorsa economica. Ci ha anche svelato che in Italia si trovano la metà dei beni culturali del nostro pianeta, ma che purtroppo accade spesso che i beni minori siano trascurati e che perciò vadano in rovina! Vi raccontiamo quello che abbiamo imparato. L affresco è un dipinto realizzato direttamente sulle pareti. Anticamente si dipingeva su intonaco asciutto ma l immagine si deteriorava facilmente Solo in Egitto, ove il clima ha un bassissimo grado di umidità, gli affreschi si sono conservati nei secoli nonostante fossero realizzati su intonaco asciutto! Compresa la causa che faceva sgretolare le opere, si è iniziato a dipingere su intonaco fresco, affinché questo potesse assorbire i colori che, penetrando in esso, si mantengono per tempi lunghissimi. Il prof. Vinciguerra ci ha mostrato durante la lezione teorica un affresco incompleto fatto da lui, cosicché capissimo meglio il procedimento seguito dall artista rinascimentale per realizzare un opera simile e potessimo eseguirlo successivamente anche noi in prima persona. Ecco il procedimento: ARRICCIO Quest anno i ragazzi della 5 a A del plesso A. Millevoi hanno avuto l occasione di svolgere una nuova attività didattica tenuto dal professor Carmelo Vinciguerra, storico dell arte Per prima cosa si stendeva sull affresco l arriccio, cioè una sostanza cremosa ottenuta dall unione di calce spenta, pozzolana e sabbia d acqua dolce impastati con acqua. Quest impasto serve a coprire eventuali fori e sporgenze e rendere la parete liscia e regolare. Questo strato si lasciava asciugare per 20 giorni. INTONACHINO SINOPIA Quando l arriccio era asciutto, l artista faceva la sinopia, cioè la prova del disegno usando una polvere rossa proveniente da Sinope, città sul Mar Nero, disciolta in acqua. È la terza fase in cui l artista copre il tutto con un nuovo impasto formato da calce spenta, pozzolana, sabbia d acqua dolce, polvere di marmo e acqua; è necessario in questa fase che le polveri siano molto fini (Per praticità, noi abbiamo iniziato i nostri affreschi da questo momento, tralasciando i precedenti). L intonachino va steso con un attrezzo chiamato cazzuola su piccole porzioni perché dopo circa 7 ore si asciuga e non assorbe più i colori. Abbiamo capito allora che l affresco è come un puzzle che si compie giorno per giorno. Queste porzioni prendono il nome di giornate quando l intonachino viene esteso in forma irregolare, si chiamano invece pontate (da ponteggio) quando viene steso in fasce orizzontali, dall alto verso il basso. 4 La Voce di Andrea Millevoi

14 Successivamente si procede nuovamente con il disegno scegliendo una fra le seguenti tecniche: SPOLVERO Si faceva il disegno su una carta pergamena ricavata dalla pelle di pecora e con un punteruolo si forava il contorno dell immagine. Poi con un sacchettino di tela pieno di polvere rossa si tamponava il disegno affinché restasse traccia sull intonachino dell immagine da rappresentare. Noi abbiamo usato questa tecnica usando, invece della carta pergamena, un foglio di carta da lucido sul quale avevamo ricalcato dei soggetti etruschi. INCISIONE INDIRETTA Si poggiava la pergamena disegnata sull intonachino ancora fresco; con una punta metallica si ripassava il contorno del disegno lasciandone impressa l impronta. INCISIONE DIRETTA Con una punta metallica si incideva direttamente sull intonachino, ma in tal modo era molto difficile correggere eventuali errori. Qualsiasi tecnica fra queste avesse scelto l artista, poi doveva ripassare l immagine sull intonachino usando un pennello finissimo e terre rosse (ricche di ferro) disciolte in acqua. STESURA DEI COLORI Finalmente, sull intonaco ancora fresco, si poteva colorare l immagine. CARBONATAZIONE Alla fine l opera deve essere lasciata asciugare per 20 giorni in cui la calce spenta attira l anidride carbonica e facilita sia l indurimento dell affresco che la penetrazione dei colori. Per noi è stata un esperienza unica realizzare questi affreschi D ora in poi, quando ci troveremo di fronte ad un affresco, comprenderemo l immenso lavoro che c è stato e ne capiremo meglio il valore. Ci siamo sentiti dei veri artisti, sia durante il laboratorio che alla fine, nell osservare i nostri lavori completati. Pizzeria da Gianni solo e sempre ingredienti di alta qualità Speciali Offerte Famiglia Teglie di pizza intere 60x40 Alcuni esempi: Margherita 11,50 Salsiccia e Mozz. 13,50 Boscaiola e Mozz. 14,00 Via dei Sommozzatori, 53 tel Ordina la tua pizza anche da casa. Chiama...

15 Dalle incisioni rupestri ai disegni di oggi Dopo aver ascoltato diverse lezioni sulla vita degli uomini primitivi, ci siamo chiesti con molta curiositá come avessero fatto gli studiosi a sapere tutte quelle notizie riguardanti fatti ed avvenimenti accaduti tanto tempo fa. La risposta l abbiamo avuta guardando con molta attenzione le fotografie e i disegni di alcuni libri di storia, che spiegavano come gli archeologi, esplorando moltissime grotte trovate in europa e in africa, avessero trovato meravigliose pitture ed incisioni di animali ormai estinti e di scene di vita degli uomini primitivi. Infatti, noi bambini della 3 a A di Millevoi abbiamo scoperto che l uomo primitivo incideva con pietre appuntite usate come scalpelli le rocce delle pareti delle caverne per tracciare i contorni di semplici figure che dopo dipingeva con pennelli fatti di piume. Successivamente l uomo imparó a sfumare il colore lavando e raschiando la superficie giá dipinta nel punto che doveva apparire piú chiaro. L uomo primitivo dipingeva gli animali che di solito cacciava e cosí è molto frequente vedere sulle pareti delle grotte i disegni di renne, di bisonti, di cavalli, di orsi e di felini trafitti da lance. A questo punto é venuta voglia anche a noi di voler imitare, con la tecnica del graffito, gli uomini primitivi riproducendo sulla carta quello che loro avevano disegnato sulla roccia. inizio Per prima cosa abbiamo preso un foglio di carta lucida trasparente, che ci è servito come modello e, guardando con molta pazienza le illustrazioni di diversi libri, abbiamo riprodotto scene di caccia raffiguranti cavalli e bisonti in corsa o colpiti da lance Abbiamo steso su un foglio di carta bianca prima strati chiari e poi scuri di colore a cera Abbiamo fissato con dei fermagli il lucido sopra al foglio di carta e abbiamo ricalcato il disegno Abbiamo ingrandito il contorno delle figure con degli stecchini per renderle visivamente più chiare Infine abbiamo proceduto alla raschiatura con una spatola, togliendo il primo strato di colore e ottenendo così effetti di chiaroscuro, che hanno messo in risalto le figure fine

16 Orienteering è uno sport che richiede impegno fisico e capacità intellettive; si può praticare a tutte le età e permette di vivere a contatto con L orienteering la natura. Inoltre mette in collegamento varie materie: matematica, geografia e scienze. Una gara di orienteering consiste nel raggiungere, nel minor tempo possibile, un determinato numero di punti di controllo, disposti sul territorio, servendosi di un apposita carta topografica ed eventualmente di una bussola, scegliendo liberamente l itinerario da seguire. Attenzione!! Non sempre il percorso più breve è anche il più veloce. Le origini Le origini dell orienteering sono legate alla necessità dell uomo, di muoversi sul territorio con l uso di mappe e carte geografiche. L orienteering viene definito lo sport dei boschi: alcune gare si svolgono anche nei centri storici. Per praticare questo sport sono indispensabili la carta e la bussola; occorre conoscere la simbologia, essere precisi nel rilevamento dei dati e nelle direzioni, avere capacità di resistenza. La gara La gara di orienteering è una prova di velocità e orientamento, in cui il concorrente deve raggiungere il traguardo nel più breve tempo possibile, dimostrando di essere passato da alcuni punti di controllo (lanterne) secondo il numero e l ordine stabilito dagli organizzatori. Lungo il percorso si possono trovare dei controllori che verificano la giusta sequenza e danno aiuto in caso di incidenti. La registrazione del passaggio avviene tramite la punzonatura del cartellino che ogni concorrente ha. All altro polso verrà fissata la bussola, che non è obbligatoria ma molto utile quando le gare si svolgono nei boschi. La carta È una rappresentazione grafica del terreno scelto, descritto nei minimi particolari. Non è una fotografia ma un disegno. Sul bordo superiore di ogni carta è sempre riportato il nord geografico. Sulla carta sono segnate tutte le particolarità del terreno attraverso una simbologia standard stabilita dalla FISO (Federazione Italiana Sport Orientamento.) Gli atleti studiano la carta La lanterna È un segnale di tela, con tre facce di forma triangolare di colore bianco e arancione. Sotto ogni lanterna c è una punzonatrice con la quale l orientista perfora il cartellino. Ogni lanterna e punzonatrice possiedono un codice e un simbolo, diversi dagli altri punti di controllo. Noemi, Ilaria,Matteo, Leonardo - classe 2 a D plesso Battisti 7

Anno scolastico 2006-2007 classi 3^ A e 3^B

Anno scolastico 2006-2007 classi 3^ A e 3^B Anno scolastico 2006-2007 classi 3^ A e 3^B Il 31 Ottobre sono venuti a scuola gli esperti della SILEA. Abbiamo sistemato nel cortile della scuola una compostiera per produrre il compost a scuola. OCCORRENTE:

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C P A G I N A 1 UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C Giorno 27 novembre, noi alunni della classe 5^ A Primaria del plesso Romana, ci siamo recati presso la sede centrale dell Istituto comprensivo Piero

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Perche l, igiene orale si impara da piccoli!

Perche l, igiene orale si impara da piccoli! Prevenzione avanzata della carie Perche l igiene orale si impara da piccoli! I tuoi denti.. un mondo pieno di sorprese Lo sapevi che......i tuoi primi dentini si sono formati ancor prima di nascere? Nella

Dettagli

Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale

Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale Scuola Primaria Paritaria «San Giuseppe» Foggia Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale 17 e 24 aprile 2012 Dott. Felice Lipari odontoiatra IL SORRISO Ciao, amici, sapete che il nostro sorriso

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari La nostra Alimentazione COMPLETATE LA PRIMA ATTIVITÀ DI QUESTO CAPITOLO, POI SCEGLIETENE ALTRE TRE DALLA LISTA CHE SEGUE. Le nostre scelte alimentari possono avere effetti positivi o negativi sul clima

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

L INTERVISTA IMPOSSIBILE

L INTERVISTA IMPOSSIBILE Rete delle geostorie Istituto Comprensivo Spinea 1 (VE) Scuola primaria Vivaldi Classe 3 Anno scolastico 2013-14 Ins. Nadia Paterno L INTERVISTA IMPOSSIBILE L intervista impossibile : immaginate di intervistare

Dettagli

Colori, fiori e impollinatori

Colori, fiori e impollinatori Unità didattica 9 Piante nell arte Colori, fiori e impollinatori 162 Durata 3 ore Stagione Primavera / estate Materiali - matite colorate - lenti di ingrandimento - cronometro - nastro bi-adesivo - foglio

Dettagli

A tutti i bambini Grazie per i vostri dentini!

A tutti i bambini Grazie per i vostri dentini! A tutti i bambini Grazie per i vostri dentini! I denti sono un bene prezioso! Ci aiutano a: 1. MASTICARE 2. PRONUNCIARE BENE LE PAROLE 3. AVERE UN BEL SORRISO Sai chi è l igienista dentale? L igienista

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Quinta. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Quinta. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe

Dettagli

Nella stesura del percorso di scienze per la classe seconda ho desiderato

Nella stesura del percorso di scienze per la classe seconda ho desiderato LA LINGUA E I DENTI dall albero al corpo umano in seconda primaria di Silvia Bonati* Può iniziare il percorso di conoscenza del corpo umano nella classe seconda della scuola primaria. Un percorso che,

Dettagli

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori La Scuola Primaria PAOLO NEGLIA di Vanzago, nell ambito delle manifestazioni organizzate per la Festa di fine anno scolastico, ha promosso la seguente iniziativa frutto della collaborazione fra Volontari

Dettagli

LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE

LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE I blocchi di pietra calcarea destinati alla costruzione degli archi,venivano tagliati con precisione e uniti con la malta (calce,sabbia,acqua). Una volta che gli archi si

Dettagli

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO RIC REI RIU' E LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO Tre strani e simpatici genietti, tra loro grandi amici, Ric Rei e Riù, se ne andavano in giro per il mondo per vedere se qualcuno poteva aver bisogno, appunto,

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

LA SCUOLA VA IN LIBRERIA Cartastraccia - Libreria Lovat

LA SCUOLA VA IN LIBRERIA Cartastraccia - Libreria Lovat LA SCUOLA VA IN LIBRERIA Cartastraccia - Libreria Lovat PROPOSTE DIDATTICHE PER LE SCUOLE Perché una gita in libreria?? Perché è un bel luogo, pieno di avventure, di misteri, di cose da scoprire. Perché

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

«FELICI E CON...DENTI!!»

«FELICI E CON...DENTI!!» «FELICI E CON...DENTI!!» Situazione Formativa interdisciplinare sviluppata nelle Classi Seconde della Scuola Primaria di Giovo (Istituto Comprensivo di Cembra) Cod. Mec. I.C. Cembra TNIC82200G Anno scolastico

Dettagli

IL PIANETA LO SALVO IO!

IL PIANETA LO SALVO IO! IL PIANETA LO SALVO IO! PREMESSA Per l anno scolastico 2008/2009 si intende sviluppare il progetto Il Pianeta lo salvo io! che continua il percorso svolto l anno scolastico precedente, dal titolo aria,

Dettagli

E LA SALUTE DEI DENTI

E LA SALUTE DEI DENTI IO & OTTAVIO Due amici per denti più felici E LA SALUTE DEI DENTI Yep! La salute della comunità degli emofilici passa anche attraverso la salute della bocca. La FedEmo promuove l alleanza tra il S.S.N.,

Dettagli

Note per l'insegnante

Note per l'insegnante LA STAMPA Note per l'insegnante 1. Abbiamo realizzato molti disegni illustrativi del testo perché abbiamo pensato che sarebbe bello che fossero i bambini ad illustrare i testi 2. I titoli posti come domande

Dettagli

,, GL QR GL VD V X D UL U Visita alla mostra

,, GL QR GL VD V X D UL U Visita alla mostra Visita alla mostra Prima di cominciare Queste diapositive raccolgono, come in un diario, le impressioni di noi bambini di fronte alle riproduzioni dei dinosauri ammirate durante la visita. In ogni pagina

Dettagli

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra.

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Che puzza extragalattica c è qui!. Il mio mondo è bello,

Dettagli

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE (Disegni e idee dei bambini) Noi, prima di introdurre il cibo nella bocca, la apriamo. Ora siamo pronti ad introdurre il cibo in bocca. Introdotto il cibo, la bocca

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

GLI AUSTRALOPITECHI. Tra gli animali che vedi nelle figure, sai dire quale è una scimmia? Cerchia l animale giusto e collega i nomi ai disegni.

GLI AUSTRALOPITECHI. Tra gli animali che vedi nelle figure, sai dire quale è una scimmia? Cerchia l animale giusto e collega i nomi ai disegni. GLI AUSTRALOPITECHI Prerequisiti: orientarsi nel tempo fra passato, presente e futuro, usare gli strumenti sussidiari al testo (cartine, immagini, tabelle ) Obiettivi: studio dell evoluzione dell uomo

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE G.B. GUARINI Sezioni A B C Progetto di educazione ambientale AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE Anno scolastico 20011/2012 Le insegnanti hanno deciso di predisporre questo

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

IN QUESTO NUMERO. Serata Halloween L angolo del Web A scuola di musica Passatempi

IN QUESTO NUMERO. Serata Halloween L angolo del Web A scuola di musica Passatempi . IN QUESTO NUMERO Serata Halloween L angolo del Web A scuola di musica Passatempi Cari lettori, questo è il primo numero del nostro giornalino: il CAVOUR 24 ore. Lo abbiamo preparato durante il laboratorio

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

MISSIONE RIFIUTI LE AVVENTURE DI BATTISTA LA PUZZOLA ECOLOGISTA

MISSIONE RIFIUTI LE AVVENTURE DI BATTISTA LA PUZZOLA ECOLOGISTA MISSIONE RIFIUTI LE AVVENTURE DI BATTISTA LA PUZZOLA ECOLOGISTA CIAO BAMBINI, SONO BATTISTA LA PUZZOLA ECOLOGISTA, SIETE PRONTI PER PARTIRE IN MISSIONE PER L AMBIENTE? SE FACCIAMO BENE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA,

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso L acqua si infiltra Scuola Primaria- Classe Prima Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso Schema per costruire il diario di bordo riguardo a precise situazioni di lavoro scelte

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA G. PASCOLI - SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA G. PASCOLI - SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA G. PASCOLI - SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI INSEGNANTI DELLA SEZIONE 5 ANNI G. PASCOLI INSEGNANTI DELLE CLASSI 1ª E 5ª DELLA SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI ANNO SCOLASTICO

Dettagli

GLI ANIMALI. Percorso didattico per la classe prima VARIETA DI FORME E COMPORTAMENTI ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO MUGELLO

GLI ANIMALI. Percorso didattico per la classe prima VARIETA DI FORME E COMPORTAMENTI ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO MUGELLO GLI ANIMALI VARIETA DI FORME E COMPORTAMENTI Percorso didattico per la classe prima ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO MUGELLO QUALI ANIMALI ABBIAMO? Iniziamo il percorso con una conversazione: parliamo con

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile.

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. di Pier Francesco Piccolomini 1 Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. Oggi attraverso questa gigantesca

Dettagli

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Progetto Accoglienza Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Ieri 22 settembre è stata una giornata speciale per noi alunni di Gorno delle classi3a, 4a e 5a... infatti non siamo stati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

Il progetto è stato articolato su alcune visite fatte presso il podere Lavagno a Centenaro (Desenzano del Garda).

Il progetto è stato articolato su alcune visite fatte presso il podere Lavagno a Centenaro (Desenzano del Garda). Titolo: La Fattoria Olistica Relatrice Angelina Scarano Il progetto è stato articolato su alcune visite fatte presso il podere Lavagno a Centenaro (Desenzano del Garda). Oltre che capire il mondo degli

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013. a fumetti. SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO INSEGNANTI:

CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013. a fumetti. SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO INSEGNANTI: CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013 a fumetti SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna INSEGNANTI: ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO CREAZIONE DI UN FUMETTO A PARTIRE DA UN BREVE TESTO Motivo della proposta:

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

Scheda di presentazione dei percorsi tematici

Scheda di presentazione dei percorsi tematici Scheda di presentazione dei percorsi tematici 1. Dati generali Nome e cognome Moscatelli Cristina, Flemma Donatella Presidio di riferimento Perugia (Umbria) Istituto di appartenenza 3 Circolo didattico

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

L ipertesto multimediale o ipermedia

L ipertesto multimediale o ipermedia Informatica 2 livello/2ªb 21-02-2006 10:45 Pagina 19 multimediale o ipermedia Il programma di scrittura Word, che già conosci, ti permette anche di creare ipertesti multimediali o ipermedia. R Cerchiamo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni PIANO DI L ETTURA LA PIANTA MAGICA ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Orecchia Serie Azzurra n 81 Pagine: 87 Codice: 978-88-384-3564-2 Anno di pubblicazione: 2006 Dai 7 anni L AUTRICE Erminia Dell

Dettagli

Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza.

Progetto <L Apprendista Cittadino >. Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Le tematiche offerte, gli spunti di riflessione, gli argomenti trattati sono risultati interessanti

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI ANNO SCOLASTICO:2006/2007. SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca. ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B

OBIETTIVI FORMATIVI ANNO SCOLASTICO:2006/2007. SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca. ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B ANNO SCOLASTICO:2006/2007 SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B INSEGNANTI: Bergamini Patrizia, Manfredini Maria Grazia Acquisire una maggiore sensibilità verso l

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante

LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante La scienza è lo studio di tutte le cose, viventi e non viventi, che ci sono sulla Terra e nell Universo. La scienza

Dettagli

Api che vanno, bombi che vengono

Api che vanno, bombi che vengono Unità didattica 7 Piante e Alimentazione Api che vanno, bombi che vengono Durata 1 ora più osservazioni all aperto Materiali - schede di lavoro F24 (se possibile stampata a colori), F25 e F26 - schede

Dettagli

Asilo Nido Eden del Bimbo Piazza Madonna dei Lumi San Severino marche Tel. 0733/638410 PROGETTO CAPPUCCETTO ROSSO

Asilo Nido Eden del Bimbo Piazza Madonna dei Lumi San Severino marche Tel. 0733/638410 PROGETTO CAPPUCCETTO ROSSO Asilo Nido Eden del Bimbo Piazza Madonna dei Lumi San Severino marche Tel. 0733/638410 PROGETTO CAPPUCCETTO ROSSO Anno scolastico 2012-2013 Abbiamo pensato al nostro percorso didattico per l anno scolastico

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

Zucca zuccone tutta arancione

Zucca zuccone tutta arancione Zucca zuccone tutta arancione La festa di Halloween, tradizione dei paesi anglosassoni, è oramai entrata nella nostra società; i bambini sono molto attratti dalle icone paurose di questo festeggiamento:

Dettagli

Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali.

Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali. 8 LEZIONE: Funzioni Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali. Obiettivo Principale: Illustrare come compiti ripetitivi possano essere organizzati in piccoli

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

PON: IL CANTIERE DELLE SCIENZE PER L INNOVAZIONE METODOLOGICA. Conoscenze: La combustione intorno a noi e negli esseri viventi

PON: IL CANTIERE DELLE SCIENZE PER L INNOVAZIONE METODOLOGICA. Conoscenze: La combustione intorno a noi e negli esseri viventi PON: IL CANTIERE DELLE SCIENZE PER L INNOVAZIONE METODOLOGICA Obiettivo-Azione1-FSE 2008-27 Anno scolastico 2008/2009 Tema: Le trasformazioni Sottotema: Combustione Conoscenze: La combustione intorno a

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA VOLUME 1 CAPITOLO 0 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: Terra... territorio...

Dettagli

DIARIO DI BORDO Tutor: Margherita Pacca

DIARIO DI BORDO Tutor: Margherita Pacca Piano ISS Insegnare Scienze Sperimentali L.S.S. Caccioppoli di Napoli Via Nuova Del Campo, 22/R Tel 081-7805620 fax. 081-7511988 E-mail: naps07000r@istruzione.it DIARIO DI BORDO Tutor: Margherita Pacca

Dettagli

ENERGIE RINNOVABILI LE MAGNIFICHE STORIE DEL DOTTOR ENERGIX. www.ecogiocando.it MESSAGGI ECOLOGICI PER I PIU' PICCOLI. Una favola scritta da Maura

ENERGIE RINNOVABILI LE MAGNIFICHE STORIE DEL DOTTOR ENERGIX. www.ecogiocando.it MESSAGGI ECOLOGICI PER I PIU' PICCOLI. Una favola scritta da Maura ENERGIE RINNOVABILI LE MAGNIFICHE STORIE DEL DOTTOR ENERGIX Una favola scritta da Maura Cari bambini, dovete sapere che il Dottor ENERGIX è un simpatico scienziato dall aria un po stralunata, sempre alle

Dettagli

Cardito di Vallerotonda. Reparto sagittario RM 36

Cardito di Vallerotonda. Reparto sagittario RM 36 Cardito di Vallerotonda Reparto sagittario RM 36 Lo scenario delle nostre avventure delle emozioni, delle esperienze che abbiamo vissuto e dei ricordi che ci rimarranno sempre impressi. Quest anno il campo

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

ALLA SCOPERTA DELLE MERAVIGLIE DELLA SICILIA La Villa Romana del Casale di Piazza Armerina (Enna)

ALLA SCOPERTA DELLE MERAVIGLIE DELLA SICILIA La Villa Romana del Casale di Piazza Armerina (Enna) SCUBlMONDO 5 - GEOGRAlA ALLA SCOPERTA DELLE MERAIGLIE DELLA SICILIA La illa Romana del Casale di Piazza Armerina (Enna) In tutte le regioni italiane ci sono tesori d arte importantissimi. Nel cuore della

Dettagli

La Scuola dell infanzia L. Scotti. Presenta SCUOLE EMISSIONE ZERO PROGETTO PER UN MIGLIOR RISPARMIO DI CO2

La Scuola dell infanzia L. Scotti. Presenta SCUOLE EMISSIONE ZERO PROGETTO PER UN MIGLIOR RISPARMIO DI CO2 La Scuola dell infanzia L. Scotti Presenta SCUOLE EMISSIONE ZERO PROGETTO PER UN MIGLIOR RISPARMIO DI CO2 REGINA MADRE TERRA Siamo partiti da un racconto dal titolo: REGINA MADRE TERRA Per sensibilizzare

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Storia Livello: A2 B1 I DINOSAURI Gruppo 11 Autori: Cabianca Maria Francesca, Ferrara Chiara, Santagiuliana Manuela, Slaviero Stefano. Destinatari:

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente.

Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente. Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente. Le piace molto stare in compagnia,le piace giocare con me con papà e con Alessandro anche

Dettagli